Rilevazione Istat Trasporto merci su strada (IST-00146) Istruzioni per la compilazione del modello SER/TMS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rilevazione Istat Trasporto merci su strada (IST-00146) Istruzioni per la compilazione del modello SER/TMS"

Transcript

1 Rilevazione Istat Trasporto merci su strada (IST-00146) Istruzioni per la compilazione del modello SER/TMS Il modello SER/TMS è composto da tre pagine. Nella prima vengono richieste informazioni di carattere generale sull impresa e sull automezzo campionato. Nella seconda si chiede una descrizione dei viaggi dell automezzo e delle operazioni di carico/scarico delle merci. Nella terza vanno descritti solo quei viaggi nazionali che hanno natura di circuito di raccolta e/o di distribuzione o servizio di navetta (e va compilata solo nel caso in cui siano stati effettuati viaggi di questa tipologia nella settimana di riferimento). Deve essere compilato in stampatello. IMPORTANTE Il modello compilato deve essere restituito all Istat tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) all indirizzo (in questo caso è INDISPENSABILE rispondere effettuando il reply o rispondi all ricevuta, oppure specificando nell oggetto dell di risposta il IST-00146). Qualora l impresa non possa provvedere all invio tramite PEC, il questionario compilato può essere inviato via fax (fax-server) al numero (in questo caso è necessario indicare, al fine di agevolare le operazioni di ricezione, il numero totale delle pagine che si stanno inviando). 1. Viaggio dell automezzo DEFINIZIONI Il viaggio effettuato può essere con carico o a vuoto. Entrambe queste tipologie sono oggetto di rilevazione. Il viaggio con carico inizia nel primo luogo di carico della e termina nel luogo in cui l automezzo viene completamente scaricato. Il viaggio a vuoto è un viaggio in cui sull automezzo non è presente alcun tipo di (v. punto 3) e più precisamente comprende: -la tratta percorsa dalla sede dell impresa fino al luogo in cui viene effettuato il primo carico; -la tratta compresa tra la località dove è stato effettuato l ultimo scarico ed il deposito e/o sede dell impresa; -la tratta tra la località dove è stato effettuato l ultimo scarico e quella successiva dove l automezzo si recherà per effettuare un nuovo carico. Il viaggio può essere nazionale o internazionale. Un viaggio si definisce nazionale se sia la località di partenza dove avviene il primo carico che la località di arrivo dove si effettua l ultimo scarico, nonché tutte le fermate intermedie di carico/scarico, sono all interno dei confini italiani. Un viaggio si definisce internazionale quando una o più località di carico/scarico (partenza, arrivo o intermedia), sono situate al di fuori del confine italiano. 2. Fermate dell automezzo Ai fini della presente rilevazione, devono essere considerate come fermate quelle in cui vengono effettuate operazioni di carico e/o scarico della e non quelle per il rifornimento di carburante o per qualunque altro motivo (ad es. una sosta per riposo). 1

2 3. Merce Per s intende qualunque tipo di bene che venga trasportato sulla strada pubblica. Ai fini della presente rilevazione sono considerati come anche gli imballaggi vuoti e i rifiuti. Nel caso in cui siano stati caricati differenti tipi di, inserire nella colonna caricata i codici delle tre tipologie ologiche prevalenti in termini di peso all inizio del viaggio. Nel caso in cui si stia descrivendo un viaggio a vuoto scrivere zero. 1. Data ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SEZIONE VIAGGI CON CARICO E A VUOTO Riportare la data indicando il giorno e il mese (gg/mm). 2. Portata utile Inserire la portata utile del rimorchio o del semirimorchio (in quintali) solo se nel singolo viaggio che si sta descrivendo sono stati effettivamente agganciati. 3. Numero degli assi Inserire il numero degli assi del rimorchio o del semirimorchio solo se nel singolo viaggio che si sta descrivendo sono stati effettivamente agganciati. 4. Località di partenza/arrivo Per i viaggi nazionali indicare il nome del Comune e la sigla provinciale. Se la località di partenza o arrivo si trova in un paese estero indicare il nome del Comune e il nome dello Stato estero, es: Parigi- Francia. La località di partenza o arrivo può coincidere con l inizio/fine di un nuovo viaggio o con una nuova fermata in cui l automezzo compie operazioni di carico e/o scarico. Si supponga di dover descrivere un viaggio con località di partenza, dove si caricano 50 q.li di ; l automezzo successivamente prosegue per Firenze dove ne scarica 20 q.li e riparte per Bologna dove finisce di scaricare i rimanenti 30 q.li. Sul questionario questo viaggio va descritto nel modo di seguito illustrato: Località di partenza caricata Località di arrivo scaricata - RM 50 q.li Firenze - FI (1 tratta ) 20 q.li Firenze FI 0 Bologna - BO (2 tratta) 30 q.li In questo esempio costituisce sia l origine del viaggio che la località di partenza; Firenze è la località di arrivo della prima tratta e la località di partenza della seconda tratta; Bologna costituisce la località di arrivo coincidente con la destinazione finale dell automezzo. 5. Tipologia di località di carico/scarico Inserire i codici (Lista D) corrispondenti al tipo di località. 2

3 6. Operazioni di carico alla partenza Inserire il (Lista A) corrispondente alla caricata; in caso di difficoltà nell individuare il esatto descrivere il tipo. Per le tipologie di pericolosa inserire sia l apposito individuato nella Lista B, che il della Lista A. Nella colonna peso specificare, per ciascuna tipologia di caricata, il relativo peso lordo (comprensivo della tara dell imballaggio) espresso in quintali. Per le merci contenute in container o casse mobili o pallet è necessario invece indicare il peso netto. Nella colonna Aspetto del carico : inserire il individuato nella Lista C corrispondente al tipo d imballaggio in cui la è contenuta. 7. Distanza percorsa Indicare i chilometri percorsi tra la località di partenza e quella di arrivo. Ad esempio, un viaggio in cui si effettua un carico a e due scarichi, uno a Firenze ed uno a Milano, deve essere così descritto: Località di partenza Località di arrivo km - RM Firenze - FI 250 Firenze - FI Milano - MI 300 Se durante un viaggio il veicolo viene caricato su di un altro mezzo di trasporto, è necessario indicare solo i chilometri che l automezzo ha percorso su strada. Per esempio, se un automezzo parte da Milano con un carico di, s imbarca a Genova, sbarca ad Olbia e va a scaricare la a Nuoro, occorre calcolare i chilometri percorsi escludendo quelli compresi tra Genova ed Olbia. 8. Operazioni di scarico all arrivo Per ogni tipologia di caricata, si possono successivamente effettuare scarichi parziali o totali; Esempio: a vengono caricati 10 quintali della partita di n.1 (tipologia 05 Lista A) e 6 quintali della partita di n.2 (tipologia 06 Lista A); a Firenze vengono scaricati solo 5 quintali della partita di n.1. Nel questionario la situazione deve essere così riportata: Località di partenza (RM) Operazioni di carico alla partenza Operazioni di scarico all arrivo Distanza percorsa (km) Merce Peso Località di Merce a caricata caricata (q.li) arrivo bordo Firenze (FI) X Peso scaricata (q.li) Per Merce a bordo s intende quella che non viene scaricata neanche parzialmente nella località di arrivo: essa deve essere segnalata barrando il numero corrispondente a quello della partita di caricata. La colonna relativa alla Merce scaricata va riempita indicando il peso in quintali, solo per la che in quella località viene scaricata (totalmente o parzialmente)

4 9. Veicolo caricato su altro mezzo Nel caso in cui tra la località di partenza e quella di arrivo il veicolo (non il solo semirimorchio o rimorchio) è caricato su di un altro mezzo di trasporto, indicare, se il mezzo è la nave, il 1 e se è il treno, il Località di imbarco e località di sbarco Per le località di imbarco/sbarco inserire il nome del Comune e la sigla provinciale se si tratta di un porto o stazione ferroviaria situati in Italia. Inserire il nome del Comune e lo Stato estero, se si tratta di un porto o stazione ferroviaria fuori dai confini italiani. 11. Stati attraversati Questa colonna va compilata solo nel caso in cui siano effettuati viaggi internazionali; ad esempio: Località di partenza Località di arrivo Stati attraversati Milano - MI Londra Inghilterra Svizzera Francia La Svizzera e la Francia sono due Stati in cui l automezzo è transitato senza compiere operazioni di carico e/o scarico. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SEZIONE CIRCUITI DI RACCOLTA E/O DISTRIBUZIONE O SERVIZIO DI NAVETTA La compilazione di questa sezione deve essere effettuata se nella settimana di riferimento sia stato effettuato almeno un viaggio che abbia natura di circuito di raccolta e/o di distribuzione o servizio di navetta. Si definisce circuito di raccolta e/o distribuzione un viaggio nazionale che si caratterizza per: - un numero elevato di fermate a breve distanza tra l origine e la destinazione del viaggio; - il trasporto di un solo tipo di ; - un percorso sempre uguale. Un esempio può essere riferito alla raccolta del latte. In questa fattispecie l automezzo effettua molteplici fermate presso le ditte fornitrici e successivamente prosegue per la centrale di lavorazione dove tutto il prodotto viene scaricato. Nel caso di circuito di raccolta, per origine s intende la località dove viene effettuato il primo carico; per destinazione la località in cui tutto il prodotto viene completamente scaricato. Nella sezione raccolta in corrispondenza dei quintali totali va inserita la somma del peso di tutta la complessivamente caricata durante le fermate effettuate. La distanza percorsa con carico comprende il totale dei chilometri percorsi tra l origine e la destinazione. Nel caso di circuito di distribuzione: per origine s intende la località dove viene inizialmente caricata l intera partita di ; per destinazione la località dove viene effettuato l ultimo scarico. Nella sezione consegnata in corrispondenza dei quintali totali va inserito il peso totale di tutta la complessivamente consegnata. La distanza percorsa con carico comprende il totale dei chilometri percorsi tra l origine e la destinazione. Per la descrizione dei viaggi a vuoto relativi ad un circuito si faccia riferimento all esempio riportato per il viaggio a vuoto della tipologia navetta. Si definisce viaggio di tipo navetta un viaggio nazionale che si caratterizza per: 4

