AMAZZONIA. fratelli indios. n.108. fratelli indios. Periodico dell Associazione Insieme Fratelli Indios - anno XX - n settembre n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AMAZZONIA. fratelli indios. n.108. fratelli indios. Periodico dell Associazione Insieme Fratelli Indios - anno XX - n. 106- settembre 2011 - n."

Transcript

1 n.108 amazzonia AMAZZONIA Periodico dell Associazione Insieme Fratelli Indios - anno XX - n settembre n.4 1

2 amazzonia Periodico dell Associazione Insieme Fratelli Indios anno XXI - n febbraio n.1 Autorizzazione Tribunale di Perugia n.17/89 Offerta libera - Spedizione in A.P. art.2 comma 20 C - Legge 662/96 Filiale di Perugia Tax payée In caso di mancato recapito restituire ad AIFI c/o Oasi S.Antonio da Padova Via Canali Perugia Redazione e Amministrazione Associazione Insieme c/o Oasi di Sant Antonio di Padova Via Canali, Perugia tel.: Sito internet Indirizzo Direttore Umberto Bartolucci Direttore Responsabile Maurizio Maio Hanno collaborato alla realizzazione di questo numero: Nino Parisi, Fabrizio Orlandi, Anna e Maria Sciacca, Aldo Lo Curto, Tranquillo Bernini, Fra Paolo Maria Braghini, Silvia Roccetti, Nicola Saba, Loretta Emiri, Antonella Nirta, Maria Ricciarelli, Gilda Bolletta, Gaetano Murino, Vania Cesarini, Survival International. Progetto grafico ed impaginazione Francesco Brozzetti Stampa Tipografia Grifo -PG In copertina: Piccolo indigeno Per le vostre offerte potete utilizzare: Bollettino CCP n intestato a Associazione Insieme Oasi S.Antonio di Padova Via Canali, Perugia Bonifico bancario Unicredit Agenzia di PERUGIA Fontivegge c/c PAESE IT - CIN EUR 26 - CIN S ABI CAB Codice BIC SWIFT : UNCRITM1JO3 2

3 Sommario 03 Sommario 04 Progetto lebbra anni di missione 07 L equilibrio dell Amazzonia 09 AMAZZONIA Animali Rane arbericole e rane marzupiali Il puma o coguaro 11 Taglialegna invadono 12 BORORO 13 Parliamo di libri 14 I PROGETTI dei MISSIONARI 16 Nel segno della carità evangelica 17 La leggenda del guaranà 18 AMAZZONIA La campagna popoli indigeni 20 Adotta un progetto 21 I quattro progetti di adozione 22 AMAZZONIA Curiosando 23 AMAZZONIA News 24 Vicino a chi soffre 25 Una Santa Messa 26 5 per mille 27 Filo diretto con i benefattori Anno nuovo veste nuova Amazzonia, si presenta, a partire da questo numero, in veste rinnovata. Tra le novità, si nota subito la grafica della prima pagina che riporta un volto, un paesaggio particolarmente significativo dei popoli e della terra amazzonica. Nelle pagine interne, ai progetti portati avanti dai missionari viene dedicato uno spazio più ampio, indicando non solo gli obiettivi, ma anche i traguardi realizzati. Desidero, infine, richiamare l attenzione sul nuovo bollettino di conto corrente postale che, nello spazio riservato alla CAUSALE, elenca le nuove voci a cui destinare le offerte. Fiduciosi di incontrare il vostro gradimento, la redazione desidera esprimere a tutti i lettori e benefattori la propria gratitudine. Umberto Bartolucci 3

4 UMBERTO BARTOLUCCI PROGETTO LEBBRA La lebbra (o morbo di Hansen) è una malattia infettiva che colpisce la pelle e i nervi periferici. Un tempo considerata una maledizione di Dio e incurabile, in era moderna si è rivelata meno temibile e meglio curabile di quanto ritenuto in passato. Nonostante i progressi della medicina, ancora oggi, però, nel mondo centinaia di persone si ammalano e molte di loro rimarranno vittime di gravi invalidità. Da decenni la lebbra è un male curabile, eppure.la guerra non è ancora vinta! L Associazione Insieme da più di 10 anni sostiene in Amazzonia e in India Il Progetto Lebbra. In Amazzonia il progetto è coordinato dai frati cappuccini, in India, invece, dalle Suore di Maria Immacolata di Assisi. Frei Paulo Xavier, parroco di Benjamin Constant (Amazzonia), ci ha inviato, un mese fa, un aggiornamento della situazione sanitaria: Il Progetto Lebbra è ancora molto animato. Gli infermieri e gli agenti della salute, così come la medicina accademica stanno accogliendo con favore la proposta di eliminare la lebbra. Purtroppo, in pieno XXI secolo, il progresso della tecnologia e della scienza, non ha ancora permesso di risolvere questo problema. Nell ultimo anno, diversi casi sono stati rilevati anche nei bambini. Si tratta di una situazione molto delicata. Dobbiamo invertire questa tendenza. Continueremo ad investire nel modo di eradicazione della malattia.. Nel mese di gennaio, insieme a Fra Paolo Braghini, abbiamo avuto un incontro con i partecipanti al progetto. E stato un incontro per valutare, riflettere sul problema e avanzare nella nostra strada. Contiamo, come sempre, nel vostro appoggio e sostegno! Dall India ci ha scritto Suor Ancily: La nostra Unità di controllo della lebbra nel Pushpa Hospital ha iniziato a funzionare come un piccolo dispensario nel 1969 nella zona di Dalli Rajhara, Durg District, Chhattisgarh Stato( India). La struttura è gestita attualmente dalla congregazione delle Suore di Maria Immacolata ad Assisi. Il nostro ospedale ha 20 posti letto per i pazienti ricoverati a causa della lebbra, tubercolosi e per l isolamento. Abbiamo registrato più di 3328 casi del morbo di Hansen nel nostro centro. Per i pazienti più poveri mettiamo a disposizione gratuitamente vitto, alloggio e trattamento sanitario. Cosa fa l Aifi per la lebbra? Organizza, ogni anno, una Cena di solidarietà a favore dei malati in Amazzonia e India. Promuove, inoltre, una raccolta fondi, tra i propri benefattori, per sostenere il progetto. Amico benefattore aiutaci anche tu a lottare per questi nostri fratelli malati, emarginati. Con il tuo aiuto economico possiamo fornire ai missionari i mezzi per la cura un lebbroso, per l acquisto di presidi sanitari di base o di una protesi per chi ha perso l uso delle gambe. 4

5 a cura di FABRIZIO ORLANDI 100 anni di Missione (parte decima) Per nulla togliere al racconto originale della Missione, è stato volutamente lasciato inalterato il testo per cui a volte si potranno incontrare termini in uso all epoca (siamo nei primi del 900) che però oggi non sono più usati. continua la lettura Rio Javary Il rio Javary è situato, secondo che dice il competente sig. J. Da Costa Azevedo, a 4 15 di lat. S e a di long. O. da Rio de Janeiro. L importanza di questo fiume è dovuta principalmente all abbondanza degli alberi producenti la gomma, ed all essere stato riconosciuto come frontiera tra il Brasile e il Perù. Il letto del Javary non raggiunge la larghezza di altri principali affluenti del Solimoes, come il Purus e il Jurua; è però più piacevole, perché le sue sponde non sono così basse ed allagate come quelle dei nominati. E molto ricco di produzioni naturali, come la gomma ed il cacao. L albero che produce detta gomma è assai più abbondante dal lato del Brasile che da quello del Perù, ma invece, forse per l incuria dell autorità Brasiliana, la maggiore e miglior parte di questa gomma elastica è presentata nei mercati di Manaos e del Parà, come venuta dal Perù. Questo fiume fu scelto dal P. Missionario Samuel Fritz, come sede di uno dei villaggi che aveva ottenuto di fondare, come Missionario della Corona di Spagna. Ma disgraziatamente fu arrestato e imprigionato dal Governatore Generale Antonio de Albnquerque, nel A quanto dice J. Gaetano da Silva, questo Missionario era della Compagnia di Gesù; e non fu arrestato, perché accusato di spionaggio, come senza fondamento asseriscono alcuni; ma perché accusato di aver fondato una Missione sul lato Est del Javary. Il Missionario Samuel In questa decima parte c è una breve descrizione del Rio Javary e alla sua importanza per l abbondanza nei suoi pressi di alberi della gomma (caucciù) e soprattutto dal fatto che è riconosciuto come confine tra gli Stati del Brasile e del Perù. Inoltre dopo l abbandono della Missione da parte di P. Alessandro da Piacenza e P. Antonino da Frascaro (costretti dalla precaria salute dovuta dal clima) a continuare l evangelizzazione subentra P. Giocondo da Soliera che appena raggiunge Remate de Males il giorno seguente si mette subito in viaggio per la sua opera apostolica. Fritz era una persona molto istruita; ed è autore di un lavoro sul fiume Amazzoni intitolato: El gran rio Maranão e Amazonas. Un tempo, secondo la narrazione di Christoval da Cuña, gli indi che abitavano nelle foreste ai lati del Javary erano delle tribù Chamità, Chinauà, Colina, Marauà, Pano, Uaraicú, Yames e Mayrunas. Ma ai nostri giorni, si sente parlare quasi unicamente dei Mayrunas : di cui si narrano storie ed usi ben tristi di crudeltà e di sangue. Un terzo soldato sul campo di lotta Questo fiume doveva essere percorso dal R. P. Alessandro da Piacenza o dal R. P. Antonino da Frascaro; ma, come s è visto, l inclemenza del clima ne 5

6 aveva fiaccata l attività o impedito il compimento del loro desiderio. Era necessario lanciar nella lotta altro soldato, che supplisse i commilitoni inutilizzati: e a questo fine si proferse coraggiosamente il M. R. P. Giocondo da Soliera. Il P. Giocondo giunse in Remate de Males il 24 settembre Senza perdere tempo, nel giorno seguente s imbarcò in un vaporino che faceva corsa fino alla cima del rio Javary, fino al punto, cioè, in cui il corso di acqua lascia il nome di Javary e prende quello di Jaquirana. Benché il vaporino avesse buona marcia, pure impiegò ben cinque giorni e cinque notti per giungere al punto ove il P. Missionario doveva incominciare il suo lavoro evangelico. Ciò non recherà meraviglia, quando si pensi che il Javary è lungo 945 chilometri; è navigabile per 800 chilom. a vapore, e per 100 chilom. con barca. Giunto al barracao de Miraflores, il P. Giocondo lasciò il vaporino per cominciare il servizio religioso. Se si pensa che solo da Manaos a Tabatinga, ove è la foce del Javary; vi sono ben 1670 chilometri, sarà facile argomentare a quale immensa distanza egli si trovasse; e come il Missionario che si trova così lanciato lontano da ogni centro e senza alcun mezzo di celere comunicazione, deve essere disposto ad ogni sacrificio, ad ogni evenienza! Pesca sul fiume Javari (Lancio della rete) Dallo stesso punto stava discendendo una grossa barca battellão a servizio di un venditore ambulante, e il P. Giocondo ne approfittò, dopo aver combinato con quell uomo che si sarebbe fermato ad ogni baraccone e baracca, ove vi fosse stato bisogno di servizio religioso. Con ciò, se da una parte gli si rese più facile la discesa, dall altra si espose pure a più gravi sacrifici: perché il rigatão (nome che qui danno a tali venditori) voleva andare di giorno e di notte, e così il Missionario anche di notte molte volte era obbligato a soddisfare ai bisogni spirituali dei fedeli. (continua ) Sostieni i progetti dell AIFI in Amazzonia, Africa, India donando il 5 %0 delle tue tasse Nella dichiarazione dei redditi basta apporre la tua firma e indicare il codice fiscale dell AIFI Grazie a nome di tutti i nostri missionari!

7 ANNA e MARIA SCIACCA L EQUILIBRIO DELL AMAZZONIA L antropologo Alfredo Luis Somoza al Festival delle Culture Etniche di Chiuduno Alfredo Luis Somoza, antropologo italo-argentino, è docente in diversi masters e corsi universitari ed ha scritto saggi su personaggi storici, città e paesi latino americani. Al Festival etnico Lo spirito del pianeta di Chiuduno (Bg) è intervenuto parlando di un argomento importante nella conferenza con il tema Il delicato equilibrio dell Amazzonia. Nella sua superficie di sette milioni di Kmq. ha detto l antropologo l Amazzonia è attraversata dal Rio delle Amazzoni che è il sistema fluviale più grande del mondo, sotto il quale c è un deposito d acqua che si è formato nei millenni. L Amazzonia è il luogo al mondo con la maggiore biodiversità, con tante specie di piante e animali, ed è il più grande ecosistema che interessa tanti altri paesi. In questo ampio territorio vivono circa quattrocento etnie diverse, tra le quali gli Indios discendenti da quella grande migrazione avvenuta quaranta mila anni fa, nel periodo neolitico, attraverso lo stretto di Bering. Dopo il periodo glaciale le piante che erano sopravissute si moltiplicarono producendo una vegetazione lussureggiante. Somoza, dopo avere parlato delle caratteristiche geografiche di questo immenso territorio, ha presentato anche un discorso storico-sociale sull Amazzonia: Intorno al cinquecento l Amazzonia comincia ad interessare molte persone: conquistadores spagnoli, naturalisti, avventurieri, cercatori d oro e di prodotti come il caucciu e varie specie vegetali. In seguito in questo esteso territorio si costruirono la Trans Amazzonica, dighe e si crearo- no allevamenti di bestiame. Molte piante vennero studiate e utilizzate nell industria farmaceutica e del profumo, ad esempio il palissandro la cui essenza è utilizzata nella famosa marca Chanel n. 5 e che produce un profumo molto duraturo. In queste attività possono nascondersi anche traffici illeciti: coltivazioni di cocaina, commercio di armi e narcotraffico. L Amazzonia è diventata così una terra nella quale ci sono molti interessi politici ed economici. Il progresso e lo sfruttamento della foresta creano da una parte la povertà della popolazione e dall altra la ricchezza delle grandi multinazionali. Alcune tribù indigene rimangono nelle riserve dove coltivano mais, manioca. La tribù dei Sateré Mawé, ad esempio, produce il guaranà che in Italia viene distribuito nei negozi di commercio equo solidale sottoforma di bibita Guaranito. L antropologo aggiunge, poi, nel suo discorso: Dietro a tutte queste attività ciò che è importante capire è che l Amazzonia è un ecosistema poverissimo, perché alla sua base non c è la presenza di terra, ma di uno strato di vegetazione, e togliendo gli alberi e le piante e non c è più quel rinnovarsi della vegetazione. Il substrato prodotto dalla foresta viene lavato dalle piogge e sotto i pochi centimetri troviamo la roccia. Quindi e importante mantenere l Amazzonia nel suo equilibrio naturale. In essa abitano trenta milioni di persone che hanno diritto di vivere dignitosamente, quindi l Amazzonia deve essere fonte di buona vita. 7

8 Foreste bruciate Intervista ad Alfredo Luis Somoza 8 Si può parlare di una preistoria dell Amazzonia? Nella storia evolutiva degli animali qualcosa è stato trovato in Patagonia. In Amazzonia il clima non consente la formazione di fossili, forse possiamo considerare l armadillo, poiché le corazze sono resistenti Per quanto riguarda le tribù indigene, le quattrocento etnie amazzoniche sono imparentate in un gruppo linguistico che si chiama Tupi Guarani. Ci sono stati dei ritrovamenti di pietre lavorate e quindi sembra che ci sia stata una civiltà precedente; sono state scoperte di recente le tracce della salita sulle Ande di popoli amazzonici che poi conquistarono il Perù ed una serie di reperti archeologici a diverse altitudini della montagna. Le caratteristiche dei gruppi etnici dell Amazzonia sono abbastanza omogenee, si notano differenze, invece, con i gruppi andini della Patagonia. Gruppi dell Amazzonia erano presenti anche nei Caraibi, infatti quando Cristoforo Colombo sbarcò in quelle isole trovò delle etnie come i Caribi e i Taino. Ci sono ancora gruppi di Indigeni che vivono liberi nella foresta dell Amazzonia? La Funai, che è l ente di protezione Indio, calcola che ci siano cinquanta gruppi di Indios che vivono allo stato tradizionale, tra i quali i Guarajara nel Maranhao e Ticunas nell Amazonas. Questi indigeni sono riusciti a restare nascosti semplicemente perché l Amazzonia è qualcosa di gigantesco: molti lo fanno per scelta, alcune tribù sono state avvistate e sanno che ci sono dei bianchi, ma scelgono di non contattarli e di rimanere nella foresta. Le multinazionali sono le maggiori responsabili della deforestazione e spesso c è chi con il denaro compra le varie autorizzazioni, cosa ne pensa? Di solito è più corruzione che pagamento, ma oggi c è più tutela. L unico paese che svolge un controllo è il Brasile perché dispone di una rete satellitare di controllo per motivi di sicurezza dato che l Amazzonia è terra di nessuno e le frontiere non esistono. Come sono oggi i rapporti tra gli Indios e i missionari? Oggi sono abbastanza buoni. In Amazzonia ci sono animali bellissimi, ma non sempre facili da avvistare, come il giaguaro e la pantera nera che è la versione melanica del giaguaro. Ci sono informazioni sul loro comportamento? Dei giaguari il massimo che ho visto qualche mese fa sono state le impronte sul fiume, mi dicono però che si può anche trovarli perché essendoci la deforestazione fanno delle uscite un po improvvide. Uno tra gli animali più suggestivi che ho visto in Amazzonia è il delfino rosa: al tramonto è tutto rosato. Si vedono anche molte scimmiette scoiattolo. Di solito gli animali si riescono a vedere meglio all alba e al tramonto; di notte si vedono i felini.

9 amazzonia Animali NICOLA SABA RANE ARBORICOLE E RANE MARSUPIALI Il grado di umidità nella foresta amazzonica è talmente elevato e la presenza dell acqua così abbondante che molte specie di anfibi non hanno neppur bisogno di avvicinarsi ai ruscelli o agli specchi d acqua che si trovano sul terreno per potersi riprodurre. Alcune specie appartenenti al gruppo delle cosiddette rane arboricole utilizzano, ad esempio, le grandi foglie di alcuni alberi e le cavità dei grandi tronchi come fossero bacini idrici in cui deporre e far crescere i propri girini. Ne sono un esempio le cosiddette rane del latte (resinifictrix Trachycephalus); dotate di uno stupendo cromatismo bianco e nero, esse risultano talmente attraenti da essere allevate, riprodotte e commercializzate in vari paesi del mondo. Con l inizio della stagione delle piogge i maschi danno il via ai rituali di corteggiamento; appena dopo il tramonto un assordante e frenetico concerto (capace di produrre oltre differenti tipi di vocalizzazioni) inizia ad animare la grande foresta. Attirate dalle doti canore dei maschi, le femmine si avvicinano e dopo essersi accoppiate, provvedono a deporre sino a uova in quelle insolite ed improvvisate nursery, poi si allontano nuovamente dal luogo della deposizione disinteressandosi della covata. Purtroppo dato il numero elevato di girini e la dimensione decisamente esigua delle scorte d acqua, il cibo (costituito da sostanze vegetali in decomposizione) viene a mancare molto rapidamente. Sono i maschi a correre in aiuto degli affamati pargoli, evitando la tragedia e la morte per fame di tutta la covata; freneticamente iniziano nuovamente a far risuonare nella foresta il proprio canto d amore, il fine è quello di attirare altre femmine, ma questa volta le uova (che saranno depositate nello stesso luogo in cui si trovano i girini) avranno ben altro destino; esse costituiranno il cibo che permetterà la sopravvivenza di tutta la nidiata e questo comportamento si ripeterà sino a che i girini non giungeranno alla metamorfosi finale! Originali ed affascinanti queste rane vivono per tutta la vita a decine di metri d altezza, spesso completamente ignorate dall uomo, al punto che la scoperta e l identificazione di nuove specie in questi ultimi decenni ha avuto dell incredibile; l ultima di 9

10 cui ho notizia si è verificata a giugno dello scorso anno, quando alcuni biologi americani ne hanno catturato alcuni esemplari nella riserva naturale di Maquipucuna in Ecuador. Certo è che se la strategia evolutiva di queste piccole rane appare interessante ed inconsueta, ancora più incredibili sono gli adattamenti subiti da alcune loro cugine, le cosiddette rane marsupiali appartenenti al genere Gastrotheca! Al fine di proteggere i propri girini ed assicurare un prospero futuro alle nuove generazioni, queste rane hanno sviluppato una specie di borsa sul dorso; durante la deposizione, il maschio con l aiuto attivo della femmina, fa scivolare le uova fecondate all interno di questo marsupio (a seconda della specie, il numero di uova deposte può variare da 4-5 sino ad oltre 200) la cui apertura in alcuni casi viene sigillata dalla pelle stessa che forma una specie di cicatrice. Nel marsupio, perpetuamente umido, nascono i girini che, in alcune delle oltre 60 specie esistenti, vengono immediatamente liberati nelle pozze e nelle acque stagnanti della foresta, mentre in altre continuano a svilupparsi all interno della sacca per uscirne solo a metamorfosi terminata. ANNA E MARIA SCIACCA IL PUMA O COGUARO Agile, riservato, solitario, il puma o coguaro è conosciuto anche come leone di montagna. La specie a cui appartiene è quella del puma concolor, della famiglia dei felidi. Il suo habitat naturale è quello delle foreste e pianure delle zone andine, (anche oltre 3200 mt. di altitudine) la cui vegetazione e le cui rocce offrono riparo. Il coguaro è un ottimo nuotatore, si arrampica sugli alberi e salta agilmente in tutte le direzioni. Si nutre di roditori, uccelli, conigli, cervi, caribù, pesci. Questo felino ha una vasta gamma di vocalizzi: fusa, fischi, guaiti, ringhii. Raggiunge un altezza di circa 70 cm e un peso che va dai 50 ai 70 Kg. Il suo pelo è corto e morbido. Raggiunge la maturità sessuale intorno ai due anni di vita. La femmina ha una gestazione di giorni e partorisce da uno a quattro piccoli in una tana costruita nella boscaglia o nella cavità di un albero. Dopo il ghepardo, il puma è il felino più veloce, infatti può raggiungere una velocità prossima ai Leone di montagna chilometri orari. La parola puma deriva dalla lingua quechua; nella lingua inglese ci sono diversi termini per indicare l animale: cougar, mountain lion, panther, catamount, pi-twal, carcajou, painted cat. In Brasile, utilizzando un termine della lingua tupi, il puma viene chiamato sucuarana. L animale è inserito nella Red List dell IUNC (Unione mondiale per la conservazione della natura) e per la sua difesa ne andrebbe vietata la caccia e conservato il suo habitat naturale.

11 COMUNICATO STAMPA DI SURVIVAL INTERNATIONAL Taglialegna invadono la terra di una tribù amazzonica Bruciato vivo un bambino 10 gennaio 2012 Un gruppo di taglialegna ha invaso la terra natale di una tribù di Indiani Awá incontattati e pare che un bambino sia stato bruciato vivo. Secondo le dichiarazioni rilasciate dall Ong brasiliana CIMI, dopo l attacco dei taglialegna alcuni membri dei Guajajara, che vivono nella stessa area, avrebbero rinvenuto i resti carbonizzati di un bambino Awá. Clovis Guajajara si imbatteva di tanto in tanto negli Awá a caccia nella foresta. Dal giorno dell attacco non li ha più incontrati e per questo ritiene che la tribù possa essersi data alla fuga. Il Funai (il dipartimento agli affari indiani del governo brasiliano) ha dichiarato a Survival International di aver aperto un indagine ma di non poter ancora confermare la morte del bambino. Si stima che in questa regione nord-orientale dell Amazzonia brasiliana vivano almeno 60 Awá incontattati. Per sopravvivere, gli Awá, una delle ultime tribù di cacciatori-raccoglitori nomadi del Brasile, dipendono esclusivamente dalla foresta, ma la loro terra si ritrova oggi invasa da un gran numero di taglialegna illegali e soffre uno dei più alti tassi di deforestazione di tutta l Amazzonia. Oltre il 30 % del territorio della tribù è già andato distrutto. In quest area ci sono degli Awá incontattati ha dichiarato oggi a Survival International Luis Carlos Guajajara, e i disboscatori stanno facendo molta pressione su di loro. La presenza dei taglialegna è molto pericolosa. Gli Indiani sono terrorizzati. Recentemente gli Awá hanno subito una serie di attacchi brutali. I taglialegna minacciano di ucciderli se li incontreranno nella foresta. Survival sta esercitando pressioni sulle autorità brasiliane affinché gli invasori siano espulsi immediatamente per non mettere ulteriormente a rischio la sopravvivenza della tribù. Una bambina Awá della comunità di Juriti, dove vive la maggior parte degli Awá usciti recentemente dall isolamento, Brasile. Fiona Watson/Survival 11

12 LORETTA EMIRI ** BORORO * L arte plumaria, cioè la confezione di artefatti a partire dall utilizzo di penne di uccelli, è fra le manifestazioni artistiche più espressive degli indios brasiliani. Le materie prime usate sono sostanzialmente le stesse, ma ogni società indigena ha sviluppato un suo stile; tanto che attributi peculiari quali forme, associazioni di materiali, combinazioni di colori, procedimenti tecnici, ci permettono di stabilire la provenienza degli artefatti. Utilizzati soprattutto come ornamenti corporali, elementi plumari possono anche essere applicati ad armi, strumenti musicali, maschere. La loro funzione non è meramente decorativa; sono codici che, attraverso un linguaggio non verbale, trasmettono informazioni su sesso, età, appartenenza clanica, posizione sociale, importanza cerimoniale, incarico politico, grado di 12 prestigio di chi li usa. Nella duplice qualità di raffigurazione e ornamento vengono usati in cerimonie e rituali, che sono campi simbolici per eccellenza delle culture umane. In passato denominati anche coroados, che significa incoronati, i bororo abbinano penne lunghe a supporti rigidi, tecnica che conferisce un aspetto grandioso, monumentale, agli artefatti plumari. Un determinato copricapo da loro prodotto è intimamente associato all idea della morte. Potendo durare fino a due mesi, il funerale è il rito bororo che più impressiona per bellezza e complessità. Conobbi due ragazze e due giovani bororo durante un corso di formazione per maestri indigeni. Fino a quel momento possedevo un unica notizia riguardante il loro popolo. Il 15 luglio del 1976, una sessantina di invasori dell area indigena avevano fatto irruzione nella missione salesiana di Meruri. Avevano assassinato padre Rodolfo Lunkembein e Simão Bororo e ferito altri quattro individui, tutti disarmati. Nella confusione della sparatoria era morto anche il figlio di uno degli invasori. Nella storia contemporanea delle missioni in Brasile, era la prima volta che un religioso veniva ammazzato per essersi schierato a fianco degli indios nella difesa delle loro terre. Durante il corso, varie volte i maestri bororo presero la parola, introducendoci a vita e cultura del loro popolo. Particolare interesse suscitò un cartellone realizzato durante un attività di gruppo. Era una vera e propria sintesi etnologica, che ci venne svelata con dovizia di particolari. Fra l altro, apprendemmo

13 che la disposizione del villaggio bororo è circolare; che la società è composta da metà esogamiche e cerimoniali le quali, orientate dall asse est-ovest, occupano il villaggio tagliandolo in due; che queste metà sono divise in clan e sottoclan con prerogative e doveri ben definiti; che durante i complessi riti funebri le differenti categorie sociali si uniscono per svolgere ruoli complementari, con ciò ottenendo che proprio nel drammatico momento della morte il gruppo instauri nuove alleanze e rafforzi la sua coesione. Per aver opposto una tenace resistenza contro gli invasori, i bororo vennero definiti barbari e indomabili, e ripetute spedizioni vennero organizzate per punirli e sottometterli. Essendosi rivelato dispendioso e poco efficace l uso delle armi, alla fine del XIX secolo venne organizzata una spedizione con l obiettivo di stabilire relazioni pacifiche; alcune donne bororo che vivevano in città vennero indotte a farne parte, mentre i figli erano trattenuti in ostaggio: possiamo immaginare che non debba essere stato difficile per loro convincere il proprio popolo a deporre le armi ed allearsi con i bianchi. Documenti dell epoca ci dicono che i borono erano circa diecimila. Una parte di loro venne riunita in due colonie militari; la convivenza pacifica che ne derivò portò alla promiscuità fra donne indigene e soldati, e alla fornitura gratuita di bibite alcoliche agli uomini. Quando conobbi i maestri bororo, questo popolo era ridotto a circa settecento individui e il suo problema più serio era l alto indice di alcolismo, che coinvolgeva addirittura i bambini. L autodenominazione del gruppo è boe, ma l uomo bianco ha preferito indicarlo con una parola intrisa di morte: bororo deriva infatti da wororo, termine che designa il patio dove vengono realizzati i riti funebri. * Il brano Bororo è uno dei capitoli del libro inedito Amazzone in tempo reale. ** Loretta Emiri è nata in Umbria nel Nel 1977 si è stabilita in Roraima (Brasile) dove ha vissuto per anni con gli indios yanomami. In seguito, organizzando corsi e incontri per maestri indigeni, ha avuto contatti con varie etnie e i loro leader. È membro del CISAI - Centro Interdipartimentale di Studi sull America Indigena dell Università di Siena. FABRIZIO ORLANDO Parliamo di Libri Massimo Rossi Pioggia, fango, merda, sole, blues - Un Amazzonia senza Sting Stampa Alternativa, Viterbo 1999 Massimo Rossi è un assistente sanitario specializzato in malattie infettive che tra il 6 marzo del 1998 e il 12 aprile dello stesso anno metterà a disposizione la propria competenza come volontario nella baraccopoli di Placido de Castro, nell estremo est amazzonico brasiliano dello stato dell Acre al confine con il Perù e la Bolivia. Quando padre Gabriele chiederà il suo aiuto come operatore sanitario per dare inizio a un progetto che prevederà la presenza fissa di un ambulatorio di primo soccorso, Massimo accetterà l invito e si calerà in questa avventura con intelligenza e con una profonda dose di umanità. Il religioso è impegnato da quindici anni contro tutto e tutti (istituzioni comprese) per dare una minima dignità e altrettante speranze alle persone del luogo abbandonate ai margini della foresta come un cumulo di dodicimila abitanti privati perfino delle più elementari necessità. Questo libro è il diario intimo scritto a caldo dall autore nelle sere tropicali e dentro ci sono tutti gli avvenimenti, i volti, gli odori, le riflessioni e ogni altra cosa abbia incrociato la sua esistenza lasciandogli addosso per sempre la propria testimonianza 13

14 I PROGETTI dei no AMAZZONIA Cari amici benefattori I nostri missionari chiedono un aiuto per finanziare alcuni progetti in Amazzonia. Anche un offerta di pochi euro è gradita e utile! Un nuovo stimolante progetto Adotta un missionario amazzonense L appoggio morale e materiale per aiutare la formazione dei giovani frati dell Amazzonia, è un progetto molto bello. Se potete dateci una mano! In questo caso ogni giovane frate in formazione si responsabilizzerá a spedire almeno una volta all anno una lettera alla sua famiglia adottante... Vale la pena! Per adottare un aspirante missionario sono necessari : 25 euro mensili Le nostre forme tradizionali di sostegno Progetto Pastoral da criança (Pastorale del bambino) In questi mesi gli agenti della Pastoral da criança hanno seguito i bambini e le madri. Gli infermieri e i volontari insieme ai medici hanno impiegato tutte le loro forze per rendere meno difficile la vita delle famiglie e dei bambini assistiti. Il problema principale resta ancora la malnutrizione dei bambini. Per aiutare un bambino nella sua crescita: euro mensili Pastorale dei bambini 14 Progetto Lebbra Per la cura e la guarigione di un lebbroso: euro

15 ostri MISSIONARI Benzina per il regno di Dio (Gasolina para o reino de Deus) La parrocchia S. Cristoforo in Amaturá (Amazzonia) attua per tutto l anno, un opera di evangelizzazione a favore delle comunità rivierasche e indigene. Proponiamo, in sede, incontri di preparazione e formazione dei catechisti e animatori di liturgia e, almeno due volte l anno, con nostre équipe, ci rechiamo a far loro visita (sin nei luoghi più lontani e inaccessibili!) coinvolgendo più comunità ( desobriga ). La popolazione della parrocchia offre il proprio contributo, ma nonostante la buona volontà, non riusciamo a coprire i costi di viaggio, con la conseguenza che molti giovani, pur volenterosi, non possono partecipare ai corsi proposti. Il progetto prevede colaborare con la spesa per l acquisto della benzina necessaria allo scopo di annunciare il Regno di Dio lungo il Rio Solimões e dei suoi affluenti, durante un intero anno pastorale. Il progetto è rivolto sia alle fraternitá fluviali (Solimões) sia alle terrestri (Humaitá e Rorainopolis). Da questo nasce il nome del progetto: benzina per il Regno di Dio. Servono 2000 euro per il funzionamento di tutto il progetto Musica salvifica in Realidade, al Km 100! I nostri Frati ad Humaitá, come giá sapete, lavorano con la gente dei villaggi piú poveri insiedati lungo le strade transamazzoniche... una di queste é la BR 319 dove al kilometro 100 si stá sviluppando in forma accellerata un grande villaggio, totalmente disassistito, chiamato Realidade e dove i nostri frati, giá sono una presenza fraterna, amica e portatrice di speranza per quella gente e soprattutto per i giovani e adolescenti. Purtroppo, anche lá, sono arrivati l alcool e la droga... con i giovani del posto, peró, oltre alla Buona Novella del Vangelo, i nostri giovani frati, sognano di portare un po di alternative e opportunitá, cose semplici, ma che possono dare speranza, autostima e un futuro... la musica. Con l aiuto dei giovani del posto, giá si stanno organizzando: frei Marcos, oltre che catechista, sará il professore di musica con altri collaboratori della cittá di Humaitá... La scuola di musica sará nella stessa cappellina, costruita da loro, frati (con il nostro amato Frei Benigno) e popolo. I ragazzi vorrebbero cominciare subito, in questi mesi di gennaio e febbraio, in cui non c é scuola essendo in vacanza e i pericoli aumentano per il vuoto che si crea... ma manca il principale: qualche strumento musicale. Ci aiutate a comprarlo?! In questo caso senza dubbio, la musica puo fare la differenza, puo essere veramente preventiva e salvifica... Per favore, aiutiamoli! 15

16 NINO PARISI NEL SEGNO DELLA CARITA EVANGELICA Nel periodo in cui viviamo ci stiamo misurando con una crisi economica che sta portando alla povertà anche la fascia media della società. Ci stiamo misurando, inoltre, con una crisi di valori e di ideali che ci sta facendo sprofondare in un gravissimo disagio sociale, anche perché la scuola, agenzia educativa per eccellenza, a volte, per motivazioni varie, viene messa anch essa in crisi. Tra le tante motivazioni vi è la mancanza di alleanza tra scuola e famiglia. Sappiamo tutti che questa alleanza è diminuita rispetto a un tempo, quando le famiglie non osavano mettere in discussione la scuola, i suoi metodi e il sistema di regole. Si assiste sempre più alla crisi della famiglia, che diventa più instabile e incapace di dare punti di riferimento significativi. Si assiste a fenomeni di bullismo che sono sempre in crescita e in tutti gli ambienti, ad eventi di microcriminalità, ad atteggiamenti mafiosi, ad episodi di consumismo sessuale, a traffico ed uso di droghe, ad abuso sui minori e ad altre forme di violenza spesso non molto evidenti o addirittura nascosti. Si assiste, infine, ad 16 episodi di razzismo nei confronti degli immigrati stranieri per cui le possibilità di integrarsi nelle comunità ospitanti diventano sempre più difficili o, addirittura, impossibili. Questo scenario culturale che ci rende privi anche di umanità mette in crisi perfino la Chiesa; ed ecco perché gli Orientamenti pastorali della CEI, dal titolo Educare alla buona vita del vangelo, affrontano il problema dell educazione come percorso di una formazione che possa dare risposte ai nodi problematici della cultura odierna. Tuttavia, nella nebbia di questa crisi, spiragli di luce sono ancora presenti. Nella Parrocchia San Ferdinando Re in San Ferdinando della provincia di Reggio Calabria, ad esempio, si sta puntando su una pastorale basata sulla trasmissione della bella notizia dell amore gratuito di Dio per ogni persona, soprattutto per chi è in difficoltà. Non sarà certamente il massimo della testimonianza cristiana, né l unica parrocchia che si pone questo obiettivo, ma è un piccolo seme che potrebbe germogliare e dare abbondanti frutsegue a pag. 17

17 La leggenda del guaranà Narra una leggenda degli indios Maué che in un tempo molto lontano, nella tribù, da una coppia anziana, nacque un bel bambino che ben presto divenne forte e coraggioso fino a diventare il capo dei Mauè. Uno degli dei, invidioso del coraggio del giovane capo, si trasformò in serpente e lo morse ad una caviglia. Ben presto il veleno si diffuse in tutto il corpo del giovane fino a provocarne la morte. Tupa, un altro degli dei, commosso dal dolore dei genitori, consigliò alla madre di piantare gli occhi del figlio nel suolo. Gli occhi sepolti diedero origine nel terreno ad una pianta in cui era racchiuso il segreto della forza e della salute e a cui venne dato il nome di guaranà. Il guaranà, nome comune della specie Paullinia sorbilis, è una pianta che vive in diverse regioni dell America meridionale e che viene venduta in commercio in forma di cilindri rosso-bruni. I caratteristici frutti rossi del guaranà contengono grossi semi ricchi di una sostanza stimolante: la guaranina. Gli indios utilizzano il guaranà sciogliendolo in acqua, per affrontare fatiche, lunghi viaggi, come stimolante. Per la sua azione tonica, sottoforma di bevanda, è apprezzato e diffuso in tutto il Brasile. ti. In questa Parrocchia, guidata dai servi della carità dell Opera San Luigi Guanella, operano anche dei volontari Caritas che da anni stanno portando avanti delle iniziative solidali, che oltre ad essere di aiuto alle persone che si trovano in disagio e in stato di precarietà (in particolar modo centinaia di immigrati), sensibilizzano ed educano il territorio alla solidarietà, alla condivisione, alla mondialità. Una di queste iniziative la Mostra mercato di manufatti preparati dagli alunni della Scuola secondaria di primo grado dell Istituto comprensivo M.Vizzone e dalle loro insegnanti facenti parte del gruppo Caritas, a favore del Progetto N 1 dell AIFI di Benjamin Constant Brasile, in continuità con gli scorsi anni (Vedi Periodici AIFI N 104 e 105 ). La preparazione dei manufatti e la relativa vendita è avvenuta in concomitanza con l Avvento 2011, periodo liturgico che prepara all accoglienza del Signore che viene e all accoglienza del povero, immagine di Dio presente in mezzo a noi, periodo che coinvolge in maniera incisiva ad azioni caritative. L obiettivo specifico dell iniziativa è stato quello di offrire ai ragazzi-alunni un esperienza di formazione sulla prossimità e la mondialità, e al territorio di far esercitare la carità con gesti di condivisione e di solidarietà, segni di testimonianza dell amore evangelico, di quell amore che Gesù ci ha insegnato per la nostra vita di uomini e di cristiani. 17

18 Matis (Foto di repertorio - archivio AIFI) amazzonia La Campagna Popoli indigeni della Valle del Javari: uniti per la salute, per la vita Sostieni anche tu questa iniziativa Nella valle del Javarì (Amazzonia) vivono i popoli Marubo, Matis, Kanamari, Kulina, Korubo e altri gruppi isolati per un totale di circa 5000 persone. Negli ultimi anni è cresciuto in modo allarmante l indice di contaminazione da malattia, quale la malaria, l epatite (A,B,C,D) e soprattutto di tipo B, che non ha cura. Molti indigeni, tra cui anche bambini, sono morti. Le morti avvengono in tutti i villaggi. Questa campagna ha come finalità quella di stimolare gli organi di governo brasiliani a favorire iniziative concrete capaci di contrastare gli effetti negativi causati dalle malattie. Al Governo Federale spetta adottare le misure ne- 18 cessarie e urgenti e non procrastinabili, per evitare l estinzione di questi popoli, patrimonio dell umanità. Nella rivista troverai una petizione che potrai sottoscrivere e rispedire all AIFI. Coinvolgi anche parenti, amici, conoscenti Puoi fare anche fotocopie della petizione e utilizzarla per raccogliere più adesioni Grazie per la collaborazione! L AIFI, periodicamente, invierà alla Presidente del Brasile (Dilma Rouseff) ed alle autorità competenti brasiliane, le adesioni alla Campagna.

19 PETIZIONE Eccellentissima Signora DILMA ROUSSEF Presidente della Repubblica BRASÍLIA/DF Signor Presidente Siamo venuti a conoscenza della realtà drammatica affrontata dai popoli indigeni della regione Valle del Javari nello Stato dell Amazonas. Ci risulta che i popoli Kanamari, Kulina, Matsés, Matis e Marubo sono sotto il rischio di estinzioni dovuto alla contaminazione per malattie endemiche come la malaria e epatite. Siamo stati informati che lì esistono comunità con più dell 80% degli abitanti contaminati dall epatite B conosciuta come una malattia senza cura. Sappiamo inoltre che lo sotto si fa presente nella regione in una maniera abbastanza precaria senza adottare mezzi necessari per prevenire e curare le malattie. In vista della gravità della situazione e con il desiderio di capovolgere questo quadro doloroso per i popoli indigeni, sollecitiamo che si adottino mezzi idonei per provvedere che gli stessi indigeni possano assumere come condizione indispensabile per migliorare la propria qualità di vita, come: Presenza di una èquipe multidisciplinare permanente nell area (medici, infermieri, dentisti, infetto logisti); Costruzione di infrastruttura basica e luoghi adatti per la conservazione di vaccini; Realizzazione di sorologia con tutti gli indigeni della Valle del Javari ; Acquisto di barche veloci munite per il servizio e rimozione dei malati; Medicine in quantità sufficiente per il fabbisogno dei malati; Risanamento basico; Costruzione di piste di volo e ore di volo garantite nel preventivo; Preparazione di operatori sanitari e levatrici; Prevenzione e controllo della malaria. In un lasso di tempo: nuova struttura per la Casa di salute dell Indio Casa di Atalaia do Norte; costruzione di una Casa di appoggio per pazienti portatori di malattie endemiche. Sicuri della Vostra tempestiva attenzione, ringraziamo. Rispettosamente, NOME COMPLETO CITTA NAZIONE 19

20 Adotta un progetto! AIFI Associazione Insime Onlus un gesto di amore che aiuta a crescere uno, dieci, cento bambini! 20 Con il nuovo programma ogni bambino adottato sarà sicuramente beneficiato, ma in modo diverso rispetto al passato, in modo indiretto e più efficace, più duraturo, visto che procederemo con progetti mirati quali: scuola per l infanzia a Benjamin Constant, borse di studio per la scuola superiore e l università, corsi professionali di taglio e cucito, falegnameria, panetteria, musica, informatica e Sport in Solidarietà, come alternativa alla strada, un progetto rivolto alla popolazione di bambini e giovani, compresi tra i 0 e i 17 anni ecc I bambini, quindi, non saranno più adottati individualmente Il progetto Adozioni a distanza non è finito e tanto meno fallito, ma semplicemente sta cambiando modalità perché attraverso le vostre abituali offerte come vi proponiamo e preghiamo continueremo a salvare un bambino, anzi molti più bambini, giovani, famiglie e villaggi! L impegno economico richiesto ad ogni benefattore che adotta un progetto è di 240 euro annui, che possono essere versati secondo le modalità preferite dall adottante (mensile, semestrale, annuale ) Una volta sottoscritto ed inviato all AIFI il modulo di adozione ed il versamento della rata mensile, l Associazione invierà al missionario in Amazzonia la richiesta di adozione del progetto riguardante i bambini. Cari benefattori, potete scegliere di adottare uno dei progetti, indicandolo sulla causale del versamento (ad es: progetto n. 1, oppure progetto n. 3 ); in assenza di una vostra indicazione saranno i missionari ad assegnare ad ognuno di voi il progetto a seconda delle necessità dei bambini. Per informazioni potete comunicare con noi: Telefonando all AIFI negli orari di ufficio (tel. 075/ ) Scrivendo a: Ass. Insieme Fratelli Indios Via Canali Perugia Inviando un fax al seguente numero dell AIFI: 075/ Inviando una all indirizzo di posta elettronica dell Associazione: Per maggiori chiarimenti è possibile anche consultare il sito internet dell AIFI:

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE ANCHE TU AVRAI UNA NUOVA FAMIGLIA. Se c è qualcosa di cui un bambino abbandonato o rimasto senza i genitori ha bisogno, questa è la famiglia. Non solo

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

Amici del Madagascar

Amici del Madagascar Associazione Amici del Madagascar via Lovernatico, 13-38010 Sporminore (Trento) Tel - Fax: 0461.655347 E-mail: rita.cattani@inwind.it Sito associazione: amicimadagascar.altervista.org www.comune.sporminore.tn.it

Dettagli

PROGETTO: UNA QUESERA PER SHUYO

PROGETTO: UNA QUESERA PER SHUYO PROGETTO: UNA QUESERA PER SHUYO Shuyo Ecuador: La cordigliera delle Ande raggiunge il punto più alto con il Chimborazo (6310) ed è composta da due dorsali parallele di origine vulcanica tra le quali si

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

MK ONLUS per i bambini del Burkina Faso

MK ONLUS per i bambini del Burkina Faso I lions italiani contro le malattie killer dei bambini - onlus MISSION Creare e promuovere tra tutti i popoli uno spirito di comprensione per i bisogni umanitari attraverso volontari servizi coinvolgenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Cicero Dantas è una cittadina dello stato di Bahia, situato nel Nord-Est del Brasile, nel famoso Sertao.

Cicero Dantas è una cittadina dello stato di Bahia, situato nel Nord-Est del Brasile, nel famoso Sertao. Cicero Dantas è una cittadina dello stato di Bahia, situato nel Nord-Est del Brasile, nel famoso Sertao. Qui, come in altre cittadine del Sud America, dagli anni 70 operano le Suore di San Giuseppe di

Dettagli

CAMBIARE È POSSIBILE. SD children-onlus SOSTENIAMO I FIGLI DELLA GUERRA. www.childrenonlus.it

CAMBIARE È POSSIBILE. SD children-onlus SOSTENIAMO I FIGLI DELLA GUERRA. www.childrenonlus.it CAMBIARE È POSSIBILE CON IL NOSTRO E IL VOSTRO IMPEGNO, CAMBIARE LA VITA DI UN BAMBINO È POSSIBILE. children-onlus SOSTENIAMO I FIGLI DELLA GUERRA. PROGETTO DI SOSTEGNO A DISTANZA PER I BAMBINI DEL CONGO.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?...abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare.

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare. FONDAZIONE GEDAMA onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale - Iscritta nel Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche della Prefettura di Bergamo al n. 17 della parte 1^ ( parte generale)

Dettagli

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 DC.DP.00.33 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE aiutare i bambini ONLUS "aiutare i bambini" è una fondazione italiana, laica e indipendente, nata

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Immobile di Puegnago del Garda (BS): primo lascito testamentario. del Rinnovamento nello Spirito Santo ONLUS

Immobile di Puegnago del Garda (BS): primo lascito testamentario. del Rinnovamento nello Spirito Santo ONLUS Immobile di Puegnago del Garda (BS): primo lascito testamentario. Per sostenere FONDAZIONE ALLEANZA del Rinnovamento nello Spirito Santo ONLUS DONAZIONI c/c postale intestato a Fondazione Alleanza del

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio La virtù del risparmio è cosa da adulti, ma fin da bambini occorre prenderne l abitudine e capirne il valore. Perché gli uomini risparmiano? Per

Dettagli

ISTITUTO FIGLIE DI S. ANNA ERITREA. Ristrutturazione della casa di accoglienza delle orfane

ISTITUTO FIGLIE DI S. ANNA ERITREA. Ristrutturazione della casa di accoglienza delle orfane ISTITUTO FIGLIE DI S. ANNA ERITREA Ristrutturazione della casa di accoglienza delle orfane ASMARA, 22 SETTEMBRE 2013 LA BEATA ROSA GATTORNO Madre Rosa nacque a Genova il 14 ottobre 1831. Fin dal principio

Dettagli

le missioni DELLA NOSTRA DIOCESI APPASSIONATI DI DIO QUARESIMA 2015 - DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO

le missioni DELLA NOSTRA DIOCESI APPASSIONATI DI DIO QUARESIMA 2015 - DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO le missioni DELLA NOSTRA DIOCESI APPASSIONATI DI DIO QUARESIMA 2015 - DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO Tenere sempre uno sguardo fisso al mondo che ancora attende il Vangelo. Il 14 centenario di San Colombano

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

La chiamata alla speranza

La chiamata alla speranza La chiamata alla speranza Preghiera mensile Dicembre 2015 1.- Introduzione L'Avvento è un tempo per rispondere alla "chiamata alla speranza". La nostra è la speranza che abbiamo nella nascita di Cristo,

Dettagli

CATALOGO BOMBONIERE SOLIDALI

CATALOGO BOMBONIERE SOLIDALI CATALOGO BOMBONIERE SOLIDALI Un modo speciale per festeggiare le vostre ricorrenze (battesimi, comunioni, cresime, nozze, lauree, compleanni, anniversari, ecc.) con bomboniere, cartoncini, pergamene, liste

Dettagli

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme.

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I numeri della Provincia di Madrid, cioè della Spagna. I Redentoristi in Spagna (che storicamente formano la Provincia

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Da vari anni nel territorio della città di Roma e provincia stiamo cercando di realizzare un progetto, cominciato quasi 10 anni fa da alcuni

Dettagli

ASSOCIAZIONE. Grazie per averci sostenuto. in tutti questi anni...

ASSOCIAZIONE. Grazie per averci sostenuto. in tutti questi anni... 1987 2012 25 ASSOCIAZIONE AIUTIAMO I FRATELLI POVERI E LEBBROSI ONLUS - GANDINO Grazie per averci sostenuto in tutti questi anni... Essere non amati, dimenticati. E questa la grande poverta, peggio di

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI Premessa L Uganda è il secondo Paese, in ordine cronologico, con cui Idee Migranti ha costruito rapporti di cooperazione.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Brasile Iguazu La cascata del dio serpente

Brasile Iguazu La cascata del dio serpente Poor Niagara Falls! scrisse un lontano giorno, con una punta forse di invidia, Eleonor Roosevelt sul libro d oro dell albergo delle Cateratte dopo aver visto le cascate di Iguazù. In effetti sono spettacolari:

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Costruzione di una chiesa dedicata a N.S. de Guadalupe Parrocchia di Sao PEDRO. Macapa - Amapa BRASILE

Costruzione di una chiesa dedicata a N.S. de Guadalupe Parrocchia di Sao PEDRO. Macapa - Amapa BRASILE PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI Via Mosè Bianchi, 94 20149 MILANO Tel.: 02-43.82.01 Fax: 02 43.82.23.16 - e.mail:

Dettagli

ASSOCIAZIONE. MISSIONE EFFATA Onlus MICROPROGETTI * AFRICA - ASIA. Con il cuore. La nostra solidarietà. Dove i diritti umani sono disattesi

ASSOCIAZIONE. MISSIONE EFFATA Onlus MICROPROGETTI * AFRICA - ASIA. Con il cuore. La nostra solidarietà. Dove i diritti umani sono disattesi ASSOCIAZIONE MISSIONE EFFATA Onlus MICROPROGETTI * AFRICA - ASIA Con il cuore La nostra solidarietà Dove i diritti umani sono disattesi 2013 Esistono nel mondo due tipi di fame tra esse interdipendenti:

Dettagli

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo Alice Walker Non restare muti Traduzione di Silvia Bre nottetempo 1. Tre anni fa Tre anni fa ho visitato il Ruanda e il Congo Orientale. A Kigali ho reso omaggio alle centinaia di migliaia di neonati,

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Settore Progetti e Sviluppo Suore della Carità Santa Giovanna Antida Thouret

Settore Progetti e Sviluppo Suore della Carità Santa Giovanna Antida Thouret Settore Progetti e Sviluppo Suore della Carità Santa Giovanna Antida Thouret PROGETTO EDUCATIVO NOME DEL PROGETTO: Scuola Comunitaria Agricola Familiare (ECAF) LUOGO DELLO SVILUPPO DEL PROGETTO: Maimba

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Centro Missionario Diocesano - Trento. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. I.R.

Centro Missionario Diocesano - Trento. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento I.R. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. Progetto Anno Pastorale 2008/2009 ALLA RICERCA DEL BENE COMUNE! Ma cos è questo bene

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

CAMPAGNA RACCOGLI 3 4 ADOZIONI

CAMPAGNA RACCOGLI 3 4 ADOZIONI COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA ITALIANA (CVX ITALIA) L E G A M I S S I O N A R I A S T U D E NT I (L M S) Via di San Saba, 17-00153 Roma Tel. 06.64.58.01.47 - Fax 06.64.58.01.48 cvxit@gesuiti.it Roma, 22 novembre

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Rovereto, 20 aprile 2012 RELAZIONE PRESIDENTE Cari amici, grazie per la vostra presenza alla nostra assemblea che quest anno abbiamo programmato in un giorno settimanale,

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La Nostra Africa Onlus

La Nostra Africa Onlus CHI SIAMO LA NOSTRA AFRICA ONLUS Dal 2008 l'associazione di volontariato "" di Bologna sta realizzando progetti a sostegno della Popolazione Maasai del Kenya, nel distretto di Kajiado. Facendo nostro il

Dettagli

AMI Amici Missioni Indiane ONLUS Adozioni internazionali Sponsorizzazioni (adozioni a distanza) Progetti di cooperazione

AMI Amici Missioni Indiane ONLUS Adozioni internazionali Sponsorizzazioni (adozioni a distanza) Progetti di cooperazione Adozioni a distanza Chi siamo? AMI Amici Missioni Indiane ONLUS è nata nel 1982 per volontà di un gruppo di genitori adottivi e sin dalla fondazione è impegnata, su base esclusivamente volontaria, nel

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI RARE - KENYA

PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI RARE - KENYA INDICE 1. H.H.P.P. ONLUS... 2 2. PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI... 3 2.1. Obiettivi del progetto... 3 2.2. Descrizione del progetto... 3 2.3. Costo complessivo e durata dell intervento... 6 Pagina 1 di 7

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

2012/111. Scheda Progetto ASIA. 1. Il contesto

2012/111. Scheda Progetto ASIA. 1. Il contesto Scheda Progetto ASIA 2012/111 1. Il contesto La diocesi di Tuticorin comprende parte dei distretti di Thoothukudi (Tuticorin), Kanyakumari e Tirunelveli (Nellai) nello stato indiano del Tamil Nadu. La

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 Anno 2010 Parrocchia dei SS. Lorenzo ed Anna Ramate di Casale Corte Cerro (VB)

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 PAESI DEL MONDO KENYA Il mio amico SAFARI di Massimo Leoncini febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 In questi giorni invernali di freddo, pioggia e neve mi sono trovato per caso a guardare le foto del bellissimo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16 ASSOCIAZIONE ZASTAVA BRESCIA PER LA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE ONLUS Via F.lli Folonari, 20 25126 BRESCIA (c/o Camera del Lavoro ) TEL. 347.3224436-347.2259942 http://digilander.iol.it/zastavabrescia/

Dettagli

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi Settembre 2013 Vita di campo Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi T re giorni nelle zone rurali visitando la comunità di João do Vale casa per casa, da mattina

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:primaria@consolatricemilano.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto INDIA

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto INDIA Congregazione Suore Ministre degli Infermi Progetto INDIA INTRODUZIONE GENERALE Noi siamo le Suore Ministre degli Infermi di San Camillo; la nostra è una congregazione missionaria che vive la missione

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

rendono visibile l amore

rendono visibile l amore Solo l, amore ha il potere di arrivare fino agli estremi confini del mondo Padre Luigi Maria Faccenda ofmconv L amore ci spinge sulle strade di ogni uomo e donna Nelle missioni in Italia e nel mondo, insieme

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande In questo numero: Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 9 Febbraio 2008 Storia di un istituto di Lima : Casa hogar Juan Pablo II Se il Supremo Creatore ti da un figlio... Conosciamo la nostra equipe Ai.Bi.

Dettagli

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE!

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE DIAMOCI UNA MANO PRENDENDOCI PER MANO 2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO DI 2 SETTIMANE È una forma di volontariato che

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014 OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014 Il Museo di Zoologia dell Università di Padova conserva le collezioni storiche del Dipartimento di Biologia, esponendo i reperti di maggior

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

INTERVENTO CONCLUSIVO

INTERVENTO CONCLUSIVO Bene signori avete sentito i professori parlare di amianto. Hanno parlato di malattia, di legalità. Non è facile che tutto quello che è stato detto possa restare come quando si andava a scuola dentro la

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli