La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura"

Transcript

1 La deformazione plastica La deformazione plastica Lavorazioni per deformazione Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura Politecnico di Torino 1

2 Obiettivi della lezione Valutare le applicazioni industriali dei processi di formatura della lamiera Descrivere analiticamente le principali lavorazioni di formatura della lamiera (tranciatura, piegatura e imbutitura) Evidenziare le regole progettuali e le caratteristiche fisiche di queste lavorazioni 3 Bibliografia per la lezione Sistemi di Produzione A. Villa, G. Murari, D. Antonelli C.L.U.T. Editrice, 2004 capitolo 3 paragrafo 6 Tecnologia Meccanica e Studi di Fabbricazione Santochi, Giusti Casa Editrice Ambrosiana, 2000 capitolo 5 paragrafo Politecnico di Torino 2

3 La tranciatura Teoria della tranciatura La piegatura Progettazione della piegatura L imbutitura Fisica dell imbutitura Politecnico di Torino 3

4 Esempi di stampi 7 Esempio di prodotti:carrozzeria per auto Politecnico di Torino 4

5 La tranciatura Operazione preliminare a altre lavorazioni sulla lamiera 9 La tranciatura Operazione preliminare a altre lavorazioni sulla lamiera Si ritagliano figure geometriche da fogli di lamiera o da nastri continui (coils) Viene portato via del materiale (sfrido) dalla lamiera di partenza Politecnico di Torino 5

6 Tipologie di tranciatura Tranciatura di profili aperti taglio rettilineo di lamiere e di barre Tranciatura di profili chiusi taglio di profili chiusi con geometria anche molto complessa 11 La tranciatrice Politecnico di Torino 6

7 Taglio rettilineo: tranciatura di una barra Piano di taglio 13 Taglio rettilineo: tranciatura di una barra Forze di taglio Politecnico di Torino 7

8 Taglio rettilineo: tranciatura di una lamiera 15 Tranciatura di un profilo chiuso Politecnico di Torino 8

9 Fasi del processo Ingresso del punzone nella lamiera deformazione delle fibre arrotondamento dei bordi della lamiera 17 Fasi del processo Ingresso del punzone nella lamiera Applicazione di uno stato di sollecitazione superiore alla tensione R m del materiale primi segni di frattura della lamiera ai bordi del punzone e della matrice Politecnico di Torino 9

10 Fasi del processo Ingresso del punzone nella lamiera Applicazione di uno stato di sollecitazione superiore alla tensione R m del materiale Propagazione delle fratture nella lamiera in direzione inclinata fino al distacco del pezzo 19 Aspetto delle superfici tranciate Diametro del foro Diametro del disco tranciato Politecnico di Torino 10

11 Aspetto delle superfici tranciate Penetrazione Politecnico di Torino 11

12 La tranciatura Teoria della tranciatura La piegatura Progettazione della piegatura L imbutitura Fisica dell imbutitura 23 Dimensionamento energetico Composizione delle forze del processo di taglio tensioni di taglio agenti sul piano di taglio forze d attrito gioco fra punzone e matrice imperfetta affilatura dei coltelli, ecc Politecnico di Torino 12

13 Forza di tranciatura F = k 0, 7 R m A k : coefficiente correttivo A : superficie della sezione resistente p, s : perimetro e spessore della lamiera A = p s 25 Andamento della forza di tranciatura Forza di tranciatura Corsa del punzone Politecnico di Torino 13

14 Lavoro di tranciatura L = s F ds 0 L Fmax k s 27 Il gioco Gioco corretto: fratture concorrenti Politecnico di Torino 14

15 Il gioco Gioco troppo stretto: fratture parallele 29 Il gioco Gioco troppo piccolo: Politecnico di Torino 15

16 Il gioco Gioco corretto: 31 Il gioco Gioco troppo grande con distacco del materiale per il cattivo allineamento punzone matrice: Politecnico di Torino 16

17 La tranciatura Teoria della tranciatura La piegatura Progettazione della piegatura L imbutitura Fisica dell imbutitura Politecnico di Torino 17

18 Processi di piegatura Piegatura libera Piegatura in stampo Profilatura a rulli 35 Piegatura libera Politecnico di Torino 18

19 Processi di piegatura Piegatura libera Piegatura in stampo Profilatura a rulli 37 Piegatura in stampo di forma a U Politecnico di Torino 19

20 Piegatura in stampo di forma a V 39 Processi di piegatura Piegatura libera Piegatura in stampo Profilatura a rulli Politecnico di Torino 20

21 Profilatura a rulli 41 Schema delle deformazioni di piegatura C è una sezione della lamiera che si piega senza deformarsi detta fibra neutra (f n ) R n s f n Politecnico di Torino 21

22 Schema delle deformazioni di piegatura 43 Schema delle deformazioni di piegatura Intradosso Extradosso Politecnico di Torino 22

23 Schema delle deformazioni di piegatura Allargamento Compressione Politecnico di Torino 23

24 La tranciatura Teoria della tranciatura La piegatura Progettazione della piegatura L imbutitura Fisica dell imbutitura 47 Elementi di calcolo nella piegatura Il ritorno elastico Il raggio di curvatura Lo sforzo di piegatura Angolo di piegatura (profilatura a rulli) Politecnico di Torino 24

25 Il ritorno elastico Le sollecitazioni di trazione e di compressione in prossimità della fibra neutra sono di tipo elastico 49 Il ritorno elastico Le sollecitazioni di trazione e di compressione in prossimità della fibra neutra sono di tipo elastico Dopo la sollecitazione la lamiera è soggetta ad un ritorno elastico funzione dei parametri: limite di snervamento del materiale velocità di deformazione tipo di piegatura (libera o in stampo) spessore della lamiera raggio di piegatura Politecnico di Torino 25

26 Il ritorno elastico M l θ ρ θ Angolo di piegatura 51 Il ritorno elastico M l θ ρ + ρ θ θ + θ Angolo di ritorno elastico Politecnico di Torino 26

27 Parametri dell angolo di ritorno L angolo di ritorno è funzione di: θ raggio del punzone R p raggio dello stampo R d raggio dell asse neutro R n larghezza e spessore della lamiera (b, s) angolo di piegatura θ parametri caratteristici del materiale (E, C, n) = f ( R, R, R, b, s,?, E, C, n ) p d n 53 Elementi di calcolo nella piegatura Il ritorno elastico Il raggio di curvatura Politecnico di Torino 27

28 Il raggio minimo di curvatura Deve essere maggiore del minimo raggio di curvatura ammissibile per il tipo di deformazione: R min = s c c : coefficiente proprio del materiale 55 Elementi di calcolo nella piegatura Il ritorno elastico Il raggio di curvatura Lo sforzo di piegatura Politecnico di Torino 28

29 Il carico di flessione Il modulo resistente W: b s W = Il carico di flessione Il modulo resistente W: W b s = 6 La tensione σ f : σ f 2 F L = 4W si può approssimare σ f = 2Y quando L 6 12s, R = s Politecnico di Torino 29

30 Il carico di flessione b s W = 6 σ f 2 F L = 4W F = 2 b s σ f 1,5 L 59 Elementi di calcolo nella piegatura Il ritorno elastico Il raggio di curvatura Lo sforzo di piegatura Angolo di piegatura (profilatura a rulli) Politecnico di Torino 30

31 L angolo di piegatura (profilatura a rulli) La deformazione non deve superare il massimo angolo ammissibile di piegatura per ogni coppia di rulli 61 L angolo di piegatura (profilatura a rulli) Politecnico di Torino 31

32 Il massimo angolo di piegatura α max = 1 35 Alluminio e le sue leghe α max = 1 25 Acciai a basso contenuto di carbonio α max = 1 15 Acciai inossidabili e ottoni Politecnico di Torino 32

33 La tranciatura Teoria della tranciatura La piegatura Progettazione della piegatura L imbutitura Fisica dell imbutitura 65 Imbutitura e stampaggio di lamiera Nell imbutitura la lamiera piana assume una forma concava (cilindrica, scatolare o a coppa) il processo di deformazione non prevede la variazione dello spessore della lamiera Politecnico di Torino 33

34 Imbutitura e stampaggio di lamiera Nell imbutitura la lamiera piana assume una forma concava (cilindrica, scatolare o a coppa) Nello stampaggio la lamiera viene pressata tra uno stampo ed un controstampo è possibile una riduzione di spessore della lamiera nei punti più sollecitati localmente 67 Schema di funzionamento Politecnico di Torino 34

35 Schema di funzionamento Lamiera 69 Schema di funzionamento Premilamiera Politecnico di Torino 35

36 Schema di funzionamento Matrice 71 Schema di funzionamento Gioco punzone - matrice Politecnico di Torino 36

37 Fasi di funzionamento Avvicinamento in rapido del cuscino e del premilamiera 73 Fasi di funzionamento Politecnico di Torino 37

38 Fasi di funzionamento Avvicinamento in rapido del cuscino e del premilamiera Imbutitura lenta e compressione cuscino 75 Fasi di funzionamento Politecnico di Torino 38

39 Fasi di funzionamento Avvicinamento in rapido del cuscino e del premilamiera Imbutitura lenta e compressione cuscino Ritorno rapido della slitta ed azione dell estrattore 77 Fasi di funzionamento Politecnico di Torino 39

40 La tranciatura Teoria della tranciatura La piegatura Progettazione della piegatura L imbutitura Fisica dell imbutitura Politecnico di Torino 40

41 Tensioni di un cilindro cavo flangiato Imbutito con difetti di grinzatura sul premilamiera e strappo del raccordo di fondo 81 Tensioni di un cilindro cavo flangiato Stato di sollecitazione dell imbutito: F T F R P F T F R Politecnico di Torino 41

42 Variazioni di spessore del pezzo Diminuzione dello spessore sul fondello dell imbutito a causa delle tensioni di trazione 83 Variazioni di spessore del pezzo Diminuzione dello spessore sul fondello dell imbutito a causa delle tensioni di trazione Riduzione dello spessore nel tratto di raccordo tra il corpo cilindrico ed il fondello Politecnico di Torino 42

43 Variazioni di spessore del pezzo Diminuzione dello spessore sul fondello dell imbutito a causa delle tensioni di trazione Riduzione dello spessore nel tratto di raccordo tra il corpo cilindrico ed il fondello Diminuzione della riduzione di spessore dal raccordo inferiore fino a quello superiore con la flangia per effetto della forza circonferenziale F t 85 Dimensionamento del processo Dalla geometria del pezzo dipendono: lo sforzo di imbutitura la pressione sul premilamiera numero delle fasi di lavorazione Politecnico di Torino 43

44 Rapporto di imbutitura R i = d D p d p : diametro del punzone D : diametro iniziale del disco di lamiera 87 Rapporto massimo di imbutitura Il rapporto massimo di imbutitura ρ non può mai superare nel primo passaggio il valore ρ 0 : ρ = D d p d p : diametro del punzone D : diametro iniziale del disco di lamiera Politecnico di Torino 44

45 Diametro del punzone nei vari passaggi d p 1 = D ρ 0 89 Diametro del punzone nei vari passaggi p 1 d p 1 d p 2 = ρ 0 ρ1 = D d Politecnico di Torino 45

46 Diametro del punzone nei vari passaggi d p 1 = D ρ 0 d p 2 = d p 1 ρ 1 d p, n = d p (n 1) ρ 1 91 Forza di imbutitura per pezzi cilindrici F = k d p π s Y k : fattore di correzione 0,4 1 Y : tensione di snervamento s : spessore della lamiera Politecnico di Torino 46

47 La curva di formabilità ε 1 ε 2 93 La curva di formabilità ε 1 IMBUTITURA STIRAMENTO ε Politecnico di Torino 47

48 La curva di formabilità ε 1 PEZZI DIFETTOSI PEZZI SANI ε 2 95 Sommario della lezione La tranciatura Teoria della tranciatura La piegatura Progettazione della piegatura L imbutitura Fisica dell imbutitura Domande di riepilogo Politecnico di Torino 48

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

LAVORAZIONE DELLE LAMIERE

LAVORAZIONE DELLE LAMIERE LAVORAZIONE DELLE LAMIERE Pagina 1 di 5 LAVORAZIONE DELLE LAMIERE La lavorazione delle lamiere si esegue fondamentalmente per deformazione plastica a freddo oppure per separazione localizzata del materiale

Dettagli

L A V O R A Z I O N I D E L L E L A M I E R E S T A M P A G G I O A F R E D D O

L A V O R A Z I O N I D E L L E L A M I E R E S T A M P A G G I O A F R E D D O 1 L A V O R A Z I O N I D E L L E L A M I E R E S T A M P A G G I O A F R E D D O La più importante categoria di lavorazioni è quella delle lamiere (generalmente di spessore 5 mm), che dà origine ad una

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.8 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Lavorazione a freddo della lamiera LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Lavorazione a freddo delle lamiere È il processo

Dettagli

PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA

PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA 1 PIEGATURA È uno tra i più comuni metodi di lavorazione delle lamiere Utilizzata sia come processo a sé stante, sia in combinazione con altre operazioni

Dettagli

STAMPAGGIO DELLE LAMIERE

STAMPAGGIO DELLE LAMIERE STAMPAGGIO DELLE LAMIERE Le lamiere sono ottenute mediante il processo di laminazione Prima di questo processo le caratteristiche del materiale possono essere considerate isotrope, con i grani cristallini

Dettagli

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN Le proprietà tecnologiche dei materiali indagano la loro risposta alla lavorabilità ovvero forniscono indicazioni sulla risposta dei materiali

Dettagli

Lavorazione lamiera III

Lavorazione lamiera III Lavorazione lamiera III Imbutitura (deep drawing) Deformabilità delle lamiere Macchinari per la formatura delle lamiere Progettazione Considerazioni economiche Imbutitura (Deep Drawing) Nata nel 1700 non

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

Generalità e note di teoria

Generalità e note di teoria Capitolo 1 Generalità e note di teoria In questo capitolo sono riportate alcune note delle teorie utilizzate, riguardanti: Verifiche di resistenza. Dati del problema e convenzioni. Ipotesi fondamentali.

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

Anno Accademico 2005-06

Anno Accademico 2005-06 Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali CORSO DI: DISEGNO MECCANICO (FI) CORSO DI: DISEGNO TECNICO IND.LE (PO) Anno Accademico 2005-06 Modulo 4: Tecnologie

Dettagli

Applicazioni Industriali

Applicazioni Industriali Applicazioni Industriali Stampaggio a freddo - Tranciatura Marco Raimondi e-mail: mraimondi@liuc.it Lavorazione a freddo delle lamiere È il processo più diffuso per la produzione di grande serie di componentistica

Dettagli

Strutture in Acciaio:

Strutture in Acciaio: Strutture in Acciaio: i Verifica degli elementi strutturali STATI LIMITE DI ESERCIZIO STATI LIMITE ULTIMI DELLE SEZIONI (RESISTENZA DELLE SEZIONI) Si possono considerare due stati limite: 1. Stato

Dettagli

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche Prove tecnologiche PROVE TECNOLOGICHE Le prove tecnologiche vengono eseguite allo scopo di determinare l'attitudine dei materiali a subire determinati processi necessari a realizzare un certo prodotto.

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni Classificazione dei collegamenti Tipi di collegamenti 1. Collegamento a parziale ripristino di resistenza In grado di trasmettere le caratteristiche di sollecitazione

Dettagli

1. Il processo di imbutitura

1. Il processo di imbutitura . Il processo di imbutitura.. Lo stampaggio della lamiera Con il termine di stampaggio si intende una serie di operazioni meccaniche tramite le quali, senza avere produzione di truciolo, si può ottenere

Dettagli

Lavorazioni e Disegno

Lavorazioni e Disegno Lavorazioni e Disegno 1 Assiemi meccanici Ogni particolare, ogni singolo pezzo è realizzato con: materiale diverso; tecnologia (o tecnologie) differenti. Il disegno delle parti ne deve tenere conto 2 Classificazione

Dettagli

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura.

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura. La deformazione plastica La deformazione plastica Lavorazioni per deformazione Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La formatura della lamiera 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi della

Dettagli

Lavorazione lamiera II

Lavorazione lamiera II Lavorazione lamiera II Piegatura della lamiera Stretch forming Bulging Rubber forming e idroformatura Spinning Formatura ad alta energia Formatura superplastica Altri metodi di formatura Piegatura della

Dettagli

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ LE PROPRIETÀ DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Si possono considerare come l'insieme delle caratteristiche

Dettagli

IL RITORNO ELASTICO NELLA PIEGATURA DI LAMIERE D ACCIAIO: RILEVAMENTO SPERIMENTALE ED ANALISI DEI RISULTATI

IL RITORNO ELASTICO NELLA PIEGATURA DI LAMIERE D ACCIAIO: RILEVAMENTO SPERIMENTALE ED ANALISI DEI RISULTATI IL RITORNO ELASTICO NELLA PIEGATURA DI LAMIERE D ACCIAIO: RILEVAMENTO SPERIMENTALE ED ANALISI DEI RISULTATI Relatore: Prof. Antoniomaria Di Ilio Laureando: Dario Zulli 1 Il processo di piegatura rappresenta

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

Schema generale laminazioni

Schema generale laminazioni Laminazione Processo di riduzione dell altezza o cambio di sezione di un pezzo attraverso la pressione applicata tramite due rulli rotanti. La laminazione rappresenta il 90% dei processi di lavorazione

Dettagli

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA 156 Introduzione ai processi di produzione metalmeccanica I processi di produzione metalmeccanica si possono classificare nelle tre grandi famiglie di seguito indicate.

Dettagli

Spessore pelabile Georg Martin GmbH

Spessore pelabile Georg Martin GmbH Spessore pelabile Georg Martin GmbH M-Tech L-Laminum M-Tech L (Laminum) spessori laminati metallici per la compensazione precisa delle tolleranze. In qualità di partner per i prodotti di precisione, offriamo

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20 INDICE GENERALE Introduzione...xi 1.1 Premessa sugli Eurocodici strutturali... 13 Struttura Eurocodici strutturali... 13 Scopo degli Eurocodici... 14 Il ruolo degli Enti Normativi... 14 Ruolo della EN

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento 1) Meccanica della locomozione: equazione del moto, resistenze al moto, dinamica del veicolo, andamento planoaltimetrico, sopraelevazione in curva, accelerazione

Dettagli

ITS MAKER Modulo industrializzazione di prodotto. Modena, febbraio 2017

ITS MAKER Modulo industrializzazione di prodotto. Modena, febbraio 2017 ITS MAKER Modulo industrializzazione di prodotto Modena, febbraio 2017 Lavorazioni delle lamiere Le lamiere sono molto diffuse come elementi strutturali in vari settori dell industria metalmeccanica; esempio

Dettagli

Lavorazioni per deformazione plastica

Lavorazioni per deformazione plastica Lavorazioni per deformazione plastica I materiali metallici subiscono variazioni permanenti di forma quando assoggettati a sollecitazioni superiori al limite elastico. Nel caso monosssiale, tale valore

Dettagli

Ogni lamiera ha le proprie caratteristiche. I nostri utensili sono in grado di adattarsi.

Ogni lamiera ha le proprie caratteristiche. I nostri utensili sono in grado di adattarsi. Ogni ha le proprie caratteristiche. I nostri utensili sono in grado di adattarsi. Le lamiere ondulate, trapezoidali, lamiere d acciaio e i profilati richiedono soluzioni su misura. FEIN conosce molto bene

Dettagli

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle 2 Le molle sono elementi in grado di deformarsi elasticamente, assorbendo energia. Applicazioni caratteristiche: accumulatore

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI DAI PROVINI AI COMPONENTI Vi sono molti fattori che influenzano la resistenza a fatica; fra i fattori che riguardano il componente hanno particolare importanza: le dimensioni (C S ) la presenza di intagli

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009)

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009) 6. Unioni bullonate (aggiornamento 24-09-2009) 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate 6.1.1 Classificazione dei bulloni NTC - D.M. 14-1-2008 1 N.B. Il primo numero x 100 = f ub il secondo per il primo =f

Dettagli

I.T.I.S. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it ww.itismarconipadova.

I.T.I.S. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it ww.itismarconipadova. PAG. 1/5 I.T.I.S. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it ww.itismarconipadova.it DIPARTIMANTO DI MECCANICA E MACCHINE A FLUIDO Rev.

Dettagli

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione. Estrusione e trafilatura.

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione. Estrusione e trafilatura. La deformazione plastica La deformazione plastica Lavorazioni per deformazione Il processo di laminazione La forgiatura La formatura della lamiera 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi della lezione

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA PROVA DI TRAZIONE (UNI EN ISO 6892-1) 1 INDICE TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE RISULTATI DELLA PROVA DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

Dettagli

PROGETTAZIONE DI PRESSE MECCANICHE VERTICALI PER DEFORMAZIONE A FREDDO DI PARTICOLARI IN ACCIAIO DI GRANDI DIMENSIONI

PROGETTAZIONE DI PRESSE MECCANICHE VERTICALI PER DEFORMAZIONE A FREDDO DI PARTICOLARI IN ACCIAIO DI GRANDI DIMENSIONI PROGETTAZIONE DI PRESSE MECCANICHE VERTICALI PER DEFORMAZIONE A FREDDO DI PARTICOLARI IN ACCIAIO DI GRANDI DIMENSIONI Partendo dalla simulazione numerica dei processi di deformazione, Invernizzi Presse

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Superfici Reali e Nominali Ing. Alessandro Carandina Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Disegno tecnico Informazioni qualitative (i vari tipi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

Applicazioni Industriali

Applicazioni Industriali Applicazioni Industriali Stampaggio a freddo - Imbutitura Marco Raimondi e-mail: mraimondi@liuc.it Imbutitura È il processo mediante il quale una lamiera piana viene sagomata secondo rilievi tridimensionali

Dettagli

E TECNOLOGIA MECCANICA Appello 10 settembre 2010 Laurea Ing. Energetica

E TECNOLOGIA MECCANICA Appello 10 settembre 2010 Laurea Ing. Energetica PRINCIPI DI PROGETTAZIONE QUESITI DI TECNOLOGIA MECCANICA E TECNOLOGIA MECCANICA Appello 10 settembre 2010 Laurea Ing. Energetica Nome Matricola Rispondere ai quesiti solo sui fogli protocollo. Tutti i

Dettagli

Proprietà meccaniche. Prove meccaniche. prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep

Proprietà meccaniche. Prove meccaniche. prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep Proprietà meccaniche Prove meccaniche prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep Prova di trazione provini di dimensione standard deformazione

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza Le seghe a nastro Generalità La lama da sega a nastro è adatta per ogni genere di taglio; essa taglia ininterrottamente senza movimenti discontinui come invece avviene nelle seghe alternative. Con le seghe

Dettagli

PREWAL NUOVI SISTEMI PER LA DEFORMAZIONE PLASTICA DEI METALLI CON SISTEMI A BASE ACQUOSA: ALCHEMIA - DIVISIONE RICERCHE & SVILUPPO Rev.

PREWAL NUOVI SISTEMI PER LA DEFORMAZIONE PLASTICA DEI METALLI CON SISTEMI A BASE ACQUOSA: ALCHEMIA - DIVISIONE RICERCHE & SVILUPPO Rev. NUOVI SISTEMI PER LA DEFORMAZIONE PLASTICA DEI METALLI CON SISTEMI A BASE ACQUOSA: PREWAL ALCHEMIA - DIVISIONE RICERCHE & SVILUPPO Rev. 0 del 01/01/08 Con il nome di PREWAL s'identifica una serie di prodotti

Dettagli

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia LA PRIMA TRASFORMAZIONE acciaio inossidabile acciaio al carbonio MINERALE COKERIA ROTTAMI FERROSI

Dettagli

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A Test di ingresso MECCANICA Classe 0A 1. Tre corpi di massa rispettivamente m, m e 3m, collegati rigidamente fra loro con elementi di massa trascurabile, sono disposti in senso orario su una semicirconferenza

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti TRASMISSIONE AD INGRANAGGI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti GEOMETRIA DELLE RUOTE DENTATE La geometria delle ruote dentate si fonda sul modulo, m, dato da Dal modulo dipendono

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

Prof. A. Battistelli

Prof. A. Battistelli Prof. A. Battistelli Materiale da costruzione Materiale di origine minerale (si estrae da pietre) per costruire: oggetti, costruzioni edili, materiale tecnico ed elettronico, mezzi, attrezzi, ecc.. Come

Dettagli

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione. Estrusione e trafilatura La forgiatura

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione. Estrusione e trafilatura La forgiatura a deformazione plastica a deformazione plastica avorazioni per deformazione Estrusione e trafilatura a forgiatura a formatura della lamiera 006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi della lezione Evidenziare

Dettagli

--- durezza --- trazione -- resilienza

--- durezza --- trazione -- resilienza Proprietà meccaniche Necessità di conoscere il comportamento meccanico di un certo componente di una certa forma in una certa applicazione prove di laboratorio analisi del comportamento del componente

Dettagli

Estrusione e trafilatura

Estrusione e trafilatura Estrusione e trafilatura Estrusione Trafilatura Rastrematura Estrusione Diretta Indiretta Idrostatica Ad impatto Estrusione Sviluppata nel tardo 1700. I tipi principali sono: Estrusione diretta: l attrito

Dettagli

Le lavorazioni: la formatura. Le lavorazioni: la formatura. Le lavorazioni industriali

Le lavorazioni: la formatura. Le lavorazioni: la formatura. Le lavorazioni industriali Le lavorazioni: la formatura Le lavorazioni: la formatura Il processo di fusione La fusione in forma transitoria La fusione in forma permanente La formatura dei polimeri Esercizi sulla fusione 2 2006 Politecnico

Dettagli

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Lo studio delle frizioni coniche si effettua distinguendo il caso in cui le manovre di innesto e disinnesto

Dettagli

Tecnologia Meccanica 2 Imbutitura e stampaggio lamiera

Tecnologia Meccanica 2 Imbutitura e stampaggio lamiera L IMBUTITURA permette di passare da una lamiera di forma piana ad una di forma concava per effetto dell azione di un punzone che preme la lamiera verso un controstampo Il punzone trascina la lamiera all

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

Lavorazioni lamiera 1

Lavorazioni lamiera 1 Lavorazioni lamiera 1 Introduzione Caratteristiche lamiere Taglio lamiere Introduzione La formatura di lamiere involve pezzi con un alto rapporto di area su volume. In genere vengono impiegate lamiere

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

il materiale in questione presenta una caratteristica tensione deformazione ben approssimabile con una legge del tipo σ = c ε n in cui:

il materiale in questione presenta una caratteristica tensione deformazione ben approssimabile con una legge del tipo σ = c ε n in cui: Esercizio C. Ricalcatura libera di rame ricotto Si vuole eseguire la ricalcatura libera di un cilindro di rame ricotto di altezza e diametro pari a millimetri, ino a portarlo ad un'altezza di 7 millimetri.

Dettagli

LAVORAZIONI PER DEFORMAZIONE PLASTICA

LAVORAZIONI PER DEFORMAZIONE PLASTICA LAVORAZIONI PER DEFORMAZIONE PLASTICA Tratto da: Ceretti E., Maccarini G.; Plasticità e Lavorazioni per Deformazione Plastica; Università degli Studi di Brescia (Capitolo ) Santochi M., Giusti F.; Tecnologia

Dettagli

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica Anno scolastico: 2014-2015 Classe: 4^BMM MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia Insegnante: Gaspare Di Como Insegnante Compresente: Francesco Porco DIPARTIMENTO DI Meccanica PROGRAMMAZIONE SVOLTA MODULO

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 10 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

Le problematiche del serraggio

Le problematiche del serraggio Le problematiche del serraggio La giusta scelta degli elementi di fissaggio e dei parametri di serraggio permettono di evitare il rilassamento e l'autoallentamento dei collegamenti fiiettati. II fissaggio

Dettagli

Deformazione plastica dei materiali

Deformazione plastica dei materiali Deformazione plastica dei materiali È una trasformazione che interessa un materiale allo stato solido che può avvenire a diverse temperature Esistono, nell ambito della deformazione plastica due tipi di

Dettagli

LISTA ATTREZZATURE. www.tecnocurve.com. Scopri la più avanzata tecnologia per la piega dei metalli su:

LISTA ATTREZZATURE. www.tecnocurve.com. Scopri la più avanzata tecnologia per la piega dei metalli su: LISTA ATTREZZATURE Scopri la più avanzata tecnologia per la piega dei metalli su: www.tecnocurve.com TECNOCURVE Via IV Novembre, 38-37050 San Pietro di Morubio (VR) T 045-7144459 - E-mail: info@tecnocurve.com

Dettagli

TAGLIERINA VA10 TAGLIERINA VA1 DATI TECNICI: DATI TECNICI: LUNGHEZZA TAGLIO: 620mm TAGLIO MAX*: 6mm

TAGLIERINA VA10 TAGLIERINA VA1 DATI TECNICI: DATI TECNICI: LUNGHEZZA TAGLIO: 620mm TAGLIO MAX*: 6mm TAGLIERINA VA10 LUNGHEZZA TAGLIO: 620mm TAGLIO MAX*: 6mm POTENZA: 350W DIAMETRO LAMA: 120mm VELOCITA LAMA: 15.000g/min. ALIMENTAZIONE: 230V monofase 18Kg DICHIARAZIONE CE * materiali plastici, acrilici,

Dettagli

Sistema di chiusura con apertura centrale. Disponibile anche con micro di sicurezza incorporato. Porta scorrevole con apertura a comando pneumatico.

Sistema di chiusura con apertura centrale. Disponibile anche con micro di sicurezza incorporato. Porta scorrevole con apertura a comando pneumatico. Porta scorrevole ad apertura centrale con ante contrapposte. Il sistema consente di aprire simultaneamente le ante agendo su una sola anta. Il sistema può essere motorizzato. Sistema di chiusura con apertura

Dettagli

Strutture in acciaio. Unioni

Strutture in acciaio. Unioni Strutture in acciaio Unioni Tipologie di unioni Chiodi o bulloni Sono puntuali Indeboliscono le sezioni Ripristinano solo parzialmente la continuità Si eseguono in opera con relativa facilità Saldatura

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO - Classiicazione e veriica sezioni - Modelli sismo-resistenti dissipativi per le strutture in acciaio - Veriiche per gli elementi dissipativi - Applicazione della Gerarchia

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Saranno forniti i criteri per la scelta dei servomotori e dei principali componenti meccanici di un azionamento di avanzamento. dimensionamento stazionario

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

LEZIONE 3. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Parte I. Caratteristiche generali. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 3. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Parte I. Caratteristiche generali. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 3 PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Parte I. Caratteristiche generali

Dettagli

1. SOFT-TOOL FORMING 2. INCREMENTAL FORMING 3. UTILIZZO DELLA TEMPERATURA COME PARAMETRO DI PROCESSO IDROFORMATURA DI LAMIERE

1. SOFT-TOOL FORMING 2. INCREMENTAL FORMING 3. UTILIZZO DELLA TEMPERATURA COME PARAMETRO DI PROCESSO IDROFORMATURA DI LAMIERE Tecnologie innovative di formatura delle lamiere Le tradizionali tecnologie di stampaggio appaiono in stridente contrasto con i nuovi target richiesti dal mercato, caratterizzati da volumi di produzione

Dettagli

Deformazione spessore

Deformazione spessore Deformazione spessore Ne consegue che anche lo spessore della lamiera varia da punto a punto. I raggi di arrotondamento di punzone e matrice Gioco tra matrice e punzone Condizioni di lubrificazione Pressione

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

Range di fattibilità del prodotto per un offerta personalizzata basata sul know-how integrato

Range di fattibilità del prodotto per un offerta personalizzata basata sul know-how integrato Rivestimenti e passivazione Rivestimento in stagno (g/m 2 ) 1,0 1,4 2,0 2,8 4,0 5,0 5,6 8,4 11,2 14,0 15,1 Elettrozincato (μm) Passivazione (mg/m 2 ) Codice Min Max 300 1,0 3,0 311 3,5 9,0 314 9,0 - La

Dettagli

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO TAGLIO)

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Laurea In Ingegneria Meccanica FORMABILITÁ A FREDDO DI ACCIAI INOSSIDABILI AUSTENITICI E FERRITICI Relatore: Marco Boniardi Correlatore: Silvia Barella

Dettagli

catalogo stampi cori ediz. c10

catalogo stampi cori ediz. c10 catalogo stampi cori ediz. c10 CALCOLO ELLA POTENZA I TRANCIATURA informazioni generali La formula per calcolare la potenza di tranciatura è la seguente: P= Pm x S x R 1000 dove: Pm = perimetro del punzone

Dettagli

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI Capitolo 4B - Stati limite ultimi 51 Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI 4.1 Trazione Il comportamento sotto carico crescente di un pezzo di acciaio è ricavabile dalla prova a trazione effettuata con apposite

Dettagli

Lavorazioni Meccaniche

Lavorazioni Meccaniche Short Master Lavorazioni Meccaniche 1 Edizione Modena, 18 marzo - 15 aprile 2015 Destinatari Area Industriale e Ricerca e Sviluppo (Manufacturing, Engineering, Pre Series Planning e Progettazione) in collaborazione

Dettagli

Esercitazione n 4. Morganti Nicola Matr. 642686. Saldature

Esercitazione n 4. Morganti Nicola Matr. 642686. Saldature Saldature Esercitazione n 4 23 Nelle figure sottostanti sono rappresentate le sette diverse tipologie di strutture saldate; noti i carichi applicati ed alcune dimensioni dei collegamenti, completare il

Dettagli

Convegno DIMI 2009 Brescia 2 Aprile 2009 1/16

Convegno DIMI 2009 Brescia 2 Aprile 2009 1/16 Lavorazioni innovative della lamiera A. Attanasio Technologies and Manufacturing Systems Group Department of Mechanical and Industrial Engineering - Italy 1/16 L organico Strutturati Elisabetta Ceretti

Dettagli