Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas"

Transcript

1 I COMUNI E I PUNTI INTERROGATIVI SULLE GARE PER IL SERVIZIO DISTRIBUZIONE DEL GAS Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas Roma, 3 luglio 2013 Andrea Oglietti Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling e Certificazione Autorità per l energia elettrica e il gas

2 Questa presentazione non costituisce un documento ufficiale dell Autorità Autorità per l energia elettrica e il gas 2

3 Gli ambiti di intervento Attuazione disposizioni del DM 12 novembre 2011, n. 226 Attuazione disposizioni del d.lgs. 93/11 e del DM 19 gennaio 2011 Regolazione tariffaria per il quarto periodo Autorità per l energia elettrica e il gas 3

4 Adempimenti in attuazione del DM 12 novembre 2011 Procedimento avviato con la deliberazione 8 marzo 2012, 77/2012/R/gas individuazione formati e procedure standard, ai fini dell attuazione degli adempimenti previsti dall articolo 4, comma 7 fissazione corrispettivo per la copertura degli oneri di gara (art. 8, comma 1) predisposizione del contratto di servizio (art. 9, comma 1) attuazione disposizioni in materia di bando di gara (art. 9, comma 2) Autorità per l energia elettrica e il gas 4

5 Formato supporto informatico e schede tecniche (art.4, comma 7) - 1 Documento per la consultazione 24 maggio 2012, 212/2012/R/gas definizione del formato del supporto informatico per la trasmissione dei dati sullo stato di consistenza (articolo 4, comma 7, del decreto 12 novembre 2011) fissazione della data di entrata in vigore dell obbligo di utilizzo del formato di cui al punto precedente redazione delle schede tecniche relative allo stato di consistenza Gruppo di lavoro con operatori e ANCI Autorità per l energia elettrica e il gas 5

6 Formato supporto informatico e schede tecniche (art.4, comma 7) - 2 Deliberazione 13 dicembre 532/2012/R/gas Disposizioni in materia di formati per la trasmissione dei dati relativi agli stati di consistenza delle reti di distribuzione del gas naturale Per i dati: Formato XML - Per documenti di testo: PDF Trasmissione mediante PEC o piattaforme telematiche dedicate Supporto cartaceo fino a 1 marzo 2013 schemi allegati Resi disponibili: Manuale di istruzioni File XSD con regole sintattiche e semantiche per predisposizione file in formato XML Autorità per l energia elettrica e il gas 6

7 Corrispettivi oneri gara - 1 Documento per la consultazione 21 giugno 2012, 257/2012/R/gas Raccolta osservazioni Deliberazione 11 ottobre 2012, 407/2012/R/gas Il documento per la consultazione dell Autorità 14 febbraio 2013, 56/2013/R/gas Deliberazione 30 maggio 2013, 230/2013/R/gas Autorità per l energia elettrica e il gas 7

8 Corrispettivi oneri gara la stazione appaltante determina il corrispettivo una tantum per la copertura degli oneri di gara, di cui all articolo 8, comma 1, del decreto 12 novembre 2011, in coerenza con la seguente formula CG min( QA QC; ) dove o QA è la quota a copertura dei costi delle funzioni centralizzate, calcolata secondo la seguente formula pdrmax pdr QA (1 0,4 ) pdr ; pdr pdr con pdrmax max min è il numero massimo di pdr appartenenti a un ambito, come desumibile dai dati pubblicati sul sito internet del Ministero dello Sviluppo Economico; pdr min è il numero minimo di pdr appartenenti a un ambito, come desumibile dai dati pubblicati sul sito internet del Ministero dello Sviluppo Economico; pdr è il numero di pdr dell ambito interessato dalla gara; Autorità per l energia elettrica e il gas 8

9 Corrispettivi oneri gara - 3 o QC è la quota a copertura dei costi delle funzioni locali, calcolata secondo la seguente formula locmax loc QC (4 0,6 ) pdr ; loc loc max min con loc max è il numero massimo di Comuni appartenenti a un ambito, come desumibile dai dati pubblicati sul sito internet del Ministero dello Sviluppo Economico; loc min è il numero minimo di Comuni appartenenti a un ambito, come desumibile dai dati pubblicati sul sito internet del Ministero dello Sviluppo Economico; loc è il numero di Comuni dell ambito interessato dalla gara; pdr è il numero di pdr dell ambito interessato dalla gara. 1. nel caso in cui la somma delle quote QA e QC sia maggiore di Euro, la quota a copertura dei costi delle funzioni centralizzate è assunta pari a Euro e la quota a copertura delle funzioni locali è fissata pari a Euro; Autorità per l energia elettrica e il gas 9

10 Contratto di servizio - 1 Documento per la consultazione 382/2012/R/gas Una premessa e sei parti Parte I struttura e svolgimento fisiologico del contratto Parte II disposizioni relative ai rapporti tra ente concedente e gestore rispetto agli interventi sulle infrastrutture e sull uso del territorio Parte III modalità di svolgimento del servizio Parte IV condizioni economiche del servizio Parte V disposizioni in materia di controlli, inadempimenti e sanzioni Parte VI disposizioni finali Consultazione conclusa il 26 ottobre 2012 Autorità per l energia elettrica e il gas 10

11 Contratto di servizio - 2 La deliberazione 6 dicembre 2012, 514/2012/R/gas Schema di contratto di servizio tipo relativo all attività di distribuzione di gas naturale, adottato ai sensi dell articolo 14, comma 1, del decreto legislativo 164/00 Decreto ministeriale 5 febbraio 2013 Decreto di approvazione del contratto di servizio tipo per la distribuzione del gas naturale Autorità per l energia elettrica e il gas 11

12 Attuazione disposizioni in materia di bandi di gara (art. 9, comma 2) - 1 La deliberazione 21 marzo 2013, 113/2013/R/gas fissazione schema nota giustificativa comma 9.1 decreto 12 novembre 2011 invio all Autorità linee guida programmatiche d ambito verifiche sulla documentazione: scostamenti bando di gara e disciplinare rispetto punteggi massimi articoli 12, 13, 14 e 15 decreto 12 novembre ripartizione punteggi tra le condizioni economiche motivazione scelta indicatori qualità del servizio scelte punteggi sub-criteri comma 15.5 del decreto 12 novembre coerenza analisi costi-benefici e congruità condizioni minime di sviluppo Autorità per l energia elettrica e il gas 12

13 Attuazione disposizioni in materia di bandi di gara (art. 9, comma 2) - 2 Determina del Direttore della Direzione Infrastrutture 7 giugno 2013, 2/13 schema nota giustificativa comma 9.1 decreto 12 novembre 2011 identificazione documenti che la stazione appaltante dovrà trasmettere all Autorità modalità invio documenti all Autorità punti di verifica rispetto analisi costi-benefici Autorità per l energia elettrica e il gas 13

14 Adempimenti in attuazione del d.lgs 93/11 e del dm 19 gennaio 2011 Procedimento avviato con la deliberazione 16 febbraio 2012, 44/2012/R/gas Trattamento differenza tra VIR e RAB (DCO 56/2013) Uscita anticipata concessioni con scadenza successiva alla gara Accorpamento ambiti con meno di clienti Autorità per l energia elettrica e il gas 14

15 Capitale investito di località: riconoscimento in tariffa del differenziale VIR-RAB (I) Sulla base del decreto legislativo n. 93/11, l'autorità, limitatamente al primo periodo di esercizio delle concessioni assegnate per ambiti territoriali minimi, è tenuta a riconoscere in tariffa al gestore entrante l'ammortamento della differenza tra il valore di rimborso (VIR) e il valore delle immobilizzazioni nette di località riconosciuto dalla regolazione tariffaria (RAB) Sulla base del decreto n. 226/11, se il VIR supera di oltre il 25% il valore della RAB, l Ente locale concedente trasmette le relative valutazioni di dettaglio all Autorità, che può presentare osservazioni a riguardo L Autorità intende sviluppare una metodologia di analisi dei valori di rimborso al gestore uscente per individuare eventuali situazioni anomale Qualora lo scostamento tra VIR e valore a costi di sostituzione standard sia compreso in un intervallo ragionevole, l Autorità procederà al riconoscimento della differenza tra VIR e RAB senza ulteriori analisi In caso contrario, l Autorità procederà ai necessari approfondimenti ai fini di valutare la riconoscibilità della differenza VIR-RAB Autorità per l energia elettrica e il gas 15

16 Capitale investito di località: riconoscimento in tariffa del differenziale VIR-RAB (II) L Autorità è orientata a riconoscere annualmente un ammontare calcolato come rata annua posticipata di ammortamento di un debito. A tal riguardo, si osserva che: a) il riconoscimento della differenza VIR-RAB relativa a tutti i cespiti pone il soggetto proprietario in condizione di vantaggio in sede di gara b) Il riconoscimento della differenza VIR-RAB relativa ai cespiti non di proprietà pone il soggetto proprietario in condizione di svantaggio in sede di gara Nell ipotesi a), a fronte di uno scostamento VIR-RAB pari al +5%, si stima un impatto pari a circa +2,5% sul livello dei costi riconosciuti e pari a circa +0,3%- 0,4% sulla spesa annua del cliente tipo Autorità per l energia elettrica e il gas 16

17 Attuazione disposizioni decreto ministeriale 19 gennaio 2011 uscita anticipata dai contratti Misure per l uscita anticipata dai contratti di concessione in essere con scadenza posteriore a quella delle gare In tema di misure per l uscita anticipata dai contratti in essere (decreto ministeriale 19 gennaio 2011), l Autorità intende prevedere che il gestore entrante interessato possa presentare un apposita istanza corredata da un business plan con un analisi costi-benefici L Autorità intende limitare i riconoscimenti ai casi in cui risulti una completa eliminazione delle enclave presenti nei singoli ambiti di concessione e prevedere tetti massimi ai riconoscimenti stessi Autorità per l energia elettrica e il gas 17

18 Attuazione disposizioni decreto ministeriale 19 gennaio accorpamento ambiti Deliberazione 407/2012 In caso di accorpamento di ambiti di dimensione inferiore a pdr il corrispettivo di gara è calcolato con riferimento agli ambiti considerati separatamente Deliberazione 230/2013 In caso di accorpamento di ambiti di dimensione superiore a pdr, il corrispettivo di gara è pari alla media tra il corrispettivo calcolato con riferimento agli ambiti calcolati separatamente e il corrispettivo massimo previsto dalla deliberazione 407/2012 ( euro) Autorità per l energia elettrica e il gas 18

19 Quarto periodo di regolazione distribuzione gas obiettivi (DCO 56/2013) La regolazione tariffaria del quarto periodo di regolazione andrà a sovrapporsi al processo di riforma delle modalità di affidamento del servizio. Sotto questo profilo l obiettivo dell Autorità è quello di definire un contesto normativo adeguato e promuovente l evoluzione del settore e volto a favorire da un lato l economicità del servizio e dall altro l efficienza degli investimenti, a tutela degli utenti e nella prospettiva di massimizzazione del benessere sociale. In relazione all efficienza degli investimenti, le esigenze di sviluppo delle reti del gas dovranno essere attentamente valutate mediante specifiche analisi costi-benefici, soprattutto in sede locale da parte degli Enti concedenti il servizio, come previsto dal decreto ministeriale 12 novembre 2011, n. 226 Autorità per l energia elettrica e il gas 19

20 Quarto periodo di regolazione distribuzione gas tariffe (DCO 257/2013) In concomitanza con la riforma dell assetto organizzativo del servizio e la conseguente riduzione del numero di ambiti di concessione, l Autorità intende valutare l ipotesi di rivedere l impostazione del perimetro di applicazione delle tariffe obbligatorie, definendo ambiti tariffari corrispondenti a quelli relativi alle nuove concessioni. Intervento sottoposto a valutazione AIR (ipotesi di regolazione T.5) Consente di contenere i sussidi all interno dell ambito tariffario, facendo ricadere, pur con un certo grado di approssimazione, i costi sui soggetti che ne sono la causa (responsabilizzazione). Autorità per l energia elettrica e il gas 20

21 Grazie per l attenzione Autorità per l energia elettrica e il gas 21

Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas I Comuni e le gare d ambito per la concessione delle reti gas Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas Milano, 6 giugno 2013 Marco Delpero Vice Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling

Dettagli

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica Gare gas A marzo 2014 si parte siamo pronti? Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica delle infrastrutture Cesena, 10 febbraio 2014 Marco Delpero Vice Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL GAS: LE GARE PER GLI AFFIDAMENTI E LE INIZIATIVE DELL AUTORITA

LA DISTRIBUZIONE DEL GAS: LE GARE PER GLI AFFIDAMENTI E LE INIZIATIVE DELL AUTORITA LA DISTRIBUZIONE DEL GAS: LE GARE PER GLI AFFIDAMENTI E LE INIZIATIVE DELL AUTORITA Milano, 13 novembre 2014 Giorgio Cisvento Unità Infrastrutture Locali Gas Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazioni

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 LUGLIO 2014 326/2014/R/GAS MODALITÀ PER IL RIMBORSO, AI GESTORI USCENTI, DEGLI IMPORTI RELATIVI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012 Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito Uno sforzo comune per un servizio migliore 04 Dicembre 2012 Focus Quadro normativo Procedura di gara Preparazione Svolgimento

Dettagli

VENDITA DISTRIBUZIONE

VENDITA DISTRIBUZIONE UTENTI FINALI Libero mercato VENDITA.. Concessione DISTRIBUZIONE Monopolio TRASPORTO In Provincia di Torino attualmente operano 15 distributori di gas su 264 comuni. Italgasè il principale distributore

Dettagli

Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione

Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione RAPPORTO RELATIVO ALL ATTIVITA DELL AUTORITÀ IN RELAZIONE ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE PER AMBITO TERRITORIALE MINIMO Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione

Dettagli

La distribuzione del gas naturale nel nuovo assetto normativo: i comuni verso gli ATEM. I principali fattori di cambiamento: gli elementi economici

La distribuzione del gas naturale nel nuovo assetto normativo: i comuni verso gli ATEM. I principali fattori di cambiamento: gli elementi economici La distribuzione del gas naturale nel nuovo assetto normativo: i comuni verso gli ATEM I principali fattori di cambiamento: gli elementi economici Ing. Silvio Bosetti Direttore Generale Fondazione EnergyLab

Dettagli

CONFERENZA DI SERVIZI ATEM VERONA 2 PIANURE VERONESI

CONFERENZA DI SERVIZI ATEM VERONA 2 PIANURE VERONESI CONFERENZA DI SERVIZI ATEM VERONA 2 PIANURE VERONESI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DELLA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE INDIVIDUAZIONE DELLA STAZIONE APPALTANTE 5 e 12 novembre 2013 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Il ruolo dell Autorit il gas

Il ruolo dell Autorit il gas Nuove gara per l affidamento l del servizio di distribuzione del gas naturale Il ruolo dell Autorit Autorità per l energia l elettrica e il gas Modena, 23 ottobre 2012 Marco Delpero Direzione Infrastrutture

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 APRILE 2014 155/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTUAZIONE DEGLI OBBLIGHI DI CUI AL REGOLAMENTO PER I CRITERI DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE

Dettagli

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Il piano industriale deve contenere il flusso di cassa operativo secondo lo schema A1. La Commissione verifica la congruità del piano

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 26 GIUGNO 2014 310/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DEL VALORE DI RIMBORSO DELLE RETI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL

Dettagli

IL SERVIZIO DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ISTITUZIONE DEGLI ATEM - ambiti territoriali minimi -

IL SERVIZIO DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ISTITUZIONE DEGLI ATEM - ambiti territoriali minimi - IL SERVIZIO DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ISTITUZIONE DEGLI ATEM - ambiti territoriali minimi - Seminario promosso dal Comune di Tortona TORTONA Sala Consiliare 7 ottobre 2014 ARTICOLAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 20 maggio 2015, n. 106. Regolamento recante modifica al decreto 12 novembre 2011, n. 226, concernente i criteri di gara per l affidamento

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PATRIMONIO E ATTIVITA DI PIANO N. Proposta 1399 del 25/09/2015 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE E AFFIDAMENTO ATTIVITA FINALIZZATE AL SUPPORTO ALLA STAZIONE

Dettagli

1. Premessa. gare_ambiti_gas.aeegsi@pec.energia.it

1. Premessa. gare_ambiti_gas.aeegsi@pec.energia.it Versione 1.0-6 agosto 2014 Istruzioni per la compilazione dei fogli elettronici per la trasmissione dei dati per le verifiche degli scostamenti VIR-RAB ai sensi della deliberazione 310/2014/R/GAS 1. Premessa

Dettagli

Sergio Miotto Consorzio Concessioni Reti Gas

Sergio Miotto Consorzio Concessioni Reti Gas WORKSHOP Le gare d ambito per la concessione delle reti gas Count-down per la pubblicazione dei bandi RELAZIONE Sergio Miotto Consorzio Concessioni Reti Gas Roma, 30 GIUGNO 2015 ANCI Via dei Prefetti,

Dettagli

Manuale d uso: Piattaforma informatica per l'acquisizione della documentazione relativa all'analisi degli scostamenti VIR - RAB

Manuale d uso: Piattaforma informatica per l'acquisizione della documentazione relativa all'analisi degli scostamenti VIR - RAB Manuale d uso: Piattaforma informatica per l'acquisizione della documentazione relativa all'analisi degli scostamenti VIR - RAB 25 novembre 2015 1 Indice 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Regole di compilazione...

Dettagli

Modifiche al D.M. 12 novembre 2011, n. 226 Regolamento Criteri

Modifiche al D.M. 12 novembre 2011, n. 226 Regolamento Criteri La distribuzione del gas: gli ATEM e le gare per gli affidamenti Modifiche al D.M. 12 novembre 2011, n. 226 Regolamento Criteri Bologna, 22 ottobre 2014 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Direzione Generale

Dettagli

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale Vincenzo Cavicchia Gas naturale - Liberalizzazione nel mercato della distribuzione - Situazione e prospettive in provincia di Torino Torino

Dettagli

Giuseppe Sbarbaro Amministratore Unico utiliteam Il Valore di Rimborso

Giuseppe Sbarbaro Amministratore Unico utiliteam Il Valore di Rimborso calcolo Sommario eventuale manutenzione del contratto differenza tra VIR e RAB disaccordo tra Ente locale e gestore uscente sulla determinazione del valore di rimborso 2 Cos è? Valore di Rimborso (VR)

Dettagli

Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014

Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014 Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014 Definizione, in attuazione di quanto previsto dall articolo 4, comma 1, della deliberazione 26 settembre 2013, 405/2013/R/com, delle modalità e tempistiche delle dichiarazioni

Dettagli

DELIBERA DEI COMUNI GARA UNICA

DELIBERA DEI COMUNI GARA UNICA 1/9 DELIBERA DEI COMUNI GARA UNICA ATEM 1 E 2 2/9 Oggetto: Approvazione dell'accorpamento degli ATeM Bologna 1 e Bologna 2 con conseguente delega delle funzioni di Stazione Appaltante al Comune di Bologna

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 SETTEMBRE 2013 391/2013/R/EFR DISPOSIZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI RISPARMIO DI ENERGIA PRIMARIA IN CAPO AI DISTRIBUTORI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE SOGGETTI

Dettagli

Raccolta RAB gas Cespiti di proprietà del gestore. Milano, 10 luglio 2014

Raccolta RAB gas Cespiti di proprietà del gestore. Milano, 10 luglio 2014 Raccolta RAB gas Cespiti di proprietà del gestore Milano, 10 luglio 2014 1 Agenda Parte I Cenni sul sistema tariffario Deliberazione 310/2014/R/GAS: aspetti metodologici per l identificazione delle fattispecie

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

Le norme relative all indizione delle gare di ambito per la distribuzione del gas. Avv. Fabio Todarello Todarello & Partners

Le norme relative all indizione delle gare di ambito per la distribuzione del gas. Avv. Fabio Todarello Todarello & Partners Le norme relative all indizione delle gare di ambito per la distribuzione del gas Avv. Fabio Todarello Todarello & Partners Quadro normativo e regolamentare L'art. 46 bis, d.l. n. 159/2007, conv. in l.

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

Le gare per la distribuzione del servizio gas

Le gare per la distribuzione del servizio gas Le gare per la distribuzione del servizio gas Ing. F. Santini Direttore Area Mercato dell Energia Torino, 16 luglio 2013 NORMATIVA E REGOLAZIONE Documenti principali Decreto Letta (D.Lgs 164/200) Decreto

Dettagli

La distribuzione del gas naturale. Guida Pratica. Il percorso per l indizione della gara d Atem

La distribuzione del gas naturale. Guida Pratica. Il percorso per l indizione della gara d Atem La distribuzione del gas naturale Guida Pratica Il percorso per l indizione della gara d Atem www.regione.lombardia.it www.energylabfoundation.org Regione Lombardia, Milano 2014 Fondazione EnergyLab, Milano

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale n. 183 del 26/06/2014. Pubblica all'albo comunale il 04/07/2014

Deliberazione della Giunta Comunale n. 183 del 26/06/2014. Pubblica all'albo comunale il 04/07/2014 Deliberazione della Giunta Comunale n. 183 del 26/06/2014 Pubblica all'albo comunale il 04/07/2014 Oggetto: Presa d atto e delega all'agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia (APRIE) per

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 26.06.2012

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 26.06.2012 COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 26.06.2012 Visto il Segretario Comunale Oggetto: Determinazione del Valore Industriale Residuo delle reti

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 20 NOVEMBRE 2014 571/2014/R/GAS MODIFICHE ALLO SCHEMA DI CONTRATTO DI SERVIZIO TIPO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE DI GAS NATURALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA

Dettagli

Comune di Mede Piazza Repubblica, 37-27035 Mede (Pv)

Comune di Mede Piazza Repubblica, 37-27035 Mede (Pv) Comune di Mede Piazza Repubblica, 37-27035 Mede (Pv) DISCIPLINARE DI INCARICO Disciplinare di incarico di prestazioni professionali inerenti la: Determinazione del valore delle reti ed impianti gas nel

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 22 MAGGIO 2014 233/2014/R/EEL APPROVAZIONE DEL CONSUNTIVO DEI COSTI 2013 PER LO SVOLGIMENTO, DA PARTE DELLA SOCIETÀ GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.P.A., DELLE ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO DEL

Dettagli

Deliberazione della Giunta comunale nr. 56 del 12.06.2014 Pubblicata all'albo comunale in data 17.06.2014

Deliberazione della Giunta comunale nr. 56 del 12.06.2014 Pubblicata all'albo comunale in data 17.06.2014 Deliberazione della Giunta comunale nr. 56 del 12.06.2014 Pubblicata all'albo comunale in data 17.06.2014 OGGETTO: delega all'agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia (APRIE) per svolgere

Dettagli

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO DCO 38/11 CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti

Dettagli

Deliberazione della giunta comunale n. 57 del 25.06.2014.

Deliberazione della giunta comunale n. 57 del 25.06.2014. Deliberazione della giunta comunale n. 57 del 25.06.2014. OGGETTO: Presa d atto delle modalità di espletamento della gara di assegnazione della concessione per la distribuzione del gas naturale nell ambito

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016

DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016 DELIBERAZIONE 17 DICEMBRE 2015 625/2015/R/GAS DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Nella

Dettagli

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO DCO 19/11 CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con deliberazione

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL DCO 12/11 CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA PROCEDURA RELATIVA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

58 Distribuzione di gas naturale. Distribuzione di gas naturale

58 Distribuzione di gas naturale. Distribuzione di gas naturale 58 Distribuzione di gas naturale Distribuzione di gas naturale Distribuzione di gas naturale 59 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (*) (**)

Dettagli

DCO 382/2012/R/gas SCHEMA DEL CONTRATTO DI SERVIZIO TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS. Milano, 31 ottobre 2012

DCO 382/2012/R/gas SCHEMA DEL CONTRATTO DI SERVIZIO TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS. Milano, 31 ottobre 2012 DCO 382/2012/R/gas SCHEMA DEL CONTRATTO DI SERVIZIO TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 31 ottobre 2012 Pagina 1 di 20 Anigas intende formulare di seguito le

Dettagli

Agevolazioni riconosciute ai progetti pilota di cui all articolo 14 della deliberazione 15 dicembre 2010 ARG/elt 242/10 per l anno 2014

Agevolazioni riconosciute ai progetti pilota di cui all articolo 14 della deliberazione 15 dicembre 2010 ARG/elt 242/10 per l anno 2014 Determinazione 4 settembre 2015, n. 9/15 Agevolazioni riconosciute ai progetti pilota di cui all articolo 14 della deliberazione 15 dicembre 2010 ARG/elt 242/10 per l anno 2014 IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 23 DICEMBRE 2014 651/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OBBLIGHI DI MESSA IN SERVIZIO DEGLI SMART METER GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza Cod. 10980 N. 76 DEL 17.12.2015 OGGETTO: SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO APPROVAZIONE DEL VALORE DI RIMBORSO DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL

Dettagli

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che:

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che: Delibera n. 50/02 Condizioni per l erogazione del servizio di connessione alle reti elettriche con tensione nominale superiore ad 1 kv i cui gestori hanno obbligo di connessione di terzi. (pubblicata sul

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 604/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN TEMA DI TARIFFA PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE, RELATIVA ALL ANNO 2014, PER LE SOCIETÀ GNL ITALIA S.P.A., OLT OFFSHORE LNG TOSCANA S.P.A.

Dettagli

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE. La presente deliberazione è stata affissa all'albo comunale in data odierna e vi rimarrà per quindici

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE. La presente deliberazione è stata affissa all'albo comunale in data odierna e vi rimarrà per quindici Letto, confermato e sottoscritto Il Sindaco f.to dr.ssa Elisabetta Pian Il Segretario Comunale f.to dr.ssa Ivana Bianchi Copia conforme all originale ad uso amministrativo. Addì, 15 febbraio 2013 dr. Francesca

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 18 DICEMBRE 2014 635/2014/R/EEL DETERMINAZIONE DELL ALIQUOTA DEL CONTRIBUTO PER LA COPERTURA DEI COSTI SOSTENUTI DALLA CASSA PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 10 MARZO 2016 99/2016/R/GAS DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI RIFERIMENTO DEFINITIVE PER I SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS, PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas

Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas ANDREA OGLIETTI Direttore Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Milano, 4 aprile 2014 1 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 54 O G G E T T O SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO SUL TERRITORIO COMUNALE. ATEM VERONA 2 PIANURE

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale Distribuzione di gas naturale 50 Snam Relazione Finanziaria Annuale 2011 / Distribuzione di gas naturale Principali indicatori di performance (milioni di ) 2009 (*) 2010 2011 Var.ass. Var.% Ricavi della

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 205/2016/R/GAS

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 205/2016/R/GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 205/2016/R/GAS CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI RELATIVI AGLI INVESTIMENTI NELLE RETI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE, REALIZZATI A PARTIRE DALL ANNO 2017 Orientamenti

Dettagli

Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche

Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche Filippo Romano Giuseppe Failla Roma, 11-14 maggio 2009 Filippo

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO DISCIPLINARE DELLE

COMUNE DI AVELLINO DISCIPLINARE DELLE COMUNE DI AVELLINO DISCIPLINARE DELLE Attività preliminari, necessarie all avvio della gara per il servizio di distribuzione del gas naturale nell'ambito territoriale -ATEM AVELLINO E PROVINCIA a mezzo

Dettagli

COMPARAZIONE ARTICOLI (CDL)

COMPARAZIONE ARTICOLI (CDL) COMPARAZIONE ARTICOLI (CDL) VERSIONE ORIGINALE ART. 3 DECORRENZA E DURATA DELLA CONVENZIONE 2. Al termine di cui al precedente c.1, la presente Convenzione si intende risolta a tutti gli effetti, senza

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NELL AMBITO TERRITORIALE.

DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NELL AMBITO TERRITORIALE. ALLEGATO 3 - DISCIPLINARE DI GARA TIPO TESTO COORDINATO DM 12 NOVEMBRE 2011 N. 226 CON DM 20 MAGGIO 2015 DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE CONSUMATORI E UTENTI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE CONSUMATORI E UTENTI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 PROCEDURE E MODALITÀ OPERATIVE PER CONSENTIRE ALLA SOCIETÀ GESTORE DEI SERVIZI ENERGETICI S.P.A. L ACCESSO ALLE INFORMAZIONI NECESSARIE PER LE VERIFICHE DEL DIVIETO DI CUMULO

Dettagli

DELIBERA n. 35/2015. VISTA la Direttiva 2009/12/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 marzo 2009 concernente i Diritti Aeroportuali;

DELIBERA n. 35/2015. VISTA la Direttiva 2009/12/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 marzo 2009 concernente i Diritti Aeroportuali; DELIBERA n. 35/2015 Proposta di revisione dei Diritti Aeroportuali dell Aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze per il periodo tariffario 2015-2018: conformità ai Modelli di Regolazione dei Diritti Aeroportuali

Dettagli

Determina Sicurezza/0000001 del 06/05/2015

Determina Sicurezza/0000001 del 06/05/2015 Comune di Novara Determina Sicurezza/0000001 del 06/05/2015 Area / Servizio Servizio Sicurezza cantieri e luoghi di lavoro (19.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Sicurezza cantieri e luoghi di lavoro

Dettagli

N. REP. 710894 del 05/08/2015 DETERMINAZIONE N. 921/260 del 05/08/2015 Pag. 1/8

N. REP. 710894 del 05/08/2015 DETERMINAZIONE N. 921/260 del 05/08/2015 Pag. 1/8 N. REP. 710894 del 05/08/2015 DETERMINAZIONE N. 921/260 del 05/08/2015 Pag. 1/8 OGGETTO: Appalto del servizio di supporto tecnico specialistico relativo alle funzioni proprie del Comune di Macerata in

Dettagli

CONVENZIONE COMUNE CAF BONUS TARIFFA SOCIALE

CONVENZIONE COMUNE CAF BONUS TARIFFA SOCIALE ALL.B CONVENZIONE COMUNE CAF BONUS TARIFFA SOCIALE Richiesta della tariffa sociale per la fornitura di energia elettrica e gas sostenuta dai clienti domestici disagiati, ai sensi del decreto interministeriale

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA SERVIZIO CONTRATTI E APPALTI

COMUNE DI FOGGIA SERVIZIO CONTRATTI E APPALTI COMUNE DI FOGGIA SERVIZIO CONTRATTI E APPALTI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE AD UNA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO, AMMINISTRATIVO, ECONOMICO E

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI PIANORO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2016 IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - con l entrata in vigore del D.Lgs. 164/2000 e s.m.i., il settore della distribuzione del gas naturale

Dettagli

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, MISURA E VENDITA DELL

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FINANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI UN MUTUO DI 6.480.000,00 PER IL FINANZIAMENTO DELL ESECUZIONE DI OPERE ED IMPIANTI A VANTAGGIO DELLA GESTIONE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 4 DICEMBRE 2014 597/2014/R/COM AVVIO DI PROCEDIMENTO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI METODOLOGIE E CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL

Dettagli

OGGETTO: SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE RELATIVO ALL'AMBITO TERRITORIALE TORINO 5.

OGGETTO: SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE RELATIVO ALL'AMBITO TERRITORIALE TORINO 5. COPIA COMUNE DI QUAGLIUZZO Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE N. 27 Del 11/12/2013 ======================================================================= OGGETTO: SERVIZIO

Dettagli

CONVENZIONE FRA COMUNE DI AOSTA E TUTTI GLI ALTRI COMUNI CON IL SERVIZIO GAS IN CONCESSIONE

CONVENZIONE FRA COMUNE DI AOSTA E TUTTI GLI ALTRI COMUNI CON IL SERVIZIO GAS IN CONCESSIONE Bozza 06/12/2012 CONVENZIONE FRA COMUNE DI AOSTA E TUTTI GLI ALTRI COMUNI CON IL SERVIZIO GAS IN CONCESSIONE per l affidamento al Comune di Aosta delle funzioni di Stazione appaltante per la gara pubblica

Dettagli

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 20 febbraio 2008

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 20 febbraio 2008 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 20 febbraio 2008 Delibera ARG/com 15/08 MODIFICHE E INTEGRAZIONI ALLA DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 27 GIUGNO 2007, N.

Dettagli

Agevolazioni riconosciute ai progetti pilota di cui all articolo 14 della deliberazione 15 dicembre 2010 ARG/elt 242/10 per il secondo semestre 2012

Agevolazioni riconosciute ai progetti pilota di cui all articolo 14 della deliberazione 15 dicembre 2010 ARG/elt 242/10 per il secondo semestre 2012 Determinazione 28 maggio 2013, n. 1/13 Agevolazioni riconosciute ai progetti pilota di cui all articolo 14 della deliberazione 15 dicembre 2010 ARG/elt 242/10 per il secondo semestre 2012 IL DIRETTORE

Dettagli

Modalità di intervento e agevolazione Comitato tecnico e modalità istruttorie

Modalità di intervento e agevolazione Comitato tecnico e modalità istruttorie ALLEGATO Sub B) Criteri ed indirizzi per la definizione degli strumenti operativi finalizzati alla prestazione di garanzie fidejussorie ai soggetti attuatori degli interventi del servizio idrico integrato

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

LE GARE DI PROGETTAZIONE E IL CRITERIO DELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÚ VANTAGGIOSA

LE GARE DI PROGETTAZIONE E IL CRITERIO DELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÚ VANTAGGIOSA E IL CRITERIO DELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÚ VANTAGGIOSA 1 Requisiti di partecipazione(art. 263) I requisiti economico-finanziari e tecnicoorganizzativi di partecipazione alle gare sono definiti dalle

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 20 novembre 2012 Spett.le Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione Infrastrutture Piazza Cavour 5 20121 Milano OSSERVAZIONI AL DCO 453/2012/R/COM ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: Prot. n. Disposizioni attuative del decreto ministeriale del di attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 di ratifica dell Accordo tra il Governo degli Stati Uniti d America e il Governo della Repubblica

Dettagli

Da Autorità energia e Antitrust segnalazioni su gare gas

Da Autorità energia e Antitrust segnalazioni su gare gas COMUNICATO Da Autorità energia e Antitrust segnalazioni su gare gas Milano, 11 marzo 2016 - A fronte dello stato attuale delle procedure di gara per l assegnazione del servizio di distribuzione gas naturale

Dettagli

ONERI INTRODOTTI (*) Che cosa cambia per l impresa

ONERI INTRODOTTI (*) Che cosa cambia per l impresa Elenco degli oneri informativi previsti dal decreto interministeriale 10 aprile 2013 e dai decreti direttoriali 2 settembre 2013 13 gennaio 2014 13 gennaio 2014-23 gennaio 2014 ONERI INTRODOTTI (*) 1)

Dettagli

Autorità per l'energia elettrica e il gas

Autorità per l'energia elettrica e il gas Autorità per l'energia elettrica e il gas PARERE lo GENNAIO 2013 4/2013f1/

Dettagli

Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 29 luglio 2005, GU n. 198 del 26-8-2005

Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 29 luglio 2005, GU n. 198 del 26-8-2005 Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 29 luglio 2005, GU n. 198 del 26-8-2005 elibera n. 161/05 Modificazioni ed integrazioni alle disposizioni delle deliberazioni dell Autorità per l energia

Dettagli

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO ACCORDO ex art. 15 legge 241/90 e s.m.i fra i comuni di BALZOLA, CAMAGNA MONFERRATO, CONZANO, CUCCARO MONFERRATO, FRASSINELLO MONFERRATO, LU, MIRABELLO MONFERRATO, MORANO SUL PO, OCCIMIANO, OLIVOLA, OTTIGLIO,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 22 MARZO 2012 102/2012/R/EEL DISPOSIZIONI PER LA CONSULTAZIONE DELLO SCHEMA DI PIANO DECENNALE DI SVILUPPO DELLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE, PREDISPOSTO DAL GESTORE DEL SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO Alberatura La soluzione consente di assolvere agli obblighi di legge in materia di trasparenza per quanto riguarda la strutturazione della sezione amministrazione trasparente quale link proposto nella

Dettagli

CIRCOLARE N. 50/E. Roma,28 novembre 2005

CIRCOLARE N. 50/E. Roma,28 novembre 2005 CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 novembre 2005 Oggetto: Chiarimenti in merito all ammortamento dei beni strumentali per l esercizio di alcune attività regolate. Articolo

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione infrastrutture, unbundling e certificazione infrastrutture@autorita.energia.it Milano, 4

Dettagli

Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 5 agosto 2005 Delibera n. 178/05 Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L ATTIVITA DI TRASPORTO E DI DISPACCIAMENTO DEL GAS NATURALE PER IL QUARTO PERIODO DI REGOLAZIONE

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L ATTIVITA DI TRASPORTO E DI DISPACCIAMENTO DEL GAS NATURALE PER IL QUARTO PERIODO DI REGOLAZIONE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 164/2013/R/GAS CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L ATTIVITA DI TRASPORTO E DI DISPACCIAMENTO DEL GAS NATURALE PER IL QUARTO PERIODO DI REGOLAZIONE Documento

Dettagli

COMUNE DI PIODE PROVINCIA DI VERCELLI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 14/2015

COMUNE DI PIODE PROVINCIA DI VERCELLI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 14/2015 COMUNE DI PIODE PROVINCIA DI VERCELLI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 14/2015 OGGETTO:GARA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NELL'AMBITO TERRITORIALE DI VERCELLI

Dettagli

N 23 DEL 16.11.2013 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

N 23 DEL 16.11.2013 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI PIEVE D OLMI Provincia di Cremona DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SERVIZIO TECNICO N 23 DEL 16.11.2013 OGGETTO: Gestione in forma associata dell affidamento del servizio di distribuzione

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli