Anno scolastico 2010/2011 I.T.I.S. GALILEO GALILEI AREZZO Classi 4^ A 4^ B Meccanica. In collaborazione con CAMERA di COMMERCIO di AREZZO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno scolastico 2010/2011 I.T.I.S. GALILEO GALILEI AREZZO Classi 4^ A 4^ B Meccanica. In collaborazione con CAMERA di COMMERCIO di AREZZO"

Transcript

1 Anno scolastico 2010/2011 I.T.I.S. GALILEO GALILEI AREZZO Classi 4^ A 4^ B Meccanica In collaborazione con CAMERA di COMMERCIO di AREZZO

2 PROGETTAZIONE DI STAMPO A PASSO PER LA PRODUZIONE DI CASTONE PER OREFICERIA

3 L AZIENDA COMMITTENTE LA CHIMERA STAMPI L azienda è una realtà artigiana, ubicata in località Molin Bianco 14/b in Arezzo, specializzata nella progettazione e produzione di stampi ed attrezzature per l'industria orafa e meccanica.

4 L INCARICO ASSEGNATO Il nostro compito consisteva nella progettazione di uno stampo a passo per la produzione automatica di un castone per oreficeria partendo da un nastro di lega preziosa. In particolare si trattava di trovare soluzioni progettuali alternative a quelle già utilizzate dall azienda, in una logica di miglioramento della qualità e precisione del prodotto e di industrializzazione dei processi produttivi.

5 L INCARICO ASSEGNATO Per sviluppare il progetto l azienda ha messo a disposizione degli studenti un campione della striscia in ottone, per documentare la sequenza delle fasi con la quale l articolo orafo viene prodotto nello stampo originale: la striscia è infatti un nastro di lamiera sulla quale sono visibili le lavorazioni effettuate passo dopo passo dall ingresso all uscita del semilavorato dallo stampo.

6 L ARTICOLO DA PRODURRE NELLO STAMPO

7 CRONOGRAMMA DEI LAVORI STUDIO STAMPISTICA VISITA AZIENDA ASSEGNAZIONE INCARICO 1. RILIEVO DELLA STRISCIA 2. PROGETTAZIONE COMPLESSIVO DELLO STAMPO 3. SVILUPPO DISEGNI ESECUTIVI 4. PRESENTAZIONE MULTIMEDIA PREPARAZIONE MOSTRA OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG

8 1. IL RILIEVO DELLA STRISCIA Il committente aveva fornito la striscia relativa a più articoli, lasciando al gruppo di lavoro la libera scelta dello stampo da progettare. Utilizzando un proiettore di profili (ingrandimento 10x) e altri strumenti metrologici si sono effettuati, lavorando in più gruppi, i rilievi di tutte le strisce messe a disposizione.

9 1. IL RILIEVO DELLA STRISCIA In realtà è stato necessario procedere per successivi tentativi (rilievo delle misure, disegno e stampa CAD, sovrapposizione della stampa all immagine proiettata per confronto di conferma).

10 1. IL RILIEVO DELLA STRISCIA Per ottimizzare tempi, in realtà si è scelta la striscia rilevata nel minor tempo, così da poter avviare prima possibile la fase di lavoro successiva, cioè la progettazione dell stampo.

11 1. IL RILIEVO DELLA STRISCIA le scelte possibili

12 2. IL PROGETTO DEL COMPLESSIVO sezione trasversale dello stampo chiuso

13 2. IL PROGETTO DEL COMPLESSIVO sezione trasversale dello stampo aperto

14 2. IL PROGETTO DEL COMPLESSIVO Sezione longitudinale dello stampo chiuso

15 2. IL PROGETTO DEL COMPLESSIVO Vista dall alto del semistampo inferiore

16 2. IL PROGETTO DEL COMPLESSIVO Vista dal basso del semistampo superiore

17 2. IL PROGETTO DEL COMPLESSIVO Legenda dei componenti

18 2. IL PROGETTO SCELTE PROGETTUALI 1. Si è scelto di progettare uno stampo a tre piastre, così da poter avere: Piastra superiore con porta-punzoni (che agisce sulla lamiera con la forza resa disponibile dalla pressa per effettuare le lavorazioni). Piastra intermedia con premilamiera-guida punzoni (che agisce sulla lamiera con la forza delle molle interposte, bloccandola); Piastra inferiore porta-matrice.

19 2. IL PROGETTO SCELTE PROGETTUALI 2. Per semplicità si è scelto di realizzare la matrice in un unico pezzo anche se le tranciature non avvengono tutte su un unico piano (la matrice non ha infatti spessore costante). Piano 1 Piano 2

20 2. IL PROGETTO SCELTE PROGETTUALI 3. Si sono previsti alcuni estrattori a molla per liberare il nastro semilavorato dalle matrici e riportarlo ad un livello tale che questo possa avanzare senza ostacoli nello stampo di un passo.

21 2. IL PROGETTO SCELTE PROGETTUALI 4. L ancoraggio dei punzoni alla piastrina porta-punzoni è stato effettuato mediante spina trasversale per quelli con sezione maggiore, mediante ricalcatura della testa per quelli con sezioni più piccole, per motivi di spazio e resistenza.

22 2. IL PROGETTO SCELTE PROGETTUALI 5. Il centraggio dei punzoni sulle matrici si effettua con un gioco ristretto sul premilamiera (0,01 mm), mentre sulla piastrina portapunzoni si realizza un gioco ampio (0,1-0,2 mm). Una guida sul premilamiera, più vicino alla matrice, garantisce infatti una maggior precisione e minori forzamenti: quindi anche una minore usura dei componenti. 6. Per una corretta tranciatura (nell ipotesi che il materiale da tranciare sia Au 750 K) si è fissato un gioco matrice-punzone pari a 0,012 mm, cioè pari al 4% dello spessore della lamiera (0,3 mm). 7. In relazione alla scelta dei materiali per Ia costruzione dei componenti dello stampo, si è ipotizzato di utilizzare: - Acciaio C40 per le tre piastre principali - Acciao K720 e K100 per le parti attive, temprato e rinvenuto a diversa durezza in base alla specifica funzione di ogni componente.

23 8. Per semplificare il ciclo di lavorazione e minimizzare i costi di produzione dello stampo, sulla piastra intermedia e sulla piastra inferiore non si sono effettuati fori con la stessa geometria dei punzoni (realizzabili solo per elettroerosione a filo), bensì fori di scarico a sezione circolare (realizzabili con semplice foratura al trapano). 2. IL PROGETTO SCELTE PROGETTUALI

24 9. Sul collare delle bussole di scorrimento delle piastre superiore ed intermedia si è previsto un pozzetto toroidale di raccolta del lubrificante, per una migliore lubrificazione delle colonne. 2. IL PROGETTO SCELTE PROGETTUALI

25 2. IL PROGETTO SCELTE PROGETTUALI 10. Il fissaggio delle colonne e delle bussole di scorrimento è stato ipotizzato per semplice interferenza sulle piastre. 11. Le corse della piastra superiore (uguale a quella della mazza mobile della pressa) e della piastra intermedia sono state fissate in maniera tale da avere una sufficiente apertura dello stampo per permettere l avanzamento della lamiera e una sufficiente pressione sul premilamiera (proporzionale all accorciamento delle molle). 12. Particolare attenzione è stata dedicata alla definizione delle tolleranze dimensionali e delle tolleranze di forma e posizione sui singoli componenti meccanici per garantire una corretta funzionalità dello stampo.

26 13. Le molle che azionano il premilamiera sono state scelte in un catalogo di elementi normalizzati per stampi in maniera da avere una forza di compressione a inizio tranciatura di circa 600 N. 2. IL PROGETTO SCELTE PROGETTUALI

27 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI piastra inferiore

28 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI matrice

29 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI estrattore

30 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI piastrina guidanastro sinistra

31 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI piastrina guidanastro destra

32 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI premilamiera e guida-punzoni

33 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI piastra intermedia

34 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI bussole di scorrimento

35 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI piastra porta-punzoni

36 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI piastrina battuta punzoni

37 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI piastra superiore

38 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI picciola attacco pressa

39 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI guida-molla

40 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI punzoni tranciatura

41 3. IL PROGETTO PARTICOLARI ESECUTIVI punzone piegatura

42 PARTECIPANTI ALUNNI Avanzati Giacomo Cerofolini Fabio Chabora Kamil Bartlomiej Checchi Riccardo Jamea Abdelilah Laurenzi Andrea Gino Lucarini Daniele Martelloni Leonardo Palmini Andrea Rosselli Massimo Tiezzi Gabriel DOCENTE Fatucchi Giovanni

43 RINGRAZIAMENTI Si ringrazia Camera di Commercio di Arezzo che ha promosso l iniziativa e Chimera Stampi che ha commissionato alla classe il progetto

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.8 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Lavorazione a freddo della lamiera LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Lavorazione a freddo delle lamiere È il processo

Dettagli

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura IV / 2015. Unità di centraggio fino E 5660

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura IV / 2015. Unità di centraggio fino E 5660 Nuovi prodotti Stampi per tranciatura IV / 2015 Catalogo CD 5.9.1.0 Catalogo online Abbiamo provveduto ad ampliare nuovamente la gamma dei prodotti per soddisfare i vostri desideri e le vostre richieste.

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte Nuovi prodotti Stampi per tranciatura 2014 5.8.3.1 Catalogo CD e lin Catalogo on Con il nuovo ampliamento di prodotti abbiamo voluto dare voce ai vostri desideri e consigli. Come fornitore sistematico

Dettagli

MANDELLI NORMALIZZATI

MANDELLI NORMALIZZATI MANDELLI NORMALIZZATI BASI PORTASTAMPO STANDARD BASI A DISEGNO E LAVORAZIONI CNC ELEMENTI DI GUIDA MOLLE PER STAMPI ISO MOLLE, BARRE TONDE E PRISMATICHE, LASTRE IN ELASTOMERO MOLLE IN GOMMA BOCCOLE CON

Dettagli

INIEZIONE PLASTICA: UN SERVIZIO SARTORIALE CHIAVI IN MANO. Stampi da podio

INIEZIONE PLASTICA: UN SERVIZIO SARTORIALE CHIAVI IN MANO. Stampi da podio A Enzo Guaglione INIEZIONE PLASTICA: UN SERVIZIO SARTORIALE CHIAVI IN MANO Lo stampaggio di certi componenti, specialmente se destinati all industria automobilistica, richiede stampi costruiti a regola

Dettagli

L A V O R A Z I O N I D E L L E L A M I E R E S T A M P A G G I O A F R E D D O

L A V O R A Z I O N I D E L L E L A M I E R E S T A M P A G G I O A F R E D D O 1 L A V O R A Z I O N I D E L L E L A M I E R E S T A M P A G G I O A F R E D D O La più importante categoria di lavorazioni è quella delle lamiere (generalmente di spessore 5 mm), che dà origine ad una

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura La deformazione plastica La deformazione plastica Lavorazioni per deformazione Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi della lezione Valutare

Dettagli

Innovazione continua

Innovazione continua colo vero SX:Layout 1 29-05-2013 15:06 Pagina 60 Innovazione continua per la competizione internazionale Software Il miglioramento continuo è il principale obiettivo che si pongono i soci titolari di Vema,

Dettagli

BNC 2. Sistema di produzione servocontrollato

BNC 2. Sistema di produzione servocontrollato Sistema di produzione servocontrollato Ottimizzazione della produzione Trasferite la produzione in serie di componenti a nastro e a filo sul nuovo sistema di produzione servocontrollato BNC 2. La macchina

Dettagli

Le cinture di sicurezza, si sa, riducono il rischio

Le cinture di sicurezza, si sa, riducono il rischio STAMPO DEL MESE di Enzo Guaglione UN PICCOLO INGRANAGGIO MIGLIORA L AFFIDABILITÀ DELLE CINTURE DI SICUREZZA LE CINTURE DI SICUREZZA SONO, IN CASO DI INCIDENTE, UNO DEI PIÙ IMPORTANTI MECCANISMI DI PROTEZIONE

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Realizzazione di un riflettore tramite un processo di stampaggio e di idroformatura Relatore: prof. Matteo

Dettagli

2. SPECIFICHE PRINCIPALI

2. SPECIFICHE PRINCIPALI ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente manuale di istruzioni. La garanzia del buon funzionamento

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

MUFFATO. www.muffatopresse.com

MUFFATO. www.muffatopresse.com MUFFATO Presse Meccaniche www.muffatopresse.com Le presse MUFFATO, nate da una esperienza pluriennale nel settore dello stampaggio di minuterie metalliche, sono state progettate e costruite con nuove tecnologie

Dettagli

Il nuovo acciaio pre-bonificato per stampi di medie e grandi dimensioni

Il nuovo acciaio pre-bonificato per stampi di medie e grandi dimensioni Il nuovo acciaio pre-bonificato per stampi di medie e grandi dimensioni Generalità Analisi chimica KeyLos UP nasce dalla pluriennale esperienza di Lucchini RS nella produzione degli acciai dedicati al

Dettagli

PROGETTAZIONE DI PRESSE MECCANICHE VERTICALI PER DEFORMAZIONE A FREDDO DI PARTICOLARI IN ACCIAIO DI GRANDI DIMENSIONI

PROGETTAZIONE DI PRESSE MECCANICHE VERTICALI PER DEFORMAZIONE A FREDDO DI PARTICOLARI IN ACCIAIO DI GRANDI DIMENSIONI PROGETTAZIONE DI PRESSE MECCANICHE VERTICALI PER DEFORMAZIONE A FREDDO DI PARTICOLARI IN ACCIAIO DI GRANDI DIMENSIONI Partendo dalla simulazione numerica dei processi di deformazione, Invernizzi Presse

Dettagli

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS SHAPING THE FUTURE Da oltre 20 anni BIKO è sinonimo di qualità. Già subito dopo il suo lancio, la linea di calandre BIKO è diventata la marca preferita di centinaia di produttori di serbatoi, scambiatori

Dettagli

Serie BNC. Sistemi di produzione servocontrollati

Serie BNC. Sistemi di produzione servocontrollati Serie BNC Sistemi di produzione servocontrollati Ottimizzazione della produzione Trasferite la produzione di componenti a nastro e a filo sui nuovi sistemi di produzione servocontrollati BNC. Le macchine

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

CILINDRO SENZA STELO SERIE PU ATTUATORI

CILINDRO SENZA STELO SERIE PU ATTUATORI CILINDRO SENZA STELO SERIE PU 1 CILINDRO SENZA STELO SERIE PU CILINDRO SENZA STELO SERIE PU I cilindri senza stelo della serie PU sono caratterizzati dalla bandella interna, per la tenuta longitudinale,

Dettagli

LAVORAZIONE DELLE LAMIERE

LAVORAZIONE DELLE LAMIERE LAVORAZIONE DELLE LAMIERE Pagina 1 di 5 LAVORAZIONE DELLE LAMIERE La lavorazione delle lamiere si esegue fondamentalmente per deformazione plastica a freddo oppure per separazione localizzata del materiale

Dettagli

Cerniere per mobili serie 1

Cerniere per mobili serie 1 Settore 2_2012:Settore 2_2008.qxd 20.11.2012 11:58 Seite 10 Cerniere per mobili serie 1 in acciaio spessore max. anta 30 mm chiusura automatica regolazione laterale e frontale regolazione verticale sulla

Dettagli

catalogo stampi cori ediz. c10

catalogo stampi cori ediz. c10 catalogo stampi cori ediz. c10 CALCOLO ELLA POTENZA I TRANCIATURA informazioni generali La formula per calcolare la potenza di tranciatura è la seguente: P= Pm x S x R 1000 dove: Pm = perimetro del punzone

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

PUNTI DI FORZA DEI FONDI BOMBATI

PUNTI DI FORZA DEI FONDI BOMBATI PUNTI DI FORZA DEI FONDI BOMBATI 1 LAVAGGIO / DEGRASSAGGIO: abbiamo la possibilità di pulire i fondi e consegnarli così al cliente già pronti per le lavorazioni successive. In alcuni casi il lavaggio avviene

Dettagli

Gli stampi per termoindurenti

Gli stampi per termoindurenti Via Sione 18/B - 03030 - Chiaiamari - Frosinone Tel. (39) 775868478 - Fax (39) 775868775 E-mail: comera.fr@tin.it Gli stampi per termoindurenti Relatore: Ing.. Raponi Gianluigi 1 L attività La COMERA è

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - OPERATORE ALLE MACCHINE TRADIZIONALI E A CONTROLLO NUMERICO

Dettagli

Nieuw! Nuovo! Neu! Söll. Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali.

Nieuw! Nuovo! Neu! Söll. Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali. DISTRIBUTORE AUTORIZZATO Nieuw! Nuovo! Neu! Neu! Söll Sistema anticaduta linea vita orizzontale Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali. Söll Sistema anticaduta

Dettagli

Prodotti sinterizzati

Prodotti sinterizzati Prodotti sinterizzati - Composto bimetallico refrattario prodotto tramite un processo, rigorosamente controllato, di pressatura e sinterizzazione di polveri di tungsteno e infine infiltrazione del materiale

Dettagli

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18 ESER. POL AGEN. POL RAMO POL NUM. POL. ESER. SIN AGEN. SIN. NUM. SIN RAMO SIN. ISPETTORATO DATA AVVENIM. DATA CHIUSURATIPO DEN. TIPO CHIUSTP RESP ASSICURATO PREVENTIVO PAGATO DA RECUPERARE 2007 1467 130

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI DAI PROVINI AI COMPONENTI Vi sono molti fattori che influenzano la resistenza a fatica; fra i fattori che riguardano il componente hanno particolare importanza: le dimensioni (C S ) la presenza di intagli

Dettagli

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168)

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168) CLASSE: MATERIA: meccanica applicata 2^F m (ore annuali 168) Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro Regole di civile convivenza e rispetto. Obblighi e doveri in ambito lavorativo. Abilità Saper assumere

Dettagli

Think >> Design >> Produce. Italiano

Think >> Design >> Produce. Italiano Think >> Design >> Produce Italiano 1 D-Effe fa... Deformazione a freddo della lamiera. Soluzioni produttive al servizio del cliente. Prodotti di elevata qualità. Capacità produttiva. Flessibilità. D-Effe

Dettagli

Lo stabilimento di Costa Volpino, una delle più grandi trafile a freddo in Europa, vanta una tradizione di oltre cinquant anni nello sviluppo e

Lo stabilimento di Costa Volpino, una delle più grandi trafile a freddo in Europa, vanta una tradizione di oltre cinquant anni nello sviluppo e Lo stabilimento di Costa Volpino, una delle più grandi trafile a freddo in Europa, vanta una tradizione di oltre cinquant anni nello sviluppo e fornitura di prodotti di medio e grande diametro con elevate

Dettagli

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN Le proprietà tecnologiche dei materiali indagano la loro risposta alla lavorabilità ovvero forniscono indicazioni sulla risposta dei materiali

Dettagli

L arte del saper fare...

L arte del saper fare... L arte del saper fare... SCANFERLA La Scanferla È il grande desiderio Imprenditoriale che ha condotto Bruno Scanferla a fondare nel gennaio 1981 l omonima azienda. Affiancato nel progetto aziendale dalla

Dettagli

L acciaio può essere sottoposto a svariati trattamenti che agiscono sulla sua struttura cristallina, modificandone le caratteristiche fisiche e

L acciaio può essere sottoposto a svariati trattamenti che agiscono sulla sua struttura cristallina, modificandone le caratteristiche fisiche e L acciaio può essere sottoposto a svariati trattamenti che agiscono sulla sua struttura cristallina, modificandone le caratteristiche fisiche e meccaniche in modo da renderlo idoneo a particolari impieghi.

Dettagli

Lavorazione lamiera III

Lavorazione lamiera III Lavorazione lamiera III Imbutitura (deep drawing) Deformabilità delle lamiere Macchinari per la formatura delle lamiere Progettazione Considerazioni economiche Imbutitura (Deep Drawing) Nata nel 1700 non

Dettagli

REPARTO PRODUZIONE RICAMBI

REPARTO PRODUZIONE RICAMBI REPARTO PRODUZIONE RICAMBI FASI LAVORATIVE PRODUZIONE TRAFILE: 1) TORNITURA La prima fase di lavorazione per la produzione delle trafile è la tornitura. La tornitura ci permette di ottenere dalla materia

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica Sez.A. DISCIPLINA: Tecnologie meccaniche e applicazioni

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica Sez.A. DISCIPLINA: Tecnologie meccaniche e applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica Sez.A DISCIPLINA: Tecnologie meccaniche e applicazioni CLASSI:

Dettagli

Schedulazione MRP-II

Schedulazione MRP-II modulo Schedulazione MRP-II --------- Carico Risorse Produttive a Capacità FINITA ( FCS ) BREVE GUIDA ( su logiche di funzionamento e modalità d uso ) www.impresa24.ilsole24ore.com 1 Sommario Premessa

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

3F STAMPI S.r.l. Progettazione e costruzione stampi per tranciatura e deformazione a freddo della lamiera Servizio Elettroerosione a filo ed a tuffo

3F STAMPI S.r.l. Progettazione e costruzione stampi per tranciatura e deformazione a freddo della lamiera Servizio Elettroerosione a filo ed a tuffo 3F STAMPI S.r.l. Progettazione e costruzione stampi per tranciatura e deformazione a freddo della lamiera Servizio Elettroerosione a filo ed a tuffo VIA PIETRAROSSA 1, 06039 TREVI PG (Italy) P.I. 02713690549

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 15 stagione sportiva 2015/2016 CALENDARIO Girone A

CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 15 stagione sportiva 2015/2016 CALENDARIO Girone A Girone A 18 Ott 2015-28 Feb 2016 25 Ott 2015-6 Mar 2016 1 Nov 2015-13 Mar 2016 1 22 Nov 2015-10 Apr 2016 1 29 Nov 2015-17 Apr 2016 1 13 Dic 2015-24 Apr 2016 Girone B 1 Girone C 1 Girone D 1 Girone E 1

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI MANUALE DI ISTRUZIONI MINI CESOIA PIEGATRICE Art. 0892 ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente

Dettagli

Securope. Securope LDV022 LDV001

Securope. Securope LDV022 LDV001 Securope Securope La linea Securope può essere installata su coperture metalliche in acciaio con uno spessore di almeno 6/10 o direttamente sul manufatto. È possibile applicare la linea con supporti speciali,

Dettagli

PUNZONATURA E STAMPAGGIO

PUNZONATURA E STAMPAGGIO TAGLIO PUNZONATURA E STAMPAGGIO Come confrontare il costo della produzione Fig. 1 Prodotti in lamiera ottenuti per punzonatura da foglio, punzonatura da coil e stampaggio con pressa (casse per corpi illuminanti).

Dettagli

L acciaio al carbonio per lo stampaggio della plastica

L acciaio al carbonio per lo stampaggio della plastica L acciaio al carbonio per lo stampaggio della plastica Edizione Dicembre 2008 Generalità KeyLos 1730 é un acciaio per la realizzazione di stampi di piccole dimensioni, porta stampi o particolari meccanici

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

L acciaio pre-bonificato ad elevata lavorabilità

L acciaio pre-bonificato ad elevata lavorabilità L acciaio pre-bonificato ad elevata lavorabilità Generalità KeyLos 2312 é un acciaio pre-bonificato per la realizzazione di stampi di piccole e medie dimensioni. KeyLos 2312 rappresenta la scelta ideale

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO

LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO Nuovo prodotto Progettazione Programmazione CICLO Operazione Descrizione nnonnononoonono noninininiluludodo Produzione ITI San Zeno (Vr) 1 CICLO 1 Il ciclo nel processo

Dettagli

EasyLoad. EasyLoad RACCOLTA APPLICAZIONI. Sistemi di Asservimento per CMM SISTEMI MANUALI SISTEMI AUTOMATICI. www.moden.it SU CMM A PORTALE

EasyLoad. EasyLoad RACCOLTA APPLICAZIONI. Sistemi di Asservimento per CMM SISTEMI MANUALI SISTEMI AUTOMATICI. www.moden.it SU CMM A PORTALE Sistemi di Asservimento per CMM EasyLoad SISTEMI MANUALI PER CONTROLLI DI LABORATORIO SU CMM A PORTALE SISTEMI AUTOMATICI PER CONTROLLI IN LINEA SU ROBOT DI MISURA www.moden.it SISTEMA DI CARICO-SCARICO

Dettagli

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature iglidur : Resistenza chimica e alle alte temperature Produzione standard a magazzino Eccellente resistenza all usura anche con alberi teneri e temperature fino a +200 C Ottima resistenza agli agenti chimici

Dettagli

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.)

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) Il presente documento è stato realizzato nell ambito dell attività di ricerca prevista:

Dettagli

NORMATIVE D.L. 81 ISO 14122 PASSERELLE DI SICUREZZA

NORMATIVE D.L. 81 ISO 14122 PASSERELLE DI SICUREZZA SICUREZZA GARANZIA 10 anni Una soluzione totale per la messa in conformità dei camminamenti e dei cambiamenti di livello nelle aree di lavoro o di passaggio! Un sistema strutturale combinato di robuste

Dettagli

Serie REM centri di lavoro e celle integrate per l inserimento della ferramenta

Serie REM centri di lavoro e celle integrate per l inserimento della ferramenta Serie REM centri di lavoro e celle integrate per l inserimento della ferramenta Serie REM Celle di lavoro e celle integrate per l inserimento della ferramenta Soluzioni ad alta tecnologia che richiedono

Dettagli

REPARTO PRODUZIONE MACCHINE

REPARTO PRODUZIONE MACCHINE REPARTO PRODUZIONE MACCHINE FASI LAVORATIVE: 1) APPROVVIGIONAMENTO MATERIALE La prima fase è l approvvigionamento del materiale come cuscinetti, rulli, trafile, motori, ecc e di tutte quelle parti di usura

Dettagli

legati ai metalli www.albromet.de Attrezzature per curvatubi Anime Articolate a Sfere Raccordi Tasselli Anti-Grinza

legati ai metalli www.albromet.de Attrezzature per curvatubi Anime Articolate a Sfere Raccordi Tasselli Anti-Grinza legati ai metalli Attrezzature per curvatubi Anime Articolate a Sfere Raccordi Tasselli Anti-Grinza www.albromet.de Tecnica di curvatura dei tubi Componenti di alta qualità per utensili di curvatura dei

Dettagli

Progetto di un riduttore ad ingranaggi

Progetto di un riduttore ad ingranaggi DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE Laurea in Ingegneria Meccanica (N.O.) Progetto di un riduttore ad ingranaggi Specifiche tecniche del progetto - rapporto di trasmissione 0.3 < τ < 0.5 - interasse 150mm

Dettagli

FastBend Tecnologia di piegatura automatica. The Bend The Combi The Laser The Punch The System The Software

FastBend Tecnologia di piegatura automatica. The Bend The Combi The Laser The Punch The System The Software FastBend Tecnologia di piegatura automatica The Bend The Combi The Laser The Punch The System The Software Velocità, flessibilità, semplicità di utilizzo L'esperienza Prima Power nella tecnologia della

Dettagli

L attacco rapido intelligente per escavatori ESCAVATORI

L attacco rapido intelligente per escavatori ESCAVATORI L attacco rapido intelligente per escavatori ESCAVATORI Sostituisci il tuo attrezzo idraulico in 10 secondi Principio di funzionamento OilQuick è un sistema di attacco rapido per escavatori per collegare

Dettagli

ilservizio Oltre al prodotto... Automazione

ilservizio Oltre al prodotto... Automazione ilservizio Oltre al prodotto... TEMPO DI LETTURA: 13 minuti Automazione L automazione della produzione è un tema particolarmente sentito in Matrix, realtà veneta specializzata nella costruzione di utensili

Dettagli

Prodotti esclusivi scelti per voi dai Tecnici WNT. Sistemi di bloccaggio con ricerca punto zero di WNT. TOTAL TOOLING=QUALITÀ x SERVIZIO 2

Prodotti esclusivi scelti per voi dai Tecnici WNT. Sistemi di bloccaggio con ricerca punto zero di WNT. TOTAL TOOLING=QUALITÀ x SERVIZIO 2 Valida fino al 31.5.216 Selezione Prodotti esclusivi scelti per voi dai Tecnici WNT La base economica per il vostro successo Sistemi di bloccaggio con ricerca punto zero di WNT TOTAL TOOLING=QUALITÀ x

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2329 è un acciaio legato progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare a temperature elevate. I

Dettagli

Costruire in Acciaio

Costruire in Acciaio Costruire in Acciaio La fabbricazione degli elementi strutturali in acciaio Francesco Di Pascasio P R E S I D E R Avezzano Dipartimento di Ingegneria delle Strutture, Acque e Terreno Bastia Umbra 27 novembre

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazione di metalli

Dettagli

SCHEDA 21A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 500 E SIMILI (FIAT 550, FIAT 600, etc.)

SCHEDA 21A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 500 E SIMILI (FIAT 550, FIAT 600, etc.) SCHEDA 21A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 500 E SIMILI (FIAT 550, FIAT 600, etc.) Il presente documento è stato realizzato nell ambito dell attività di ricerca prevista:

Dettagli

Gruppo Esea Carpenteria metallica di precisione

Gruppo Esea Carpenteria metallica di precisione Gruppo Esea Carpenteria metallica di precisione Si come il ferro s arrugginisce sanza esercizio, e l acqua si putrefà o nel freddo s addiaccia, così lo ngegno sanza esercizio si guasta. (Leonardo Da Vinci)

Dettagli

Il meglio della produttività con la flessibilità del CNC

Il meglio della produttività con la flessibilità del CNC Il meglio della produttività con la flessibilità del CNC Produttiva. Precisa. Mikron Multistar NX-24 Mikron Multistar NX-24 Per un imbattibile costo del pezzo Desiderate produrre in grandi quantità pezzi

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2343 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare

Dettagli

SALDATRICI A CONTATTO. Quickchange D1Q, D2Q, D3Q Saldatrice a contatto in argentografite

SALDATRICI A CONTATTO. Quickchange D1Q, D2Q, D3Q Saldatrice a contatto in argentografite SALDATRICI A CONTATTO Quickchange D1Q, D2Q, D3Q Saldatrice a contatto in argentografite SALDATRICI A CONTATTO per la tecnica di comando industriale Moduli di processo ad elevata capacità produttiva Le

Dettagli

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche Prove tecnologiche PROVE TECNOLOGICHE Le prove tecnologiche vengono eseguite allo scopo di determinare l'attitudine dei materiali a subire determinati processi necessari a realizzare un certo prodotto.

Dettagli

Cad2001 Engineering nasce come

Cad2001 Engineering nasce come plastica e al soffiaggio, per la realizzazione di oggetti destinati a settori di mercato eterogenei, fra i quali figura quello della componentistica per l auto. Con sede a Bologna, Cad2001 offre servizi

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PEIC828004 I. C. I.SILONE-MONTESILVANO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di

Dettagli

ALCHEMIA - DIVISIONE RICERCHE & SVILUPPO 0 01/01/08 ALCHEMIA

ALCHEMIA - DIVISIONE RICERCHE & SVILUPPO 0 01/01/08 ALCHEMIA NUOVI SISTEMI PER LA DEFORMAZIONE PLASTICA DEI METALLI CON PRODOTTI EVAPORABILI FLUIPRESS ALCHEMIA - DIVISIONE RICERCHE & SVILUPPO Rev. 0 del 01/01/08 Con il nome di FLUIPRESS s'identifica una serie di

Dettagli

Stampi ad alta precisione per LSR Sistemi di iniezione ad alte prestazioni Galliate, 22 Settembre 2015

Stampi ad alta precisione per LSR Sistemi di iniezione ad alte prestazioni Galliate, 22 Settembre 2015 High technicality and ultra-cleanliness in the plastics industry Stampi ad alta precisione per LSR Sistemi di iniezione ad alte prestazioni Galliate, 22 Settembre 2015 1 Haute technicité et ultra-propreté

Dettagli

TOLLERANZE DI POSIZIONE. MDM Metrosoft S.a.s. di DENI Chiara GUIDA UTENTE. Metrosoft Metrology Software and Special Applications. Ver.

TOLLERANZE DI POSIZIONE. MDM Metrosoft S.a.s. di DENI Chiara GUIDA UTENTE. Metrosoft Metrology Software and Special Applications. Ver. MDM Metrosoft S.a.s. di DENI Chiara Metrosoft Metrology Software and Special Applications GUIDA UTENTE TOLLERANZE DI POSIZIONE Ver. Luglio 1996 CopyRight MDM Metrosoft S.a.s. Via IV Novembre, 22-40061

Dettagli

Comandi pneumatici 6.0. Unità di comando. Sistema Compact M5. D06_00-pneumatic_control_systems. Comandi pneumatici

Comandi pneumatici 6.0. Unità di comando. Sistema Compact M5. D06_00-pneumatic_control_systems. Comandi pneumatici D06_00-pneumatic_control_systems 6.0 Sistema Compact M5 2003/10 Con riserva di modifiche Prodotti 2004/2005 4/6.0-1 D06_01_001_F-FFS_FSSC Caratteristiche Quickstepper Unità logica di comando Unità logica

Dettagli

RM-NC GRM-NC. Trancia-piegatrici automatiche servo-controllate

RM-NC GRM-NC. Trancia-piegatrici automatiche servo-controllate RM-NC GRM-NC Trancia-piegatrici automatiche servo-controllate Le trancia-piegatrici automatiche servocontrollate più veloci al mondo Aumentate l efficienza nella produzione. Grazie alle trancia-piegatrici

Dettagli

INDICE. PRESSA PIEGATRICE IDRAULICA Serie HAP-CNC. CESOIA A GHIGLIOTTINA IDRAULICA AD ANGOLO VARIABILE Serie HAGM

INDICE. PRESSA PIEGATRICE IDRAULICA Serie HAP-CNC. CESOIA A GHIGLIOTTINA IDRAULICA AD ANGOLO VARIABILE Serie HAGM INTRODUZIONE Le macchine utensili ADRIA MACHINE sono concepite con lo scopo di offrire al cliente elevati standard di affidabilità e qualità abbinati ad un prezzo altamente competitivo. Da anni la nostra

Dettagli

Ente: COMUNE DI PORTICI

Ente: COMUNE DI PORTICI MUTUI IN AMMORTAMENTO ANNO 2010 CASSA DD.PP. Ente: COMUNE DI PORTICI Tipo opera: Edilizia pubblica e sociale-immobile 4502930/00 21-dic-06 200.000,00 01-gen-07 30-giu-10 179.465,06 3.676,97 3.748,13 7.425,10

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM)

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) Con la programmazione manuale, il programmatore descrive un ciclo di lavoro nella sequenza voluta ed in un linguaggio comprensibile all unità di governo.

Dettagli

PINZE A DUE GRIFFE PARALLELE A CORSA LUNGA SERIE GPLK

PINZE A DUE GRIFFE PARALLELE A CORSA LUNGA SERIE GPLK A DUE GRIFFE PARALLELE A CORSA LUNGA SERIE GPLK Pinze parallele a doppio effetto con possibilità di presa sia interna che esterna. Grazie alla corsa lunga sono adatte per afferrare pezzi di diverse dimensioni

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI ALLEGATO A Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: PROGETTO DI COMPLETAMENTO DELL'EDIFICIO LOCULI

Dettagli

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 Indice Pagina: Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 1. Parti componenti della fornitura.................... 3 2. Montaggio................................. 4 2.1 Trasporto..................................

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI COSTI PRODUTTIVI DELLE PUNTE PER MURO CON INSERTO IN METALLO DURO

LA RIDUZIONE DEI COSTI PRODUTTIVI DELLE PUNTE PER MURO CON INSERTO IN METALLO DURO LA RIDUZIONE DEI COSTI PRODUTTIVI DELLE PUNTE PER MURO CON INSERTO IN METALLO DURO Obbiettivi dell innovazione tecnologica 1. Consentire la tempra dello stelo e la brasatura dell'inserto in metallo duro

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

a seguito Vs. gradita richiesta, siamo lieti di trasmettervi la nostra miglior offerta per il macchinario in oggetto.

a seguito Vs. gradita richiesta, siamo lieti di trasmettervi la nostra miglior offerta per il macchinario in oggetto. Adro, 20.10.2009 Spett. Le SISTEC SRL VIALE TRENTO, 105/M 33077 SACILE (PN) Ns. Rif.: DIR/VEI/lm Offerta n.: 786/09 Oggetto: DESCRIZIONE TECNICA PER PRESSA PIEGATRICE OLEODINAMICA DINAMICA 30-130 Egregi

Dettagli

Capitolato per stampi ad iniezione. Edizione 08/14

Capitolato per stampi ad iniezione. Edizione 08/14 Capitolato per stampi ad iniezione Edizione 08/14 1 Generale 1.1.1 Il fornitore si impegna con l ordine a progettare e costruire lo stampo secondo le norme Tratter Engineering srl riportate nel seguente

Dettagli

PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE CALIBRI ATTREZZATURE SISTEMI DI CONTROLLO QUALITA

PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE CALIBRI ATTREZZATURE SISTEMI DI CONTROLLO QUALITA PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE CALIBRI ATTREZZATURE SISTEMI DI CONTROLLO QUALITA AUTOMOTIVE Project è una Azienda giovane e dinamica che opera nell ambito dell Industria Metalmeccanica ed in particolare nel

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - CARPENTIERE IN METALLO

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3 a Divisione

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3 a Divisione MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3 a Divisione S.T. 174/U.I. Di reg.ne - Class. CAS Diramazione disp. n. 3/ 32496 del 30/05/2000 SPECIFICHE

Dettagli

NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A

NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A PRIMO VANTAGGIO: MIGLIORA LA QUALITÀ DEL DETTAGLIO ESECUTIVO Il Decreto Interministeriale del 15/11/2011

Dettagli

Il ciclo di lavorazione

Il ciclo di lavorazione Il ciclo di lavorazione Analisi critica del disegno di progetto Riprogettazione del componente (ove necessario) Determinazione dei processi tecnologici e scelta delle macchine utensili Stesura del ciclo

Dettagli

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA 156 Introduzione ai processi di produzione metalmeccanica I processi di produzione metalmeccanica si possono classificare nelle tre grandi famiglie di seguito indicate.

Dettagli