PROVENIENZA DONATIVA: criticità, soluzioni e tecniche contrattuali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVENIENZA DONATIVA: criticità, soluzioni e tecniche contrattuali"

Transcript

1 ! PROVENIENZA DONATIVA: criticità, soluzioni e tecniche contrattuali a cura di Giovanni Rizzi 1

2 IL FINANZIAMENTO ENDOFAMILIARE: le diverse forme per l acquisizione di immobili fondata sulla solidarietà del gruppo familiare DONAZIONE DIRETTA LIBERALITA INDIRETTA LA PROBLEMATICITA DEL SUCCESSIVO TRASFERIMENTO E UN VERO O UN FALSO PROBLEMA? QUALI GLI EVENTUALI POSSIBILI RIMEDI? 2

3 La provenienza dona2va crea non poche difficoltà nelle traya2ve per la successiva rivendita del bene L'acquisto per donazione può, nel tempo ed in presenza di par9colari circostanze, venir meno (solo parzialmente se donatario è un legi7mario che non abbia ricevuto per donazione o successione altri beni) AZIONE RIDUZIONE AZIONE RESTITUZIONE Azione personale di accertamento cos<tu<vo cui consegue la inopponibilità al legi7mario delle disposizioni rido>e Per il recupero dei beni: - in primis contro il donatario - in subordine contro il terzo acquirente (art. 563 c.c.) 3

4 Se un legi[mario viene privato in tuyo o in parte della sua quota di legi[ma per effeyo di di una donazione/liberalità esso può fare valere il proprio diriyo ad oyenere la legi[ma mediante apposita azione giudiziaria (la azione di riduzione) La rinuncia all azione di riduzione, vivente il donante, è NULLA (art. 557 c.c.) L azione di riduzione si prescrive decorsi 10 anni (dall apertura della successione) E ammessa la rinuncia all azione di riduzione solo dopo la morte del donante Se un soggeyo dispone del suo patrimonio con più donazioni in vita, i legi[mari pretermessi e i legi[mari lesi non possono rinunciare all azione di riduzione vivente il donante 4

5 Qualora il donatario, abbia venduto a terzi il bene donato e non abbia altri beni nel proprio patrimonio sui quali il legi[mario leso possa soddisfare le proprie ragioni, quest ul2mo potrà chiedere al terzo a c q u i r e n t e l a res2tuzione del bene ( a z i o n e d i res,tuzione) L azione di res2tuzione verso terzi deve essere esercitata entro i 20 anni dalla trascrizione della donazione (è discusso se ciò valga anche per donazioni s<pulate prima del 15 maggio 2005) il termine è sospeso nel caso di opposizione alla donazione da parte di un legi[mario 5

6 IL GRADO DI RISCHIO NON E UGUALE PER TUTTE LE DONAZIONI VA VALUTATO CASO PER CASO Tizio, vedovo, dona un immobile al proprio figlio (figlio unico), mantenendo comunque un cospicuo patrimonio RISCHIO MINIMO Tizio dona l unico bene che possiede ad uno solo dei suoi oyo figli (tra i figli esiste già situazione confliyuale. RISCHIO MASSIMO 6

7 Stante le dif+icoltà nella commerciabilità di beni di provenienza donativa, appare opportuno dare al bene+iciario di una donazione tutte le necessarie informazioni con apposita CLAUSOLA da inserire nell atto di donazione Clausola informa,va da inserire nell a4o di donazione La parte donataria si dichiara edo>a della disciplina de>ata dall art. 555 c.c. (rela<vo alla riduzione delle donazioni il cui valore eccede la cd. quota disponibile ) e dall art. 563 c.c. (rela<vo all azione contro gli aven< causa dai donatari sogge7 a riduzione) e delle conseguenze della disciplina de>ata da quest ul<ma disposizione in ordine alla commerciabilità di immobili di provenienza dona<va. 7

8 LA PROVENIENZA DONATIVA, IL FATTORE TEMPO ED IL GRADO DI RISCHIO 20 anni dopo la trascrizione della donazione... A prescindere dal fayo che il donante sia ancora vivente o sia già deceduto, se non vi è stata entro i 20 anni dalla trascrizione della donazione opposizione da parte del coniuge o di paren2 in linea reya, l'azione di res,tuzione NON POTRA' più essere esercitata e pertanto non vi è più alcun rischio per l'acquirente (art. 563, c. 1.c.c. nel testo modificato dalla legge 14 maggio 2005 n. 80) L'azione di riduzione potrà, invece, ancora essere esercitata nei confron2 del donatario (se non già deceduto da oltre 10 anni). Rimane un grado di rischio Per le donazioni s9pulate prima del 15 maggio

9 Non vi è unanimità di opinioni in ordine all applicabilità della disciplina ex legge 80/2005 alle donazioni poste in essere prima della sua entrata in vigore (ossia prima del 15 maggio 2005) c'è chi ri2ene la nuova disciplina applicabile esclusivamente alle donazioni s2pulate dopo il 15 maggio , f e r m a restando la disciplina precedente in tema di azione di res2tuzione per le donazioni anteriori. c'è chi ri2ene applicabile la nuova disciplina anche alle donazioni s2pulate prima del 15 maggio 2005, con decorrenza del termine ventennale dalla data di entrata in vigore della legge n. 80: va garan2ta a coniuge e paren2 in linea reya del donante la facoltà di fare opposizione; valenza norma solo dopo il 15 maggio 2025; c'è chi ri2ene applicabile la nuova disciplina, senza eccezioni e limitazioni, anche alle donazioni s2pulate prima del 15 maggio 2005 (studi CNN 5809/2005 Busani e 5859/2005 Tassinari) argomentando: - c o l l o c a z i o n e n o r m a (paccheyo semplificazioni) - compressione diriyo di opposizione di sistema Esigenza di una disciplina transitoria 9

10 IL DONANTE E DECEDUTO DA OLTRE 10 ANNI il diriyo ad agire in riduzione (e quindi anche in res2tuzione) si è prescriyo per cui non vi è più alcun rischio per l'acquirente Cassazione Sez. Unite (sentenza 25 o>obre 2004 n ) conferma decorrenza termine di prescrizione dall apertura successione: nel caso in cui la lesione derivi da donazioni è indubbio che tale termine decorre dalla data di apertura della successione, non essendo sufficiente il relictum a garan<re al legi7mario il soddisfacimento della quota di riserva RISCHIO ZERO Se la donazione ha per oggeyo immobili, entra in gioco la disciplina in tema di trascrizione (art. 2652, n. 8, c.c.) se la trascrizione della domanda di riduzione è eseguita dopo 10 anni dall apertura della successione, la sentenza che la accoglie non pregiudica i terzi che hanno acquistato a <tolo oneroso diri7 in base ad a>o trascri>o o iscri>o anteriormente alla trascrizione della domanda se entro i 10 anni dalla morte del donante non è stata trascri>a la domanda di riduzione, l'acquirente potrà acquistare l'immobile senza alcun 2more 10

11 Clausola per il caso in cui siano già decorsi 10 anni dalla morte dei donanti In par<colare, in relazione alla provenienza da donazione dell odierna parte venditrice (ovvero del dante causa dell'odierna parte venditrice), (a>o di donazione in data. n... rep. Notaio. con in quale I sigg.. donarono I beni in ogge>o al sig..) ed alla disciplina de>ata dall art. 563 c.c., la parte venditrice precisa che: - il donante sig.... è deceduto in data... - la donante sig.a... è deceduta in data... - i donan< sono pertanto decedu< da oltre dieci anni senza che nel fra>empo sia stata presentata e trascri>a presso i RR.II. la domanda per la riduzione della donazione sudde>a 11

12 IL DONANTE E DECEDUTO DA MENO DI 10 ANNI L'azione di res2tuzione potrà essere esercitata entro i 10 anni dalla morte del donante ( secondo l'orientamento prevalente in tema di decorrenza del termine prescrizionale) al verificarsi di tuye le condizioni di legge. RISCHIO ESISTENTE da valutare caso per caso Il rimedio giuridico esiste e consiste nella rinuncia espressa da parte di tu[ i legi[mari (a condizione di conoscere tu[ i legi[mari esisten2) alla azione di riduzione o quanto meno alla azione di res2tuzione verso terzi ex art. 563 c.c., rinuncia valida e possibile dopo la morte del donante. RISCHIO MINIMO connesso alla conoscibilità e/o sopravvenienza dei legixmari 12

13 Rinuncia all azione di riduzione dopo la morte del donante I sigg.... dichiarano: - di prestare, come prestano, piena adesione ed acquiescenza al testamento del sig.... pubblicato con... ed ad ogni altra liberalità dire>a e/o indire>a posta in essere dal defunto e susce7bile di riduzione (compresa la donazione di cui all a>o in data. n. di rep. Notaio.. registrato a. il al n. e trascri>o a. il. ai nn..) rinunciando ad ogni eccezione o riserva; di rinunciare, espressamente, all azione di riduzione per reintegro della legi7ma ed alla conseguente azione di res<tuzione ex art. 563 c.c., rimossa ogni eccezione in merito. 13

14 IL DONANTE E ANCORA VIVENTE L'azione di res2tuzione verso terzi potrà essere esercitata SOLO dopo la morte del donante medesimo, ed entro i successivi 10 anni da tale evento al verificarsi delle seguen2 condizioni: A1) che il donante alla sua morte non abbia lasciato beni sufficien2 a "coprire" la quota di legi[ma speyante a tu[ i legi[mari A2) che verificandosi il caso di cui sub A1) i legi[mari pretermessi o lesi intendano far valere le proprie ragioni mediante l'esperimento dell'azione di riduzione (l'azione non è "automa2ca" ma richiede l'inizia<va di parte) A3) che il donatario NON disponga di beni sufficien2 a soddisfare le ragioni dei legi[mari istan2 (l'azione di res2tuzione verso terzi è subordinata alla previa "escussione dei beni del donatario" art. 563, c.1, c.c.) A4) che non siano già decorsi 20 anni dalla data della trascrizione della donazione, salvo opposizione da parte del coniuge o di paren2 in linea reya (legge 80/2005) (con tu>e le problema<che già evidenziate in ordine alla applicabilità di de>a disciplina anche alle donazioni s<pulate anteriormente alla data del 15 maggio 2005) 14

15 IL DONANTE E VIVENTE Si può affermare che un rischio per l'acquirente esiste, ma che è anche un rischio "potenziale" dovendo ricorrere tuye le condizioni di legge La Cassazione (sent n. 2541) ha ritenuto inapplicabile nel caso di specie l'art c.c. in quanto tale norma presuppone che "il pericolo di evizione sia effe7vo e cioè non meramente presun<vo o puta<vo, ove esso non può risolversi in un mero <more sogge7vo che l'evizione possa verificarsi." Non esiste una regola di comportamento valida per tuye le situazioni, ma ogni caso dovrà essere oggeyo di specifica valutazione. Né esistono rimedi giuridici che possano dare certezze a tutela della posizione del terzo acquirente TECNICA REDAZIONALE: alcune clausole contrazuali (proposte più per evidenziare le problema9che ed informare l acquirente che per rimediare in maniera defini9va alle cri9cità) 15

16 La parte venditrice presta alla parte acquirente la garanzia per evizione ai sensi dell art c.c.; in par<colare la parte venditrice presta alla parte acquirente garanzia per evizione anche per il caso dell'esercizio dell'azione di res<tuzione ex art. 563 c.c., in relazione alla provenienza da donazione dell odierna parte venditrice (ovvero del dante causa dell'odierna parte venditrice). La parte acquirente, dal canto suo, si dichiara edo>a della disciplina de>ata dal sudde>o art. 563 c.c. e delle conseguenze di de>a disciplina in ordine alla commerciabilità di immobili di provenienza dona<va, acce>ando l espressa garanzia per evizione che viene prestata dalla parte venditrice. 16

17 E opportuno estendere la garanzia per evizione ex art c.c. avvalendosi della facoltà riconosciuta dall art c.c. ( i contraen< possono aumentare o diminuire gli effe7 della garanzia [...]). In doyrina si ri2ene che la generica garanzia per evizione non copra le conseguenze di una azione di res2tuzione: deya garanzia riguarda even2 rivendica,vi o espropria,vi dei terzi sulla base di diri[ già esisten2. Non opera invece con riguardo a diri[ meramente potenziali dei terzi. La garanzia per evizione in questo caso deve essere espressamente convenuta In ogni caso la clausola in oggeyo svolge un ulteriore funzione: quella di rendere edoyo l acquirente della disciplina rela<va agli immobili di provenienza dona<va (senza che successivamente lo stesso abbia a dolersene, imputando, magari proprio al Notaio rogante, la mancata informazione) 17

18 SENSO ECONOMICO DELL ESTENSIONE DELLA GARANZIA Una simile estensione ha un senso solo se della donazione (da garan<re ) abbia beneficiato il dante causa dell azuale venditore. In questo caso si potrà contare sulla garanzia patrimoniale del venditore nel caso di insolvenza del donatario (presupposto dell azione di res2tuzione ex art. 563, c.1, c.c.) RISCHIO COMUNQUE NON ELIMINATO (dipende dalla solvibilità del proprio venditore) Se a vendere il bene è lo stesso donatario la garanzia, soyo un profilo economico, risulterà di fayo inu2le Condizione per l esercizio di deya azione è l insolvenza del donatario ossia di colui verso cui si dovrebbe agire per il risarcimento RISCHIO IMMUTATO (l estensione della garanzia non limita il rischio) 18

19 LE GARANZIE FIDEIUSSORIE: per ovviare alle cri2cità connesse ad una donazione, nella prassi sono state proposte varie soluzioni tra le quali anche le seguen2 garanzie fideiussorie: i) la fideiussione dei leginmari (diversi dal donatario): costoro col prestare fideiussione a favore del terzo per le obbligazioni risarcitorie conseguen2 all azione di res2tuzione dovrebbero res2tuire al terzo quanto quest ul2mo dovrebbe pagare loro ex art. 563, c. 3., c.c. Vale come disincen9vo ad agire in res9tuzione ii) la fideiussione del donante: in questo caso è il donante che si cos2tuisce fideiussore; poiché l azione di res2tuzione può essere esercitata solo dopo la morte del donante/ fideiussore, i legi[mari che intendessero esperire tale azione, in qualità di eredi, subentrerebbero negli obblighi risarcitori assun2 dal defunto. Vale come disincen9vo ad agire in res9tuzione iii) l assunzione della garanzia in via solidale: una variante alle soluzioni sub i) e sub ii) consiste nel far riservare al donante o acquisire agli altri legi[mari un diriyo sul bene da vendere (usufru>o o quota minima di comproprietà), così da far intervenire anche tali sogge[ nell ayo di vendita, con assunzione, in via solidale con il donatario/venditore, della garanzia a favore del terzo evidenziate sub i) e sub ii). 19

20 nessuno dei rimedi propos9 appare appagante o comunque risolu9vo Per la doyrina le fideiussioni in ques2one non sono idonee allo scopo, in quanto da ritenersi affeye da nullità per contrasto con la disposizione dell art. 557, c. 2, c.c. (per quanto riguarda la fideiussione dei legi7mari) ovvero per contrasto con la disposizione dell art. 458 c.c. (per quanto riguarda la fideiussione del donante) o, comunque, concretando un ipotesi di negozio in frode alla legge (art c.c.) (cos2tuendo disincen2vi all esercizio di un diriyo indisponibile) (M.Ieva in Riv.Not. 1998) Per la illegi[mità di simili rimedi si è pronunciata anche la giurisprudenza di merito; si segnala sul punto la sentenza del Tribunale di Mantova 24 febbraio 2011 per il quale deve ritenersi nulla per illiceità della causa, ex art c.c., la fideiussione prestata dal donante a favore del beneficiario della donazione, in quanto il contra>o cos<tuisce il mezzo per eludere il principio di intangibilità della quota legi7ma. 20

21 UNA POSSIBILE SOLUZIONE... A seguito dell'entrata in vigore della legge 80/2005, potrebbe pensarsi, come possibile rimedio, ad una fideiussione bancaria e/o assicura,va sino allo scadere del ventennio dalla data di trascrizione dell'ayo di donazione. Ad esempio una donazione posta in essere nel 2006 (per la quale è certa l applicazione della disciplina della legge 80/2005) potrebbe essere garan2ta dal venditore con una fideiussione bancaria/assicura2va con scadenza nel 2026 (previa verifica della sostenibilità economica, in relazione al costo della fideiussione, e della affidabilità credi<zia del venditore che potrà o>enere il rilascio della polizza solo se in grado di garan<re il regresso del fideiussore). Rimane un grado di rischio Si pensi al caso di opposizione al decorso del termine ventennale o al decesso del donante prima dei 20 anni 21

22 La parte venditrice presta alla parte acquirente la garanzia per evizione ai sensi dell art c.c.; la parte venditrice, inoltre, si obbliga a risarcire i danni che la parte acquirente dovesse subire per effe>o dell esercizio dell'azione di res<tuzione ex art. 563 c.c., in relazione alla provenienza da donazione dell odierna parte venditrice (ovvero del dante causa dell'odierna parte venditrice). A garanzia dell obbligazione assunta, la parte venditrice consegna alla parte acquirente apposita polizza fidejussoria bancaria (polizza n... rilasciata da.. in data.. per l'importo di... della durata di anni... ), espressamente acce>ata dalla parte acquirente sudde>a, la quale, dal canto suo, si dichiara edo>a della disciplina de>ata dal sudde>o art. 563 c.c. e delle conseguenze di de>a disciplina in ordine alla commerciabilità di immobili di provenienza dona<va. 22

23 La polizza fideiussoria abbinata alla rinuncia all opposizione Il rimedio della polizza fideiussoria bancaria e/o assicura2va si fonda sull aspeya2va che prima della scadenza del termine ventennale, nessuno degli altri legi[mari faccia opposizione alla donazione ai sensi dell art. 563, u.c., c.c. (con conseguente sospensione del decorso del termine suddeyo). Per rafforzare tale rimedio può, quindi, essere opportuno accompagnare la consegna della polizza con la rinuncia all'opposizione da parte del coniuge e dei paren2 in linea reya del donante (rinuncia prevista dall art. 563, u.c., c.c.) Rimane un grado di rischio Non è dato sapere se i legi[ma2 a fare opposizione non muteranno prima dello spirare del ventennio. Nel ventennio il donante può morire E questo, peraltro, uno dei casi in cui ci sembra fondato ed opportuno il ricorso alla rinuncia all apposizione. 23

24 Non si condivide la pra2ca del ricorso sistema9co alla rinuncia all opposizione con inclusione in tu[ gli a[ di donazione di una clausola di rinuncia (presso taluni assurta quasi a clausola di s2le ) L a r i n u n c i a all apposizione, se non ben compresa ed esplicitata, finisce il più delle volte per creare false aspeya2ve in capo alle par2 della donazione Si è avuto modo di constatare che chi aveva beneficiato di una donazione, con partecipazione alla stessa degli altri legi[mari intervenu2 a rinunciare all opposizione, riteneva il suo acquisto sicuro ossia messo defini2vamente al riparo da qualsiasi possibile rivendicazione dei congiun2 intervenu2. 24

25 (clausola minimale... da evitare) Al fine di agevolare la circolazione dei beni ogge>o della presente donazione i sigg... rispe7vamente moglie e figli del donante, a>uali potenziali legi7mari dello stesso donante, dichiarano di rinunciare irrevocabilmente al diri>o di opposizione previsto dall art. 563, quarto comma del codice civile, così come modificato dall art. 2 comma 4 nonies del D.L. 14 marzo 2005 n. 35, conver<to nella legge 14 maggio 2005 n

26 Se ed in quanto si ri2ene opportuno ricorrere alla rinuncia all opposizione, sarà necessario, ayraverso una opportuna tecnica contrayuale non lasciare dubbi in capo al donatario circa la reale portata della rinuncia. Si propone una clausola struyurata... 26

27 Le par<, preso a>o: - che, ai sensi dell art. 563 c.c., nel caso in cui i donatari, contro i quali è stata pronunziata la riduzione, abbiano alienato a terzi gli immobili dona< il legi7mario leso, premessa l'escussione dei beni del donatario, può chiedere ai terzi acquiren<, la res<tuzione degli immobili a meno che siano già trascorsi ven, anni dalla donazione (nel qual caso non sarà più possibile agire nei confron< dei terzi acquiren<) - che, ai sensi dell art. 561 c.c., gli immobili res<tui< in conseguenza della riduzione sono liberi da ogni peso o ipoteca di cui il legatario o il donatario può averli grava<, a meno che la riduzione sia domandata dopo ven, anni dalla trascrizione della donazione (nel qual caso i pesi e le ipoteche restano efficaci) - che il decorso dei sudde7 termini di ven< anni, è sospeso nei confron< del coniuge e dei paren< in linea re>a del donante che abbiano no<ficato e trascri>o, nei confron< del donatario e dei suoi aven< causa, un a>o stragiudiziale di opposizione alla donazione. - che de>o diri>o di opposizione è personale e rinunziabile (giusta quanto disposto dall art. 563, ul<mo comma c.c.) 27

28 Ciò Premesso con riguardo alla donazione della piena proprietà dei beni ogge>o del presente a>o operata dal sig...., i sigg.ri..., rispe7vamente... del donante, dichiarano di rinunciare al diri4o di opposizione alla donazione sudde>a di cui all art. 563, u.c., cod. civ.; Le par< prendono, inoltre, a>o e si dichiarano a conoscenza che le rinunce al diri>o di opposizione che precedono (che escludono la possibilità per i rinuncian< di avvalersi della facoltà di chiedere la sospensione del decorso del termine di 20 anni) non comportano: - né la rinuncia alla azione di riduzione; resta infa7 fermo il divieto di cui all art. 557, co. 2 c.c., secondo cui i legi7mari non possono rinunciare all azione di riduzione finché vive il donante, né con dichiarazione espressa, né prestando il loro assenso alla donazione. - né il venir meno della necessità di a>endere, comunque, 20 anni per essere sicuri che l azione di res<tuzione non potrà più essere esperita (cioè, la rinuncia all opposizione, se non sospende il termine, nemmeno tu>avia lo elimina, rimanendo ferma la possibilità dell esperimento dell azione di res,tuzione prima del decorso dei 20 anni, se prima di tale termine si verifichino i presuppos< per tale esperimento). Si autorizza la trascrizione delle presen< rinunce al diri>o di opposizione. 28

29 LA RINUNCIA ALL AZIONE DI RESTITUZIONE: in doyrina si sta affermando l opinione della legi[mità della rinuncia, vivente il donante, alla azione di res2tuzione verso terzi acquiren2 ex art. 563 c.c. (fermo invece restando il divieto di rinuncia all azione di riduzione). il divieto di rinuncia mentre è testualmente previsto per l azione di riduzione (art. 557, c. 2, c.c.) non è invece previsto nella disposizione dell art. 563 c.c. rela2vo all azione di res2tuzione. Le due azioni sono tra di loro differen2 Siamo in presenza di due azioni diverse e dis2nte (differiscono i presuppos< stessi per il loro esperimento ed i sogge7 coinvol<) e la differenza di disciplina tra le due azioni è stata pure accentuata dalla legge 80/2005 che ha previsto un termine ventennale solo per l esercizio della res2tuzione e non anche per la riduzione (con ciò confermando che la disciplina deyata per l una, non vale anche per l altra) se la tutela del legi7mario nei confron< del terzo è stata resa disponibile (sancendo la rinunciabilità dell opposizione alla donazione) per il periodo successivo al ventennio dalla trascrizione della donazione, appare plausibile assumere che lo stesso debba/possa valere anche con riferimento alla tutela del medesimo interesse rela<vamente al periodo del primo ventennio dalla trascrizione della donazione (G. D Amico, PeneVidari Marcoz) 29

30 Premesso che, ai sensi dell art. 563 c.c., nel caso in cui i donatari, contro i quali è stata pronunziata la riduzione, abbiano alienato a terzi gli immobili dona< il legi7mario leso, premessa l'escussione dei beni del donatario, può chiedere ai terzi acquiren<, la res<tuzione degli immobili a meno che siano già trascorsi ven< anni dalla donazione (nel qual caso non sarà più possibile agire nei confron< dei terzi acquiren<) Ciò Premesso, con riguardo alla donazione della piena proprietà dei beni ogge>o del presente a>o (a>o di donazione in data. n... rep. Notaio. con in quale I sigg.. donarono i beni in ogge>o al sig..), i sigg.ri..., rispe7vamente... del donante, dichiarano di rinunciare alla facoltà loro riconosciuta di esperire nei confron< dell odierno acquirente sig...., suoi eredi ed aven< causa, la sudde>a azione di res,tuzione, e ciò anche prima del decorso del termine ventennale previsto dall art. 563 c.c. sopra citato. I rinuncian< sigg.... danno, peraltro, a>o e si dichiarano a conoscenza che la rinuncia che precede non comporta la rinuncia alla azione di riduzione; resta infa7 fermo il divieto di cui all art. 557, co. 2 c.c., secondo cui i legi7mari non possono rinunciare all azione di riduzione finché vive il donante, né con dichiarazione espressa, né prestando il loro assenso alla donazione. Si autorizza la trascrizione della presente rinuncia. 30

31 Limi, alla tesi della rinuncia dell azione di res,tuzione: - Opinione ancora non unanimamente condivisa: l opinione tuyora prevalente è nel senso della nullità anche di questa rinuncia per violazione dell art. 458 c.c. - anche ad ammeyere la fa[bilità di tale rinuncia, rimane l impossibilità di una garanzia assoluta: i legi[mari possono mutare prima del decorso del ventennio dalla trascrizione della donazione o dei dieci anni dalla morte del donante. IL RIMEDIO PROPOSTO NON E RISOLUTIVO RISCHIO COMUNQUE NON ELIMINATO 31

32 MUTUO DISSENSO accordo direyo a sciogliere un contrayo precedentemente concluso (riferimen2 norma2vi: art c.c. 3 e art c.c.) i) TESI del CONTRARIUS ACTUS : negozio autonomo avente efficacia ex nunc e contenuto uguale e contrario al contrayo concluso: - il mutuo dissenso, con portata retroa[va, non può riguardare i contra[ ad efficacia reale che abbiano già prodoyo i loro effe[; - il mutuo dissenso, in questo caso, consisterebbe in un nuova vicenda giuridica, ossia in una contro- donazione ovvero in una contro- vendita - se ed in quanto qualificabile come contro- donazione l is2tuto anziché risolvere i problemi li aggrava ii) TESI dell ATTO di A D E M P I M E N T O TRASLATIVO : necessitano due dis2n2 negozi: - il mutuo dissenso, autonomo contrayo dotato di efficacia es2n2va, avente natura di negozio risolutorio, non in grado, peraltro, di realizzare l effe[vo trasla2vo; - l ayo trasla2vo vero proprio, da porre in essere in esecuzione dell obbligo di res2tuzione assunto col negozio di mutuo dissenso 32

33 iii) TESI dell ATTO RISOLUTORIO AD EFFICACIA RETROATTIVA : il mutuo dissenso ripris2na la situazione precedente mediante la eliminazione del contrayo s2pulato: - si traya di negozio risolutorio che opera sull ayo e non sugli effe[ e quindi prescinde dal fayo che gli effe[ si siano o meno già prodo[ - mutuo dissenso quale espressione di un potere disposi2vo generale - scopo del mutuo dissenso è realizzare un diverso asseyo dei reciproci rappor2, mediante l eliminazione del negozio già concluso: allo stesso va riconosciuta efficacia retroa[va, salvi comunque i diri[ dei terzi - Il mutuo dissenso non può pregiudicare i diri[ dei terzi (ipoteche giudiziali, sequestri, pignoramen2, ecc.) (argomento anche da art. 1458, c,2, c.c.) Cassazione, Sezione V Civile, sentenza 6 o4obre 2011 n "il mutuo dissenso cos<tuisce espressione della autonomia negoziale dei priva< che bene sono liberi di regolare gli effe7 prodo7 da un precedente negozio... L'effe>o ripris<natorio, è,... previsto (art. 1458) per il caso di risoluzione per inadempimento anche dei contra7 aven< ad ogge>o il trasferimento di diri7 reali, non essendo dato riscontrare impedimen< ad un accordo risolutorio con effe>o retroa7vo di un contra>o ad efficacia reale 33

34 Limi, al negozio risolutorio: - non sarà possibile procedere al mutuo dissenso se il donatario abbia disposto del diriyo donato (alienazione, cos<tuzione diri>o reale, concessione ipoteca ecc.); vi è l impossibilità di ritornare alla situazione precedente. - non potrebbe u2lizzarsi proprio quando il donatario vuole vendere per reinves2re il ricavato in altri acquis2; il negozio risolutorio deve trovare la propria causa nella volontà delle par2 di rimuovere il negozio già concluso e ripris2nare la situazione precedente e non nella volontà di modificare il contenuto della donazione, sos2tuendo l immobile già donato con il denaro ricavato dalla vendita (si pensi al caso in cui il donante abbia posto in essere donazioni preceden2: verrebbe in tal caso alterato il modo di ridurre le donazioni discendente dal disposto dell art. 599 c.c. le donazioni si riducono cominciando dall ul<ma e risalendo alle anteriori ) IL RIMEDIO PROPOSTO NON E RISOLUTIVO RISCHIO COMUNQUE NON ELIMINATO 34

35 LA NOVAZIONE DEL CONTRATTO in doyrina si è proposta la tesi della novazione contrayuale della donazione [...] per effe>o della quale alla originaria causa della donazione, cos<tuita dall arricchimento del patrimonio del donatario per spirito di liberalità, viene sos<tuita la causa della vendita, cos<tuita dallo scambio di cosa o diri>o verso il corrispe7vo di un prezzo [...] (Franco Angeloni in Contra>o e Impr., 2007). Questa soluzione non è per nulla convincente. Essa si fonda su un assunto (e cioè che [...] anche se il vigente codice civile disciplina espressamente la sola novazione dell obbligazione (ar> e ss. C.c.) è sicuramente valida anche la novazione del contra>o [...] ) tuy altro che scontato. Riteniamo non applicabile l is2tuto della novazione ad un contrayo trasla2vo ad effe[ reali, che ha già prodoyo, quindi tu[ i suoi effe[ 2pici. La causa è un requisito essenziale del contrayo (art. 1325, c. 1, n. 2, c.c.), prescriyo a pena di nullità (art. 1418, c. 2, c.c.) e che deve pertanto sussistere sin dal momento della sua conclusione. 35

36 LE LIBERALITA INDIRETTE Lo scopo, proprio della donazione (procurare l arricchimento di un altro soggeyo) può essere perseguito anche con altro negozio diverso dalla donazione 2pica (negozio che, in quanto posto in essere per spirito di liberalità, diventa lo strumento per perseguire lo scopo dona<vo) Tale negozio, pur rimanendo soggeyo alla propria disciplina in tema di forma, in quanto u2lizzato a scopo dona2vo è assoggeyato alla disciplina sostanziale deyata in tema di donazione (in par,colare alle norme di tema di tutela della leginma) La doyrina e la giurisprudenza hanno individuato una nutrita serie di casi di donazione indireya: - la rinunzia abdica<va (faya senza corrispe[vo: ad es. la rinuncia ad un diriyo di usufruyo) - il contra>o a favore di terzo, per far acquistare al terzo l immobile trasferito o altre u2lità - l adempimento del terzo, (quando si adempie ad un obbligazione altrui rinunciando al regresso) - la c.d. donazione mista (ad es. la vendita a prezzo notevolmente inferiore al valore) - l intestazione di beni a nome altrui. 36

37 Prevale sia in doyrina che in giurisprudenza l opinione che la liberalità indire>a non esporrebbe, in caso di rivendita del bene, il terzo subacquirente ai rischi dell' azione di res<tuzione. Fondamento della pretesa res2tutoria, verso il terzo è ravvisato nella circostanza che con l esperimento viyorioso dell azione di riduzione il bene donato deve intendersi come mai uscito dall asse ereditario. Tale effeyo può prodursi solo nelle donazioni direye, in presenza di beni già appartenu2 al decuius e da recuperare, al suo patrimonio. Non è invece, possibile in caso di liberalità indireya: ciò che è uscito dal patrimonio del decuius è il denaro e non il bene Al beneficiario della liberalità indireya non potrà che chiedersi l equivalente dell esborso effe>uato dal de cuius per consen<rgli l acquisto. Riconosciuta la natura obbligatoria, e non più reale, all azione esercitabile dal legi[mario, ed esclusa ogni sua pretesa verso il donatario avente ad oggeyo la res2tuzione del bene, viene meno anche la possibilità di chiedere la res2tuzione al terzo sub acquirente. - in dozrina: G. Amadio studio CNN 17/ in giurisprudenza: Cassazione, sent. n del 12 maggio

Notaio Alessandro Nazari

Notaio Alessandro Nazari Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Notaio Alessandro Nazari Le attribuzioni patrimoniali possono essere realizzate con due diversi mezzi Liberalità DIRETTE o più correttamente

Dettagli

IL MUTUO DISSENSO DI DONAZIONE

IL MUTUO DISSENSO DI DONAZIONE IL MUTUO DISSENSO DI DONAZIONE Vi sono delle ipotesi in cui l unica soluzione praticabile, per poter recuperare la commerciabilità del bene immobile, appare essere lo scioglimento della precedente donazione

Dettagli

La Collazione Ereditaria.

La Collazione Ereditaria. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com La collazione è l atto con il quale determinati soggetti, che hanno accettato l eredità conferiscono alla massa ereditaria le liberalità ricevute in vita

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI 1. Scopo della riforma In base all attuale testo del codice civile (art. 458) è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone o rinuncia

Dettagli

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 25 ottobre 2004, n. 20644 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto notificato il

Dettagli

Le donazioni e gli istituti giuridici a tutela dell eredità

Le donazioni e gli istituti giuridici a tutela dell eredità Le donazioni e gli istituti giuridici a tutela dell eredità Guida alla pianificazione successoria VISION OBIETTIVO Guida alla pianificazione successoria: di cosa parliamo Questo documento ti consentirà

Dettagli

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c.

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c. Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri La volontà di Caio di deviare gli effetti dell acquisto dell immobile costruendo a favore del figlio Caietto impone di verificare:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANTONIO PEPE, CILLUFFO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANTONIO PEPE, CILLUFFO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4809 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ANTONIO PEPE, CILLUFFO Modifiche agli articoli 561 e 563 del codice civile, nonché disposizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016 SCUOLA DI NOTARIATO DI CATANIA JACOPO DA LENTINI * * * * * CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI DIRITTO DELLE SUCCESSIONE 2015/2016 * * * * * L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA

Dettagli

Proposte contrattuali per contrastare la crisi: rent to buy o help to buy?

Proposte contrattuali per contrastare la crisi: rent to buy o help to buy? Proposte contrattuali per contrastare la crisi: rent to buy o help to buy? A cura di Giovanni Rizzi Padova 28 o)obre 2013 1 Le espressioni RENT TO BUY e HELP TO BUY vengono u7lizzate per far riferimento,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3466 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata COVELLO Modifiche al codice civile

Dettagli

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 9 luglio 2011

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 9 luglio 2011 9 luglio 2011 Le donazioni Contratti e atti onerosi gratuiti atti liberali atti non liberali donazioni comodato Atto di liberalità: atto diretto a realizzare in capo ad un terzo un arricchimento spontaneo

Dettagli

La successione per causa di morte

La successione per causa di morte L impresa di famiglia alla prova del passaggio generazionale: l importanza della pianificazione La successione dell imprenditore: destino o pianificazione? La successione per causa di morte Relatori notai

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man-

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man- SUCCESSIONI E DONAZIONI: LE QUESTIONI PIÙ DIBATTUTE 123 prio (Cfr. Ferrero-Podetti, La rinuncia all eredità, in Successioni e donazioni, vol. I, a cura di Rescigno, Padova, 1994, p.385). Nella ipotesi

Dettagli

LA RIFORMA DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI

LA RIFORMA DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI 1. Scopo della riforma Il fondamento della successione necessaria e il conseguente riconoscimento ai legittimari di un intangibile diritto

Dettagli

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari)

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari) INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI Art. 536 (Legittimari) CAPITOLO I: DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI E LINEE EVOLUTIVE DELLA SUCCESSIONE NECESSARIA 1. Successione necessaria fra tradizione

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E INDICE Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E PRESUPPOSTI SOGGETTIVI DI APPLICAZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA 1. Ratio della riforma: garantire la

Dettagli

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI 1) LA FORZA DELLA VOLONTÀ TESTAMENTARIA E I LIMITI DEL SISTEMA Autonomia privata e pianificazione successoria Volontà del disponente - Revocabile usque ad

Dettagli

TRIBUNALE DI CAGLIARI. Segue verbale dell udienza del 21 maggio 2014 IL GIUDICE

TRIBUNALE DI CAGLIARI. Segue verbale dell udienza del 21 maggio 2014 IL GIUDICE TRIBUNALE DI CAGLIARI Segue verbale dell udienza del 21 maggio 2014 IL GIUDICE dispone che, precisate le conclusioni, si proceda alla discussione orale della causa e, di seguito, pronuncia sentenza dando

Dettagli

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 191 ARGOMENTO VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 1. Traccia Tizio, dopo aver preso contatto con Caio, intenzionato ad acquistare un immobile, che crede di Tizio, ma che in realtà

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 941/96 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: Dott. ALESSANDRA BOTTAN PRESIDENTE

Dettagli

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Aprile 22, 2016 La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Maurizio Tidona Avvocato Corrispondenza: m.tidona@tidona.com L art.

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I INDICE-SOMMARIO Capitolo I LA SUCCESSIONE NECESSARIA ED IL SUO ÀMBITO DI RILEVANZA 1. Il limite al potere di disporre del testatore: il diritto alla legittima. Nozione e sua ratio. pag. 1 2. Volontà testamentaria

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

Mercato Immobiliare e Donazioni 1 Spunti a cura di C. De Nicolellis 2

Mercato Immobiliare e Donazioni 1 Spunti a cura di C. De Nicolellis 2 Mercato Immobiliare e Donazioni 1 Spunti a cura di C. De Nicolellis 2 In questi ultimi anni, a seguito dell impennata del mercato immobiliare italiano, dovuta a numerosi fattori, il mutuo come prodotto

Dettagli

Schema risolutivo. Iter:

Schema risolutivo. Iter: Schema risolutivo Iter: 1) Chi pretende cosa e da chi? A che titolo? a) Tizio pretende da Caio b) la restituzione del contenuto della cassetta di sicurezza e c) la revocazione della donazione. d) A che

Dettagli

d iniziativa dei senatori PASTORE, AMATO, BATTAGLIA, CARRARA, GHIGO, NESSA, SARO, VICARI, IZZO, TANCREDI e FLERES

d iniziativa dei senatori PASTORE, AMATO, BATTAGLIA, CARRARA, GHIGO, NESSA, SARO, VICARI, IZZO, TANCREDI e FLERES Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 357 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PASTORE, AMATO, BATTAGLIA, CARRARA, GHIGO, NESSA, SARO, VICARI, IZZO, TANCREDI e FLERES COSTA, COMUNICATO ALLA

Dettagli

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe DECRETO DESTINAZIONE ITALIA, LEGGE DI STABILITÀ, DECRETO MILLEPROROGHE E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Il comma 139 dell art. unico della legge 27 dicembre 2013, n. 147 - Disposizioni per la formazione del

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL PATTO DI FAMIGLIA Legge 14 febbraio 2006, n. 55 Documento n. 7 del 29 marzo 2006 Scheda di lettura Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello. Atto di rinunzia abdicativa. art. 13 della legge n. 383 del 2001 come modificato dall

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA INDICE: Recesso dal contratto anzitempo per gravi motivi. Locazione di immobili commerciali. Prelazione e riscatto Durata del contratto Locazione di immobile realizzato

Dettagli

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI prof. avv. DARIO STEVANATO Piacenza, 25 marzo 2006 1 IL PATTO DI FAMIGLIA Il nuovo patto di di famiglia (art. 768-bis c.c.) risponde

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

Avv. Gian Carlo Sessa

Avv. Gian Carlo Sessa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE LITI SUCCESSORIE: LE CONTROVERSIE TIPICHE E QUELLE ATIPICHE, IN PARTICOLARE SOCIETARIE. (Le principali tipologie di liti tipiche e le liti atipiche ) Avv.

Dettagli

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: le successioni e le donazioni Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie Avv. Mario Cozza 23 ottobre 2014

Dettagli

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA di Vincenzo D Andò PREMESSA La Legge 14.2.2006, n. 55 (pubblicata sulla G.U. n. 50 del 1.3.2006) ha introdotto nel

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti Quando più eredi acquisiscono la

Dettagli

Scritto da Administrator Domenica 15 Giugno 2008 10:10 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Giugno 2008 10:40

Scritto da Administrator Domenica 15 Giugno 2008 10:10 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Giugno 2008 10:40 La divisione ereditaria Allorchè più soggetti siano chiamati a succedere al de cuius ed accettino l'eredità, viene ad esistenza uno stato di comunione ereditaria incidentale, cioè occasionata dalla morte

Dettagli

IL FONDO PATRIMONIALE

IL FONDO PATRIMONIALE IL FONDO PATRIMONIALE La ricerca risponde a vari quesiti relativi all istituto di cui alla sezione II, titolo VI, libro I del codice civile (artt. 167-176 c.c.), modificato dalla riforma del diritto di

Dettagli

Prima traccia esame avvocato 2015: parere di diritto civile

Prima traccia esame avvocato 2015: parere di diritto civile Prima traccia esame avvocato 2015: parere di diritto civile PRIMA TRACCIA Tizio coniugato con due figli è deceduto ab intestato il 12.1.2015 lasciando un patrimonio costituito esclusivamente da un appartamento

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione SOMMARIO CAPITOLO 1 - Le trattative precontrattuali 1. Fase preparatoria 1.1. Gli atti prodromici 1.2. Il recesso dalle trattative 2. L oggetto delle trattative 2.1. Dovere di informazione e pubblicità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

R Roma, 29 maggio 2013

R Roma, 29 maggio 2013 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa R Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: La tassazione degli atti notarili - Guida operativa - Testo unico dell imposta di registro, approvato con decreto del Presidente

Dettagli

Codice civile Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 1942, n. 79. Approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262

Codice civile Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 1942, n. 79. Approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262 Codice civile Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 1942, n. 79 Approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262 LIBRO SECONDO. Delle successioni - TITOLO PRIMO. Disposizioni generali sulle successioni - CAPO

Dettagli

La decadenza dall agevolazione prima casa: osservatorio sulla giurisprudenza e sulla prassi amministrativa

La decadenza dall agevolazione prima casa: osservatorio sulla giurisprudenza e sulla prassi amministrativa Focus di pratica professionale di Andrea Bongi La decadenza dall agevolazione prima casa: osservatorio sulla giurisprudenza e sulla prassi amministrativa Premessa Il tema delle c.d. agevolazioni prima

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

Rettifica di errori materiali negli atti notarili: nuova normativa e prospettive applicative

Rettifica di errori materiali negli atti notarili: nuova normativa e prospettive applicative Rettifica di errori materiali negli atti notarili: nuova normativa e prospettive applicative Il d.lgs. 2 luglio 2010 n. 110 (in GU n. 166 del 19 luglio 2010), all art. 1 comma 1, dopo l art. 59 della legge

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

Erede legittimario e calcolo della quota

Erede legittimario e calcolo della quota Quesito n. 16 Erede legittimario e calcolo della quota Tizio, vedovo da molti anni, per ricompensare la sua badante dei servigi resigli le dona un immobile sito in via Dante del valore di euro 350.000,00.

Dettagli

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione 45 Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione di Anna Liconti Traccia Tizio conduce l immobile sito nel Comune

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011 I crediti Edilizi: il loro riconoscimento e la loro circolazione (riflessioni basate sull esperienza della L.R.Veneto 11/2004) A cura di Giovanni Rizzi Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003...

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003... Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 27/E Roma, 9 maggio 2003 Oggetto: Rideterminazione dei valori dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 2, comma 2, del decreto-legge 24 dicembre

Dettagli

La facoltà della Cassa di Previdenza forense di acquisizione dei dati. reddituali degli iscritti dagli Uffici fiscali e la decorrenza della

La facoltà della Cassa di Previdenza forense di acquisizione dei dati. reddituali degli iscritti dagli Uffici fiscali e la decorrenza della La facoltà della Cassa di Previdenza forense di acquisizione dei dati reddituali degli iscritti dagli Uffici fiscali e la decorrenza della prescrizione contributiva. I II Premesse I contributi III La prescrizione

Dettagli

SUCCESSIONI N O T A I O E M A N U E L E D E M I C H E L I

SUCCESSIONI N O T A I O E M A N U E L E D E M I C H E L I SUCCESSIONI A SPETTI TEORICI E PRATICI D ELLE SUCCESSIONI MORTIS C A U SA N O T A I O E M A N U E L E D E M I C H E L I Fonti normative Codice Civile II LIBRO - artt. 456 ss. Definizione La successione

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

TABELLA ALIQUOTE IN VIGORE... 8 TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE... 9

TABELLA ALIQUOTE IN VIGORE... 8 TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE... 9 MAGGIO 2007 RTRABACE IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI EVOLUZIONE - TABELLE - TERMINI EVOLUZIONE NORMATIVA... 1 TABELLA ALIQUOTE (A)... 3 TABELLA ALIQUOTE (B)... 5 TABELLA ALIQUOTE (C)... 7 TABELLA

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione

Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione dell?accettazione ta... Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione dell accettazione tacita di eredità

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG 20.12.2002) (Pubblicato nel supplemento straordinario alla G.U. - 4^ s.s. del 28.03.2003)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

Direzione Centrale Normativa

Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 75/E Roma, 26 luglio 2010 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Esenzione dall imposta sulle successioni e donazioni dei trasferimenti di quote sociali

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

Avvocato TRA TUTELA DEI LEGITTIMARI E CERTEZZA DEI TRAFFICI GIURIDICI

Avvocato TRA TUTELA DEI LEGITTIMARI E CERTEZZA DEI TRAFFICI GIURIDICI MARIA ROSARIA LENTI Avvocato LA PROVENIENZA DONATIVA E IL PRECARIO EQUILIBRIO TRA TUTELA DEI LEGITTIMARI E CERTEZZA DEI TRAFFICI GIURIDICI L ordinamento prevede una tutela nei confronti dei legittimari

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

La trascrizione del preliminare immobiliare nella procedura esecutiva: il rapporto tra preliminare di compravendita e atto di pignoramento

La trascrizione del preliminare immobiliare nella procedura esecutiva: il rapporto tra preliminare di compravendita e atto di pignoramento ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 13/10/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37441-la-trascrizione-del-preliminare-immobiliarenella-procedura-esecutiva-il-rapporto-tra-preliminare-di-compravendita-e-atto-dipignoramento

Dettagli

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO E LE CONSEGUENZE SUL PIANO FISCALE. A CURA DELL AVV. RAFFAELLA DE VICO Premessa Diverse sono le questioni di rilevanza fiscale che possono sorgere

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c.

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. - In materia di diritto tavolare, lo Studio ha ottenuto l affermazione

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario NORMATIVA DI RIFERIMENTO Sommario Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni... 2 Art. 127-quinquies (Maggiorazione del voto)... 2 Regolamento di attuazione del decreto legislativo

Dettagli

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto Diritto e processo.com In tema di responsabilità del mediatore,

Dettagli

Possesso e usucapione dell azienda

Possesso e usucapione dell azienda 14. Cassazione Civile, Sezioni Unite, 5 marzo 2014, n. 5087 Possesso e usucapione dell azienda Articoli dei quali si consiglia la lettura prima dell approfondimento giurisprudenziale: Artt. 816 cod. civ.

Dettagli