A Roma per ricostruire l industria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A Roma per ricostruire l industria"

Transcript

1 Periodico mensile della CGIL regionale Confederazione Generale Italiana del Lavoro NOTIZIE Poste Italiane S.p.A. Sped. in abb. post. 70% CNS/AC - Cagliari Registrazione n. 611 del Tribunale di Cagliari Nuova serie Anno Primo Numero 5 Maggio 2007 A Roma per ricostruire l industria Alla Regione: cambiate strategia. Per il tessile e l agroalimentare, sit-in a Palazzo Chigi di Giampaolo Diana Q ual è il destino dell industria in Sardegna? Dipende dalla capacità di invertire la rotta delle scelte sino ad oggi perseguite. Il sindacato da tempo elabora proposte alternative, e a giugno apre una fase di riflessione pubblica, di mobilitazione per rivendicare promesse non mantenute. Con due appuntamenti, prima a Cagliari e poi a Roma. Per dire basta a una politica decennale che ha portato il nostro sistema produttivo allo sfascio. Il 6 giugno al Mediterraneo ci sarà una manifestazione dei sindacati per proporre una soluzione alla crisi dell Industria e delle industrie. Il 26 dello stesso mese sarà il giorno del sit-in sotto Palazzo Chigi, per chiedere il rispetto della promessa di due accordi di programma su tessile e agroalimentare fatta dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta lo scorso autunno. Da anni ci interroghiamo sulla crisi dell industria in Sardegna e sul fallimento degli strumenti sino a oggi utilizzati per rianimare quello che più volte è apparso come un comparto in via d estinzione. Con aziende sempre in bilico fra conti in rosso, licenziamenti e fallimenti. Eppure i soldi pubblici non sono mancati. Risorse destinate a risollevare e rilanciare pezzi di produzione che poi son falliti comunque. E non sono solo Scaini a Villacidro, Montefibre a Ottana e Cartiera di Arbatax. Un rincorrersi quasi quotidiano di vertenze aperte e rimandate, mai chiuse positivamente. Quanti esempi potremmo fare di tentativi di rilancio fatti da imprenditori con le tasche colme di soldi dello Stato e della Regione? E adesso che altre aziende, come la Legler e la Nuova Mineraria Silius sono passate alla proprietà della Regione, per affrontare si spera una fase di transizione che finalmente porti al rilancio, non sarà il caso di riflettere sul perché, nonostante tutto, non si riesce a mettere la parola fine al deserto di produzioni che ci circonda? Non sarà arrivato il momento di cambiare strategia? Intanto fino a oggi molti imprenditori sono sbarcati, hanno preso tanto e restituito poco o nulla. Complice l assenza ingiustificabile, non solo della politica, ma anche degli organi di vigilanza e controllo di quegli abusi. E i veri imprenditori, quelli che davvero potrebbero salvare anche le nostre aziende in crisi, quelli che magari ce la fanno anche senza i soldi pubblici, oppure perché in questo caso non c è niente di male quelli che utilizzano le risorse rispettando le regole e creando i posti di lavoro previsti nei loro progetti, gli imprenditori seri, hanno qualche attrattiva a venire in Sardegna? Evidentemente no. L Industria avrà un destino solo se - al di là dei ritocchi aleatori di un sistema che si nutre d incentivi e finanziamenti cambierà il contesto dove vivono e lavorano le industrie. Un contesto carente di infrastrutture materiali e immateriali, scarsamente competitivo, ancora imbrigliato nei meccanismi stantii della burocrazia. Trasporti, energia, credito, ricerca e formazione: sono questi i problemi irrisolti da cui dipende il destino delle attività produttive. La sfida del sindacato: conquistare la fiducia dei giovani pag. pag. pag. Il futuro dopo i 100 anni di Erika Collu* Chi è orfano di diritti è alieno da doveri. L ho sentito dire all ultima conferenza nazionale dei giovani della Cgil da un ragazzo che sosteneva quanto sia difficile, oggi, per chi subisce il vuoto di tutele generato dal nuovo mercato del lavoro, sentirsi partecipe di un progetto, considerare la lotta per il consolidamento dei diritti come un dovere. E se penso ai protagonisti della storia della Camera del Lavoro nei suoi primi cento anni, alle lotte e conquiste sindacali, non riesco a immaginare nessuno che potesse mettere in discussione, con una frase così, la portata solidalistica e il valore universale dell appartenenza a un sindacato. Per questo, l insegnamento che viene dal passato è proprio quello spirito di coesione e solidarietà di cui abbiamo ancora bisogno. Perché la sfida più grande del sindacato oggi è interpretare e farsi portavoce delle esigenze dei A L L I N T E R N O Intervista a Massimo Deiana «Il fututo della continuità» Precari nei call center: poche stabilizzazioni Arte e lavoro visti da Rosanna Rossi Cagliari, Giorgino 1952, La cernita dei rifiuti giovani e conquistare la loro fiducia. Per me è stato semplice, ho ventisette anni e lavoro in Cgil grazie a un progetto della Fillea nazionale per il rinnovamento delle strutture - recepito a livello regionale e provinciale - che mi ha permesso di entrare nel sindacato due anni fa, prima ancora di laurearmi in scienze politiche. Degli iscritti alla Fillea di cui mi occupo, solo il venti per cento ha meno di trentacinque anni. La vittoria più difficile è diventata per al Cgil fare una tessera a un trentenne. Loro non credono nel sindacato, pensano che sia un potere fra gli altri, non una proiezione del mondo del lavoro. Certo non dobbiamo trascurare il fatto che, purtroppo, a trent anni molti sognano ancora un lavoro che non c è, spesso mortificati dall incertezza della precarietà. Figuriamoci se hanno la forza e l ottimismo d iscriversi al sindacato. Quando sento dire chi è orfano di diritti è alieno da doveri penso che forse molti giovani non intravedono nella politica del sindacato un progetto per colmare quel vuoto di diritti. Lo guardano con diffidenza perché il sindacato che conoscono è più che altro quello delle vertenze per la difesa e il consolidamento di diritti già conquistati. Eppure la storia insegna che quei diritti non ci sarebbero se non ci fosse stato il sindacato. Comunque dall interno vedo che qualcosa si sta muovendo, c è una nuova consapevolezza nei dirigenti di oggi che stanno lavorando a un progetto concreto contro il precariato e per la ricostruzione dei diritti perduti. Ai giovani dico che, nonostante tutto, devono avere fiducia e sentirsi in dovere di partecipare e lottare. A chi invece ha vissuto il centenario della Camera del lavoro con alle spalle l esperienza diretta dico ma certamente lo sanno già che il precariato è nemico dei giovani quanto del sindacato e che insieme dobbiamo combatterlo. Altrimenti, non ci sarà un altro centenario da festeggiare. *Segreteria Fillea Cagliari

2 di Sandro Bianco* CATEGORIE Sì alla nuova continuità aerea ma non sulle spalle dei lavoratori «La Regione s impegni a scongiurare ogni ipotesi di precarizzazione» La Commissione Europea si è espressa in merito alla legge regionale sulla continuità territoriale aerea. La prima conseguenza significativa è che, dagli aeroporti di Cagliari, Alghero e Olbia, non si volerà a costi contenuti, solo verso Roma e Milano, ma anche per Torino, Verona, Bologna, Firenze, Napoli e Palermo. La seconda è che la continuità territoriale dovrà aprirsi alla concorrenza, pur nel rispetto di regole: le compagnie che intendono collegare la Sardegna in regime di continuità territoriale, lo dovranno fare per tutto l anno, al fine di evitare che l offerta cresca solo nel periodo estivo, lasciando l isola priva di collegamenti durante l inverno. Altra conseguenza rilevante, è l apertura alle compagnie low cost che, da subito, potranno volare dai tre aeroporti sardi verso Bergamo Orio al Serio e Roma Ciampino. Un elemento negativo è il non voler riconoscere il diritto alla continuità territoriale agli emigrati sardi, adducendo giustificazioni incomprensibili, dettate sicuramente dal fatto che il responsabile dei trasporti della comunità europea non conosce il dramma dell emigrazione, fenomeno che i sardi hanno vissuto in passato e, purtroppo vivono tutt ora. Dopo la diffusione del documento della Commissione europea il 23 aprile, abbiamo assistito al consueto teatrino della politica isolana: chi dissente dall attuale legge ha ingigantito la questione adducendo motivazioni assurde, quasi come se quello stesso documento costituisse una bocciatura alla continuità aerea della Sardegna. Una polemica strumentale che, evidentemente, non può avere alcun riscontro oggettivo nelle decisioni prese dalla Commissione Europea. Il documento infatti, ha molte luci e un ombra (non riconosce la continuità agli emigrati sardi), ma sicuramente sancisce definitivamente, Trasporto pubblico locale: il sindacato vigila sulla riorganizzazione I treni sono pezzi da museo La legge finanziaria nazionale dà sovranità alla Sardegna in materia di Trasporto pubblico locale trasferendo alla Regione, finalmente, le competenze sulle due aziende di trasporto pubblico in concessione governativa: Ferrovie della Sardegna (Fds) e Ferrovie Meridionali Sarde (Fms). Un avvenimento storico: i sardi potranno decidere in piena autonomia qualità e quantità dei servizi collettivi necessari alla propria mobilità. Dopo anni di immobilismo, la Regione si è dotata di una propria legge che recepisce quella nazionale di riforma del trasporto pubblico locale. La conseguenza diretta del passaggio delle due aziende alla Regione è la costituzione dell Azienda unica di Trasporto pubblico locale. Su gomma, la fusione di Arst, Fds e e Fms faciliterà la gestione unitaria dei servizi. Ragionamento diverso occorre fare per la parte del ferro di Fds: noi pensiamo che le tratte del Trenino verde non dovranno far parte del Trasporto pubblico locale. Se ne dovrà occupare l assessorato al Turismo che, certamente, troverà le risorse utili a trasformarle in un servizio a vantaggio del turismo delle zone interne. Per la parte restante del ferro, occorre intervenire anche se non vi era la necessità, il diritto inalienabile dei sardi di poter viaggiare verso il resto dell Italia in tempi rapidi e a prezzi contenuti. E chiaro che l impianto legislativo è giusto, non dobbiamo trascurare il fatto che una legge di questo tipo, proprio perché affronta un tema delicato come quello dei trasporti aerei - una tipologia che subisce modificazioni veloci, indipendenti dalle volontà politiche - ha necessità di un monitoraggio continuo e attento, per cogliere immediatamente tutte le novità e difficoltà che possono sorgere nella sua applicazione. Con umiltà e sulle infrastrutture reperendo le risorse necessarie all ammodernamento delle linee ormai obsolete, così come è necessario investire su nuovo materiale rotabile che sostituisca i pezzi da museo che, purtroppo ancora vediamo circolare in Sardegna. La riforma del Trasporto pubblico locale offre una risposta alla continua richiesta di aumento di trasporto collettivo. Purtroppo sinora ha avuto un ruolo marginale nella mobilità dei cittadini, e ciò a causa dell incuria dei governi che si sono succeduti alla giuda della Regione. Il sindacato è disponibile ad affrontare la riorganizzazione del settore, purché i livelli occupazionali rimangano invariati. Non daremo la nostra disponibilità a riorganizzazioni che prevedano l uscita forzata di lavoratori dalle aziende. Gli attuali livelli salariali devono rimanere invariati, vanno ricercate tutte le soluzioni per legare i lavoro vecchio a quello nuovo, senza penalizzare nessuno. Tutto il percorso riorganizzativo andrà fatto col dialogo e il consenso dei lavoratori: si deve assolutamente evitare di imporre il cambiamento, perché sono gli stessi lavoratori a sollecitarlo visto che da troppo tempo rivendicano il diritto di lavorare in aziende sane e produttive. sensibilità, bisogna sempre essere pronti ad apportare tutte le modifiche necessarie per migliorare qualità e quantità dei servizi offerti. Occorre dunque che Regione ed enti di controllo, vigilino sul rispetto della legge regionale da parte delle compagnie aeree e che, in presenza di violazioni, vengano applicate sanzioni realmente commisurate al disservizio creato ai cittadini. E inoltre indispensabile che la Regione eserciti il suo peso politico nella Comunità europea, affinché la parte riguardante gli emigrati venga modificata. Al di là della legge sulla continuità territoriale e le possibili modifiche che ha subito e potrà subire, ciò che preme sottolineare è che non dovranno mai più ripetersi situazioni d incertezza come quella in cui si sono trovati, all improvviso, i lavoratori di Alitalia. L uscita di scena della ex compagnia di bandiera, non solo ha privato tutti i sardi dei suoi servizi, ma ha messo a repentaglio il lavoro di cento lavoratori. Solo dopo un estenuante vertenza quei lavoratori hanno trovato occupazione, grazie anche alla mediazione del ministero dei Trasporti. Quell esperienza ci insegna che occorre lavorare da subito per mettere al riparo i lavoratori dei tre aeroporti sardi da una probabile precarizzazione dovuta dall applicazione della futura legge. *Segretario regionale Filt Trasporto merci Da troppo tempo il sindacato e le imprese denunciano l aggravio dei costi che le aziende sarde devono subire per l esportazione e importazione delle merci. Il ritardo è intollerabile: la Regione deve predisporre al più presto una legge sulla continuità territoriale delle merci. La competitività delle aziende passa anche attraverso la possibilità di poter usufruire di trasporti a prezzi in linea con il resto d Italia e d Europa. L aggravio dei costi incide anche sulla spesa quotidiana di tutti i sardi. Purtroppo, la stragrande maggioranza delle merci vengono trasportate su strada, il trasporto per ferrovia è ormai residuale e non s intravede una sua crescita. Ciò contribuisce all aggravio dei costi e impone una riflessione sull ambiente: il trasporto ferroviario, sicuramente più conveniente economicamente, contribuirebbe anche a migliorare l ambiente, e liberebbe le strade sarde dalle centinaia di tir che giornalmente le percorrono da nord a sud. Pertanto, la legge sulla continuità territoriale delle merci è un esigenza economica e ambientale. I prezzi per il trasporto delle merci potrebbero calare anche grazie al buon funzionamento di tutti i porti sardi, organizzati in modo irrazionale: i tir percorrono l isola da nord a sud e viceversa per imbarcare le merci nei porti del nord, certamente più competitivi rispetto agli altri porti. Quello di Cagliari è il più penalizzato a causa della presenza di Tirrenia che, purtroppo, opera ancora in regime di monopolio. 2 Maggio 2007

3 INTERVISTA «Datemi cinquanta milioni di euro e vi faccio volare tutti in continuità» Massimo Deiana: La Commissione europea subisce le pressioni delle compagnie aeree di Daniela Pistis L antidoto al veto europeo sulle tariffe scontate agli emigrati sardi è un ragionamento giuridico che smonta la tesi della Commissione. Lo suggerisce l artefice tecnico della continuità territoriale aerea Massimo Deiana, docente di diritto della navigazione e preside della facoltà di Giurisprudenza. E sul resto delle osservazioni scaturite dal documento del responsabile europeo dei Trasporti Barrot, Deiana declina l ipotesi di una resa: «Il modello attuale funziona». Aprire il mercato? «Non c è alcun obbligo, è una strada percorribile ma le compagnie dovranno rispettare tempi precisi e fornire adeguate garanzie». La Commissione Europea ha bacchettato l attuale modello di continuità. «Diciamo che ha subìto pressioni interessate. Di rilevante c è che ha avvallato la correttezza del principio su cui si fonda il diritto alla continuità. Non era scontato perché compagnie come Alitalia, Ryanair e EasyJet hanno avuto la faccia tosta di metterlo in discussione per mere ed egoistiche ragioni commerciali». Però l Unione Europea preme per liberalizzare il mercato e aprire alle low cost i collegamenti con Malpensa, Orio al Serio e Ciampino. «La Commissione parte da un presupposto singolare: ha scarsissima considerazione del sistema degli oneri così come lo abbiamo applicato in Sardegna, senza arrivare alla gara. Eppure si tratta di una prassi regolarmente prevista dalla normativa sulla continuità valida per tutti i Paesi membri». La prassi prevede una scadenza nel caso dell imposizione degli oneri di servizio? Alitalia è rimasta fuori per non averla rispettata. «L Unione europea sostiene che quella data non poteva essere imposta, ma si tratta di un errore. Come si potrebbe programmare un servizio, con regole certe, orari, rotte e numero di voli se poi si permettesse l ingresso a chiunque ed in qualsiasi momento?». Quindi il documento della direzione generale Trasporti rischia di far saltare il sistema? «Non contiene precetti normativi che impongono una modifica, semplicemente fornisce indicazioni e pareri autorevoli, ma di parte che si possono accogliere oppure no». Cosa succederebbe se Governo e Regione respingessero le osservazioni? «Verrebbe probabilmente aperta una procedura d infrazione, ma ha tempi lunghi e il modello attuale potrebbe arrivare alla sua scadenza naturale». Foto di Elisabetta Messina Low cost poco rispettose dei diritti dei passeggeri Ignobile negare gli sconti agli emigrati sardi Il tecnico, cosa suggerisce alla Regione? «Si possono accogliere alcune indicazioni sull apertura del mercato, ma non in tempi rapidi, cercando di salvaguardare i diritti delle compagnie che hanno già accettato agli oneri di servizio. Per la liberalizzazione del traffico su Ciampino, Orio al Serio e Malpensa, Governo e Regione stanno dialogando per trovare meccanismi compensativi a favore delle compagnie che oggi garantiscono il servizio di continuità territoriale». Direttore editoriale Giampaolo Diana Amministrazione CGIL Sarda Viale Monastir Cagliari tel fax Sul sito internet di Ryanair si può acquistare un biglietto Alghero Orio Al serio a 5 euro e 99, partenza gennaio «E un comportamento irregolare, ai limiti della truffa: si vende un servizio che non si ha la certezza di poter effettuare. Se poi accade che la data di avvio non sarà quella sperata, cosa verrà detto ai passeggeri? Che è un ingiustizia? Sia chiaro fin da adesso, nessuno, oggi, è autorizzato a vendere biglietti per quelle tratte». L Unione europea vorrebbe vietare le tariffe scontate ai sardi emigrati. «Una posizione tecnicamente e giuri- Nuova serie - Anno I - Maggio 2007 Registrazione n. 611 del Tribunale di Cagliari Poste Italiane S.p.A. Sped. in abb. post. 70% CNS/AC - Cagliari Direttore responsabile Daniela Pistis Stampa Litotipografia Trudu Via Mercalli Cagliari Tel Fax dicamente criticabile. Si tratta di una categoria da tutelare e agevolare, al pari di giovani, studenti, anziani e portatori di handicap per i quali la Commissione non contesta l applicazione delle tariffe scontate. Per questi giustamente - si fa una valutazione oggettiva, considerandoli categorie svantaggiate a prescindere dal reddito o da altre condizioni peculiari. Per gli emigrati (nati, ma non residenti in Sardegna) la Commissione chiede di considerare caso per caso, condizioni economiche e legami familiari, in realtà c è uno svantaggio oggettivo costituito dal vivere lontano dalla terra di nascita». Può funzionare a lungo la continuità senza finanziamenti pubblici? «Sì, anche se la Commissione europea non ha ancora metabolizzato il concetto». 46 euro per Roma sono un buon prezzo? «Il migliore possibile in queste condizioni». Se ci fossero le risorse? «Con 50 milioni di euro all anno si potrebbe garantire una tariffa in continuità di circa 40 euro. Senza alcuna distinzione fra residenti, turisti e chiunque voglia volare da e per la Sardegna». Per le sei nuove rotte si è fatta la gara, lo Stato spende 12 milioni di euro, il mercato le regge? «In base ai primi dati sì, anzi sembra che stia premiando la scelta, con l effetto positivo aggiuntivo di contribuire a decongestionare il traffico con Roma e Milano». Quando si cambia la continuità rischiano sempre i lavoratori, non vale il principio chi vince se li prende? «Purtroppo una sentenza della Corte europea di giustizia lo esclude perché la considera una misura che limita la concorrenza. Non è corretto imputare i travagli occupazionali alla continuità territoriale: l intero sistema del trasporto aereo è contraddistinto da una significativa instabilità che si riverbera fatalmente sull occupazione e la sua stabilità». Stabilizzarli attraverso le società di gestione aeroportuali? «E la prospettiva più vantaggiosa». Come giudica il progetto di Aga Khan su Alisardegna, una low cost isolana? «Creare una compagnia dedicata a un unico mercato è difficoltoso». Il futuro è low cost? «Sì e no: è un modello adatto a chi viaggia per svago e vacanza, ma non è in grado di soddisfare le esigenze di chi si sposta per lavoro. Ha poi un grande limite: non rispetta del tutto i diritti dei passeggeri». Meridiana promette un volo diretto per New York, il mercato c è? «Attualmente non sembra esistere una domanda che lo giustifichi, ma molto spesso l esistenza di un offerta crea la domanda adeguata: é una scommessa, e come tale è affascinante». 3 Maggio 2007

4 CONSUMATORI Quelle comode rate mensili di Andrea Pusceddu * I tranelli delle Finanziarie: pseudo carte di credito a tassi proibitivi Tutto si può acquistare a rate, nessun sogno appare più irrealizzabile nella società dei consumi, anche se, paradossalmente, il bene più commercializzato è il denaro. Spot su tv e giornali, volantini, offrono incessantemente le più improbabili somme a pensionati, impiegati, operai, casalinghe, autonomi, persino ai protestati. Tutti possiamo avere tutto, pagandolo in comode rate, dopo un anno dall acquisto, semplicemente ipotecando le future buste paga per un tempo che pare rasentare l infinito. Però, è bene sapere che passare per banche, intermediari e società finanziare, significa aggravare sensibilmente il costo di ciò che compriamo, con gli interessi, le commissioni, le spese. Dietro l appetibile tasso zero, si nascondo tranelli che solo un consumatore accorto può ravvisare. La maggior parte, purtroppo, non legge le condizioni generali del contratto. Si potrebbero scoprire cose interessanti, ad esempio, che si sta sottoscrivendo un revolving : una sorta di fido permanente pari all importo inizialmente erogato. Una volta andato a buon fine l ammortamento, si riceve una carta per ulteriori acquisti che, senza che nessuno ne dia notizia, avranno un tasso d interesse tra il 18 ed il 23 per cento, con buona pace dell iniziale tasso zero. Prestito al consumo e per liquidità, sono le due facce della stessa medaglia di cui sono soliti farsi fregio i più disparati soggetti istituzionali. L esercizio delle attività finanziarie e d intermediazione non è soggetto a rigidi controlli, non esiste una normativa che disciplini in maniera esaustiva la materia e l ente preposto, l Ufficio Italiano Cambi, per via della molteplicità di funzioni che gli sono demandate e l esiguità delle risorse, non sarebbe in ogni caso in grado di vigilare sul mercato. E per questa ragione che, attraverso una fittissima rete di intermediari finanziari - figura professionale cui è possibile accedere senza particolari filtri e in assenza di comprovate qualifiche - una miriade di società commercializzano finanziamenti, spesso utilizzando condizioni generali elusive delle norme anti usura e con clausole contrattuali ai limiti della legalità. Nel vortice rovinoso di questi soggetti rischia di incorrere chi già si trova in condizioni economiche precarie. Molti intermediari, a fronte di commissioni improponibili, elargiscono somme cospicue anche a chi non potrebbe garantire meno di un euro. Ci penserà una società di recupero crediti ad incassare quanto dovuto, presentandosi a casa del malcapitato e malaccorto debitore. I finanziamenti paiono essere oramai un I casi Prestito al consumo e per liquidità: somme cospicue senza adeguate garanzie La signora Sebastiana, vedova, per poter sostenere i costi del funerale del proprio compagno ha pensato di rivolgersi ad un noto promotore finanziario cagliaritano, la cui pubblicità appare quotidianamente sui giornali e sulle televisioni locali. Cedendo un quinto della sua pensione Inpdap, si è vista erogare in prestito la somma di 15 mila euro, da parte di una finanziaria con sede a Reggio Calabria. Ebbene la signora Sebastiana dovrà restituirne oltre 30 mila euro, di cui 6 mila per le sole commissioni da elargire al promotore finanziario. Stessa avventura è capitata a Carlo, operaio metalmeccanico, che ha ipotecato il proprio stipendio per i prossimi dieci anni, vedendosi costretto a restituire oltre il doppio di quanto ricevuto, ed in particolare a corrispondere all intermediario provvigioni per oltre euro, cifra esorbitante, di gran lunga superiore rispetto a quella effettivamente dovuta. Curiosa la vicenda di Giancarlo, incappato in un astuto promotore che, al fine di eludere il tasso d usura, gli ha fatto sottoscrivere due distinti contratti: col primo gli è stata erogata la somma finanziata, con un tasso ai limiti di legge, con il secondo gli è stato erogato un altro prestito al fine di acquistare un inutile carta servizi, comprensiva di un assicurazione a garanzia del primo prestito. Complessivamente sono stati erogati 3 mila e 500 euro, a fronte dei quali, in 48 rate mensili, ne dovrebbe restituire ben 7 mila 280 (compresa la carta servizi), per un tasso di interesse complessivo (Taeg) pari al 57,53 per cento. Ciò che preoccupa è che il soggetto erogatore ha poi ceduto il credito, che attualmente risulta in capo a una finanziaria appartenente al più grande gruppo bancario italiano. L attuale società, pur nella consapevolezza dell illiceità dell operazione, continua a pretendere l intero indispensabile strumento a sostegno dell economia, del mercato, dei consumi. Gli stipendi sono troppo bassi rispetto alle necessità dei tempi e le società finanziarie si sono trasformate nella vera linfa vitale del nostro sistema economico. Un sistema costruito apposta per obbedire all imperativo cui tutti sembra siamo chiamati a rispondere: lavora, produci, consuma. Non si vuole demonizzare l utilizzo di sistemi di pagamento rateizzato, però non è socialmente sostenibile un eccessivo indebitamento delle famiglie. Il ricorso ai prestiti deve essere finalizzato all acquisto di beni e servizi necessari, se non indispensabili, che non potrebbero essere altrimenti acquistati. In ogni caso è buona regola leggere attentamente i contratti prima di sottoscriverli, stando particolarmente attenti ai tassi d interesse, all importo di spese e commissioni. Soprattutto, occorre valutare attentamente l utilizzo delle pseudo carte di credito perché nascondono spesso interessi e condizioni contrattuali insostenibili. * Presidente Federconsumatori Cagliari Come ipotecare lo stipendio a vita Tassi d interesse del 57,53 per cento adempimento. La signora Paola, sottoscrive un prestito personale con una nota finanziaria sarda. Non adempie puntualmente agli obblighi assunti e la finanziaria avvia la pratica legale per il recupero del credito: si arriva a un piano di rientro con la sottoscrizione di numerose cambiali, 250 euro al mese. Il puntuale pagamento avveniva presso lo studio dell avvocato della finanziaria, che però non provvedeva alla restituzione delle cifre pagate dalla signora, pretendendo somme ben superiori rispetto a quelle inizialmente previste ed effettivamente dovute. Angela, pensionata, per acquistare alcuni mobili sottoscrive una richiesta di finanziamento nella quale indica espressamente di voler pagare le rate dovute attraverso l addebito mensile sul proprio conto corrente bancario. Fornisce le coordinate compilando regolarmente l apposita modulistica predisposta dalla stessa finanziaria e, dopo circa due mesi, riceve una telefonata minatoria da parte di un operatore di una società di recupero, il quale le impone di pagare, immediatamente, attraverso un bonifico, le due rate che risulterebbero inevase, oltre 50 euro per non meglio precisate spese di recupero. Angela paga quanto richiesto per poi scoprire che la società finanziaria non aveva attentamente letto il modulo da lei sottoscritto, si attendeva il pagamento a mezzo conto corrente postale e, pertanto, non aveva provveduto all addebito sul conto bancario. La conseguenza, oltre all addebito delle spese di recupero, è che Angela si è vista ingiustificatamente segnalare come inaffidabile al Crif (banca dati a tutela del credito). Tutto questo senza che dalla finanziaria le fosse mai giunta alcuna comunicazione formale sull apparente stato di insolvenza, o una qualsiasi richiesta di pagamento. 4 Maggio 2007

5 VERTENZE Precari nei call center: delusi ma non sconfitti Ispezionate 65 aziende: 309 stabilizzati su 1828 atipici di Marinora Di Biase * La Sardegna resta in coda, anche per la stabilizzazione dei precari nei call center. Soltanto il 15 per cento dei lavoratori atipici sardi sono riusciti a firmare l accordo per ottenere un contratto a tempo indeterminato. Percentuale esigua rispetto al ben più solido risultato ottenuto a livello nazionale, il 35 per cento dei 50 mila contratti a progetto sono in fase di stabilizzazione. In Sardegna invece, pochi imprenditori hanno colto l opportunità di mettersi in regola: entro il 30 aprile scorso avrebbero potuto usufruire degli incentivi - sgravi fiscali e contributivi - previsti nella Finanziaria nazionale. Adesso rischiano pesanti sanzioni. Gli ispettori del Ministero del lavoro, nei primi quattro mesi del 2007, hanno scoperto, fra i 65 call center sardi ispezionati, 1828 lavoratori con contratto a progetto: solo per 309 sono stati firmati gli accordi per la stabilizzazione. Per tutti gli altri, la battaglia non è persa, solo rimandata: il sindacato sollecita l attività ispettiva e la conseguente applicazione delle sanzioni previste per gli imprenditori che non hanno voluto firmare gli accordi entro il limite previsto dal Governo nazionale. I call center con situazioni irregolari, attualmente stanno sul mercato in concorrenza sleale rispetto alle aziende del settore che hanno stabilizzato i loro operatori. Poche hanno risposto alle reiterate richieste d incontro da parte del sindacato. La campagna d informazione è stata capillare, con seminari in tutte le province, un lavoro che ha coinvolto tutte le strutture del sindacato. Eppure, i risultati attesi non sono arrivati. E in Sardegna sono state anche destinate altre risorse rispetto a quelle nazionali con un protocollo d intesa tra parti sociali e assessorato al Lavoro. A questo punto c è da chiedersi cosa sia andato storto. Intanto c è da dire che se il risultato più deludente è stato a Cagliari l unico esempio positivo è quello della Innova consulting, ma il confronto con il sindacato era stato avviato prima dell avvio dell attività ispettiva (vedi box) probabilmente non è un caso perché il servizio ispettivo è partito troppo tardi rispetto al resto dell isola. In generale si può dire che potrebbe aver influito la caratteristica della maggior parte dei call center ispezionati: piccole aziende che lavo- rano su commesse e che lamentano scarsi margini di profitto. Una problematica affrontata anche a livello nazionale che ha portato la Cgil a proporre un confronto sui meccanismi del mercato e la necessità che le grandi aziende non assegnino commesse al massimo ribasso. Il passo che dobbiamo fare oggi è aprire una discussione sullo stato del settore in Sardegna, sulle regole che governano i rapporti tra i grandi call center legati a gruppi nazionali e internazionali e i piccoli imprenditori del mercato. * Segretaria regionale La scheda In tutta la Sardegna sono state ispezionate 65 aziende per un totale di 3243 occupati. Fra questi, 1828 sono a progetto. Per 309 è stato avviato il percorso di stabilizzazione. La ripartizione del territorio si riferisce alle vecchie Province. Cagliari: 42 aziende con 2580 occupati, di cui 1316 a progetto: 11 sono stati stabilizzati. Gli altri 96, della Innovaconsulting, riguardano un caso slegato dalle ispezioni. Nuoro: 4 call center ispezionati con 44 occupati, di cui 40 a progetto: 14 stabilizzati. Oristano: 2 aziende, 75 occupati di cui 51 a progetto: stabilizzati in 4. Sassari: 17 call center, 544 occupati di cui 421 a progetto: 184 stabilizzati. di Giuseppe Nonnis* A Cagliari ispezioni in ritardo Il dato più evidente del processo di stabilizzazione dei precari a livello nazionale e regionale è la forte concentrazione delle trasformazioni nei call center di grandi dimensioni: per fare solo un esempio, Atesia ha regolarizzato ben 6400 lavoratori. Nonostante sforzi omogenei in tutti i territori, purtroppo, i risultati sono scarsi in molte province d Italia, fra cui Cagliari. Dall analisi dei dati emerge in questa provincia la diffusione di piccoli call center, nonostante il fatto che i numeri assoluti rilevino la presenza di oltre 4000 collaborazioni. E la prova della scarsa opportunità di alternative di impiego dei nostri giovani e della riconosciuta incapacità di pensare in grande dei nostri imprenditori: i due call-center con oltre duecento postazioni in provincia di Cagliari, fanno capo a proprietà con sede legale fuori dalla Sardegna. Altra considerazione che deriva dagli scarsi risultati ottenuti, è il ritardo iniziale delle attività d ispezione che, probabilmente, ha poco stimolato le aziende. L attività di individuazione dei call center svolta dalla categoria, ha consentito di inviare da gennaio scorso, più di cinquanta richieste d incontro: soltanto due aziende, peraltro al di sotto dei dieci addetti, hanno risposto alla nostra richiesta. Fino a fine marzo non risulta alcuna attività ispettiva nella Provincia di Cagliari, avviata più o meno intorno al 26 del mese dopo varie sollecitazioni. A quel punto, alcune aziende hanno iniziato a sentire la pressione dell ispettorato, consentendo di produrre sul filo di lana del 30 aprile, l unico accordo di stabilizzazione per undici lavoratori con contratto delle Telecomunicazioni Al di là dei numeri poco incoraggianti nel cagliaritano, le disposizioni della Finanziaria 2007 e il conseguente avvio di una campagna di sensibilizzazione contro il precariato costituiscono il primo passo verso la normalizzazione di un settore per troppo tempo caratterizzato dall assenza di tutele per i lavoratori. Una condizione di lavoro precario irregolare che verrà certamente evidenziata dall attività ispettiva non ancora conclusa. Intanto, il sindacato ha sollecitato i grandi committenti Il caso Foto di Elisabetta Messina Con un accordo che permetterà di stabilizzare 96 collaboratori a progetto, il 27 aprile si è chiuso positivamente il confronto fra sindacato e vertici della Innovaconsulting srl. Una lunga vertenza iniziata a settembre 2006, prima dell attività ispettiva avviata con le disposizioni della Finanziaria La Fisac è presente all interno dell azienda sin dal 2004, quando i 160 lavoratori assunti con contratti di formazione lavoro passarono dal contratto delle Telecomunicazioni a quello degli Assicurativi: fu la logica conseguenza della riconversione dell attività di Innova, che stipulò un contratto d appalto per gestire il call center della Zuritel, branca italiana della Zurigo Assicurazioni. In un primo tempo l attività degli operatori era legata alla promozione telefonica del pacchetto assicurativo (front-office), poi la Zuritel ha affidato al call center sardo anche la gestione delle pratiche (back-office). Per svolgere la nuova attività l azienda ha incrementato i lavoratori con un centinaio di contratti a progetto. Nel frattempo, i 160 contratti di formazione sono stati trasformati in rapporti a tempo indeterminato. La vertenza per i 96 precari ha portato, dopo una decina di incontri, all accordo che prevede la stabilizzazione con una riduzione del lavoro da cinque a quattro ore e l impegno dell azienda a verificare entro giugno la possibilità di riportarlo a venticinque ore la settimana. Angelo Cui, segretario Fisac del settore (Telecom, Wind, Tele2, Vodafone, Tiscali, H3g) affinché privilegino per l affidamento degli appalti - le aziende che hanno già stabilizzato i lavoratori e, in generale, chi applica il contratto nazionale di categoria e retribuzioni coerenti con i minimi tabellari dello stesso contratto. È evidente che le dinamiche future premieranno quelle aziende che porteranno la competizione sul terreno della qualità del servizio, escludendo progressivamente dal mercato chi vuole solo sfruttare la manodopera utilizzando impropriamente la legge 30 e approfittando dell inadeguatezza dei servizi ispettivi. In provincia di Cagliari stiamo sollecitando la formazione di un consorzio fra call center: soltanto così si può competere con le grandi realtà nazionali e con un potere contrattuale forte delle competenze e straordinarie attitudini riconosciute ai giovani lavoratori del territorio. Altrimenti si perderà, purtroppo, una notevole opportunità di lavoro e sviluppo. * segretario Slc Cagliari 5 Maggio 2007

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere RASSEGNA WEB giornalettismo.com Data Pubblicazione: 07/06/2013 giornalettismo.com http://www.giornalettismo.com/archives/967721/vacanze-studio-tutto-quello-che-ce-da-sapere/comment-page1/#comment-972985

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Diamogli Credito Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS) e l

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO AGLI ISCRITTI N. 6-2011 ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Si informano gli associati che, a partire dal 1 ottobre 2011,

Dettagli

QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM?

QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM? QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM? LA MEDIAZIONE CIVILE COSTA DI PIU O DI MENO DI UNA CAUSA NORMALE? Costa molto di meno. Per una mediazione relativa ad una lite

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Il TdP incontra gli ex esposti all Amianto: una Storia fatta di Persone Oristano 27 maggio 2011 M. FADDA - Asl Oristano Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Mentre costruivo la mia Tesi di Laurea non immaginavo

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web BANCA

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME Con la firma del CIR 2012/2013, avvenuta il giorno 15 maggio

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web BANCA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Attenzione! le condizioni riportate nel SECCI potranno comunque essere modificate, a seguito della valutazione del merito creditizio e della consultazione delle banche dati effettuabile solo dopo la sottoscrizione

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

dell abitazione principale e sia a tasso variabile, a rata variabile per tutta

dell abitazione principale e sia a tasso variabile, a rata variabile per tutta INFORMATIVA SULLA RINEGOZIAZIONE DEI MUTUI A TASSO VARIABILE SECONDO QUANTO PREVISTO DALLA CONVENZIONE ABI MEF IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DL 93/2008 (CONVERTITO IN LEGGE 126/2008) DOMANDE E RISPOSTE

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO Alle società di recupero crediti per piccole cifre, è normale che paghiamo noi le spese di notifica?

MILENA GABANELLI IN STUDIO Alle società di recupero crediti per piccole cifre, è normale che paghiamo noi le spese di notifica? LA CITAZIONE di Giulio Valesini MILENA GABANELLI IN STUDIO Alle società di recupero crediti per piccole cifre, è normale che paghiamo noi le spese di notifica? PRIMA OPERATRICE CALL CENTER Noi le stiamo

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Come ottenere prestiti dalle banche anche se protestati e cattivi pagatori SOLUZIONI RAPIDE

Come ottenere prestiti dalle banche anche se protestati e cattivi pagatori SOLUZIONI RAPIDE Come ottenere prestiti dalle banche anche se protestati e cattivi pagatori 6 SOLUZIONI RAPIDE Cari lettori, in questa dura, durissima contingenza economica in cui ci troviamo a vivere, sono molte le persone

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 DISDETTA SERVIZIO ADSL: ANALISI DEI COSTI DI DISATTIVAZIONE SERVIZIO ADSL INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. Le motivazioni che portano alla disdetta

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

Delibera contributiva 2015

Delibera contributiva 2015 Delibera contributiva 2015 SISTEMA CONTRIBUTIVO IN VIGORE DALL 1.01.2015 1. CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI ASSOCIATIVI Per la definizione della contribuzione associativa si prendono in considerazione

Dettagli

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Sono circa 10.000 in provincia di Bologna Sondaggio tra gli iscritti Cna: sono laureati e soddisfatti della loro autonomia Rivendicano

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE Domanda n. 1 Siamo con la presente a chiedervi cortesemente di comunicarci l importo del pagamento del contributo all Autorità per la partecipazione alla gara

Dettagli

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Giornata di studio Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Enna, 19 novembre 2010 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente ANEA Pagina 1 di

Dettagli

novembre 2006 - aprile 2007 www.viaggidea.it MESSICO

novembre 2006 - aprile 2007 www.viaggidea.it MESSICO novembre 2006 - aprile 2007 www.viaggidea.it MESSICO MESSICO GUATEMALA un mondo in vacanza con te Un mondo unico e inimitabile, che mette insieme l esperienza e la competenza di grandi marche leader delle

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE DEI SOCI

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE DEI SOCI ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE DEI SOCI 11 GIUGNO 2009 RELAZIONE dott. GERARDO BAIETTI CASSA EDILE Signori Associati, l esercizio che si è chiuso al 30 Settembre 2008 ha mostrato un andamento ancora stabile

Dettagli

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza Associazione Sindacale dell Area Direttiva e delle Alte Professionalità del Credito ed Enti assimilati delle Società Assicurative e delle Agenzie Esattoriali Inserti di Gruppo Il 730/2015 Precompilato

Dettagli

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI!

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI! FERIE NO! FERIE. SI! Veniamo a conoscenza che i Responsabili OGGI stanno obbligando le proprie risorse a pianificare entro fine anno il residuo ferie arretrato. Gli stessi Responsabili IERI hanno negato

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati Lexis Ricerche per Faschim FASCHIM Indagine Associati 1 Metodo e campione Ricerca quantitativa sul target iscritti Faschim. Disegno campionario: 1000 interviste telefoniche a iscritti al fondo Faschim;

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT

Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT sulla Qualità dell Ambiente Urbano edizione 2006, ha sottolineato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente. Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia

Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente. Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia DI COSA PARLIAMO Il mercato del Credito: Scenario ante crisi Scenario

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

Salario minimo: Argomentazioni tascabili

Salario minimo: Argomentazioni tascabili Salario minimo: Argomentazioni tascabili il 18 maggio 2014 Salari giusti: Il lavoro va pagato! Chiunque lavori in Svizzera deve poter vivere in modo decoroso del proprio salario. Perciò, 4000 franchi al

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

Fondav. I costi: alti e bassi

Fondav. I costi: alti e bassi Fondav Il volo della pensione Per gli assistenti di volo vi è il fondo pensione chiuso Fondav. Dopo la nostra analisi si è rivelato un fondo con pochi alti e molti bassi sia nei costi, sia, soprattutto,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

CONVENO UIL-SGK Bolzano SICUREZZA SUL LAVORO: UNA PRIORITA

CONVENO UIL-SGK Bolzano SICUREZZA SUL LAVORO: UNA PRIORITA CONVENO UIL-SGK Bolzano SICUREZZA SUL LAVORO: UNA PRIORITA Intervento di Maurizio D Aurelio Responsabile Sicurezza sul UIL-SGK Per affrontare un tema delicato ed importante come la sicurezza sul lavoro,

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

FOCUS ON BORSA TRASPORTI INTERVISTA AL GENERAL MANAGER Dott. Angelo Coletta

FOCUS ON BORSA TRASPORTI INTERVISTA AL GENERAL MANAGER Dott. Angelo Coletta 1. CHE COS E, COME NASCE L IDEA DI CREARE UNA BORSA MERCI E DA QUALI ESIGENZE? Borsa Trasporti è l ultima nata tra le borse merci telematiche ed è un portale interamente dedicato al mondo del trasporto

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Premessa. Descrizione del Bilancio

Premessa. Descrizione del Bilancio Premessa Il Bilancio Preventivo 2011 è stato elaborato prendendo come riferimento i dati dell esercizio appena concluso e assumendo come obbiettivo la volontà di garantire la stessa impegnativa e intensa

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE - INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore Indirizzo Telefono Fax Sito web BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società

Dettagli

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Il nostro processo comunicativo 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) Presentazione Personale Feeling Motivo dell'incontro Conferma consulenza Analisi

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli