Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. (CDP)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. (CDP)"

Transcript

1 f..-.4,"" 'Il. Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. (CDP) SCHEDE DI PRESENTAZIONE DELL'OPERATIVITÀ CDP 1. DESCRIZIONE DELL'AMBITO OPERATIVO DI CDP Il presente documento si prefigge lo scopo di descrivere in sintesi l'ambito operativo di CDP. L'esposizione viene articolata raggruppando le attività nelle due gestioni previste dalla legge di trasformazione della CDP in società per azioni (DL 269/03), come di recente modificata dall'art. 22 del DL 185/08. In particolare, sulla base del citato quadro normativo, CDP SpA finanzia, sotto qualsiasi forma: A) UTILIZZANDO LA RACCOLTA POSTALE 1. Lo Stato, le Regioni, gli Enti Locali, gli enti pubblici e gli organismi di diritto pubblico 2. Le operazioni di interesse pubblico promosse dai soggetti di cui al punto 1 B) UTILIZZANDO RACCOLTA ORDINARIA 3. Le opere, gli impianti, le reti e le dotazioni destinati alla fornitura di servizi pubblici ed alle bonifiche La separazione contabile e organizzativa, imposta dalla legge, da cui derivano le due "Gestioni", rende compatibile - con la normativa in materia di concorrenza e aiuti di Stato la coesistenza di attività di mercato e di interesse economico generale, queste ultime svolte utilizzando la raccolta di fondi garantiti dallo Stato. 2. SCHEDE PRODOTTI DI FINANZIAMENTO CDP Le schede n. 1 e 2 illustrano la nuova operatività di CDP connessa ai prowedimenti promossi o adottati dal Governo, Le schede 3,4 e 5 descrivono le attività tradizionali di CDP. 1

2 3. BREVI NOTE SU SERVIZI DI CONSULENZA OFFERTI DA CDP Nello svolgimento della sua attività, CDP offre servizi di consulenza alla clientela. Di seguito si riportano le attività di maggiore rilievo:. la Direzione Infrastrutture e Grandi Opere fornisce servizi di advisory e strutturazione, strumentali all'attività di finanziamento e all'avvio di nuovi progetti infrastrutturali, soprattutto in project financing. Tale attività comprende 1) la costruzione di piani economico-finanziari per la definizione dei fabbisogni finanziari in termini di debito, equity e altre fonti, 2) la valutazione degli indici di sostenibilità economico-finanziaria 3) la definizione di term sheet preliminari per i contratti di finanziamento e per le concessioni di lavori puqblici oltre alla strutturazione finale e al perfezionamento dei contratti di finanziamento La Direzione Immobiliare fornisce supporto agli enti pubblici nell'ambito di protocolli di intesa volti ad assistere l'ente stesso nel processo decisionale e attuativo dei programmi di valorizzazione e dismissione del patrimonio pubblico non strumentale anche attraverso la costituzione di fondi a cui vengono apportati o ceduti i relativi beni. Alla Direzione fa altresì capo la Società di Gestione del Risparmio (SGR) costituita nell'ambito del processo di attuazione del Piano Casa del Governo (DL 112/08). 2

3 SCHEDA NR 1 INFRASTRUTTURE E OPERAZIONI A SOSTEGNO DELL'ECONOMIA GESTIONE SEPARATA Raccolta postale Nell'ambito della nuova missione assegnata a CDP dal DL 185/08 CDP, il DM di attuazione della citata Legge, adottato dal Ministro dell'economia e delle finanze nella seconda settimana di marzo, ha definito le modalità attraverso le quali COP agisce come strumento per finanziare interventi di interesse pubblico, realizzati con modalità che non facciano ricorso direttamente a risorse prelevate dei bilanci pubblici. L'aspetto innovativo consiste nella possibilità di finanziare attraverso la raccolta postale anche soggetti privati La COP, per le proprie caratteristiche strutturali, potrà intervenire in tale ambito, sostenendo le durate più lunghe, soprattutto per agevolare iniziative che, per loro natura, sono in grado di generare rendimenti solo se il loro equilibrio economico finanziario viene analizzato nel lungo periodo Nel settore dell'edilizia residenziale pubblica e sociale, COP potrà intervenire sia quale sottoscrittore di quote di Fondi sia attraverso la concessione di linee di finanziamento dedicate I principali beneficiari dei finanziamenti sono: concessionari o contraenti generali di lavori pubblici; società proprietarie o gestori di reti; società gestori o erogatori di servizi pubblici o di pubblica utilità; beneficiari di agevolazioni pubbliche o comunitarie; operazioni comprese in accordi con uno o più Paesi terzi o con istituzioni dell'ue o Stati membri della stessa; interventi cofinanziati dalla BEI. I finanziamenti saranno diretti a operazioni che presentino adeguati merito di credito e sostenibilità economico-finanziaria, accertati dalla COP ~ in corso di esame un provvedimento (emendamento AC 2187) che consenta alla COP di finanziare il sistema anche attraverso la concessione al Settore Bancario di provvista dedicata 3

