Una nuova struttura di riabilitazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una nuova struttura di riabilitazione"

Transcript

1 R T S l impianto del mese Una nuova struttura di riabilitazione Il sistema di supervisione computerizzato, la prevenzione della legionella con dosaggio di biossido di cloro, il recupero del calore di condensazione dei gruppi frigoriferi sono alcune delle caratteristiche più rilevanti della nuova clinica di riabilitazione della Fondazione Maugeri a Milano. di Giorgio Molteni, Eleca s.p.a. Il nuovo Istituto Clinico di Riabilitazione della Fondazione Maugeri a Milano è stato realizzato in via Camaldoli a breve distanza dall uscita Paullo della tangenziale est. Il progetto originario prevedeva la costruzione di due Residenze Sanitarie Assistenziali (R.S.A.) di 120 posti letto ciascuna. Tuttavia in corso d opera il committente ha deciso di modificare la destinazione d uso per trasformarle in un unica clinica di riabilitazione cardiologica e neurologica. La capacità totale della struttura è attualmente di circa 200 posti letto. Il complesso, costituito da due edifici adiacenti e dalle relative parti comuni, è inserito in una vasta area verde in parte destinata a parcheggi per gli utenti (figura 1). Al piano interrato sono stati realizzati i depositi, le camere mortuarie, gli spogliatoi del personale e l autorimessa per i dipendenti. Al piano terra sono posizionati l accettazione, gli ambulatori, la cappella di culto, le palestre di riabilitazione, un reparto di degenza. Le aree destinate ad accogliere il bar-mensa e la radiologia, previste al 46

2 prevedeva la realizzazione di due R.S.A. adiacenti, e le esigenze economiche e distributive hanno portato a suddividere gli impianti di e condizionamento in due parti, delle quali una a servizio dell edificio 1 e delle parti comuni, l altra dell edificio 2. Le condizioni termoigrometriche di progetto sono elencate nella tabella 1. piano terra, sono state lasciate al rustico e la progettazione esecutiva, nonché le opere, saranno eseguite in futuro. Gli uffici sono situati al piano primo, insieme a due reparti di degenza. Al piano secondo troviamo infine altri due reparti di ricovero. La superficie lorda di pavimento del complesso degli edifici è di circa m 2 e il volume di circa m 3. Gli impianti meccanici realizzati presso l Istituto Clinico in oggetto sono i seguenti: 1 Il complesso della nuova clinica di Milano è costituito da due edifici adiacenti e dalle relative parti comuni. Impianto di e condizionamento. Impianto idrico sanitario. Impianto antincendio ad idranti. Impianto gas medicinali. I primi due impianti sono gestiti da un sistema di regolazione centralizzato, mentre gli ultimi inviano ad esso solo gli allarmi. La progettazione è stata eseguita in base alle normative vigenti e al progetto concordato con i Vigili del Fuoco. L impronta progettuale originaria, che Le centrali termiche Per ciascuna delle due parti sopra citate è stata realizzata una centrale termica posta sulla copertura del rispettivo edificio e destinata alla produzione di acqua calda per e per uso igienico sanitario. Per l edificio 1 e le parti comuni sono state installate due caldaie aventi ciascuna una potenza termica al focolare di 696 kw, mentre per l edificio 2 sono stati previsti due generatori con potenza termica al focolare di 406 kw. Le caldaie funzionano in cascata e sono dotate di bruciatori bistadio alimentati a gas metano. All interno di ogni centrale termica sono state installate le elettropompe e le val- Tab. 1 condizioni di progetto. Condizioni termoigrometriche esterne Temperatura (Tbs) Umidità relativa(u.r.) Estate 32 C 50% Inverno -5 C 80% Condizioni termoigrometriche interne Estate Inverno Temperatura U.R. Temperatura U.R. Camere di degenza, palestre, ambulatori, 26 C ± 1 C 50% ± 5% 22 C ± 1 C 50% ± 5% cappella di culto, accettazione, reception Uffici 26 C ± 1 C 50% ± 5% 20 C ± 1 C 50% ± 5% Camera mortuaria 18 C ± 1 C 60% ± 5% 18 C ± 1 C 60% ± 5% Spogliatoi Non controllata Non controllata 22 C ± 1 C Non controllata Depositi Non controllata Non controllata 20 C ± 1 C Non controllata 47

3 2 Sulla copertura di ciascuno degli edifici 1 e 2 è stata installata una centrale frigorifera, costituita essenzialmente da un gruppo frigorifero con il condensatore raffreddato ad aria e dotato di recuperatore parziale di calore. qua calda sanitaria nelle concentrazioni previste dalle leggi vigenti. Al medesimo scopo sono stati installati dei debatterizzatori a raggi UV sull alimentazione degli impianti di umidificazione ad acqua nebulizzata delle UTA delle degenze. vole di spillamento che alimentano i vari circuiti di distribuzione dell acqua calda e un sistema di rilevazione delle fughe di gas metano. L acqua calda per gli impianti idrico sanitari è prodotta mediante una coppia di scambiatori di calore a piastre in acciaio inox, accoppiati a due serbatoi di accumulo. Per l edificio 1 e le parti comuni ogni scambiatore garantisce una potenza di 225 kw e i due serbatoi hanno ognuno capacità di litri. Per l edificio 2, invece, i due scambiatori hanno ognuno una potenzialità di 140 kw e i due serbatoi una capacità di litri. Gli scambiatori di calore di ogni centrale sono alimentati con l acqua calda proveniente da una delle caldaie che è tenuta in funzione tutto l anno. I due serbatoi di accumulo dell acqua calda sanitaria possono funzionare in parallelo o in serie per garantire la continuità di servizio anche durante le operazioni di manutenzione. L acqua calda sanitaria è accumulata alla temperatura di 60 C all interno dei serbatoi e inviata alle utenze a 45 C dopo essere stata miscelata con acqua fredda sanitaria. Il circuito di carico dell impianto di e condizionamento di ciascuno dei due edifici è dotato di disconnettore, addolcitore e di un sistema automatico di dosaggio di additivi antincrostanti. Sull alimentazione dell impianto di produzione dell acqua calda sanitaria di ogni edificio sono installati un addolcitore, con dispositivo di disinfezione delle resine alimentari, e due pompe dosatrici di additivi (una per il biossido di cloro e l altra per gli antincrostanti). Particolare attenzione è stata rivolta alla prevenzione della formazione della legionella negli impianti di questa clinica di ricovero di pazienti potenzialmente immunodepressi. Oltre all accumulo dell acqua a 60 C nei bollitori, si è ricorsi al dosaggio di additivi chimici (biossido di cloro) sull alimentazione dell impianto dell ac- Le centrali frigorifere Sulla copertura di ciascuno degli edifici 1 e 2 è stata installata una centrale frigorifera, costituita essenzialmente da un gruppo frigorifero con il condensatore raffreddato ad aria e dotato di recuperatore parziale di calore (figura 2). Il calore di condensazione è infatti parzialmente recuperato e, attraverso un apposito circuito, utilizzato per alimentare la batteria di post della UTA nella stagione estiva. La potenza frigorifera dei gruppi refrigeratori d acqua installati è di 459 kw per l edificio 1 e le parti comuni e di 342 kw per l edificio 2. Essi sono dotati di compressori a vite, controllo di condensazione e sono stati posti sulla copertura degli edifici più alti per ridurre al minimo il disturbo sonoro da loro prodotto. Le centrali di trattamento aria L aria necessaria a garantire il ricambio in ambiente e il controllo dell umidità relativa dei due edifici di degenza è trattata da due UTA (una per l edificio 1 e l altra per il 2) posizionate nelle apposite centrali in copertura. Le unità di trattamento aria sono del tipo a tutt aria esterna, che viene filtrata, preriscaldata, umidificata e postriscaldata nel periodo invernale oppure filtrata, 48

4 raffreddata, deumidificata e postriscaldata in quello estivo prima di essere inviata in ambiente. L assenza di aria ricircolata impedisce la propagazione di aria eventualmente contaminata all interno degli edifici. Ogni UTA è del tipo a sezioni di mandata e di espulsione sovrapposte ed è dotata di recuperatore di calore a flusso incrociato con filtro pieghettato sulla presa aria esterna e di batterie di scambio termico ad acqua calda e refrigerata. A valle del ventilatore di mandata e prima e dopo quello di ripresa sono stati inseriti opportuni silenziatori a setti fonoassorbenti. L impianto di umidificazione è del tipo ad acqua nebulizzata con aria compressa. Questa viene prodotta da un compressore, accumulata in un serbatoio, filtrata e deumidificata mediante un essiccatore frigorifero. La centralina di umidificazione provvede a regolare le quantità di acqua addolcita e di aria compressa da inviare ai nebulizzatori inseriti nella sezione di umidificazione della UTA. Questo tipo di impianto di umidificazione ha un efficienza più elevata rispetto a quelli tradizionali con pacco a perdere e presenta un minor costo di esercizio rispetto agli umidificatori a vapore elettrici per portate d acqua elevate. Camere di degenza e ambulatori Le camere di degenza, gli ambulatori ed i locali accessori degli edifici 1 e 2 sono dotati di un impianto di condizionamento del tipo a fan coil a quattro tubi con aria primaria. Questo impianto consente di mantenere, in ogni periodo dell anno e con qualsiasi esposizione, le condizioni termoigrometriche di progetto. I ventilconvettori a servizio delle camere e degli ambulatori sono del tipo orizzontale canalizzato. Questi sono installati nel controsoffitto e sono collegati I PROTAGONISTI DELL IMPIANTO Progetto architettonico e direzione lavori: AR Studio Building G.M., Milano Progetto impianti meccanici ed elettrici: Eleca S.p.A., Cantù Progetto impianti gas medicinali: SOL S.p.A., Monza Supervisione incaricata dal Cliente: Panacea S.p.A., Milano Realizzazione opere edili, impianti meccanici ed elettrici: Eleca S.p.A., Cantù Realizzazione impianti gas medicinali: SOL S.p.A., Monza I principali fornitori Sistema di regolazione e supervisione: Sauter Gruppi frigoriferi: Aermec Caldaie e bruciatori: Blowtherm Unità di trattamento aria: Covenco, Sabiana Elettropompe e gruppo di pompaggio antincendio: Salmson Apparecchiature di trattamento acqua: Euroacque Impianto autoclave e preautoclave: Idroelettrica Umidificatori d aria: Carel Ventilconvettori: Sabiana Serbatoi di accumulo e scambiatori a piastre: Pacetti Bocchette, diffusori, serrande di regolazione e tagliafuoco: Tecnoventil Quadri elettrici: Eleca. con opportuni plenum ai diffusori di mandata e alle bocchette di ripresa portafiltro. I fan coil dei corridoi sono del tipo a cassetta da incasso nel controsoffitto oppure a pavimento. Nella sala riunioni, nel locale culto e in ognuna delle sale pranzo e delle palestre di piano sono stati installati due grossi fan coil verticali canalizzati e dotati di silenziatori su mandata e ripresa. Nella scelta della tipologia dei ventilconvettori si è tenuto presente l esigenza di limitare gli ingombri a pavimento che creano sporgenze nei corridoi e nelle camere. Queste situazioni possono infatti costituire ostacolo o inciampo ai pazienti. Particolare cura è stata prestata al problema del rumore, dimensionando i fan coil in modo che, a regime, siano spenti o funzionino alla minima velocità e rientrino pertanto nei limiti di pressione sonora previsti dalle normative vigenti. Il sistema di regolazione centralizzato agisce infatti sia sulle due elettrovalvole del singolo fan coil e sia, con opportuni tempi di ritardo impostati, sulle velocità del ventilatore. Le velocità medie e massima dei ventilconvettori possono tuttavia essere necessarie per far fronte a condizioni occasionali, come temperature esterne e/o interne al di sopra dei valori di progetto, o a condizioni transitorie, come la rimessa a regime dopo l apertura delle finestre per allontanare i cattivi odori. Il cambio di velocità e la temperatura di ogni ambiente, dove sono installati i fan coil, sono gestiti in modo automatico dal sistema di supervisione. Per ognuno di questi locali inoltre la sonda di temperatura ambiente è dotata di un potenziometro regolabile dall utente che, collegato al sistema di supervisione, consente di variare la temperatura di ±2 C rispetto al set point. Per i bagni delle camere è stato realizzato un impianto di con scaldasalviette in acciaio dotati di valvola termostatica, mentre nei servizi igienici collettivi sono stati previsti radiatori in ghisa sempre con controllo termostatico. L aria primaria trattata dalle UTA è distribuita e ripresa tramite una rete di canali sui quali sono installate serrande di regolazione, per tarare le portate dei diversi rami, e serrande tagliafuoco motorizzate per garantire la compartimentazione antincendio. 49

5 Nelle camere, negli ambulatori, nelle tisanerie, nelle sale attesa e nei locali medici i condotti di mandata dell aria primaria sono collegati tramite una tubazione flessibile isolata ai plenum dei ventilconvettori a soffitto. Nei corridoi, nelle sale pranzo e nelle palestre di piano invece l aria è immessa in ambiente direttamente attraverso diffusori a doppio filare di alette regolabili singolarmente ovvero mediante anemostati. L aria viene aspirata dall ambiente dalle bocchette di ripresa poste nelle sale pranzo, nelle palestre di piano, nei locali deposito e dalle valvole di ventilazione dei bagni. Il transito dell aria da un locale all altro è realizzato tramite griglie di transito di tipo normale installate sulle porte, di tipo REI poste a parete oppure attraverso la porta sollevata di circa due centimetri dal pavimento. Uffici e accettazione Anche gli impianti di condizionamento degli uffici e dell accettazione delle parti comuni sono del tipo a fan coil a quattro tubi con aria primaria. I ventilconvettori sono del tipo orizzontale canalizzato o verticale a parete. Essi sono gestiti dallo stesso sistema di controllo e con gli stessi dispositivi già descritti per le zone di degenza. L utilizzo discontinuo della zona uffici e accettazione ha spinto a prevedere due piccole UTA dedicate per il trattamento dell aria primaria, installate nei controsoffitti delle zone bagno e dotate di batterie di scambio ad acqua refrigerata ed ad acqua calda. Sul canale di mandata di ciascuna UTA è installato un silenziatore a setti fonoassorbenti e, a valle di questo, la lancia di umidificazione collegata ad un umidificatore a vapore ad Impianto gas medicinali L impianto gas medicinali è stato progettato, realizzato, collaudato e certificato in base alle normative vigenti ed è costituito dall impianto ossigeno e da quello di aspirazione endocavitaria ( vuoto ). Le centrali sono esterne, a una distanza prestabilita dagli edifici e dotate, nella direzione di quest ultimi, di un muro di protezione in cemento armato. All interno della centrale ossigeno, permanentemente aerata, si trovano tre attacchi, con i pressostati e i riduttori di pressione di primo stadio, che costituiscono la prima, la seconda e la terza fonte a cui collegare i pacchi bombole. All interno della centrale di aspirazione endocavitaria sono contenuti invece i filtri, il serbatoio polmone, i pressostati e le tre pompe del vuoto. Gli anelli di distribuzione dell ossigeno e del vuoto, realizzati con tubi in rame, partono subito a valle delle centrali, percorrono un cunicolo interrato ispezionabile ed aerato e si distribuiscono orizzontalmente a vista sulla copertura piana degli edifici. Le quarte fonti degli impianti ossigeno e vuoto sono poste nelle immediate vicinanze dei fabbricati in corrispondenza delle tubazioni montanti e a valle del cunicolo interrato. Dall anello in copertura, in corrispondenza dei filtri fumo delle scale degli edifici 1 e 2, si staccano quattro colonne chiuse ad anello e da queste, ad ogni piano, le diramazioni intercettabili che vanno a servire ogni singolo compartimento antincendio. All interno di ogni compartimento è installata, in posizione visibile, la cassetta di reparto contenente le valvole di chiusura, i pressostati di allarme, gli attacchi di emergenza e, per il solo ossigeno, il riduttore di pressione di secondo stadio. La distribuzione a valle è ramificata fino alle prese installate in cassette poste a parete. Un sistema di quadri di allarme riporta nei locali presidiati gli allarmi di alta e bassa pressione dei gas medicinali. elettrodi immersi. Un apposito ventilatore di estrazione canalizzato provvede all espulsione dell aria ambiente. La rete di canali in lamiera zincata, dotata di serrande di regolazione e tagliafuoco, collega le UTA e il ventilatore ai terminali di mandata e ripresa ambiente. Le palestre di riabilitazione L impianto di condizionamento di ciascuna delle due palestre di riabilitazione (figura 3) delle parti comuni al piano terra è del tipo a tutt aria a parziale ricircolo. Come per gli uffici e l accettazione, l uso discontinuo di questi ambienti ha portato alla realizzazione di due impianti ciascuno con una sua UTA. I fluidi termovettori utilizzati sono quelli prodotti dalle centrali termica e frigorifera poste sulla copertura dell edificio 1. Le unità di trattamento aria sono poste entrambe sulla copertura delle parti comuni e sono composte da una sezione di miscela, da una doppia sezione filtrante (pieghettato + tasche rigide), dalle batterie di scambio (calda e fredda) e da una sezione di umidificazione a vapore abbinata ad un umidificatore ad elettrodi immersi. Sui canali di mandata e ripresa di ciascuna UTA sono installati opportuni silenziatori a setti fonoassorbenti per ridurre il rumore prodotto dai ventilatori. I canali di distribuzione dell aria collegano le UTA ai terminali di mandata e ripresa. L aria ambiente in eccedenza viene allontanata attraverso griglie di sovrappressione canalizzate verso l esterno. Le camere mortuarie L uso discontinuo, le condizioni termoigrometiche particolari da mantenere con affidabilità nei periodi di funzionamento (temperatura di 18 C con 60% di umidità relativa e un ricambio d aria di 15 vol/h) hanno determinato l installazione di un impianto di condizionamento a tutt aria esterna dedicato per le 50

6 camere mortuarie. L acqua refrigerata è prodotta da un gruppo frigorifero autonomo con potenza frigorifera di 48 kw posto sulla copertura delle parti comuni. In caso di avaria del gruppo l acqua refrigerata può essere derivata dall impianto centralizzato, tramite l inversione di quattro valvole, garantendo così l affidabilità del sistema di raffreddamento delle camere mortuarie. L acqua calda è invece prodotta dalle due caldaie della centrale termica dell edificio 1. L unità di trattamento aria è del tipo a sezioni di mandata e di espulsione sovrapposte ed è dotata di recuperatore di calore a flusso incrociato, con filtro pieghettato sulla presa aria esterna, e di batterie di scambio termico ad acqua calda e refrigerata. La sezione di umidificazione è accoppiata ad un umidificatore a vapore ad elettrodi immersi. A valle del ventilatore di mandata ed a monte di quello di ripresa sono stati inseriti appositi silenziatori. La rete di distribuzione e ripresa dell aria è di tipo tradizionale con canali in lamiera zincata, serrande, diffusori e bocchette di ripresa. Spogliatoi e depositi Gli spogliatoi ed i depositi del piano interrato sono riscaldati con un impianto a radiatori in ghisa dotati di valvola termostatica. In ogni locale spogliatoio è installata un unità termoventilante canalizzata a tutt aria esterna che garantisce il ricambio d aria necessario. Un impianto di estrazione d aria forzata allontana l aria viziata dagli spogliatoi e dai bagni annessi. L impianto idrico sanitario La centrale idrica (figura 4) è unica per tutto il complesso di edifici ed è posta al piano interrato. Al suo interno sono installate le seguenti apparecchiature: Un filtro autopulente semiautomatico. 3 L impianto di condizionamento di ciascuna delle due palestre di riabilitazione delle parti comuni al piano terra è del tipo a tutt aria a parziale ricircolo. Un serbatoio preautoclave verticale di capacità litri. Un gruppo di pompaggio costituito da due elettropompe. Un compressore per creare il cuscino d aria nei serbatoi autoclave e preautoclave. Un serbatoio autoclave orizzontale di capacità litri. Una valvola stabilizzatrice della pressione dell acqua. La centrale è stata realizzata in base alle indicazioni del regolamento di acquedotto del Comune di Milano. La valvola stabilizzatrice della pressione dell acqua è stata inserita a valle dell autoclave per eliminare, nelle reti di distribuzione, il differenziale di pressione sul quale lavora l autoclave. Una tubazione di bypass dell impianto autoclave e preautoclave, dotata di valvola di intercettazione e ritegno, permette di eseguire le operazioni di manutenzione senza interrompere il servizio. Le reti dell impianto idrico sa- nitario sono costituite dalla linea della acqua fredda, da quella della acqua calda e da quella di ricircolo. Quest ultima garantisce la disponibilità dell acqua calda ai miscelatori in breve tempo. La rete di scarico delle acque nere interna all edificio è stata realizzata con tubazioni in polipropilene ad innesto. I reflui dei piani fuori terra sono convogliati all esterno degli edifici per gravità, mentre quelli del piano interrato sono sopraelevati da pompe sommerse inserite nelle vasche di accumulo. E da sottolineare che i bagni delle camere di degenza sono interamente prefabbricati sia nella parte edilizia che in quella idraulica. L utilizzo di questa tecnologia di prefabbricazione, resa economicamente sostenibile dall elevato numero di bagni uguali, ha consentito un notevole risparmio in termini di tempo di esecuzione. Gli altri bagni, di dimensioni e forme diverse, sono stati invece realizzati in opera con tecniche tradizionali. 51

7 L impianto antincendio L impianto antincendio ad idranti è unico per tutto il complesso di edifici e si compone di una centrale di pompaggio con vasca antincendio e della rete di distribuzione. La centrale di pompaggio e la vasca antincendio sono interrate nel giardino e collegate con una tubazione al contatore dell acquedotto. Il riempimento della vasca antincendio è effettuato tramite due valvole con comando pneumatico. La vasca antincendio è realizzata in cemento armato ed ha una capacità utile di circa 48,9 m 3. Essa è dotata di prese d aria, di scarico di troppo pieno, di galleggianti di allarme di minimo e massimo livello e di tutte le tubazioni di collegamento con la centrale di pompaggio adiacente. All interno di quest ultima è installato un gruppo di pompaggio antincendio costituito da due elettropompe principali e una pilota. La portata di ogni pompa principale è di 720 l/min con una prevalenza di circa 72 m.c.a. ed è stata dimensionata considerando in funzione contemporaneamente sei idranti UNI 45 suddivisi su due colonne. La portata d acqua dell idrante più sfavorito deve essere di 120 l/min con una pressione 4 La centrale idrica è unica per tutto il complesso di edifici ed è posta al piano interrato. Il sistema di supervisione Il sistema di supervisione centralizzato è di tipo digitale computerizzato. Esso è costituito da sensori e attuatori che inviano e ricevono segnali da regolatori digitali programmabili posti vicino alle apparecchiature da gestire. Un bus di comunicazione collega tutti i regolatori al sistema di supervisione. In ciascuna delle due centrali di controllo è installato un computer che permette di visualizzare allarmi e condizioni di funzionamento, variare i set point e anche la programmazione della regolazione. L accesso al programma di supervisione è protetto con diverse password gerarchiche. E possibile stampare ogni singolo allarme e anche il loro riepilogo cronologico, nonché il trend di qualsiasi parametro controllato. Il sistema è dotato anche di un modem che, in caso di allarme, allerta con messaggi vocali telefonici i manutentori designati. Esso consente dunque di ottimizzare il funzionamento degli impianti, controllarli tutti da una postazione fissa e di intervenire in caso di allarme in modo tempestivo. dinamica minima di 2 bar. All interno della centrale sono stati realizzati i circuiti di bypass (per una eventuale manutenzione della vasca), di prova e di ricircolo del gruppo di pompaggio. L alimentazione elettrica delle elettropompe del gruppo antincendio è derivata dalla rete e, in mancanza di questa, dal gruppo elettrogeno posto nel giardino nelle immediate vicinanze della centrale stessa. In base al progetto approvato dai VV.FF. è stato realizzato un impianto antincendio ad idranti UNI 45 per la sola protezione interna degli edifici. La distribuzione prevede un anello posto al piano interrato del fabbricato da cui si staccano i montanti che servono gli edifici 1 e 2 e le parti comuni. L anello è collegato alla centrale antincendio e ai due attacchi autopompa VV.F. situati in prossimità dei due cancelli di accesso dell Istituto Clinico. I tratti di tubazione soggetti al pericolo di gelo sono coibentati e tracciati con cavo scaldante autoregolante comandato da termostato. Le cassette idranti UNI 45 sono state incassate nel muro nei reparti di degenza per non costituire ostacolo alla deambulazione dei pazienti. 52

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

IL PROGETTO DI RICONVERSIONE ED

IL PROGETTO DI RICONVERSIONE ED LI IMPIANTI PER LA SANITA climatizzazione l impianto del mese f di Luca Stefanutti RIQUALIFICAZIONE OSPEDALIERA UN NUOVO POLO RIABILITATIVO IL PROGETTO DI RICONVERSIONE ED ADEGUAMENTO DELL OSPEDALE DI

Dettagli

BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3

BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3 BASI DI CALCOLO Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3 Zona Climatica e gradi giorno GG E 2861 GG Altitudine s.l.m. 226 mt. Latitudine Nord 45

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A.

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO, VENTILAZIONE E CONDIZIONAMENTO DELL'ARIA Milano, 10 luglio

Dettagli

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Sommario PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Tipologie d impianto... 4 1 - Impianto riscaldamento a pannelli

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

ELEVATI LIVELLI DI COMFORT ED

ELEVATI LIVELLI DI COMFORT ED f di Luca Stefanutti TORRE PER UFFICI ELEVATI LIVELLI DI COMFORT ED INTEGRAZIONE CON UN IMPEGNATIVO INVOLUCRO EDILIZIO CON AMPIE SUPERFICI VETRATE: SONO STATE QUESTE LE SFIDE DA SUPERARE NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method

Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method PREMESSA Gli impianti termo-meccanici in oggetto sono relativi alla manutenzione del REPARTO DI NEURO RADIOLOGIA dell

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

Condensazione e anello d acqua per un centro commerciale. impianto. 40 RCI n.1/2008

Condensazione e anello d acqua per un centro commerciale. impianto. 40 RCI n.1/2008 RTS impianto Condensazione e anello d acqua per un centro commerciale Caldaie a condensazione con bruciatori modulanti e pompe di calore ad anello d acqua caratterizzano la dotazione impiantistica di un

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 64 DEL 10 DICEMBRE 2007 ALLEGATO A DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 64 DEL 10 DICEMBRE 2007 ALLEGATO A DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI ALLEGATO A DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI 1. PREMESSA Si riporta di seguito una descrizione sommaria dei principali impianti tecnologici e componenti presenti nell edificio sede del Consiglio Regionale

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto.

Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto. UNITÀ TERMINALI Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto. Le unità terminali si suddividono in: Unità a prevalente

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Potenza per ambiente Dal calcolo del Cd e delle dispersioni invernali si ottiene la potenza necessaria all edificio (W) Q t = Q d + Q v Che deve essere nota anche per ogni singolo

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 1 Indice 1. Generalità 4 1.1 Descrizione della macchina e componenti principali 4 1.2 Descrizione del funzionamento 5 2. Caratteristiche tecniche 6 2.1 Caratteristiche

Dettagli

IMPIANTI PER LA SALUTE

IMPIANTI PER LA SALUTE f di Luca Stefanutti UNA CASA DI CURA A MILANO ELEVATI STANDARD DI QUALITÀ E DI PRESTAZIONI E CONCENTRAZIONE DELLE CENTRALI TECNICHE IN SPAZI RIDOTTI: SONO QUESTE LE CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI

Dettagli

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. SCELTE PROGETTUALI... 6 4. CALDAIA... Errore. Il segnalibro non è definito. 5. SOLARE TERMICO... Errore. Il segnalibro non è definito. 6. RADIATORI...

Dettagli

Il restauro della Mole Vanvitelliana di Ancona

Il restauro della Mole Vanvitelliana di Ancona R T S CLIMATIZZAZONE REALIZZAZIONI Il restauro della Mole Vanvitelliana di Ancona L interessante impianto progettato per la climatizzazione della restaurata Mole Vanvitelliana di Ancona prevede l utilizzo

Dettagli

Corso di Energetica degli Edifici Sistemi di ventilazione

Corso di Energetica degli Edifici Sistemi di ventilazione Corso di Energetica degli Edifici Sistemi di ventilazione Docenti: Prof. Marco Dell Isola Ing. Fernanda Carmen Fuoco Ventilazione degli ambienti interni Possibilità per ricambiare l aria Possibilità per

Dettagli

Non hai spazio???? Per lei basta!

Non hai spazio???? Per lei basta! Non hai spazio???? Per lei basta! Lo spessore del fancoil abbinato alla potenza della UTA Venus Clima S.n.c. Via Marradi 47/49 59100 Prato ( PO ) Tel. 0574690793 Fax. 0574/695210 PAGINA 1 DI 8 CARATTERISTICHE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

INDICE. Caratteristiche tecniche 1 Opzioni modulo idraulico 2 Versioni Accessorie 2 Accessori 3

INDICE. Caratteristiche tecniche 1 Opzioni modulo idraulico 2 Versioni Accessorie 2 Accessori 3 ALFA CF 4,9 65 kw Catalogo 202320A01 Emissione 09.03 Sostituisce 10.00 Refrigeratore d acqua ALFA CF Pompa di calore reversibile ALFA CF /HP Unità con serbatoio e pompa ALFA CF /ST Unità motocondensante

Dettagli

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Codice Sub Descrizione UNM Prezzo Sicurezza 13 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, DI CONDIZIONAMENTO, DI VENTILAZIONE 13.01 Prezzi a corpo di impianti

Dettagli

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI INDICE 1 OGGETTO 3 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER GLI IMPIANTI E I COMPONENTI 4 3 RIEPILOGO DEGLI IMPIANTI PREVISTI 8 4 DATI GENERALI 8 4.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO OGGETTO DELL INTERVENTO...8 5

Dettagli

UNITÀ TERMOVENTILANTI 3VB

UNITÀ TERMOVENTILANTI 3VB UNITÀ TERMOVENTILANTI 3VB TERMOVENTILAZIONE E UNITÀ TERMOVENTILANTI 3VB Un sistema moderno ed economico per il riscaldamento ambientale La termoventilazione consente il riscaldamento degli ambienti mediante

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA IT trattamento aria D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA trattamento aria ARIA! Benessere significa anche qualità dell aria: aria fresca, ricca di ossigeno, prelevata dall esterno, filtrata e

Dettagli

PROGETTO STUDIO ESERCITAZIONE PER L A.A. 2014-2015

PROGETTO STUDIO ESERCITAZIONE PER L A.A. 2014-2015 PROGETTO STUDIO ESERCITAZIONE PER L A.A. 2014-2015 Selezione del progetto Ogni gruppo (da 3 a 5 massimo) seleziona il progetto da utilizzare per la preparazione del progetto studio dell A.A: 2014-15 fra

Dettagli

COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO allegato alla determinazione n. 5057 del 28 luglio 2015 f.to Luigina Marchini CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Contabilizzazione, riscaldamento alta e bassa temperatura e produzione acqua calda sanitaria per impianti a condensazione

Contabilizzazione, riscaldamento alta e bassa temperatura e produzione acqua calda sanitaria per impianti a condensazione Contabilizzazione, riscaldamento alta e bassa temperatura e produzione acqua calda sanitaria per impianti a condensazione Dima con tubi di lavaggio Idraulica Modulo completo di portella DESCRIZIONE ESEMPIO

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

93-0514. Heat Pumps ready! HYBRID SYSTEM. sistema ibrido da incasso interno/esterno

93-0514. Heat Pumps ready! HYBRID SYSTEM. sistema ibrido da incasso interno/esterno 93-0514 Heat Pumps ready! HYBRID SYSTEM sistema ibrido da incasso interno/esterno ambiente efficienza energetica energia rinnovabile Hybrid System è l innovativa soluzione Sile per i moderni impianti di

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

soluzioni per trattamento aria

soluzioni per trattamento aria soluzioni per trattamento aria Riscaldamento e raffreddamento con macchine secondarie Fancoil Adatto per riscaldamento e/o raffreddamento nel sistema a 2 o 4 tubi, per montaggio a soffitto o pavimento.

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

SLI PLUS CARATTERISTICHE

SLI PLUS CARATTERISTICHE SLI Ventilconvettore ad incasso CARATTERISTICHE CLIMATIZZA, DEUMIDIFICA, RISCALDA E FILTRA SPESSORE DI soli,6 cm Gamma composta da 5 modelli di potenza: SLI 00, SLI 400, SLI 600, SLI 800, SLI 000 Versatilità

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

DIPARTIMENTO VI - OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI

DIPARTIMENTO VI - OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI Comune di Livorno DIPARTIMENTO VI - OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI PIANO DI RECUPERO QUARTIERE COREA CENTRO CIVICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO E IDRICO SANITARIO. Pagina 1 di 11 QUADRO

Dettagli

IL PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL

IL PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL f di Gianluigi Abbiati, Aster Associate Termoimpianti POLICLINICO DI SAN DONATO SALE OPERATORIE E POMPE DI CALORE IL PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL POLICLINICO DI SAN DONATO MILANESE RAPPRESENTA UN INTERESSANTE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI 1 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI Strutture sanitarie D.P.R. del 14 gennaio 1997: requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi che

Dettagli

VIA XXV APRILE SIRMIONE - BS.

VIA XXV APRILE SIRMIONE - BS. HOTEL VINCI VIA XXV APRILE SIRMIONE - BS. *************** RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRO-TERMO-SANITARI DESENZANO D/G, Ottobre 2014 RIF. PS 2148 1 Gli impianti idraulici previsti al servizio dell hotel

Dettagli

TERMOVENTILANTI EBH EDS INTEGRATED COMFORT SYSTEMS

TERMOVENTILANTI EBH EDS INTEGRATED COMFORT SYSTEMS IT TERMOVENTILANTI EBH EDS INTEGRATED COMFORT SYSTEMS EBH EDS TERMOVENTILANTI EBH EDS Le unità termoventilanti da incasso delle serie EBH - EDS, grazie ai loro ventilatori ad alta prevalenza, sono indicate

Dettagli

PER LE MOSTRE TEMPORANEE VIENE

PER LE MOSTRE TEMPORANEE VIENE climatizzazione realizzazioni f di Luca Stefanutti MICROCLIMA PER L ARTE GLI IMPIANTI DI CANALETTO PER LE MOSTRE TEMPORANEE VIENE SPESSO RICHIESTO DAI PRESTATORI DELLE OPERE IL RISPETTO DI STRINGENTI CONDIZIONI

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI II Edizione di ANNA MAGRINI LORENZA MAGNANI INDICE GENERALE Premessa...9 CAPITOLO 1 I REQUISITI: IL

Dettagli

GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA. Esecuzione dei controlli e delle attività

GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA. Esecuzione dei controlli e delle attività GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA A titolo esemplificativo e non esaustivo si riportano alcune delle attività di manutenzione, di verifica e di controllo programmato da prestare sull insieme dei componenti

Dettagli

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO 1 1 1 Questa presentazione illustra i principali elementi contenuti nella legislazione e nelle norme tecniche di volta in volta richiamate Questa presentazione ma non sostituisce gli atti richiamati e

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROVINCIA DI TRENTO OPERE DA TERMOIDRAULICO COMUNE DI LASINO. COMUNE DI LASINO Lasino (Trento) OGGETTO:

RELAZIONE TECNICA PROVINCIA DI TRENTO OPERE DA TERMOIDRAULICO COMUNE DI LASINO. COMUNE DI LASINO Lasino (Trento) OGGETTO: COMUNE DI LASINO PROVINCIA DI TRENTO RELAZIONE TECNICA OPERE DA TERMOIDRAULICO OGGETTO: SOSTITUZIONE GENERATORI DI CALORE E TRASFORMAZIONE ALIMENTAZIONE COMBUSTIBILE DA GASOLIO A GAS METANO PER MUNICIPIO

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

Per saperne di piu sul condizionatore

Per saperne di piu sul condizionatore Per saperne di piu sul condizionatore LE BASI FISICHE IL CONDIZIONATORE FUNZIONAMENTO FILTRI DISIDRATATORI NORME D USO INTRODUZIONE LE BASI FISICHE APPLICATE AL CONDIZIONATORE LE LEGGI FISICHE E LA TERMINOLOGIA

Dettagli

INDICE. Rev. Data 00 15-12-10 01 22-04-11. Documento: ESb)RL06_01.doc

INDICE. Rev. Data 00 15-12-10 01 22-04-11. Documento: ESb)RL06_01.doc Pag. 2 di 76. INDICE 1.1 GENERALITÀ... 4 1.1.1 OGGETTO DELLE OPERE E LIMITI DI FORNITURA... 4 1.1.2 DENOMINAZIONI UTILIZZATE... 4 1.2 SEZIONE 2 CRITERI GENERALI E PARAMETRI TECNICI DI RIFERIMENTO PER IL

Dettagli

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Distribuzione del calore E della portata idraulica Tipologie: A velocità fissa A 3 velocità regolabili A velocità variabile o elettronica modulante

Dettagli

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi MADE IN ITALY Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi solare termico SOLARdens aerotermico pompe di calore HPdens SOLARfryo geotermico GEOsolar UN REFERENTE E TANTE SOLUZIONI INTEGRATE PER LE ENERGIE

Dettagli

I N D I C E. INDICE Pagina 2. CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3. CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4. SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5

I N D I C E. INDICE Pagina 2. CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3. CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4. SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5 Motore a vapore I N D I C E INDICE Pagina 2 CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3 CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4 SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5 SCHEDA TECNICA Pagina 6-9 CONTATTO Pagina 10 CONCETTO

Dettagli

PRONTUARIO IMPIANTO CON K 18

PRONTUARIO IMPIANTO CON K 18 Pagina1 PRONTUARIO IMPIANTO CON K 18 Per il riscaldamento e la produzione di acqua calda ad uso sanitario. 0 - PREMESSA Il presente documento fornisce indicazioni sulle modalità di funzionamento, utilizzo

Dettagli

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Classificazione apparecchio: Pompa di calore monoblocco aria/acqua per installazione da esterno con integrato generatore termico a gas metano.

Dettagli

ELFOPack. La pompa di calore aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamiliare con impianti autonomi

ELFOPack. La pompa di calore aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamiliare con impianti autonomi ELFOPack La pompa di calore aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamiliare con impianti autonomi GLI EDIFICI SONO CAMBIATI ORA SI RINNOVANO ANCHE GLI IMPIANTI

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

CONDUZIONE E MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI DI COMPETENZA DELLA MILANO RISTORAZIONE

CONDUZIONE E MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI DI COMPETENZA DELLA MILANO RISTORAZIONE Capitolato speciale per il sevizio di CONDUZIONE E MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI DI COMPETENZA DELLA MILANO RISTORAZIONE S.p.A. CON ASSUNZIONE DI RUOLO DI TERZO RESPONSABILE

Dettagli

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente CARATTERISTICHE IMPIANTO: realizzazione di impianto di riscaldamento, condizionamento

Dettagli

Allegato A SPECIFICAZIONI TECNICHE

Allegato A SPECIFICAZIONI TECNICHE Allegato A SPECIFICAZIONI TECNICHE * * * DESCRIZIONE SOMMARIA L'attività oggetto del presente capitolato consiste nell esercizio e nella manutenzione, compresa la funzione di terzo responsabile dell esercizio

Dettagli

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A PECULIARITÀ - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. - Gas refrigerante ecologico R410A. - Rendimento C.O.P. 4,6. - Frequenza ridotta dei cicli di sbrinamento. - Regolazione automatica della velocità

Dettagli

Nella nuova era del risparmio energetico e dell utilizzo delle fonti rinnovabili è nato il brevetto - 6 -

Nella nuova era del risparmio energetico e dell utilizzo delle fonti rinnovabili è nato il brevetto - 6 - Nella nuova era del risparmio energetico e dell utilizzo delle fonti rinnovabili è nato il brevetto - 6 - HUB RADIATOR PRINCIPI GENERALI per produrre riscaldamento, condizionamento ed acqua calda sanitaria

Dettagli

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI Denominazione struttura Indirizzo Gestita da Direttore sanitario Autorizzazione rilasciata dal Comune di in data atto n. REQUISITI GENERALI REQUISITI STRUTTURALI SICUREZZA

Dettagli

2.5 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI MECCANICI

2.5 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI MECCANICI DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare di gara 2. RELAZIONI TECNICHE SPECIALISTICHE 2.5 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI MECCANICI Pagina 1 DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare di gara

Dettagli

STORIA DELLA SOCIETA PROFILO DELLA SOCIETA

STORIA DELLA SOCIETA PROFILO DELLA SOCIETA STORIA DELLA SOCIETA S.D.N. Termoidraulica nasce nel 1995, come società individuale, evolvendosi poi in con l inserimento nei vari settori di qualificate figure professionali, traducendosi in una realtà

Dettagli

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO RACCOMANDAZIONI E consigliabile applicare schemi semplici e di provata efficacia e dotare il sistema di elementi utili a verificare il buon

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170)

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) Caldaia a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatta per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria in abbinamento ad un sistema

Dettagli

Impianti termotecnici: struttura fondamentale tipologie e criteri di scelta FORMAZIONE

Impianti termotecnici: struttura fondamentale tipologie e criteri di scelta FORMAZIONE FORMAZIONE Impianti termotecnici: struttura fondamentale tipologie e criteri di scelta di Mauro Cappello Prosegue con questo secondo articolo la pubblicazione del corso curato dall Ingegnere Mauro Cappello

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

DEUCLIMATIZZATORE DCS 26RD

DEUCLIMATIZZATORE DCS 26RD DEUCLIMATIZZATORE DCS 26RD 1 Indice 1. Descrizione del prodotto 3 1.1 Funzionamento con aria neutra 3 1.2 Funzionamento in integrazione 4 2. Descrizione componenti principali 5 3. Dimensioni 6 4. Dati

Dettagli

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO SOMMARIO DATI DI PROGETTO... 3 VERIFICA POTENZA EDIFICIO ESISTENTE... 9 CARICHI TERMICI INVERNALI MANICA LUNGA... 12 CARICHI TERMICI ESTIVI MANICA LUNGA... 32 Pagina 2 DATI DI PROGETTO INTRODUZIONE La

Dettagli

Pompa di calore per produzione di Acqua Calda Sanitaria

Pompa di calore per produzione di Acqua Calda Sanitaria POMPA DI CALORE ACQUA PLU 300 Pompa di calore per produzione di Acqua Calda anitaria POMPA DI CALORE PER ACQUA ANITARIA ACQUA PLU 300 La Pompa di calore ACQUA PLU 300 di HITEC è un prodotto innovativo

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Impianti di termoventilazione per alberghi

Impianti di termoventilazione per alberghi Impianti di termoventilazione per alberghi Riteniamo che quello dell impianto di riscaldamento e condizionamento, sia uno dei punti più importanti da prendere in considerazione al momento della costruzione

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

Udine, luglio.2013. Cognome Nome. Lino Calligaro

Udine, luglio.2013. Cognome Nome. Lino Calligaro Oggetto Offerta impianto bollitore con pompa di calore ventilazione meccanica controllata stufa pellet idro impianto elettrico impianto idrico scarico impianto fotovoltaico automazione climatica Data Udine,

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 1 Mynute Special Guida al capitolato Mynute Special

Dettagli

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA Cosa è un impianto di ventilazione meccanica controllata Un impianto di ventilazione meccanica permette di controllare il ricambio di aria all interno dell

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare srl - Via Trieste n 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli