A Roma per ricostruire l industria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A Roma per ricostruire l industria"

Transcript

1 Periodico mensile della CGIL regionale Confederazione Generale Italiana del Lavoro NOTIZIE Poste Italiane S.p.A. Sped. in abb. post. 70% CNS/AC - Cagliari Registrazione n. 611 del Tribunale di Cagliari Nuova serie Anno Primo Numero 5 Maggio 2007 A Roma per ricostruire l industria Alla Regione: cambiate strategia. Per il tessile e l agroalimentare, sit-in a Palazzo Chigi di Giampaolo Diana Q ual è il destino dell industria in Sardegna? Dipende dalla capacità di invertire la rotta delle scelte sino ad oggi perseguite. Il sindacato da tempo elabora proposte alternative, e a giugno apre una fase di riflessione pubblica, di mobilitazione per rivendicare promesse non mantenute. Con due appuntamenti, prima a Cagliari e poi a Roma. Per dire basta a una politica decennale che ha portato il nostro sistema produttivo allo sfascio. Il 6 giugno al Mediterraneo ci sarà una manifestazione dei sindacati per proporre una soluzione alla crisi dell Industria e delle industrie. Il 26 dello stesso mese sarà il giorno del sit-in sotto Palazzo Chigi, per chiedere il rispetto della promessa di due accordi di programma su tessile e agroalimentare fatta dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta lo scorso autunno. Da anni ci interroghiamo sulla crisi dell industria in Sardegna e sul fallimento degli strumenti sino a oggi utilizzati per rianimare quello che più volte è apparso come un comparto in via d estinzione. Con aziende sempre in bilico fra conti in rosso, licenziamenti e fallimenti. Eppure i soldi pubblici non sono mancati. Risorse destinate a risollevare e rilanciare pezzi di produzione che poi son falliti comunque. E non sono solo Scaini a Villacidro, Montefibre a Ottana e Cartiera di Arbatax. Un rincorrersi quasi quotidiano di vertenze aperte e rimandate, mai chiuse positivamente. Quanti esempi potremmo fare di tentativi di rilancio fatti da imprenditori con le tasche colme di soldi dello Stato e della Regione? E adesso che altre aziende, come la Legler e la Nuova Mineraria Silius sono passate alla proprietà della Regione, per affrontare si spera una fase di transizione che finalmente porti al rilancio, non sarà il caso di riflettere sul perché, nonostante tutto, non si riesce a mettere la parola fine al deserto di produzioni che ci circonda? Non sarà arrivato il momento di cambiare strategia? Intanto fino a oggi molti imprenditori sono sbarcati, hanno preso tanto e restituito poco o nulla. Complice l assenza ingiustificabile, non solo della politica, ma anche degli organi di vigilanza e controllo di quegli abusi. E i veri imprenditori, quelli che davvero potrebbero salvare anche le nostre aziende in crisi, quelli che magari ce la fanno anche senza i soldi pubblici, oppure perché in questo caso non c è niente di male quelli che utilizzano le risorse rispettando le regole e creando i posti di lavoro previsti nei loro progetti, gli imprenditori seri, hanno qualche attrattiva a venire in Sardegna? Evidentemente no. L Industria avrà un destino solo se - al di là dei ritocchi aleatori di un sistema che si nutre d incentivi e finanziamenti cambierà il contesto dove vivono e lavorano le industrie. Un contesto carente di infrastrutture materiali e immateriali, scarsamente competitivo, ancora imbrigliato nei meccanismi stantii della burocrazia. Trasporti, energia, credito, ricerca e formazione: sono questi i problemi irrisolti da cui dipende il destino delle attività produttive. La sfida del sindacato: conquistare la fiducia dei giovani pag. pag. pag. Il futuro dopo i 100 anni di Erika Collu* Chi è orfano di diritti è alieno da doveri. L ho sentito dire all ultima conferenza nazionale dei giovani della Cgil da un ragazzo che sosteneva quanto sia difficile, oggi, per chi subisce il vuoto di tutele generato dal nuovo mercato del lavoro, sentirsi partecipe di un progetto, considerare la lotta per il consolidamento dei diritti come un dovere. E se penso ai protagonisti della storia della Camera del Lavoro nei suoi primi cento anni, alle lotte e conquiste sindacali, non riesco a immaginare nessuno che potesse mettere in discussione, con una frase così, la portata solidalistica e il valore universale dell appartenenza a un sindacato. Per questo, l insegnamento che viene dal passato è proprio quello spirito di coesione e solidarietà di cui abbiamo ancora bisogno. Perché la sfida più grande del sindacato oggi è interpretare e farsi portavoce delle esigenze dei A L L I N T E R N O Intervista a Massimo Deiana «Il fututo della continuità» Precari nei call center: poche stabilizzazioni Arte e lavoro visti da Rosanna Rossi Cagliari, Giorgino 1952, La cernita dei rifiuti giovani e conquistare la loro fiducia. Per me è stato semplice, ho ventisette anni e lavoro in Cgil grazie a un progetto della Fillea nazionale per il rinnovamento delle strutture - recepito a livello regionale e provinciale - che mi ha permesso di entrare nel sindacato due anni fa, prima ancora di laurearmi in scienze politiche. Degli iscritti alla Fillea di cui mi occupo, solo il venti per cento ha meno di trentacinque anni. La vittoria più difficile è diventata per al Cgil fare una tessera a un trentenne. Loro non credono nel sindacato, pensano che sia un potere fra gli altri, non una proiezione del mondo del lavoro. Certo non dobbiamo trascurare il fatto che, purtroppo, a trent anni molti sognano ancora un lavoro che non c è, spesso mortificati dall incertezza della precarietà. Figuriamoci se hanno la forza e l ottimismo d iscriversi al sindacato. Quando sento dire chi è orfano di diritti è alieno da doveri penso che forse molti giovani non intravedono nella politica del sindacato un progetto per colmare quel vuoto di diritti. Lo guardano con diffidenza perché il sindacato che conoscono è più che altro quello delle vertenze per la difesa e il consolidamento di diritti già conquistati. Eppure la storia insegna che quei diritti non ci sarebbero se non ci fosse stato il sindacato. Comunque dall interno vedo che qualcosa si sta muovendo, c è una nuova consapevolezza nei dirigenti di oggi che stanno lavorando a un progetto concreto contro il precariato e per la ricostruzione dei diritti perduti. Ai giovani dico che, nonostante tutto, devono avere fiducia e sentirsi in dovere di partecipare e lottare. A chi invece ha vissuto il centenario della Camera del lavoro con alle spalle l esperienza diretta dico ma certamente lo sanno già che il precariato è nemico dei giovani quanto del sindacato e che insieme dobbiamo combatterlo. Altrimenti, non ci sarà un altro centenario da festeggiare. *Segreteria Fillea Cagliari

