LE NOVITA DEI DECRETI ESTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE NOVITA DEI DECRETI ESTIVI"

Transcript

1 LE NOVITA DEI DECRETI ESTIVI

2 MODELLO F24 TELEMATICO DAL 1 OTTOBRE 2014

3 DL 66 F24 TELEMATICO PER TUTTI DAL 1 OTTOBRE 2014 AGENZIA REMOTE CARTA DELEGA COMPENSATA A SALDO ZERO X DELEGA CON COMPENSAZIONE MA SALDO > ZERO X X DELEGA A DEBITO CON SALDO > EURO X X DELEGA DIVERSE DAI CASI DI CUI SOPRA X X X PER «AGENZIA» SI INTENDE Fisconline Entratel Per poter effettuare i pagamenti F24 online occorre essere registrati ai servizi telematici dell Agenzia (Entratel o Fisconline) ed essere titolari di un conto corrente presso una delle banche convenzionate. Le richieste di pagamento F24 online sono scartate se non c è corrispondenza tra il codice fiscale del contribuente, indicato nel modello F24, e il codice fiscale del titolare, o del cointestatario con abilitazione a operare con firma disgiunta, del conto corrente bancario o postale su cui si richiede l addebito.

4 DL 66 F24 TELEMATICO PER TUTTI PROSPETTO DI RIEPILOGO (valido dal 1 ottobre 2014) TIPOLOGIA VERSAMENTO SOGGETTO MODALITÀ UTILIZZABILE F24 con saldo zero per effetto di compensazione Qualsiasi soggetto (titolare partita IVA o privato) Entratel / Fisconline F24 con saldo a debito ma che contiene compensazione Qualsiasi contribuente (titolare partita IVA o privato) F24 con saldo a debito senza compensazione Titolare partita IVA Entratel / Fisconline Remote / Home banking F24 con saldo a debito > senza compensazione F24 con saldo a debito senza compensazione Privato Privato Entratel / Fisconline Remote / Home banking Cartacea

5 IL PARERE DELL AGENZIA L INVIO TELEMATICO PUÒ ESSERE ASSOLTO Direttamente dal contribuente utilizzando i servizi: F24 web (non richiede software) F24 online (richiede software compilazione) attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel; Tramite intermediari abilitati Possono utilizzare: F24 cumulativo, con convenzione F24 addebito unico

6 IL PARERE DELL AGENZIA I nuovi obblighi sono aggiuntivi rispetto ai precedenti, a carico dei titolari di P.IVA fino al 30/09 può usare remote banking TITOLARE DI P.IVA CHE COMPENSA UN CREDITO < (delega saldo zero) Quindi le modifiche non interessano solo i privati dal 01/10 deve usare canale Agenzia

7 IL PARERE DELL AGENZIA 4 casi in cui si può utilizzare ancora il modello cartaceo 1) Versamenti con debito < a euro e senza compensazione 2) Versamenti rateali in corso al 30/09, ma solo entro il 31/12/2014 3) Utilizzo modelli precompilati da ente impositore (comune, agenzia entrate, ecc.) purché non si ricorra alla compensazione 4) Modelli presentati presso gli agenti della riscossione per il riconoscimento di crediti in compensazione (solitamente agevolazioni) utilizzabili solo presso detti soggetti

8 IL PARERE DELL AGENZIA I SOGGETTI OGGETTIVAMENTE IMPOSSIBILITATRI AD AVERE C/C non compensati 1) inviati telematicamente rivolgendosi ad un intermediario disponibile all addebito del pagamento sul proprio conto corrente, 2) Rivolgendosi ad intermediari della riscossione che consentono di presentare il modello F24 con modalità telematiche anche a soggetti non titolari di conto corrente (ad esempio per addebito su carta prepagata) 3) In via residuale, utilizzo modello cartaceo Modelli con compensazioni parziali 1) Utilizzando le modalità 1) e 2) di cui sopra 2) In mancanza: Un modello a saldo zero ad esaurimento del credito disponibile, esclusivamente tramite i servizi telematici dell Agenzia Il modello a debito (per il residuo) in forma cartacea

9 DL 66 F24 TELEMATICO PER TUTTI ALCUNI STRATAGEMMI SUGGERITI PER EVITARE IL TELEMATICO «PESANTE» PER I SOGGETTI PRIVATI 1 Mai più un F24 a saldo zero Compenso quasi tutto, ma lascio un debito di importo «minimo» Posso usare remote banking senza canale Agenzia 2 Mai più un F24 con debito superiore a Faccio più versamenti per arrivare al totale Posso usare la delega cartacea

10 LA DICHIARAZIONE PRECOMPILATA DAL 2015

11 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA STRUTTURA GENERALE Titolari di reddito di lavoro dipendente e assimilati Resa disponibile entro il 15/04 di ogni anno Può essere accettata o modificata Presentata entro il 7 luglio (Agenzia, sostituto, CAF, professionista) Se accettato modello proposto non ci sono controlli formali, se presente AdE Se presentata (anche senza modifiche) a CAF o professionisti, il controllo formale viene effettuato da questi ultimi Ammessa la rettifica del modello entro il 10 novembre, con una riduzione delle sanzioni con ravvedimento operoso

12 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA INVIO DATI CERTIFICAZIONI Articolo 4, comma 6-ter DPR 322/1998 Invio certificazioni telematiche entro il 7 marzo dell anno successivo 100 euro per ogni omissione, senza cumulo INTERESSI PASSIVI MUTUI, PREMI ASSICURAZIONE VITA E INFORTUNI, CONTRIBUTI PRESTAZIONI EROGATE NEL 2015 DA: ASL, aziende ospedaliere, istituti di ricovero, case di cura, policlinici, farmacie, altri presidi e strutture, medici chirurghi ed odontoiatri APPOSITO DM definirà altri dati rilevanti per la trasmissione dei dati e notizie rilevanti come oneri deducibili o detrazioni di imposta

13 AGENZIA GIA AL LAVORO SULLA CERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

14 AGENZIA GIA AL LAVORO SULLA CERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

15 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA ASPETTO RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA tenuto conto dell impegno assunto dai CAF e dai professionisti nei confronti dei contribuenti per una corretta predisposizione della dichiarazione e del conseguente affidamento di quest ultimi circa la definitività del rapporto tributario relativo alla medesima dichiarazione, nei casi di visto di conformità infedele, imposta, interessi e sanzione (30 per cento) sono a carico del CAF o del professionista che ha rilasciato il visto di conformità, tranne che nel caso in cui l infedeltà del visto sia stata determinata da una condotta dolosa del contribuente. In altri termini si determina una sorta di sostituzione della posizione dell originario debitore (il contribuente) con quella del CAF o del professionista inadempienti rispetto alla corretta esecuzione del rapporto contrattuale con il contribuente che trova il suo fondamento nel rilascio di un visto di conformità infedele da parte dell intermediario chiamato a svolgere un ruolo essenziale di mediazione tra amministrazione e contribuenti.

16 LE NOVITA IVA (decreto semplificazioni)

17 NOVITA IVA DEFINIZIONE PRIMA CASA AI FINI IVA Abitazioni non di lusso: categoria A, diverse da A1, A8, A9 Piena assimilazione con imposta registro Abbandono completo del DM 1969 NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA Ammessa oltre l anno anche per: Accordi di ristrutturazione dei debiti omologati (art. 182-bis RD 267/1942) Piani attestati pubblicati nel Registro Imprese (art. 67, c. 3, lettera d) RD 267/1942)

18 NOVITA IVA ADEGUAMENTO VALORE DEGLI OMAGGI Adeguamento al valore stabilito dal TUIR 50,00 beni servizi detrazioni DETRAZIONE FORFETARIA PER REGIME 398 Abrogata la forfetizzazione per le sponsorizzazioni (90/10) Si applica la regola generale del 50% Volontà di eliminare contenzioso con «spese pubblicità»

19 NOVITA IVA RIMBORSI IVA La prestazione delle garanzie per i rimborsi IVA non è dovuta quando l ammontare del rimborso supera i euro e si posseggono le caratteristiche dei soggetti «virtuosi». E però richiesto il visto di conformità Se mancano le caratteristiche di virtuosità, si deve presentare la garanzia. Chi non vuole apporre il visto di conformità, deve prestare la garanzia Nel caso di contestazione di reati per emissione o utilizzo di fatture fasulle, il rimborso viene bloccato per pari importo

20 NOVITA IVA SEMPLIFICAZIONE MODELLI INTRASTAT SERVIZI Con provvedimento si ridurranno il numero delle informazioni necessarie DATI ATTUALI il numero di riferimento della fattura; la data della fattura; il codice identificativo del tipo di prestazione resa o ricevuta (codici composti di 6 cifre) ; la modalità di erogazione del servizio; la modalità di incasso/pagamento del corrispettivo; il Paese di pagamento. SANZIONI ISTAT PER MODELLI INTRASTAT 1) La disposizione è volta in primo luogo a semplificare l onere statistico a beneficio delle imprese che realizzano scambi commerciali con i paesi dell UE limitando l eventuale irrogazione delle sanzioni ai soli operatori che hanno effettuato nel mese di riferimento spedizioni o arrivi per un ammontare pari a o superiore a 750 mila euro 2) Inoltre, si ridimensiona il carico sanzionatorio prevedendo l applicazione di sanzioni una sola volta per omissioni ed errori attinenti alla comunicazione di dati statistici contenuti negli elenchi Intrastat a prescindere dal numero di transazioni mancanti o riportate in modo errato per uno stesso mese.

21 NOVITA IVA INSERIMENTO NEL VIES iscrizione immediata al momento della richiesta RISOLVE IL PROBLEMA DEL CLIENTE NON ISCRITTO CHE EFFETTUA OPERAZIONI «IMMEDIATE» SENZA AVVERTIRE Cancellazione automatica se non ho Intrastat per 4 trimestri DETERMINA COMUNQUE UN PROBLEMA OPERATIVO, IN QUANTO NON SI MANTIENE LA ABILITAZIONE ALLE OPERAZIONI COMUNITARIE

22 NOVITA IVA COMUNICAZIONE BLACK LIST (dall anno in corso all approvazione decreto) Comunicazione annuale, escludendo importo complex annuo fino a Attualmente si comunicano tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi di importo superiore a euro 500 effettuate e ricevute, registrate o soggette a registrazione, nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio in Paesi cosiddetti black list. Invece, la comunicazione sarà effettuata con cadenza annuale Viene portato a euro il limite di esonero, da riferire all ammontare complessivo annuale di operazioni (non per singola operazione)

23 NOVITA IVA LETTERE DI INTENTO Saranno trasmesse all Agenzia delle entrate dall acquirente o committente Al fornitore (o in dogana) si consegnerà copia cartacea della lettera unitamente alla ricevuta di trasmissione all Agenzia delle entrate La sanzione si applicherà al fornitore che emette fattura non imponibile senza avere ricevuto la lettera di intento con la relativa ricevuta di invio all Agenzia In dichiarazione annuale si farà il riepilogo delle lettere di intento ricevute Si applicherà dalle operazioni del 2015

24 NOVITA IVA LETTERE DI INTENTO 1. viene eliminato l obbligo, oggi in capo al fornitore dell esportatore abituale, di comunicazione dei dati delle dichiarazioni d intento ricevute; 2. l onere di comunicazione all Agenzia viene trasferito in capo all esportatore abituale che fruisce della non imponibilità dell operazione; 3. l Agenzia delle entrate rilascia apposita ricevuta con l indicazione dei dati contenuti nella lettera di intento trasmessa dall esportatore abituale; 4. l esportatore abituale consegna al proprio fornitore o prestatore, ovvero in dogana, la lettera di intento trasmessa all Agenzia delle entrate, unitamente alla copia della ricevuta di presentazione della stessa; 5. il fornitore potrà, solo dopo aver ricevuto la lettera d intento e la relativa ricevuta, effettuare l operazione senza applicazione dell imposta; 6. il fornitore o prestatore deve accertarsi di ricevere la dichiarazione, unitamente alla ricevuta, di cui deve riscontrare telematicamente l avvenuto rilascio da parte dell Agenzia delle entrate, per non incorrere nella sanzione di cui al comma 4-bis dell articolo 7, decreto legislativo n. 471/97, riformulata per tener conto della diversa modalità dell adempimento; 7. il fornitore o prestatore riepiloga nella dichiarazione annuale IVA i dati delle operazioni effettuate senza applicazione dell IVA nei confronti di singoli esportatori abituali.

25 NOVITA SU RISCOSSIONE E CONTENZIOSO (decreto semplificazioni)

26 RESPONSABILITA DEI LIQUIDATORI RESPONSABILITÀ ART. 36 DPR 602/ comma i liquidatori dei soggetti all'imposta sul reddito delle persone giuridiche che non adempiono all'obbligo di pagare, con le attività della liquidazione, le imposte dovute per il periodo della liquidazione medesima e per quelli anteriori rispondono in proprio del pagamento delle imposte se non provano di aver soddisfatto i crediti tributari anteriormente all assegnazione di beni ai soci o associati, ovvero di avere soddisfatto crediti di ordine superiore a quelli tributari. Tale responsabilità è commisurata all'importo dei crediti d'imposta che avrebbero trovato capienza in sede di graduazione dei crediti. 3 comma La disposizione prevede che il valore del denaro e dei beni sociali ricevuti in assegnazione dai soci o associati, avuto riguardo al patrimonio della società all inizio della liquidazione, si presume proporzionalmente equivalente alla quota di capitale detenuta dal socio od associato, salva la prova contraria. RESPONSABILITA ORA ESTESA A QUALSIASI TRIBUTO O SOMMA ISCRIVIBILE A RUOLO!!

27 SOCIETA ESTINTE MA NON PER IL FISCO EFFICACIA CANCELLAZIONE SOCIETÀ DEL REGISTRO IMPRESE Ai fini della liquidazione, accertamento e riscossione di tributi, contributi, sanzioni e interessi, l estinzione della società ai sensi del 2495 ha effetto trascorsi 5 anni dalla richiesta di cancellazione NORMA DI TIPO PROCEDURALE O SOSTANZIALE? Un consolidato orientamento giurisprudenziale (in particolare, Cassazione SS.UU. sent. n. 4060, 4061 e 4062 del 22 febbraio 2010) sostiene la natura costitutiva della cancellazione delle società dal Registro delle imprese, con l effetto conseguente dell estinzione della società di capitali, a prescindere, quindi, dall esistenza di crediti o debiti insoddisfatti e/o di rapporti non ancora definiti.

28 «LIBERE» ANCHE LE RITENUTE ABROGATA LA RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI E SUBAPPALTI SCENARIO PREGRESSO abrogato 1) L articolo 35, commi 28, 28-bis e 28-ter del decreto legge 4 luglio 2006, n. 223 ha introdotto, per gli appalti di opere o di servizi, la responsabilità solidale dell appaltatore con il subappaltatore, nei limiti dell'ammontare del corrispettivo dovuto, del versamento all'erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente dovute dal subappaltatore in relazione alle prestazioni effettuate nell'ambito del rapporto di subappalto. 2) Il comma 28-bis prevede, in capo al committente, una sanzione amministrativa pecuniaria - da 5.000,00 a ,00 euro - nel caso in cui lo stesso provveda ad effettuare il pagamento del corrispettivo all appaltatore senza che abbia ottenuto idonea documentazione circa la correttezza del versamento all Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente dovute dall appaltatore e dal subappaltatore.

29 «LIBERE» ANCHE LE RITENUTE ABROGATA LA RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI E SUBAPPALTI NUOVE PREVISIONI IN MODIFICA LEGGE BIAGI ARTICOLO 29, COMMA 2 già stabiliva che: «Il committente imprenditore o datore di lavoro è convenuto in giudizio per il pagamento unitamente all'appaltatore e con gli eventuali ulteriori subappaltatori. Il committente imprenditore o datore di lavoro può eccepire, nella prima difesa, il beneficio della preventiva escussione del patrimonio dell'appaltatore medesimo e degli eventuali subappaltatori». SI AGGIUNGE: Il committente convenuto in giudizio per il pagamento unitamente all'appaltatore e con gli eventuali ulteriori subappaltatori, qualora abbia eseguito il pagamento ai lavoratori dei trattamenti retributivi, sia tenuto, ove previsto, ad assolvere gli obblighi del sostituto d imposta ai sensi delle disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, compreso il versamento delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente.

30 «LIBERE» ANCHE LE RITENUTE ABROGATA LA RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI E SUBAPPALTI NUOVO INTERSCAMBIO DATI INPS - ENTRATE L Istituto Nazionale della Previdenza Sociale rende disponibili all Agenzia delle Entrate, con cadenza mensile, i dati relativi alle aziende e alle posizioni contributive dei relativi dipendenti gestite dall Istituto, al fine di consentire il riscontro della correttezza degli obblighi da parte dei datori di lavoro che corrispondono redditi di lavoro dipendente i quali devono operare, all'atto del pagamento, la ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche dovuta dai dipendenti, con obbligo di rivalsa.

31 CONTENZIOSO TRIBUTARIO CONTENZIOSO Abrogato l obbligo di depositare la copia dell appello alla CTP La norma era costruita per evitare che la parte potesse richiedere alla CTP il certificato di passaggio in giudicato della sentenza Oggi non vi dovrebbero essere problemi, sia per la presenza di procedure telematiche, sia per il fatto che la CTR, ricevuto l appello, chiede la trasmissione del fascicolo alla CTP

32 CONTENZIOSO TRIBUTARIO NOVITA DEL DECRETO LEGGE 132/2014 (non ancora convertito in Legge) MODIFICHE DEL PROCESSO CIVILE CHE SI APPLICANO AL CONTENZIOSO 1) La sospensione feriale dei termini si accorcia dal 6 al 31 agosto 2) La condanna al pagamento delle spese di lite può non avvenire (c.d. compensazione) solo nel caso di soccombenza reciproca ovvero nel caso di novità della questione trattata o mutamento della giurisprudenza 3) Ammesso l utilizzo di dichiarazioni scritte di soggetti terzi (per questa disposizione è dubbia l applicabilità, stante il divieto di prova testimoniale vigente nel contenzioso tributario

33 NOVITA REDDITO DI IMPRESA E LAVORO AUTONOMO (decreto semplificazioni)

34 NOVITA PER IMPRESE ED AUTONOMI SOCIETÀ IN PERDITA SISTEMICA ALLUNGATO IL PERIODO DI OSSERVAZIONE DA 3 A 5 ANNI APPPLICABILE DAL PERIODO DI IMPOSTA IN CORSO ALL APPROVAZIONE PERIODO DI OSSERVAZIONE UNICO 2015 Redditi Saranno legittimi accertamenti sul 2012 o 2013?

35 NOVITA PER IMPRESE ED AUTONOMI MANIFESTAZIONE OPZIONI TRASPARENZA, CONSOLIDATO E IRAP GLI APPOSITI MODELLI SONO SOPPRESSI E SI MANIFESTA IN DICHIARAZIONE APPPLICABILE DAL PERIODO DI IMPOSTA SUCCESSIVO A QUELLO IN CORSO VERSAMENTO IMPOSTE SNC CON OPERAZIONI STRAORDINARIE Si applica ai casi di: LIQUIDAZIONE, TRASFORMAZIONE, FUSIONE, SCISSIONE Le imposte si pagano al giorno 16 del mese successivo a quello di scadenza del termine di presentazione della dichiarazione SCOMPARE ANCHE L OBBLIGO DI UTILIZZARE IL MODELLO NUOVO SE GIA APPROVATO AL MOMENTO DELLA TRASMISSIONE

36 NOVITA PER IMPRESE E AUTONOMI AGENTI E RAPPRESENTANTI Adempimento di comunicazione di avere diritto alla riduzione della misura della ritenuta per utilizzo di dipendenti e subagenti si potrà effettuare tramite PEC e sarà valida sino a revoca VITTO E ALLOGGIO PROFESSIONISTI Prestazioni alberghiere e ristoranti pagate dal committente non costituiscono reddito per il professionista

37 RECENTI MODIFICHE AL DIRITTO SOCIETARIO (DL 91/2014 già convertito)

38 2327 C.C. La società per azioni deve costituirsi con un capitale non inferiore a cinquantamila euro. (IN PRECEDENZA ) La SpA ha il collegio sindacale obbligatorio 2477 C.C. 2 comma La nomina dell'organo di controllo o del revisore è obbligatoria se il capitale sociale non è inferiore a quello minimo stabilito per le società per azioni. Per evitare ricadute la norma è stata abrogata a decorrere dal

39 2477 C.C. 3 comma La nomina dell'organo di controllo o del revisore è altresì obbligatoria se la società: a) è tenuta alla redazione del bilancio consolidato; b) controlla una società obbligata alla revisione legale dei conti; c) per due esercizi consecutivi ha superato due dei limiti indicati dal primo comma dell'articolo bis. L'obbligo di nomina dell'organo di controllo o del revisore di cui alla lettera c) del terzo comma cessa se, per due esercizi consecutivi, i predetti limiti non vengono superati. 1) totale dell'attivo dello stato patrimoniale: euro; 2) ricavi delle vendite e delle prestazioni: euro; 3) dipendenti occupati in media durante l'esercizio: 50 unità. Conseguentemente, la sopravvenuta insussistenza dell obbligo di nomina dell organo di controllo o del revisore costituisce giusta causa di revoca. (art. 20, comma 8, in vigore dal 21/08/2014)

40 COSA SIGNIFICA GIUSTA CAUSA DI REVOCA? REVISORE la revoca è specificamente regolata dalle disposizioni del D. Lgs. 39/2010 e dalle norme di attuazione del DM n.261 SINDACO Si ricorre alla intelligenza ed alle dimissioni ARTICOLO 2400 COMMA 2 C.C. decisione dei soci approvazione della delibera da parte del Tribunale, previo ricorso ai sensi dell articolo 737 del c.p.c. NORME COMPORTAMENTO COLLEGIO SINDACALE - CNDCEC la deliberazione che dispone la revoca del sindaco deve essere approvata dal competente tribunale, sentito il soggetto interessato. La revoca del sindaco ha effetto dal momento in cui il decreto del tribunale di approvazione della deliberazione diviene definitivo.

41 TREMONTI QUATER (DL 91/2014 già convertito)

42 TREMONTI QUATER SOGGETTI AMMESSI: Coloro che producono reddito d impresa Per soggetti con reddito molto basso (es, op. regime agrario) il fatto che si tratti di un credito d imposta è elemento favorevole, a condizione che il credito sia fruibile anche oltre l imposta netta Societa di capitali, enti non commerciali e commerciali Società commerciali di persone Imprese individuali Circ. 44/09 Compresi coloro che aderiscono al regime dei minimi o a quello delle nuove iniziative produttive, ma in assenza di contabilità occorre documentare il costo

43 TREMONTI QUATER ASPETTO OGGETTIVO I CARATTERI DELL INVESTIMENTO Il bene deve essere nuovo Circ. 4/E/2002: a) il requisito di novità è soddisfatto anche quando il bene è ceduto da soggetto che non è il produttore ma a condizione che non sia mai stato utilizzato b) il bene utilizzato a scopo dimostrativo mantiene il requisito di novità (circ.44/09) Il bene non può rappresentare un bene merce, né bene di consumo, ma deve trattarsi di bene strumentale, destinato a struttura produttiva (differenza con Tremonti Ter Es. cartucce toner) Non rilevano i disinvestimenti A differenza della Tremonti Bis non vi è un richiamo alle regole generali del D.L. 357/94 Deve trattarsi di investimenti di valore unitario non inferiore a Deve trattarsi di investimenti destinati a strutture produttive ubicate nello Stato

44 DEFINIZIONE: macchinari e apparecchiature che intervengono meccanicamente o termicamente sui materiali o sui processi di produzione Ma attenzione: non deve trattarsi di beni indicati in altra divisione Esempio saldatore elettrico : codice ASCENSORI, MONTACARICHI, SCALE MOBILI La Circ. 44/09 (2.3) ammette la detassazione di beni destinati ad impianti già esistenti L acquisto di un bene complesso non compreso tra quelli agevolabili (es. immobile) permette comunque la detassazione limitatamente al costo dei beni ivi inseriti appartenenti alla divisione 28 (circ. 44 Par. 2.3) Taluni beni per essere installati necessitano opere accessorie. Esempio forni necessitano basamento di cemento, pertanto sarà detassabile il costo complessivo comprese le opere accessorie Circ. 44/09 : sono compresi anche beni esclusi dalla divisione 28 purché necessari al bene complesso inserito nella div. 28 ( es. computer connessi con macchinari)

45 VALORE DELL INVESTIMENTO CIRCOLARE 90/2011: regole art. 110 tuir sono compresi obbligatoriamente gli oneri accessori di diretta imputazione sono compresi facoltativamente gli oneri capitalizzati Nel caso di permuta il costo del bene è pari al costo di acquisizione del bene ceduto più eventuale conguaglio in denaro Contributi in conto impianti (Circ. 44/2009): il bene va nettizzato Se il contributo è concesso dopo acquisto occorre rifare il calcolo dell agevolazione e della media. Attenzione alle concessioni o revoche dopo l inizio dell utilizzo del credito d imposta Iva indetraibile oggettivamente e soggettivamente da pro rata totale: il costo del bene viene aumentato Iva parzialmente indetraibile da pro- rata: il costo del bene non va aumentato (contro Assonime 30/02)

46 MEDIA OMOGENEA Investimenti in beni nuovi, categoria 28, > Media del quinquennio con medesimi parametri MEDIA MOBILE INVESTIMENTI 2014 INVESTIMENTI 2015 MEDIA MEDIA

47 MEDIA VARIABILE POSSO SCEGLIERE 2 METODI DI CALCOLO (esempio riferito a soggetto già esistente al 2009) Senza esercizio della facoltà di escludere l anno maggiore Investimenti 2009 Investimenti 2010 Investimenti 2011 Investimenti 2012 Investimenti Con esercizio della facoltà di escludere l anno maggiore Investimenti 2009 Investimenti 2010 Investimenti 2011 Investimenti 2012 Investimenti Se in un anno non ho investimenti (quindi pari a zero), il denominatore si riduce

48 SOGGETTI «NUOVI» IL CALCOLO DELLA MEDIA SI ADEGUA Soggetto costituito nel 2011 Rimane facoltà esclusione Soggetto costituito nel 2013 Investimenti 2011 Investimenti 2012 Può fare la media, ma escludendo l anno agevola tutto Soggetto costituito nel 2014 Di fatto agevola tutto l investimento effettuato 3 Investimenti 2013 Investimenti Non può fare alcuna media

49 TREMONTI QUATER CARATTERISTICHE DEL CREDITO DI IMPOSTA 1) Credito d imposta non concorre alla formazione del reddito 2) Va utilizzato in compensazione orizzontale a partire dal secondo periodo successivo all investimento e diviso in tre quote annuali di pari importo, quindi investimento 2014 > utilizzo inizia dal ) Contabilizzato in voce A5 (Circ. IRDC 15/03) e quindi rileva ai fini MOL e ROL 4) Contabilizzazione per competenza, quindi per intero nell anno investimento e poi riscontato in base al periodo di ammortamento 5) Non dovrebbe esservi il limite dell imposta di competenza

50 TREMONTI QUATER REVOCA AGEVOLAZIONE Cessione del bene prima del secondo periodo d imposta successivo all acquisto riferimento a periodo d imposta non ad anno solare Dal momento che il credito d imposta è utilizzabile solo dal 2016, una eventuale cessione del bene entro il 2015 non provoca problemi fiscali in quanto la revoca scatta prima che il credito sia stato utilizzato in compensazione. Unico effetto lo storno del provento dal conto economico Situazione diversa per il trasferimento all estero perché il monitoraggio in questo caso è di 5 anni Esempio bene acquistato il 1 luglio 2014 può essere ceduto solo a partire dal 1 gennaio 2016

51 TREMONTI QUATER Cessione del bene prima del secondo periodo d imposta successivo all acquisto Cessione del contratto di leasing entro stesso lasso temporale REVOCA AGEVOLAZIONE Mancato opzione per il riscatto bene in leasing entro stesso lasso temporale revoca per trasferimento al di fuori dello Stato: Periodo di sorveglianza è il decorso del periodo per accertamento, ossia entro il 4 anno successivo all acquisto Destinazione a finalità estranee esercizio d impresa Trasferimento del bene in strutture collocate al di fuori dello Stato, anche di proprietà dell acquirente

52 POTENZIAMENTO DELL ACE

53 ECCEDENZA ACE COME CREDITO DI IMPOSTA IRAP ECCEDENZE DI RENDIMENTO Non assorbite dal reddito Utilizzabile, in alternativa, come credito imposta CARATTERISTICHE Utilizzabile in 5 quote annuali di pari importo A diminuzione dell IRAP dovuta in ciascun esercizio Determinato con applicazione delle aliquote II.DD. proprie di ciascun soggetto

54 POTENZIAMENTO DELL ACE UN ESEMPIO SNC presenta Rendimento nozionale non utilizzato per in Unico 2015, reddito ) Determinazione credito d imposta > ) Utilizzo dal 2015 per all anno SRL uguale procedura, ma il credito è pari a x 27,5% = 13750

55 REVISIONE RENDITE FINANZIARIE DAL

56 DL 66 REVISIONE RENDITE FINANZIARIE DIVIDENDI RIVALUTIAMO LA CONVENIENZA ALLO «SPACCHETTAMENTO»

57 DL 66 REVISIONE RENDITE FINANZIARIE DIVIDENDI: QUALE CRITERIO PER PERIODO TRANSITORIO? 01/07/2014 DELIBERA PAGAMENTO 26% 01/07/2014 DELIBERA 20% PAGAMENTO DELIBERA PAGAMENTO 01/07/2014 PAGAMENTO 20% 26%

58 DL 66 REVISIONE RENDITE FINANZIARIE CAPITAL GAINS RIVALUTIAMO LA CONVENIENZA ALLO «SPACCHETTAMENTO»

59 DL 66 REVISIONE RENDITE FINANZIARIE CAPITAL GAINS: QUALE CRITERIO PER PERIODO TRANSITORIO? INCASSO 01/07/2014 ATTO 26% ATTO 01/07/2014 PAGAMENTO 20% ATTO PAGAMENTO 01/07/2014 PAGAMENTO 20%

60 AGEVOLAZIONI RELATIVE AGLI IMMOBILI

61 DL 133 (non ancora convertito) - IMMOBILI Bonus per acquisto costruzione di immobili da locare Periodo di rilevanza 01/01/ /12/2017 Persone fisiche private Acquisto unità abitative nuove o ristrutturate e cedute da chi realizza intervento Servizi per appalto di costruzione di fabbricato su suolo già posseduto o già edificabile Immobile residenziale non di lusso (NO A1, A8, A9) Non realizzato su aree ad uso agricolo Classe energetica A o B Destinato entro 6 mesi alla locazione (agevolata) per almeno 8 anni (no parenti) AGEVOLAZIONE: Deduzione 20% prezzo acquisto o costo costruzione (max TOTALI) Da ripartire in 8 quote annuali costanti Non cumulabile con altre agevolazioni per le medesime spese

62 DL 133 (non convertito) - IMMOBILI Accordi di «sola» riduzione del canone di locazione Si registra l accordo in esenzione da BOLLO e REGISTRO Contratti di godimento alienazione e tutela civilistica Contratti con immediato godimento dell immobile + diritto di acquisto entro una certa data con scomputo delle rate pagate a titolo di locazione Si applicano le regole in tema di tutela per il preliminare registrato (2645 c.c.) per un massimo di 10 anni Mancato pagamento di canoni per almeno 1/20 del n complessivo degli stessi, il contratto si risolve

63 DL 133 (non convertito) - IMMOBILI RIDEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI E RICADUTE IVA ARTICOLO 3 DPR 380 / % ex lege 488/ % ex DPR 633/ Manutenzione ordinaria 2. Manutenzione straordinaria 3. Restauro e risanamento conservativo 4. Ristrutturazione edilizia 5. Ristrutturazione urbanistica

64 DL 133 (non convertito) - IMMOBILI RIDEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI E RICADUTE IVA ARTICOLO 3 DPR 380 / % ex lege 488/ % ex DPR 633/ Manutenzione ordinaria 2. Manutenzione straordinaria 3. Restauro e risanamento conservativo 4. Ristrutturazione edilizia 5. Ristrutturazione urbanistica Alcuni interventi passano nelle manutenzioni

65 DL 133 (non convertito) - IMMOBILI RIDEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI E RICADUTE IVA LE DIFFERENZE TRA LE DUE AGEVOLAZIONI 1) TIPOLOGIA DI FABBRICATO (abitativo o diverso) 2) PRESTAZIONI DI SERVIZI E CESSIONI DI BENI 3) RAPPORTI TRA IMPRESE (SUBAPPALTI)

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli