In nessuna delle suddette decisioni si fa comunque menzione delle proteste n.1 e n. 3 (di ITA 28 e di ITA 11) per la violazione della regola 28.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In nessuna delle suddette decisioni si fa comunque menzione delle proteste n.1 e n. 3 (di ITA 28 e di ITA 11) per la violazione della regola 28."

Transcript

1 Appello La Giuria d Appello nelle persone di Francesco N. Tubarchi (Pres), Osvaldo Magnaghi, Giuseppe Meo, Gianfranco Lodoli, Giorgio Ballerini Giacometti (membri), Eugenio Torre, Adolfo Villani (membri supplenti), con Marco Alberti, Giuseppe Russo, Sergio Pepe e Nicola Vescia (uditori) ha assunto la seguente decisione sull appello proposto dalla barca ITA 28 per chiedere che la protesta dalla stessa presentata nei confronti di ITA 29 ed ITA 24 sia decisa dal comitato per le Proteste e sugli appelli, riuniti, proposti da ITA 11 - ITA 28 - ITA 34 - ITA 46 per chiedere la revoca della squalifica non scartabile (DNE) del provvedimento di cui dalla regola 69.2 loro comminati dal Comitato di regata e per le proteste del Campionato nazionale UFO svoltosi a Muggia dal 30/09 al 03/10/2004. FATTO Nella terza prova del Campionato Nazionale Classe UFO, disputata il 2 ottobre 2004, il Comitato di regata e per le proteste, in prosieguo indicato solo quale Comitato, aveva deciso, in considerazione della scarsità e variabilità del vento, di ridurre il percorso e di posizionare la linea di arrivo alla boa n. 3 al termine del secondo lato del percorso nelle modalità previste dal paragrafo 21 delle istruzioni di regata (fra la bandiera blu su barca Comitato e la boa n. 3). ITA 11 - ITA 12 - ITA 28 ITA 33 ITA 34 ed ITA 46 al termine del lato di poppa, dove era stata posizionata la linea di arrivo, lasciavano la boa 3 a destra per poi girare intorno alla stessa e tagliare il traguardo provenendo dalla parte opposta da quella di cui alla definizione di arrivo. ITA 29 e ITA 24 tagliavano invece il traguardo tra la Barca Comitato e la boa n. 3 provenendo direttamente dalla boa n. 2 lasciando anch esse la boa n. 3 a destra perché la barca Comitato si era posizionata alla sinistra della stessa per chi proveniva in direzione del percorso dall ultima boa. Dalle vicende così brevemente riassunte ne sono derivate le seguenti proteste e/o domande di riparazione. ITA 28, una delle sei barche che avevano tagliato il traguardo provenendo dalla direzione opposta da quella dell ultima boa, ha protestato ITA 29 ed ITA 24 perché, arrivando, avevano lasciato la boa n. 3, già di percorso e nell occasione anche di delimitazione della linea arrivo, a destra invece che a sinistra, come prescritto dall allegato i delle istruzioni di regata, violando così la regola 28.1 (regola del filo). ITA 29 ha protestato le sei barche che all arrivo l avevano preceduta (ITA11 ITA 12 ITA 28 - ITA 33 - ITA 34 ITA 46) perché non avevano tagliato la linea di arrivo secondo la definizione di arrivo (in direzione del percorso dall ultima boa) violando anch esse la regola 28.1 (ma sotto un altro profilo). ITA 11 ha protestato ITA 29 ed ITA 24 perché, lasciando la boa n. 3 a destra, non avevano rispettato la regola 28.1 (stessa contestazione della protesta n. 1). Il Comitato respingeva tutte le suddette (e riunite) proteste senza udienza richiamandosi al Caso ISAF 82 che, sia pure in una diversa fattispecie, aveva ritenuto valido l arrivo delle barche provenenti dall una o dall altra direzione del percorso. Non risulta che abbia assunto alcuna decisione in ordine alle proteste n.ri 1 e 3 presentate rispettivamente da ITA 28 e ITA 11. La sera dello stesso 2 ottobre anche ITA 25 ha presentato richiesta di riparazione invocando a sua volta la regola 28.1 perché le prime sei barche non avevano compiuto il percorso non avendo tagliato la linea l arrivo in modo regolare. II Comitato, riunitosi il mattino successivo, riconosceva di aver commesso un errore nel riferirsi al caso ISAF 82 e, richiamandosi alla decisione 13/76 della Giuria d Appello F.I.V. ed al Caso ISAF 45, decideva di classificare DNF le barche ITA 11- ITA 12- ITA 28- ITA 33- ITA 34 e ITA 46.

2 In nessuna delle suddette decisioni si fa comunque menzione delle proteste n.1 e n. 3 (di ITA 28 e di ITA 11) per la violazione della regola 28.1 (regola del filo) né risulta che a seguito della domanda di riparazione (redress) di ITA 25 le parti siano state convocate in udienza (reg. 63.1), che questa sia stata tenuta e sia stata assunta una decisione. Sennonché ITA 11 - ITA 28 - ITA 34 - ITA 46, con separati ricorsi presentati fra le ore 9.10 e le ore 10,05 del 3 ottobre, chiedevano il riesame della decisione del Comitato (che le aveva classificate DNF) assumendo di aver tagliato il traguardo provenendo dall ultima boa dopo aver ripercorso a ritroso la loro rotta. Il Comitato, a maggioranza e probabilmente con udienza (si fa riferimento a testimonianze), concedeva loro riparazione reintegrandole nella rispettiva posizione di arrivo. Alle ore dello stesso 3 ottobre ITA 29, anche per conto di ITA 25 ed ITA 04 (sic), presentava un modulo di protesta con il quale semplicemente dichiarava di essere stata danneggiata dalle riparazioni concesse alle suindicate quattro barche che avevano dichiarato il falso nel compimento di un giro supplementare non effettuato. Alle ore 14 dello stesso giorno il Comitato, assunte le testimonianze dei timonieri di ITA 25 e ITA 04 e nella certa assenza dei protestati fatti chiamare per due volte, accoglieva la protesta o domanda di riparazione di ITA 29 avendo ITA 25 ed ITA 4 nella loro qualità di testimoni fatto una dichiarazione che indica come i timonieri protestati non hanno compiuto il percorso e, in applicazione della regola 62.1a) concedeva riparazione alla barca protestante reintegrandola in classifica. Alle 14,55 il Comitato convocava i timonieri di ITA 28 - ITA 11- ITA 34 - ITA 46 (ed anche di ITA 12) presumibilmente per comunicare loro e la decisione di reintegrare nell ordine di arrivo ITA 29 e quella, ulteriore, di classificare le rispettive barche DNE invece che DNF in quanto le loro false dichiarazioni hanno denotato un comportamento antisportivo. Inutilmente attesi i protestati fino alle con una ulteriore decisione classificava definitivamente DNE le barche cosi protestate con uno scultoreo richiamo alla regola Risulta in atti per dichiarazione dello stesso Presidente del Comitato che gli equipaggi, così penalizzati, si sono presentati alle 17,30 per chiedere che le loro barche fossero classificate DNF ricevendone dallo stesso Presidente risposta negativa perché gli altri membri del Comitato si erano nel frattempo allontanati. Questi i fatti essenziali come emergono dagli atti di 1 grado. ITA 11 - ITA 28 - ITA 34 ed ITA 46 hanno tempestivamente proposto appello adducendo vari motivi di lagnanza che cosi si possono riassumere: il Comitato era posizionato dalla parte sbagliata della boa n. 3: a sinistra anziché a destra in deroga alla regola 28.1 (regola del filo); intempestiva esposizione della lettera S e poca visibilità della stessa; emissione del segnale acustico al momento del taglio della linea di arrivo da parte dei primi sei concorrenti; mancata convocazione delle parti a seguito della protesta di ITA 28 (e di ITA11); omessa convocazione delle parti a seguito della protesta e/o domanda di riparazione (n. 13) di ITA 29; contraddittorietà fra l ora di convocazione indicata nella decisione (h.14.55) e quella dell esposizione dell elenco delle protese e dei protestati (h.15.28); il DNE - squalifica non scartabile in base alla regola 88.3 b - è stato illegittimamente comminato; mancata convocazione in udienza a seguito della imputazione di un

3 comportamento gravemente sconveniente di cui alla reg. 69 Questa Giuria d appello prima di esaminare partitamente i motivi addotti appellanti deve rilevare che il Comitato non ha, da parte sua, osservato le regole 63.2 e 63.6 ed, in particolare, le prescrizioni FIV in calce a quest ultima Inoltre per la omessa verbalizzazione delle deposizioni delle parti e dei testi non le è stato possibile né ricostruire i fatti né conoscere ed esaminare le motivazioni che hanno indotto il Comitato ad assumere le sue decisioni. Né dalla documentazione in atti è stato possibile accertare se ai protestati siano stati comunicati il tempo (ed il luogo) dell udienza, se siano state messe a disposizione le singole proteste, se sia stato loro concesso un termine per la preparazione delle difese. Né, nelle decisioni assunte, sono stati descritti i fatti accertati. La sola indicazione (e non sempre) delle regole infrante non trova quindi alcun riscontro o supporto nei fatti accertati con la conseguente difficoltà per la loro ricostruzione e per l accertamento della corretta applicazione delle regole. Errato posizionamento della linea di arrivo e mancata convocazione delle parti seguito della protesta di ITA 28. ITA 28 (ed anche ITA 11) avevano protestato (protesta n. 1 e 3) ITA 29 e ITA 24 perché hanno lasciato la boa di arrivo (e già di percorso) a sinistra invece che a dritta come prescritto dalle istruzioni di regata. Il Comitato, riunite le due proteste ad altre (la 2 e la 6) le ha, in un primo tempo, tutte respinte senza udienza con espresso richiamo al caso ISAF 82 ma, a seguito dell esame della protesta di un altra barca (ITA25), le ha successivamente tutte accolte senza udienza ivi comprese quelle proposte da ITA 28 e da ITA 11 nei confronti di ITA 29 ed ITA 24. Il Comitato non si era evidentemente accorto che le proteste di ITA 28 e di ITA 11 avevano con oggetto diverso da quello delle proteste n. 2 e n. 6. Per le proteste n. 1 e n.3 non vi è stata quindi alcuna decisione per cui questa Giuria non può che rimettere gli atti ad altro Comitato per le proteste finché in merito alle stesse assuma una decisione. La regola 63.1 dispone infatti che il Comitato deve ascoltare tutte le proteste e/o richieste di all ufficio a meno che non consenta ad una barca di ritirarle. Intempestiva esposizione della lettera S (di riduzione del percorso) ed insufficiente visibilità della stessa. Gli stessi appellanti hanno ammesso di aver sentito i due segnali acustici e di aver visto la lettera S quando erano a breve distanza dalla nuova linea di arrivo Poiché è pur sempre onere del concorrente di seguire con attenzione i movimenti del battello del Comitato allorché si posiziona in prossimità di una boa del percorso ed i segnali visivi (ed in questo caso anche acustici) di riduzione del percorso debbono, per ovvie ragioni, essere emessi allorché i primi concorrenti si trovano in prossimità della nuova linea di arrivo, il motivo addotto non appare fondato e non può trovare accoglimento. Emissione dei segnali acustici all arrivo delle prime sei barche. Il motivo è ugualmente infondato. Per l arrivo non sono previste dal RR. né segnali visivi né acustici anche se è invalso l uso di emettere segnali acustici nel momento in cui i vari concorrenti tagliano la linea di arrivo. Come più volte deciso da questa Giuria d appello l emissione del segnale acustico attesta solo il superamento da parte di una barca della linea di arrivo indipendentemente dal regolare (o meno) compimento del percorso. Mancata convocazione delle parti a seguito della protesta di ITA 28 (e di ITA 11). Sia ITA 28 (protesta n.1) che ITA 11 (protesta n. 3) hanno protestato ITA 29 e ITA 24 perché dopo il segnale di riduzione del percorso hanno lasciato la

4 boa n.3 (ora delimitante la linea di arrivo ma a loro dire boa di percorso) a destra invece che a sinistra. Né i protestanti né i testimoni indicati sono stati convocati per la discussione della protesta. Sia la protesta n. 1 che la n. 3 sono state semplicemente riunite alle proteste n.ri 2 e 6 ed a tutte le barche coinvolte nelle proteste cosi riunite è stata concessa riparazione senza che il Comitato si accorgesse del diverso oggetto di alcune di esse. Solo ITA 28 (protesta n.1) ha appellato lamentando la mancata sua convocazione per la discussione della protesta. La regola 63.1 dispone che tutte le proteste o richieste di riparazione debbono essere ascoltate e decise a meno che lo stesso Comitato non ne consenta il ritiro. Poiché per la protesta n.1 non vi è stata né istruttoria né decisione questa Giuria non può che rimettere la stessa e tutti i documenti acquisiti ad altro Comitato per le proteste affinché, riconvocate le parti, la decida le regole. Omessa convocazione delle parti a seguito della protesta e/o domanda di riparazione di ITA 29. Contraddittorietà fra l ora di convocazione per la discussione della protesta n.13 (h.14.55) e quella di esposizione dell elenco delle proteste (h Dalla documentazione in atti così si possono ricostruire i fatti: alle ore del 3 ottobre 2004 ITA 29 ha presentato protesta e/o domanda di riparazione per lamentare di essere stata danneggiata dalla riparazione concessa in una precedente decisione a ITA 11- ITA 28 - ITA 34 e ITA 46 argomentando che le stesse non avevano completato il percorso nel modo corretto. alle ore 14 (dopo 7 minuti) il Comitato ha aperto una udienza in cui il protestante prepara 2 pagine di corollario alla (sua) protesta. Assunti a testi ITA 25 e ITA 04 e chiamati nuovamente i protestati il Comitato ha deciso di accogliere la protesta e, in applicazione della regola 62.1(a), concede riparazione ad ITA 29 senza alcun riferimento a penalità a carico dei protestati. alle ore il Comitato convoca ulteriormente i protestati per comunicare loro di averli classificati DNE invece che DNF per le loro dichiarazioni false che denotano un comportamento antisportivo. Nel loro appello ITA 11 - ITA 28 ITA 34 e ITA 46 hanno chiesto la totale riforma e/o annullamento della decisione impugnata ed il loro reinserimento nell ordine di arrivo della 3a prova motivando fra l altro: - di non essere stati convocati in udienza; - che il Comitato non aveva svolto le opportune indagini sul compimento del percorso; - che le testimonianze di ITA 25 e ITA 04 non avevano confermato le affermazioni di ITA 29; - che le stesse ITA 25 e ITA 04 erano parti interessate tantochè a seguito della loro testimonianza erano stati loro riconosciuti migliori piazzamenti e che nelle loro testimonianze si erano limitate ad esporre la prima parte dell arrivo e nulla in merito al completamento del percorso ; - che tutte le testimonianze sono state assunte superficialmente senza i necessari dettagli; - che la protesta è stata presentata solo da ITA 29 e non da ITA 25 e da ITA 04, - che la commissione del DNE era illegittima; - di non aver ricevuto alcuna contestazione scritta per infrazione alla regola 69 e per la convocazione in udienza. In ordine ai suddetti motivi di appello questa Giuria deve rilevare: che nella decisione della protesta n. 13 si afferma che l udienza è stata aperta alle ore 14 con conseguente suo accoglimento e applicazione della regola 62.1 (sic), ma senza alcun provvedimento a carico dei protestati; che alle ore sono stati convocati i timonieri delle barche protestate

5 per comunicare loro la penalità del DNE invece del già comminato DNF; che alle è stato affisso l avviso di convocazione dei protestati per le ore per la discussione della protesta n. 3 (documento prodotto dagli appellanti); che l udienza per la discussione della protesta n. 13 si è tenuta senza la tempestiva convocazione delle parti e nel rispetto della regola 63.2 (preventiva notifica ai protestati del tempo e del luogo della udienza, comunicazione agli stessi dell oggetto delle proteste e concessione di un tempo ragionevole per predisporre le difese). Poiché la protesta e/o domanda di riparazione di ITA 29 doveva essere decisa con udienza alla quale le partì coinvolte avevano diritto di essere presenti, particolarmente in occasione della assunzione di prove testimoniali (reg. 63.3), i motivi di appello esposti dagli appellanti appaiono fondati. Errata comminazione del DNE La penalità del DNE, ossia la squalifica non scartabile in base alla regola 88.3b per i punteggi ottenuti per una infrazione alla regola 2, alla penultima frase della regola 30.3 e alla regola 42, non deve essere esclusa dal calcolo del punteggio di una regata a più prove ma pur sempre e solo nel caso in cui il punteggio adottato per quella regata preveda l esclusione di una o più dalla serie dei punteggi ottenuti da una barca. Ma tale regola non era all evidenza invocabile ed applicabile alla protesta di ITA 29(la numero 13) perché alle barche ITA 11- ITA 12- ITA 28- ITA 34 ed ITA 46 non era stato né dal protestante né dal Comitato contestata alcuna infrazione alle regole indicate alla lettera b della regola Il motivo di impugnazione è quindi fondato e sul punto l appello deve essere accolto. Imputazione di comportamento gravemente sconveniente - Mancata convocazione in udienza. In base alla scheletrica decisione assunta alle ore del 3 ottobre appare la dicitura: Reg Ma nessuna delle penalità previste dalla regola 69. 1b(2) è stata comminata ai timonieri e/o equipaggi di ITA 28- ITA 11 ITA 34 ITA 46- e ITA 12 né agli stessi sono state contestate per iscritto condotte sconvenienti o gravi violazioni delle regole o delle buone maniere o dello spirito sportivo. Né risulta che a tal fine sia stata aperta una udienza. Probabilmente il Comitato richiamando la regola 69.2 si era solo riservato di trasmettere all Autorità Nazionale un rapporto in merito ad una grave violazione di una regola o alle buone maniere o allo spirito sportivo o ad una condotta che può aver screditato lo sport. E non certo a norma e per effetto delle regole 69.1c e 69.1d che presuppongono una penalizzazione che nel caso non vi è stata. Incomberà quindi all Autorità Nazionale e, non a questa Giuria, decidere in merito all eventuale azione ex regola 69.2 ove riceva un rapporto a norma delle regole 69.1 o 69.1d o in merito ad una grave violazione di una regola ecc.ecc. Tutto ciò premesso e ritenuto la Giuria d Appello previa riunione degli appelli di ITA 11 ITA 28 ed ITA 34 all appello proposto da ITA 46, ritenuto che non appaiono infondati gli appelli proposti da ITA 11 ITA 28 ITA 34 ed ITA 46 in merito alla errata applicazione del DNE; che il Comitato di regata e per le proteste del suddetto Campionato, organizzato dallo Yacht Club Porto San Rocco in Muggia dal 30 settembre al 03 ottobre 2004, non ha tenuto regolare udienza per discutere la protesta presentata da ITA 28 (ed anche da ITA 11) nei confronti di ITA 29 e ITA 24 in ordine ai loro compimento del percorso; non risulta condotta secondo le regole l istruttoria conseguente la protesta e/o domanda di riparazione di ITA 29 contro ITA 11- ITA 28- ITA 34 ed ITA 46 sia

6 per la mancata e/o irrituale convocazione delle stesse sia per la omessa osservanza delle regole 63.2, 63.3 e delle prescrizioni FIV in calce alla regola 63.6 sottraendo così al Giudice di seconda istanza ogni possibilità di indagine sull effettivo rispetto delle regole. Vista la regola 71.2 decide di accogliere l appello proposto dalle barche ITA 11- ITA 12 - ITA 28 ITA 34 e ITA 46 in ordine alla contestazione e comminazione della penalità del DNE al termine della 3a prova del Campionato Italiano Classe UFO perché non ne sussistevano i presupposti; di rimettere ad altro Comitato per le proteste l istruttoria e la decisione, da assumersi secondo le regole, delle proteste e/o domande di riparazione proposte da ITA 28 nei confronti di ITA 29 e di ITA 24 e da ITA 29 nei confronti di ITA 11- ITA 12 ITA 28 ITA 34 ed ITA 46; di trasmettere quindi gli atti al Presidente della F.I.V. affinché, attraverso gli Organi a ciò delibati, provveda a nominare un nuovo Comitato per le proteste affinché, tenuto conto delle indicazioni e dei rilievi di questa Giuria, riconvochi le parti interessate e, ove ritenuto opportuno, anche i testimoni dalle stesse indicati per tenere una nuova udienza nel rispetto delle regole, redigere la classifica della terza prova del già richiamato Campionato tenendo contro della decisione dì questa Giuria di dichiarare illegittimo il DNE comminato alle suddette barche e trasmettere, quindi, il tutto al Comitato Organizzatore del Campionato Italiano UFO 2004 presso lo Yacht Club Porto San Rocco affinché provveda alle eventuali variazioni nell ordine di arrivo della 3a prova e della classifica generale del Campionato; di ritenersi infine, incompetente a decidere in ordine alla contestazione degli equipaggi delle barche ITA 11 ITA 12 ITA 28 ITA 34 e ITA 46 della regola 69.2 del R.R Respinge gli altri motivi di appello proposti perché infondati. Così deciso in Genova li, 25 febbraio Il Presidente Francesco N. Tubarchi

DENOMINAZIONE CIRCOLO ORGANIZZATORE Località. Classe A - CLASSIC. N.B le parti sottolineate in giallo andranno completate/sostituite o eliminate

DENOMINAZIONE CIRCOLO ORGANIZZATORE Località. Classe A - CLASSIC. N.B le parti sottolineate in giallo andranno completate/sostituite o eliminate DENOMINAZIONE CIRCOLO ORGANIZZATORE Località Classe A - CLASSIC N.B le parti sottolineate in giallo andranno completate/sostituite o eliminate Regata Nazionale (Denominazione)/Campionato Nazionale Date

Dettagli

Istruzioni di Regata III TROFEO CSSN

Istruzioni di Regata III TROFEO CSSN Istruzioni di Regata III TROFEO CSSN La Spezia 28-29 maggio 2015 1. REGOLE 1.1 La regata sarà condotta secondo le Regole, così come definite dal Regolamento di Regata (RRS) 2013-2016 e dalla Normativa

Dettagli

Yacht Club Quartu S.Elena Associazione Sportiva Dilettantistica 4 Campionato Primaverile Marina di Capitana TROFEO CFADDA CUP

Yacht Club Quartu S.Elena Associazione Sportiva Dilettantistica 4 Campionato Primaverile Marina di Capitana TROFEO CFADDA CUP Yacht Club Quartu S.Elena Associazione Sportiva Dilettantistica 4 Campionato Primaverile Marina di Capitana TROFEO CFADDA CUP Marina di Capitana 28/29 Maggio 05 Giugno 2016 ISTRUZIONI DI REGATA 1. REGOLE

Dettagli

ASD Sistiana89 RILKE CUP 2015. Domenica 18 ottobre 2015 13 edizione Istruzioni di regata

ASD Sistiana89 RILKE CUP 2015. Domenica 18 ottobre 2015 13 edizione Istruzioni di regata ASD Diporto Nautico Sistiana Yacht Club PORTOPICCOLO ASD Sistiana89 Federazione Italiana Vela RILKE CUP 2015 Domenica 18 ottobre 2015 13 edizione Istruzioni di regata 1 - CIRCOLI ORGANIZZATORI ASD Diporto

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, 10 APRILE 2008, n. 1551: sanzioni pecuniarie per realizzazione di opere abusive in zona demaniale

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, 10 APRILE 2008, n. 1551: sanzioni pecuniarie per realizzazione di opere abusive in zona demaniale CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, 10 APRILE 2008, n. 1551: sanzioni pecuniarie per realizzazione di opere abusive in zona demaniale N.1551/2008 Reg. Dec. N. 9747 Reg. Ric. R E P U B B L I C A I T A L I A N

Dettagli

SELEZIONE ZONALE OPTIMIST 2015 XV ZONA 24 maggio: 1^ selezione zonale - CN Torino - Viverone

SELEZIONE ZONALE OPTIMIST 2015 XV ZONA 24 maggio: 1^ selezione zonale - CN Torino - Viverone SELEZIONE ZONALE OPTIMIST 2015 XV ZONA 24 maggio: 1^ selezione zonale - CN Torino - Viverone ISTRUZIONI DI REGATA Nelle presenti Istruzioni di Regata sono utilizzate le seguenti abbreviazioni: C.I. - Codice

Dettagli

ISTRUZIONI DI REGATA

ISTRUZIONI DI REGATA Campionato Invernale C. N. G. Marconi asd Este 24 dal 8 novembre 2015 al 6 marzo 2016 Ente organizzatore Circolo Nautico G. Marconi asd con la collaborazione dell'associazione di Classe ESTE 24 ISTRUZIONI

Dettagli

XXXV CROCIERA DEL VERBANO Caldè, 1 giugno 2014 ACT 3 Campionato del Verbano Italo-Svizzero 2014.

XXXV CROCIERA DEL VERBANO Caldè, 1 giugno 2014 ACT 3 Campionato del Verbano Italo-Svizzero 2014. Circolo Nautico Caldè A.S.D.. XXXV CROCIERA DEL VERBANO Caldè, 1 giugno 2014 ACT 3 Campionato del Verbano Italo-Svizzero 2014. ISTRUZIONI DI REGATA 1. Comitato Organizzatore: Circolo Nautico Caldè Associazione

Dettagli

CIRCOLO VELICO REGGIO XXVIII MEDITERRANEAN CUP CLASSE OPTIMIST- LASER 4.7- LASER RADIAL. REGGIO di CALABRIA 3 4 novembre 2012

CIRCOLO VELICO REGGIO XXVIII MEDITERRANEAN CUP CLASSE OPTIMIST- LASER 4.7- LASER RADIAL. REGGIO di CALABRIA 3 4 novembre 2012 CIRCOLO VELICO REGGIO XXVIII MEDITERRANEAN CUP CLASSE OPTIMIST- LASER 4.7- LASER RADIAL REGGIO di CALABRIA 3 4 novembre 2012 ISTRUZIONI DI REGATA 1 - ABBREVIAZIONI. Nelle presenti Istruzioni di Regata

Dettagli

Istruzioni di Regata

Istruzioni di Regata Comitato Circoli Velici Alto Tirreno CAMPIONATO INVERNALE 2015 LEGA NAVALE ITALIANA VIAREGGIO TROFEO LNI Marina di Pisa, 18 Ottobre 2015. ORC Gran Crociera (ex Libera) Istruzioni di Regata A - Regolamenti

Dettagli

CIRCOLO VELICO TIBERINO Mitica Ass. Sportiva Dilettantistica. Sabato, 12 maggio 2012, come inizio dellal stagione al lago proponiamo la

CIRCOLO VELICO TIBERINO Mitica Ass. Sportiva Dilettantistica. Sabato, 12 maggio 2012, come inizio dellal stagione al lago proponiamo la Mitica Ass. Sportiva Dilettantistica Sabato, 12 maggio 2012, come inizio dellal stagione al lago proponiamo la esclusiva manifestazione riservata alla Classe Dinghy 12p Vi aspettiamo, amici vicini e lontani,

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

ISTRUZIONI DI REGATA VENEZIA 18 OTTOBRE 2015

ISTRUZIONI DI REGATA VENEZIA 18 OTTOBRE 2015 ISTRUZIONI DI REGATA VENEZIA 18 OTTOBRE 2015 1. CIRCOLO ORGANIZZATORE Compagnia della Vela- Venezia. S. Marco - Giardinetti Reali, 2 Venezia Tel. e Fax 041-5200884 segreteria@compvela.com - http://www.compagniadellavela.org/

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO REGOLAMENTO PER LA TRATTAZIONE DEI RICORSI PROPOSTI AL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 83 del 22 febbraio

Dettagli

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente http://www.dplmodena.it/04-10-11consstatodimisspubb.html Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5384 del 27 settembre 2011,

Dettagli

SOCIETA CANOTTIERI PALERMO

SOCIETA CANOTTIERI PALERMO SOCIETA CANOTTIERI PALERMO Regata dei 5 Fari 29-30 - 31 maggio 2015 Istruzioni di Regata 1 Regolamenti La Regata sarà disputata applicando: - Il Bando di regata - Il Regolamento di regata ISAF 2013/2016

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA DENOMINATA LIBERO CONSORZIO COMUNALE AI SENSI DELLA L.R. N. 8/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

Note all edizione in lingua italiana

Note all edizione in lingua italiana Note all edizione in lingua italiana 1. Quella che segue è la fedele traduzione dalla lingua inglese dell ISAF Sailor Classification Code, che può essere consultato sul sito dell ISAF (www.sailing.org)

Dettagli

Studio Legale Associato

Studio Legale Associato Modena lì 17.02.2005 e p.c. e p.c. e p.c. Egr. Sig. Dott Giovanni Petrucci Presidente CONI Via fax al n. 0636857638 Egr. Sig. Dott. Carlo Magri Presidente FIPAV Spett.le Lega Pallavolo Serie AM Lega Pallavolo

Dettagli

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Ai sensi del D.Lgs n. 79/1999, non vi è decadenza dalle incentivazioni previste per le fonti di energia rinnovabile se le autorizzazioni

Dettagli

ISTRUZIONI DI REGATA

ISTRUZIONI DI REGATA ISTRUZIONI DI REGATA «Trofeo Lega Navale 2015» CHALLENGE MEMORIAL ALFREDO PERIOLI Con il concorso della CLASSI AMMESSE (ORC, ORC Gran Crociera, METEOR, J24) DATA La regata sarà disputata Domenica 20 Settembre

Dettagli

ISTRUZIONI DI REGATA

ISTRUZIONI DI REGATA REGATA NAZIONALE ITALIA CUP Classe Laser Standard Laser Radial m/f Laser 4.7 m/f (valida per la R.L. nazionale Fattore Event Rank 20) CROTONE 31 MAGGIO 2 GIUGNO ISTRUZIONI DI REGATA 1. REGOLE DI REGATA

Dettagli

4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015

4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015 4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015 Regate disputate con imbarcazioni a vela monotipo REGOLAMENTO 1 GENERALITÀ Art. 1 Il C.N.I. Consiglio

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro Udienza del 11.3.2008 N. 1061/06 RG Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano Il Giudice di Monza Dott.ssa Silvia Russo, quale giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.2532/2007 Reg.Dec. N. 263 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

ISTRUZIONI DI REGATA

ISTRUZIONI DI REGATA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ASSOCIAZIONE VELICA CIVITAVECCHIA 1^ SELEZIONE NAZIONALE OPTIMIST CIVITAVECCHIA 30 APRILE - 3 MAGGIO 2015 Nelle presenti Istruzioni di Regata sono utilizzate le seguenti

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ALLEGATO ALLO STATUTO SOCIALE 05 Marzo 2010 1 PREMESSA Ai sensi dell art. 16 dello Statuto Sociale dell A.I.R.C. (Associazione Italiana Roma Club) è redatto

Dettagli

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA Delibera n. 14/11/CIR Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA NELLA sua riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 9 febbraio 2011;

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) SENTENZA N. 00170/2010 00561/2008 REG.SEN. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche ha pronunciato la presente (Sezione Prima)

Dettagli

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) GRECO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) GRECO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 10/2014 DEFC.2014.10 Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X / SKY ITALIA X La Responsabile del

Dettagli

IL NUOVO REGOLAMENTO DI REGATA CONFRONTO COMMENTATO TRA LE DUE EDIZIONI Le principali modifiche 2009-2012 2013-2016

IL NUOVO REGOLAMENTO DI REGATA CONFRONTO COMMENTATO TRA LE DUE EDIZIONI Le principali modifiche 2009-2012 2013-2016 IL NUOVO REGOLAMENTO DI REGATA CONFRONTO COMMENTATO TRA LE DUE EDIZIONI Le principali modifiche Il testo è ampiamente rinnovato ma il comportamento del regatante non cambierà, se non in minima parte. Come

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122 OGGETTO: Illecito amministrativo n. 42/05/RD del 14 febbraio 2005 (obiettivo % di raccolta differenziata rifiuti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA ANNO 1999

REPUBBLICA ITALIANA ANNO 1999 REPUBBLICA ITALIANA N. 2545 REG. RIC. ANNO 1999 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 255 REG. SENT.. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana ANNO 2008 Sezione Seconda composto dai Signori: Giuseppe

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni

Dettagli

Autotutela e giudicato. Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti

Autotutela e giudicato. Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti Autotutela e giudicato Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti Quesiti posti a fine giornata del 30 maggio 2013 -Art. 58 produzione documenti nuovi -Prescrizione spese processuali

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni di

Dettagli

Il gravame è fondato.

Il gravame è fondato. Poiché la lett. g) del comma 1 del cit. art. 38 del D.Lgs. n. 163/2006 commina l esclusione dalla gara e la preclusione alla stipulazione del conseguente contratto ai concorrenti che hanno commesso violazioni,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA N. 00044/2013REG.PROV.COLL. N. 01094/2008 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA sul

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Massimiliano Silvetti Avv. Michele Maccarone IL COLLEGIO DI ROMA Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni

Dettagli

costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n.

costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n. CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO ******* FONDO DI GARANZIA costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n. 182 Capo I

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 00058/2014REG.PROV.COLL. N. 06861/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE REPUBBLICA ITALIANA N.2737 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N. 24 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2005 ha pronunciato la seguente DECISIONE sul

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Prima Quater) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Prima Quater) SENTENZA N. 03146/2015 REG.PROV.COLL. N. 12790/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater) ha pronunciato

Dettagli

Centomiglia nel Golfo degli Angeli

Centomiglia nel Golfo degli Angeli ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SOCIETA' CANOTTIERI ICHNUSA Regata Velica Centomiglia nel Golfo degli Angeli Cagliari 11 12 Luglio 2015 BANDO DI REGATA ENTE ORGANIZZATORE: ASD Società Canottieri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA Art. 1 Potere di esercizio dell autotutela 1. Il comune può procedere, in tutto o in parte, all annullamento, alla

Dettagli

Il giorno 19 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 19 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA N. 65/2014 TITOLO 2014.1.10.4.1 2012.1.10.21.796 LEGISLATURA IX Il giorno 19 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 6 02/12/2013 10.31 N. 00997/2013 REG.PROV.COLL. N. 00200/2009 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia sezione staccata di Brescia

Dettagli

Campionato Velico del Lario 2015

Campionato Velico del Lario 2015 Campionato Velico del Lario 2015 ORC/Metrico Istruzioni di Regata Standard (Ver. 5 del 11/05/2015) COMITATO ORGANIZZATORE, DI REGATA, DI GIURIA, COMM. STAZZA A cura del Comitato Tecnico dei Circoli Velici

Dettagli

SA A.S.D. Anno di fondazione 1891. Pag.1 di 11

SA A.S.D. Anno di fondazione 1891. Pag.1 di 11 SOCIETA CANOTTIERI ICHNUS SA A.S.D. Anno di fondazione mini ROUND SARDINIA RACE Cagliari 23 30 Maggio 2015 Classi - Classes Mini 6.50 Prototipi Mini 6.50 Serie Istruzioni di regataa Tel. Fax. 070/301750

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 7 N. 01041/2014 REG.PROV.COLL. N. 00844/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima)

Dettagli

FIV XIII ZONA FVG LA ROMANTICA 2015

FIV XIII ZONA FVG LA ROMANTICA 2015 FIV XIII ZONA FVG LA ROMANTICA 2015 ISTRUZIONI DI REGATA 01.00 Circolo Organizzatore SOCIETA VELICA DI BARCOLA E GRIGNANO Viale Miramare, 32-34135 TRIESTE Tel. 040/41.16.64 - Fax 040/41.38.38 e-mail: regate@svbg.it

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE

SISTEMA DISCIPLINARE COZZI S.r.l. Sistema disciplinare ex D.lgs. 231/2001 COZZI S.r.l. SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi dell art. 6 D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 ENTRATA IN VIGORE DATA (Deliberazione C.d.a. 15/12/2009) 15/12/2009

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

Cartelle per posta: prova dell avvenuta notifica

Cartelle per posta: prova dell avvenuta notifica Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 363 09.12.2014 Cartelle per posta: prova dell avvenuta notifica Equitalia deve dimostrare che il plico raccomandato conteneva la cartella esattoriale

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02212/2012REG.PROV.COLL. N. 01572/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

Successione nel rapporto impositivo Domenica 15 Novembre 2009 00:28 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Novembre 2009 09:24

Successione nel rapporto impositivo Domenica 15 Novembre 2009 00:28 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Novembre 2009 09:24 Comm. trib. prov.le Bari, sez. II, 14 ottobre 2009, n. 124 La massima In caso di successione nel rapporto impositivo, tutti gli eredi sono responsabili in proprio e solidalmente per le obbligazioni tributarie

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

ISTRUZIONI DI REGATA (IdR)

ISTRUZIONI DI REGATA (IdR) Edizione 2015 ISTRUZIONI DI REGATA (IdR) Aggiornate al 26 maggio 2015 La manifestazione si svolge su tre prove, una regata di altura, con partenza differenziata, e due su percorso costiero dal 30 maggio

Dettagli

CAMPIONATO INVERNALE 2007 IRC - IMS - Libera - Minialtura

CAMPIONATO INVERNALE 2007 IRC - IMS - Libera - Minialtura CAMPIONATO INVERNALE 2007 IRC - IMS - Libera - Minialtura Valido per l assegnazione della Coppa delle due Lagune 2007 Porto S. Margherita - Lignano BANDO DI REGATA Organizzazione: Circolo Nautico Porto

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) titolari di incarichi politici ex art. 14 del D.Lgs. n. 33/2013 - Pagina 1 di 9 COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) Regolamento per l attuazione degli obblighi di trasparenza e di pubblicazione

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

omesso invito a sottoporsi a visita medica diper l accertamento dell idoneità all attività sportiva agonistica nelle stagioni 2011/2012; 2)

omesso invito a sottoporsi a visita medica diper l accertamento dell idoneità all attività sportiva agonistica nelle stagioni 2011/2012; 2) COMITATO REGIONALE SICILIA Atleta GALLETTI Denise Ricorso per lo scioglimento coattivo del vincolo dalla società A.S.D. Teams Volley La Commissione Tesseramento composta da: Avv. Fulvio Licari Avv. Danilo

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

Sent. n. 26298 del 29 dicembre 2010 (ud. dell 8 novembre 2010) della Corte Cass., Sez. tributaria Pres. Panebianco, Rel. Magno

Sent. n. 26298 del 29 dicembre 2010 (ud. dell 8 novembre 2010) della Corte Cass., Sez. tributaria Pres. Panebianco, Rel. Magno Sent. n. 26298 del 29 dicembre 2010 (ud. dell 8 novembre 2010) della Corte Cass., Sez. tributaria Pres. Panebianco, Rel. Magno Fatto e diritto - 1.- Dati del processo. 1.1.- L agenzia delle entrate ricorre,

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 6 REVOCA DI DECISIONI,

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Luglio Giuseppe - Presidente Cordola Michele - Relatore

Dettagli

Regolamento d esame. Patrocinio: veb.ch, Società svizzera degli impiegati del commercio. Valido dall esame di ottobre 2016

Regolamento d esame. Patrocinio: veb.ch, Società svizzera degli impiegati del commercio. Valido dall esame di ottobre 2016 Collaboratore/collaboratrice qualificato/a della contabilità Collaboratore/collaboratrice qualificato/a fiduciario Collaboratore/collaboratrice qualificato/a fiscale edupool.ch Patrocinio: veb.ch, Società

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 1996

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 1996 Sintesi: Con la sentenza 5144/2003 il Consiglio di Stato, chiamato a decidere una questione concernente il riconoscimento di un rapporto di lavoro dipendente con la P.A. cerca di fare ulteriore chiarezza

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro:

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO SEZIONE STACCATA DI BRESCIA SESSANTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Fondrieschi Fausto

Dettagli

Regolamento IO DONO SICURO. Per le Organizzazioni Non Profit con entrate inferiori ai 300.000

Regolamento IO DONO SICURO. Per le Organizzazioni Non Profit con entrate inferiori ai 300.000 Regolamento IO DONO SICURO Per le Organizzazioni Non Profit con entrate inferiori ai 300.000 1 INDICE 1. Regolamento di ammissione 1.1 Presentazione 1.2 Criteri di ammissione 1.3 Criteri di rinnovo per

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport IL COLLEGIO ARBITRALE composto da Prof. Avv. Massimo Zaccheo Prof. Avv. Tommaso Edoardo Frosini Cons. Silvestro Maria Russo Presidente del Collegio Arbitrale

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro N. 00510/2011REG.PROV.COLL. N. 06055/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 14 gennaio 2015

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 14 gennaio 2015 Consiglio di Stato, Sez. II, parere, 20.02.2015 n. 518 Materia: riconoscimento causa di servizio R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 14 gennaio

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

Presidente. Componente

Presidente. Componente DELIBERA N. 22/2015 TITOLO 2015.1.10.4 2013.1.10.21.1305 LEGISLATURA X Il giorno 24 aprile 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei

Dettagli