Progettazione concettuale2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettazione concettuale2"

Transcript

1 Lo L analisi La scopo Progettazione della progettazione concettuale Risultato: risultato descrizione dinamici settori progettare garantiscano che progettazione modella dal dei dell analisi schema sistema una requisiti formale per (cosa), base tutti concettuale, dei ed studiato analizza indipendentemente i dati integrata requisiti settori ed cosa un enfasi concentra settoriali degli funzionalità insieme aspettano sul aspetti significato da è di in su tradurre come operazioni una desiderate strutturali i singoli verrà di il ciò che e Lo Progettazione concettuale Muovendosi una uno per le dettaglio modifiche schema mezzo serie dei concettuale è iniziale raffinamenti poi appropriate vari pochi gradualmente concetti che viene descrive che successivi, top altamente prodotto aumentano espanso tutti down partendo i per astratti apportando requisiti livello mezzo da di di 1 viene trasformazioni generalmente da un di base livello modificato dette un primitive altro, utilizzando lo schema di alcune Primitive da aggiunta un entità una un associazione singola Progettazione di trasformazione attributi a due una associazione gerarchia entità a un entità ad un entità collegate a di concettuale più top generalizzazione associazioni da down: un associazione 3 Lo Progettazione concettuale rappresentato specifica essere ingegneristico strategie top bottomup inside mista sviluppo down considerato out (schema di di progetto uno e come schema scheletro+specifica in usate tutto tale concettuale vi e in possono per altre tutto discipline: essere a dei come partire requisiti) applicate un dalla processo deve sua le Progettazione concettuale2 trasformazione top down Schema Schema iniziale top down Schema Raffinamento intermedio finale aggiunta di attributi ad un associazione Le le Progettazione concettuale i componenti componente delle semplici consistere varie specifiche componenti schemi in sempre descrive singoli iniziali concettuali più venono concetti soni un piccole frammento decomposte bottom poi rappresentate fino possono a elementare che up in anche ogni da 4 che vari schemi ottiene così un singolo ottenuti schema sono poi concettuale integrati fino finale a 6 5 1

2 componente11 schema11 Progettazione componente1m schema1m Specifichedecomposizione componenten1 scheman1 concettuale bottom schemanp up componentenp integrazione Questa comincia si particolare importanti procede iniziali rappresentano e strategia Progettazione espandendosi poi con e di si basandosi l identificazione strategia passa prima può a essere quelli radialmente su i bottom concetti questi concettuale inside più vista lontani up pochi il più come progetto out vicini concetti attraverso un a tipo quelli 7 Correttezza completezza leggibilità minimalità + essere Progettazione Qualità di uno concettuale indipendenza concettuale dall applicazioneschema 9 schema finale Primitive generazione aggregazione Progettazione di trasformazione di di un entità un associazione una attributi generalizzazione in un entità un associazione concettuale bottomup una navigazione delle specifiche In nello lo bottom separati contiene una stesso certo strategia up, i concetti numero ma tempo Progettazione non mista fino definisce principali di componenti, il progettista punto uno dell applicazione concettuale schema come cui mista decompone tutti nella scheletro i concetti strategia i requisiti sono 8 poi estendendo stati si dell intero sviluppati può schema si rappresentati esaminano procedere separatamente scheletro progetto una porzione separatamente per (bottom e fornisce raffinamenti favorisce con up) concetti una l integrazione questi visione graduali che concetti unificata non (top degli sono principali down) schemi ancora o e 10 indipendenza dal DBMS Analisi Passo Progettazione Metodologia concettuale Passi costruisci analizza organizza identifica base dei i un glossario per in eliminare gruppi dei termini globale decomponi schema nello di schema decomposizione scheletro i i concetti requisiti scheletro più in riferimento importanti (se necessario) ambiguità e ai rappresentali concetti presenti in uno

3 Passo fino decomposizione) aggiungi raffina Progettazione iterativo Metodologia (da ripetere concettuale integra dei a requisiti di che integrazione i nuovi concetti vari ogni non sottoschemi concetti specifica ancora dello (se allo schema rappresentate è in si schema rappresentata) uno è per globale basandoti effettuata schema tutti per descrivere generale gli sui schemi requisiti la in parti Uno è solo un applicazione Documentazione Progettazione a rappresentare concettuale dettaglio tutti di raramente schemi gli concettuale aspetti concettuali è sufficiente da 13 una di dello non costrutti quindi supporto, possono documentazione schema indispensabile del essere che e modello descrivere può espresse spesso facilitare fornire proprietà fornita direttamente della l interpretazione per documentazione dei gli dati schemi dai Le organizzate due l altra Progettazione tabelle, le Tecniche associazioni come una descrive descrittive un di dizionario documentazione le concettuale entità possono dei dello dati, essere schema formato da 15 le espresse business <concetto> nella rulesche deve/non forma descrivono deve <espressione> derivazioni vincoli sono sono 17 riferimento allo schema scheletro Analisi verifica Progettazione di la qualità correttezza completezza leggibilità minimalitàdello Metodologia dello schema concettuale schema globale Le Progettazione Business concettuale rules 14 concettuali sono le business rules secondo dagli rulespossono la una derivato, aritmetico, proprietà business descrizione vincolo analisti derivazione, una per di rulessono da di classificazione dei integrità essere: mezzo di altri un applicazione cioè sistemi concetti concetto di sui un inferenza uno concetto dati informativi degli dello rilevante diffusa dell applicazione schema strumenti o di può per per un essere business l applicazione calcolo descrivere usati EntitàDescrizioneAttributiIdentificatore Progettazione Esempio Data concettuale Dictionary 16 <concetto> è ottenuto come <operazioni> Esameesame internodi AssociazioneDescrizioneEntitàAttributi Convalidacorrispondenza tipica diploma laurea di esterno del o default corso dinome per esameesameinterno interno codicecodice num fondamentale udesameesterno colloquio Previo- 18 3

4 Vincoli derivazioni un Progettazione Esempio un business concettuale il a direttore quel impiegato dipartimento non deve guadagnare deve rules la budget somma degli del un suo progetto stipendi dipartimento degli si ottiene impiegati più moltiplicando appartenere del che Progettazione concettuale Diagrammi Notazioni alternative (0,n) (1,1) (1,n) (0,1) all ER 19 No esplicitazione delle classi dei vincoli di Albano-Ghelli-Orsini di chiave (identificazione tramite problematiche Scopo insieme schema differenza Integrazione un Progettazione del processo di integrazione di concettuale realtà rappresentare concettuale modello schemi di concettuale rappresentazione concettuali influenzano globale diversi consente (schemi modi il processo è gli nel di di concettuali stessi in costruire modello settore) generale di integrazione aspetti concettuale un da di unico della 21 esempio: Impiegato attributi matricola, reparto lavorano sul progetto per 3 videocassetta Progettazione filmnotazioni alternative attoreconcettuale all ER noleggio negozio clienteresponsabiledipendente regista 20 OID) Diagrammi Progettazione Notazioni alternative concettuale classi UML all ER OID) no molti composizione, attributi esplicitazione ngravidanze più Donna amicodelle ** costrutti nome ) datanascitauomo Persona dei associazioni rispetto vincoli sesso sitmilitare *LavoraPer di all ER chiave (aggregazione, (identificazione 0..1Entetramite 22 Impiegato attributo matricola, Reparto e associazione IN problematiche differenza Integrazione Progettazione (segue) di schemi concettuale concettuali Titolo concettuale Librodi rappresentazione (1,1) Editore Titolo(1,n) Editorenel modello

5 problematiche Integrazione Progettazione di schemi concettuale concettuali UomoDonna differenza concettuale Personadi (segue) rappresentazione Personanel modello Sesso Nome problematiche differenza Integrazione Progettazione Impiegato di (segue): percezioni di schemi concettuale Progetto concettuali 25 problematiche carenza Integrazione Progettazione di affidabilità (segue) di schemi concettuale concettuali 27 Impiegato(1,n)(1,n) Progetto Nome problematiche differenza Integrazione esempio: le Progettazione stesse (segue): classi percezioni di oggetti di schemi possono concettuale essere concettuali stesso nomi diverso diversi rappresentati Impiegato Dipendente diversi nome da progettisti livelli per e proprietà attributi stesso di con astrazione proprietà in concetto diverse settori codice, età differenti diversi (omonimia) sesso (sinonimia) percepite in modo 26 Impiegato Dipartimento Progetto problematiche carenza Integrazione per Progettazione di affidabilità (segue) di schemi concettuale concettuali esempio: progettazione effettuate luogo proprietà associazione o carenza meno ad assegnazione dal semantiche scelte lato di IN possono affidabilità Impiegato tra erronee Impiegato contrastanti alle essere stesse che nel e state corso Reparto hanno classi della dato opzionale di (1,1) problematiche presenza Integrazione le esempio: Progettazione classi essere stessi proprietà (segue) proprietà interschema interschema schemi sono concettuale ImpiegatoPersona individuate schemi diversi durante e, come il progetto proprietà tali, concettuali non separato possono legano degli 28 poiché individuata gerarchia le due solo classi generalizzazione in fase appartengono di integrazione può a schemi essere diversi

6 Approccio Integrazione Progettazione generale di schemi concettuale Schema1, Schema1, Schema1 Risoluzione all integrazione Schema2, Analisi Schema2, dei dei Lista conflitti Schema2 di conflitti concettuali Fusione degli Proprietà schemi interschema Passi: per i integrare proporzionale requisiti Integrazione criteri linguaggio Progettazione quanto di può assegnazione ingresso riguarda essere loro l ordine grado utile schemi possono assegnare di in concettuale importanza cui scegliere concettuali ai vari dal gli chemi schemi tipo un di peso da 31 archivi dall affidabilità specifiche essere di assegnata procedure naturale: e dalla degli agli loro esistenti: utenti peso archivi posizione può che usati maggiore dipendere hanno aziendale più eseguito priorità procedure, le può Passi: Spi SPi analisi individuazione Integrazione emendato Progettazione dei conflitti e risoluzione Si+1di schemi concettuale fusione schema dei conflitti degli di settore di schemi nome rappresentazione concettuali emendato 33 prima versione analisi del nuovo proprietà schema interschema integrato parziale Spi+1 Passi: Integrazione Progettazione di schemi concettuale concettuali Schema integrato il la è numero all aumentare volta PIS1 processo preferibile complessità = S1PIS2 qualunque di una integrazione della metodologia numero di risoluzione schemi degli può schemi essere dei integri conflitti applicato due aumenta schemi a un PISn = schema globale Sn S2 S3 PISi = iesimo = iesimo di integrato parzialmente settore schema alla Passi: Integrazione Progettazione schemi concettuale concettuali 32 minore priorità agli archivi usati da una sola procedura assegnare almeno ottenere disporre nella integrato, schemi sorgono rappresentazioni due costruzione diversi conflitti ragioni: una anticipando maggiore una migliore soluzione gradi tra nei dello due rilevanza di convergenza l integrazione schema diverse rilevanza schemi prioritaria parziale è e utile quando degli stabilità per Passi: prima Integrazione Progettazione versione di schemi concettuale concettuali 34 nuovo schema integrato parziale versione dello finale verifiche -verifica -analisi schema dello schema finali integrato ridondanze ristrutturazioni integrato parziale SPn

7 Passi Conflitti Integrazione la due l unificazione Progettazione analisi stessa di dei nome entità conflitti è di rappresentata schemi concettuale i(sinonimia) cruciale confronti classi e può diverse da dei effettuare richiedere nomi hanno associati lo un in stesso questa supplemento alle concettuali nome fase classi nomi (omonimia) riguardano, di diversi è un attività indaginein Passi Entitàattributi Associazioniattributi conflitti Integrazione Progettazione analisi associazioni gerarchie di dei nome proprietà conflitti di cui generalizzazione di schemi concettuale attributi concettuali vincoli e associazioni 37 Attributientità a cui si partecipantile o riferisconodominio associazionivincoli identificatori entità di cardinalitàper partecipanti che includono Passi CittàProvincia conflitti concetti Integrazione Progettazione analisi di nome dei conflitti -esempio di schemi concettuale di similitudine concettuali tra 39 AllievoEtàMatricolaCorso AnnoCorso(1,n)nato (0,n)esame NomeStudente a(1,1) (0,n) AnnoCorso Istituto (0,n) (1,1) Matricola Codice Età esameprofessore tenuto da(0,n) IstitutoCodice (1,n) Corso Nome 41 teoria, tutte le possibili coppie di classi Passi conflitti Integrazione per Progettazione analisi dei nome conflitti schemi concettuale concettuali gli suggerisce far anomalie similitudine distanza indizi sono altro diversi proprietà risolvere guidare associati portano (indizio alcuni concettualeclassi multinomesituazione comuni il tra progettista ad modi concettimolte a indizi: (indizio un entità sinonimia) supplementi diversi nell analisi omonimia) uno i in conflitti proprietà gli schema cui di stessi indagine alcuni la e nomi comuni metodologia a nomi più hanno che entità (e ma sinonimi) possono nomi poche un Passi conflitti Integrazione Progettazione analisi dei conflitti di schemi concettuale concettuali 38 l attributo Professore Docente di nome -esempio di anomalia Professore (Docente) multinome 40 Media Passi Integrazione Progettazione di schemi concettuali Studente Corso(0,n)per(1,1) conflitti concettualeregistrazionedatamatricolastudente analisi di di nome dei (1,1) conflitti -esempio di (1,1)effda distanza NProgr(1,n) Votoeff (1,n) (1,1) Professore 42 7

8 Passi conflitti Integrazione alla nella Progettazione analisi fine di dei rappresentazione del conflitti passo di precedente, schemi concettuale il concettuali due univocamente compare vengono stessa scegliere taticon concetti fase entità le analizzate una di stesse analisi sono in rappresentazione un entità modo strutture compatibili le dei diverse da conflitti nei verificarne diversi quando rappresentazioni rappresentazione comune nome schemi rappresentazione la sono identifica compatibilità in rappresen- cui per e le la e Passi conflitti Integrazione possibili le Progettazione analisi prima selezionare costruire sorgenti di dei rappresentazione soluzioni fondere di conflitti una una rappresentazione gli di all incompatibilità delle schemi due concettuale rappresentazioni devono concettuali comune includono essere che eliminate 43 Passi conflitti Integrazione l autore il Progettazione analisi attributo associazione conflitto di è dei rappresentazione nell altro visto viene conflitti come risolto di entità schemi trasformando concettuale in uno concettuali schema, l attributo come in 45 Articolonell entità (1,n) corrispondente (1,n) (1,n) Autore Libro 47 Passi conflitti Integrazione Progettazione analisi dei conflitti di schemi concettuale concettuali proprietà comuni hanno gli stessi vincoli di integrità due identicistessa compatibili incompatibiliproprietà proprietà attributo concetto) concetti»diversi di rappresentazione»diverse identificatori possono non cardinalità relazione o strutture contraddittorie un entità struttura di essere per sottoinsieme di lo contraddittorie per rappresentazione stesso di rappresentare (es.: attributo uso o di associazione un lo e stesso e soddisfi i vincoli dei due schemi Passi conflitti Integrazione prima esempio: Progettazione analisi fase classificazione schema, di di di ristrutturazione eseguire uno dei rappresentazione stesso conflitti dei l analisi concetti concetto di il schemi di cui con compatibilità rappresentato scopo concettuale lo stesso è unificare concettuali nome è bene come eseguire strutture attributo una di in uno 44 Articolo Libro come entità (1,n) in Autore un altro (1,n) Autore 46 (1,n) Passi una tipiche possono abbiamo schemi sottoinsiemi Integrazione Progettazione fusione volta risolti i conflitti è possibile schemi concettuale unico per mezzo di una semplice sovrapposizione eseguire concettuali osservata analisi schema proprietà inoltre a questo e delle concettuale gerarchie emergere interschema punto proprietà raggiunto di associazioni tutto generalizzazione interschema il contenuto l obiettivo emergono aggiuntive informativo di una rappresentare questa di fusione concetti fase della degli sono realtà in 48 8

9 Passi in verifica un Integrazione passi Progettazione verifiche rimanenti ristrutturazioni finali hanno di lo schemi scopo concettuale mezzo ristrutturazioni generalizzazioni capacità particolare può per essere aumentare necessario la di leggibilità verificare concettuali linguaggio ulteriore delle dello aspetto strutture naturale schema analizzato o di stesse ad esprimere altri del formalismi in modello, questa vincoli introdurre fase senza di dello integrità è delle la ricorrere schema per Passi Autore Ristrutturazione Integrazione Progettazione verifiche (1,n) (1,n) finali per di schemi migliorare concettuale concettuali la leggibilità 49 LibroTesto Articolo(1,n) Passi Articolo Ristrutturazione Integrazione Progettazione verifiche finali per di schemi migliorare concettuale concettuali la leggibilità 51 Atti congressorivista (1,n) di Passi Integrazione Progettazione di schemi concettuale concettuali tale proprietà è detta autoesplicatività Ristrutturazione verifiche Ricercatore Autore (1,n) (1,n) (1,n) finali per migliorare (1,n) Articolo Libro (1,n) (1,n) la leggibilità (1,n) Ricercatore Passi Ristrutturazione Integrazione Progettazione verifiche Atti congresso(1,n) di finali per di schemi migliorare concettuale concettuali la leggibilità 50 (0,1) Editore Articolo(0,1) Rivista (1,n)(1,n)Editore (1,1) Pubblicazione(1,n)Editore Cognome Matricola Passi Ristrutturazione Integrazione Progettazione verifiche Studente(2,2)(0,n) finali per di schemi migliorare concettuale Autore concettuali la leggibilità 52 Cognome MatricolaStudente (1,1)(0,n) ruolo segue relatore corre-professore AutoreCognome

10 Passi Integrazione Progettazione di schemi concettuale analisi la uno (attributo, che fusione verifiche schema ridondanza di è più ridondante finali schemi può se dar eliminando luogo concettuali tale E1 caso ciclo ha A1 contenuto E2 frequente è ogni un entità, An insieme Ai connette En+1 informativo associazione) è quello di entità le dei entità equivalente e cicli associazioni si ottiene Ei ed a qualche ridondanza Ei+1 uno precedente e schema tutte concetto le Nome Matricola Passi Esempio Integrazione Progettazione verifiche Impiegato (1,1)ntel di schema (1,1)(1,n) finali di ridondanteautore lavora schemi concettuale Stanza concettuali Numero 55 (1,n) Telefono Autore(1,1) Numero (1,1) tel di 57 entità e associazioni sono differenti eccetto E1 ed En+1 Cognome Matricola Passi Esempio Integrazione Progettazione verifiche di schema finali di ridondanteautore schemi concettuale NumEsamiStudente(0,n)(0,n) voto esamedatacorso concettuali Codice 56 10

Progettazione concettuale

Progettazione concettuale Progettazione concettuale Strategie top-down A partire da uno schema che descrive le specifiche mediante pochi concetti molto astratti, si produce uno schema concettuale mediante raffinamenti successivi

Dettagli

Metodologie per la Progettazione Concettuale

Metodologie per la Progettazione Concettuale Metodologie per la Progettazione Concettuale Raccolta e analisi dei requisiti Scegliere il corretto livello di astrazione Standardizzare la struttura delle frasi Evitare frasi contorte Individuare sinonimi

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse Politecnico di Milano View integration 1 Integrazione di dati di sorgenti diverse Al giorno d oggi d la mole di informazioni che viene gestita in molti contesti applicativi è enorme. In alcuni casi le

Dettagli

La Progettazione Concettuale

La Progettazione Concettuale La Progettazione Concettuale Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica CorsodiBasidiDati Anno Accademico 2006/2007 docente: ing. Corrado Aaron Visaggio

Dettagli

Progettazione di basi di dati. Progettazione di basi di dati. Ciclo di vita dei sistemi informativi. Fasi del ciclo di vita [1]

Progettazione di basi di dati. Progettazione di basi di dati. Ciclo di vita dei sistemi informativi. Fasi del ciclo di vita [1] Progettazione di basi di dati Progettazione di basi di dati Requisiti progetto Base di dati Struttura Caratteristiche Contenuto Metodologia in 3 fasi Progettazione concettuale Progettazione logica Progettazione

Dettagli

Basi di Dati. Progettazione del Modello ER. K. Donno - Progettazione del Modello ER

Basi di Dati. Progettazione del Modello ER. K. Donno - Progettazione del Modello ER Basi di Dati Progettazione del Modello ER Dai requisiti allo schema ER Entità, relazioni e attributi non sono fatti assoluti dipendono dal contesto applicativo Nella pratica si fa spesso uso di una strategia

Dettagli

Progettazione concettuale. Metodologie di trasformazione di specifica informale allo schema concettuale

Progettazione concettuale. Metodologie di trasformazione di specifica informale allo schema concettuale Progettazione concettuale Metodologie di trasformazione di specifica informale allo schema concettuale Strategia di progetto specifiche informali progettazione concettuale schema concettuale progettazione

Dettagli

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati 1 Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Le metodologie di progettazione delle Basi di Dati 2 Una metodologia

Dettagli

Modellazione dei dati in UML

Modellazione dei dati in UML Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Modellazione dei dati in UML Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Introduzione UML (Unified Modeling Language):

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

Progettazione concettuale usando il modello Entità-Relazione (ER) e Progettazione Logica

Progettazione concettuale usando il modello Entità-Relazione (ER) e Progettazione Logica Progettazione concettuale usando il modello Entità-Relazione (ER) e Progettazione Logica 1 Introduzione alla progettazione delle basi di dati v Progettazione concettuale (in questa fase si usa il modello

Dettagli

Prova scritta del corso di Basi di dati attive 17 Dicembre 1999. Agenzia

Prova scritta del corso di Basi di dati attive 17 Dicembre 1999. Agenzia Prova scritta del corso di Basi di dati attive 17 Dicembre 1999 Si desidera automatizzare la gestione dei banchetti organizzati da un agenzia di pubbliche relazioni. Le specifiche del sistema informativo,

Dettagli

Metodologia di Progettazione database relazionali

Metodologia di Progettazione database relazionali Informatica e Telecomunicazioni S.p.A. Metodologia di Progettazione database relazionali I&T Informatica e Telecomunicazioni S.p.A Via dei Castelli Romani, 9 00040 Pomezia (Roma) Italy Tel. +39-6-911611

Dettagli

Progettazione base dati relazionale

Progettazione base dati relazionale Progettazione base dati relazionale Prof. Luca Bolognini E-Mail:luca.bolognini@aliceposta.it Progettare una base di dati Lo scopo della progettazione è quello di definire lo schema della base di dati e

Dettagli

La Progettazione di una basi di dati. Prof.ssa Rosalba Giugno

La Progettazione di una basi di dati. Prof.ssa Rosalba Giugno La Progettazione di una basi di dati Prof.ssa Rosalba Giugno Programma Progettazione di Basi di Dati. Metodologie e Modelli per la Progettazione Il modello Entità- Relazione (E-R) Progettazione Concettuale

Dettagli

La progettazione concettuale: il modello ER. 17/12/2007 Unità di Apprendimento A2 1

La progettazione concettuale: il modello ER. 17/12/2007 Unità di Apprendimento A2 1 La progettazione concettuale: il modello ER 17/12/2007 Unità di Apprendimento A2 1 1 La progettazione concettuale Prima di procedere con la progettazione concettuale è necessario effettuare un analisi

Dettagli

DFD DISPENSA DEL CORSO DI SISTEMI INFORMATIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MM.FF.NN LAUREA SPECIALISTICA IN INFORMATICA

DFD DISPENSA DEL CORSO DI SISTEMI INFORMATIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MM.FF.NN LAUREA SPECIALISTICA IN INFORMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MM.FF.NN LAUREA SPECIALISTICA IN INFORMATICA DISPENSA DEL CORSO DI SISTEMI INFORMATIVI Prof. Carlo Combi DFD Appunti a cura di E. Peri M. Devincenzi Indice 1

Dettagli

Basi di dati Progettazione logica. Elena Baralis Politecnico di Torino

Basi di dati Progettazione logica. Elena Baralis Politecnico di Torino Progettazione logica Progettazione logica Richiede di scegliere il modello dei dati!modello relazionale Obiettivo: definizione di uno schema logico relazionale corrispondente allo schema ER di partenza

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Design di un database

Design di un database Design di un database Progettare un database implica definire quanto i seguenti aspetti: Struttura Caratteristiche Contenuti Il ciclo di design di un database si suddivide in tre fasi principali: progettazione

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Progettazione Basi Dati: Metodologie e modelli!modello Entita -Relazione Progettazione Base Dati Introduzione alla Progettazione: Il ciclo di vita di un Sist. Informativo

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Basi di Dati Relazionali

Basi di Dati Relazionali Corso di Laurea in Informatica Basi di Dati Relazionali a.a. 2009-2010 PROGETTAZIONE DI UNA BASE DI DATI Raccolta e Analisi dei requisiti Progettazione concettuale Schema concettuale Progettazione logica

Dettagli

Lezione 2. Il modello entità relazione

Lezione 2. Il modello entità relazione Lezione 2 Il modello entità relazione Pag.1 Introduzione alla progettazione delle basi di dati 1. Analisi dei requisiti Quali sono le entità e le relazioni dell organizzazione? Quali informazioni su queste

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

DIPARTIMENTO IMPIEGATO PROGETTO SEDE. (0,1) (1,1) DIREZIONE Cognome. Codice. Telefono (0,1) (1,N) AFFERENZA. Stipendio (0,N) Nome (1,1) Età

DIPARTIMENTO IMPIEGATO PROGETTO SEDE. (0,1) (1,1) DIREZIONE Cognome. Codice. Telefono (0,1) (1,N) AFFERENZA. Stipendio (0,N) Nome (1,1) Età PROGETTAZIONE LOGICA 7í0 Progettazione logica Obiettivo: ëtradurre" lo schema concettuale in uno schema logico che rappresenti gli stessi dati in maniera corretta ed eæciente Input: Output: æ schema concettuale

Dettagli

Raffinamento dello schema e forme normali. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Raffinamento dello schema e forme normali. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Raffinamento dello schema e forme normali 1 Forme Normali Le forme normali consentono di valutare la qualità delle relazione Sono state proposte diverse forme normali che includono, in ordine di generalità:

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Programmi. Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione

Programmi. Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione Programmi Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione Sistema operativo:programma supervisore che coordina tutte le operazioni del calcolatore Programmi applicativi esistenti Sistemi di videoscrittura

Dettagli

Rappresentazione grafica di entità e attributi

Rappresentazione grafica di entità e attributi PROGETTAZIONE CONCETTUALE La progettazione concettuale, ha il compito di costruire e definire una rappresentazione corretta e completa della realtà di interesse, e il prodotto di tale attività, è lo schema

Dettagli

Progettazione del Software A.A.2008/09

Progettazione del Software A.A.2008/09 Laurea in Ing. Informatica ed Ing. dell Informazione Sede di latina Progettazione del Software A.A.2008/09 Domenico Lembo* Dipartimento di Informatica e Sistemistica A. Ruberti SAPIENZA Università di Roma

Dettagli

Gestione del workflow

Gestione del workflow Gestione del workflow Stefania Marrara Corso di Tecnologie dei Sistemi Informativi 2004/2005 Progettazione di un Sistema Informativo Analisi dei processi Per progettare un sistema informativo è necessario

Dettagli

Normalizzazione. Relazionali

Normalizzazione. Relazionali Normalizzazione di Schemi Relazionali Normalizzazione Forme Normali Una forma normale è una proprietà di uno schema relazionale che ne garantisce la qualità, cioè l assenza di determinati difetti Una relazione

Dettagli

Lezione 5: Progettazione di Software e Database. Ingegneria del Software. Il Software 19/11/2011. Dr. Luca Abeti

Lezione 5: Progettazione di Software e Database. Ingegneria del Software. Il Software 19/11/2011. Dr. Luca Abeti Lezione 5: Progettazione di Software e Database Dr. Luca Abeti Ingegneria del Software L ingegneria del software è la disciplina che studia i metodi e gli strumenti per lo sviluppo del software e la misura

Dettagli

Pianificazione del data warehouse

Pianificazione del data warehouse Pianificazione del data warehouse Dalla pianificazione emergono due principali aree d interesse: area commerciale focalizzata sulle agenzie di vendita e area marketing concentrata sulle vendite dei prodotti.

Dettagli

Progettazione logica relazionale (1/2)

Progettazione logica relazionale (1/2) Progettazione di basi di dati (1/2) Introduzione Ristrutturazione dello schema ER Eliminazione delle gerarchie Partizionamento di concetti Eliminazione degli attributi multivalore Eliminazione degli attributi

Dettagli

Sistemi Informativi. Introduzione. Processi fisici. Tipologie di processi. Processi informativi. Processi aziendali

Sistemi Informativi. Introduzione. Processi fisici. Tipologie di processi. Processi informativi. Processi aziendali Introduzione Sistemi Informativi Linguaggi per la modellazione dei processi aziendali Paolo Maggi Per progettare un sistema informativo è necessario identificare tutti i suoi elementi

Dettagli

I Sistemi Informativi

I Sistemi Informativi I Sistemi Informativi Definizione Un Sistema Informativo è un mezzo per acquisire, organizzare, correlare, elaborare e distribuire le informazioni che riguardano una realtà che si desidera descrivere e

Dettagli

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1 Modello relazionale E fondato sul concetto matematico di relazione tra insiemi di oggetti Una relazione su n insiemi A1, A2,..,An è un sottoinsieme di tutte le n-uple a1,a2,,an che si possono costruire

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche.

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche. Testo Esercizio Si consideri la realizzazione di un semplice programma grafico per il disegno di figure geometriche in due dimensioni. Si analizzino i requisiti e se ne rappresentino i risultati in UML

Dettagli

Progettazione Logica. Progettazione Logica

Progettazione Logica. Progettazione Logica Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione Tabelle per ogni concetto Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it Passaggio al modello logico (1)

Dettagli

Termine Descrizione Sinonimo Collegamenti Lettore Una persona che prende in Utente

Termine Descrizione Sinonimo Collegamenti Lettore Una persona che prende in Utente Capitolo 7 Esercizio 7.1 Si desidera automatizzare il sistema di prestiti di una biblioteca. Le specifiche del sistema, acquisite attraverso un intervista con il bibliotecario, sono quelle riportate in

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Analisi Giulio Destri Ing. del software: Analisi - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Introduzione alla progettazione. Metodologie e modelli per la progettazione di basi di dati. Il ciclo di vita dei sistemi informativi

Introduzione alla progettazione. Metodologie e modelli per la progettazione di basi di dati. Il ciclo di vita dei sistemi informativi Metodologie e modelli per la progettazione di basi di dati Introduzione alla progettazione Il problema: progettare una base di base di dati a partire dai suoi requisiti Progettare: definire la struttura,

Dettagli

Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014

Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014 Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Sapienza - Università di Roma Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014 8 - Progettazione Concettuale Tiziana Catarci, Andrea Marrella Ultimo aggiornamento : 27/04/2014

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Corso di Information and Communication Technology II Progettazione di basi di dati: introduzione, il modello E-R, traduzione da E-R a relazionale --

Dettagli

Esercizi di progettazione E-RE

Esercizi di progettazione E-RE Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione E-RE Sbagliando si impara 5 novembre 2003 Gennaro Pepe gennaro.pepe@cefriel.it Introduzione In questa presentazione si trovano tre

Dettagli

Modello dei Dati ENTITÀ-RELAZIONE (ENTITY-RELATIONSHIP) é l insieme di concetti, simboli, regole che useremo per rappresentare il modello concettuale

Modello dei Dati ENTITÀ-RELAZIONE (ENTITY-RELATIONSHIP) é l insieme di concetti, simboli, regole che useremo per rappresentare il modello concettuale Modello dei Dati E-R ENTITÀ-RELAZIONE O (ENTITY-RELATIONSHIP) é l insieme di concetti, simboli, regole che useremo per rappresentare il modello concettuale R.Gori - G.Leoni Modello dei Dati Entità-Relazione

Dettagli

Esercitazione di Basi di Dati

Esercitazione di Basi di Dati Esercitazione di Basi di Dati Corso di Fondamenti di Informatica 6 Maggio 2004 Come costruire una ontologia Marco Pennacchiotti pennacchiotti@info.uniroma2.it Tel. 0672597334 Ing.dell Informazione, stanza

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto IL MODELLO ER PER LA PROGETTAZIONE

Dettagli

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche.

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche. Testo Esercizio Un negozio di musica vende anche libri e riviste musicali. Si intende automatizzare l intero processo, dall approvvigionamento alla vendita. Si analizzino i requisiti e se ne rappresentino

Dettagli

b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano anomalie

b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano anomalie TEORIA RELAZIONALE: INTRODUZIONE 1 Tre metodi per produrre uno schema relazionale: a) Partire da un buon schema a oggetti e tradurlo b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano

Dettagli

Identificare le classi in un sistema

Identificare le classi in un sistema 3.7 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: identificare le classi nella specifica del problema Cominciamo ad affrontare la progettazione del simulatore di ascensore introdotto nel capitolo. Iniziamo

Dettagli

Identificatori delle entità

Identificatori delle entità Identificatori delle entità Permettono di identificare in maniera univoca le occorrenze delle entità Ogni entità deve averne (almeno) uno Targa Automobile Modello Colore Nome Persona Data di nascita Indirizzo

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Progettazione del Software

Progettazione del Software L4.4 Progettazione del Software Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw Seconda Parte La fase di

Dettagli

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate Basi di dati La progettazione di una base di dati richiede di focalizzare lo sforzo su analisi, progettazione e implementazione della struttura con cui sono organizzati i dati (modelli di dati) Le funzionalità

Dettagli

Ingegneria del Software: UML Class Diagram

Ingegneria del Software: UML Class Diagram Ingegneria del Software: UML Class Diagram Due on Mercoledì, Aprile 1, 2015 Claudio Menghi, Alessandro Rizzi 1 Contents Ingegneria del Software (Claudio Menghi, Alessandro Rizzi ): UML Class Diagram 1

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

BASI DI DATI I. Progettazione di un DBMS per un negozio di materiale elettrico. Progetto realizzato da: Iero Demetrio Matricola: 106857

BASI DI DATI I. Progettazione di un DBMS per un negozio di materiale elettrico. Progetto realizzato da: Iero Demetrio Matricola: 106857 BASI DI DATI I Progettazione di un DBMS per un negozio di materiale elettrico Progetto realizzato da: Iero Demetrio Matricola: 106857 DESCRIZIONE DELLA REALTA' Si vuole realizzare un DBMS per la gestione

Dettagli

GENERALIZZAZIONE E SPECIALIZZAZIONE ISA 1

GENERALIZZAZIONE E SPECIALIZZAZIONE ISA 1 GENERALIZZAZIONE E SPECIALIZZAZIONE ISA 1 Le gerarchie spesso nella analisi di un settore aziendale può risultare che più entità risultino simili o casi particolari l una dell altra, derivanti da viste

Dettagli

11 - Progettazione Logica

11 - Progettazione Logica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale SAPIENZA Università di Roma Esercitazioni del corso di Basi di Dati Prof.ssa Catarci e Prof.ssa Scannapieco Anno Accademico 2011/2012 11 - Progettazione Logica

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Modello Entità-Relazione Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof.

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

BASI DI DATI - : I modelli di database

BASI DI DATI - : I modelli di database BASI DI DATI - : I modelli di database DAL 1960 ci si e' orientati verso 3 direzioni: 1 MODELLO GERARCHICO Se i dati si presentano naturalmente in una struttura ad albero (ES. File System) Limiti: rigidità

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

Relazioni tra oggetti e classi : Composizione. Relazioni tra oggetti e classi : esempio di Aggregazione. classe contenitore

Relazioni tra oggetti e classi : Composizione. Relazioni tra oggetti e classi : esempio di Aggregazione. classe contenitore Relazioni tra oggetti e classi : Generalizzazione Fondamenti di Informatica II 20. Laboratorio 6 Collegamenti e associazioni Le relazioni di tipo generalizzazione (specializzazione), servono per poter

Dettagli

Tesina per il corso di Basi di Dati a.a. 2006/2007 GLOBAL FITNESS:

Tesina per il corso di Basi di Dati a.a. 2006/2007 GLOBAL FITNESS: UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA INGEGNERIA INFORMATICA Tesina per il corso di Basi di Dati a.a. 2006/2007 GLOBAL FITNESS: Software di supporto decisionale per un training su misura del cliente tenendo

Dettagli

PERSONA UOMO MILITARE

PERSONA UOMO MILITARE Capitolo 6 Esercizio 6.1 Considerare lo schema ER in figura 6.36: lo schema rappresenta varie proprietà di uomini e donne. Correggere lo schema tenendo conto delle proprietà fondamentali delle generalizzazioni.

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati Le Basi di Dati 20/05/02 Prof. Carlo Blundo 1 Le Basi di Dati Le Base di Dati (database) sono un insieme di tabelle di dati strutturate in maniera da favorire la ricerca di informazioni specializzate per

Dettagli

Lezione 8. Motori di Ricerca

Lezione 8. Motori di Ricerca Lezione 8 Motori di Ricerca Basi di dati Un campo prevalente dell applicazione informatica è quello costituito dall archiviazione e dalla gestione dei dati (basi di dati). Sistema Informativo. Un sistema

Dettagli

Modello concettuale dei dati e Disegno Logico di un Database. L.Vigliano

Modello concettuale dei dati e Disegno Logico di un Database. L.Vigliano Modello concettuale dei dati e Disegno Logico di un Database Modello concettuale dei dati Progettare una base di dati significa definirne struttura, caratteristiche e contenuto. Uso di opportune metodologie.

Dettagli

LA NORMALIZZAZIONE. Introduzione

LA NORMALIZZAZIONE. Introduzione LA NORMALIZZAZIONE Introduzione La normalizzazione e' una tecnica di progettazione dei database, mediante la quale si elimina la rindondanza dei dati al fine di evitare anomalie nella loro consistenza

Dettagli

Progettazione di un Database

Progettazione di un Database Progettazione di un Database Per comprendere il processo di progettazione di un Database deve essere chiaro il modo con cui vengono organizzati e quindi memorizzati i dati in un sistema di gestione di

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE. Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE. Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Esercitazioni per l esame di Intelligenza Artificiale Prof. G. Soda Classic di Sauro Menchetti A.A.1998-99

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006. Esercizi entità relazione risolti. a cura di Angela Campagnaro 802749

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006. Esercizi entità relazione risolti. a cura di Angela Campagnaro 802749 Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006 Esercizi entità relazione risolti a cura di Angela Campagnaro 802749 Indice: Esercizio 1: Un insieme di officine 1.1 Testo esercizio.3

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1. Introduzione

SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1. Introduzione SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1 Introduzione In queste dispense, dopo aver riportato una sintesi del concetto di Dipendenza Funzionale e di Normalizzazione estratti dal libro Progetto di Basi

Dettagli

N ORE LEZIONI FRONTALI: STUDIO INDIVIDUALE ( ) N ORE ESERCITAZIONI/LABORATORIO: STUDIO INDIVIDUALE ( )

N ORE LEZIONI FRONTALI: STUDIO INDIVIDUALE ( ) N ORE ESERCITAZIONI/LABORATORIO: STUDIO INDIVIDUALE ( ) Invia modulo Basi di Dati + Laboratorio INSEGNAMENTO 214-215 ANNO ACCADEMICO Informatica Triennale sede di Brindisi CORSO DI LAUREA IN Paolo Buono DOCENTE 2 1 ANNO DI CORSO SEMESTRE 7 N CREDITI LEZIONI

Dettagli

1.1 I componenti di un DBMS... 5

1.1 I componenti di un DBMS... 5 Indice 1 Introduzione ai DBMS.......................................................... 1 1.1 Scopi di un DBMS............................................................ 1 1.2 Modelli dei dati..............................................................

Dettagli

CAPITOLO 7 ESERCIZI SUL MODELLO ER

CAPITOLO 7 ESERCIZI SUL MODELLO ER CAPITOLO 7 (le soluzioni sono riportate da pag. 6 in poi) ESERCIZI SUL MODELLO ER Esercizio 1 Considerate lo schema ER in Figura 1: lo schema rappresenta varie proprietà di uomini e donne. a) Correggete

Dettagli

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing)

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Metodi e Modelli per il Supporto alle Decisioni 2002 Dipartimento di Informatica Sistemistica e Telematica (Dist) Il termine OLAP e l acronimo di On-Line

Dettagli

Gli algoritmi: definizioni e proprietà

Gli algoritmi: definizioni e proprietà Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Gli algoritmi: definizioni e proprietà La presente dispensa e da

Dettagli

Ingegneria dei Requisiti

Ingegneria dei Requisiti Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Ingegneria dei Requisiti E. TINELLI Contenuti I requisiti del software Documento dei requisiti I processi

Dettagli

Informatica per l'impresa. Sistemi per la gestione di basi di Dati

Informatica per l'impresa. Sistemi per la gestione di basi di Dati Informatica per l'impresa Sistemi per la gestione di basi di Dati Prof. Mauro Gaspari gaspari@cs.unibo.it 1 1 Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione

Dettagli

Basi di Dati corso C Esercitazione 18/12/2002 Autonoleggio tempo: 3 ore

Basi di Dati corso C Esercitazione 18/12/2002 Autonoleggio tempo: 3 ore Basi di Dati corso C Esercitazione 18/12/2002 Autonoleggio tempo: 3 ore Si vuole progettare una base di dati per conto di una società convenzionata con un aeroporto, che gestisce il noleggio di automobili

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico e Comunicazione. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico e Comunicazione. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Informatico e Comunicazione Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Informatico e Comunicazione Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 132 Gestione di progetto

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI (parte 2) le associazioni parte 2 1

LE ASSOCIAZIONI (parte 2) le associazioni parte 2 1 LE ASSOCIAZIONI (parte 2) le associazioni parte 2 1 Le auto-associazioni associazioni aventi come partecipanti istanze provenienti dalla stessa entità (chiamate anche unarie o ad anello): le associazioni

Dettagli

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno.

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. MODELLI INFORMATICI 1 Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. Aspetti di un modello: il modello è la rappresentazione di certi fatti;

Dettagli

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Elementi di statistica Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Statistica La statistica si può definire come: l insieme dei metodi

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione italiana XVII. Introduzione. Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1

Indice. Prefazione alla seconda edizione italiana XVII. Introduzione. Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1 00PrPag 19-07-2006 15:22 Pagina V Prefazione alla seconda edizione italiana Introduzione XV XVII Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1 Capitolo 1 UML 3 1.1 Contenuto del capitolo 3 1.2 Cos è l UML? 3

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE 51 Dichiarazione d intenti (mission statement) La dichiarazione d intenti ha il compito di stabilire degli obiettivi dal punto di vista del mercato, e in parte dal

Dettagli