che tracciò parallelamente alla ferrovia un nuovo asse, la cosiddetta Magistrala (Magistrale). La prima pietra di Nova Gorica fu posata il 13 giugno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "che tracciò parallelamente alla ferrovia un nuovo asse, la cosiddetta Magistrala (Magistrale). La prima pietra di Nova Gorica fu posata il 13 giugno"

Transcript

1

2

3 Indice Nova Gorica 4 A passeggio per la città 6 Trg Evrope 6 Stazione ferroviaria 8 Collezione museale della stazione 10 Via Erjavceva ˇ ulica il viale dei ricordi 11 Piazza Trg Edvarda Kardelja, il boschetto di pini e la concattedrale di Cristo Redentore 20 Žabji kraj, la Šolska ulica, le piazze di Solkan 24 I ponti di Solkan, il cimitero militare 27 La strada Cesta IX. Korpusa 29 Tra i caseggiati residenziali fino alla Magistrala 30 Il centro cittadino, il parco sportivo e i palazzi residenziali moderni 34 Kostanjevica, Rafut 37 Per gli amanti dello sport 40 Il bosco Panovec 40 L Isonzo 41 I guardiani delle Alpi 42 Per gli amanti della buona tavola 46

4 Nova Gorica I primi insediamenti nel Goriziano hanno origini molto antiche, ma le popolazioni dell epoca hanno lasciato dietro di sé poche testimonianze. I primi atti di donazione, in cui sono menzionati esplicitamente i nostri luoghi, risalgono alla metà del medioevo, più precisamente all anno 1001, epoca in cui Solkan (Salcano in italiano) era addirittura più importante di Gorizia. Dallo stesso documento emerge inoltre che il nome Gorica era di chiara origine slava, anche se nei secoli successivi, quando la città divenne capoluogo dell omonima contea, veniva trascritto in varie forme, quali Görz, Goritia, Gurize, Gorizia. L area era abitata da sloveni, friulani, tedeschi, ebrei, austriaci e italiani, che a prescindere dalla loro appartenenza etnica condividevano esperienze simili, appartenevano alle stesse compagini statali, veneravano le stesse divinità e inveivano contro le medesime autorità. Per lunghi anni, dal 1500 fino alla prima guerra mondiale (p.g.m.), il Goriziano (salvo brevi periodi di interruzione) fu dominato dalla corona asburgica, o meglio, da quella austriaca. Durante la p.g.m. queste zone furono teatro di cruenti battaglie tra l Impero austro-ungarico e l Italia, al punto che molti dovettero fuggire dal Goriziano. Una volta rientrati nelle proprie case ad accoglierli c erano cumuli di macerie e un nuovo Stato, l Italia. Dopo la seconda guerra mondiale (s.g.m.), più precisamente il 15 settembre 1947, il nuovo confine di Stato tra l Italia e la Jugoslavia divise il territorio a metà, spezzando legami millenari, lasciando la città all Italia e incoraggiando così la costruzione di un nuovo centro, una nuova Gorica. Una città che splenderà oltre confine, affermarono le cerchie politiche, pronte a investire un miliardo di dinari nella sua costruzione. All idea si avvicinò maggiormente il progetto urbanistico di Edi Ravnikar,

5 che tracciò parallelamente alla ferrovia un nuovo asse, la cosiddetta Magistrala (Magistrale). La prima pietra di Nova Gorica fu posata il 13 giugno Nonostante la speranza nel futuro, rappresentata dalla costruzione del nuovo, è importante conservare anche l archivio dei ricordi. I monumenti del passato non mancano. Vi invitiamo pertanto a una piacevole passeggiata lungo la città fino al ponte ferroviario sul fiume Isonzo che vi svelerà frammenti interessanti della storia degli sloveni sul baluardo occidentale del territorio nazionale. Il punto di partenza sarà la piazza trg Evrope, di fronte alla stazione ferroviaria. Agli amanti dello sport proponiamo invece una piacevole escursione sulle cime intorno alla città, una serie di attività ricreative nel bosco Panovec o lungo il fiume Isonzo. Ma se preferite, potrete rintanarvi in biblioteca, trascorrere la giornata visitando le collezioni museali o qualche mostra, assistere a uno spettacolo teatrale, fare un ultima puntata al casinò, ecc. In ogni caso non dimenticate di fare un salto nelle trattorie o ristoranti che in città e nei dintorni non mancano di certo. Benvenuti! 5

6 A passeggio per la città Trg Evrope 6 La piazza più nuova di questa giovane città è stata battezzata dopo l ingresso della Slovenia nell UE ( ). Al centro della piazza domina il mosaico della nuova Europa progettato dall artista sloveno di Trieste Franko Vecchiet. L assetto urbanistico è stato curato dal goriziano Romano Schnabl che non ha avuto certo un lavoro facile dovendo costruire sull eredità di Max Fabiani ( ), il più apprezzato e rinomato urbanista e architetto dell allora Impero austro-ungarico. Fabiani progettò cinque strade che si diramavano a ventaglio partendo dalla stazione, anche se la maggior parte di esse dopo circa cento metri terminavano nei campi. Fabiani aveva previsto un rapido sviluppo della città grazie alla ferrovia che le portò una notevole boccata d ossigeno. Il Goriziano attirò imprenditori e artisti, il suo clima mite favorì anche l arrivo di nobili facoltosi e ufficiali in congedo, al punto da farlo diventare una sorta di Nizza austriaca. La piccola e tranquilla cittadina divenne famosa per la sua multiculturalità. Anche le persone più semplici, che sapevano a mala pena scrivere, riuscivano a comunicare senza alcun problema in ben quattro lingue: sloveno, tedesco, italiano e friulano. Tutto ciò è forse parte di un tempo e di uno spazio che è andato definitivamente perduto? Potrà rivivere nuovamente? Certo, la comune piazza Europa è sicuramente meglio del filo spinato che l attraversava in passato, ma il resto per ora sono solo sogni e ricordi.

7 Nelle giornate di sole è possibile leggere l ora esatta sulla meridiana realizzata con la ruota motrice di una locomotiva a vapore, collocata sul versante italiano della piazza. La particolarità della meridiana sta nel fatto che in inverno indica l ora esatta nella parte inferiore della ruota, d estate invece in quella superiore. 7

8 Stazione ferroviaria L imponente edificio, il più antico palazzo pubblico della città, fu costruito contemporaneamente alla ferrovia ed entrò in funzione nel Il progetto della stazione fu realizzato dall architetto viennese Robert Seelig. L impostazione dell edificio in stile storicistico è impreziosita da ricche decorazioni secessioniste, particolarmente evidenti nella facciata occidentale e nei dettagli degli arredi interni, anche se purtroppo molti oggetti sono andati perduti. Da qui veniva gestito il traffico lungo la linea ferroviaria su cui viaggiavano 70 convogli al giorno, trainati da potenti locomotive a vapore. I treni veloci portavano a Praga, Vienna, Monaco, Ostende e Trieste. Avevano previsto inoltre il prolungamento della linea locale per Ajdovščina fino a Lubiana, incrementando così i traffici verso l Est. I bohemien goriziani andavano 8

9 a prendere il caffè la mattina a Trieste e il pomeriggio a bere la birra in Carinzia. La manutenzione e lo smistamento delle locomotive avvenivano nell imponente Deposito sul lato est della stazione, dove sono conservati anche la torre dell acqua e il caricatore di carbone. L intera linea da Praga attraverso Linz e Villach fino a Trieste, conosciuta anche come la Neue Alpenbahnen o Transalpina, è lunga 717 km ed è considerata tra le più belle in Europa. Alla solenne cerimonia di inaugurazione, che si tenne il 19 settembre 1906, partecipò anche l erede al trono l Arciduca Francesco Ferdinando. Purtroppo meno di dieci anni più tardi la Transalpina si trovò nel bel mezzo della furia bellica: dopo la p.g.m. i nuovi confini di Stato recisero il suo tracciato a tal punto da farle perdere il suo splendore. La nuova frontiera al termine della s.g.m. troncò anche il legame con Trieste. Sulla linea viaggiano oggi solo alcuni treni locali diretti a Sežana, Ajdovščina, Jesenice e Lubiana. Nel 1974 la trazione a vapore cedette il posto al diesel, di tanto in tanto, però, si ode ancora il fischio della locomotiva a vapore mentre traina il treno-museo. 9

10 Collezione museale della stazione Nel Novecento gli abitanti del Goriziano hanno cambiato più Stati che vestiti. Il confine ha segnato profondamente questo territorio che prima era sempre stato considerato unico. Inoltre non si trattava di una semplice frontiera, ma rappresentava la divisione tra Est e Ovest, protetta dal filo spinato. La stazione ferroviaria divenne involontariamente il portavoce silenzioso della nuova società che andava formandosi: sul tetto fu collocata una grande stella rossa accompagnata talvolta da scritte in stile Stiamo costruendo il socialismo oppure Viva la fratellanza e l uguaglianza dei nostri popoli. La stella rossa è oggi uno dei reperti della collezione museale che attraverso immagini, oggetti e parole racconta gli avvenimenti lungo il confine a partire dalla fine della s.g.m. fino all indipendenza della Slovenia e al suo ingresso nell UE. 10

11 Via Erjavceva ˇ ulica il viale dei ricordi Svoltando a destra a sud della stazione ferroviaria si arriva a Gorizia, a sinistra invece ha inizio la via Erjavčeva ulica che porta a Nova Gorica. Questa strada conduceva in passato al principale cimitero cittadino che fu distrutto durante la p.g.m. e in seguito ricostruito alcuni chilometri più a sud. Tra le due guerre qui veniva estratta e lavorata l argilla; l ultimo edificio conservato dell ex fornace (Frnaža) ospita oggi la Casa della comunità locale (Dom krajevne skupnosti). La via termina nella rotonda all altezza della Magistrale cittadina la Kidričeva ulica. Il canale energetico, scoperto dal geomante e poeta del paesaggio Marko Pogačnik, attraversa il prato passando accanto alla biblioteca e termina in un boschetto di pini, dove si trova il centro energetico vitale di Nova Gorica. La Erjavčeva ulica è un vero e proprio viale dei ricordi. La via è costeggiata da busti commemorativi di goriziani famosi e di altre personalità che hanno lavorato in queste terre o che hanno lasciato un importante impronta sul territorio. Ad altri personaggi sono dedicati invece monumenti dalle forme più libere. Le statue non seguono un ordine cronologico, perciò saranno qui descritte così come le incontriamo lungo la strada andando verso il centro città. Lungo la Erjavčeva ulica e sulla piazza Trg Edvarda Kardelja ci sono altre cinque sculture indipendenti realizzate da giovani artisti: le nove teste di Mirko Bratuša (all incrocio con la via Cankarjeva), i cerchi in pietra di Zmago Posega ( , di fronte alla direzione della società HIT), i blocchi di Matjaž Počivavšek (sul prato di fronte al Municipio), il pino sulla costa di Jakov Brdar (di fronte alla biblioteca) e il traghettatore delle anime di Mirsad Begić (accanto al Municipio). 11

12 Renicci vicino ad Arezzo. Dopo la capitolazione dell Italia tornò a piedi a casa e si unì ai partigiani, di cui divenne leader politico. Morì annegato nell Isonzo di ritorno da un raduno sul Collio. Scultore: Stojan Batič. 12 Padre Stanislav Škrabec ( ) è stato il più importante linguista sloveno dell Ottocento ed è considerato il padre della fonetica slovena. Ha vissuto nel monastero di Kostanjevica (Castagnevizza) dal 1873 al 1915, quando a causa della guerra dovette trasferirsi a Kamnik. Era convinto che lo sloveno fosse la più bella lingua del mondo. Sosteneva che la lingua era un dono troppo prezioso per permettere ai singoli di manipolarlo. Pubblicava le proprie ricerche linguistiche sulle copertine della rivista I fiori dei giardini di San Francesco (Cvetje iz vrtov svetega Frančiška). Scultore: Mirko Bratuša. Jože Srebrnič ( ) contadino, politico e rivoluzionario, partecipò alla rivoluzione d ottobre e fu tra i fondatori del Partito Comunista Italiano (1921), creò cooperative agricole e associazioni culturali slovene, sale letture itineranti, ecc. Nel 1924 venne eletto nelle liste del PCI nel Parlamento di Roma, ma due anni più tardi fu confinato sulle isole del Tirreno (Ustica, Lipari). Per un breve periodo ha vissuto illegalmente a Lubiana, più tardi fu internato nel campo di concentramento fascista Milko Kos ( ) storico sloveno nato a Gorizia, fu decano dell Università di Lubiana e accademico. Si occupava in particolare del medioevo, epoca in cui egli collocò la discesa degli Slavi nel territorio tra le Alpi e l Adriatico. Scultore: Negovan Nemec ( ). Lojze Bratuž ( ) fu direttore di coro e musicista goriziano, ma soprattutto un grande patriota sloveno. Negli anni della persecuzione della lingua slovena diresse svariati cori liturgici poiché, nonostante i divieti, le canzoni slovene in chiesa erano tollerate. Dopo la messa domenicale del 27 dicembre 1936 fu catturato e picchiato dai fascisti che gli fecero

13 bere un miscuglio di benzina e lubrificante per macchine. A causa dell intossicazione, il 16 febbraio 1937 morì in preda a terribili sofferenze. Il giorno prima che morisse, in occasione del suo compleanno, alcuni ragazzi sloveni vennero a cantare di nascosto sotto la sua finestra dell ospedale. Scultore: Negovan Nemec. Andrej Budal ( ) di Sant Andrea vicino a Gorizia, conseguì il dottorato in romanistica a Vienna. Ha lavorato come insegnante di sloveno, è stato autore di libri di testo per le scuole, ma anche di racconti, novelle e poesie. Era inoltre un ottimo traduttore dall italiano e dal francese: tra le altre cose ha tradotto in sloveno il Decamerone di Boccaccio. Nel 1947 fece parte della delegazione goriziana alla Conferenza di pace di Parigi, dove si decise il futuro dell Italia del dopoguerra, inclusa la linea di confine tra l Italia e la Jugoslavia. È stato per molti anni direttore del Teatro Stabile Sloveno di Trieste. Scultore: Negovan Nemec. Engelbert Besednjak ( ) fu un politico d ispirazione cristianosocialista, giurista e giornalista. Scriveva per numerosi quotidiani e riviste e nel 1954 fondò a Trieste il Novi list (Il nuovo foglio). Negli anni fu eletto deputato al Parlamento italiano, in seguito la storia lo portò a Vienna e Belgrado dove difese gli interessi degli abitanti della Primorska, o meglio degli sloveni rimasti in Italia. Scultore: Negovan Nemec. 13

14 Anton Velušček Matevž ( ) fu tra i più attivi e appassionati capi del Fronte di Liberazione nazionale sloveno nella regione Primorska. Come molti altri, si rifugiò in Jugoslavia nel 1935 per scampare alla mobilitazione per la guerra in Etiopia (i cosiddetti immigrati d Abissinia). Poco dopo aderì al Partito Comunista. Nell estate del 1941 tornò nel Goriziano, dove fu tra gli organizzatori del Fronte di Liberazione e del movimento partigiano, al quale si unirono anche molti italiani. Agli inizi del 1944 fu mandato a Trieste, dove nel novembre dello stesso anno venne catturato dagli occupatori che lo torturarono, facendo poi perdere ogni traccia di lui. Scultore: Janez Pirnat. Sergej Mašera ( ) goriziano di nascita, dopo la p.g.m. si trasferì con la famiglia in Carinzia e in seguito a Lubiana. Nel 1932 conseguì il diploma all Accademia Navale Militare di Dubrovnik (Ragusa). Agli inizi della s.g.m. era ufficiale d artiglieria sul cacciatorpediniere Zagreb, ancorato nelle Bocche di Cattaro (Boka Kotorska). Al momento della capitolazione della Jugoslavia avrebbe dovuto abbandonare la nave assieme agli altri membri dell equipaggio, ma con l ex compagno di studi e amico fedele Milan Spasić decise di rimanere sulla nave e di farla esplodere per evitare che cadesse in mano agli occupatori. Gli autori del monumento sono Rafael Nemec ( ) e Vasilij Željko. Josip Vilfan ( ) giurista e politico triestino, difensore dei diritti e dell uguaglianza degli sloveni e degli altri popoli slavi del sud nell ambito dell Impero austro-ungarico prima e dell Italia poi. Nonostante l incendio al Narodni dom di Trieste ( ) e di altri venti centri di aggregazione degli slavi di Trieste avvenuti lo stesso giorno, egli credeva nel primato del diritto e fu per due mandati deputato al Parlamento italiano ( ). Più tardi si batté per i diritti delle minoranze nell ambito del Congresso delle Nazionalità Europee ( ) con sede a Vienna, di cui fu presidente negli anni Dopo l annessione dell Austria alla Germania si trasferì a Belgrado. È considerato il padre dell idea dello spazio culturale comune. Scultore: Negovan Nemec. 14

15 quattro case e lo studio legale distrutti e decise di trasferirsi a Lubiana. Era anche un ottimo alpinista: pubblicò i libri Imenoslovje Julijskih Alp (Terminologia delle Alpi Giulie, 1929) e Pomen in razvoj alpinizma (Importanza e sviluppo dell alpinismo, 1930). Uscì postumo invece il libro Iz mojega življenja (Dalla mia vita, 1937, traduzione italiana 1994). Scultore: Boris Kalin ( ), ultimato da Marjan Keršič-Belač ( ). Henrik Tuma ( ) nacque e morì a Lubiana ma trascorse molti anni nel Litorale e in particolare a Gorizia, dove nel 1895 e 1902 fu eletto deputato regionale. Come primo sloveno eletto nella Giunta provinciale utilizzava regolarmente la propria lingua madre. Era un politico di sinistra, ottimo oratore e grande difensore dell uguaglianza degli sloveni a tutti i livelli. Introdusse anche nel Goriziano l iniziativa Svoji k svojim!, che nelle altre regioni slave dell Impero austro-ungarico era indirizzata contro i germanofoni, mentre qui prevedeva il boicottaggio di negozi, notai, ristoranti italiani. Al contempo caldeggiava l immigrazione di imprenditori, artigiani e commercianti sloveni a Gorizia. È stato il promotore e fondatore della Cooperativa commerciale e artigiana (Trgovsko obrtna zadruga). Fu anche redattore della rivista Naši zapiski (I nostri appunti), nella quale scriveva di socialismo, sociologia e addirittura di sessuologia. Poiché dopo la p.g.m. le autorità respinsero la sua richiesta di cittadinanza, non poté ottenere il risarcimento per le Alojz Gradnik ( ), semplicemente il poeta. Ma anche giudice a Gorizia, Cormons, Pola e Cerkno. Dopo l occupazione italiana della Primorska emigrò in Jugoslavia, dove lavorò come giudice a Lubiana e Zagabria e per qualche tempo come consulente giuridico al Ministero degli Esteri di Belgrado. È considerato un poeta espressionista: oltre al tema amoroso legato spesso al sacrificio e alla morte scriveva anche poesie patriottiche dedicate in particolare al paese natale Medana nel Collio sloveno. Era anche traduttore e autore di poesie per l infanzia. Per la sua intensità espressiva molti lo paragonano a France Prešeren. Scultore: Negovan Nemec. 15

16 Ivan Trinko Zamejski ( ), patriota e padre spirituale degli sloveni nella Slavia Veneta, nacque nel piccolo paese di Tercimonte (Tarčmun) sotto il Matajur. Aveva appena due anni quando la Slavia Veneta entrò a far parte del Regno d Italia. Terminata la scuola a Cividale, entrò in seminario a Udine, dopo l ordinazione sacerdotale continuò a studiare filosofia e lingue slave. Fu professore di filosofia e italiano, ma al contempo insegnava ai propri compaesani la lingua standard slovena. Con la pubblicazione di poesie e altre opere in svariate riviste slovene avvicinò la Slavia Veneta e la Val Resia al pubblico sloveno. Contribuì allo sviluppo della terminologia geologica ed etnologica slovena, è stato traduttore, compositore e disegnatore e ha anche esposto le proprie opere. Scultore: Negovan Nemec. di numerose čitalnice (gabinetti di lettura), tra cui quella di Solkan (1867). Partecipò all organizzazione dei tabor (adunanze) che furono le più importanti manifestazioni del risorgimento nazionale sloveno nella seconda metà dell Ottocento. Sostenne il rafforzamento del potere economico degli sloveni, promosse le cooperative, lo sviluppo del commercio e dell artigianato. Si batté per l affermazione della lingua slovena nella vita pubblica, nelle scuole, nei tribunali, nei documenti ufficiali. A causa dell opposizione dei deputati italiani non riuscì ad affermare l uso dello sloveno nella Giunta provinciale, perciò decise di dimettersi. Promosse una legge di tutela per gli sloveni e sostenne il programma politico della Slovenia Unita nell ambito di un ordinamento federale dell Impero austro-ungarico, ma spalleggiò anche l idea di uno Stato jugoslavo. Scultore: Boris Kalin. Anton Gregorčič ( ) di Vrsno era un teologo attivo politicamente, vicegovernatore regionale e membro di svariati consigli e commissioni regionali; fu eletto anche nel parlamento dell Impero di Vienna. Nel 1890 divenne Karel Lavrič ( ), nacque a Prem, ma svolse gran parte della propria carriera giuridica nella Primorska, di cui è stato uno dei patrioti più apprezzati. Contribuì alla fondazione 16

17 presidente della società politica Sloga, mentre in seguito fu sempre più in balia delle varie correnti che segnarono la vita degli sloveni nel Goriziano; infine fu tra i fondatori del Partito Popolare Sloveno. È considerato il padre dell istruzione slovena: promosse la creazione di scuole private e asili dell associazione Sloga, ottenne il trasferimento delle scuole magistrali maschili da Capodistria a Gorizia, ebbe un ruolo cruciale nella fondazione del primo ginnasio statale sloveno a Gorizia nel Durante la guerra si trasferì a Vienna, dove si occupò della problematica dei rifugiati. Scultore: Negovan Nemec. Andrej Gabršček ( ), insegnante originario di Kobarid (Caporetto), dopo il trasferimento a Gorizia divenne giornalista, editore, libraio e politico. Nel 1893 fondò la Tipografia Goriziana (Goriška tiskarna), cinque anni più tardi istituì una tipografia anche a Pola. Finanziò, pubblicò e curò la redazione di numerose riviste che influenzarono significativamente lo sviluppo della coscienza politica degli sloveni nel Goriziano, tra cui la più importante è sicuramente la rivista Soča (Isonzo). Collaborò molto con Anton Gregorčič. Nella collana Slovanska knjižnica (Biblioteca slava) pubblicò i Racconti popolari delle alture isontine (Narodne pripovedke v Soških planinah), che aveva raccolto quando era insegnante nella zona di Kobarid. Scultore: Boris Kalin. Simon Gregorčič ( ) si trasferì da bambino da Vrsno a Gorizia e dopo il ginnasio entrò in seminario. Iniziò a ascrivere poesie fin dai tempi della scuola: creava rime con tanta facilità che ben presto fu soprannominato l usignolo goriziano (goriški slavček). Pubblicò tre quaderni di poesie (1882, 1887, 1902), il quarto invece uscì postumo (1908). Le sue poesie sono educative, incoraggianti, intime, patriottiche; in seguito scrisse anche molte poesie occasionali a sfondo politico. È sempre stato di natura cagionevole; impiegò le sue ultime energie nella traduzione del Libro di Giobbe e nel lavoro con i giovani. Molte sue poesie sono entrate a far parte del patrimonio popolare sloveno. Scultore: Zdenko Kalin ( ). 17

18 18 Fran Erjavec ( ) u professore di scienze naturali presso le Realschule di Vienna, Zagabria e Gorizia dal 1871, ma anche un attento osservatore e studioso della natura. Fin da ragazzo amava scrivere favole, più tardi si dedicò anche ai racconti e ai diari di viaggio. Si occupò in particolare allo studio delle lumache. Raccolse le proprie osservazioni nel racconto umoristico dal titolo Kako se je Slinarju z Golovca po svetu godilo (Cosa accadde alla Lumaca di Golovec in giro per il mondo). Sarebbe potuto diventare professore all università di Zagabria, ma preferì restare a Gorizia per avere così più tempo da dedicare allo studio delle scienze naturali. Scultore: Boris Kalin. Qualche metro a sinistra si trova la statua di Rastislav Delpin Zmago ( ), comandante partigiano, sabotatore e informatore, originario di Podgora (Piedimonte, oggi in Italia). Scultore: Zdenko Kalin. A questo punto vale la pena fare una visita al mercato per conoscere da vicino i prodotti delle aziende agricole dei villaggi circostanti. Il Goriziano è sempre stato famoso per gli ottimi produttori di ortaggi che grazie al clima mite dell area rifornivano i mercati di verdura e frutta precoce. Le specialità locali più apprezzate sono il radicchio tardivo di Solkan, detto anche regut dagli abitanti del luogo, le ciliegie del Collio e le pesche della Valle del Vipacco. Al mercato si incontra spesso anche qualche produttore di formaggio o miele, in tarda estate e autunno spuntano invece i cacciatori di funghi. Edvard Rusjan ( ) non è stato soltanto il nostro primo aviatore, ma fu un vero e proprio visionario animato da spirito creativo e imprenditoriale. Studiò aerodinamica e fu al contempo costruttore, realizzatore e pilota dei propri aerei. L area adibita alla fabbricazione degli aeroplani nel laboratorio del padre fu soprannominata da lui e dal fratello con il nome altisonante di Fabrique technique d aéroplans Rusjan, ovvero Fabbrica tecnica di aeroplani Rusjan. Nel 1909 con l aereo Eda I si levò per la prima volta da terra sorvolando l area dei campi di Gorizia per 60 m. Nel suo laboratorio casalingo costruì ben 7 aeroplani con cui riuscì a spiccare il volo ogni volta. Il modello che ebbe più successo fu l EDA V; la replica di questo aereo, realizzato con materiali di maggiore qualità, si leva ancora oggi in volo in occasione di ricorrenze speciali. Più tardi i fratelli Rusjan si recarono a Zagabria, dove trovarono il sostegno dell imprenditore Mihajlo Merćep. L aereo del 1910 registrò il record mondiale per la velocità di

19 decollo: dopo soli 28 m era già in volo. Dopo l esibizione di Zagabria era prevista una prima tournée, cui sarebbe seguita forse anche la produzione in serie degli aerei. La prima tappa era Belgrado dove ad attendere Rusjan c era una folla immensa. Egli si levò in volo nonostante il tempo avverso, eseguì una serie di acrobazie, ma un improvvisa raffica di vento spezzò un ala e l aereo precipitò sulla ferrovia. Rusjan morì durante il tragitto in ospedale. Il monumento in onore dell Icaro sloveno è stato realizzato da Janez Lenassi ( ). Il busto dedicato al giovane aviatore (autore Zmago Posega) si trova invece nella Biblioteca France Bevk, uno degli edifici più imponenti che si erge sulla piazza Trg Edvarda Kardelja, proprio davanti a noi. Passiamo accanto al monumento in memoria dei difensori dell indipendenza slovena , la cui base è rappresentata da un ostacolo anticarro in cemento (autore: Matej Vinazza), mentre qualche metro a destra, sulla via Kidričeva, si trova la scultura esterna di Negovan Nemec, dedicata ai sabotatori partigiani. 19

20 Piazza Trg Edvarda Kardelja, il boschetto di pini e la concattedrale di Cristo Redentore 20 La piazza Trg Edvarda Kardelja è costituita da un grande prato all altezza della confluenza della via Kidričeva e della Ulica tolminskih puntarjev. Il prato è delimitato sul lato nord dal Municipio, su quello est invece dal teatro e dalla biblioteca. È il palcoscenico ideale per grandi manifestazioni, cortei e concerti. In uno degli angoli della piazza si erge il monumento realizzato in occasione del Millenario di Gorizia dallo scultore Marko Pogačnik. La pietra spaccata a metà rappresenta il momento in cui l uomo è intervenuto nell integrità del paesaggio costruendo il primo centro abitato. Nella parte sinistra è riportata la trascrizione della donazione fatta dall imperatore Ottone III nel 1001 in cui si cita appunto Solkan e Gorizia, su quella destra c è invece il cosmogramma della città estratto dall immagine di una rosa. Secondo le parole dell autore, le spine simboleggiano il lato oscuro di questo territorio, ovvero la sua tragica spaccatura, da cui emergono sei petali di rosa che con la leggerezza della danza riescono a liberarsi dalla morsa delle spine. Il monumento è collocato su un canale energetico, la cui sorgente si trova dietro alla biblioteca nel boschetto di pini e prosegue in direzione di Venezia. Il poeta del paesaggio Pogačnik ha collocato nell area del holon goriziano (campo energetico) altre cinque pietre

21 di litopuntura, di cui due davanti alla clinica VID nel vicino paese di Kromberk. Uno di questi rappresenta l emblema dell identità del territorio goriziano in cui convergono i campi energetici del Friuli, dell Isonzo e della Valle del Vipacco. Il Municipio in pietra risale al Grazie alla sua placida imponenza suscita un senso di fiducia nei confronti del potere, evocando da lontano un austera maestosità. Oltre agli uffici comunali ospita da sempre svariati servizi di amministrazione pubblica. Il palazzo è stato progettato da Vinko Glanz ( ), mentre le quattro statue sopra l ingresso sono opera di Boris Kalin e rappresentano la ribellione (catene spezzate), la lotta, la vittoria (il fucile è riposto, ma il soldato è ancora vigile) e la pace (il viticoltore che cura la sua vite e guarda con fiducia al futuro). Gli affreschi nella principale sala riunioni, detta anche Sala verde (Zelena dvorana), sono opera di Slavko Pengov ( ) e raccontano attraverso le 21

22 22 immagini la storia della Slovenia e in particolare quella della Primorska. Nell edificio dalla facciata in mattoni, opera di Vojteh Ravnikar ( ), si può assistere agli spettacoli del Teatro nazionale sloveno (Slovensko narodno gledališče), fondato inizialmente con il nome di Teatro goriziano (Goriško gledališče) nel Nel 1969 cambiò nome diventando Teatro Drammatico del Litorale (Primorsko dramsko gledališče), nel 2004 fu invece proclamato istituzione di interesse nazionale da cui deriva il nome attuale. Appena dopo quattro decenni di attività la compagnia teatrale ha potuto così ottenere un palcoscenico e una sala sufficientemente grandi. Nel 2011 è stato aggiunto anche il Ridotto. La Biblioteca goriziana France Bevk (Goriška knjižnica Franceta Bevka) è stata fondata nel 1949, ma dal 2000 è ospitata nel nuovo edificio ideato dal trio Vojteh Ravnikar, Robert Potokar e Maruša Zavec. L edificio è stato progettato in modo molto originale, la pianta ha la forma di un libro socchiuso che comunica con il mondo esterno attraverso grandi vetrate. Qui tutto lascia pensare che lo studio sia un esperienza piacevole e creativa. Sul retro di questi edifici si trova il boschetto di pini, che rappresenta un biotopo unico nel centro cittadino, sorto sull area delle ex cave di argilla. Il suolo trattiene l acqua attirando così molte rane e uccelli, tra cui anche migratori. È una vera oasi di pace a portata di mano. Sul versante sud c è un parco giochi per bambini, a est del boschetto si trova invece il monumento alle Alessandrine della scultrice Nika Šimac. Con la sua semplicità riesce a raffigurare l immagine della donna-madre che evoca in noi un senso di protezione. È dedicato alla memoria di migliaia di ragazze e giovani donne che tra il 1850 e il 1960 partirono alla volta dell Egitto per lavorare come bambinaie, governanti o nutrici dei figli di ricche famiglie locali e spedire il denaro ai mariti e ai figli rimasti a casa. La loro

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli