Normativa sulla privacy negli. USA: Italia:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?"

Transcript

1 Normativa sulla privacy negli USA e in Italia USA: Italia: Complementi di Informatica Medica 1. Anno Accademico

2 Hipaa Hipaa e l acronimo di (Health Insurance Portability and Accountability Act) legge statunitense sulla responsabilità, portabilità e sicurezza nelle applicazioni mediche del Il responsabile dell implementazione l i dei vari provvedimenti è il CMS, Centers for Medicare & Medicaid Services, anche se Hipaa può voler dire diverse cose per diverse persone. Il I titolo riguarda la garanzia alle prestazioni mediche per i lavoratori e i loro familiari in caso di perdita del lavoro. Il II titolo riguarda i problemi di sicurezza e la privacy per i dati. Utilizzandolo si incrementa l efficacia e l efficienza dei sistemi sanitari nazionali aumentando lo scambio di dati in formato elettronico.

3 Hipaa Hipaa include nuove e importanti protezioni per milioni di lavoratori americani e per le loro famiglie. Tra le sue specifiche protezioni, Hipaa: Limita l uso delle condizioni di esclusione pre-esistenti; Proibisce ai gruppi di assicurazioni di discriminare o aumentare i costi dei pacchetti a seguito di malattie personali o dei familiari; Garantisce un assistenza minima a tutti, inclusi i lavoratori che hanno appena perso il lavoro; Garantisce in molti casi la possibilità di rinnovare le condizioni della polizza anche dopo la stipula.

4 Hipaa Hipaa: Non richiede ai capi delle aziende di pagare le spese per i dipendenti; Non controlla i guadagni che gli assicuratori i possono ottenere attraverso le polizze; Non garantisce la polizza assicurativa per tutti i lavoratori; Non richiede ai gruppi sanitari di offrire benefici specifici; Non permette ai titolari di polizze di tenere le stesse in caso di cambio del posto di lavoro; Non elimina del tutto l uso delle precedenti condizioni; Non sostituisce gli Stati come prima entità in ambito di regolazione della salute.

5 Analisi sommaria del Decreto Legislativo 196/2003 per quanto attiene alle disposizioni relative alla protezione dei sistemi informativi e dei dati in essi contenuti, al fine di consentire alle Aziende ed agli Enti interessati di valutare se: l ambito di applicazione del Decreto Legislativo coinvolga il proprio sistema informativo; le nuove disposizioni richiedano un intervento sul proprio sistema informativo. La Normativa elenca minuziosamente le operazioni che possono essere compiute sulle informazioni, chiamate anche dati se all interno di un sistema informativo, tanto cartaceo quanto con sistemi elettronici; in sostanza per trattamento viene considerata qualunque operazione eseguita sulle informazioni.

6 Decreto legislativo l 196/2003 Tipi di dati presi in esame: Dati personali: qualunque informazione i relativa a persona fisica, i persona giuridica, ente od associazione. Queste informative sono considerate personali nel momento in cui in qualunque modo possono essere collegate alla persona a cui sono riferite; la normativa non distingue tra luoghi fisici e informatici presso i quali i dati potrebbero essere posizionati; Dati identificativi: Si intendono con questa accezione i dati che consentono di correlare i Dati Personali alle Persone ed Enti cui sono relativi; Dati sensibili: Dati giudiziari:

7 Dati sensibili: si intendono con questa accezione i dati che per loro natura potrebbero essere causa di discriminazioni. Si tratta nella sostanza di quei dati più comunemente considerati degni di protezione da parte della normativa sulla privacy, costituenti una sotto-categoria dei Dati Personali. Dati giudiziari: Si intendono con questa accezione i dati utili a rivelare la condizione giudiziaria di Persone fisiche e giuridiche. Destinatari della nuova normativa sono tutti coloro che detengono informazioni i i o dati personali relativi i a persone fisiche o giuridiche. Quindi tutte le aziende che possiedono un archivio dati relativo a tutti i pazienti devono sottostare a questa normativa.

8 Finalità primarie rispetto alle informazioni: la massima riduzione dei rischi di distruzione o perdita; in questo caso deve essere creato un sistema di salvataggio che non si limiti ad una generica copia una tantum ; la massima riduzione dei rischi di intrusione di estranei non autorizzati tra i dati, tanto per la loro lettura, quanto per il loro utilizzo non consono ai dati stessi.

9 Misure di sicurezza minime da attuare in un sistema informativo: Un sistema di autenticazione per l accesso ai dati: Si tratta della gestione dei codici di accesso alle macchine ed ai dati; tali codici dovranno, secondo i dettami del Disciplinare Tecnico, essere gestiti in modo razionale da un Responsabile, periodicamente aggiornate, ideate secondo criteri di sicurezza. Poced Procedure edigestione delle credenziali di autenticazione, ione ovvero sistemi tali da garantire l effettiva motivazione all accesso da parte degli autorizzati, ed il ritiro delle credenziali a chi non lo fosse ulteriormente.

10 Misure di sicurezza minime da attuare in un sistema informativo: L aggiornamento periodico dell individuazione dell ambito del trattamento consentito ai singoli incaricati e addetti alla gestione o alla manutenzione degli strumenti elettronici, ovvero un sistema di controllo o o dell accesso ai dati da parte degli operatori addetti alla a gestione e manutenzione dell hardware. La protezione degli strumenti elettronici e dei dati rispetto a trattamenti illeciti di dati, ad accessi non consentiti e a determinati programmi informatici. L adozione di procedure per la custodia di copie di sicurezza, il ripristino della disponibilità dei dati e dei sistemi.

11 Misure di sicurezza minime da attuare in un sistema informativo: La tenuta di un aggiornato documento programmatico sulla sicurezza, ovvero di un documento all interno del quale venga descritta e giustificata la politica di sicurezza adottata, le modalità di verifica e così via. d d h d f d d d f L adozione di tecniche di cifratura o di codici identificativi per determinati trattamenti di dati idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale effettuati da organismi sanitari.

12 Definizioni: "trattamento", qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l'ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione estrazione, il raffronto, l'utilizzo utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati; "dato personale", qualunque informazione i relativa a persona fisica, i persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale;

13 Definizioni: "dati identificativi", i dati personali che permettono l identificazione diretta dell interessato; dati sensibili, i dati personali idonei i a rivelare l'origine i razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale; dati giudiziari, i dati personali idonei a rivelare provvedimenti in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti, o la qualità di imputato o di indagato.

14 Modalità tecniche da adottare a cura del titolare, del responsabile ove designato e dell incaricato, in caso di trattamento con strumenti elettronici: 1. Sistema di autenticazione informatica; 2. Sistema di autorizzazione; 3. Altre misure di sicurezza; 4. Documento programmatico sulla sicurezza; 5. Ulteriori misure in caso di trattamento di dati sensibili o giudiziari; 6. Misure di tutela e garanzia; 7. Trattamenti senza l ausilio di strumenti elettronici. i

15 1. Sistema di autenticazione informatica: Il trattamento di dati personali con strumenti elettronici è consentito agli incaricati dotati di credenziali di autenticazione che consentano il superamento di una procedura di autenticazione relativa a uno specifico trattamento o a un insieme di trattamenti; Ad ogni incaricato icato sono assegnate o associate individualmente id una o più credenziali per l autenticazione; Il codice per l identificazione, laddove utilizzato, non può essere assegnato ad altri incaricati, neppure in tempi diversi; Quando l accesso ai dati e agli strumenti elettronici è consentito esclusivamente mediante uso della componente riservata della credenziale per l autenticazione, sono impartite idonee e preventive disposizioni scritte volte a individuare chiaramente le modalità con le quali il titolare può assicurare la disponibilità di dati o strumenti elettronici in caso di prolungata assenza o impedimento dell incaricato che renda indispensabile e indifferibile intervenire per esclusive necessità di operatività e di sicurezza del sistema. Le disposizioni sul sistema di autenticazione di cui ai precedenti punti e quelle sul sistema di autorizzazione non si applicano ai trattamenti dei dati personali destinati alla diffusione.

16 2. Sistema di autorizzazione: Quando per gli incaricati sono individuati profili di autorizzazione di ambito diverso è utilizzato un sistema di autorizzazione; I profili di autorizzazione, per ciascun incaricato o per classi omogenee di incaricati, sono individuati e configurati anteriormente all inizio del trattamento, in modo da limitare l accesso ai soli dati necessari per effettuare le operazioni di trattamento; Periodicamente, e comunque almeno annualmente, è verificata la sussistenza delle condizioni per la conservazione dei profili di autorizzazione.

17 3. Altre misure di sicurezza: Nell ambito dell aggiornamento periodico la lista degli incaricati può essere redatta anche per classi omogenee di incarico e dei relativi profili di autorizzazione; I dati personali sono protetti contro il rischio di intrusione mediante l attivazione di idonei strumenti elettronici da aggiornare con cadenza almeno semestrale; Gli aggiornamenti periodici sono effettuati almeno annualmente. In caso di trattamento di dati sensibili o giudiziari l aggiornamento è almeno semestrale; Sono impartite istruzioni organizzative e tecniche che prevedono il salvataggio dei dati con frequenza almeno settimanale.

18 4. Documento programmatico sulla sicurezza: Entro il 31 marzo di ogni anno, il titolare di un trattamento di dati sensibili o di dati giudiziari redige un documento programmatico sulla sicurezza contenente idonee informazioni riguardo: l elenco lelenco dei trattamenti di dati personali; la distribuzione dei compiti e delle responsabilità nell ambito delle strutture preposte al trattamento dei dati; l analisi dei rischi che incombono sui dati; le misure da adottare per garantire l integrità ità e la disponibilità ibilità dei dati, nonché la protezione delle aree e dei locali, rilevanti ai fini della loro custodia e accessibilità; la descrizione dei criteri e delle modalità per il ripristino della disponibilità dei dati in seguito a distruzione o danneggiamento; la previsione i di interventi ti formativi i degli incaricati i del trattamento, tt t per renderli edotti dei rischi che incombono sui dati, delle misure disponibili per prevenire eventi dannosi, dei profili della disciplina sulla protezione dei dati personali più rilevanti in rapporto alle relative attività, delle responsabilità che ne derivano e delle modalità per aggiornarsi sulle misure minime adottate dal titolare. per i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale l individuazione dei criteri da adottare per la cifratura o per la separazione di tali dati dagli altri dati personali dell interessato.

19 5. Ulteriori misure in caso di trattamento di dati sensibili o giudiziari: i i I dati sensibili o giudiziari sono protetti contro l accesso abusivo mediante l utilizzo di idonei strumenti elettronici; Sono impartite istruzioni organizzative e tecniche per la custodia e l uso dei supporti rimovibili su cui sono memorizzati i dati al fine di evitare accessi non autorizzati e trattamenti non consentiti; supporti rimovibili contenenti dati sensibili o giudiziari se non utilizzati sono distrutti o resi inutilizzabili; Sono adottate idonee misure per garantire il ripristino dell accesso ai dati in caso di danneggiamento degli stessi o degli strumenti elettronici; I dati relativi all identità genetica sono trattati esclusivamente all interno di locali protetti accessibili ai soli incaricati dei trattamenti ed ai soggetti specificatamente autorizzati ad accedervi; il trasporto dei dati all esterno dei locali riservati al loro trattamento deve avvenire in contenitori muniti di serratura o dispositivi equipollenti; il trasferimento dei dati in formato elettronico è cifrato.

20 6. Misure di tutela t e garanzia: Il titolare che adotta misure minime di sicurezza avvalendosi di soggetti esterni alla propria struttura, per provvedere alla esecuzione riceve dall installatore una descrizione scritta dell intervento effettuato che ne attesta la conformità alle disposizioni del presente disciplinare tecnico; ll titolare riferisce, nella relazione accompagnatoria del bilancio d esercizio, se dovuta, dell avvenuta redazione o aggiornamento del documento programmatico sulla sicurezza.

21 7. Trattamenti senza l ausilio di strumenti elettronici: Modalità tecniche c e da adottare in caso di trattamento to con strumenti t diversi da quelli elettronici: Agli incaricati sono impartite istruzioni scritte finalizzate al controllo ed alla custodia degli atti e dei documenti contenenti dati personali. Nell ambito dell aggiornamento periodico con cadenza almeno annuale dell individuazione dell ambito del trattamento consentito ai singoli incaricati, la lista degli incaricati può essere redatta anche per classi omogenee di incarico e dei relativi profili di autorizzazione; Quando gli atti e i documenti contenenti dati personali sensibili o giudiziari sono affidati agli incaricati del trattamento per lo svolgimento dei relativi compiti, i medesimi atti e documenti sono controllati e custoditi dagli incaricati fino alla restituzione in maniera che ad essi non accedano persone prive di autorizzazione, e sono restituiti al termine delle operazioni affidate; L accesso agli archivi contenenti dati sensibili o giudiziari è controllato. Quando gli archivi non sono dotati di strumenti elettronici per il controllo degli accessi o di incaricati della vigilanza, le persone che vi accedono sono preventivamente autorizzate.

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

MISURE MINIME DI SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

MISURE MINIME DI SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MISURE MINIME DI SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI D.Lgs. 196/03 artt.31-36 Allegato B Art. 31 (Obblighi di sicurezza) 1. I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati,

Dettagli

T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675)

T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675) T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675) La Legge disciplina il trattamento di dati con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati proponiamo uno schema

Dettagli

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi La tutela della Privacy Annoiatore: Stefano Pelacchi 1 Appunti Le organizzazioni del volontariato possono assumere qualsiasi forma giuridica prevista dal Libro I del Codice Civile compatibile con il proprio

Dettagli

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Pag. 1 di 11 PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI REV. DATA REDATTO APPROVATO Rev. 2 aprile 2014 Dr. Egidio Sesti Referente Aziendale Privacy Dr. Vitaliano De Salazar Direttore

Dettagli

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA Una proposta per rispondere alla misura 4.4 (o e ) del Provvedimento del Garante del 28 novembre 2008. E' possibile dare il proprio

Dettagli

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura Corso 196/03 per i Responsabili e gli Incaricati del Trattamento Dati Percorso Formativo per l Incaricato del Trattamento Dati: Pre-requisiti: 1. Conoscenza dei dati trattati 2. Conoscenza degli strumenti

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA DI MISURE MINIME DI SICUREZZA ANNO 2015

DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA DI MISURE MINIME DI SICUREZZA ANNO 2015 DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA DI MISURE MINIME DI SICUREZZA ANNO 2015 Approvato dall Amministratore Unico di Metro con determina n. 5 del 9 marzo 2015 1 Disciplinare tecnico 2015 in materia di misure

Dettagli

Azienda Sanitaria di Cagliari

Azienda Sanitaria di Cagliari Azienda Sanitaria di Cagliari Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D.lgs. n. 196/2003 e ss. mm. ed ii. Codice in materia di protezione dei dati personali INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 Dal 01.01.2004 e' entrato in vigore il DLgs 196 del 30.06.2003 cosiddetto Testo Unico sulla Privacy. Di seguito un breve riepilogo dei principali aspetti della norma che

Dettagli

Privacy. Argomenti della presentazione 9MARZO 2006. genesys software srl

Privacy. Argomenti della presentazione 9MARZO 2006. genesys software srl genesys software srl SISTEMI INFORMATIVI Via Rodolfo Redi, 3-70124 BARI Tel. 080/561.90.01 Fax 080/561.43.91 E-mail: genesys@genesysnet.it 9MARZO 2006 Privacy Argomenti della presentazione 1 PRIVACY IL

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Via F. Balestrieri, 6-25124 Brescia Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree

Dettagli

FORMAZIONE PRIVACY 2015

FORMAZIONE PRIVACY 2015 Intervento formativo per rendere edotti gli incaricati del trattamento di dati personali dei rischi che incombono sui dati e delle relative misure di sicurezza ai sensi dell art. 130 del D.Lgs. 196/2003

Dettagli

UNINDUSTRIA SERVIZI s.r.l. REGOLAMENTO PER LA PROTEZIONE DEI DATI

UNINDUSTRIA SERVIZI s.r.l. REGOLAMENTO PER LA PROTEZIONE DEI DATI UNINDUSTRIA SERVIZI s.r.l. REGOLAMENTO PER LA PROTEZIONE DEI DATI REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 34, COMMA 1, LETTERA G) DEL D.LGS 196/2003 e successive modifiche, E DEL DISCIPLINARE

Dettagli

C e n t o. 9 6 ti mette in regola con la Legge sulla Privacy

C e n t o. 9 6 ti mette in regola con la Legge sulla Privacy Privacy 2004 Il Nuovo Testo Unico sulla Privacy (D.L. n.196 del 30 giugno 2003) è già in vigore. Le norme prevedono vincoli rigorosi e pene severe in caso di inadempienza. Impegnarsi autonomamente per

Dettagli

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Misure di Sicurezza adottate

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma Sofia e Misure di Sicurezza adottate Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Pagina 1 di 10 INDICE 1. Definizioni 3 2. Individuazione dei tipi di dati e di operazioni eseguibili 4 3. Titolare del trattamento, oneri informativi

Dettagli

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda open > PRIVACY.NET La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda next > Il software è rivolto a: Chiunque tratta dati personali, con e senza strumenti elettronici, è tenuto

Dettagli

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese (Informativa ex articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali) Nella presente informativa

Dettagli

Sistemi OHSAS 18001:2007

Sistemi OHSAS 18001:2007 E T I C A E S I C U R E Z Z A Excellentia S.p.a. con professionisti, tecnici ed esperti assiste l'azienda negli adempimenti cogenti in materia di sicurezza e salute dei lavoratori: Redazione del Sistema

Dettagli

FASCICOLO INFORMATIVO PER INSEGNANTI E PERSONALE AMMINISTRATIVO

FASCICOLO INFORMATIVO PER INSEGNANTI E PERSONALE AMMINISTRATIVO www.ictramonti.org Autonomia Scolastica n. 24 Istituto Comprensivo Statale G. Pascoli Via Orsini - 84010 Polvica - Tramonti (SA)Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@istruzione.it-

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ALLEGATO 2 ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Con questo documento si intende offrire: - una precisazione in ordine ai termini ed ai concetti più frequentemente richiamati dalla normativa

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

PRIVACY. Federica Savio M2 Informatica

PRIVACY. Federica Savio M2 Informatica PRIVACY Federica Savio M2 Informatica Adempimenti tecnici obbligatori e corretta salvaguardia dei dati e dei sistemi Normativa di riferimento - oggi D.LGS 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati

Dettagli

Istruzioni Incaricati

Istruzioni Incaricati L articolo 30, comma 1 del d. lgs. 196/2003 (codice della privacy) prevede che le operazioni di trattamento dei dati personali possono essere svolte solo da incaricati, che operano sotto la diretta autorità

Dettagli

Jesolo Patrimonio S.r.l.

Jesolo Patrimonio S.r.l. Jesolo Patrimonio S.r.l. Regolamento per il riutilizzo e lo smaltimento di apparecchiature elettroniche e supporti di memorizzazione Titolo documento: Codice documento: Nome file: Stato documento: Versione:

Dettagli

COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Allegato 2) COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PREMESSA La presente trattazione, che si colloca nell ambito delle attività

Dettagli

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona Privacy Il tema della privacy è stato oggetto di diverse interpretazioni e successivi chiarimenti da parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona alle realtà

Dettagli

Manuale Operativo per la Protezione dei Dati Personali

Manuale Operativo per la Protezione dei Dati Personali UNITN 18/02/2015 0003486 I - Allegato Utente 1 (A01) Direzione Sistemi Informativi Manuale Operativo per la Protezione dei Dati Personali Versione 1.0 14/12/2014 TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI - Questo

Dettagli

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy GP&A Srl Via Seprio, 2 20149 Milano Phone: 02/45.49.53.73 Fax: 02/45.49.53.74 Email: info@gpa.it Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19 Per trattamento di dati deve intendersi: qualunque operazione o complesso di operazioni, svolte con o senza l ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione,

Dettagli

LORO SEDI. OGGETTO: Misure minime di sicurezza previste dal D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali)

LORO SEDI. OGGETTO: Misure minime di sicurezza previste dal D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Prot. n. 15546 Lecce, 24 giugno 2004 Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento e dei Centri con autonomia contabile e gestionale Ai Responsabili di Progetto Ai Direttori delle Scuole di Specializzazione

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza (D.P.S.) adottato ai sensi dell art. 31 del d. lgs. 196/2003 e dell allegato B

Documento Programmatico sulla Sicurezza (D.P.S.) adottato ai sensi dell art. 31 del d. lgs. 196/2003 e dell allegato B Pagina 1 di 18 Documento Programmatico sulla Sicurezza (D.P.S.) adottato ai sensi dell art. 31 del d. lgs. 196/2003 e dell allegato B Pagina 2 di 18 SCOPO DEL (DPS) GR Elettronica S.r.l. (di seguito azienda),

Dettagli

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196,

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, relativo alla individuazione dei tipi di dati e delle operazioni eseguibili in tema di trattamento

Dettagli

Regolamento per la videosorveglianza Titolare dei dati dott.ssa Giuseppina Presutto

Regolamento per la videosorveglianza Titolare dei dati dott.ssa Giuseppina Presutto Regolamento per la videosorveglianza Titolare dei dati dott.ssa Giuseppina Presutto INDICE Introduzione TITOLO I - Descrizione Art. 1. Definizioni specifiche Art. 2. Definizioni D.Lgs. n. 196/03 TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO SOMMARIO: CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 -

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Quadro di riferimento

Quadro di riferimento ENEA Frascati sala Bruno Brunelli 14 e 17 ottobre 2005 ore 9,30 formazione in materia di Protezione dei dati personali punto 19.6 del Discplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza del d.lg.

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI 1 Informativa Privacy Fondazione Ettore Sansavini per Ricerca Scientifica Onlus INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Dettagli

Il Trattamento dei dati personali

Il Trattamento dei dati personali Il Trattamento dei dati personali Obblighi e adempimenti del professionista dott. Francesco Loppini LA PRIVACY DAL PUNTO DI VISTA STORICO In Italia, a partire dal 1981, numerosi disegni di legge: Il progetto

Dettagli

AVIS COMUNALE MILAZZO

AVIS COMUNALE MILAZZO Con l introduzione del D.Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali, che dal lontano 2004 è diventato operativo sostituendo la L. 675/1996, molte sono le domande sulla necessità di una nuova legge

Dettagli

ASPETTI GENERALI. L applicazione del Codice in materia di protezione dei dati personali nelle Aziende Sanitarie pubbliche

ASPETTI GENERALI. L applicazione del Codice in materia di protezione dei dati personali nelle Aziende Sanitarie pubbliche L applicazione del Codice in materia di protezione dei dati personali nelle Aziende Sanitarie pubbliche ASPETTI GENERALI Franco Cardin Corso ANAI 2007 1 La nascita del diritto alla privacy Un po di storia..

Dettagli

ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA TUTELA DELLA PRIVACY

ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA TUTELA DELLA PRIVACY Dal sito web: TUwww.diocesi.milano.itUT ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA TUTELA DELLA PRIVACY La Parrocchia, in qualità di ente ecclesiastico civilmente riconosciuto, dunque soggetto di diritto, nello svolgimento

Dettagli

FONDAMENTI DI DIRITTO DELL INFORMATICA

FONDAMENTI DI DIRITTO DELL INFORMATICA MASSIMO FARINA 171 3. Le disposizioni generali: principi Il Codice della privacy si apre, all art. 1, con un chiaro principio Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano. Il

Dettagli

I rischi legati al trattamento dei dati e gli adempimenti obbligatori per le aziende

I rischi legati al trattamento dei dati e gli adempimenti obbligatori per le aziende I rischi legati al trattamento dei dati e gli adempimenti obbligatori per le aziende STUDIO LEGALE SAVINO, Via Monte Santo 14 Roma Email: - Telefono: 06-3728446 Legge 547/93 Modificazioni ed integrazioni

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA)

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP Provincia Via/C.so/P.zza

Dettagli

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria.

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria. Aspetti pratici della corretta gestione degli adempimenti necessari. Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

Documento unico. composto da numero di pagine. Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa. Data. Firma del Presidente

Documento unico. composto da numero di pagine. Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa. Data. Firma del Presidente Documento unico composto da numero di pagine Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa. Data Firma del Presidente PROCEDURA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E DOCUMENTO PROGRAMMATICO

Dettagli

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03)

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) A cura di Gianfranco Gargani A seguito delle diverse richieste degli iscritti

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza dei dati personali e sensibili DPS 2011

Documento Programmatico sulla Sicurezza dei dati personali e sensibili DPS 2011 Documento Programmatico sulla Sicurezza dei dati personali e sensibili DPS 2011 Redatto in base alla disposizione di cui al punto 19 del DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA di MISURE MINIME di SICUREZZA del

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INDICE 1 OGGETTO... 2 2 DEFINIZIONI... 2 3 ORGANIZZAZIONE, COMPITI E RESPONSABILITA... 3 4 TRATTAMENTI EFFETTUATI... 4 4.1 TRATTAMENTI INTERNI... 4 4.2

Dettagli

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5. Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.2012 OGGETTO: individuazione degli incaricati del trattamento dati personali

Dettagli

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEGLI STUDI LEGALI (DPS) Redatto ai sensi e per gli effetti dell art. 34, c. 1, lett. g) del D.Lgs 196/2003 e del

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE. CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013

MODULO DI ISCRIZIONE. CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013 MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013 DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP

Dettagli

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS corso di formazione per il personale dell Università e degli Enti convenzionati con il Servizio Catalogo Unico TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Dettagli

Tutela e informativa sulla Privacy

Tutela e informativa sulla Privacy Tutela e informativa sulla Privacy Informazioni in materia di protezione dei dati personali. Art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Ai

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Università - 2 - PREMESSA Scopo della presente procedura è illustrare le norme comportamentali/tecniche cui gli Incaricati devono

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza

Documento Programmatico sulla Sicurezza (Unione degli Avvocati Europei) Studio Legale Avv..... Documento Programmatico sulla Sicurezza Ex art. 34, lett. g) e punto 19 allegato B del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione

Dettagli

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di Con il presente provvedimento il Garante intende richiamare tutti i titolari di trattamenti effettuati, anche in parte, mediante strumenti elettronici alla necessità di prestare massima attenzione ai rischi

Dettagli

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti.

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti. Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI COMUNE DI ROSSANO VENETO SERVIZI INFORMATICI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI Allegato A) INDICE 1 INTRODUZIONE 2 ASPETTI GENERALI 2.1 Contenuti 2.2 Responsabilità 2.3 Applicabilità

Dettagli

Protezione dei dati personali

Protezione dei dati personali Associazione Federazione Pugliese Donatori Sangue Piazza Umberto I Palazzina ex goccia del latte Tel/fax: 0805219118 e-mail: fidas_fpds@yahoo.it www.federazionepugliesedonatorisangue.it 70121 B A R I ONLUS

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI MISURE MINIME DI SICUREZZA INDICE Articolo 1 - Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO SITO WEB

REGOLAMENTO SITO WEB REGOLAMENTO SITO WEB Art 1. Sito Web Il sito dell Istituto Comprensivo di Montecorvino Pugliano, www.icpugliano.gov.it, è curato da responsabili incaricati dal dirigente scolastico. Per le caratteristiche

Dettagli

Regolamento per la Videosorveglianza

Regolamento per la Videosorveglianza Regolamento per la Videosorveglianza Art. 1 Il sistema di videosorveglianza è installato per le seguenti finalità: a. la sicurezza urbana, stradale e della circolazione e per le attività di polizia giudiziaria

Dettagli

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale COMUNE DI CASAZZA Comune di Casazza Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale in ottemperanza del D.Lgs. 196/2003 e s.m. Adottato con DCC n.

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO 1 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI SOGGETTI RESPONSABILI Art. 1 Finalità e definizioni P.

Dettagli

COMUNE DI CARTURA Provincia di Padova Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati

COMUNE DI CARTURA Provincia di Padova Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati COMUNE DI CARTURA Provincia di Padova Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati Versione 1.0.0 1 SOMMARIO 1 APPROVAZIONI...3 2 LISTA DI DISTRIBUZIONE...3 3 REVISIONI...3 4

Dettagli

Privacy : nuovo testo unico obblighi informativi nella relazione sulla gestione notificazione

Privacy : nuovo testo unico obblighi informativi nella relazione sulla gestione notificazione ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 10/2004 Privacy : nuovo testo unico obblighi informativi nella relazione sulla gestione

Dettagli

Privacy. D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna. Dr. Mauro Vitacca

Privacy. D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna. Dr. Mauro Vitacca Privacy D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna Dr. Mauro Vitacca Disposizioni interne Regolamento aziendale di applicazione della normativa di cui al Decreto Legislativo 196/03 (normativa Privacy) e

Dettagli

Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali.

Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. 1 INDICE INTRODUZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014

REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014 REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014 Art 1. Sito Web Il sito dell Istituto Comprensivo Dante Alighieri di Aulla (MS), www.alighieriaulla.it, è curato da responsabili incaricati

Dettagli

LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003)

LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003) LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003) Indicazioni pratiche per i Centri di Ascolto La legge sulla privacy intende disciplinare il trattamento dei dati personali, ovvero di tutte quelle operazioni di raccolta,

Dettagli

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA NOMINA E LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI SISTEMA E GLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI OSSERVANZA DELLE MISURE DI SICUREZZA PRIVACY 1 ARTICOLO 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

Anno Scolastico 2008/2009

Anno Scolastico 2008/2009 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PADRE PIO VIA RENO, 1-70022 ALTAMURA (BA) Tel. 0803141677 0803141303 - Fax 0803160959 C.F. C.F.82015810722 La Sicurezza a Scuola Il Documento Programmatico sulla Sicurezza

Dettagli

Da inviare a: Aon S.p.A., Via C. Colombo 149, 00147 Roma. Cognome:.. Nome:.. Codice Fiscale: Data di nascita:..

Da inviare a: Aon S.p.A., Via C. Colombo 149, 00147 Roma. Cognome:.. Nome:.. Codice Fiscale: Data di nascita:.. Convenzione LTC CIPAG/Poste Vita n. 22 Modulo di adesione per la copertura aggiuntiva Individuale ai sensi dell art. 15 delle Condizioni Generali di Assicurazione Da inviare a: Aon S.p.A., Via C. Colombo

Dettagli

Documento n. 9 del 19 marzo 2004. Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587

Documento n. 9 del 19 marzo 2004. Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587 Fondazione Luca Pacioli CODICE DELLA PRIVACY TESTO UNICO IN MATERIA DI DATI PERSONALI (D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 169) Documento n. 9 del 19 marzo 2004 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1

Dettagli

Scheda Rilevazione - Sistema PRIVACY

Scheda Rilevazione - Sistema PRIVACY Questo documento e le informazioni che andrete ad inserire, verranno utilizzate a riferimento della proposta contrattuale PERSONALIZZATA che andremo a redigere per consentirvi di adeguare la struttura

Dettagli

Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy

Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy Obblighi di sicurezza e relative sanzioni Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy L adozione delle Misure Minime di Sicurezza è obbligatorio per tutti coloro che effettuano trattamenti

Dettagli

MANSIONARIO PRIVACY. 1 Generalità 1. 2 Incaricati 3. 3 Incaricato all Amministrazione del Sistema 5. 4 Incaricato alla Custodia della Parole Chiave 6

MANSIONARIO PRIVACY. 1 Generalità 1. 2 Incaricati 3. 3 Incaricato all Amministrazione del Sistema 5. 4 Incaricato alla Custodia della Parole Chiave 6 1 Generalità 1 2 Incaricati 3 3 all Amministrazione del Sistema 5 4 alla Custodia della Parole Chiave 6 5 al Salvataggio dei Dati 7 6 alla Custodia della Sede Operativa 8 A Elenco degli Incaricati 9 B

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza (D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di Protezione dei Dati Personali )

Documento Programmatico sulla Sicurezza (D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di Protezione dei Dati Personali ) Documento Programmatico sulla Sicurezza (D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di Protezione dei Dati Personali ) DPS - Vers. 2.8 del 12/12/2014 pag. 1 di 10 1. Introduzione al Documento... 3 1.1 vità

Dettagli

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito

Dettagli

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015 Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Bologna ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora (Provincia di Lecco)

Comune di Olgiate Molgora (Provincia di Lecco) Comune di Olgiate Molgora (Provincia di Lecco) via Stazione 20 23887 tel 0399911211 - fax 039508609 www.comune.olgiatemolgora.lc.it info@comune.olgiatemolgora.lc.it Regolamento comunale per la gestione

Dettagli

ART.1 OGGETTO ART.2 PRINCIPI

ART.1 OGGETTO ART.2 PRINCIPI REGOLAMENTO RECANTE LE MODALITA DI PUBBLICAZIONE NEL SITO INTERNET ISTITUZIONALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE, DELLA GIUNTA COMUNALE E DELLE DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI. ART.1 OGGETTO 1.

Dettagli

Esempio di Documento Programmatico sulla Sicurezza per una Pubblica Amministrazione

Esempio di Documento Programmatico sulla Sicurezza per una Pubblica Amministrazione Esempio di Documento Programmatico sulla Sicurezza per una Pubblica Amministrazione Agenda Sessione 1 Sessione 2 Scenario Elementi essenziali del DPS Analisi del contesto Sessione 3 Analisi dei rischi

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

MODELLO PER STUDI LEGALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA

MODELLO PER STUDI LEGALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA Version: 3.0 Revisioni successive di Date Dott. Filippo Pappalardo 20/05/2004 Document name: MODELLO PER STUDI LEGALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA ai sensi dell art. 34 lett. g) D. Lgs. 196/2003

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.35 del 10/04/2013 1/12 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1

Dettagli

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato.

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato. Disclaimer L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito l Utente ), del contenuto del presente Disclaimer.

Dettagli