LA RADIOATTIVITÀ NELLE ROCCE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RADIOATTIVITÀ NELLE ROCCE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA"

Transcript

1 LA RADIOATTIVITÀ NELLE ROCCE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Laura Tositti Prof. Ass. in Chimica dell ambiente e beni culturali Dip. Chimica G. Ciamician Univ. Bologna LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO RADON Bologna, 31 ottobre

2 L EMISSIONE DI RADON IN ATMOSFERA, INDOOR/OUTDOOR, DIPENDE IN PRIMO LUOGO DAL LIVELLO DI CONCENTRAZIONE DEI SUOI PRECURSORI NEI MATERIALI CROSTALI E NEI LORO DERIVATI (e.g.materiali DA COSTRUZIONE) RADON POTENTIAL SPETTROMETRIA GAMMA L Unità di Roccia, rappresentata cartograficamente come un area, è un corpo roccioso tridimensionale omogeneo, con una determinata estensione superficiale ed in profondità; è CAMPIONI RAPPRESENTATIVI DELLA GEOLOGIA REGIONALE IN TERMINI DI individuata essenzialmente in base alla litologia ed alla geometria (spessore) e spesso è delimitata da elementi tettonici importanti (faglie), ma è definita anche da tutte le altre caratteristiche dell ammasso roccioso: UNITA contenuto DI ROCCIA di elementi radioattivi (in particolare 226Ra), fratturazione, porosità, permeabilità e caratteristiche (ca.30 PRELIEVI) idrogeologiche (APAT, 2000) ANALISI CAMPIONI SUDDIVISE TRA IL LAB. UNIBO ED IL LAB. ARPA-PC 2

3 SU COSA SI BASA IL CONCETTO DI RADON POTENTIAL Radon Potential mapping per mezzo di: NORM mapping Mappe geofisiche (faglie e fratture) Dati aeroradiometrici Permeabilità e radon interstiziale nei suoli Radon indoor 3

4 GEOFISICA DEL RADON U.S. Geological Survey - The Geology of Radon 4

5 ANALISI DEI GAMMA EMETTITORI NEI CAMPIONI DESCRITTI PRECEDENTEMENTE (cfr. L.Martelli) ANALISI NON DISTRUTTIVA TEMPI DI CONTEGGIO LUNGHI, ALMENO 1 GIORNO RADIONUCLIDI: famiglie Uranio-238, Uranio-235, Torio-232, e del primordiale Potassio-40 L analisi delle componenti spettrali della radioattività (NORM) non è mai un processo banale : naturale Catene di decadimento Equilibrio secolare Multipletti Autoassorbimento 5

6 DIFFICOLTA SPETTRALI NELLA MISURA DELLE NORM (NATURALLY OCCURRING RADIOACTIVE MATERIALS) I NUMERI OBLIQUI SONO LE ENERGIE DI EMISSIONE DEI FOTONI GAMMA CARATTERISTICI IN kev 6

7 ALCUNI COMMENTI L insieme dei dati radiometrici in rocce e suoli sono ampiamente utilizzate internazionalmente in campo ambientale sia per individuare le fingerprint geochimiche (origine ignea, metamorfica, sedimentaria) che per tracciare eventuali alterazioni suoli (fallout radioattivo o miscelazione con materiale di diversa origine) Il lavoro sperimentale, condotto su base volontaria, è da considerarsi a rigore puramente indicativo, anche se sufficiente per lo scopo di questo gruppo di lavoro (con i mezzi adeguati, sarebbe meglio effettuare campagne in the field per aumentare la densità dei punti) 7

8 RADIONUCLIDI PRIMORDIALI (Ubiquitari ) Nuclide Symbol Half-life Natural Activity Uranium U 7.04 x 10 8 yr 0.72% of all natural uranium Uranium U 4.47 x 10 9 yr Thorium Th 1.41 x yr Radium Ra 1.60 x 10 3 yr Radon Rn 3.82 days Potassium % of all natural uranium; 0.5 to 4.7 ppm total uranium in the common rock types 1.6 to 20 ppm in the common rock types with a crustal average of 10.7 ppm 0.42 pci/g (16 Bq/kg) in limestone and 1.3 pci/g (48 Bq/kg) in igneous rock Noble Gas; annual average air concentrations range in the US from pci/l (0.6 Bq/m 3 ) to 0.75 pci/l (28 Bq/m 3 ) 40 K 1.28 x 10 9 yr soil pci/g ( Bq/g) 8

9 A RIGORE L INTERPRETAZIONE DEI LIVELLI DI RADON INDOOR DOVREBBERO TENER CONTO DELLA RADIOATTIVITA INTRINSECA AI MATERIALI DA COSTRUZIONE Estimates of concentrations of uranium, thorium and potassium in building materials (NCRP 94, 1987) Material Uranium Thorium Potassium ppm mbq/g (pci/g) ppm mbq/g (pci/g) ppm mbq/g (pci/g) Granito (1.7) 2 8 (0.22) (32) Arenaria (0.2) (0.19) (11.2) Cemento (1.2) (0.57) (6.4) Calcare cementizio (0.8) (0.23) (2.4) Arenaria cementizia (0.3) (0.23) (10.4) Cartongesso (0.4) 3 12 (0.32) (2.4) Gesso (sottoprodotto) (5.0) (1.78) (0.2) Gesso Naturale (0.4) (0.2) (4) Legno (90) Mattoni in argilla (3) (1.2) (18) 9

10 Concentrazioni di radionuclidi in alcuni campioni di ossidiana di LIPARI Campioni Bi-214 Bq/kg Pb-214 Bq/kg U ppm Bi-212 Bq/kg Th ppm K-40 Bq/Kg Lip ± ± ± ± 63 Lip ± ± ± ± 69 Lip ± ± ± ± 73 Lip R.R DATI PRODOTTI C/O LAB. RADIOCHIMICA AMBIENTALE, UNIBO, IN COLL. COL DIP. DI Scienze geologico-ambientali di UNIBO 10

11 Media (msv y -1 ) Range Radiazione cosmica totale Radiazione Terrestre outdoor Radiazione Terrestre indoor Radon Dati sperimentali Lipari (msv y -1 ) Alimentazione (radionuclidi 40 K, U, Th naturalmente presenti nel cibo) Esposizione media complessiva (mondiale) 3.4 (Italia) 1 10 DATI PRODOTTI C/O LAB. RADIOCHIMICA AMBIENTALE, UNIBO, IN COLL. COL DIP. DI Scienze geologico-ambientali di UNIBO 11

12 CONCLUSIONI I DATI DI RADIOATTIVITA NATURALE RILEVATI SPERIMENTALMENTE CON- FERMANO LE ATTESE, OSSIA DATA LA NATURA PREVALENTEMENTE SEDI- MENTARIA DELLE ROCCE, I LIVELLI SONO MEDIAMENTE E TIPICAMENTE BASSI. QUESTO DATO è SOSTANZIALMENTE IN ACCORDO CON I LIVELLI MEDI DI RADON RILEVATI, A MENO DI ANOMALIE PUNTUALI LEGATE ESSENZIALMENTE A DISCONTINUITA STRUTTURALI FAVORELI ALLA MIGRA- ZIONE/ACCUMULO PRE- FERENZIALI DEL GAS RADIOATTIVO 12

13 TIPICI SPETTRI GAMMA DI RADIONUCLIDI NATURALI 13

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale Radioattività naturale Sorgenti esterne e sorgenti interne L uomo è sottoposto ad irradiazione naturale dovuta a sorgenti sia esterne che interne. L irradiazione

Dettagli

La radioattività dei materiali da costruzione

La radioattività dei materiali da costruzione Paolo Randaccio Università di Cagliari Dipartimento di Fisica Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Cagliari La radioattività dei materiali da costruzione Obiettivo del progetto Tutti i materiali

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute La Direttiva 2013/51/EURATOM Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute Stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle

Dettagli

La carta di radioattivitá naturale del Comune di Schio

La carta di radioattivitá naturale del Comune di Schio La carta di radioattivitá naturale del Comune di Schio Virginia Strati Università degli Studi di Ferrara- Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) email strati@fe.infn.it cell. 348 9356603 Perché proprio

Dettagli

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Luca Martelli Regione Emilia Romagna Servizio geologico, sismico e dei suoli LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO

Dettagli

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Workshop sullo Stoccaggio Geologico della CO2 3/1272012 Palazzo Doria Pamphilj, Valmontone (Rm) Salvatore Lombardi Perché l Italia: Gli scenari geologici

Dettagli

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Analisi del contenuto di radioattività delle principali

Dettagli

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. I materiali in edilizia e i controlli dal punto di vista radioattivo. Direttiva 2013/59 e il futuro in Italia. Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti

DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti TITOLO Comparazione misure di radioattività ambientale condotte da ARPA e da LTF Cunicolo esplorativo De la Maddalena Sopralluoghi

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Scienze Ambientali: tutela e gestione delle risorse naturali

Scienze Ambientali: tutela e gestione delle risorse naturali Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA Scienze Ambientali: tutela e gestione delle risorse naturali Ciclo XXI Settore scientifico disciplinare di afferenza: FIS/07 TITOLO TESI

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI 5160000 5140000 5120000 5100000 5080000 5060000 12 11.5 11 10.5 10

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica ed Astrofisica Applicazione del metodo Non Negative Least Square alla Full Spectrum Analysis

Dettagli

P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino

P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino Dalla tabella si può vedere come la catena dell uranio è divisa in due dal Rn-222 e come nella parte che lo precede la radioattività

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE Paragrafo 2.10 RADIAZIONI IONIZZANTI Novembre 2003 Le radiazioni

Dettagli

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. Radon e valutazione della qualità ambientale. Decreti, Direttive e il futuro in Italia. Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in edilizia L esposizione

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA Valutazione su scala regionale dell impatto ambientale del Radon negli ambienti antropizzati e naturali Michele Guida, Facoltà di Ingegneria Università di Salerno, INFN e C.U.G.RI. miguida@unisa.it RADIOACTIVO

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria

Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria LA CARTA DEL RISCHIO RADON DI CATANZARO E CROTONE V. Fuoco, M. Fòlino Gallo, S. Procopio, C. Migliorino 1, 1 ArpaCal (CZ),fisico.cz@arpacal.it RIASSUNTO Tra le sorgenti radioattive naturali il radon costituisce

Dettagli

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE PROGETTO CLUSTER: RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Piano di lavoro Soggetto attuatore: Sardegna Ricerche Sede locale Sulcis Iglesiente Soggetto esecutore: Dipartimenti di Fisica Università degli

Dettagli

Indice. Bibliografia... 23

Indice. Bibliografia... 23 Indice 1 Legge del decadimento radioattivo......................... 1 1.1 I fenomeni radioattivi.................................... 1 1.2 La legge esponenziale del decadimento radioattivo........... 4

Dettagli

Capitolo LXXXV Perizia chimica Lopez ed altri - 13.05.97.

Capitolo LXXXV Perizia chimica Lopez ed altri - 13.05.97. Capitolo LXXXV Perizia chimica Lopez ed altri - 13.05.97. 3169 In considerazione di ipotesi emerse nel corso dell istruttoria, secondo cui il DC9 sarebbe stato abbattuto perché trasportava un carico di

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità -

Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità - Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità - Anno Accademico 2009/2010 Docente:Elena Pettinelli 1 Proprietà elettriche di suoli e rocce anidre

Dettagli

Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico

Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico Progetto Gennaio 2005 Pag / indice 01 / Premessa 01 / Obiettivi 03 / Modalità dell intervento e tempi di realizzazione

Dettagli

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico mbq/m3 Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV PARTICOLATO ATMOSFERICO Ogni giorno (con eventuale integrazione nei fine settimana

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

Università degli Studi di Messina Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Protezionistica Ambientale, Sanitaria, Sociale ed Industriale

Università degli Studi di Messina Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Protezionistica Ambientale, Sanitaria, Sociale ed Industriale 1 Università degli Studi di Messina Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Protezionistica Ambientale, Sanitaria, Sociale ed Industriale G. Acri B. Testagrossa G. Vermiglio 2 Il nei materiali

Dettagli

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione Effetti biologici delle radiazioni Range, esposizione Dose assorbita, equivalente, efficace Danno biologico Dosi limite e radioprotezione pag.1 Le radiazioni

Dettagli

Radioattività e materiali da costruzione

Radioattività e materiali da costruzione Massimo Esposito Ricerca Radioattività e materiali da costruzione Sebbene in Italia non ci sia nessuna legge che limiti la quantità di radioattività nei materiali da costruzione, in Europa diversi Paesi

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE richiedente: COMUNE DI RODENGO SAIANO -- DICEMBRE 2014-- PREMESSA Il Radon 222 ( 222 Rn) è un

Dettagli

G. Lisciandrello, A. Conti - ARPA Sicilia- La Rete di monitoraggio regionale della radioattività in Sicilia: stato attuale e prospettive

G. Lisciandrello, A. Conti - ARPA Sicilia- La Rete di monitoraggio regionale della radioattività in Sicilia: stato attuale e prospettive G. Lisciandrello, A. Conti - ARPA Sicilia- La Rete di monitoraggio regionale della radioattività in Sicilia: stato attuale e prospettive 1) Nascita del progetto della rete di monitoraggio; 2) Fasi di realizzazione

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano I riferimenti legislativi

Dettagli

IL RISCHIO RADON NELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

IL RISCHIO RADON NELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE IL RISCHIO RADON NELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Paola Tuccimei Università Roma Tre Dipartimento di Scienze Geologiche tuccimei@uniroma3.it Rischi geologici Rischio sismico Rischi Idrogeologici (sensu

Dettagli

Rischio per la salute da RADON

Rischio per la salute da RADON 1/10 Bergamo 27 ottobre 2015 Rischio per la salute da RADON Pietro Imbrogno Area Salute e Ambiente 2/10 Percorso logico Il Radon come fattore di rischio: Radiotossicologia Effetti Sanitari ed evidenze

Dettagli

Il radon: un rischio cancerogeno negli ambienti misure e prevenzione

Il radon: un rischio cancerogeno negli ambienti misure e prevenzione I RISCHI DEGLI AMBIENTI DI VITA: LE RISPOSTE DELLA SCIENZA E DELLA TECNICA Il radon: un rischio cancerogeno negli ambienti misure e prevenzione Ambiente Lavoro Sala Armonia 1 piano Fiera di Bologna 16

Dettagli

Protocolli di emergenza per il controllo della radioattività nelle acque

Protocolli di emergenza per il controllo della radioattività nelle acque Arpa Lombardia Dipartimento di Milano Protocolli di emergenza per il controllo della radioattività nelle acque Pietro Badalamenti Silvia Maltese LE EMERGENZE Arpa Lombardia ha condotto una verifica delle

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA. Giacomo Zambelli. 1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA

1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA. Giacomo Zambelli. 1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA 1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA Presenza di materiale contaminato da radionuclidi nei rifiuti urbani Monitoraggio e gestione del contenuti di radionuclidi naturali (NORM/TENORM)

Dettagli

Gli aspetti geologici del rischio radon

Gli aspetti geologici del rischio radon Gli aspetti geologici del rischio radon Paola Tuccimei Dipartimento di Scienze Geologiche, Università Roma Tre CORSO TEORICO / PRATICO D AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Cos è il radon? Il radon è il più pesante

Dettagli

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE. Centro Ricerche BRASIMONE

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE. Centro Ricerche BRASIMONE ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE Centro Ricerche BRASIMONE IL LABORATORIO DI RADIOMETRIA AMBIENTALE DEL C.R. BRASIMONE, SI OCCUPA DA OLTRE 15 ANNI della determinazione di radiocontaminanti

Dettagli

PRINCIPI E CRITERI DI SICUREZZA

PRINCIPI E CRITERI DI SICUREZZA LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DELLA CO2 I ricercatori di CO2GeoNet CGS Europe incontrano I giornalisti scientifici italiani di UGIS PRINCIPI E CRITERI DI SICUREZZA Salvatore Lombardi 8/10/2013 ENEA, via Thaon

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

Il radon negli ambienti scolastici della Campania

Il radon negli ambienti scolastici della Campania Il radon negli ambienti scolastici della Campania Mariagabriella Pugliese Dipartimento di Fisica, Università di Napoli Federico II INFN Sezione di Napoli La problematica Il radon in Campania Il valore

Dettagli

Radioattività artificiale Origine e impieghi

Radioattività artificiale Origine e impieghi ORIGIE DELL RDIOTTIVIT Radioattività naturale Raggi cosmici (primari e secondari) Radionuclidi primordiali (isolati) Famiglie radioattive naturali Radioattività artificiale Origine e impieghi L L RDIOTTIVIT

Dettagli

Corso di formazione sulla radioprotezione

Corso di formazione sulla radioprotezione Corso di formazione sulla radioprotezione Il decadimento radioattivo Radioisotopi naturali e artificiali Radioisotopi impiegati in campo biomedico Danni prodotti dalle radiazioni ionizzanti Corso di Radioprotezione

Dettagli

IL CONTENUTO DI RADIOATTIVITÀ NATURALE NELLE ACQUE DI FALDA DELL OLTREPÒ PAVESE

IL CONTENUTO DI RADIOATTIVITÀ NATURALE NELLE ACQUE DI FALDA DELL OLTREPÒ PAVESE IL CONTENUTO DI RADIOATTIVITÀ NATURALE NELLE ACQUE DI FALDA DELL OLTREPÒ PAVESE Roberto Pisati, Silvia Bellinzona, Maurizio Forte, Rosella Rusconi ARPA Lombardia, Dipartimento di Milano Cristina Bosio,

Dettagli

SCUOLA DOTTORALE IN GEOLOGIA DELL AMBIENTE E DELLE RISORSE XXVI CICLO

SCUOLA DOTTORALE IN GEOLOGIA DELL AMBIENTE E DELLE RISORSE XXVI CICLO SCUOLA DOTTORALE IN GEOLOGIA DELL AMBIENTE E DELLE RISORSE XXVI CICLO SEZIONE GEOLOGIA DELL AMBIENTE E GEODINAMICA Valutazione dell influenza di cavità sotterranee e campi di fratturazione sulle concentrazioni

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

1 si vuole qui specificare che con il termine generico Radon si intende l isotopo 222 Rn, mentre non

1 si vuole qui specificare che con il termine generico Radon si intende l isotopo 222 Rn, mentre non L individuazione delle aree ad alto rischio Radon: l esperienza in corso nella regione Emilia-Romagna Gaidolfi, L., Sogni, R. Arpa Piacenza, Via XXI Aprile 48, 29100 Piacenza, lgaidolfi@arpa.emr.it Riassunto

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo) COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo) MISURE DI RADON INDOOR REDATTA DA Sig. Olivari Francesco VERIFICATA DA P.Ch. Giorgio Ghezzi APPROVATA DA Emissione del 18 Settembre 2008 File: V0888A08

Dettagli

Monitoraggio dei livelli di radon indoor presso la Seconda Università di Napoli. Antonio D Onofrio

Monitoraggio dei livelli di radon indoor presso la Seconda Università di Napoli. Antonio D Onofrio Monitoraggio dei livelli di radon indoor presso la Seconda Università di Napoli Antonio D Onofrio L indagine atta a determinare i livelli di Radon e le dosi derivanti nei luoghi di lavoro di tre Università

Dettagli

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra;

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Sostanze radioattive naturali presenti nell aria, nell acqua e nel cibo; Sostanze

Dettagli

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali Per una presentazione più dettagliata della tematica del radon, presentiamo un contributo di Flavia Groppi, che incomincia con l attuale regolamentazione: La normativa Italiana di Radioprotezione, in attuazione

Dettagli

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti Radon un problema per la salute negli ambienti confinati Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti 1 ARPA PIEMONTE Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Realizzazione

Dettagli

QUALI SONO DUNQUE I FATTORI DI INFLUENZA CHE VENGONO STUDIATI DALLA GEOBIOLOGIA?

QUALI SONO DUNQUE I FATTORI DI INFLUENZA CHE VENGONO STUDIATI DALLA GEOBIOLOGIA? QUALI SONO DUNQUE I FATTORI DI INFLUENZA CHE VENGONO STUDIATI DALLA GEOBIOLOGIA? 1 La Geobiologia in genere si occupa di ricercare le zone in cui i fattori di influenza sono alterati, queste zone alterate

Dettagli

Struttura Semplice Siti Nucleari

Struttura Semplice Siti Nucleari DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI RISULTATI DELLE MISURE ESEGUITE IN SEGUITO ALLA SEGNALAZIONE DI UN ANOMALIA NEL CORSO DELLE OPERAZIONI DI MOVIMENTAZIONE DEI RIFIUTI IFEC PRESSO IL SITO EUREX-SO.G.I.N.

Dettagli

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI Introduzione INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI I seguenti schemi vogliono rappresentare, per le principali componenti ambientali (aria, acqua, rumore, campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti)

Dettagli

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti TITOLO Smaltimento e risanamento del deposito di rifiuti radioattivi ex Controlsonic di Tortona Relazione tecnica n. 573/IR Redazione

Dettagli

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE Relazione tecnica trasporti CAOR I/1-07/01 e CAOR I/2-07/02 VALUTAZIONE DELL IMPATTO RADIOLOGICO AMBIENTALE RELATIVO AL PRIMO TRASPORTO (16/12/2007) DI COMBUSTIBILE

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO TAV IN VALLE DI SUSA. PROBLEMI DI RADIOPROTEZIONE E IMPATTO AMBIENTALE PER LA PRESENZA DI URANIO E RADON SECONDA RELAZIONE: MODELLI DI ESPOSIZIONE AL RADON MASSIMO ZUCCHETTI*, LUCIA

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Facoltà Scienze Via Trentino, 51 09127 Cagliari CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE Cartografia Geologica Lettura ed interpretazione

Dettagli

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011 Pagine 1 di 5 INDICE 1) Scopo e campo di applicazione 2) Riferimenti 3) Risorse e responsabilità 4) Applicabilità 5) Metodo di prova con strumentazione portatile 6) Registrazione ed archiviazione dei documenti

Dettagli

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza 6 Dicembre 2005 Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi Flavio Trotti, Elena Caldognetto (ARPA Veneto) Rosella

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

ACCOGLIERE FA BENE SOPRATTUTTO A LORO! Il valore sanitario dell accoglienza: uno strumento di informazione scientifica per un progetto consapevole.

ACCOGLIERE FA BENE SOPRATTUTTO A LORO! Il valore sanitario dell accoglienza: uno strumento di informazione scientifica per un progetto consapevole. ACCOGLIERE FA BENE SOPRATTUTTO A LORO! Il valore sanitario dell accoglienza: uno strumento di informazione scientifica per un progetto consapevole. Chernobyl, UNIONE SOVIETICA 26 APRILE 1986 ORE 01.23.45

Dettagli

NUCLEARE: IL D ORIA MISURA LA RADIOATTIVITA DELLA NUBE EMESSA DA FUKUSHIMA

NUCLEARE: IL D ORIA MISURA LA RADIOATTIVITA DELLA NUBE EMESSA DA FUKUSHIMA NUCLEARE: IL D ORIA MISURA LA RADIOATTIVITA DELLA NUBE EMESSA DA FUKUSHIMA Gli studenti del D Oria di Ciriè si sono impegnati a rilevare ed analizzare i dati sull aumento della radioattività di fondo.

Dettagli

Presenza del gas radioattivo radon negli edifici: raccomandazioni europee e norme regionali

Presenza del gas radioattivo radon negli edifici: raccomandazioni europee e norme regionali Ambiente. Presenza del gas radioattivo radon negli edifici: raccomandazioni europee e norme regionali Misurazioni periodiche e certificazioni per limitare il rischio da esposizione INFORMAZIONE 122 Il

Dettagli

MISURE DI MITIGAZIONE DEL RADON INDOOR: CONFRONTO ATTRAVERSO INDAGINE SPERIMENTALE DELL EFFICACIA DI ALCUNE TECNICHE DI RIMEDIO

MISURE DI MITIGAZIONE DEL RADON INDOOR: CONFRONTO ATTRAVERSO INDAGINE SPERIMENTALE DELL EFFICACIA DI ALCUNE TECNICHE DI RIMEDIO MISURE DI MITIGAZIONE DEL RADON INDOOR: CONFRONTO ATTRAVERSO INDAGINE SPERIMENTALE DELL EFFICACIA DI ALCUNE TECNICHE DI RIMEDIO Andrea Ratti 1, Simone Ferrari 2, Silvia Piardi 1 Riccardo Trenta 3, Maria

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Analisi del Trizio in acqua potabile

Analisi del Trizio in acqua potabile Verona, 4 dicembre 2007 Analisi del Trizio in acqua potabile Laura Epulandi, Laura Belleri ARPA Veneto Dipartimento di VICENZA TRIZIO: Riferimenti normativi Direttiva 98/83/CE del Consiglio del 3 novembre

Dettagli

Decadimento a. E tipico dei radioisotopi con Z > 82 (Pb), nei quali il rapporto tra il numero dei neutroni e quello dei protoni è troppo basso.

Decadimento a. E tipico dei radioisotopi con Z > 82 (Pb), nei quali il rapporto tra il numero dei neutroni e quello dei protoni è troppo basso. Decadimento a Nel decadimento vengono emesse particelle formate da 2 protoni e 2 neutroni ( = nuclei di 4He) aventi velocità molto elevate (5-7% della velocità della luce) E tipico dei radioisotopi con

Dettagli

Successione Dora Maira

Successione Dora Maira Foglio Susa Si riconoscono i tre settori nei quali la linea TAV attraversa rocce amiantifere, e cioè la tratta di Mompantero (MO), la tratta di Condove (CO) e Monte Musinè (MU). Si intuisce l alto strutturale

Dettagli

STUDIO DEL SOIL RADON NEL TEST-SITE DELLA VALLE DELLA CAFFARELLA (ROMA)

STUDIO DEL SOIL RADON NEL TEST-SITE DELLA VALLE DELLA CAFFARELLA (ROMA) Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Scuola Dottorale in Geologia dell Ambiente e delle Risorse Ciclo XXIII Sezione Geologia dell Ambiente e Geodinamica STUDIO DEL SOIL RADON NEL TEST-SITE

Dettagli

Ambiente, salute e qualità della vita. Radiazioni ionizzanti

Ambiente, salute e qualità della vita. Radiazioni ionizzanti QUALITÀ DELL ARIA Radiazioni ionizzanti QUALITÀ RADIAZIONI DELL ARIA IONIZZANTI Ambiente, salute e qualità della vita PRESENTAZIONE Le radiazioni ionizzanti sono particelle e/o energia in grado di modificare

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI cap 16 ionizzanti 1-03-2004 17:17 Pagina 173 173 CAPITOLO 16 L a radioattività è una componente naturale dell ambiente a cui tutti gli esseri viventi sono esposti; la contaminazione radioattiva, invece,

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

Radioattività e dosimetria

Radioattività e dosimetria Radioattività e dosimetria Un nucleo atomico è caratterizzato da: IL IL NUCLEO ATOMICO numero atomico (Z) che indica il numero di protoni numero di massa (A) che rappresenta il numero totale di nucleoni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

CAPITOLO IV Agenti fisici

CAPITOLO IV Agenti fisici CAPITOLO IV Agenti fisici Agenti fisici 4.1. Radiazioni Ionizzanti Il termine radiazioni viene utilizzato per descrivere fenomeni fisici apparentemente diversi fra loro: la luce e il calore (percettibili

Dettagli

Tecniche di monitoraggio chimico ed isotopico di manifestazioni di fuga da serbatoi di stoccaggio di CO2 in ambiente terrestre IGG-CNR 1

Tecniche di monitoraggio chimico ed isotopico di manifestazioni di fuga da serbatoi di stoccaggio di CO2 in ambiente terrestre IGG-CNR 1 Tecniche di monitoraggio chimico ed isotopico di manifestazioni di fuga da serbatoi di stoccaggio di CO2 in ambiente terrestre IGG-CNR 1 Meccanismi di fuga e di trasporto della CO2 iniettata IGG-CNR 2

Dettagli

Task n 03.02.01. VALUTAZIONE DI IMPATTI RADIOLOGICI DA NORM

Task n 03.02.01. VALUTAZIONE DI IMPATTI RADIOLOGICI DA NORM Dipartimento nucleare, rischio tecnologico e industriale Direzione per le valutazioni ambientali Convenzioni tra ISPRA e ARPA, APPA, l ENEA-INMRI,CRI, ISS nell ambito della Convenzione del 29.12.2006 MATTM-ISPRA

Dettagli

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza ROBERTO SOGNI ARPA Sezione di Piacenza NODO ECOSISTEMI E SISTEMI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

PREVENZIONE NEI LUOGHI DI VITA E DI LAVORO. Il radon ambientale. in Emilia-Romagna. contributi

PREVENZIONE NEI LUOGHI DI VITA E DI LAVORO. Il radon ambientale. in Emilia-Romagna. contributi PREVENZIONE NEI LUOGHI DI VITA E DI LAVORO Il radon ambientale in Emilia-Romagna contributi 51 Redazione e impaginazione a cura di: Laura Gaidolfi Sezione Provinciale di Piacenza ARPA Emilia-Romagna Paola

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

RaDON. Giuseppe Scielzo (Fisico) Filippo Grillo Ruggieri (Medico) Salvatore Melluso (Geologo)

RaDON. Giuseppe Scielzo (Fisico) Filippo Grillo Ruggieri (Medico) Salvatore Melluso (Geologo) RaDON Giuseppe Scielzo (Fisico) Filippo Grillo Ruggieri (Medico) Salvatore Melluso (Geologo) INDICE COS E p. 5 DA DOVE PROVIENE 11 COME ENTRA NEGLI AMBIENTI 15 CONSEGUENZE SULLA SALUTE 23 INTERVENTO DI

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza ROBERTO SOGNI ARPA Sezione di Piacenza Le Eccellenze nelle Sezioni di Arpa NODO

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli