LE ENERGIE ALTERNATIVE IN RUSSIA. energiealternativeinrussia.blogspot.com

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ENERGIE ALTERNATIVE IN RUSSIA. energiealternativeinrussia.blogspot.com"

Transcript

1 LE ENERGIE ALTERNATIVE IN RUSSIA energiealternativeinrussia.blogspot.com Anno Accademico 2008/2009

2 Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Dipartimento di Scienze Economiche Aziendali e Finanziarie Corso di laurea in: Economia e Finanza Economia Aziendale Ricerca di Geografia Economica A.A. 2008/2009 Prof.ssa Rosa Tea Amato Energie alternative per la protezione dell ambiente Hanno partecipato alla ricerca: ACCOMANDO SANTA ALAIMO PATRIK ALBANESE ALESSIO ARCOLEO ROBERTA ARDIZZONE GIUSEPPE BADALAMENTI MARIA GRAZIA BARONE MARIALAURETANA CAPACI GIUSEPPE CARUSO MARIA ROSA CHIARAMONTE GIULIA CHIOFALO ANTONIA CROCIATA GABRIELE D ANGELO GIUSY DAVI MARIARITA DI LORENZO MARIO DI MAGGIO STEFANIA GENNARO MARIA ANTONINA GIRGENTI GIUSEPPE GIUDICE GIUSI LIPARI LUCA LUCCHESE ROBERTA MARBIOTTA DAMIANO MONTAGNINO ADRIANA SCIACCHITANO SAMUELE SPINUZZA MARIA ROSARIA

3 INDICE 1. La Russia Le risorse energetiche della Russia... // 2.1. Le fonti energetiche alternative L energia nucleare in Russia... // 3.1. Le centrali galleggianti... // 3.2. La capacità nucleare Il problema delle scorie radioattive... // I maggiori siti contaminati... // 4. L energia idroelettrica in Russia Gli impianti... // 5. I rifiuti e i biocarburanti L energia eolica in Russia... // 7. L energia solare in Russia... // 8. Le conclusioni... 6 Carta geografica della Russia: politica... 8 Foto satellitare della Russia... 9 Carta geografica della Russia: fisica... // Mappa delle centrali nucleari della Russia Sezione (esempio) di una centrale nucleare galleggiante... // Esposizione solare della Russia: mappa Tabelle Fonti bibliografiche Acronimi e sigle Il gruppo di studio sulle energie alternative in Russia... 15

4 1- La Russia 1 È lo Stato dell Europa nordorientale e dell Asia settentrionale. Con una superficie di km² (oltre un nono della superficie continentale della Terra). Da nord a sud il paese si estende per oltre km: dal confine meridionale, segnato dalla catena montuosa del Caucaso, alle isole artiche nel mare di Barents. Da est a ovest il territorio ha un estensione di circa km, dalla costa orientale del mar Baltico fino all isola di Grande Diomede, nello stretto di Bering. Le coste hanno uno sviluppo di km. La capitale è Mosca. La Russia confina a nord con il mare di Barents, il mare di Kara, il mare di Laptev, il mare della Siberia Orientale e il mar dei Čukči, che sono tutte sezioni del Mar Glaciale Artico; a est con l oceano Pacifico, lo stretto di Bering, che la separa dall Alaska, il mare di Bering, il mare di Ohotsk e il mar del Giappone; a sud-est con l estremità nordorientale della Corea del Nord; a sud con la Cina, la Mongolia, il Kazakistan, l Azerbaigian, la Georgia e il Mar Nero; a sud-ovest con l Ucraina; a ovest con la Bielorussia, la Lettonia, Lituania, l Estonia, il golfo di Finlandia, la Finlandia e la Norvegia. La Russia comprende inoltre, nel Mar Glaciale Artico, la Terra di Francesco Giuseppe e le isole di Novaja Zemlja, Vajgac, Severnaja Zemlja, Nuova Siberia e Wrangel; nell oceano Pacifico le isole Curili e la grande isola di Sahalin. La Russia è formata da una parte europea - la Russia vera e propria - estesa tra gli Urali e le depressioni che si trovano tra il Mar Nero e il mar Baltico, formate dal cosiddetto Bassopiano Sarmatico; e da una più vasta sezione asiatica, al di là degli Urali, comprendente il Bassopiano Siberiano, la Siberia centrale, che assume la forma di un altopiano, e infine l Estremo Oriente, composto da una serie di rilievi montuosi, tra cui quelli che danno origine alla prominente penisola della Kamčatka. Il territorio, nella sua parte settentrionale, mostra chiari i segni delle imponenti coltri di ghiaccio che l'hanno ricoperto durante i cosiddetti periodi glaciali. I materiali morenici coprono grandi estensioni, all'incirca fino alla latitudine di N 2 in molte zone il permafrost presente è un residuato quaternario, risultato comunque in equilibrio con il clima attuale. Anche nelle zone meridionali, non direttamente interessate dal glacialismo, si osservano vaste deposizioni di materiali di origine collegabile ai periodi glaciali; un valido esempio è rappresentato dal löss, un particolare tipo di sedimento terrigeno molto fine, che, originato dall'erosione glaciale e trasportato dal vento su grandissime distanze e altrettanto grandi estensioni, ha avuto un ruolo determinante, insieme con il particolare clima, a generare i fertilissimi suoli neri, i černozem, delle praterie della Russia meridionale. Nel luglio del 2008 la Russia aveva una popolazione di abitanti, costituita da una grande varietà di gruppi etnici, molti dei quali amministrano autonomamente i propri territori. La maggior parte degli abitanti si trova nella Russia europea, nel cosiddetto triangolo fertile situato lungo il confine occidentale tra il mar Baltico e il Mar Nero. Dopo la seconda guerra mondiale si sono avute importanti migrazioni verso est, in particolare verso la Siberia meridionale e la Russia estremo-orientale, incoraggiate dal governo sovietico. L'urbanesimo russo ha dei caratteri "giovanili", che lo avvicinano a quello dei paesi di recente colonizzazione come l'australia e il Nord-america: generalmente si hanno poche città piuttosto grandi, invece numerose sono le città di dimensioni minori come nell'europa e nelle zone più "antiche" dell'asia Le risorse energetiche della Russia La Russia è uno dei principali produttori mondiali di petrolio greggio, la maggior parte del quale viene estratto dai vasti giacimenti siberiani, è uno dei pochi paesi sviluppati che provvede autonomamente al proprio fabbisogno di risorse energetiche 4. Non solo è autosufficiente nella produzione di combustibile minerale, ma è anche in grado di esportarne ingenti quantitativi. Fino al 1955 il carbone era la principale fonte energetica, sostituito negli anni Settanta dal petrolio e 1 Enciclopedia Microsoft Encarta Istituto Geografico. De Agostini. Enciclopedia Geografica, Edizione Speciale per il Corriere della Sera, Volume VI, Milano, 2005, pag Redazioni Garzanti. Enciclopedia Geografica, prima edizione. Garzanti, Milano, pag Enciclopedia Encarta, op. cit. 1

5 dal gas naturale ricavati soprattutto dai giacimenti della Siberia occidentale e della fascia Volga- Urali Le fonti energetiche alternative Le fonti alternative di energia, che rappresentano il 9,5% dell energia prodotta in Russia, sono delle risorse primarie per la generazione di energia elettrica, così definite per distinguerle dalle fonti energetiche tradizionali (petrolio, carbone e gas naturale) su cui, fino a oggi, si è basata la produzione di elettricità. Per soddisfare l export e i consumi in forte crescita, il gigante russo punta quasi esclusivamente sulle energie fossili (oltre il 90 per cento della produzione annua) utilizzate sempre più in chiave di strumento politico ed economico come evidenziano le crisi con Ucraina e Bielorussia e il braccio di ferro con le compagnie straniere per controllare lo sfruttamento dei suoi giacimenti 5. L interesse per la ricerca di fonti alternative di energia è nato con la crisi petrolifera del 1973, che ha messo in evidenza la limitatezza delle riserve di combustibili fossili. Per ridurre il consumo di combustibili fossili, due sono le alternative possibili: l energia nucleare e le energie rinnovabili. Dopo l incidente di Černobyl, in molti paesi è stato sospeso o ridotto il funzionamento delle centrali nucleari, ritenute pericolose per la salute pubblica e per l ambiente. L attenzione dei Governi si è rivolta dunque verso fonti rinnovabili, ovvero quelle risorse le cui scorte sono illimitate, da sempre utilizzate dall uomo come forma di energia, mediante processi che non rischiano di provocare pesanti inconvenienti di contaminazione o pericolo per il genere umano o per l ambiente. Le maggiori fonti energetiche alternative presenti in Russia sono: 1. l energia nucleare 2. l energia idroelettrica 3. i rifiuti e i biocarburanti (biomasse) 4. l energia eolica 5. l energia solare 3 - L energia nucleare in Russia La prima centrale nucleare russa, è nata nel 1954 con reattori del tipo MVVE Obnisk. Da li cominciò la diffusione delle centrali nucleari nel paese. Già nel 1980 la Russia deteneva 25 reattori nucleari in funzione ma, dall incidente di Cernobyl la nazione fu afflitta da grandi problemi. Tra il 1986 e la metà del 1990 alla Russia è stata commissionata una sola centrale nucleare. Le riforme economiche varate in seguito al crollo dell unione sovietica hanno portato ad una carenza di fondi destinati al nucleare, in questo periodo la Russia conosce una fase di stallo. Verso la fine degli anni novanta si comincia a mobilitare questo settore. Intorno al 2000 vennero costruiti nuovi reattori come Volgodonsk. Tutto ciò ha notevolmente incrementato la fiducia nell industria nucleare russa. La Russia punta a rafforzarsi ancora di più in questo ambito con grandi progetti per il futuro Le centrali galleggianti 6 Già da anni, l ente nazionale russo per l energia nucleare (Rosenergoatom) persegue un obiettivo ambizioso: attrezzare grandi navi con reattori nucleari che possono fornire energia elettrica a regioni litorali altrimenti non facilmente accessibili Gli ingegneri russi possono contare sulle esperienze fatte con navi e sottomarini a trazione nucleare costruiti all epoca dell Unione Sovietica. L ente russo per l energia nucleare e il cantiere navale Sewmasch 7 il 15 giugno 2006 hanno firmato il contratto per la costruzione della prima centrale nucleare galleggiante. La costruzione ha avuto inizio nel 2007; l ultimazione è prevista per il 2010, secondo quanto ha comunicato il capo di Rosenergoatom Sergej Obosow. La centrale costerà 9,1 miliardi di rubli 8 e sarà ancorata 5 M. Sepa, in 6 Fonte: 7 Con sede a Sewerodwinsk. 8 Circa 267 milioni di Euro. 2

6 presso il cantiere navale della Sewmasch che utilizzerà l energia elettrica e il calore prodotti proprio dalla nuova centrale. Secondo le informazioni apparse sulla stampa russa, la nave sarà attrezzata con due reattori del tipo KLT-40S. Questi hanno una potenza relativamente modesta, solo circa un centesimo di quelli di una normale centrale nucleare. L energia prodotta dovrà servire non solo all approvvigionamento di calore e corrente elettrica, ma anche alla dissalazione dell acqua marina. Obosow ha detto che le centrali nucleari galleggianti sarebbero una soluzione ideale per molti luoghi, oltre al circolo polare. L 11 marzo scorso, un portavoce della presidenza della Repubblica russa ha annunciato a Ria- Novosti che altre quattro centrali galleggianti 9 dovrebbero entrare in attività tra il 2013 ed il 2015 in Iakutia 10 e che diversi ministri iakuti e il monopolista statale delle centrali nucleari, Rosenergoatom, hanno già avviato la redazione di passaporti energetici per i 4 siti che dovrebbero ospitare le centrali nucleari La capacità nucleare La Russia possiede 10 centrali con 31 reattori nucleari attivi 12 (gestiti dalla società statale Rosatom) così suddivisi: 4 di prima generazione del tipo VVER-440/230 2 di seconda generazione del tipo VVER-440/213 9 di terza generazione del tipo VVER del tipo RBMK i quattro più antichi sono stati commissionati nel del tipo BVVR costruiti nel 1970 situati nella Siberia orientale 1 del tipo BN-600 Solitamente i reattori hanno licenza di funzionamento per 30 anni. Tuttora diversi reattori sono in fase di costruzione Il problema delle scorie radioattive 13 All'inizio degli anni '90 la Duma 14 stabilì che la Russia non avrebbe importato scorie radioattive da altri Paesi. Gli Stati Uniti non hanno lesinato su aiuti economici e incontri al vertice per cercare di mettere al sicuro le enormi quantità di plutonio possedute dalla Russia. Ma i soldi americani non bastarono e il MINATOM 15 propose di accogliere i rifiuti radioattivi dall'estero in cambio di soldi; pertanto, il 21 dicembre 1999 la Duma ha ripristinato l'importazione di rifiuti dell'estero I maggiori siti contaminati Quando, dopo il successo americano di Hiroshima e Nagasaki, ebbe inizio il programma per la creazione di armi nucleari da parte di Stalin, plutonio e tritio furono prodotti in tre luoghi fortificati 16 ognuno dei quali ha impianti nucleari. Si tratta di Chelyabinsk-40 (nella provincia di Chelyabinsk, sul fianco orientale degli Urali del Sud), Tomsk-7 (in Siberia) e Dodonovo-27 (tra Dodonovo e Krasnoyarsk, sempre in Siberia). Il complesso nucleare di Chelyabinsk-40 si trova 15 km a est della città di Kyshtym, in un area di circa 90 km²; esso è meglio noto come Mayak 17. Mayak, operativo dal 1948 per la produzione di plutonio, è ancora oggi il centro per riprocessare le scorie atomiche provenienti dalle centrali nucleari, dai reattori di ricerca e dalla flotta atomica russa; tutta la sua area è stata definita come la zona più contaminata del pianeta. 9 Fonte: 10 Repubblica autonoma di Sakha, che occupa quasi tutta le Siberia orientale. 11 Fonte: 12 Fonte: 13 Fonte: 14 Camera bassa del Parlamento russo. 15 Ministry for Atomic Energy of the Russian Federation. 16 Città chiuse dove gli abitanti vivevano in relegazione forzata. 17 Termine che significa: Faro 3

7 La minaccia di una nuova catastrofe si è prospettata nel 2001, quando il MINATOM ha offerto la centrale di Mayak come luogo di scarico di scorie e rifiuti radioattivi provenienti da potenziali clienti come Germania, Gran Bretagna, Svizzera, Spagna, Giappone, Corea del Sud, Taiwan - con la prospettiva di ricevere 20 milioni di tonnellate di combustibile nucleare esaurito, per un totale di 20 miliardi di dollari. A fine maggio del 2002, questi piani per il trasporto, l immagazzinamento e il riprocessamento del combustibile nucleare esaurito provenienti da paesi stranieri sono stati respinti dal corpo regolatore della Russia per la sicurezza nucleare. Seversk è una città della Siberia, che sorge lungo il fiume Tom, 15 chilometri a Nordest di Tomsk. Conta abitanti. Fino al 1992 Seversk non esisteva. Non sulle carte geografiche, almeno. Era una delle città segrete dell'unione Sovietica. Classificata con una sigla, Tomsk-7. Il Sibkhimkombinat 18, collocato 15 chilometri a Ovest della città, era stato inaugurato nel I rifiuti solidi, per un totale di metri cubi, sono conservati in un bunker nel sottosuolo, in contenitori con pareti spesse 1,5 metri. Fino al 1982 i rifiuti liquidi venivano scaricati in due pozzi, B1 e B2, che coprono un'area di metri quadrati. 4 - L energia idroelettrica in Russia L'energia idroelettrica è quel tipo di energia che sfrutta la trasformazione dell'energia potenziale gravitazionale (posseduta da masse d'acqua in quota) in energia cinetica nel superamento di un dislivello, la quale energia cinetica viene trasformata, grazie ad un alternatore accoppiato ad una turbina, in energia elettrica. L'energia idroelettrica viene ricavata dal corso di fiumi e di laghi grazie alla creazione di dighe e di condotte forzate. I fiumi russi hanno avuto (e hanno tuttora) un'importanza enorme per la vita e lo sviluppo di questo paese. Gran parte delle città russe sorgono sui fiumi, e da questi traggono le loro ragioni principali di sviluppo. L'industrializzazione forzata degli anni dello stalinismo, ad esempio, si è potuta sviluppare anche grazie all'energia idroelettrica ottenuta con enormi sbarramenti sui maggiori fiumi 19 ; è tuttavia necessario puntualizzare che i maggiori fiumi russi scorrono in zone scarsamente popolate e dunque hanno un'importanza economica minore. Inoltre, i lunghi periodi di gelo che interessano l'intero territorio russo ne abbassano ancora di più l'utilizzabilità Gli impianti 20 La Russia ha 102 impianti idroelettrici in esercizio, con una capacità di oltre 100 MW. La capacità installata totale in unità di Turbogeneratore HPP ammonta a circa 45 milioni di kw, con una produzione dell'ordine di 150 miliardi di kwh / anno (5 posto nel mondo). Di tutti i tipi di centrali elettriche, le HPPs sono le più maneggevoli e in grado, se necessario, di aumentare notevolmente la loro produzione in pochi minuti, coprendo in tal modo i carichi di picco. In termini di risorse energetiche idroelettriche il potenziale economico della Russia raggiunge il secondo posto nel mondo (circa 852 miliardi di kwh, dopo la Cina). Ai fini di un ulteriore sviluppo della Russia e del potenziale idroelettrico del paese, che nel corso del 1990, in occasione del processo di riforma del settore elettrico russo ha subito una fase di stagnazione, nel dicembre 2004 viene istituita la Federal Hydrogeneration Company (JSC RusHydro). I compiti prioritari fissati per JSC RusHydro riguardano la progettazione e la costruzione di nuove centrali idroelettriche. Ad oggi, l'azienda RusHydro comprende 15 impianti idroelettrici; tra loro il più grande in Russia è Eurasia - Neporozhny Sayano-Shushenskaya 21 HPP (6400 MW), 8 stazioni nelle Cascate Volga 22 - Kama (con un capacità totale installata di oltre 8680 MW), una 18 Complesso chimico siberiano, dove sono ancor oggi i due reattori civili superstiti di quello che è stato il più grande complesso nucleare del mondo. 19 Ad esempio il Volga. 20 Fonte: 21 Il 75% di energia idroelettrica viene soddisfatto dalle risorse idriche concentrate in undici grandi centrali, fra cui Sayano-Shushenskaya che è la più grande del Paese. 22 ll Volga e l'angara costituiscono la principale risorsa idroelettrica della Russia, le cui centrali spesso sorgono lontane dai centri urbani e industriali. 4

8 centrale idroelettrica in Estremo Oriente la Zeiskaya HPP (1330 MW) e un certo numero di impianti nel Caucaso settentrionale. La seconda più grande centrale idroelettrica in termini di capacità installata è la Krasnoyarskaya HPP (6000 MW), controllata da società affiliate con JSC Rusal. L energia generata dall impianto viene utilizzata dalla fabbrica di alluminio di Krasnoyarsk. Due altri importanti HPPs russi - il Bratskaya (4500 MW) e la Ust-Ilimskaya (4320 MW) - appartengono alla JSC Irkutskenergo. 5 - I rifiuti e i biocarburanti I biocarburanti sono prodotti derivati dalla biomassa che, oltre a prestarsi per produrre calore e/o energia elettrica, possono essere usati per autotrazione, sia miscelati con i carburanti da combustibili fossili e sia, in alcuni casi, utilizzati puri. I rifiuti industriali (circa 1% del totale di energia prodotta) 23 e la legna sotto forma di combustibile sono le biomasse di gran lunga più importanti della Russia. 6 - L energia eolica in Russia Energia eolica sfrutta l'energia cinetica posseduta dai venti, ovvero dalle masse d'aria in movimento nell'atmosfera, essa viene comunemente utilizzata anche per indicare l'energia, elettrica o meccanica, che può venire prodotta da questa, dopo conversione mediante un apparecchio opportuno. Tale energia risulta dalla forza esercitata dal vento sulle pale di un'elica, montata su un albero rotante. L'energia eolica non produce inquinamento ma presenta lo svantaggio di poter essere sfruttata solo in località ventose, dove la velocità media dell'aria è almeno di 21 km/h (e per almeno un centinaio di giorni all'anno). L'energia eolica rappresenta in Russia una valida alternativa alle fonti non rinnovabili. Tale fonte è diventata l'energia rinnovabile meno costosa, abbassando negli ultimi 15 anni il suo costo di circa l'85% però, la tecnologia sinora elaborata non consente di creare stazioni eoliche in grado di fornire grandi quantitativi di energia, che secondo i dati dell Agenzia Internazionale dell Energia (IEA) offre lo 0,1% circa del totale di energia prodotta. Attualmente, il 37% delle risorse eoliche disponibili si trova nella Russia europea, mentre il restante 63% è localizzato in Siberia e nel Far Est. 7 - L energia solare in Russia 24 Energia raggiante prodotta dal Sole per effetto di reazioni nucleari è trasmessa alla Terra sotto forma di radiazione elettromagnetica. L energia solare rende possibile anche lo sfruttamento dell energia termica oceanica, che utilizza la differenza di temperatura dell acqua. La luce del Sole, oltre alla sua conversione diretta in elettricità per mezzo delle celle fotovoltaiche, può essere adoperata per produrre vapore, che può successivamente servire a far girare una turbina e generare energia elettrica. La natura intermittente della radiazione solare nell arco del giorno e dell anno rende indispensabile l uso di dispositivi di accumulazione dell energia prodotta in esubero durante le ore o i periodi favorevoli, in modo che essa possa essere resa disponibile, ad esempio, durante la notte. Per sfruttare la radiazione solare si ricorre ad impianti costituiti da pannelli solari, o collettori solari. L energia così ottenuta può essere usata sotto forma di calore per riscaldare un gas o un fluido, oppure può essere convertita direttamente in elettricità sfruttando l effetto fotovoltaico e le proprietà fisiche di particolari materiali 25. L'energia derivante dall'irraggiamento del sole al suolo costituisce un serbatoio immenso di energia pulita, rinnovabile e a costo zero come materia prima, ma non tutta la superficie terrestre risulta omogeneamente irraggiata, per cui questa fonte può essere sfruttata solo entro una fascia ristretta, corrispondente alle regioni comprese tra il 45 di latitudine nord e sud. 23 Fonte: 24 Fonte: 25 Enciclopedia Encarta, op. cit. 5

9 In Russia la radiazione solare dipende in gran parte dalla latitudine, vale a dire che è più forte all'equatore e diminuisce verso i poli. La Russia è situata tra 41 e 82 gradi nord di latitudine e i livelli di radiazione solare variano notevolmente. Secondo le stime russe, la media della radiazione solare nelle zone settentrionali è 810 kwh/m² per anno, mentre nelle regioni meridionali è più di 1400 kwh/m² per anno. Il potenziale dell'energia solare è più grande nel sud-ovest 26, nel sud della Siberia e dell'estremo Oriente. Le regioni con buone risorse solari includono il sud-ovest e altre regioni del sud-est ed alcune parti dell'europa occidentale e orientale; in Siberia e in Estremo Oriente, la radiazione solare annua è 1300 kw/m². Secondo i dati dell IEA, anche tale fonte energetica, contribuisce meno dello 0,1% alla produzione di energia in Russia. 8 - Le conclusioni Prima al mondo per riserve di metano, la Russia trae da questa fonte oltre la metà (54%) del suo fabbisogno energetico; il resto deriva da petrolio (20%), carbone (16,5%) e nucleare (6%), mentre le rinnovabili non superano il 3,5% del totale. Più precisamente secondo i dati dell IEA 27, dei 641 mila Ktoe consumati ogni anno in Russia ben 346 mila derivano dal gas, 128 mila dal petrolio, 106 mila dal carbone. Il nucleare fornisce 38 mila Ktoe, l idroelettrico 15 mila Ktoe, i rifiuti 7 mila Ktoe, l eolico, geotermia, solare etc. insieme, non superano i Ktoe. In realtà, le fonti rinnovabili 28 ricoprono un ruolo di primo piano nella produzione di energia elettrica ma esclusivamente per lo sfruttamento delle risorse idriche dalle quali viene tratto il 2,3% dell energia elettrica consumata nel paese, pari a circa GWh. A distanza di anni luce la produzione elettrica delle altre fonti alternative: GWh dai rifiuti industriali, 400 GWh dalla geotermia, 40 GWh dalle biomasse, mentre quasi nullo è l apporto dell eolico, del solare termico, del fotovoltaico e del biogas 29. Eppure le potenzialità di sviluppo e di utilizzo del sole, del vento, del calore della terra, così come delle biomasse e della forza delle maree, sono immense 30 e, secondo le stime di alcuni economisti russi, in uno scenario ipotetico, potrebbero coprire un terzo dei consumi nazionali, ovvero secondo le stime dell IEA, 270 milioni di tonnellate di carbone equivalenti (Mtce) su un fabbisogno complessivo di 875 Mtce. Si tratta di valutazioni forse ottimistiche, ma è indubbio che in passato queste risorse siano state sfruttate: difatti, la prima turbina eolica di taglia media è stata costruita proprio in Russia nella metà del secolo scorso e subito dopo la seconda guerra mondiale si contavano ben 7 mila impianti di piccolo idroelettrico Caucaso del Nord, il Mar Nero e le regioni del Mar Caspio. 27 Fonte: 28 Si prestano particolarmente alla realizzazione di impianti di piccole dimensioni, che potranno sostituire le grandi centrali attuali, ma soprattutto essere vantaggiosamente installati in regioni lontane dai grossi agglomerati industriali o sulle isole, che notoriamente soffrono di problemi di approvvigionamento di energia elettrica. Il lato negativo di tali risorse è che si tratta di fonti di energia discontinua e diffusa, che richiede un notevole impegno tecnologico, e di conseguenza economico, per rendere efficiente e conveniente la conversione in energia elettrica (Fonte: Enciclopedia Encarta, op. cit.). 29 Fonte: 30 Il 21 gennaio 2009 Vladimir Putin ha firmato le linee guida che dovrebbero innalzare, di circa un punto percentuale, la quota di energia prodotta attraverso fonti ecologiche (l eolico, il fotovoltaico, il solare termico e l idroelettrico) fino a 25 MW. L obiettivo stabilito, appena il 4,5 per cento al 2020, dimostra però che Mosca avverte con meno urgenza il bisogno di liberarsi dalla dipendenza delle fonti fossili, rispetto ad esempio all Europa che per la stessa data ha fissato il 20 per cento, anche in considerazione dei grattacapi che le dà proprio il gas russo. Il piano approvato da Putin prevede investimenti pubblici in infrastrutture e ricerca e il supporto dello stato per agevolare la crescita del settore. Portare la quota russa di rinnovabili al 4,5 per cento significherà realizzare almeno 22 mila MW, pari a circa 22 reattori nucleari (fonte: deamaltea.wordpress.com). 31 Fonti: 6

10 In seguito, come sottolinea il giornalista scientifico Sergio Ferraris 32, esperto di tematiche energetiche e ambientali, queste esperienze sono state seppellite sotto la gestione centralizzata dell'economia, imposta da Stalin e dal primato dell'industria pesante, al quale corrispondeva un'industria energetica altrettanto pesante. Dopo il crollo dell Impero sovietico, l obiettivo di fare del Paese un grande esportatore di petrolio e di gas e il peso ancora scarso delle tematiche ambientali hanno confinato in un ruolo marginale le risorse rinnovabili, tanto più che il loro sfruttamento avrebbe richiesto ingenti investimenti e un adeguato know how tecnologico. Oggi, però, lo scenario sta cambiando. I progressi sul fronte delle nuove tecnologie 33, le crescenti ricchezze accumulate in questi anni con la vendita di idrocarburi e la decisione di Mosca di aderire al Protocollo di Kyoto 34 (ratificato nel 2004), mettono le premesse per rivitalizzare questo settore e rilanciarne lo sviluppo. A cominciare da un più intensivo utilizzo delle foreste e dei fiumi di cui il Paese è ricchissimo. Le foreste russe sono un quinto di quelle dell intero Pianeta, coprono il 40% della superficie del Paese e hanno una potenzialità di taglio stimabile in 542 milioni di metri cubi l anno. L oro verde potrebbe essere un efficace alternativa all oro nero, se sfruttato per fornire rifiuti lignei e produrre energia da biomassa; insieme all agricoltura questo settore potrebbe fornire circa il 6 % del totale dell energia consumata in tutta la Russia 35. La Russia è il secondo Paese al mondo per capacità idrica subito dopo il Brasile. Attualmente il Governo di Mosca ha incaricato la HydroOGK al fine di sviluppare le proprie fonti energetiche rinnovabili, includendo progetti che sfruttino l energia fluviale e delle maree. Un potenziale che riguarda sia gli impianti di grandi dimensioni, sia quelli di piccola taglia adatti per la fornitura elettrica a comunità locali che ora sono allacciate a reti obsolete o che non sono affatto collegate. Un contributo significativo potrebbe venire anche dall eolico, se venisse sfruttata la forza del vento nelle aree costiere del Pacifico, dell'artico, del Mar Caspio e del Baltico. Per quanto riguarda il solare le prospettive più favorevoli si riferiscono al sud-ovest del Paese, alla Siberia meridionale e al Far Est: in Russia l'insolazione media varia dai kwh/m² l anno delle zone del sud, agli 810 kwh/m² l'anno delle aree del nord. Nella penisola della Kamchatka e nelle isole Kuril sono invece concentrati oltre 150 gruppi di sorgenti termiche 36 e di sistemi idrotermici che potrebbero fornire fra i 380 e i 550 MW geotermici. 32 S. Ferraris, in 33 In una recente dichiarazione all inglese Indipedent, l onorevole russo Mikhail Prokhorov, ha spiegato che è l'idrogeno la più efficiente opzione tecnologica ora disponibile. Troppo spesso e ancora oggi le fonti di energia alternativa, come l'energia eolica o l'energia solare, falliscono due test fondamentali: essere in grado di cancellare definitivamente il petrolio e gestire i picchi energetici di consumo. Oltre che investire nei settori più tradizionali come le alte tecnologie, la nostra intenzione è quella di investire seriamente e considerevolmente nella tecnologia a idrogeno. Un interessante vantaggio dell energia prodotta con l idrogeno è quello di poter gestire i picchi di consumo semplicemente aumentandone la produzione e tutto questo grazie alle nuove nanotecnologie.... abbiamo fatto un grosso errore nel passato - spiega l on. Prokhorov - di aver investito troppo nel nucleare, ora dobbiamo colmare il tempo perso (Mark Leftly, in 34 Prevede, a fianco degli obblighi dei vincoli, anche meccanismi di mercato (esempio, la Borsa dei fumi che è il luogo in cui si scambiano i diritti di emissione). In particolare l Emission Trading assegna a ogni Paese e a ogni azienda dei settori a maggiore emissione di CO2 (aziende elettriche, raffinerie etc.) un tetto massimo di emissioni. Chi produce più CO2 rispetto al limite assegnato ha tre soluzioni: ridurre la produzione, cambiare tecnologia produttiva oppure acquistare sul mercato i diritti di emissione. I diritti possono essere generati realizzando (anche all estero) un beneficio ambientale (Fonte: 35 Fonti: e 36 Si tratta di sorgenti con temperature che oscillano tra i 50 C e i 200 a profondità comprese tra i 200 e i 3 mila metri. 7

11 Carta geografica della Russia: politica Nome in lingua locale: Russija Rossijskaja Federacija Moneta: Rublo Forma istituzionale: Repubblica federale Capitale: Mosca Superficie (Km²): (parte europea 24,82%, parte asiatica 75,18%) Popolazione (luglio 2008): Tasso medio* di crescita: - 0,54% Densità: 8,3 ab. per Km² PIL 2008: $ Tasso medio* di crescita PIL: 9,28% PIL procapite (in $): Tasso di inflazione 2008: 11,90% Tasso medio* di inflazione: 11,92% Tasso di disoccupazione 2008: 5,90% Tasso medio* di disoccupazione: 7,38% Fusi orari: 9 Fuso orario rispetto all Italia: + 2 Mosca Lingue utilizzate: Russo (uff.) Ucraino, Bielorusso, Uzbeko, Armeno, Georgiano, altre Gruppi etnici: Russi 81,5%; Tatari 3,8%; Ucraini 3%; Ciuvasci 1,2%; Baschiri 1%; Russi Bianchi 0,8%; Mordvini 0,7%; Ceceni 0,6%; Tedeschi 0,5%; Udmurti 0,5% * * * Ultimi 5 anni. Dati: Servizio Federale di Statistica; R. Rais, in

12 Foto satellitare della Russia Carta geografica della Russia: fisica 9

13 Nella mappa che segue, vengono indicati i siti ove sono istallate le 10 centrali nucleari russe oltre quelli che ospitano i liquidi radioattivi (totale stimato di 40 milioni di TBq; solo per fare un paragone, l'intero ammontare dei rifiuti radioattivi in Italia non supera i metri cubi) Fonte: Sezione (esempio), di una centrale nucleare galleggiante russa Fonte: 10

14 11 Esposizione solare della Russia Fonte: progettonuovaenergia.blogspot.com

15 Reattore Di seguito vengono riportati alcuni dati relativi ai reattori nucleari istallati in Russia Fonte: Tipo + + digitare V = PWR MWe netti, ogni Commerciale funzionamento Programmato chiudere Balakovo 1-2 V / 86, 1 / , 2017 Balakovo 3-4 V / 89, 12/ , 2023 Beloyarsk 3 BN600 FBR / Bilibino 1-4 LWGR EGP /74-1/ , 09, 11, 12 Kalinin 1-2 V / 85, 3 / , 2016 Kalinin 3 V / Kola 1-2 V /73, 2 / , 2019 Kola 3-4 V /82, 12/ , 2014 Kursk 1-2 RBMK /77, 8 / , 2024 Kursk 3-4 RBMK / 84, 2 / , 2015 Leningrado 1-2 RBMK /74, 2 / , 2022 Leningrado 3-4 RBMK / 80, 8 / , 2011, 20 an Novovoronezh 3-4 V / 72, 3 / , 2017 Novovoronezh 5 V / Smolensk 1-3 RBMK / 83, 7 / 85, 1 / , 2020 Volgodonsk 1 V / Nella tabella qui sotto si offrono i confronti in termini di radioattività rilasciata durante alcuni disastri Fonte: 1 TBq = 1 TeraBequerel corrisponde a Curie (Ci) Mayak: rilascio totale di radionuclidi nel lago Karachai TBq Attività della bomba su Hiroshima dopo 12 ore dall esplosione TBq Presente attività del lago Karachai TBq Incidente di Chernobil del TBq Incidente di Mayak del TBq Scarico di sostanze radioattive nel fiume Techa TBq Polvere radioattiva sparsa dal lago Karachai nel TBq Alcune delle più importanti centrali idroelettriche in Russia Fonte: NOME CAPACITÀ IN MW NOME CAPACITÀ IN MW Boguchan HS 3000 (thrown const08) Pavlovskaya HS 166 Bratsk HS 4500 Rybinsk HS 346 (506 proj08) Bureya HS 2010 (1675 fact08) Serebryanskaya-1 HS 205 Cheboksary HS 1404 (800 fact08) Serebryanskaya-2 HS 150 Chirkeiskaya HS 1000 Saratov HS 1360 Gotsatlinskaya HS 100 (u-const.08) Sayano Shushenskaya HS 6400 Irganaiskaya HS 800 (400 fact'08) Tsimlyansk HS 209 Irkutsk HS 662 Uglich HS 110 (130 proj.07) Kama HS 501 (552 proj.08) Ust Ilimskaya HS 4320 Knyazhegubskaya HS 160 Ust Khantaiskaya HS 441 Kolyma HS 900 Ust Srednekanskaya HS 550 (u-const.08) Krapivinskaya HS 300 (thrown constr.08) Verhne-Tulomskaya HS 268 Krasnoyarsk HS 6000 Verhne-Teriberskaya HS 130 Krivoporozhskaya HS 180 Verhne-Svirskaya HS 160 Kuban-2 HS 184 Viluy HS 648 Kureiskaya HS 600 Viluy-2 HS 340 Mamakan HS 100 Viluy-3 HS 360 (270 fact08) Maynskaya HS 321 Volga HS 2541 Miatlinskaya HS 220 Votkinskaya HS 1020 Narva HS 125 Zagorsk PSP 1200/1320 Niva-3 HS 156 Zaramag-1 HS 342 (u-const.08) Nizhne-Kureiskaya HS 150 Zelenchugskaya HS 160 Nizhne-Kamskaya HS 1248 (450 fact08) Zeya HS 1300 Nizhny Novgorod HS 520 Zhiguli HS 2315 Novosibirsk HS

16 Fonti bibliografiche Autori S. Ferraris, in M. Leftly, in R. Rais, in M. Sepa, in Enciclopedie Istituto Geografico. De Agostini. Enciclopedia Geografica, Edizione Speciale per il Corriere della Sera, Volume VI, Milano, 2005 Redazioni Garzanti. Enciclopedia Geografica, prima edizione. Garzanti, Milano, 1995 Enciclopedia Microsoft Encarta 2008 Riviste telematiche Siti istituzionali Altre fonti Guide telematiche Altri siti web 13

17 Acronimi e sigle Enti istituzionali della Russia DUMA: Camera bassa del Parlamento russo MINATOM: Ministry for Atomic Energy of the Russian Federation (Ministero per l Energia Atomica della Federazione russa) ROSENERGOATOM: Ente Nazionale Russo per l Energia Nucleare Enti internazionali IEA: Agenzia Internazionale Energia Unità di misure GWH: Gigawatt/ora KWH: Kilowatt*/ora 1 MTCE: Metric Tons Carbon Equivalent (tonnellate metriche il carbone equivalente) MW: Megawatt Strumenti HPP: High Pressure Pomps (pompe di alta pressione) * 1 Kw = 1000 watt 14

18 Il gruppo di studio sulle energie alternative in Russia Settore per l energia nucleare Referente: Giuseppe Capaci Giuseppe Ardizzone Gabriele Crociata Damiano Margiotta Samuele Sciacchitano Settore per l energia solare ed idrogeno Referente: Giusi Giudice Patrik Alaimo Alessio Albanese Roberta Arcoleo Maria Rosa Caruso Giuseppe Girgenti Luca Lipari Settore per l energia idroelettrica, geotermica e termicaoceanica Referente: Antonia Chiofalo Santa Accomando Maria Grazia Badalamenti Giulia Chiaramonte Mariarita Davì Stefania Di Maggio Roberta Lucchese Settore per l energia eolica, bioenergie, geografia russa Referente: Dott.ssa Maria Antonina Gennaro Marialauretana Barone Dott. Mario Di Lorenzo Giusy D'Angelo Adriana Montagnino Sara Spinuzza Raccolta ed elaborazione dati Dott. Mario Di Lorenzo Prof.ssa Rosa Tea Amato

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l ambiente www. educarsialfuturo.it it Cassano delle Murge 10 marzo 2008 Liceo Leonardo Educarsi al futuro Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

8. Gli incidenti nucleari negli ultimi 50 anni

8. Gli incidenti nucleari negli ultimi 50 anni guerre sarebbe lo stesso 32. Alla luce di questi dati, per scongiurare il rischio di attacchi terroristici l unica strada possibile appare il disarmo totale. Ma il terrorismo non è l unico pericolo legato

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

IL PROBLEMA ENERGETICO 1

IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Bologna, 17/02/09 IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Giorgio Giacomelli Dipartimento di Fisica dell Università di Bologna e Sezione INFN di Bologna Riassunto Viene presentato un breve quadro generale della situazione

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia

Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia Alessandro Clerici Presidente Onorario WEC Italia Delegato ANIE 1 CONTENUTO Survey of energy resources del WEC Nucleare: il caso Finlandia Il costo dell

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia

Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia Alessandro Clerici 1 Link to the relevant page on the WEC website http://www.worldenergy.org/wecgeis/publications/default/launches/ser04/ser04.asp?mode=print&x=5&y=19

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia di Fabio Orecchini L adozione diffusa dell idrogeno come vettore energetico di larghissimo utilizzo mostra tutto il suo interesse nel

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA PER NOI Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA per NOI Capire l Energia p. 4 le Forme p. 8 un po di Storia p. 12 le Fonti p. 16 Nord - Sud p. 20 Misurare l Energia

Dettagli