LA RESPONSABILITÀ CIVILE NELLE POLIZZE DI ASSICURAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RESPONSABILITÀ CIVILE NELLE POLIZZE DI ASSICURAZIONE"

Transcript

1 DIRITTO E PRATICA PROFESSIONALE Paolo Mariotti Alessio Guacci Piergiorgio Guacci LA RESPONSABILITÀ CIVILE NELLE POLIZZE DI ASSICURAZIONE RCT/RCO - RC professionale RC prodotti - RC inquinamento RC sanitaria - RC amministratori (D&O) Manuale per Agenti - Brokers Assuntori di Rischi - Liquidatori GIUFFRÈ EDITORE PER IL PROFESSIONISTA E PER L AZIENDA

2 DIRITTO E PRATICA PROFESSIONALE Paolo Mariotti Alessio Guacci Piergiorgio Guacci LA RESPONSABILITÀ CIVILE NELLE POLIZZE DI ASSICURAZIONE RCT/RCO - RC professionale RC prodotti - RC inquinamento RC sanitaria - RC amministratori (D&O) Manuale per Agenti - Brokers Assuntori di Rischi - Liquidatori COSA & COME GIUFFRÈ EDITORE PER IL PROFESSIONISTA E PER L AZIENDA

3 INDICE GENERALE Prefazione.... pag. ix Capitolo Primo PRINCIPI GENERALI E FORME DELLA RESPONSABILITA` CIVILE 1. La responsabilita` extracontrattuale... 1 a) La responsabilità civile extracontrattuale per fatto proprio (diretta). 1 b) La responsabilita` civile extracontrattuale per fatto di altri (indiretta)... 5 b.1) responsabilità per danni cagionati dall incapace naturale b.2) responsabilità dei genitori,tutori,precettori e maestri d arte.. 6 c) La responsabilità presuntaperlegge... 7 c.1) responsabilità per l esercizio di attivita` pericolose... 7 c.2) responsabilità dacoseincustodia c.3) responsabilità perdannicagionatidaanimali c.4) responsabilità per danni da rovina di edificio d) La responsabilità oggettiva d.1) responsabilità dei padroni e dei committenti d.2) responsabilità delproduttore e) Casi particolari di responsabilità extracontrattuale e.1) responsabilità civilenellosport e.2) responsabilità civile della Pubblica Amministrazione La responsabilita` contrattuale (da inadempimento) Ilrisarcimentodeldanno TavolaSinottica Capitolo Secondo LE POLIZZE DI ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA` CIVILE GENERALE 1. Il rischio della responsabilita` civile garantito nel contratto di assicurazione Il contratto di assicurazione della responsabilita` civile disciplinato dallalegge(art.1917c.c.)... 46

4 vi indice generale pag. 3. Le polizze di assicurazione della RCG in uso nel mercato italiano: strutturadelcontrattorct-rco SchedadiPolizza Testo delle Condizioni Contrattuali Le polizze di assicurazione obbligatoria della responsabilita` civile TavolaSinottica Allegati Condizioni tipo di riferimento Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Imprese Industriali / Commerciali / Edili / Artigiane e di Servizi Questionario per l estensione dell assicurazione R.C.O. alle malattie professionali Appendice per l estensione dell assicurazione R.C.O. alle malattie professionali Elenco dei settori merceologici considerati a maggior rischio di malattia professionaledesuntoedelaboratodaidatiinail Capitolo Terzo L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA` CIVILE PROFESSIONALE 1. La responsabilita` civileprofessionale Le polizze di assicurazione della responsabilità civile professionale Modelli loss occurrence e claims made La responsabilita` civile nelle professioni liberali (Avvocati,Notai, Dottori e Ragionieri Commercialisti,Consulenti del Lavoro) Le polizze di assicurazione della responsabilita` civile per le professioni liberali La responsabilita` civile nelle professioni tecniche (Ingegneri,Architetti, Geometri) Le polizze di assicurazione della responsabilita` civile per le professioni tecniche La Responsabilita` Sanitaria e la sua assicurazione IlrapportoMedico-Paziente Il rapporto Struttura di cura - Paziente La responsabilita` del Primario,del Direttore Sanitario,dell Equipe Le coperture assicurative del rischio sanitario L assicurazione obbligatoria delle Strutture sanitarie pubbliche e private(d.d.l.sen.tomassini) TavolaSinottica Tabelle di macroriferimento sulle attività professionali (Fonte Censis 2000) 180 Allegati Polizza di assicurazione della Responsabilita` Civile Professionale per le attività liberali

5 indice generale vii pag. Polizza di assicurazione della Responsabilita` Civile Professionale per le attività tecniche Copertura assicurativa del dipendente pubblico incaricato della progettazione (art. 17 L. 109/94 ed art. 106 D.P.R. 554/99) Copertura assicurativa della responsabilità civile professionale dei progettisti liberi professionisti o delle societa` di professionisti o delle società di ingegneria (art. 30 comma 5 L. 109/94 ed art. 105 D.P.R. 554/99) Polizza di assicurazione della Responsabilita` Civile delle Strutture SanitariePubbliche Polizza di assicurazione della Responsabilità Civile delle Case di Cura Private Polizza di assicurazione della Responsabilita` Civile Professionale del medico Disegno di Legge Tomassini (Atto Senato 108) Capitolo Quarto LE ASSICURAZIONI DELLA RESPONSABILITA` CIVILE PRODOTTI E DELLA RESPONSABILITA` CIVILE INQUINAMENTO 1. Ladirettivan.85/374/CEE Il D.P.R. n. 224/1988 di attuazione della direttiva in Italia La polizza di assicurazione della responsabilita` civile prodotti Il D.Lgs. 17 marzo 1995 n. 115 (Attuazione della direttiva 92/59/CEE) Lagaranziaritiroprodotti Assicurazione responsabilita` civileinquinamento Allegati PolizzaR.C.Prodotti PolizzaRitiroProdottiDiretto PolizzaRitiroProdottiIndiretto PolizzaR.C.Inquinamento Capitolo Quinto L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA` DI AMMINISTRATORI, SINDACI, DIRETTORI GENERALI (D&O) 1. Introduzione Amministrazioneecontrollo Ilsistematradizionale Ilsistemadualistico Ilsistemamonistico Responsabilita` Responsabilita` verso la societa`

6 viii indice generale pag. Responsabilita` versoicreditorisociali Azionedelsingolosocioodelterzo La responsabilita` deisindaci La polizza di assicurazione della responsabilità di amministratori,sindaci,direttorigenerali La valutazione dei rischi - gli elementi di maggiore rilievo Categorie di Societa` perazioni Sistemi di Amministrazione e Controllo (società nonquotate) Capitolo Sesto LA PRESCRIZIONE 1. Ratio e ambito di applicabilita` della prescrizione breve Decorrenza e sospensione della prescrizione Cessazionedellasospensione Indice cronologico delle leggi citate Indice analitico

7 le polizze di assicurazione Le polizze di assicurazione della RCG in uso nel mercato italiano: struttura del contratto RCT-RCO Le Imprese di assicurazioni utilizzano diversi modelli di Polizza di assicurazione della RCG variabili a seconda del soggetto portatore del rischio di responsabilità civile o dell attività rischiosa fonte di responsabilita` : nel mercato sono presenti polizze che garantiscono la responsabilità del capo famiglia e dell intero nucleo familiare, polizze che coprono la responsabilità civile di commercianti ed artigiani, polizze per la responsabilità civile dei liberi professionisti, polizze per la responsabilità civile da prodotto difettoso o da inquinamento ecc. In questo paragrafo prendiamo in considerazione la Polizza RCT-RCO per le imprese industriali, commerciali, edili, artigiane e di servizi modello Ania (allegata al termine di questo capitolo), al cui schema-base la maggior parte degli altri modelli si riferisce, riservando la trattazione delle restanti polizze ai successivi capitoli. La Polizza contenente il contratto di assicurazione RCT-RCO è formata dalla Scheda e dal Testo delle condizioni contrattuali Scheda di Polizza La Scheda di Polizza, oltre ai dati anagrafici del contraente e dell assicurato (se diverso dal contraente) riporta i seguenti dati essenziali, la cui funzione è di rappresentare allo stipulante in modo chiaro e trasparente gli elementi fondamentali dell accordo negoziale: la descrizione del rischio; le dichiarazioni precontrattuali (artt. 1892, 1893, 1894 c.c.); la durata contrattuale; le modalita` per la disdetta; l indicazione delle condizioni integrative e aggiuntive; il premio; i massimali; gli scoperti e le franchigie. La Scheda costituisce inoltre documento di quietanza dell avvenuto pagamento del premio o della prima rata di premio. È bene chiarire fin da ora la nozione tecnica di alcuni elementi fondamentali, a partire dalla Descrizione del Rischio.

8 52 la responsabilita' civile nelle polizze di assicurazione Il contraente deve indicare chiaramente l attività da assicurare, possibile fonte di responsabilità civile, segnalando il luogo di produzione se si tratta di un impresa industriale, o di distribuzione, se si tratta di impresa commerciale, precisando se intende garantire tutta la produzione aziendale o soltanto alcune produzioni specifiche, tenendo ben presente che, proprio in base a tali dichiarazioni, l assicuratore e` in grado di classificare il rischio e calcolare il premio corrispondente. Infatti, il contratto di assicurazione viene stipulato dall assicuratore prestando fede alle dichiarazioni del contraente, ritenute di vitale importanza per la nascita ed il proseguimento del rapporto assicurativo (dichiarazioni precontrattuali). Eventuali inesattezze o reticenze ricadono esclusivamente sullo stesso contraente: se la loro rilevanza è tale che l assicuratore, ove le avesse conosciute non avrebbe concluso il contratto o lo avrebbe concluso a condizioni diverse, a seconda che il contraente abbia agito con dolo o colpa grave oppure senza, la legge stabilisce conseguenze che comportano l annullamento o il recesso dal negozio e, in caso di sinistro, la perdita o la riduzione della prestazione indennitaria (cfr. gli artt e 1893 c.c.). Dichiarazioni inesatte e reticenze dell assicurato - Annullabilita` del contratto La causa di annullamento del contratto di assicurazione, prevista dall art c.c., esige il simultaneo concorso di tre elementi essenziali: a) una dichiarazione inesatta o una reticenza dell assicurato; b) l influenza di tale dichiarazione o reticenza ai fini della reale rappresentazione del rischio; c) che la reticenza o la dichiarazione inesatta siano frutto del dolo o della colpa grave dell assicurato.pertanto, non qualunque reticenza di circostanze conosciute dall assicurato e` causa di annullamento del contratto di assicurazione, ma l annullamento e` invocabile solo quando la dichiarazione falsa o reticente sia di tale natura che l assicuratore non avrebbe dato il suo consenso o non l avrebbe dato alle medesime condizioni se avesse conosciuto l esatta o completa verita`. (Cass. civ., 25 maggio 1994, n. 5115; cfr. Cass. n del 1986, n del 1997 n del 1991). È opportuno al riguardo ricordare che l assicurato, anche nel corso del rapporto contrattuale, ha l obbligo di segnalare all assicuratore tutte le modifiche che aggravano, diminuiscono o addirittura mutano l attivita` dichiarata all inizio del contratto, al fine di evitareleconseguenzeprevistedallanormativadilegge(cfr.artt. 1897,1898 c.c.): così se l iniziale produzione assicurata viene estesa a nuovi beni o sostanze, se vengono installati nuovi macchinari o

9 le polizze di assicurazione 53 attrezzature o lo stabilimento viene ampliato per una nuova produzione, occorre informare l assicuratore, affinché questi possa valutare l influenza dei mutamenti intervenuti sulla situazione di rischio per cui è prestata la garanzia. Aggravamento del rischio Con riguardo all aggravamento del rischio la norma dell art.1898 c.c. non esige una rigida ed assoluta immodificabilita` della situazione di fatto esistente al tempo della conclusione del contratto di assicurazione, sicche non qualsiasi mutamento sopravvenuto nello stato delle cose obbliga l assicurato a darne notizia all assicuratore, ma soltanto quello che sia caratterizzato da una incidenza, sulla gravita` e sull intensita` del rischio assicurativo, tale da alterare l equilibrio tra il rischio stesso e il premio oltre il limite della normale alea contrattuale; dalla novita` della situazione venutasi a creare, nel senso che essa non sia stata prevista e non fosse, quanto meno, prevedibile dalle parti contraenti all atto della conclusione del contratto; e dalla permanenza, o quanto meno, da una certa stabilita` o persistenza della situazione sopravvenuta, restando invece privo di rilevanza ogni mutamento che sia meramente episodico e transitorio. (Cass. civ., sez. I, 10 aprile 1987, n. 3563). Il Premio costituisce il corrispettivo in denaro dovuto dal contraente all assicuratore per la copertura del rischio assunto nel contratto. Mentre nella maggior parte delle assicurazioni contro i danni è dovuto in misura fissa, nelle assicurazioni della responsabilità civile, specie in quelle che garantiscono le imprese, esso varia in funzione dell andamento di alcuni elementi che normalmente sono: il numero degli addetti; le retribuzioni lorde annue corrisposte ai dipendenti; il fatturato (cioè il volume degli affari che l azienda deve registrare ai sensi di legge nel registro delle fatture emesse); il valore dell opera (per le imprese edili); le superfici (per le aziende agricole). Quando il premio è variabile, le polizze prevedono oltre ad un premio minimo fisso da corrispondere in via anticipata e provvisoria anche un eventuale conguaglio da corrispondere alla scadenza di ciascuna annualità assicurativa sulla base dell elemento variabile convenuto (cfr. infra «la regolazione del premio»). Il Massimale rappresenta il limite di estensione della prestazione indennitaria dell assicuratore: il risarcimento dei danni cau-

10 54 la responsabilita' civile nelle polizze di assicurazione sati dall assicurato al terzo danneggiato è assunto dall assicuratore in copertura fino all importo del massimale indicato nella Scheda di Polizza, il quale è introdotto nel contratto per contenere l esposizione al rischio entro dimensioni economiche predeterminate. Il massimale puo` essere: unico (indifferenziato per tutte le tipologie di danno assicurate) o plurimo (suddiviso per ciascuna tipologia di danno assicurata). Pertanto puo` aversi un massimale: a) unico (ad es ,00 di Euro per sinistro, per persona deceduta o ferita e per cose); b) unico per sinistro e per anno assicurativo (ad es ,00 di Euro): per cui, in un caso limite, accaduto un sinistro nell anno e liquidato l intero massimale, l assicurato rimane privo della garanzia fino alla scadenza dell anno assicurativo (c.d. massimale a consumo annuo); c) bipartito, come nella garanzia RCO (ad es ,00 di Euro, con il limite di ,00 di Euro per persona); d) tripartito (ad es ,00 di Euro, con il limite di ,00 di Euro per ogni persona deceduta o ferita, e di ,00 di Euro per cose). Il massimale «per persona» comprende tutte le richieste di risarcimento che dovessero essere avanzate in dipendenza dell evento che ha cagionato danno a quella persona. Ad esempio: se un sinistro provoca la morte di una persona, tutte le richieste di risarcimento provenienti dai superstiti formano un solo sinistro e rientrano quindi nel limite di massimale stabilito per quella persona danneggiata. Il massimale «per cose» comprende tanto i danni ai beni quanto quelli agli animali e sia il danneggiamento materiale parziale sia la totale distruzione. Di solito è specificamente escluso il c.d. lucro cessante, vale a dire il danno conseguente al mancato utilizzo del bene danneggiato. Massimale - Limiti In tema di assicurazione della responsabilita` civile, l indagine diretta a stabilire se, per persona danneggiata, in relazione alla quale la polizza fissa un determinato massimale, debba intendersi solo quella direttamente coinvolta nel sinistro, ovvero ogni persona che per effetto del sinistro subisca un danno (nella specie, superstiti della vittima del sinistro), cosi che il massimale resti riferito a ciascuna delle pretese di detti soggetti, autonomamente considerata, va condotta in base alla ricostruzione della comune volonta` dei contraenti secondo le ordinarie regole di ermeneutica, anche quando si verta in tema di assicurazione obbligatoria per la circolazione dei veicoli, tenuto

11 le polizze di assicurazione 55 conto che nella disciplina introdotta dalla L.24 dicembre 1969, n.990, l autonomia privata trova limiti circa i minimi della garanzia, ma non anche per quanto riguarda una maggiore estensione della garanzia stessa, sotto il profilo oggettivo, soggettivo o causale. (Cass. civ., sez. I, 1 o aprile 1981, n. 1845). La Franchigia è una cifra in valore assoluto del danno liquidabile che resta a carico dell assicurato (ad es. danno di ,00 Euro con franchigia di 3.000,00 Euro: l assicuratore liquida ,00 Euro). Esistono due tipi di franchigia: franchigia assoluta = è quella «sempre» a carico dell assicurato (ad es. danno di ,00 di Euro, con franchigia assoluta di 5.000,00 Euro: l assicuratore liquida ,00 Euro; se invece il danno è di 5.000,00 Euro o di importo inferiore l assicuratore non è tenuto ad alcuna prestazione); franchigia relativa = è quella a carico dell assicurato «solo» se l importo del danno e` uguale o inferiore all importo della franchigia (ad es. danno di 5.000,00 Euro con franchigia relativa di 5.000,00 Euro: l assicuratore non e` tenuto ad alcuna prestazione; al contrario se il danno ammonta a ,00 Euro l assicuratore liquida ,00 Euro). Lo Scoperto e` una percentuale del danno liquidabile che resta a carico dell assicurato (ad es. danno di ,00 di Euro con scoperto 10%: l assicuratore liquida ,00 Euro, mentre ,00 Euro rimangono a carico dell assicurato). Esistono polizze che prevedono formule miste di «Scoperto con Franchigia»: scoperto con franchigia minima = (ad es. scoperto 10% con una franchigia minima di 500,00 Euro a fronte di un danno di 1.000,00 Euro, l assicuratore liquida 500,00 Euro. Se invece il danno ammonta a ,00 Euro liquida 9.000,00 Euro); scoperto con franchigia massima = (ad es. scoperto 10% con una franchigia massima di 5.000,00 Euro a fronte di un danno di ,00 Euro, l assicuratore liquida ,00 Euro. Se invece il danno ammonta a ,00 Euro, l assicuratore liquida ,00 Euro). Franchigie e Scoperti sono uno strumento essenziale e necessario per il buon funzionamento della Polizza RCT-RCO: la loro mancanza graverebbe il prodotto assicurativo di una serie di sinistri di modesta entita`, con costi tecnici e amministrativi che finiscono per penalizzare la stessa azienda assicurata in termini di premio.

12 56 la responsabilita' civile nelle polizze di assicurazione 3.2. Testo delle Condizioni Contrattuali Il Testo delle Condizioni Contrattuali è suddiviso in tre parti: 1) Condizioni generali della Garanzia RCT e della Garanzia RCO 2) Condizioni integrative 3) Condizioni aggiuntive 1) Condizioni generali della garanzia RCT e della garanzia RCO Garanzia RCT Rilevanza primaria assume la norma che disciplina l Oggetto dell assicurazione. Il piu` delle volte il testo di polizza adottato dalla maggioranza delle Imprese di Assicurazione e` così formulato: «l Impresa si obbliga a tenere indenne l assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare quale civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di risarcimento (capitale, interessi e spese) di danni involontariamente cagionati a terzi, per morte, per lesioni personali e per danneggiamenti a cose, in conseguenza di un fatto accidentale verificatosi in relazione ai rischi per i quali e` prestata l assicurazione.l assicurazione vale anche per la responsabilita` civile che possa derivare all assicurato da fatto doloso di persone delle quali debba rispondere.». Se si confronta con metodo esegetico questo testo con quello del contratto di assicurazione della responsabilita` civile disciplinato dalla legge (art. 1917, primo comma, c.c.), osserviamo che il testo contrattuale riproduce integralmente lo schema legale, introducendo due varianti: la prima e` costituita dalla locuzione «danni involontariamente cagionati a terzi», la seconda si riferisce all aggettivo «accidentale», collegato al fatto generatore del danno. Le due locuzioni utilizzate nel testo contrattuale hanno la funzione di circoscrivere il rischio assunto dall assicuratore. L avverbio involontariamente riferito all evento di danno, dev essere interpretato nel senso che la garanzia assicurativa è limitata alle conseguenze non volute della condotta dell assicurato; quindiidannicausatiaiterziecioèle tipologie dei danni assicurati (la morte, le lesioni, le cose, le perdite patrimoniali) non devono essere l effetto voluto del comportamento dell assicurato.

13 le polizze di assicurazione 57 Quanto invece all aggettivo accidentale connesso al fatto generatore del danno è bene sottolineare, fra le tante, due delle interpretazioni piu` accreditate. La prima sostiene che l introduzione nel testo contrattuale dell accidentalità nasce dall esigenza tecnica di restringere la copertura assicurativa ai fatti illeciti colposi che si manifestano con assoluta straordinarietà e repentinità in modo da rendere l evento dannoso incerto e imprevedibile e quindi assicurabile: non possono essere considerati dunque accidentali i comportamenti reiterati e prolungati. Fatto accidentale Si deve escludere che un contratto di assicurazione della responsabilita` civile possa avere ad oggetto solo i danni derivanti da fatti accidentali intesi come fortuiti, perche dal caso fortuito come dalla forza maggiore non deriva mai una responsabilita` civile. Se cosı` e`, non avrebbe alcuna giustificazione causale una polizza stipulata per coprire un rischio inesistente perche giuridicamente insuscettibile di verificarsi. Nelle assicurazioni della responsabilita` civile il richiamo che viene spesso fatto ai fatti accidentali va interpretato nel senso che il sinistro si deve verificare repentinamente e non in un comportamento ripetuto nel tempo.del resto, la gravita` della negligenza che si protragga per un considerevole e non breve lasso di tempo e` tale da rendere la colpa quasi assimilabile al dolo, per il quale l esclusione della copertura e` prevista dall art. 1917, cod.civ., primo comma. (Trib. di Pordenone, 12 gennaio 2000). La seconda prende spunto dalla sentenza della S.C. Sez. I Civile del 4 febbraio 1992 n che per accidentale intende tutto cio` che esula dalle ordinarie lavorazioni dell impresa e dalla conduzione della stessa: la normalità operativa e lo svolgimento delle attività istituzionali non costituiscono accidente; e` solo quanto interferisce accidentalmente sulla normalità che determina l operativita` della garanzia, rappresentando un rischio e non un costo dell attivita` imprenditoriale. Fatto accidentale In materia di assicurazione della responsabilita` civile, ove il rischio assicurato sia limitato ai «fatti accidentali», l accidentalita` non richiede l imprevedibilita` dell evento dannoso, come genere, ma l incertezza nella sua specificita`, sicche si configura quando, pur essendo astrattamente possibile prevedere il verificarsi di un evenienza di un certo tipo, sia incerto il

14 58 la responsabilita' civile nelle polizze di assicurazione complesso di fattori che concorrono a produrla secondo le modalita` materiali e temporali e con le conseguenze esattamente verificatesi a danno del soggetto che ne risulti colpito, e cio` per circostanze che sfuggono al dominio dell assicurato e che non sono necessariamente e costantemente inerenti all attivita` considerata nel contratto assicurativo ed alla natura dei beni in essa impiegati. (Cass. civ., 30 aprile 1981, n. 2652). Al fine di esplicitare il concetto di accidentalita` di un fatto, di cui si tratta nell art.1 delle condizioni generali del contratto di assicurazione della r.c., si fa riferimento all incertezza dell evento, riguardante il complesso di fattori che concorrono a produrlo.viene quindi considerato incerto un evento quando intervengono circostanze estranee a una normale attivita` che concretizzano le astratte potenzialita` dannose di tale attivita` in un danno. (Cass. civ., sez. I, 4 febbraio 1992, n. 1214). Al riguardo è importante segnalare anche una sentenza del Tribunale di Milano (sez. XII, 1 o dicembre 1994, n. 3293/95) la quale, in applicazione della succitata interpretazione, ha escluso che i danni arrecati all immobile adiacente a quello ove l impresa edile operava, risultando diretta e pressoché inevitabile conseguenza dei lavori di ristrutturazione effettuati, fossero provvisti della straordinaria causale oggetto del rischio della responsabilita` civile. Proprio in adesione a questa seconda interpretazione della nozione di accidentalità negli ultimi tipi di Polizze RCT-RCO e nello stesso prototipo Ania, il testo normativo regolatore dell Oggetto della Garanzia RCT espunge l aggettivo accidentale, inserendo fra le «esclusioni» la seguente clausola: «la garanzia non comprende i danni che siano conseguenza naturale delle modalita` adottate dall assicurato nello svolgimento dell attivita` garantita»(cfr.art.3c. A1 della Polizza Ania). Pertanto il testo contrattuale dell Oggetto della Garanzia RCT, adottato dalla maggior parte delle imprese risulta attualmente essere il seguente: «L Impresa si obbliga a tenere indenne l assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di risarcimento (capitale, interessi e spese) di danni involontariamente cagionati a terzi per: morte e lesioni personali; distruzione o deterioramento di cose; in conseguenza di un sinistro verificatosi in relazione ai rischi descritti in polizza».

15 le polizze di assicurazione 59 Continuando nell esegesi del testo di polizza rinveniamo l espressione «civilmente responsabile ai sensi di legge»: la stessa sta ad indicare l operativita` della garanzia assicurativa per la sola responsabilita` derivante da una norma di legge e non quella derivante dalla violazione di impegni assunti volontariamente a seguito di un contratto (cfr. art. 1 Polizza Ania). Naturalmente l inciso si riferisce sia alla responsabilita` extracontrattuale sia a quella contrattuale (cfr. cap. 1 o paragrafo sul cumulo di responsabilità) poiché la Polizza garantisce l assicurato per i danni da morte, lesioni personali e alle cose di terzi, motivo per il quale, tutte le volte che viene violato il diritto di un terzo cui conseguano danni consistenti in morte, lesioni personali e alle cose per inadempimento contrattuale dell assicurato, la copertura assicurativa deve essere considerata efficace. A titolo di esempio si puo` citare il medico libero professionista che causando al paziente lesioni personali si rende responsabile della violazione di un diritto assoluto (quello alla salute) e al contempo inadempiente al contratto d opera intellettuale (art c.c. - vedere anche 3 o cap. paragrafo sull assicurazione sanitaria). Circa la tipologia dei danni coperti, sono garantiti i danni alla persona (derivanti da morte e da lesioni) nonche i danni materiali alle cose, sia il deterioramento (cioè il danno parziale) sia la distruzione (cioè il danno totale). Come gia` detto, di solito non sono compresi in garanzia i danni da interruzione o sospensione di esercizio (cioè il lucro cessante) ne i cosiddetti danni patrimoniali puri (quelli non comportanti danni a persone o a cose) che, tuttavia, possono essere inclusi con apposita clausola aggiuntiva estensiva della garanzia. Fra le delimitazioni del rischio assicurato, un posto particolare merita la nozione di Terzo, necessaria per poter godere i benefici della prestazione indennitaria. La suddetta qualifica, non definita dalla legge (fatta eccezione per la Legge n. 990 e successive modifiche), ha solo natura pattizia e la si ricava per esclusione, considerando tali tutti i soggetti non menzionati espressamente nell apposito elenco indicato in polizza (cfr. art. 2 ibidem). La ratio della norma è di escludere l operatività della garanzia nel caso di danni subiti da alcuni soggetti, specificamente elencati nel contratto, che hanno determinati rapporti di parentela o di lavoro e comunque di possibile commistione patrimoniale con l assi-

16 60 la responsabilita' civile nelle polizze di assicurazione curato, motivo per cui risulta difficile distinguere, in sede di danno, se il decremento patrimoniale verificatosi è effettivamente ed in via esclusiva avvenuto nella sfera del soggetto danneggiato o non piuttosto a carico dello stesso assicurato. Per questa ragione non sono considerati Terzi: il legale rappresentante dell azienda assicurata, il socio a responsabilità illimitata, l amministratore e tutte le persone legate a tali soggetti da vincolo coniugale o di parentela o di affinita`,se conviventi; i dipendenti dell assicurata, quando subiscono il danno in occasione di lavoro o di servizio (per questo rischio esiste un apposita copertura, la Garanzia RCO); i subappaltatori, i loro dipendenti e tutti coloro che, a prescindere dalla natura del loro rapporto con l assicurato, subiscano il danno in occasione della loro partecipazione manuale alle attivita` cui si riferisce l assicurazione; questa esclusione è derogabile dietro corresponsione di un adeguato sovrappremio (cfr. Condizione Aggiuntiva B). È opportuno sottolineare che, nelle ultime polizze RCT-RCO apparse sul mercato, vengono escluse dal novero dei terzi anche le societa` controllanti, le controllate o collegate ai sensi dell art c.c. ed i loro amministratori. Nozione di terzo E` operativa l assicurazione di responsabilita` civile verso terzi stipulata da una cooperativa di produzione e lavoro anche nei confronti di un sociolavoratore rimasto infortunato in occasione di lavoro, atteso che questo non e` da considerarsi lavoratore subordinato e non puo` trovare, quindi, applicazione la clausola di contratto per la quale non sono considerati terzi le persone che essendo in rapporto di dipendenza con l assicurato subiscono il danno in occasione di lavoro. (Trib. Ancona, 18 febbraio 1984). Continuando nelle delimitazioni del rischio assicurato occorre menzionare i Danni Esclusi dalla Garanzia RCT (cfr. art. 3 Polizza Ania). Vi sono esclusioni che non sono derogabili (i relativi danni non possono quindi essere inclusi mediante pattuizione aggiuntiva), poiché disposizioni di legge impongono all assicuratore di predisporre polizze specifiche: ad esempio i danni derivanti dalla proprietà e dall uso di veicoli a motore circolanti su strade di uso

17 le polizze di assicurazione 61 pubblico o su aree ad esse equiparate, oppure i danni dalla proprietà o uso dei natanti a motore per la copertura dei quali la Legge impone un apposita polizza (cfr. L. n. 990) oppure ancora i danni da proprieta` o uso di veicoli a motore, macchinari od impianti che siano condotti o azionati da persona non abilitata a norma delle disposizioni in vigore. Non v è alcuna possibilita` di deroga anche per le esclusioni motivate da ragioni tecniche che, per certe tipologie di danni, hanno indotto le Compagnie a mettere a punto uno specifico strumento contrattuale. Cosı` per i danni derivanti da inquinamento (esclusi dalla polizza RCT-RCO - cfr. art. 3 lett. B) per i quali vi è la polizza RC da inquinamento; per quelli derivanti da difetto di prodotto (esclusi dalla lettera H, ibidem) per cui vi e` la polizza RC Prodotti, con possibile estensione al rischio Smercio e Ritiro Prodotti; per quelli derivanti da furto (esclusi dalla lettera F, ibidem) per cui vi è la polizza Furto; per quelli derivanti da incendio delle cose di proprietà dell assicurato o da lui detenute (esclusi dalla lettera F, ibidem) per cui vi e` Polizza Incendio con la garanzia accessoria «Ricorso Terzi». Le altre tipologie di danni esclusi elencati nell art. 3 della Polizza Ania sono quasi tutte assicurabili con pattuizione separata, mediante l introduzione di Condizioni Aggiuntive a quelle generali della Polizza base. Cosı` ad esempio i danni alle opere in costruzione ed a quelle sulle quali si eseguono i lavori; i danni alle cose che si trovano nell ambito di esecuzione dei lavori; i danni alle cose trasportate, rimorchiate, sollevate, caricate o scaricate; i danni ai mezzi di trasporto sotto carico o scarico; i danni cagionati da opere, installazioni in genere dopo l ultimazione dei lavori (cfr. per le altre esclusioni l art. 3 ibidem). Per l esame delle piu` importanti Condizioni Aggiuntive si rinvia al relativo paragrafo. La clausola della Regolazione del Premio (art. 11 Polizza Ania) richiede una trattazione particolareggiata, essendo largamente usata dalle Compagnie nelle polizze RCT-RCO di durata poliennale riservate alle aziende, polizze in cui il premio varia in funzione del parametro pattuito: di solito si fa riferimento al fatturato dell impresa oppure alle retribuzioni corrisposte ai dipendenti. La ratio della clausola, che fissa modalita` e termini di pagamento del premio, è stata quella di creare un meccanismo contrat-

18 62 la responsabilita' civile nelle polizze di assicurazione tuale che rendesse automatico l adeguamento del premio al rischio assunto. La sua legittimita` è riconosciuta da dottrina e giurisprudenza che ravvisano nella prima parte della clausola una deroga convenzionale al principio generale del negozio assicurativo secondo il quale il premio deve essere pagato integralmente e anticipatamente; nel caso delle «polizze a regolazione» il patto contrattuale comporta che il pagamento di una sola quota di premio, quella corrisposta inizialmente a titolo provvisorio, renda efficace il negozio, facendo comunque correre per intero il rischio all assicuratore (deroga al primo comma dell art c.c.). Nella seconda parte della clausola invece si ritorna all applicazione dell art secondo comma c.c., poiche viene comminata la sanzione della sospensione della garanzia assicurativa qualora il contraente alla scadenza della prima annualita` non adempia l obbligazione accessoria, omettendo di comunicare i dati per la regolazione oppure non paghi la quota di premio derivante dall eventuale differenza attiva dovuta all assicuratore. Commentando la clausola nel suo insieme, si puo` affermare che l assicuratore rinuncia a favore dell assicurato al suo diritto di ricevere anticipatamente e integralmente il premio correndo il rischio per intero, anche senza avere percepito tutto quanto e` di sua spettanza, mentre l equilibrio contrattuale viene ristabilito al termine di ciascun periodo assicurativo, quando, se l assicurato non mette in grado l assicuratore di computare esattamente quanto gli è dovuto o non paghi l eventuale differenza attiva, la prestazione della garanzia è sospesa, con un ritorno alla disciplina legale stabilita nell art c.c.. Naturalmente, in ossequio alle norme previste per i contratti in generale, in caso di inadempimento della prestazione dell assicurato e` fatto salvo il diritto dell assicuratore di agire per la risoluzione del contratto, risoluzione che, trattandosi di rapporti di durata, ha effetto ex nunc. Riportiamo ora in dettaglio il funzionamento del meccanismo contrattuale, secondo l interpretazione data dalla migliore dottrina che si è occupata della materia, senza tuttavia trascurare alcune precisazioni derivanti dal pronunciato giudiziale. La normativa prevede che il contraente versi un premio provvisorio all inizio del rapporto contrattuale e poi, al termine di cia-

19 le polizze di assicurazione 63 scun periodo assicurativo, versi il premio a conguaglio e cioe` il premio definitivo o premio di regolazione. Per poter adempiere al pagamento del premio di regolazione, il contraente deve assolvere due obblighi: il primo, alla scadenza della prima annualità assicurativa, consiste in un obbligo di informazione circa la situazione di fatto costituente il parametro contrattuale: la comunicazione dev essere effettuata entro 60 giorni dalla scadenza annuale. Si tratta di una prestazione essenziale per il mantenimento del sinallagma contrattuale, il cui inadempimento produce sulla copertura assicurativa gli effetti successivamente indicati, e questo anche se dai dati reali, ma non comunicati, dovesse risultare che nessuna regolazione attiva e` dovuta all assicuratore. Il secondo obbligo deriva dall Appendice di Regolazione emessa dall assicuratore a seguito dei dati comunicati dall assicurato e consiste in una prestazione di pagamento che dev essere eseguita entro 15 giorni dalla data di emissione. Le conseguenze che la clausola riconnette all inadempimento dei suddetti obblighi, cui segua, come normalmente avviene nella prassi, il pagamento del premio provvisorio della successiva annualita` contrattuale sono due: 1) se non viene adempiuto l obbligo di comunicazione dei dati, il premio provvisorio versato dall assicurato per la seconda annualità viene imputato a garanzia del premio di regolazione e la garanzia assicurativa resta sospesa sia nei 60 giorni sia per tutta la successiva annualita` contrattuale la quale, priva della propria rata di premio provvisorio, (trasferita a garanzia dell annualità precedente) viene a trovarsi in difetto di sinallagma; 2) se invece l assicurato comunica i dati del parametro nel tempo previsto ma non effettua il pagamento dell importo dovuto e nel tempo riportato dall Appendice di Regolazione, pagando comunque il premio della rata di premio della successiva annualità, la clausola stabilisce che quest ultimo pagamento sia imputato in conto al debito piu` antico. Ne consegue che se, come il piu` delle volte succede, il pagamento del premio provvisorio della successiva annualità è superiore all ammontare della regolazione dovuta, tale imputazione estingue il debito per l annualita` precedente (che sara` pertanto in copertura), mentre non sara` in garanzia la successiva annualita` per difetto di sinallagma (scatterà dunque la sospensione di garanzia con effetto ex tunc).

20 64 la responsabilita' civile nelle polizze di assicurazione Bisogna precisare che: la clausola che stabilisce effetti sospensivi della garanzia si riferisce esclusivamente a contratti di assicurazione poliennali e con premio periodico; la prestazione di informazione sopraindicata comporta che l assicurato si attivi per l adempimento dell obbligo di comunicazione, indipendentemente dal fatto che l assicuratore abbia o non abbia esercitato la facoltà di concessione di un ulteriore termine di 15 giorni per l adempimento che talvolta si trova nei testi di polizza delle imprese; Regolazione del premio - oneri di comunicazione in capo all assicurato «Qualora, in un contratto di assicurazione, venga inserita una clausola di cosiddetta regolazione del premio (in virtu` della quale l assicurato e` tenuto, oltre che al pagamento di un premio minimo da versarsi in via provvisoria ed anticipata, alla corresponsione di un maggior premio definitivo, alla scadenza di ciascun periodo assicurativo, in funzione di elementi variabili, da trasmettersi periodicamente all assicuratore), la comunicazione degli elementi variabili in essa prevista integra una vera e propria obbligazione accessoria, rispetto a quella del pagamento del premio, derivando, da cio`, a carico dell assicurato che invochi la copertura assicurativa, l onere di fornire la prova di aver adempiuto anche alla detta obbligazione e, in difetto, la sospensione della garanzia assicurativa nonche la successiva, eventuale risoluzione del contratto. Non puo`, ex adverso rilevare, neppure sotto il profilo dell esecuzione delle prestazioni contrattuali secondo buona fede, il mancato esercizio, da parte dell assicuratore, della facolta` di sollecitare, all assicurato, la trasmissione dei dati, concedendogli un ulteriore termine per tale comunicazione». (Cass. civ., sez. III, 23 maggio 1997, n. 4612). parte della dottrina e della giurisprudenza ritengono che la sospensione della garanzia scatti non gia` alla scadenza del periodo assicurativo soggetto alla regolazione, ma alla scadenza del 60 o giorno utile per la comunicazione dei dati e quindi che anche i sinistri accaduti durante tale lasso di tempo siano coperti; se il contratto viene invece a naturale scadenza (non alla scadenza dell annualità) e l assicurato non adempie agli obblighi stabiliti nella clausola, l assicuratore non e` obbligato per tutti i sinistri avvenuti nel periodo per cui non è stata adempiuta la regolazione; la garanzia resta sospesa fino alle ore del giorno in cui l assicurato abbia adempiuto i suoi obblighi, fermo restando il diritto dell assicuratore di agire giudizialmente per la risoluzione

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE IN GENERALE

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE IN GENERALE CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono: per "assicurazione": il contratto di assicurazione; per "polizza": il documento che prova l'assicurazione;

Dettagli

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE A.- POLIZZA R.C. PROFESSIONALE 1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE POLIZZE. La polizza Assicuratrice Milanese spa regolamenta il profilo in esame all art. 16 n. 2 delle condizioni

Dettagli

Sezione II - Responsabilità Civile

Sezione II - Responsabilità Civile 10 di 36 Sezione II - Responsabilità Civile Articolo 5 - Oggetto dell assicurazione La Società assicura sino a concorrenza del massimale indicato sul modulo di polizza (partita 3) la somma che l Assicurato

Dettagli

POLIZZA RC FAMIGLIA INDICE DICHIARAZIONI DEL CONTRAENTE O ASSICURATO 2 DEFINIZIONI 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE 3

POLIZZA RC FAMIGLIA INDICE DICHIARAZIONI DEL CONTRAENTE O ASSICURATO 2 DEFINIZIONI 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE 3 POLIZZA RC FAMIGLIA INDICE DICHIARAZIONI DEL CONTRAENTE O ASSICURATO 2 DEFINIZIONI 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE 3 NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE IN GENERALE 5 Il presente fascicolo è redatto

Dettagli

R.C. PATRIMONIALE CONSULENTI E QUADRI DIRETTIVI

R.C. PATRIMONIALE CONSULENTI E QUADRI DIRETTIVI R.C. PATRIMONIALE CONSULENTI E QUADRI DIRETTIVI 1. OGGETTO DELL ASSICURAZIONE GARANZIA PERDITE PATRIMONIALI La Società si obbliga a tenere indenni gli Assicurati di quanto questi siano tenuti a pagare

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI POLIZZA RESPONSABILITA CIVILE A.N.U.S.C.A.

CONDIZIONI GENERALI POLIZZA RESPONSABILITA CIVILE A.N.U.S.C.A. CONDIZIONI GENERALI POLIZZA RESPONSABILITA CIVILE A.N.U.S.C.A. Art. 1 Oggetto dell Assicurazione La Società si obbliga a tenere indenne gli Assicurati,associati di A.N.U.S.C.A., di quanto questi sia tenuti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE ASSICURAZIONE INFORTUNI SINDACO E CONSIGLIO

CAPITOLATO SPECIALE ASSICURAZIONE INFORTUNI SINDACO E CONSIGLIO CAPITOLATO SPECIALE ASSICURAZIONE INFORTUNI SINDACO E CONSIGLIO ENTE CONTRAENTE: COMUNE DI B I B B I E N A Decorrenza: dalle ore 24 del 30 Giugno 2010 Scadenza: alle ore 24 del 30 Giugno 2012 1 DEFINIZIONI

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... pag. V VII PREMESSA 1. L assicurazione della responsabilità civile e il suo evolversi nel tempo... 1 2. Possibilità di una

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE PATRIMONIALE DEGLI AMMINISTRATORI, SEGRETARIO, DIRIGENTE, RESPONSABILE DI SERVIZIO E/O DIPENDENTE IN GENERE ENTI LOCALI

RESPONSABILITÀ CIVILE PATRIMONIALE DEGLI AMMINISTRATORI, SEGRETARIO, DIRIGENTE, RESPONSABILE DI SERVIZIO E/O DIPENDENTE IN GENERE ENTI LOCALI RESPONSABILITÀ CIVILE PATRIMONIALE DEGLI AMMINISTRATORI, SEGRETARIO, DIRIGENTE, RESPONSABILE DI SERVIZIO E/O DIPENDENTE IN GENERE DI ENTI LOCALI ATTIVITA AMMINISTRATIVE E TECNICHE CONTRAENTE: Comune di

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Sintesi delle nuove polizze gratuite per gli iscritti alla UIL Scuola migliorative rispetto alle precedenti e con effetto dal 1 febbraio 2012.

Sintesi delle nuove polizze gratuite per gli iscritti alla UIL Scuola migliorative rispetto alle precedenti e con effetto dal 1 febbraio 2012. Sintesi delle nuove polizze gratuite per gli iscritti alla UIL Scuola migliorative rispetto alle precedenti e con effetto dal 1 febbraio 2012. 1. INFORTUNI polizza numero 1331/ 77 / 327 1. L assicurazione

Dettagli

Consiglio Regionale del Piemonte

Consiglio Regionale del Piemonte ALLEGATO N. 02 Consiglio Regionale del Piemonte CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO SERVIZIO CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER L ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI VIA PIFFETTI, 49 10143 TORINO. Periodo:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI

CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI CONTRAENTE: COMUNE DI BIBBIENA ASSICURAZIONE NELLA FORMA LIBRO MATRICOLA 1 SEZ. 1

Dettagli

Responsabilità Civile Natanti a Motore

Responsabilità Civile Natanti a Motore Responsabilità Civile Natanti a Motore Condizioni Generali di Assicurazione L Impresa assicura, in conformità alle norme della Legge e del Regolamento, i rischi della responsabilità civile per i quali

Dettagli

POLIZZA DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE RISCHI EQUESTRI

POLIZZA DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE RISCHI EQUESTRI Colombo assicurazioni POLIZZA DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE RISCHI EQUESTRI CONDIZIONI PARTICOLARI DI RESPONSABILITA CIVILE TERZI ASSOCIATI: ANIE ( FISE ) ALLEGATO A SCHEDA DI POLIZZA:

Dettagli

Attività liberali. Partner. Rc Professionista

Attività liberali. Partner. Rc Professionista LINEA LAVORO Attività liberali Partner Rc Professionista Grazie per aver scelto un prodotto Fondiaria-Sai Divisione Sai. Partner RC Professionista è la polizza di Responsabilità Civile di ultima generazione,

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

CONDIZIONI DI POLIZZA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE

CONDIZIONI DI POLIZZA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE CONDIZIONI DI POLIZZA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE (FARMACISTI) COMPAGNIA ITALIANA ASSICURAZIONI EDIZIONE 01/2007 ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI POLIZZA DEFINIZIONI Nel testo che segue, si intendono

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34121 Trieste COPERTURA ASSICURATIVA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34121 Trieste COPERTURA ASSICURATIVA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Capitolato LOTTO 2 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34121 Trieste COPERTURA ASSICURATIVA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI DURATA DELL APPALTO L appalto ha la durata di 3

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA TRADUZIONE DEI 84. ss. DEL CODICE DI COMMERCIO TEDESCO (HGB) COME MODIFICATI DALLA L. 23 ottobre 1989 84. (Definizione dell agente di commercio) 1. È agente di commercio

Dettagli

Art. 1: Oggetto dell appalto

Art. 1: Oggetto dell appalto Art. 1: Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo, ed in particolare: o il servizio di assistenza, consulenza e gestione del programma

Dettagli

RC Natanti. Edizione 03/06. MRA - Mod. 3004. Il presente allegato forma parte integrante della polizza MRA - Mod. 3003 - Ed. 03/03

RC Natanti. Edizione 03/06. MRA - Mod. 3004. Il presente allegato forma parte integrante della polizza MRA - Mod. 3003 - Ed. 03/03 RC Natanti MRA - Mod. 3004 Edizione 03/06 Il presente allegato forma parte integrante della polizza MRA - Mod. 3003 - Ed. 03/03 INDICE DEFINIZIONI pag. 1 CONDIZIONI GENERALI pag. 2 CONDIZIONI SPECIALI

Dettagli

DIZIONARIO. Contraente: il soggetto che stipula l assicurazione. Relativamente alla presente Polizza esso è identificato come il Co.E.S.

DIZIONARIO. Contraente: il soggetto che stipula l assicurazione. Relativamente alla presente Polizza esso è identificato come il Co.E.S. Polizza Tutela giudiziaria ad personam e Indennità di sospensione/perdita punti della patente (polizza n. 58/30.314.506 e appendice n. 31.631.543) DIZIONARIO Alle seguenti denominazioni le parti attribuiscono

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU ASSICURAZIONE GLOBALE CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ASSICURATIVO GLOBALE

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU ASSICURAZIONE GLOBALE CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ASSICURATIVO GLOBALE PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU SETTORE ORGANI ISTITUZIONALI E AA.GG. Servizio Provveditorato ASSICURAZIONE GLOBALE CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ASSICURATIVO GLOBALE ART. 1. OGGETTO 1.A.

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE. PROVINCIA DI PERUGIA - C.F./P.I. 00349480541 - Tel. 075/8477011 - Fax 8477041

COMUNE DI MAGIONE. PROVINCIA DI PERUGIA - C.F./P.I. 00349480541 - Tel. 075/8477011 - Fax 8477041 COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA - C.F./P.I. 00349480541 - Tel. 075/8477011 - Fax 8477041 CAPITOLATO TECNICO RISCHIO RC PATRIMONIALE AMMINISTRATORI CAPITOLATO POLIZZA RESPONSABILITÀ CIVILE PATRIMONIALE

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

L assicurazione del rischio da prodotto difettoso.

L assicurazione del rischio da prodotto difettoso. L assicurazione del rischio da prodotto difettoso. Dott.ssa Raffaella Tassinari Treviso, 13/04/2012 D o Perché la polizza RC Prodotti? Mutate tecnologie di produzione; Molteplicità di partecipanti al processo

Dettagli

ASSICURAZIONE TUTELA GIUDIZIARIA DEGLI AMMINISTRATORI, DEI DIRIGENTI E DEI DIPENDENTI DEFINIZIONI

ASSICURAZIONE TUTELA GIUDIZIARIA DEGLI AMMINISTRATORI, DEI DIRIGENTI E DEI DIPENDENTI DEFINIZIONI ASSICURAZIONE TUTELA GIUDIZIARIA DEGLI AMMINISTRATORI, DEI DIRIGENTI E DEI DIPENDENTI DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono: - per Assicurazione : il contratto di assicurazione; - per Polizza :

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto POLIZZA NAUTICA per l assicurazione di unità da diporto Condizioni di Assicurazione Sommario 1 Definizioni 2 Condizioni Generali di Assicurazione valide per tutte le garanzie 3 Garanzie: Responsabilità

Dettagli

Tutela Professione POLIZZA DI RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE

Tutela Professione POLIZZA DI RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE A r e a P r o t e z i o n e P r o f e s s i o n e Tutela Professione POLIZZA DI RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE COMMERCIALISTI, AVVOCATI, CONSULENTI DEL LAVORO, NOTAI, AMMINISTRATORI DI STABILI CONDOMINIALI,

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

G P A LE COPERTURE ASSICURATIVE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PATRIMONIALE

G P A LE COPERTURE ASSICURATIVE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PATRIMONIALE LE COPERTURE ASSICURATIVE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PATRIMONIALE Definizione di Dipendente Tecnico: qualsiasi persona, regolarmente abilitato o comunque in regola con le disposizioni di legge per

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

per le organizzazioni di volontariato

per le organizzazioni di volontariato Le per le organizzazioni di volontariato A cura del Dott. Emidio Valeri Broker assicurativo e Consulente del C.S.V. di Teramo Prima Edizione maggio 2004 Seconda Edizione maggio 2013 Terza Edizione giugno

Dettagli

CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE. R C Natanti

CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE. R C Natanti CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE R C Natanti Definizioni Termini assicurativi ed espressioni tecniche ai quali le Parti attribuiscono, nell ambito del presente contratto, il significato qui precisato: Assicurato:

Dettagli

1 - OGGETTO DELL ASSICURAZIONE

1 - OGGETTO DELL ASSICURAZIONE OGGETTO E DELIMITAZIONE DELL' ASSICURAZIONE PROFESSIONAL Amministratore di stabili condominiali SCHEDA DI COPERTURA 005 Le condizioni che seguono integrano le Condizioni di Assicurazione previste dal mod.

Dettagli

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno 115 Capitolo VI Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno Sommario: 1. La denuncia di sinistro - 2. La procedura di risarcimento ordinario - 3. La procedura di risarcimento a favore dei

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

FIBA/CISL ANNO 2014 CONVENZIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE DEI DIPENDENTI DI ISTITUTI DI CREDITO, ENTI E AZIENDE ASSIMILABILI

FIBA/CISL ANNO 2014 CONVENZIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE DEI DIPENDENTI DI ISTITUTI DI CREDITO, ENTI E AZIENDE ASSIMILABILI FIBA/CISL ANNO 2014 CONVENZIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE DEI DIPENDENTI DI ISTITUTI DI CREDITO, ENTI E AZIENDE ASSIMILABILI DEFINIZIONI: Nel testo che segue, si intendono per: -

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

Art. 4 Modifiche dell'assicurazione Le eventuali modificazioni dell'assicurazione devono essere provate per iscritto.

Art. 4 Modifiche dell'assicurazione Le eventuali modificazioni dell'assicurazione devono essere provate per iscritto. DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono: - Per ANEIS : l Associazione Nazionale Esperti Infortunistica Stradale con sede legale in via Dante n 31 (35139) Padova e sede operativa presso lo studio del

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

Guida alle POLIZZE 2015 per gli iscritti di LIBERO/Sinfub

Guida alle POLIZZE 2015 per gli iscritti di LIBERO/Sinfub Guida alle POLIZZE 2015 per gli iscritti di LIBERO/Sinfub Il datore di lavoro è tenuto ad assicurare il quadro intermedio contro il rischio di responsabilità civile verso terzi conseguente a colpa nello

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI ASSICURAZIONE GLOBALE

PROVINCIA DI CAGLIARI ASSICURAZIONE GLOBALE PROVINCIA DI CAGLIARI ASSICURAZIONE GLOBALE POLIZZA N 5 RESPONSABILITA CIVILE DEI DIRIGENTI E DEI FUNZIONARI INCARICATI DI POSIZIONE (GARANZIA PERDITE PATRIMONIALI: pregiudizio economico non conseguente

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

COMUNE DI LECCO CAPITOLATO SPECIALE DI POLIZZA RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE DEI DIPENDENTI PUBBLICI INCARICATI DELLA PROGETTAZIONE DI LAVORI.

COMUNE DI LECCO CAPITOLATO SPECIALE DI POLIZZA RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE DEI DIPENDENTI PUBBLICI INCARICATI DELLA PROGETTAZIONE DI LAVORI. COMUNE DI LECCO CAPITOLATO SPECIALE DI POLIZZA RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE DEI DIPENDENTI PUBBLICI INCARICATI DELLA PROGETTAZIONE DI LAVORI. (Garanzia assicurativa ai sensi delle disposizioni della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili La percezione dei rischi e i bisogni assicurativi i principi generali che regolano l assicurazione

Dettagli

9 $VVLFXUD]LRQH: il contratto di assicurazione; 9 &RQWUDHQWH: il soggetto che stipula l assicurazione;

9 $VVLFXUD]LRQH: il contratto di assicurazione; 9 &RQWUDHQWH: il soggetto che stipula l assicurazione; '(),1,=,21, Nel testo che segue si intendono per: 9 $VVLFXUD]LRQH: il contratto di assicurazione; 9 3ROL]]D: il documento che prova l assicurazione; 9 &RQWUDHQWH: il soggetto che stipula l assicurazione;

Dettagli

Paghe. Gomma e plastica: malattia e periodo di comporto Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Gomma e plastica: malattia e periodo di comporto Fabio Licari - Consulente del lavoro Gomma e plastica: malattia e periodo di comporto Fabio Licari - Consulente del lavoro Nozione Tutele La malattia si annovera tra i casi più comuni di fattispecie sospensive del rapporto di lavoro poiché,

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

PARTE GENERALE. Art. 1 Oggetto

PARTE GENERALE. Art. 1 Oggetto Capitolato di gara (Polizza generale) per l assicurazione della responsabilità civile professionale dei dipendenti del Comune di Firenze incaricati della progettazione dei lavori ai sensi degli art. 90

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Circolare Informativa n. 10 n. 52 del del 1512 dicembre 2012 Tutela contro i ritardi nei pagamenti delle transazioni commerciali - Nuova disciplina INDICE 1 Premessa... 2 2

Dettagli

ALLEGATO 7 Polizza assicurativa

ALLEGATO 7 Polizza assicurativa ALLEGATO 7 Polizza assicurativa allegato_7.doc Pag. 1/5 ALLEGATO 7 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE Responsabilità civile terzi, prodotti, servizi e forniture Oggetto dell assicurazione Assicurati sono l Assuntore

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers La distribuzione del prodotto assicurativo 105 Subagente, coagenzia e procacciatore d affari Il subagente è un soggetto il quale viene incaricato da un agente, verso corrispettivo, di promuovere la conclusione

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Circolare N.120 del 4 Settembre 2012 Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Professioni regolamentate: più tempo per la copertura assicurativa Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

RISOLUZIONE N. 232/E

RISOLUZIONE N. 232/E RISOLUZIONE N. 232/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,22 agosto 2007 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 109, comma 1, del DPR 22 dicembre 1986, n. 917 Costi deducibili ALFA S.p.A- Con l

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

POLIZZA RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE AMMINISTRATORE DI CONDOMINI

POLIZZA RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE AMMINISTRATORE DI CONDOMINI POLIZZA RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE AMMINISTRATORE DI CONDOMINI Appendice n. 1 allegato alla polizza Mod. 2001 ed. 01/03/2008 CONDIZIONI NORMATIVE INDICE 1 Definizioni 2 Integrazioni alla Garanzia

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Capitolato Speciale LOTTO 5 POLIZZA DI ASSICURAZIONE KASKO DIPENDENTI IN MISSIONE COMUNE DI ACQUI TERME

Capitolato Speciale LOTTO 5 POLIZZA DI ASSICURAZIONE KASKO DIPENDENTI IN MISSIONE COMUNE DI ACQUI TERME Capitolato Speciale LOTTO 5 POLIZZA DI ASSICURAZIONE KASKO DIPENDENTI IN MISSIONE La presente polizza è stipulata tra COMUNE DI ACQUI TERME e Decorrenza ore 24.00 del 31/3/2008 Scadenza ore 24.00 del 31/3/2011

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 POLIZZE ASSICURATIVE AMMINISTRATORI QUALI SONO ESENTI E DEDUCIBILI IL QUESITO E possibile avere un quadro delle problematiche fiscali

Dettagli

UDI. La responsabilità civile. chi è terzo e chi non lo è, forme assicurative della responsabilità civile (RC) verso terzi

UDI. La responsabilità civile. chi è terzo e chi non lo è, forme assicurative della responsabilità civile (RC) verso terzi La responsabilità civile Responsabilità civile verso terzi chi è terzo e chi non lo è, forme assicurative della responsabilità civile (RC) verso terzi Responsabilità civile verso i prestatori d opera (RCO)

Dettagli

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003 Circolare n. 41/E Roma, 21 luglio 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione- Tassazione delle pensioni pagate ai sensi della legislazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO

POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO Ottobre 2015 DEFINIZIONI I seguenti vocaboli, indicati nella polizza, significano : Contraente TPER S.p.A. che stipula il contratto

Dettagli

ESTRATTO CONDIZIONI RC SOCI E DIPENDENTI BANCA DI CESENA

ESTRATTO CONDIZIONI RC SOCI E DIPENDENTI BANCA DI CESENA ESTRATTO CONDIZIONI RC SOCI E DIPENDENTI BANCA DI CESENA La Banca di Cesena ha stipulato polizza convenzione con la Compagnia di assicurazione Bcc Assicurazioni S.p.A. al fine di tutelare i propri Soci

Dettagli

Polizza di Responsabilità Civile Professionale

Polizza di Responsabilità Civile Professionale Liguria Professional Polizza di Responsabilità Civile Professionale dell Amministratore di Stabili DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono per: Contraente Assicurato Società Danni Perdite patrimoniali

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

Responsabilità Professionale del tecnico. Tutela Assicurativa

Responsabilità Professionale del tecnico. Tutela Assicurativa Responsabilità Professionale del tecnico Tutela Assicurativa Tipi di responsabilità La responsabilità nel nostro ordinamento si suddivide in: PENALE AMMINISTRATIVA CIVILE La Responsabilità Civile Contrattuale

Dettagli

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro.

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro. Condizioni di Assicurazione della Polizza per l Assicurazione sul Credito a garanzia delle perdite patrimoniali derivanti dalla Contraente in caso di perdita dell impiego del mutuatario relativa a prestiti

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

COPERTURA ASSICURATIVA DELLE SPESE LEGALI E PERITALI. Amministrazione: il Comune di Rosignano Marittimo, Contraente della polizza;

COPERTURA ASSICURATIVA DELLE SPESE LEGALI E PERITALI. Amministrazione: il Comune di Rosignano Marittimo, Contraente della polizza; COPERTURA ASSICURATIVA DELLE SPESE LEGALI E PERITALI Definizioni: Nel testo che segue, si intende per: Amministrazione: il Comune di Rosignano Marittimo, Contraente della polizza; Assicurato: il soggetto,

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITÀ CIVILE

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITÀ CIVILE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITÀ CIVILE LIGURIA PROTEGGE Il presente Fascicolo Informativo contenente a) Nota Informativa b) Condizioni di assicurazione deve essere consegnato al contraente

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

ALLEGATO 7 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE

ALLEGATO 7 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE ALLEGATO 7 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE Allegato 7 Condizioni di Assicurazione Pag 1 di 5 ALLEGATO 7 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE RESPONSABILITÀ CIVILE TERZI OGGETTO DELL ASSICURAZIONE Premesso che Assicurati

Dettagli

ANNO DOPO ANNO, TANTE COPERTURE ASSICURATIVE GRATIS PER I NOSTRI ISCRITTI*

ANNO DOPO ANNO, TANTE COPERTURE ASSICURATIVE GRATIS PER I NOSTRI ISCRITTI* ANNO DOPO ANNO, TANTE COPERTURE ASSICURATIVE GRATIS PER I NOSTRI ISCRITTI* Decorrenza coperture : 01.01.2012 Scadenza coperture : 31.12.2012 NELL ANNO 2007 NURSING UP HA VOLUTO GARANTIRE AI PROPRI ASSOCIATI

Dettagli

COMUNE DI LOGRATO Provincia di Brescia

COMUNE DI LOGRATO Provincia di Brescia CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO PER LE COPERTURE ASSICURATIVE DEL COMUNE DI LOGRATO Art. 1) OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la stipulazione dei contratti assicurativi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. Rischi Vari - Polizza di Assicurazione Responsabilità Civile

NOTA INFORMATIVA. Rischi Vari - Polizza di Assicurazione Responsabilità Civile NOTA INFORMATIVA Rischi Vari - Polizza di Assicurazione Responsabilità Civile ( ai sensi dell articolo 185 del Decreto Legislativo n. 209 del 7 settembre 2005 e del Regolamento ISVAP n. 35 del 26 maggio

Dettagli

CONVENZIONE AMINTA S.r.l. POLIZZA R.C. AMMANCHI DI CASSA R.C. PERDITE PATRIMONIALI

CONVENZIONE AMINTA S.r.l. POLIZZA R.C. AMMANCHI DI CASSA R.C. PERDITE PATRIMONIALI CONVENZIONE AMINTA S.r.l. POLIZZA R.C. AMMANCHI DI CASSA R.C. PERDITE PATRIMONIALI DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono per: Assicurazione: il contratto di assicurazione; Polizza: il documento

Dettagli

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 RC professionisti. Dal 15 agosto diventa un obbligo! Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che entro il prossimo 15.08.2013, secondo quanto previsto

Dettagli

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE CONTRATTI BANCARI INTEREST RATE SWAP NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE PREMESSA Numerosi enti locali negli ultimi dieci anni hanno sottoscritto i tanto discussi contratti derivati I.R.S., c.d.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA CONVENZIONE ASSICURATIVA F.I.A.I.P / ITAS ASSICURAZIONI SPA

NOTA INFORMATIVA CONVENZIONE ASSICURATIVA F.I.A.I.P / ITAS ASSICURAZIONI SPA CONVENZIONE ASSICURATIVA F.I.A.I.P / ITAS ASSICURAZIONI SPA Polizza/Responsabilità Civile Professionale Agenti di Affari in Mediazione e Agenti di Affari in Mediazione Creditizia NOTA INFORMATIVA Polizza

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Responsabilità e normativa

Responsabilità e normativa Responsabilità e normativa L elemento!soggettivo!del!fatto!dal!quale!ha!origine!il!danno!può!essere!di!natura: Dolosa fatto commesso con volontarietà ed intenzionalità; Colposa fatto commesso senza intenzionalità

Dettagli