Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2015"

Transcript

1 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2015 Da inizio anno 2015: 1,51% 1 trimestre 2015: 1,51% Inizio anno soddisfacente nonostante la performance negativa di gennaio Quota di liquidità al minimo storico Ulteriormente aumentata la quota in franchi svizzeri

2 Indice raffrontato con la remunerazione minima da gennaio 2000 L Indice Credit Suisse delle casse pensioni si attesta su un nuovo massimo storico nonostante la decisione della BNS L Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere (linea chiara nella figura 1a), lanciato a inizio 2000 con 100 punti, si attesta su un nuovo massimo storico nonostante la performance negativa di gennaio. Nel trimestre in rassegna l indice è diminuito di 2,30 punti (1,51%) e al 31 marzo 2015 ha raggiunto un nuovo picco di 154,53 punti, con base 100 a inizio Come previsto, in seguito alla decisione della BNS di abbandonare il tasso di cambio minimo con l euro, a gennaio è stato registrato un rendimento negativo dell 1,83%. Il negativo inizio d anno è stato tuttavia compensato da un rendimento molto soddisfacente nel mese di febbraio pari al 2,74% e un rendimento positivo nel mese di marzo dello 0,64%; prosegue quindi la tendenza al rialzo dell indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere. Tutte le classi d investimento a eccezione delle obbligazioni in valuta estera ( 0,36%) e degli investimenti alternativi ( 0,09%) hanno contribuito al buon risultato nel 1 trimestre Nel trimestre in rassegna il rendimento positivo è stato realizzato soprattutto grazie ai contributi nelle classi d investimento immobili (0,71%), azioni svizzere (0,48%), obbligazioni in CHF (0,40%) e azioni estere (0,07%), anche se le azioni svizzere ed estere nel mese di gennaio avevano dato ancora un contributo negativo. Anche la liquidità (0,24%) ha dato nel trimestre in rassegna un contributo positivo alla performance, soprattutto grazie agli utili derivanti dai programmi di copertura correnti realizzati in gennaio (figura 1b). a 146,81 punti. Nel primo trimestre 2015 il rendimento dell Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere ha superato quindi dell 1,08% l obiettivo LPP. Al , ii rendimento annualizzato dell Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere (dall ) era del 2,89% a fronte di una remunerazione minima LPP annualizzata pari al 2,55%. Figura 1a: Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere Remunerazione LPP 4,00%/3,25% dall /2,25% dall / 2,50% dall /2,75% dall /2,00% dall / 1,50% dall /1,75% dall Scala: livello dell indice La remunerazione minima LPP (attualmente pari all 1,75% p. a.), calcolata anch essa su base 100 a inizio 2000, nel trimestre in rassegna è cresciuta di altri 0,64 punti (ossia dello 0,43%) attestandosi Il calcolo dell Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere si basa sui rendimenti ottenuti dagli istituti di previdenza elvetici (al lordo della deduzione delle spese di amministrazione), i cui valori patrimoniali sono depositati presso Credit Suisse nell ambito di un servizio di global custody. Le attività di gestione patrimoniale e di consulenza sono invece effettuate dalle casse pensioni oppure da terzi. Nel suo ruolo di global custodian, Credit Suisse non esercita alcuna influenza sulla performance dei rispettivi istituti di previdenza. Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2

3 Tabella 1a: Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. Rendim. annuo ,74 99,88 101,68 101,51 101,32 101,59 102,55 105,34 103,07 104,32 102,56 102,60 2,60% ,67 101,59 100,05 101,68 102,86 101,84 99,81 97,94 93,78 95,97 97,71 98,34 4,15% ,03 98,04 99,58 98,32 98,06 94,85 91,62 92,43 89,71 91,36 93,28 90,49 7,98% ,45 88,45 88,23 91,59 93,15 94,94 95,58 96,56 95,80 97,53 97,65 98,86 9,25% ,81 102,10 101,65 101,84 100,69 100,94 100,79 100,87 101,36 101,07 101,56 103,30 4,49% ,68 105,18 105,70 105,67 108,04 109,62 111,59 111,29 113,60 112,59 114,66 116,33 12,62% ,42 118,55 119,14 118,75 116,48 116,48 117,75 119,43 121,02 122,17 122,20 123,99 6,58% ,74 124,83 125,95 127,98 128,79 128,08 127,04 127,22 127,83 129,40 127,28 126,52 2,04% ,25 121,64 119,45 122,61 123,22 119,65 120,65 121,72 117,76 111,35 111,77 109,76 13,25% ,40 106,38 108,02 111,24 112,43 113,27 116,69 118,21 119,61 119,10 119,84 121,68 10,86% ,42 122,79 124,59 125,15 124,24 121,57 123,23 122,32 124,06 125,64 124,77 125,33 3,01% ,09 127,10 126,37 126,95 126,32 124,84 122,56 121,22 121,52 123,47 123,19 124,63 0,56% ,33 127,90 128,42 128,55 127,69 128,72 131,33 131,44 132,31 132,13 133,04 133,61 7,21% ,56 136,71 138,31 139,33 139,95 136,91 138,40 137,89 139,14 140,95 141,50 141,30 5,76% ,53 143,11 143,80 144,68 146,55 146,91 147,27 149,01 149,32 150,06 151,64 152,23 7,73% ,45 153,54 154,53 1,51% Tabella 1b: Contributo alla performance (su base mensile) Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere ( ) Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. YTD Liquidità 0,58% 0,26% 0,08% 0,24% Obbligazioni in CHF 0,40% 0,08% 0,08% 0,40% Obbligazioni in 0,64% 0,21% 0,07% 0,36% valuta estera Azioni svizzere 0,85% 1,01% 0,33% 0,48% Azioni estere 1,43% 1,39% 0,13% 0,07% Investimenti 0,22% 0,12% 0,01% 0,09% alternativi Immobili 0,29% 0,32% 0,09% 0,71% Ipoteche 0,02% 0,00% 0,01% 0,02% Altro 0,02% 0,02% 0,01% 0,01% Totale 1,83% 2,74% 0,64% 1,51% Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 3

4 Figura 1b: Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere per segmenti di volume La figura 1b evidenzia la differenziazione secondo i seguenti segmenti di volume: < 150 mio. CHF, mio. CHF, 500 mio. 1 mia. CHF e > 1 mia. CHF Casse pensioni 150 mio. 500 mio. CHF Casse pensioni 500 mio. 1 mia. CHF Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere Casse pensioni < 150 mio. CHF Casse pensioni > 1 mia. CHF Remunerazione LPP 4,00%/3,25% dall / 2,25% dall / 2,50% dall / 2,75% dall /2,00% dall / 1,50% dall /1,75% dall Scala: livello dell indice Casse pensioni 150 mio. 500 mio. CHF Casse pensioni 500 mio. 1 mia. CHF Tabella 1c: Performance Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere Casse pensioni < 150 mio. CHF Casse pensioni > 1 mia. CHF Remunerazione LPP 4,00%/3,25% Gen. Feb. dall Mar. / Indice 2,25% Credit dall / Suisse 1,83% 2,50% dall / 2,74% 0,64% delle 2,75% casse dall /2,00% pensioni dall / svizzere 1,50% dall /1,75% dall Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. YTD 1,51% Casse pensioni 1,32% 2,36% 0,58% 1,59% Scala: > 1 mia. livello CHFdell indice Casse pensioni 1,21% 1,97% 0,65% 1,38% 500 mio. 1 mia. CHF Casse pensioni 1,73% 2,68% 0,64% 1,55% mio. CHF Casse pensioni 2,22% 3,09% 0,67% 1,47% < 150 mio. CHF Tabella 1d: Performance annualizzata Performance annualizzata dall Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2,89% Remunerazione LPP 2,55% Casse pensioni > 1 mia. CHF 2,80% Casse pensioni 500 mio. 1 mia. CHF 3,00% Casse pensioni mio. CHF 3,15% Casse pensioni < 150 mio. CHF 2,83% Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4

5 Posizioni di rischio/rendimento Retta a 5 anni calo del rendimento annualizzato e lieve aumento del rischio La curva dell osservazione rolling a 5 anni per le posizioni di rischio/rendimento delle singole casse pensioni rilevate in forma annualizzata (cfr. figura 2a) continua a presentare un inclinazione positiva. La media non ponderata dei rendimenti annualizzati si è ridotta dello 0,18% rispetto al trimestre precedente, attestandosi al 4,40%. È aumentata contemporaneamente dello 0,30% la media non ponderata dei rischi annualizzati (triangolo nero) e risulta pari al 3,76%. Al 31 marzo 2015, nel segmento a basso rischio (dal 3% al 4% di rischio annualizzato) si trova il 50% degli istituti di previdenza. Nel segmento a rischio più elevato (oltre l 8% di rischio annualizzato) non si trova alcun istituto di previdenza. Nel primo trimestre 2015 tutti gli istituti di previdenza presenti nell Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere evidenziano un rendimento annualizzato a 5 anni di segno positivo. Figura 2a: Rendimento e rischio su base annualizzata a confronto; osservazione rolling a 5 anni, valori mensili da aprile 2010 a marzo Scala Y: rendimento annualizzato in percentuale (%) Scala X: rischio annualizzato in percentuale (%) Tabella 2a: Rapporto rischio/rendimento Rischio Rendimento Sharpe Ratio Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 3,76% 4,40% 1,24 Casse pensioni > 1 mia. CHF 3,85% 4,63% 1,33 Casse pensioni 500 mio. 1 mia. CHF 3,42% 4,36% 1,38 Casse pensioni mio. CHF 3,50% 4,54% 1,34 Casse pensioni < 150 mio. CHF 4,00% 4,26% 1,12 Tabella 2b: Fasce di oscillazione dei rendimenti Minimo 1 quartile Mediana 3 quartile Massimo Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2,02% 4,13% 4,76% 5,22% 6,62% Casse pensioni > 1 mia. CHF 3,65% 4,44% 4,95% 5,37% 6,62% Casse pensioni 500 mio. 1 mia. CHF 3,46% 4,24% 4,80% 5,05% 5,25% Casse pensioni mio. CHF 2,20% 4,24% 4,74% 5,15% 5,93% Casse pensioni < 150 mio. CHF 2,02% 3,58% 4,58% 5,07% 5,86% Nella panoramica del rapporto rischio/rendimento, indichiamo l andamento rolling a 5 e 2 anni. Vengono presi in considerazione soltanto i portafogli compresi nell indice per tutta la durata del periodo di osservazione. I portafogli costituiti ad esempio il 1 luglio 2011 non sono considerati nell osservazione rolling a 5 anni ( ), mentre costituiscono parte integrante del periodo rolling a 2 anni. Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 5

6 Retta a 2 anni lieve inclinazione La retta a 2 anni (fig. 2b, ) ha subito una lieve inclinazione. La media non ponderata dei rendimenti annualizzati (triangolo nero) è diminuita dell 1,04% e nel trimestre in esame risulta pari al 5,70%, a fronte di un rischio medio non ponderato del 3,72% (+0,89%). Figura 2b: Rendimento e rischio su base annualizzata a confronto; osservazione rolling a 2 anni, valori mensili da aprile 2013 a marzo Scala Y: rendimento annualizzato in percentuale (%) Scala X: rischio annualizzato in percentuale (%) Tabella 2c: Rapporto rischio/rendimento Rischio Rendimento Sharpe Ratio Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 3,72% 5,70% 1,61 Casse pensioni > 1 mia. CHF 3,67% 5,87% 1,69 Casse pensioni 500 mio. 1 mia. CHF 3,31% 5,66% 1,71 Casse pensioni mio. CHF 3,50% 5,69% 1,74 Casse pensioni < 150 mio. CHF 3,97% 5,66% 1,48 Tabella 2d: Fasce di oscillazione dei rendimenti Minimo 1 quartile Mediana 3 quartile Massimo Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1,88% 4,83% 5,82% 6,68% 8,85% Casse pensioni > 1 mia. CHF 3,47% 5,25% 5,76% 6,63% 7,48% Casse pensioni 500 mio. 1 mia. CHF 3,58% 4,74% 5,82% 5,93% 7,65% Casse pensioni mio. CHF 1,88% 4,98% 6,13% 6,79% 8,22% Casse pensioni < 150 mio. CHF 2,13% 4,45% 5,76% 6,69% 8,85% Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 6

7 Allocazione degli investimenti Quota di liquidità al minimo storico L allocazione degli investimenti al 31 marzo 2015 evidenzia una quota azionaria invariata rispetto al trimestre precedente. Ciò vale sia per le azioni svizzere (13,4%) sia per le azioni estere (17,8%). Mentre la quota di obbligazioni in valuta estera è diminuita di 0,4 punti percentuali fino al 7,9%, la quota di obbligazioni in franchi svizzeri è aumentata di 0,4 punti percentuali, portandosi al 25,3%. La quota di liquidità è diminuita di 0,6 punti percentuali fino al 5,9%, raggiungendo così il livello più basso dalla misurazione dell Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere, come prevedibile in seguito all introduzione degli interessi negativi da parte della BNS. Per le altre classi d investimento la quota immobiliare è aumentata di 0,5 punti percentuali, portandosi al 21,0%, mentre la quota ipotecaria ha subito solo una lieve flessione, pari a 0,1 punti percentuali, raggiungendo il 2,1%. Figura 4: Liquidità Obbligazioni in CHF Obbligazioni in valuta estera Azioni svizzere Scala: in percentuale (%) Massimo 3 quartile Mediana 1 quartile Minimo Azioni estere Investimenti alternativi Immobili Ipoteche Figura 3: T 13 3 T 13 4 T 13 1 T 14 2 T 14 3 T 14 4 T 14 1 T 15 2 T 13 3 T 13 4 T 13 1 T 14 2 T 14 3 T 14 4 T 14 1 T 15 Liquidità 7,0% 8,3% 7,4% 7,4% 6,8% 7,0% 6,5% 5,9% Obbligazioni 25,1% 24,7% 25,2% 26,1% 25,8% 24,9% 24,9% 25,3% in CHF Obbligazioni 8,4% 8,1% 8,0% 8,0% 8,5% 8,8% 8,3% 7,9% in valuta estera Azioni 13,4% 13,9% 14,0% 13,3% 13,2% 13,4% 13,4% 13,4% svizzere Azioni estere 17,4% 16,6% 17,4% 17,4% 18,0% 17,9% 17,8% 17,8% Investimenti 5,0% 4,7% 4,7% 4,9% 4,9% 4,9% 5,3% 5,3% alternativi Immobili 20,0% 20,3% 19,9% 19,8% 19,4% 19,7% 20,5% 21,0% Ipoteche 2,5% 2,3% 2,1% 2,0% 2,2% 2,1% 2,0% 2,1% Altro 1,1% 1,0% 1,2% 1,2% 1,2% 1,2% 1,3% 1,4% Scala: in percentuale (%) Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 7

8 Allocazione valutaria Ulteriore aumento della quota in franchi svizzeri Nel trimestre in rassegna la quota in franchi svizzeri è stata aumentata rispetto alle valute estere di 0,2 punti percentuali fino al 77,9%. Le quote in EUR e USD sono state invece ridotte rispettivamente di 0,3 punti percentuali. Figura 5: T 13 3 T 13 4 T 13 1 T 14 2 T 14 3 T 14 4 T 14 1 T 15 2 T 13 3 T 13 4 T 13 1 T 14 2 T 14 3 T 14 4 T 14 1 T 15 CHF 77,4% 78,8% 78,3% 78,6% 76,9% 77,5% 77,7% 77,9% EUR 5,0% 4,4% 4,7% 4,9% 5,0% 5,0% 4,5% 4,2% USD 9,0% 8,2% 8,0% 7,9% 7,5% 7,8% 7,7% 7,4% GBP 0,6% 0,6% 0,6% 0,6% 0,6% 0,6% 0,5% 0,5% JPY 0,8% 0,7% 0,7% 0,6% 0,7% 0,6% 0,6% 0,6% Altre valute 7,2% 7,2% 7,8% 7,4% 9,3% 8,5% 9,1% 9,3% Scala: in percentuale (%) Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 8

9 Numero 1 per la sesta volta. Best Swiss Global Custodian 2015 Best European Global Custodian 2015 Nel 2015 Credit Suisse ha ottenuto per la sesta volta i riconoscimenti di Best Swiss Global Custodian 2015 e Best European Global Custodian Ringraziamo i clienti e i loro gestori di portafogli per la valutazione eccellente. credit-suisse.com/globalcustody

10 CREDIT SUISSE AG Global Custody Solutions Uetlibergstrasse 231 CH-8070 Zurigo Il calcolo dell Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere si basa sulle performance riportate dagli istituti di previdenza elvetici, i cui valori patrimoniali sono depositati presso Credit Suisse nell ambito di un servizio di Global Custody. Le attività di gestione patrimoniale e di consulenza sono invece effettuate dalle casse pensioni stesse o da terzi. Nel suo ruolo di global custodian, Credit Suisse non esercita alcuna influenza sulla performance dei rispettivi istituti di previdenza. Grazie alla sua posizione di offerente leader di servizi di Global Custody, Credit Suisse è in grado di effettuare analisi particolarmente ampie e quindi rappresentative sulle casse pensioni svizzere. I dati forniscono a livello di sistema un quadro molto puntuale delle attività d investimento nell ambito della previdenza professionale, poiché gli istituti di previdenza del secondo pilastro (escludendo gli istituti dotati di una soluzione di assicurazione completa) coprono circa l 80% del patrimonio complessivo del secondo pilastro. Nell interpretazione delle presenti cifre occorre tenere presente che l Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere è uno strumento che, a differenza di indici strutturati in forma sintetica, si basa su dati reali di casse pensioni. Di conseguenza, questo indice «vive», riflettendo in maniera molto più attendibile gli investimenti operati dalle casse pensioni svizzere, ma nel contempo riducendo anche lievemente la comparabilità, date le numerose revisioni a cui è sottoposto. Ciononostante l indice può essere considerato un buon indicatore istantaneo, tanto più che è alquanto difficile ottenere cifre precise al decimale riguardanti il settore della previdenza. SNLS

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 3 trimestre 2015

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 3 trimestre 2015 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 3 trimestre 2015 Da inizio anno 2015: 1,47% 3 trimestre 2015: 1,31% Ulteriore calo del rendimento dell Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2 trimestre 2015

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2 trimestre 2015 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2 trimestre 2015 Da inizio anno 2015: 0,16% 2 trimestre 2015: 1,65% L andamento negativo di giugno vanifica i guadagni del primo trimestre Resta bassa

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 2015

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 2015 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 2015 2015: 0,95 % 4 trimestre 2015: 2,45 % Rendimento positivo per il quarto anno consecutivo Immobili ai massimi storici Quota in franchi

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2017

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2017 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 217 Da inizio anno 217: 2,76% 1 trimestre 217: 2,76% Record storico a inizio anno per l Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 2016

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 2016 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 216 Da inizio anno 216: 3,87% 4 trimestre 216:,63% Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere a un massimo storico a fine anno Massimo

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 2014

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 2014 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere Da inizio anno 2014: 7,73% : 1,94% Solida performance nel mese di novembre Rendimento annuale positivo per il terzo anno consecutivo Quota di liquidità

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2 trimestre 2014

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2 trimestre 2014 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere Da inizio anno 2014: 4,06% : 2,25% Solida performance a maggio Aumentano gli investimenti in titoli esteri La quota in franchi svizzeri è di nuovo inferiore

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2 trimestre 2012

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 2 trimestre 2012 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere Rendimento nel : 0,24% YTD: 3,29% Performance nettamente superiore al parametro LPP Aumento della quota di liquidità Quota in franchi svizzeri costante

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2014

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2014 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere Da inizio anno 2014: 1,77% : 1,77% Performance positiva a febbraio In aumento gli investimenti obbligazionari in franchi svizzeri Massima quota di franchi

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2012

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2012 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere Rendimento nel : 3,04% Performance nettamente superiore al parametro LPP Aumento della quota in azioni Quota in franchi svizzeri costante Indice Credit

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 2012

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 4 trimestre 2012 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere YTD 2012: 7,21% Rendimento nel : 0,98% Performance nettamente superiore all obiettivo LPP Quota azionaria ancora in aumento Lieve aumento della quota

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 Maggio 2013 Più raccolta, meno prestiti PIÚ RACCOLTA, MENO PRESTITI Continuano a ridursi gli impieghi, con saggi che nel caso delle famiglie raggiungono valori di massimo

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Entusiasmo? «Indicizzazione innovativa, investimento intelligente.» Helvetia Fondazione d investimento. Azioni Svizzera Smart Beta Dinamico.

Entusiasmo? «Indicizzazione innovativa, investimento intelligente.» Helvetia Fondazione d investimento. Azioni Svizzera Smart Beta Dinamico. Entusiasmo? «Indicizzazione innovativa, investimento intelligente.» Helvetia Fondazione d investimento. Azioni Svizzera Smart Beta Dinamico. La Sua Fondazione d investimento svizzera. 1/6 Helvetia Fondazione

Dettagli

Linea Obbligazionaria

Linea Obbligazionaria Avvertenza Si allegano le schede relative alle analoghe LInee di Gestioni di CFO SIM, come elemento di continuità gestoria alle nuove Linee di Gestione Elite di CFO GESTIONI FIDUCIARIE Capitale Sociale

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Marzo 2013 Rallentano gli impieghi, aumentano le sofferenze RALLENTANO GLI IMPIEGHI, AUMENTANO LE SOFFERENZE Si protrae la fase di contrazione degli impieghi a famiglie e

Dettagli

Chiusura semestrale 2014

Chiusura semestrale 2014 Chiusura semestrale 2014 Chiusura al 30.6.2014. L essenziale in breve Utile semestrale CHF 39,56 mio. + 50,7 % Utile lordo CHF 44,60 mio. + 25,3 % Somma di bilancio CHF 15,80 mia. + 5,0 % Crediti ipotecari

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Settembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 dicembre 2015 Credito alle imprese in stallo I dati di ottobre 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la ripresa del settore creditizio, con l unica nota stonata

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) 1. A maggio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.815 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006 1.8 Prezzi e inflazione Se nel corso del 2004 i prezzi romani, dopo le tendenze inflazionistiche degli anni precedenti, hanno mostrato un percorso di progressiva decelerazione, l anno 2005 è caratterizzato

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI GIUGNO 2008

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia?

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia? Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 p. 2 p. 5 p. 6 Single di 30 anni: investimento di 10mila euro p.

Dettagli

Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino

Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino Marzo - maggio 2015 Contenuti La sintesi dell Osservatorio del Turismo 3 Analisi per regioni turistiche svizzere 4 Arrivi e pernottamenti mensili

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Aprile 2013 Prestiti più cari PRESTITI PIÚ CARI Continuano a ridursi i flussi creditizi, ma con velocità meno pronunciata che nei mesi precedenti. Anche le sofferenze registrano

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione 10-gen colf e badanti (4^ trimestre anno precedente) contributi Inail (4^ rata anno precedente) 16-gen coltivatori e (PC/CF) (4^ rata anno precedente) e

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2009

Dettagli

Programme di Gestione Patrimoniale

Programme di Gestione Patrimoniale Programme di Gestione Patrimoniale Essempio SA Informazioni sul portafoglio Programme di Gestione Patrimoniale Numero di deposito 0835-123456-75 01.01.2014 31.12.2014 www.credit-suisse.com Indice dei contenuti

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Linea Azionaria. Avvertenza

Linea Azionaria. Avvertenza Avvertenza Si allegano le schede relative alle analoghe LInee di Gestioni di CFO SIM, come elemento di continuità gestoria alle nuove Linee di Gestione Elite di CFO GESTIONI FIDUCIARIE Capitale Sociale

Dettagli

Quadro del traffico merci

Quadro del traffico merci aeroporti Quadro del traffico merci negli aeroporti italiani di P. Malighetti, V. Morandi, R. Redondi Paolo Malighetti, ricercatore del Dipartimento di Ingegneria Gestionale dell'università di Bergamo

Dettagli

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Molto spesso nelle Aziende commerciali e/o di Servizi si ha la necessità di analizzare, sia a livello economico che finanziario,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.848 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Indice BNL Report Febbraio 2009. Marzo 2009

Indice BNL Report Febbraio 2009. Marzo 2009 Indice BNL Report Febbraio 2009 Marzo 2009 225.000.000 200.000.000 175.000.000 150.000.000 125.000.000 100.000.000 75.000.000 50.000.000 25.000.000 0 Capitalizzazione e volume di scambio (intero mercato)

Dettagli

Swiss Life Business Premium. Maggiore libertà di scelta nella previdenza professionale

Swiss Life Business Premium. Maggiore libertà di scelta nella previdenza professionale Swiss Life Business Premium Maggiore libertà di scelta nella previdenza professionale 2 Swiss Life Business Premium Il meglio del vostro patrimonio di previdenza. Swiss Life Business Premium 3 Lo sapevate

Dettagli

La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre 2008

La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre 2008 Roma, 17 febbraio 2009 La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre BILANCIA DEI PAGAMENTI SINTETICA (milioni di euro) dicembre 2007 dicembre 12 mesi terminanti a 12 mesi terminanti a dicembre 2007

Dettagli

L effetto sulle vendite di alcune iniziative di successo

L effetto sulle vendite di alcune iniziative di successo L effetto sulle vendite di alcune iniziative di successo 1 1. Introduzione 2. Indagine preliminare: le migliori 500 3. Quali iniziative 4. Esempio 1: la scuola di dermocosmetica 5. Esempio 2: informazione

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

ANIMA. Idee di investimento

ANIMA. Idee di investimento ANIMA Idee di investimento ANIMA Evoluzione degli Asset in gestione Asset under Management Miliardi di Euro, Dati a fine periodo 35,0 40,7 46,6 57,1 63,9 2011 2012 2013 2014 2015 agosto Fonte: ANIMA -

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Misurazione dei rischi nei contratti derivati

Misurazione dei rischi nei contratti derivati I nuovi scenari e i profili di rischio dei servizi di investimento Programma di Ricerca scientifica di rilevante Interesse Nazionale (PRIN) denominato MISURA Misurazione nei contratti derivati Marcello

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

NOTIZIA FLASH DEL MERCATO DELL'ENERGIA

NOTIZIA FLASH DEL MERCATO DELL'ENERGIA 1 NOTIZIA FLASH DEL MERCATO DELL'ENERGIA Aggiornamento prezzi mercato elettrico e del gas naturale 21 settembre 2015 PREZZI FORNITURA ELETTRICA La quotazione dei prezzi fino al consuntivo di giugno 2015

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari PREVIDENZA E PATRIMONIO L ASSICURAZIONE SULLA VITA SCALA PREVIDENZA E PATRIMONIO Assicurazione sulla vita a premio unico CONFORTA Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura

Dettagli

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015 Marzo, 2016 Quadro energetico 1 La situazione dell energia elettrica in Italia nel 2015 in rapporto al 2014 presenta alcuni elementi caratteristici opposti rispetto al confronto tra 2014 e 2013: il timido

Dettagli

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale Rapporto dell UFAP sul rilevamento dei dati e sulla pubblicazione dei conti d esercizio 2005 della previdenza professionale delle imprese svizzere di assicurazione sulla vita 1. Primo conto d esercizio

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 1 1. Sintesi dei risultati Il mercato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1

COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1 10 dicembre COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1 In data odierna la Banca centrale europea (BCE) pubblica per la prima volta un

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Le nostre soluzioni d investimento. Offerte individuali e vantaggiose per accumulare un patrimonio

Le nostre soluzioni d investimento. Offerte individuali e vantaggiose per accumulare un patrimonio Le nostre soluzioni d investimento Offerte individuali e vantaggiose per accumulare un patrimonio Siamo al vostro fianco per aiutarvi a raggiungere gli obiettivi d investimento che vi siete prefissi.

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI SETTEMBRE

Dettagli

Il capitale circolante del settore siderurgico

Il capitale circolante del settore siderurgico Il capitale circolante del settore siderurgico Quale impatto sulla posizione finanziaria nel 21? Analisi elaborata dall Unità di di Centrobanca Pio De Gregorio Stefania Baccalini Gianluca De Sanctis 8

Dettagli

La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila

La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila Istituto per le ricerche economiche e sociali La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila presentazione a cura di: Agostino Megale Riccardo Sanna Taranto, 18/9/2010 elaborazioni

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 marzo 2015 Credito in lenta uscita dal ciclo negativo Il minimo del ciclo negativo dei prestiti è chiaramente alle spalle,

Dettagli

Shopping online: un italiano su cinque si affida al mobile

Shopping online: un italiano su cinque si affida al mobile OSSERVATORIO 7PIXEL Shopping online: un italiano su cinque si affida al mobile - Nel 2012 il traffico da dispositivi mobile è cresciuto di oltre 4 volte rispetto al 2011 - L utente mobile è più attivo

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale Edizione gennaio 2015 2 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL GIOCO A DISTANZA AL 31 MARZO 2009. ANALISI DEI DATI

COMUNICATO STAMPA IL GIOCO A DISTANZA AL 31 MARZO 2009. ANALISI DEI DATI Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato UFFICIO STAMPA COMUNICATO STAMPA IL GIOCO A DISTANZA AL 31 MARZO 29. ANALISI DEI DATI Presentiamo in queste pagine

Dettagli

Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita'

Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' - Settembre 2009 - Tassi tendenziali e mensili A Bologna nel mese di tembre 2009 l indice dei prezzi al consumo per l intera collettività

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale Domestic Svizzera. La sua soluzione individuale incentrata sulla Svizzera

Il mandato di gestione patrimoniale Domestic Svizzera. La sua soluzione individuale incentrata sulla Svizzera Il mandato di gestione patrimoniale Domestic Svizzera La sua soluzione individuale incentrata sulla Svizzera Il mandato LGT Domestic Svizzera una soluzione di investimento semplice e comprensibile L universo

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Perspectiva: previdenza professionale con lungimiranza. Fondazione collettiva per la previdenza professionale

Perspectiva: previdenza professionale con lungimiranza. Fondazione collettiva per la previdenza professionale Perspectiva: previdenza professionale con lungimiranza Fondazione collettiva per la previdenza professionale Un futuro sereno grazie a Perspectiva Sfruttare completamente le opportunità di rendimento e

Dettagli

Ascom Pensionskasse (APK) Breve relazione 2005

Ascom Pensionskasse (APK) Breve relazione 2005 Ascom Pensionskasse (APK) Breve relazione 2005 Rapporto sull esercizio 2005 Nello scorso esercizio i mercati dei titoli hanno segnato un evoluzione estremamente positiva. Gli incrementi di valore nell

Dettagli

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica prefazione, del presidente del consiglio di fondazione Siamo lieti di potervi consegnare anche quest anno il rapporto aziendale della PV-PROMEA nella

Dettagli

ROTARY CLUB MILANO PORTA VITTORIA. Martedì 25 marzo 2014. Alberto M. Lunghini

ROTARY CLUB MILANO PORTA VITTORIA. Martedì 25 marzo 2014. Alberto M. Lunghini ROTARY CLUB MILANO PORTA VITTORIA Martedì 25 marzo 2014 QUALI PROSPETTIVE PER L INVESTIMENTO IMMOBILIARE IN ITALIA Alberto M. Lunghini Regulated by RICS IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO dagli

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

HI Sibilla Macro Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL FUNDS PLC

HI Sibilla Macro Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL FUNDS PLC HEDGE INVEST INTERNATIONAL FUNDS PLC Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax. +39 02 6674450 www.hedgeinvest.it POLITICA DI INVESTIMENTO Fondo ucits single manager specializzato

Dettagli

Incontro ABT con i politici ticinesi

Incontro ABT con i politici ticinesi 1 Incontro ABT con i politici ticinesi C. Genasci, Membro della Direzione generale Vezia, 15 febbraio 2007 2006 in generale 2 Congiuntura! PIL (crescita reale 2006) Mondo: +5% (tasso di crescita superiore

Dettagli

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager per la quale Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax.

Dettagli