ANNANDALE Enterprises Corp., acceso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNANDALE Enterprises Corp., acceso"

Transcript

1 DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA CENTRO OPERATIVO DI BARI N. 125/BA/2 Sett. Inv. Giud./H /1379 di prot. Bari, 2/2/2005 OGGETTO: Esito attività di indagine svolta sul conto di: 1. DJUKANOVIC Milo, nato il a Niksic (Repubblica del Montenegro facente parte dell Unione di Serbia-Montenegro), domiciliato presso il Palazzo del Governo del Montenegro; 2. PESIC Dusanka, nata il a Danilovgrad (Repubblica del Montenegro), residente in Milano via Andrea Solari n. 32, vedova del defunto Janko JEKNIC, Ministro degli Affari Esteri del Governo della Repubblica del Montenegro; 3. IVANISEVIC Miroslav, nato il Repubblica di Yugoslavia, titolare del passaporto , Ministro delle Finanze del Governo della Repubblica del Montenegro; 4. GALFETTI Renzo, nato il , domiciliato 6832 Pedrinate (Confederazione elvetica), via Santo Stefano n. 11, avvocato; 5. BIONDI Clemente, nato il a Napoli, ivi residente via Caracciolo n. 20, con studio legale in Napoli via Generale Orsini n. 44, avvocato.

2 R E S P O N S A B I L I : 1. DJUKANOVIC MILO; a. del delitto p. e p. dagli artt. 61 n. 2 e 10, 112 n. 1, 2 e 3, 416 bis 1, 2, 3, 4 e 5 comma C.P., per aver preso parte ad una associazione di stampo camorristico-mafioso, promossa e diretta da PRUDENTINO Francesco, SARNO Costantino (in Montenegro fino al , data del suo arrivo in Italia, dove veniva tratto in arresto), LARASPATA Raffaele (in Montenegro fino al , data della sua fuga da quello Stato verso l Italia, dove veniva tratto in arresto il ), LARASPATA Tommaso (in Montenegro fino al , data della sua fuga da quello Stato verso l Italia, dove veniva tratto in arresto il ), LARASPATA Donato, VITELLARO Umberto, CELLAMARE Giuseppe (in Montenegro fino al , data della sua espulsione da quello Stato e conseguente arresto in Italia), STANO Benedetto (in Montenegro fino al , data del sua arresto in Italia, dove era giunto clandestinamente), VANTAGGIATO Santo (in Montenegro fino al , data del suo omicidio), PAGANO Antonio (in Montenegro fino all ottobre 1996), SPARACCIO Francesco, RILLO Bruno (in Montenegro fino all ottobre dell anno 1996), MONTEFORTE Cesario (in Montenegro fino ad epoca prossima al , data del suo arresto in Italia) ed altri, esponenti di vertice delle organizzazioni criminali di stampo camorristico-mafioso operanti in Puglia ed in Campania che, raggiunti da provvedimenti restrittivi della libertà personale adottati dalla Magistratura italiana, si sottraevano alla cattura raggiungendo i litorali dei Montenegro, dove, insediatisi stabilmente, prendevano parte, in funzione direttiva, nel corso del tempo e ciascuno per il periodo di permanenza in quel Paese, ad un accordo con i quattro concessionari -CUOMO Gerardo, LLORENS Gilbert-MONNIER Patrick, VARANO Michele Antonio, GARCIA CANCIO Luis 2

3 Angel-, della licenza di importazione dei tabacchi lavorati esteri in Montenegro -concessa dalle competeti Autorità a DELLA TORRE Franco-, con le Autorità pubbliche di quel Paese per il controllo mafioso dei traffici illeciti verso le coste pugliesi ed in particolare verso i litorali del Distretto di Corte di Appello di Bari di armi, tabacchi lavorati esteri e sostanze stupefacenti ed il successivo finanziamento del circuito criminale. In particolare, Milo DJUKANOVIC, prima in qualità di Capo del Governo, successivamente come Presidente della Repubblica ed, infine, ancora come Capo del Governo della Repubblica del Montenegro (Stato facente prima parte della Repubblica Federale di Yugoslavia, dai primi mesi del 2003 del soggetto unico di diritto internazionale Unione di Serbia-Montenegro), unitamente ad altri soggetti appartenenti e non alle Istituzioni di quello Stato: concedeva, per il tramite di Corrado BIANCHI, a Franco DELLA TORRE, entrambi cittadini svizzeri, la licenza di importazione nei territori della Repubblica del Montenegro di casse di tabacchi lavorati esteri, pari a 1000 tonnellate al mese, che successivamente e di intesa con lo stesso Franco DELLA TORRE veniva suddivisa in quattro concessioni, rilasciate a Gerardo CUOMO, Michele Antonio VARANO, Luis Angel GARCIA CANCIO e Patrick MONNIER, quest ultimo in luogo del defunto Gilbert LLORES; concedeva l uso, per il tramite di persone di fiducia, tra i quali Zarko MARKOVIC direttore della ZETA TRANS, di aziende a partecipazione pubblica, per garantire la logistica necessaria allo scopo, per consentire l introduzione delle predette casse di t.l.e. -tramite i varchi di terra, nonché tramite gli aeroporti e i porti montenegrini-, il successivo trasporto, scorta, stoccaggio delle stesse casse; consentiva, per il tramite delle autorità di polizia e di sicurezza, deputate al controllo, nonché con il necessario apporto delle citate aziende a partecipazione pubblica, l attracco nei porti di Zelenika e di Bar dei potenti 3

4 motoscafi di proprietà e nella disponibilità dei componenti dell associazione criminale utilizzati unicamente per il trasporto: di armi qualificate secondo la legislazione italiana clandestine di tipo guerra; delle citate casse di t.l.e.- dalle coste montenegrine a quelle italiane, in particolare quelle comprese nel Distretto della Corte di Appello di Bari-; di sostanze stupefacenti; di clandestini, segnatamente anche di cittadini italiani destinatari di provvedimenti cautelari che, allo scopo di sottrarsi alle Autorità italiane, clandestinamente raggiungevano le località montenegrine per soggiornarvi; consentita la fornitura di carburante per gli stessi natanti, per il tramite della società Jugopetrol e il necessario supporto logistico per la loro manutenzione; prendeva parte, unitamente ad altri soggetti, alla decisione della costituzione della società montenegrina denominata Montenegro Tabak Transit, allo scopo di controllare, anche per il tramite della società panamense SANTA MONICA S.A. -facente capo a Franco DELLA TORRE-, la quantità di casse di tabachi lavorati esteri introdotti dai concessionari della licenza in Montenegro, e disporre infine, per il tramite dello stesso Franco DELLA TORRE, la riscossione della cosiddetta tassa di transito, destinando, quindi, i rivenienti ingenti capitali, anche tramite la INTERCAMBI S.A. di Freddy BOSSERT, parte: sul conto, in divise diverse, n. Q , ZETA TRANS, accesso prima presso la S.B.S. di Lugano poi divenuta U.B.S. S.A.; sul conto USD n /1001 ANNANDALE Enterprises Corp., acceso presso la KBS, Krediet Bank Swisse, sede di Lugano; sul conto USD n /1001 KRESTA Enterprises Ltd acceso presso la Krediet Bank sede di Lugano; sul conto USD n

5 MONTAGNE BLEU Ltd. acceso presso la KBS, Krediet Bank Swisse, sede di Lugano; somme che, transitate sui predetti conti secondo le direttive impartite dai responsabili della M.T.T. -Branko VUJOSEVIC, inteso Filip o Philip, e Vesko BAROVIC- e della ZETA TRANS, venivano poi destinate su conti di società estere o di persone fisiche, tra cui: conto n , BK Cyprus Nicosia, PEGALIMI Limited; conto n. PO , U.B.S. Zurich, IKOS Finance Company ltd; conto n , Deutsche Bank AG., Frankfurt, Germany, GML/WEBO Ltd; conto n , RBA(X) Raiffeisenbank, Austria D.D., Zagreb ZIVKOVIC Slobodan Croatia,; conto n , ELLENIC BK Nicosia, COPERMAN Shipping Ltd, Limassol Cyprus; conto n , XIOSBANK S.A. KFSIA Brank Kfsia Athens (Greece), CAPTAIN Holding Ltd; conto n /1100, TATRA BANKA A.S. Bratislava, Svolak Republik, EAST AIR COMPANY Ltd, Bratislava, Repubblica di Slovacchia,; conto n , ANKER BANK Taistrasse n. 82 CH-8022 Zurich, ROBECCO AVIATION S.A., Panama; conto n , BK AMERICA Frankfurt, ED & F MAN SUGAR Limited, Londra, Regno Unito; conto n , BK CYPRUS Nicosia, MIJOVIC Verica; conto n , DEUTSCHE BANK, Bonn, Germany, AUTOHAUS JACOB FLEISCHHAUER, Bonn, Germania; LANBADA, Novi Sad; CENTAR SAVREMENE; conto n , REGIONT BANK Lousiana New Orleans, TIODOROVIC Tijana; conto n , WASHINGTON MUTUAL BANK, FA EL SEGUNDO FINANCIAL 5

6 CENTER, North Sepulveda Blvd EL SEGUNDO CA 90245, BURIC Dordije; conto USD n , CYPRUS POPULAR BANK Ltd, GORANOVIC Predrag, c/o Linopetra Brank,; conto n , VERWALTUNGS PRIVAT-BK Vaduz, CODEX Ltd; conto n , KAERNTNER LANDERS UND HYPOTEKEN BANK AG, Klagenfurt, Austria, INTERNATIONAL TRADING PARTHENRS Ltd; conto n. 5D , U.B.S. Zurich, NIVADA IMPORT AND EXPORT GMBH,; conto n , LHB INT. HANDELSBK Frankfurt, ZETATRANS; ed altri assicurava tramite i vertici dell apparato di polizia e di sicurezza, la protezione dei cittadini italiani, destinatari di provvedimenti di cattura emessi dall Autorità Giudiziaria italiana, resisi latitanti e riparati in territorio della Repubblica del Montenegro, in particolare dei cittadini italiani: PRUDENTINO Francesco (arrestato a Salonicco, Grecia, nel mese di dicembre 2000 dopo aver a lungo soggiornato a Zelenika e a Budva, località della Repubblica del Montenegro); SARNO Costantino (in Montenegro sino al , data del suo arrivo in Italia, dove veniva arrestato); LARASPATA Raffaele (in Montenegro fino a circa il , data della sua fuga da quello Stato verso l Italia, dove veniva tratto in arresto l ); LARASPATA Tommaso (in Montenegro fino a circa il , data della sua fuga da quello Stato verso l Italia, dove veniva arrestato il ); VITELLARO Umberto (in Montenegro fino a data prossima al data del suo arresto in Italia); CELLAMARE Giuseppe (in Montenegro fino al , data della sua esplusione e conseguente arresto in Italia); 6

7 STANO Benedetto, (in Montenegro fino al , data del suo arresto in Italia, ove era giunto clandestinamente); VANTAGGIATO Santo, (in Montenegro fino al , data del suo omicidio); PAGANO Antonio, (in Montenegro fino al mese di ottobre 1996); SPARACCIO Francesco, (in Montenegro fino al , data della sua espulsione in Montenegro e dell arrivo in Italia, ove veniva tratto in arresto); RILLO Bruno, (in Montenegro fino al mese di ottobre 1996); MONTEFORTE Cesario, (in Montenegro fino ad epoca prossima al , data del suo arresto in Italia); TAURISANO Carmine, (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); LARASPATA Donato (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); RISPOLI Enrico (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); TEDESCO Giuseppe (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); COFFA Maurizio (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); CAVALIERE Erminio (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); COLUCELLO Domenico (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); VASTARELLA Diego (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); RISO Fabio (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); SARDELLA Giovanni (in Montenegro fino al 7

8 , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); CUCINELLI Leonardo (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); BUCCOLIERI Massimo (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); NACCI Raffaele (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); ALFARANO Francesco (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); CINCINNATO Marcello (in Montenegro fino al , data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); MONTALTO Rocco (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); CONDUSSI Carmine (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); SODANO Salvatore (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); LAGO Ferdinando (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); ORSO Mario (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); D ARIENZO Umberto (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); BORRELLI Salvatore (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); PUGLIA Salvatore (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); CONTE Fausto (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); CONTE Rocco (in Montenegro fino al 8

9 data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); SIMINI Vito (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto); LEONE Giovanni (in Montenegro fino al data della sua espulsione verso l Italia, ove veniva dichiarato in arresto; ed altri; b. del delitto p. e p. dagli artt. 61 n. 2 e 10, 112 n. 1, 2 e 3, 416 C.P. e 282 T.U.L.D., per avere promosso, costituito e diretto una associazione a delinquere per la consumazione di un numero indeterminato di reati di contrabbando di tabacchi lavorati esteri e comunque non inferiori a casse mensili, pari a tonnellate, quantitativo stabilito dalla concessione della licenza di importazione o di transito ; c. del delitto p. e.p. dagli artt. 110, 81, 648 bis C.P. e 7 D.L. 152/1991, in concorso con altri ed in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, e fuori dei casi di concorso nel reato-fine sub b), riceveva danaro provento dei delitti dell associazione di cui al capo a). In particolare Milo DJUKANOVIC, unitamente ai suoi collaboratori più prossimi, riceveva sempre e comunque dai concessionari dell unica licenza di importazione o transito, per il tramite di Franco DELLA TORRE, secondo le modalità meglio descritte nel sub capo a), il corrispettivo del transito di casse, pari a 1000 tonnellate, al mese anche allorquando gli stessi concessionari, per motivi diversi, importavano, nella Repubblica del Montenegro, quantitativi notevolmente inferiori di t.l.e.. I concessionari, nella circostanza, utilizzavano i proventi rivenienti da altre attività criminose, gestite sul territorio dai capi promotori delle singole frangie dell associazione, quali il traffico di sostanze stupefacenti, di armi da sparo, comuni e da guerra, estorsioni ed altro. Lo stesso Milo DJUKANOVIC riceveva, in occasione delle consultazioni elettorali tenutesi nell autunno

10 in Montenegro, somme di denaro da esponenti di spicco della criminalità organizzata italiana, in particolare da STANO Benedetto e dai fratelli LARASPATA. In Bari ed aeree limitrofe e comunque ricomprese nel tratto costiero fra la città di Brindisi ed il promontorio del Gargano, Montenegro e Confederazione elvetica, con condotta da epoca imprecistata del 1994 fino all anno PESIC DUSANKA, 3. IVANISEVIC MIROSLAV, 4. GALFETTI RENZO, 5. BIONDI CLEMENTE; d. del delitto p. e p. dagli artt. 61 n. 2 e 9, 112 n. 1 e 2, 378 C.P. e 7 D.L , n. 152, conv. con modifiche in L n. 203, per aver, in concorso tra loro -unitamente a BAROVIC Veselin, VUJOSEVIC Branko, Paolo SAVINO e d intesa con Milo DJUKANOVIC-, ed al fine di agevolare l attività dell associazione di cui al precedente sub a), attraverso l aiuto fornito a Franco DELLA TORRE, promotore e dirigente dell indagata associazione di tipo camorristico-mafiosa, redatto documenti dal contenuto ideologicamente falso e prodotti successivamente nel corso dell interrogatorio reso in data 03/04/2001 dallo stesso DELLA TORRE inquinando le fonti di prova relative al proc. pen. 129/01-21 della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. In particolare, Dusanka PESIC, unitamente a Clemente BIONDI e Renzo GALFETTI, rispettivamente difensore italiano e svizzero dell indagato Franco DELLA TORRE, Veselin BAROVIC, Branko VUJOSEVIC, Miroslav IVANISEVIC e con l assenso di Milo DJUKANOVIC, redigevano il contenuto di alcuni atti prodotti dal citato collegio difensivo del DELLA TORRE nel corso dell interrogatorio, tra cui quelli segnatamente annotati come allegati n. 10 e 11. In Bari, Napoli, Milano ed aeree limitrofe, Confederazione elvetica e Repubblica del Montenegro, con condotta dal giorno dell esecuzione 10

11 dell O.C.C.C. n. 129/01-21 e 1257/01-21 emessa in data dalla Sezione del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Bari, nei confronti di Franco DELLA TORRE + altri- ad epoca prossima al data coincidente con l esame del citato Franco DELLA TORRE in Svizzera, in accoglimento di domanda di assistenza giudiziaria internazionale formulata dalla D.D.A. di Bari al Ministero Pubblico della Confederazione elvetica. 2. PESIC DUSANKA e. del delitto p. e.p. dagli artt. 110, 81, 648 bis C.P. e 7 D.L. 152/1991, in concorso con altri ed in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, e fuori dei casi di concorso nel reato-fine sub b), riceveva danaro provento dei delitti dell associazione di cui al capo a). In particolare, Dusanka PESIC, per il tramite di Franco DELLA TORRE, riceveva periodicamente, secondo i criteri indicati nel sub capo a), ingentissime somme di denaro che utilizzava, tra l altro, in epoca compresa tra giugno luglio 1997, per l acquisto, per lire , di un autovettura AUDI, mod. A4, c.c , 125 CV, di colore blu, dalla concessionaria SAGAM S.p.a., via Luigi Sacco n. 5/A, Milano. In Bari ed aeree limitrofe e comunque ricomprese nel tratto costiero fra la città di Brindisi ed il promontorio del Gargano, Repubblica del Montenegro, Confederazione elvetica e Milano, con condotta da epoca imprecistata del 1994 fino all anno

12 ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI - Direzione Distrettuale Antimafia - (c.a. dott. Giuseppe SCELSI) (c.a. dott.ssa Eugenia PONTASUGLIA) e, per conoscenza: B A R I A L I I R E P A R T O R O M A In data , nell ambito del proc. pen. 742/99-21, il dr. Giuseppe SCELSI, conferiva a questo Centro Operativo delega articolata in vari punti, tra i quali quello concernente il completamente delle indagini sul conto dei referenti istituzionali slavi dell indagata cupola. Lo stesso P.M., il , sollecitava l espletamento delle attività investigative volte ad accertare, tra le altre, le responsabilità penali dei vertici istituzionali slavi ed in particolare del Presidente della Repubblica del Montenegro e dei suoi collaboratori iscritti a mod. 21 del Registro Generale della Procura della Repubblica di Bari. Allo scopo di dare esecuzione al punto delega in trattazione, si è ritenuto opportuno procedere alla predisposizione di singole schede-informative sul conto dei principali soggetti indagati. Tale soluzione è stata ritenuta ottimale per l esito delle attività investigative atteso la notevole mole del materiale e delle informazioni raccolte. Nel presente elaborato, oltre alla posizione dell indagato DUKANOVIC Milo sono state valutate anche quelle di: PESIC Dusanka, meglio nota con il cognome del defunto marito, JEKNIC, cittadina dell Unione di Serbia-Montenegro, rappresentante 12

13 dell Unione di Serbia-Montenegro, in Italia; IVANISEVIC Miroslav, cittadino dell Unione di Serbia-Montenegro, Ministro delle Finanze del Governo della Repubblica del Montenegro; GALFETTI Renzo, cittadino svizzero, legale svizzero dell indagato DELLA TORRE Franco; BIONDI Clemente, cittadino italiano, legale dell indagato DELLA TORRE Franco, nei confronti dei quali sono state state individuate le responsabilità penali indicate nel capo di imputazione indicato in oggetto. Allo scopo di consentire un più agevole esame del documento si è ritenuto opportuno organizzare il lavoro in una premessa e 4 capitoli: 1. LE DICHIARAZIONI RESE DALLE FONTI ENDOCRIMINALI E DALLE PERSONE INFORMATE DEI FATTI; 2. I PROVVEDIMENTI GIUDIZIARI; 3. LE ULTERIORI INDAGINI; 4. LE CONCLUSIONI. 13

14 P R E M E S S A Con il presente elaborato si vogliono dimostrare, oltre ogni ragionevole dubbio, le responsabilità penali in capo a Milo DJUKANOVIC e ai suoi collabotarori in merito al coinvolgimento nell indagata associazione di tipo camorristico mafioso. Preliminarmente si rappresenta che le responsabilità delle istituzioni della Repubblica del Montenegro circa il coinvolgimento in quella che è stata processualmente definita la cupola camorristico-mafiosa sono state considerate nella Sentenza n. 626/01 R.G.G.I.P., emessa dalla Dott.ssa Maria Teresa Romita, della Sezione del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale Civile e Penale di Bari. Il Montenegro, per un decennio, è stata la vera Tortuga dell Adriatico: paradiso dei traffici illeciti; impunità garantita ai malavitosi; località costiere come Bar e Cattaro utilizzate come basi logostiche; flottiglie di scafi; la scorta garantità dalle autorità alle merci illecitamente trafficate, una vicenda allucinante, una vicenda d altri tempi. Nel periodo in esame la Tortuga è stata governata da Milo DJUKANOVIC. Le istituzioni montenegrine sulla situazione hanno prima negato qualsiasi coinvolgimento ammettendo solo ed esclusivamente la riscossione di tasse sul transito della merce sotto il controllo totale dello Stato, escludendo ogni sorta di abuso; hanno, poi, tentato una sorta di difesa d ufficio sostenendo che il paese proveniva da una difficile situazione, il conflitto interetnico, l embargo con le relative sanzioni ecc., e di qui la necessità di investire nelle attività gestite dalle cosche criminali. E ovvio che le giustificazioni addotte sono assolutamente prive di qualsiasi fondamento: è stato, infatti, accertato che il gettito fiscale derivante dalla riscossione della c.d. tassa di transito, in maniera del tutto anomala veniva recuperato, a cura di privati sulle merci introdotte in quel Paese, in Svizzera presso banche elvetiche. Come si vedrà in seguito, un 14

15 soggetto collegato direttamente all indagato Franco DELLA TORRE, di indubbio interesse investigativo, era il cittadino montenegrino Branko VUJOSEVIC, dirigente della società M.T.T. (Montenegro Tabak Transit). Il citato DELLA TORRE, per conto della montenegrina M.T.T., era fiduciario per la riscossione dei tributi, per l importazione e l immagazzinamento delle merci, dovuti alla Repubblica del Montenegro da parte dei quattro concessionari 1. Per sua stessa ammissione, DELLA TORRE, provvide all apertura, presso la KREDIET Bank di Lugano, di tre diversi conti il cui beneficiario era la M.T.T., mentre lui ne era il procuratore. Quei conti intestati a tre società di diritto irlandese, di Dublino: KRESTA ENTERPRISES LTD, MONTAGNE BLEU LTD. ed ANNANDALE ENTERPRISES CORP., erano alimentati dallo stesso DELLA TORRE con fondi prelevati dal conto SANTA MONICA, depositato presso l Ufficio Cambio INTERCAMBI S.A. del noto Alfred BOSSERT. Il DELLA TORRE, secondo le indicazioni impartitigli di volta in volta dal Montenegro, provvedeva dai quei conti ad effettuare pagamenti alla ZETA TRANS e ad altri beneficiari, tra cui politici yugoslavi. Effettivamente, nella perquisizione eseguita il , in Svizzera, presso i locali nella disponibilità del DELLA TORRE, è stata sequestrata copiosa documentazione da cui emerge in maniera inequivocabile l apertura dei conti KRESTA ENTERPRISES LTD, MONTAGNE BLEU LTD. ed ANNANDALE ENTERPRISES CORP nonché le indicazioni della M.T.T., inviate via fax allo stesso DELLA TORRE, circa la destinazione successiva di somme, i beneficiari ed i conti, questi ultimi accesi presso altri istituti di credito. Tra la citata documentazione è stata acquisita anche quella concernente riferiti pagamenti, effettuati dal DELLA TORRE, a Branko VUJOSEVIC. E quanto mai singolare la circostanza relativa alla riscossione dei tributi, la cosiddetta tassa di importazione per le merci 1 CUOMO Gerardo, nato a Gragnano (NA) il ; VARANO Michele Antonio nato a Centrache (CZ) il ; MONNIER Patrick nato il ; GARCIA CANCIO Luis Angel nato il ad Arguedas. 15

16 in transito in Montenegro, in Svizzera, operata da Franco DELLA TORRE su incarico di rappresentati istituzionali montenegrini: le somme riscosse dall incaricato DELLA TORRE sono depositate sul conto SANTA MONICA costituiscono, quindi, delle entrate, per il regime fiscale della piccola Repubblica. Sino a questo punto quelle somme sono da considerarsi tributi, pur se discutibili per le modalità di prelievo, ma se vogliamo pur sempre tributi. I gravi indizi che inducono, invece, a ritenere, a ragione, che non si tratta di entrate finanziarie, ma di una operazione di riciclaggio derivano anche dalle dichiarazioni rilasciate dal DELLA TORRE e dalla documentazione sequestrata: somme, infatti, prelevate a titolo di tributo sono, invece, utilizzate per alimentare altri conti, intestati a privati cittadini -verosimilmente montenegrini- o società, presso altre diverse banche europee (ad esempio vds. all. n.1 esito rogatoria formulata al Principato di Monaco); non può e non deve essere considerata una giustificazione la prospettata situazione montenegrina, che appariva tale anche per altri Stati della regione balcanica nel recente passato dopo lo sfaldamento dell Unione sovietica. Non può essere, quindi, considerata una scriminante per Milo DJUKANOVIC e per i componenti del suo entuorage, anche politico, il presunto motivo del comportamento posto in essere. Si è trattato, piuttosto, di comportamento criminale per aver scelto, con coscienza e volontà, di colludere con la criminalità organizzata. Il presupposto di tale scelta non può rientrare nelle cause di esclusione della punibilità, anche perché non è assolutamente ipotizzabile una sorta di stato di necessità incombente per le loro persone o per lo Stato. Anzi, Milo DJUKANOVIC, ha agito, solo nell interesse personale suo e di una parte molto ristretta di collaboratori, ai danni dello Stato italiano e dell Europa comunitaria. Non si possono e non si devono dimenticare i ripetuti tentativi del Governo italiano dell epoca che per contrastare con determinazione il fenomeno crimimale in argomento, non essendovi riuscito politicamente 16

17 anche con decise prese di posizioni nei riguardi del collaterale montenegrino, dovette disporre l impiego straordinario di ingenti Forze di Polizia in Puglia, anche con l impiego del Battaglione Paracadutisti Tuscania dei Carabinieri, l acquisto di autovetture blindate, di apparati radar mobili per poter individuare in partenza gli scafi, di veloci scafi da destinare al pattugliamento delle acque territoriali. Sotto questo profilo l operazione meglio nota come Primavera, non fu certo una vittoria. Come non fu una vittoria l espulsione in massa dei criminali italiani dal Montenegro iniziata nell ottobre 1999, in quanto concordata ed avvenuta proprio attraverso l intermediazione di CUOMO Gerardo, uno dei promotori più significativi del cartello criminale indagato. Oggi, all esito di complesse attività investigative svolte anche a livello internazionale, è possibile affermare, con assoluta certezza, che il fenomeno criminale è stato debellato in quanto è stata smantellata l intera cupola camorristico-mafiosa, con la cattura e la condanna dei suoi capi promotori e dirigenti: CUOMO Gerardo, sopra qualificato, cittadino italiano, proc. pen 17863/96-21, condannato in data con Sentenza n. 809/2004 ad anni 7 e mesi 4 di reclusione perché responsabile del delitto p. e p. dall art. 416 bis. C.P., quale capo promotore del sodalizio; DELLA TORRE Franco nato il , cittadino elvetico, proc. pen. 129/01-21 D.D.A. di Bari; VARANO Michele Antonio, sopra qualificato, cittadino italiano, proc. pen. 129/01-21 D.D.A. di Bari; LLORENS Gilbert, nato il , cittadino francesce, deceduto in Paraguay, proc. pen. 129/01-21; MONNIER Patrick, sopra qualificato, cittadino francese, proc. pen. 129/01 D.D.A. di Bari; GARCIA CANCIO Luis Angel, sopra qualificato, cittadino spagnolo, 17

18 proc. pen. 129/01-21; nonché grazie ai considerevoli sequestri di somme e patrimoni eseguiti in territorio dello Stato italiano e in stati off-shore. L assunto ha trovato di recente conferma nell esecuzione dell operazione denominata Montecristo, condotta dal Ministero Pubblico e dalla Polizia Giudiziaria Federale della Confederazione elvetica: il , infatti, sono stati tratti in arresto in Svizzera i sottonostati soggetti, ritenuti a vario titolo responsabili di riciclaggio e sostegno ad un organizzazione criminale (artt. 305 e 260 ter C.P. svizzero): DELLA TORRE Franco, sopra qualificato; SAVINO Paolo, nato il a Napoli, domiciliato a Lugano, cittadino italiano; REBETEZ Roland, nato il , cittadino svizzero; GARCIA CANCIO Luis Angel, sopra qualificato; GRAF Jurg Hermann, nato il , cittadino svizzero; MONNIER Patrick, sopra qualificato; BOSSERT Alfred, nato il , cittadino svizzero; VARANO Michele Antonio, sopra qualificato; VIRGILIO Pietro, nato il a Napoli, cittadino italiano. In concreto, la complessa inchiesta avviata dal Ministero Pubblico della Confederazione elvetica scaturisce, di fatto, dall esito delle investigazioni svolte nell ambito del procedimento penale 17863/96-21 ed altri ad esso collegato, nonché dall esito delle investigazioni effettuate in Svizzera con il ricorso a numerosissime domande di assistenza giudiziaria internazionale formulate dal 1996 ad oggi dalla Direzione Distrettuale Antmafia di Bari al Dipartimento di Giustizia e Polizia della Confederazione elvetica. Dopo questo breve preambolo e prima di considerare la valenza delle fonti di prova acquisite, è opportuno domandarsi: 18

19 Milo DJUKANOVIC, prima Capo del Governo della Repubblica del Montenegro, poi Presidente della stessa Repubblica ed infine ancora Capo del Governo, poteva non conoscere la situazione dell ordine e della sicurezza pubblica in Montenegro anche in ragione degli elementi di seguito indicati?; sarebbe potuto sfuggire, per uno spazio temporale considerevole durato circa un decennio, all apparato istituzionale di quella piccola Repubblica, diretto e coordinato, per lungo tempo, da Milo DJUKANOVIC il fatto che: cittadini italiani, ricercati dall Autorità giudiziaria e di polizia dello Stato italiano, sistematicamente e per un lungo periodo, hanno trovato rifugio in località del Montenegro, per sfuggire volontariamente all esecuzione di provvedimenti cautelari emessi nei loro confronti anche per gravissimi reati commessi in territorio italiano; erano sistematicamente attraccati nei porti di Bar e Zelenika numerosi e potenti motoscafi utilizzati dai citati ricercati e da persone di loro fiducia ed appartenenti a consorterie criminali di tipo mafioso per l attraversamento del mare Adriatico per raggiungere le coste pugliesi; la flottiglia dei potenti motoscafi doveva necessariamente approvvigionarsi di carburante dalle pompe erogatrici esistenti nelle banchine dei porti di Bar e Zelenika e che il prezzo era notevolmente lievitato dai gestori rispetto a quello utilizzato per la normale autotrazione; mensilmente giungevano in Montenegro, a bordo di camion, aerei cargo e navi porta container, almeno casse di tabacchi lavorati stoccati provvisoriamente nei magazzini doganali e di società a partecipazione statale, esistenti nei porti di Bar e di Zelenika e in altre località della Repubblica, e successivamente, caricati a bordo di quegli stessi motoscafi, venivano trasferiti in Italia per la vendita al 19

20 mercato clandestino gestito dalle frange della cupola ; gli stessi cittadini italiani ricercati si approvvigionavano in Montenegro di armi da guerra di spicata potenzialità di fuoco per utilizzarle per l imposizione del potere mafioso in Italia e nello stesso Montenegro; La solo risposta plausibile e logica è negativa. Milo DJUKANOVIC era perfettamente consapevole sia di quanto accadeva in Montenegro, sia delle successive ripercussioni che si verificavano ai danni dello Stato italiano e degli altri Stati dell Europa comunitaria. Era consapevole in quanto coinvolto e direttamente interessato. Egli stesso aveva avuto modo di rendersi conto delle ingetissime somme di denaro, in valuta pregiata, che produceva l indotto del contrabbando di tabacchi gestito dalla criminalità organizzata italiana. L avidità dell arricchimento lo ha reso talmente spregiudicato da integrarsi nell associzione al punto di garantire, soprattutto attraverso l apparato di sicurezza dello Stato, la protezione di quei latitanti ricercati dalle autorità italiane in dispregio alle più elementari norme di diritto. Basterebbe snocciolare gli articoli di cronaca dell epoca per comprendere che mentre in Italia, prevalentemente in Puglia, sulle strade, ma anche in località della Campania, si contavano i morti e feriti tra gli appartenenti alle Forze dell Ordine e tra ignari cittadini, Milo DJUKANOVIC, con il suo ristretto entourage, contava le considerevoli somme di denaro illecitamente guadagnate e accantonate nelle banche Svizzere, del Principato di Monaco e di Cipro. L affermazione potrebbe sembrare una metafora, purtroppo non lo è: il connubio tra la protezione dei latitanti in Montenegro e la gestione delle illecite attivià, prevalentemente quelle dei tabacchi lavorati, esclusivamente nelle mani della criminalità organizzata, destava allarme sociale. La stampa giornalmente riportava con enfasi gravi fatti di cronoca verificatisi: la notte sembrava di vivere tra un esercito di contrabbandieri in guerra con lo Stato. Era una condizione eccezionale. Non si era mai verificato, infatti, uno scontro armato di così alto livello, quotidiano e incessante, paragonabile a quello vissuto in quel periodo. La catena del 20

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Indice Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa... «17 La criminalità organizzata nel mondo...» 20 Stati Uniti Cosa Nostra...» 22 Cina - Le Triadi...» 24 Cina - I Tong...»

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI..

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI.. P.P. n. / R.G.N.R. D.D.A. N. Rog. Est. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI.. DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA Ufficio del P.M. - tel. uff. +39 ALLA COMPETENTE AUTORITA GIUDIZIARIA CANADESE

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL CAPO CENTRO OPERATIVO D.I.A. DI PALERMO COL. GIUSEPPE D AGATA PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 CONSUNTIVO DELL ATTIVITA OPERATIVA DEI REPARTI DEL TRIVENETO (periodo 1 gennaio

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

Mafia, operazione "Discovery" nell'ennese con 12 arresti

Mafia, operazione Discovery nell'ennese con 12 arresti Mafia, operazione "Discovery" nell'ennese con 12 arresti di Redazione Sicilia Journal - 11, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/mafia-operazione-discovery-nellennese-con-12-arresti/ Maurizio Amendolia

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) Napoli, Chiaia, 2001-05 PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib.

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese A quella di truffa è arrivata anche quella per corruzione a carico del presidente dell INPGI,

Dettagli

II Modulo LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E I REATI IN MATERIA DI TRIBUTI. Avv. Maria Bruccoleri. www.avvocatobruccoleri.it 1

II Modulo LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E I REATI IN MATERIA DI TRIBUTI. Avv. Maria Bruccoleri. www.avvocatobruccoleri.it 1 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E I REATI IN MATERIA DI TRIBUTI II Modulo 1 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE GIUDIZIARIA QUESTIONI PRELIMINARI L ampliamento, a livello internazionale, delle frontiere economiche

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona

Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona Polizia di Stato Compartimento Polizia Stradale Marche Ancona Attività di controllo Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2010, la Polizia Stradale delle Marche ha effettuato 21.554 pattuglie di vigilanza stradale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 392 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VOLONTÈ Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini Presentata

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di:

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Art. 416 co. I,II,III c.p.: Associazione per delinquere. Artt. 624, 625

Dettagli

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Mario Orfeo 02-AGO-2011 da pag. 29 Quotidiano Roma 30-MAG-2011 Diffusione: n.d. Lettori: n.d. Direttore: Mario Orfeo da pag. 37 Quotidiano

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309 ISPEZIONI PERSONALI IN MATERIA DI STUPEFACENTI Norme di riferimento Art. 103 D.P.R. 309/90 Organo procedente Documentazione Garanzie di difesa Utilizzabilità Ufficiali di p.g. Delle operazioni è redatto

Dettagli

PROMOZIONE PER MERITO STRAORDINARIO CONFERITA AL VICE SOVRINTENDENTE DELLA POLIZIA DI STATO MICHELE D AMELIO.

PROMOZIONE PER MERITO STRAORDINARIO CONFERITA AL VICE SOVRINTENDENTE DELLA POLIZIA DI STATO MICHELE D AMELIO. PROMOZIONE PER MERITO STRAORDINARIO CONFERITA AL VICE SOVRINTENDENTE DELLA POLIZIA DI STATO MICHELE D AMELIO. CONSEGNA IL RICONOSCIMENTO IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI SALERNO DR. ALFREDO ANZALONE. EVIDENZIANDO

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1).

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Codice Penale 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia associazioni

Dettagli

ENCOMI SOLENNI. del Comando Generale dell Arma dei Carabinieri

ENCOMI SOLENNI. del Comando Generale dell Arma dei Carabinieri del Comando Generale dell Arma dei Carabinieri Iacopo MANNUCCI BENINCASA Tenente Colonnello (Concesso il 30 maggio 2011) «Comandante di Reparto Operativo in territorio caratterizzato da elevato indice

Dettagli

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-...

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-... Page 1 of 5 Sent. n. 16860 del 4 maggio 2010 (ud. del 17 marzo 2010) della Corte Cass. Sez. III pen. Pres. Altieri, Rel. Processo penale Iva Imposta mezzi importati - Pagamento all importazione Accordo

Dettagli

0.142.114.189. Traduzione 1. (Stato 8 giugno 1995)

0.142.114.189. Traduzione 1. (Stato 8 giugno 1995) Traduzione 1 0.142.114.189 Convenzione tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica di Ungheria concernente la riaccettazione e la consegna di persone al confine nazionale Conclusa

Dettagli

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME Per non dimenticare il luminoso esempio offerto dal Maresciallo Sebastiano D Immè che 15 anni fa, ha immolato se stesso sull altare del dovere. Locate Varesino (CO) 6 luglio

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine?

L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine? L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine? di Michele Petito e Tommaso De Angelis 1 La giurisprudenza penale di legittimità ha spesso

Dettagli

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà sui requisiti di onorabilità articolo 6 del regolamento (CE) 1071/2009, art. 6 co. 2 DD n. 291/11 Alla PROVINCIA DI TRIESTE AREA AMBIENTE

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net La lotta alle ecomafie attraverso la legge n. 136 del 13 agosto 2010 recante il Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al governo in materia di normativa antimafia (G.U. n. 196 del 23.08.2010)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

QUESTURA DI LATINA UFFICIO STAMPA

QUESTURA DI LATINA UFFICIO STAMPA 1 QUESTURA DI LATINA UFFICIO STAMPA 160^ ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CONSUNTIVO RISULTATI APRILE 2011- APRILE 2012 ARRESTI : 552 DENUNCIE A P.L.: 1883 PERQUISIZIONI: 869 PERSONE

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.;

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A Doc. IV-bis n. 10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE IN GIUDIZIO A I S E N S I D E L L A R T I C O L O 9 6 D E L L A C O S T I

Dettagli

provvedimento restrittivo. Le manette sono scattate per Giuseppe ARENA, 51enne nato a Catania, residente ad Augusta, Mosè BANDIERA,

provvedimento restrittivo. Le manette sono scattate per Giuseppe ARENA, 51enne nato a Catania, residente ad Augusta, Mosè BANDIERA, Siracusa Blitz antimafia per 28: coinvolta cellula clan Nardo. I Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa, hanno dato esecuzione di notte a 28 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal

Dettagli

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa?

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa? 1. In Germania c'è l'impressione che in Italia il periodo degli grandi assassini della mafia sia passato: Non si vede più grandi attentati come quellineglianninovanta.comemai?egiustoquestaimpressione?

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA presso il Tribunale di Caltanissetta Direzione distrettuale antimafia

PROCURA DELLA REPUBBLICA presso il Tribunale di Caltanissetta Direzione distrettuale antimafia PROCURA DELLA REPUBBLICA presso il Tribunale di Caltanissetta Direzione distrettuale antimafia Procedimento n. 1595/08 r.g.n.r. c/ MADONIA + altri Memoria difensiva della persona offesa dal reato ex art.

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario [Portici 12, 2011] PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 15220/12 R.G. M. 10792/12 RG. Dib.; RG. Appello 6763/14.

Dettagli

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11 Questa Sezione contiene le conclusioni degli Avvocati Generali unitamente alle relative sentenze in materia di cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale nonché di diritti fondamentali dell

Dettagli

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO -

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - 1 circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - atto di impugnazione proposto nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, relativo alla sentenza pronunciata il dal giudice per l udienza preliminare

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO DIFESA D UFFICIO 2 Il punto della situazione Nel 2013 la Giunta UCPI costituiva l Osservatorio Difesa D Ufficio,

Dettagli

Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE

Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE COLTIVAZIONE PRODUZIONE SPACCIO E TRAFFICO STATI MEMBRI CONSUMO POSSESSO DI DROGA Austria: possesso di droghe proibito e sanzionabile penalmente Stupefacenti:

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

Anno 1973 In data 21 dicembre il V. Brig. Valter Cainero, al completamento del Corso di Specialisti di elicottero svoltosi presso la Scuola Specialisti dell Aeronautica Militare di Caserta, ha conseguito

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

Legge federale concernente la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa

Legge federale concernente la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa Legge federale concernente la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa 232.22 del 25 marzo 1954 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, viste le convenzioni

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO

Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO Guardia di Finanza Comando Provinciale Avellino COMUNICATO STAMPA Avellino, 23 giugno 2015 LA GUARDIA DI FINANZA DI AVELLINO HA RICORDATO IL 241 ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DEL CORPO Il Comando Provinciale

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

CONCORSO DI PERSONE NEL REATO E APPORTO DI MINIMA IMPORTANZA: APPLICAZIONI Riccardo MAZZON

CONCORSO DI PERSONE NEL REATO E APPORTO DI MINIMA IMPORTANZA: APPLICAZIONI Riccardo MAZZON CONCORSO DI PERSONE NEL REATO E APPORTO DI MINIMA IMPORTANZA: APPLICAZIONI Riccardo MAZZON P&D.IT Tipica figura deliquenziale, che la giurisprudenza considera incompatiblile con l'apporto di minima importanza,

Dettagli

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Premessa Negli ultimi anni, l istituto del deposito Iva è stato oggetto di forti contrasti interpretativi in merito alla rilevanza dell

Dettagli

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex Esame avvocato 2011: seconda traccia e svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale Caio, dipendente del comune di Beta, viene sorpreso dal Sindaco mentre, per mezzo del computer dell'ufficio,

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02290/2014REG.PROV.COLL. N. 01377/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

Oggetto: AVVISO E NOTIFICA DI ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO. NR. 20120804 FDR.

Oggetto: AVVISO E NOTIFICA DI ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO. NR. 20120804 FDR. Oggetto: AVVISO E NOTIFICA DI ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO. NR. 20120804 FDR. L anno 2012 addì 4 del mese di agosto si dà atto di aver proceduto alla notifica del presente avviso di iscrizione a ruolo

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 29 FEBBRAIO 2008, N. 9418: sui requisiti per la connotazione della nozione di disastro Relativamente al delitto previsto dall art.434 c.p., si osserva come

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE VICENZA NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA DI VICENZA SEZIONE MOBILE. Operazione. Money from the Sky

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE VICENZA NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA DI VICENZA SEZIONE MOBILE. Operazione. Money from the Sky GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE VICENZA NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA DI VICENZA SEZIONE MOBILE Operazione Money from the Sky COMANDO PROVINCIALE VICENZA - OPERAZIONE «MONEY FROM THE SKY» 2 L OPERAZIONE

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria Bosin & Maas & Stocker Wirtschaftsberatung Steuerrecht Arbeitsrecht Revisoren dottori commercialisti consulenti del lavoro revisori dr. F. J. S c h ö n w e g e r dr. M a n f r e d B o s i n dr. G o t t

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE

INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Incontri seminariali faccia a faccia su specifici temi ambientali INTORNO AL TAVOLO CON IL DOCENTE Dalle ore 9 alle ore 14: una (mezza) giornata con 8 persone sedute al tavolo di lavoro insieme al docente

Dettagli

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso SENTENZA N. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI ROMA I SEZIONE PENALE DIBATTIMENTALE Il Giudice di Pace dott.ssa CHIASSAI Cristina Alla pubblica udienza del 16.06.2011 SENTENZA

Dettagli

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro Venerdì 17 aprile, è venuta nella nostra scuola signora Tina Montinaro, vedova di Antonio Montinaro, uno dei tre uomini di scorta che viaggiavano nella

Dettagli

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA APERTURA DELLA MOSTRA LA GUARDIA DI FINANZA NELLA GRANDE GUERRA 1915-1918. IL LUNGO CAMMINO VERSO VITTORIO VENETO VENEZIA, PALAZZO DUCALE 9

Dettagli

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Reati contro la Personalità dello Stato La decisione A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Iolanda D Alessandro Associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICE PENALE aggiornato a - D.L. 31 agosto 2013, n. 101 (cd. Decreto salva precari) - D.L. 14 agosto 2013, n. 93 (in materia di Sicurezza e femminicidio) - D.L.

Dettagli

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio Luca Masera Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio 1. Per comprendere davvero quello che è successo e sta succedendo a Lampedusa, credo sia utile cercare di inserire tale vicenda all interno del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente N. 00346/2015 REG.PROV.COLL. N. 03852/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE PENALE SENTENZA

, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE PENALE SENTENZA , REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE PENALE 1306 2/ 15 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ARTURO CORTESE Dott. LUIGI PIETRO CAIAZZO

Dettagli

RAIUTILE INFORMAZIONE

RAIUTILE INFORMAZIONE RAIUTILE INFORMAZIONE - Martedì 3 ottobre 2006 - NAPOLI: Scoperto un falso dentista. I capillari controlli economico-finanziari, effettuati sul territorio dai finanzieri del Comando Provinciale di Napoli,

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione III

PARTE SPECIALE Sezione III PARTE SPECIALE Sezione III -Reati di criminalità organizzata -Reati di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita -Induzione a rendere dichiarazioni mendaci all

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013

Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013 Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013 Novità legislative: D.L. 10 dicembre 2013, n. 136 Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali ed a favorire lo sviluppo delle

Dettagli