4 PRODOTTO DESCRIZIONE SETTORI CLIENTI Finanziamenti in. Project Finance o su base Corporate, per cassa e per firma, a medio lungo termine Finanziamenti "ponte" a breve o a MLT Anticipazioni di contributi pluriennali pubblici garanzie relative ai periodi di costruzione e start-up o a copertura di rischio di lungo periodo Sottoscrizione di quote di Fondi comuni di investimento nei settori citati in premessa DL 269/03 Art.5, comma 7, letto a) e relativo Decreto ministeriale di attuazione. copertura finanziaria per la realizzazione e la gestione di infrastrutture di interesse pubblico sostegno finanziario a forniture di interesse nazionale copertura finanziaria di operazioni previste in accordi internazionali o con istituzioni deu'ue interventi cofinanziati con BEI copertura finanziaria per interventi nel settore dei servizi pubblici o di pubblica utilità Concessionarie di lavori pubblici o di beni demaniali o pubblici Infrastrutture (ferrovie, strade, trasporto pubblico locale, porti, interporti, reti, ecc. Edilizia Pubblica, Società proprietarie (Ospedali, sedi di per studenti, ecc.). Energia uffici pubblici, carceri, residenze e/o gestori delle reti o di pubblici servizi Contraenti generali di lavori pubblici e (produzione e affidatarie di distribuzione) contratti pubblici di Idrico (adduzione, appalto di lavori, trattamento e servizi o forniture; depurazione, distribuzione), Rifiuti e Ambiente, Difesa nazionale; Edilizia residenziale pubblica o sociale, Trasformazione e riqualificazione urbana Soggetti che operano in qualità di Promotori di concessioni di costruzione per opere di interesse pubblico e relative società progetto Società trasformazione urbana di Fondi per edilizia residenziale pubblica e/o sociale owero attivi nei processi di valorizzazione degli immobili pubblici Forme partenariato pubblico/privato di Società miste pubblico-privato 4

5 SCHEDA NR 2 ALTRE OPERAZIONI A SOSTEGNO DELL'ECONOMIA FINANZIAMENTI CDP DESTINATI ALLE PMI GESTIONE SEPARATA Raccolta postale Nell'ambito della nuova missione assegnata dal DL 185/08, è in corso di esame un provvedimento (emendamento AC 2187) che consenta di intervenire a sostegno del finanziamento delle Piccole e Medie Imprese, attraverso la concessione da parte di CDP di.provvista al sistema Bancario vincolata a tale scopo Con tale operatività CDP interverrebbe con modalità analoghe a quelle della Banca Europea per gli Investimenti Sono già in corso con l'abi contatti per addivenire alla stipula di una Convenzione che disciplini le modalità di attuazione della norma in corso di esame, regolando le condizioni di concessioni dei finanziamenti e i rapporti tra CDP e il sistema bancario. Ciò affinché si possa addivenire alla firma della Convenzione per fine aprile, ovverosia nell'immediata prossimità dell'emanazione della norma, e avviare l'operatività entro la fine del mese successivo. I PRODOTTO COSTO PER SCOPO E STRUnURE MONITORAGGIO BANCHE Finanziamento a Banche, previo Il costo del Le banche beneficiarie Le banche perfezionamento di apposita finanziamento per le dovranno impiegare i avranno un Convenzione con ABI, che fissi Banche sarà alle tiraggi a valere sul obbligo di un plafond per ciascuna Banca migliori condizioni di Plafond concesso da monitoraggio e in funzione della Quota di Mercato, come verrà mercato applicabili, CDP, per Nuovi informazione nei determinata e comunicata da tenendo conto del Finanziamenti a PMI, confronti di ABI medesima Costo della Raccolta previa: CDPIABI ai sensi Postale. della Una quota dell'ordine del 15% Istruttoria creditizia Convenzione, dai del Plafond complessivo, stimato quali dovrà in circa euro 8 mld, potrà essere Determinazione del emergere il livello destinata alle Banche di Credito prezzo aumentando il Cooperativo di accesso delle costo della prowista PMI ai Anticipi su crediti vantati dalle dello spread di finanziamenti e i PMI verso la PA o le Imprese. credito motivi di esclusione. E' in corso di valutazione CDP su l'opportunità di richiesta potrà attivare una Linea di avere anche i Firma SACE a nominativi dei garanzia di quota soggetti parte del rischio di esclusi 5

6 credito delle PMI, con vocazione all'export o che vantino crediti verso la PA 6

7 SCHEDA NR 3 FINANZIAMENTI AL GESTIONE SETTORE PUBBLICO SEPARATA Raccolta Postale La CDP è l'istituzione finanziaria di riferimento degli enti pubblici in particolare di livello locale. La sua missione è quella di favorire lo sviluppo degli investimenti pubblici del Paese, utilizzando il risparmio postale per finanziare lo Stato, le regioni, gli enti locali e gli altri enti pubblici. Questa attività è qualificata come servizio di interesse economico generale ed è svolta in un regime di assoluta trasparenza, di accessibilità, e uniformità di trattamento, Le condizioni di finanziamento sono predeterminate e rese pubbliche. La configurazione giuridica di società per azioni, assunta nel 2003 sebbene abbia lasciato inalterate le finalità pubbliche e di interesse generale, ha reso tuttavia la CDP più flessibile e funzionale, potenziando ed ampliando la sua capacità d'azione e la rapidità d'intervento. CLIENTE Settore Pubblico Stato, Regioni enti locali, enti pubblici e organismi di diritto pubblico DL 269/03 art. 5, comma 7, lett. a) Settore Pubblico Stato, Regioni enti locali, enti pubblici e organismi di diritto pubblico DL 269/art. 5, comma 7, lett. a) Settore Pubblico Stato, Regioni enti locali, enti pubblici e organismi di diritto pubblico DL 269/03 art. PRODOTTO PRESTITO ORDINARIO PRESTITO FLESSIBILE PRESTITO REGIONI DESCRIZIONE 1\ Prestito Ordinario è lo strumento di finanziamento tradizionale, con durata dell'ammortamento compresa, di norma, tra 5 e 30 anni (non possono avere durata superiore a 20 anni i finanziamenti destinati all'acquisto di impianti, macchinari, attrezzature, mezzi di trasporto e di altri beni mobili, nonché i finanziamenti delle manutenzioni straordinarie di importo inferiore a ,00 euro). 1\ regime degli interessi può essere a tasso fisso o variabile. Durante l'ammortamento, le rate dei prestiti della CDP sono comprensive di capitale e interessi. "II Prestito Flessibile" è il prodotto ideato per gli investimenti più rilevanti e con un periodo di realizzazione piuttosto esteso. Tale prodotto consente erogazioni in più tranche con periodi di preammortamento per la fase di realizzazione CDP offre due prodotti rivolti al finanziamento degli investimenti delle Regioni e delle Province Autonome: 1) "Prestito senza preammortamento ad erogazione unica", finalizzato prevalentemente alla copertura finanziaria del disavanzo tra il totale delle spese di investimento impegnate ed il totale delle entrate accertate, 2) "Prestito senza preammortamento ad erogazione 7

8 5, comma 7, lett. a) multipla", fornendo uno strumento finanziario che consente sia di adeguare la struttura dell'indebitamento alla dinamica d'impegno delle spese di investimento sia di qualificare quale debito solo la somma effettivamente ero ata. 8

9 SCHEDA NR 4 FINANZIAMENTI A SUPPORTO DEL SETTORE PRODUTl"IVO E DELLO SVILUPPO GESTIONE SEPARATA Raccolta postale La COP è uno degli strumenti per l'attuazione delle politiche di incentivazione del settore produttivo e delle opere strategiche di cui alla Legge Obiettivo Le modalità di intervento prevedono di norma il cofinanziamento di CDP e del sistema bancario di progetti che hanno superato l'istruttoria volta all'accertamento del merito di credito (svolta dalle Banche) e di ammissibilità (svolta dai Ministeri). La quota COP dei finanziamenti è erogata a condizioni agevolate. Il tasso applicato alla quota di finanziamento agevolato è, di norma (FRI, FRIS), pari allo 0,5 per cento, che, unitamente alla quota di finanziamento bancario (di norma pari al 50 per cento dell'intero finanziamento) a condizioni di mercato, rende estremamente conveniente "intero finanziamento. Sono fase di attivazione i seguenti fondi: 1) FRI Regionali (Fondo pari a 2 MLO Euro, previsto dalla L 296/06 art. 1 c ), in attesa degli indirizzi interministeriale MISE-MEF; 2) FGOP (Fondo, di importo da determinarsi da parte di CDP, di Garanzia sulle opere pubbliche previsto dalla L. Fin art. 2 commi ), in attesa di indirizzi dal MEF; 3) Fondo Kyoto (Fondo pari a 600 ML Euro, previsto dalla L 296/06, art. 1 commi , destinato all'attuazione delle misure previste dal protocollo di Kyoto, in attesa di un decreto Ministero Ambiente-MISE, in corso di registrazione presso Corte dei Conti); 4) Fondo Ingegneria Finanziaria (Fondo, il cui importo è da determinarsi da parte di COP, previsto dal DL 112/08, art. 4 comma 1 bis, per la realizzazione di programmi in attività produttive ad elevato contenuto innovativo), in attesa di Decreto autorizzativi l'v1ef PRODOTTO FRI nazionale Fondo rotativo per gli incentivi alle imprese e gli investimenti in ricerca L. n. 311/04, art. 1, co DESCRIZIONE Tale strumento si inserisce nella più ampia riforma delle agevolazioni pubbliche alle imprese, sostituendo una parte delle sovvenzioni a fondo perduto con un prestito a tasso agevolato. Il sistema bancario affianca COP nell'iniziativa, erogando un cofinanziamento a condizioni di mercato, pari passu e con contratto unico, con durata fino a 15 anni (30 nelle infrastrutture). DIMENSIONI La dimensione del FRI è fissata a mln di. SETTORI Sviluppo (I. agevolativa n. 488/92) innovazione tecnologica (I. n. 46/82) ricerca scientifica e tecnologica (d. Ig5 n.297/99) altri regimi di incentivazione. tra i quali quelli al settore agricolo. STATO ATTUAZIONE Attualmente nell'ambito del FRI sono stati deliberati investimenti per un importo complessivo di circa mln di euro. 9

