Commercio elettronico e attività assicurativa (Documento di discussione per il gruppo di lavoro)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commercio elettronico e attività assicurativa (Documento di discussione per il gruppo di lavoro)"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni MARKT/2522/02 IT Rev. 1 Orig. EN Commercio elettronico e attività assicurativa (Documento di discussione per il gruppo di lavoro) 1

2 I QUADRO GENERALE 1. La direttiva sul commercio elettronico (DCE), adottata nel giugno 2000 (2000/31/CE), definisce il quadro giuridico che disciplina i servizi della società dell'informazione nel Mercato interno. La DCE prevede che tali servizi possano essere offerti liberamente in tutta l'unione europea da qualsiasi prestatore, a condizione che venga rispettata la normativa nazionale dello Stato membro in cui esso è stabilito. Inoltre, lo Stato membro di destinazione non può, in linea di principio, limitare la libera circolazione dei servizi "on line" provenienti da un altro Stato membro. I due aspetti in questione costituiscono il cosiddetto principio del paese di origine, o 'clausola del mercato interno', stabilito all'art. 3 della DCE. 2. Il principio del paese di origine rappresenta un aspetto fondamentale della direttiva sul commercio elettronico. Esso prevede soltanto due tipi di deroghe: anzitutto, un certo numero di deroghe generali elencate nell'allegato alla direttiva relative, ad esempio, ad una serie di disposizioni contenute nelle direttive in materia di assicurazioni e agli obblighi contrattuali nei contratti sottoscritti dai consumatori; in secondo luogo, la possibilità per gli Stati membri, in determinate circostanze specificate all'art. 3, par. 4 della direttiva, di adottare misure, caso per caso, dirette a limitare la prestazione di un determinato servizio di commercio elettronico sul proprio territorio. Conseguentemente, gli Stati membri, in linea di principio possono limitare la prestazione di un determinato servizio di commercio elettronico proveniente da un altro Stato membro, solo relativamente a singoli casi e nel rispetto delle rigide condizioni formali e sostanziali previste all'articolo 3, par. 4 della direttiva sul commercio elettronico. 3. La direttiva sul commercio elettronico si applica al settore assicurativo, nonché a tutti gli altri servizi finanziari. Il fatto che l'attività assicurativa rientri nel campo d'applicazione della direttiva rende possibile stipulare contratti di assicurazione attraverso strumenti elettronici (ad esempio Internet). Gli Stati membri sono pertanto obbligati a rimuovere le norme esistenti che vietano o ostacolano l'offerta o la sottoscrizione di prodotti assicurativi attraverso Internet, sia sul piano interno che su base transfrontaliera. Inoltre la prestazione di servizi di assicurazione attraverso il commercio elettronico non è soggetta ad autorizzazione specifica preliminare (oltre all'autorizzazione a svolgere un'attività assicurativa prevista dalle direttive sulle assicurazioni). 2

3 4. Tuttavia, come indicato sopra, la DCE non si applica integralmente a tutti gli aspetti dell'attività assicurativa. Tale direttiva prevede una deroga, all'articolo 3, relativa alle attività di assicurazione che ricadono nell'articolo 30 e nel titolo IV della direttiva 32/49/CEE, negli articoli 7 e 8 della direttiva 88/357/CEE e nell'articolo 4 della direttiva 90/619/EEC 1. Tale deroga riguarda solo le attività delle imprese di assicurazione, ma non le attività degli intermediari di assicurazione, che di conseguenza, rispetto alle loro attività "on line", sono coperti dalla "clausola del mercato interno" della direttiva sul commercio elettronico La Comunicazione della Commissione sul commercio elettronico e i servizi finanziari del febbraio illustra la strategia da seguire allo scopo di poter arrivare ad un mercato interno dei servizi finanziari entro il Tale strategia si basa sull'impostazione adottata nella DCE. Inoltre, la Comunicazione sottolinea la necessità di assicurare la coerenza fra la normativa sui servizi finanziari e la DCE e fra la prestazione di servizi finanziari "on-line" e "off-line" (neutralità giuridica), nonché di accrescere la fiducia dei consumatori sulla prestazione di servizi finanziari on-line. Tale impostazione ha avuto il sostegno del Consiglio ECOFIN e del Parlamento europeo, nonché quello del GPSF, espresso nella sua relazione. 6. Data la natura particolarmente sensibile della prestazione di servizi di assicurazione, nonché l'accresciuto potenziale di transazioni transfrontaliere attraverso Internet, è necessario assicurare l'adeguatezza del quadro normativo e di controllo per quanto riguarda le prestazioni attraverso Internet. 7. A questo riguardo, le Terze direttive sulle assicurazioni (92/96/CEE e 92/49/CEE) stabiliscono il quadro normativo per l'attività di assicurazione nel mercato interno. Tale quadro normativo si applica anche alle transazioni elettroniche in materia assicurativa effettuate nel mercato interno, nell'ambito della libera prestazione di servizi. Pertanto, un'impresa che intenda svolgere un'attività assicurativa per via elettronica in diversi Stati membri, rimane soggetta alle norme esistenti per quanto riguarda, ad esempio, la procedura di notifica per operare in libera prestazione di servizi o il controllo sulle condizioni delle polizze. Tuttavia, come già indicato dalla Commissione 4, il quadro giuridico esistente che disciplina il mercato unico delle assicurazioni riguarda meccanismi che non prevedono l'uso di tecnologia informatica per svolgere attività assicurativa nel mercato interno. Sorge pertanto la necessità di verificare se le disposizioni delle attuali direttive in materia di assicurazioni, offrano un quadro normativo favorevole allo sviluppo del commercio elettronico nel settore assicurativo, assicurando nel contempo la piena protezione degli interessi dei consumatori Direttiva sul commercio elettronico 2000/31/CE, articolo 3, par. 3 e allegato. Tale deroga non riguarda nemmeno le disposizioni delle direttive UE sulle assicurazioni, concernenti le informazioni precontrattuali da fornire ai sottoscrittori (Direttiva 92/49/CEE, art. 31 e Direttiva 92/96/CEE, art. 31 e Allegato II). Cfr. infra punti 17 e segg. COM (2001)66 def. del 7 febbraio Comunicazione interpretativa della Commissione Libera prestazione dei servizi e interesse generale nel settore delle assicurazioni. GU, n C 43, , pag. 5. 3

4 8. Il 26 giugno è stata adottata la direttiva sulla vendita a distanza di servizi finanziari ai consumatori. Tale direttiva prevede regole comuni applicabili alla vendita di prodotti finanziari attraverso tecniche di comunicazione a distanza, fra le quali il commercio elettronico. Essa assicura inoltre un elevato livello di protezione dei consumatori istituendo un quadro giuridico dettagliato e specifico applicabile alle transazioni finanziarie effettuate a distanza. Tale regime contribuisce ad accrescere la fiducia del consumatore nell'utilizzazione delle nuove tecniche di commercializzazione a distanza di servizi finanziari, come il commercio elettronico. 5 II LA CREAZIONE DEL GRUPPO DI LAVORO SUL COMMERCIO ELETTRONICO E L'ATTIVITÀ ASSICURATIVA 9. In occasione della riunione del Comitato per le assicurazioni del novembre 2001 venne discusso un documento di lavoro sul commercio elettronico e i servizi finanziari (MARKT/2094/01). Al termine di tale discussione, il Comitato per le assicurazioni decise di costituire un gruppo di lavoro incaricato di studiare la possibilità di eliminare la deroga generale prevista per le imprese di assicurazione e relativa all'applicazione dell'art. 3 della direttiva sul commercio elettronico ( clausola del mercato interno ) ed allineare il settore assicurativo agli altri servizi finanziari, senza per questo ridurre il livello di protezione dei consumatori. 10. Nel corso della prima riunione svoltasi il 26 febbraio 2002, dopo un primo scambio di vedute, il gruppo di lavoro ha deciso che i servizi della Commissione inviassero un questionario sulla materia. Successivamente, il 7 marzo 2002, è stato inviato agli Stati membri un questionario (MARKT/2512/01 del 1 marzo 2002). Al 16 luglio solo due Stati membri (DK, L) non avevano ancora risposto. D ha risposto solo alle questioni contenute nel documento di lavoro per il Comitato delle assicurazioni, ma non al questionario menzionato sopra; tuttavia nel presente documento si tiene conto delle osservazioni espresse. Le risposte degli Stati membri sono riassunte nell'allegato al presente documento che tiene conto anche della risposta data da due Stati SEE (NO e LIE). Tali risposte costituiscono un'utile base di contributo alle riflessioni del Gruppo di lavoro. 5 Direttiva sulla vendita a distanza, considerando n. 5. 4

5 III PRINCIPALI CONCLUSIONI RICAVATE DALLE RISPOSTE DATE AL QUESTIONARIO PER QUANTO RIGUARDA IL COMMERCIO ELETTRONICO E L'ATTIVITÀ ASSICURATIVA 11. Le principali conclusioni che si possono trarre, in questa fase, dalle risposte date sono in sostanza le seguenti: NL e UK sono chiaramente favorevoli alla soppressione della deroga dell'art. 3, paragrafo 3 per il settore assicurativo, in quanto esse ritengono che non vi siano motivi validi per escludere l'attività assicurativa dalla regola del paese di origine. A loro parere la piena inclusione del settore assicurativo nel campo di applicazione della direttiva sul commercio elettronico amplierà le possibilità di scelta, aumentando la concorrenza e quindi favorendo i consumatori. L'esistenza di una deroga specifica per il settore assicurativo nella direttiva sul commercio elettronico può far sorgere controversie, ad esempio fra assicuratori che offrono un'assicurazione sugli investimenti e le istituzioni di investimento. Il passaggio alla regola del paese di origine può essere di particolare aiuto per i consumatori, quando acquistano pacchetti di prodotti. NL ritiene che non siano necessarie ulteriori misure a protezione del consumatore per eliminare la deroga per gli assicuratori in quanto il grado di armonizzazione contenuto nelle varie direttive europee è relativamente elevato, anche se talune norme possono ovviamente essere migliorate e tale da creare una solida base per la protezione dei consumatori in tutta l'unione europea e non vi è quindi la necessità di mantenere tale esclusione. UK, tuttavia, esprime una certa preoccupazione, per quanto riguarda i consumatori, in relazione alla stipula di assicurazioni obbligatorie, in quanto non è del tutto chiaro come i consumatori che utilizzano strumenti elettronici per acquistare prodotti assicurativi obbligatori, possano accertarsi che le condizioni di copertura siano conformi alle norme vincolanti imposte dalla legislazione locale. Inoltre, secondo UK, l'impostazione del paese di origine, in alcuni casi, può comportare, come avvenuto in altri settori di servizi finanziari, l'applicazione di norme diverse, da parte della stessa giurisdizione, a prodotti venduti oltre frontiera, a seconda che ciò avvenga con strumenti elettronici o con modalità più tradizionali. UK sottolinea che il regime di cui all'art. 3, par. 4 della DCE non è lo strumento corretto per applicare una deroga generale diretta ad assicurare il rispetto delle disposizioni relative all'assicurazione obbligatoria. IRL ritiene che siano poche le vendite che vengono effettuate interamente con mezzi elettronici nel settore assicurativo: sebbene i contatti iniziali avvengano per via elettronica, la maggior parte delle vendite viene conclusa solo attraverso altri canali di comunicazione. Pertanto le norme relative dovrebbero essere quelle contenute nella direttiva sulla vendita a distanza. 5

6 La maggior parte degli Stati membri (A, B, E, EL, F, FIN, I, P, S, NO, LIE) ha risposto facendo osservare che il passaggio alla regola del paese d'origine pone a rischio la protezione dei consumatori principalmente a causa della mancanza di armonizzazione giuridica in materia di contratti. In particolare, F e I hanno sottolineato che lo sviluppo del commercio elettronico nel settore delle assicurazioni può trovare un ostacolo non tanto nell'applicazione delle norme del paese di destinazione (lo Stato membro ospite), quanto nell'assenza di un rapporto personale e di fiducia fra il consumatore e l'assicuratore che negoziano attraverso Internet. In tali circostanze l'applicazione della regola del paese di origine potrebbe rallentare lo sviluppo del commercio elettronico anziché incrementarlo. A non crede che l'art. 3 DCE contenga delle garanzie appropriate per la tutela dei consumatori nell'assicurazione, come avviene per altri servizi finanziari, in quanto esso comprende prodotti notevolmente diversi. Ad esempio, i prodotti bancari sono soggetti a norme fondamentalmente diverse e la complessità dei prodotti varia notevolmente. B ritiene che l'art. 3, par. 4 DCE non costituisca la risposta appropriata per la protezione dei consumatori nell'assicurazione in quanto i sottoscrittori di polizze belgi verrebbero privati della protezione offerta dalla legge belga sui contratti di assicurazione. E sottolinea che togliendo la deroga, in caso di lite, la difesa dei consumatori verrebbe ostacolata da procedure più complesse, costose e incerte. EL ritiene che le ragioni che hanno portato ad escludere il settore assicurativo dalla DCE siano sempre presenti, anche se vi sono stati dei miglioramenti con la direttiva sulla vendita a distanza. P dichiara che non accetterà il passaggio alla regola del paese di origine in materie contrattuali senza la massima armonizzazione preliminare che garantisca un'accresciuta protezione dei consumatori. S ritiene che la soppressione della deroga possa incidere negativamente sulla protezione dei consumatori nel settore assicurativo se non è accompagnata da altre misure. NO non condivide il parere che la soppressione della attuale deroga all'art. 3 DCE non metterebbe in pericolo la tutela dei consumatori o che il regime dell'art. 3, par. 4 assicurerebbe già garanzie appropriate per la tutela dei consumatori nel settore assicurativo. LIE ritiene che la soppressione della deroga potrebbe mettere in pericolo la tutela dei consumatori, anche se i meccanismi previsti all'art. 3, par. 4 offrono un certo riequilibrio. FIN sottolinea che la regola del paese di origine è poco indicata per i settori ove sussiste uno scarso coordinamento legislativo a livello comunitario e dove le differenze fra le normative nazionali sono ancora importanti. FIN ritiene inoltre che la regola del paese di origine potrebbe perfino portare a tentativi di aggirare la normativa: l'attività assicurativa potrebbe essere trasferita dagli Stati membri che hanno una normativa più avanzata a tutela degli assicurati verso quegli Stati membri nei quali non esiste una legislazione equivalente e da dove verrebbe effettuata la commercializzazione, mirata sempre alla stessa clientela. Secondo FIN, l'impostazione del paese di origine porterebbe inoltre a pressioni per la soppressione delle norme di protezione nazionali, che 6

7 hanno la loro giustificazione e vengono giudicate appropriate, per consentire alle compagnie di assicurazione nazionali di competere con offerte transfrontaliere alle stesse condizioni in vigore nei paesi con una legislazione meno protettiva. F, I, FIN ritengono che invece di raggiungere un elevato livello di armonizzazione nella protezione dei consumatori, gli sviluppi potrebbero portare a ridurre al minimo le restrizioni imposte alle compagnie di assicurazione per quanto riguarda le condizioni contrattuali e le procedure di commercializzazione. Il settore assicurativo viene considerato dalla maggior parte degli Stati membri, conformemente alla giurisprudenza della Corte di giustizia, un settore particolarmente sensibile rispetto ad altri settori finanziari, a causa della complessità dell'attività assicurativa che implica la necessità, per il consumatore, di una consulenza specifica che gli permetta di essere bene informato sul prodotto che sottoscrive. Di conseguenza, ciò può giustificare norme di protezione speciali. B, F, I, FIN ritengono che il ricorso all'applicazione dell'art. 3, par. 4 della direttiva sul commercio elettronico non risolva i problemi summenzionati, in quanto l'applicazione pratica e il senso di tale articolo non sono stati del tutto compresi da tutti gli Stati membri e non si può escludere che la Corte di giustizia europea sia costretta ad intervenire fornendo un'interpretazione di tale norma, in particolare, per quanto riguarda il criterio della proporzionalità. Alcuni Stati membri ritengono che le nuove regole sul commercio elettronico siano troppo recenti; di conseguenza, per il momento, molti Stati membri non sono in grado di fornire una valutazione più dettagliata dell'impatto che potrebbe avere la soppressione della deroga (soprattutto, in considerazione del fatto che gli Stati membri non si sono ancora avvalsi della procedura di notifica formale di cui all'art. 3, par. 4 della DCE. Dato che gli Stati membri ritengono di non aver avuto il tempo sufficiente per poter valutare l'impatto che la cancellazione della deroga nell'allegato avrebbe sulla prestazione di servizi di assicurazione, essi pensano che sia troppo presto adesso depennare tale deroga in assenza di un'armonizzazione nei settori delle normative contrattuali e precontrattuali. In queste condizioni, la Nota che la Commissione intende redigere sull'applicazione ai servizi finanziari dell'articolo 3, par. 4 e 6 della direttiva sul commercio elettronico, contribuirà a chiarire il campo di applicazione di tale norma e aiuterà gli Stati membri nell'applicazione dei meccanismi previsti da tale articolo. 7

8 IV MATERIE PRESE IN CONSIDERAZIONE PER UN EVENTUALE ARMONIZZAZIONE PRELIMINARE AI FINI DELLA CONVERGENZA FRA ASSICURAZIONE E COMMERCIO ELETTRONICO Nel precedente documento di lavoro del Comitato delle assicurazioni (MARKT/2094/01) sono state individuate delle aree da esaminare ulteriormente al fine di assicurare la convergenza fra commercio elettronico e norme comunitarie sulle assicurazioni. Alla luce delle risposte date dagli Stati membri al questionario inviato dalla Commissione, i servizi della Commissione propongono la seguente impostazione. A) MATERIE CHE NON RICHIEDONO UNA ARMONIZZAZIONE PRELIMINARE Condizioni necessarie per lo svolgimento di attività assicurativa elettronica transfrontaliera 12. Nel corso della prima riunione del gruppo di lavoro, gli Stati membri non hanno espresso il parere che il regime stabilito dalle direttive sulle assicurazioni potesse dare adito ad ostacoli allo sviluppo delle attività di commercio elettronico. 13. A questo proposito, va osservato che la Federazione europea degli assicuratori Comité Européen des Assurances (CEA) è del parere che si dovrebbe continuare ad applicare la attuale procedura per la notifica preliminare di transazioni effettuate nel quadro della libera prestazione di servizi, definita dalle terze direttive «assicurazioni». Tuttavia, essa ritiene che tale procedura andrebbe semplificata in una certa misura, in particolare per consentire ad un assicuratore di rispondere a richieste di copertura, nell'ambito della libera prestazione di servizi, nei casi in cui egli non abbia presentato una notifica preliminare. Il CEA propone di seguire le raccomandazioni di semplificazione presentate nel quadro dell'iniziativa SLIM 6 per quanto riguarda la procedura di notifica. Pertanto il CEA raccomanda che l'attuale regime venga modificato, allo scopo di consentire che la procedura di notifica possa essere effettuata contemporaneamente alla firma del primo contratto di assicurazione, nel quadro della libera prestazione di servizi, quando l'assicuratore non abbia presentato una notifica preliminare. Questa modifica alla procedura di notifica consentirebbe agli amministratori di evitare di dover svolgere costose formalità amministrative prima di avviare la loro attività, rendendo le attività transfrontaliere molto più attraenti per le piccole e medie imprese di assicurazione che, finora, hanno mostrato una decisa riluttanza ad avvalersi delle possibilità offerte dalle direttive sulle assicurazioni. 6 COM (1999) 88 def.,

9 Pubblicità 14. L'uso di Internet per scopi unicamente pubblicitari vale a dire per offrire informazioni commerciali o migliorare la visibilità dell'impresa di assicurazione di per sé non è soggetto ai requisiti previsti nelle direttive sulle assicurazioni per poter svolgere attività transfrontaliere (vale a dire la procedura di notifica). Gli assicuratori UE tuttavia devono conformarsi alle norme che disciplinano la forma e il contenuto della suddetta pubblicità quando lo Stato membro, dove è situato il rischio, può dimostrare che tali norme sono state adottate al fine di proteggere l'interesse generale. 7 Tuttavia, dopo l'entrata in vigore della direttiva sul commercio elettronico, uno Stato membro non può vietare l'uso di Internet per scopi pubblicitari nel settore assicurativo, in quanto ciò sarebbe contrario alle disposizioni della direttiva in questione. 15. Alla luce delle informazioni disponibili, non è dimostrato un grado di divergenza tale, fra le normative degli Stati membri, da rendere necessaria l'adozione di una legislazione in materia. 16. I servizi della Commissione ritengono che, al fine di assicurare la convergenza fra la legislazione in materia di assicurazioni e il quadro giuridico sul commercio elettronico, non siano necessarie iniziative concrete in questa materia. Informazione precontrattuale 17. Le direttive sulle assicurazioni contengono disposizioni specifiche in materia di informazioni precontrattuali da fornire agli assicurati (cfr. articoli 31 della direttiva 92/49/CEE (non-vita) e 31 e allegato II della direttiva 92/96/CEE (vita). Tali disposizioni assicurano un minimo di coordinamento delle informazioni che devono essere fornite agli assicurati prima della stipula del contratto. Lo Stato membro ospitante può imporre requisiti supplementari a condizioni che siano indispensabili per una corretta comprensione del contratto di assicurazione Direttive 92/49/CEE e 92/96/CEE, art. 41. Cfr. causa C-386/00, Axa v. G. Ochoa, sentenza del 5 marzo

10 18. Oltre a queste disposizioni, la direttiva sulla vendita a distanza di servizi finanziari ai consumatori, adottata il 26 giugno, contiene regole dettagliate sull'informazione precontrattuale (articoli 3-5). La direttiva prevede che continuino ad essere applicati i requisiti in materia di informazione precontrattuale contenuti nella normativa settoriale (vale a dire le direttive sulle assicurazioni), che si aggiungono a quelli previsti nella Direttiva sulla vendita a distanza. Inoltre, la Direttiva sulla vendita a distanza consente agli Stati membri di mantenere o introdurre delle disposizioni più severe sulle informazioni preliminari a condizione che esse siano conformi al diritto comunitario. Tali disposizioni devono essere comunicate alla Commissione che provvede ad assicurare che le informazioni siano messe a disposizione di consumatori e fornitori Inoltre, la direttiva sull'intermediazione assicurativa, che sarà anch'essa adottata fra breve, prevede requisiti specifici in materia di informazioni che devono essere fornite ai clienti da parte degli intermediari di assicurazione (articoli 11 e 12). Anche la direttiva sull'intermediazione assicurativa permette agli Stati membri di adottare requisiti più severi, a condizione che siano conformi al diritto comunitario, inclusa la direttiva sul commercio elettronico Sia la direttiva sulla vendita a distanza che quella sull'intermediazione assicurativa, si applicano alle transazioni effettuate con strumenti elettronici o tradizionalmente. Come risulta da tali direttive, esse contribuiscono ad ottenere un elevato livello di protezione dei consumatori nel mercato interno, necessario per assicurare il corretto funzionamento del quadro giuridico del commercio elettronico per i servizi finanziari. 21. Nel caso di transazioni off-line a distanza nel settore delle assicurazioni, l'informazione precontrattuale deve essere fornita conformemente alle direttive summenzionate (direttiva sulla vendita a distanza, terze direttive in materia di assicurazioni e direttiva sull'intermediazione assicurativa). Lo Stato membro ospitante può imporre requisiti supplementari solo se conformi al diritto comunitario (ad esempio, siano giustificati "dall'interesse generale") Direttiva sulla vendita a distanza, art. 4 e considerando 6. Direttiva sull'intermediazione assicurativa, art. 11 par. 5 e considerando n. 19 della posizione comune. 10

11 22. Per quanto riguarda le transazioni on-line, è necessario ricordare che le disposizioni delle direttive sulle assicurazioni concernenti le informazioni precontrattuali da fornire agli assicurati non sono coperte dalla deroga dell'articolo 3 della direttiva sul commercio elettronico 2000/31/CEE stabilita per il settore assicurativo. In effetti l'allegato della DCE, che illustra le disposizioni delle direttive sulle assicurazioni escluse dall'applicazione dell'art. 3, non fa riferimento alle disposizioni delle direttive sulle assicurazioni concernenti le informazioni precontrattuali da fornire agli assicurati. Inoltre, la direttiva sulla vendita a distanza e la direttiva sull'intermediazione assicurativa si applicano alle transazioni on-line conformemente al diritto UE, vale a dire la direttiva sul commercio elettronico, che è applicabile alle transazioni on-line Pertanto, per quanto riguarda le transazioni on-line, le direttive summenzionate si applicano conformemente al regime stabilito dalla direttiva sul commercio elettronico. In altri termini, l'informazione precontrattuale relativa alle transazioni elettroniche di servizi finanziari ai consumatori, viene fornita conformemente alle norme in vigore nello Stato membro dove il prestatore del servizio è stabilito. Lo Stato membro di destinazione può tuttavia avvalersi di quanto prevede l'art. 3, par. 4) della direttiva sul commercio elettronico, operando caso per caso e alle condizioni specifiche previste dallo stesso articolo. 24. Tutti questi requisiti possono essere considerati sufficienti per assicurare un elevato livello di protezione ai clienti che stipulano contratti di assicurazione a distanza (sia transazioni on-line che tradizionali). Tuttavia, dato che il questionario è stato inviato prima dell'approvazione della Direttiva sulla vendita a distanza e della posizione comune sulla direttiva sull'intermediazione nel settore assicurativo, potrebbe essere opportuno chiedere agli Stati membri di riconsiderare se il grado di armonizzazione raggiunto sia sufficiente. 25. In questo contesto, il Comité Européen des Assurances propone di completare i requisiti in materia di informazione precontrattuale per l'assicurazione non vita. Esso propone un elenco di elementi che potrebbero essere stabiliti a livello comunitario. Tale elenco è incluso nell'allegato II al presente documento di lavoro. I suddetti elementi sono riuniti sotto tre categorie: informazioni concernenti l'impresa assicurativa; informazioni riguardanti la vita del contratto (come la data di entrata in vigore, durata del contratto, diritto applicabile al contratto, disposizioni relative ai reclami, inclusa l'esistenza di un organismo responsabile per il loro esame); 11 Direttiva sulla vendita a distanza, considerando 6 e direttiva sull'intermediazione assicurativa, considerando n. 19 del testo della posizione comune. 11

12 informazioni relative all'oggetto del contratto (come le somme dichiarate, le somme assicurate, il premio da versare, modalità di pagamento dei premi, aspetti essenziali della copertura, ammontare delle franchigie); Ovviamente il CEA propone di fornire le informazioni anche durante la validità del contratto in caso di modifiche. 26. I servizi della Commissione ritengono che allo scopo di assicurare la convergenza fra normativa sulle assicurazioni e quadro giuridico del commercio elettronico, il quadro giuridico attuale sulle informazioni precontrattuali sopra descritto sia sufficiente. Ritengono gli Stati membri che un certo grado di armonizzazione sia necessario per facilitare il funzionamento del mercato interno nel settore assicurativo ed in particolare delle transazioni assicurative elettroniche? In questo caso, quali elementi dovrebbero essere armonizzati? B) MATERIE CHE RICHIEDONO UNA ARMONIZZAZIONE PRELIMINARE Diritto dei contratti 27. Taluni Stati membri (D, IRL, UK) non ritengono che la mancanza di armonizzazione delle normative nazionali sui contratti di assicurazione costituisca un grave ostacolo alle transazioni transfrontaliere in generale ed alle attività di assicurazione elettronica in particolare. 28. Diversi Stati membri (A, B, E, EL F, FIN, I, NL, P, S, NO, LIE) riconoscono la necessità di ridurre le differenze esistenti fra le normative sui contratti e hanno segnalato alcuni punti che, a loro avviso, dovrebbero essere affrontati. In particolare, essi si riferiscono a: descrizione del rischio (clausole di delimitazione del rischio coperto dalla polizza di assicurazione e doveri di informazione, conseguenze dell'aggravamento, riduzione e assenza del rischio, conseguenze giuridiche della violazione dei doveri di informazione); diritti e obblighi dell'assicuratore e dell'assicurato; pagamento del premio (conseguenze in caso di mancato pagamento); riscatto, diritto di recesso, estinzione del contratto in caso di richiesta di risarcimento; durata e maturità del contratto; problemi relativi alla differenza fra il valore dell'interesse assicurato, la somma assicurata e il danno causato (copertura assicurativa insufficiente o eccessiva); problemi posti in caso di sovrassicurazione. 12

13 29. Per alcuni di questi Stati membri (A, E F, I, FIN, NL, P, S) l'armonizzazione della normativa sui contratti di assicurazione dovrebbe comprendere entrambi i rami vita e non-vita. Inoltre, secondo A, B, E, EL, F, FIN, NL, P tale armonizzazione dovrebbe tener conto della situazione giuridica o della condizione dell'assicurato (cfr. impresa o privato, grande rischio) nonché la natura di certi tipi di assicurazione (trasporto, assicurazione-credito), in modo che le norme armonizzate si applichino solo ai soggetti che necessitano di una protezione speciale. 30. Il Comité Européen des Assurances, nel suo contributo al presente documento sul commercio elettronico e l'attività assicurativa, ritiene che l'armonizzazione delle normative nazionali sui contratti di assicurazione, basata su una convergenza delle legislazioni nazionali, contribuirebbe a rendere il quadro giuridico più omogeneo e ridurrebbe le differenze fra legislazioni nazionali. Tuttavia, il CEA osserva che un'eventuale armonizzazione del diritto dei contratti di assicurazione deve essere intrapresa nell'ambito dell'obiettivo comunitario del coordinamento degli ordinamenti privati nazionali e non può concretizzarsi al di fuori di tale iniziativa generale. 31. Va ricordato che la DCE prevede anche una deroga generale alla clausola "mercato interno" per gli "obblighi contrattuali concernenti contratti stipulati dai consumatori". Questo significa che anche senza la deroga specifica per le assicurazioni, gli obblighi contrattuali relativi a contratti di assicurazione stipulati con consumatori sarebbero sempre esentati dalla applicazione della regola del "paese di origine". Tuttavia, applicando questa deroga specifica, la legislazione degli Stati membri in materia di contratti, resterebbe divergente. Pertanto le operazioni assicurative transfrontaliere potrebbero esserne ostacolate. Al fine di accrescere le operazioni assicurative transfrontaliere, un certo grado di armonizzazione del diritto contrattuale potrebbe essere necessario. In questo caso gli Stati membri dovrebbero indicare cos'è necessario al fine di agevolare le transazioni transfrontaliere in materia assicurativa e quindi migliorare il funzionamento del mercato interno. Legislazione applicabile ai contratti di assicurazione 32. Alcuni Stati membri (A, F, I, B, P, S, UK) sono favorevoli all'introduzione di talune modifiche al regime attualmente in vigore per determinare la legislazione applicabile ai contratti di assicurazione 12, allo scopo di assicurare una migliore protezione dei consumatori, ma non condividono l'adozione di norme speciali relative al settore assicurativo, nel campo di applicazione della Convenzione di Roma, della quale si sta prendendo attualmente in considerazione la revisione. 12 Direttive 88/357/CEE, art. 7 e 8; Direttive 90/619/CEE, articolo 4. 13

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI Finalità del documento Il presente documento fa il punto della situazione in materia di commercio elettronico e servizi finanziari,

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.05.2014 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 436/2012, presentata da Mark Walker, cittadino britannico, sulla consulenza legale transfrontaliera

Dettagli

Mai più contratti stipulati telefonicamente, arrivano le tutele per i consumatori

Mai più contratti stipulati telefonicamente, arrivano le tutele per i consumatori SENATO DELLA REPUBBLICA COMUNICATO STAMPA Mai più contratti stipulati telefonicamente, arrivano le tutele per i consumatori La Commissione Industria del Senato approva la proposta del Senatore Elena Fissore:

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

Sistemi di garanzia degli assicurati: situazione attuale, orientamenti di lavoro (Documento di discussione)

Sistemi di garanzia degli assicurati: situazione attuale, orientamenti di lavoro (Documento di discussione) COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni MARKT/2517/02 IT Orig. EN Sistemi di garanzia degli assicurati: situazione attuale, orientamenti di lavoro (Documento di discussione)

Dettagli

Marco Mazzocchi-Alemanni contro Commissione delle Comunità europee

Marco Mazzocchi-Alemanni contro Commissione delle Comunità europee SENTENZA DEL TRIBUNALE (Terza Sezione) 5 novembre 1996 Cause riunite T-21/95 e T-186/95 Marco Mazzocchi-Alemanni contro Commissione delle Comunità europee «Dipendenti - Assicurazione malattia complementare

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul diritto applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio. (presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul diritto applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio. (presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.3.2005 COM(2005) 82 definitivo LIBRO VERDE sul diritto applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio (presentato dalla Commissione) {SEC(2005)

Dettagli

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023 Pagina 1 di 6 Avis juridique important 31997L0055 Direttiva 97/55/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 ottobre 1997 che modifica la direttiva 84/450/CEE relativa alla pubblicità ingannevole

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) L 83/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 659/1999 DEL CONSIGLIO del 22 marzo 1999 recante modalità di applicazione dell articolo 93 del trattato

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO ARTICOLO 29 PER LA PROTEZIONE DEI DATI

GRUPPO DI LAVORO ARTICOLO 29 PER LA PROTEZIONE DEI DATI GRUPPO DI LAVORO ARTICOLO 29 PER LA PROTEZIONE DEI DATI 00065/2010/IT WP 174 Parere 4/2010 sul codice di condotta europeo della FEDMA per l'utilizzazione dei dati personali nel marketing diretto adottato

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

DIRETTIVA 2007/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2007/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 14.7.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 184/17 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 luglio 2007 relativa all esercizio di alcuni diritti degli azionisti

Dettagli

Gazzetta Ufficiale dell'unione Europea 11-06-2005, n. 149 L 14

Gazzetta Ufficiale dell'unione Europea 11-06-2005, n. 149 L 14 DIRETTIVA 2005/14/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 maggio 2005 che modifica le direttive del Consiglio 72/166/CEE, 84/5/CEE, 88/357/CEE e 90/232/CEE e la direttiva 2000/26/CE del Parlamento

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 25 luglio 1985 relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti

Dettagli

LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI

LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI ANIA ARI Assicurazione Ricerca Innovazione ANIA Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI intervento di Aldo MINUCCI Presidente ANIA

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO

I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO In seguito all'adozione di numerosi atti legislativi europei sono stati progressivamente liberalizzati i trasporti su strada internazionali

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 80/29 DIRETTIVA 2002/14/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'11 marzo 2002 che istituisce un quadro generale relativo all'informazione e alla consultazione dei lavoratori IL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH)

MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH) MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH) Il progetto di vigilanza sulla riassicurazione è giunto ad un punto in cui

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee COMMISSIONE

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee COMMISSIONE L 69/25 COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 1 o marzo 2001 sull'informativa precontrattuale fornita ai consumatori dagli istituti di credito che offrono mutui per la casa d'abitazione [notificata

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 10.5.2012 2012/2037(INI) PROGETTO DI RELAZIONE Attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti

Dettagli

REGOLAMENTI. (Testo rilevante ai fini del SEE)

REGOLAMENTI. (Testo rilevante ai fini del SEE) L 162/12 27.6.2015 REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2015/1011 DELLA COMMISSIONE del 24 aprile 2015 che integra il regolamento (CE) n. 273/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai precursori

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

di Marco Maglio Avvocato Lucerna Iuris International Legal Network Studio Legale Maglio & Partners (avvocato@maglio.eu)

di Marco Maglio Avvocato Lucerna Iuris International Legal Network Studio Legale Maglio & Partners (avvocato@maglio.eu) COME GESTIRE IL VERBAL ORDER NELLE ATTIVITÀ DI VENDITA TELEFONICA DOPO LA RIFORMA DEL CODICE DEL CONSUMO Le novità introdotte a seguito dell'approvazione del d.lgs del 21 febbraio 2014 n. 21 di Marco Maglio

Dettagli

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA-BoS-14/181 IT Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu

Dettagli

Orientamenti per la trasmissione di informazioni alle autorità nazionali competenti

Orientamenti per la trasmissione di informazioni alle autorità nazionali competenti EIOPACP 13/010 IT Orientamenti per la trasmissione di informazioni alle autorità nazionali competenti EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1 60327 Frankfurt Germany Tel. + 49 6995111920; Fax. + 49 6995111919;

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO 3.4.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 98/3 COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO DECISIONE DEL COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO del 27 gennaio 2014 su un quadro di coordinamento

Dettagli

Sistemi di garanzia degli assicurati

Sistemi di garanzia degli assicurati COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno ISTITUTI FINANZIARI Assicurazioni MARKT/2538/02 IT Orig. EN Sistemi di garanzia degli assicurati (Documento di discussione per la terza riunione del gruppo di lavoro

Dettagli

CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO

CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO Gli enti pubblici stipulano contratti per garantire l'esecuzione di lavori e la prestazione di servizi. Questi contratti, stipulati con uno o più operatori per un dato prezzo,

Dettagli

DIRITTO SOCIETARIO BASE GIURIDICA OBIETTIVI

DIRITTO SOCIETARIO BASE GIURIDICA OBIETTIVI DIRITTO SOCIETARIO Nonostante non esista un diritto societario europeo codificato, la legislazione dell'unione prevede norme minime applicabili alle imprese in tutta l'unione europea. Due importanti strumenti

Dettagli

STUDIO LEGALE BEMBO. Aspetti di diritto internazionale privato nelle vendite online e nella vendita di pacchetti turistici

STUDIO LEGALE BEMBO. Aspetti di diritto internazionale privato nelle vendite online e nella vendita di pacchetti turistici STUDIO LEGALE BEMBO Aspetti di diritto internazionale privato nelle vendite online e nella vendita di pacchetti turistici L'implementazione di incentivi alle attività imprenditoriali, tra le quali quelle

Dettagli

Mauro Tescaro. (articolo pubbl. anche nella rivista Studium Iuris)

Mauro Tescaro. (articolo pubbl. anche nella rivista Studium Iuris) Mauro Tescaro Applicazione ai servizi finanziari dell art. 3, parr. 3-6, della «Direttiva sul commercio elettronico»: la comunicazione della Commissione del 14 maggio 2003 (articolo pubbl. anche nella

Dettagli

Articolo 15 (Disposizioni in materia di assoggettabilità alla procedura di valutazione di impatto ambientale)

Articolo 15 (Disposizioni in materia di assoggettabilità alla procedura di valutazione di impatto ambientale) Articolo 15 (Disposizioni in materia di assoggettabilità alla procedura di valutazione di impatto ambientale) L articolo 15 modifica in più punti la disciplina relativa alla valutazione di impatto ambientale

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 3.7.2012 SWD(2012) 192 final C7-0180/12 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento DIRETTIVA DEL PARLAMENTO

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 3.4.2014 L 100/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 342/2014 DELLA COMMISSIONE del 21 gennaio 2014 che integra la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

14562/1/01 REV 1 Fascicolo interistituzionale 2001/0174 (COD)

14562/1/01 REV 1 Fascicolo interistituzionale 2001/0174 (COD) CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 7 dicembre 2001 (OR. fr) 14562/1/01 REV 1 Fascicolo interistituzionale 2001/0174 (COD) CONSOM 109 MI 189 EF 126 ECOFIN 360 CODEC 1262 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI

Dettagli

AIR DELLE AUTORITA AMMINISTRATIVE INDIPENDENTI NELLA NORMATIVA COMUNITARIA

AIR DELLE AUTORITA AMMINISTRATIVE INDIPENDENTI NELLA NORMATIVA COMUNITARIA AIR DELLE AUTORITA AMMINISTRATIVE INDIPENDENTI NELLA NORMATIVA COMUNITARIA 1. Consob 2. Isvap 3. Banca d Italia 4. Autorità garante della concorrenza e del mercato 5. Autorità per l energia elettrica e

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 23-06-2003 C (2003) 2015 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con lettere

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.11.2015 COM(2015) 496 final 2015/0239 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo alle statistiche europee in tema di gas naturale ed

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 2000R1825 IT 23.03.2007 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1825/2000 DELLA COMMISSIONE del 25 agosto

Dettagli

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI Aspetti salienti della sentenza Deutsche Bank. Precedenti pronunce della Amministrazione Finanziaria Italiana in materia di regime IVA applicabile ai servizi finanziari

Dettagli

PRESA DI POSIZIONE. di EurelPro. sul. Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa

PRESA DI POSIZIONE. di EurelPro. sul. Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa PRESA DI POSIZIONE di EurelPro sul Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa 09.11.2010 1 Descrizione di EurelPro EurelPro, l associazione

Dettagli

Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME

Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME 1 tel. 70124, fax 770677 - www.apamontecatini.it, info@apamontecatini.it Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME Circolare n. 08/2014 Montecatini T., 12/06/2014

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

ARTICOLO 29 - Gruppo di lavoro per la tutela dei dati personali

ARTICOLO 29 - Gruppo di lavoro per la tutela dei dati personali ARTICOLO 29 - Gruppo di lavoro per la tutela dei dati personali 11601/IT WP 90 Parere 5/2004 relativo alle comunicazioni indesiderate a fini di commercializzazione diretta ai sensi dell'articolo 13 della

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

DELIBERA N. 664/06/CONS

DELIBERA N. 664/06/CONS DELIBERA N. 664/06/CONS Regolamento recante disposizioni a tutela dell utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza (Proposta di modifiche) Articolo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 7 settembre 2004 * avente ad oggetto un ricorso per inadempimento ai sensi dell'art. 226 CE,

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 7 settembre 2004 * avente ad oggetto un ricorso per inadempimento ai sensi dell'art. 226 CE, COMMISSIONE / LUSSEMBURGO SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 7 settembre 2004 * Nella causa C-346/02, avente ad oggetto un ricorso per inadempimento ai sensi dell'art. 226 CE, proposto alla Corte il

Dettagli

Capitolo I FINALITÀ E STRUMENTI DELLA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI INVE- STIMENTO

Capitolo I FINALITÀ E STRUMENTI DELLA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI INVE- STIMENTO INDICE SOMMARIO Premessa... XIII Capitolo I FINALITÀ E STRUMENTI DELLA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI INVE- STIMENTO 1. La funzione economica dei prestatori dei servizi di investimento. 1 2. I servizi di investimento...

Dettagli

Gruppo di lavoro Articolo 29

Gruppo di lavoro Articolo 29 Gruppo di lavoro Articolo 29 000345/07/IT WP132 Parere 2/2007 sull'informazione dei passeggeri in merito al trasferimento di dati PNR alle autorità statunitensi Adottato il 15 febbraio 2007 Il gruppo è

Dettagli

CO SIGLIO DELL'U IO E EUROPEA. Bruxelles, 25 novembre 2008 (10.12) (OR. en) 11788/08 ADD 1. Fascicolo interistituzionale: 2007/0099 (COD)

CO SIGLIO DELL'U IO E EUROPEA. Bruxelles, 25 novembre 2008 (10.12) (OR. en) 11788/08 ADD 1. Fascicolo interistituzionale: 2007/0099 (COD) CO SIGLIO DELL'U IO E EUROPEA Bruxelles, 25 novembre 2008 (10.12) (OR. en) Fascicolo interistituzionale: 2007/0099 (COD) 11788/08 ADD 1 TRA S 241 CODEC 967 PROGETTO DI MOTIVAZIO E DEL CO SIGLIO Oggetto:

Dettagli

CAUSA C 131/12 Google Spain

CAUSA C 131/12 Google Spain CAUSA C 131/12 Google Spain Le questioni oggetto di rinvio pregiudiziale da parte della Audiencia Nacional (chiamata a giudicare in appello la sentenza del Tribunale di prima istanza) erano le seguenti:

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione giuridica e per il mercato interno 28 agosto 2001 PE 294.974/9-23 EMENDAMENTI 9-23 Progetto di parere (PE 294.974) di Enrico Ferri sulla proposta di direttiva del

Dettagli

Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi

Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi Le ragioni della regolamentazione Nell'ambito del retail funding, le obbligazioni bancarie costituiscono lo strumento di raccolta

Dettagli

Regolamento (cee) n. 880/92

Regolamento (cee) n. 880/92 Regolamento (cee) n. 880/92 TITOLO: Regolamento (cee) n. 880/92 DATA: 23 marzo 1992 Regolamento (cee) n. 880/92 del consiglio del 23 marzo 1992 concernente un sistema comunitario di assegnazione di un

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-204 Commissione per le petizioni 25.9.2009 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 925/2007, presentata da Joachim Weber, cittadino tedesco, concernente la direttiva sull orario

Dettagli

Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento - Dentisti - Condizione della residenza

Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento - Dentisti - Condizione della residenza Conclusioni dell'avvocato generale Léger del 9 novembre 2000 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 20.7.2000 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 181/65 DIRETTIVA 2000/26/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 maggio 2000 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE L 114/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.4.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE del 25 aprile 2012 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento

Dettagli

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014.

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014. Consiglio europeo delle libere professioni Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea Versione rivista 2014 Preambolo Nel marzo del 2000 il Consiglio europeo di Lisbona ha adottato

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti legislativi) DIRETTIVE

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti legislativi) DIRETTIVE 30.4.2014 L 128/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/50/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 2014 relativa ai requisiti minimi per accrescere la mobilità dei lavoratori tra

Dettagli

DIRETTIVA 2003/125/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2003/125/CE DELLA COMMISSIONE 24.12.2003 L 339/73 DIRETTIVA 2003/125/CE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 2003 recante modalità di esecuzione della direttiva 2003/6/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda la corretta

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.8.2009 COM(2009) 412 definitivo 2009/0115 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la conclusione dell'accordo tra la Comunità europea

Dettagli

SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL'IMPATTO

SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL'IMPATTO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 SEC(2009) 577 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE che accompagna la Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

Germania c. Parlamento europeo e Consiglio dell UE ( Pubblicità dei prodotti da tabacco II ) Causa C-380/03 [2006] Racc. I-11573

Germania c. Parlamento europeo e Consiglio dell UE ( Pubblicità dei prodotti da tabacco II ) Causa C-380/03 [2006] Racc. I-11573 Germania c. Parlamento europeo e Consiglio dell UE ( Pubblicità dei prodotti da tabacco II ) Causa C-380/03 [2006] Racc. I-11573 [ ] 1 Con il suo ricorso, la Repubblica federale di Germania (in prosieguo:

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 17.7.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 17.7.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.7.2014 C(2014) 4581 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 17.7.2014 relativo alle condizioni per la classificazione, senza prove, dei profili e

Dettagli

EMENDAMENTI 13-46. IT Unita nella diversità IT 2012/0082(COD) 23.10.2012. Progetto di parere Hubert Pirker (PE494.831v01-00)

EMENDAMENTI 13-46. IT Unita nella diversità IT 2012/0082(COD) 23.10.2012. Progetto di parere Hubert Pirker (PE494.831v01-00) PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per i trasporti e il turismo 23.10.2012 2012/0082(COD) EMENDAMENTI 13-46 Progetto di parere Hubert Pirker (PE494.831v01-00) Norme per la semplificazione del trasferimento

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali

Direzione Centrale Pensioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Organizzazione Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, IT REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n..../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 20.10.2004 COM(2004) 682 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO recante modifica dell articolo 3 della decisione 98/198/CE che autorizza il Regno Unito

Dettagli

Orientamenti. sulla. gestione dei reclami da parte delle. imprese di assicurazione

Orientamenti. sulla. gestione dei reclami da parte delle. imprese di assicurazione EIOPA-BoS-12/069 IT Orientamenti sulla gestione dei reclami da parte delle imprese di assicurazione 1/8 1. Orientamenti Introduzione 1. Ai sensi dell'articolo 16 del regolamento EIOPA (Autorità europea

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 21.10.2008 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1285/2007, presentata da Giovanni Maria Turra, cittadino italiano, a nome della Società Centro

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

GUCE n. L 376/28 del 27 dicembre 2006

GUCE n. L 376/28 del 27 dicembre 2006 NOTA: questa Direttiva sostituisce la direttiva 92/100 con l'obiettivo di offrire una migliore chiarezza interpretativa e l'armonizzazione delle legislazioni nazionali in tema. La precedente Direttiva

Dettagli

Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari

Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari Direzione Programmi Comunitari - Dipartimento Industria - IPI 1 Premessa: il lavoro dell IPI nell ambito del progetto

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

REGOLAMENTO N. 209 -CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

REGOLAMENTO N. 209 -CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE REGOLAMENTO N. 35 DEL 26 MAGGIO 2010 CONCERNENTE LA DISCIPLINA DEGLI OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E DELLA PUBBLICITÀ' DEI PRODOTTI ASSICURATIVI, DI CUI AL TITOLO XIII (TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E PROTEZIONE

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

Pag. 1 di 10 SOMMARIO

Pag. 1 di 10 SOMMARIO Pag. 1 di 10 SOMMARIO Accesso alle banche dati Testo Unico Bancario Articolo 125 - Banche dati Articolo 126 - Regime speciale per le aperture di credito in conto corrente Direttiva CE 23 aprile 2008, n.

Dettagli

I profili di criticità legati alla distribuzione assicurativa in regime di libera prestazione di servizi tramite canale agenziale

I profili di criticità legati alla distribuzione assicurativa in regime di libera prestazione di servizi tramite canale agenziale I profili di criticità legati alla distribuzione assicurativa in regime di libera prestazione di servizi tramite canale agenziale Autore: Avv. Alessandro Steinhaus e Avv. Silvia Colombo Categoria Approfondimento:

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 5, paragrafo 2, e 6 della direttiva 2008/7/CE

Dettagli

COMUNE DI QUATTORDIO(AL) UFFICIO TECNICO

COMUNE DI QUATTORDIO(AL) UFFICIO TECNICO COMUNE DI QUATTORDIO(AL) UFFICIO TECNICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) Art. 19 della Legge 7 agosto 1990 n 241 come modificato dall art. 49, comma 4-bis del D.L. 31.05.2010 n 78

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL'IMPATTO. Documento di accompagnamento alla.

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL'IMPATTO. Documento di accompagnamento alla. IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, xxx SEC(2010) xxx DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL'IMPATTO Documento di accompagnamento alla Proposta di REGOLAMENTO

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.7.2012 SWD(2012) 197 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO che accompagna il documento REGOLAMENTO DELEGATO DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 8.3.2016

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 8.3.2016 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 8.3.2016 C(2016) 1357 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE del 8.3.2016 che integra il regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Nuova strategia europea in materia di responsabilità sociale d'impresa - Posizione delle imprese a livello UE

Nuova strategia europea in materia di responsabilità sociale d'impresa - Posizione delle imprese a livello UE Nuova strategia europea in materia di responsabilità sociale d'impresa - Posizione delle imprese a livello UE Confindustria Relazioni Industriali, Sicurezza e Affari Sociali La nuova strategia è stata

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Modifica del quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'accesso al finanziamento nell'attuale situazione di crisi

Dettagli

Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativa alla fatturazione elettronica negli appalti pubblici

Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativa alla fatturazione elettronica negli appalti pubblici COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26.6.2013 COM(2013) 449 final 2013/0213 (COD) Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa alla fatturazione elettronica negli appalti pubblici (Testo

Dettagli

Le violazioni del diritto d'autore online alla luce delle sentenze della Corte Ue (Guida al Diritto)

Le violazioni del diritto d'autore online alla luce delle sentenze della Corte Ue (Guida al Diritto) Le violazioni del diritto d'autore online alla luce delle sentenze della Corte Ue (Guida al Diritto) Andrea Sirotti Gaudenzi La Corte di giustizia del Lussemburgo è stata frequentemente chiamata a esaminare

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 17.06.2002 COM(2002) 303 definitivo Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sulla prevenzione del fumo e su iniziative per rafforzare la lotta contro il

Dettagli

MARKT/2513/02 IT Orig. EN. PROGETTO DI PUNTI DI DECISIONE E DI CONCLUSIONI DELLA 30a RIUNIONE DEL COMITATO DELLE ASSICURAZIONI

MARKT/2513/02 IT Orig. EN. PROGETTO DI PUNTI DI DECISIONE E DI CONCLUSIONI DELLA 30a RIUNIONE DEL COMITATO DELLE ASSICURAZIONI MARKT/2513/02 IT Orig. EN PROGETTO DI PUNTI DI DECISIONE E DI CONCLUSIONI DELLA 30a RIUNIONE DEL COMITATO DELLE ASSICURAZIONI Bruxelles, 16 aprile 2002 1. Ordine del giorno L'ordine del giorno della riunione

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA aperta alla firma a Lussemburgo il 20 maggio 1980

CONVENZIONE EUROPEA aperta alla firma a Lussemburgo il 20 maggio 1980 CONVENZIONE EUROPEA aperta alla firma a Lussemburgo il 20 maggio 1980 SUL RICONOSCIMENTO E L'ESECUZIONE DELLE DECISIONI IN MATERIA DI AFFIDAMENTO DEI MINORI E DI RISTABILIMENTO DELL'AFFIDAMENTO Traduzione

Dettagli

DIRETTIVA 2011/24/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2011/24/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 4.4.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 88/45 DIRETTIVE DIRETTIVA 2011/24/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 9 marzo 2011 concernente l applicazione dei diritti dei pazienti relativi

Dettagli