MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI?"

Transcript

1 MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? LE API VOLANDO DA UN FIORE ALL ALTRO RACCOLGONO IL NETTARE PRODOTTO DAI FIORI E LO UTILIZZANO PER FARE IL MIELE CHE SARA UNA PREZIOSA SCORTA DI CIBO PER LA BRUTTA STAGIONE ED IL POLLINE CHE SARA NUTRIMENTO PER LE GIOVANI LARVE MENTRE RACCOLGONO IL NETTARE SI RIEMPIONO IL CORPO CON I GRANELLI DI POLLINE PRODOTTI DAL FIORE. I GRANELLI INFATTI RIMANGONO ATTACCATI ALLA FOLTA PELURIA CHE RICOPRE IL CORPO DELLE API QUANDO HANNO FINITO DI RACCOGLIERE IL NETTARE DA UN FIORE LE API NE CERCANO UN

2 ALTRO TRASPORTANDO CON SE ANCHE I GRANELLI DI POLLINE DEL FIORE PRECEDENTE E COSI VIA. LE API HANNO QUINDI UN COMPITO MOLTO IMPORTANTE PERCHE COSI FACENDO OPERANO LA PREZIOSISSIMA IMPOLLINAZIONE NECESSARIA PER LO SVILUPPO DI UNA NUOVA PIANTA APPENA RIENTRATA AL NIDO L APE CHE CHIAMEREMO APE BOTTINATRICE, DEPONE IL POLLINE NELLE CELLETTE MENTRE IL NETTARE VIENE CONSEGNATO ALLE API CHE HANNO IL COMPITO DI TRASFORMARLO IN MIELE. CON UNA PARTICOLARE DANZA L APE BOTTINATRICE INDICA ALLE COLLEGHE LA DIREZIONE E LA DISTANZA DALLA FONTE DI CIBO DANZA DELL ADDOME (FONTI DI CIBO LONTANE) DANZA CIRCOLARE (FONTI DI CIBO NELLE VICINANZE) LE API SONO DELLE INSTANCABILI VOLATRICI CHE RIESCONO A VISITARE MOLTI FIORI IN POCO TEMPO. SONO INOLTRE FEDELI ALLA PIANTA CHE VISITANO, INFATTI QUANDO COMINCIANO A RACCOGLIERE IL NETTARE DA

3 UN TIPO DI PIANTA PROSEGUONO CON QUESTA FINO ALLA FINE DELLA FIORITURA. MA ECCO L INGRESSO DI UN ARNIA IL PREDELLINO COME UNA PISTA DI ATTERRAGGIO ACCOGLIE LE API DI RITORNO DAL RACCOLTO ENTRIAMO ANCHE NOI NELL ALVEARE E ANDIAMO A CONOSCERE MEGLIO I COMPONENTI DI QUESTA GRANDE FAMIGLIA!!!

4 NASCE DA UOVA CHE VENGONO DEPOSTE NELLE CELLE REALI. A DIFFERENZE DELLE ALTRE API, LE REGINE VENGONO NUTRITE CON UNA PAPPA SPECIALE LA PAPPA REALE E NON CON MIELE E POLLINE. PROPRIO PER QUESTO LE REGINE CRESCONO MOLTO DI PIU DELLE API OPERAIE E SONO CAPACI DI FARE LE UOVA. DA GRANDI SI RICONOSCONO PERCHE HANNO L ADDOME MOLTO PIU LUNGO E LUCENTE DELLE ALTRE API. ANCHE LE REGINE LAVORANO MOLTO, PASSANO INFATTI TUTTO IL GIORNO A LAVORARE PER DEPORRE LE UOVA. COSI DOPO AVER CONTROLLATO LA CELLETTA,

5 ..LA REGINA VI DEPONE UN UOVO CHE SI SCHIUDERA DOPO TRE GIORNI LO SVILUPPO DELL APE OPERAIA APPENA NATI I CUCCIOLI DI API, CHIAMATI LARVE HANNO LA FORMA DI PICCOLI VERMETTI BIANCHI LE LARVE VIVONO NELLE CELLETTE ESAGONALI E VENGONO NUTRITI CON PAPPA REALE PER I PRIMI TRE GIORNI POI CON MIELE E POLLINE DALLE ALLA FINE DELL 8 GIORNO LA CELLETTA VIENE CHIUSA CON UN TAPPO DI CERA CHIAMATO OPERCOLO

6 DENTRO ALLA CELLETTA I NOSTRI CUCCIOLI, LE LARVE, COMINCIANO A CRESCERE DIVENTANDO PUPE COMINCIANO CIOE AD AVERE UNA FORMA SIMILE ALLE API, MA SONO BIANCHE, NON HANNO ANCORA LE ALI E LE ZAMPETTE SONO PICCOLE PICCOLE, OCCUPANO TUTTA LA CELLA, NON MANGIANO E STANNO FERME COME SE DORMISSERO SEMPRE.

7 ALL INTERNO DELLA PUPA, CON LA METAMORFOSI, ASSUMONO L ASPETTO DI INSETTO ADULTO, CHE TUTTI NOI CONOSCIAMO. IL 21 GIORNO L INSETTO ADULTO USCIRA DALLA CELLA (SFARFALLA) L APE OPERAIA E ORA PRONTA PER ASSUMERE I SUOI COMPITI NELL ALVEARE..

8 L APE OPERAIA E UNA FEMMINA STERILE CIOE NON PUO DEPORRE LE UOVA, MA PROVVEDE A TUTTE LE NECESSITA DELL ALVEARE. LA PULIZIA DELLE CELLETTE E IL PRIMO COMPITO CHE SVOLGONO LE API OPERAIE NELLA LORO VITA. NEI LAVORI DI PULIZIA DELL ALVEARE UTILIZZANO IL PROPOLI PER VERNICIARE LE PARETI E SIGILLARE LE FESSURE. LE API OPERAIE SI DEDICANO POI ALLA CURA DELLA REGINA E DELLE LARVE

9 E AL SERVIZIO DI IMMAGAZZINAMENTO DELLE PROVVISTE DI MIELE E POLLINE SPARSE QUA E LA PER L ALVEARE ANCHE LE LARVE CONTENUTE NELLE CELLE REALI VENGONO NUTRITE E ACCUDITE DALLE OPERAIE. DA UNA DI QUESTE SI SVILUPPERA LA FUTURA REGINA CHE PRENDERA IL POSTO DELLA SUA MAMMA. INFATTI QUANDO DALLE CELLE REALI SPUNTANO LE NUOVE ASPIRANTI REGINE, QUELLA PIU VECCHIA SMETTE DI DEPORRE LE UOVA E SEGUITA DALLE API PIU ANZIANE LASCIA L ALVEARE.LE API DELLO SCIAME SI FERMANO SU DI UN GROSSO RAMO ATTENDENDO CHE LE

10 TROVINO UN LUOGO ADATTO PER FONDARE UNA NUOVA COLONIA. QUESTO FENOMENO PRENDE IL NOME DI SCIAMATURA. NELLLA VECCHIA COLONIA INTANTO SOLO UNA DELLE NUOVE REGINE PRENDERA POSSESSO DELL ALVEARE, ALCUNI GIORNI DOPO USCIRA DALL ALVEARE SEGUITA DA TANTI FUCHI (I MASCHI DELLA FAMIGLIA) PER SCEGLIERE IL MARITO, DOPO IL VOLO NUNZIALE AL RIENTRO IN ALVEARE INIZIERA A DEPORRE LE UOVA. I FUCHI SONO I MASCHI DELLA FAMIGLIA SONO PIU GRANDI E TOZZI DELLE API OPERAIE ED HANNO ANCHE LE ALI PIU LUNGHE. LA LORO BOCCA NON E ADATTA A SUCCHIARE IL NETTARE E NON HANNO NELLE ZAMPE GLI STRUMENTI CHE SERVONO PER RACCOGLIERE IL POLLINE. NON SONO INFATTI CAPACI DA SOLI DI PROCURARSI IL CIBO, PER QUESTO VENGONO MANTENUTI DALLE API OPERAIE. PER DIVENTARE INSETTI ADULTI CI METTONO 24 GIORNI.

11 IL LORO COMPITO E QUELLO DI COLLABORARE ALLA VITA DELL ALVEARE, PRODURRE CALORE UTILE ALLE LARVE, E LAVORARE PER IL TRASPORTO DEL MIELE ALL INTERNO DELLA CASA. A PRIMAVERA ESCONO DALL ALVEARE IN CERCA DI UNA REGINA, QUANDO LA TROVANO LA INSEGUONO FACENDO LA GARA CON TANTI ALTRI FUCHI. L ACCOPPIAMENTO AVVIENE IN VOLO. DOPO CHE HA RAGGIUNTO LA REGINA IL FUCO CADE A TERRA E MUORE. GLI ALTRI FUCHI LASCIANO L ALVEARE O VENGONO ELIMINATI DALLE API OPERAIE

L ape è lunga dai 12 ai 20 mm e vive da 30 giorni a 5 anni. Come per gli altri insetti anche il corpo dell ape si suddivide in capo, torace e addome.

L ape è lunga dai 12 ai 20 mm e vive da 30 giorni a 5 anni. Come per gli altri insetti anche il corpo dell ape si suddivide in capo, torace e addome. L ape è lunga dai 12 ai 20 mm e vive da 30 giorni a 5 anni. Come per gli altri insetti anche il corpo dell ape si suddivide in capo, torace e addome. Sul capo ogni ape ha due antenne che le permettono

Dettagli

Proseguiamo consegnando a ciascun alunno la scheda Le api e Come nascono le api? (scheda per 3 alunni).

Proseguiamo consegnando a ciascun alunno la scheda Le api e Come nascono le api? (scheda per 3 alunni). Le api e il miele Suggestioni di lavoro per l insegnante. Iniziamo l attività di studio del mondo delle api con un racconto letto dall insegnante; ai bambini il compito di ascoltare con attenzione ed elaborare,

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del

ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del prof. Giorgio Rigoni L ape è un insetto degli IMENOTTERI

Dettagli

Ricerca a cura della 3ª C

Ricerca a cura della 3ª C Ricerca a cura della 3ª C Insegnante Donatella Marra Anno scolastico 2009-2010 L'ape: come vive, com'è fatta Fra gli insetti che pungono le api sono le più temute dall'uomo. Le femmine hanno un pungiglione

Dettagli

LE NOSTRE AMICHE API percorso interdisciplinare per competenze classe seconda B Raiano

LE NOSTRE AMICHE API percorso interdisciplinare per competenze classe seconda B Raiano LE NOSTRE AMICHE API percorso interdisciplinare per competenze classe seconda B Raiano Il 16 marzo é venuta a trovarci Susanna l esperta dell associazione Keria per parlarci del perfetto mondo delle api.

Dettagli

Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca. Progetto interdisciplinare sulle trasformazioni stagionali della natura:

Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca. Progetto interdisciplinare sulle trasformazioni stagionali della natura: Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca Modulo classi seconde Progetto interdisciplinare sulle trasformazioni stagionali della natura: Insegnanti: Marzia Benedetti, Alfreda Nevicati,M.Teresa Pedocchi Realizzato

Dettagli

Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera

Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera Dott.ssa Alessandra Giacomelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Apoidei (Apoidea Latreille, 1802)

Dettagli

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda)

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) I casi della seconda metà di aprile Caso 1B: La fucaiola Riferimenti teorici: Pillole di genetica Un giovane apicoltore mi aveva

Dettagli

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue.

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue. , Pur essendo il più pregiato prodotto dell'alveare per le sue notevoli proprietà, la Pappa Reale è stata per lungo tempo ignorata. 600: Il primo a citarla è lo scienziato SCHWAMMENDAN che ne descrive

Dettagli

Regione autònoma de sardigna Regione autonoma della sardegna Ente forestas de sardigna Ente foreste della sardegna

Regione autònoma de sardigna Regione autonoma della sardegna Ente forestas de sardigna Ente foreste della sardegna LA STORIA DELLA PICCOLA ApE RaYa Regione autònoma de sardigna Regione autonoma della sardegna Ente forestas de sardigna Ente foreste della sardegna Insieme alla nostra amica Ape Raya, con questo opuscolo

Dettagli

L'APE è un insetto e appartiene alla famiglia degli imenotteri (insetti dotati di 4 ali membranose). La dimensione media di un'ape operaia è di circa

L'APE è un insetto e appartiene alla famiglia degli imenotteri (insetti dotati di 4 ali membranose). La dimensione media di un'ape operaia è di circa L'APE è un insetto e appartiene alla famiglia degli imenotteri (insetti dotati di 4 ali membranose). La dimensione media di un'ape operaia è di circa 1,5cm, è di colore marrone-nerastro che diventa più

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico LA VARROA: Varroa destructor CICLO BIOLOGICO DI VARROA DESTRUCTOR

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT La società delle api è matriarcale: c è un unica madre che è l Ape Regina e che depone ogni giorno le uova dalle quali nasceranno soprattutto

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Le dispense di ALPA Miele

Le dispense di ALPA Miele Le dispense di ALPA Miele Lezione: 01-febbraio-2013 20:00-23:00 Locali AVIS Via Famagosta,1 17100-Savona Etologia delle api: api e ambiente Biologia dell'ape mellifera Ligustica 1. DIVISIONE IN CASTE Esistono

Dettagli

L'ape fa il miele... L'ape. Lo sapevi che...? Unità 1:

L'ape fa il miele... L'ape. Lo sapevi che...? Unità 1: Unità 1: L'ape fa il miele... L'ape L ape è un insetto molto speciale, vola di fiore in fiore raccogliendo nettare che poi trasformerà in miele. Il nettare è il nutrimento dell ape adulta. Il miele è il

Dettagli

Matematica nell alveare

Matematica nell alveare Matematica nell alveare Silvia Sbaragli N.R.D. Bologna - Alta Scuola Pedagogica, Locarno, Svizzera Pubblicato in: Sbaragli S. (2009). Matematica nell alveare. Scuola dell infanzia. 2, 19-21. La matematica

Dettagli

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel...

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel... Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) (Area di Entomologia) Università degli Studi di Bologna Viale Giuseppe Fanin, 42 40127 BOLOGNA Istituto Nazionale di Apicoltura Via di Saliceto,

Dettagli

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc.

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc. GLI INSETTI il corpo è suddiviso in tre zone denominate capo, torace e addome, su cui si inseriscono le antenne, le zampe e le ali. Sono ricoperti da uno scheletro esterno detto esoscheletro, formato da

Dettagli

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione Corso di Aggiornamento per Medici Veterinari: RICONOSCERE E GESTIRE LE PATOLOGIE DELLE API NEL RISPETTO DELLA SICUREZZA DEI PRODOTTI DELL ALVEARE Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Dettagli

24 2011 I CONTROLLI UFFICIALI SULLE API REGINE IMPORTATE DAI PAESI TERZI

24 2011 I CONTROLLI UFFICIALI SULLE API REGINE IMPORTATE DAI PAESI TERZI BIOLOGIA DELLE API Dott.ssa Marcella Milito 24 novembre 2011 I CONTROLLI UFFICIALI SULLE API REGINE IMPORTATE DAI PAESI TERZI Hotel Palacavicchi, via di Ciampino,70 Roma IZS LAZIO E TOSCANA Le api fanno

Dettagli

L immortalità si propaga

L immortalità si propaga 031-050_api_cap2 OK 23-09-2008 13:58 Pagina 31 L immortalità si propaga Per vivere, le api traggono energia e materia dall ambiente e li riorganizzano in maniera da garantire alle colonie le condizioni

Dettagli

Origini della vita sociale delle api.

Origini della vita sociale delle api. Origini della vita sociale delle api. L'ape mellifica è un insetto estremamente sociale, vive in famiglie o colonie costituite da decine di migliaia di individui (da 10.000 a 100.000 individui). I reperti

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Agripoint s.a.s. Abbiategrasso. Gli impollinatori: l ape e i suoi amici. in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A.

Agripoint s.a.s. Abbiategrasso. Gli impollinatori: l ape e i suoi amici. in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A. Agripoint s.a.s. Abbiategrasso Gli impollinatori: l ape e i suoi amici in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A. Si ringraziano per la collaborazione In particolare Elena Brioschi, Fabio Berta,

Dettagli

Alla scoperta del miele

Alla scoperta del miele Alla scoperta del miele Supporto didattico per insegnanti Lucia Piana Giancarlo Naldi OSSERVATORIO NAZIONALE MIELE Lo fanno le api, è dolce e fa bene Tutti sanno che il miele lo fanno le api, è dolce e

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

5. Il comportamento sociale

5. Il comportamento sociale A B Ti sarà sicuramente capitato di vedere, magari in televisione, più animali della stessa specie riuniti nello stesso luogo. Si parla di vita sociale quando questo stare insieme procura un qualche vantaggio,

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

A COSA SERVE IL FIORE?

A COSA SERVE IL FIORE? A COSA SERVE IL FIORE? Il fusto ha il compito di produrre i semi destinati a dar vita a nuove piante. PETALO COROLLA CALICE SEPALO PEDUNCOLO Il fiore è sostenuto da un peduncolo verde, che termina nel

Dettagli

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto (come gli spinarelli???) Come lo metto (stare ad ascoltare)

Dettagli

VAL POSCHIAVO, IL PASSATO IN IMMAGINI

VAL POSCHIAVO, IL PASSATO IN IMMAGINI ferroviari più belli del mondo, con u- na particolare citazione del belvedere dell Alp Grüm). Un viaggio tra Tirano e St. Moritz non è un transfert ferroviario, ma una gioia per occhi e per lo spirito.

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici L AGRICOLTURA L'agricoltura è l'attività economica che consiste

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

RELAZIONE SUL TIROCINIO PRATICO-APPLICATIVO ( SETTORE APICOLTURA ) Tirocinante:Roberto Di Andrea L APIARIO. DESCRIZIONE

RELAZIONE SUL TIROCINIO PRATICO-APPLICATIVO ( SETTORE APICOLTURA ) Tirocinante:Roberto Di Andrea L APIARIO. DESCRIZIONE RELAZIONE SUL TIROCINIO PRATICO-APPLICATIVO ( SETTORE APICOLTURA ) Tirocinante:Roberto Di Andrea L APIARIO. DESCRIZIONE L Apiario oggetto di questa trattazione è sito presso l Azienda Agraria dell Istituto

Dettagli

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Le PULCI possono rappresentare un vero disturbo per il tuo animale, tormentandolo senza tregua e

Dettagli

CONOSCENZE DI BASE PER L APICOLTURA

CONOSCENZE DI BASE PER L APICOLTURA CONOSCENZE DI BASE PER L APICOLTURA PRIMA LEZIONE ROVERETO - mercoledì 4/03/2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach,Centro Trasferimento Tecnologico Una SOLIDA CONOSCENZA TEORICA della biologia delle

Dettagli

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Oggi 10 Novembre abbiamo osservato alcuni semi: semi di lenticchie, di fagiolo, di mais. Tutti i semi al tatto

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

LE PIANTE. acqua anidride carbonica

LE PIANTE. acqua anidride carbonica Unità La foglia e la fotosintesi La foglia è la parte principale della pianta, perché nelle foglie la pianta produce il proprio cibo. luce solare acqua anidride carbonica clorofilla glucosio ossigeno Nella

Dettagli

Perché un bollettino?

Perché un bollettino? Numero 00 M a r z o 2012 Anno 1 Perché un bollettino? Sommario: Il Pesce Rosso Carassius auratus 2 Arrivo a casa... 2 Pulizia 3 Terrari e Paludari 3 Attrezzatura indispensabile ed utile 3 Avete voglia

Dettagli

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA.

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. OBIETTIVI DEL CORSO: Intervento di formazione per la certificazione di competenza

Dettagli

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Associazione Apicoltori Fiemme e Fassa Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Associazione Apicoltori delle Valli di Sole, Pejo e Rabbi Apicoltori in

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il mondo degli insetti BREVE DESCRIZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO: l unità di apprendimento ha l intento di presentare le caratteristiche del mondo degli insetti, esseri

Dettagli

L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli

L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli La funzione dei fori di sfarfallamento I fori che si notano sulle travi e sui mobili, indipendentemente dalla specie infestante che li ha prodotti,

Dettagli

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG È una delle operazioni di tecnica apistica più importanti. Un buon invernamento

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

INSETTARIO VIRTUALE. PARCO del MOLGORA. Scuola Secondaria di Primo Grado Burago di Molgora Classi 1A-1B Aprile- Maggio 2012

INSETTARIO VIRTUALE. PARCO del MOLGORA. Scuola Secondaria di Primo Grado Burago di Molgora Classi 1A-1B Aprile- Maggio 2012 PARCO del MOLGORA Parco Locale di Interesse Sovracomunale INSETTARIO VIRTUALE Scuola Secondaria di Primo Grado Burago di Molgora Classi 1A-1B Aprile- Maggio 2012 GLI INSETTI Comprendono pulci, libellule,

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

PROPOSTA N 17 Proposta individuale

PROPOSTA N 17 Proposta individuale PROPOSTA N 17 Proposta individuale Costruzione del grano in tridimensione: Il mio campo di grano I bambini,dopo aver preparato,con la tecnica della spugna e la tempera i colori della terra, su di un cartoncino,disegnano

Dettagli

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA PRECISAZIONI: I percorsi sono consigliati per tutte le classi: varierà la specificità ed il grado di approfondimento del programma. La maggior

Dettagli

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo Il bosco e il sottobosco Il bosco è un ambiente naturale caratterizzato da alti alberi con grandi chiome. Gli alberi proteggono la parte più bassa del bosco, detta sottobosco, dal sole e dal vento. Abete

Dettagli

RICERCA DEI METALLI PESANTI NEL MONDO DELLE API

RICERCA DEI METALLI PESANTI NEL MONDO DELLE API ITAS CARLO GALLINI VOGHERA (PV) A.S. 2006-2007 RICERCA DEI METALLI PESANTI NEL MONDO DELLE API Marta La Mendola Barbara Rapetti Antonella Varotto SOMMARIO Introduzione...3 Premessa...3 Materiali e metodi...4

Dettagli

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI Progetto di educazione alimentare Il progetto A SCUOLA CON GUSTO consiste in una serie di interventi (tre oppure quattro, a seconda del percorso formativo) da effettuarsi in classe. L intento generale

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova LE LORO CARATTERISTICHE Gli artropodi sono forniti di un esoscheletro (cioe' uno scheletro esterno) composto da una proteina dura, la chitina. Anche se gli artropodi hanno un esoscheletro le altri parti

Dettagli

Frassineto (Oasi di Legambiente-Gaiano)

Frassineto (Oasi di Legambiente-Gaiano) Frassineto (Oasi di Legambiente-Gaiano) A maggio noi ragazzi del progetto di scienze ci siamo recati nell Oasi di Frassineto in una frazione di Fisciano, per curiosare nel mondo delle api. L esperto apicoltore

Dettagli

Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api

Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api Il piccolo scarabeo dell alveare Aethina tumida (SHB 1 ) è un parassita invasivo degli alveari originario del sud del Sahara

Dettagli

VARROA 2011.. CHE FARE???

VARROA 2011.. CHE FARE??? VARROA 2011.. CHE FARE??? Serena Rocchi- tecnico ALPA- Roma 6 aprile 2011 In mancanza della bacchetta VARROA rispolverando i libri di storia Acaro proveniente dall apis Cerana (Asia orientale), alla quale

Dettagli

La varietà della natura

La varietà della natura La varietà della natura Compiti: 1. Leggi il testo 2. Risolvi il quiz sulla biodiversità Cosa centra la biodiversità con me? Dai uno sguardo alla tua classe. Ci sono compagni con i capelli biondi, compagne

Dettagli

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE DISPOSIZIONI

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA:

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Titolo: ZANZARE CITTADINE Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come obiettivo

Dettagli

Il campo delle api - Progetto di educazione ambientale

Il campo delle api - Progetto di educazione ambientale Il campo delle api - Progetto di educazione ambientale MESE DI AVVIO DEL PROGETTO: OTTOBRE 2009 MESE DI CONCLUSIONE: GIUGNO 2010 DENOMINAZIONE DEL PROGETTO PROGETTO APICOLTURA IL CAMPO DELLE API TIPOLOGIA

Dettagli

I nemici delle api. Come tutti gli esseri viventi anche le api sono soggette a numerose malattie e nemici.

I nemici delle api. Come tutti gli esseri viventi anche le api sono soggette a numerose malattie e nemici. I nemici delle api Come tutti gli esseri viventi anche le api sono soggette a numerose malattie e nemici. L ambiente dell alveare (umidità elevata, calore, ricca disponibilità di sostanze nutritive) é

Dettagli

La serie numerica di Fibonacci

La serie numerica di Fibonacci http://www.panzini-senigallia.it/repository/docenti/materiale%20didattico/matematicafolder/fibonacci.pps http://www.panzini-senigallia.it/.../panzininews0/appoggio/scuolacultura/matematica%20e%20cucina.pdf/download

Dettagli

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API ProBee è una associazione di microrganismi la cui attività metabolica produce sostanze che inducono un effetto positivo sulle condizioni

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

Lavori di stagione in apiario: marzo - aprile

Lavori di stagione in apiario: marzo - aprile Lavori di stagione in apiario: marzo - aprile L importanza di registrare dei dati nelle prime visite In condizioni stagionali normali ai primi di marzo l apicoltore ha già effettuato almeno una visita

Dettagli

Tecniche di gestione dell alveare

Tecniche di gestione dell alveare Tecniche di gestione dell alveare Problematiche periodo postproduzione 2014 in FVG Scarsa o nulla produzione (trattamenti in ritardo) Pessimo andamento meteo 1. Poca efficacia evaporanti (timoli, formico)

Dettagli

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB)

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) Aethina tumida Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) U.O. Apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana Aethina tumida Murray (1867) Classificazione Phylum:

Dettagli

Le zanzare. Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000

Le zanzare. Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000 Le zanzare Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000 Areale geografico di distribuzione: i 3/4 delle specie vivono in aree tropicali e subtropicali,

Dettagli

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld Varroa Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa FFO 4. Presentazione IBH Vetsuisse 5. Presentazione CRA Liebefeld Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa

Dettagli

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA ACCOGLIENZA, AMICIZIA E COLLABORAZIONE Scuola Statale dell infanzia Gianni Rodari Anno Scolastico 2013-2014 Sezioni: 1^-2^-3^-4^ Nomi docenti: Mallia Francesca, Telesca Antonella,

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Scienze 1 Livello: A2 LO STAGNO

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Scienze 1 Livello: A2 LO STAGNO Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze 1 Livello: A2 LO STAGNO Gruppo 11 Autori: Sasso Nicoletta, Mel Nerina, De Polo Fauzia, Zecchinon Giuseppina Destinatari: alunni I biennio

Dettagli

A COSA SERVE IL FIORE?

A COSA SERVE IL FIORE? A COSA SERVE IL FIORE? Il fiore ha il compito di produrre i semi destinati a dar vita a nuove piante. PETALO COROLLA CALICE SEPALO PEDUNCOLO Il fiore è sostenuto da un peduncolo verde, che termina nel

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

W LE STAGIONI. Anno Scolastico 2011/2012. Delibera n.12 - Collegio dei Docenti 06/09/2010 - pagg. 8 PREMESSA

W LE STAGIONI. Anno Scolastico 2011/2012. Delibera n.12 - Collegio dei Docenti 06/09/2010 - pagg. 8 PREMESSA W LE STAGIONI Anno Scolastico 2011/2012 Delibera n.12 - Collegio dei Docenti 06/09/2010 - pagg. 8 PREMESSA Il ciclo delle stagioni è un opportunità da non perdere per sollecitare i bambini ad esplorare

Dettagli

Lorenzo Benedettini. una pianta per amico. il fico

Lorenzo Benedettini. una pianta per amico. il fico Lorenzo Benedettini una pianta per amico il fico foglio d albero scuola elementare La Primavera - classe III A anno scolastico 2005/2006 A mio fratello perché possa imparare a leggere. nome scientifico

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

UN MONDO DA SCOPRIRE: LE API

UN MONDO DA SCOPRIRE: LE API Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico UN MONDO DA SCOPRIRE: LE API SCUOLA DELL'INFANZIA DON MILANI TROGHI SEZ. Uccellini (4 anni) e Farfalle (5 anni) A.S. 2013/14 Collocazione

Dettagli

Associazione Naturalisti SACILE ONLUS. Api conoscerle per difenderle, conoscerle per migliorarci.

Associazione Naturalisti SACILE ONLUS. Api conoscerle per difenderle, conoscerle per migliorarci. Associazione Naturalisti SACILE ONLUS Api conoscerle per difenderle, conoscerle per migliorarci. Brassica napus Ai nostri genitori, api laboriose, umili e solidali Testi e Foto: Alfredo Marson con il

Dettagli

le gite della giranimando

le gite della giranimando NUOVE GITE dal 2000 attivita' di animazione e ambiente per le scuole GIRANIMANDO C GIRANIMANDO C VIA UMBERTO I, 63 10020 PECETTO TORINESE TEL/FAX 011.860.98.82 WWW.GIRANIMANDO.COM INFO@GIRANIMANDO.COM

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: IL 1300 BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre lo studio dei fatti più importanti del 1300 DIDATTIZZAZIONE e

Dettagli

Carlo Ferrari. Antitarlo fai da te! ANTEPRIMA. Elimina facilmente il tarlo dai tuoi mobili. Arte del restauro Edizioni

Carlo Ferrari. Antitarlo fai da te! ANTEPRIMA. Elimina facilmente il tarlo dai tuoi mobili. Arte del restauro Edizioni Carlo Ferrari Antitarlo fai da te! Elimina facilmente il tarlo dai tuoi mobili ANTEPRIMA Arte del restauro Edizioni ANTITARLO FAI DA TE! COSA TROVI IN QUESTA GUIDA Dalle e-mail che ricevo in continuazione

Dettagli

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare Aethina tumida Murray (1867) (piccolo coleottero dell alveare) Phylum Arthropoda Classe Exapoda Ordine Coleoptera, Famiglia Nitidulidae

Dettagli

Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007

Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007 Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007 L olio aromatico Scuola Municipale dell Infanzia Via Fattori in collaborazione con la Redazione del Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica della

Dettagli

MA ORA ANDIAMO A CONOSCERE I PRINCIPALI TIPI DI MIELE

MA ORA ANDIAMO A CONOSCERE I PRINCIPALI TIPI DI MIELE PRIMA DI TUTTO DOBBIAMO DIRE CHE.IL MIELE E UN PRODOTTO ALTAMENTE ENERGETICO CHE DOVREBBE ESSERE INSERITO NELL ALIMENTAZIONE DI TUTTI I GIORNI, SPECIALMENTE DAI BAMBINI E DAGLI SPORTIVI, PERCHE RICCO DI

Dettagli

2. Il fuco, che impiega 24 giorni per trasformarsi da uovo in insetto adulto, è inerme e privo di

2. Il fuco, che impiega 24 giorni per trasformarsi da uovo in insetto adulto, è inerme e privo di Ape mellifica Classificazione scientifica: L'ape mellifica appartiene alla famiglia degli apidi, superfamiglia degli apoidei, ordine degli imenotteri (che possiedono ali membranose dal greco hymen=membrana

Dettagli

Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni. IL BRUCO a.s 2011-2012

Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni. IL BRUCO a.s 2011-2012 Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni IL BRUCO a.s 2011-2012 Questo percorso è stato pensato soprattutto per i bambini di cinque anni della sezione omogenea

Dettagli

L apicoltura in Trentino

L apicoltura in Trentino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari L apicoltura in Trentino Caldonazzo 9 febbraio 2010 l apicoltura in Trentino I numeri L organizzazione I supporti normativi Le problematiche sanitarie Azienda

Dettagli

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 Programma MAQS Strisce per Alveare NOD profilo aziendale Cos è MAQS? Come MAQS ferma la Varroatosi? Ricerca su

Dettagli

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 La Varroa 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 VARROA DESTRUCTOR: CARTA D IDENTITA - ACARO PARASSITA PROVENIENTE DALL ESTREMO ORIENTE DOVE VIVE A SPESE DELL APIS CERANA - SI E DIFFUSA IN EUROPA VERSO LA FINE DEGLI

Dettagli

Il Calendario dell'apicoltore. Dodici mesi con le api

Il Calendario dell'apicoltore. Dodici mesi con le api Il Calendario dell'apicoltore Dodici mesi con le api HOME INDICE HOME INVERNO Dicembre Gennaio Febbraio ESTATE Giugno Luglio Agosto PRIMAVERA Marzo Aprile Maggio AUTUNNO Settembre Ottobre Novembre Gennaio

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli