NORME DOGANALI PER LE PERSONE FISICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME DOGANALI PER LE PERSONE FISICHE"

Transcript

1 NORME DOGANALI PER LE PERSONE FISICHE Le informazioni si basano sulla legislazione doganale vigente con il promemoria in uso per i passeggeri dei voli internazionali che passano il confine doganale dell unione doganale (lettera del Servizio Federale delle dogane della Russia del N 16-26/55640), Avviso per i passeggeri dei treni del traffico internazionale che passano per il confine doganale dell'unione doganale, e l Avviso per le persone fisiche che passano la frontiera doganale dell unione doganale sui veicoli stradali (lettera Servizio Federale delle dogane della Russia del N 04-30/34327). L'ordine di circolazione delle merci per uso personale è regolato in base alle disposizioni del capitolo 49 del codice doganale dell unione doganale (CD dell UD) Accordo del 18 giugno 2010 "sull ordine di circolazione delle merci di privati per uso personale attraverso la dogana di confine dell Unione doganale e operazioni doganali connesse con la loro emissione". La disponibilità di mezzi monetari e (o) strumenti monetari delle persone fisiche attraverso la frontiera doganale dell unione doganale è regolata dal Trattato "Sull ordine di circolazione degli strumenti monetari delle persone fisiche e (o) strumenti monetari oltre il confine doganale dell unione doganale", 5 luglio Prendere conoscenza più in particolare con le norme doganali è possibile sul sito ufficiale della Commissione dell unione doganale (www.tsouz.ru). In caso di eventuali modifiche nei regolamenti dal momento della pubblicazione di questo opuscolo, vi informeremo immediatamente di questi cambiamenti sul sito web della compagnia "CASTO" (www.castospb.ru o касто.рф). INFORMAZIONI GENERALI Allo stato attuale, la Federazione Russa è un paese membro dell Unione doganale (UD), un unico territorio doganale costituito dalla Repubblica di Bielorussia, Kazakistan e la Federazione Russa. I confini del territorio unico doganale UD sono la frontiera doganale dell'unione doganale. La circolazione delle merci attraverso il confine doganale dell'unione doganale è regolata dalla normativa doganale della UD. Le leggi doganali dell unione doganale determinano i seguenti concetti. La merce è un bene mobile, trasportata attraverso il confine doganale, compresi i veicoli informativi, la moneta nazionale i membri dell Unione doganale, titoli e (o) beni valutari, travellers cheques, ecc. I beni per uso personale sono beni destinati alla persona, famiglia, e altri non connessi all attività imprenditoriale, i beni delle persone fisiche transitano attraverso il confine doganale insieme ai bagagli o in altro modo. I bagagli al seguito sono beni per uso personale, compresi i bagagli a mano, trasportati direttamente dalla persona fisica che attraversa la frontiera doganale. I bagagli non al seguito sono beni per uso personale, di proprietà di una persona fisica, trasferiti o dati al vettore in virtù di un contratto di trasporto internazionale (spedizioni) per l attraverso di fatto del confine doganale in relazione all'ingresso di quella persona sul territorio dell'unione doganale o la sua partenza dal territorio doganale della UD. I beni indivisibili per uso personale sono beni per uso personale, del peso di oltre 35 kg, costituiti da una unità o di una serie di prodotti, trasportati smontati, non montati, incompleti o non finiti, a condizione che il prodotto possiede le proprietà di bene assemblato, completo o di un prodotto finito. Veicoli per uso personale: auto, mezzo a motore, rimorchio, nave o aeromobile insieme ai pezzi di ricambio per esso e le sue forniture abituali e attrezzature, insieme ai comuni serbatoi di carburanti e lubrificanti di proprietà o posseduti da una persona fisica che trasporta questi veicoli attraverso il confine doganale esclusivamente per fini personali e non per il trasporto di persone dietro compenso o prodotti industriali o commerciali dietro compenso o gratuitamente. I beni per uso personale possono transitare attraverso il confine doganale UD con o senza bagagli al seguito, in qualità di beni consegnati dal vettore, così come la posta internazionale. Le operazioni doganali in materia di beni per uso personale sono effettuate secondo i bisogni di transito nei luoghi di arrivo nel territorio doganale o di partenza dal territorio o all autorità doganale dello Stato membro dell unione doganale nel cui territorio risiede la persona fisica in modo permanente (o temporaneo) con diritto di agire come dichiarante di tali beni. SISTEMA DEL DOPPIO CORRIDOIO Nei luoghi di arrivo nel territorio doganale o partenza dal territorio ai fini della dichiarazione doganale di beni per uso personale può essere applicato il sistema del doppio Corridoio. Esso prevede una scelta autonoma della persona fisica che attraversa il confine doganale, la dichiarazione doganale per iscritto degli oggetti per uso personale e il corridoio corrispondente ("verde" o "rosso") per l espletamento delle operazioni doganali. 1

2 Il corridoio "verde" è particolarmente indicato nei luoghi di arrivo o di partenza per il transito delle persone attraverso il confine doganale insieme ai beni per uso personale, non soggetti a dichiarazione doganale, in caso di assenza di bagagli non accompagnati da tali persone. Il corridoio rosso è un corridoio appositamente designato nei luoghi di arrivo o di partenza di un luogo progettato per il transito delle persone attraverso il confine doganale insieme ai bagagli soggetti a dichiarazione doganale e anche prodotti per i quali la dichiarazione è fatta su richiesta della persona fisica. DICHIARAZIONE SCRITTA Per l attraversamento della frontiera doganale dell'unione doganale, deve essere compilata la dichiarazione in dogana (si compila la dichiarazione doganale dei passeggeri): 1) per le merci importate, il cui valore in dogana supera i euro equivalenti, e (o) il peso totale superiore a 50 kg; 2) per mezzi monetari in contanti importati ed esportati (banconote, tesoreria, monete, con l'eccezione delle monete di metallo prezioso), e (o) assegni per un totale dell equivalente di oltre dollari USD; 3) per strumenti finanziari importati ed esportati (cambiali, assegni, titoli); 4) per metalli preziosi: importati temporaneamente, esportati (ad esclusione dei gioielli temporaneamente esportati); 5) per i gioielli: temporaneamente importati, esportati smeraldi, rubini, zaffiri, alessandrite, perle naturali in forma grezza (naturale) ed elaborate, uniche formazioni di ambra; 6) per i valori culturali; 7) per premi di stato esportati dalla Federazione Russa; 8) per gli animali e le piante che sono specie minacciate, dalle loro parti, così come i prodotti derivanti; 9) per armi e munizioni; 10) per bevande alcoliche importate in eccesso di 3 litri; 11) per stupefacenti e sostanze psicotrope come droghe per ragioni mediche in presenza di documentazione pertinente; 12) per mezzi di radio-elettronica e (o) dispositivi civili ad alta frequenza, compresi quelli incorporati o inclusi con altre merci; 13) per i mezzi tecnici che hanno la funzione di crittografia; 14) per i beni per uso personale, ricevuti in eredità, a condizione che ci siano prove documentate di tali beni in eredità; 15) per i beni per uso personale, importati nei bagagli al seguito, se la persona trasportante ha dei bagagli non al seguito; 16) per i veicoli per l uso personale fatta eccezione per i veicoli per uso personale, registrati nello Stato membri dell Unione doganale che temporaneamente esportano dal territorio doganale dell'unione doganale e reimportano in tale territorio; 17) per altri beni determinati dalla normativa doganale dell'unione doganale. Una persona fisica può, a sua richiesta dichiarare per iscritto merci non soggette a dichiarazione doganale per iscritto. Il dichiarante transitante attraverso il confine doganale con merci può agire come persona giuridica membro dell'unione doganale, così come i cittadini stranieri. La dichiarazione in dogana delle merci per l uso personale della persona fisica che non ha raggiunto l età di 16 anni, è espletata dalla persona, il suo tutore (un genitore, un genitore adottivo, tutore o curatore di quella persona, e in caso di viaggio organizzato (ingresso) di un gruppo di minori, dal responsabile del gruppo). La mancata presentazione della dichiarazione in dogana per le merci di cui sopra è considerata come una dichiarazione che il singolo soggetto non è in possesso di beni soggetti a dichiarazione doganale. Il rilevamento, in seguito a un controllo doganale selettivo, delle merci soggette a dichiarazione doganale, comporta al passeggero una responsabilità penale in conformità con le leggi dello Stato membro dell'unione doganale. L avviso nella dichiarazione doganale dei passeggeri di informazioni false è punito secondo le leggi dello Stato, membro dell'unione doganale. PRESENTAZIONE DEI DOCUMENTI La presentazione della dichiarazione doganale dei passeggeri deve essere accompagnata alle autorità doganali da documenti che confermano i dati dichiarati in essa. Questi documenti sono: 1) il documento di identità (inclusi i minori); 2) il documento di adozione, tutela o affidamento di un minore; 2

3 3) la documentazione attestante il valore dichiarato dei beni per uso personale 4) i documenti di trasporto (spedizione); 5) documentazione attestante il diritto di benefici sul pagamento dei dazi doganali, compresi la conferma dell'importazione temporanea (export) dei singoli elementi per uso personale, oltre a confermare lo status di rifugiato per persone fisiche, costretti allo spostamento o trasferite nella residenza permanente; 6) la documentazione attestante il rispetto delle restrizioni, tranne che per regolamenti non tariffari e tecnici; 7) i documenti contenenti le informazioni necessarie per identificare il veicolo per uso personale; 8) i documenti attestanti la proprietà, uso e (o) la disponibilità dei veicoli per uso personale; 9) altri documenti e informazioni in conformità alla legislazione doganale dell'unione doganale. In assenza delle merci soggette a dichiarazione doganale, i documenti di cui sopra sono presentati a richiesta del doganiere. IL BAGAGLIO AL SEGUITO E NON, È ESENTE DA DOGANA Nel territorio doganale dell'unione doganale in esenzione dai dazi doganali si possono importare beni per uso personale: 1) per un valore in dogana non superiore a euro (per le merci trasportate per via aerea il valore doganale che non superano i euro), pari a (o) il cui peso totale non superi i 50 kg; 2) bevande alcoliche e birra non più di 3 litri per una persona fisica oltre i 18 anni di età; 3) tabacco e prodotti affini: 200 sigarette o 50 sigari (sigari) o 250 grammi di tabacco o prodotti indicati assortiti con un peso complessivo di non più di 250 g per una persona di età superiore ai 18 anni; 4) beni usati importati da rifugiati, costretti all immigrazione, così come un veicolo e un rimorchio di proprietà di tali persone; 5) beni ricevuti in eredità, così come un veicolo e un rimorchio, in condizione di prove documentali di ricevimento di tali beni, auto e rimorchio in eredità; 6) beni importati da funzionari diplomatici, impiegati, personale amministrativo e tecnico della rappresentanza diplomatica o consolare e loro familiari; 7) beni importati da privati, trasferiti a lavorare negli organi statali in uno stato straniero, che rimangono al di fuori del territorio doganale dell'unione doganale per una durata non inferiore a 11 mesi (soggetti a prove documentali); 8) beni importati da persone temporaneamente residenti all estero per almeno 1 anno (soggetti a prove documentali), il cui valore in dogana non superi l equivalente di euro (per le merci trasportate per via aerea, il cui valore doganale non superi un importo pari a euro ); 9) beni reimportati nel territorio doganale dell'unione doganale in condizioni ininalterabili, previa conferma della loro esportazione da parte dell'unione doganale; 10) i valori culturali, a condizione della loro conformità con le leggi dell Unione doganale; 11) l urna con le ceneri (ceneri), le bare con i corpi (resti) dei morti; 12) veicoli per uso personale temporaneamente importati dalle persone fisiche di Stati, membri dell'unione doganale, registrati nel paese straniero per un periodo non superiore a 6 mesi, previo pagamento dei dazi doganali, tasse; 13) importazione di veicoli per uso personale temporanea da parte di persone fisiche straniere, registrati nel paese straniero, per la durata del suo soggiorno temporaneo nel territorio dell'unione doganale, ma non più di 1 anno; 14) beni usati importati temporaneamente da parte di persone fisiche straniere nel territorio doganale dell'unione doganale: - gioielleria (nella quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - articoli per l'igiene personale (in una quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - fotocamere, videocamere, macchine fotografiche (non più di una unità) e accessori (per un importo necessario per l'utilizzo durante un soggiorno temporaneo); - proiettori portatili, proiettori per diapositive (non più di una unità) e accessori (per un importo necessario per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - videoregistratori portatili (non più di una unità); - registrazione portatile e apparecchi di riproduzione (tra cui i registratori), DVD-player (non più di una unità) e accessori (per un importo necessario per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - giradischi (non più di una unità) e grammofoni (nella quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - supporti di registrazione audio, senza e con registrazione (per una quantità necessaria per l utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - radio portatili, lettori flash (non più di una unità) e accessori (per un importo necessario per l utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - TV con diagonale dello schermo non superiore a 42 cm (non più di una unità); 3

4 - macchine da scrivere portatili (non più di una unità); - binocolo (non più di una unità); - telefoni cellulari (fino ad un massimo di due unità); - PC portatile (notebook) (non più di una unità) e accessori (per un importo necessario per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - strumenti musicali portatili (nella quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - passeggini (in una quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - seggiolino per bambini fissato sul sedile dell auto (nella quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - sedie a rotelle per disabili (nella quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - attrezzature e accessori per lo sport, il turismo e la caccia, palloncini (nella quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - dializzatori portatili e relativi dispositivi medici, così come i materiali di consumo (nella quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo); - animali domestici, compresi quelli destinati alla caccia, lo sport (nella quantità necessaria per l'utilizzo durante il soggiorno temporaneo). Se la merce è consegnata dal vettore a una persona fisica, o inviata per posta internazionale, l'importazione per uso personale è esente da dogana (con l eccezione di alcol etilico, bevande alcoliche, birra e beni indivisibili) importata (inviata) entro il mese di calendario all indirizzo del destinatario, e il valore in dogana non supera l equivalente di euro, e il peso non superiore ai 31 kg. VERSAMENTO DOGANALE PER L IMPORTAZIONE Quando le merci sono importate per uso personale da parte di persone fisiche nel territorio doganale dell'unione doganale, si applicano le seguenti tariffe doganali: 1) un aliquota fissa del 30% del valore doganale dei beni, ma non meno di 4 euro per 1 kg di peso, nelle parti eccedenti il costo di euro (per merci trasportate per via aerea nelle parti eccedenti il costo di euro ) nell equivalente e (o) di 50 kg di peso nel caso di importazione di beni per uso personale, il cui valore in dogana supera l equivalente di euro (per merci trasportate per via aerea il cui valore in dogana superi i euro), e (o) del peso superiore a 50 kg; 2) i pagamenti doganali totali nel caso d importazione di beni indivisibili per uso personale; 3) un aliquota unica di 22 euro per 1 litro in caso di importazione di alcool etilico per un importo fino a 5 litri; 4) un aliquota unica di 10 euro nelle parti in eccesso della norma di tre litri nel caso di importazione di bevande alcoliche e birra in quantità da 3 a 5 litri compresi; 5) un aliquota unica del 30% del valore doganale della merce, ma non meno di 4 euro per 1 kg di peso, nelle parti in eccesso del valore equivalente di euro nel caso di importazione di merci da parte di persone fisiche temporaneamente residenti all'estero per almeno 1 anno (con riserva di prove documentali), il cui valore in dogana supera l equivalente di euro (per le merci trasportate per via aerea il cui valore doganale supera l equivalente di euro ). Se la merce è consegnata al vettore all indirizzo di una persona fisica, o è inviata per posta internazionale, si applica l aliquota unica del 30% del valore in dogana, ma non meno di 4 euro per 1 kg di peso nelle parti eccedenti il costo di euro equivalenti, e (o) del peso di 31 kg nel caso dell importazione di beni per uso personale, il cui valore in dogana supera l'equivalente di euro e (o) il peso supera i 31 kg. ESPORTAZIONE DI BENI I beni per uso personale che vengono esportati dal territorio dell Unione doganale da parte di persone fisiche, i dazi doganali, le tasse con un unica aliquota e le spese doganali totali non sono tassate. NON È POSSIBILE ESPORTARE Per l uso personale la persona fisica non può esportare dal territorio dell'unione doganale: 1) pesce e frutti di mare (tranne uova di storione) superiore a 5 kg; 2) caviale di storione di peso superiore a 250 g; 3) combustibile in quantità superiore a 10 litri, situato in un contenitore separato. Nota: alla lettera b del paragrafo 36 del Regolamento per l importazione nel territorio doganale dell'unione doganale della Comunità economica eurasiatica e l esportazione dal territorio doganale dei metalli preziosi, pietre preziose e prodotti contenenti metalli preziosi, è scritto che il valore totale delle 4

5 esportazioni dei metalli preziosi e pietre preziose (eccetto l esportazione temporanea) non deve superare l importo di dollari USD. Tuttavia, conformemente al paragrafo 25 deciso dall Unione doganale della Commissione N 689 l esportazione dal territorio doganale dell unione doganale di metalli preziosi e pietre preziose per uso personale da parte di persone fisiche è regolato senza limiti quantitativi e costi. CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI PER USO PERSONALE La classificazione delle merci trasportate da una persona fisica attraverso il confine doganale a beni per uso personale è determinata dalle autorità doganali, sulla base di: - dichiarazioni individuali delle merci trasportate (in forma orale o scritta con la dichiarazione doganale del passeggero); - natura e quantità dei beni; - frequenza di incrocio di una persona fisica e (o) spostamento dei suoi beni attraverso il confine doganale. Le seguenti merci non sono beni per uso personale: 1) diamanti naturali; 2) merci esportate, per le quali sono stabiliti dazi per l esportazione; 3) caldaie per il riscaldamento centrale; 4) tagliaerba (eccetto tagliaerba per prati), macchine per la lavorazione del fieno, ecc.; 5) lampade abbronzanti; 6) attrezzatura medica (eccetto per ragioni mediche particolari) ecc. Nel caso di classificazione delle merci trasportate da un individuo attraverso il confine doganale, a merci non per l'uso personale le operazioni doganali nei confronti di tali beni (compresa la dichiarazione doganale) vengono eseguite secondo le modalità previste per i partecipanti dell attività economica estera. PERMESSO PER LA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI Per i beni di uso personale delle persone fisiche, circolati attraverso i confini della Federazione Russa è consentita l'autorizzazione delle autorità statali: - armi, le sue parti principali, munizioni è necessario disporre dell'autorizzazione del Ministero degli Interni; - valori culturali si richiede il permesso che consente l esportazione di beni culturali rilasciato dall ente governativo che controlla il traffico di beni culturali; - gli animali e le piante che sono minacciati di estinzione, le loro parti, così come i prodotti da essi derivati il permesso SITES rilasciato dal Servizio Federale per la protezione della natura (Rosprirodnadzor); - radio-elettronica e (o) dispositivi civili ad alta frequenza permesso del Servizio Federale nella sfera delle Comunicazioni e delle tecnologie informative (Roskomnadzor); - mezzi tecnici con funzione crittografica è necessario la notifica (avviso), registrazione presso il Centro russo FSB sulle licenze, certificazione e tutela di segreti di Stato. L elenco di notifiche registrate (avvisi), preparati dal produttore o persona autorizzata alla produzione dei prodotti, è possibile trovarlo sul sito MOVIMENTO DEL DENARO CONTANTE E (O) DEGLI STRUMENTI MONETARI I mezzi monetari in contanti banconote in forma di banconote e monete, con l eccezione di monete di metallo prezioso sono in circolazione e hanno corso legale negli stati membri dell unione doganale, o paesi stranieri (gruppo di Stati esteri), compresi quelli confiscati o ritirati dalla circolazione, ma scambiati con denaro in circolazione. Gli strumenti monetari travellers cheque, cambiali, assegni (assegni bancari), nonché i titoli in forma di certificato comprovante l obbligo per l emittente (debitore) di versare mezzi monetari, in cui non è specificato la persona a cui il pagamento è effettuato. L importazione di denaro da una persona fisica e (o) di assegni di viaggio nel territorio doganale dell'unione doganale è regolata senza limitazioni nel seguente ordine: - l importazione una tantum di denaro contante e (o) i travellers cheque per un ammontare complessivo uguale o non superiore all equivalente di dollari USD, tali fondi e (o) di assegni di viaggio non sono soggetti a dichiarazione doganale per iscritto; - l importazione una tantum di denaro contante e (o) di travellers cheque per un ammontare superiore all'equivalente di dollari USD, tali fondi e (o) gli assegni di viaggio sono soggetti a dichiarazione doganale per iscritto presentando una dichiarazione doganale del passeggero per l'intero importo del denaro contante importato e (o) assegni. 5

6 L importazione di strumenti monetari da parte di persone fisiche, fatta eccezione per i travellers cheque, è soggetta a dichiarazione doganale per iscritto, mediante la dichiarazione doganale del passeggero. L esportazione di mezzi monetari da parte di una persona fisica e (o) assegni di viaggio dal territorio doganale dell unione doganale è regolata senza limitazioni nel seguente ordine: - l esportazione una tantum di denaro contante e (o) i travellers cheque per un ammontare complessivo uguale o non superiore all equivalente di dollari USD, tali fondi e (o) di assegni di viaggio non sono soggetti a dichiarazione doganale per iscritto; - l esportazione una tantum di denaro contante e (o) di travellers cheque per un ammontare superiore all'equivalente di dollari USD, tali fondi e (o) gli assegni di viaggio sono soggetti a dichiarazione doganale per iscritto presentando una dichiarazione doganale del passeggero per l intero importo del denaro contante importato e (o) assegni. L esportazione di strumenti monetari da parte di persone fisiche, fatta eccezione per i travellers cheque, è soggetta a dichiarazione doganale per iscritto, mediante la dichiarazione doganale del passeggero. Al fine di contrastare la legalizzazione (riciclaggio) dei proventi ottenuti illegalmente e il finanziamento del terrorismo, i movimento di mezzi o strumenti monetari da parte di persone fisiche attraverso il confine doganale dell'unione doganale, sono soggetti a dichiarazione obbligatoria in forma scritta, e nella dichiarazione doganale dei passeggeri devono essere aggiunte le seguenti informazioni: 1) la data e il luogo di nascita della persona fisica, i requisiti del documento che conferma il diritto di un cittadino straniero o la persona senza cittadinanza al soggiorno (residenza) nel territorio dello Stato membro dell Unione doganale, indirizzo di residenza o luogo di residenza nel territorio dello Stato membro dell Unione doganale; 2) le informazioni concernenti gli strumenti finanziari fatta eccezione per i travellers cheque (il tipo di strumento monetario, denominazione dell emittente, la data di emissione e il numero di identificazione se in possesso); 3) le informazioni sulla fonte dei mezzi monetari e (o) strumenti monetari, i loro proprietari (nel caso in cui il movimento di denaro contante e (o) strumenti monetari non sono proprietà del dichiarante) così come l uso proposto; 4) le informazioni sul percorso e le modalità di trasporto (o tipo di trasporto) di denaro contanti e (o) strumenti monetari. ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE Le autorità doganali applicano il controllo sui proprietari di veicoli per l assicurazione di responsabilità civile per l'ingresso di veicoli nella Federazione Russa, così come per l'uscita dei veicoli provenienti dalla Russia verso altri paesi che utilizzano il sistema assicurativo internazionale. In caso di non presentazione dei documenti pertinenti (certificato di assicurazione Carta Verde o la polizza di assicurazione obbligatoria di responsabilità civile del proprietario del veicolo) è consentito il transito a tali veicoli nella Federazione Russa, e i loro proprietari sono invitati ad acquistare i documenti necessari nelle compagnie di assicurazione autorizzate aventi il diritto di effettuare l assicurazione obbligatoria di responsabilità civile dei proprietari di veicoli. ESPLETAMENTO DEI DOCUMENTI DEI VEICOLI Ai sensi del decreto del governo del N 609 Sull approvazione dello speciale regolamento tecnico sui requisiti per le emissioni di autoveicoli prodotti in circolazione nel territorio della Federazione Russa, sostanze nocive (inquinanti) (in seguito Regolamento Tecnico) oggetti del regolamento tecnico sono gli autoveicoli circolanti prodotti nel territorio della Federazione Russa, in cui sono installati motori a combustione interna in termini di emissioni. In conformità con la normativa sui libretti dei veicoli e libretti del telaio dei veicolo, approvata per ordine del Ministero degli Affari Interni della Russia, il Ministero russo dell Industria ed Energia, Ministero dello Sviluppo Economico della Russia dal N 496/192/134, le autorità doganali forniranno il libretto di circolazione dell autoveicolo al fine di regolamentare la circolazione dei veicoli sul territorio della Federazione Russa, il rafforzamento del controllo della circolazione dei veicoli attraverso il confine doganale della Federazione Russa e il puntuale pagamento dei dazi doganali per l importazione di veicoli nella Federazione Russa. Secondo le disposizioni del paragrafo 70 in caso di non conformità ambientale del veicolo (telaio) alle richieste particolari tecniche del regolamento Sui requisiti per le emissioni prodotte dagli autoveicoli in circolazione nel territorio della Federazione Russa, sostanze nocive (inquinanti), approvato dal governo della Federazione Russa del N 609, il libretto di circolazione dell autoveicolo non verrà rilasciato. 6

7 Dal 1 gennaio 2010 è stata introdotta una normativa tecnica sulle emissioni per i veicoli a motore, classe ambientale 4 (Euro 4). Le autorità doganali che rilasciano il libretto di circolazione dell autoveicolo effettuano un controllo ambientale dei veicoli sulla base delle informazioni fornite dal Ministero russo dell'industria e dell Energia, e in sua assenza si consiglia agli interessati di confermare la classe ambientale dell autoveicolo con certificati di conformità rilasciati da organismi di certificazione accreditati Rosteh regolamentazione. Le informazioni contenute nei certificati di conformità Approvazione del tipo del veicolo, e Conclusioni sulla conformità del telaio secondo le richieste (di seguito Database), sono pubblicati e regolarmente aggiornati sul web server Servizio Federale delle dogane Russia nella sezione Informazioni per i partecipanti VED. Il formato e il database sul web server Servizio Federale delle dogane Russia è analogo al data base sul sito ufficiale dell Agenzia Federale di Regolamentazione Tecnica e Metrologia (Rostehregulirovanie) nella sezione Norme tecniche in vigore. Per ricevere chiarimenti sulla definizione della classe ambientale degli autoveicoli è necessario rivolgersi a Rostehregulirovanie. A cura di I.V. Petrov Studio legale "CASTO" 7

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL RAPPORTO GIURIDICO Il rapporto giuridico è una relazione tra due soggetti regolata dal diritto. corrisponde

Dettagli

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito...

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito... 1. Cognome / (x) 2. Cognome alla nascita (cognome/i precedente/i) / (x) 3. Nome/i / (x) 4. Data di nascita (giorno-mese-anno)... 8. Sesso /...: Maschile/... Femminile/... Ambasciata d Italia... Domanda

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Tariffa comune Ma 2012 2015

Tariffa comune Ma 2012 2015 SUISA Cooperativa degli autori ed editori di musica SWISSPERFORM Società svizzera per i diritti di protezione affini Tariffa comune Ma 2012 2015 Juke-Box Approvata dalla Commissione arbitrale federale

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA GESTIONE DELLA PROCEDURA DOMICILIATA DI ACCERTAMENTO DOGANALE (IMPORTAZIONE-ESPORTAZIONE) PRESSO IL SITO DELL OPERATORE ECONOMICO. VANTAGGI OPERATIVI EXPORT

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Convenzione di Vienna sulle relazioni consolari

Convenzione di Vienna sulle relazioni consolari Traduzione Convenzione di Vienna sulle relazioni consolari Conchiusa a Vienna il 24 aprile 1963 Gli Stati parti alla presente Convenzione, memori che, da un tempo remoto, si sono stabilite relazioni consolari

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti CONDIZIONI DI CONTRATTO ED ALTRE INFORMAZIONI IMPORTANTI SI INFORMANO I PASSEGGERI CHE EFFETTUANO UN VIAGGIO CON DESTINAZIONE FINALE O UNO STOP

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Indice. Condizioni generali di trasporto (CGT)

Indice. Condizioni generali di trasporto (CGT) Indice Condizioni generali di trasporto (CGT) 1. Definizioni... 2 2. Campo di applicazione... 3 3. Prenotazione... 3 3.1 Recapiti per notifiche e informazioni... 3 3.2 Contratto di trasporto... 3 3.3 Biglietto

Dettagli

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti

DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti soggetti ad accisa IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

Dettagli

ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra

ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra L 28/2 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 30.1.2010 ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra LA COMUNITÀ

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli