REGOLAMENTO IN MATERIA DI GESTIONE DEL DEMANIO IDRICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO IN MATERIA DI GESTIONE DEL DEMANIO IDRICO"

Transcript

1 PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO IN MATERIA DI GESTIONE DEL DEMANIO IDRICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 60/ In vigore dal 1 luglio 2014

2 SOMMARIO Articolo 1 - Oggetto della normativa e riferimenti legislativi 3 Articolo 2 - Definizioni 4 Articolo 3 - Principi di gestione 6 Articolo 4 - Autorizzazione 10 Articolo 5 - Concessione 12 Articolo 6 - Deposito cauzionale 15 Articolo 7 - Canone demaniale 16 Articolo 8 - Voltura nella titolarità della concessione 17 Articolo 9 -Variazioni al contenuto della concessione 18 Articolo 10 - Varianti alle opere 18 Articolo 11 - Rinnovo della concessione demaniale 19 Articolo 12 - Limitazione o sospensione dell esercizio concessione 19 Articolo 13 - Estinzione del rapporto concessorio 20 Articolo 14 - Attività di Polizia Idraulica 22 Articolo 15 - Pubblicità 27 Articolo 16 - Ricorsi e contenzioso 27 Articolo 17 - Disposizioni Finali 28 2

3 PRINCIPI GENERALI Con il presente atto, la Provincia di Livorno intende stabilire le linee fondamentali della funzione amministrativa relativa alla gestione del demanio idrico, competenza trasferita ai sensi dell art. 86 del D.Lgs. 112/1998 e dell art. 14 della L.R.T. 91/1998. Articolo 1 - Oggetto della normativa e riferimenti legislativi 1.1 La presente normativa disciplina: le modalità di rilascio di titoli concessori e autorizzativi relativi al prelievo di acqua pubblica - da corpi idrici sotterranei, superficiali, sorgenti - alla ricerca, estrazione ed utilizzazione delle acque sotterranee ai sensi del R.D. 1775/1933 e successive modificazioni/integrazioni. Tra i corpi idrici superficiali, sono compresi anche gli invasi di ritenuta soggetti alla L.R. 5 novembre 2009 n. 64 ed al regolamento approvato con D.P.G.R. 25 Febbraio 2010 n. 18/R. le modalità di rilascio di atti di autorizzazione idraulica relativi agli interventi interferenti con gli alvei dei corsi d acqua e/o le loro pertinenze di cui al R.D. 523/1904 ed atti di concessione riguardanti aree del demanio idrico. la determinazione dei canoni di concessione per l utilizzo del demanio stesso e l introito dei relativi proventi. l attività di polizia idraulica diretta alla tutela dei corsi d acqua pubblica, del demanio idrico, degli usi generali e speciali delle acque pubbliche, anche attraverso la prevenzione e repressione dei reati intorno alle acque pubbliche ed accertamento di eventuali contravvenzioni alle norme inerenti i corsi d acqua ed aree ad essi pertinenti e conseguente attività istruttoria relativa al rilascio di autorizzazioni idrauliche in sanatoria e relative concessioni per l occupazione di aree demaniali, ai sensi R.D. 523/1904 capo VII e Titolo VI del R.D. 368/ Per la gestione amministrativa del Demanio Idrico, delle pertinenze idrauliche, dell attività di polizia idraulica e delle relative sanzioni, si fa riferimento alle disposizioni contenute nel seguente quadro normativo: Legge 89/1913; R.D. 1326/1914; R.D.1285/1920 R.D. 2440/1923; R.D. 827/1924; R.D. 523/1904; R.D. 1775/1933; D.P.R. 131/1986; D.P.R. 238/99; Legge 241/1990; D.Lgs. 275/1993; Legge 37/1994 ; 3

4 D.L.gs. 112/1998 (artt. 86 e 89/1^comma); D.L.gs. 96/1999 (art. 34); L.R. 88/1998 e successive modificazioni e integrazioni; L.R. 91/1998 (art. 14); D.P.C.M. 12/10/2000; D.P.C.M. 13/11/2000; D.Lgs. 267/2000; D.Lgs. 3 aprile 2006 n. 152; L.R. 31 maggio 2006 n. 20; D.P.G.R. n. 142 del ; L.R. 21 maggio 2012 n. 21; L.R. 27 dicembre 2012 n. 79; D.C.R.T. 11 giugno 2013 n. 57; L.R. 28 ottobre 2013 n. 60; D.P.G.R. 25 Febbraio 2010 n. 18/R; L.R. 5 novembre 2009 n. 64; Capo II del R.D. 2669/1937; Titolo VI del R.D. 368/ Per quanto concerne invece la gestione dei canoni, si fa riferimento: Legge 21/12/1961 n. 1501; D.L. 546/1981 così come convertito in Legge 01/12/1981 n. 692; D.L. 90/1990 così come convertito in Legge 26/06/1990 n. 165; Decreto Interministeriale 20/07/1990; D.L. 261/1990 (art. 12 bis) così come inserito in Legge 12/11/1990 n. 331; D.Lgs. 12/07/1993 n. 275 (artt ) ; L. 05/01/1994 n. 36 (art. 18) e relativo regolamento di attuazione D.M.(Finanze) 25/02/1997 n. 90; Decreto Interministeriale 02/03/1998 n. 258; Decreto Interministeriale 20/03/1998; Legge 30/04/1999 n. 136 (art. 28); D.M.(Finanze) 24/11/2000; L.R.T. 01/2001. Articolo 2 - Definizioni Demanio Idrico Ai sensi del 1 comma dell'art. 822 del Codice Civile, «appartengono allo Stato e fanno parte del demanio pubblico il lido del mare, la spiaggia, le rade e i porti, i fiumi, i torrenti, i laghi e le altre acque definite pubbliche dalle leggi in materia...». Pertanto fanno parte del Demanio Idrico tutte le acque superficiali e sotterranee, ancorché non estratte dal sottosuolo (art comma 1, D.Lgs. n. 152/2006). 4

5 Per quanto attiene i corsi d'acqua, il demanio idrico è costituito dal reticolo idrografico così come definito dal D.Lgs. 152/2006. Restano di titolarità dei privati concessionari e non hanno natura demaniale (fintanto che non passino in mano pubblica a norma dell'art. 28 del R.D. 11 dicembre 1933 n. 1775) il complesso delle opere strumentali alle derivazioni ed al loro esercizio, nel cui ambito devono essere ricondotti i canali e gli acquedotti di cui si avvalgono i concessionari, i cui titoli sono in corso o in attesa di rinnovo, o aventi titolo alla concessione. Reticolo idrografico Ai sensi dell articolo 54, lettera q) D.Lgs. 152/2006, è l insieme degli elementi che costituiscono il sistema drenante alveato del bacino idrografico. Bacino idrografico Ai sensi dell articolo 54, lettera r), D.Lgs 152/2006, è il territorio nel quale scorrono tutte le acque superficiali attraverso una serie di torrenti, fiumi ed eventualmente laghi per sfociare al mare in un unica foce, a estuario o delta. Reticolo di gestione Ai sensi dell articolo 4 LRT 79/2012, è il sottoinsieme del reticolo idrografico, di cui all art. 54 D.Lgs 152/2006, che necessita di manutenzione, sorveglianza e gestione per garantire il buon regime delle acque, prevenire e mitigare fenomeni alluvionali. Acque superficiali Il reticolo idrografico, individuato ai sensi del D.Lgs 152/2006, costituito da fiumi, torrenti, rii, fossi, canali, laghi, lagune e corpi idrici artificiali con esclusione dei canali destinati all allontanamento delle acque reflue urbane ed industriali. Acque sotterranee I corpi idrici ubicati nel sottosuolo a livello sia ipodermico sia profondo comprese le manifestazioni sorgentizie o sorgive concentrate o diffuse in quanto affioramenti naturali della circolazione idrica sotterranea. Acque subalvee Acquiferi continui a falda libera in stretta comunicazione con un corso d acqua che costituiscono parte integrante dell alveo al di sotto del quale scorrono o in cui affiorano. Derivazione Qualsiasi prelievo di acqua pubblica da corpi idrici superficiali, sotterranei o sorgenti, esercitato mediante opere fisse o mobili. Pertinenze idrauliche Per pertinenze idrauliche si intendono le fasce di rispetto limitrofe alle opere di difesa dei corsi d acqua inclusi nel reticolo idrografico, di cui alla definizione precedente, per la larghezza di 10 ml., misurata dal ciglio di sponda ovvero, ove presente, dal piede esterno dell argine del corso d acqua o della relativa opera di difesa. Alveo di un corso d acqua Porzione della regione fluviale compresa tra le sponde incise naturali, costituite dal limite dell'erosione dei terreni operata dalla corrente idrica, ovvero fisse (artificiali), quali scogliere e muri d'argine in froldo ossia costruiti in prosecuzione diretta della sponda del corso d acqua. 5

6 Argine Rilievi costituiti da terra per contenere le acque correnti tra gli alvei onde impedirne il dilagare. Autorizzazione Per autorizzazione si intende il provvedimento mediante il quale la P.A., nell esercizio di un attività discrezionale in funzione preventiva, provvede alla rimozione di un limite legale posto all esercizio di un attività inerente ad un diritto soggettivo o ad una potestà pubblica che devono necessariamente preesistere in capo al destinatario. Concessione Per concessione si intende il provvedimento amministrativo con cui la P.A. conferisce ex novo posizioni giuridiche attive al destinatario, ampliandone così la sfera giuridica. Polizia Idraulica Attività di vigilanza e controllo e insieme delle funzioni tecnico-amministrative poste in capo all'autorità Amministrativa da effettuare, nel rispetto e nell'applicazione delle vigenti normative, sugli interventi di gestione e trasformazione del demanio idrico e del suolo in fregio ai corpi idrici, ai fini della tutela e della preservazione del corso d'acqua stesso e delle sue pertinenze. Articolo 3 - Principi di gestione 3.1 Principi di gestione in materia di derivazione e utilizzazioni acque pubbliche Attività liberamente esercitabili a) La raccolta acqua piovana in invasi e cisterne Non necessita di autorizzazione o concessione ai sensi dell articolo 17, comma 2, R.D. 1775/1933 la raccolta di acqua piovana in invasi e cisterne al servizio di fondi agricoli o di singoli edifici in quanto, ai sensi dell articolo 167 comma 3 D.Lgs , è libera. b) La derivazione acqua da falde sotterranee per uso domestico Per uso domestico si intende l utilizzazione di acqua sotterranea destinata all uso igienico e potabile dell abitazione, all innaffiamento di orti e giardini, all abbeveraggio del bestiame, purché tali usi siano destinati al nucleo familiare e non configurino un attività economico-produttiva o con finalità di lucro. Il proprietario di un fondo ha facoltà, ex articolo 93 R.D. 1775/1933, per gli usi domestici come sopra definiti, di estrarre ed utilizzare liberamente anche con mezzi meccanici le acque sotterranee nel suo fondo purché osservi le cautele e le distanze così come prescritte dalla legge. I pozzi ad uso domestico non sono soggetti alla procedura della concessione e al pagamento del canone annuale ma sono tuttavia soggetti ad istruttoria sotto il profilo tecnico. (si rinvia per il dettaglio della relativa procedura alle disposizioni. applicative del presente Regolamento). Per quanto concerne la definizione delle varie tipologie di utilizzazioni d acqua concessionabili si rinvia alle disposizioni applicative del presente Regolamento Attività necessitanti di provvedimento concessorio o autorizzativo Ex articolo 17 R.D. 1775/1933, è vietato derivare o utilizzare acqua pubblica senza un provvedimento autorizzativo o concessorio dell Autorità competente. 6

7 Le concessioni di cui al presente Regolamento riguardano qualsiasi approvvigionamento di acqua pubblica da corpo idrico superficiale, naturale o artificiale, da acque sotterranee e sorgive, con esclusione delle acque minerali ai sensi della L.R.T n. 38, nonché delle acque di sorgente e minerali naturali regolate ai sensi del D.lgs 4 agosto 1999 n. 339 e di quanto, così come sopra esposto, previsto ex articolo 93 R.D. 1775/1933. a) Derivazione acqua da falde sotterranee per usi diversi dal domestico Nel caso di istanza di concessione di acque sotterranee da esercitarsi mediante pozzo, l Amministrazione autorizza la ricerca dando conto di eventuali osservazioni ed opposizioni e dopo aver acquisito i pareri dovuti. Per i dettagli della procedura si rinvia alle disposizioni applicative del presente Regolamento. Qualora quindi l istanza di concessione di acqua presupponga la preventiva ricerca di acque sotterranee, l Amministrazione istaura un unico procedimento per il rilascio della autorizzazione e per la successiva concessione. Sono soggette ad autorizzazione tutte le ricerche di acque sotterranee ai sensi degli artt. 94 e 95 del R.D. 1775/1933 e dell art. 96 comma 10 Dlgs 152/2006. b) Derivazione acqua da corpo idrico superficiale L uso domestico è liberamente esercitabile solo per i prelievi acqua da falda sotterranea; nessuna eccezione quindi al principio di cui all articolo 17 del R.D. 1775/1933 in caso di falda superficiale in cui l utilizzazione o derivazione acqua pubblica è sempre subordinata al previo rilascio di apposito provvedimento autorizzativo e concessorio da parte della P.A. Tra i corpi idrici superficiali, sono compresi anche gli invasi di ritenuta soggetti alla L.R. 5 novembre 2009 n. 64 ed al regolamento approvato con D.P.G.R. 25 Febbraio 2010 n. 18/R. b1) Autorizzazione ad attingimento temporaneo di acqua Compete al Dirigente del Servizio la facoltà di concedere le autorizzazioni all attingimento di acqua dai corsi d acqua superficiali a mezzo pompe mobili o semifisse, di altri congegni elevatori o di sifoni, posti sulle sponde ed a cavaliere degli argini, purchè siano avverate delle condizioni, esposte in dettaglio nelle disposizioni applicative del presente Regolamento e così come previste dall articolo 56 R.D. 1775/1933. L autorizzazione/ licenza ha validità temporanea ed è accordata in tutti i casi, per non più di cinque volte e comunque per la durata non maggiore dell anno solare in corso e può essere revocata per motivi di pubblico interesse (per la procedura, l istanza e la documentazione da allegare, si rinvia alla modulistica predisposta dal settore ed alle successive disposizioni applicative del presente Regolamento). b2) Concessione di derivazione acque superficiali Si procede al rilascio di atto di concessione per derivazione acque pubbliche superficiali in caso di: richiesta/istanza dell interessato. superamento del limite di 5 volte del rilascio di autorizzazione temporanea all attingimento oltre il quale, ex art comma R.D.1775/1933, si rende necessario procedere al rilascio di atto di concessione pluriennale. 3.2 Principi di gestione in materia di demanio idrico 7

8 Il T.U. sulle opere idrauliche, R.D. 25 luglio 1904 n. 523, al capo VII, articoli 93 e successivi, subordina il rilascio di titoli autorizzativi per la realizzazione di interventi negli alvei e nelle pertinenze idrauliche dei corsi d acqua pubblici, alle prescrizioni e previsioni in esso contenute. Esso è norma indirizzata alla conservazione delle opere e delle loro pertinenze, stabilendo a tutela del corso d acqua: le attività, i lavori ed i fatti vietati in modo assoluto rispetto agli alvei, alle sponde ed agli argini dei corsi d acqua, indicandone le distanze da rispettare (cfr art. 96). le attività, i lavori ed i fatti consentiti attraverso il rilascio di provvedimenti autorizzativi da parte dell ente gestore (cfr artt. 97 e 98) Lavori ed atti vietati ex art. 96 Come previsto dall'art. 93 R.D. n. 523/1904, nessuno può fare opere nell'alveo dei fiumi, torrenti, rivi, scolatoi pubblici e canali di proprietà demaniale senza il permesso dell'autorità idraulica competente. All articolo 96 R.D. n. 523/1904, dalla lettera a) alla lettera m), sono elencate le principali attività e le più significative opere vietate in modo assoluto sulle acque pubbliche, loro alvei, sponde e difese. In particolare, alla lettera f), vengono posti dei vincoli agli usi delle fasce di terreno laterali ai corsi d acqua, individuando una distanza non minore di 4,00 metri per le piantagioni ed il dissodamento del terreno, e non minore di 10,00 metri per i nuovi fabbricati e per gli scavi Autorizzazione idraulica ex artt. 97 e 98 a) Devono essere preventivamente autorizzati dall Amministrazione tutti gli interventi ricadenti, anche in parte, negli alvei e/o nelle pertinenze idrauliche dei corsi d acqua inseriti nel reticolo idrografico, quali ad esempio: piantumazioni di qualsiasi tipo; realizzazione di recinzioni del tipo amovibile; interventi sul patrimonio edilizio esistente (demolizione senza ricostruzione, manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia senza mutamento della cubatura, della superficie e della sagoma dell edificio) purché riferiti a fabbricati legittimamente edificati; attraversamento con ponte carrabile, ponte ferroviario o passerella pedonale; attraversamento con guado; attraversamento aereo con linee o tubazioni di servizi (elettricità, telefono, acqua, gas, fognatura ); attraversamento in subalveo con linee o tubazioni di servizi (elettricità, telefono, acqua, gas, fognatura ); opere di regimazione e di sistemazione idraulica; opere di difesa spondale; opere di derivazione e di restituzione; opere di scarico di acque meteoriche o depurate; b) Il reticolo idrografico di riferimento è quello individuato dalla Regione Toscana con D.C.R.T. 11 giugno 2013 n. 57. Per i corsi d acqua del reticolo idrografico che appartengono al sottoinsieme dei canali di bonifica si applicano le disposizioni del R.D. 368/1904 e l autorizzazione ad eseguire i lavori 8

9 viene rilasciata dal Consorzio di Bonifica competente, previa acquisizione di parere in linea idraulica di questa Amministrazione Concessione di aree del demanio idrico a) Qualora gli interventi che comportano il rilascio dell autorizzazione idraulica (vedi definizione e procedura agli articoli successivi del presente Regolamento) siano realizzati in aree appartenenti al demanio idrico dello Stato, quindi con occupazione temporanea o permanente di tali aree, ivi comprese le proiezioni aeree e sotterranee della proprietà, è necessario il rilascio di concessione per l utilizzazione del terreno demaniale. Sono soggette al rilascio della concessione tutte le occupazioni ed utilizzazioni di beni immobili appartenenti al demanio idrico ed in particolare: gli alvei dei corsi d acqua e le pertinenze idrauliche catastalmente individuati. i terreni abbandonati dalle acque correnti individuati catastalmente come reliquati acque esenti da estimo. le proiezioni aeree e sotterranee della proprietà demaniale fluviale. le aree iscritte nelle scritture pubbliche con l indicazione Demanio Pubblico dello Stato ed afferenti al Demanio Idrico. L Amministrazione avvierà un unico procedimento volto all adozione, prima, del provvedimento autorizzativo e che culminerà nel rilascio del provvedimento concessorio. b) La Provincia provvede alla gestione dei beni di cui al presente articolo garantendo la funzionalità idraulica, la salvaguardia ambientale, le finalità conservative del bene. c) Resta ferma la competenza dei consorzi di bonifica per il rilascio di concessioni sul reticolo artificiale di bonifica, ai sensi del R.D n d) Nel caso particolare di interventi e manufatti di difesa idraulica realizzati da privati a protezione e a salvaguardia dei loro beni o da Enti Pubblici, quali costruzione di opere di difesa spondale, risagomatura dell alveo, lavori di pulizia delle sponde o di rimozione di piante, è sufficiente l autorizzazione idraulica, senza la necessità di concessione, anche se ricadono su terreni appartenenti al demanio idrico fluviale Interventi ammissibili con procedura d urgenza In mancanza di preventiva autorizzazione dell Ente, è consentita l effettuazione di tutte quelle attività che rivestano carattere di urgenza ai fini della tutela dell incolumità pubblica e della sicurezza dell opera idraulica. La valutazione delle condizioni di urgenza deve essere fatta dall'autorità Idraulica competente. Sono ammessi pertanto esclusivamente interventi di riparazione a condutture di acqua, gas, a linee elettriche e telefoniche, oltre che a tutte quelle eventuali strutture pericolanti che, per la loro collocazione, possano in caso di cedimento costituire minaccia per il regolare deflusso delle acque ovvero che, in mancanza di intervento, precludano ad uno o più utenti la fornitura di un servizio pubblico. Gli interventi di cui sopra devono essere comunicati tempestivamente in forma scritta all Amministrazione Provinciale ed il soggetto attuatore, una volta effettuati, dovrà in ogni caso procedere, a sua cura e spese, al ripristino dello stato dei luoghi ante intervento. 9

10 Articolo 4 - Autorizzazione 4.1 Autorizzazione alla perforazione di pozzi finalizzata alla ricerca di acque sotterranee Nel caso di istanza di concessione di acque sotterranee da esercitarsi mediante pozzo, l Unità Organizzativa di riferimento, ( ferma restando la disciplina prevista all art. 95 del RD 1775/1933 relativamente alle perforazioni su fondo altrui), effettuate le pubblicazioni, dato conto di eventuali osservazioni ed opposizioni ed acquisiti i pareri, autorizza la perforazione del pozzo (per il dettaglio della procedura da seguire, della documentazione da allegare e di tutto l iter necessario ai fini dell ottenimento dell autorizzazione, si rinvia alla modulistica predisposta dall Unità Organizzativa di riferimento ed alle disposizioni applicative del presente Regolamento, titolo dedicato alle concessioni di derivazioni di acque pubbliche). Sono soggetti ad autorizzazione tutte le ricerche di acque sotterranee ai sensi degli artt. 94 e 95 del RD n. 1775/1933 e dell art. 96 comma 10 del D.Lgs 152/2006. Il provvedimento di autorizzazione stabilisce modalità, cautele da adottare ed obblighi, per la cui elencazione e trattazione si rinvia alle disposizioni applicative del seguente Regolamento, titolo dedicato alle concessioni di derivazioni di acque pubbliche; il mancato rispetto delle prescrizioni contenute nell atto di autorizzazione comporta come conseguenza il diniego della concessione. Qualora l istanza di concessione di acqua presupponga la preventiva ricerca di acque sotterranee l Unità Organizzativa di riferimento instaura un unico procedimento per il rilascio della autorizzazione e per la successiva concessione. Le autorizzazioni alla ricerca di acque sotterranee hanno validità di 24 mesi a decorrere dalla data del rilascio e potranno essere prorogate una o più volte per ulteriori periodi di sei mesi a richiesta motivata del richiedente, previa constatazione dei lavori eseguiti e valutazione delle motivazioni addotte e potranno essere revocate, in qualsiasi momento, con provvedimento motivato qualora la zona sia interessata da fenomeni di dissesto idrogeologico o per esigenze di tutela della risorsa idrica. 4.2 Autorizzazione ai fini idraulici per la realizzazione di interventi ricadenti negli alvei e/o nelle pertinenze idrauliche di corsi d acqua Il provvedimento di autorizzazione è un atto amministrativo discrezionale emesso dalla Provincia che è necessario per la realizzazione, e la manutenzione di interventi ed attività nell ambito di beni di proprietà del soggetto istante o sui quali egli risulti titolare di diritti reali di godimento, qualora dette opere ricadano all interno dell alveo o delle pertinenze idrauliche di un corso d acqua inserito nel reticolo idrografico. Sono inoltre soggetti al rilascio di autorizzazione idraulica anche gli interventi eseguiti da Enti Pubblici aventi ad oggetto la realizzazione e la manutenzione di opere finalizzate alla protezione idraulica del territorio ed alla salvaguardia della pubblica incolumità, nonché gli interventi in alveo nel tratto focivo di un corso d acqua in area appartenente al Demanio Marittimo. Per il rilascio del provvedimento di autorizzazione idraulica non è dovuto il pagamento di canone demaniale. Il provvedimento di autorizzazione idraulica corredato dalla documentazione progettuale vidimata -viene rilasciato ai sensi del R.D. 523/1904 dal Dirigente dell Unità di Servizio e contiene le condizioni, le clausole e le eventuali prescrizioni che regolano le modalità di 10

11 esecuzione dell intervento autorizzato. Il provvedimento è costituito dalla relativa Determina del Dirigente dell Unità di Servizio. La durata della validità dell autorizzazione idraulica viene stabilita tenendo conto della tipologia dell attività oggetto della richiesta ed è comunque concessa per la durata massima di anni tre. Per il dettaglio della procedura da seguire, della documentazione da allegare e di tutto l iter necessario ai fini dell ottenimento dell autorizzazione in oggetto, si rinvia alla modulistica predisposta dal settore ed alle disposizioni applicative del presente Regolamento, titolo dedicato alle autorizzazioni idrauliche. Varianti dell autorizzazione idraulica Qualsiasi variante che dovesse rendersi necessaria per l attuazione delle opere oggetto di autorizzazione dovrà essere preventivamente sottoposta all esame dell Amministrazione Provinciale mediante specifica istanza e debitamente autorizzata mediante ulteriore provvedimento espresso. Proroga dell autorizzazione idraulica A richiesta motivata del soggetto autorizzato, da far pervenire all Amministrazione almeno 30 gg dalla scadenza dell autorizzazione, la durata della stessa potrà essere prorogata da parte dell Amministrazione Provinciale, sulla base di opportuna e motivata valutazione, una o più volte, per ulteriore periodo di sei mesi elevabile a massimo un anno, tenendo conto della tipologia dell intervento. Voltura nell autorizzazione idraulica Il provvedimento di assenso alla voltura nominativa dell atto di autorizzazione in corso di validità è quel provvedimento ad istanza del soggetto dante causa assente alla vigenza dell atto originario in capo ad altro soggetto avente causa, in ordine alla titolarità di un diritto reale di godimento sul bene. Sospensione, limitazione e annullamento dell autorizzazione idraulica L esercizio da parte del soggetto autorizzato delle facoltà provenienti dal provvedimento di autorizzazione può essere - in qualunque momento - sospeso temporaneamente, limitato o annullato per motivi di pubblico interesse, ovvero a garanzia e tutela delle finalità istituzionali cui la Provincia è preposta, senza che il titolare del provvedimento medesimo possa richiedere alcun indennizzo di sorta. Il relativo provvedimento di sospensione, limitazione o annullamento indica, se prevedibile, la durata della sospensione o della limitazione, nonché le eventuali sanzioni amministrative da irrogare nel caso di accertato mancato rispetto delle prescrizioni in esso contenute. Estinzione del provvedimento di autorizzazione idraulica Il provvedimento di autorizzazione idraulica è soggetto ad estinzione nei seguenti casi: a) decadenza del titolo per: o mancato rispetto, grave o reiterato, delle condizioni e prescrizioni previste dal provvedimento autorizzativo; o realizzazione delle opere in difformità a quanto autorizzato; o decorso tempo di vigenza; b) revoca del titolo per sopravvenute esigenze di pubblico interesse o al verificarsi di quegli eventi che a suo tempo avrebbero impedito il rilascio dell atto. 11

12 La revoca dell autorizzazione non dà diritto ad alcun indennizzo per il soggetto autorizzato revocato. c) rinuncia del titolo da parte del soggetto autorizzato. 4.3 Attingimenti temporanei dai corsi d acqua L autorizzazione all attingimento di acqua da risorsa idrica superficiale a mezzo di pompe mobili o semifisse, di altri congegni elevatori o di sifoni, posti sulle sponde ed a cavaliere degli argini, per la cui trattazione vedi punto 3.1.2, lettera b1) del presente Regolamento e successive disposizioni applicative, può essere accordata per non più di cinque volte e comunque per la durata non maggiore dell anno solare in corso e può essere revocata per motivi di pubblico interesse. Articolo 5 - Concessione 5.1 Concessioni di derivazione acque pubbliche Il provvedimento di concessione di derivazione è un atto amministrativo discrezionale mediante il quale la Provincia attribuisce al soggetto richiedente, subordinatamente all accettazione ed al rispetto di specifico disciplinare di concessione, particolari facoltà di godimento inerenti il prelievo di acqua pubblica da corpi idrici superficiali, sotterranei o sorgenti, esercitato mediante opere mobili o fisse. Per il dettaglio della procedura da seguire, della documentazione da allegare e di tutto l iter necessario ai fini dell ottenimento del provvedimento concessorio, si rinvia alla modulistica predisposta dal settore e alle disposizioni applicative del presente Regolamento, titolo dedicato alle concessioni di derivazioni di acque pubbliche. E fatto comunque divieto di usi o atti che possano risultare in contrasto con il buon regime delle acque, con le esigenze della difesa idraulica e con altri usi dei beni del demanio idrico legalmente assentiti. Provvedimento di assenso al rilascio delle concessioni Il provvedimento di rilascio della concessione avente ad oggetto la concessione di derivazione è disposto con Determinazione Dirigenziale previa verifica del versamento, da parte del richiedente, dei diritti di istruttoria, delle eventuali spese di sopralluogo, dei canoni per l anno corrente e per gli anni arretrati, se dovuti, e degli oneri di registrazione del contratto/disciplinare. Con la stessa Determina Dirigenziale si provvederà all approvazione del disciplinarecontratto. La concessione di derivazione d acqua è necessaria per poter prelevare risorse idriche superficiali o sotterranee. Sono soggetti a concessione tutti gli usi diversi dal domestico riconducibili alle seguenti tipologie: Uso irriguo ( con o senza restituzione); Uso potabile; Uso industriale (con o senza restituzione); Uso ittico, irrigazione, attrezzature sportive e verde pubblico; Uso idroelettrico; Uso igienico e assimilati, antincendio, autolavaggio e lavaggio stradale; Altri usi consentiti. 12

13 Il disciplinare di concessione è redatto, sulla base dello schema tipo predisposto dall Amministrazione, in forma di scrittura privata non autenticata ed è l atto con il quale la Provincia concede l utilizzo temporaneo del bene del demanio idrico, subordinatamente al rispetto, da parte del concessionario, di specifici obblighi, condizioni e prescrizioni che regolano il rapporto giuridico tra l Amministrazione concedente ed il soggetto concessionario. Per il contenuto, le formalità, il numero copie ed il dettaglio, si rinvia alle disposizioni applicative del presente Regolamento, titolo dedicato alle concessioni di derivazioni di acque pubbliche. Tutte le concessioni di derivazioni sono temporanee. Fermo restando quanto disposto da norme speciali, la durata delle concessioni di derivazione è determinata in relazione all uso della risorsa, alla portata concessa, alla tipologia delle opere di presa, distribuzione e restituzione. In ordine alla determinazione della durata della concessione, si applicano le vigenti disposizioni di legge previste per i diversi usi afferenti le derivazioni; quindi la durata delle concessioni non può eccedere: - Anni trenta per l uso idroelettrico - fatto salvo quanto stabilito dall art. 12, commi 6,7 e 8 del D.lgs n. 79/99; - Anni quaranta per l uso irriguo e potabile; Le concessioni di derivazioni per uso irriguo devono tener conto delle tipologie delle colture in funzione della disponibilità della risorsa idrica, della quantità minima necessaria alla coltura stessa, prevedendo se necessario specifiche modalità d irrigazione; le stesse sono assentite o rinnovate solo qualora non risulti possibile soddisfare la domanda d acqua attraverso le strutture consortili già operanti sul territorio. - Anni quindici per uso industriale; Le concessioni di grandi derivazioni ad uso industriale sono stipulate per una durata non superiore ad anni quindici e possono essere condizionate all attuazione di risparmio idrico mediante il riciclo o il riuso dell acqua, nei termini quantitativi e temporali che dovranno essere stabiliti in sede di concessione, tenuto conto delle migliori tecnologie applicabili al caso specifico. - Anni dieci per uso igienico e assimilati. Per le infrastrutture acquedottistiche, per gli impianti industriali e per quelli idroelettrici la durata viene determinata anche in rapporto al piano di ammortamento dei costi delle opere da realizzare. Rimane comunque sempre affidata alla valutazione discrezionale dell'amministrazione la decisione in merito ad una diversa durata, tenuto conto delle peculiarità specifiche del singolo provvedimento concessorio. 5.2 Concessione per occupazione aree del demanio idrico Le disposizioni del presente punto disciplinano qualsiasi occupazione ed utilizzazione di Aree Demaniali, così come specificato all articolo 3 principi di gestione. Il provvedimento di concessione di aree del demanio idrico è un atto amministrativo discrezionale mediante il quale la Provincia attribuisce al soggetto richiedente, subordinatamente all accettazione ed al rispetto di specifico disciplinare di concessione, particolari facoltà di godimento inerenti la realizzazione e l esercizio di opere e manufatti che occupino, in proiezione o in subalveo, porzioni di aree del demanio idrico definite catastalmente. 13

14 Il provvedimento di concessione è quindi l'atto necessario per poter utilizzare un bene del demanio idrico. E soggetto al pagamento di un canone annuale e, ai sensi del R.D. 523/1904, interessa quei soggetti, pubblici o privati, che intendono occupare aree demaniali. Si distinguono due tipologie di concessioni: - Concessione con occupazione fisica di area demaniale: quando gli interventi o l'uso ricadono all'interno dell'area demaniale, interessando fisicamente il perimetro dell'alveo o la superficie degli argini. - Concessione senza occupazione fisica di area demaniale: quando gli interventi o l'uso non toccano direttamente il perimetro dell'alveo o la superficie degli argini, ma intercettano le proiezioni in verticale dell'area demaniale (ad es. attraversamenti in subalveo o aerei). E consentito il rilascio di concessioni per posti barca secondo i seguenti criteri: a) Posto barca ad USO PRIVATO: un posto barca per titolare di domanda che attesti la proprietà del natante b) Posto barca per ATTIVITA PROFESSIONALE DI PESCA: uno o due posti barca per il titolare che attesti la proprietà del natante e l attività professionale di pesca c) Area per stazionamento e/o ormeggio natanti per ATTIVITA NAUTICA DA DIPORTO con scopo di lucro. (min. 10 mq) d) Area per stazionamento e/o ormeggio natanti per USO CANTIERISTICO NAVALE (min. 10 mq) Per il dettaglio della procedura da seguire, della documentazione da allegare e di tutto l iter necessario ai fini dell ottenimento del provvedimento concessorio, si rinvia alla modulistica predisposta dal settore e alle disposizioni applicative del presente Regolamento, titolo dedicato alle concessioni per occupazione di aree del demanio idrico. Provvedimento di assenso al rilascio della concessione Il provvedimento di rilascio della concessione avente ad oggetto l occupazione e l utilizzazione di aree demaniali è disposto con Determinazione Dirigenziale previa verifica del versamento, da parte del richiedente, dei diritti di istruttoria, delle eventuali spese di sopralluogo, dei canoni per l anno corrente e per gli anni arretrati, se dovuti, e degli oneri di registrazione contratto/disciplinare. Con la stessa Determina Dirigenziale si provvederà all approvazione del disciplinare. Il disciplinare di concessione demaniale redatto sulla base dello schema tipo predisposto dall Amministrazione in forma di scrittura privata non autenticata è l atto con il quale la Provincia concede l utilizzo temporaneo del bene del demanio idrico, subordinatamente al rispetto, da parte del concessionario, di specifici obblighi, condizioni e prescrizioni che regolano il rapporto giuridico tra l Amministrazione concedente ed il soggetto concessionario. Indicativamente la durata delle concessioni a carattere permanente relativa all esecuzione di opere non di pubblica utilità è indicata, a discrezione degli stessi richiedenti, tra un periodo minimo di anni uno e massimo di anni trenta. Indicativamente la durata delle concessioni relative all esecuzione di opere di pubblica utilità è compresa in un periodo che va da minimo di anni dieci ad un massimo di anni trenta. Rimane comunque sempre affidata alla valutazione discrezionale dell'amministrazione la decisione in merito ad una diversa durata, tenuto conto delle peculiarità specifiche del singolo provvedimento concessorio. 14

15 5.3 Provvedimento di anticipata occupazione dell area demaniale Nell ipotesi di constatata, effettiva ed obbiettiva urgenza dell intervento sul suolo demaniale richiesto in concessione, nelle more della procedura di eventuale rilascio dell atto concessorio ordinario, il Dirigente con propria determinazione dispone, entro 30 giorni dalla richiesta, circa l adozione dei contenuti dell atto di anticipata occupazione. In tale atto è determinato l importo dovuto a titolo di indennità di occupazione temporanea, corrispondente al futuro ammontare del canone definitivo in caso di successivo rilascio della concessione ordinaria. Detto importo e l eventuale deposito cauzionale dovranno essere interamente corrisposti prima del rilascio della concessione. Le condizioni essenziali che devono concorrere alla stipula degli atti di anticipata occupazione del suolo demaniale, per l esecuzione delle opere/ interventi su di essi, sono le seguenti: a) che sia riconosciuta o esista l effettiva ed obbiettiva urgenza dell intervento. b) che l interessato dichiari di accettare tutte le condizioni che saranno stabilite nell atto definitivo. c) che i successivi interventi per l esecuzione delle opere non debbano subire interruzioni, salvo i casi riconosciuti di forza maggiore. Gli atti di anticipata occupazione di aree del Demanio Idrico devono essere emanati con la stessa forma prevista per l eventuale successivo atto di concessione. La data dell atto di anticipata occupazione di aree del Demanio Idrico assume importanza fondamentale in quanto l Atto di Concessione definitivo consequenziale, eventualmente successivamente rilasciato, assume validità di titolo definitivo sul bene demaniale a decorrere non dalla data della sua stipulazione ma da quella dell Atto di anticipata occupazione. Articolo 6 - Deposito cauzionale 1. Nelle fattispecie concernenti gli atti di concessione, la Provincia potrà prescrivere il versamento di un deposito cauzionale, il cui ammontare sarà variabile, contestualmente, al grado di rilievo degli obblighi assunti dal concessionario, al valore del bene demaniale concesso ed alla particolare tipologia della concessione stessa; ciò al fine di garantire l'amministrazione concedente sul soddisfacimento di tutti i suoi crediti, sul rimborso delle spese eventualmente anticipate in caso di inottemperanza del concessionario e soprattutto sulla possibilità di eseguire quei lavori che improvvisamente dovessero rendersi necessari per avere il concessionario contravvenuto ai propri obblighi. 2. L importo del deposito cauzionale, da versare in denaro, in nessun caso potrà essere inferiore ad una cifra corrispondente a cinque annualità di canone, tranne nelle fattispecie concessorie aventi una durata inferiore, in cui la cauzione non dovrà essere di importo inferiore ad una annualità di canone. Dovrà sempre determinarsi nel disciplinare dell atto di concessione che in tutti i casi in cui l Amministrazione, in dipendenza delle condizioni contenute nel disciplinare, prelevi somme dal deposito cauzionale, queste dovranno essere reintegrate dal concessionario entro un congruo termine. 3. Il deposito cauzionale potrà essere costituito mediante uno dei seguenti modi: Versamento in contanti su c.c.bancario indicato dalla provincia di Livorno Fideiussione bancaria 15

16 Polizza assicurativa rilasciata da impresa di assicurazione debitamente autorizzata all esercizio ramo cauzioni. Qualora la cauzione definitiva venga costituita mediante fideiussione bancaria o polizza assicurativa dal relativo atto deve risultare che il fideiussore si obbliga, incondizionatamente e senza alcuna riserva, dietro semplice richiesta scritta della Provincia ed entro il termine massimo di 15 giorni dal ricevimento della medesima, a versare la somma dovuta, con esclusione quindi in ogni caso del beneficio della preventiva escussione di cui all articolo 1944 c.c. e della decadenza di cui all art c.c. 4. Il versamento dell importo richiesto quale deposito cauzionale a proprio favore potrà essere richiesto dalla Provincia attraverso le forme che saranno definite con specifici atti. 5. La restituzione dei depositi cauzionali versati in garanzia degli obblighi assunti dai soggetti concessionari con gli atti di concessione dei beni demaniali idrici, deve essere prevista con Determinazione del Dirigente del settore, una volta terminata la concessione e successivamente, alla constatazione dell adempimento da parte del concessionario di tutti gli obblighi nascenti dal relativo atto di concessione. 6. Per gli obblighi assunti con gli Atti di Anticipata Occupazione, i depositi cauzionali sono regolamentati con specifiche disposizioni. 7. Nelle fattispecie concernenti gli atti autorizzativi del presente Regolamento, la Provincia potrà prescrivere il versamento di un deposito cauzionale a garanzia delle eventuali ripercussioni di ordine economico che dovessero ricadere sull Ente sulla base di possibili danni al demanio idrico che comportino interventi di rimessa in pristino stato del bene. Articolo 7 - Canone demaniale a) Per ogni occupazione/utilizzo del demanio idrico deve essere corrisposto dal soggetto utilizzatore un canone annuale, il cui importo, suscettibile di variazione a seconda del tipo di utilizzazione del bene, è determinato secondo parametri di calcolo individuati da apposita delibera di Consiglio Provinciale ( dcp del 18 marzo 2003 n. 48) ed è aggiornato ogni anno, con delibera di Giunta Provinciale, secondo gli indici ISTAT. b) Trova applicazione, per quanto concerne le concessioni demaniali aventi ad oggetto le derivazioni di acqua pubblica, quanto previsto dall art. 1 della Legge Regione Toscana 2 Dicembre 1994 n. 92 in ordine al versamento, contestualmente al pagamento del canone, dell addizionale regionale nella misura del 10% dell importo dello stesso. c) Il canone annuo è anticipato ed è soggetto successivi aggiornamenti secondo tariffe deliberate annualmente. d) In caso di utilizzazione di fatto in assenza di concessione all utilizzatore di acqua pubblica o di aree ricadenti nel demanio idrico, così come risultante dagli atti o per come accertato d ufficio, l Ammministrazione invierà la richiesta di pagamento di una somma di denaro, a titolo di indennità, di pari valore al canore di concessione corrispondente dovuto ( si rimanda per il dettaglio all articolo 14.4 occupazioni senza titolo ). e) L obbligo del pagamento del canone è previsto per ogni anno solare di validità della concessione e deve essere effettuato, salvo eventuali proroghe deliberate dalla Giunta Provinciale, entro la fine del mese di maggio dell anno solare di riferimento. 16

17 f) La riscossione del canone avviene a mezzo pagamento su cc dell Amministrazione Provinciale o, in caso di affidamento del servizio a concessionario esterno, con versamento su conto corrente direttamente intestato a quest ultimo. g) In caso di parziale o omesso pagamento versamento del canone o dell indennità dovuti da parte, rispettivamente, del concessionario o dell utilizzatore, si provvede alla notifica, anche a mezzo posta mediante raccomandata con avviso di ricevimento, di appositi avvisi sottoscritti dal responsabile della gestione del servizio, con spese a carico dell inadempiente e con invito ad adempiere nel termine massimo di 60 giorni. h) Sulle somme comunque versate in ritardo sono dovuti gli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giorno per giorno a decorrere da quello successivo alla data di scadenza del pagamento del canone. i) In caso di mancato pagamento del canone o dell indennità dovuta l Amministrazione Provinciale procederà alla riscossione coattiva di quanto dovuto a mezzo di ruoli esattoriali. Articolo 8 - Voltura nella titolarità della concessione 1. Si ha voltura nella titolarità della concessione quando al concessionario originario succede, nel rapporto con l Amministrazione, un nuovo soggetto il quale assume tutte le responsabilità ed i diritti derivanti dalla concessione, mentre il primo, liberato da ogni vincolo, non può più usare né occupare il bene oggetto della concessione. 2. Posto che la concessione è personale e non può essere ceduta, né in tutto né in parte, né essere trasmessa agli eredi senza il preventivo nulla osta del Settore, quando il concessionario intende sostituire altri nel godimento della concessione, deve chiedere l autorizzazione alla Provincia in qualità di autorità concedente ( mediante compilazione di apposito modello predisposto dal Settore) specificando il titolo in virtù del quale è legittimata la richiesta ( la voltura potrà essere accordata in caso di procedibilità dell istanza solo in presenza di valido atto traslativo.); contestualmente, nella stessa istanza, il soggetto che intende subentrare al concessionario dichiara di essere pronto ad assumere la concessione alle condizioni stabilite nell atto di concessione. 3. La richiesta di voltura è inoltrata su iniziativa di parte con la presentazione della relativa domanda, che deve essere redatta in duplice copia di cui una in bollo e corredata dell atto traslativo, secondo le modalità previste nell apposita modulistica predisposta dall Unità Organizzativa di riferimento. Sullo stesso atto di voltura viene presa nota del titolo su cui si basa l istanza. 4. Il nuovo titolare della concessione sarà tenuto a corrispondere il canone, se dovuto, a partire dal 1 Gennaio dell'anno successivo a quello della richiesta; fino a tale data il pagamento resterà a carico del concessionario cessante. 5. Il termine massimo per il rilascio del provvedimento è stabilito 90 giorni consecutivi a decorrere dalla data di ricezione della documentazione completa, ad esclusione dei periodi di interruzione dei termini formalmente comunicati dal Settore. 6. Il soggetto titolare subentrante nel rapporto concessorio assume tutte le responsabilità ed i diritti derivanti dal titolo in essere nonché tutti gli oneri pregressi in ordine a qualunque disposizione che siano state eventualmente impartite al concessionario originario. 7. Il provvedimento con il quale può autorizzarsi il trasferimento della titolarità della concessione demaniale sarà costituito da Determina del Dirigente del Settore. 17

18 8. Ipotesi particolare è quella del cosiddetto subingresso mortis causa cioè in caso di decesso del concessionario; nella fattispecie in oggetto gli eredi subentrano nel godimento della concessione ma devono chiedere, entro i sei mesi successivi alla data del decesso, la conferma della concessione, sotto pena di decadenza del titolo concessorio. Qualora, per ragioni attinenti all idoneità tecnica/economica degli eredi, l Amministrazione non ritenga opportuno confermare la concessione, si applica l istituto della revoca dell atto concessorio. In quanto variazione soggettiva del rapporto concessorio si applicano le stesse procedure di cui sopra. Articolo 9 -Variazioni al contenuto della concessione 1. Il rapporto concessorio può subire anche delle variazioni di natura oggettiva, che incidono sull estensione ed i confini del bene oggetto della concessione, sullo scopo e durata di questa, sulla natura e dimensione delle opere/interventi da eseguire, ed infine sul canone. 2. Tali modificazioni possono avvenire per concorde volontà delle parti, per fatto che non deriva dalla loro volontà, per volere dell amministrazione concedente. VARIAZIONE PER CONCORDE VOLONTA DELLE PARTI: sono previste due diverse fattispecie e cioè che il concessionario chieda la variazione del contenuto della concessione e l Autorità competente vi consenta o che la P.A.imponga la modifica ed il concessionario, per non vedersi revocata la concessione, l accetti; VARIAZIONE PER FATTO CHE NON DERIVA DALLA VOLONTA DELLE PARTI: si tratta dell ipotesi in cui per cause naturali i beni del demanio idrico assentiti in concessione subiscono modificazioni tali da restringere l utilizzazione della concessione: il concessionario in questo caso ha diritto ad un adeguata riduzione del canone; VARIAZIONE PER FATTO DELL AMMINISTRAZIONE: riguarda il caso in cui, in conseguenza di opere costruite per fini di pubblico interesse dallo Stato o da altri Enti Pubblici, l utilizzazione sia resa in parte impossibile, e conseguentemente il concessionario ha diritto ad una riduzione del canone. Articolo 10 - Varianti alle opere 1 E fatto sempre divieto al concessionario di apportare alle opere oggetto di concessione varianti, aggiunte, modifiche, innovazioni e altro, senza specifica autorizzazione scritta da parte del Settore. 2 La domanda di variante dovrà essere redatta dal titolare della concessione secondo le modalità previste nell apposita modulistica predisposta dal Settore. 3 Le varianti possono essere di tipo non sostanziale ovvero di tipo sostanziale. Per varianti sostanziali si intendono le modifiche alla concessione originaria relative a: variazione in aumento della superficie demaniale occupata modifica delle opere modifica della finalità per cui è assentita la concessione 4. Nel caso di varianti sostanziali si procederà seguendo tutte le formalità previste per il rilascio di una nuova concessione. 5 Tutte le altre varianti, fatte salve ulteriori determinazioni che potranno essere adottate per particolari circostanze, sono considerate di tipo non sostanziale. 18

19 6. In caso di variante di tipo non sostanziale si provvederà all istruttoria con una procedura semplificata rispetto a quanto previsto ordinariamente, limitando l esame dell istanza di variante al solo accertamento della simultanea presenza dei seguenti requisiti: ammissibilità della concessione ne riguardi di superiori ragioni di interesse pubblico, anche in relazione alla protezione idraulica del territorio ed alla corretta regimazione idraulica del corso d acqua. perseguimento degli obbiettivi di sicurezza idraulica e di tutela ambientale previsti dalle disposizioni normative vigenti in materia al momento della richiesta di variante alle opere oggetto di concessione. 7. Il provvedimento con il quale possono autorizzarsi le varianti non sostanziali alla concessione originaria sarà costituito da apposita Determina del Dirigente del Settore. Articolo 11 - Rinnovo della concessione demaniale 1. Le concessioni amministrative inerenti il Demanio Idrico si estinguono alla data stabilita nell atto di concessione. 2. La concessione per occupazione può essere rinnovata dietro la presentazione di apposita domanda debitamente motivata, entro la data di centottanta giorni antecedenti alla scadenza temporale dell atto stesso. Il rinnovo della concessione dà luogo ad un nuovo rapporto disciplinato da un nuovo titolo. La richiesta di rinnovo non comporta il pagamento di ulteriori spese per sopralluogo o per diritti. 3. Il concessionario con l istanza di rinnovo deve dichiarare che l area e le opere non hanno subito variazioni rispetto al titolo in corso di validità; spetta comunque all Amministrazione l obbligo di sopralluogo al fine della verifica dello stato dei luoghi. Articolo 12 - Limitazione o sospensione dell esercizio concessione 1. L esercizio da parte del concessionario dei diritti provenienti dal titolo concessorio può essere temporaneamente limitato o sospeso per motivi di pubblico interesse. 2. Il provvedimento amministrativo indica, se prevedibile, la durata della sospensione o della limitazione, le conseguenze in ordine al titolo e la sanzione amministrativa da irrogare nel caso di accertato mancato rispetto delle prescrizioni in esso contenute. 3. Qualora il provvedimento di sospensione non superi il periodo di tre mesi il concessionario è tenuto al pagamento dell importo totale del canone il quale, invece, dovrà essere proporzionalmente ridotto per periodi di sospensione di durata superiore. 4. In particolare a) nel caso di concessioni per occupazione aree demaniali: Le concessioni sospese e/o revocate per la realizzazione, da parte dell Amministrazione, di opere idrauliche o di altre opere pubbliche, qualora le aree interessate dai lavori, al termine degli stessi, si rendessero nuovamente disponibili potranno essere ripristinate in capo all originario concessionario, dietro sua richiesta. Qualora, al contrario, le medesime aree non fossero disponibili, l Amministrazione potrà rilasciare concessione su analoga superficie di altra area demaniale. b) nel caso di concessione di derivazione le motivazioni della temporanea limitazione o sospensione possono essere così specificate: - Grave depauperamento della risorsa idrica, al fine di garantire il Minimo deflusso Vitale nonché la tutela dell ecosistema fluviale 19

20 - Anomalo abbassamento del livello delle falde acquifere - Esigenze di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria del corso d acqua o esigenze di realizzazione di opere di pubblico interesse - Accertamento del venir meno dei requisiti qualitativi dell acqua oggetto di prelievo in relazione alla tipologia di uso assentito Articolo 13 - Estinzione del rapporto concessorio a) Cause di estinzione dell atto di concessione che operano automaticamente in forza di un fatto giuridico in senso stretto I fatti giuridici in senso stretto che determinano l estinzione del titolo concessorio sono i seguenti: la morte del concessionario (qualora gli eredi non abbiano chiesto nel termine previsto la conferma della concessione); la perdita della capacità giuridica del concessionario per fallimento o interdizione; il venire meno dell oggetto materiale della concessione per fatto od atto dell Amministrazione, ovvero per cause naturali; decorso temporale di vigenza della concessione b) Cause di estinzione dell atto di concessione che operano automaticamente in forza di un fatto giuridico in senso stretto La Decadenza 1. Le cause che concretano ipotesi di Decadenza del concessionario dal rapporto concessorio ed al tempo stesso la risoluzione di diritto dello stesso sono: la mancata realizzazione delle opere prescritte nell atto di concessione o il mancato inizio della gestione nei termini assegnati. il mancato rispetto, grave o reiterato, delle condizioni e prescrizioni contenute in fonti normative o secondarie o nel disciplinare dell atto di concessione. il non uso continuato o il cattivo uso della concessione per un triennio consecutivo. il mutamento sostanziale, non autorizzato, dello scopo per il quale è stata assentita la concessione (destinazione d uso diversa da quella oggetto di concessione). mancato pagamento di due annualità del canone. l inadempienza degli obblighi derivanti dalla concessione o imposti da leggi e regolamenti. Subconcessione a terzi. Mancata sottoscrizione del disciplinare. 1 bis Nel caso di concessione rilasciata per l occupazione di specchi acquei il subappalto da parte del titolare intestatario è vietato, pena la decadenza automatica ed immediata della concessione in corso unitamente alla perdita di quanto già corrisposto e/o dei previsti diritti ed oneri per l anno corrente, oltre alla preclusione di partecipare ai successivi bandi per l assegnazione di posti barca su tutto il territorio Provinciale. 2. Il provvedimento di Decadenza del rapporto concessorio è dichiarato con determinazione del Dirigente del Settore ed è immediato in presenza dell accertamento di una delle fattispecie di cui al punto 1, tranne l ipotesi di omesso pagamento del canone e l abituale negligenza e inosservanza disposizioni legislative e regolamentari in vigore, dove il 20

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL RILASCIO DELLE CONCESSIONI PREFERENZIALI

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL RILASCIO DELLE CONCESSIONI PREFERENZIALI Art. 1 Generalità Il presente regolamento disciplina il procedimento amministrativo semplificato della concessione preferenziale in attuazione dell art.4 del T.U. 11.12.1933 n.1775 e dell art.34 della

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano CITTA DI VIGEVANO Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano Approvato con Deliberazione di C.C. n. 9 dell11/02/2010 Regolamento per l assegnazione di beni immobili

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI DI AREE APPARTENENTI AL DEMANIO IDRICO. Approvato con delibera C.P. n. 60 del 19/02/2007

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI DI AREE APPARTENENTI AL DEMANIO IDRICO. Approvato con delibera C.P. n. 60 del 19/02/2007 REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI DI AREE APPARTENENTI AL DEMANIO IDRICO Approvato con delibera C.P. n. 60 del 19/02/2007 Norme generali per utilizzazione delle aree demaniali Capitolo I Concessioni demaniali

Dettagli

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 Allegato D8 PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 La Provincia di Pisa intende affidare in concessione

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza)

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 13 aprile 2016 Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE Art. 1 - Oggetto del Regolamento: 1. Il presente regolamento disciplina le procedure da seguire per

Dettagli

Prelievo delle acque sotterranee: POZZI

Prelievo delle acque sotterranee: POZZI Prelievo delle acque sotterranee: POZZI Normativa di riferimento: Testo Unico n. 1775/33 Decreto Legislativo 152/06 Regolamento Regionale n. 2/06 D.G.R. n. 8/2244 del 29/03/2006 (PTUA) D. Lgv. n. 31/01

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

Assessorato Sviluppo della montagna e foreste - Opere pubbliche - Difesa del suolo Direzione Opere Pubbliche

Assessorato Sviluppo della montagna e foreste - Opere pubbliche - Difesa del suolo Direzione Opere Pubbliche TABELLA "CANONI DI CONCESSIONE PER UTILIZZO DI PERTINENZE IDRAULICHE" (ART. 1, COMMA 1, LETTERA C DELLA L.R. 12/2004) INTEGRATA DALL ALLEGATO A DEL D.P.G.R. 6/12/2004, n. 14/R) (n.b. le note integrative

Dettagli

Regione Toscana Direzione Generale Organizzazione e Risorse Area di Coordinamento Risorse Finanziarie

Regione Toscana Direzione Generale Organizzazione e Risorse Area di Coordinamento Risorse Finanziarie Regione Toscana Direzione Generale Organizzazione e Risorse Area di Coordinamento Risorse Finanziarie Avviso di selezione pubblica per l assegnazione in regime di concessione di un immobile in Firenze,

Dettagli

BOZZA ATTO CONCESSORIO ENOTECA COMUNALE

BOZZA ATTO CONCESSORIO ENOTECA COMUNALE BOZZA ATTO CONCESSORIO ENOTECA COMUNALE L'anno duemilaquattordici il giorno.. del mese di.. in Piombino, nella Civica Residenza in Piombino Via Ferruccio, 4: SONO COMPARSI - il COMUNE DI PIOMBINO,.. E

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque Legge regionale n.11, 29 aprile 2015 Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di 1 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO Regio decreto 523/1904 (testo unico sulle opere idrauliche) Legge

Dettagli

ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL. L anno duemiladodici e questo dì del mese di TRA

ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL. L anno duemiladodici e questo dì del mese di TRA ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL L anno duemiladodici e questo dì del mese di in Firenze per il presente atto TRA - il Comune di Firenze, codice fiscale n. 01307110484,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA Legge Regionale: Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi di cui all art. 32 del Decreto Legge 30.09.2003, n. 269. * * * * * * * * * Articolo 1 Oggetto della legge 1.

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento di disciplina del procedimento di autorizzazione alla realizzazione di opere idrauliche di competenza provinciale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento di disciplina del procedimento di autorizzazione alla realizzazione di opere idrauliche di competenza provinciale PROVINCIA DI ROMA Regolamento di disciplina del procedimento di autorizzazione alla realizzazione di opere idrauliche di competenza provinciale Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 36 del

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI COMUNE ALL IONIO ( Provincia di COSENZA ) COMANDO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DEI PASSI CARRABILI proposta elaborata da : Ten. Pietro Atene : Responsabile del Corpo di P.M. 1 INDICE Art. 1

Dettagli

INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI

INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI Con le presenti direttive si forniscono indirizzi per il rilascio ed il rinnovo delle concessioni di pertinenze

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 25 Settembre 2006 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 2 Art. 2 Definizione del reticolo minore... 2 Art. 3 Normativa di riferimento e competenze... 2 Art. 4 Attività amministrativa dei Comuni... 3 Art. 5 Autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI SAN VITTORE OLONA

COMUNE DI SAN VITTORE OLONA (Provincia di Milano) COMUNE DI SAN VITTORE OLONA Affidamento del servizio dal 01.07.2016 al 31.12.2020 CAPITOLATO D ONERI SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE, ANCHE COATTIVA

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche ed assimilate alle domestiche In aree non servite da pubblica fognatura (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 31/03/2004)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, PTCP, PAESAGGIO, GENIO CIVILE, DIFESA DEL SUOLO

CARTA DEI SERVIZI SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, PTCP, PAESAGGIO, GENIO CIVILE, DIFESA DEL SUOLO 1 2 CARTA DEI SERVIZI SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, PTCP, PAESAGGIO, GENIO CIVILE, DIFESA DEL SUOLO INDICE - Presentazione 4 - Premessa 5 - Introduzione 6 - Organizzazione E SERVIZI 11 -

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R.

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. 1/05) Approvato con deliberazione di C.C. n.. del esecutivo dal. SERVIZIO

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

"Norme in materia di opere concernenti linee ed impianti elettrici fino a 150.000 volt".

Norme in materia di opere concernenti linee ed impianti elettrici fino a 150.000 volt. LEGGE REGIONALE 16 agosto 1982, N. 52 "Norme in materia di opere concernenti linee ed impianti elettrici fino a 150.000 volt". (BURL n. 33, 1º suppl. ord. del 18 Agosto 1982 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1982-08-16;52

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 24 del 01.08.2013-1 - COMUNE DI USMATE VELATE (Provincia

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA PROTOCOLLO GENERALE COMUNICAZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA N DEL Al COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA Sportello Unico per l edilizia COMUNICAZIONE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI Approvato con Deliberazione della Commissione Straordinaria

Dettagli

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. N. 1449 IN 30/11/2012 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA RICHIAMATI: il

Dettagli

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO &2081(',9,*(9$12 5(*2/$0(1723(5/$&21&(66,21('(/62772682/23(5/$&26758=,21(', 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO (Finalità) 1. Il presente regolamento disciplina la realizzazione di

Dettagli

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

ALLEGATO B DGR nr. 1110 del 18 agosto 2015

ALLEGATO B DGR nr. 1110 del 18 agosto 2015 pag. 1 di 6 AVVISO PER L ALIENAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA DESTINATI ALLA LOCAZIONE PERMANENTE LA GIUNTA REGIONALE RENDE NOTO CHE Con deliberazione n. 118 del 19 settembre 2012,

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO

DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Modello 5a (Aggiornato a Aprile 2015) INTESTATA A Il/la sottoscritto/a nato/a a Provincia il residente a/con sede

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO Approvato con deliberazione di C.C. n. 20 del 18 /07 /2013 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il

Dettagli

QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M.

QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. Con l approvazione della legge regionale 4 febbraio 2013, n. 3 (pubblicata sul B.U.R. n. 1, Parte

Dettagli

AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO IMMOBILIARE

AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO IMMOBILIARE Prot. 58662/2016 Direzione Regionale della Lombardia AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO IMMOBILIARE L Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Lombardia via Manin n. 25, 20121 Milano (MI), tel. 02/65504.697/358/183

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI Approvato con delibera C.C. n.. 46 del 07.08.2013 - INDICE ART. 1) ART. 2)

Dettagli

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TITOLO PRIMO AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

COMUNE DI MORIMONDO. Area Tecnica Manutentiva -ufficiotecnico@comune.morimondo.mi.it Tel.02/94961941-1911 fax 02/ 94961950

COMUNE DI MORIMONDO. Area Tecnica Manutentiva -ufficiotecnico@comune.morimondo.mi.it Tel.02/94961941-1911 fax 02/ 94961950 COMUNE DI MORIMONDO i\o Area Tecnica Manutentiva ufficiotecnico@comune.morimondo.mi.it Tel.02/949619411911 fax 02/ 94961950 MORIMONDO 17.02.2016 PROT. N. 748 EQT Marco FORNI Titolare dell'azienda Agricola

Dettagli

COMUNE DI GRANAGLIONE Provincia di BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U.

COMUNE DI GRANAGLIONE Provincia di BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. COMUNE DI GRANAGLIONE Provincia di BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. (Approvato con Deliberazione Consiliare n. 22 del 09/08/2014) INDICE Articolo 1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA. Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007

REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA. Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007 REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007 Indice Indice... 2 Premessa... 3 Art. 1... 3 Art. 2... 4 Art. 3... 4 Art. 4... 4 Art.

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO

PROVINCIA DI ORISTANO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE O SUL SUOLO DI ACQUE REFLUE URBANE, INDUSTRIALI E DOMESTICHE AI SENSI DEL D. LGS 3 APRILE

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari PROVINCIA DI ROMA Regolamento impianti e cartelli pubblicitari Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 212 del 23/02/2003 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 93 del

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

COMUNE di MONTECARLO

COMUNE di MONTECARLO S.C.I.A. n : COMUNE di MONTECARLO Provincia di Lucca Spazio riservato all ufficio DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO PER S.C.I.A. RELATIVA A INTERVENTI STRAORDINARI SUGLI IMMOBILI ESISTENTI - L.R. 24/09 Art.79

Dettagli

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola L anno, nel giorno ( ) del mese di, presso la sede del Comune di Capannori (LU), con il presente atto da valere ad ogni effetto

Dettagli

Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 18 del 09.08.2012. Art. 1 Oggetto del regolamento

Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 18 del 09.08.2012. Art. 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI PERMESSO DI RICERCA DELLE ACQUE MINERALI, DI SORGENTE E TERMALI. attribuite ai Comuni dalla l.r. 27 Luglio 2004, n.38 Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONALE NON RICOGNITORIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONALE NON RICOGNITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 26.03.2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento pagina

Dettagli

TRA LE PARTI SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

TRA LE PARTI SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI VALORIZZAZIONE E UTILIZZAZIONE A FINI ECONOMICI DEL COMPLESSO IMMOBILIARE DI PROPRIETA COMUNALE DENOMINATO MASSERIA SCANNATIZZI L'anno i il giorno del mese di nella sede

Dettagli

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011 Filiale Emilia Romagna ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO Rep. n /Atti Privati del 2011 L anno 2011 addì del mese di, presso la sede dell Agenzia del Demanio Filiale Emilia Romagna

Dettagli

Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita

Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita (ai sensi dell art.8 D.Lgs.114/98 Regolamento regionale n.3/2000 Delibera C.C. n.14 del 05.04.2004) pag. 1 TITOLO

Dettagli

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI ED IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI URBANI L.R.52/00 e s.m.i. 1. FINALITA In esecuzione

Dettagli

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione Modificata con L.R. 1 agosto 1977, n. 79 Modifiche alla legge

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1530 IN DATA 15-06-2011

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1530 IN DATA 15-06-2011 PROVINCIA DI BIELLA Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO DETERMINAZIONE N. 1530 IN DATA 15-06-2011 Oggetto: D.Lgs. 152/2006 e ss.mm. Autorizzazione allo scarico

Dettagli

COMUNE DI POLISTENA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI POLISTENA Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Approvato con delibera C.C. n. 37 del 14-10-2013 P a g i n a 2 Sommario ART. 1

Dettagli

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI Allegato alla Nota Informativa ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano Codice Fiscale 00873100150 - Piazza Diaz n. 1-20020 Busto Garolfo - www.comune.bustogarolfo.mi.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO

Dettagli

Via Saffi, 2 48013 Brisighella, Fraz. Fognano (RA) CF. 90028320399. Convenzione amministrativa per la concessione in uso del fabbricato

Via Saffi, 2 48013 Brisighella, Fraz. Fognano (RA) CF. 90028320399. Convenzione amministrativa per la concessione in uso del fabbricato Via Saffi, 2 48013 Brisighella, Fraz. Fognano (RA) CF. 90028320399 Convenzione amministrativa per la concessione in uso del fabbricato demaniale denominato CA BUDRIO in località BUDRIO Complesso Forestale

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE CITTA DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato C) alla deliberazione di Consiglio Comunale N. 9 del 15 febbraio

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C L. 662/96 Autorizz. Dirpostel L Aquila ANNO XXXIII N. 18 Straordinario (Sport) R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINOUFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia Torino

COMUNE di CASELETTE Provincia Torino COMUNE di CASELETTE Provincia Torino REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1 Utilizzo delle palestra comunale. Il Comune di Caselette concede ad Istituzioni Scolastiche, Associazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ Articolo 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento

Dettagli

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Rep. n. - Atti Privati soggetti a registrazione schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 omissis Tutto ciò premesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI DI AREE PER TOMBE DI FAMIGLIA

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI DI AREE PER TOMBE DI FAMIGLIA COMUNE DI BUDDUSO Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI DI AREE PER TOMBE DI FAMIGLIA nuovo cimitero Gesù Risorto TESTO COORDINATO - approvato con Deliberazione Consiliare n. 6 del 31.01.2013;

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806

C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806 C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806 AREA TECNICA E MANUTENTIVA 0964. 672324 0964.672300 e-mail ufficiotecnico@cert.comune.bovalino.rc.it SCHEMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE CONCESSORIO NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE CONCESSORIO NON RICOGNITORIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE CONCESSORIO NON RICOGNITORIO Approvato con deliberazione del C.C. n. 45 del 24/03/2011 INDICE Art. 1 Canone di Concessione non ricognitorio Art. 2 - Superficie

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO Fondo Pensione Complementare iscritto al n. 1016 dell Albo dei Fondi Pensione - I Sezione Speciale Ente morale riconosciuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289)

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) COMUNE DI CELANO Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) CAPO I TRIBUTI CONDONABILI, CONDIZIONI E BENEFICI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA SEZIONE I 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 128 del 27 febbraio 2006 che approva il regolamento sulle organizzazioni di volontariato

Dettagli

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 )

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA A CURA DI: STUDIO

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2 Regolamento per la concessione di locali e spazi per servizi bar e/o distribuzione automatica di generi alimentari all interno degli Istituti Scolastici di pertinenza dell Amministrazione Provinciale ART.

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 del 20/09/2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 OGGETTO

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA in materia di Attività Produttive. ai sensi dell art. 19 della Legge n. 241 del 07.08.1990 e s.m.i.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA in materia di Attività Produttive. ai sensi dell art. 19 della Legge n. 241 del 07.08.1990 e s.m.i. S.C.I.A. N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA in materia di Attività Produttive ai sensi dell art. 19 della Legge n.

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA COMUNE DI POMEZIA (Provincia di ROMA) SEZIONE TUTELA DELL AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 94

Dettagli

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Articolo 27, commi 5, 7 e 8, del D.Lgs n. 285 del 30 aprile

Dettagli

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze PRATICA BUSTA : (spazio riservato all ufficio Protocollo) (spazio riservato all ufficio Edilizia Privata) Al Dirigente del Servizio Gestione del Territorio S.C.I.A.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI COMUNE DI MARCIGNAGO (Prov. Pavia) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI Approvato con delibera C.C. n. 15 del 28.04.2011 Art. 1 Finalità Scopo del presente regolamento è quello di regolare

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Il Servizio Edilizia privata si occupa di atti abilitativi e di controllo sui lavori edili eseguiti da parte di privati ed imprese su tutto il territorio cittadino, suddiviso

Dettagli

MODELLO PER LA COMUNICAZIONE DELLA VOLONTA DI CEDERE L UTENZA, AI SENSI DELL ART. N 31 R.R. N 02 DEL 24/03/2006

MODELLO PER LA COMUNICAZIONE DELLA VOLONTA DI CEDERE L UTENZA, AI SENSI DELL ART. N 31 R.R. N 02 DEL 24/03/2006 MODELLO PER LA COMUNICAZIONE DELLA VOLONTA DI CEDERE L UTENZA, AI SENSI DELL ART. N 31 R.R. N 02 DEL 24/03/2006 Marca da bollo da 16,00 1 Spett.le PROVINCIA DI LECCO Settore Ambiente ed Ecologia Ufficio

Dettagli

SCHEMA DI CONCESSIONE

SCHEMA DI CONCESSIONE SCHEMA DI CONCESSIONE REGOLANTE I RAPPORTI TRA CONCEDENTE E CONCESSIONARIO, RELATIVAMENTE ALLA CONCESSIONE DELLA GESTIONE, MESSA A NORMA E MANUTENZIONE DELL IMPIANTO ALPINE COASTER MONTE LIVATA, SITO IN

Dettagli