EUROPA 2020 La strategia per la crescita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EUROPA 2020 La strategia per la crescita"

Transcript

1 periodico - anno 15 - numero 59 - estate 2014 NOTIZIARIO DI FINANZA AGEVOLATA E OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE E IL TERRITORIO 59 abigail Fotolia.com EUROPA 2020 La strategia per la crescita Editoriale Pag. 03 Incentivi per i macchinari Pag. 04 Credito di imposta per ricerca e sviluppo al 50% Pag milioni per le PMI turistiche e commerciali Pag. 05 Turismo e commercio, i Distretti dell attrattività Pag. 06 Case history Smart Cities: finanziato il progetto di Aecom Pag. 07 Le misure del Documento di Economia e Finanza Pag. 08 GRUPPO IMPRESA presenta lo studio sui finanziamenti regionali per le imprese in rete Pag. 09 L Unione europea promuove lo sviluppo sostenibile Pag. 10 Fondi europei per le PMI Pag. 11 Risparmio energetico: le opportunità per le imprese emiliane Pag. 12 Dal Programma Energia rinnovabile 100 milioni per il Sud Pag. 13 Fondo di Rotazione per le fonti rinnovabili Pag. 13 Fondazione Cariplo per il welfare e l innovazione sociale Pag. 14 Scadenzario Pag. 15 Spedizione in abbonamento postale 70% - Filiale di Brescia

2 2 Chi è Nel 1989 nasce a Brescia GRUPPO IMPRESA, società di consulenza gestionale e finanziaria. Dal 1995 GRUPPO IMPRESA, attraverso la società Gruppo Impresa Finance, si dedica al reperimento di risorse finanziarie e di fondi pubblici, con la attivazione e la gestione di strumenti regionali, nazionali e comunitari di finanza agevolata, a sostegno delle imprese e del territorio. GRUPPO IMPRESA fornisce la propria assistenza dallo studio di fattibilità, alla presentazione e gestione delle pratiche di finanziamento e rappresenta una delle più importanti e qualificate realtà del settore. Da 25 anni GRUPPO IMPRESA accompagna imprese piccole, medie e grandi, start-up, consorzi, associazioni, enti locali, nella realizzazione dei loro progetti più ambiziosi che richiedono la passione, la creatività e la professionalità di un partner con cui condividere idee, progetti, traguardi. Con il supporto di GRUPPO IMPRESA sono stati realizzati investimenti in impianti produttivi e infrastrutture, risparmio energetico, ricerca e sviluppo, innovazione, trasferimento tecnologico, internazionalizzazione. GRUPPO IMPRESA ha inoltre collaborato alla realizzazione di importanti progetti di valorizzazione del territorio e del patrimonio culturale e naturale e di sviluppo turistico. via F. Lippi, Brescia (Italia) tel fax la modalità on-line per essere sempre aggiornati Certificazione ottenuta per l erogazione di servizi per ottenimento di fondi pubblici o di altri enti e la gestione di progetti finanziati. Gruppo Impresa News Tribunale di Brescia - n.23 del 27/07/95 anno 15 - numero 59 Editore: Gruppo Impresa srl. - via Lippi, 11 - Brescia RI BS Direttore responsabile: Alessandra Teso Chiuso in redazione il 18/04/2014 Tiratura: copie Server provider: BT Italia Spa Indirizzo web: Coordinamento redazionale: Elisa Rizzi Hanno collaborato a questo numero: Marco Bortoli, Federica Calestani, Eleonora Marini, Luca Pellizzato, Elisa Rizzi, Marco Tabladini. Fotografie: Federica Calestani, Fotolia. Impaginazione e stampa: Tipografia Camuna Stampato su carta Riciclata 100%. Brevetto Philip Borman Italia. GRUPPO IMPRESA non assume alcuna responsabilità derivante dalla riproduzione e/o utilizzo da parte di terzi di materiale contenuto nella presente pubblicazione.