10 FRIS Fondo rotativo infrastruttur e strategiche DL 159/07, art. 20 bis, Fondo rotativo con modalità di funzionamento analoghe al FRI. I finanziamenti hanno durata trentennale. La dimensione del FRIS è di 350 mln di euro, a valere dei mln euro del FRI Realizzazione di infrastrutture strategiche e di preminente interesse nazionale, inserite nel programma della Legge Obiettivo In attesa di decreto interministeriale MIT/MEF lo

11 SCHEDA NR 5 AZIENDE, INFRASTRUTTURE E PROGETTI GESTIONE ORDINARIA Raccolta Ordinaria a condizioni di mercato La COP interviene nella concessione di finanziamenti, sotto qualsiasi fornia, a aziende o società di progetto per investimenti destinati alla fornitura di servizi pubblici La COP, opera in tale ambito come istituzione finanziaria in concorrenza con il sistema bancario, utilizzando raccolta di mercato, derivante principalmente da appositi programmi di emissione di obbligazioni quotate sui mercati regolamentati elo da raccolta bancaria o provvista BEI CDP opera in tale ambito soprattutto partecipando alla strutturazione di operazioni di finanziamento insieme ad altre istituzioni bancarie PRODOTTO SCOPO E STRUTTURE CLIENTI Finanziamenti ad aziende, per cassa, a medio lungo termine Finanziamenti su base Project financing Finanziamenti "ponte" a breve o a MLT Garanzie relative ai periodi di costruzione e start-up o a copertura di rischio di lungo periodo DL 269/03 art.5, comma 7, lett. b). A parziale copertura finanziaria di piani di investimento di imprese operanti nell'erogazione di servizi pubblic complementari alte altre usuali fonti di finanziamento (equity, contributi, autofinanziamento, ecc.) strutturati con diverse opzioni in termini di durate, modalità di erogazione, modalità di rimborso (bultet, amortising, opzioni term-out, ecc.), covenants e garanzie aziende con azionariato pubblico, privato o misto, i,. Imprese, con azionariato pubblico, privato o misto, operanti nel settore dei trasporti (linee urbane, ferrovie, trasporti navali,concessionarie autostradali, società di gestione dei servizi aeroportuali, interporti, ecc.) anche quotate, operanti prevalentemente nei settori dell'energia, del gas, dell'idrico e dell'igiene urbana Imprese operanti nel settore dei servizi pubblici locali, proprietarie e/o gestori di reti Università ove siano interessate allo sviluppo di piani di investimento pluriennali da sviluppare con tecniche di finanziamento innovative e per le quote non gravanti sul bilancio pubblico 11

DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE

DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE Project Finance Infrastructure Finance General contracting Corporate Finance Consulenza Strutturazione di fonti di debito e consulenza per: progetti di infrastrutture

Dettagli

Le Attività della Cassa depositi e prestiti a sostegno dell l Impresa e del Territorio

Le Attività della Cassa depositi e prestiti a sostegno dell l Impresa e del Territorio Le Attività della Cassa depositi e prestiti a sostegno dell l Impresa e del Territorio Intervento di Massimo Varazzani, Amministratore delegato di CDP Genova, 8 aprile 2010 www.cassaddpp.it Breve Profilo

Dettagli

Indice. 2 La Cassa depositi e prestiti 4 Linee di attività in sintesi 6 Gli obiettivi 8 Il Risparmio postale e la raccolta

Indice. 2 La Cassa depositi e prestiti 4 Linee di attività in sintesi 6 Gli obiettivi 8 Il Risparmio postale e la raccolta Indice Da 160 anni al servizio del Paese 2 La Cassa depositi e prestiti 4 Linee di attività in sintesi 6 Gli obiettivi 8 Il Risparmio postale e la raccolta presso investitori istituzionali Prodotti & Servizi

Dettagli

Il sostegno di CDP: sviluppi

Il sostegno di CDP: sviluppi Il sostegno di CDP: sviluppi Roma, 28 novembre 2013 Il Contesto Nel biennio 2011 12, CDP ha mobilitato circa il 90% delle risorse previste dal Piano Industriale 2011 13,raggiungendo,difatto,gliobiettiviconunanno

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 febbraio 2015 Modalita' di utilizzo delle risorse non utilizzate del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di ricerca e riparto

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP per l economia reale: sostegno alle imprese e sviluppo infrastrutturale Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis)

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) SABATINI BIS 1 SABATINI - BIS Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) Direzione Corporate e Reti Alleate Marzo 2014 2 SABATINI BIS FONTI NORMATIVE Il Plafond PMI - Beni Strumentali si fonda sui seguenti

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP a sostegno del sistema produttivo e dello sviluppo delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Per gli investimenti pubblici

Cassa depositi e prestiti. Per gli investimenti pubblici Cassa depositi e prestiti Per gli investimenti pubblici CDP per lo sviluppo del territorio Oltre a finanziare gli investimenti della PA, CDP opera a favore dello sviluppo del territorio, supportando le

Dettagli

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL BEI La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) è l'istituzione finanziaria istituita nel 1958 con il Trattato di

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

Art. 41 (Immobili uso abitativo)

Art. 41 (Immobili uso abitativo) Articolo 41 (Incremento del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa) Per incrementare il patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare

Dettagli

Cassa depositi e prestiti spa

Cassa depositi e prestiti spa FORUM BANCHE PA 2010 Sessione Parallela C2 Partenariato Pubblico Privato Intervento di Cristiano Cannarsa Responsabile Direzione Imprese CDP - Roma, 19 febbraio 2010 - www.cassaddpp.it 1 La normativa nelle

Dettagli

Diventare più competitivi con le Reti d Impresa

Diventare più competitivi con le Reti d Impresa Diventare più competitivi con le Reti d Impresa Gli strumenti per l accesso al credito delle imprese di Cassa depositi e prestiti S.p.A. Il Plafond Reti PMI Brescia, 5 novembre 2015 CDP a sostegno dell

Dettagli

Private Equity ed Economia Italiana: il Ruolo degli Investitori di Lungo Termine

Private Equity ed Economia Italiana: il Ruolo degli Investitori di Lungo Termine Private Equity ed Economia Italiana: il Ruolo degli Investitori di Lungo Termine Giovanni Gorno Tempini, Amministratore delegato - Cassa Depositi e Prestiti Convegno annuale AIFI, Milano, 21 Marzo 2011

Dettagli

L operatività dell Irfis Finanziaria per lo Sviluppo della Sicilia S.p.A.

L operatività dell Irfis Finanziaria per lo Sviluppo della Sicilia S.p.A. L operatività dell Irfis Finanziaria per lo Sviluppo della Sicilia S.p.A. 2012 IRFIS - FinSicilia S.p.A. L'IRFIS - Finanziaria per lo Sviluppo della Sicilia S.p.A., in breve denominata anche IRFIS - FinSicilia

Dettagli

Le slides, presentate da Paolo Cefarelli, componente del Nucleo di valutazione della Regione Campania, in occasione del seminario tecnico sulla

Le slides, presentate da Paolo Cefarelli, componente del Nucleo di valutazione della Regione Campania, in occasione del seminario tecnico sulla Le slides, presentate da Paolo Cefarelli, componente del Nucleo di valutazione della Regione Campania, in occasione del seminario tecnico sulla finanza di progetto, tenutosi a Roma l 8 aprile, descrivono

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali CDP imprese B_cmyk:CDP imprese 04/01/12 14.13 Pagina 1 Finanziamenti per le infrastrutture CDP finanzia imprese private e interventi strutturati in Partenariato Pubblico Privato (PPP) per la realizzazione

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA D.Bartolo Divisione Corporate Gestione Operativa Agevolati, Incentivi e Innovazione Finanziamenti Agevolati Internazionali Portobuffolè, 29/09/2014 Agenda 1. I

Dettagli

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Le Guide professionalità quotidiana DECRETO DEL FARE Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Tavole sinottiche Finanziamenti agevolati Responsabilità solidale negli appalti Assistenza fiscale Riscossione

Dettagli

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Pres. Prof. Franco Bassanini - A.D. Dott. Giovanni Gorno Tempini SENATO - COMMISSIONE INDUSTRIA 22 ottobre 2014 Missione CDP in

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza

Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza Roma, 22 gennaio 2015 Ufficio Crediti cr@abi.it Esiti della Terza Rilevazione ABI-ABI LAB Osservatorio "Banche e Green Economy"

Dettagli

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Gli incentivi nazionali alla Ricerca Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca (FAR) - MIUR Caratteristiche generali (1)

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SABATINI

LA NUOVA LEGGE SABATINI LA NUOVA LEGGE SABATINI (DECRETO FARE Decreto Legge 69/2013 convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) I DESTINATARI La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare, si rivolge alle micro,

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

Piano Industriale Gruppo CDP 2020

Piano Industriale Gruppo CDP 2020 RISERVATO E CONFIDENZIALE Piano Industriale Gruppo CDP 2020 Linee guida strategiche Conferenza stampa Roma, 17 Dicembre 2015 CDP: 165 anni di storia 18 Novembre 1850: nasce la Cassa Depositi e Prestiti

Dettagli

Gli strumenti di finanza. Piero Atella SINLOC SpA Sistema Iniziative Locali

Gli strumenti di finanza. Piero Atella SINLOC SpA Sistema Iniziative Locali 1 Gli strumenti di finanza Piero Atella SINLOC SpA Sistema Iniziative Locali 2 CHI E SINLOC Sinloc è una società di riferimento nel mercato delle iniziative di sviluppo locale e della realizzazione di

Dettagli

A R T I C O L A T O ALLEGATO A

A R T I C O L A T O ALLEGATO A A R T I C O L A T O ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 Prima variazione SOMMARIO Preambolo Capo I Variazioni al Bilancio

Dettagli

Finanziamenti con provvista. Finanza Agevolata - Novembre 2015

Finanziamenti con provvista. Finanza Agevolata - Novembre 2015 Finanziamenti con provvista Cassa Depositi e Prestiti Finanza Agevolata - Novembre 2015 Cassa Depositi e Prestiti Identità e missione (1/2) La Cassa Depositi e Prestiti (CDP) è una società per azioni a

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 21 giugno 2007, n. 14-94/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 21 giugno 2007, n. 14-94/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 21 giugno 2007, n. 14-94/Leg Regolamento di esecuzione della legge provinciale 16 giugno 2006 n. 3 "Norme in materia di governo dell'autonomia del Trentino" concernente

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE MARCHE IL CENTRO STORICO - Verso un nuovo modello di sviluppo integrato del

Dettagli

LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE DI STABILITÀ 2014)

LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE DI STABILITÀ 2014) ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE

Dettagli

Direzione Finanza 2015 06779/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 06779/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 06779/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 86 approvata il 9 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 688.990,96

Dettagli

1. Smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione; 2. Plafond Progetti Investimenti Italia.

1. Smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione; 2. Plafond Progetti Investimenti Italia. Protocolli Confindustria-ABI. Smobilizzo crediti PA e Investimenti Roma, 29 Maggio 2012 Confindustria Fisco, Finanza e Welfare Il Direttore Elio Schettino Si allegano i protocolli firmati il 22 maggio

Dettagli

Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici. TITOLO I DISPOSIZIONI PER FAVORIRE LO SVILUPPO

Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici. TITOLO I DISPOSIZIONI PER FAVORIRE LO SVILUPPO D.L. 30 settembre 2003, n. 269, art. 5 (testo vigente al 11-11-2014) Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia )

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) Commento alle norme economicofinanziarie di interesse per il settore delle costruzioni Aggiornato

Dettagli

Sostegno pubblico agli investimenti e credito: il contributo delle banche allo sviluppo rurale Lamezia Terme, 15 aprile 2014

Sostegno pubblico agli investimenti e credito: il contributo delle banche allo sviluppo rurale Lamezia Terme, 15 aprile 2014 Sostegno pubblico agli investimenti e credito: il contributo delle banche allo sviluppo rurale Lamezia Terme, 15 aprile 2014 Francesca Macioci Ufficio Crediti Associazione Bancaria Italiana Politica di

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55

16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55 16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55 Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2013 e 2013/2015 - Terza variazione. Il Consiglio

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati Presentazione 1 Autonomie locali e finanza pubblica 1.1 Principi generali 1.1.1 La finanza locale nel sistema delle autonomie locali 1.1.2 Enti locali e riforma della pubblica amministrazione 1.1.3 Le

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI Associazione Bancaria Italiana, con sede legale in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice Fiscale

Dettagli

3. Andamento della gestione

3. Andamento della gestione 3. Andamento della gestione 3.1. CAPOGRUPPO E SOCIETÀ SOTTOPOSTE A DIREZIONE E COORDINAMENTO In termini di flussi di nuova operatività della Capogruppo, nel corso del 2012 sono state mobilitate risorse

Dettagli

L evoluzione dei prodotti e servizi finanziari della CDP offerti agli ENTI LOCALI

L evoluzione dei prodotti e servizi finanziari della CDP offerti agli ENTI LOCALI Cassa depositi e prestiti spa Enti pubblici L evoluzione dei prodotti e servizi finanziari della CDP offerti agli ENTI LOCALI Il programma di Rinegoziazione 2010 www.cassaddpp.it Cassa depositi e prestiti

Dettagli

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza INDICE 1. Premessa 2. Garanzie pubbliche per l accesso al credito 3. Patrimonializzazione dei confidi 4. Operatività

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l'articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello sviluppo economico può istituire, con proprio decreto, specifici

Dettagli

IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

IL CONTESTO DI RIFERIMENTO L attività di finanziamento di Cassa depositi e prestiti a supporto dello sviluppo regionale Giovanni Gorno Tempini Amministratore delegato, Cassa depositi e prestiti Confindustria Piemonte Torino, 20

Dettagli

Risposte alle domande della trasmissione Report inviate da CDP il 18/09/2012

Risposte alle domande della trasmissione Report inviate da CDP il 18/09/2012 Comunicazione Esterna Ufficio Stampa Risposte alle domande della trasmissione Report inviate da CDP il 18/09/2012 1) A quanto ammonta il patrimonio netto della Cdp e come si è formato? Alla data di trasformazione

Dettagli

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n.

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n. Servizio «Procedura aperta di affidamento del servizio valutazione tematica di cui art. 47-48 REG. 1083/06, Rapporto Finale di Valutazione POR FESR 2007 13 e servizio valutazione ex-ante compresa Vas e

Dettagli

Finanziamenti a tasso agevolato concessi tramite il Fondo Kyoto

Finanziamenti a tasso agevolato concessi tramite il Fondo Kyoto SCHEDA INFORMATIVA Finanziamenti a tasso agevolato concessi tramite il Fondo Kyoto 1. Cos è il Fondo Kyoto e come funziona? La legge finanziaria 2007 (n. 296/2006) ha istituito presso la Cassa Depositi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

Testo della Convenzione CDP-ABI 1 marzo 2012, coordinato con le modifiche intervenute in data 9 maggio 2012, 6 luglio 2012 e 3 giugno 2013

Testo della Convenzione CDP-ABI 1 marzo 2012, coordinato con le modifiche intervenute in data 9 maggio 2012, 6 luglio 2012 e 3 giugno 2013 Testo della Convenzione CDP-ABI 1 marzo 2012, coordinato con le modifiche intervenute in data 9 maggio 2012, 6 luglio 2012 e 3 giugno 2013 CONVENZIONE TRA Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma,

Dettagli

In data 17 febbraio 2010, CDP ed ABI hanno stipulato una seconda convenzione (di seguito la Seconda

In data 17 febbraio 2010, CDP ed ABI hanno stipulato una seconda convenzione (di seguito la Seconda Testo della Convenzione CDP-ABI 5 agosto 2014, coordinato con le modifiche introdotte dall addendum 10 dicembre 2014 e dall addendum del 15 aprile 2015 CONVENZIONE Piattaforma Imprese TRA Associazione

Dettagli

La valorizzazione del patrimonio delle Amministrazioni Pubbliche. Stefano Scalera Dirigente Generale, Direzione VIII

La valorizzazione del patrimonio delle Amministrazioni Pubbliche. Stefano Scalera Dirigente Generale, Direzione VIII La valorizzazione del patrimonio delle Amministrazioni Pubbliche Stefano Scalera Dirigente Generale, Direzione VIII Roma, 29 settembre 2011 Oggetto del seminario Proporre strategie e strumenti di gestione

Dettagli

Direzione Finanza 2015 07155/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Finanza 2015 07155/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Finanza 2015 07155/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 93 approvata il 16 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 7.667.710,78

Dettagli

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp La normativa nazionale di supporto agli investimenti delle imprese cooperative ed altre opportunità

Dettagli

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Docenti Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it

Dettagli

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Valentina Piuma mercoledì, 18 settembre 2013 G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Art. 1 Rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese La norma è

Dettagli

Senato della Repubblica Commissione XIV (Politiche dell'unione europea )

Senato della Repubblica Commissione XIV (Politiche dell'unione europea ) Attuazione delle iniziative della Commissione europea connesse ad un nuovo impulso all'occupazione, alla crescita e all'investimento (n. 439) CASSA DEPOSITI E PRESTITI Presidente, Prof. Franco Bassanini

Dettagli

Prestiti Ordinari: La Gestione dei Residui

Prestiti Ordinari: La Gestione dei Residui Prestiti Ordinari: La Gestione dei Residui Roadshow aprile-maggio 2012 Indice CDP e la gestione del debito degli Enti Locali 3 Pag. La gestione dei residui non erogati 8 La trasformazione in prestito flessibile

Dettagli

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011)

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Panel di discussione - Roma, 26 luglio 2011 Sala della Maggioranza, Ministero dell economia e delle finanze Il percorso La

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli

Nuove modalità per la concessione di servizi e lavori nella P.A.

Nuove modalità per la concessione di servizi e lavori nella P.A. Nuove modalità per la concessione di servizi e lavori nella P.A. Criticità e soluzioni giurisprudenziali Bergamo Milano Avv. Enzo Adamo Partenariato Pubblico Privato: criticità ed opportunità Il Partenariato

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI

Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI Forum Banche e PA Roma 19/02/2009 Seminario LA GESTIONE DEL DEBITO NEGLI ENTI LOCALI LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI E LA GESTIONE DELL INDEBITAMENTO: QUALI ALTERNATIVE E PROPOSTE llagrosseto

Dettagli

Capitali di rischio per le infrastrutture e il partenariato pubblico privato

Capitali di rischio per le infrastrutture e il partenariato pubblico privato Capitali di rischio per le infrastrutture e il partenariato pubblico privato OTTOBRE 2009 www.equiterspa.com 1 Contenuti 1 Profilo 2 Mercato di riferimento 3 Struttura, Portafoglio e Contatti 2 Obiettivi

Dettagli

Roma, 27 gennaio 2005 CIRCOLARE N. 1255

Roma, 27 gennaio 2005 CIRCOLARE N. 1255 società per azioni Roma, 27 gennaio 2005 CIRCOLARE N. 1255 e, p.c.: - Ai Comuni - Alle Unioni di Comuni - Alle Comunità montane, isolane e di arcipelago - Alle Città metropolitane - Alle Province - Alle

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 CCI N 2007 IT 051 PO 002 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6711 del 17 dicembre 2007 MANUALE

Dettagli

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini )

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) CONFIDUSTRIA VICENZA Le agevolazioni della nuova Sabatini Incontro informativo Intervento di A. Balboni Resp. Direzione Corporate di Banca Popolare di Vicenza

Dettagli

Circolare CDP S.p.A. 25 novembre 2005, n. 1263

Circolare CDP S.p.A. 25 novembre 2005, n. 1263 Circolare CDP S.p.A. 25 novembre 2005, n. 1263 Condizioni per la concessione del Prestito Flessibile (Testo integrato con le modifiche del 12 dicembre 2005, pubblicate in G.U. n. 295 Parte Seconda del

Dettagli

Decorrenza dell ammortamento fissata al primo gennaio del terzo anno solare successivo a quello della data di perfezionamento;

Decorrenza dell ammortamento fissata al primo gennaio del terzo anno solare successivo a quello della data di perfezionamento; Direzione Finanza 2015 07074/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 91 approvata il 11 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 1.999.996,00

Dettagli

Il ruolo di BNL nell intermediazione dei fondi BEI

Il ruolo di BNL nell intermediazione dei fondi BEI Il ruolo di BNL nell intermediazione dei fondi BEI NUOVI STRUMENTI PER R&I E PER LE PMI ACCORDO CONFINDUSTRIA - BEI - ABI Roma, 24 febbraio 2010 Unione degli Industriali e delle Imprese di Roma Divisione

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 11 24/09/2015 20:12 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 luglio 2015 Condizioni per l'attivazione degli interventi in favore di grandi progetti di ricerca e sviluppo di cui ai decreti 15

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Gli strumenti BEI per sostenere la crescita delle imprese innovative Marguerite Mc Mahon Roma, 27.11.2014 La banca dell UE Partner finanziario naturale

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Brancaccio febbraio 2011 Il contesto di riferimento Con

Dettagli

Informativa n. 5/2015

Informativa n. 5/2015 Studio Tecnico Associato Dott. Forestale Alessio Mugnaini - Dott. Forestale e Ambientale Luca Trabucco Informativa n. 5/2015 Egregio Imprenditore Agricolo, Con la presente condividiamo la pubblicazione

Dettagli

Assolombarda e Mediocredito Italiano

Assolombarda e Mediocredito Italiano AGGIORNATO AL 8 LUGLIO 2010 Assolombarda e Mediocredito Italiano Pag. 1. Riequilibrio Finanziario Finanziamento a medio termine finalizzato al sostegno di programmi di riequilibrio finanziario delle imprese,

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

Pagamento dei debiti della PA!

Pagamento dei debiti della PA! Pagamento dei debiti della PA L intervento della CDP SpA Forum Banche e PA 2014 Roma 30 Ottobre 2014 I debiti della PA: stima e pagamenti 2013/2014 Banca d Italia Indebitamento commerciale della PA 75Mld

Dettagli

DETERMINAZIONE AREA ECONOMICO-FINANZIARIA

DETERMINAZIONE AREA ECONOMICO-FINANZIARIA COPIA DETERMINAZIONE AREA ECONOMICO-FINANZIARIA n. 166 del 01/10/2015 REGISTRO GENERALE N. 505 del 01/10/2015 OGGETTO: DETERMINA A CONTRARRE PER RICHIESTA DI PRESTITO ORDINARIO CON LA CASSA DD. PP. SPA

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro 6 n 5 2012 Dopo il decreto Salva-Italia anche il Dl sulle liberalizzazioni interviene sulla disciplina del project financing. Altre novità riguardano le norme sulla progettazione, quelle sulle concessioni

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

Imprese, lavoro, banche

Imprese, lavoro, banche Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Imprese, lavoro, banche 2 incontro Materiali per la discussione Roma, 25 marzo 2009 SINTESI Il 5 marzo 2009 si è tenuto il primo incontro

Dettagli

Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali

Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali Borgo S. Spirito, 78-00193 Roma - Tel. +39 06680001 - Fax +39 0668134236 DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Prot. n. 90/RC Roma, 15 gennaio 2014 Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali

Dettagli

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco 1 dott. Arturo Bianco Esperto in gestione delle risorse umane Già presidente Anci Sicilia, già componente la

Dettagli