L invasione giapponese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L invasione giapponese"

Transcript

1 LE NUOVE INFESTANTI D OLTRE OCEANO Particolare (a sinistra) e visione d insieme della Reynoutria japonica (a destra) nelle prime fasi vegetative primaverili (marzo-aprile). L invasione giapponese Reynoutria japonica, un erbacea perenne originaria dell Asia orientale, in quasi dieci anni dal primo avvistamento nel nostro Paese si è diffusa in gran parte del Nord Italia escludendo la quasi totalità delle altre specie vegetali. Conoscerla equivale a contrastarla Testo di Fulvio Caronni, forestale, Parco Lombardo della Valle del Ticino; foto di Giorgio Buizza La globalizzazione, come noto, sta portando un flusso ininterrotto di specie animali e vegetali provenienti da altre regioni del globo. A volte queste entità sembrano rimanere per decenni in uno stadio di adattamento intermedio, quasi difficoltoso, poi più o meno improvvisamente cominciano a manifestare la loro invasività, divenendo via via una vera e propria minaccia per gli ecosistemi originari. Una di queste specie, che sta progressivamente aumentando la propria presenza nel nostro Paese, è senza dubbio il poligono del Giappone (Reynoutria japonica Houtt., sinonimi: Fallopia japonica (Houtt.) Ronse Decr. ; Polygonum cuspidatum Siebold & Zucc.). Chi scrive ricorda di averla osservata negli ultimi 10 anni, più o meno sporadicamente, in tutte le regioni della Pianura Padana, ma sino a questi ultimi anni non sembrava possedere le spiccate doti di competizione proprie di altre specie esotiche invadenti, quali il prugnolo tardivo (Prunus serotina Ehrh.) o la cosiddetta zucchina americana (Sicyos angulatus). Entità queste ultime che, purtroppo, sono in grado di sconvolgere completamente gli equilibri degli ecosistemi con i quali vengono a contatto: rispettivamente i boschi, in quasi tutte le formazioni dell alta Pianura Padana, per la prima specie, o la vegetazione ripariale, arbustiva o anche forestale, per la seconda. Sempre più frequentemente però, anche il poligono del Giappone sta evidenziando velocità di diffusione e capacità di imporsi, escludendo dalle aree invase la quasi totalità delle altre specie vegetali. Poiché la sua presenza, già nei decenni scorsi, si è dimostrata dannosa in altri stati dell Europa, è giunto il momento di conoscerla meglio e di contrastarne l ulteriore espansione. Caratteristiche del poligono e di altre specie simili Il poligono del Giappone (Reynoutria japonica Houtt.), è una pianta erbacea perenne originaria dell Asia orientale, importata in Europa circa due secoli fa come foraggio e come specie ornamentale. La pianta appare in primavera con getti che in poche settimane raggiungono l altezza di 1-2 m e oltre; i fusti, cavi all interno e di 1-2 cm di diametro, sono dapprima rossastri, poi divengono verdi, punteggiati per la presenza di sottili macchie di colore rosso. Le foglie sono alterne, di forma ovale-lanceo- 51 ACER 2/2009

2 A sinistra, i tipici culmi vuoti della pianta nel periodo invernale. Un eventuale impiego a scopo energetico di questi fusti leggeri e fragili avrebbe risultati deludenti. lata, a base troncata e con apice acuto, larghe da 3 a 7 cm e lunghe da 5 a 15 cm. I fiori, di piccole dimensioni e di colore bianco, sono riuniti in spighe; appaiono da luglio a settembre. Le piante formano macchie piuttosto estese e particolarmente fitte, che impediscono l insediamento e lo sviluppo di altre specie. Nel tardo autunno le parti aeree della pianta muoiono, rimangono però ben visibili i fusti di colore bruno e di aspetto legnoso. La specie è dioica, quindi le piante possiedono solamente fiori maschili o femminili; si ritiene che gli individui presenti in Europa siano esclusivamente femminili, e i pochi casi nei quali si è osservata la produzione di semi, si ritiene siano dovuti a fenomeni di ibridazione. Tali incroci possono verificarsi con specie del genere Fallopia, molto simili a Reynoutria, o con Reynoutria sachalinensis (F. Schmidt) Nakai. In Italia si ritrova, pur se molto più raramente del poligono del Giappone, anche il poligono di Sachalin (Reynoutria sachalinensis (F.Schmidt) Nakai, sinonimi: Fallopia sachalinensis (F. Schmidt) Ronse Decr.; Polygonum sachalinense F. Schmidt). Questa specie è però presente anche con piante maschili, che possono incrociarsi con il poligono del Giappone dando origine a individui ibridi che vengono ritenuti una terza e diversa entità Reynoutria x bohemica Chrtek & Chrtkova, chiamata così perché classificata per la prima volta nella Repubblica Ceca. Il poligono di Sachalin si distingue dal poligono del Giappone per le maggiori dimensioni dei fusti, alti fino a 4 metri, e per le foglie lunghe anche 40 cm e a base cordata. L ibrido presenta caratteri intermedi tra le due specie, ma mentre il poligono di Sachalin può essere considerato naturalizzato e non invasivo, Reynoutria x bohemica presenta caratteristiche di maggiore invasività. La sua diffusione in Italia e in Europa Il poligono del Giappone è piuttosto diffuso in Piemonte e Lombardia, ma è presente anche in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Toscana, con segnalazioni in Trentino, Valle d Aosta, Emilia e Liguria. È importante segnalare che, non essendo presenti individui maschili, la riproduzione avviene per via vegetativa, tramite la diffusione di rizomi o parti del fusto. Questi, una volta a contatto col terreno, sono in grado di radicare dagli internodi del fusto o dai rizomi, dando origine a nuovi soggetti. È possibile anche l espansione sotterranea dei rizomi. La pianta predilige stazioni con molta luce e suoli umidi, in particolare lungo le rive dei corsi d acqua, dai quali viene anche diffusa con facilità, ma si ritrova spesso negli ambienti più diversi (radure all interno dei boschi, ghiaioni, scarpate ferroviarie ecc.). Nei luoghi ove la specie realizza la sua invasione, in poco tempo ricopre il suolo con un fitto intrico di fusti e anche i primi strati del sottosuolo vengono interessati da una maglia inestricabile di rizomi che tendono tra l altro ad anastomizzare, cioè a fondersi al contatto gli uni con gli altri. In queste situazioni, quasi tutte le altre specie vengono espulse dalla comunità vegetale, la biodiversità decresce drasticamente (il numero di specie cala di circa il 70-80%) e riescono a sopravvivere solo le altre specie erbacee più resistenti, spesso altre esotiche. Oltre a impedire lo sviluppo delle specie autoctone, questa esotica può arrecare altri Transitare in una zona in presenza di Reynoutria japonica dà una sensazione di disagio simile all attraversamento di un canneto: non si percepisce più nulla né davanti, né dietro, né a fianco. iorgio Buizza, agronomo, presidente Gdell Ordine dei dottori agronomi e forestali di Como, Lecco e Sondrio, già direttore del Parco di Monza, nonchè membro del comitato di redazione di ACER, illustra, attraverso alcune domande, la sua pluriennale esperienza che l ha portato a occuparsi di questa infestante. La sua attività professionale le ha fatto conoscere da vicino il Parco di Monza e la Valle del Lambro: è il caso di preoccuparsi della Reynoutria japonica? Se l atteggiamento di fondo è di lasciar fare liberamente alla natura non ci si dovrebbe preoccupare in quanto anche questa specie risponde ai criteri che oggi si potrebbero definire bio ; la specie si sviluppa da sé, non richiede concimazioni né altri interventi antropici, risponde solo a regole della natura. Se invece l atteggiamento è di preservare e favorire la biodiversità e di mantenere i caratteri ambientali e il paesaggio propri di un determinato luogo allora la specie va considerata e contrastata proprio come un invasore, un despota intollerante della diversità e della complessità. Come e dove ha avuto la possibilità di Le foglie della Reynoutria japonica: La Reynoutria japonica appare in primavera emettendo delle caratteristiche gemme rosse che nel giro di un paio di mesi si trasformano in fusti lunghi anche 1 m. Questi fusti, dapprima rossastri, poi divengono verdi punteggiati di sottili macchie di colore rosso che portano delle foglie alterne, le quali di norma hanno una forma ovale-lanceolata. In realtà a un occhio attento non può sfuggire la presenza di foglie caratterizzate da forme molto diverse tra loro pur appartenendo alla stessa specie. Reynoutria japonica, infatti, è ACER 2/

3 Un esperienza diretta riscontrare questi risultati? Ho incontrato questa pianta già negli anni 80 lungo le sponde del Lambro nel Parco di Monza. In quel periodo la pianta attirò la mia attenzione perché con il suo vigore vegetativo rendeva praticamente inaccessibili, durante la stagione estiva, alcuni tratti di sponda del fiume e nascondeva completamente la vista dell acqua al visitatore. Allora si trattava di presenza episodica che lasciava ancora sgombra gran parte della sponda del fiume. L alterazione paesaggistica è quindi molto evidente? Transitare nella zona ripariale in presenza di Reynoutria japonica in vegetazione provoca una sensazione di disagio simile all attraversamento di un canneto o di un campo di mais a maturità: non si percepisce più nulla né davanti, né dietro, né a fianco. Dato che la pianta raggiunge facilmente l altezza di 2-2,5 m di altezza e i fusti si addensano l uno all altro, la trama è così densa e compatta da rendere quasi impossibile il transito. È sufficiente una fascia ripariale di 2-3 m di larghezza per perdere qualunque contatto con il fiume e con la vista dell acqua. Ha constatato un espansione della Reynoutria japonica negli anni recenti? In assenza di specifico monitoraggio è difficile fornire elementi esatti di valutazione; indicativamente si può affermare che tutte le sponde del Lambro, nella parte pianeggiante da tutte diverse ma tutte uguali contraddistinta da una variabilità morfologica molto elevata delle foglie: possono essere arrotondate, appuntite, a base tronca, a base lobata, oppure con piccole macchie biancastre sulla pagina superiore. La pianta predilige stazioni con molta luce e suoli umidi, in particolare è presente lungo le rive dei corsi d acqua. Dagli ultimi accertamenti, tuttavia, è stato appurato che è in grado di colonizzare anche ambienti più asciutti: per esempio nel Parco di Monza è stata rintracciata a una distanza di oltre 1500 m dal Lambro. Merone a Monza, sono ormai invase dalla Reynoutria japonica che conquista progressivamente spazio grazie alla sua autosufficienza e alla sua aggressività e grazie al trasporto verso valle di piccoli cespi da parte della corrente del fiume. Dato che questa specie cancella le altre erbacee e arbustive, sia per il forte sviluppo degli apparati radicali e le dimensioni dei cespi, sia per l ombra densa prodotta dal fogliame, la situazione è preoccupante per la monotonia del paesaggio che genera. Oltre tutto questa pianta è in grado di colonizzare anche le sponde protette dalle scogliere e dai massi ciclopici perché riesce a insediarsi nelle fughe tra i massi dove diviene praticamente impossibile da contenere e sradicare. Un altro elemento di valutazione riguarda la distanza dal fiume a cui ora è rilevabile la Reynoutria japonica: mentre alcuni anni fa l infestante era rilevabile quasi esclusivamente lungo le sponde del fiume e sugli argini, oggi la specie si ritrova abbondantemente anche nei Giardini Reali e ai bordi del parcheggio presso la porta di Monza, a distanza di oltre 1500 m dal Lambro. Questo significa che, se è vero che la Reynoutria japonica predilige le sponde soleggiate e sabbiose, è altrettanto adattabile alle zone asciutte e con terreno compatto. Non viene fermata neppure dall ombra delle grandi latifoglie arboree perché seppure con minore invadenza è presente anche sotto una copertura densa di querce e di carpini. Ci può dare qualche suggerimento per la manutenzione? Come spesso è accaduto e continua ad accadere sono anche i giardinieri e i manutentori del verde la causa della diffusione dell infestante così come accade per i parassiti, per i funghi e per le patologie epidemiche. Nel caso della Reynoutria japonica è necessario prestare molta attenzione nello spostamento di materiale terroso per riempimenti, pareggiamenti o integrazioni del substrato. Spostare zolle di terra contenenti cespi o semplici frammenti verdi di questa erbacea significa estendere la diffusione dell infestante anche in zone dove, da sola, forse non sarebbe arrivata. Intervenire con macchine trinciatrici per lo sfalcio del sottobosco o del prato, lasciando il trinciato a terra equivale a disseminare la pianta grazie alla sua capacità di sviluppare nuove radici dagli internodi verdi. Sembrerebbe quindi più opportuno lo sfalcio al piede dei fusti con raccolta e distruzione delle risulte. Altre possibili soluzioni biologiche? È necessario scovare i competitori naturali (parassiti, funghi, insetti) con le dovute cautele per evitare che le cure abbiano effetti deleteri anche su altre componenti dell ambiente. Sarebbe auspicabile anche un uso foraggero di questa pianta: non è però ancora noto quale possa essere la specie animale che gradisce, come nutrimento, le foglie e i fusti della Reynoutria. La brucatura dei germogli sarebbe certamente auspicabile e avrebbe sicuramente un effetto positivo. L uso della biomassa a scopo energetico trova come limite l alto contenuto di acqua nei tessuti di questa specie. Allo stato secco, nella stagione invernale, la pianta è costituita da fusti cavi, leggeri, fragili, la cui eventuale raccolta avrebbe un risultato deludente sotto l aspetto del valore energetico e della complessità delle operazioni di raccolta. Che fare dunque? Credo che sia necessario approfondire ricerca e sperimentazione sia sul versante biologico sia su quello dell intervento antropico. In attesa di scovare soluzioni totalmente biologiche è auspicabile l intervento di contenimento anche basato sull impiego di modeste quantità di prodotti chimici a basso impatto ambientale, pur riconoscendone i limiti e i rischi. Lasciare però che questa specie esotica invadente alteri il paesaggio e impoverisca l ambiente senza che si faccia nulla per porvi rimedio mi sembra molto più deleterio e criticabile. F.C. 53 ACER 2/2009

4 danni di un certo rilievo lungo i torrenti giungendo, quando particolarmente abbondante, a occludere le luci di piccoli ponti. Casi di questo fenomeno sono segnalati già da più di un decennio nel Galles, dove è proprio la NRA (National rivers authority), un po il nostro Genio civile, che più si è impegnata, assieme agli Enti parco e alla Environment agency, nelle iniziative di contenimento. A proposito della presenza della specie in Europa, il poligono del Giappone si è diffuso, secondo Flora Europea del 1993, in quasi tutti i Paesi, dal Portogallo e dalle isole britanniche sino alla Russia centrale e baltica, con la sola esclusione della Grecia. Possibilità e opportunità di controllo o contenimento Il contenimento e l eliminazione di questa specie risultano particolarmente difficili: i rizomi si trovano sino a 2-3 metri di profondità, ed è peraltro da sconsigliare qualsiasi tentativo di asportazione delle radici, poiché frammenti anche di pochi centimetri possono dare origine a nuovi individui. La lotta meccanica e chimica sarebbe da attuarsi durante la stagione vegetativa: lo sfalcio ripetuto delle parti aeree indebolisce la pianta, ma sembra che siano necessari almeno cinque anni di tagli prima della sua devitalizzazione. È inoltre assolutamente indispensabile la distruzione del materiale di risulta (preferibilmente mediante abbruciamento), poiché come detto anche i frammenti del fusto, una volta a contatto col terreno, sono in grado di radicare dando origine a nuovi individui. Anche i trattamenti con diserbanti vanno ripetuti più volte e per diversi anni fino alla scomparsa della pianta. Se all inizio dell invasione la lotta meccanica può bastare (taglio ripetuto, pascolo ), per i casi più complessi è proprio dall esperienza gallese che derivano le linee guida di contenimento risultate più efficaci: si propone il taglio dei macchioni di poligono nella stagione invernale, quando la parte aerea ormai secca non può riprodursi dagli internodi, eliminando così il rischio di diffusione. Quindi, nei seguenti mesi di aprile-maggio, quando la nuova vegetazione ha raggiunto l altezza di Sopra, da sinistra, i germogli rossi appaiono a febbraio con il risveglio vegetativo; la pianta nel suo aspetto estivo; la caratteristica coloritura a macchioline rosse del fusto. Sotto, pianticella di olmo con shelter destinata a soccombere per la forte vigoria vegetativa della Reynoutria japonica. circa di 1 metro, così da essere ancora facilmente raggiungibile dagli operatori, ma da aver raggiunto un sufficiente sviluppo fogliare, si deve aspergere la parte aerea utilizzando disseccanti sistemici (glifosate, 2,4-D, triclopir), che vengono assorbiti e traslocati fino all apparato radicale: in alcuni casi due trattamenti (maggio e settembre) sono stati sufficienti a eliminare le pur fitte colonie della pianta; con cinque interventi in tre anni il problema è certamente risolto. Tale tipo di trattamento è già stato riprodotto con successo in alcuni nuclei di poligono presenti nel Parco del Ticino, eliminando quasi totalmente l invasione. Se l uso degli erbicidi non è mai auspicabile per la gestione di ambienti naturali o seminaturali, un uso attento, nel caso di tale specie non può al momento essere escluso, in assenza di altri metodi efficaci. Inoltre se localmente organizzato per piccoli comprensori, non da un singolo proprietario, un intervento una tantum può fermare l invasione. L opportunità della lotta al poligono del Giappone è suggerita dall attuale fase ancora iniziale della sua diffusione, ma in assenza di intervento in pochi anni essa potrebbe diventare improba e certamente molto più costosa. Riferimenti bibliografici NATIONAL RIVERS AUTHORITY, Guidance for the control of invasive plants near watercourses: Japanese Knotweed, Giant Hogweed. Hymalayan Balsam. PADULA M., LASTRUCCI L., FIORINI G., GA- LASSO G., ZOCCOLA A., QUILGHINI G., Prime segnalazioni di Reynoutria x bohemica Chrtek & Chrtková (Polygonaceae) per l Italia e analisi della distribuzione del genere Reynoutria Houtt. Atti Società italiana scienze naturali, Museo civico storia naturale. Milano, 149 (I): WEBB D. A., Reynoutria Houtt. In: Flora europaea. 2 ed. Tutin T. G., Burges N. A., Chater A. O., Edmondson J. R., Heywood V. H., Moore D. M., Valentine D. H., Walters S. M. & Webb D. A. (eds.). Cambridge University. Press, Cambridge, 1 (Psilotaceae-Platanaceae): 98. WELSH DEVELOPMENT AGENCY, Guidelines for the control of Japanese Knotweed. Abstract The Japanese Invasion Reynoutria japonica, a perennial herbaceous species which originates from Eastern Asia, almost ten years from the first time it was seen in Italy, has spread across a large part of Northern Italy, excluding nearly all other plant species. Biodiversity dramatically plummets in its presence, so much that the number of species can decrease even by 70-80%. Actions for its containment and elimination must therefore be implemented, although difficult since its rhizomes reach up to 2-3 metres deep. ACER 2/

5

6

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia Parco Spina verde Corso Gev 2014 La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia 1 L ambrosia è una pianta erbacea stagionale appartenente alla famiglia delle composite o Asteraceae. Originaria

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco)

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco) SALICACEE Nella famiglia delle Salicacee fanno parte piante per lo più legnose distribuite nelle zone temperate dell'emisfero boreale. Nella flora italiana la famiglia è rappresentata da due generi, Populus

Dettagli

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Posizione di impianto Queste consociazioni sono da posizionare in ombra luminosa. Per ombra luminosa intendiamo un luogo dove il sole

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Per volontà dell autore il presente testo non è stato sottoposto a revisione. L editore, per preservarne integralmente il pensiero, ha scelto di

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti...

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... INDICE L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... Impatti ambientali delle attività forestali del 2015... Quantità di legno

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA SELVATICA: UN FENOMENO DA NON SOTTOVALUTARE Il Piemonte è una delle Regioni in cui le popolazioni di fauna selvatica di grossa taglia sono tra le più

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

!!!!! ! " # $!! %! $! & "! '! %! $ % $ #

!!!!! !  # $!! %! $! & ! '! %! $ % $ # " # $ % $ & " ' % $ % $ # ( ) $ * + ( 1 La definizione di tipo richiama a: possesso di caratteri qualitativi che consentono di accomunare ad un modello. Nel caso dell applicazione della definizione al

Dettagli

SunPatiens, Sakata presenta la rivoluzione nelle piante fiorite

SunPatiens, Sakata presenta la rivoluzione nelle piante fiorite NOVITA VARIETALI SunPatiens, Sakata presenta la rivoluzione nelle piante fiorite Finalmente un'impatiens che ama il sole. Distribuita da Planta A 25 anni dall'introduzione nel mercato floricolo dell'impatiens

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

AGGIORNAMENTO SULLA DIFFUSIONE DEL CINIPIDE IN EUROPA E SULLA LOTTA BIOLOGICA IN ITALIA

AGGIORNAMENTO SULLA DIFFUSIONE DEL CINIPIDE IN EUROPA E SULLA LOTTA BIOLOGICA IN ITALIA DISAFA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI E ALIMENTARI AGGIORNAMENTO SULLA DIFFUSIONE DEL CINIPIDE IN EUROPA E SULLA LOTTA BIOLOGICA IN ITALIA IV Incontro Europeo della Castagna Bologna, Italia

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

Ambrosia artemisiifolia: inquadramento botanico, diffusione e ecologia

Ambrosia artemisiifolia: inquadramento botanico, diffusione e ecologia Ambrosia artemisiifolia: inquadramento botanico, diffusione e ecologia Parco del Roccolo 27 ottobre 2007 Massimo Celé Servizio Fitosanitario Regionale 1 Ambrosia: Inquadramento botanico Genere Ambrosia:

Dettagli

Ambrosia in Alto Adige?

Ambrosia in Alto Adige? Newsletter N. 13-2008 Ambrosia in Alto Adige? Giornali e trasmissioni televisive continuano ad informare sull ambrosia, denominata ragweed in inglese. In tarda estate questa pianta anemofila presenta un

Dettagli

C E INCENDIO E INCENDIO

C E INCENDIO E INCENDIO C E INCENDIO E INCENDIO Generalmente si distinguono due tipi di incendio per stabilire chi deve intervenire per lo spegnimento: incendi che bruciano le cose dell uomo - si chiama ed intervengono i incendi

Dettagli

Le graminacee. Il volo pollinico da maggio in poi. Le graminacee. Newsletter N. 9-2008

Le graminacee. Il volo pollinico da maggio in poi. Le graminacee. Newsletter N. 9-2008 Newsletter N. 9-2008 Le graminacee Non appena passata la stagione pollinica della betulla si annuncia una nuova minaccia per i pazienti allergici ai pollini: le graminacee. A partire da metà aprile nelle

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA

VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA di cosa parliamo Alcuni dati I regolamenti europei I decreti italiani Un paio di citazioni Le sensazioni Il futuro

Dettagli

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde P.I.I. FISAC-TREVITEX Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde Il progetto del verde prevede il mantenimento di porzioni di aiuole già esistenti e la creazione di nuove aree per una superficie

Dettagli

Daniela Gigante, Roberto Venanzoni

Daniela Gigante, Roberto Venanzoni Il declino della popolazione di Phragmites australis (Cav.) Trin. ex Steud. al Lago Trasimeno Daniela Gigante, Roberto Venanzoni Università degli Studi di Perugia, Dip. Biologia Applicata conoscenze, valutazioni,

Dettagli

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI CENTRALE FOTOVOLTAICA IN LOCALITÀ PIANETTO IN COMUNE DI MONTESCUDAIO

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI CENTRALE FOTOVOLTAICA IN LOCALITÀ PIANETTO IN COMUNE DI MONTESCUDAIO OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI CENTRALE FOTOVOLTAICA IN LOCALITÀ PIANETTO IN COMUNE DI MONTESCUDAIO Liste Civiche Insieme per Cambiare Montescudaio e Riparbella 22 giugno 2011 Indice 1 Osservazioni alla Relazione

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA 2 3. PROPOSTE DI INTERVENTO 6 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 9 1 1. PREMESSA Come indicato nell Allegato A Relazione tecnica

Dettagli

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi 18 foto di Lucia Congregati di Simone Meniconi La National Reserve si trova a circa 250 chilometri da Nairobi in direzione ovest al confine con la Tanzania. Ha una superficie di quasi 1600 chilometri quadrati

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale La potatura

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SCHEDE TECNICHE RIASSUNTIVE RELATIVE ALLE MODALITÀ OPERATIVE

COMUNE DI FERRARA SCHEDE TECNICHE RIASSUNTIVE RELATIVE ALLE MODALITÀ OPERATIVE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Settore OO.PP. Mobilità Servizio Infrastrutture Mobilità e Traffico Ufficio Verde Pubblico SCHEDE TECNICHE RIASSUNTIVE RELATIVE ALLE MODALITÀ OPERATIVE ELABORATE

Dettagli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Galleria artificiale tra i cavalcavia di via Piave e via Parva Domus Relazione Agronomica Dott. Claudia Loffredo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA SPECIE IN DIRETTIVA PICCHIO DORSOBIANCO, IN LEGGERO DECLINO NEL PNALM, CON SIGNIFICATIVA

Dettagli

La Processionaria del Pino

La Processionaria del Pino La Processionaria del Pino Thaumetopoea pityocampa www.gruppoindaco.com Thaumetopoea pityocampa (Den. et Schiff.) Lepidoptera, Fam. Thaumetopoeidae Cos'è la Processionaria o a del pino La Processionaria

Dettagli

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate:

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Iniziamo questa rassegna con le fotografie prese dal sito www.vivaioclorofilla.it, sono 40 piante di pioppo nero potate nel modo "barbaro" visibile

Dettagli

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Milano, 14 luglio 2015 Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Elaborazione a cura di: Andrea Arcidiacono, Silvia Ronchi, Stefano Salata Il recente Rapporto sul consumo

Dettagli

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN)

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DI.VA.P.R.A. Via Leonardo da Vinci, 44 10095 Grugliasco (TO) DIPARTIMENTO DI VALORIZZAZIONE E PROTEZIONE DELLE RISORSE AGROFORESTALI Settore Entomologia e Zoologia applicate

Dettagli

Le professoresse: Sabbatini Nacchia

Le professoresse: Sabbatini Nacchia Le professoresse: Sabbatini Nacchia La malva silvestre, pianta molto diffusa nel nostro paese, predilige i terreni erbosi; la si può trovare soprattutto nei campi abbandonati, lungo le strade di campagna

Dettagli

Venezia. La particolare frequenza delle acque alte nel 2009

Venezia. La particolare frequenza delle acque alte nel 2009 15 Paolo Canestrelli * Venezia. La particolare frequenza delle acque alte nel 2009 * Paolo Canestrelli, ingegnere, è Direttore del Centro previsioni e segnalazioni maree del Comune di Venezia L anno 2009

Dettagli

Smaltimento di neofite invasive

Smaltimento di neofite invasive Repubblica e Cantone Ticino Gruppo Lavoro Neobiota Smaltimento di neofite invasive Foglio informativo Gruppo di Lavoro Neobiota Bellinzona, settembre 2015 1. Campo di applicazione Il presente foglio informativo

Dettagli

GIARDINO. Seminare un. tappeto erboso

GIARDINO. Seminare un. tappeto erboso GIARDINO Seminare un tappeto erboso 05 1 Gli attrezzi POLVERIZZATORE RASTRELLO TOSAERBA SUOLE PER AERARE RASTRELLO SCARIFICATORI TAGLIABORDI RASTRELLI CONCIMATRICE DISTRIBUTORE DI SEMI MANUALE RULLO MOTOZAPPA

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE Scopriamo come difendere l ambiente dalle specie introdotte. E capiamo perché farlo è un ottima idea Lo scoiattolo

Dettagli

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi inquadramento territoriale Aggiornamento dei contenuti del decreto di vincolo DM 20 settembre 1974 Dichiarazione

Dettagli

Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita

Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita Per fare un piccolo giardino bastano anche dimensioni ridottissime, come può essere con un contenitore di medie dimensioni, dove vengono

Dettagli

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali Criticità relative alla diminuz ione di biodive rsità in area risicola MATRICE ARGOMENTAZIONI Soluzioni/Interventi Prassi comuni Prassi proponibili Carenze conoscitive Strumenti finanziari Attori principali

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Le piante si estinguono

Le piante si estinguono Estinzione e Artenvielfalt conservazione Unità didattica 3 Le piante si estinguono Durata 3 ore Materiali - schede di lavoro reperibili nelle risorse multimediali, estinzione e conservazione, unità didattica

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

UTILIZZO DI NUOVI MATERIALI PACCIAMANTI PER IL CONTROLLO DELLE INFESTANTI IN AIUOLA ED IN VASO

UTILIZZO DI NUOVI MATERIALI PACCIAMANTI PER IL CONTROLLO DELLE INFESTANTI IN AIUOLA ED IN VASO UTILIZZO DI NUOVI MATERIALI PACCIAMANTI PER IL CONTROLLO DELLE INFESTANTI IN AIUOLA ED IN VASO L. Martinetti DI.PRO.VE.-Sez. Agronomia Università degli Studi di Milano P. Frangi Fondazione Minoprio OBIETTIVO

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Il Decoro della Banchina Stradale

Il Decoro della Banchina Stradale Il Decoro della Banchina Stradale Progetto DBS 1 Problematiche di gestione con il taglio meccanico Efficacia Erbe allergeniche Residui vegetali Cantieri fissi Tempi Essenze arboree Ostacoli in genere (segnalimiti,

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde A partire dal giorno 08 aprile, prenderanno avvio i lavori di abbattimento di n 2 alberi monumentali di Sophora japonica radicati nel pratone retrostante la Villa Reale, i quali manifestano gravi problematiche

Dettagli

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura.

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. La, pianta, tramite le sue parti verdi, è un sensore recettivo

Dettagli

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici SCHEDE DESCRITTIVE Abete bianco Famiglia: PINACEE Genere: ABIES Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche Grande albero, alto anche 40-50 metri e con diametro sino a 3 metri, con fusto dritto

Dettagli

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso)

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso) CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso) Situazione 44.0982 / 7.5063 In questa zona trovate splendide soluzioni per alloggiare in albergo o per la sosta camper in libero. Base di partenza

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I CeSe.Di. - Riorientamento nel primo anno delle superiori INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I dati Sezione 1 - AFFERMAZIONI GENERALI (10 item): affermazioni che afferiscono alle percezioni

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo.

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. sul balcone o terrazzo. Di Fiorita Dino Il giardiniere

Dettagli

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite 23. Panzarolo Knipowitschia punctatissima 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite Il panzarolo (o ghiozzetto punteggiato), specie endemica del distretto padano, è attualmente considerato in

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

Essicatoio per bozzoli. Gelso

Essicatoio per bozzoli. Gelso Associazione sul filo d IL RITORNO DEL BACO Essicatoio per bozzoli Gelso DA SETA A RACCONIGI Fin dai primi mesi del 2004 Racconigi ha riscoperto l allevamento del baco da seta, grazie ad una volontà e

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli