LA MORALE GIUDAICA E IL MISTERO DEL SANGUE 1. ma piuttosto ci ijiivmo a provare quello. A strappare del tutto la maschera al giudaismo moderno, che i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MORALE GIUDAICA E IL MISTERO DEL SANGUE 1. ma piuttosto ci ijiivmo a provare quello. A strappare del tutto la maschera al giudaismo moderno, che i"

Transcript

1 i LA MORALE GIUDAICA E IL MISTERO DEL SANGUE 1 VII. A strappare del tutto la maschera al giudaismo moderno, gaai I'avere nel precedente articolo messe a nudo le teorie contenute ne' libri talmudici, teorie oltre ogm <lin i empie, so-llerate, atroci: ma perche niuno si awisi die esse sieno pe' ^rind-i de' giorni nostri lettera morta, giovera passar dal campo teorie a quello de' fatti, mostrando alia luce del sole i i. r iudei professino veramente in pratica quanto i loro liltri insegnano. E qui non ispenderemo vanamente tempo e parole per far chiaro e palese ci6 che gia tutti sanno, cioe che i giudei sono sempre in opera di angariare e spogliare i i; ma piuttosto ci ijiivmo a provare quello e che altri penano a credere e perfidiano a che niolti vogliam dire, il mistero di-1 s;mgue. Da quattro capi noi dedurremo le nostre prove, cioe: dallo d<>p(>sixioni giuridii-lk' 1'nttf iniian/i ai trilmnali da giudei convinti e confessi di omicidii e infanticidii, comnn^si a scopo di r'li.i. rione; dalle riv.-la/ioni di Rabbini convertiti alia nosfra I'.-.l.-; da documonti storici e (inalmcntc dalla t-'stimoniaii/a tra<li/iinale. Unanlo al primo capo, fra jrli altri prn.-.-^! (iitti a pi-r aa-miiio ritual- in Italia, l-'rancia. Spairna. Mania, llavicra. rnuh'-ria. Litiiania e Polonia, per nulla ( iiii<l [irpcedcnto pag. 145.

2 V70 I. A MOKAI.I. Ml I.Al diiv.1.-".n.'xj nri-iit;ili, <-i li;ist-i-;i soltanto (!<' ( ii;tli. difi-i.- pin ; t nni snim. qu.-sto nostro periodicu di<-" UM;I ininuta ivla/ionc tr;itt;i non pur il;ille storie contemporanf', m;i dagli slrs>i atti innriiliri de' tribunali '. Del processo di Trento esiste una copia autentica ncirli Archivii segreti del Vaticano, donde il nostro periodico estras>.- la sua relazione; una seconda nella Palatina di Vienna, e forse una terza nella Biblioteca N;i/ionale di Parigi. Per quello poi che riguarda il processo di Damasco, di. data n>sai r'ecente, poichk rimonta appena al 1840, ognuno puo vedorne gli atti nell'anzidetta Biblioteca di Parigi, o leggerli per listeso, come noi facemmo, nel secondo volume deir opera tich'oricntalista Laurent sugli affari della Siria 2. Or bene, se raffrontinsi i due processi, nel primo de'quali sou otto e nel secondo sedici i rei convinti e confessi, oltre a Imon numero di testimoni, tutti giudei, vedrassi con maravili'lia come, malgrado la distanza di quattro secoli che li divide, le confession! e le testimonianze deposte in essi quanto ill rito e all'iiso del sangue cristiano si corrispondano a capello. Rimandando pertanto il lettore, cui prendesse vaghezza di leggerli, alle fonti piu sopra accennate, qui ne riferiremo soltanto le conclusioni, e sono le seguenti: 1 Dai due processi comparati insieme risulta con evidenza die Tassassinio di un cristiano non solamente e riputato lecito, ma e comandato a' giudei dalla legge talmudico-rabbinica, siccome gi;i vcilcmmo nel precedente articolo, in cui riportammo le stesse parole del Talmud e dei dottori ebrei. 2 Lo scopo del detto assassinio non e solamente far onta a Oisto e danno al cristianesimo, sebbene anche a questmiri ; ma e soprattutto adempiere un dover religiose, qual e ((^lebrare degnamente le due feste del Purim e della Pasqua. 1 Veggasi Civ. Call, serie il.* vol. VIII. l\. \. nella Cronaca sotto la rubrica Roma. * Relation historique des affaires de Syrie depuis 1840 jtisqu'en 1842 par ACHILLE LAURENT, membre de la SocjV/4 orienlale. Quest'opera e divenuta oggi rdrissima, perclie fatta scomparire dai giudt-i.

3 I!!. MIST1 RO : ; in :nl- il ;!i llamas..,-i la sij,,. -,',-h.- i ^iud.'i. im-ntr-' sranuava! 1'. Tommavn.,' -;uio ij'stallli, f.i t> i[l r i rl i- c Vi,-Y;i!l< i ill con quell' assasbfflio COS8 iiratissima a I>j< ui.-hloria di :i;i. del 1'uriiii. p,t av\ jx<i.1,-' nimiini <. altri irimlri primvssati, si pun far nso dr s;ni^ii- li iju;il-: ^li:i cristijirm, ni;i JUT! I'l-sfp Piisqiiiili viml essere il BaDj <li nil liinciiillo Crisli;nit) cli- noil ;illi;i olfr'p;i^>;iln i x,-ti. ;m?ii <li rt;i, la cui iininuhi/ionc scnsi ( in>] ;i d.-li' ;ii-iifll(i. 4 Le aiimeue, giudaicamenta aiiiiiiaiii'r;ii.' con ijin-l - j-t'tto <li sangue <Tistiaini, i-.^alansi u.-llc U-sli- <.-1 1'iirim iion i:-iiiil-i. inassiine a' que' cri^liani cli- I'M!( (,- (.si pi-r IIHH < di lirm coiktsc.miti cd aniici ; ma n i ll' l'i->li inaiipiansi p<-r L.-n s.-tt.- LiioiTii <lai soli rimli-i. 'Jiirsto.' il s'irivt< del solo piuln ili t'aiiiililia. cui iiitrodurrc ndla j>asta d-i:li a/.iiui. all" insaputa d-lla nin^liid-" li^liuuli, mi ]<>' di saii^ut' ci'istiano o fresco o mauulato e ridotto iu polvtte. i. 1-^li d.-v.' altr'>i u.-lla ccua pas( iial' vtsan- ipialrh** ia di ipi.d saii^uc m-1 vim. -li. un>srn alia laiui^rlia lincdirih- aridi*' la mensa! (Oh i-ln- cara im-iifdi/im s;inrin> ' uii^liore e il satili<-io d-l I'auciullo ( s jiiu Ho a l)ic, (coiur ah'.'i-iiiava n-l pi-oc.-^,,, i Tn-nto il Hal>- M(>s. r - vccchio di so anni), qiuiiulo si fa n-' jriurni piu -svinii alia 1'asqua. 8 PiTrln'- il saii^uc di tin liaiubiiio cristiaim sia accoi al ritu prulinm alia salut- d.'irauiiua uiiudaifa. <-<>u\ i.'ii dp' il bimbo muoia Ira i tonnenti, cuiin- appimln a<-( ;i all" iuikio-nt.- Siiuoiiciuo a tartti allri urrisi a pnut:i di spilli, ( tau:liu//ati a iih'inlim a iin'inlu-u. o crm-ili^si. '.' II saiiliu"' ccistiano S.T\.' /iandio al rito d*lla circ(nrisii.ii.-. ad allri iisi, mm.' appiv^,, \.-i n>iuo. li-.;i ovduta DecessiUi --d.-llicacia <l.-l iin-doiiiio nr. idt-i a I'ar.' rio-iva!'" unstri i'aiiciulli pt Irani. di Inrtmv il.saii^iif, flu- poi \it-iif coil smuiua dilip-u/a i

4 't~'2 LA MOHAI.i: colto, custodifo d;il liiilibino di-1 luciiro, v<>mliito a caro pr- Ji piccole dosi alle sinagoghn pin vic.ino, per in-//<) di ^in.l.-i ti-irovaghi muriiti di 1111 certificate dello stesso Rabbino; il quale attesta come e qualmente quel sangue sia vero sangue nistiano. 11 L'uso rituale e il mistero del sangue sol si trova scritto nei codici orientali, mentre negli occidentali venne soppresso per tema dei governi cristiani, e sostituito dalla pratica e trail ixione orale. 12 Finalmente il detto rito e generale presso gli ebrei osservanti della lor legge (talmudica), e rimonta ai primi secoli del cristianesimo. Tali sono in sostanza le confessioni concordi dei Rabbini e degli altri giudei esaminati in gran numero ne' due process! di Trento e di Damasco; e chi volesse accertarsene non ha che a leggere per disteso il primo processo nei molti fascicoli pubblicati, come dicemmo, dal nostro periodico e contenuti nei volumi poc' anzi citati in nota 1 ; e il secondo nel- Fanzidetta opera del Laurent e negli stessi giornali di quel tempo, che tutti piii o men ne riferirono gli atti 2. VIII. Una conferma di quanto dicesi nei citati processi, e in altri che per brevita omettemmo, trovasi eziandio nelle rivelazioni fatte dai Rabbini convertiti. Non intendiamo parlare di un Drack e di un Goschler, zelantissimi sacerdoti passati dal giudaismo alia vera fede di G. C., ne di un Fra Sisto da Siena domenicano, anch'egli ex Rabbino, i quali, pur dirlikiniiulo che le tradizioni giudaiche tengono essere cosa meritoria peri Se ne vegga anche un sunto nei Bollandisti. Atti de' Santi vol. IX torn. 3 di marzo sotto il di 24 dell' istesso mese. * Non parliam poi dei recenti processi di Tisza-eszlar e di Xnntcn, perche in essi gl'impntati giudei riuscirono a scappare per la nuiplia rotta. Direin solo, che avendo letto gli atti del processo di Xauien, riportati [>er disteso diillii Vt'rniid fiili-lis, non potemmo rimanerci dall'esclamare poteii/a dell'oro giudaico!

5 i VIII, a 1'uso I II MISTERO lii:i. Seguitaiv i a istiani i-d ucrid.'i i studio ii:il vimiiiv ii particolari, prr non Misritaiv cmitm d b<-llo sovercbiaiik'nt.'!< in- d'gli imtichi loro correligionai i, d-' quail pronirar \i. -vano la conversion*'. Cil-'ivmo piuttosto raulorita di tn> altri Habbini con\'i liti>i :1 cri>tian'siinn, cioc- ill Paolo Nb-dici, di Giovanni da 1-Y-ltre di l.-ofito o NVolito monaco nioldavo; i quali inos.si \ti\\ che <la >.-r;inx;i di conv.ttire gli ebrei, dal d<'sidrio di giovare a* cristiani. trassero fuora alia luce del giorno il iuist-n d-l S;HIL:II'. Paolo Medici, n'lla sua opera intitolata Hiti e cost imii d'^li fltrei * conienno lo frequenti uccisioni del fanciulli crisiiani; Giovanni da I-Vltiv dichiar6 solenncnifiilc innan/i al pot'-sta di Milano Tuso che i gimli-i iacevano del sangue cristiano 8 ; e Teoflto ne spiega il inistero nelle sue Rivolazioni scritte in lingua moldava e rose di pubblica ragioii i ri'-l INO;;, poscm rijiroduttf in greco e pubblicate nel 1834 a Napoli di Romania da Giovanni De Giorgio, e ilnuliii<>nte tradntti- in italiano dal Prof. X. F. S. e pubblicate a Prato ii. -1 INS:: sotto il segiu'iito titolo H sangue cristiano nei rid ebraici della moderna Sinagoga occ. Ai iiostri Icttori non p.-r v.-ntura uscito di nu'nti' il inolto che ne riporto an- ( li- il nostro periodico nel 1882: laonde, per non ripeteiv il detto, qui basn-ra soltauto ricordare che 1' ex-rabbino i. in quel prc/i<sissiniu scritto, oggi divc-nuto assai 1'aro, scbi-tt:iiiifnt' cunfi-smi il rit<> suiiiiiinario.' ch'i-gli si- ])rima d.-lla sua cm\.tsinn.-, a\<-va fatto del sangiii- cri>tiano.!:! BUe <-<-nf'iini inirabilin-nl' concordaiiu con 1- dc; /ioni di allri rabbini c giudei processati in Tn-nto, in lain; An/i! riv.-la/ioni dfll" rx-habbino Moldavo vaiino piu oltre, :appaiiu all'alto il v.-lo cln> cnpriva agli occbi nosti'i pi'l ini<t"ri d' ini.piita. l-:-li. ii-l ^- rapitnlo d.-l citato o]m>. (p. I' 1 ", ci >pi-l:a -i.nif >ia^i poluto c..nx.t\ar< i JUT tanto tci il BegretO d-l s.-niij-u.'. s.-n/a flu 1 nulla di cliiaro nc trapi-l ' A u-. rum - Tip. Bnrri i. ihi e egg., vol. V, i < 18

6 ?7 i I. A MORALE '.II I'AICA ;ii cri^tiani. Cotcsto segreto d-l s;in^ii.'. i-^li di<v, non e conosciuto da tutti gli ebrei, ma dai soli K;ik;mi Mottori) o rabbini, e dagli scribi e farisci, che pero si chiamano conservatory del mistero del sangue e nel, capitolo nono (p. aggiunge che questi. solo a voce lo comunicano ai pjnlri di famiglia i ; quali lo tramandano a quel flgliuolo che conoscono piu capace del segreto, atterrendolo con orrende minacce dallo svelarlo altrui. E qui conta come a lui lo rivelasse il padre suo: Quarido io pervenni, dic'egli, all' eta di 13 anni, mio avermi istruito padre, presomi in disparte, da solo a solo, dopo e sempre piu inculcate 1'odio contro i rristiani, come cosa da Dio comandata, lino ad ammax/urli e raccoglierne il suigue... Figlio mio, mi disse, (dandomi un bacio) ti ho fatto il piu intimo mio -confldente ed un altro me stesso; e messiiini una corona in capo, mi die la spiegazione del mistero, e e giunse, esser quello cosa sagrosanta, rivelata da Dio, e comandata agli ebrei; e che quindi io era stato messo a parte del segreto piu imporlante della religione ebraica. Seguono poscia gli scongiuri e le minacce di maledizione a lui fatte, ove avesse violate il segreto, non che il precetto di non comunicarlo neppure alia madre, ne alia sorella, ne ai fratelli, ne alia futura moglie, ma soltanto a quello de' suoi figliuoli, che gli paresse piu zelante, piu savio e piu capace di custodire il segreto 1. E cosi questo mistero di sangue tramandasi di padre in flglio n'no alia piu tarda posterita. Quanto poi al signiflcato del mistero, IVx-Hnhbino Teoflto ce lo megiio d'ogni altro, dicendo: I Kakam o Rabbini dubitano che forse Gesu, flgliuolo di Maria di Xa/aivt. sin v.-nuikmit.' 1'aspettato Messia. II piivhe, dicon essi, noi ci salvoromo col sangue de' cristiani che ammazziamo ; e cosi BfUggiremo all'eterna dannazione conscpu-fiza degmi d<'ijli 'ivdi di C.;iifasso! Quindi si ha per legge principale che ogni giudt'o d*\v ;niiinazzare in vita sua un cristiano, se vuol conseguire snl ute 2. sj.i Op. cit. p Op. cit. c. 3, p. 20.

7 ilmudica, - I I! M! II <-!i.- n.nr.tma qnanlo di<-.'iniii'> rid pivrrd'-nt.' arli. cllf I' invixjon,. i f'.tmiani,- \'\\*n dd In Mil.-tin ddla I un dovere di coscienza, un rito rdiijiosn Hpiilalo da' ijiudd ii'vssirio all" rti-nia salva/ionddl'anillia lol'o: i> pd cili adrinpiiiu'lllo i pin oss'rvanti <'!'- tra essi ;i >pnnin>nsi ^nivivsimi rischi. Di ( iii anrli.- -i.irlii' l;i ration'-, p'ivhf'-! iird>i<>nj di cri^!i;ini ;IVV.MI^;MIO Bpecialmente Hdlle ffeotedel l'iiriiu> drlla cln' i ii;i. jj-imlci pivtimidoiio s;iiitilic;u-' col sini^iif Mostr<: < jttm-ch.'- ii< i ll;i sr-lt;i dollo vittiinc pr<'t<'ris(-;insi ^i'ri'r;iliin'iili' i liinciiilli jiii-li ;idiilti. (ili -l.r'i, dir.- Tcolito ', son pin content! ( ii;iii(lo ]Mi(iiKi ;niiiii;i/./are bambini; perchft sono iinmc.mili \vriiini. (juindi pcrll-tl;! liirnim li JM-SI'I Cristo; li amnmxxano in-lla I'aspia. jicciocch.'- possano me^io rappresentare 1ft ionc li ('.i-si'i C.risto. ( '.n^i l>;i ji;irl;i un <v\-haliliino, che sap<-a IM-II qin-1 <-li<' (lic'v;i; hi storia. come in s\iruitn v.'dn-ino. n-- aiiti-ntica i d.-tti, narrandoci i siijijili/ii inllitti a^l" innocfiiti, ' in jiartc o in tutto idcntici a qm-lli. <>nd' I'u da' uind-i inarturiata la M'^a Iiinof.-ii/a Santita incarnata. Dal <-li.> si V.M - ch.'.oltiv alia sii n-rslixi>fh> ri'li^ios-i. nn altrn inntivo li s]iin^' allo spar^iiikmito dd sani^nc crisliano, connil d'tto T.-olito <-i att.-sla. 'd < Todio tradixional- rln- jjiiirarmin a Ci-isto ed a's'l r na-i snni. odio stillato lor col lattc, in t-ui \.-iiuoiiu i^tniiti c nvsriuti n.-l jrhotto e nclla Sin;i Al cpialf priipusitn T-M.iito, dopo aver esposta la falsa indie i RaMtini danno di pa;v,vhi <l-lla pa>si santa ', n'h' inti-nio di voler giustiflcare coll'autorita divina la lom >.it;inica nialva^ita, riid'isro le ornmidc lii^t.-ininir <'li- Mid.'i Munitanu contro Crislo, la V-r^in'. i Sanli. niassinn' ndl.- rn>tiv feste i>iu soli-nni. o l. tant.- nial.-dixioni che jliaim adduvxm. S.MIII ci'istiano.-ntra in fast di un >1 ipi.-kti, a\\.--n;icii, ' raci-ia.l'-li i-rf.^i accoglienze, tuttavia n.-ld'- lanciai^li dietro qoesto be) complimento, in 1 M. ih. cap. 8, p. 33. * M. il). c. 2, p Id. it.. ;ip. 1. p. 20, Jl.

8 LA MOHAI.I-: <-in>.\i inmlo pero da non essere udito: S<vml;inn sulhi t>stn di qn< cristiano e nolla sua casa e famiglia tutto le in;il;itti<-. i malanni, lc <lis^ta/.it>, irli acridonti, le persecuzioni e gli orridi sogni che sono stati, sono o siano per essere nella mia < e famiglia. E questo, soggiugne Teoflto, si deve dir per legge, e guai a chi nol dice! l Che se un ebreo si abbatte tra via nel funebre corteggio di un cristiano, dee: dire : Oggi uno, domani veder ne possa due 2. E poi di rito che ogni buon giudeo, osservante della legge, maledica tre volte il giorno tutto il popolo cristiano, pregando Dio a volerlo disperdere 3 e che nelle cerimonie ; pasquali su noi riversi tutto il calice della sua giudaica bile 4. Finalmente il terzo motivo di tanta sete di sangue cristiano e il hisogno che i giudei ne hanno pei loro usi superstiziosi, qiuili le cabale e le fattucchierie a sono primieramente i sortilegii, cui sono addetti; in secondo luogo la cura di certe infermita piu laide, nelle quali i Kakam, o Rabbini, aspergono di sangue cristiano gl'mfermi; e da ultimo 1'uso che se ne fa nella circoncisione, nel matrimonio, nella penitenza e nella morte. 5 Nella circoncisione vien impiegato non liquido ma coagulato e ridotto in polvere per cicatrizzare la ferita del neonato circonciso 6, e nel matrimonio per condire con la cenere di cotone o lino imbevuto di sangue cristiano un uovo sodo, che il Rabbino divide per meta tra gli sposi, recitando una preghiera, il cui senso e che questi due sposi possano conseguire la virtii di ammazzare i cristiani, o almeno di poterli sempre ingannare e 7 impadronirsi delle loro ricchezze e dei loro sudori. Nel tempo poi della penitenza, che ricorre il 9 luglio in m Id. ib. c. 5, p. 25. Id. ib. cap. 5, p Id. ib. cap. 2, p. 37; e I'istesso confermano il Chiarini, Teofito, il Pranaitis, il Medici ecc. 4 Leggansi coteste maledizioni pasquali nell' opera di BUXTORF., Synag. Jud. cap. 18, p. 4i6. Edit. Basileae Id. Op. cit. cap. VII, p. 26 e segg. 8 Id. ib. p Id. ib. p. 27.

9 . dnvi infi-ssioni I. II. MI < iio li I'leni^aleMlliie..'_Mii bimi. inaiii.'iare UH UOVO 8OdO COOditO COD l;i d.'tt;i 061 immre mi e.re<. il Kakanu pivndendo il bianco di uii M<>\ mi IM'I di saiiirne cristiann mi ]n'. di <[M'lla renere^ e pone il tmto sul seno i il mnrto, dicendo le parole di I chi' -I- : : d;i tutte le iniquiti'i *. ' sopra di voi saniriie nioiido, 6 sarete inundati Clu- oitcmla profanazione! Eppure serve anch'essa a mostr.-nv In >Mp-rsti/iosa crol'n/;i de' giudei neiroilic;i.-i;i del san^mf <-ristiano. Posto cio, ed essendo cosi frequente il bisogno ch' essi hanno del nostro sangue, sark da stupire che se lo procaccino per v;irie vie, o cuinprandolo da povera gente, che a caro pre//. ne vendo loro qualche oncia, facendosi s;d;iss;ue, come s;ip- ]ii;uii(> essere di frequente avvemito; ONTeroscannamln di celato qu:il-hi- < ri>ii;uio, massime bambino, da lor comprato o rapito? IX. Ma si avra a prestare intera fede alle rivelazioni dellyx- Rabbino Moldavo? Sarebbe cosa irragionevole il metterle in forso, e piu ancora il negarle, e ci6 per incite ragioni. Pri- ]iii-r;iin. nte, perche chi le scrive e un testirnone che conosce a menadito quanto ci rivela, come colui che fu egli stesso Rabbino, imparo fin dairinfanzia cotesti misteri, e adulto ad altri gl'insegn6. Secondamente, perche egli non depone soltanto contro la propria nazione, ma contro se stesso, avendo, com'egli medesimo confessa, fatto uso frequente <ii san-jiif cristiano. In terzo luuirn, perche non ignorava che con quests sue rivelazioni esponevasi a manifesto ris<-hi della vita: e ti, volta s'indu-se a farle per dehito di fusrien/. e per."irita rivtiani. In (juarto luo^o. pt-n-ln'- le 8U6 ri\-'la/ioni CMni-i.n!;ui( qiiantn alia BOStaOZa, fii"'- quantu al mistero e al- 1'ii^n del -;uiu:me mstiaiin. rim ^ < falte da giudei ii'-' fitati JIT di jiartirnhu-e in (jiielle di! 1 I.I. it. p. 29.

10 I. A MoMAI.I. '.II DAI fito si- nun ima pin rhiara spi.-u-a/ion.- d-l mi-<trn> di-1 c- una piu iniriiit;! noti/.ia d-ir uso a che serve. Oltrerh.'- hasta l'gg.-n> ii suo opiiscolo per accertarsi ch'egli scrive m., da persuasione, da pentimento e da zelo, e non gi& da veruua passione di odio e di vendetta, tanfe la sobrieta e semplicita del suo stile alieno da ogni esap-ra/ione, e fln anco da ogni ornato e figura rettorica, tale insomnia che molto ritrae della brevita, semplicita e chiarezza della storia evangelira. Finalim-nte le sue rivelazioni non v-ennero contraddette, che noi sappiamo, d;i v<-nino; ma si scomparvero dal commercio per lo studio che mettono i giiun'i in fare UIKJ gi-iin ivt;ita e flammata di tutte le opere che tornano a loro danno e disdoro. Alle irrefragabili rivelazioni dell' <'\-K;il>liin<> Moldavo ci piace di aggiungere quelle di una giovane ebrea di 20 anui, rili'i'ite dal Sig. Conte Durfort-Civrac, distinto viaggiatore, il quale percorse la Siria per raccogliere testimonianze intorno alfassassinio del P. Tommaso. Egli Tebbe dalla bocca stessa della giovane ebr-;i. cliiamata Hon-Noiid, e comunicolle per l'tti-ra al Sig. Conte Ratti-Menton console francese in Damasro, <lalli> cui mani passarono a quelle del piu volte citato orientalista Adiille Laurent, che pubblicolle nella detta opera sugli Atl'ari della Siria *. Ben-Noud, nativa di Aleppo, racconta che, quand'era appt-na settenne, recatasi da Lattakhieh ad Antiochia, vennele v-duto nella casa ebrea, in cui alloggiava, Tatroce spettacolo di due fanciulli appesi pei piedi al soffltto di una camera, Tun de' quali poteva avere un cinque e 1'altro un dodici ;mni li <'l;'i. Atterrita da quosta vista, corse piangendo a darn- 1 part*- alia zia; la qualc 1<> disse che era una bagathla. una gastigatoia data a due bimbi impertinenti; e per distrarne 1'aMfnxione, inviolla al bazar. Al suo ritorno i due corpi erano scomjiarsi; ma ella ben vide per t.-rra in qu>itist.>sso liiup) un vaso 'Ii raini, che gli Arabi chiaiuano laghen, piono di sangih-. Circa otfanui cio.'- n<-l dopo, ls:ji, llcn-noutl, (linioramlo a Tripoli pn-sso una sua pai-cntc, vide <la un'altaiia. ov'.-rasi 1 Affaires de Syrie t , edit, de Paris 1846.

11 < ' I, aliirala\i <lalla curiikii-i..nir;u in <-a-a nn \.-<--liim, MH-I-.-I li' 811*18(6880 ;i\rv;iiin >jij-r;it lri I'l'lltti p<t il him-hirniio in tpir>i;i j.u>tui-;i l;ill' riov>.l.-l nuittino tin in- //oili, jm'irhi'- in:iinhi>^' luor <l;ill;i IM.CCJI..hill.- nari tutl;i r;i'-iu;t 'hf contifiit' il corjio iini;iii<i; il ch'. j>er loro ;i\' vu<. si s-iiipi-' ivst'i-v;ii-c, nccin il sinjjiii' ;i<-<piisti tpifl ^r;il <li pmv//;i dif t-si-je la santila doltiiso, a coi yiene destinato, nii;uiil(i i funifiici simi viilrro cln> il pov<>rt vi-c.-liio t-r.\ in sullo sjiir;ir'. HKHiH'iito rln- si st;i s]ii;i!nlo run ;it!'i)/i(.n.-. Ii la gola con un coltfllo, ili cni i Ii;iMiini si STVUIO rlii- ;iir;iliili> >lla rin.nolili.' pr nn rrntiano ili Ah-ppo, in\itato\i ila' ^iu.l.-i mi. ii;ili tral!ira\a. nilriniri^li qu.mi il narjhilk-. rarqiuiviti', < il i-iillv-: m;i rid nn^lio <li quest.- -;il.!. e cort.-h.' qnattro o cinqiu- <li loro Inronuli sopra, tappa-! vittium; e il corpo dell'm-hsu r.-xt,',,-,,si iin<> ;ii tot;ii> dissangoainedto. r.t-n-nond I'i^rpp.- in s^uito die il c;.. ;i\.-r.'!;! sf;ilo cliinso in iin.-i cassa, p'tt;if> in in;ir... IISIITU jilln-si Tnso ch' si f;i <1-1 S;IIIL:I 1-" qikili i ^imlfi cil.;msi nc' s.-lt.- ' IK- il.'m-i-issi- il iiioilo. rh<> <' qiii 8prlluo il (loj, (,.piiinto iihiiam ;icc'iin;it( pin sojn-;i. Inili iiros.-^ni. dic.'ndo: N>ll;i notto pr.'c.'il^nt.- :ill;i p;is<pia ha l"-n IUM-II.' fainijj-lif i:'iulf.-. chc nr>n crocili^liano nn irallo. li l i ali al iniiro, e lo toriih'ntaiio in inill i ṟ i. ciascnno con uno sjiillo JUMnn-tit-n' in IM-HM la pa iu[ii> ili CM-M'I Ci-istu. irilantn iirnroinpono in iscoj.pi ili, _n;i//i sl.:in!i'lhiti... Sc in lin^o un li gal Ii.-ii -Nuu.l, DOtessero rrm-i(ijrgore un cri^tiano, pin ronli.nii.' ai loro desiderii*. I giodei pin appnnto qiii-lli tinii-li >ono <-li.- mn>trario in.i-ioni qi; piu accaniiik-nld < r.'i-iicia... Fin qui! ri\.-la/.i(.ni d'-lla -io\ an.-.'ln-a: qnali a::i:innall.- iii'mi/iunal*' jin snprji alcnn-! tie

12 LA MORALE -HI).\l corrono a ni^ttrn- in piu rhiara luce il iiiist'r<> d.-l s;mgue cristiano e il suo significato. X. Ed ora parli la storia, parli la tradizione, e ci confrrmino anch>bsse quanto finora ci hanno rivelato gli stessi libri ebrairi ', non che le confession! e rivelazioni dei rabbini e di altri giudei. E qui noi ci troviamo d'innanzi non ad uno o ad altro scrittore, si bene a tutto un popolo di storici, di aim;ilisti e di scrittori di tempo, di luogo e di nazione different!; cotalche sarebbe cosa assurda il supporre che tutti si sieno insieme indettati a falsare i fatti a danno de' giudei. Arrogi che inolti di loro sono contemporanei de' fatti che narrano; altri conoscitori profondi della lingua e de' costumi ebrei, ed altri di una autorita storica generalmente riconosciuta. Tali sono tra gli altri i Bollandisti, il Baronio, il Rhorbacker, presso i quali ricorre assai di frequehte menzione di assassinii e infanticidii perpetrati da' giudei a scopo religiose, come nel suo libro intitolato Le culte de Moloch cliez les Her vrdrassi in nota 2. II Daumer, scrittore alemanno, ne tratta anch'egli breux de V antiquitd ; 1'Eisenmerger nel suo Giudaismo svelalo; il Chiarini nella sua Teoria del Giudaismo; Paolo Medici ex- Rnhlino, nel suo trattato dei Riti e costumi degli Ebrei; TAutore dell'importante libretto, La Question Juive, pubblicato nel 1892 da Desclee de Brouwer in Lilla; il Toussenel nel suo Les Jouifs rois de I'fyoque; la Cronica seraflca della vita di S. Francesco per Damian Cornejo (lib. I, cap. I, ediz. di Madrid 1721); il Ghillany nelfopera che ha per titolo Les sacrifices humaines chez les Hebreux de I'antiquilS; 1'Antnrc d.-i Monumenti storici della Germania; Raimondo Mart.tno nel suo Pugio ftdei; Bartolucci n>lla sua Bibliotheca rahbinica; il Chaucer, poeta in.^]<'s> del secolo XV. ri'-l suo libro Les 1 Veg;asi il precedente articolo - Civ. C. Quaderno 1022, p;ig Mnhc cita/ioni di ;iutcri si vedranno qui appresso m-h' Mh-nco cronologico che nu'uiamo sotto gli oivhi dei nostri lettori.

13 : in Monumenta r. ii MI. <-h.- omta qu.-ilo del ; forbery, OVG narra l'assssinim riluale ill hi tanriulli: il CronKta oiullii N.r\i-h: 1'Amelot de ];i \y <-h,. riferiv il prolatin per mi tal delitto a' uniidei <li Met/ n.-l 1(170; il Laurent die ripnrta per dist^i quello de* jriinli-i di Hania >ori del P. Tommaso c del suo servo nelp opera Les affaires de la Syrie con F aggiunta di altri liitti <li simil genere';o finnlnicfit. 1 il Drumont, il quule, mentro citu pun-cchi degl'indic.-iti scrittori n'll;i sua pregcvolissima opera, La France jtii'-e, ricorda molti fatti antichi rileriti dai in?d>siini <'d altri piu rcct-nti avvonuti in Alessandria di Egitto, a Sinirnst:intiii(ipoli. IIP' quartieri di lialata, Galata e Pera, ad Ani- ))iiri:o, a Tis/;i Kslar 2, a' quali si hanno pur da a^iiini/ere altri non pochi avvonuti a Corfu, a Rhodes ecc., di cui la nn-n/ione Laurent 3. Tra i giornalisti poi che scrissero su quosto argomento inn iia dvss-iv l.-tto il coraggioso Osservatore Catt. <li Milano, che a lungo si occupo ne" suoi articoli del mistero dell' uso del ^MiLnn' cristiano. Ma jh-n-lia i nostri lettori aver possaim sott" -M-rhio un elenco cronologico delle atrocita commesso da'giudei, specialiiiente sui bambini cristiani, in odio a Cristo e in osscquio alia tahuudii-a, e per averne a scopo rituale il sangii--. >tiiiiiaino ben fatti riportarlo qui in nota, qual si legge in-ll'ap-. ]>endice di'irnjnisi-olo intitolato // Sangue cristiano, che pii\ snpi-a ni'ti/.ionaimno, con qualche aggiunta e con lievi modili-a/ii.ni. K un dorumento gia fatto di publ>lica niiridiu- nel Prat... dip. < iiaebetti) e t ratio dai H>llaiidi>ti. dal r.aronio e da altre fonti storiche piu innan/i aco-nna sime lal pre/ios<> lilu-etto sulla Question Juire 4. ' LAtRE^T. op cit. torn. 5, p. 342, 343, 344. E<liz di Parigi 1846 ' niu-mmnt. Op,it. torn. J, p. 382 e egg. Ediz. 4* di Parigi. 8 LAURK.M-, luogo cit. 4 Elenro cronolorico deli assassinii e infantiriilii pin ronosriofi Anno ioh. A Blois, < ninin.-sm da' friadfi. hitloriea Germanic 500) : Un laml)ino crociliso poi baldo fa bruciare gli ebrei colpevoli. butteto nol liuine II C>ntc

14 I. A M.il! \I.I. -ill DAP I.Vvidrn/a <li tanli lalti. da n<>i cit;iti in nota.<> raiitorita di t;inti sloriri. da noi im>n/.ionati pin supra, v'liirono corroborat*- dalla rostanlf e universal tradi/ione, la quale sola, in manran/a di a lire prove, basterebbe a deporre contro i giud-i. K in vero, come mai spiegare questa universale e costante peril 14. A Norwich in Inghilterra (Bollandisti, vol. 3 di marzo, 588: e Monuini'iita ibid.) Guglielmo, fanciullo di dodici anni, e attirato in una casa ebrea, e cola crocifisso in mezzo a mi lie oltraggi il di di Pasqua, e perche meglio rappresentasse Gesii C. sulla croce, vennegli ferito il fianco A Glocester (Monumenla ibid.) gli ebrei crocifiggono un bambino A Parigi (Bollundisli ibid: il p. 591): fanciullo Riccardo viene immolato nel Castello di Pontoise il Giovedi Santo : ed e onorato come Santo a Parigi A Parigi (Pagi all' anno 1881, n. 15 e Holland. 2o marzo, p. 589). San Rodberto, fanciullo, vien ucciso dagli ebrei verso le feste di Pasqua I giudei a Pontoise crocifiggono un giovanetto dodicenne, per cui vengono espulsi dalla Francia. A Saragozza (Blanca Hispania illustrata, Tomo 3, p. 657) accade lo stesso a Domenico del Val. i 236 Presso ad Hagenau (Richeri Ada Senonensia Monum. XXV, p. 32k ed altrove) tre fanciulli di sette anni sono immolati dagli ebrei in odio di Gesu Cristo A Londra (Baronio n. 42 sopra quell'anno) un fanciullo cristiano viene martirizzato dagli ebcei ; e si venera nella Chiesa di S. Paolo In Aragona (Giovanni da Lent, De Pseudo Messiis, p. 33) un fanciullo di sette anni viene crocefisso circa il tempo della Pasqua ebrea A Lincoln (Holland, vol. 6 di Inglio, p. 494) Ugo fanciullo nibato dagli ebrei viene nutrito fino al giorno del sacrih'zio. Molti ebrei convengono da varie parti dell' Inghilterra e lo, crocifiggono, rinnovando in lui tutte le scene della Passione di N. S. come ci narrano Mathieu Paris e Capgrave. Weever ci fa sapere ancora che i giudei delle principal! citta d' Inghilterra rapivano fanciulli maschi per circonciderli, poscia in onta a Cristo coronavanli di spine, flagellavanli e crocihggevanli (Laurent Les affaires de Syrie torn. 2. p Ediz. di Parigi 1846.) A Londra (Cluverio Epitome hist. p. 541) un fanciullo cristiano immolato da' giudei A Welssemburg (Annal. Colmar, Monum. XVII, 191) un fanciullo ucciso dagli ebrei A Pfortzeim Bade (Holland vol. 2* di aprile 838): una bambina settenne strozzata : poi dissanguata ed annegata A Magonza (Baronio n. 61: Ada. Colmar. Monument. XVII, 210) un bambino venduto dalla sua Italia agli ebrei e da questi ucciso A Monaco (Radeurs Bavaria sanda Tomo 2, p. 331 : Monum. XVI]. 1 1~<] un fanciullo viene dissanguato. 11 suo sangue serve di rimedio agli ebrei. 11 popolo brucia la casa dove gli ebrei si erano rifugiati.

15 1 \IIMI ; decide! di tulti i i.-! iu]iuli nioii.l.,.rli'- <:iu i i-nn-iiilli rristi;mi j-r inminliirli n-ll;i ';IS.IM;I. Be ii"ii \i IM^C im iniiihiinciito ; rn-ilriv r<>t;int; :>'.-it.'i' CotCStO sarebbe MM I'l'iimn'-un nmnilr iin'spliciil.il.'. \' >' i>mi-tru >i><>, r;illii;im nnlr;ito in It86. A Olxrwesel sul Reno (Bolland 2. vol. di aprile 697 : Monnm. XVII, 77: li-ironio 1S87 n. 18) Wernher quattordicenne martirizzato per tre ginrni con ripetule incisioni A Berna (Bolland. 2., vol. di aprile) Rodolfo gtovanetto ucciso nella Pasqua dagli ebrei. 129J. A Colmar (.4nn. Colm II, :><)} un fanciullo ucciso come sopra A flrema Monnm, XI, <'>'>*) tin fanciullo immolate dagli ebrei, due degli urcisori sono pnniti : ^li altri si salvano a forza d'oro A Berna (Ann. Colm. II,.'>';'' un altro fanciullo svenato da' giudei. 130J. A Remken : lo steaso (Ann. Colm. If, 39) A Weissensee di Turingia (B'tronio 64) Corrado scolaro, figliuolo di un Boldato, dissanguato con incision! alle vene A Monaco (Riulern /?.">/ il Rcato Knrico crudelmente ucciso A Diessenhofen <li WurtemUerg (tloria del B. Alberto di Simont Ilubiki presso i Bolland. <<>!. i' di aprile) un fanciullo di quatlro anni comprato per tre (iorini e dissanguato dagli ebrei. Oui notisi chc nel j)rm-csso fattosi per cotesto aasassinio, 1'etireo acm-ntn confesso che ogni sette anni tutti gli ebrei hanno bisogno di sangtie cristiano. Un altro rivclo che il cristiano assassinato doveva esser minoro di a tredici anni. Un terzo disse che si servivano di quel sangue nella Pasqua ; che ne facevano tetcnre nnn jxirte per ridttrla in pnb-frt ; e che e n trrvivnnn pei loro ril> rrliijioii: (Qurstion Jnire pug. ~>9, 60). 6 cosa ntpvole che le stcsse -iiiif.--..iii c n\.-l i/ioni siano state fatte dagli ebrei a distanza <li molti sin-nli ed in paesi lontanirsimi : a Trento, in Moldavia, in Svizzera nei secoli Xl\ e XVIII ; secondo che gia si vide piii sopra Onivi pure un altro fancinllo ucciso ; Una sommossa [>"!. ire e lo scacciamento de>;li elrei tibid In Turingia (Baronio.'>'/) sono cacciati gli ebrei per delitti contro fanciulli cristiani. 14?9 A Rovensbourg (Baronio 3i : Holland. 3 vol. di aprile 978) Luigi Von Hrtuk, uiovanetto cristiano, viene sacrificato dai piudei menlre li B>I a tavola tra la Pasqua e la Pentecoste : il suo corpo onorato dai cri-ti.nii. viene trovato ed In Castiglia (Simone Ifabiki cit.) un fanciullo e fatto a pezzi ed il suo cu>re cotto per cibo. Per questo ed altri simili delitti gli ebrei vengono!'i cacciati dalla Spagna nel : A Torino (ibid.) un gitideo e colto nell'istante medesimo, in cui sta per iscannare un f.in<-inllo. I'rrsv. Ir^prnck < Bolland. 3* vol. di 1'iylio //;;'/ il Ueato fan.-iullo Andrea nato a Rinn, viene imraolato il 9 luglio dagli ebrei che ne raccolgono il unguu.

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. È un cam m ino di preghiera m olto presente nella tradizione della Chiesa: essa aiuta i credenti a far m em oria della passione del Salvatore per rendere presente il suo am ore salvifico nella loro vita

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

La chiesa primitiva e l Impero Romano

La chiesa primitiva e l Impero Romano La chiesa primitiva e l Impero Romano L Impero Romano La situazione dell Impero L Impero romano e l Ellenismo 323 a.c.-1 sec. d.c. Il Giudaismo tradizionale e quello ellenizzato. Impero Romano: circa 50

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella Cristianesimo, Ebraismo e Islam Sofia Tavella Che cos è una religione? Ritenendo che il termine RELIGIO derivi dal verbo latino RE-LIGARE che significa legare insieme, la religione indica il RAPPORTO tra

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Preghiera, Liturgia, Ministeri

Preghiera, Liturgia, Ministeri Preghiera, Liturgia, Ministeri Primi passi della nuova comunità nel mondo Riunione di preghiera in casa Passaggio dalla casa privata alla casa dedicata al culto Passaggio dalla DOMUS ECCLESIA ai TITOLI

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM IV QUARESIMA 30 marzo 2014 ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Gv 9,1-41 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

U na celebre affermazione di. Spiritualità. e dei sacramenti che si celebrano per diventare cristiani. A livello antropologico

U na celebre affermazione di. Spiritualità. e dei sacramenti che si celebrano per diventare cristiani. A livello antropologico Spiritualità L iniziazione Liniziazione CRISTIA di don GIUSEPPE RUPPI U na celebre affermazione di Tertulliano recita: «Cristiani non si nasce ma si diventa». In base a questa convinzione, fin dai primi

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale)

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) OBIETTIVI DI DIO E L UOMO -Imparare a rispettare la propria e l altrui individualità per costruire

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI 7 GIUGNO 2015 BASILICA CATTEDRALE CASSANO ALLO IONIO Dove vuoi che andiamo a preparare la cena di Pasqua? Andate in città! Dove vuoi che andiamo a preparare perché tu

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO Il patto matrimoniale con cui l uomo e la donna stabiliscono di vivere insieme per tutta la vita, per sua natura ordinato al bene dei coniugi ed alla procreazione

Dettagli

Calendario Liturgico 2015. con rito romano. A cura di: www.laparola.it

Calendario Liturgico 2015. con rito romano. A cura di: www.laparola.it Calendario Liturgico 2015 con rito romano A cura di: www.laparola.it Gennaio 2015 1 Gio Primo dell'anno. - MARIA Ss. MADRE DI DIO (s) - Nm 6,22-27; Sal 66; Gal 4,4-7; Lc 2,16-21 2 Ven - Tempo di Natale

Dettagli

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014 I LICEO EUROPEO FINALITA FORMATIVE: L alunno deve riconoscere che la domanda di assoluto è presente in ogni uomo e quindi come la religione sia fortemente ancorata alla dimensione esistenziale dell uomo

Dettagli

SAN TOMMASO DEI BATIUTI

SAN TOMMASO DEI BATIUTI rr;;;:.-~ J/(::il. 10 ~m. "'~"'. TO O H "NT U. CAPPELLANIA OSPEDALE SAN TOMMASO DEI BATIUTI PORTOGRUARO 19 Settelnbre Benedizione Cappella 2014 San Giovanni Paolo II BENEDIZIONE DELL'ACQUA E ASPERSIONE

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2 (Da Revisionare) Apocalisse 12:7 E ci fu una battaglia nel cielo: Michele e i suoi angeli combatterono contro il dragone. Il dragone e i suoi angeli combatterono, 8 ma non vinsero, e per loro non ci fu

Dettagli

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani Segni e simboli nei sacramenti "In quanto essere corporale e spirituale insieme, l'uomo esprime e percepisce le realtà spirituali attraverso segni e simboli materiali" (CCC, n. 1146). Gesù, con i segni

Dettagli

www.studibiblici.eu Giuseppe Guarino Introduzione alla lettura della Bibbia Appendice IV Cronologia delle epistole dell'apostolo Paolo

www.studibiblici.eu Giuseppe Guarino Introduzione alla lettura della Bibbia Appendice IV Cronologia delle epistole dell'apostolo Paolo Giuseppe Guarino Introduzione alla lettura della Bibbia Appendice IV Cronologia delle epistole dell'apostolo Paolo Indice Introduzione Gli eventi principali della vita di Paolo - schema La cronologia delle

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira

Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera è da leggere in tutte le celebrazioni liturgiche del 17 febbraio

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI 1 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC 3 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC Una valenza formativa peculiare

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

SOLENNITA DEI SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO

SOLENNITA DEI SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO SOLENNITA DEI SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO Chi ha visto me, ha visto il padre (Giovanni, 14, 9). Ma anche: chi ha visto come Gesù agisce, ha visto come agisce il Padre. Gesù come noi ricordiamo nella Solennità

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Differenze tra la chiesa cattolica e la chiesa evangelica

Differenze tra la chiesa cattolica e la chiesa evangelica Mercoledì, 6 maggio 2009 Differenze tra la chiesa cattolica e la chiesa evangelica Oggi vedremo le differenze tra cattolici ed evangelici. Intanto partiamo dai fondamenti comuni. I punti fondamentali della

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

GESÙ SALVATORE PANE DI VITA Parrocchia S. Girolamo Arcoveggio, 29 maggio 2006

GESÙ SALVATORE PANE DI VITA Parrocchia S. Girolamo Arcoveggio, 29 maggio 2006 GESÙ SALVATORE PANE DI VITA Parrocchia S. Girolamo Arcoveggio, 29 maggio 2006 Il tema che avete scelto per la vostra celebrazione della Decennale vi porta al centro stesso della nostra fede: Gesù Salvatore

Dettagli

è il Simbolo della Pace Opera del Maestro Gennaro Angelo Sguro

è il Simbolo della Pace Opera del Maestro Gennaro Angelo Sguro L Associazione Internazionale di Apostolato Cattolico presenta la Xª Edizione del Premio Internazionale alla Pace Shahbaz Bhatti the tenth Edition International Peace Award "Shahbaz Bhatti" Voglio solo

Dettagli

Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9

Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9 Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9 Sermone 25 Testo: Ebrei 11:4 Data predicato: 3 novembre 2013 Titolo: La fede di Abele *Per favore, aiutate Mirko e Simona. Grazie! Per capire in che modo, ecco il link

Dettagli

LA QUARESIMA ORIGINE E STORIA DIMENSIONE BATTESIMALE - PENITENZIALE DIMENSIONE ECCLESIALE

LA QUARESIMA ORIGINE E STORIA DIMENSIONE BATTESIMALE - PENITENZIALE DIMENSIONE ECCLESIALE LA QUARESIMA STRUTTURA DELLA QUARESIMA Il tempo di Quaresima ha lo scopo di preparare la Pasqua mediante il ricordo del Battesimo e la penitenza. Inizia il Mercoledì delle ceneri e termina il Giovedì santo

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

Parte prima RITO DEL BATTESIMO E DELLA CREMAZIONE DEI BAMBINI

Parte prima RITO DEL BATTESIMO E DELLA CREMAZIONE DEI BAMBINI Indice Abbreviazioni e sigle 10 Introduzione generale 11 Parte prima RITO DEL BATTESIMO E DELLA CREMAZIONE DEI BAMBINI Istruzioni generali 17 Riti di introduzione 19 Liturgia della Parola 25 Liturgia del

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

L ACQUASANTIERA LA PIANETA

L ACQUASANTIERA LA PIANETA L ACQUASANTIERA È un recipiente, di pietra o di marmo, posto all entrata della Chiesa, che contiene acqua benedetta. In esso intingi la mano destra, prima di farti il segno della croce. Segnarsi con l

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

II. LO SPIRITO SANTO AL VERTICE DELLA CHIESA

II. LO SPIRITO SANTO AL VERTICE DELLA CHIESA II. LO SPIRITO SANTO AL VERTICE DELLA CHIESA 1 La Cattedra di San Pietro (in latino Cathedra Petri) è un trono ligneo del IX secolo, che la leggenda medievale identifica con la cattedra vescovile appartenuta

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

La Statistica in Classe. Ing. Ivano Coccorullo

La Statistica in Classe. Ing. Ivano Coccorullo La Statistica in Classe Ing. Ivano Coccorullo Presentazioni Mi chiamo Ivano Coccorullo Ho?? anni Insegno Fisica a Vallo della Lucania e Matematica al Liceo De Filippis di Cava Ho insegnato Matematica al

Dettagli

via Giuseppe La Farina 15-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale)

via Giuseppe La Farina 15-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale) Dalla Comune e Provincia di Milano - Diocesi di Milano - Zona Pastorale Prima - Prefettura Nord - Decanato di Niguarda via Giuseppe La Farina 1-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale)

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

La chiesa cattolica a confronto con la Bibbia

La chiesa cattolica a confronto con la Bibbia La chiesa cattolica a confronto con la Bibbia da uno scritto di Claudia Guiati "Noi non siamo infatti come quei molti che falsificano la parola di Dio; ma parliamo mossi da sincerità, da parte di Dio,

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Non sto dicendo che se chiediamo perdono siamo liberi di peccare, se un credente la pensa così, io dubito fortemente che sia credente: 1Giovanni 3:6

Non sto dicendo che se chiediamo perdono siamo liberi di peccare, se un credente la pensa così, io dubito fortemente che sia credente: 1Giovanni 3:6 Senso di colpa Come vedete dal titolo di questa predicazione è il senso di colpa e nella foto ho voluto mettere una cornice stile comiche dei primi film di Charlie Chaplin, quando i film non avevano ancora

Dettagli