VFD SUGGERIMENTI CONVERTITORE DI FREQUENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VFD SUGGERIMENTI CONVERTITORE DI FREQUENZA"

Transcript

1 VFD SUGGERIMENTI CONVERTITORE DI FREQUENZA

2 CONVERTITORE DI FREQUENZA La velocità sincrona di un motore ad induzione è, principalmente, una funzione del numero di poli del motore e della frequenza di alimentazione: n = 120 frequenza numero poli [rpm] Il carico applicato produce, in genere, uno scorrimento fra la velocità reale e la velocità sincrona del motore. Di solito, questo scorrimento ha un valore ridotto, attorno all 1 3 % del valore della velocitá sincrona. Un modo per ottenere un motore a velocità variabile è modificare la frequenza di alimentazione. Il dispositivo che serve a questo scopo riceve il nome di convertitore di frequenza. I convertitori di frequenza, chiamati anche controlli di velocità vengono di solito impiegati per ottenere un miglior controllo del processo ed un risparmio di energia. L impiego di controlli a frequenza variabile (VFD) per applicazioni su pompe è una pratica sempre più in uso. Nel tempo, il costo dei VFD è diminuito ed, allo stesso tempo, le loro prestazioni sono migliorate. Un moderno VFD è un unità compatta e ben progettata, la cui installazione è relativamente semplice. Al contrario di ciò che accadeva con i vecchi VFD, le versioni più moderne non richiedono un ampio margine di potenza e, pertanto, non rappresentano un ulteriore limitazione per la scelta del motore. La ragione di questa evoluzione si trova nelle elevate frequenze di commutazione attualmente raggiungibili. Purtroppo queste elevate frequenze di commutazione sono all origine di fenomeni di carattere transitorio che portano ad altre limitazioni quali le interferenze di origine elettromagnetica (rumore) negli impianti di controllo. Per ridurre questo fenomeno sono impiegati cavi schermati ed adeguati filtri nel circuito. I problemi di intasamento della pompa e di sedimentazione nelle condotte sono più probabili quando la velocità della pompa è ridotta. Il pompaggio con controlli a frequenza variabile può essere suddiviso in due casi: Il processo richiede un flusso costante e variabile. In questo caso il procedimento normale di controllo del flusso è attraverso la sua variazione. L impiego di controlli VFD comporta, in tutti i casi, una riduzione dell energia richiesta. VFD come alternativa alla regolazione on / off. Il controllo a velocità variabile è impiegato per ridurre le perdite di energia durante il pompaggio. L effetto prodotto dal dispositivo VFD dipende dal sistema impiegato. Nei casi in cui le perdite per attrito sono importanti rispetto al dislivello geodetico, il sistema è adeguato per l impiego del dispositivo VFD. La frequenza di solito diminuisce quando la velocità viene ridotta e si corre il rischio di far lavorare la pompa al di fuori del suo regime operativo. Una dettagliata analisi del sistema diviene necessaria per stabilire se un funzionamento a regime variabile risulta interessante sotto un punto di vista economico. Il pompaggio di acque reflue è un applicazione tipica dove le alternative VFD ed on / off devono essere analizzate. PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UN CONTROLLO VFD In teoria si tratta di un idea semplice, la trasformazione della frequenza di alimentazione in una frequenza variabile viene realizzata in due passi: 1. Trasformazione della corrente alternata in corrente continua. 2. Conversione in corrente alternata della frequenza desiderata. Questo viene fatto attraverso la modifica della corrente continua in piccoli impulsi per riprodurre in modo approssimativo un onda sinusoidale. Un dispositivo VFD è composto da tre elementi: rettificatore, campionatore e invertitore. RETTIFICA- TORE CAMPIONA- TORE INVERTI- TORE M Fig. 1 Funzionamento schematico di un dispositivo VFD 3

3 Esistono tre diversi tipi di VFD: VSI Invertitore di voltaggio della fonte. Es. PWM CSI Invertitore di corrente della fonte. Controllo del vettore di flusso. SISTEMA Le leggi di affinitá stabiliscono la proporzionalitá tra il flusso e la velocitá di rotazione per uno specifico punto della curva di pompaggio. Pressione e NPSH sono proporzionali al quadrato della velocitá, mentre la potenza è una funzione del cubo della velocitá. L efficienza idraulica della pompa rimane costante quando la velocitá viene ridotta. Leggi di affinitá: Fig. 2 Schema del segnale di un VFD di tipo PWM Il tipo CSI è di progettazione semplice ed affidabile ma il segnale di uscita è molto disturbato. In piú, il CSI induce transienti di alta tensione nel motore. Il tipo a Controllo del vettore di flusso è il dispositivo VFD piú sofisticato. Viene impiegato nelle applicazioni in cui il controllo della velocitá deve essere realizzato in modo molto preciso, per esempio, stampanti. È un dispositivo costoso, non adeguato per applicazioni di pompaggio. Il tipo piú comune di VFD, e quello consigliato da Flygt è il PWM Modulazione ad Ampiezza di Impulso. I VFD di tipo PWM vengono di solito impiegati a tensione costante, modulati attraverso transistori integrati bi - polari (IGBT). L onda sinusoidale viene generata attraverso la variazione dell ampiezza degli impulsi. La frequenza di commutazione è quella alla quale i transistori vengono commutati da on a off e viceversa. La riproduzione dell onda sinusoidale sarà migliore per frequenze di commutazione piú alte. Riduzione di potenza: Il rendimento idraulico della pompa rimane lo stesso, 74 %. Tutti i valori della curva della pompa si muovono seguendo curve di secondo ordine, a rendimento costante, verso l origine degli assi, quando la frequenza viene ridotta. Per esempio: Una pompa centrifuga con una frequenza nominale di 50 Hz. gira alla velocità ridotta di 35 Hz. Il punto di miglior rendimento idraulico nella curva caratteristica corrisponde al 74 % per una portata di 93 l / sec. ed una prevalenza di 9.3 m. La potenza nel punto di miglior rendimento (BEP) è di 11.5 kw. Per ottenere il nuovo BEP: Diminuzione della portata proporzionale alla frequenza:. Curve a rendimento costante Diminuzione della prevalenza: Fig 3. Curva della pompa regolata in frequenza 4

4 Il punto di lavoro reale si trova sempre sull intersezione tra la curva della pompa e la curva del sistema. L efficienza idraulica della pompa nei sistemi a prevalenza statica verrà modificata quando la frequenza sarà ridotta. La curva del sistema per un impianto a prevalenza statica non si trova in corrispondenza delle curve di efficienza costante. Il punto di lavoro si muove lungo la curva della pompa, verso il lato sinistro delle curve di efficenza e della pompa (Ved. fig. 4 e 5). La curva del sistema per un impianto ad elevate perdite di carico sarà coincidente con una curva di efficenza Perdita di carico del sistema Sistema misto costante, l efficienza idraulica della pompa rimarrá costante per ogni riduzione di frequenza. Per esempio: Se si impiega la stessa pompa dell esempio precedente in un sistema con dislivello statico di 6 m. Il punto di lavoro per la velocitá nominale corrisponde al BEP, 93 l /sec. a 9.3 m. (efficienza 74 %). Cosa accade al punto di lavoro se la frequenza della pompa viene ridotta a 35 Hz.? La portata si riduce al valore di 26 l / sec. (Vedasi fig. 4) La prevalenza si riduce a 6.4 m. (Vedasi fig. 4) La potenza sull asse si riduce a 3.4 kw (Vedasi fig. 5) L efficienza idraulica della pompa non è costante e diminuisce al 50 % (Vedasi fig. 5) In questa applicazione non ha importanza il fatto che la pompa smetta di generare portata a 32 Hz. Per un controllo VFD si raccomanda la selezione di una pompa avente il punto di lavoro a velocitá nominale sulla destra del BEP dovuto al fatto che, quando la velocitá viene ridotta, il punto di lavoro si sposta verso il lato sinistro della curva di rendimento. In questo modo, per una prima riduzione della frequenza, il rendimento della pompa aumenta. La veloce caduta di rendimento sulla curva non verrá riscontrata fino ad una ulteriore riduzione della frequenza. Fig 4. Punto di lavoro del sistema per un impianto di sollevamento con e senza prevalenza geodetica. Potenza (kw) Rendimento idraulico ( % ) Rendimento Potenza Potenza assorbita Fig 5. Diagramma del rendimento e della potenza di un impianto con e senza prevalenza geodetica. Fig 6. Variazione di portata e limitazione di potenza quando la frequenza viene ridotta. 5

5 La potenza massima di uscita (potenza nominale) viene ridotta quando si riducono la frequenza e la tensione di alimentazione. Vedasi sezione Caratteristiche del motore per un informazione piú dettagliata riguardo il controllo della tensione di alimentazione. Il carico (potenza utile) risulta ridotto molto piú velocemente. Per la selezione di una pompa la cui girante sia sovradimensionata e che (per limitazioni di potenza) non potrà essere impiegata nel regime nominale di frequenza (ad es. 50 Hz.) è importante comparare la potenza disponibile e quella necessaria alla frequenza massima desiderata. Esistono due modi normalizzati per il controllo di tipo VFD quando diverse pompe sono collegate in parallelo ad uno stesso sistema: controllo individuale e controllo comune. Controllo individuale significa che una pompa funziona a velocitá ridotta mentre le altre lo fanno a piena velocitá. Nel caso del controllo VFD comune, tutte le pompe vengono simultaneamente fatte funzionare a velocitá ridotta. Fig 8. Controllo VFD separato In genere, il controllo VFD separato risulta piú economico, ma esistono altri casi in cui il controllo comune rappresenta un opzione migliore. La variazione dell efficienza totale a velocitá ridotta non è soltanto dovuta allo spostamento del punto di lavoro del sistema, anche se questo è il principale responsabile. I rendimenti del motore e del controllo VFD vengono anche modificati dalla riduzione di frequenza. Fig 7. Controllo VFD comune CARATTERISTICHE DEL MOTORE Le caratteristiche di un motore elettrico risultano alterate quando la frequenza, e pertanto la velocitá, vengono ridotte. La coppia all asse, per uno scorrimento normale del motore, è una funzione della frequenza e della tensione di alimentazione. Ci sono due modi per controllare la tensione di uscita di un convertitore VFD. Tensione proporzionale alla frequenza e tensione proporzionale al quadrato della frequenza. La coppia disponibile del motore rimane invariata quando la frequenza viene ridotta se si impiega un VFD con una tensione proporzionale alla frequenza. La coppia è proporzionale al quadrato della frequenza così come lo è la tensione. Il carico della pompa viene rappresentato da una curva quadratica (Vedasi fig. 9). Il diagramma mostra come il punto di lavoro (intersezione tra la curva di coppia del motore e la curva del carico) si muove verso il basso lungo il fianco destro 6

6 Coppia, Nm Fig 9. Variazione della coppia motore giri/1' della curva di coppia per U ~ f quando la frequenza viene ridotta. Il punto di lavoro per la frequenza nominale si trova verso la metá del fianco destro della curva mentre il punto di lavoro per 20 Hz. si trova quasi alla fine. Ció significa che lo scorrimento subirà delle variazioni quando la frequenza verrá modificata. L efficienza del motore è correlata allo scorrimento e questa diminuirá anche se l efficienza idraulica della pompa rimarrá costante. Anche la curva di efficienza del motore risulta modificata quando la frequenza viene ridotta. Vedasi in fig. 9 come la posizione relativa del punto di lavoro nel fianco destro è pressoché costante quando la tensione è proporzionale al quadrato della frequenza. Ovvero, lo scorrimento e quindi l efficenza del motore rimangono pressoché costanti. Nel caso di applicazioni su pompe, per mantenere l efficenza del motore ed un adeguato livello di magnetizzazione, si raccomanda l impiego di una tensione proporzionale al quadrato della frequenza. INFLUENZA DEL CONTROLLO VFD SU MOTORI AD INDUZIONE Un motore ad induzione lavora piú a suo agio quando viene alimentato ad una tensione sinusoidale pura, caso tipico di una rete commerciale normale. In un motore perfetto non esistono armoniche nel flusso e le perdite di energia sono basse. Quando un motore viene collegato ad un dispositivo VFD, riceverá un' alimentazione non perfettamente sinusoidale ma piuttosto quadrata, che contiene armoniche di tutti gli ordini. Queste armoniche indurranno ulteriori perdite in forma di calore, il che si traduce nella presenza di una differenza tra la potenza nominale e la potenza massima disponibile. Questa differenza dipende dal tipo di applicazione e dall impianto. In caso di dubbio si prega di contattare l ufficio tecnico Flygt piú prossimo per ulteriori dettagli. Le prestazioni dei VFD sono migliorate lungo il tempo e tuttora migliorano. Il segnale di uscita assomiglia sempre più ad un onda sinusoidale pura. Ció significa che un moderno dispositivo VFD, ad alta frequenza di commutazione, puó lavorare con un basso o, eventualmente, nessuna differenza di potenza. Precedentemente era necessario un margine di potenza del 15 % circa. Sfortunatamente, i risultati ottenuti nella riduzione delle perdite di energía nel motore e nel dispositivo VFD, comportano l incremento di altri problemi di diversa natura. I VFD ad alta frequenza di commutazione hanno la tendenza ad essere piú aggressivi per l isolamento dello statore. Una elevata frequenza di commutazione porta come conseguenza intervalli di tempo molto ridotti per gli impulsi e questo provoca transienti con picchi di tensione molto elevati negli avvolgimenti, il che si traduce in un elevato carico di lavoro per l isolamento. Per questa ragione, Flygt raccomanda l impiego di isolamenti rinforzati (per voltaggi di 500 V. e superiori) negli avvolgimenti impiegati per queste applicazioni. Il problema puó essere parzialmente risolto attraverso l impiego di appositi filtri all uscita del dispositivo VFD. Vedasi sezione Eliminazione delle interferenze per dettagli. CONSIDERAZIONI PER IL DIMENSIONAMENTO I dati richiesti per un adeguato dimensionamento di un dispositivo VFD sono: Potenza del motore in kva. Tensione nominale. Corrente di alimentazione. Rapporto coppia massima / coppia nominale. Se il rapporto tra la coppia massima (picco) e la coppia nominale Tp / Tn risulta superiore a 2.9 potrebbe essere necessario selezionare un dispositivo VFD di superiore capacitá. Ci sono, in pratica, due ragioni perché si verifichi un rapporto superiore a 2.9: 1. Il motore possiede un elevato livello di magnetizzazione. 2. Il motore lavora a potenza ridotta. 7

7 CONDIZIONI DI LAVORO AL DI SOPRA DELLA FREQUENZA NOMINALE In certe occasioni, per raggiungere un punto di lavoro della pompa in altro modo irraggiungibile, si fa lavorare la pompa ad una frequenza di esercizio superiore a quella fornita dalla rete elettrica commerciale. In queste circostanze risulta necessaria una speciale attenzione. In accordo con le leggi di affinitá, la potenza all asse della pompa aumenta con il cubo della velocitá. Pertanto, un 10 % in piú di velocitá richiede un 33 % in piú di potenza disponibile. In parole povere, la temperatura verrá incrementata di un 80 % circa. Esiste comunque un limite per l eccesso di velocitá raggiungibile dal motore. La coppia massima del motore si riduce seguendo una legge 1 / F quando si lavora al di sopra della frequenza nominale. Ció è dovuto al fatto che la tensione all uscita del dispositivo VFD raggiunge il valore massimo alla frequenza nominale non potendo essere ulteriormente incrementato. La zona sovrastante questo valore della frequenza nominale riceve il nome di zona di caduta. Il fatto è che il motore si verrá a trovare in sovraccarico e la coppia disponibile cadrá quando il dispositivo VFD non sará piú in condizioni di fornigli la tensione corrispondente alla coppia richiesta. In realtá, la protezione contro i sovraccarichi di corrente del dispositivo VFD blocca il sistema poco dopo l ingresso nella zona di caduta. Come conclusione, è sconsigliata l operazione al di sopra della frequenza nominale, comunque, nel caso necessario, seguire questi suggerimenti: Verificare la potenza. La potenza sull asse aumenta con il cubo della velocitá. Verificare che il dimensionamento del dispositivo VFD sia adeguato per l incremento del carico. In questo caso la corrente sará superiore a quella nominale (corrispondente alla frequenza nominale). Modificare la Frequenza Base del dispositivo VFD. Questa frequenza è il valore per il quale la tensione all uscita del dispositivo VFD è uguale alla tensione nominale della linea. Se possibile, selezionare una macchina progettata per una frequenza superiore. Se si tratta di una pompa progettata per funzionare a 50 Hz., in caso di operazione a frequenza superiore a quella nominale, selezionare un motore da 60 Hz. Il valore di NPSH richiesto aumenta, d accordo con le leggi di affinitá, in funzionamento al di sopra della frequenza nominale. Per evitare fenomeni di cavitazione, verificare sempre che il valore di NPSH disponibile sia superiore a quello richiesto. Coppia, Nm Zona di caduta Fig 10. Coppia massima in funzione della velocitá RAFFREDDAMENTO Ci sono quattro sistemi di raffreddamento disponibili per una pompa Flygt: Raffreddamento attraverso il fluido circostante, aria / acqua. Raffreddamento integrato. L acqua viene pompata dalla girante attraverso una camera di raffreddamento. L acqua circola attraverso la camera di raffreddamento che circonda l alloggio dello statore, per es. pompe tipo C di dimensioni medie, grandi. Raffreddamento a flusso assiale. Il fluido pompato circola attorno l alloggio dello statore e raffredda il motore, per es. pompe Flygt tipo B, PL ed LL. Raffreddamento esterno. Il sistema di raffreddamento integrato dei modelli piú grandi di pompe Flygt presenta notevoli vantaggi. Bisogna tenere presente che, in questi casi, la pompa non deve girare a bassi regimi a meno che l operazione della stessa sia in acque pulite. La ragione è che il raffreddamento puó essere adeguato mentre l aumento di accumulo di sedimenti potrebbe dar luogo all intasamento del sistema di raffreddamento. In questo caso, una successiva accelerazione della pompa fino al suo regime nominale potrebbe dar luogo ad un surriscaldamento del motore per caduta dell efficenza del raffreddamento. La velocitá critica minima varia da una pompa all al- 8

8 tra ma la regola generale potrebbe essere la seguente: non si prevedono effetti negativi per velocitá superiori a 35 Hz. nel caso dei motori a 2 e 4 poli e superiori a 40 Hz. nel caso di motori a piú poli. Un altra limitazione viene dal fatto che, per eliminare l aria eventualmente presente nella camera di raffreddamento, dopo una fermata prolungata o dopo la prima messa in moto, la velocitá della pompa non deve essere troppo bassa. Per ulteriori informazioni riguardo la velocitá minima per l espulsione dell aria nella camera di raffreddamento rivolgersi all ufficio tecnico Flygt piú vicino. L efficienza del raffreddamento a flusso assiale cade INTASAMENTO Le stazioni di pompaggio di acque reflue sono in genere progettate per portate con un valore di picco che si verifica per un 5 % o meno del tempo di lavoro. Le pompe a controllo VFD lavorano a velocitá ridotta quasi tutto il tempo. Portate minori rappresentano minori velocitá nella bocca di mandata e, pertanto, un rischio di sedimentazione maggiore. Queste particelle possono formare masse che, aspirate dalla girante intasano il circuito. Il rischio di intasamento è in genere maggiore per le pompe a secco, dove il raccordo a 90º del tubo in aspirazione favorisce il blocco delle particelle aspirate. In caso di funzionamento a velocitá ridotte, la minore energia fornita alla girante ne riduce la capacitá di liberarsi dagli intasamenti prodotti dalle particelle aspirate. Questa energia è proporzionale al quadrato della velocitá, pertanto, l energia disponibile nella girante cade del 75 % quando la velocitá viene ridotta alla metá della velocitá nominale (vedasi equazione). La distanza tra il bordo di attacco delle pale della girante ed il punto dove il flusso è diventato turbolento aumenta quando la velocitá della pompa viene ridotta. Questo fenomeno aumenta il rischio di accumulo di materiali lunghi e fibrosi nel bordo di attacco. In questo modo la capacitá della pompa di eliminare residui solidi si riduce con la diminuzione di velocitá del fluido. In sostanza, residui lunghi e fibrosi hanno piú possibi velocemente con la riduzione della portata. Questa efficienza non è in funzione della velocitá, ma del flusso e questo dipende dalle caratteristiche del sistema. Le pompe raffreddate a flusso assiale vengono impiegate molto spesso in sistemi di sollevamento a caduta e quindi non sono adatte ai dispositivi a controllo variabile della velocitá. Le pompe raffreddate dal fluido circostante e quelle munite di raffreddamento esterno non sono, in genere, sensibili ai cicli dei dispositivi VFD. I microtermostati dovranno essere sempre collegati, indipendentemente dal fatto che la pompa sia a controllo VFD o meno. Dove T = Energía Ip = Momento polare di inerzia w = Velocitá angolare (rad / sec) litá di intasare i vani della girante a basse velocitá del fluido pompato. La veloce accelerazione durante la messa in moto delle pompe a controllo On / Off rimuove in modo efficace le ostruzioni eventualmente presenti nel circuito. D altra parte, alla fermata della pompa, si produce un ritorno naturale del flusso, che ripulendo la zona, riduce il rischio di intasamento. Come è giá stato detto, le pompe a controllo VFD, soltanto di rado funzionano a piena velocitá. Lavorano ad un regime pressoché continuo e non usufruiscono dei vantaggi delle pompe a controllo On / Off. Questa limitazione puó essere ridotta aggiungendo un ciclo di pulizia 1 2 volte all ora, facendo fermare e ripartire la pompa, a piena velocitá, un paio di volte. Per questa operazione, è importante prevedere tempi corti per la variazione della velocitá nella fermata ed accensione. Nel caso di diverse pompe in funzionamento continuo, esiste la possibilitá di avere una delle pompe funzionante quasi tutto il tempo a portata e velocità ridotti, quindi, il rischio di intasamento, per questa particolare pompa sará elevato. Un modo per evitare ciò è rappresentato dall'alternare le pompe. VIBRAZIONI Le pompe controllate da dispositivi a frequenza variabile, vanno ad interessare un ampio spettro di frequenze. La probabilitá di innescare alcune delle frequenze naturali di risonanza del sistema è quindi piú elevata con questo tipo di dispositivi. Le conseguenze sono problemi derivati dalla presenza di vibrazioni e rumorositá, soprattutto nel caso di pompe a secco. Nel caso in cui una delle frequenze naturali di eccitazione del sistema si trovi all interno della gamma di frequenze di lavoro della pompa, questa particolare frequenza puó essere bloccata nell unitá di controllo VFD. La maggior parte dei moderni dispositivi VFD sono muniti di questa capacitá di bloccaggio. Alcune delle curve di lavoro delle pompe Flygt mostrano una zona tratteggiata nei bassi regimi (vicino al blocco della portata). Il funzionamento delle pompe in queste zone puó originare problemi di vibrazioni. Vedasi il documento Suggerimenti per la progettazione di stazioni di pompaggio con pompe di aspirazione a secco per informazioni piú dettagliate. 9

9 EMC Equipaggiamento elettronico ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE EMC significa Compatibilitá Elettromagnetica. Rappresenta la capacitá di un impianto elettrico / elettronico di lavorare senza problemi di interferenze in un ambiente con onde elettromagnetiche. Allo stesso modo, l impianto dovrá evitare i disturbi di questo tipo su qualsiasi altro prodotto o sistema che si trovi nelle sue vicinanze. Gli impianti elettrici dovrebbero essere resi immuni ai fenomeni elettromagnetici di alta e bassa frequenza. Le interferenze provenienti dalle aree circostanti sono solitamente dovute a transienti provenienti da oscillazioni della tensione, segnali di alta frequenza, scariche di elettricitá statica ecc. La trasmissione di segnali di alta frequenza di una qualsiasi fonte non dovrebbe superare i livelli che incidano sulla corretta funzionalità di altri impianti presenti nell area di lavoro. Le interferenze prodotte da un dispositivo di tipo VFD sono causate, in genere, da elementi ad alta velocitá di commutazione (triacs, IGBT...) presenti nel sistema di controllo del convertitore di frequenza. Le interferenze di alta frequenza, d altronde, si possono propagare attraverso fenomeni di radiazione e conduzione. Per la vendita di pompe e sistemi completi nel mercato europeo i requisiti EMC dovranno essere soddisfatti. Tutte le pompe fornite dalla Flygt hanno il marchio CE in conformitá con le attuali regolamentazioni, lo stesso serve per i dispositivi VFD che dovranno, anch essi, avere il marchio CE. Il cavo di collegamento del dispositivo VFD alla pompa dovrá essere adeguatamente schermato per consentire al dispositivo VFD il superamento delle prove EMC. POMPA / MISCELATORE FL PANNELLO CONTROLLO MiniCASII CLS Filtro Flygt Cavo controllo 300 mm VFD M 3 NSSHÖU./3E+ St Nuclei di potenza schermati Filtro Cavo comune / monitoraggio (per es. 3 x x 2.5 / 3E + 3 x 1.5 St Nº pezzo ) il piú corto possibile. Schema soppressione interferenze CAVI Dovranno essere impiegati cavi di potenza e monitoraggio schermati ove possibile. Il cavo schermato che raccomanda Flygt è il modello NSSHÖU ad alto carico di lavoro, in gomma. Per ulteriori informazioni si prega rivolgersi all ufficio tecnico Flygt piú vicino. Nei casi in cui sia prevista una doppia entrata per i cavi sulle nostre pompe (per es e modelli di grandi dimensioni) si dovranno impiegare cavi indipendenti per l alimentazione ed il monitoraggio. Questi cavi dovranno essere condotti attraverso tubazioni indipendenti e separate da una distanza di almeno 300 mm tra loro. La lunghezza dei cavi sará la minore possibile, mai superiore a 40 m. 10

10 Un filtro puó essere collegato al segnale di uscita del dispositivo VFD. Questo filtro riduce i disturbi dei segnali di uscita. Se l installazione viene munita di questo filtro è accettabile l eliminazione del margine di potenza altrimenti necessario. Inoltre, vengono ridotti i problemi causati da disturbi elettromagnetici. INSTALLAZIONE Quadro Collegamenti Schermatura del cavo di potenza intrecciata e collegata al cavo di terra. Infilare un tubo giallo verde attorno alla schermatura. Morsetti Tagliare il cavo blu di controllo ed isolare il terminale. Cavi di controllo: T1 Nero T2 Marrone Installazione dei cavi di monitoraggio in un quadro elettrico. Nei quadri elettrici e nella scatola morsettiera delle pompe i cavi di monitoraggio verranno tenuti il piú lontano possibile dai cavi di potenza. Eliminare la vernice sotto I morsetti, viti e cerniere. FILTRI Le interferenze prodotte dai dispositivi di regolazione di velocitá a frequenza variabile possono causare disturbi agli impianti di controllo ed ai rilevatori elettronici presenti nella stessa area. Ció succede quando il cavo del segnale di comando si trova molto vicino ai collegamenti dei cavi di potenza. Questi disturbi possono essere eliminati attraverso il collegamento di un filtro adeguato tra i cavi di monitoraggio (T1 e T2) ed il cavo di terra (PE). Se possibile, collegare il filtro nella scatola morsettiera della pompa. Spruzzare vernice o Tectyl nei punti in cui la vernice è stata asportata. Scatola morsettiera della pompa. Schermatura del cavo di potenza intrecciata e collegata al cavo di terra. Infilare un tubo giallo verde attorno alla schermatura. Consigli per l installazione. Filtro installato nella scatola morsettiera della pompa. 11

11 VFD Recommendations It.1M ITT Flygt Trosa Tryckeri AB 45196

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? Un convertitore DC / DC è utilizzato, generalmente, quando la tensione di alimentazione disponibile non è compatibile

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

ESTRATTORI CENTRIFUGHI DA TETTO Serie MAX-TEMP CTHB/CTHT - Scarico orizzontale

ESTRATTORI CENTRIFUGHI DA TETTO Serie MAX-TEMP CTHB/CTHT - Scarico orizzontale Serie MAX-TMP CTHB/CTHT - Scarico orizzontale Torrini estrattori omologati per estrazione aria a 4 C/2h in emergenza (1), con scarico oriz-zontale. Costruzione con basamento in acciaio zincato, cappello

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli