CITTA DI GRANAROLO DELL EMILIA Provincia di Bologna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA DI GRANAROLO DELL EMILIA Provincia di Bologna"

Transcript

1 Allegato 1) Deliberazione C.C. n 26 del 19 aprile 2006 Visto: IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO GENERALE (De Letteriis Lacci Luigi) (Dott.ssa Rita Petrucci) DISCIPLINA SULLA MOBILITA D UFFICIO E SULLA DECADENZA RELATIVA AGLI ALLOGGI DI ERP TITOLO I DISCIPLINA SULLA MOBILITA D UFFICIO DELL UTENZA ART. 1 MOBILITA ATTIVATA D UFFICIO 1. La mobilità attivata d ufficio è finalizzata ad eliminare o risolvere parzialmente le condizioni di grave sottoutilizzazione degli alloggi di erp. 2. Viene istituita una graduatoria aperta, aggiornata periodicamente ogni qual volta debbano essere effettuate le assegnazioni d ufficio, nella quale sono collocati tutti gli assegnatari che presentano un numero di persone del proprio nucleo familiare inferiore al numero di componenti del nucleo individuato nella sottoindicata tabella degli standard abitativi: N. componenti nucleo familiare Superficie alloggio 2 persone da 59 mq. a 63 mq. 3 persone da 64 mq. a 78 mq. 4 persone da 79 mq. in su 3. L ordine di inserimento nella graduatoria della mobilità attivata d ufficio è il seguente: 1 fascia: assegnatari che risiedono in un alloggio di 79 o più mq. e hanno un nucleo familiare composto da 1 persona; 2 fascia: assegnatari che risiedono in un alloggio di 79 o più mq. e hanno un nucleo familiare composto da 2 persone; 3 fascia: assegnatari che risiedono in un alloggio compreso tra 64 e 78 mq. e hanno un nucleo familiare composto da 1 persona; 4 fascia: assegnatari che risiedono in un alloggio di 79 o più mq. e hanno un nucleo familiare composto da 3 persone; 5 fascia: assegnatari che risiedono in un alloggio compreso tra 64 e 78 mq. e hanno un nucleo familiare composto da 2 persone; 6 fascia: assegnatari che risiedono in un alloggio compreso tra 59 e 63 mq. e hanno un nucleo familiare composto da 1 persona. 4. A parità di punteggio, viene attribuita priorità all assegnatario che, nell ordine, presenta una delle seguenti condizioni: che sottoutilizza l alloggio da più anni; che risiede nell alloggio più grande; che paga un canone più basso;

2 che risiede in un alloggio ubicato in un piano più alto. 5. La mobilità dovrà riguardare l intero nucleo assegnatario. Per nucleo familiare si intendono tutti coloro che risultano essere regolari componenti del nucleo assegnatario. Gli ospiti (di cui all art. 27, comma 3 della L.R. 24/2001), coloro che non sono ancora entrati a far parte del nucleo familiare (ai sensi dell art. 27, comma 1 della medesima L.R. 24/2001), nonché gli occupanti non regolari degli alloggi, non possono essere considerati per la definizione dello standard abitativo dell alloggio. 6. Il Comune deciderà di volta in volta quanti e quali alloggi destinare alla mobilità comunale di cui al presente articolo, nell ambito di quelli resisi disponibili nel corso dell anno. ART. 2 INDIVIDUAZIONE, CONSEGNA DEGLI ALLOGGI E RINUNCIA 1. Il Comune informa dell avvio del procedimento di mobilità l interessato e, qualora sia possibile, prevede la facoltà per il medesimo di visionare gli alloggi idonei e disponibili per la mobilità, al fine di esprimere una preferenza, fissando comunque un termine massimo di sette giorni per la scelta dell alloggio. La scelta dell alloggio deve essere effettuata dall interessato o da persona a ciò delegata. In caso di mancata presentazione l interessato decade dal diritto di scelta. 2. L interessato può opporsi alla mobilità, adducendo gravi e documentati motivi che devono comunque essere valutati da parte del Comune. 3. In tale circostanza, il Comune, qualora non consideri l opposizione adeguatamente motivata, individua tra gli alloggi disponibili per la mobilità quello che sarà assegnato d ufficio. 4. In caso di rinuncia ritenuta giustificata dal Comune, l interessato viene escluso dalla graduatoria aperta e potrà essere ri-inserito nel caso in cui successivamente venissero a modificarsi le condizioni che hanno portato all esclusione. 5. Secondo quanto pattuito nella convenzione di cui all art. 4 del vigente Regolamento comunale per la disciplina della gestione degli alloggi di edilizia Residenziale Pubblica, l Ente Gestore, sulla base del provvedimento di mobilità, provvede alla convocazione dell interessato con lettera raccomandata, qualora non sia stato possibile un reperimento più rapido, per la stipulazione del contratto, per la consegna dei regolamenti e per la successiva consegna del nuovo alloggio e successiva riconsegna dell alloggio precedentemente assegnato. L interessato che, previa diffida dell Ente Gestore, non sottoscriva il contratto di locazione e non provveda ad assumere in consegna l alloggio ed a riconsegnare il precedete alloggio, entro i termini indicati nella comunicazione, è soggetto all applicazione di un canone di locazione di importo doppio rispetto a quello precedentemente corrisposto, con un importo minimo di Euro 400,00 mensili. 6. Il Comune stabilisce in sessanta giorni dalla firma del contratto, il termine entro il quale l interessato deve occupare stabilmente il nuovo alloggio e riconsegnare quello precedentemente abitato, salvo proroga concessa dal Comune, a seguito di motivata istanza. La mancata occupazione entro il termine indicato comporta l applicazione di un canone di locazione di importo doppio rispetto a quello precedentemente corrisposto, con un importo minimo di Euro 400,00 mensili. 7. Entro quattro mesi dalla data di approvazione del presente atto, l Ufficio competente formerà la graduatoria della mobilità attivata d ufficio e ne darà opportuna notizia a tutti coloro inseriti nella graduatoria stessa.