5 - essere ripetuto più volte nella giornata tra un punto di partenza A (origine) ed un punto di arrivo B (destinazione); - effettuare operazioni di carico dello stesso tipo e della stessa quantità di ; - effettuare sempre lo stesso percorso. Si faccia riferimento, per esempio, all attività di un automezzo che carica 20 quintali di terre rimosse in un cantiere (punto di partenza A) e le scarica (punto di arrivo B) in un riempimento autorizzato, percorrendo la medesima strada più volte al giorno e facendo dei viaggi di ritorno, vuoto, dal punto B al punto A. Il questionario dovrà essere compilato come nell esempio riportato: origine comune e provincia RM RM destinazio ne comune e provincia tipo lista a; (se viaggio a vuoto =0) raccolta consegnata distanza percorsa pericolo sa lista b q.li totali Aspet to del carico lista c tipo lista a (se viaggio a vuoto =0) pericolosa lista b q.li totali Aspet to del carico lista c km con carico km a vuoto n. di viaggi Effettuati nel corso della giorna ta tipo di circuito raccolta=1 distribuzione=2 navetta=3 raccolta e distribuzione=4 RM RM LISTA A - Tipi di : 1 Prodotti dell'agricoltura, della caccia e della silvicoltura; pesci ed altri prodotti della pesca. (include Fiori, Animali vivi, Latte crudo) 2 Carboni fossili e ligniti; petrolio greggio e gas naturale. 3 Minerali metalliferi ed altri prodotti delle miniere e delle cave; torba; uranio e torio. (include Concimi minerali, Sale, Pietre, Ghiaia) 4 Prodotti alimentari, bevande e tabacchi. (include Carni, Pelli gregge, Pesci trasformati e conservati, Oli e grassi vegetali e animali, Prodotti lattiero-caseari) 5 Prodotti dell'industria tessile e dell'industria dell'abbigliamento; cuoio e prodotti in cuoio. 6 Legno e prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); articoli di paglia e materiali da intreccio; pasta da carta, carta e prodotti di carta; stampati e supporti registrati. 7 Coke e prodotti petroliferi raffinati. 8 Prodotti chimici e fibre sintetiche e artificiali; articoli in gomma e in materie plastiche; combustibili nucleari. (include Prodotti farmaceutici, Pesticidi, Altri prodotti chimici per l agricoltura) 9 Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi. (include Vetro, Oggetti di vetro, Prodotti ceramici e in porcellana, Cemento, Calce, Altri materiali da costruzione) Metalli; manufatti in metallo, escluse le macchine e gli apparecchi meccanici. (include Tubi, Caldaie, Ferramenta, Armi, Altri manufatti in metallo) 11 Macchine ed apparecchi meccanici; macchine per ufficio, elaboratori e sistemi informatici; macchine ed apparecchi elettrici; apparecchi radiotelevisivi e apparecchiature per le comunicazioni; apparecchi medicali, apparecchi di precisione e strumenti ottici; orologi. 12 Mezzi di trasporto. 13 Mobili; altri manufatti. 14 Materie prime secondarie; rifiuti urbani e altri rifiuti. 15 Posta, pacchi. 16 Attrezzature e materiali utilizzati nel trasporto di merci (include Container e casse mobili usati, vuoti; Pallet e altri materiali d imballaggio usati, vuoti) 17 Merci trasportate nell'ambito di traslochi (uffici e abitazioni); bagagli e articoli viaggianti come bagaglio accompagnato; autoveicoli trasportati per riparazione; altre merci non destinabili alla vendita. (include Materiale per ponteggi) 18 Merci raggruppate: merci di vario tipo trasportate insieme (include Groupage ) 19 Merci non individuabili: merci che per un qualunque motivo non possono essere individuate e quindi non possono essere attribuite ai gruppi 1-16 (include Merci trasportate in Container solo se non se ne conosce la tipologia) 20 Altre merci 5

6 LISTA B - Merci pericolose 10..Materie e oggetti esplosivi (Nitrocellulosa, Tritolo Trinitroclorobenzene, Detonatori, Fuochi d artificio) 20..Gas compressi, liquefatti o disciolti sotto pressione (Argon, Elio, Neon, Ossigeno, Boro triflorato, Deuterio, Idrogeno, Metano, Monossido di carbonio, Monossido di azoto, Ossido di etilene, Aria, Ammoniaca 35-40%, Accendini, Estintori) 30..Materie liquide infiammabili (Benzina, Benzene, Etere di petrolio, Etanolo, Adesivi, Vernici, Gasoli, Contenitori vuoti, Acetone, Inchiostri da stampa) 41..Materie solide infiammabili (Gomma, Fiammiferi, Pellicole in nitrocellulosa, Naftalina, Imballaggi vuoti) 42..Materie soggette ad esplosione spontanea (Carbone, Cartacarbone, Celluloide, Imballaggi vuoti) 43..Materie che, a contatto con acqua, liberano gas infiammabili (Cesio, Litio, Rubidio, Potassio, Sodio, Fosfato di calcio, Imballaggi vuoti) 51..Materie comburenti (Acido perclorico, Fertilizzanti azotati, Imballaggi vuoti) 52..Perossidi organici (Candeggina, Imballaggi vuoti) 61..Materie tossiche (Acido cianidrico, Nitrobenzene, Ossido di piombo) 62..Materie suscettibili di produrre infezioni (Unghie, Ossa, Pelle fresca, Urina non infetta, Pezzi anatomici, Letame, Residui produzione della colla) 70..Materie radioattive 80..Materie corrosive (Acido nitrico, Acido fosforico, Soluzioni di ammoniaca) 90..Materie e oggetti pericolosi diversi (Batterie al litio, Apparecchi contenenti aria compressa, Apparecchi salva-vita) LISTA C Aspetto del carico 1... Merci sfuse (sostanze liquide) 2... Merci sfuse (sostanze solide) 3... Containers (di grandi dimensioni) 4... Containers (di piccole, medie dimensioni) 5... Merci pallettizzate 6... Merci pre-imbragate 7... Unità mobili, automotrici (dotate di motore, per es. autovetture) 8... Altre unità mobili (sprovviste di motore, per es. semi-rimorchi) 9... ( non utilizzato) Altri tipi di carico (per es. scatole, borse, bidoni) LISTA D Tipologia località di carico/scarico D Deposito I Interporto P Porto A Aeroporto S Stazione ferroviaria X Altro 6

TAV. A.2.1 - VALORE DELLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI PER MERCE - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - CAGLIARI

TAV. A.2.1 - VALORE DELLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI PER MERCE - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - CAGLIARI TAV. A.1.1 - VALORE DELLE ED PER - CLASSIFICAZIONE MERCI PER ATTIVITA' ECONOMICA (CPATECO) - SARDEGNA 2002 2003 2004 2005 2006 2007 (a) AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 117.278 120.905 123.364 112.785

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

CODICE Sezione. Allegato a)

CODICE Sezione. Allegato a) CODICE Sezione Tavola codici Ateco 2007 per il Registro Imprese DECLARATORIE B ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE 05 B ESTRAZIONE DI CARBONE (ESCLUSA TORBA) 06 B ESTRAZIONE DI PETROLIO GREGGIO E

Dettagli

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari)

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari) Allegato A. Allegato statistico Interruzione di sezione (pagina dispari) Tabella 58 Titolari e soci per attività economica, sesso e anno valori assoluti (A) 2001 2000 Attività Titolari Soci Titolari Soci

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

FAQ INDICE INFORMATIVA AL RISPONDENTE... 2 AUTOMEZZO... 4 IMPRESA... 6 VIAGGI... 7 CODIFICHE... 10

FAQ INDICE INFORMATIVA AL RISPONDENTE... 2 AUTOMEZZO... 4 IMPRESA... 6 VIAGGI... 7 CODIFICHE... 10 FAQ INDICE INFORMATIVA AL RISPONDENTE... 2 AUTOMEZZO... 4 IMPRESA... 6 VIAGGI... 7 CODIFICHE... 10 1/11 INFORMATIVA AL RISPONDENTE?Quali finalità ha questa rilevazione e come vengono utilizzati i dati

Dettagli

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 15.05.2015, 9:15 5 Prezzi N. 0352-1504-60 Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nell'aprile

Dettagli

Codice NOSE- P. Tutte 104.08 Altre trasformazioni dei combustibili solidi (Produzione di coke, prodotti petroliferi e combustibile nucleare)

Codice NOSE- P. Tutte 104.08 Altre trasformazioni dei combustibili solidi (Produzione di coke, prodotti petroliferi e combustibile nucleare) CodiceIPPC Attività allegato I Direttiva 96/61 Capacità produttiva Codice NOSE- P Processi NOSE-P Codice NACE Settori economici 1. Attività energetiche 1.1 1.2 Impianti di combustione con potenza calorifica

Dettagli

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE Classificazione riassuntiva per sezioni, sottosezioni e divisioni DESCRIZIONE A - Agricoltura, caccia e silvicoltura Proposta PESO 01 Agricoltura, caccia e relativi

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE (Sezione, sottosezione, divisione e gruppo) A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SERVIZI 01.1 Coltivazioni agricole;

Dettagli

Tavola codici Ateco 2007 ammissibili

Tavola codici Ateco 2007 ammissibili Allegato 4 Tavola codici Ateco 2007 ammissibili CODIC Sezion DECLARATORIE E e 10 C INDUSTRIE ALIMENTARI (Sono escluse dalle agevolazioni le attività di trasformazione dei prodotti agricoli di cui all Allegato

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

- Settori ammissibili per Linea di Intervento

- Settori ammissibili per Linea di Intervento Allegato C - Settori ammissibili per Linea di Intervento Settori ammissibili (CODICI ATECO 2007) Linee di intervento Codice Sezione C: ATTIVITA MANIFATTURIERE Limitatamente ai seguenti codici: Classe 10.52:

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel maggio 2015

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel maggio 2015 Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 15.06.2015, 9:15 5 Prezzi N. 0352-1505-60 Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel maggio

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957 ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957 Rappresenta un metodo codificato di identificazione delle sostanze pericolose viaggianti su strada o

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei settori industriali

Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATISTICHEIMPRESA Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei

Dettagli

Iscrizione N: FI00572 Il Presidente della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Iscrizione N: FI00572 Il Presidente della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Iscrizione N: FI00572 Il Presidente della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

Database Settori: scheda personalizzabile su congiuntura e struttura dei settori industriali

Database Settori: scheda personalizzabile su congiuntura e struttura dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATINDUSTRIA Database Settori: scheda personalizzabile su congiuntura e struttura

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

Indagine Trasporto merci su strada FAQ INDICE INFORMATIVA AL RISPONDENTE... 2 AUTOMEZZO... 5 IMPRESA... 7 VIAGGI... 8 CODIFICHE...

Indagine Trasporto merci su strada FAQ INDICE INFORMATIVA AL RISPONDENTE... 2 AUTOMEZZO... 5 IMPRESA... 7 VIAGGI... 8 CODIFICHE... FAQ INDICE INFORMATIVA AL RISPONDENTE... 2 AUTOMEZZO... 5 IMPRESA... 7 VIAGGI... 8 CODIFICHE... 11 1/12 INFORMATIVA AL RISPONDENTE?Quali finalità ha questa rilevazione e come vengono utilizzati i dati

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

D.P.R. 26 MAGGIO 1959, n. 689

D.P.R. 26 MAGGIO 1959, n. 689 D.P.R. 26 MAGGIO 1959, n. 689 Preambolo Il Presidente della Repubblica: Visto l'art. 87, comma quinto, della Costituzione; Visto l'art. 36 del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n.

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

TABELLA COMPLETA TARIFFE PER ATTIVITA SOGGETTE

TABELLA COMPLETA TARIFFE PER ATTIVITA SOGGETTE TABELLA COMPLETA TARIFFE PER ATTIVITA SOGGETTE N. ATTIVITÀ 1 Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con 246,00 360,00

Dettagli

IL RISCHIO DEL TRASPORTO MERCI COME ELEMENTO DECISIONALE NELLA SCELTA DELLA COMPOSIZIONE MODALE

IL RISCHIO DEL TRASPORTO MERCI COME ELEMENTO DECISIONALE NELLA SCELTA DELLA COMPOSIZIONE MODALE IL RISCHIO DEL TRASPORTO MERCI COME ELEMENTO DECISIONALE NELLA SCELTA DELLA COMPOSIZIONE MODALE Edoardo Galatola, Sindar s.r.l. Corso Archinti 35, 26900 Lodi +39-0371-549200 fax +39 0371-549201 E-mail

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

Proposta di Polizza Assicurazione Crediti

Proposta di Polizza Assicurazione Crediti Proposta di Polizza Assicurazione Crediti Le informazioni contenute in questo modulo sono ad uso esclusivo di Euler Hermes SIAC e verranno trattate con la massima riservatezza, la sua sottoscrizione non

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI (L.R. 13/00, art. 4, comma 3-ter)

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI (L.R. 13/00, art. 4, comma 3-ter) G BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI ALLEGATO B CODICI ATECO AMMISSIBILI PER IL BANDO 2008 COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione nell ottobre 2010. Prezzi in calo rispetto al mese precedente rincaro annuo dello 0,3 per cento

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione nell ottobre 2010. Prezzi in calo rispetto al mese precedente rincaro annuo dello 0,3 per cento Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 15.11.2010, 9:15 www.ust150anni.ch 5 Prezzi N. 0352-1011-50 Indice dei prezzi alla produzione e all

Dettagli

Commento alle modifiche dell ADR

Commento alle modifiche dell ADR Commento alle modifiche dell ADR Il presente commento fa riferimento agli aspetti più importanti contenuti nel documento «Modifications de l ADR» (documento 1.1). Definizioni Nel capitolo vengono inserite

Dettagli

Report Statistico Settoriale: analisi economica strutturale e congiunturale dei settori industriali

Report Statistico Settoriale: analisi economica strutturale e congiunturale dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATINDUSTRIA Report Statistico Settoriale: analisi economica strutturale e congiunturale

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

CAPITOLO 1 PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 1 PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 1 - LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.1 FONTI DEI DATI La produzione nazionale dei rifiuti speciali è stata quantificata a partire dalle informazioni contenute nelle banche dati MUD relative

Dettagli

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012 INFORMATIVA OTTOBRE 2012 1) NUOVO SITO PROFESSIONISTISICUREZZA Vi invitiamo a visitare il nuovo sito di PROFESSIONISTISICUREZZA Studio di Consulenza & Formazione : www.professionistisicurezza.com dove

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunitàeuropee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale delle Comunitàeuropee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 21.1.2003 L 14/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 91/2003 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2002 relativo alle statistiche

Dettagli

Tariffario di Prevenzione Incendi (agg. D.M. 03/02/2006) TIPO ATTIVITA

Tariffario di Prevenzione Incendi (agg. D.M. 03/02/2006) TIPO ATTIVITA 1 2 3 4 5 6 Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con quantità globali in ciclo o in deposito superiori a 50 Nm 3 /h.

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

La Legge 949/52 LE SPESE AMMISSIBILI. Investimenti agevolabili in conto interessi

La Legge 949/52 LE SPESE AMMISSIBILI. Investimenti agevolabili in conto interessi La Legge 949/52 La Legge 949/52 è rivolta alle imprese artigiane (anche in forma cooperativa e consortile) ed alle c.d. microimprese, ovvero secondo la definizione del MAP per come recepita dal Regolamento

Dettagli

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 1. MATERIALI SPECIALI METALLURGICI 2. MICRO E NANOTECNOLOGIE 3. MECCANICA AVANZATA 4. MECCATRONICA Le tabelle seguenti

Dettagli

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 164 Supplemento ordinario n. 3 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 43 del 24 settembre 08 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) Allegato 2 1. MATERIALI

Dettagli

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Coltivazioni Agricole e Produzione di Prodotti Animali, Caccia e Servizi Connessi Coltivazione di Colture Agricole non Permanenti 70 Coltivazione

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività)

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività) SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE ALLEGATO H (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4384/2001

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE CLASSIFICAZIONE DELLE AREE IDENTIFICAZIONE DELLE ZONE DI PERICOLO L'identificazione in un impianto chimico o petrolchimico delle zone di pericolo, viene fatta da personale altamente qualificato. Di solito

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA Settori del commercio (Sezione G), secondo la classificazione delle attività ATECO 2002, ammessi alle agevolazioni ai sensi della normativa comunitaria. G 50 10 G 50 30 G 50 50 G 51 12 0 COMMERCIO DI AUTOVEICOLI

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

ALLEGATO I SERIE DI DATI

ALLEGATO I SERIE DI DATI ALLEGATO I SERIE DI DATI 1. SETTORE DEI SERVIZI Tabella riepilogativa Codice delle serie 1A 1B 1C 1D 1E 1P Denominazione Statistiche annuali sulle imprese Settore dei servizi Statistiche annuali sulle

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

11) Aziende per la seconda lavorazione del vetro con l'impiego di oltre 15 becchi a gas.

11) Aziende per la seconda lavorazione del vetro con l'impiego di oltre 15 becchi a gas. Allegato al D.M. 16/2/1982 1) Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con quantità globali in ciclo o in deposito superiori

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 17 gennaio 2012 Anno 2009 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2009 la spesa complessiva per investimenti ambientali delle imprese dell industria in senso stretto

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI LINEA TRATTAMENTO BIOLOGICO (CAPACITÀ TECNICA DI TRATTAMENTO 20 mc/h) CER Descrizione Operazioni 02 01 01 fanghi da operazioni di lavaggio

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

Rischio incendio sui cantieri

Rischio incendio sui cantieri Rischio incendio sui cantieri La storia Incendio magazzino frutta di Tassullo Uno dei primi casi di incendio su un cantiere, danni elevatissimi. Gli allora funzionari del Servizio Antincendi avevano creato

Dettagli

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA. 1. Significato del numero di identificazione del pericolo

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA. 1. Significato del numero di identificazione del pericolo CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA Il trasporto di materiali per strada o per ferrovia richiede, in caso di necessità (incidente o altro), di poter identificare

Dettagli

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE La presente ha come scopo quello di riassumere i principali profili normativi individuati dal D.lgs. 81/2008 focalizzando

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo Università degli studi di Cagliari SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal M.U.R. per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE

Dettagli

A cura del Soggetto Attuatore

A cura del Soggetto Attuatore SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4391/2001nell

Dettagli

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 1 La crisi internazionale dei mercati ha avuto effetti negativi sui conti delle imprese italiane a partire dall ultimo trimestre

Dettagli

A cura dell interessato

A cura dell interessato A cura dell interessato DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO...l... sottoscritto/a... nato/a il a... (...) Stato... (Comune) Prov. Codice Fiscale fa domanda di partecipazione all intervento indicato Al

Dettagli

DECRETO DEL MINISTERO DELL INTERNO 16 febbraio 1982

DECRETO DEL MINISTERO DELL INTERNO 16 febbraio 1982 DECRETO DEL MINISTERO DELL INTERNO 16 febbraio 1982 MODIFICAZIONI DEL DECRETO MINISTERIALE 27 SETTEMBRE 1965, CONCERNENTE LA DETERMINAZIONE DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE DI PREVENZIONE INCENDI. (G.U.

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 10 gennaio 2013 Anno 2010 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2010, la spesa per investimenti ambientali delle imprese industriali 1 è risultata pari a 1.925

Dettagli

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa - Napoli Facoltà di Scienze della Formazione. Allegato H

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa - Napoli Facoltà di Scienze della Formazione. Allegato H Università degli Studî Suor Orsola Benincasa - Napoli Facoltà di Scienze della Formazione Allegato H in Corso di Formazione Gli strumenti finanziari dell'ue a sostegno della ricerca scientifica e dello

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

CODICI CLASSI DI COSE

CODICI CLASSI DI COSE CODICI CLASSI DI COSE A. PRODOTTI DESTINATI ALL ALIMENTAZIONE A00 A01 A02 A03 A04 A05 A06 A07 A08 A09 A10 A11 A12 A13 A14 A15 A16 A17 A18 A19 Prodotti alimentari in genere freschi e conservati Prodotti

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Nel 2014, in un contesto mondiale in cui gli scambi di beni sono in crescita contenuta rispetto al 2013 (+0,6 per cento), l Italia registra un

Dettagli

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale)

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) DOMANDA DI ISCRIZIONE - ANNO 2014/2015 1 DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO Codice Fiscale Cognome Nome Genere Maschio Femmina Nazionalità 1. Italiano 2. Comunitario

Dettagli

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle agglomerazioni industriali italiane Giovanni Iuzzolino e Marcello Pagnini (Banca d Italia) Giovedì 21 marzo 2013, Unioncamere - Roma Il lavoro

Dettagli

Classificazione delle attività economiche ammesse Riduzione Accisa da Legge 24 novembre 2006, n. 286

Classificazione delle attività economiche ammesse Riduzione Accisa da Legge 24 novembre 2006, n. 286 Classificazione delle attività economiche ammesse Riduzione Accisa da Legge 24 novembre 2006, n. 286 G - COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI

Dettagli

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 ing. Cesare Cosentino Coordinatore AIAS Calabria Consigliere Nazionale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO Regione del Veneto DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO POR FSE 2007/2013 - AZIONI INNOVATIVE PER GIOVANI ANNO 2010 DGR 2030 del 03/08/2010 - AZIONE B ASSE OCCUPABILITA Corsi finanziati per giovani disoccupati

Dettagli