Architetture SIMD. (Architetture e Principi di Programmazione) Modello Architettura SIMD. Control Unit. Proc 1 Proc 2 Proc n-1. Mem. 1 Mem. 2 Mem.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architetture SIMD. (Architetture e Principi di Programmazione) Modello Architettura SIMD. Control Unit. Proc 1 Proc 2 Proc n-1. Mem. 1 Mem. 2 Mem."

Transcript

1 rchitetture SIMD (rchitetture e Principi di Programmazione) Modello rchitettura SIMD ontrol Unit PE PE 1 PE PE n-1 Proc Mem. Proc 1 Proc Proc n-1 Mem. 1 Mem. Mem. n-1 Rete di Interconnessione PE = Processing Element Michele olajanni rchitetture SIMD /7

2 rchitetture SIMD Nella categoria delle macchine SIMD rientrano o possono rientrare: 1. Supercomputer vettoriali (i registri vettoriali mediante cui è possibile effettuare computazioni algebriche elementari in un unico ciclo macchina assomigliano ai PE di un architettura SIMD). Sistemi a parallelismo massiccio, costituiti da molti (ma semplici) processori quali: TM onnection Machine (6.6 processori) MD DP (.96 processori) MarsPar MP-1 (16.8 processori). Macchine SIMD special-purpose: IM GF-11 (11 Gflops peak) INFN PE-1 (6 Gflops peak, nel 1991) QUDRIS Michele olajanni rchitetture SIMD /7 Modello SIMD ovvero data-parallel sincrono (1) La Programmazione SIMD richiede come primo passo una distribuzione del dominio dei dati tra tutti i nodi di elaborazione Si ha una granularità fine (fine grain) o finissima della distribuzione dei dati in quanto il numero delle unità di elaborazione è, in genere, elevato e ciascun nodo è molto semplice Per far sì che la programmazione SIMD sia efficiente, la distribuzione del dominio dei dati va effettuata in modo tale che la struttura del problema (pattern prevalente di comunicazione) sia mappata sulla rete di interconnessione fisica in modo (possibilmente) 1:1 Ogni deviazione dal mapping 1:1 comporta considerevoli perdite di tempo nello scambio dei dati (effettuato con step multipli o passando attraverso l unità di controllo, molto più lenta) Michele olajanni rchitetture SIMD /7

3 Mapping su reti di interconnessione Le topologie di interconnessione delle architetture SIMD sono regolari (griglie, torus, ipercubi, mesh multidimensionali) o, nel caso di sistemi dedicati, vengono create in base alla struttura stessa del problema Mapping Dominio dei dati Rete di Interconnessione toroidale Michele olajanni rchitetture SIMD /7 Modello SIMD ovvero data-parallel sincrono () La programmazione parallela risulta semplificata per il fatto che vi è un solo flusso di controllo e non vi sono processi indipendenti che vengono eseguiti in modo asincrono. Tutte le operazioni vengono effettuate in modalità LOK-STEP (pertanto, non vi è bisogno di meccanismi di sincronizzazione espliciti e soggetti a rischio di errore, quali monitor, semafori, ecc.) Vi è scambio di dati tra i processori, ma: di tipo collettivo e non solo tra coppie di nodi è realizzato in modo molto efficiente (in un tempo di ordini di grandezza inferiore rispetto a comunicazioni in MIMD) Processori differenti nonpossono eseguire istruzioni differenti nello stesso ciclo di clock Michele olajanni rchitetture SIMD 6/7

4 pproccio di parallelismo SIMD (sintesi) Su architetture SIMD il parallelismo viene esplicitato: mediante data parallelism: si consente ad elementi di elaborazione multipli di eseguire simultaneamente la stessa istruzione su insiemi differenti di dati (vi è un solo programma le cui istruzioni sono eseguite sequenzialmente, ma con parallelismo sui dati) in modalità sincrona in quanto vi è una sola U deadlock free Si tende al mapping tra la struttura logica del problema e la topologia della macchina Le macchine SIMD possono essere molto efficienti quando eseguono elaborazioni regolari su grandi insiemi di dati (es., alcune applicazioni numeriche, elaborazioni delle immagini) Michele olajanni rchitetture SIMD 7/7 Problemi di efficienza del parallelismo SIMD 1. ostrutti condizionali. Necessità di processori virtuali. Mapping non 1:1 del dominio dei dati problemi nelle comunicazioni Michele olajanni rchitetture SIMD 8/7

5 ostrutti condizionali Nelle istruzioni condizionali, il codice per ogni condizione deve essere eseguito sequenzialmente Valori iniziali If (==) =; else =/; Processor Processor 1 Processor Processor 6 Step 1 Processor Processor 1 idle Processor idle Processor 6 Processor idle Processor 1 Processor Processor idle Step 6 Michele olajanni rchitetture SIMD 9/7 Processori virtuali L elementarietà dei processori SIMD fa si ciascuno di essi esegua operazioni molto semplici ad ogni ciclo di clock. Potrebbero anche non essere sufficienti i 6.6 processori della M-. Esempio: gestire immagini con x pixel =. processori PROESSORI VIRTULI Programma richiede: processori virtuali Hardware dispone di: 1 processori fisici iterazioni per ogni istruzione Numero virtuale Numero fisico inattivi durante la terza iterazione Michele olajanni rchitetture SIMD 1/7

6 Tasso di virtualizzazione R = v p rescita del tempo di esecuzione e del load (Programma ipotetico: solo istruzioni vettoriali senza PE inattive) t t t _ Run time 1 virtualization ratio Numero processori virtuali Numero processori fisici??/ PE load (N o medio P attivi) _ 1 virtualization ratio La virtualizzazione deve essere trasparente per il programmatore. Può essere realizzata: In hardware (M-) In software (MasPar MP-) omunicazioni molto complesse (uso di buffer) Michele olajanni rchitetture SIMD 11/7 omunicazioni nelle rchitetture SIMD

7 omunicazioni in Sistemi SIMD Le OMUNIZIONI che rispettano la topologia fisica non creano conflitti e sono poco costose (simili ad operazioni register-to-register) nche le comunicazioni vengono eseguite in modalità LOK-STEP Le comunicazioni non sono nodo-nodo, ma avvengono con uno scambio di dati (generalmente di dimensioni limitate) tra tutte le unità di elaborazione o tra un sottoinsieme di queste Le comunicazioni avvengono tra nodi vicini e quindi il costo è dell ordine di un istruzione aritmetico/logica. nche nei sistemi con comunicazioni più complesse, il loro costo è di diversi ordini di grandezza inferiore a quello che si ha nei sistemi MIMD. Michele olajanni rchitetture SIMD 1/7 Scambio di dati E una funzione collettiva eseguita in parallelo Ogni PE trasmette il valore della sua variabile locale x al suo vicino a destra nella griglia: [,1] [,1] [1,1] [,] [,] [1,] [,] [,] [1,] [,] [,] [1,] Dal momento che i sistemi SIMD mettono a disposizione delle strutture di interconnessione molto veloci, le comunicazioni regolari sono mappate facilmente sulla connessione fisica e sono realizzate in modo molto efficiente. Ogni deviazione dalla regolarità causa considerevoli perdite di tempo, in quanto lo scambio dei dati deve avvenire: o attraverso passi multipli o (se disponibile) attraverso la più lenta struttura di interconnessione universale Michele olajanni rchitetture SIMD 1/7

8 Passi per lo Scambio dei Dati [] Definizione di una struttura di connessione (logica) ONFIGURTION ring [..11]; [1] TTIVZIONE Selezione di un gruppo di PE PRLLEL ring [..8];.. END PRLLEL [] Scelta di una direzione nella struttura di connessione pre cedentemente definita PROPGTE.right(x); [] ESEUZIONE Trasferimento dei dati (a coppie) tra tutte le PE selezionate send receive Michele olajanni rchitetture SIMD 1/7 Mapping (1) Le comunicazioni sono efficienti SOLO SE rispettano la regolarità della topologia di interconnessione fisica. grid[,1] grid[,] Esempio: RING grid[1,1] grid[1,] 1 GRID casi: (i, j) (i, j+1) (i, j) (i+1, j) (,) (1, 1) Michele olajanni rchitetture SIMD 16/7

9 Mapping () Per mapping complessi, non strutturati, o spesso nel caso dei processori virtuali, non conviene utilizzare il meccanismo precedente ma passare dal ROUTER UNIVERSLE. PE1 PE PE PE PE PE6 PE7 PE8 PE1 PE PE PE PE PE6 PE7 PE8 La struttura di connessione globale è semplice da utilizzare, ma molto inefficiente Michele olajanni rchitetture SIMD 17/7 Rete di interconnessione (M-) [,,,,,,,,,1,1,1] GLOLE [,,,,,,,,,1,,1] [,,,,,,,,1,1,1,1] [,,,,,,,,1,,1,1] [,,,,,,,,,,1,] [,,,,,,,,,,1,1] [,,,,,,,,,,,] [,,,,,,,,,,,1] 1 1 Router(hypercube + NEWS) LOLE PE1 PE PE PE PE PE6 PE7 PE8 PE 9 PE1 PE11 PE1 PE1 PE1 PE1 PE16 Michele olajanni rchitetture SIMD 18/7

10 Rete di Interconnessione (MasPar MP-) LOLE 1, luster whith 16 Pes each (16,8 PEs total) Multiplexer Demultiplexer GLOLE 1 1 1, 1, -stage los-network Michele olajanni rchitetture SIMD 19/7 aratteristiche comuni delle architetture SIMD I sistemi hanno almeno un mesh o un torus bidimensionale come rete di interconnessione Tutti i sistemi usano una versione parallela di Fortran (anche se non compatibile tra loro ) E stata resa disponibile una versione standard di Fortran 9 che semplifica la parallelizzazione automatica (o meglio esplicita i costrutti parallelizzabili) Michele olajanni rchitetture SIMD /7

11 SIMD vs. MIMD 1. SIMD richiede meno hardware dei MIMD perché vi è una sola U e molti PE. D altro canto, nei MIMD è possibile utilizzare processori general-purpose e quindi per le leggi dell economia di scala i processori MIMD potrebbero essere allo stesso tempo più potenti e più economici dei PE delle architetture SIMD.. SIMD richiede meno memoria dei MIMD perché si deve memorizzare una sola copia del programma. MIMD memorizza il programma ed il sistema operativo in ogni nodo. SIMD è naturalmente predisposta ad una programmazione data-parallel. In particolare, con frequenti sincronizzazioni (fine grain). SIMD richiede un tempo di STRTUP inferiore nelle comunicazioni con i vicini perché (essendovi un clock globale) la comunicazione è paragonabile ad un trasferimento register-to-register Michele olajanni rchitetture SIMD 1/7 Linguaggi di Programmazione SIMD

12 Vector Reduction Una delle operazioni fondamentali nelle tipiche applicazioni per macchine SIMD. dove: Un vettore è ridotto ad uno scalare: S := REDUE.xxx (vector) xxx = SUM, MULT, M, MIN, ND, Tutte le macchine SIMD mettono a disposizione dell hardware o del software specializzato per eseguire in modo efficiente questa operazione. Tree-Shaped Paralllel Processing Sequential Processing log n steps (n-1) steps Michele olajanni rchitetture SIMD /7 Fortran 9 Sviluppato da: NSI ommittee j [ ] Successo del Fortran 77 Sviluppato per superare tutti i dialetti dei Fortran paralleli (MFortran, MPFortran, Fortran-Plus, ecc.) datti sia ad architetture sequenziali che parallele ttenzione!!! iò non significa che un dusty program scritto in Fortran Possa essere eseguito efficientemente in parallelo dopo semplice ricompilazione Michele olajanni rchitetture SIMD /7

13 ostrutti paralleli Operazioni matriciali come singole istruzioni: INTEGER, DIMENSION(1, ) ::,, = + Non tutti i PE devono prender parte alle operazioni: WHERE (V.LT. ) V = 7 Diverse operazioni di riduzione sono disponibili: LL, NY, MVL, MINVL, PRODUT, SUM ltre funzioni standard disponibili: DOTPRODUT (vector_a, vector_b) = INTEGER D_PROD INTEGER, DIMENSION(1) ::,,, = * D_PROD = SUM() MMUL (matrix_a, matrix_b) Programmare in Fortran 9 consente un uso ristretto del parallelismo: Le formule matematiche sono relativamente facili da convertire lgoritmi complessi possono, invece, creare problemi a causa dell insufficiente flessibilità dei costrutti del linguaggio. Michele olajanni rchitetture SIMD /7 Parallaxis Sviluppato da: Thomas räunl [1989]. asato sul Modula-, esteso con concetti paralleli portabile su tutti gli ambienti SIMD Public domain Programmare ad un livello di astrazione con PE virtuali e connessioni virtuali. PROGRMM = Descrizione lgoritmo + Dichiarazione onnessione (in forma funzionale) Michele olajanni rchitetture SIMD 6/7

14 ostrutti Paralleli di onnessione west north east Hypercube [,1,1,1] south ONFIGURTION grid [1..],[1..] ONFIGURTION north: grid[ i, j ] grid[ i+1, j].south; south: grid[ i, j ] grid[ i-1, j ].north; east : grid[ i, j ] grid[ i, j+1].west; west : grid[ i, j ] grid[ i, j-1 ].south; inary Tree 8 ONFIGURTION tree [1..1] ONNETION lchild: tree[i] tree[*i].parent; rchild: tree[i] tree[*i+1].parent; [,,,] [,,1,] [1,1,1,1] [,1,,1] [1,,1,1] [,,1,1] [,,,1] ONFIGURTION hyper [], [], [], []; ONNETION go(1) : hyper[i,j,k,l] hyper[(i+1)mod, j, k, 1).go(1); go() : hyper[i,j,k,l] hyper[i, (j+1)mod, k, 1).go(); go() : hyper[i,j,k,l] hyper[i, j, (k+1)mod, 1).go(); go() : hyper[i,j,k,l] hyper[i, j, k, (l+1)mod ).go(); Michele olajanni rchitetture SIMD 7/7 ostrutti paralleli di omunicazione PROPGTE PPROPGTE. east(x); PROPGTE può anche avere parametri: Espressioni vettoriali da inviare Variabili ricevute { Es.: PROPGTE.east(*y, x); SEND e REEIVE Example: SEND grid.east(*y) TO grid.west(x); REEIVE tree.parent(t) FROM grid.east(x); Utili soprattutto nel caso di topologie diverse. Evidentemente, ad ogni passo, solo una delle operazioni può essere attiva. Michele olajanni rchitetture SIMD 8/7

15 Dot Product Esempi ONFIGURTION list(max); ONNETION; (* none *) scalar d_prod: real; scalar x, y, prod: real;... PRLLEL prod := x*y d_prod := REDUE.SUM(prod); ENDPRLLEL; Laplace ONFIGURTION grid [1..1],[1..1]; ONNETION north: grid[ i, j ] grid[ i+1, j].south; south: grid[ i, j ] grid[ i-1, j ].north; east : grid[ i, j ] grid[ i, j+1].west; west : grid[ i, j ] grid[ i, j-1 ].south; VETOR pixel, n, s, w, e: INTEGER;... PRLLEL PROPGTE.north(pixel, s); PROPGTE.south(pixel, n); PROPGTE.west(pixel, e); PROPGTE.east(pixel, w); pixel := *pixel n - s - w e; ENDPRLLEL; Michele olajanni rchitetture SIMD 9/7 Problemi con la Programmazione SIMD Operazioni vettoriali indiciate d esempio, Gather e Scatter for i := 1 to n do a[i] := b[index[i]] end ccessi non regolari ai vettori for i := 1 to n do a[index[i]] := b[i] end Mapping di processi virtuali su processi fisici olli di bottiglia dovuti ad accessi alle periferiche omunicazioni non regolari Multi-utenza Tolleranza ai guasti Michele olajanni rchitetture SIMD /7

16 Integerazione numerica π = 1 _ l+x dx Interv. Σ i=1 _ width 1+((i-.)*width) * 1 SYSTEM compute _pi : (* parallel algorithm from R. abb *) ONST intervals = 1; width = 1. / float(intervals) ONFIGURTION list [1..intervals]; 6 ONNETION ( * none *) 7 8 VETOR val: real; 9 1 PROEDURE f (VETOR x: real):vetor real; 11 (* function to be integrated *) 1 EGIN 1 RETURN (. / (1. + *)) 1 END f; 1 16 EGIN 17 PRLLEL(* Integral approximation with rectangle rule*) 18 val := width* f( ( float(id_no)-.) * width ); 19 ENDPRLLEL writereal(redue.sum(val), 1); 1 END compute_pi.. 1 Michele olajanni rchitetture SIMD 1/7 Sorting (ODD-EVEN) (1) 1 SYSTEM sort; (* Odd-Even Transposition Sorting (parallel bubble-sort) *) ONST n = 1; ONFIGURTION list [1..n]; ONNETION left : list[i] -> list [i-1].right; 6 right: list[i] -> list [i+1].left; 7 8 SLR step: INTEGER; 9 a: RRY[1..n] OF INTEGER; 1 11 VETOR val,r,l,comp: INTEGER; 1 lhs: OOLEN; 1 1 EGIN 1 WriteString("Please enter values: '); 16 FOR step:=1 TO n DO ReadInt(a[step]) END; 17 LOD(val,a); PRLLEL lhs := ODD(id_no); (* PE is left-hand side of a comparison *) 1 FOR step:=1 TO n DO PROPGTE.right(val,l); PROPGTE.left(val,r); Michele olajanni rchitetture SIMD /7

17 Sorting (ODD-EVEN) () IF lhs THEN comp:=r ELSE comp:=l END; IF lhs = (comp<val) THEN val:=comp END; (* lhs&(comp<val) *) 6 lhs := NOT lhs; (* or rhs&(comp val) *) 7 END; 8 ENDPRLLEL; 9 STORE(val,a); 1 1 FOR step:=1 TO n DO WriteInt(a[step],1); WriteLn END; END sort.! Numbers distributed among the PEs 1 Steps 1. Odd 1. Even 1. Odd 1. Even 1. Odd 1 Michele olajanni rchitetture SIMD /7 Moltiplicazione matriciale (sistolica) 1 Input Matrix b nn := * b 11 Input Matrix a 11 a nn Processor Field and Solution Matrix Michele olajanni rchitetture SIMD /7

18 Moltiplicazione matriciale (sistolica) 1 SYSTEM systolic_array; (* alculate the matrix product c := a * b *) ONST max = 1; TYPE matrix = RRY [1..max], [1..max] OF REL; 6 ONFIGURTION grid [max], [max]; 7 ONNETION left: grid[i,j] -> grid[i,(j-l) MOD max].left*; 8 up : grid[i,j] -> grid[((i-l) MOD max,j].up; 9 pre : grid[i,j] -> grid[i,(j-i) MOD max].pre; 1 pre: grid[i,j] -> grid[(i-j) MOD max,j].pre; 11 1 SLR i,j : INTEGER; 1 a,b,c : matrix; PROEDURE matrix_muit(slr VR a,b,c : matrix); 17 (* c := a * b *) 18 SLR k: INTEGER; 19 VETOR ra,rb,rc : REL; EGIN 1 LOD (ra,a); LOD (rb,b); PRLLEL PROPGTE.pre (ra); PROPGTE.pre(rb); 6 rc := ra * rb; 7 FOR k := TO max DO 8 PROPGTE.left(ra); 9 PROPGTE.up(rb); rc := rc + ra * rb; 1 END; ENDPRLLEL; STORE(rc,c); END matrix_mult; 6 EGIN 7... (* read matrices a and b *) 8 matrix_mult(a,b,c); 9... (* write matrix c *) END systolic_array. Generazione di frattali (1) (Metodo DIVIDE-ND-ONQUER) Starting state PE rranged as a inary Tree fter 1st step fter nd step fter nth step Divide-and-conquer implemented with tree topology Iserire immagine Michele olajanni rchitetture SIMD 6/7

19 Generazione di frattali () 1 SYSTEM fractal; ONST maxlevel = 7; low_val =.; high_val = 1.; maxnode = **maxlevel - 1; 6 (* declaration of the tree structure *) 7 ONFIGURTION tree [1..maxnode]; 8 ONNETION child_l: tree[i] <-> tree[*i].parent; 9 child_r: tree[i] <-> tree[*i+l].parent; 1 SLR i : INTEGER; 11 delta : REL; 1 field : RRY [1..maxnode] OF REL; 1 VETOR x, low, high : REL; 1 1 PROEDURE Gauss(): VETOR REL; 16 (*generation of a random value vector with Gauss dist.*) END Gauss; 7 8 PROEDURE inorder(slr node: INTEGER); 9 (* output of the tree elementa inlinear sequence *) END inorder; 7 8 PROEDURE MidPoint(SLR delta:rel;slr level:integer); 9 EGIN (* select current tree level *) PRLLEL [**(level-1).. **level - 1] 1 x :=. * (low + high) + delta*gauss(); IF level < maxlevel THEN (* values for children*) SEND tree.child_l (low) TO tree.parent ( low) ; SEND tree.child_l (x) TO tree.parent(high); SEND tree.child_r (x) TO tree.parent( low) ; 6 SEND tree.child_r (high) TO tree.parent(high); 7 END; 8 ENDPRLLEL; 9 END MidPoint; 1 EGIN (* main program *) PRLLEL (* starting values *) low := low_val; high := high_val; x :=.; 6 ENDPRLLEL; 7 FOR i:=1 TO maxlevel DO 8 delta:=.**(float(i)/.); 9 MidPoint(delta,i); 6 END; 61 STORE(,field); 6

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE Il problema Un computer è usato per risolvere dei problemi Prenotazione di un viaggio Compilazione e stampa di un certificato in un ufficio comunale Preparazione

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: http://vlsilab.polito.it/documents.html The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Fortran per Ingegneri

Fortran per Ingegneri Fortran per Ingegneri Lezione 5 A.A. 0/04 Ing. Davide Vanzo davide.vanzo@unitn.it Ing. Simone Zen simone.zen@unitn.it ufficio: Laboratorio didattico di modellistica ambientale ( piano) Tel interno: 488

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono Matlab: Funzioni Informatica B Funzioni A cosa servono le funzioni? 3 x = input('inserisci x: '); fx=1 for i=1:x fx = fx*x if (fx>220) y = input('inserisci y: '); fy=1 for i=1:y fy = fy*y A cosa servono

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL CIRCUITI INTEGRATI Costruzione di circuiti (logici e non) su un substrato di silicio. Non solo la parte attiva, ma anche le connessioni tra le porte. Incredibile miglioramento nelle prestazioni, nell affidabilità

Dettagli

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy: Informazioni di Base Libreria di algoritmi e strumenti matematici Fornisce: moduli per l'ottimizzazione, per l'algebra lineare,

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

400.001 IVECO. Gearbox Old Generation. Models E 100. Date 05/2007 File IVE0014.Pdf

400.001 IVECO. Gearbox Old Generation. Models E 100. Date 05/2007 File IVE0014.Pdf 400.001 IVECO Gearbox Old Generation Models E 100 05/2007 File IVE0014.Pdf Adattabile a : Suitable To : IVECO 1 Modelli Cambio/ Gearbox Models E 100 1 2 3 4 5 26 Models 9 10 6 7 44 27 45 49 51 46 8 28

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts M. Bigi, M. Jacchia, D. Ponteggia Metodi di misura e di elaborazione del segnale nella riproduzione elettroacustica del suono Rimini, 38

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno Accordo su chiavi (key agreement) Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica Università di Salerno ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/ads Marzo 2015 Accordo su una chiave Alice Bob??

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli