CINGHIALE Cinghiale (Sus scrofa)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CINGHIALE Cinghiale (Sus scrofa)"

Transcript

1 COMITATO ROBIN HOOD FAUNA DEI PARCHI E RISERVE DI ROMA NORD GUIDA FACILE AL RICONOSCIMENTO

2 Presentazione La guida è stata realizzata allo scopo di consentire con facilità il riconoscimento della fauna (mammiferi, uccelli, rettili) presente in alcuni Parchi e Riserve di Roma Nord. Per ogni specie, oltre alle caratteristiche, sono state riportate anche le eventuali tracce che è possibile individuare sul terreno. Le schede fanno riferimento solo alle specie di maggiore interesse e che vivono nelle seguenti aree: - Riserva Naturale dell Insugherata - Riserva Naturale di Monte Mario - Parco Regionale Urbano del Pineto - Parco Urbano dell Inviolatella Borghese - Parco di Veio. Osservare un animale all interno di una riserva o parco non sempre è agevole a causa delle diverse abitudini delle specie (molti animali sono notturni) e della naturale diffidenza nei confronti dell uomo; avere al seguito un binocolo e andare il mattino presto o nel tardo pomeriggio può sicuramente facilitare il compito. Tutti gli animali lasciano sul terreno delle tracce sotto forma di impronte, peli, aculei, piume, feci; ma ci sono anche altri importanti indizi come i resti di cibo (funghi sbocconcellati, pigne rosicate, gusci di lumaca frantumati..) o le voci. Il canto di un uccello, il latrare della volpe o il rauco richiamo di un fagiano ci aiutano a capire se quel territorio è frequentato da una determinata specie. Quando camminiamo in un bosco facciamolo lentamente e in silenzio fermandoci spesso ad osservare e ascoltare; aiutiamoci con un bastone che ci servirà per smuovere le foglie secche o un ciuffo d erba ed armiamoci di tanta pazienza. F. Gargaglia 2

3 INDICE - Cinghiale pag. 4 - Istrice pag. 5 - Volpe pag. 6 - Nutria pag. 7 - Talpa pag. 8 - Riccio pag. 9 - Lepre pag Scoiattolo pag Rospo comune pag Natrice pag Biacco pag Vipera pag Cornacchia grigia pag Rondini pag Merlo pag Ballerina Bianca pag Germano Reale pag Gallinella d acqua pag Airone cenerino pag Picchio pag Gufo pag Allocco pag Civetta pag Falco pellegrino pag Gheppio 29 - Nibbio bruno 30 - Farfalle dei parchi Testi di riferimento pag. 33 3

4 CINGHIALE Cinghiale (Sus scrofa) Mammifero artiodattilo (numero pari di dita per ogni piede) diffusissimo e facilmente riconoscibile; corpo massiccio e corpulento ricoperto di setole scure (dal bruno al nerastro) con testa grande a forma di cuneo, zampe corte e forti con zoccoli fessurati. Il cinghiale è onnivoro (si ciba di ghiande, vegetali, frutta, insetti, uova di uccelli, radici, tuberi, rettili ecc.); con il grugno, che usa come un aratro, scava nel terreno fino ad una profondità di centimetri alla ricerca di cibo. A causa dell immeticciamento con maiali è una specie divenuta particolarmente prolifica (12-14 cuccioli per parto) e che può raggiungere dimensioni notevoli (anche kg). Il passaggio di cinghiali in un area si riconosce anche dai raschiatoi, macchie di fango rinsecchito lasciate sui tronchi degli alberi e dovute allo strofinamento dell animale sulla corteccia. Animale schivo che generalmente evita l uomo e che può diventare pericoloso solo se minacciato. 4

5 ISTRICE Istrice (Hystrix cristata) L istrice, con i suoi aculei, è il più grande roditore italiano; presente nel centro e sud Italia ama i luoghi solitari, boscosi e cespugliosi, dove ai campi coltivati si alternano fitte macchie e forre. E difficile da osservare in quanto ha abitudini prettamente notturne; durante il giorno rimane nelle tane scavate nel terreno o al disotto delle radici ed esce di notte percorrendo sempre gli stessi itinerari. L istrice è ricoperto di aculei rigidi e setole flessibili che perde spontaneamente. Lungo cm. alto ha un peso di kg. Si ciba di radici, frutta, corteccia ma anche di prodotti coltivati, come il mais. Animale timido e timoroso è presente in tutti i grandi parchi. 5

6 VOLPE Volpe (Vulpes vulpes) Canide di medie dimensioni (60-90 cm) con una bella pelliccia rossastra e una coda rigonfia che termina con un ciuffo bianco. Muso affusolato, orecchie diritte, vive negli habitat più disparati (boschi, campagne, margini di centri abitati) e ha abitudini prevalentemente notturne (ma dove si sente sicura è attiva anche di giorno). Si ciba di insetti, lombrichi, piccoli mammiferi, frutta ma anche di carogne e rifiuti. Le volpi marcano il territorio con urina e feci che depositano in genere su posti sopraelevati (pietre, muretti); ha udito, vista e olfatto molto sviluppati. Si abitua facilmente alla presenza dell uomo nonostante sia una delle specie più cacciate. La sua impronta è simile a quella del cane ma meno arrotondata e con le due dita anteriori spostate in avanti. 6

7 NUTRIA Nutria o Castorino (Myocastor coypus) Roditore originario del Sud-America è stato importato in Italia negli anni 30 per utilizzarne la pelliccia e ora è diffusissimo su tutto il territorio specie negli ambienti umidi e sulle rive dei fiumi. Lungo da 40 a 60 centimetri (coda cm), peso 8-10 kg, di colore bruno, con incisivi molto forti ricoperti di uno smalto color arancione, assomiglia da un grosso ratto (per questa ragione a volte viene uccisa) ma la forma della testa, tozza, è inconfondibile. Le zampe posteriori sono più grosse e palmate ad eccezione del 5 dito che è libero. La nutria, che si ciba di vegetali, non ha assolutamente un indole aggressiva né esistono casi documentati di trasmissione all uomo di particolari malattie come la leptospirosi. 7

8 TALPA anteriore posteriore Talpa Mammifero soricomorfo (con abitudini fossorie) di piccole dimensioni (fino a 15 cm) e con un peso compreso tra i 60 e 120 grammi. Ha il corpo ricoperto di fitto pelo di colore nero, muso appuntito, zampe anteriori molto sviluppate ed idonee allo scavo. Animale dalle abitudini solitarie vive all interno di un fitto dedalo di gallerie scavate nel terreno morbido; si ciba prevalentemente di insetti,larve, lumache e lombrichi che trova in uno strato di profondità non superiore ai 50 cm. Di abitudini notturne può essere sorpreso all esterno della tana la mattina presto o la sera tardi; poiché non ha la capacità di accumulare grassi non va in letargo e rimane attiva per tutto l anno. E in grado di scavare in un giorno m di galleria spingendo all esterno la terra di riporto (i mucchietti di terra che si vedono non sono pertanto tane). Ha un olfatto molto sviluppato grazie alle terminazioni nervose poste sul naso. L impronta anteriore lascia solo i segni delle unghie (5 fori sul terreno) mentre la posteriore è interamente impressa. 8

9 RICCIO Riccio comune (Einaceus europaes) Piccolo mammifero (20-25 cm) molto diffuso con corpo tozzo (peso gr) e arrotondato, muso appuntito con occhietti neri e zampe robuste, corte e dotate di artigli. I fianchi e il dorso sono ricoperti da aculei rigidi e appuntiti (circa ) che costituiscono il suo sistema di difesa (se minacciato il riccio si appallottola su se stesso nascondendo muso e zampe). Animale solitario e con abitudini notturne effettua spesso lungo spostamenti utilizzando anche le strade asfaltate (più calde della nuda terra). Si ciba di coleotteri, lumache, lombrichi, lucertole, rane e di frutta. All approssimarsi della stagione invernale si ritira in una tana e costruisce un nido formato di foglie, fieno e paglia all interno del quale si avvolge per proteggersi dalle basse temperature. Lento nei movimenti lascia una traccia rettilinea sulla sabbia o sul terreno soffice ben distinguibile dal momento che il piede posteriore (3 cm) è più lungo dell anteriore (2,5 cm). Spesso viene confuso con l istrice. 9

10 LEPRE Lepre comune (Lepus europaeus) Specie un tempo molto diffusa su tutta la penisola; ora, a causa della caccia, si incontra sempre più raramente. La Lepre è un mammifero dal corpo snello e slanciato con zampe posteriori più lunghe di quelle anteriori, muso piccolo, labbro superiore diviso al centro, occhi grandi di colore giallo posti lateralmente. I padiglioni auricolari sono ampi (lunghi fino a 15 cm con punta nera) e gli consentono di avvertire anche il minimo rumore. Il mantello è di colore fulvo/grigio-bruno con coda a fiocco con pennacchio nero. La lepre ha abitudini solitarie e notturne e trova rifugio nelle depressioni del terreno all interno delle quali si appiattisce. Sia lepri che conigli hanno cinque dita nelle zampe anteriori e quattro nelle posteriori e le impronte sono molto simili; la maggiore distanza tra due serie di impronte (50 cm per il coniglio, 1-3 metri per la lepre) ne consente il riconoscimento. Altro segno distintivo per accertare la presenza della Lepre sono i ramoscelli tagliati di netto e in modo obliquo dai potenti i incisivi. 10

11 SCOIATTOLO Scoiattolo comune Piccolo roditore presente nei boschi, campagne e parchi; si nutre di semi, frutti, bacche, funghi, gemme e germogli ma anche di pigne. Abilissimo arrampicatore è attivo di giorno. Due le specie più diffuse: - scoiattolo comune o rosso: unica specie nativa in Italia, piccola ( gr), con mantello di colore variabile dal rosso fulvo al grigio e al nero. Assenza della banda bianca nella parte esterna della coda. Ciuffi auricolari presenti (possono mancare in estate) - scoiattolo grigio; specie americana introdotta a partire dagli anni 90; più grande ( gr) e più aggressivo. Il mantello è grigio con parti color rosso mattone sulle zampe, la testa e la coda. Assenza di ciuffi auricolari. Banda bianca nella parte esterna della coda. 11

12 ROSPO Rospo comune (Bufo bufo) Corpo tozzo e massiccio lungo fino a 17 centimetri (maschi fino a 10) il Rospo comune è un anfibio di grandi dimensioni, terricolo, con cute rugosa, ventre biancastro e parte superiore bruno-giallastra o bruno rossastra. Ha il corpo ricoperto di verruche che secernono una sostanza (la bufalina) che protegge la cute e per le sue qualità irritanti mantiene lontani gli aggressori. Di abitudini crepuscolari-notturne raramente si allontana di molto dalla sua tana e solo nel periodo della riproduzione (marzo-luglio) compie lunghi tragitti per raggiungere laghetti o stagni. I girini sono neri e raggiungono la lunghezza di 4 cm. Animale del tutto innocuo (il secreto delle ghiandole è tossico per l uomo solo se ingerito) svolge una importantissima funzione in quanto si ciba di insetti, lombrichi e gasteropodi. 12

13 NATRICE Natrice (Natrix natrix Natrix tessellata) Lunghezza da 50 a 110 centimetri (200 la femmina), corpo sottile e testa ben distinta; grigia nelle varie tonalità oppure verde grigiastra con barre e macchie irregolari sul dorso e fianchi, inferiormente biancastra. Occhi tondi e coda lunga con punta sottile indistinta dal corpo. A terra procede molto velocemente ed è un ottima nuotatrice. Attiva da marzo-aprile sino a settembre-ottobre. Spesso viene scambiata per una vipera e uccisa; le natrici sono del tutto innocue, timide, riservate, al primo rumore corrono a nascondersi. Se molestate a volte fingono di essere morte (tanatosi) ed emettono dalla cloaca un liquido nauseabondo. Anche se afferrate mordono molto raramente. Vive prevalentemente nei pressi di zone umide (ruscelli, fossi, stagni, fiumi laghi) ma frequenta anche i prativi, i margini dei boschi e le zone ruderali. Come tutti i rettili italiani non può essere uccisa, catturata e detenuta in cattività. 13

14 BIACCO Biacco (Coluber viridiflavus) Serpente slanciato lungo tra gli 80 e i 150 cm, superiormente verdastragiallastra con macchie chiare più estese sul muso; inferiormente biancastra o giallastra. Testa stretta e poco distinta dal corpo. Si muove rapidamente e con molta agilità e si termoregola al mattino o nel tardo pomeriggio. Se disturbata si allontana velocemente, se messa alle strette alza il capo e spalanca la bocca, morde solo se afferrata o molestata da vicino. Si ciba di micromammiferi, sauri e serpenti. Attiva da marzo-aprile sino a settembre-ottobre. Specie non velenosa. 14

15 VIPERA Vipera comune (Vipera aspis) Lunga da 45 a 95 centimenti, corpo tozzo e coda breve, testa triangolare ben distinta dal corpo, estremità del muso rivolta verso l alto; colorazione molto variabile dal grigio al giallastro, oppure rossiccia o nerastra, ecc. Diurna, si rinviene allo scoperto al primo mattino o nel tardo pomeriggio. Da ottobre-novembre sino a febbraio-aprile trascorre un periodo di latenza all interno di buchi o fessure nel terreno. Specie velenosa. Lenta nei movimenti, timida, se minacciata preferisce fuggire e nascondersi; può mordere solo se molestata da molto vicino o toccata e calpestata. Una vipera riesce a colpire a non più di centimetri dal punto in cui si trova perciò un abbigliamento adatto (jeans e scarpe da trekking) e un minimo di attenzione a dove si mettono le mani annullano o quasi la possibilità di essere morsi. i 15

16 CORNACCHIA GRIGIA Cornacchia grigia (Corpus cornix) La Cornacchia grigia viene spesso scambiata per un Corvo, in realtà, pur appartenendo alla famiglia dei Corvidi è facilmente riconoscibile per il colore del piumaggio, grigio chiaro sul dorso e sul petto. Si tratta di un grosso uccello (apertura alare fino a 100 cm) presente in ogni ambiente comprese le periferie degradate delle grandi città. La Cornacchia è molto intelligente ed ha una grande capacità di apprendimento ed adattamento oltre ad un vastissimo areale riproduttivo. Anche se spesso volano in folti gruppi le Cornacchie nidificano però isolatamente scegliendo grandi alberi (in genere Pioppi) dove nella parte più inaccessibile e nascosta costruiscono il nido (una struttura larga 60 cm e alta 40). 16

17 RONDINI Rondine comune: lunghezza 19 cm, parti inferiori bianche, superiori blu scuro, gola rossa, coda molto pronunciata. Nidifica a ridosso di case, stalle e capannoni; in Italia da marzo a novembre. Balestruccio: più piccola della rondine cm, coda corta e meno forcuta, chiara sulla pancia, scura superiormente. Nidifica in alto sugli edifici. 17

18 Rondone: inconfondibile e riconoscibile dalla forma delle ali a falce. Lunghezza cm, ali lunghe, piumaggio scuro, coda corta, mento chiaro. Nidifica su cornicioni, grondaie, rocce e alberi. In Italia da aprile a settembre. Nido di balestruccio 18

19 MERLO Merlo (Turdus merula) Uccello diffusissimo in parchi, giardini e centri abitati; lunghezza 25 centimetri, colore nero uniforme (da giovane marrone), becco e anello oculare giallo, gola più chiara e parte inferiore leggermente più chiara. Si nutre di vermi, insetti e di qualsiasi tipo di frutta. Il suo canto è un gorgheggio forte e melodioso, Quando è in cerca di cibo saltella sul terreno fermandosi di scatto e con la coda sollevata. Merlo giovane 19

20 BALLERINA BIANCA Ballerina bianca (Motacilla alba) Ospite frequentissimo di parchi e giardini, vive in ambienti aperti spesso vicino all acqua; piumaggio con disegni bianco-neri contrastanti, coda lunga e sottile, gola e petto neri, ventre e sottocoda bianchi. Lunga 18 cm, muove la testa a scatti e corre a piccoli passi nei prati e in riva ai fossi alla ricerca di insetti. 20

21 GERMANO REALE Germano reale (Anas platyrhynchos) Presente in Italia tutto l anno vive su fiumi, fossi, specchi d acqua che possano offrire riparo; il maschio ha la testa verde brillante, collare bianco, petto castano e 4 penne centrali della coda arrotolate all indietro. La femmina è meno appariscente con marezzature marroni. Le zampe sono arancioni in entrambi i sessi. Quando è in acqua setaccia il fondo mettendosi in posizione verticale con la parte anteriore del corpo sommersa. Si ciba di piante acquatiche, vermi, larve, molluschi, girini e piccoli pesci. Si riproduce con facilità. Femmina con anatroccoli fotografata sul Tevere 21

22 GALLINELLA D ACQUA Gallinella d acqua (Gallinula chloropus) Piccolo rallide dal becco rosso e dalla punta gialla. Nerastro con zampe lunghe verdi, parti superiori bruno scuro, parti inferiori grigio-neri e stria bianca attraverso i fianchi. Vive in acque calme (laghetti di centri abitati, cave abbandonate, pozze d acqua), molto timorosa, al primo rumore corre a nascondersi. Si muove come i gallidi ma, grazie alle piccole lobature sulle zampe, può nuotare a lungo. Si ciba di piante acquatiche, insetti, girini e di particelle vegetali. In Italia è presente tutto l anno. 22

23 AIRONE CENERINO Airone cenerino (Ardea cinerea) Grande quanto una Cicogna (90 cm), becco giallo e stria nero del capo ben evidente; penne ornamentali sulla parte posteriore del capo. Parti superiori grigie con zampe marroni. Volo lento con battiti d ali cadenzate e testa retratta tra le spalle.. In Italia è presente tutto l anno e sosta nei pressi di laghi, fiumi o campi umidi. 23

24 PICCHIO Picchio verde (Picus viridis) 32 cm, cappuccio rosso dalla fronte alla nuca, parti superiori e coda verde-oliva, parti inferiori grigio-verde chiaro. Ha un volo ondulato e spesso lo si trova sul terreno. Cattura le formiche (principale alimento) inserendo la lingua nei cunicoli. Il nido (fa il buco in tronchi marcescenti) ha un ingresso ovale o rotondo. Picchio rosso maggiore (Picoides major) 23 cm, lati della testa bianchi attraversati da una fascia nera continua, macchia rossa sulla nuca, dorso nero con grandi macchie bianche, coda nera con timoniere macchiate di bianco, parti inferiori da bianco a crema, sottocoda rosso brillante. Si arrampica sui tronchi con movimento a spirale. Il tambureggiamento sui tronchi serve a delimitare il territorio. 24

25 GUFO Gufo comune (Asio otus) Lungo circa cm (apertura alare cm) ha orecchie lunghe e occhi giallo-arancio; disco facciale fittamente tratteggiato e bordato da una linea scura. Parti superiori bruno-scure, parti inferiori giallo-bruno con macchie verticali allungate; durante il giorno riposa nascosto tra gli alberi. Attivo di notte e al crepuscolo, si ciba di micromammiferi, rettili, insetti e invertebrati. 25

26 ALLOCCO Allocco (Strix aluco) Strigiforme di medie dimensioni (37-39 cm e apertura alare ) con grosso capo tondeggiante, occhi neri, disco facciale bordato da piccole penne scure, senza orecchie e con coda corta. Piumaggio dal rossiccio al grigio con macchie scure verticali, due serie di macchie bianche sulle ali. Attivo al crepuscolo e di notte caccia in prevalenza appostato mente lo spettro delle prede è piuttosto ampio: piccoli mammiferi, uccelli, pipistrelli. L Allocco è il più vocifero degli strigiformi e il suo canto, inconfondibile, può essere ascoltato tutto l anno; occupa habitat con abbondanza di alberi ma è presente anche all interno di grandi aree urbane. (Per il canto degli uccelli si può visitare il sito: 26

27 CIVETTA Civetta (Athene noctua) Piccolo e inconfondibile rapace notturno (21-23 cm apertura alare cm) testa piatta e senza orecchie, fronte bassa, occhi giallo chiaro, disco facciale poco evidente, becco color giallo limone. Parti superiori marrone punteggiate di bianco, parti inferiori bianco-giallognole con macchie verticali brune. Sulla nuca ha un disegno biancastro a forma di V (falsi occhi). Oggi la Civetta vive prevalentemente in ambienti agrari o urbanizzati e realizza il nido anche in anfratti presenti in edifici, campanili, torri, monumenti e aree archeologiche. La sua dieta è molto varia: micromammiferi, serpenti, pesci, insetti, invertebrati. In passato veniva catturata dai cacciatori e usata come zimbello per le allodole. 27

28 FALCO PELLEGRINO Falco pellegrino (Falco peregrinus) Falcone massiccio (apertura alare cm) con parti superiori grigioardesia e parti inferiori biancastre fittamente barrate e sfumate di rosso ruggine. In volo la sua silhouette è a forma di falce con ali lunghe appuntite, coda corta e leggermente ristretta nella parte terminale. Il Falco pellegrino si nutre quasi esclusivamente di uccelli che cattura al volo con una picchiata velocissima.. Nidifica in alto su pareti rocciose ma occasionalmente anche su edifici. (Da alcuni anni alcuni esemplari nidificano sulla Torre TELECOM di Via Oriolo Romano). 28

29 GHEPPIO Gheppio (Falco tinnunculus) Piccolo falco (34 cm apertura alare 75 cm) con parti superiori rosso bruno e parti inferiori giallo crema con macchie scure. Coda con banda terminale nera. Remiganti nere. Vola con battiti rapidi e assume spesso la posizione dello spirito santo. Si adatta facilmente ad ogni ambiente compresi i parchi all interno di aree urbanizzate; realizza il nido su vecchi nidi di corvidi, all interno di buchi di alberi, in cavità e anfratti negli edifici o in cassette nido. Preda soprattutto piccoli mammiferi, più raramente i giovani uccelli. 29

30 NIBBIO BRUNO Nibbio bruno (Milvus migrans) Dimensioni: cm con apertura alare di cm. Parti superiori marrone scuro (eccetto testa e nuca chiare), parti inferiori bruno rossicce. Ali lunghe e strette, spesso angolate, coda lunga e leggermente forcuta. Vive di solito nei pressi di fiumi, laghi o stagni nutrendosi spesso di pesci morti che afferra al volo. Essendo uno spazzino frequenta gli immondezzai dove si ciba di avanzi e carogne. Migratore, a fine settembre è già svernato in Africa centro-meridionale. 30

31 FARFALLE DEI PARCHI Macaone Cavolaia Podalirio Cleopatra Vanessa del cardo Vanessa atalanta 31

32 Argo bronzeo Sfinge del tiglio Sfinge del galio Cossus Vanessa Io Vanessa album 32

33 TESTI DI RIFERIMENTO Abram- Menegon: Vipere e altri serpenti italiani SIST Edizioni Caratozzolo: Guida alle rane, rospi e raganelle De Vecchi Editore Farfalle Giunti Della Pietà Mastrorilli: Gufi e civette Muzzio Lopez: Tracce di animali Giunti Nicolai: Fotoatlante degli uccelli d Europa Zanichelli Uccelli DeAgostini Romano: Riconoscere i rettili e gli anfibi Muzzio Boitani: Le tracce raccontano Mondatori Cova: Atlante degli uccelli d Italia Hoepli Pratesi: Clandestini in città Mondatori Guide ai servizi delle aree naturali protette del Lazio: - Parco Regionale di Veio - Ente Regionale Roma Natura Esemplare di Casarca fotografato nel laghetto dell Inviolatella B. 33

34 Direttiva UE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche Gli Stati membri adottano i provvedimenti necessari atti ad istituire un regime di rigorosa tutela delle specie animali di cui all'allegato IV, lettera a), nella loro area di ripartizione naturale, con il divieto di: a) qualsiasi forma di cattura o uccisione deliberata di esemplari di tali specie nell'ambiente naturale; b) perturbare deliberatamente tali specie, segnatamente durante il periodo di riproduzione, di allevamento, di ibernazione e di migrazione; c) distruggere o raccogliere deliberatamente le uova nell'ambiente naturale; d) deterioramento o distruzione dei siti di riproduzione o delle aree di riposo. 2. Per dette specie gli Stati membri vietano il possesso, il trasporto, la commercializzazione ovvero lo scambio e l'offerta a scopi commerciali o di scambio di esemplari presi dall'ambiente naturale, salvo quelli legalmente raccolti prima della messa in applicazione della presente direttiva. 3. I divieti di cui al paragrafo 1, lettere a) e b) e al paragrafo 2 sono validi per tutte le fasi della vita degli animali ai quali si applica il presente articolo. 4. Gli Stati membri instaurano un sistema di sorveglianza continua delle catture o uccisioni accidentali delle specie faunistiche elencate nell'allegato IV, lettera a). In base alle informazioni raccolte, gli Stati membri intraprendono le ulteriori ricerche o misure di conservazione necessarie per assicurare che le catture o uccisioni accidentali non abbiano un impatto negativo significativo sulle specie in questione. Passera oltremontana 34

CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA

CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA Quaderno del birdwatching di: Data del rilevamento: / / Ora (inizio rilevamento) : (fine rilevamento) : Descrizione area rilevamento: Località Provincia Condizioni

Dettagli

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo Il bosco e il sottobosco Il bosco è un ambiente naturale caratterizzato da alti alberi con grandi chiome. Gli alberi proteggono la parte più bassa del bosco, detta sottobosco, dal sole e dal vento. Abete

Dettagli

ANIMALI DA CONOSCERE E DA TUTELARE

ANIMALI DA CONOSCERE E DA TUTELARE ANIMALI DA CONOSCERE E DA TUTELARE Centro per la Conservazione della Natura, (Associazione ecologica) Presso il Centro per la Conservazione della Natura di Capranica opera l Associazione Ecologica che

Dettagli

Così il succiacapre, specie notturna (per difesa sbadiglia mostrando il palato rosa dell'enorme bocca) (Foto Luigi Andena)

Così il succiacapre, specie notturna (per difesa sbadiglia mostrando il palato rosa dell'enorme bocca) (Foto Luigi Andena) ACCIDENTALI IN CITTA' Durante le migrazioni può capitare di tutto. Uccelli altamente mimetici nel sottobosco si fanno scoprire esausti sui marciapiedi o sui balconi, arrivati di notte o alle prime luci.

Dettagli

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione Scheda per gli insegnanti Clima e neve WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L inverno per gli animali Clima e orsi polari Svolgimento della lezione - Ogni bambino riceve un biglietto con una caratteristica riguardante

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA MOROSETA I GENERALITA Origine: Asia dell'est, probabilmente la Cina. Per alcuni ricercatori è stata selezionata in Giappone, secondo altri è originaria dell' Africa del Sud. Nei trattati letterari è menzionata

Dettagli

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante.

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante. AIRONE BIANCOMAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. Più grande degli altri ardeidi bianchi (dimensioni del cenerino) ha un caratteristico sopracciglio verdastro AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore,

Dettagli

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione CINGHIALE Prime segnalazioni nel 1919; forte espansione dalla metà degli anni 60 Tre sottospecie: Centroeuropeo (Sus scrofa scrofa), di dimensioni maggiori;

Dettagli

Tema 1 Uccelli d acqua

Tema 1 Uccelli d acqua Tema 1 Uccelli d acqua Il primo capitolo del nostro corso è dedicato alle specie di uccelli che vivono principalmente nell acqua, sull acqua o vicino all acqua. Non possiamo tuttavia parlare in generale

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

AVERLA PICCOLA. L averla piccola è un comune passeraceo detto anche falconcello.

AVERLA PICCOLA. L averla piccola è un comune passeraceo detto anche falconcello. AVERLA PICCOLA L averla piccola è un comune passeraceo detto anche falconcello. DESCRIZIONE: È lungo circa 18 cm, e pesa 35 grammi in media, ha il corpo rossobruno nella parte superiore e bianco-rosato

Dettagli

Dall assemblea di presentazione del progetto di formazione per i nidi e le scuole d infanzia di martedì 30 settembre 2014:

Dall assemblea di presentazione del progetto di formazione per i nidi e le scuole d infanzia di martedì 30 settembre 2014: Dall assemblea di presentazione del progetto di formazione per i nidi e le scuole d infanzia di martedì 30 settembre 2014: -Quanto oggi è necessario partecipare alla comunicazione scambiata nel web? -Che

Dettagli

Il rospo smeraldino, Bufo viridis. CITTÀ di GRUGLIASCO. Assessorato all Ambiente

Il rospo smeraldino, Bufo viridis. CITTÀ di GRUGLIASCO. Assessorato all Ambiente CITTÀ di GRUGLIASCO Assessorato all Ambiente Redazione: Settore Sviluppo Compatibile. Area Tutela e Valorizzazione dell Ambiente. In collaborazione con il Dipartimento di Biologia Animale e dell Uomo della

Dettagli

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC)

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) (Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) PASSERIFORMI Le rondini sono simili ai rondoni per convergenza evolutiva, fanno cioè la stessa vita

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Progetto 6 Istituto Comprensivo Bruno Ciari di Padova A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Classi 2 A-2 B 2 B Scuola primaria Rodari ESPLORATORI PER UN GIORNO 15 aprile 2014 Casa Marina Parco Regionale

Dettagli

Gli uccelli del Vesuvio

Gli uccelli del Vesuvio Manuela D Agostino Gli uccelli del Vesuvio 2011 www.vesuvioweb.com I volatili del parco del Vesuvio appartengono a 138 specie: ve ne presento alcuni. Gli uccelli che sorvolano il parco sono per la maggior

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO Classe terza Caspoggio UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO LO ZIO DI MARCO E SARA È UN FOTOGRAFO NATURALISTA E DEVE PREPARARE UN SERVIZIO FOTOGRAFICO SULLO STAGNO PER UNA RIVISTA CHE SI OCCUPA DI NATURA. LO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

I marsupiali IL CANGURO

I marsupiali IL CANGURO I marsupiali I marsupiali devono il loro nome alla tasca marsupiale che è presente nelle femmine. Questa "tasca" serve a contenere i piccoli, che sono partoriti poco sviluppati e finiscono il loro sviluppo

Dettagli

Un anno con Iccio Riccio

Un anno con Iccio Riccio CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE IL PICCHIO Un anno con Iccio Riccio Testi a cura di Marialuisa Campani Immagini realizzate da Laura Serri Quaderno didattico realizzato con il contributo della Regione Emilia

Dettagli

Standard Europeo COCINCINA NANA

Standard Europeo COCINCINA NANA Standard Europeo COCINCINA NANA Origine : Cina. Importata in Europa nel 1886. Aspetto generale : Piccolo pollo, basso di portamento, con corpo largo,raccolto,con portamento verso l avanti. Piumaggio molto

Dettagli

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD I GENERALITÀ Origine MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD Razza Veneta, selezionata dall'allevatore Luca Rizzini alla fine del XX secolo a partire da esemplari di polli di tipologia

Dettagli

L ECOSISTEMA Un ecosistema è una porzione di biosfera delimitata naturalmente, cioè l'insieme di organismi animali e vegetali che interagiscono tra

L ECOSISTEMA Un ecosistema è una porzione di biosfera delimitata naturalmente, cioè l'insieme di organismi animali e vegetali che interagiscono tra L ECOSISTEMA Un ecosistema è una porzione di biosfera delimitata naturalmente, cioè l'insieme di organismi animali e vegetali che interagiscono tra loro e con l ambiente che li circonda. Perché è molto

Dettagli

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub.

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub. WWF Svizzera P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00 Casella postale pandaclub@wwf.ch 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch Volpe polare Dossier di presentazione Klein & Hubert / WWF Scheda Dimensioni:

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

I.C.S. Don Milani, Prato

I.C.S. Don Milani, Prato Gli animali mangiano? Gli animali sono mangiati? Gli animali si difendono? Gli animali attaccano? I BAMBINI RACCONTANO Gli animali sono mangiati dai predatori carnivori come la tigre Quando mangiano fanno

Dettagli

I segreti dell ornitologo: forme e colori delle penne

I segreti dell ornitologo: forme e colori delle penne Tocca con mano SCHEDA INSEGNANTE I segreti dell ornitologo: forme e colori delle penne EMPIRICA officina di scienze ed arte I ragazzi osservano e toccano penne e piume di varie specie di uccelli, guidati

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998 FCI Standard N 97 / 05.03.1998 SPITZ TEDESCHI ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998 UTILIZZAZIONE: Cane da guardia e da compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo

Dettagli

Birdwatching in città

Birdwatching in città Birdwatching in città Cinciarella alla mangiatoia nel Giardino Ducale Consigli per osservare e conoscere i clandestini in città, gli uccelli selvatici che si sono adattati a vivere accanto alle nostre

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

Cicogna bianca (Ciconia ciconia; Linnaeus, 1758)

Cicogna bianca (Ciconia ciconia; Linnaeus, 1758) Cicogna bianca (Ciconia ciconia; Linnaeus, 1758) Classe: Uccelli Ordine: Ciconiformi Famiglia: Ciconidi Genere: Ciconia Specie: ciconia NOMENCLATURA: Francese: Cicogne blanche Inglese: White Stork Italiano:

Dettagli

Il linguaggio degli animali

Il linguaggio degli animali Il linguaggio degli animali Siano che vivano da soli o in gruppi organizzati, gli animali comunicano tra loro: si scambiano informazioni per la ricerca del cibo, la conquista e la difesa del proprio territorio,

Dettagli

1. Guarda i disegni e completa il testo con gli animali della lista. cani - uccelli - gatti - pappagallo - pesci - rane - scimmie - tartarughe - topi

1. Guarda i disegni e completa il testo con gli animali della lista. cani - uccelli - gatti - pappagallo - pesci - rane - scimmie - tartarughe - topi 1. Guarda i disegni e completa il testo con gli animali della lista. cani - uccelli - gatti - pappagallo - pesci - rane - scimmie - tartarughe - topi domestici al seguito È possibile portare al proprio

Dettagli

UNA PASSEGGIATA ALL OASI

UNA PASSEGGIATA ALL OASI UNA PASSEGGIATA ALL OASI Cartina illustrativa dell Oasi Ingresso 1. INGRESSO Note storiche L oasi prende il nome dalle buche, le Foppe in dialetto milanese, create dalle attività di estrazione dell argilla

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

ROSPO SMERALDINO Bufo viridis. Classe: Anfibi

ROSPO SMERALDINO Bufo viridis. Classe: Anfibi \ 1 INDICE Rospo Smeraldino p.3 Raganella p.4 Rana Verde Minore p.5 Ramarro p.6 Lucertola Muraiola p.7 Biacco p.8 Biscia dal Collare p.9 Riccio p.10 Talpa Europea p.11 Toporagno Comune p.12 Pipistrello

Dettagli

Giochi e informazioni sul sentiero Gumperle

Giochi e informazioni sul sentiero Gumperle Giochi e informazioni sul sentiero Gumperle he? Lo sapevi che...? I corvidi una specie di uccelli dalle particolari qualità. Appartengono agli uccelli canori intelligenti, anche se non sanno cantare. Sanno

Dettagli

Le Specie. Falco pecchiaiolo (Pernis apivorus) - presente negli elenchi della Direttiva Uccelli 79/409/CE

Le Specie. Falco pecchiaiolo (Pernis apivorus) - presente negli elenchi della Direttiva Uccelli 79/409/CE Le Specie Falco pecchiaiolo (Pernis apivorus) - presente negli elenchi della Direttiva Uccelli 79/409/CE Il Falco pecchiaiolo è un rapace di media grandezza: in lunghezza raggiunge i 55 cm e la sua apertura

Dettagli

IC SOAVE (VR) Scuola Primaria Edmondo de Amicis Cazzano di Tramigna PROGETTO DIDATTICO A SCUOLA NEI PARCHI - GUARDIANI DELLA NATURA Classe 3^

IC SOAVE (VR) Scuola Primaria Edmondo de Amicis Cazzano di Tramigna PROGETTO DIDATTICO A SCUOLA NEI PARCHI - GUARDIANI DELLA NATURA Classe 3^ IC SOAVE (VR) Scuola Primaria Edmondo de Amicis Cazzano di Tramigna PROGETTO DIDATTICO A SCUOLA NEI PARCHI - GUARDIANI DELLA NATURA Classe 3^ Quest anno noi bambini di classe terza, insieme ai nostri amici

Dettagli

COM È FATTA UNA FARFALLA?

COM È FATTA UNA FARFALLA? COM È FATTA UNA FARFALLA? CORPO SUDDIVISO IN 3 SEGMENTI - TESTA - TORACE - ADDOME 3 PAIA DI ZAMPE = 6 ZAMPE 2 PAIA DI ALI = 4 ALI 1 SPIRITROMBA: è l organo con cui le farfalle succhiano il nettare dai

Dettagli

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

uccelli Charadrius alexandrinus (Linnaeus, 1758) regno animale fam. Charadriidae

uccelli Charadrius alexandrinus (Linnaeus, 1758) regno animale fam. Charadriidae uccelli Charadrius alexandrinus (Linnaeus, 1758) regno animale fam. Charadriidae Fonte immagine www.liguriabirding.net- foto G. Motta Questo piccolo uccello viene chiamato fratino, anche se il nome comune

Dettagli

L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 296 / 19.09.2013 CANE DA PASTORE SCOZZESE A PELO CORTO (Collie Smooth) L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco

Dettagli

Guida al riconoscimento delle specie di scoiattoli presenti in Italia

Guida al riconoscimento delle specie di scoiattoli presenti in Italia LIFE+ EC-SQUARE ROSSO SCOIATTOLO Guida al riconoscimento delle specie di scoiattoli presenti in Italia Foto di: Veronique Adriaens, Sandro Bertolino, Dario Capizzi, Jean-Louis Chapuis, Monica Chasseur,

Dettagli

1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO

1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO 1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO AREA DI ORIGINE: Regione Veneto. TIPO ED INDIRIZZO PRODUTTIVO: Tacchino rustico di taglia media, precoce e a rapido impennamento. Ottimo pascolatore,si presta molto bene

Dettagli

Airone rosso Ape domestica Aquila reale Biancone

Airone rosso Ape domestica Aquila reale Biancone Airone rosso Gli aironi rossi sono abituati a vivere tutti insieme in uno stesso luogo che si chiama Garzaia ; una specie di condominio dove possono abitare anche qualche migliaio di famiglie. L airone

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

I tassi innamorati. Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09

I tassi innamorati. Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 I tassi innamorati Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 In collaborazione con Comune di Vezzano e Consorzio Vigilanza Boschiva della Valle dei Laghi Due tassi, un maschio e

Dettagli

IL REGNO DEGLI ANIMALI

IL REGNO DEGLI ANIMALI STITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE DI MALEO SCUOLA PRIMARIA DI MALEO CLASSE 5^B DOCENTE: RAFFAELLA CECCONI IL REGNO DEGLI ANIMALI l regno animale è costituito da circa 1 milione e mezzo di specie viventi,

Dettagli

SINURBIZZAZIONE UN NUOVO FENOMENO NEL MONDO DELLA FAUNA Prof. Maciej LUNIAK (Museum & Institute of Zoology Warszawa, Poland)

SINURBIZZAZIONE UN NUOVO FENOMENO NEL MONDO DELLA FAUNA Prof. Maciej LUNIAK (Museum & Institute of Zoology Warszawa, Poland) SINURBIZZAZIONE UN NUOVO FENOMENO NEL MONDO DELLA FAUNA Prof. Maciej LUNIAK (Museum & Institute of Zoology Warszawa, Poland) Per trattare l'argomento occorre una definizione precisa di tre termini, in

Dettagli

Direttiva 79/409/CEE "Conservazione degli uccelli selvatici"

Direttiva 79/409/CEE Conservazione degli uccelli selvatici Si prefigge la protezione, la gestione e la regolazione di tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico nel territorio europeo degli Stati membri Gli Stati membri devono adottare

Dettagli

I vertebrati: Mammiferi

I vertebrati: Mammiferi Conoscere gli animali Nella Terra e nello spazio Balena I vertebrati: Mammiferi Una balena adulta può essere lunga da 11 a 18 m e pesare da 30 a 80 tonnellate, un neonato può arrivare a 6 m di lunghezza

Dettagli

Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico

Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico STRUTTURA FISICA V - Molto alto o molto basso, esile, ossuto P - Corporatura media K - Grosso, massiccio, struttura ampia PESO V - Leggero, con ossa sporgenti, variazioni

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera L Avifauna dell Orto Botanico di Brera 1 Censimento dell Avifauna presente all Orto Botanico Braidense, Milano 7 Novembre 1997 Ottobre 1998 a cura di ANTONIO PERUZ Una coppia di Cinciallegra Parus major

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Inquadramento normativo e competenze: Oggetto della tutela Sono tutelate le popolazioni di

Dettagli

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos)

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) Mauro FISSORE Resp. servizio Guardiaparco Primi dati sull attività di monitoraggio nel territorio del Parco naturale del Marguareis Territorio interessato dalla ricerca:

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA PRECISAZIONI: I percorsi sono consigliati per tutte le classi: varierà la specificità ed il grado di approfondimento del programma. La maggior

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) è una zanzara originaria del sud-est asiatico. Inizialmente, infatti, viveva in un area che andava dal Giappone al Madagascar dove

Dettagli

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta LE TARTARUGHE Testudo hermanni & Caretta caretta CLASSIFICAZIONE: Regno Animalia Classe Reptilia Ordine Testudines Testudo hermanni (o tartaruga di Hermann) L HABITAT Tipicamente mediterraneo. La Testudo

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09

Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 All'ombra dell'edera Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 In collaborazione con Comune di Vezzano e Consorzio Vigilanza Boschiva della Valle dei Laghi Un giorno di primavera

Dettagli

I VERTEBRATI I PESCI GLI ANFIBI I RETTILI GLI UCCELLI I MAMMIFERI

I VERTEBRATI I PESCI GLI ANFIBI I RETTILI GLI UCCELLI I MAMMIFERI I VERTEBRATI I PESCI GLI ANFIBI I RETTILI GLI UCCELLI I MAMMIFERI PESCICI I pesci sono animali VERTEBRATI ACQUATICI: vivono nei mari, nei fiumi, nei laghi. Ne esistono di tutte le forme e dimensioni: hanno

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) NONA CHIACCHIERATA OSSERVARE LE TRACCE Quando si cammina in montagna, facilmente ci si può imbattere in un animale selvatico

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Scienze 1 Livello: A2 LO STAGNO

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Scienze 1 Livello: A2 LO STAGNO Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze 1 Livello: A2 LO STAGNO Gruppo 11 Autori: Sasso Nicoletta, Mel Nerina, De Polo Fauzia, Zecchinon Giuseppina Destinatari: alunni I biennio

Dettagli

Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale. Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA

Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale. Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA CODA Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA coda Funzioni: -timone direzionale ed organo di equilibrio

Dettagli

Analizziamo in tabella le peculiarità dei mammiferi.

Analizziamo in tabella le peculiarità dei mammiferi. IL CENOZOICO Brevi suggerimenti didattici. La vita recente Iniziamo il percorso visualizzando la linea del tempo delle ere studiate aggiungendo l era cenozoica. Il nome Cenozoico viene dalla lingua greca.

Dettagli

Dormono raccolta di poesie. Classe 1A con la prof.ssa Naomi Cometti a.s. 2014-2015

Dormono raccolta di poesie. Classe 1A con la prof.ssa Naomi Cometti a.s. 2014-2015 Dormono raccolta di poesie Classe 1A con la prof.ssa Naomi Cometti a.s. 2014-2015 Dormono i salici che piangono e i pini con i loro mille aghi e le praterie in cui vivono. Dormono i selvaggi animali di

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

Capra di Saanen ( 1 )

Capra di Saanen ( 1 ) Stato: 20.02.2008 Capra di Saanen ( 1 ) m f m f 90 80 85 60 fine bianca con corto, ben aderente bianca, tollerate piccole macchie pigmentate; Colore bianco impuro Becchi più severo macchie nere, più grandi

Dettagli

ANIMALI DEL BOSCO DEI DOSSI. I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) IV A IV E a.s. 2012-2013

ANIMALI DEL BOSCO DEI DOSSI. I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) IV A IV E a.s. 2012-2013 ANIMALI DEL BOSCO DEI DOSSI I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) IV A IV E a.s. 2012-2013 Tutti gli animali presi in esame sono stati sentiti o avvistati nel Bosco dei Dossi e nelle zone limitrofe durante

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

Album visita all acquario di Genova

Album visita all acquario di Genova Album visita all acquario di Genova Classe 3 B-D A.S. 2006/2007 La vasca degli squali SQUALO TORO Carcharias taurus Lo squalo toro è uno squalo grande e massiccio (supera i 3 metri di lunghezza), dall

Dettagli

La Processionaria del Pino

La Processionaria del Pino La Processionaria del Pino Thaumetopoea pityocampa www.gruppoindaco.com Thaumetopoea pityocampa (Den. et Schiff.) Lepidoptera, Fam. Thaumetopoeidae Cos'è la Processionaria o a del pino La Processionaria

Dettagli

SCUOLA INFANZIA CASOLI - VIA LAME III SEZIONE

SCUOLA INFANZIA CASOLI - VIA LAME III SEZIONE SCUOLA INFANZIA CASOLI - VIA LAME III SEZIONE CANE Il cane è un mammifero onnivoro, domestico. Principale caratteristica del cane è il senso dell'olfatto: il suo naso è molto sensibile. E l'animale più

Dettagli

3. Attività in classe

3. Attività in classe 3. Attività in classe 3.1 Scuole Primarie Attività 1: Domande al volo Obiettivo: introdurre lo scoiattolo rosso e il suo ambiente, attraverso semplici domande poste ai bambini Durata: 20 minuti - Che cos

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il mondo degli insetti BREVE DESCRIZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO: l unità di apprendimento ha l intento di presentare le caratteristiche del mondo degli insetti, esseri

Dettagli

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto (come gli spinarelli???) Come lo metto (stare ad ascoltare)

Dettagli

ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI )

ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI ) ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI ) 1. Gigante (G.) DESCRIZIONE PUNTI 1. Tipo e forma del corpo 20 2. Peso 10 3. Pelliccia 20 4. Testa e pelliccia 15 5. sovracolore e lucentezza

Dettagli

uccelli Ichthyaetus audouinii (Payraudeau 1826) regno animale fam. Laridae sinonimo Larus audouinii ( Payraudeau 1826)

uccelli Ichthyaetus audouinii (Payraudeau 1826) regno animale fam. Laridae sinonimo Larus audouinii ( Payraudeau 1826) uccelli Ichthyaetus audouinii (Payraudeau 1826) sinonimo Larus audouinii ( Payraudeau 1826) regno animale fam. Laridae Fonte immagini Sub Rimini Gian Neri -www.biologiamarina.org Questo bel gabbiano, chiamato

Dettagli

Uccelli di città. Fringuello Dove è più facile vederlo: nei giardini pubblici. Voce: squillante pink! Canto a cascata cici-ci-ci-citterdì

Uccelli di città. Fringuello Dove è più facile vederlo: nei giardini pubblici. Voce: squillante pink! Canto a cascata cici-ci-ci-citterdì 1 Uccelli di città Passera d Italia Dove è più facile vederla: sui tetti delle case. Voce: cirp- cirp Come riconoscerla: colorazione marrone non uniforme. Maschio con testa marrone, guance bianche e gola

Dettagli

Tema 2 Uccelli del bosco (1)

Tema 2 Uccelli del bosco (1) Tema 2 Uccelli del bosco (1) Le escursioni relative ai temi 2 e 5 ci portano nel bosco. Per questo motivo intendiamo osservare un po più da vicino questa forma di paesaggio (cfr. anche p. 68): La diffusione

Dettagli

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra Visita alla mostra Prima di cominciare Queste diapositive raccolgono, come in un diario, le impressioni di noi bambini di fronte alle riproduzioni dei dinosauri ammirate durante la visita. In ogni pagina

Dettagli

VALLICOLTURA E OASI NATURALISTICA DI CA MELLO

VALLICOLTURA E OASI NATURALISTICA DI CA MELLO VALLICOLTURA E OASI NATURALISTICA DI CA MELLO Noi alunni della classe I H, insieme agli alunni della classe I G, il giorno 27 ottobre siamo andati a visitare l oasi naturalistica di Ca mello sul delta

Dettagli

IL BOSCO CHE INSEGNA

IL BOSCO CHE INSEGNA IL BOSCO CHE INSEGNA Luca Zarantonello (CAI Volpiano) Disclaimer Il presente documento fa parte delle tesi che, gli aspiranti operatori naturalistici e culturali, hanno presentato all esame del III corso

Dettagli

A N I M A L V I L L A G E

A N I M A L V I L L A G E manda il tuo animale in vacanza SAPEVI CHE. IL CONIGLIO breve brochure esplicativa per conoscere meglio il tuo amico COMPORTAMENTO E CURA IL CONIGLIO Il coniglio è considerato un buon animale da compagnia,

Dettagli

Progetto. Centro Servizi Amministrativi di Vicenza. Anno Scolastico 2005/2006

Progetto. Centro Servizi Amministrativi di Vicenza. Anno Scolastico 2005/2006 Progetto "Osservatorio sui nuovi modelli organizzativi della didattica in scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado ad alto tasso di immigrazione" Centro Servizi Amministrativi di Vicenza Anno

Dettagli

Grazie al contributo di. Ente capofila. Graphic by in2design.it

Grazie al contributo di. Ente capofila. Graphic by in2design.it Grazie al contributo di Ente capofila Graphic by in2design.it 1 2 I PARCHI E LE AREE PROTETTE Cos è un PARCO? IL RITORNO DEI GRANDI CARNIVORI SULLE ALPI Spesso si associa questo termine ai giardini, agli

Dettagli

Fauna montana di probabile incontro nelle escursioni primaverili e relazione con le genti che vivono in montagna.

Fauna montana di probabile incontro nelle escursioni primaverili e relazione con le genti che vivono in montagna. Fauna montana di probabile incontro nelle escursioni primaverili e relazione con le genti che vivono in montagna. Durante le escursioni primaverili inserite nel programma del corso, potrà succedere di

Dettagli

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA SEZIONE DI ASTI SETTORE EDUCAZIONE AMBIENTALE PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA Provincia di Alessandria Provincia di Asti Comune di Asti UNA PENNA PER AMICO Ormai da diversi anni la

Dettagli

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc.

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc. GLI INSETTI il corpo è suddiviso in tre zone denominate capo, torace e addome, su cui si inseriscono le antenne, le zampe e le ali. Sono ricoperti da uno scheletro esterno detto esoscheletro, formato da

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

La fauna del SIC «Poggi di Prata» e dintorni

La fauna del SIC «Poggi di Prata» e dintorni La fauna del SIC «Poggi di Prata» e dintorni Emiliano Mori Università di Siena APRILE 2013 Il Sito d Importanza Comunitaria Zona IWC «Il Gabellino» QUANTE SPECIE ANIMALI? Check-list delle specie di vertebrati:

Dettagli

Catalogo delle offerte didattiche del Centro Recupero Animali Selvatici (C.R.A.S.) Le Civette

Catalogo delle offerte didattiche del Centro Recupero Animali Selvatici (C.R.A.S.) Le Civette Catalogo delle offerte didattiche del Centro Recupero Animali Selvatici (C.R.A.S.) Le Civette Tutti i colori del cielo Il mondo animale ci offre innumerevoli esempi di come i colori vengano usati per veicolare

Dettagli

Nei boschi. con il contributo di

Nei boschi. con il contributo di Ma dove sono gli animali? Nei boschi con il contributo di Ma dove sono gli animali? Nei boschi 2 NOME: Allocco - Strix aluco Foto Claudio Crespi Che cosa è È un rapace notturno e appartiene alla famiglia

Dettagli