3 Editoriale 3 Nel mese di aprile i Paesi europei sono impegnati nella presentazione dei piani per il risanamento delle finanze pubbliche (programmi di stabilità o convergenza) e delle riforme e misure che intendono adottare per conseguire una crescita intelligente, sostenibile e solidale alla luce degli obiettivi di Europa I programmi sono poi valutati dalla Commissione europea che rivolge a ciascun paese una serie di raccomandazioni per la stesura dei bilanci preventivi per l anno successivo. Anche l Italia è coinvolta nelle attività del cosiddetto Semestre Europeo : l 8 aprile il Governo ha presentato il Documento di Economia e Finanza 2014, ora al vaglio del Parlamento, che individua lo scenario macroeconomico e le riforme nazionali necessarie per lo sviluppo. L economia italiana, come evidenziato nel Documento di programmazione, è entrata in una fase di ripresa, contrassegnata in prospettiva da dinamiche abbastanza favorevoli del commercio estero e da una graduale stabilizzazione della domanda interna. Si proietta una crescita del PIL dello 0,8 per cento per l anno in corso, con un graduale avvicinamento al 2,0 per cento nei prossimi anni. L ampio piano di riforme strutturali interviene su tre settori fondamentali: istituzioni, economia e lavoro, avviando così una profonda trasformazione del Paese. Novità importanti anche in tema di incentivi per le imprese e la pubblica amministrazione, a pagina 8 proponiamo un primo approfondimento in attesa dei provvedimenti di attuazione. SAVE THE DATE PROGRAMMI COMUNITARI: FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI PER LE PMI Cremona, 8 maggio 2014 c/o Associazione Industriali Cremona Chiudono il 16 maggio le iscrizioni alla Seconda Edizione del Master ISUP, il master in economia e sviluppo dell idea di business, promosso dal Gruppo Giovani Imprenditori dell Associazione Industriale Bresciana.

4 4 Legislazione nazionale CREDITO DI IMPOSTA PER RICERCA E SVILUPPO AL 50% Nel Piano Destinazione Italia è inserita la misura che prevede l istituzione di un credito d imposta nella misura del 50% delle spese incrementali in ricerca e sviluppo. L agevolazione massima per impresa è fissata a 2,5 milioni di euro con un budget totale pari a 200 milioni di euro annui, a valere sulla prossima programmazione dei fondi comunitari Gli incrementi di spesa devono essere ottenuti in ognuno dei tre anni ed è necessario che siano sostenute spese in ricerca e sviluppo per almeno 50 mila euro in ciascun periodo di imposta. L accesso all agevolazione avverrà tramite piattaforma informatica, per evitare graduatorie e rendere disponibile l esatto ammontare delle risorse utilizzabili. Sarà comunque un decreto del Ministero dello Sviluppo Economico a stabilire le modalità di presentazione delle domande. INCENTIVI PER I MACCHINARI: LO SPORTELLO È APERTO La Nuova Legge Sabatini prevede finanziamenti per l acquisto o l acquisizione nel caso di operazioni di leasing finanziario, di macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché di hardware e software e tecnologie digitali. Lo strumento è rivolto alle piccole e medie imprese italiane operanti in tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca. A fronte del finanziamento è concessa un agevolazione nella forma di un contributo pari all ammontare complessivo degli interessi calcolati in via convenzionale su un finanziamento al tasso d interesse del 2,75%, della durata di 5 anni e d importo equivalente al finanziamento, compreso tra 20 mila euro e 2 milioni di euro. Sono oltre le domande già presentate dalle Pmi tramite le banche e gli intermediari convenzionati per un importo totale di finanziamenti pari a ,33 euro. Il contributo statale sugli interessi associato ai finanziamenti è pari a circa 52 milioni. Le imprese interessate possono presentare la domanda di accesso al contributo alla banca o all intermediario finanziario aderenti alla convenzione. A disposizione un plafond, costituito presso Cassa Depositi e Prestiti, di 2,5 miliardi di euro, incrementabili fino a 5 miliardi.

5 Regione Lombardia 5 10 MILIONI PER LE PMI TURISTICHE E COMMERCIALI Parte con una dotazione di 10 milioni di euro il Fondo della Regione Lombardia finalizzato a sostenere i nuovi investimenti delle piccole e medie imprese del turismo e del commercio in vista dell Esposizione Universale del 2015 che attirerà a Milano, e non solo, migliaia di visitatori. La misura promuove la realizzazione di progetti finalizzati al miglioramento qualitativo delle strutture ricettive lombarde alberghiere ed extra-alberghiere, del sistema della ricettività, nonché delle strutture adibite al commercio alimentare al dettaglio, sia a livello strutturale che dei servizi offerti. Possono ad esempio essere finanziate le spese sostenute per l ammodernamento e la ristrutturazione dei locali e delle strutture di servizio (opere edili e impiantistiche), per arredi funzionali all attività di impresa quali piscine, SPA e zone benessere, attrezzature, installazione di reti wi-fi per ospiti e clienti, interventi di efficientamento energetico degli edifici, mezzi di trasporto a basso impatto emissivo, impianti per la sicurezza, spese di progettazione, opere, arredi e attrezzature. Sono ammesse le fatture emesse e quietanzate dallo scorso 29 novembre Il bando prevede un abbattimento del 3% del tasso di interesse applicato dalla banca convenzionata, per progetti di investimento di importo minimo pari a 30 mila euro, e una garanzia agevolata attraverso i consorzi fidi. Bando aperto INNOVAZIONE NEL TERZIARIO Il bando per l innovazione del terziario stanzia contributi a favore di progetti innovativi che prevedono l adozione di servizi avanzati e qualificati da parte delle imprese del terziario, nei seguenti ambiti di intervento: extended enterprise; sistemi di pagamento elettronico; impatto ambientale ed energetico. È previsto un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese ammissibili, con un contributo massimo di 25 mila euro. L impegno finanziario di Regione Lombardia ammonta a 1 milione e 828 mila euro, a cui vanno ad aggiungersi 780 mila euro messi a disposizione dal Sistema Camerale (Province: Brescia, Cremona, Lecco, Milano, Monza e Brianza e Varese). Domande dal 20 maggio al 26 giugno

6 6 Regione Lombardia per la PA TURISMO E COMMERCIO, I DISTRETTI DELL ATTRATTIVITÀ La Regione Lombardia ha stanziato 11 milioni di euro a valere sul bando I distretti dell attrattività per promuovere iniziative per l attrattività territoriale integrata turistica e commerciale anche in vista di Expo L obiettivo è di sviluppare, in collaborazione con i Comuni, e attraverso partenariati pubblico-privati, politiche integrate di valorizzazione delle eccellenze territoriali e dell attrattività territoriale turistica e commerciale della Lombardia. L iniziativa è articolata in due diverse linee di intervento. Comuni capoluogo 4 milioni di euro sono riservati alla prima linea rivolta ai Comuni capoluogo di Provincia (escluso il Comune di Milano che ha già beneficiato di tale intervento in via sperimentale). I Comuni possono coinvolgere con forme di intese e partenariati altri soggetti quali Camere di Commercio, fondazioni, consorzi pubblico/privati e altri organismi impegnati nello sviluppo economico del territorio. Possono ad esempio essere finanziate: sviluppo e valorizzazione dell offerta turistica e promozione di itinerari turistici; estensione e promozione dell offerta commerciale; progetti per i servizi di accoglienza dei visitatori e per la promozione dei luoghi di interesse; progetti per l animazione turistico-commerciale attraverso iniziative di city dressing ; progetti per il commercio e il turismo accessibili; riqualificazione e il miglioramento dei centri urbani, dell arredo urbano e della pubblica illuminazione; progetti di riqualificazione dei mercati e delle aree mercatali; valorizzazione della somministrazione e della ristorazione di qualità e di filiere; progetti per le imprese commerciali e turistiche finalizzati allo sviluppo di reti di servizi. Il Comune capoluogo deve cofinanziare l iniziativa per un importo pari al contributo regionale concesso, con conseguente raddoppio delle risorse a disposizione, con risorse di natura corrente per almeno il 75% della quota di spettanza comunale. Comuni non capoluogo Domande entro il 7 luglio 7 milioni di euro sono riservati alla seconda linea rivolta ai Comuni non capoluogo in aggregazione per la realizzazione di iniziative e interventi di area vasta. I programmi di intervento sono finanziati fino ad un massimo del 50% dalla Regione e devono prevedere l addizionalità da parte dei Comuni aggregati per il restante 50%. In apertura

