NOVITÀ IN MATERIA DI DIFFUSIONE DI PROGRAMMI TV VIETATI AI MINORI DI 18 E 14 ANNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOVITÀ IN MATERIA DI DIFFUSIONE DI PROGRAMMI TV VIETATI AI MINORI DI 18 E 14 ANNI"

Transcript

1 Settembre 2011 NOVITÀ IN MATERIA DI DIFFUSIONE DI PROGRAMMI TV VIETATI AI MINORI DI 18 E 14 ANNI Con delibera n. 200/11/CSP del 22 luglio 2011 l AGCOM ha approvato il regolamento in materia di accorgimenti tecnici idonei ad evitare l ascolto o la visione di programmi vietati ai minori. Inoltre l Autorità ha fornito alcuni chiarimenti interpretativi circa l art. 34 del Testo Unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici ( TU ). In precedenza, con decreto del Ministro della Sviluppo economico del 1 aprile 2011, sono stati approvati i criteri generali per la classificazione dei programmi di accesso incondizionato (ex art. 34 comma 1 del TU). Film vietati ai minori di anni 18 o ai quali sia stato negato il nulla osta e programmi classificati per soli adulti L Autorità ha chiarito che, in base all articolo 34 del TU, (i) i film senza nulla osta, (ii) i film vietati ai minori di 18 anni e (iii) i programmi che, in base ai criteri di classificazione che ciascuna emittente dovrà adottare, sono classificabili come programmi per adulti rientrano nella categoria dei programmi che possono nuocere gravemente allo sviluppo fisico, psichico o morale dei minori o che presentano scene di violenza gratuita o insistita o efferata ovvero pornografica. Pertanto, detti programmi possono essere trasmessi solo ove ricorrano congiuntamente le seguenti condizioni: 1) siano trasmessi ad accesso condizionato; 2) siano trasmessi in un orario compreso tra le e le 7.00, e; 3) siano trasmessi previa adozione di misure tecnologiche tali da escludere l accesso dei minori a tali programmi (parental control). Film vietati ai minori di 14 anni e programmi assimilabili Ai film V.M. 14, in quanto programmi che possono nuocere [non gravemente, n.d.r.] allo sviluppo fisico, mentale o morale dei minorenni, si applica invece il comma 4 dell art. 34, in base al quale detti programmi non possono essere trasmessi [ ] prima delle ore e dopo le ore Tale norma, nel caso dei programmi V.M. 14, non pone un divieto assoluto, ma va letto in combinato disposto con il comma 2 ( a meno che la scelta dell'ora di trasmissione o qualsiasi altro accorgimento tecnico escludano che i minorenni che si trovano nell'area di diffusione assistano normalmente a tali programmi ). Ne deriva, secondo l interpretazione dell Autorità, che i film V.M. 14 al pari degli altri contenuti che possono nuocere in maniera non grave allo sviluppo fisico, mentale o morale dei minorenni possono essere trasmessi, anche in chiaro: 1) tra le e le 7.00, senza limitazioni tecniche; oppure

2 2) in qualunque orario, inclusa la fascia protetta (dalle alle 19.00), a condizione che si adottino accorgimenti tecnici che escludano che i minorenni che si trovano nell area di diffusione assistano normalmente a tali programmi. Fasce orarie e misure tecniche da adottare Riassumendo: V.M. 18 Limitazione oraria (dalle alle 7.00) e limitazione tecnica (parental control) operano congiuntamente, per cui non sarà mai possibile trasmettere tali programmi al di fuori della fascia oraria ; V.M. 14 Limitazione oraria (dalle alle 7.00) o, alternativamente limitazione tecnica (parental control). Quanto alle misure tecniche da adottare, il regolamento stabilisce l obbligo per i fornitori di servizi media audiovisivi di predisporre una funzione di controllo parentale che ne inibisca specificatamente e selettivamente l accesso sin dalla prima utilizzazione ed a ogni successiva fruizione salvo la facoltà di eliminazione del controllo. L abilitazione alla visione può avvenire solo mediante l inserimento di un codice segreto personale, specifico e individualizzato (il PIN standard predisposto dal produttore del dispositivo di accesso può essere utilizzato solo per l accesso a una procedura di personalizzazione del codice segreto). I fornitori di servizi audiovisivi rendono note all utente maggiorenne, con modalità riservate apposite, la funzione di controllo parentale delle procedure per l impostazione del codice segreto abilitante alla visione. E prevista la facoltà di eliminazione del controllo: l utente può eliminare stabilmente la funzione di controllo mediante procedure che verranno comunicate secondo le predette modalità. L utente potrà in ogni momento riattivare l inibizione alla visione nonché personalizzare il PIN. I fornitori dei servizi di media audiovisivi sono tenuti a fornire la descrizione della funzione di controllo parentale e delle procedure di funzionamento sui propri siti web e devono fornire altresì adeguata ed esauriente informazione sulla classificazione dei contenuti di cui al decreto attuativo dell art. 34 del TU. Destinatari degli obblighi sono i fornitori di servizi di media audiovisivi in chiaro e/o a pagamento, lineari o/e a richiesta che offrono programmi di cui all art. 34 del TU. Secondo quanto previsto dalla delibera, il regolamento non si applica alle web tv e alle connected tv. Per quel che concerne il termine, i fornitori di servizi di media audiovisivi dovranno adeguarsi entro 6 mesi dall entrata in vigore del regolamento. Per i dispositivi di ricezione già installati e già in commercio i fornitori porranno in essere adeguate attività di informazione atte a sensibilizzare l utenza circa la necessità di impostare un PIN personalizzato per inibire la fruizione dei predetti contenuti da parte dei minori. BEAUTY CONTEST PER L ASSEGNAZIONE DEL DIVIDENDO DIGITALE INTERNO E scaduto alle 12 del 6 settembre 2011 il termine per presentare al Ministero dello Sviluppo Economico la domanda di partecipazione al beauty contest per l assegnazione del cosiddetto dividendo digitale interno, ovvero di cinque frequenze nazionali per la trasmissione in tecnica DVB-T e una sesta per la trasmissione in DVB-H o DVB-T2.

3 Dieci soggetti hanno presentato 17 domande: Canale Italia srl Telecom Italia Media Broadcasting srl Elettronica Industriale spa (gruppo Mediaset) Sky Italia Network Service srl Prima Tv spa Europa Way srl 3lettronica Industriale spa (gruppo 3 Italia) Rai Radiotelevisione Italiana spa Tivuitalia spa Dbox srl Le frequenze da assegnare che peraltro saranno rese disponibili all uso solo dopo il completamento dello switch-over, programmato per gli inizi del 2012 sono ripartite in tre sottoinsiemi, denominati A, B e C. Il sottoinsieme A comprende tre multiplex da utilizzare con standard DVB-T, per i quali non possono concorrere operatori di rete riconducibili a Rai, Mediaset e Telecom Italia. Il sottoinsieme B comprende invece due frequenze da utilizzare per il DVB-T, alla cui assegnazione possono partecipare tutti gli operatori tranne Sky. Infatti Sky può concorrere ad un solo multiplex del sottoinsieme A e su tale multiplex potrà ospitare solo canali in chiaro. Il terzo sottoinsieme (C) è composto invece da un solo multiplex, da utilizzare per la trasmissione in DVB-H (televisione su terminali mobili) o, alternativamente, in DVB-T2 (standard di nuova generazione, destinato a diffondersi in futuro ma utilizzato attualmente solo da una ristretta cerchia di utenti dotati di appositi decoder, come quelli commercializzati da Centro Europa 7 S.r.l.); all assegnazione di quest ultimo mux non possono concorrere operatori già titolari di un mux DVB-H. Inoltre, il regolamento prevede che all esito della procedura di gara nessun operatore potrà controllare più di cinque mux nazionali DVB-T. Ciò però non impedisce, a chi raggiungesse il tetto massimo di cinque multiplex per effetto della gara, di acquistare altri multiplex sul mercato. Qualora Rai, Elettronica Industriale (Mediaset) o Telecom Italia Media Broadcasting raggiungessero cinque multiplex, sarebbero tenuti a destinare il 40% della capacità trasmissiva del quinto multiplex a canali indipendenti. Gli operatori che si aggiudicheranno le frequenze in gara dovranno, entro 5 anni, raggiungere una copertura pari ad almeno l 80% della popolazione. L esatto adempimento degli impegni assunti nella domanda di partecipazione sarà garantito da apposita fideiussione, che potrà essere escussa, in tutto o in parte, in caso di violazione del disciplinare, ed in particolare dell obbligo di copertura o del piano editoriale. Le frequenze assegnate tramite il beauty contest si renderanno libere subito dopo il completamento dello switch-over, programmato per gli inizi del I diritti d uso saranno assegnati ai vincitori per un periodo di 20 anni (rinnovabili) a partire dalla data di rilascio. Le regole del disciplinare di gara del beauty contest hanno già provocato accese polemiche e dispute non solo politiche, ma anche giurisprudenziali. Sky e Telecom Italia (segnatamente: Telecom Italia Media Broadcasting, Mtv Italia e Telecom Italia Media) hanno infatti presentato a questo riguardo due diversi ricorsi al TAR Lazio.

4 AGCM DECIDE LA SOSPENSIONE DELLA PRATICA COMMERCIALE SCORRETTA DI ITALIA-PROGRAMMI.NET L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), nella sua adunanza del 25 agosto 2011, ha intimato alla società Estesa Limited (Estesa Ltd) di sospendere ogni attività diretta a pubblicizzare su Google Adwords o su altri strumenti di pubblicità online la fruizione gratuita di software scaricabili dal sito internet La società dovrà chiarire sul suo sito internet che si tratta di un servizio a pagamento e dovrà sospendere ogni attività di sollecito del pagamento del presunto abbonamento annuale nei confronti di quei consumatori che hanno comunicato di non aver mai voluto sottoscrivere un abbonamento, non essendosi neppure resi conto della natura onerosa del servizio offerto. Il provvedimento di AGCM giunge all esito di un istruttoria per pratica commerciale scorretta avviata nel mese di luglio 2011 nei confronti della società Estesa Ltd, alla luce delle numerose segnalazioni di singoli cittadini e di associazioni dei consumatori. Secondo tali segnalazioni, digitando sul motore di ricerca Google il nome di un determinato software accompagnato dalla parola gratis o gratuito o free, appariva come primo risultato il link selezionando il quale il consumatore veniva indirizzato ad un sito internet dove, sotto la dicitura scaricalo subito, venivano richiesti i dati personali utili alla registrazione. Una volta inseriti i propri dati, il consumatore sottoscriveva, sostanzialmente a sua insaputa, un contratto biennale con la società Estesa Ltd, con sede nella Repubblica delle Seychelles, per la fornitura di software al costo annuale di 96 euro, da pagare anticipatamente una volta l anno. La pagina di registrazione riportava i termini dell abbonamento con un evidenza grafica poco percettibile. Secondo AGCM, il comportamento del professionista, sopra descritto, assume profili di ingannevolezza, in quanto i consumatori, attraverso la grafica del sito e le modalità di ricerca con cui arrivano sullo stesso, sarebbero indotti a ritenere, contrariamente al vero, che la fruizione dei software avvenga senza spese e che quindi il servizio sia gratuito. Inoltre, decorso il tempo per il recesso, e a volte anche prima di tale termine, senza dare al consumatore alcuna previa conferma del perfezionamento del presunto contratto, la società Estesa Ltd iniziava a sollecitare i pagamenti, con minaccia di intraprendere azioni legali in caso di mancato adempimento, prefigurando a carico del consumatore ingenti costi aggiuntivi non quantificati né quantificabili, aggiungendo, fin da subito, spese ulteriori rispetto al canone di abbonamento, a titolo di sollecito. AGCM ha ritenuto tale pratica connotata da profili di aggressività idonea a creare una situazione di notevole pressione psicologica anche nei confronti di persone che, pur consce di non aver volontariamente sottoscritto alcun contratto o di volerne recedere, non vogliono rischiare di trovarsi a sostenere esborsi di ingente e non quantificabile importo, e sono indotti a pagare pur di far cessare le pressanti rivendicazioni economiche del professionista. Secondo AGCM, dall esame degli atti del procedimento emergono elementi tali da avvalorare la necessità di provvedere con particolare urgenza al fine di impedire che le pratiche commerciali sopra descritte, consistenti in informazioni ingannevoli sulla natura del servizio e da aggressività per indurre i consumatori al pagamento, continuino ad essere poste in essere nelle more del procedimento di merito. Estesa Ltd dovrà comunicare ad AGCM l avvenuta esecuzione del provvedimento di sospensione e le relative modalità entro 10 giorni dal ricevimento del medesimo. ****************************

5 Il Consiglio di Stato salva (provvisoriamente) la LCN Con sentenza n. 6814/2011 pubblicata il 29 luglio 2011, il TAR Lazio ha annullato il regolamento LCN (delibera AGCOM n. 366/10/CONS relativa al Piano di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre in chiaro ed a pagamento) e i provvedimenti con cui il Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento Comunicazioni aveva assegnato le posizioni LCN ai singoli canali televisivi. Altra sentenza del TAR Lazio, pubblicata due giorni dopo, ha colpito, in maniera più circoscritta, il medesimo regolamento. AGCOM ha prontamente proposto appello, ottenendo dal Consiglio di Stato la sospensione in via d urgenza (con decisione monocratica del il 2 agosto) degli effetti della sentenza. La sesta sezione del Consiglio di Stato, in seduta collegiale, con ordinanza n.3642/2011 del 30 agosto scorso, ha confermato la sospensiva disposta dal decreto del 2 agosto 2011: pertanto il regolamento LCN continuerà ad applicarsi (e i canali a cui è stata assegnata una posizione LCN continueranno ad avere il diritto esclusivo di trasmettere su quella posizione) fino alla decisione del Consiglio di Stato sul merito dell appello.. Nell ordinanza cautelare il Consiglio di Stato ha avuto modo di sottolineare che: [ ] il provvedimento di regolamentazione impregiudicata ogni valutazione nel merito in ordine alla congruità ed idoneità della fase istruttoria preordinata alla sua adozione realizza, allo stato, un ordinato e coerente sistema di accesso ai canali di trasmissione televisiva digitale che, nella more della decisione nel merito della presente impugnativa, persegue fini di rilievo pubblico prevalenti su singole posizioni delle emittenti locali che si assumono lese dalla numerazione assegnata, prevenendo situazioni di generale incertezza e, di fatto, di deregolamentazione dell accesso e dell utilizzo dei canali di radiodiffusione digitale. Agcom presenta i risultati dell attività nel primo semestre 2011 L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha recentemente presentato i dati relativi all attività svolta nel primo semestre del Dai dati presentati è emerso come nel periodo gennaio-luglio 2011, l AGCOM abbia concluso 178 provvedimenti sanzionatori irrogando multe per un ammontare complessivo di ,30. Le violazioni contestate hanno riguardato le norme a tutela dei consumatori, la disciplina in materia di pubblicità, gli obblighi di programmazione, le garanzie per i minori e gli utenti, i diritti sportivi, nonché le disposizioni riguardanti il Registro degli Operatori di Comunicazione. Nel periodo considerato, la Direzione Tutela dei Consumatori ha concluso 42 procedimenti sanzionatori ed il Consiglio dell Agcom ha multato alcuni operatori di comunicazioni elettroniche per un ammontare complessivo di Nel settore dell audiovisivo, in seguito all instaurazione di 122 procedimenti, l AGCOM ha comminato multe per l importo di ,30. I procedimenti hanno riguardato in particolare: violazioni in materia di pubblicità (affollamento, posizionamento e segnalazione spot), violazioni degli obblighi di programmazione (Tenuta del registro dei programmi e conservazione delle registrazioni da parte delle emittenti),

6 violazione delle norme a garanzia dei minori e degli utenti (messa in onda di trasmissioni pregiudizievoli dello sviluppo fisico, psichico e morale dei minori, e di trasmissioni di contenuto pornografico in fascia notturna), violazioni in materia di diritti sportivi. Infine, nello stesso periodo, l Ufficio Registro Operatori di Comunicazione ha concluso 14 procedimenti sanzionatori per mancate comunicazioni al ROC ed il Consiglio dell Agcom ha comminato sanzioni per un totale di ,00. Tra le fattispecie sanzionate: la mancata comunicazione di controllo da parte del soggetto controllante e la tardiva od omessa trasmissione di comunicazione al Registro da parte degli operatori iscritti. AGCOM indice una consultazione pubblica su Rti-Publitalia L AGCOM ha indetto una consultazione pubblica riguardante l abolizione dell obbligo di R.T.I. di avvalersi di una società diversa da Publitalia per la raccolta pubblicitaria sui propri canali in digitale terrestre (non in simulcast). In conseguenza di tale obbligo, stabilito da AGCOM nel 2005 a fini di tutela del pluralismo (delibera n. 136/05/CONS), R.T.I. ha cominciato ad avvalersi di Digitalia 08 S.r.l. per la raccolta pubblicitaria sui propri canali in digitale terrestre (non in simulcast). A sei anni di distanza, con la delibera n. 70/11/CONS del 16 febbraio 2011, l AGCOM è tornata sui propri passi, ritenendo che le esigenze alla base della decisione del 2005 siano ormai venute meno per due ragioni: 1. rispetto al 2005, oggi la televisione analogica è divenuta residuale rispetto a quella digitale, anche in considerazione dell imminente beauty contest per l assegnazione del dividendo digitale; 2. il mercato rilevante posto a base della delibera n. 136/05/CONS è ormai mutato. Nel 2010, infatti, AGCOM stessa ha stabilito che i mercati rilevanti nel settore televisivo sono il mercato della televisione in chiaro e quello della televisione a pagamento, e la pubblicità non rappresenta un mercato rilevante a se stante, ma una risorsa che, nell ambito del singolo mezzo, concorre a determinare i ricavi afferenti il settore di riferimento. Il 14 luglio 2011, su ricorso di Sky, il T.A.R. Lazio ha deciso di sospendere in sede cautelare la delibera n. 70/11/CONS per motivi procedurali. Così AGCOM ha deciso di indire una consultazione pubblica con lo scopo di raccogliere osservazioni e commenti sull abrogazione del divieto per R.T.I. di affidare a Publitalia la raccolta pubblicitaria per la propria programmazione televisiva in tecnica digitale terrestre (diversa dal simulcast). Tutti i soggetti interessati possono inviare le proprie osservazioni all Autorità entro il 30 settembre Domini.xxx: 50 giorni per l opt-out Da qualche mese l ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), ente demandato all individuazione ed assegnazione dei domini dei siti internet, ha esteso il numero di domini registrabili individuando, tra l altro, un nuovo dominio il.xxx destinato a caratterizzare i siti che offrono contenuti per adulti.

7 L individuazione della nuova estensione sta ponendo una serie di questioni, in particolare per quelle società titolari di marchi registrati che, non operanti nel settore del porno, subirebbero dei pregiudizi dalla registrazione del proprio brand associato all estensione.xxx da parte di soggetti terzi. Al fine di mitigare i delicati problemi derivanti dall introduzione della nuova estensione la società di gestione del dominio, ICM Registry ha previsto una dettagliata procedura per procedere alla registrazione dei siti. La società in questione, con il programma denominato Sunrise 2, ha previsto la possibilità, per i titolari di marchi registrati non appartenenti al settore del porno, di escludere il proprio brand dal novero dei domini registrabili con l estensione.xxx attraverso una procedura di opt-out. La procedura sarà attiva per 50 giorni, dal 7 settembre al 28 ottobre 2011, e previo il pagamento di una somma una tantum consentirà ai soggetti interessati di escludere il proprio marchio registrato dal novero dei domini registrabili con l estensione.xxx. In mancanza di opt-out il marchio sarà disponibile per la registrazione con la nuova estensione che partirà, con modalità differenziate, dall 8 novembre Maggiori informazioni sono disponibili sul sito della società di gestione Disegno di legge per la modifica di alcune disposizioni in materia di responsabilità degli ISP È stato di recente presentato alla Camera dei Deputati il Disegno di Legge n Modifica degli articoli 16 e 17 del decreto legislativo 9 aprile 2003, n.70, in materia di responsabilità e di obblighi dei prestatori di servizi della società dell informazione. Il disegno di legge intende estendere la responsabilità degli hosting provider per omessa rimozione dei contenuti illeciti alle ipotesi in cui la segnalazione non provenga dalle autorità competenti ma da un qualsiasi soggetto interessato. La proposta di legge precisa infatti che tutte le informazioni di cui dispone l hosting provider - comprese quelle che sono state fornite dai soggetti titolari dei diritti violati - sono in grado di metterlo al corrente di fatti e circostanze che rendono manifesta l illiceità dell attività o dell informazione. Tra le altre novità vi è il richiamo ad un generico dovere di diligenza che sussiste in capo ad ogni internet service provider e che si concretizza anche con l adozione, in via preventiva, di una serie di filtri tecnicamente adeguati il cui scopo è quello di impedire l accesso ad informazioni dirette a promuovere o comunque ad agevolare la messa in commercio di prodotti e servizi che violano diritti di proprietà industriale o la cui commercializzazione è riservata a canali di vendita o di fornitura particolari o che richiedono la prescrizione medica. Infine, il disegno di legge sottolinea che, in virtù delle disposizioni contenute nel Codice della proprietà industriale e nella Legge sul diritto d'autore, è possibile intraprendere nei confronti del provider azioni inibitorie dirette a far cessare o ad impedire una violazione, anche laddove essi non possano essere ritenuti civilmente o penalmente responsabili. Consiglio di Stato: il messaggio promozionale incompleto non è sempre ingannevole Con sentenza depositata in data 5 settembre 2011, il Consiglio di Stato, Sez. VI, si è pronunciato in materia di ingannevolezza di un messaggio promozionale. La vicenda trae origine da una segnalazione inviata all Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) da parte di un consumatore, relativa alla presunta ingannevolezza di un messaggio pubblicitario telefonico, diffuso da una società che svolge attività di vendita al dettaglio soprattutto attraverso l organizzazione di manifestazioni per soli fini di pubblicità, nel periodo maggio 2007.

8 In particolare, si lamentava l incompletezza dell informazione data nella telefonata, in quanto in essa si prospettava la consegna di un paio di scarpe per bambini a titolo di omaggio promozionale, senza specificare alcun onere da parte dei partecipanti, nell ambito di una manifestazione che si sarebbe tenuta in quel periodo, mentre in realtà la consegna di tale paio di scarpe era subordinata alla partecipazione ad una presentazione di un enciclopedia. Condizione, questa, non comunicata all atto del messaggio telefonico. AGCM (con provvedimento n del 27 dicembre 2007) ha ritenuto il messaggio ingannevole, in quanto idoneo a indurre in errore i consumatori in ordine alla reale natura dell iniziativa e del prodotto che costituisce l oggetto principale della promozione (l enciclopedia). AGCM aveva quindi irrogato alla società una sanzione amministrativa pecuniaria pari ad Euro 9.100,00. Avverso il provvedimento di AGCM la società ha presentato un ricorso al TAR, il quale ha annullato il medesimo, ritendendo che nessun consumatore medio, ragionevolmente avveduto, può ritenere che il ritiro di un omaggio, dichiaratamente di natura promozionale, nel corso di una esposizione commerciale, non comporti, quantomeno, l onere, al fine di assicurarsi il suddetto beneficio, di assistere alla presentazione di un qualche prodotto tra quelli commercializzati dalla società, conseguendone la non ingannevolezza del messaggio pubblicitario (sentenza del TAR Lazio, Sez. I, n. 4323/2010). Su ricorso di AGCM il Consiglio di Stato, con la sentenza in esame, confermando la sentenza del TAR sopra citata, ha affermato che pur dovendosi ritenere il contenuto informativo della telefonata promozionale non del tutto completo, essendo prevista soltanto come eventuale l informazione sulla promozione della enciclopedia, una tale parziale incompletezza non risulta, nel contesto del caso di specie, di grado tale da indurre in errore il consumatore fino ad incidere sulla sua libertà di scelta consapevole pregiudicandone il comportamento economico. Il Consiglio di Stato ha dato rilevanza alla circostanza per cui il modello di istruzione sul contenuto della telefonata prevedeva l informazione, necessaria ed esplicita, che l iniziativa sarebbe stata volta a promuovere prodotti di varie aziende e a pubblicizzare l azienda e i prodotti in esposizione per farli meglio conoscere, rendendosi con ciò evidente che all omaggio si sarebbe accompagnata la presentazione di prodotti, al fine di predisporre al loro acquisto. Si è concluso, quindi, per la sufficienza della informazione data al consumatore, dal momento che a questi è stata resa nota la connessione tra il previsto omaggio e la promozione di prodotti, e che la consegna dell omaggio in ogni caso era subordinata alla presentazione di altri beni. Marchio Capacità del marchio contraffatto di trarre in inganno La Corte di Cassazione, con sentenza n del 9 agosto 2011 resa in sede penale, afferma che, per escludere il reato di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi previsto dall art. 474 del codice penale a tutela della fede pubblica, non è sufficiente valutare l evidenza del falso al momento dell acquisto (nel caso di specie il prezzo, la confezione, la vendita all interno di un mercato rionale), ma è necessario avere ulteriori riscontri. La Cassazione avverte che il falso può ritenersi grossolano solo quando i suoi requisiti materiali intrinseci siano tali da far escludere la sua originalità non solo allo specifico compratore, ma all intera collettività, sulla base di una valutazione ex ante riferibile a qualsiasi persona di comune discernimento e avvedutezza. Pertanto l attitudine della falsificazione a ingenerare confusione deve essere apprezzata non con riferimento al momento dell acquisto, bensì in relazione alla visione degli oggetti nella loro successiva utilizzazione da parte di un numero indistinto di soggetti. Nella fattispecie, la Corte di Cassazione ribalta la decisione con cui il GIP di Firenze aveva escluso il reato di ricettazione di orologi con marchi contraffatti in base alla consapevolezza del falso al momento dell acquisto.

9 Rappresentazioni televisive di vicende giudiziarie In data 18 luglio 2011 il Comitato di applicazione del Codice di autoregolamentazione in materia di rappresentazioni televisive di vicende giudiziarie ha emanato un regolamento contenente le procedure cui il Comitato di applicazione del Codice dovrà attenersi nello svolgimento dei procedimenti istruttori di sua competenza, nella deliberazione e nella redazione dei provvedimenti conclusivi. I contenuti del regolamento concernono: le segnalazioni al Comitato in caso di programma non conforme alle disposizioni del Codice; la valutazione preventiva di ammissibilità delle segnalazioni; la comunicazione della segnalazione all emittente, garanzie di difesa e svolgimento dell istruttoria; la convocazione del Comitato; le riunioni del Comitato e deliberazioni. La delibera è pubblicata nel sito dell AGCOM. Sulla responsabilità del gestore di un forum di discussione Il Tribunale di Bologna, con decisione dell 11 agosto 2011, ha ritenuto che (i) il gestore di un forum di discussione non è responsabile per i contenuti pubblicati dagli utenti e ritenuti, diffamatori da terzi e (ii) la possibilità di chiedere ed ottenere a prescindere dalla responsabilità del gestore del forum in via d urgenza, ex art. 16, comma 3 del D.lgs. 70/2003, un provvedimento finalizzato all ottenimento dei dati necessari all identificazione degli autori dei post è subordinata all accertamento del carattere effettivamente diffamatorio del post medesimo. Nella fattispecie, il Tribunale ha rigettato il ricorso ex art. 700 c.p.c. con il quale si chiedeva la rimozione di pagine contenenti, a parere del ricorrente, espressioni diffamatorie nei confronti del proprio marchio, nell ambito di un forum di discussione gestito da Yahoo!. Il Giudice, esclusa la responsabilità di Yahoo! in quanto mero intermediario della comunicazione ha altresì negato al ricorrente la possibilità di ottenere dal gestore del forum i dati necessari ad identificare gli utenti autori dei post in quanto i post incriminati, pur esprimendo giudizi negativi nei confronti dell azienda del ricorrente, rappresentavano un corretto esercizio del diritto di critica, riferendosi a fatti veri o dei quali comunque il ricorrente non era stato in grado di provare la falsità ed erano formulati con toni continenti, anche in considerazione del carattere informale del contesto, carattere che, secondo il magistrato, imporrebbe di valutare la ricorrenza di detto requisito con maggiore tolleranza. Il Garante Privacy e la tutela dei lavoratori: le violazioni dell Istituto Poligrafico Il Garante ha emanato un provvedimento che ha posto fine al trattamento illecito dei dati personali dei dipendenti da parte dell Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato s.p.a. Oggetto del provvedimento è stato il trattamento dei dati personali dei lavoratori nell ambito dei sistemi di comunicazione elettronica quali internet, la posta elettronica aziendale e la telefonia VoIP. L attività del Garante si è inoltre focalizzata sull attuazione da parte della società delle misure prescritte ai titolari dei trattamenti effettuati con strumenti elettronici relativamente alle attribuzioni delle funzioni di amministratore di sistema in relazione ai menzionati sistemi di comunicazione elettronica. Tra le diverse violazioni riscontrate dal Garante, figurava un attività di profilazione dei dipendenti idonea a rivelare i dati sensibili degli stessi: la società si serviva di un software che impediva ai

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

Estratto da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni RELAZIONE ANNUALE SULL ATTIVITÀ SVOLTA E SUI PROGRAMMI DI LAVORO Roma, 24 luglio 2007

Estratto da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni RELAZIONE ANNUALE SULL ATTIVITÀ SVOLTA E SUI PROGRAMMI DI LAVORO Roma, 24 luglio 2007 Estratto da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni RELAZIONE ANNUALE SULL ATTIVITÀ SVOLTA E SUI PROGRAMMI DI LAVORO Roma, 24 luglio 2007 2.11.La tutela dei minori Lo scenario normativo relativo al

Dettagli

VISTO il Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo;

VISTO il Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo; Provvedimento PI5591 - FASTWEB-TUTTO GRATIS FINO A NATALE tipo Chiusura istruttoria numero 16759 data 18/04/2007 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 16/2007 Procedimento collegato (esito) - Ingannevole Testo Provvedimento

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE VI LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ COMMERCIALE ATTRAVERSO I MEZZI DI COMUNICAZIONE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Premessa ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 75/14/CSP ARCHIVIAZIONE NEI CONFRONTI DELLA SOCIETÀ R.T.I. S.P.A. (FORNITORE DEL SERVIZIO DI MEDIA AUDIOVISIVO IN AMBITO NAZIONALE IN TECNICA DIGITALE

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato.

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Decreto legislativo 15 novembre 2000, n. 373 OBIETTIVO Armonizzazione delle

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINANZA INGIUNZIONE ALLA SOCIETÀ IN. FORMA S.R.L. (SERVIZIO DI MEDIA AUDIOVISIVO IN AMBITO LOCALE RETEVERSILIA) PER LA VIOLAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CONTENUTE NELL ART. 8, COMMA 2, DELLA

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato l autorizzazione alla raccolta

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

La programmazione televisiva disposizioni normative e regolamentari

La programmazione televisiva disposizioni normative e regolamentari La programmazione televisiva disposizioni normative e regolamentari Avv. Mauro Maiolini Roma, lì 22 maggio 2012 1 PREMESSA Obiettivo del presente seminario è quello di offrire all operatore televisivo

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 marzo 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate POLIGRAFICI PRINTING S.P.A. REGOLAMENTO IN TEMA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI * * * Il presente regolamento in materia di informazioni privilegiate e operazioni

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Elettro S.I.E.M.M. S.r.l. /Fastweb S.p.A.

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Elettro S.I.E.M.M. S.r.l. /Fastweb S.p.A. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Elettro S.I.E.M.M. S.r.l. /Fastweb S.p.A. Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente

Dettagli

Privacy Policy e utilizzo dei cookie.

Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy Informativa resa ai sensi dell articolo 13 del D.lgs. n.196/2003 ai visitatori del sito di Hakomagazine e fruitori dei servizi offerti dallo stesso,

Dettagli

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori.

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. Procedura Accertamento della violazione da cui consegue decurtazione di punteggio (1)

Dettagli

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI Dott.ssa Stefania Ercolani Società Italiana degli Autori ed Editori WEB TV, WEB RADIO E VIDEO ON DEMAND: UN REBUS NORMATIVO? LE FONTI Direttiva

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 16 febbraio 2008; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 16 febbraio 2008; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 16 febbraio 2008; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; VISTO il Titolo III del Decreto Legislativo 6 settembre 2005,

Dettagli

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 3/2015 Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità.

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

COMUNE DI NOVATE MILANESE - PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI NOVATE MILANESE - PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI NOVATE MILANESE - PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 12

Dettagli

Privacy policy. Obiettivo dell avviso

Privacy policy. Obiettivo dell avviso Privacy policy Obiettivo dell avviso La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del Sito web: http://www.reteivo.eu (di seguito anche il Sito ), in riferimento al trattamento

Dettagli

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing)

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

ALLEGATO 3 AL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO QUADRO REGOLAMENTO DELLA PIATTAFORMA INFORMATICA DEL PLAFOND COMPLESSIVO

ALLEGATO 3 AL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO QUADRO REGOLAMENTO DELLA PIATTAFORMA INFORMATICA DEL PLAFOND COMPLESSIVO ALLEGATO 3 AL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO QUADRO REGOLAMENTO DELLA PIATTAFORMA INFORMATICA DEL PLAFOND COMPLESSIVO PLAFOND RICOSTRUZIONE SISMA 2012 ONLINE Articolo 1 PREMESSA 1. I termini con iniziale maiuscola

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 27 NOVEMBRE 2014 583/2014/S/COM AVVIO DI PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONE DI OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI ANAGRAFICA DEGLI OPERATORI E DI RECLAMI PRESENTATI ALLO SPORTELLO

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA Sull esercizio del c.d. potere di soccorso in materia di gare pubbliche Inquadramento della

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

PS7450 - BNC CREDIT-MANCATA INDICAZIONE TAN E TAEG Provvedimento n. 23108

PS7450 - BNC CREDIT-MANCATA INDICAZIONE TAN E TAEG Provvedimento n. 23108 306 PS7450 - BNC CREDIT-MANCATA INDICAZIONE TAN E TAEG Provvedimento n. 23108 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 dicembre 2011; SENTITO il Relatore Professore

Dettagli

Allegato C alla Delibera n. 711/11/CONS

Allegato C alla Delibera n. 711/11/CONS Allegato C alla Delibera n. 711/11/CONS Documento per la consultazione pubblica in materia di Nuove disposizioni in materia di carte dei servizi e qualità dei servizi di televisione a pagamento ai sensi

Dettagli

DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX

DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Contenuti 1. Introduzione... 3 1.1 Lavoratori dipendenti non Dirigenti... 3 1.2 Lavoratori dipendenti Dirigenti... 4 1.3 Misure nei confronti degli Amministratori e

Dettagli

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione Pagine 1 di 6 PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA (WHISTLEBLOWING) REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE Data della revisione Causale della revisione RAQ Bolgia Cristina RPC

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Art. 1 Finalità e oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso

Dettagli

Piattaforma Imprese - Versione 20140805

Piattaforma Imprese - Versione 20140805 Piattaforma Imprese - Versione 20140805 REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA INFORMATICA PIATTAFORMA IMPRESE ONLINE Articolo 1 PREMESSA 1. Con il presente regolamento (il Regolamento ), Cassa depositi

Dettagli

Negli ultimi anni si è assistito a un proliferare di casi di

Negli ultimi anni si è assistito a un proliferare di casi di 3 Negli ultimi anni si è assistito a un proliferare di casi di marketing telefonico aggressivo da parte delle più diffuse compagnie telefoniche operanti sul mercato. Spesso il margine tra l aggressività

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 109/14/CSP ARCHIVIAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 1, DEL REGOLAMENTO IN MATERIA DI TUTELA DEL DIRITTO D AUTORE SULLE RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA E PROCEDURE ATTUATIVE AI SENSI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 30 aprile 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632

PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632 PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 giugno 2012; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la Parte

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX Determinazione dirigenziale n. 7 del 3 ottobre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme

Dettagli

DELIBERA DL/025/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA V. M./ FASTWEB XXX (LAZIO/D/2/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO

DELIBERA DL/025/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA V. M./ FASTWEB XXX (LAZIO/D/2/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO DELIBERA DL/025/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA V. M./ FASTWEB XXX (LAZIO/D/2/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO NELLA riunione del 4 febbraio 2015; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

IL DIRIGENTE. Determinazione 5/2015. Definizione della controversia Andreoli XXX/ Telecom Italia S.p.A.

IL DIRIGENTE. Determinazione 5/2015. Definizione della controversia Andreoli XXX/ Telecom Italia S.p.A. Determinazione 5/2015 Definizione della controversia Andreoli XXX/ Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica

Dettagli

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC.

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA Sul

Dettagli

AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento 31 luglio 2008 n. 18698 Presidente e Relatore Catricalà

AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento 31 luglio 2008 n. 18698 Presidente e Relatore Catricalà Il blocco della funzionalità dell apparecchio di telefonia mobile dopo il periodo di utilizzo esclusivo a favore dell operatore venditore integra limitazione dei diritti contrattuali dell utente, in dispregio

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il D. Lgs. 1 agosto 2003, n. 259, Codice delle comunicazioni elettroniche, in particolare l art. 84;

IL DIRIGENTE. VISTO il D. Lgs. 1 agosto 2003, n. 259, Codice delle comunicazioni elettroniche, in particolare l art. 84; Determinazione 18/2014 Definizione della controversia XXX/Optima Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la L. 31 luglio 1997, n. 249, Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi

Dettagli

DISTRIBUZIONE INTEGRATA DEI SERVIZI TURISTICI

DISTRIBUZIONE INTEGRATA DEI SERVIZI TURISTICI DISTRIBUZIONE INTEGRATA DEI SERVIZI TURISTICI La distribuzione integrata dei servizi turistici è funzionale a tre obiettivi: Evitare costi e rischi della distribuzione dei propri servizi presso la clientela*;

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27 settembre 2013 Art 1. Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Determinazione 16/2015. Definizione della controversia De Lorenzi XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 16/2015. Definizione della controversia De Lorenzi XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 16/2015 Definizione della controversia De Lorenzi XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli

Autorità garante della concorrenza e del mercato Piazza G. Verdi, 6/A - 00198 ROMA

Autorità garante della concorrenza e del mercato Piazza G. Verdi, 6/A - 00198 ROMA Autorità garante della concorrenza e del mercato Piazza G. Verdi, 6/A - 00198 ROMA Oggetto: integrazione denuncia di condotta commerciale ingannevole e scorretta del sito internet http://www.italia-programmi.net

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la sottoscrizione dei servizi offerti da TECHELP

Condizioni Generali di Contratto per la sottoscrizione dei servizi offerti da TECHELP Condizioni Generali di Contratto per la sottoscrizione dei servizi offerti da TECHELP Il presente documento consente al firmatario (di seguito: Cliente) sottoscrittore dei servizi richiesti (di seguito:

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

Delibera n. 3 2015. Oggetto: Definizione della controversia GU14 106/2014 XXX /BT ITALIA XXX

Delibera n. 3 2015. Oggetto: Definizione della controversia GU14 106/2014 XXX /BT ITALIA XXX Verbale n. 3 Adunanza del 3 febbraio 2015 L anno duemilaquindici il giorno tre del mese di febbraio alle ore 11,00 in Torino, presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze,

Dettagli

Provvedimento PI6462 - OMOGENEIZZATI AL PROSCIUTTO DELLA NESTLÉ. Chiusura istruttoria. numero 18021. data 13/02/2008 PUBBLICAZIONE

Provvedimento PI6462 - OMOGENEIZZATI AL PROSCIUTTO DELLA NESTLÉ. Chiusura istruttoria. numero 18021. data 13/02/2008 PUBBLICAZIONE Provvedimento PI6462 - OMOGENEIZZATI AL PROSCIUTTO DELLA NESTLÉ tipo Chiusura istruttoria numero 18021 data 13/02/2008 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 6/2008 Procedimento collegato (esito) - Ingannevole Testo

Dettagli

IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE

IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE DELIBERAZIONE 21 MAGGIO 2015 234/2015/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING)

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) INDICE 1. Premessa 2. Scopo e ambito di applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti normativi 5. Governo della policy 6. Segnalazioni relative a presunte violazioni

Dettagli

- Dmail Group S.p.A. -

- Dmail Group S.p.A. - - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI Internal Dealing - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 4 agosto 2008 VIS 74/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Bergamo Energia S.p.A.

Dettagli

CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001

CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001 CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001 * * * La presente Carta delle Garanzie è prevista dall Offerta di Interconnessione di Riferimento

Dettagli

Delibera n. 114/ 2015

Delibera n. 114/ 2015 Delibera n. 114/ 2015 Chiusura del procedimento sanzionatorio avviato con Delibera 70/2015 nei confronti di Trenitalia S.p.A. ai sensi del decreto legislativo 17 aprile 2014, n. 70, recante la disciplina

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione PARERE N. 144 DEL 02 settembre 2015 PREC 120/15/S Autorità Nazionale Anticorruzione OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. 163/2006 presentata

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM APPROFONDIMENTI INTERPRETATIVI, ESIGENZE DI CHIARIMENTO, CRITICITA

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Pos obbligatorio dal 30 giugno per imprese e lavoratori autonomi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 30 giugno 2014

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO FORNITORI PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO ALBO FORNITORI PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO ALBO FORNITORI PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE 1 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI 3 1.1 Oggetto e Finalità 3 1.2 Definizioni 3 1.3 Campo di Applicazione 3 2. PROCEDURA PER L ISCRIZIONE ALL ALBO

Dettagli

Decisione N. 2276 del 14 aprile 2014

Decisione N. 2276 del 14 aprile 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato da

Dettagli