3 TITOLO II DISCIPLINA SULLA DECADENZA ART. 3 ANNULLAMENTO DEL PROVVEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE 1. Il Comune dispone l'annullamento del provvedimento di assegnazione dell'alloggio, ai sensi dell'art. 29 della Legge Regionale 8 agosto 2001, n. 24, in contraddittorio con l'assegnatario, nei seguenti casi: a) di contrasto del provvedimento con la normativa vigente al momento dell'assegnazione; b) di assegnazione sulla base di dichiarazioni mendaci o di documentazioni risultate false. 2. Il provvedimento di annullamento comporta la risoluzione di diritto del contratto. Il provvedimento ha carattere definitivo, indica il termine di rilascio dell'alloggio, costituisce titolo esecutivo nei confronti dell'assegnatario e di chiunque occupi l'alloggio e non è soggetto a graduazioni o proroghe. ART. 4 DECADENZA 1. La decadenza dall'assegnazione è disposta dal Comune, d'ufficio o su richiesta del soggetto gestore, nei confronti del nucleo avente diritto che, nel corso del rapporto di locazione: a) abbia abbandonato l'alloggio, senza gravi motivi, per un periodo superiore a tre mesi; b) abbia sublocato, in tutto o in parte l'alloggio assegnatogli; c) abbia mutato la destinazione d'uso dell'alloggio assegnatogli; d) abbia adibito l'alloggio a scopi illeciti o immorali; e) abbia gravemente contravvenuto al regolamento d'uso degli alloggi; f) abbia causato gravi danni all'alloggio e alle parti comuni dell'edificio; g) si sia reso moroso per un periodo superiore a tre mesi, fatto salvo quanto disposto dai commi 4 e 5 dell'art. 32 della L.R. 24/01; h) abbia perduto i requisiti prescritti per l'assegnazione, indicati alle lettere a), b), c) e d) del comma 1 dell'art. 15 della L.R. 24/01; i) abbia superato il limite di reddito per la permanenza, determinato ai sensi del comma 2 dell'art. 15 della L.R. 24/01; l) si sia reso inadempiente rispetto alla richiesta periodica di informazioni e documentazione per l'accertamento del reddito del nucleo avente diritto e degli altri requisiti per la permanenza; m) abbia eseguito opere sulle parti comuni del fabbricato in cui è situato l'alloggio assegnato, o nell'area di pertinenza del fabbricato predetto, senza il prescritto titolo abilitativi; n) abbia opposto rifiuto alla proposta di cambio alloggio per esigenze di ristrutturazione da parte del Comune. 2. L'Ente Gestore deve dare tempestiva comunicazione al Comune del verificarsi di fatti e delle condizioni che possono determinare l'emanazione di un provvedimento di decadenza. 3. L'Ente Gestore comunica al diretto interessato e al Comune l'inizio del procedimento dell'accertamento della sussistenza di fatti o condizioni che possono portare al provvedimento di decadenza. 4. La dichiarazione di decadenza comporta il pagamento del canone di locazione determinato ai sensi delle vigenti normative, maggiorato del 20%. Eventuali variazioni di detta misura verranno determinate ai sensi della lettera d) del comma 1 dell'art. 35, della L.R. 24/01, con riferimento ai valori locativi del libero mercato, a mezzo di concertazione in sede provinciale. 5. L'Ente Gestore comunica al diretto interessato e al Comune la conclusione del procedimento di accertamento relativo alla sussistenza dei fatti o delle condizioni che portano al provvedimento di decadenza.

4 ART. 5 PROCEDIMENTO DI DICHIARAZIONE DI DECADENZA 1. Il provvedimento di decadenza, ai sensi dell'art. 30 della L.R. 24/01, deve essere adottato in contraddittorio con l'interessato entro trenta giorni dalla conclusione del procedimento di accertamento dei fatti o delle condizioni di decadenza. 2. Il Comune deve avviare il contraddittorio con l'interessato, definendo: a) la conclusione del procedimento in relazione alle controdeduzioni presentate; b) la sospensione della emanazione del provvedimento di decadenza, attivando un'ulteriore istruttoria; c) l'adozione del provvedimento di decadenza. ART. 6 SOSPENSIONE DEL PROCEDIMENTO DI DICHIARAZIONE DI DECADENZA 1. La sospensione della emanazione del provvedimento di decadenza può essere concessa una sola volta nei seguenti casi: a) Abbandono dell'alloggio, senza gravi motivi, per un periodo superiore a tre mesi. La sospensione dell'emanazione del provvedimento di decadenza potrà essere concessa qualora l'assegnatario o altre persone del nucleo familiare aventi interesse in caso di impossibilità dell'assegnatario ad intervenire, dimostrino nel termine di 15 giorni dall'instaurazione del procedimento in contraddittorio, mediante idonee certificazioni fornite da terzi che l'abbandono è dovuto a: 1. ricoveri esclusivamente temporanei presso strutture socio-assistenziali, socio-sanitarie o sanitarie; 2. provvedimenti restrittivi della libertà personale presso strutture detentive; 3. partecipazione in altre sedi a corsi di formazione o ad attività finalizzate ad assunzioni o ad impieghi lavorativi che richiedano la prolungata assenza dal domicilio; 4. attività lavorativa che richieda periodiche e prolungate assenze dal domicilio; 5. attività assistenziali nei confronti di familiari che richiedano periodiche e prolungate assenze dal domicilio; 6. residenza all'estero del nucleo per gravi motivi familiari; 7. altre situazioni documentate che il Comune può riservarsi di valutare. Il Comune potrà comunque procedere anche d'ufficio alle verifiche necessarie. Il Responsabile del procedimento, previa valutazione discrezionale della documentazione presentata, sospende l'emanazione del provvedimento di decadenza per un termine massimo sei mesi, ad eccezione del caso di cui al punto 2, in cui il termine di sospensione verrà stabilito dopo adeguata ponderazione del caso presentato, con il limite massimo comunque non superiore a anni due. b) Sublocazione parziale dell'alloggio assegnato. La sospensione dell'emanazione del provvedimento di decadenza potrà essere concessa qualora l'assegnatario si impegni formalmente per iscritto nel termine di 15 giorni dall'instaurazione del procedimento in contraddittorio a ripristinare la situazione originaria entro mesi uno. Il Responsabile del procedimento, previa valutazione discrezionale dell'impegno prestato, sospende il procedimento. Il termine massimo di sospensione è di mesi uno. Al secondo accertamento del medesimo comportamento illecito la decadenza verrà immediatamente emanata. Non è ammessa sospensione dell'emanazione del provvedimento di decadenza nel caso di sublocazione totale. c) Gravi contravvenzioni al regolamento d'uso degli alloggi. La sospensione dell'emanazione del provvedimento di decadenza potrà essere concessa qualora l'assegnatario si impegni formalmente per iscritto nel termine di 15 giorni dall'instaurazione del procedimento in contraddittorio a non reiterare detti comportamenti. Il Responsabile del procedimento, previa valutazione discrezionale dell'impegno prestato, sospende il procedimento per un termine massimo di mesi uno. Al secondo accertamento di grave contravvenzione al regolamento d'uso degli alloggi la decadenza verrà immediatamente emanata.

5 d) Morosità per un periodo superiore a tre mesi. La sospensione dell'emanazione del provvedimento di decadenza potrà essere concessa, qualora si verifichi la possibilità di sanare la morosità mediante un piano di recupero relativo alla somma da pagare oltre ad interessi legali, concordato con l'assegnatario, che preveda il pagamento immediato del 50% della morosità e che non potrà superare la durata di anni uno, e contestualmente questi si impegni formalmente per iscritto in calce alla sottoscrizione del suddetto piano di recupero a saldare quanto dovuto. Per quanto riguarda i casi in carico ai servizi sociali i piani di recupero potranno essere adattati a situazioni specifiche. Il Responsabile del procedimento, previa valutazione discrezionale dell'impegno prestato, sospende il procedimento per un termine massimo di anni uno. Nel caso di mancato pagamento o mancato rispetto dei termini di pagamento stabiliti nel piano di recupero il Responsabile del procedimento valuterà in ordine alla emanazione del provvedimento di decadenza, ovvero all'affidamento all'ente gestore dell'incarico di svolgere azione giudiziale rivolta al recupero del credito e al rilascio dell'alloggio. e) Superamento dei limiti di reddito per la permanenza. Su istanza dell'interessato che abbia superato il limite di reddito per la permanenza e a seguito dell'instaurarsi del contraddittorio, il Comune, qualora il reddito del nucleo avente diritto, nell'anno successivo a quello dell'accertamento, sia rientrato entro il limite, sospende l'emanazione del provvedimento di decadenza e qualora sia stato emesso il provvedimento, questo viene revocato. f) Inadempimento alla richiesta periodica di informazioni e documentazione per l'accertamento della situazione economica del nucleo familiare e degli altri requisiti per la permanenza. La sospensione dell'emanazione del provvedimento di decadenza potrà essere concessa qualora l'assegnatario si impegni formalmente per iscritto nel termine di 15 giorni dall'instaurazione del procedimento in contraddittorio a fornire tutte le informazioni richieste entro mesi uno. Il Responsabile del procedimento per i casi in carico ai servizi sociali trasmette comunicazione ai servizi competenti affinché supportino il nucleo nella presentazione dei documenti, se necessario. g) Esecuzione di opere sulle parti comuni del fabbricato in cui è situato l'alloggio assegnato, o nell'area di pertinenza del fabbricato predetto, senza il prescritto titolo abilitativo. La sospensione dell'emanazione del provvedimento di decadenza potrà essere concessa qualora l'assegnatario si impegni formalmente per iscritto nel termine di 15 giorni dall'instaurazione del procedimento in contraddittorio a ripristinare la situazione originaria entro mesi uno. Il Responsabile del procedimento, previa valutazione discrezionale dell'impegno prestato, sospende il procedimento per un termine massimo di mesi uno. 2. In tutti i casi sopraindicati si procederà immediatamente alla emanazione del provvedimento di decadenza, nel caso di morosità sopravvenuta. ART. 7 EFFICACIA DEI PROVVEDIMENTI DI ANNULLAMENTO E DECADENZA 1. In base all'articolo 11, comma dodicesimo, del D.P.R. 30 dicembre 1972 n i provvedimenti di annullamento dell'assegnazione per i casi indicati all'art. 29 della L.R. 24/01 e di decadenza per i casi di cui all'art. 30 della medesima normativa hanno natura definitiva, indicano il termine di rilascio dell'alloggio, costituiscono titolo esecutivo nei confronti dell'assegnatario e di chiunque occupi l'alloggio e non sono soggetti a proroghe. 2. Il mancato rilascio dell'alloggio alla data stabilita nella dichiarazione di decadenza, ai sensi dell'art. 30 comma 4 della L.R. 24/01, comporta il pagamento al Comune, a titolo di sanzione amministrativa, di una somma di Euro 500,00 per ogni mese di occupazione dell'alloggio successivo alla data stabilita per il rilascio, oltre al canone di locazione maggiorato, ai sensi dell'art. 35 comma 1, lettera d) della legge regionale n. 24/2001.

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO MOBILITÀ DEGLI ASSEGNATARI NEGLI ALLOGGI ERP (ART. 28 l.r.

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO MOBILITÀ DEGLI ASSEGNATARI NEGLI ALLOGGI ERP (ART. 28 l.r. COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO MOBILITÀ DEGLI ASSEGNATARI NEGLI ALLOGGI ERP (ART. 28 l.r. 24/01) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 44 del 27 giugno

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ

COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ Art. 1 - Finalità e ambito della mobilità La mobilità degli assegnatari negli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

Regolamento per l assegnazione transitoria e temporanea di alloggi destinati a situazioni di emergenza sociale

Regolamento per l assegnazione transitoria e temporanea di alloggi destinati a situazioni di emergenza sociale COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per l assegnazione transitoria e temporanea di alloggi destinati a situazioni di emergenza sociale Approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del 30.04.2013

Dettagli

DISCIPLINA DEGLI ISTITUTI DI LEGGE CONSEGUENTI ALLE ASSEGNAZIONI DEGLI ALLOGGI DI E.R.P. (Disciplina connessa alla

DISCIPLINA DEGLI ISTITUTI DI LEGGE CONSEGUENTI ALLE ASSEGNAZIONI DEGLI ALLOGGI DI E.R.P. (Disciplina connessa alla Allegato B) alla delibera di C.C. n. 52 del 28.05.2014 DISCIPLINA DEGLI ISTITUTI DI LEGGE CONSEGUENTI ALLE ASSEGNAZIONI DEGLI ALLOGGI DI E.R.P. (Disciplina connessa alla mobilità, decadenza, subentro,

Dettagli

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

CITTÀ DI SAN MARCO IN LAMIS PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI COMUNALI PER USO ABITATIVO A SOGGETTI SOCIALMENTE DEBOLI

CITTÀ DI SAN MARCO IN LAMIS PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI COMUNALI PER USO ABITATIVO A SOGGETTI SOCIALMENTE DEBOLI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI COMUNALI PER USO ABITATIVO A SOGGETTI SOCIALMENTE DEBOLI Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 49 del 9 luglio 2012 1 Art. 1 1. Nel rispetto delle norme

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.

REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R. Città di Lecce REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.P.) DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione

Dettagli

Legge regionale 11 marzo n 2015, n. 4. Misure straordinarie in favore dei comuni per fronteggiare l'emergenza abitativa.

Legge regionale 11 marzo n 2015, n. 4. Misure straordinarie in favore dei comuni per fronteggiare l'emergenza abitativa. REGIONE PIEMONTE BU10S2 12/03/2015 Legge regionale 11 marzo n 2015, n. 4. Misure straordinarie in favore dei comuni per fronteggiare l'emergenza abitativa. Il Consiglio regionale ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEI MINI ALLOGGI RISERVATI A PERSONE ANZIANE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 08.02.2007 N 7 1 I N D I C E Art.

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI IN CONVENZIONE CON IL COMUNE DI VENEZIA E ALTRI ALLOGGI PER INTERVENTI DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE DELL'ASSEGNATARIO E PER L'OSPITALITA' TEMPORANEA - ALLOGGI DI E.R.P.

REGOLAMENTO PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE DELL'ASSEGNATARIO E PER L'OSPITALITA' TEMPORANEA - ALLOGGI DI E.R.P. REGOLAMENTO PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE DELL'ASSEGNATARIO E PER L'OSPITALITA' TEMPORANEA - ALLOGGI DI E.R.P.- Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE EMERGENZE ABITATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE EMERGENZE ABITATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LE EMERGENZE ABITATIVE (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 29/10/2014) Art. n. 1 - Generalità degli interventi Il presente Regolamento disciplina l assegnazione

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO DI MOBILITA INTERNA AL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI ASSOGGETTATI ALLA LEGGE REGIONALE N. 96/1996 e s.m.i. Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze

Comune di Signa Provincia di Firenze DOMANDA n. marca da bollo 14,62 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE al BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, ANNO 2012 L.R.T. 96/96. - Determinazione

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONDAVIO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONDAVIO Provincia di Pesaro e Urbino Ufficio Tecnico IL RESPONSABILE DELL'AREA TECNICA Vista la legge regionale Marche n. 36 del 16/12/2005 e successive integrazioni e modificazioni; Visto l

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 93 del 13/12/2012 SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART.

Dettagli

REGIONE TOSCANA UNIONE DI COMUNI FIESOLE - VAGLIA

REGIONE TOSCANA UNIONE DI COMUNI FIESOLE - VAGLIA marca da bollo 14,62 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, ANNO 2012-11-26 ai sensi della L.R.T. 96/96. Determinazione

Dettagli

CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli

CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI COSTRUENDI ALLOGGI DI E.R.P. (N. 22) SOSTITUTIVI DEGLI ALLOGGI PROVVISORI POST SISMA 80 E PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI DI CUI AL DECRETO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Comune di Modena REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 11.12.2006 - delibera n. 78 1 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

BANDO DI MOBILITA PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI CASTELFIORENTINO RENDE NOTO

BANDO DI MOBILITA PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI CASTELFIORENTINO RENDE NOTO COMUNE DI CASTELFIORENTINO (Provincia di Firenze) BANDO DI MOBILITA PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI CASTELFIORENTINO IL RESPONSABILE DEL

Dettagli

7 BANDO DI CONCORSO GENERALE ai sensi dell art. 3 legge regionale n. 3 del 17 febbraio 2010

7 BANDO DI CONCORSO GENERALE ai sensi dell art. 3 legge regionale n. 3 del 17 febbraio 2010 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE UFFICIO CASA Via Martiri della Libertà, 150 - P.IVA 01113180010 011 / 822 80 25 011 / 822 80 62 ufficio.casa@comune.sanmaurotorinese.to.it 7 BANDO DI CONCORSO GENERALE ai sensi

Dettagli

Raccolta dei Regolamenti comunali per la gestione del patrimonio di edilizia residenziale popolare (erp)

Raccolta dei Regolamenti comunali per la gestione del patrimonio di edilizia residenziale popolare (erp) Raccolta dei Regolamenti comunali per la gestione del patrimonio di edilizia residenziale popolare (erp) INDICE 1 PARTE I REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITA DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI

Dettagli

1. Le modalità stabilite nel presente regolamento si prefiggono i seguenti obiettivi gestionali:

1. Le modalità stabilite nel presente regolamento si prefiggono i seguenti obiettivi gestionali: Allegato alla delibera n. 39/1108 mecc. 2012_48 del 12 aprile 2012 REGOLAMENTO PER LA MOBILITA DEGLI ASSEGNATARI IN APPLICAZIONE DELL ART. 14 DELLA L.R. 17/2/2010 N. 3, E REGOLAMENTO ATTUATIVO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI SARMATO (Provincia di Piacenza) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

COMUNE DI SARMATO (Provincia di Piacenza) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI SARMATO (Provincia di Piacenza) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 59 DEL 30.09.2009 MODIFICATO CON DELIBERA DI

Dettagli

COMUNE DI TOIRANO PROVINCIA DI SAVONA

COMUNE DI TOIRANO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI TOIRANO PROVINCIA DI SAVONA --------------------------------------------------- In attuazione del D.M. 7 giugno 1999 e della Legge n. 431 del 9 dicembre 1998 e della deliberazione della Giunta

Dettagli

COMUNE DI PISA Direzione Consiglio Comunale Politiche della casa

COMUNE DI PISA Direzione Consiglio Comunale Politiche della casa COMUNE DI PISA Direzione Consiglio Comunale Politiche della casa BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IL DIRIGENTE In attuazione della propria

Dettagli

Settore Servizi alla Persona

Settore Servizi alla Persona BANDO DI CONCORSO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DEGLI ASPIRANTI ALL ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA SOVVENZIONATA NEL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO IL DIRIGENTE SETTORE

Dettagli

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE n. 39 del 12 marzo 12 OGGETTO: approvazione bando di mobilità per cambi alloggio all interno del patrimonio di edilizia

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SAN GIOVANNI

COMUNE DI CASTEL SAN GIOVANNI COMUNE DI CASTEL SAN GIOVANNI (Provincia di Piacenza) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALI PUBBLICA ai sensi della Legge della Regione Emilia Romagna dell 8 agosto

Dettagli

- ALLEGATO- DISCIPLINA DEI CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE DI RISERVA PER LE EMERGENZE ABITATIVE

- ALLEGATO- DISCIPLINA DEI CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE DI RISERVA PER LE EMERGENZE ABITATIVE - ALLEGATO- DISCIPLINA DEI CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE DI RISERVA PER LE EMERGENZE ABITATIVE INDICE Premessa Titolo I - Requisiti generali per l'assegnazione di alloggi

Dettagli

C O M U N E D I S A L U D E C I O

C O M U N E D I S A L U D E C I O Commento: C O M U N E D I S A L U D E C I O PROVINCIA DI RIMINI Regolamento Comunale per la disciplina d accesso all Edilizia Residenziale Pubblica e permanenza negli alloggi (Approvato con delibera C.C.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO BANDO DI MOBILITA ANNO 2007

COMUNE DI GAVORRANO BANDO DI MOBILITA ANNO 2007 COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) BANDO DI MOBILITA ANNO 2007 Indetto ai sensi degli artt. 19-20-21-22 della L.R. 20.12.1996 n 96, per la mobilita nel patrimonio pubblico di Edilizia Residenziale

Dettagli

FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI MOBILITA DEGLI ASSEGNATARI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, UBICATI NEL COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI MOBILITA DEGLI ASSEGNATARI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, UBICATI NEL COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO C O M U N E D I S A N G I O V A N N I V A L D A R N O FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI MOBILITA DEGLI ASSEGNATARI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, UBICATI NEL COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

Dettagli

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano COMUNE DI BOSA Provincia di Oristano C.A.P. 08013 C.so Garibaldi S.n.c. C.C.P. 11870086 C.F. 83000090916 P.I. 00202690913 Tel. 0785/368000 Fax 0785/373949 REGOLAMENTO SULLA MOBILITA AI SENSI DEL TITOLO

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di alloggi E.R.P.

Regolamento per l assegnazione di alloggi E.R.P. UFFICIO ASSOCIATO POLITICHE ABITATIVE Regolamento per l assegnazione di alloggi E.R.P. ai sensi della L.R. 08/08/2001 n.24 Disciplina generale dell intervento pubblico nel settore abitativo INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI CARAMAGNA PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO Piazza Castello n. 11 12030 Caramagna Piemonte

COMUNE DI CARAMAGNA PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO Piazza Castello n. 11 12030 Caramagna Piemonte COMUNE DI CARAMAGNA PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO Piazza Castello n. 11 12030 Caramagna Piemonte Bando di concorso per la formazione di una graduatoria per l assegnazione in locazione di alloggi di edilizia

Dettagli

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA FISSAZIONE DEI CANONI DEGLI ALLOGGI DENOMINATI CASETTE DELLA CROCE ROSSA DI PROPRIETÀ DEL COMUNE E NON SOGGETTI ALLA DISCIPLINA

Dettagli

COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale

COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE OVVERO NELLA DISPONIBILITA' COMUNALE Approvato con atto di C.C. n.224

Dettagli

Regolamento ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E DISCIPLINA DELLA GESTIONE NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

Regolamento ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E DISCIPLINA DELLA GESTIONE NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Regolamento ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E DISCIPLINA DELLA GESTIONE NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato con delibera di C.C. n. 120 del 28-11-2002 Modificato con delibere

Dettagli

Comune di Parma REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE (ERS).

Comune di Parma REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE (ERS). Comune di Parma REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE (ERS). Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 14 del 25/02/2014 1 SOMMARIO Art. 1 OGGETTO..

Dettagli

REGIONE TOSCANA COMUNE DI MONTIERI

REGIONE TOSCANA COMUNE DI MONTIERI REGIONE TOSCANA COMUNE DI MONTIERI BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI MONTIERI IL RESPONSABILE DELL AREA in attuazione della

Dettagli

FAQ. La risposta alla domanda richiede una serie di precisazioni:

FAQ. La risposta alla domanda richiede una serie di precisazioni: FAQ L.r. 8 novembre 2007, n. 27: Criteri generali per la determinazione dei canoni per l'edilizia residenziale pubblica e norme sulla valorizzazione e razionalizzazione del patrimonio di edilizia residenziale

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 COMUNE DI CAROVIGNO Provincia di Brindisi c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 BANDO DI CONCORSO N. 3/2013 INDETTO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 20/12/1984,

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) REGOLAMENTO PER LE ASSEGNAZIONI IN DEROGA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA (artt. 6bis,

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA COMUNE DI DOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA Approvato con delibera C.C. n. 77 del 22.11.2012 Modificato con

Dettagli

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA.

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 07.04.2014

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

C O M U N E D I CASELLA P R O V I N C I A D I G E N O V A

C O M U N E D I CASELLA P R O V I N C I A D I G E N O V A Allegato 1 C O M U N E D I CASELLA P R O V I N C I A D I G E N O V A SERVIZI SOCIALI BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLE LOCAZIONI ABITATIVE Il presente bando stabilisce i requisiti

Dettagli

CITTA DI SAVIGLIANO Provincia di Cuneo

CITTA DI SAVIGLIANO Provincia di Cuneo CITTA DI SAVIGLIANO Provincia di Cuneo BANDO DI CONCORSO N. 1, AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 17 FEBBRAIO 2010 E DEI REGOLAMENTI ATTUATIVI PUBBLICATI SUL B.U.R.P. N. 40 DEL 6 OTTOBRE 2011 PER

Dettagli

REGOLAMENTO Per la disciplina della mobilità degli assegnatari negli alloggi E.R.P. ai sensi dell art. 28 della L.R. 8 Agosto 2001, n.

REGOLAMENTO Per la disciplina della mobilità degli assegnatari negli alloggi E.R.P. ai sensi dell art. 28 della L.R. 8 Agosto 2001, n. REGOLAMENTO Per la disciplina della mobilità degli assegnatari negli alloggi E.R.P. ai sensi dell art. 28 della L.R. 8 Agosto 2001, n. 24 Delibera di Consiglio n 61 del 12/10/2011 * * * PREMESSE: I comuni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DESTINATI A SITUAZIONI DI EMERGENZA SOCIALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DESTINATI A SITUAZIONI DI EMERGENZA SOCIALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DESTINATI A SITUAZIONI DI EMERGENZA SOCIALE (approvato con delibera di C.C. n. 13 del 20/02/2006) Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento determina

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO. Art. 1 Oggetto

COMUNE DI GROSSETO. Art. 1 Oggetto COMUNE DI GROSSETO BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA. ( DELIBERAZIONE G.R.T. N 789 DEL 7.7.97 E D.D. N 1778 DEL 18.10.2004 ). Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO COMUNE DI SASSARI Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.P.) DI PROPRIETA

Dettagli

Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica

Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Modalità di assegnazione Riferimenti normativi LEGGE REGIONALE 5 GENNAIO 2000 N. 1 '"Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia. Attuazione del D.Lgs. 31

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 17-07-1997 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 17-07-1997 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 17-07-1997 REGIONE LAZIO Modifica delle leggi regionali 26 giugno 1987, n. 33 e 15 marzo 1990, n. 30 concernenti la disciplina per l' assegnazione e la determinazione dei canoni

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI BRINDISI E DELLO I.A.C.P. ADIBITI A CASE PARCHEGGIO

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI BRINDISI E DELLO I.A.C.P. ADIBITI A CASE PARCHEGGIO COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI BRINDISI E DELLO I.A.C.P. ADIBITI A CASE PARCHEGGIO ART. 1 Per l'assegnazione degli alloggi di proprietà

Dettagli

DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO NON ERP IN LOCAZIONE A CANONE CALMIERATO NEL COMUNE DI CATTOLICA

DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO NON ERP IN LOCAZIONE A CANONE CALMIERATO NEL COMUNE DI CATTOLICA DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO NON ERP IN LOCAZIONE A CANONE CALMIERATO NEL COMUNE DI CATTOLICA da consegnarsi entro il 25 novembre, ore 13,00 Il/la sottoscritto/a (cognome/nome) residente a (provincia/nazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DESTINATI A SITUAZIONI DI EMERGENZA SOCIALE E DISAGIO ABITATIVO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DESTINATI A SITUAZIONI DI EMERGENZA SOCIALE E DISAGIO ABITATIVO COMUNI DI ASCIANO BUONCONVENTO MONTERONI D ARBIA RAPOLANO TERME S. GIOVANNI D ASSO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DESTINATI A SITUAZIONI DI EMERGENZA SOCIALE E DISAGIO ABITATIVO (Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 26 del 28.06.2007 e successivamente modificato con delibera di

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

COMUNE DI CARPINETI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI CARPINETI Provincia di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 5 del 18/02/2013 INDICE ART. 1 OGGETTO

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALERNO ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALERNO BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) BANDO DI MOBILITA ANNO 2012

COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) BANDO DI MOBILITA ANNO 2012 COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) BANDO DI MOBILITA ANNO 2012 Indetto ai sensi degli artt. 19-20-21-22 della L.R. 20.12.1996 n 96, per la mobilita nel patrimonio pubblico di Edilizia Residenziale

Dettagli

Il/La sottoscritt Sig./Sig.ra ; nato/a a Prov. ( ) il ; residente a Prov. ( ); in via n. ; tel. ; cell, e-mail: @ ;

Il/La sottoscritt Sig./Sig.ra ; nato/a a Prov. ( ) il ; residente a Prov. ( ); in via n. ; tel. ; cell, e-mail: @ ; DOMANDA D AMMISSIONE AL CONTRIBUTO ECONOMICO IN FAVORE DI CONDUTTORI SOTTOPOSTI A PROCEDURE ESECUTIVE DI RILASCIO PER FINITA LOCAZIONE AI SENSI DELL'ART. 1, COMMA 1, LEGGE 8 FEBBRAIO 2007, N. 9 DGR 1214

Dettagli

Allegato A alla determinazione n.13/sp del 29 gennaio 2015

Allegato A alla determinazione n.13/sp del 29 gennaio 2015 Allegato A alla determinazione n.13/sp del 29 gennaio 2015 AVVISO PUBBLICO FONDO NAZIONALE DESTINATO AGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI DI CUI AL D.L. 102/2013, CONVERTITO DALLA L.124/2013 CRITERI PER L

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO. AL COMUNE di GROSSETO Servizio Politiche della Casa Via Colombo, n. 5 58100 GROSSETO

COMUNE DI GROSSETO. AL COMUNE di GROSSETO Servizio Politiche della Casa Via Colombo, n. 5 58100 GROSSETO COMUNE DI GROSSETO AL COMUNE di GROSSETO Servizio Politiche della Casa Via Colombo, n. 5 58100 GROSSETO Marca da bollo Domanda di partecipazione al bando di concorso per cambio alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI ALSENO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 8 Agosto 2001 n. 24 e successive modifiche

Dettagli

BANDO PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ACQUISTO DI ALLOGGI DI EDILIZIA A PREZZO CONVENZIONATO IN VIA CURIEL

BANDO PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ACQUISTO DI ALLOGGI DI EDILIZIA A PREZZO CONVENZIONATO IN VIA CURIEL BANDO PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ACQUISTO DI ALLOGGI DI EDILIZIA A PREZZO CONVENZIONATO IN VIA CURIEL SI RENDE NOTO che l Amministrazione Comunale, nell ambito delle proprie politiche abitative

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 21 del 20 marzo 2006 Modificato dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI TORREGLIA (Provincia di Padova) **********

COMUNE DI TORREGLIA (Provincia di Padova) ********** COMUNE DI TORREGLIA (Provincia di Padova) ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE IN PROPRIETA A GIOVANI COPPIE DI ALLOGGIO DI EDILIZIA CONVENZIONATA DA REALIZZARSI IN VIA ROMANA IN SEGUITO

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA (ACER) FERRARA

AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA (ACER) FERRARA AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA (ACER) FERRARA Ente Pubblico Economico ex L.R. 24/2001 Corso Vittorio Veneto, 7 44121 Ferrara - C.F. - Partita IVA 00051510386 Centralino Tel. 0532 230311 - Servizio Clienti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA VALUTAZIONE DELLE ISTANZE DI RICHIESTA DI ALLOGGIO IN DEROGA AI SENSI DEL R.R. 01/04 E S.M.I.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA VALUTAZIONE DELLE ISTANZE DI RICHIESTA DI ALLOGGIO IN DEROGA AI SENSI DEL R.R. 01/04 E S.M.I. 23 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA VALUTAZIONE DELLE ISTANZE DI RICHIESTA DI ALLOGGIO IN DEROGA AI SENSI DEL R.R. 01/0 E S.M.I. APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N.83 Reg./0 Prop. Del.

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Comune di Occhiobello Provincia di Rovigo 6,00 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA AI SENSI DELLA L.R. 0.04.996, N. 0, PUBBLICATO

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari SETTORE SOCIO-CULTURALE COMUNE DI TRIGGIANO

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari SETTORE SOCIO-CULTURALE COMUNE DI TRIGGIANO MARCA DA BOLLO COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari SETTORE SOCIO-CULTURALE AL SINDACO COMUNE DI TRIGGIANO OGGETTO: Domanda per l'assegnazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica. (L.R. N.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO Programma ERP area in via Fosse, con realizzazione di n 10 alloggi, per l eliminazione di baracche, containers e prefabbricati leggeri di cui alla delibera di G.R. n

Dettagli

BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A

BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE ENTRO IL 14 MARZO 2008 1. INDIZIONE DEL BANDO E indetto il bando

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 09/05/2011 Capo I Disposizioni

Dettagli

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI Ai sensi della Convenzione tra Comune di Milano e Pessina Costruzioni S.P.A.

Dettagli

SETTORE SERVIZI AL PATRIMONIO E AL TERRITORIO SERVIZIO AMMINISTRATIVO BANDO DI CONCORSO PER ASSEGNAZIONE LOTTI DI TERRENO IN ZONA

SETTORE SERVIZI AL PATRIMONIO E AL TERRITORIO SERVIZIO AMMINISTRATIVO BANDO DI CONCORSO PER ASSEGNAZIONE LOTTI DI TERRENO IN ZONA SETTORE SERVIZI AL PATRIMONIO E AL TERRITORIO SERVIZIO AMMINISTRATIVO BANDO DI CONCORSO PER ASSEGNAZIONE LOTTI DI TERRENO IN ZONA 67 In esecuzione della Deliberazione di G.C. n. 70 del 4/05/205, esecutiva

Dettagli

Il sottoscritto (cognome e nome ) nato a Prov. il stato civile codice fiscale

Il sottoscritto (cognome e nome ) nato a Prov. il stato civile codice fiscale Marca da bollo da 16,00 al Comune di Castelfranco di Sotto Prot. n. del DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO INTEGRATIVO DI CONCORSO - ANNO 2013 PER L'ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA

Dettagli

(L.R. 25.10.1996, n 96 e s.m.- Det. n 175 del 27.11.2013 )

(L.R. 25.10.1996, n 96 e s.m.- Det. n 175 del 27.11.2013 ) Spett.le Comune di Torino di Sangro Piazza Donato Iezzi 5 6600 Torino di Sangro (CH) ITALIA DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI TORINO DI SANGRO (L.R. 5.0.996,

Dettagli

(Deliberazione n. 63 del 9.11.2015)

(Deliberazione n. 63 del 9.11.2015) REGOLAMENTO DELLE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE E DI UTILIZZO DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI PROPRIETÀ DEI COMUNI DEL LODE FIORENTINO (ART. 3, CO. 1, L. REGIONALE N. 96/1996 COME MODIFICATA

Dettagli

Allegato B) BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI

Allegato B) BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI Allegato B) BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI COMUNE DI FOLIGNO AREA DIRITTI DI CITTADINANZA Bando pubblico per l erogazione di contributi a favore di nuclei

Dettagli

\ Comune di Loano. (Provincia di Savona) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA.

\ Comune di Loano. (Provincia di Savona) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA. \ Comune di Loano (Provincia di Savona) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N. 55 DEL 06/09/2006 MODIFICATO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le modalità di concessione

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Adottato con atto deliberativo di Consiglio Comunale n 60 del 20.11.2008

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 22/04/2013 REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI SOVERIA MANNELLI (PROVINCIA DI CATANZARO) BANDO DI CONCORSO INTEGRATIVO n. 3 ( al Bando Generale del 04/02/2005 )

COMUNE DI SOVERIA MANNELLI (PROVINCIA DI CATANZARO) BANDO DI CONCORSO INTEGRATIVO n. 3 ( al Bando Generale del 04/02/2005 ) COMUNE DI SOVERIA MANNELLI (PROVINCIA DI CATANZARO) BANDO DI CONCORSO INTEGRATIVO n. 3 ( al Bando Generale del 04/02/2005 ) PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PERMANENTE DEGLI ASPIRANTI ALL'ASSEGNAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA E PERMANENZA IN ESSI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001, N. 24 E S.M.I. (Approvato

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFIORITO

COMUNE DI CAMPOFIORITO COMUNE DI CAMPOFIORITO PROVINCIA DI PALERMO ****************** BANDO GENERALE DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI POPOLARI COSTRUITI NEL COMUNE DI CAMPOFIORITO In esecuzione della deliberazione di

Dettagli

CRITERI E PROCEDURE FINALITA

CRITERI E PROCEDURE FINALITA Allegato A) CONTRIBUTI A FAVORE DI GIOVANI COPPIE PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA CRITERI E PROCEDURE FINALITA La presente normativa ha la finalità di agevolare l acquisto della prima casa da parte di

Dettagli

AL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI Servizi socio-assistenziali 96010 Canicattini Bagni

AL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI Servizi socio-assistenziali 96010 Canicattini Bagni AL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI Servizi socio-assistenziali 96010 Canicattini Bagni DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN FAVORE DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI ANNO 2014 (D.M. 14/05/2014 in G.U.

Dettagli

Disciplina organizzativa dell'ufficio casa in materia di assegnazione di alloggi e modalità tra inquilini e gestione del fondo sociale

Disciplina organizzativa dell'ufficio casa in materia di assegnazione di alloggi e modalità tra inquilini e gestione del fondo sociale Disciplina organizzativa dell'ufficio casa in materia di assegnazione di alloggi e modalità tra inquilini e gestione del fondo sociale approvato con atto consiliare n. 14 del 14/03/1997 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 27/02/1997. SOMMARIO: TITOLO I: Fondo Sociale Art. 1 - Istituzione fondo sociale...pag.3

Dettagli

COMUNE DI SORI PROVINCIA DI GENOVA. Certificato ISO 14001 AREA SOCIALE

COMUNE DI SORI PROVINCIA DI GENOVA. Certificato ISO 14001 AREA SOCIALE COMUNE DI SORI PROVINCIA DI GENOVA Certificato ISO 14001 AREA SOCIALE BANDO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI DEL FONDO NAZIONALE PER IL SOSTEGNO ALL ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE Il presente bando

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE VISTO il Decreto n. 4114 del 25 luglio 2005 con il quale il Dirigente della Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali

Dettagli

COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA. Regolamento per l assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica

COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA. Regolamento per l assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Regolamento per l assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Il presente Regolamento: 1) E' stato adottato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Corso Italia, 70 40017 San Giovanni in Persiceto (BO)

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Corso Italia, 70 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) Prot. n. 0048275/2015 Class. 07.14 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Corso Italia, 70 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) BANDO PER LA FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO DI UNA GRADUATORIA

Dettagli

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P.

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. Approvato con delibera C.C. n. 73 del 04/11/2011 Esecutivo dal 01/01/2012 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI

Dettagli