2 di Sandro Bianco* CATEGORIE Sì alla nuova continuità aerea ma non sulle spalle dei lavoratori «La Regione s impegni a scongiurare ogni ipotesi di precarizzazione» La Commissione Europea si è espressa in merito alla legge regionale sulla continuità territoriale aerea. La prima conseguenza significativa è che, dagli aeroporti di Cagliari, Alghero e Olbia, non si volerà a costi contenuti, solo verso Roma e Milano, ma anche per Torino, Verona, Bologna, Firenze, Napoli e Palermo. La seconda è che la continuità territoriale dovrà aprirsi alla concorrenza, pur nel rispetto di regole: le compagnie che intendono collegare la Sardegna in regime di continuità territoriale, lo dovranno fare per tutto l anno, al fine di evitare che l offerta cresca solo nel periodo estivo, lasciando l isola priva di collegamenti durante l inverno. Altra conseguenza rilevante, è l apertura alle compagnie low cost che, da subito, potranno volare dai tre aeroporti sardi verso Bergamo Orio al Serio e Roma Ciampino. Un elemento negativo è il non voler riconoscere il diritto alla continuità territoriale agli emigrati sardi, adducendo giustificazioni incomprensibili, dettate sicuramente dal fatto che il responsabile dei trasporti della comunità europea non conosce il dramma dell emigrazione, fenomeno che i sardi hanno vissuto in passato e, purtroppo vivono tutt ora. Dopo la diffusione del documento della Commissione europea il 23 aprile, abbiamo assistito al consueto teatrino della politica isolana: chi dissente dall attuale legge ha ingigantito la questione adducendo motivazioni assurde, quasi come se quello stesso documento costituisse una bocciatura alla continuità aerea della Sardegna. Una polemica strumentale che, evidentemente, non può avere alcun riscontro oggettivo nelle decisioni prese dalla Commissione Europea. Il documento infatti, ha molte luci e un ombra (non riconosce la continuità agli emigrati sardi), ma sicuramente sancisce definitivamente, Trasporto pubblico locale: il sindacato vigila sulla riorganizzazione I treni sono pezzi da museo La legge finanziaria nazionale dà sovranità alla Sardegna in materia di Trasporto pubblico locale trasferendo alla Regione, finalmente, le competenze sulle due aziende di trasporto pubblico in concessione governativa: Ferrovie della Sardegna (Fds) e Ferrovie Meridionali Sarde (Fms). Un avvenimento storico: i sardi potranno decidere in piena autonomia qualità e quantità dei servizi collettivi necessari alla propria mobilità. Dopo anni di immobilismo, la Regione si è dotata di una propria legge che recepisce quella nazionale di riforma del trasporto pubblico locale. La conseguenza diretta del passaggio delle due aziende alla Regione è la costituzione dell Azienda unica di Trasporto pubblico locale. Su gomma, la fusione di Arst, Fds e e Fms faciliterà la gestione unitaria dei servizi. Ragionamento diverso occorre fare per la parte del ferro di Fds: noi pensiamo che le tratte del Trenino verde non dovranno far parte del Trasporto pubblico locale. Se ne dovrà occupare l assessorato al Turismo che, certamente, troverà le risorse utili a trasformarle in un servizio a vantaggio del turismo delle zone interne. Per la parte restante del ferro, occorre intervenire anche se non vi era la necessità, il diritto inalienabile dei sardi di poter viaggiare verso il resto dell Italia in tempi rapidi e a prezzi contenuti. E chiaro che l impianto legislativo è giusto, non dobbiamo trascurare il fatto che una legge di questo tipo, proprio perché affronta un tema delicato come quello dei trasporti aerei - una tipologia che subisce modificazioni veloci, indipendenti dalle volontà politiche - ha necessità di un monitoraggio continuo e attento, per cogliere immediatamente tutte le novità e difficoltà che possono sorgere nella sua applicazione. Con umiltà e sulle infrastrutture reperendo le risorse necessarie all ammodernamento delle linee ormai obsolete, così come è necessario investire su nuovo materiale rotabile che sostituisca i pezzi da museo che, purtroppo ancora vediamo circolare in Sardegna. La riforma del Trasporto pubblico locale offre una risposta alla continua richiesta di aumento di trasporto collettivo. Purtroppo sinora ha avuto un ruolo marginale nella mobilità dei cittadini, e ciò a causa dell incuria dei governi che si sono succeduti alla giuda della Regione. Il sindacato è disponibile ad affrontare la riorganizzazione del settore, purché i livelli occupazionali rimangano invariati. Non daremo la nostra disponibilità a riorganizzazioni che prevedano l uscita forzata di lavoratori dalle aziende. Gli attuali livelli salariali devono rimanere invariati, vanno ricercate tutte le soluzioni per legare i lavoro vecchio a quello nuovo, senza penalizzare nessuno. Tutto il percorso riorganizzativo andrà fatto col dialogo e il consenso dei lavoratori: si deve assolutamente evitare di imporre il cambiamento, perché sono gli stessi lavoratori a sollecitarlo visto che da troppo tempo rivendicano il diritto di lavorare in aziende sane e produttive. sensibilità, bisogna sempre essere pronti ad apportare tutte le modifiche necessarie per migliorare qualità e quantità dei servizi offerti. Occorre dunque che Regione ed enti di controllo, vigilino sul rispetto della legge regionale da parte delle compagnie aeree e che, in presenza di violazioni, vengano applicate sanzioni realmente commisurate al disservizio creato ai cittadini. E inoltre indispensabile che la Regione eserciti il suo peso politico nella Comunità europea, affinché la parte riguardante gli emigrati venga modificata. Al di là della legge sulla continuità territoriale e le possibili modifiche che ha subito e potrà subire, ciò che preme sottolineare è che non dovranno mai più ripetersi situazioni d incertezza come quella in cui si sono trovati, all improvviso, i lavoratori di Alitalia. L uscita di scena della ex compagnia di bandiera, non solo ha privato tutti i sardi dei suoi servizi, ma ha messo a repentaglio il lavoro di cento lavoratori. Solo dopo un estenuante vertenza quei lavoratori hanno trovato occupazione, grazie anche alla mediazione del ministero dei Trasporti. Quell esperienza ci insegna che occorre lavorare da subito per mettere al riparo i lavoratori dei tre aeroporti sardi da una probabile precarizzazione dovuta dall applicazione della futura legge. *Segretario regionale Filt Trasporto merci Da troppo tempo il sindacato e le imprese denunciano l aggravio dei costi che le aziende sarde devono subire per l esportazione e importazione delle merci. Il ritardo è intollerabile: la Regione deve predisporre al più presto una legge sulla continuità territoriale delle merci. La competitività delle aziende passa anche attraverso la possibilità di poter usufruire di trasporti a prezzi in linea con il resto d Italia e d Europa. L aggravio dei costi incide anche sulla spesa quotidiana di tutti i sardi. Purtroppo, la stragrande maggioranza delle merci vengono trasportate su strada, il trasporto per ferrovia è ormai residuale e non s intravede una sua crescita. Ciò contribuisce all aggravio dei costi e impone una riflessione sull ambiente: il trasporto ferroviario, sicuramente più conveniente economicamente, contribuirebbe anche a migliorare l ambiente, e liberebbe le strade sarde dalle centinaia di tir che giornalmente le percorrono da nord a sud. Pertanto, la legge sulla continuità territoriale delle merci è un esigenza economica e ambientale. I prezzi per il trasporto delle merci potrebbero calare anche grazie al buon funzionamento di tutti i porti sardi, organizzati in modo irrazionale: i tir percorrono l isola da nord a sud e viceversa per imbarcare le merci nei porti del nord, certamente più competitivi rispetto agli altri porti. Quello di Cagliari è il più penalizzato a causa della presenza di Tirrenia che, purtroppo, opera ancora in regime di monopolio. 2 Maggio 2007

3 INTERVISTA «Datemi cinquanta milioni di euro e vi faccio volare tutti in continuità» Massimo Deiana: La Commissione europea subisce le pressioni delle compagnie aeree di Daniela Pistis L antidoto al veto europeo sulle tariffe scontate agli emigrati sardi è un ragionamento giuridico che smonta la tesi della Commissione. Lo suggerisce l artefice tecnico della continuità territoriale aerea Massimo Deiana, docente di diritto della navigazione e preside della facoltà di Giurisprudenza. E sul resto delle osservazioni scaturite dal documento del responsabile europeo dei Trasporti Barrot, Deiana declina l ipotesi di una resa: «Il modello attuale funziona». Aprire il mercato? «Non c è alcun obbligo, è una strada percorribile ma le compagnie dovranno rispettare tempi precisi e fornire adeguate garanzie». La Commissione Europea ha bacchettato l attuale modello di continuità. «Diciamo che ha subìto pressioni interessate. Di rilevante c è che ha avvallato la correttezza del principio su cui si fonda il diritto alla continuità. Non era scontato perché compagnie come Alitalia, Ryanair e EasyJet hanno avuto la faccia tosta di metterlo in discussione per mere ed egoistiche ragioni commerciali». Però l Unione Europea preme per liberalizzare il mercato e aprire alle low cost i collegamenti con Malpensa, Orio al Serio e Ciampino. «La Commissione parte da un presupposto singolare: ha scarsissima considerazione del sistema degli oneri così come lo abbiamo applicato in Sardegna, senza arrivare alla gara. Eppure si tratta di una prassi regolarmente prevista dalla normativa sulla continuità valida per tutti i Paesi membri». La prassi prevede una scadenza nel caso dell imposizione degli oneri di servizio? Alitalia è rimasta fuori per non averla rispettata. «L Unione europea sostiene che quella data non poteva essere imposta, ma si tratta di un errore. Come si potrebbe programmare un servizio, con regole certe, orari, rotte e numero di voli se poi si permettesse l ingresso a chiunque ed in qualsiasi momento?». Quindi il documento della direzione generale Trasporti rischia di far saltare il sistema? «Non contiene precetti normativi che impongono una modifica, semplicemente fornisce indicazioni e pareri autorevoli, ma di parte che si possono accogliere oppure no». Cosa succederebbe se Governo e Regione respingessero le osservazioni? «Verrebbe probabilmente aperta una procedura d infrazione, ma ha tempi lunghi e il modello attuale potrebbe arrivare alla sua scadenza naturale». Foto di Elisabetta Messina Low cost poco rispettose dei diritti dei passeggeri Ignobile negare gli sconti agli emigrati sardi Il tecnico, cosa suggerisce alla Regione? «Si possono accogliere alcune indicazioni sull apertura del mercato, ma non in tempi rapidi, cercando di salvaguardare i diritti delle compagnie che hanno già accettato agli oneri di servizio. Per la liberalizzazione del traffico su Ciampino, Orio al Serio e Malpensa, Governo e Regione stanno dialogando per trovare meccanismi compensativi a favore delle compagnie che oggi garantiscono il servizio di continuità territoriale». Direttore editoriale Giampaolo Diana Amministrazione CGIL Sarda Viale Monastir Cagliari tel fax Sul sito internet di Ryanair si può acquistare un biglietto Alghero Orio Al serio a 5 euro e 99, partenza gennaio «E un comportamento irregolare, ai limiti della truffa: si vende un servizio che non si ha la certezza di poter effettuare. Se poi accade che la data di avvio non sarà quella sperata, cosa verrà detto ai passeggeri? Che è un ingiustizia? Sia chiaro fin da adesso, nessuno, oggi, è autorizzato a vendere biglietti per quelle tratte». L Unione europea vorrebbe vietare le tariffe scontate ai sardi emigrati. «Una posizione tecnicamente e giuri- Nuova serie - Anno I - Maggio 2007 Registrazione n. 611 del Tribunale di Cagliari Poste Italiane S.p.A. Sped. in abb. post. 70% CNS/AC - Cagliari Direttore responsabile Daniela Pistis Stampa Litotipografia Trudu Via Mercalli Cagliari Tel Fax dicamente criticabile. Si tratta di una categoria da tutelare e agevolare, al pari di giovani, studenti, anziani e portatori di handicap per i quali la Commissione non contesta l applicazione delle tariffe scontate. Per questi giustamente - si fa una valutazione oggettiva, considerandoli categorie svantaggiate a prescindere dal reddito o da altre condizioni peculiari. Per gli emigrati (nati, ma non residenti in Sardegna) la Commissione chiede di considerare caso per caso, condizioni economiche e legami familiari, in realtà c è uno svantaggio oggettivo costituito dal vivere lontano dalla terra di nascita». Può funzionare a lungo la continuità senza finanziamenti pubblici? «Sì, anche se la Commissione europea non ha ancora metabolizzato il concetto». 46 euro per Roma sono un buon prezzo? «Il migliore possibile in queste condizioni». Se ci fossero le risorse? «Con 50 milioni di euro all anno si potrebbe garantire una tariffa in continuità di circa 40 euro. Senza alcuna distinzione fra residenti, turisti e chiunque voglia volare da e per la Sardegna». Per le sei nuove rotte si è fatta la gara, lo Stato spende 12 milioni di euro, il mercato le regge? «In base ai primi dati sì, anzi sembra che stia premiando la scelta, con l effetto positivo aggiuntivo di contribuire a decongestionare il traffico con Roma e Milano». Quando si cambia la continuità rischiano sempre i lavoratori, non vale il principio chi vince se li prende? «Purtroppo una sentenza della Corte europea di giustizia lo esclude perché la considera una misura che limita la concorrenza. Non è corretto imputare i travagli occupazionali alla continuità territoriale: l intero sistema del trasporto aereo è contraddistinto da una significativa instabilità che si riverbera fatalmente sull occupazione e la sua stabilità». Stabilizzarli attraverso le società di gestione aeroportuali? «E la prospettiva più vantaggiosa». Come giudica il progetto di Aga Khan su Alisardegna, una low cost isolana? «Creare una compagnia dedicata a un unico mercato è difficoltoso». Il futuro è low cost? «Sì e no: è un modello adatto a chi viaggia per svago e vacanza, ma non è in grado di soddisfare le esigenze di chi si sposta per lavoro. Ha poi un grande limite: non rispetta del tutto i diritti dei passeggeri». Meridiana promette un volo diretto per New York, il mercato c è? «Attualmente non sembra esistere una domanda che lo giustifichi, ma molto spesso l esistenza di un offerta crea la domanda adeguata: é una scommessa, e come tale è affascinante». 3 Maggio 2007

4 CONSUMATORI Quelle comode rate mensili di Andrea Pusceddu * I tranelli delle Finanziarie: pseudo carte di credito a tassi proibitivi Tutto si può acquistare a rate, nessun sogno appare più irrealizzabile nella società dei consumi, anche se, paradossalmente, il bene più commercializzato è il denaro. Spot su tv e giornali, volantini, offrono incessantemente le più improbabili somme a pensionati, impiegati, operai, casalinghe, autonomi, persino ai protestati. Tutti possiamo avere tutto, pagandolo in comode rate, dopo un anno dall acquisto, semplicemente ipotecando le future buste paga per un tempo che pare rasentare l infinito. Però, è bene sapere che passare per banche, intermediari e società finanziare, significa aggravare sensibilmente il costo di ciò che compriamo, con gli interessi, le commissioni, le spese. Dietro l appetibile tasso zero, si nascondo tranelli che solo un consumatore accorto può ravvisare. La maggior parte, purtroppo, non legge le condizioni generali del contratto. Si potrebbero scoprire cose interessanti, ad esempio, che si sta sottoscrivendo un revolving : una sorta di fido permanente pari all importo inizialmente erogato. Una volta andato a buon fine l ammortamento, si riceve una carta per ulteriori acquisti che, senza che nessuno ne dia notizia, avranno un tasso d interesse tra il 18 ed il 23 per cento, con buona pace dell iniziale tasso zero. Prestito al consumo e per liquidità, sono le due facce della stessa medaglia di cui sono soliti farsi fregio i più disparati soggetti istituzionali. L esercizio delle attività finanziarie e d intermediazione non è soggetto a rigidi controlli, non esiste una normativa che disciplini in maniera esaustiva la materia e l ente preposto, l Ufficio Italiano Cambi, per via della molteplicità di funzioni che gli sono demandate e l esiguità delle risorse, non sarebbe in ogni caso in grado di vigilare sul mercato. E per questa ragione che, attraverso una fittissima rete di intermediari finanziari - figura professionale cui è possibile accedere senza particolari filtri e in assenza di comprovate qualifiche - una miriade di società commercializzano finanziamenti, spesso utilizzando condizioni generali elusive delle norme anti usura e con clausole contrattuali ai limiti della legalità. Nel vortice rovinoso di questi soggetti rischia di incorrere chi già si trova in condizioni economiche precarie. Molti intermediari, a fronte di commissioni improponibili, elargiscono somme cospicue anche a chi non potrebbe garantire meno di un euro. Ci penserà una società di recupero crediti ad incassare quanto dovuto, presentandosi a casa del malcapitato e malaccorto debitore. I finanziamenti paiono essere oramai un I casi Prestito al consumo e per liquidità: somme cospicue senza adeguate garanzie La signora Sebastiana, vedova, per poter sostenere i costi del funerale del proprio compagno ha pensato di rivolgersi ad un noto promotore finanziario cagliaritano, la cui pubblicità appare quotidianamente sui giornali e sulle televisioni locali. Cedendo un quinto della sua pensione Inpdap, si è vista erogare in prestito la somma di 15 mila euro, da parte di una finanziaria con sede a Reggio Calabria. Ebbene la signora Sebastiana dovrà restituirne oltre 30 mila euro, di cui 6 mila per le sole commissioni da elargire al promotore finanziario. Stessa avventura è capitata a Carlo, operaio metalmeccanico, che ha ipotecato il proprio stipendio per i prossimi dieci anni, vedendosi costretto a restituire oltre il doppio di quanto ricevuto, ed in particolare a corrispondere all intermediario provvigioni per oltre euro, cifra esorbitante, di gran lunga superiore rispetto a quella effettivamente dovuta. Curiosa la vicenda di Giancarlo, incappato in un astuto promotore che, al fine di eludere il tasso d usura, gli ha fatto sottoscrivere due distinti contratti: col primo gli è stata erogata la somma finanziata, con un tasso ai limiti di legge, con il secondo gli è stato erogato un altro prestito al fine di acquistare un inutile carta servizi, comprensiva di un assicurazione a garanzia del primo prestito. Complessivamente sono stati erogati 3 mila e 500 euro, a fronte dei quali, in 48 rate mensili, ne dovrebbe restituire ben 7 mila 280 (compresa la carta servizi), per un tasso di interesse complessivo (Taeg) pari al 57,53 per cento. Ciò che preoccupa è che il soggetto erogatore ha poi ceduto il credito, che attualmente risulta in capo a una finanziaria appartenente al più grande gruppo bancario italiano. L attuale società, pur nella consapevolezza dell illiceità dell operazione, continua a pretendere l intero indispensabile strumento a sostegno dell economia, del mercato, dei consumi. Gli stipendi sono troppo bassi rispetto alle necessità dei tempi e le società finanziarie si sono trasformate nella vera linfa vitale del nostro sistema economico. Un sistema costruito apposta per obbedire all imperativo cui tutti sembra siamo chiamati a rispondere: lavora, produci, consuma. Non si vuole demonizzare l utilizzo di sistemi di pagamento rateizzato, però non è socialmente sostenibile un eccessivo indebitamento delle famiglie. Il ricorso ai prestiti deve essere finalizzato all acquisto di beni e servizi necessari, se non indispensabili, che non potrebbero essere altrimenti acquistati. In ogni caso è buona regola leggere attentamente i contratti prima di sottoscriverli, stando particolarmente attenti ai tassi d interesse, all importo di spese e commissioni. Soprattutto, occorre valutare attentamente l utilizzo delle pseudo carte di credito perché nascondono spesso interessi e condizioni contrattuali insostenibili. * Presidente Federconsumatori Cagliari Come ipotecare lo stipendio a vita Tassi d interesse del 57,53 per cento adempimento. La signora Paola, sottoscrive un prestito personale con una nota finanziaria sarda. Non adempie puntualmente agli obblighi assunti e la finanziaria avvia la pratica legale per il recupero del credito: si arriva a un piano di rientro con la sottoscrizione di numerose cambiali, 250 euro al mese. Il puntuale pagamento avveniva presso lo studio dell avvocato della finanziaria, che però non provvedeva alla restituzione delle cifre pagate dalla signora, pretendendo somme ben superiori rispetto a quelle inizialmente previste ed effettivamente dovute. Angela, pensionata, per acquistare alcuni mobili sottoscrive una richiesta di finanziamento nella quale indica espressamente di voler pagare le rate dovute attraverso l addebito mensile sul proprio conto corrente bancario. Fornisce le coordinate compilando regolarmente l apposita modulistica predisposta dalla stessa finanziaria e, dopo circa due mesi, riceve una telefonata minatoria da parte di un operatore di una società di recupero, il quale le impone di pagare, immediatamente, attraverso un bonifico, le due rate che risulterebbero inevase, oltre 50 euro per non meglio precisate spese di recupero. Angela paga quanto richiesto per poi scoprire che la società finanziaria non aveva attentamente letto il modulo da lei sottoscritto, si attendeva il pagamento a mezzo conto corrente postale e, pertanto, non aveva provveduto all addebito sul conto bancario. La conseguenza, oltre all addebito delle spese di recupero, è che Angela si è vista ingiustificatamente segnalare come inaffidabile al Crif (banca dati a tutela del credito). Tutto questo senza che dalla finanziaria le fosse mai giunta alcuna comunicazione formale sull apparente stato di insolvenza, o una qualsiasi richiesta di pagamento. 4 Maggio 2007

5 VERTENZE Precari nei call center: delusi ma non sconfitti Ispezionate 65 aziende: 309 stabilizzati su 1828 atipici di Marinora Di Biase * La Sardegna resta in coda, anche per la stabilizzazione dei precari nei call center. Soltanto il 15 per cento dei lavoratori atipici sardi sono riusciti a firmare l accordo per ottenere un contratto a tempo indeterminato. Percentuale esigua rispetto al ben più solido risultato ottenuto a livello nazionale, il 35 per cento dei 50 mila contratti a progetto sono in fase di stabilizzazione. In Sardegna invece, pochi imprenditori hanno colto l opportunità di mettersi in regola: entro il 30 aprile scorso avrebbero potuto usufruire degli incentivi - sgravi fiscali e contributivi - previsti nella Finanziaria nazionale. Adesso rischiano pesanti sanzioni. Gli ispettori del Ministero del lavoro, nei primi quattro mesi del 2007, hanno scoperto, fra i 65 call center sardi ispezionati, 1828 lavoratori con contratto a progetto: solo per 309 sono stati firmati gli accordi per la stabilizzazione. Per tutti gli altri, la battaglia non è persa, solo rimandata: il sindacato sollecita l attività ispettiva e la conseguente applicazione delle sanzioni previste per gli imprenditori che non hanno voluto firmare gli accordi entro il limite previsto dal Governo nazionale. I call center con situazioni irregolari, attualmente stanno sul mercato in concorrenza sleale rispetto alle aziende del settore che hanno stabilizzato i loro operatori. Poche hanno risposto alle reiterate richieste d incontro da parte del sindacato. La campagna d informazione è stata capillare, con seminari in tutte le province, un lavoro che ha coinvolto tutte le strutture del sindacato. Eppure, i risultati attesi non sono arrivati. E in Sardegna sono state anche destinate altre risorse rispetto a quelle nazionali con un protocollo d intesa tra parti sociali e assessorato al Lavoro. A questo punto c è da chiedersi cosa sia andato storto. Intanto c è da dire che se il risultato più deludente è stato a Cagliari l unico esempio positivo è quello della Innova consulting, ma il confronto con il sindacato era stato avviato prima dell avvio dell attività ispettiva (vedi box) probabilmente non è un caso perché il servizio ispettivo è partito troppo tardi rispetto al resto dell isola. In generale si può dire che potrebbe aver influito la caratteristica della maggior parte dei call center ispezionati: piccole aziende che lavo- rano su commesse e che lamentano scarsi margini di profitto. Una problematica affrontata anche a livello nazionale che ha portato la Cgil a proporre un confronto sui meccanismi del mercato e la necessità che le grandi aziende non assegnino commesse al massimo ribasso. Il passo che dobbiamo fare oggi è aprire una discussione sullo stato del settore in Sardegna, sulle regole che governano i rapporti tra i grandi call center legati a gruppi nazionali e internazionali e i piccoli imprenditori del mercato. * Segretaria regionale La scheda In tutta la Sardegna sono state ispezionate 65 aziende per un totale di 3243 occupati. Fra questi, 1828 sono a progetto. Per 309 è stato avviato il percorso di stabilizzazione. La ripartizione del territorio si riferisce alle vecchie Province. Cagliari: 42 aziende con 2580 occupati, di cui 1316 a progetto: 11 sono stati stabilizzati. Gli altri 96, della Innovaconsulting, riguardano un caso slegato dalle ispezioni. Nuoro: 4 call center ispezionati con 44 occupati, di cui 40 a progetto: 14 stabilizzati. Oristano: 2 aziende, 75 occupati di cui 51 a progetto: stabilizzati in 4. Sassari: 17 call center, 544 occupati di cui 421 a progetto: 184 stabilizzati. di Giuseppe Nonnis* A Cagliari ispezioni in ritardo Il dato più evidente del processo di stabilizzazione dei precari a livello nazionale e regionale è la forte concentrazione delle trasformazioni nei call center di grandi dimensioni: per fare solo un esempio, Atesia ha regolarizzato ben 6400 lavoratori. Nonostante sforzi omogenei in tutti i territori, purtroppo, i risultati sono scarsi in molte province d Italia, fra cui Cagliari. Dall analisi dei dati emerge in questa provincia la diffusione di piccoli call center, nonostante il fatto che i numeri assoluti rilevino la presenza di oltre 4000 collaborazioni. E la prova della scarsa opportunità di alternative di impiego dei nostri giovani e della riconosciuta incapacità di pensare in grande dei nostri imprenditori: i due call-center con oltre duecento postazioni in provincia di Cagliari, fanno capo a proprietà con sede legale fuori dalla Sardegna. Altra considerazione che deriva dagli scarsi risultati ottenuti, è il ritardo iniziale delle attività d ispezione che, probabilmente, ha poco stimolato le aziende. L attività di individuazione dei call center svolta dalla categoria, ha consentito di inviare da gennaio scorso, più di cinquanta richieste d incontro: soltanto due aziende, peraltro al di sotto dei dieci addetti, hanno risposto alla nostra richiesta. Fino a fine marzo non risulta alcuna attività ispettiva nella Provincia di Cagliari, avviata più o meno intorno al 26 del mese dopo varie sollecitazioni. A quel punto, alcune aziende hanno iniziato a sentire la pressione dell ispettorato, consentendo di produrre sul filo di lana del 30 aprile, l unico accordo di stabilizzazione per undici lavoratori con contratto delle Telecomunicazioni Al di là dei numeri poco incoraggianti nel cagliaritano, le disposizioni della Finanziaria 2007 e il conseguente avvio di una campagna di sensibilizzazione contro il precariato costituiscono il primo passo verso la normalizzazione di un settore per troppo tempo caratterizzato dall assenza di tutele per i lavoratori. Una condizione di lavoro precario irregolare che verrà certamente evidenziata dall attività ispettiva non ancora conclusa. Intanto, il sindacato ha sollecitato i grandi committenti Il caso Foto di Elisabetta Messina Con un accordo che permetterà di stabilizzare 96 collaboratori a progetto, il 27 aprile si è chiuso positivamente il confronto fra sindacato e vertici della Innovaconsulting srl. Una lunga vertenza iniziata a settembre 2006, prima dell attività ispettiva avviata con le disposizioni della Finanziaria La Fisac è presente all interno dell azienda sin dal 2004, quando i 160 lavoratori assunti con contratti di formazione lavoro passarono dal contratto delle Telecomunicazioni a quello degli Assicurativi: fu la logica conseguenza della riconversione dell attività di Innova, che stipulò un contratto d appalto per gestire il call center della Zuritel, branca italiana della Zurigo Assicurazioni. In un primo tempo l attività degli operatori era legata alla promozione telefonica del pacchetto assicurativo (front-office), poi la Zuritel ha affidato al call center sardo anche la gestione delle pratiche (back-office). Per svolgere la nuova attività l azienda ha incrementato i lavoratori con un centinaio di contratti a progetto. Nel frattempo, i 160 contratti di formazione sono stati trasformati in rapporti a tempo indeterminato. La vertenza per i 96 precari ha portato, dopo una decina di incontri, all accordo che prevede la stabilizzazione con una riduzione del lavoro da cinque a quattro ore e l impegno dell azienda a verificare entro giugno la possibilità di riportarlo a venticinque ore la settimana. Angelo Cui, segretario Fisac del settore (Telecom, Wind, Tele2, Vodafone, Tiscali, H3g) affinché privilegino per l affidamento degli appalti - le aziende che hanno già stabilizzato i lavoratori e, in generale, chi applica il contratto nazionale di categoria e retribuzioni coerenti con i minimi tabellari dello stesso contratto. È evidente che le dinamiche future premieranno quelle aziende che porteranno la competizione sul terreno della qualità del servizio, escludendo progressivamente dal mercato chi vuole solo sfruttare la manodopera utilizzando impropriamente la legge 30 e approfittando dell inadeguatezza dei servizi ispettivi. In provincia di Cagliari stiamo sollecitando la formazione di un consorzio fra call center: soltanto così si può competere con le grandi realtà nazionali e con un potere contrattuale forte delle competenze e straordinarie attitudini riconosciute ai giovani lavoratori del territorio. Altrimenti si perderà, purtroppo, una notevole opportunità di lavoro e sviluppo. * segretario Slc Cagliari 5 Maggio 2007

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava

LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE di Cesare Cava L attività di accertamento dei tributi locali e la collaborazione con l Agenzia delle Entrate per

Dettagli

8 Soldi&Diritti 136 Maggio 2014 DOSSIER. Abbiamo chiesto denaro in 280 banche 10 e finanziarie di 9 città. La nostra inchiesta.

8 Soldi&Diritti 136 Maggio 2014 DOSSIER. Abbiamo chiesto denaro in 280 banche 10 e finanziarie di 9 città. La nostra inchiesta. 8 Soldi&Diritti 136 Maggio 2014 Abbiamo chiesto denaro in 280 banche 10 e finanziarie di 9 città. La nostra inchiesta. Soldi&Diritti 136 Maggio 2014 9 11 Crediti online: trasparenti e con tassi competitivi.

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Secondo le stime più attendibili, di 350 mila lavoratori che si trovano a dover

Dettagli

Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services. Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori.

Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services. Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori. Sindacato Lavoratori Comunicazione Roma, 12 Gennaio 2015 Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori. Lo Scenario

Dettagli

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra?

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? Il problema Nel particolare momento di elezioni, tutti gli animi si scaldano: i politici promettono tutto a tutti pur di guadagnare qualche punto

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

Massimo Minnucci. Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI

Massimo Minnucci. Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI Massimo Minnucci Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI Convegno ABI CONSUMER CREDIT 2005 Roma, 21 marzo LA COLLOCAZIONE DEL PRODOTTO Vorrei cominciare

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Introduzione L Europa dovrà affrontare delle sfide importanti nell immediato futuro: ripresa economica, politica monetaria,

Dettagli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli In Campania e a Napoli il trasporto pubblico sta vivendo una crisi drammatica dovuta, e qui sono d'accordo con quanto sostiene Marco Piuri,

Dettagli

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE CGIL SPI TORINO TORINO TORINO I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE Nel corso degli ultimi anni la fase di contrattazione con i Comuni sulle loro politiche di bilancio, è andata incontro a molte difficoltà.

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo

Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE [legge delega] (bozza per il costituendo comitato promotore) Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo I lavoratori precari legali

Dettagli

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Il TdP incontra gli ex esposti all Amianto: una Storia fatta di Persone Oristano 27 maggio 2011 M. FADDA - Asl Oristano Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Mentre costruivo la mia Tesi di Laurea non immaginavo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

Moratoria indebitamento aziende agricole. Gli agricoltori di diverse Organizzazioni professionali e Movimenti,

Moratoria indebitamento aziende agricole. Gli agricoltori di diverse Organizzazioni professionali e Movimenti, Moratoria indebitamento aziende agricole. Gli agricoltori di diverse Organizzazioni professionali e Movimenti, premesso che: la crisi economica che, a livello mondiale, ha colpito ogni comparto produttivo

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

Decisione N. 1330 del 05 marzo 2014

Decisione N. 1330 del 05 marzo 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) SANGIOVANNI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro

Dettagli

Premessa. Descrizione del Bilancio

Premessa. Descrizione del Bilancio Premessa Il Bilancio Preventivo 2011 è stato elaborato prendendo come riferimento i dati dell esercizio appena concluso e assumendo come obbiettivo la volontà di garantire la stessa impegnativa e intensa

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI -

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007 Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Cari Amici, come a tutti voi noto, presso la nostra sede nazionale

Dettagli

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa Avenue des Arts, 20/4 B1000 Bruxelles Telefono +32 2 2335432 osservatorio@osservatorioinca.org www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra La presenza

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

Cosa c è in questa guida

Cosa c è in questa guida Cosa c è in questa guida? Le domande di base 3 passi per scegliere il mutuo >> Dalla richiesta alla stipula 2 3 12 i diritti del cliente 14! Le attenzioni del cliente 17 Aalla Z Il mutuo 19 dalla Memo

Dettagli

AUTORIPARAZIONE Associazione Nazionale Carrozzieri Autoriparazione < Pacchetto norme settore assicurativo >

AUTORIPARAZIONE Associazione Nazionale Carrozzieri Autoriparazione < Pacchetto norme settore assicurativo > AUTORIPARAZIONE Associazione Nazionale Carrozzieri Autoriparazione < Pacchetto norme settore assicurativo > Documento unitario delle Associazioni nazionali di categoria: Osservazioni e proposte 1 Nel corso

Dettagli

LEGALITA e concretezza

LEGALITA e concretezza 20 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

CCIAA TV. 22 settembre 2006

CCIAA TV. 22 settembre 2006 CCIAA TV 22 settembre 2006 La tutela del consumatore nell ipotesi di conclusione di contratti anomali (al di fuori della sede dell impresa, a distanza, via Internet) anche con ricorso al credito al consumo.

Dettagli

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA Al SINDACO del Comune di SOLOPACA Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA OGGETTO: INTERROGAZIONE" Ai sensi degli artt. 43 del D.Lgs. 267/2000 e 40

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3178 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Modifiche

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

Previdenza pubblica: osservazioni al testo della delega

Previdenza pubblica: osservazioni al testo della delega Previdenza pubblica: osservazioni al testo della delega Età pensionabile fissa anche nel sistema contributivo. La nuova normativa cancella uno dei punti cardine della riforma DINI: la flessibilità dell

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

MUTUO AGEVOLATO CSR: LE PROPOSTE SIBC

MUTUO AGEVOLATO CSR: LE PROPOSTE SIBC MUTUO AGEVOLATO CSR: LE PROPOSTE SIBC 1. TASSO DI RIFERIMENTO 2. SPREAD 3. PIANO DI AMMORTAMENTO E IMPORTO MUTUABILE 4. SOVVENZIONARE CSR E NON CENTROBANCA 5. FINESTRE TEMPORALI PER RINEGOZIAZIONE 1. TASSO

Dettagli

IL PRESTITO A PORTATA DI CITTADINO TUTTO QUELLO CHE UN CITTADINO DEVE SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN PRESTITO MUTUA DEL LAVORO E DELLE FAMIGLIE

IL PRESTITO A PORTATA DI CITTADINO TUTTO QUELLO CHE UN CITTADINO DEVE SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN PRESTITO MUTUA DEL LAVORO E DELLE FAMIGLIE IL PRESTITO A PORTATA DI CITTADINO TUTTO QUELLO CHE UN CITTADINO DEVE SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN PRESTITO MUTUA DEL LAVORO E DELLE FAMIGLIE Agli utenti privati del credito Il progressivo peggioramento

Dettagli

LA CONDOTTA DA TENERE NEI RAPPORTI CON SOGGETTI FINANZIARI

LA CONDOTTA DA TENERE NEI RAPPORTI CON SOGGETTI FINANZIARI LA CONDOTTA DA TENERE NEI RAPPORTI CON SOGGETTI FINANZIARI Le situazioni di difficoltà ed i consigli da seguire Situazioni di difficoltà Pagamento in scadenza Spesa imprevista Evitare sempre annunci invoglianti

Dettagli

Schema relazione su rapporto Formedil 2013

Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Questa seconda giornata nazionale della formazione edile inizia con la presentazione del rapporto Formedil 2013, un lavoro impegnativo realizzato come impegno

Dettagli

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta CONVEGNO / DIBATTITO ORGANIZZATO DALLA FONDAZIONE WANDA VECCHI Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta Latina, 14 maggio 2012 Ringrazio per l invito e saluto tutti a nome di Padre Massimo

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/045/SRFS/C4

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/045/SRFS/C4 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/045/SRFS/C4 LE REGIONI A CONVEGNO Documento conclusivo del Convegno Nazionale TRASPORTO PUBBLICO LOCALE: NUOVE PROSPETTIVE, NUOVE STRATEGIE Napoli,

Dettagli

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: Da anni ormai il bilancio del Cantone segna rosso, con elevati deficit ricorrenti ormai consolidati. Il che significa che si tratta di un problema strutturale

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E INDICE

CIRCOLARE N. 20/E INDICE CIRCOLARE N. 20/E Roma, 18 giugno 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Articolo 3 del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito con modificazioni dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, e successive

Dettagli

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Cervia 16 Maggio 2008 UNA NUOVA FASE DI CONTRATTAZIONE La contrattazione collettiva di tutti gli aspetti

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

DELOCALIZZARE I SERVIZI DI CALL CENTER?

DELOCALIZZARE I SERVIZI DI CALL CENTER? DELOCALIZZARE I SERVIZI DI CALL CENTER? NO GRAZIE! PER IL BUON LAVORO, A TUTELA DI LAVORATORI E CLIENTI, PER LA TUTELA DEI LIVELLI OCCUPAZIONALI, PER CLAUSOLE SOCIALI GENERALIZZATE Campagna nazionale per

Dettagli

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 La nostra Confederazione, quale Organizzazione maggiormente rappresentativa della Dirigenza dello Stato, dei Ministeri, degli

Dettagli

Attività dell'ufficio Vertenze della Cisl dei Laghi di Como nell'anno 2014

Attività dell'ufficio Vertenze della Cisl dei Laghi di Como nell'anno 2014 Attività dell'ufficio Vertenze della Cisl dei Laghi di Como nell'anno 2014 Nel 2014 abbiamo assistito 1.362 lavoratori di cui 698 per delle vertenze individuali, mentre 664 nelle procedure concorsuali.

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1 N.B. I resoconti stenografici delle sedute di ciascuna indagine conoscitiva seguono una numerazione indipendente. 11ª COMMISSIONE PERMANENTE

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE politiche pubbliche per il lavoro

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE politiche pubbliche per il lavoro GESTIONE DELLE RISORSE UMANE politiche pubbliche per il lavoro RCalvo 2007 (appunti studenteschi) BREVE QUADRO DELL OGGETTO DI STUDIO: Enti che aiutassero l incontro domanda (impresa)/offerta (individui)

Dettagli

Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale

Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale Cagliari 3. 6. 2013 Segretaria Generale ANCIM Gian Piera Usai gianninausai@tiscali.it Vorrei aprire questa mia riflessione con

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

UN PIANO INDUSTRIALE PER IL NUOVO INPS, UN OCCASIONE DI CRESCITA PER IL PAESE. di Giuseppe Beato.

UN PIANO INDUSTRIALE PER IL NUOVO INPS, UN OCCASIONE DI CRESCITA PER IL PAESE. di Giuseppe Beato. UN PIANO INDUSTRIALE PER IL NUOVO INPS, UN OCCASIONE DI CRESCITA PER IL PAESE. di Giuseppe Beato. L INPS oggi. Gianni Billia, l ormai mitico Direttore generale dell INPS degli anni 80, costituisce sempre

Dettagli

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA ROMA 08 LUGLIO 2015 PALAZZO SAN

Dettagli

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori Alvise Moro, avvocato giuslavorista Il testo - approvato dal Senato in prima lettura il 31 maggio 2012 - è dal 7 giugno

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVI RIFLESSIONI SUL LAVORO A PROGETTO NEI CALL CENTER: IL CASO ATESIA. IL RUOLO DEL POTERE DI GOVERNO DELL IMPRESA APPALTANTE NELLA VALUTAZIONE DELLA NATURA SUBORDINATA O AUTONOMA DEL RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

-MEDIAZIONE E RECUPERO CREDITIdi Alessandra Grassi

-MEDIAZIONE E RECUPERO CREDITIdi Alessandra Grassi -MEDIAZIONE E RECUPERO CREDITIdi Alessandra Grassi -PREMESSA- Negli ultimi anni i giornali non hanno parlato d altro che di crisi economica. Questa crisi per le aziende, così come per i piccoli imprenditori

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

SINTESI DELLA RICERCA

SINTESI DELLA RICERCA Stabilmente precari? Rapporto 2008 sui lavoratori parasubordinati iscritti alle Gestione Separata INPS 1 2 Patrizio Di Nicola, Isabella Mingo 3 4 Zaira Bassetti, Mariangela Sabato Giugno 2008 SINTESI DELLA

Dettagli

LAVORO SOMMERSO E CULTURA DELLA LEGALITA

LAVORO SOMMERSO E CULTURA DELLA LEGALITA Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione VERSO IL XV CONGRESSO CONFEDERALE UIL LE TESI PER IL DIBATTITO CONGRESSUALE: LAVORO SOMMERSO E CULTURA DELLA LEGALITA 1 LAVORO SOMMERSO E CULTURA DELLA

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

Fac-simile INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. Richiesta tramite Banca

Fac-simile INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. Richiesta tramite Banca 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale Proposta di legge C. 1899 in materia di riconoscimento della detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici mediante attribuzione

Dettagli

Descrizione del Bilancio

Descrizione del Bilancio Descrizione del Bilancio Il Bilancio Consuntivo è stato redatto rispettando i principi della Prudenza, della Competenza, della Chiarezza e della Correttezza, nel pieno rispetto delle regole contabili e

Dettagli

Trasferimenti. Dopo l ultima tornata di movimenti, che tra assegnazioni. Lunedì, 3 maggio 2010 ALL INTERNO. Roma, 3 maggio 2010

Trasferimenti. Dopo l ultima tornata di movimenti, che tra assegnazioni. Lunedì, 3 maggio 2010 ALL INTERNO. Roma, 3 maggio 2010 18 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Responsabile: NICOLA TANZI Vice Direttore: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione al Tribunale di Roma n. 98 del 21 febbraio

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) SANTONI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA

Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) Quadro normativo di riferimento pag.3 2) Pagamento in forma rateale dei

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

XI COMMISSIONE PERMANENTE

XI COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 2 luglio 2015 162 Commissione XI XI COMMISSIONE PERMANENTE (Lavoro pubblico e privato) S O M M A R I O INTERROGAZIONI: 5-04981 Ciprini: Condizioni dei lavoratori impiegati in attività di call center

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini FORUM PA - 18 maggio 2010 Carlo Crea - Segretariato generale Autorità per l'energia elettrica e il

Dettagli

CODICE DEL CONSUMO LA TUTELA DEL TURISTA-CONSUMATORE

CODICE DEL CONSUMO LA TUTELA DEL TURISTA-CONSUMATORE CODICE DEL CONSUMO LA TUTELA DEL TURISTA-CONSUMATORE Le responsabilità dell agenzia viaggio (intermediatrice o organizzatrice) sono state aggravate dalla emanazione del codice del consumo (Dlgs. N. 206/05)

Dettagli

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Focus on DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE

MUTUO IPOTECARIO ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE FOGLIO INFORMATIVO relativo a: MUTUO IPOTECARIO ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA SVILUPPO ECONOMICO S.p.A. Viale Venti Settembre 56-95128 - Catania n. telefono e fax: 095 7194311

Dettagli

CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA. Per investire. Regole e suggerimenti pratici nei rapporti con gli intermediari

CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA. Per investire. Regole e suggerimenti pratici nei rapporti con gli intermediari CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Per investire Regole e suggerimenti pratici nei rapporti con gli intermediari maggio 2002 La presente pubblicazione è stata predisposta dalla Consob.

Dettagli

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento.

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento. GUIDA AL CREDITO Vogliamo rappresentare un saldo punto di riferimento per la ns. clientela, nell esercizio dell attività finanziaria. Siamo in grado di venire incontro alle esigenze creditizie del cliente

Dettagli

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena Via Natale Dell Amore 42\a Cesena - tel. 0547\21572 - fax 0547\21907 - e.mail cspcesena@uil.it Nell introdurre i lavori di questa importante iniziativa, mi sia consentito

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria Bozza provvisoria UMBERTO GUIDONI, Deputato al Parlamento europeo. Intanto ringrazio rapidamente il ministro, il presidente e tutto il gruppo del VAST, che ha avuto la sensibilità di organizzare questo

Dettagli

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale-

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale- COSTRUIRE PREVIDENZA Diamo Dignità alla Nostra Pensione -Programma elettorale- Una risposta alla crisi Negli ultimi anni il calo dei redditi dei professionisti è stato di significativo. Il risultato è

Dettagli

S o m m a r i o. la nostra attività gli appuntamenti la documentazione. ATTIVITA FERROVIARIE Appalti di pulizia: Gruppo Di Stasio

S o m m a r i o. la nostra attività gli appuntamenti la documentazione. ATTIVITA FERROVIARIE Appalti di pulizia: Gruppo Di Stasio N.208 22 dicembre 2008 S o m m a r i o la nostra attività gli appuntamenti la documentazione NOTIZIARIO SEGRETERIA GENERALE DIP. ORGANIZZAZIONE Convocazione dei Segretari Generali regionali e dei responsabili

Dettagli

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il mutuo per la casa. in parole semplici

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il mutuo per la casa. in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici Cosa c è in questa guida? Le domande di base 3 passi per scegliere il mutuo >> Dalla richiesta alla stipula 2 3 12 i diritti del cliente

Dettagli

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Per la riforma dell articolo 18 il governo Monti potrebbe seguire il modello tedesco: si tratterebbe, scrive il Corriere della Sera,

Dettagli

Condotta nei rapporti con SOGGETTI FINANZIARI. A cura del Prof. Maurizio Berruti

Condotta nei rapporti con SOGGETTI FINANZIARI. A cura del Prof. Maurizio Berruti Condotta nei rapporti con SOGGETTI FINANZIARI A cura del Prof. Maurizio Berruti Le situazioni di difficoltà ed i consigli da seguire Situazioni di difficoltà Pagamento in scadenza Spesa imprevista Evitare

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani 11 novembre 2011 Gruppo 183: onorevole Mariani, come giudica la fase che attraversa l organizzazione dei

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME Con la firma del CIR 2012/2013, avvenuta il giorno 15 maggio

Dettagli

Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL.

Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL. Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL. Una proposta per il futuro. La natura solidaristica e democratica del sindacato si accompagna per la UIL alla sua indipendenza e alla

Dettagli

Micred Group. Busto Arsizio 21052 (VA) - P.za Trento Trieste 1 - Tel 0331.1393017 - Fax 0331.621473. P.Iva 03306590120 - info@micredgroup.

Micred Group. Busto Arsizio 21052 (VA) - P.za Trento Trieste 1 - Tel 0331.1393017 - Fax 0331.621473. P.Iva 03306590120 - info@micredgroup. Micred Group Busto Arsizio 21052 (VA) - P.za Trento Trieste 1 - Tel 0331.1393017 - Fax 0331.621473 P.Iva 03306590120 - info@micredgroup.it PRESTITI PERSONALI I prestiti personali sono delle forme di finanziamento

Dettagli