7 Case history 7 SMART CITIES: FINANZIATO IL PROGETTO DI AEMCOM La Regione Lombardia ha assegnato 2,3 milioni di euro al progetto per l AssisTenza digitale e InnoVazione sociale in ambienti controllati, promosso da un partenariato lombardo con capofila Aemcom (ora Linea Com). L obiettivo è sperimentare nuovi modelli e strumenti che traducano in processi digitali la gestione dell intero ciclo di assistenza di una persona fragile (anziano e/o disabile) in strutture a differente intensità assistenziale e a domicilio. Il progetto coinvolge il Politecnico di Milano (con il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e il Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria), Consoft, GPI, Ancitel, Beta, Fluidmesh, Coop.Sinergie, e alcune imprese bresciane, quali Il Gabbiano, Microdevice e Studio Farma, con l assistenza tecnica di GRUPPO IMPRESA. Il progetto di ricerca e sviluppo si propone di attuare un reale scenario di innovazione sociale in ottica di smart cities and communities, ideando e sperimentando modelli e strumenti, organizzativi e ICT, che traducano in processi digitali la gestione dell intero ciclo di assistenza di una persona fragile (anziano e/o disabile) che necessita nel tempo di servizi assistenziali, sociali, sanitari e in genere di sostegno in strutture a differente intensità assistenziale e a domicilio. Dal punto di vista ICT dovranno ad esempio essere previsti scenari di integrazione degli strumenti informatici già esistenti nelle strutture sanitarie e socio-assistenziali e sul territorio, con nuovi sistemi di supporto (anche di domotica e di monitoraggio remoto) da introdurre ex novo a domicilio e/o presso strutture eroganti servizi residenziali e semiresidenziali. Il progetto si propone inoltre di studiare e realizzare un nuovo modello di piattaforma distribuita di servizi, ispirata al paradigma del hybrid cloud (composizione di cloud pubblico e infrastrutture private), per dare accesso in maniera sicura ai dati sanitari ed assistenziali e per consentire di realizzare nuove applicazioni per gli operatori della pubblica amministrazione (ASL, comuni, aggregazioni sovra-comunali, ) e per i soggetti che con essa collaborano (fondazioni, ambulatori, centri medicali, associazioni di volontariato, ecc.) e interagiscono (cittadini, imprese, liberi professionisti, ecc.). Il progetto intende quindi definire work flow, parametri di valutazione e linee guida per l elaborazione di piani assistenziali rivolti ad anziani e disabili, partendo dall analisi dei servizi e dell infrastruttura tecnologica utilizzata dalle ASL di Cremona e Mantova e dai comuni del loro territorio per la gestione della continuità assistenziale sul territorio. Partecipano al progetto le principali istituzioni di riferimento per i servizi socio-assistenziali nelle provincie di Cremona (ASL Cremona, Comune di Cremona, Azienda Sociale Cremonese), di Mantova (ASL Mantova, Comune di Mantova, Consorzio pubblico servizio alla persona Viadana, Comune di Suzzara) e di Brescia (Provincia di Brescia, Azienda Territoriale per i servizi alla persona Bassa Bresciana Centrale). Inoltre parteciperanno alla fase di valutazione dei risultati e degli scenari di estensioni ANCI, Comune di Pavia, Comune di Vigevano e Comune di Ardesio. La Commissione europea ha lanciato la Smart Cities Stakeholder Platform con l obiettivo di condividere e sviluppare azioni concrete per le Smart City. Maggiori informazioni al sito:

8 8 Legislazione nazionale LE MISURE DEL DOCUMENTO DI ECONOMIA E FINANZA Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Documento di Economia e Finanza (DEF). Dopo la deliberazione del Consiglio dei Ministri, toccherà al Parlamento esprimersi sul documento. Segnaliamo di seguito le misure di interesse contenute all interno del Programma Nazionale di Riforma all interno del DEF. Per le imprese Misure di facilitazione al rinnovo degli impianti produttivi come la nuova Sabatini. Rafforzamento di 670 milioni del Fondo Centrale di Garanzia per il credito alle piccole e medie imprese nel Rifinanziamento dell Aiuto Crescita Economica. Misure per favorire l assunzione dei ricercatori nelle aziende e rendere attrattiva l Italia per i ricercatori stranieri, costruendo una vera circolazione dei cervelli. Misure per massimizzare il potenziale innovativo della ricerca attraverso l immissione di capitale umano di eccellenza nelle imprese, come i dottorati industriali, sostenuti da un credito d imposta per i ricercatori raddoppiato di 600 milioni in tre anni. Estensione del credito d imposta per gli investimenti in R&S. Rafforzamento degli strumenti di internazionalizzazione specie di piccola e media dimensione (attraverso anche SIMEST e INVITALIA). Sostegno per il seed e venture capital e le nuove imprese innovative. Promozione del comparto agroalimentare mediante incentivi fiscali per gli investimenti nelle piccole e medie imprese condotte da under 40 e finanziamenti per l innovazione tecnologica, lo sviluppo dell agricoltura sociale e dei prodotti a filiera corta. Novità anche per le imprese che hanno sottoscritto un contratto di rete. È stato infatti stabilito il rifinanziamento del Fondo per il regime agevolato delle Reti d Impresa per 200 milioni, aumentando il limite degli utili accantonabili e semplificando il bilancio d impresa, nonché un beneficio fiscale triennale per le reti di impresa nel settore turistico. Per la Pubblica Amministrazione 2 miliardi per rendere le scuole più sicure, con interventi di messa in sicurezza, efficienza energetica, adeguamento antisismico e costruzione di nuove scuole, e per rilanciare l edilizia anche attraverso una riallocazione delle risorse non utilizzate. Istituzione di un fondo nazionale per la progettazione di opere in PPP (Fondo equity per pro-getti greenfield), al fine di consentire alle amministrazioni di definire progetti di qualità sul piano sia della sostenibilità economico-finanziaria sia della maturazione tecnica. Costituzione di un Fondo di 200 milioni per la delocalizzazione di impianti industriali pesanti siti nei centri densamente abitati. Migliorare la capacità di progettazione e investire sulle piccole opere ad esempio quelle per il Programma 6000 campanili, rivolto a piccoli Comuni per la realizzazione di interventi infrastrutturali con il coinvolgimento di piccole e medie imprese locali.

9 Reti di imprese 9 GRUPPO IMPRESA PRESENTA LO STUDIO SUI FINANZIAMENTI REGIONALI PER LE IMPRESE IN RETE È stato presentato lo scorso 20 febbraio a Roma in occasione della III Giornata delle reti d impresa di Confindustria lo studio Le Regioni a favore delle reti di impresa promosso da RetImpresa in collaborazione con GRUPPO IMPRESA e la Commissione Attività Produttive della Conferenza delle Regioni. Sono intervenuti per l apertura dei lavori Aldo Bonomi, Vice Presidente Confindustria per le Reti di Impresa e Presidente RetImpresa, Gian Mario Spacca, Presidente Regione Marche e Coordinatore Commissione Attività Produttive Conferenza delle Regioni e Giorgio Squinzi, Presidente di Confindustria. L analisi ha impegnato GRUPPO IMPRESA per la raccolta e l elaborazione delle informazioni relative agli interventi regionali a favore delle reti d impresa con l obiettivo di delineare un quadro completo delle agevolazioni attivate dalle Amministrazioni regionali nel periodo La Lombardia è risultata la Regione con il maggior numero di risorse assegnate alle imprese in rete, 21 milioni di euro, seguita da Toscana con 14,5 milioni ed Emilia-Romagna 13 milioni. Nel corso del quadriennio sono state finanziate ben 496 richieste di agevolazione presentate da aggregazioni di imprese costituite tramite contratto di rete. Ciò significa che circa il 40% dei contratti di rete ad oggi stipulati risulta beneficiario di contributo regionale. Il lavoro rientra nell ambito di un accordo più ampio tra RetImpresa e GRUPPO IMPRESA finalizzato al monitoraggio continuo e all analisi degli incentivi regionali dedicati alle reti di impresa. Rilevazione Interventi regionali a favore delle reti di impresa ( ) Totale Interventi censiti 77 Fondi stanziati milioni di euro Fondi concessi 584 milioni di euro Fondi concessi per progetti di rete 92 milioni di euro Progetti di rete finanziati 496 Imprese finanziate in contratto di rete Investimenti attivabili per contratti di rete 202 milioni di euro Lo studio è disponibile sul sito di RetImpresa al link: A lato un momento della presentazione del 20 febbraio a Roma

10 10 Fondi europei L UNIONE EUROPEA PROMUOVE LO SVILUPPO SOSTENIBILE È prevista il 16 giugno l uscita del nuovo bando LIFE 2014 finalizzato a tutelare l ambiente e lo sviluppo sostenibile con una dotazione finanziaria di 3,456 miliardi di euro. Promuove e divulga le soluzioni migliori e le buone pratiche incoraggiando tecnologie innovative in grado di produrre un impatto positivo dal punto di vista ambientale in determinate aree prioritarie. LIFE+ è uno dei pochi strumenti finanziari gestiti dalla Commissione europea che non richieda obbligatoriamente un partenariato internazionale. Le proposte potranno essere presentate da soggetti pubblici e privati, quali enti locali, imprese, ONG e organizzazioni no profit stabiliti negli Stati membri dell Ue, nei Paesi aderenti, candidati e potenziali candidati. Il nuovo Programma prevede alcune importanti novità, fra queste si segnalano: introduzione di una nuova categoria dei progetti integrati, che opereranno su larga scala territoriale e avranno lo scopo di attuare e integrare la politica ambientale e climatica con quelle di altri settori; aumento del tasso di cofinanziamento, che sarà compreso fra il 55% e il 100% secondo il sottoprogramma e la tipologia di progetto, e in base al programma pluriennale di lavoro; adozione di un approccio top-down flessibile, in base al quale le priorità individuate dalla Commissione non saranno esaustive in modo da consentire la presentazione di nuove proposte e idee. Inoltre sono previste due tipologie di finanziamento: sovvenzioni per l implementazione di varie tipologie di progetti (pilota, dimostrativi, best-practice, integrati, di assistenza tecnica, capacity-building, preparatori e d informazione, sensibilizzazione e disseminazione); sovvenzioni per il supporto di organizzazioni non-profit coinvolte nello sviluppo, nell implementazione e nel rafforzamento della legislazione e delle politiche europee. Domande entro ottobre E L INVECCHIAMENTO ATTIVO Care for the future è l iniziativa europea che si propone di stimolare la ricerca e lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche innovative che permettano ed aiutino le persone anziane a gestire le attività della vita quotidiana, ridisegnando l ambiente di vita domestico e migliorando l assistenza sanitaria. Le domande possono essere presentate da consorzi composti da almeno tre soggetti, fra imprese, università, istituti e organizzazioni di ricerca. Sono considerate ammissibili solo le spese relative ad attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale. Per l Italia è previsto un finanziamento complessivo di 3 milioni di euro, di cui un milione come contributo alla spesa e i restanti 2 milioni come finanziamento agevolato. Domande entro il 26 giugno save the date! SMART CITY WEEKS 2014 Torino dal 2 all 8 giugno COME FINANZIARE LA SMART CITY? Incontro di approfondimento in collaborazione con Fondazione Rosselli, Planum, Fare PA

11 Fondi europei 11 FONDI EUROPEI PER LE PMI Cosa fa l Unione europea per le PMI? Se ne è discusso il 17 aprile a Provaglio d Iseo nell incontro organizzato da AQM e GRUPPO IMPRESA sul tema dei fondi europei per la ricerca e l innovazione. Sul piatto vi sono quasi 80 miliardi di euro per i prossimi 7 anni. Sono intervenuti ad illustrare le opportunità offerte dall Unione europea Fabrizio Spada, direttore della Rappresentanza della Commissione europea a Milano, per la presentazione di Horizon 2020, il programma quadro per la ricerca e l innovazione, e Luca Pellizzato di GRUPPO IMPRESA per lo strumento dedicato alle PMI e le anticipazioni del nuovo programma LIFE per lo sviluppo sostenibile. Horizon 2020 è il programma principale dell Unione europea, dedicato non solo alle imprese ma anche alle università e ai professionisti, per sostenere progetti di ricerca e innovazione attraverso contributi a fondo perduto fino al 100% delle spese sostenute per il personale impiegato, strumenti e attrezzature, materiali, consulenze generali. Per i piccoli imprenditori è inoltre attivo un canale ad hoc che consente di candidare una proposta, anche singolarmente, ed accedere ad un contributo fino a 50 mila euro per la preparazione del loro business plan e di uno studio di fattibilità. Il dibattito è proseguito con la testimonianza di Andrea Sbicego della Valsir, azienda del Gruppo Fondital, che ha portato la propria esperienza nella partecipazione a un bando europeo. Il progetto AutoPlast, candidato per il finanziamento comunitario e in fase di negoziazione, si propone di sviluppare un impianto pilota finalizzato al recupero dei rifiuti plastici provenienti dal settore automotive nonché lo sviluppo di una rete in provincia di Brescia per la raccolta differenziata di tali scarti. In conclusione dell evento l Amministratore Delegato di AQM, Gabriele Ceselin, ha presentato le possibilità di collaborazione con AQM, che potrà mettere a disposizione delle imprese i propri laboratori per prove prototipali ed i propri esperti per la valutazione ed il miglioramento dei processi e dei prodotti e la scelta dei materiali.

12 12 Regione Emilia-Romagna RISPARMIO ENERGETICO: LE OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE EMILIANE Sono attivi in Emilia-Romagna due strumenti di agevolazione a sostegno degli investimenti per la green economy: 7 milioni di euro per progetti innovativi finalizzati al risparmio energetico e all utilizzo di fonti rinnovabili di energia nei settori del turismo e del commercio. Possono presentare domanda le piccole e medie imprese, compresi i consorzi e/o le società consortili, costituiti anche in forma cooperativa o di associazione temporanea d impresa, aventi sede operativa in Emilia-Romagna. Tra gli investimenti ammissibili figurano gli interventi integrati di risparmio energetico o di miglioramento dell efficienza energetica e impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, l installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Il contributo regionale è concesso nella misura massima del 40% delle spese ammesse e fino ad un massimo di 150 mila euro. Domande dal 5 maggio al 15 luglio 24 milioni di euro per il Fondo rotativo di finanza agevolata per il finanziamento della green economy. Possono presentare domanda le PMI operanti dei settori dell industria, dell artigianato e dei servizi alla persona aventi localizzazione produttiva in Emilia. L obiettivo è incrementare gli investimenti delle imprese destinati a migliorare l efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti rinnovabili attraverso la produzione o l autoconsumo, nonché l utilizzo di tecnologie che consentano la riduzione dei consumi energetici da fonti tradizionali. Scopo ulteriore del Fondo è promuovere la nascita di nuove imprese operanti nel campo della green economy, incentivare gli investimenti immateriali volti all efficienza energetica dei processi o a ridurre il costo energetico incorporato nei prodotti. Fra le novità introdotte dalla delibera dello scorso novembre si segnala: il limite minimo finanziabile ridotto a 20 mila euro, il limite massimo esteso a un milione di euro e la durata massima del finanziamento estesa a 7 anni. Il 40% è erogato tramite fondi regionali e il restante 60% tramite risorse messe a disposizione dagli istituti di credito. Domande dal 14 aprile APERTO IL FONDO STARTER Parte con una dotazione finanziaria di 8,7 milioni di euro il Fondo StartER della Regione Emilia- Romagna. L iniziativa intende sostenere gli investimenti delle PMI emiliane, compresi consorzi, società consortili e società cooperative, costituite successivamente al 1 gennaio Ad essere finanziati gli interventi su immobili strumentali quali costruzione, acquisizione, ampliamento e/o ristrutturazione; l acquisto di terreni nel limite del 10% del progetto; l acquisizione di macchinari, impianti e attrezzature; l acquisizione di brevetti, licenze, marchi, avviamento; le consulenze tecniche e/o specialistiche; le spese del personale adibito al progetto nel limite del 30% del progetto; le spese per la produzione della documentazione tecnica necessaria per la presentazione della domanda per un importo massimo pari a 10 mila euro. È previsto un finanziamento pari all 85% dell investimento, di cui l 80% a tasso zero e il 20% pari all Euribor a 3 mesi maggiorato di 5 punti percentuali. Il risultato per l impresa consiste in un tasso d interesse effettivo sul finanziamento concesso inferiore al 2%. L entità dei finanziamenti varia dai 25 mila euro ai 300 mila euro. Domande dal 4 aprile

13 Efficienza energetica 13 DAL PROGRAMMA ENERGIA RINNOVABILE 100 MILIONI PER IL SUD Il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato 100 milioni di euro per i progetti di efficienza energetica promossi dalle imprese delle Regioni Convergenza, ovvero Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Le tipologie di intervento che possono essere ammesse a finanziamento sono: isolamento termico degli edifici al cui interno sono svolte le attività economiche; razionalizzazione, efficientamento e/o sostituzione dei sistemi di riscaldamento, condizionamento, alimentazione elettrica ed illuminazione, anche se impiegati nei cicli di lavorazione funzionali alla riduzione dei consumi energetici; installazione di impianti ed attrezzature funzionali al contenimento dei consumi energetici nei cicli di lavorazione e/o di erogazione dei servizi; installazione, per sola finalità di autoconsumo, di impianti per la produzione e la distribuzione dell energia termica ed elettrica. È previsto un finanziamento agevolato senza interessi, nel limite del 75% del costo ammissibile. Le agevolazioni sono concesse mediante una procedura di selezione a sportello. Le domande potranno essere compilate on-line tramite un apposita piattaforma informatica. Domande dal 29 aprile FONDO DI ROTAZIONE PER LE FONTI RINNOVABILI La Regione Veneto sostiene con 38,8 milioni di euro gli investimenti realizzati da PMI e finalizzati al contenimento dei consumi energetici attraverso il Fondo di rotazione a valere sul Programma Operativo Regionale POR FESR. L iniziativa è rivolta alle piccole e medie imprese venete, anche in forma associata (consorzi, contratti di rete, ATI). I progetti devono riguardare: il miglioramento del rendimento energetico degli impianti esistenti; la produzione combinata di energia termica ed elettrica in cogenerazione; la produzione di energia elettrica mediante celle a combustibile; la produzione di energia da fonti rinnovabili. Gli interventi possono, inoltre, avere ad oggetto nuove linee produttive. Le agevolazioni sono costituite da un contributo in conto capitale in misura non superiore al 23% del costo di investimento ammissibile, e da un finanziamento agevolato, tramite fondo di rotazione, fino a copertura dell importo del costo di investimento ammissibile. Domande entro il 30 giugno 2015 Nell ambito della convenzione con assorinnovabili, GRUPPO IMPRESA offre un supporto tempestivo ed affidabile per: l INFORMAZIONE sulle opportunità di agevolazione a livello regionale, nazionale, comunitario; l organizzazione di WORKSHOP e CONVEGNI in occasione dell apertura di bandi di particolare interesse, al fine di diffondere informazioni sui bandi e di promuovere partnership per la partecipazione a progetti di sistema; la CONSULENZA, su richiesta degli associati, per l assistenza e la gestione delle pratiche di finanza agevolata.

14 14 PA per Welfare e Cultura FONDAZIONE CARIPLO PER IL WELFARE E L INNOVAZIONE SOCIALE È stato lanciato a fine marzo il bando della Fondazione Cariplo Welfare di Comunità e Innovazione Sociale. L obiettivo è quello di raccogliere idee da reti di soggetti pubblici e privati attraverso le quali individuare soluzioni innovative ai problemi del welfare nei territori della Lombardia, di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola. In particolare il sostegno è volto all innovazione di servizi, processi e modelli per rispondere ai bisogni sociali, alla valorizzazione e alla connessione delle risorse delle persone, delle famiglie e del territorio in una prospettiva comunitaria, e, infine, allo sviluppo e al potenziamento di sistemi di governance territoriale. A disposizione una dotazione finanziaria per l anno 2014 pari a 10 milioni di euro. Il bando sarà, inoltre, replicato sia nel 2015 che nel Domande entro il 30 maggio FONDAZIONE CARIPLO PER PROGETTI CULTURALI Il bando intende promuovere la salvaguardia del patrimonio storico-architettonico e il miglioramento delle modalità di gestione dei beni. In particolare, le proposte progettuali dovranno riguardare la rifunzionalizzazione di beni di interesse storico-architettonico significativi per la comunità e il successivo avvio di attività in grado di garantire sostenibilità ai progetti e generare sviluppo e occupazione. I progetti e le relative attività dovranno avere durata biennale o triennale. Le attività dovranno avere natura culturale; a queste potranno essere affiancate anche attività non strettamente culturali, riguardanti i settori connessi (turismo, artigianato, attività didattiche e divulgative, ecc.). La richiesta di contributo alla Fondazione Cariplo non deve essere inferiore a euro e non superare il 60% dei costi totali del progetto. Domande entro dicembre 2014 LOMBARDIA PER LA CULTURA La Regione Lombardia ha approvato i criteri e le modalità di intervento per progetti in ambito culturale per l anno Promozione educativa e culturale: 850 mila euro per enti locali, università, soggetti pubblici e privati no profit Valorizzazione di biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale: 738 mila euro Valorizzazione del patrimonio e dei servizi di musei di enti locali o di interesse locale, sistemi museali locali e reti regionali di musei, e per la catalogazione del patrimonio culturale: 1,25 milioni di euro Promozione della musica, della danza, della cultura cinematografica e audiovisiva: 633 mila euro Domande dal 5 maggio al 9 giugno

15 Scadenziario 15 GRUPPO IMPRESA OSPITE A LA STANZA DEI BOTTONI Ma perché si costituisce un contratto d impresa? Secondo la ricerca, lo si fa bel 28,8% dei casi per ottenere sinergie sulle politiche commerciali, soprattutto sui mercati esteri, o per effettuare produzioni in comune (25,6%), condividere macchinari (17,4%) e fare ricerca (23,6%). Insomma, il contratto di rete può permettere alle aziende di crescere, diventare grandi e quindi internazionalizzarsi, ricercare nuovi stimoli e frontiere di sviluppo e presentarsi con un maggior appeal dinnanzi al sistema bancario o finanziario, restando autonome. Ospiti Marco Bortoli, Gruppo Impresa Finance Aldo Bonomi, Vice Presidente Confindustria e Presidente RetImpresa Fulvio D Alvia, Direttore RetImpresa Vittorio Ori, Presidente Rete Five For Foundry Pubblicazione Web da venerdì 24 aprile SCADENZARIO INTERVENTO Lombardia Fondo turismo e commercio (pag. 5) Bando per l innovazione del terziario (pag. 5) Distretti dell attrattività per Comuni capoluogo (pag. 6) Distretti dell attrattività per Comuni non capoluogo (pag. 6) Cariplo Welfare e innovazione sociale (pag. 14) Cariplo progetti culturali (pag. 14) Lombardia per i progetti culturali 2014 (pag. 14) Veneto Fondo di Rotazione per le fonti rinnovabili (pag. 13) SCADE IL Aperto 20/05/14 26/06/14 07/07/14 In apertura 30/05/14 dicembre 05/05/14-09/06/14 30/06/15 INTERVENTO Emilia-Romagna Bando energia per turismo e commercio (pag. 12) Fondo rotativo green economy (pag. 12) Fondo StartER (pag. 12) SCADE IL 05/05/14-15/07/14 Aperto Aperto Italia Nuova Legge Sabatini (pag. 4) Aperto Credito di imposta per la ricerca e In apertura lo sviluppo (pag. 5) Misure del Documento di Economia In apertura e Finanza (pag. 8) POI Efficienza energetica per le Da Regioni Convergenza (pag. 13) 29/04/14 Europa LIFE+ (pag. 10) Ottobre Care for future (pag. 10) 26/06/14 Horizon (pag. 11) Aperto SEGUICI SU:

16 Via Filippo Lippi, Brescia (Italia) Tel r.a. - Fax

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli