aprile 2o1o Fin al quaranta de masc bisogna minga mùla i strasc il proverbio del mese PERIODICO DEGLI ISTITUTI RIUNITI AIROLDI E MUZZI onlus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "aprile 2o1o Fin al quaranta de masc bisogna minga mùla i strasc il proverbio del mese PERIODICO DEGLI ISTITUTI RIUNITI AIROLDI E MUZZI onlus"

Transcript

1 anno 1 n 1 aprile 2o1o PERIODICO DEGLI ISTITUTI RIUNITI AIROLDI E MUZZI onlus il proverbio del mese Fin al quaranta de masc bisogna minga mùla i strasc 1

2 Periodico degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi onlus anno 1 n 1 - aprile 2010 Ideato e realizzato da Lecco (Lc) via Airoldi e Muzzi, 2 tel fax con la collaborazione di Lecco (Lc) via Airoldi e Muzzi, 2 Testi di: Lorenzo Bonini La rubrica Il sabato del Villaggio è curata da Vittorio Vecchi e da Otello Gilardi. Progetto grafico e impaginazione di Mariangela Tentori - Lecco Finito di stampare nel mese di aprile 2010 da Editoria Grafica Colombo snc di Alfredo Colombo & C. Valmadrera (Lc) Indice Editoriale pag. 1 Sulla stessa strada di sempre Il personaggio» 2 Mariuccia Eventi» 4 Il giorno della memoria Ti presento...» 6 Alessandro Manzoni, illustre volontario Eventi» 7 Un giorno da non dimenticare Racconto» 9 Il vecchio e la farfalla Storia/parte prima» 10 Tantissimi anni fa, ad Acquate sopra Lecco, viveva una famiglia... Dentro la questione» 13 Intervista a Monsignor Cecchin: Un adesso carico di eternità L arte: il mito» 18 Le responsabilità dell età di mezzo In biblioteca» 20 El pan de seira l è bon adman Il pane di sera è buono domani Il sabato del villaggio» 21 Giochi La ricetta della nonna I capelli bianchi editoriale i pagina 1 Sulla stessa strada di sempre Cari amici, l nostro cammino riparte dagli stessi passi sui quali ci eravamo lasciati qualche tempo fa. Vale a dire dalle fondamenta degli Istituti: gli ospiti, innanzitutto, come pure i loro familiari e tutti coloro, volontari o personale, che ad essi dedicano tempo ed energie. I reciproci rapporti che legano queste realtà umane non sono immobili. Al contrario, si inseriscono nella logica di un percorso, di una strada da compiere assieme, in nome della dignità della propria vita, del valore della vita stessa e della cura che ogni essere umano, primi tra tutti gli anziani, ha il diritto di rivendicare per sé. La tensione tra queste necessità e le risposte che vi giungono è il nucleo centrale del nostro periodico. Articolandosi in due parti, cercherà di ritrarre, da un lato, il complesso confronto dell anziano con il mondo presente, avvalendosi tanto di testimonianze artistiche, quanto di un efficace repertorio saggistico. Troverete, inoltre, in ogni numero, al fine di guidare tali riflessioni, un intervista realizzata con una persona di particolare rilevanza sociale della nostra città; nel caso di questo numero, il prevosto di Lecco, Monsignor Franco Cecchin. D altro lato, la prima parte del periodico renderà conto delle iniziative susseguitesi negli Istituti durante le settimane precedenti all uscita di ogni numero. Infine, due rubriche centrali scandiranno il passaggio tra le due parti del giornalino. La prima, raccontando la vita di un ospite dell Istituto, cercherà di trarne l importanza che solo una conoscenza così diretta di un passato per noi lontano può portare con sé. Allo stesso ospite, diverso per ogni numero, sarà inoltre dedicata la copertina del periodico, testimonianza grafica di una centralità della persona non solo simbolica. La seconda rubrica, invece, vi condurrà lungo tutti i 416 anni di storia degli Istituti, avvalendosi anche, per ciò che concerne l ultimo secolo, di un affascinante repertorio fotografico. Queste sono le motivazioni e la direzione del cammino che vogliamo percorrere insieme a voi, ospiti, familiari, volontari, membri del personale e amici e sostenitori degli Istituti, con la tacita speranza che il nostro lavoro contribuisca anche ad rinforzare le fila di quanti si adoperano, di quanti conoscono e sostengono gli Istituti Airoldi e Muzzi.

3 pagina 2 il personaggio il personaggio pagina 3 Mariuccia Conosciamo, ora, la signora Mariuccia, a cui abbiamo dedicato la copertina, tramite la sua voce, le parole con le quali lei stessa ricorda la sua vita, i suoi luoghi, i volti e gli scenari di un tempo lontano. S e mai al Manzoni fosse venuto in animo di scrivere un romanzo ambientato nei dintorni di Varenna, certo avrebbe cominciato parlando di quel piccolo, rapido fiume, reso candido dalla sua stessa spuma, e per questo chiamato Fiumelatte. E proprio da Fiumelatte arriva Mariuccia. Da quella lingua di terra stretta tra il lago e il monte. Ed ogni cosa che le piaccia ricordare è capitata li, è scivolata, come il tempo, lungo quel fiume bianco e scrosciante, quasi fosse un piccolo Po di una Bassa ben più aspra di quella di Guareschi. Ricorda, Mariuccia, quei due frati finiti nel fiume d estate, quando le acque si ingrossavano e lambivano le strade. Con gli stessi brividi ricorda anche quella mattina, durante la guerra, che le ragazze della filanda passarono dalla Montagnetta ed esclamarono I spùnta i gamb!. Attaccate a quelle gambe c erano corpi, e i corpi, dice Mariuccia, erano di quelli che combattevano su in montagna, i partigiani. Già, la guerra. La guerra, quando si andava tutti in cantina a nascondersi dagli aeroplani che passavano. E poi c era la filanda. Venivano da Lierna per lavorarci, racconta Mariuccia, e da Perledo con le zoccole in mano, a tagliare in fretta attraverso i prati. Perché se arrivavi in ritardo, erano guai, e guai seri. Arrivavano pure da Mantova e dintorni, e dormivano nei camerott, sopra la filanda. Dalle prime luci dell alba fino alla sera si stava lì dentro a filare e Mariuccia ricorda quei due fili di seta da legare assieme per tutto il giorno e le scale che salivano. E le torna alla memoria anche quella lunga passeggiata per i prati, un estate di tanto tempo fa, insieme alle ragazze della filanda ed ai padroni, e il fuoco acceso la sera e il cibo portato da casa. Poi Mariuccia si è sposata e ha lasciato la filanda, che non è durata poi La signora Mariuccia al Centro Diurno Integrato degli Istituti. Villa Monastero a Varenna. Mariuccia aiutava il fratello accompagnando i turisti in visita. molto ancora. Lei invece ricorda le mucche al pascolo del padre di suo marito, e i suoi conigli, e le galline, una bianca e una nera. Racconta di quando prendeva il battello per andare a Menaggio, e di quando saliva fino al Baluardo e guardava tutta quella distesa d acqua li sotto, dinanzi alla quale, tra i monti, s incastra Varenna. Varenna, con le sue ville. Ad esempio, Villa Monastero con i suoi giardini, dove lavorava suo fratello. Mariuccia spesso andava ad aiutarlo e a far da guida a tutti quei turisti. Ne venivano a fiotti, e da ogni parte. Oppure Villa Cipressi e le sue terrazze, che degradano lente ed eleganti fino al lago. Non si pesca più come una volta in questo lago, sentenzia Mariuccia. E nemmeno Fiumelatte è piu il borgo che era un tempo. Le botteghe sono sparite una per una, lentamente ma in modo inesorabile, col passare del tempo. Non c è nemmeno quel povero bottaio, lasciato senza più un soldo da quei giovani che gli avevano fatto firmare delle carte. Mariuccia però ritorna a sorridere quando racconta della doppia festa che le hanno fatto, per i suoi 87 anni. A casa con i suoi, con quella grande torta di compleanno, e agli Istituti, con le infermiere e gli altri anziani. Insomma, cose che succedono, così concluderebbe un Guareschi, e sono successe, sulle rive di quel vorticoso fiumiciattolo bianco, schiumante come il latte, che dopo qualche centinaio di metri dalla sua sorgente va a buttarsi nel lago.

4 pagina 4 eventi eventi pagina 5 Il giorno della memoria M ercoledi 27 gennaio l animazione degli Istituti ha realizzato, con il contributo significativo degli ospiti, un intensa celebrazione della Giornata della Memoria, la commemorazione mondiale che ogni anno ricorre in concomitanza con l anniversario della Liberazione del campo di sterminio di Auschwitz. Si tratta di una raccolta di storie di vita degli ospiti, recitate dalle animatrici degli Istituti e dalle ragazze dell Istituto Clerici, e accompagnate da diapositive, musica di sottofondo e canzoni dell epoca. Il lavoro iniziale è stato quello, sempre umano e poetico, di raccogliere storie. Storie dei tempi di guerra, storie di quegli anni così tristi e così lontani. Quei ricordi sono stati raccolti con l intento di celebrare la Memoria nel suo senso più profondo, vale a dire mediante il patrimonio di realtà vitale che ogni esistenza porta con sé. Ovviamente, la memoria ha delle leggi fisiche cui sottostare. Talvolta i ricordi, in particolar modo per alcuni ospiti, permangono al di sotto della superficie della mente, incapaci di venire a galla, ma non per questo dimenticati. È sufficiente una melodia, un immagine, persino il racconto di un altra persona, per rievocare dei momenti di vita. Quel giorno, il 27 gennaio, nella sala animazione degli Istituti, quel lento rinascere di immagini era percepibile in modo quasi commovente. Le malinconiche note di Lili Marlene, cantate dalle ragazze dell Istituto Clerici, sembravano possedere proprio quella forza rievocativa. Molti ospiti si univano al canto, altri ancora ricordavano, lì per lì, come per associazione improvvisa, volti e situazioni di quei tempi lontani. Intanto, dal buio della saletta, comparivano immagini di quegli anni di guerra, e scandivano, nel loro rincorrersi, le parole dei racconti. Si passava dal motocarro scomparso a Caprino Bergamasco e dal timore della rappresaglia tedesca, alla mula di Parenzo, ossia la drogheria, come la chiamavano in Istria, la storia di un unione Marlene Dietrich, attrice e cantante tedesca, icona del cinema del primo Novecento, fu una delle prime dive. Le interpretazioni sensuali e la voce ammaliante la fecero diventare ben presto il mito di un intera generazione. Auschwitz: immagini del campo. Sotto: sopravvissuti presenti al 64 anniversario della liberazione. familiare scampata alla guerra ed ai campi profughi. Si ascoltava sorridendo il racconto dell allegra parodia, bravata da ragazzi, delle canzoni di regime, quello del salame scampato alle ingorde razzie nazifasciste, e poi ancora quello dei due agnelli, uno notificato al regime, ed uno tenuto nascosto, e mangiato nel giorno di festa, e infine il ricordo delle bombe gettate nei pressi del ponte di Pescarenico, che facevano la felicità dei pescatori e un po meno dei pesci. E ancora, il coraggio di mamma Elisa, e la strana amicizia, là tra le montagne, verso Domodossola, di un partigiano e di un soldato tedesco, e quella cartolina, unico pegno e ricordo di quell incontro. Perché là dove infuriava la guerra, nascevano con più spontaneità gli affetti ed anche l amore, come nel racconto della signora che fu ragazza in Kosovo e conobbe un ragazzo italiano nel dicembre del 44. Si sposarono dopo una settimana, e si rin corsero, come due promessi sposi (già sposati) attraverso quel mondo in guerra. Lei lo raggiungeva in un campo di concentramento, e lui veniva spostato in un altro e poi ancora in una miniera, finchè fu rimpatriato e si ricongiunse a lei. Sono tutte storie piccole, storie di gente semplice, e il pregiudizio ricorrente, in questi casi, è che in tali contingenze storiche i grandi fatti del mondo finiscano con l imporsi sulla vita di ogni giorno. Ma la realtà è che è spesso vero il contrario, e cioè che la vita di ogni giorno s impone su quelle gravi circostanze, cercando cunicoli e anfratti attraverso i quali riemergere liberamente alla luce, e donarsi poi a chi deve e dovrà vivere, sotto forma di ricordo e di Memoria.

5 pagina 6 ti presento... eventi pagina 7 Alessandro Manzoni illustre volontario Un giorno da non dimenticare Presso gli Istituti opera un folto gruppo di volontari che, singolarmente o in gruppo, dedicano tempo, energie e passione T ra i numerosi volontari che dedicano il loro tempo agli ospiti degli Istituti, merita una menzione Alessandro Manzoni, e non solo per la discendenza dall omonimo, venerato autore de I Promessi Sposi. Alessandro, 74 anni, da un anno volontario agli Istituti, ci racconta del suo impegno presso il Centro Diurno Integrato e la Residenza Bettini, delle difficoltà incontrate inizialmente a suscitare l interesse degli ospiti, e della scoperta di un mondo artistico, quello del balletto, che risulta essere di particolare impatto su di loro. Le immagini colorate, ritmate, vivide, le musiche, se pure non ascoltate, comunque già orecchiate in precedenza, provocavano e provocano tuttora il generale apprezzamento degli ospiti. Altre occasioni in cui Alessandro ha potuto incontrare il favore dei suoi spettatori sono state la proiezione di diapositive a tema «Varenna» e di fotografie della luna e delle costellazioni. Di quest ultima circostanza, Alessandro ricorda la propria stupita gratificazione, nel vedere un ospite del Centro Diurno, un ex professore di matematica, riconoscere le Pleiadi, davanti a un immagine della volta stellata. E tutte queste diapositive, non si pensi che siano riciclate. Provengono tutte dai moltissimi viaggi di Alessandro, una passione nata come occasione di studio, a Parigi, continuata per via del lavoro, in Francia, Nordafrica e Sudamerica, e resa tale, infine, dalla voglia di conoscere luoghi e popoli, al di là di ogni rappresentazione lontana, a stretto contatto con la realtà tangibile di paesaggi e genti diverse, ognuna delle quali ha qualcosa da consegnare al viaggiatore, al contrario di ciò che accade con il semplice turista. L ultimo viaggio ha portato Alessandro in Uruguay, il più lungo invece l ha condotto in un giro del mondo in quaranta giorni, attraverso Singapore, Bali, Indonesia, Australia, Nuova Zelanda, Polinesia, Hawaii, Nordamerica ed Europa, i più incantevoli a Bora Bora e nel Grand Canyon. E il viaggio ancora da realizzare? Alessandro non ha dubbi: in Perù, a Machu Picchu. Il non ti scordar di me è il fiore simbolo dell Associazione Alzheimer Lecco. Nel suo nome il riconoscimento della dignità che va dovuta alle persone che soffrono di questa malattia. Un nuovo sguardo sull Alzheimer. Guardare e pensare alla malattia dalla parte del malato. I l 23 dicembre scorso, presso il Nucleo Alzheimer, il tradizionale scambio di auguri natalizi tra i familiari degli ospiti e il personale degli Istituti, è stato l occasione per un bilancio e una riflessione sulle tematiche del morbo di Alzheimer. In particolare, sono state affidate alla proiezione di un video dal titolo «Un giorno da non dimenticare» alcune considerazioni riguardo la malattia allo stato attuale: come è percepita dall esterno, quali preconcetti esistano sui suoi caratteri negativi e quali riscontri positivi possa invece avere una persona chiamata ad operare in quel campo. L obiettivo del video, presentato dalla dr.ssa Di Maggio e realizzato dal personale del Nucleo, era quello di affiancare ad alcuni pregiudizi circa i malati di Alzheimer, altrettanti rovesci della medaglia. Così, ad esempio, a una slide che diceva dicono che non mi so più prendere cura di me stesso seguiva un ma adesso ho la parrucchiera personale, e dicono che sono diventato pigro diventava ma io mi alleno tutti i giorni. Parte integrante del video erano le immagini, foto e filmati realizzati da ottobre a dicembre durante alcuni momenti della vita nel Nucleo: l assistenza del personale e dei volontari, la quotidianità, quale può essere un pasto o un momento di relax, le attività della ginnastica, del canto, delle terapie, e le ritualità come la Messa o l albero di Natale.

6 pagina 8 eventi racconto pagina 9 Il vecchio e la farfalla La reazione dei familiari che sono intervenuti è stata decisamente positiva, e a detta di chi ha partecipato, si è creato un clima di forte coinvolgimento emotivo. Il senso del video, però, non è solamente in relazione agli ospiti. La consapevolezza che si vuol trasmettere è anche quella di coloro i quali si trovano ogni giorno a dover esercitare la loro professione, a spendere il loro impegno in un ambito come quello del Nucleo Alzheimer, e più in generale, del morbo di Alzheimer, di fronte al quale spesso nasce l impressione che molte cure e molte attenzioni, se non andate perse, siano comunque difficilmente percepibili da coloro che le ricevono. Tuttavia esiste, e il video ne fa il proprio messaggio, una valorizzazione dell esistenza umana, della dignità delle persone, che non può passare solamente attraverso la consapevolezza che l ospite ha delle attenzioni che gli vengono rivolte, ma che risulta decisiva per chi si impegna in tal senso. Non importa quanta coscienza un anziano, un malato abbia delle cure che riceve. Importa, invece, quale senso di dignità e di valore della vita difenda il volontario, l infermiera, la dottoressa, nell atto quotidiano del suo operare. I pregiudizi verso il morbo di Alzheimer nascono spesso da problematiche reali (la memoria, il fisico debilitato, la difficoltà a relazionarsi) ma alle quali non si sa dare una risposta a partire da se stessi. Nascono dalla volontà di girare la testa altrove, e spesso anche dal compiere sforzi per i quali non sembra esserci reazione o gratitudine. Operare senza tali aspettative richiede una convinzione ancora maggiore nei confronti delle persone e dei valori che si vogliono difendere ed affermare. È spesso più faticoso, può sembrare meno realistico e gratificante, ma quando il miracolo di un sorriso, di uno sguardo si intreccia a quell impegno quotidiano,allora si riesce a cogliere quelle manifestazioni in tutta la loro straordinarietà. Alcuni momenti della serata del 23 dicembre. Liberamente ispirato a Il vecchio e la farfalla di A. Branduardi I mmaginate una quercia maestosa, sola, al limitare di un prato. Anni a guardare il vento passare. A lasciar scorrere il tempo, come la pioggia tra le montagne, come la nebbia tra i campi. E un giorno - cercate di guardarlo - compare lui. Lui - vedete - è un gentile signore minuto, i capelli candidi e il passo lento. Il suo volto è solcato da mille rughe sottili, quasi fosse una mela renetta che, quando è matura, lascia così presagire tutta la fragranza della polpa. Immaginàtelo avanzare piano sulla stradicciola ghiaiosa che aggira i profumi densi del boschetto - è pur sempre primavera - e percorrere in silenzio il limitare del prato, fermandosi - solo ogni tanto - per osservare il vento comporre geometrie misteriose tra i lunghi fili d erba. Passo dopo passo, finisce con l avvicinarsi alla vecchia quercia solitaria, proprio nell istante in cui un impetuosa folata di vento scuote le sue fronde verdeggianti. E lui la fissa, incantato, il lieve tremore delle mani si fa meno incerto, il sorriso più disteso, la fronte vede spianare alcune delle sue sottili rughe. Certo, se qualcuno, passando, avesse visto la scena - magari da dietro lo steccato che cinge il campo di papaveri alle spalle della quercia - avrebbe creduto che quel bianco, gentile signore minuto, si fosse ammattito d un colpo. O che avesse visto un fantasma, o che lo avesse colto una qualche improvvisa folgorazione. Ma la realtà è che quel fascio di vento e di luce che trafigge silenzioso le fronde della quercia sembra scandire, piano, all aria tersa d aprile, poche, flebili parole. Lo invita a sedersi, a ripararsi, a raggomitolarsi contro il tronco nodoso, tracciato da gemme di legno, all ombra dei suoi rami. E sembra sussurrare agli occhi estasiati dell uomo, di fermarsi, di lasciarsi cullare dai suoi mormorii senza tempo, dall ombra dei rami quietamente ondeggianti. E promette - così pare - che non lo lascerà indifeso alle taglienti piogge d aprile, né al primo calore dei soli di maggio. Promette - certo, anche voi lo sentireste - promette di cullarne il capo tra le fronde, di accogliere la sua stanchezza in un dolce abbraccio. Se solo lo vedeste, quel minuto, bianco signore, lasciarsi andare sonnecchiando all ombra della grande quercia, col capo appoggiato alla mano. Vi strapperebbe un sorriso, ne sono sicuro. E mentre gli occhi iniziano a chiudersi, si aprono ad un sogno. Niente mani, niente braccia. Ora sogna d essere una farfalla. E vola qua e là, tra i lunghi fili d erba del prato, attorno una vecchia quercia e lungo una stradetta di ghiaia che aggira un boschetto odoroso, di là del quale c è un campo di papaveri screziati. Ora lo vedreste sorridere tra sé, all ombra della grande quercia. Frattanto una farfalla, scura come la notte, macchiata di un acceso blu oltremarino, volava di fiore in fiore, lungo una vecchia stradetta di ghiaia, attraverso un campo di papaveri. Si posava sopra uno di essi, e il dolce tepore primaverile, lo stelo ondeggiante, la facevano sopire. Certo, non ci credereste. Sognava d essere un gentile signore minuto, con i capelli candidi e la fronte solcata da cento rughe sottili, accoccolato all ombra di una quercia, con lo scintillio di un sorriso sul volto.

7 pagina 10 la storia / parte I la storia / parte I pagina 11 Tantissimi anni fa, ad Acquate sopra Lecco, viveva una famiglia... L a trama di avvenimenti di cui si vuole rendere conto, vale a dire la vita degli Istituti Airoldi e Muzzi, trae la sua origine in tempi remoti, nei quali spesso la storia diventa leggenda, e la diceria prende valore di realtà. Talvolta, però, il passato ci consegna testimonianze di indubbio valore, qua - si volesse esso stesso narrarci la sua storia. E in fondo non è fondamenta le, ai fini della nostra ricostruzione, co - noscere chi fu Stefano Airoldi, che fu impiccato nel 1471 sul sagrato del la Chiesa di San Giorgio, ad Acquate, per ordine del duca Sforza, con l accusa di aver tentato per quattro volte di vendere Lecco alla Serenissima Repubblica di Venezia. E poco importa, forse, anche di quell Antonio Airoldi che, lo stesso anno dovette pagare una multa di 50 ducati d oro, per una falsa testimonianza resa durante il processo del giovane Marchesini, in quella torbida vicenda della ragazza trovata morta dinanzi alla porta del cimitero. Nè può dirsi essenziale ricordare le sante figure di Francesco Airol di, sacerdote in Acquate, e di fra Do menico, Generale dell Ordine dei Monaci di Monte Oliveto dal 1484 fin oltre al Ma tutto questo rappresenta, come ricorda Angelo Sala, «un campionario significativo di accadimenti uma - ni, utili a ricomporre il mosaico degli even ti storici, tessera dopo tessera, ma anche a cogliere quel contesto in cui nasce l Ospedale di Acquate: un o pera concreta di quegli uomini nel tempo che dà spessore ed incarna le virtù di una cultura sustanziata di senso comunitario, fiducia nelle proprie capacità, identità di intenti, amore alla propria terra, accettazione della realtà pur dolorosa e amara.» E così, scivioliamo di anno in anno, lun go le vite della casata acquatese degli Airoldi, e giungiamo sul finire del XVI secolo, presso la figura dominan - te di Giovanni Antonio Airoldi, che le cronache del tempo ricordano anche per un difficile caso giudiziario, in merito all infondata accusa di omicidio del nipote Cristoforo Airoldi. È il 4 maggio 1590, quando Giovanni Antonio, notaio, in età avanzata e sen - za eredi, si reca alla S. Messa, duran - te la quale viene letta la parabola delle vergini sagge e delle vergini stolte. «Il regno dei cieli è simile a dieci vergini che, prese le loro lampade, uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le lampade, Il manoscritto originale del testamento di Giovanni Antonio Airoldi, custodito nella segreteria parrocchiale di Acquate. ma non presero con sé olio; le sag - ge invece, insieme alle lampade, presero anche dell olio in piccoli vasi. ( ) A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, andategli incontro! Ora, mentre quelle (le stolte ndr) andavano per comprare l olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: Signore, Signore, aprici! Ma egli ri spo se: In verità vi dico: non vi co no sco. Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l ora.» Profondamente colpito dalla parabola, meditando sul senso delle parole udite e su quanti testamenti avesse visto in vita sua, che pure non avevano mutato i morti in vivi, Giovanni decide di redigere il suo definitivo testamento. Premetteva l ispirazione evangelica che permeava i suoi lasciti, elencava una lunga serie di suffragi e di rimedi, definiva l eredità della moglie Lucrezia Vitalba (che ritroveremo in seguito integrata al patrimonio dell Ospedale) e infine disponeva: «Di tutti gli altri beni miei mobili e immobili che ora posseggo e che la scerò il giorno della mia morte istituisco e stabilisco mia erede generale e universale la Beata Vergine Maria, in modo, cioè, che si eriga una casa ossia ospedale, e in essa casa si raccolgano tutti i poveri del territorio di Lecco, i quali possano avere ivi vitto di pane, vino e pietanza, e vestito secondo la loro condizione». Commovente in questo senso, e Angelo Sala lo sottolinea citando mons. Carlo Marcora, è l idea di «far piacere alla Madre celeste benefican do i figli di Lei, i più poveri, i più ab - bandonati con l istituzione del - l Ospizio, invece di erigere un san - tuario prezioso per opere d arte e arredi.»

8 pagina 12 la storia / parte I dentro la questione pagina 13 La Pietà. Chiesa di Santa Maria degli Angeli di Lugano. Intervista di Lorenzo Bonini a Monsignor Cecchin Un adesso carico di eternità Il testamento, inoltre, delineava limpidamente la struttura amministrativa dell Ospedale. Custodi e Governatori erano il Guardiano dei frati di Castello e il parroco di Acquate, e, in aggiunta, due dei sindaci della Vicinanza di Acquate, che Airoldi incaricava di tenere un registro delle spese, mediante il quale rendere conto dell amministrazione ai Custodi, al di sopra dei quali non esisteva alcuna giurisdizione. Il 5 marzo 1594, quattro anni dopo quella famosa Messa, Giovanni Antonio Airoldi lasciava questo mondo, rendendo a tutti gli effetti esecutivo il suo testamento. Il 3 luglio, i sindaci Ambrogio Tartari, Rocco Gattinoni e Giovanni Antonio Invernizzi raccoglievano in strada tutti gli abitanti della Vicinanza di Acquate, prendendo formalmente l impegno di rispettare le volontà di Airoldi, realizzare un inventario di tutti i beni lasciati, e impegnandosi a richiedere all Arcivescovo di Milano l autorizzazione per l Ospedale. Poco più di un mese dopo, l 8 agosto, in presenza dell Arcivescovo, veniva redatto dal notaio Teoldi un instromento, un accordo siglato dai tre sindaci, rappresentanti dei vicini di Acquate, dal parroco e dal frate Guardiano di Castello. Era, a tutti gli effetti, l atto di nascita dell Ospedale di Acquate, di una delle opere di carità più importanti e rappresentative della città di Lecco e dell intera regione. Durante i primi anni di vita, l Ospedale si manterrà fedele alla linea dettata da Airoldi. Non si parla né di malati né di anziani, ma di poveri da nutrire, accogliere e vestire. Del resto, spiega Sala, la figura del medico non era ancora penetrata in queste realtà sociali comunitarie di inizio 600. Comparirà più tardi, nel 700, e formalmente solo durante il XIX secolo. Ciononostante, gli incubi della fame, delle carestie, dei raccolti magri e degli inverni erano ben evidenti, ai tempi del lascito, più di ogni altra problematica. Erano queste, inizialmente, le persone che Airoldi rac comandava, mettendo a disposizione i suoi beni, alla Vergine consolatrix afflictorum: poveri, indigenti e affamati. Ma erano solo i primi anni della secolare storia dell opera di carità dell Ospedale di Acquate. Monsignor Franco Cecchin, Prevosto e Decano di Lecco, intervistato sul tema della vecchiaia. Partiamo dal senso della vecchiaia. Esiste una tradizione decadente di pensiero, di arte che ci parla della vecchiaia come di qualcosa che consuma l uomo. Penso a Wilde, all apologia della bellezza e della giovinezza ne Il ritratto di Dorian Gray. Se Ungaretti diceva che la morte si sconta vivendo, noi dobbiamo arrenderci all idea che la giovinezza si sconti invecchiando? Innanzitutto bisogna dire che la vecchiaia è un termine negativo, per il suo senso spregiativo. Inoltre, se in passato essa costituiva un valore, un punto di riferimento per la famiglia cosiddetta patriarcale, nella quale toccava alla vecchia generazione passare alla nuova i segreti della vita, oggi è accaduta una sorta di rivoluzione copernicana. Il cam- mino della conoscenza umana ha portato a rompere questo modello ed oggi l anziano è meno punto di riferimento rispetto al passato. C è un ulteriore aspetto: a mio parere, non siamo ancora educati a vivere questo momento particolare della vita. Lo sviluppo della società occidentale, nonostante la crisi, ha allungato l esistenza, ma non è sufficiente. Occorre viverla con una certa qualità e risulta quindi necessario educare fin dalla giovinezza le persone a percepire la vita come un evoluzione, costituita di tappe diverse. Spesso ci si prepara ad essere adolescenti molto presto, e molto presto ci si prepara all età adulta, ma la società, e a volte anche la Chiesa, non aiutano a vivere a pieno il momento non solo della terza, ma della quarta età. Credo quin - di che sia estremamente importante educarci a saper cogliere di ogni età l aspetto positivo e a vivere il limite non come elemento negativo ma come possibilità di un equilibrio diverso, ben sapendo che ogni età della vita ha i suoi aspetti positivi e negativi. In questo senso la Chiesa come dovrebbe agire? La novità cristiana mette in grandissima luce la vita, che sembra consumarsi, e in realtà si proietta verso

9 pagina 14 dentro la questione dentro la questione pagina 15 l eterno. Purtroppo oggi, in un contesto in cui sono venuti a mancare molti punti di riferimento, sono richiesti alla Chiesa soprattutto dei criteri etici. Senz altro. Uno dei compiti della Chie - sa è anche questo. Ma il suo vero ruolo è quello di dare luce laddove non esiste luce. La società moderna e post-moderna ha ridotto l orizzonte umano a una dimensione immanentistica, qui ed ora, nella quale la vita inizia e finisce in un preciso momento della storia uma na. Io uso quest immagine: se, secondo questa visione, noi siamo una candela che si accende e che al momento culminante si consuma, secondo la visione cristiana invece non ci si spegne, dal momento che esiste un traguardo oltre l orizzonte storico della nostra vita, pur percependo il fatto che le energie fisiche e psicofisiche vengano meno. Allora io dico: è un conto vivere l esistenza sapendo di morire,ed è un conto viverla con la percezione che il tempo che passa prende una direzione. Non si tratta di vivere per morire, ma di vivere per vivere, e in questa prospettiva l anziano oggi ha una vocazione grandissima. È chiamato a trasmettere i veri valori: la sapienza del cuore, il senso della vita. A ciascuno, dunque, tocca il compito di porre gli anziani non solo ad oggetto delle cure di una società, ma soggetti e protagonisti, con la loro capacità, in quel preciso momento. A questo proposito, ho recentemente letto un saggio che si esprime criticamente sul termine patto sociale : esiste un patto nel momento in cui esistono distinti interessi per entrambi i soggetti in causa. Il che, nell ambito degli anziani, si tradurrebbe con l essere o meno produttivi. D altra parte sarebbe invece necessario che tutte le attenzioni e le cure che essi necessitano non siano uno scambio di interessi, ma un diritto inalienabile. Esattamente. Aggiungerei anche che molto spesso noi abbiamo un concetto di cristianesimo proibitivo: Devi fare questo!. Al contrario, il cristianesimo dà quel di più che dona senso al vivere. Più che patto parlerei di alleanza. Il primo è un do ut des, l alleanza, invece, ammette una reciprocità, ma nei limiti delle forze e delle attitudini di ciascun soggetto. L alleanza, non dimentichiamolo, è un concetto tipicamente cristiano, è Dio che prende l iniziativa con l umanità, sceglie un popolo, presso questo popolo fa nascere il Salvatore. È lui che opera l Alleanza e che rilancia continuamente questo suo piano di amore. Quindi, da un punto di vista sociale, quale posto, quale rilevanza può ave - re oggi un anziano, oggi che molti canali, lei ricordava la società pa triarcale, non esistono più? (Forse anche a causa di una cultura che non crede più di arricchirsi col passare del tempo, ma, come dicevamo prima, di consumarsi col suo trascorrere). Guarda, a me non piace quando parli con una persona che ha più anni di te e parli di vecchiaia, di vecchio. Non è un bel dire, si può dire anziano. È molto più delicato. Mi piace invece, se ben ricordo, il modo in cui la cultura spagnola parla dei propri anziani, come dei grandi della comunità. Viene messa in evidenza una grandezza che è legata al vissuto di una persona. Vedi, l appello che io faccio, mentre rifletto sull essere anziano, riguarda soprattutto le persone delle età di mezzo, i genitori, i coniugi, perché portano la responsabilità di far crescere i figli e nello stesso tempo hanno l impegno di custodire, di accompagnare i propri genitori, anche e soprattutto nel momento in cui perdono la loro autosufficienza. E allora occorre sostenerli, questi adulti, sia a livello di società sia a livello di comunità, affinchè vivano quest impegno, questo carico, come un momento di raccordo tra la vita che cresce e la vita che si porta a compimento. Parlando del mio stesso vissuto, ecco, io devo gioire perché per ogni figlio, ma soprattutto per il figlio prete avere i genitori in casa è qualcosa di straordinario. Ho avuto i miei genitori con me per trent anni, prima che andassero in paradiso, e mi ricordo che il mio papà, verso il traguardo della vita eterna, aveva delle disfunzioni, mancava la collaboratrice domestica e quindi c ero io ad accudirlo. Facevo determinate cose ed un giorno mio papà è sbottato Ma no! Tu sei sacerdote!. Ricordo che gli ho detto Papà, sì, sono un sacerdote ma se io ci sono è perché il Signore si è servito di te e della mamma. Quello che sto facendo è sempre meno di quello che tu mi hai dato. Ecco, non perché io sia un esempio, ma è importante avere questa capacità di educarci a ravvivare le radici, le relazioni. Vedere, sentire, questi collegamenti significa vivere l avventura non della solitudine, ma della famiglia che si allarga e abbraccia tutte le stagioni dell esistenza. Devo dire che, in relazione a questo discorso, assumono importanza dei pun - ti di riferimento, quali sono gli Istituti Airoldi e Muzzi e le parrocchie, grazie ai quali anche le persone anziane non sono sole. Sono realtà nelle quali si esplicitano e vengono vissuti certi rap-

10 pagina 16 dentro la questione dentro la questione pagina 17 Due domande personali. Alla prima, peraltro, ha in parte già risposto dal momento che volevo chiederle quali erano le figure di anziani che hanno avuto più importanza nella sua vita. Innanzitutto i miei nonni. Mio nonno mi impressionava soprattutto perché aveva due occhi penetranti e una grande capacità di leggere le cose. La nonna invece possedeva quella delicatezza, quella cura, quell affetto, quel calore. Un altro aspetto che ha coinvolto la mia vita è quando da prete giovane, pur essendo chiamato a una missione soprattutto verso i giovani, mi ero preso l impegno di andare a portare la Comunione agli ammalati una volta al mese. E devo ammettere che adesso mi manca un po. Per me era una ricchezza, perché mi portava ad andare dai nonni. Dicevo loro: «Voi siete i miei parafulmini, perché pregate per me.» E quando per contratporti in cui sembra che tu stia dando, ma in realtà, rompendo la solitudine dell altro, ti accorgi di essere te stesso e di riconoscere l altro. Oltretutto, ciò che si percepisce guardando i gesti dei volontari e delle infermiere degli Istituti è una stra or - dinaria attenzione alla vita. Per certi versi sembra che venga data la stessa importanza al fatto che l anziano senta di essere curato, quanto all azione stessa del prendersi cura, e alla dignità che ad essa è sottesa. In un mondo come il nostro per il quale talvolta è stato difficile riconoscere la vita al di là di un respiro, oppure oltre uno stimolo nervoso, o di un apertura d occhi, trovo meravigliosa l idea che si dia dignità, che si difenda la vita, an - che contro la logica, anche oltre la coscienza che una vita ha di se stessa. Purtroppo la nostra società, senza assolutizzare questa affermazione, è votata all efficienza, al profitto, al risultato. E così facendo, si impoverisce, perché viene esclusa una fascia di gratuità che è fonte importantissima di comunicazione interpersonale. L appello che sen - to di dover fare è quello di avere maggiore collegamento con queste realtà di accoglienza degli anziani. Ad esempio, e soprattutto, da parte dei ragazzi, perché significa educarli a non essere egocentrici, a non essere autoreferenziali. In passato l elemento sociale dominante era il collettivismo. Ora siamo in balia di un individualismo crescente. Stabilire, invece, dei ponti con questi fratelli e queste sorelle significa crescere. Questi sono luoghi di crescita. tempi saltavo l appuntamento mensile mi telefonavano e mi chiedevano «Sei malato? Non stai bene?». Era un bel rapporto di collegamento. Quando pensa a quella che sarà la sua vecchiaia, avverte dentro di sé anche un minimo accenno di timore? Innanzitutto prego molto perchè il Signore mi dia la capacità di vivere gli anni che passano e soprattutto la morte, non come un venir meno, ma come il canto del cigno. Se è vero quello che predico e che sento profondamente, che la morte non è la fine, ma il traguardo, il compimento, prego di darmi la capacità di vivere nella coscienza di questa verità. Poi, ora come ora non so se sarò efficiente o meno, ma mi metto nelle mani del Signore e vivo l istante nella sua unicità. Mi piace ricordare un affermazione di una persona che ho incontrato in questi giorni. Mi diceva: «Io vivo l oggi come se durasse sempre, quindi do il massimo, ma nello stesso tempo sono con la valigetta pronta per partire alla chiamata del Signore.» Ecco, di questo si tratta. Vivere l oggi con l età che ho, dando il massimo, con la consapevolezza di durare per sempre. Eppure, allo stesso tempo, avere accanto la valigetta per la partenza verso l eterno. Riassumendo quello che mi è sembrato essere il filo conduttore dell intero discorso, l idea del carpe diem, il cogliere l attimo, vivere la vita nell istante, nella storia è sempre stato appannaggio di una certa cultura edonistica. Esatto. E per certi versi anche positivista. Non è tempo che il cristianesimo senta più fortemente questa concezione di valorizzazione dell oggi? Ecco, il termine carpe diem, però, esprime l idea del tutto ora, perché l adesso è tutto ciò che abbiamo. La visione cristiana, invece, è del kairos, vale a dire che il tempo che passa, in carico della grazia di Dio, è già denso di eternità, in ogni gesto che vivo con amore. Ogni gesto, ogni impegno di adesso, per il cristiano, è già proiettato all eterno. Quindi la vecchiaia ha un suo senso esattamente come la giovinezza. Capisci, non è carpe diem, non è la visione del carpisco ciò che l oggi mi può dare perché domani non so cosa ci sarà. No. Io vivo l oggi con la consapevolezza che è già carico di eternità. È una prospettiva completamente diversa. E rasserenante.

11 pagina 18 l arte: il mito Le responsabilità dell età di mezzo D possibile da tradurre mediante un unico sostantivo, meno che mai con un nome generico quale è "pietà". La pietas classica è costituita dalla compenetrazione di una forte devozione agli dei, che s impone su qualsiasi scelta di carattere personale, con un acceso valore patriottico, i quali non sarebbero tuttavia completi, se non si coniugassero con un forte sentimento del dovere paterno e filiale, in pieno accordo con il sistema gerarchico della familia romana. Enea è tutto questo e l immagine che lo consacra a figura d elezione della pietas è quella della sua fuga da Troia in fiamme. «Detto cosí, su larghi omeri e al collo stendo una fulva pelle di leone e mi fo sotto al carico: mi prese stretto il piccolo Giulo per la destra, e vien col padre a passi diseguali: dietro segue la moglie. Andiam per l ombra: ed io ( ) ad ogni alito d aura or trasalisco, balzo ad ogni rumor, ansio e pensoso per il compagno e per il peso insieme.» (Eneide, Libro II) Enea carica su di sè l anziano padre Anchise e, prendendo per la mano destra il figlioletto Ascanio (o Iulo), si incammina attraverso le fiamme, senza voltarsi, lasciandosi alle spalle le rovine della sua città, le spoglie dei suoi amici l arte: il mito Enea, Anchise e Ascanio in fuga da Troia, Gian Lorenzo Bernini (Roma, Galleria Borghese, ) e dei suoi fratelli, persino la moglie Creusa. Ma non è la fine. Troia risorgerà un giorno, secondo il fato e il volere degli dèi, in una lontana terra della penisola italica. Il suo nome sarà Roma. Il suo re sarà Romolo, discendente di quell impaurito fanciullino, Ascanio, che guardava con crescente timore le fiamme inghiottire la città dov era nato, mano nella mano del padre. Non esiste figura più drammatica di Enea, mentre è nell atto di farsi carico dei lamenti angosciati del vecchio Anchise, degli sguardi frementi del piccolo Ascanio. Si tratta di una drammaticità dalla quale molti artisti sono stati irretiti e che molti di essi hanno tentato di rappresentare. Uno dei risultati migliori, in questo senso, lo raggiunge Gian Lorenzo Bernini, uno dei più importanti artisti della Roma e dell Italia seicentesca. A differenza di molti suoi predecessori, Bernini non dipinge la scena della fuga da Troia (del resto non è un pittore), ma tenta di imprigionarne la forza drammatica nel marmo. Il gruppo scultoreo ritrae Enea nell atto di sollevare sulle sue spalle il vecchio Anchise, voltandosi però, nello stesso istante, per accertarsi della presenza del piccolo Ascanio. I tre protagonisti sono colti all apogeo del loro dramma. Si percepisce intuiti- pagina 19 on Franco Cecchin, nell intervista, ci ricordava : «Vedi, l appello che io faccio, mentre rifletto sull essere anziano, riguarda soprattutto le persone delle età di mezzo, i genitori, i coniugi, perché portano la responsabilità di far crescere i figli e nello stesso tempo hanno l impegno di custodire, di accompagnare i propri genitori, anche e soprattutto nel momento in cui perdono la loro autosufficienza. E allora occorre sostenerli, questi adulti, sia a livello di società sia a livello di comunità, affinchè vivano questo impegno, questo carico, come un momento di raccordo tra la vita che cresce e la vita che si porta a compimento.» L età di mezzo vive con grande coinvolgimento emotivo il carico di responsabilità che sostiene nei confronti di due generazioni. Condivide le incertezze degli uni e le speranze degli altri, vive memore del passato degli anziani, e protesa al futuro dei giovani. La letteratura ha da sempre attinto personaggi straordinari da questo complesso incastro di orizzonti. Tuttavia, una delle figure in questo senso più rappresentative è quella di Enea, così come è ritratto nell Eneide virgiliana. L eroe troiano è il pio, e la pietas in latino è un sentimento complesso, imvamente il timore del vecchio padre, la rassegnazione dell eroe, e la flebile speranza del riccioluto bambino che mostra, nella fiamma accesa, i presagi di una nuova civiltà. Lo sviluppo del gruppo scultoreo è verticale, certo, ma al tempo stesso vorticoso, i personaggi ruotano su se stessi, l uno rispetto all altro. Il passato diviene parte del presente, compartecipe a sua volta di un futuro non dimentico delle proprie radici. Anchise, nel suo fragile timore, stringe in mano i simboli della patria abbandonata, portatore fedele di una tradizione che non si estingue tra le fiamme. Il piccolo Ascanio, pur nel senso di incoscienza che esprime, regge la fiamma di una nuova civiltà, speranza stessa della sua progenie. L età di mezzo dunque, diventa non solo sostegno della vecchiaia e della giovinezza, dei timori e delle speranze ad esse connaturati, ma adempie ad un compito ben più profondo. Diviene essa stessa viatico della terza età verso la prima. Svolge il ruolo, umanamente fondamentale, di mediatore tra una cultura radicata e secolare, e la gioventù, pronta a raccogliere quest eredità e a farne il nucleo di un esperienza nuova, personale eppure non isolata nel contesto della storia umana di cui si trova a far parte.

12 in biblioteca pagina 20 il sabato del Villaggio pagina 21 El pan de seira l è bon adman Il pane di sera è buono domani I l pane di ieri è un libro profondamente evocativo. Evoca innanzitutto situazioni lontane nel tempo: le realtà contadine del dopoguerra nel Monferrato, i rituali della veglia, del lavoro nei campi, i linguaggi universali del canto del gallo, foriero dell alba, e delle campane al mattino. E ancora le nascite, i battesimi, e così pure le Sacre Unzioni, ed il commiato ai moribondi. Ma la lontananza che Enzo Bianchi, autore del libro e priore del Monastero di Bose, intende evocare non si esaurisce nell ambito temporale. Racconta anche di culture e di autenticità d animo lontane dalla fredda consapevolezza dell uomo di oggi. È una distanza del tutto intellettuale e, per certi versi, spirituale. Si narra degli umili maestri di vita: Enrico il sediaio, Pinot, l orfano Muretìn. Si narra dell importanza e della comunione dell esperienza della morte, in una società che pure di comunitario aveva ben poco, legata com era a una solitudine salda ed intima. Si narra del frattempo, del tramite che la cucina - nella sua alchimia civilizzante - costituiva tra la fame dell uomo e il mondo donatogli per sfamarsi, e ancora della tavola, immagine di un convivio nel quale hanno luogo non solo la nutrizione, ma la comunicazione e la condivisione. Tutto questo e molto altro - i ricordi del narratore si serrano l uno accanto all altro, senza cedere all obliò, né ad un retorico compianto - costituisce, per Enzo Bianchi Il pane di ieri, la pietanza umana, consumata e condivisa nell esistenza, che è buona anche domani. Come a dire che non si vive di un eterno presente, ma si cresce e ci si ramifica sulla scorta di ciò di cui si è fatto esperienza, come pure delle esperienze serbate da coloro che ci hanno preceduto. Giochi Il vecchio non sa nemmeno cosa rispondere a chi gli chiede «come va?» Non può certo dire «bene», ma non vuole neanche lagnarsi, come a volte ha sentito fare ad altri più vecchi di lui. E allora, A suma que!, «Siamo qua!» : non stupore in quest affermazione ma piuttosto tanta sapienza. Non significa tanto «sopravviviamo», ma piuttosto «stiamo ancora al mondo»: «siamo qui!» è l affermare il presente proprio mentre tutto ciò a cui si guarda e si può guardare è il passato, il passato che vive nella memoria, il passato che è il grande patrimonio del vecchio. Persone ed eventi popolano questo passato e da esso emergono nitidi e forti i ricordi della fanciullezza, gli anni più lontani, quasi che il vecchio cerchi il bambino che è in lui: il vecchio ha bisogno del bambino, quello nascosto in lui e i bambini che gli stanno attorno, segno della generazione che viene. Tratto da Il pane di ieri di Enzo Bianchi, 2008, Einaudi editore.

13 pagina 22 il sabato del Villaggio il sabato del Villaggio pagina 23 La ricetta della nonna Cari amici vi racconto I capelli bianchi Facile in 20 minuti Ingredienti: 1 anguilla da 1 chilo 40 gr di burro 40 gr di olio carota cipolla sedano 2 pomodori maturi funghi secchi erbe aromatiche (timo, alloro, salvia, rametto di prezzemolo), farina bianca 1/2 litro di vino rosso sale e pepe Anguilla alla lariana Spellare e pulire l anguilla, lavarla, asciugarla, e ridurla in piccoli toccheti da cospargere con sale e pepe e da infarinare. A questo punto si fa rosolare carota, cipolla e sedano finemente tritati in una teglia con olio e burro. Aggiungere l anguilla e far dorare per bene. Buttare una manciata di funghi secchi rammollati e tritati, le erbe aromatiche e i pomodori. Dopo una breve cottura di circa cinque minuti, si innaffia con il vino rosso e si lascia cuocere per altri 15 minuti. Servire calda con polenta abbrustolita. Curiosità: alimenti e bellezza Il rosmarino è indicato in presenza di difficoltà digestive, di reflusso gastroesofageo e di disturbi del fegato (colecistite, ittero, congestione epatica, fegato ingrossato, epatite cronica, calcoli biliari). Per le sue proprietà emmenagoghe, inoltre, può essere utilizzato nelle mestruazioni insufficienti, come coadiuvante per gotta e reumatismi. In cosmetica viene utilizzato su pelli impure e capelli grassi come dermo-purificante, stimolante e tonificante, oltre che per massaggi stimolanti ed antireumatici. O gni epoca ha la sua principessa, ma quale popolo può intendersene più degli inglesi, fedeli a una monarchia che dura da secoli? E se fino a poco tempo fa l immagine di principessa si incarnava in Diana Spencer, altrettanto notevole era l amore dell Inghilterra del X secolo per la bella Eadgyth, nobile d animo, caritatevole e dai modi gentili. Le spoglie della principessa sono state ritrovate dagli archeologi nella cattedrale di Magdeburg, avvolte in un drappo di seta, all interno di una bara con il nome della fanciulla. Si tratterebbe dei resti più antichi di un reale inglese. E a cura di Otello Gilardi È evidente che tra la vecchiaia e la malattia esiste un legame decisamente stretto. L usura del corpo diminuisce la resistenza fisica, rallenta il ritorno alla salute, predispone sovente alle ricadute. Cambia pure l apparire - la cui importanza è notevole - tanto che si tratti del volto o dell aspetto della persona in generale. Un personaggio di Plauto, parlando degli anni non più verdi, si esprimeva così Sono merce cattiva gli anni che incurvano le spalle. Quanto alla salute, la sua alterazione è particolarmente avvertita da coloro che, non avendo mai, o raramente avuto problemi di salute,erano abituati a considerare il proprio corpo come un compagno docile. Ma ecco che poi questo inizia a far sentire segni di affaticamento, disturbi di diverso genere ed entità, rallentamento degli impegni quotidiani. Scriveva ad un amica la scrittrice francese Marie Noël I miei occhi si rifiutano di servirmi dopo qualche riga. Notava la signora l approssimarsi di una cecità che tuttavia non le avrebbe impedito di comporre buone opere. Nella terza età occorre principalmente saper accettare, con serenità, il declino. Solo così tutto ci apparirà meno drammatico! E più naturale. ssere una star già a 3 giorni dalla nascita. Si gode il suo momento di gloria, l elefantina asiatica dell Hellabrunn Zoo di Monaco. La baby ospite dello zoo pesa solo 112 kg, gioca come una bimba e si fa coccolare teneramente dai guardiani. Il suo nome, Jamuna, deriva dal ramo principale del fiume Brahmaputra ed è un nome molto popolare tra le ragazze indiane. C uriosa disavventura per una famosa tela di Picasso, The actor, esposta al Metropolitan Museum of Art di New York. Una visitatrice ha infatti perso l equilibrio cadendo sul dipinto, e provocando una lacerazione verticale di circa 15 centimetri nella parte inferiore del lato destro del quadro raffigura un acrobata, che l artista spagnolo dipinse nell inverno tra il 1905 e il La direzione del museo ha riferito che il taglio non ha danneggiato il punto focale dell opera e che la tela è già in fase di restauro. Il difficile sarà convincerla a farsi riesporre, dopo quanto accaduto. CURIOSITA 1 CURIOSITA 3 CURIOSITA 2

14 AssistenzaDomiciliareIntegrata ADI. Al servizio della persona non autosufficiente In stretta collaborazione con il medico curante di medicina generale cure mediche specialistiche cure infermieristiche cure riabilitative cure assistenziali LECCO via Airoldi e Muzzi, 2 tel fax Gli Istituti svolgono la propria attività anche grazie all opera di volontariato e alle donazioni di chi con generosità ne sostiene il passo. Aiutare le persone anziane è un dovere civile che, fatto con amore e professionalità, diventa un bene sociale.

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al PREMESSA L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al bisogno del bambino di dare un significato alla propria esistenza, favorendo la formazione della individuale personalità

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 10 novembre 2002 La domenica con Gesù Tempo Ordinario Domenica 10 novembre Parabola delle dieci vergini L'artista della settimana Monica Argentino Piazza Santa

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA Dal vangelo secondo Matteo (Mt 7,21.24-29) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

NESSUNO EDUCA NESSUNO, NESSUNO SI EDUCA DA SOLO. CI EDUCHIAMO GLI UNI CON GLI ALTRI MEDIATI DAL MONDO. Paulo Freire AVVENNE DOMANI

NESSUNO EDUCA NESSUNO, NESSUNO SI EDUCA DA SOLO. CI EDUCHIAMO GLI UNI CON GLI ALTRI MEDIATI DAL MONDO. Paulo Freire AVVENNE DOMANI NESSUNO EDUCA NESSUNO, NESSUNO SI EDUCA DA SOLO. CI EDUCHIAMO GLI UNI CON GLI ALTRI MEDIATI DAL MONDO. Paulo Freire AVVENNE DOMANI IO E L AUTONOMIA Mi presento Ho scelto questa immagine perché Lettura/ascolto

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati.

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati. Anno II Numero 4 Giugno 2007 Domenica 29 aprile 2007, durante la celebrazione eucaristica che concludeva i lavori dell incontro dei responsabili e coordinatori regionali del Movimento, è stato vissuto

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp a c l I s l te lo dei tuoi an n i v e r d i ARCHIVIO www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp 1 Stai per addentrarti in un affascinante viaggio alla scoperta di 3 Stelle. Come in ogni favola non può

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli