PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC"

Transcript

1 PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della conoscenza, l ambiente e la prevenzione del rischio, oltre a contribuire alla modernizzazione dell economia ed accrescere la competitività. ASSI PRIORITARIE 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA ASSI PRIORITARIE 2 AMBIENTE E PREVENZIONE DEL RISCHIO ASSI PRIORITARIE 3 ASSISTENZA TECNICA Obiettivo 1.1 Migliorare la capacità delle regioni per rafforzare la ricerca, la tecnologia e l innovazione. Obiettivo 2.1 Sviluppare piani e misure per prevenire e superare rischi tecnologici e naturali Obiettivo 3.1 Supportare la creazione di progetti e fornire consigli ai partecipanti dei progetti Obiettivo 1.2 Promuovere e consentire l imprenditorialità e lo sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali in tutti i settori importanti nell economia locale in particolare quelli basati sull innovazione e sulla conoscenza Obiettivo 2.2 Promuovere il miglioramento di attività di gestione sostenibile delle acque Obiettivo 3.2 Assicurare la valutazione delle domande, preparare le decisioni di approvazione e formalizzare i progetti approvati.

2 Obiettivo 1.3 Facilitare l economia, in particolare le piccole e medie imprese, svilupparla e farla crescere in maniera più sostenibile ed innovativa attraverso il trasferimento di servizi specifici e la creazione di mezzi condivisi. Obiettivo 1.4 Aiutare la ristrutturazione delle regioni maggiormente dipendenti dall industria tradizionale, incluso il rinnovo di zone industriali per nuove imprese. Obiettivo 1.5 Promuovere l utilizzo di nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione attraverso le imprese, servizi pubblici e del pubblico generale, specialmente nelle aree rurali. Obiettivo 1.6 Migliorare le politiche regionali occupazionali, sviluppo di competenze, formazione ed educazione Obiettivo 2.3 Promuovere lo sviluppo e la gestione di attività di prevenzione sostenibile dei rifiuti e al passaggio verso una società del reciclo Obiettivo 2.4 Promuovere lo sviluppo di azioni collegate alle biodiversità e alla preservazione del patrimonio naturale, specialmente nelle aree di NATURA 2000 e promuovere lo sviluppo sostenibile dell attività di gestione costiera. Obiettivo 2.5 Stimolare l efficienza energetica e lo sviluppo di energie rinnovabili così come migliori sistemi di gestione energetici efficienti coordinati e la promozione del trasporto sostenibile Obiettivo 2.6 Accrescere l attrattività del territorio a supporto dello sviluppo socio-economico e del turismo sostenibile attraverso la protezione del patrimonio culturale e paesaggistico. Obiettivo 3.3 Assicurare il monitoraggio e seguire le operazioni in corso. Obiettivo 3.4 Assicurare la capitalizzazione dei risultati delle operazioni per tutti i tipi di intervento. Obiettivo 3.5 Organizzare incontri ed eventi per i partecipanti, partner, revisori, esperti, Stati Membri ed altri organi per informarli sul programma, discutere su specifici aspetti di realizzazione, disseminare e capitalizzare i risultati Obiettivo 3.6 Rendiconto agli Stati membri e alla Commissione europea Obiettivo 1.7 Creare le necessarie condizioni strutturali per le economie regionali, adattando i maggiori cambiamenti socio-economici, specialmente alla globalizzazione e al cambiamento demografico Obiettivo 2.7 Obiettivo 3.7 2

3 Azioni: ASSE 1 INNVOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Migliorare le politiche regionali e locali nel campo dell innovazione e dell economia della conoscenza, più specificatamente focalizzandosi sulle capacità regionali per la ricerca e lo sviluppo tecnologico, il supporto all imprenditorialità e le PMI, il supporto allo sviluppo economico e iniziative innovative, la promozione dell utilizzo delle TIC e il supporto all occupazione, al capitale umano e all educazione. Possibili azioni: 1. Innovazione, Ricerca e Sviluppo tecnologico. Scambio di esperienze e conoscenze, trasferimento e ulteriori sviluppi delle politiche dedicate al supporto di attività ed attori dedicati a: Supporto di attività ed attori coinvolti nella ricerca e sviluppo. Sostenere la ricerca e le infrastrutture innovative, come parchi scientifici, centri di innovazione, incubatori, o supporto ai distretti Rafforzare l interazione creativa nel triangolo della conoscenza, impresa e settore pubblico. Ottimizzazione e rafforzare l eco-innovazione e l utilizzo di nuove tecnologie ambientali facili da usare e approcci gestionali, come gare d appalto per prodotti e servizi ambientali Aiutare la ristrutturazione delle regioni maggiormente dipendenti dall industria tradizionale. Migliorare le capacità delle regioni per la ricerca e l innovazione Portare idee innovative al mercato più velocemente 2. Imprenditoria e PMI. Scambio di esperienze e conoscenze, trasferimento ed ulteriore sviluppo di politiche dedicate a: Promuovere l imprenditorialità e lo start-up di impresa, specialmente nei settori basati sulla conoscenza e l innovazione Sostenere strutture di supporto all economia regionale per assistere le piccole e medie imprese (PMI) Sviluppare assistenza finanziaria per le PMI e sviluppare strumenti non finanziati Rafforzare profili economici di regioni che dividono uno specifico settore economico e rafforzare la competitività globale del settore Sostenere i distretti regionali di imprese Sostenere gruppi specifici (come imprenditoria femminile e giovanile). Sostenere la diversificazione economica delle aree rurali. Stimolare le imprese all internazionalizzazione ed aumentare la competitività Appoggiare l eco-innovazione e i sistemi di gestione ambientale per le PMI 3. Società dell informazione. Scambio di esperienze e conoscenze, trasferimento ed ulteriori sviluppi di politiche dedicate a: Sviluppare servizi pubblici basati sulle TIC (Tecnologie dell informazione e della Comunicazione) per aumentare l efficacia e la competizione di imprese e imprenditori Promuovere lo sviluppo e l utilizzo di prodotti e servizi basati sulle TIC (per esempio nei servizi pubblici di pubblica amministrazione e salute elettronica, portando la governance on-line a regioni ed imprese). Accrescere la partecipazione del pubblico nella società dell informazione, per esempio programmi per incrementare le capacità informatiche Stabilire migliori connessioni basate sulle TIC tra le regioni 3

4 4. Occupazione, capitale umano ed educazione. Scambio di esperienze e conoscenze, trasferimento ed ulteriori sviluppi di politiche dedicate a: Migliorare le qualifiche per l innovazione Salvaguardare e creare nuove opportunità di occupazione sul lavoro basato sulla conoscenza e l innovazione e adattare le politiche occupazionali locali e regionali ai cambiamenti socio-economici più grandi principalmente riferiti alla globalizzazione e al cambiamento demografico Formare e far rimanere i ricercatori Sviluppare iniziative locali di sviluppo occupazionale Sostenere lo sviluppo delle capacità e il trasferimento della conoscenza per il personale coinvolto nello sviluppo e supporto economico Aumentare gli investimenti in Ricerca e Sviluppo relativamente al capitale umano Accrescere la partecipazione al mercato del lavoro di gruppi discriminati, come le donne e lavoratori anziani Migliorare l adattabilità dei lavoratori e delle imprese, promuovere la salute della forza lavoro e migliorare i sistemi di educazione e di formazione ASSE 2 - AMBIENTE E PREVENZIONE DEL RISCHIO Migliorare politiche regionali e locali in campo dell ambiente e della prevenzione del rischio, più specificatamente focalizzandosi sulla prevenzione e la gestione dei rischi naturali e tecnologici, gestione delle acque e delle coste, prevenzione e gestione dei rifiuti, biodiversità e preservazione del patrimonio naturale, efficienza energetica ed energie rinnovabili, trasporto pubblico sostenibile e pulito, patrimonio culturale. Possibili azioni: 1. Rischi naturali e tecnologici. Migliorare il monitoraggio dei rischi ambientali Sostenere la sensibilizzazione e la pianificazione urgente per la popolazione localizzata in aree sensibili, come bacini composti, aree sismiche, aree tendenti all alluvione. Affrontare l inquinamento atmosferico, gestire e comunicare i rischi associati. Sviluppare o coordinare osservatori esistenti per una migliore conoscenza dei rischi naturali Sviluppare strategie per minimizzare i rischi naturali tecnologici pertinente. Sviluppare la formulazione di strumenti, piani di azione e di sensibilizzazione, sviluppo di capacità per rispondere a diversi livelli su tutti i rischi naturali tecnologici e rilevanti Trasporto di merci pericolose e identificazione di azioni pertinenti per informare i gruppi rilevanti Sviluppare misure coordinate appropriate di pianificazione spaziale in aree geograficamente sensibili Sviluppo di misure per affrontare e sensibilizzare sul cambiamento climatico e promozione di politiche di adattamento e mitigazione Sviluppo di strategie per prevenire e ridurre le alluvioni 2. Gestione delle acque. Migliorare la qualità della fornitura e trattamento delle acque, inclusa la cooperazione nel campo di gestione delle acque Supporto di approcci integrati, sostenibili e partecipatori alla gestione delle acque marine ed interne, incluso infrastrutture acquatiche Sviluppo di ecosistemi basati su un approccio per alla gestione sostenibile dei mari. La gestione delle zone costiere e la raccolta dei benefici del mare 4

5 Adattamento agli effetti del cambiamento climatico relativo alla gestione dell acqua. 3. Prevenzione e gestione dei rifiuti. Passaggio verso una società del riciclo aumentare le politiche e metodi di gestione dei rifiuti -sviluppo di guide pratiche per integrare la gestione locale dei rifiuti. Sviluppare soluzioni innovative per lo smaltimento dei rifiuti come parte del sistema di gestione sostenibile regionale dei rifiuti. Riutilizzo di discariche e siti di smaltimento rifiuti. 4. Biodiversità e preservazione del patrimonio naturale. Assicurare la generale coerenza ecologica e azioni incisive (specialmente all interno della rete NATURA 2000) Sviluppare meccanismi di gestione (inclusa la gestione dei piani ove necessario) relativamente ai luoghi designati come aree speciali di conservazione Promuovere piani di azione di specie o habitat che fissano la gestione delle priorità per le specie di NATURA 2000 nel loro intero campo naturale dell Unione europea Assicurare la coerenza generale della rete NATURA 2000 Migliorare la qualità dell aria. 5. Energia e trasporto sostenibile. Passaggio a un economia a bassa emissione di anidride carbonica, inclusa l informazione a clienti industriali, fornitori di servizi e cittadini su tematiche relativamente al come ridurre il consumo di energia Trasferimento di conoscenze che riguardano campagne di lungo periodo sull efficienza energetica, inclusa l efficienza nelle costruzioni, principalmente costruzioni pubbliche Scambio e trasferimento di conoscenza su meccanismi per stimolare investimenti nella produzione di energia rinnovabile così come i progetti di efficienza energetica Adattamento di strategie ambientali sostenibili nel settore dei trasporti Promozione di un minore consumo di veicoli e la nuova propulsione di tecnologie per ridurre le emissioni. Promozione dell utilizzo di migliori modi collettivi e non motorizzati, insieme a schemi di gestione della mobilità Migliorare i sistemi di informazione per una migliorare gestione del traffico e migliorare il monitoraggio dei dati. 6. Patrimonio culturale e paesaggistico. Protezione e valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico Sviluppo di approcci innovativi per la protezione del suolo e la riabilitazione delle terre contaminate ed aree dismesse Supporto di gestione del rischio nel campo del patrimonio culturale e paesaggistico (sia nel contesto rurale che urbano) Supporto allo sviluppo turistico con particolare attenzione ad aspetti di sostenibilità integrata Promozione di aspetti culturali come potenziale per lo sviluppo economico delle regioni 5

6 Beneficiari ASSE 1: Autorità pubbliche regionali e locali, agenzie di sviluppo regionale, università, istituti di ricerca e conoscenza e istituti di istruzione superiore, operatori di parchi scientifici e tecnologici, incubatori di imprese e centri di innovazione, altri attori di supporto alle imprese e organizzazioni che rappresentano le comunità di imprese, specialmente relative alle PMI, altre autorità pubbliche o organismi di diritto pubblico che dimostrino di avere rilevanza nello sviluppo dell innovazione regionale e dell economia basata sulla conoscenza. ASSE 2: Autorità pubbliche regionali e locali, istituzioni di protezione della natura, servizi di emergenza e altri organismi di gestione del rischio, Autorità del trasporto pubblico, Autorità responsabili per la protezione del patrimonio culturale e paesaggistico, Autorità nel campo del turismo, Università, Istituti di ricerca e conoscenza e istituti di istruzione superiore, altre autorità pubbliche o organismi di diritto pubblico che dimostrino di avere rilevanza nel campo dell ambiente e di prevenzione del rischio. Aree ammissibili Le attività di cooperazione supportate dal Programma Operativo coprono l intero territorio dell Unione europea. In aggiunta Norvegia e Svizzera sono chiamati a partecipare. Possono partecipare alle azioni anche altri paesi al di fuori dell Unione europea con una percentuale di co-finanziamento non superiore al 10% (zone di flessibilità) Modalità di gestione 6 - L Autorità Unica di Gestione del Programma Operativo di cooperazione interregionale Interreg IV C è il Consiglio Regionale del Nord Pas de Calais, Francia. - Autorità di Certificazione è la Cassa depositi e prestiti in Francia. - Autorità di Audit è rappresentata dal Comitato interministeriale per il Coordinamento di controlli sui Fondi Strutturali Europei in Francia. - Il Comitato di Controllo è così composto: - da più di due rappresentanti per i seguenti paesi: 27 paesi UE, Norvegia e Svizzera. - rappresentati della Commissione europea, del Comitato delle regioni (CoR), dell Autorità di Gestione, del Segretariato tecnico e dove necessario, dell Autorità di Certificazione e dell autorità di Audit, con funzioni consultive. - Il segretariato tecnico congiunto, con sede a Lille, Francia. - Punti di contatto nazionale, (per i paesi Cipro, Grecia, Italia, Portogallo, Spagna e Malta), con sede a Valencia (Spagna): Amparo Montán Montesinos ( Tel: +34 (0) ). Finanziamento L importo complessivo previsto per il programma Interreg 4C è di di Euro Prevede una partecipazione a titolo FESR di di Euro.

7 Il contributo nazionale è di di Euro. Le attività sono finanziate dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) in misura pari al 79%, così ripartiti: - Asse 1 e 2: massimo il 75% per Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Regno Unito;,massimo l 85% per Bulgaria, Repubblica Ceca, Cipro, Estonia, Grecia, Ungheria, Lituania, Letonia, Malta, Portogallo, Romania, Slovacchia e Slovenia; massimo il 50% per la Norvegia e Svizzera. - Asse 3: 70% per tutti i Paesi Membri Procedure Le procedure per la selezione dei progetti prevedono: Progetti di Iniziativa Regionale Progetti di Capitalizzazione Progetti Fast Track PROGETTI DI INIZIATIVE REGIONALI I progetti di iniziative regionali ha lo scopo di sviluppare la cooperazione interregionale classica. L obiettivo di questo tipo di intervento è di aiutare gli attori a livello regionale e locale per iniziare i progetti di cooperazione con i partner di differenti paesi dell Unione Europea. Tali progetti dovrebbero riferirsi a una questione di politica regionale di rilevanza condivisa per tutti i partner coinvolti, nell ambito dello scopo tematico del Programma in oggetto. Le attività possono includere lo scambio di esperienze, conoscenza e buone pratiche, al fine di sviluppare nuovi strumenti e approcci. Il processo di candidatura e selezione dei progetti, può svilupparsi secondo un approccio a una o due fasi. La scelta spetta al Comitato di monitoraggio. Nell approccio ad una fase, il capo fila presenta un progetto completo da subito. Nellapproccio a due fasi invece, il Comitato di Monitoraggio decide se seguire un ulteriore domanda basata su un primo profilo dei principali elementi del progetto, presentati dal capo fila. CAPITALIZZAZIONE, INCLUSI I PROGETTI FAST TRACK I progetti di capitalizzazione contribuiscono al trasferimento dei risultati e degli strumenti sviluppati. Le attività di capitalizzazione ottimizzano i risultati raggiunti in un specifico campo di politica di sviluppo regionale. Consistono nel riunire, analizzare e disseminare le pratiche nella aree politiche in questione. Uno dei risultati attesi di queste attività è il trasferimento di buone pratiche identificate nelle regioni di Convergenza, Competitività regionale e Occupazione e dei programmi europei di cooperazione territoriale al fine di migliorare le loro politiche e i programmi. I progetti di capitalizzazione mirano al diretto trasferimento tecnologico di una specifica buona pratica di politica regionale a una o più regioni al fine di migliorare uno specifico campo, specialmente in termini di implementazione nell ambito della Convergenza, Competitività regionale e Occupazione o programmi europei di cooperazione territoriale. I risultati attesi saranno piani di azioni dettagliati per la partecipazione delle regioni. Indirizzi di riferimento Maggiori informazioni sul programma operativo e sulle novità sono reperibili al seguente indirizzo: 7

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale Area tematica Politica regionale Obiettivi Il programma rientra nell'obiettivo Cooperazione territoriale dei Fondi Strutturali 2007-2013

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 Finalità: Obiettivo generale Accrescere la competitività e l attrattività dell area di cooperazione sviluppando azioni comuni in tutti i campi che richiedono

Dettagli

STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO

STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO Case Id: 26c91486-b59d-4b3f-9ccd-ae0238a073a4 STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO Fields marked with are mandatory. L'obiettivo generale

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016 Politica di coesione 2014-2020 Gli obiettivi di Europa 2020 Crescita intelligente, sostenibile e inclusiva Crescita e occupazione Cambiamenti climatici e sostenibilità

Dettagli

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011 Gioventù in Azione 2007-20132013 INIZIATIVE GIOVANI Agenzia Nazionale per i Giovani Priorità ed obiettivi del programma Obiettivi Cittadinanza attiva Solidarietà e tolleranza tra i giovani Comprensione

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Informazioni generali e stato di attuazione 1. Le finalità Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 fa parte nella componente di cooperazione

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 QUANTO VALE IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 POR FESR 231.509.780 50% 50% UE STATO LA STRATEGIA DEL POR FESR ABRUZZO 2014-2020 Europa 2020 Obiettivi tematici Sviluppo Locale

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE Pubblicato il Bando per la presentazione di proposte relativo al Programma Socrates a sostegno del settore dell'istruzione Obiettivi

Dettagli

Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato

Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Lucca, 25 febbraio 2012 Anno Europeo del Volontariato Volontariato: Libera scelta Libera

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo Regione Piemonte, Settore Programmazione Macroeconomica Biella, 28 gennaio

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI ALLEGATO B Compilare l atto di candidatura, stamparlo, firmarlo ed inviarlo all Agenzia Nazionale LLP Italia per posta, o a mezzo fax nelle modalità specificate nell Invito a presentare candidature ESPERTI

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Interreg Europe Bologna, 27 novembre 2014 L area di Programma Programma Interreg Europe OBIETTIVO GENERALE Contribuire al rafforzamento delle politiche

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE. Formazione oltre i confini per crescere insieme

AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE. Formazione oltre i confini per crescere insieme AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE Formazione oltre i confini per crescere insieme SELEZIONE CANDIDATURE PAESE SELEZIONE CANDIDATURE FORMAZIONE FRANCIA 12 3 Formazione Esabac 3 Formazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA PER I CITTADINI

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA PER I CITTADINI Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-: : i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA PER I CITTADINI EUROPA PER I CITTADINI 2014- Obiettivo generale:

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

Trasporto Pubblico Sostenibile a Trieste SETTIMANA MOBILITA SOSTENBILE 2014

Trasporto Pubblico Sostenibile a Trieste SETTIMANA MOBILITA SOSTENBILE 2014 Trasporto Pubblico Sostenibile a Trieste SETTIMANA MOBILITA SOSTENBILE 2014 TRIESTE TRASPORTI PER UNA CITTA PIU SOSTENIBILE LIBRO BIANCO ENERGIA Il sistema dei trasporti non è sostenibile. Se ci proiettiamo

Dettagli

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI I. INTRODUZIONE Il presente Allegato integra le regole relative all uso del contributo nell ambito delle differenti categorie di spesa applicabile al Progetto

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 21/VIII/2007 C(2007) 3926 def. DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 21/VIII/2007 recante applicazione della decisione 2007/435/CE del Consiglio per quanto riguarda

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

Programma Erasmus+ Azione KA 1 a.s. 2015/2016

Programma Erasmus+ Azione KA 1 a.s. 2015/2016 Programma Erasmus+ Azione KA 1 a.s. 2015/2016 Erasmus+ 2015/16 Documenti ufficiali e Moduli Regolamento Ue 1288/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio Invito a presentare proposte in Erasmus+ 2015

Dettagli

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale LOGO MLPS/MIUR ALLEGATO B N di Protocollo ATTO DI CANDIDATURA ESPERTI INDIPENDENTI NEL QUADRO DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME: NOME(I): DATA DI NASCITA (GG/MM/AAAA): / /

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Programma «Europa per i Cittadini 2014-2020»

Programma «Europa per i Cittadini 2014-2020» Programma «Europa per i Cittadini 2014-2020» Firenze - maggio 2016 Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point MIBACT Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Il Programma Europa per i

Dettagli

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020 La cooperazione al cuore del Mediterraneo Carta d identità Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana,

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Erasmus per giovani imprenditori

Erasmus per giovani imprenditori Erasmus per giovani imprenditori Il nuovo Programma di scambio Europeo É un programma di scambio che offre agli aspiranti imprenditori la possibilità di lavorare a fianco di un imprenditore esperto nel

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla Commissione

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) Identificativo Ente Dati anagrafici Cognome e Nome 1.. Nome Università/Ente.. Area didattica. 2a) FESR La proposta di Regolamento

Dettagli

La certificazione AEO, un biglietto da visita per gli operatori doganali

La certificazione AEO, un biglietto da visita per gli operatori doganali La certificazione AEO, un biglietto da visita per gli operatori doganali Roma 19 marzo2009 Dott. Giovanni MOSCA - Ufficio tecnologie e supporto dell attività di verifica Passi necessari per divenire un

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 Premessa La regione Puglia, in linea con gli indirizzi per lo sviluppo delle politiche comunitarie nei suoi tre

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio).

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio). ESTRATTO DELL ALLEGATO VI HANDBOOK ERASMUS A.A. 2008/2009 Estratto della Guida per le Agenzie Nazionali per l implementazione del Programma LLP, dell Invito a presentare proposte 2008 e della Guida del

Dettagli

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 La gestione dei PFU nei Paesi europei Un analisi esaustiva e aggiornata dei flussi di pneumatici usati e in Europa, riferita a statistiche ufficiali

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità

Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità COMMISSIONE EUROPEA COMUNICATO STAMPA Strasburgo/Bruxelles, 19 novembre 2013 Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità Erasmus+,

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Possibilità di finanziamento per le imprese LIFE+ Programma Cip: EIE ICT PSP ENPI

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020 Tavolo di partenariato dei programmi CTE 014-00 Secondo incontro dedicato ai programmi Cooperazione transnazionale MED Cooperazione transfrontaliera Italia-Slovenia Cooperazione interregionale Interreg

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte Torino, 19 gennaio

Dettagli

MIGLIORARE LA SOSTENIBILITA COSTIERA

MIGLIORARE LA SOSTENIBILITA COSTIERA MIGLIORARE LA SOSTENIBILITA COSTIERA GUIDA 2 Scambio di esperienze attraverso buone pratiche del progetto SUSTAIN OTTOBRE 2012 1 IL PROGETTO SUSTAIN RINGRAZIAMENTI 2 INTRODUZIONE 3 Schiermonnikoog (PAESI

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA.

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. COME STUDIARE ALL ESTERO Per studiare all estero, le università italiane, in accordo con i progetti europei e con i trattati internazionali, rendono

Dettagli

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO CHI SIAMO Vendor propone soluzioni di Efficienza Energetica e Finanziaria per le imprese private e pubbliche, avvalendosi di un team composto da professionisti con esperienza decennale nel settore. In

Dettagli

Informest 2020 al servizio del territorio

Informest 2020 al servizio del territorio Informest 2020 al servizio del territorio Auditorium Regione Friuli Venezia Giulia Udine, via Sabbadini, giovedì 8 gennaio 2015 Sandra Sodini Dirigente Area Cooperazione Economica Internazionale, Informest

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Aalborg Commitments e Turismo Sostenibile: idee progetti iniziative delle destinazioni turistiche italiane Venerdì 6 giugno 2008 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Direzione Salvaguardia Ambientale

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

ROVINCIA DI PAVIA. Codice Fiscale - 80000030181 Settore Organizzazione interna, Promozione della comunità e del territorio

ROVINCIA DI PAVIA. Codice Fiscale - 80000030181 Settore Organizzazione interna, Promozione della comunità e del territorio ROVINCIA DI PAVIA Codice Fiscale - 80000030181 Settore Organizzazione interna, Promozione della comunità e del territorio PROGRAMMA INTERREG CENTRAL EUROPE 2014-2020: INVITO A PRESENTARE PROPOSTE (termini

Dettagli

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Documento in aggiornamento PROGRAMMA ALPINE SPACE Autorità di Gestione: Land Sazburg(A)

Dettagli

OPPORTUNITA EUROPEE SUL TEMA DEL WASTE MANAGEMENT

OPPORTUNITA EUROPEE SUL TEMA DEL WASTE MANAGEMENT OPPORTUNITA EUROPEE SUL TEMA DEL WASTE MANAGEMENT D.ssa Alessandra Risso Responsabile coordinamento acquisizione finanziamenti e sviluppo progetti europei, Antenna ED Settore Acquisizione Finanziamenti

Dettagli

I sistemi pensionistici

I sistemi pensionistici I sistemi pensionistici nei Paesi membri Comitato Esecutivo FERPA Bruxelles, 24/02/2012 Enrico Limardo Paesi coinvolti nella ricerca Austria Francia Italia UK Spagna Portogallo Germania Romania Belgio

Dettagli

COSME 2014-2020. Fonte GUCE/GUUE L 347/33 del 20/12/2013. Ente Erogatore Commissione europea

COSME 2014-2020. Fonte GUCE/GUUE L 347/33 del 20/12/2013. Ente Erogatore Commissione europea COSME 2014-2020 Titolo Regolamento (UE) N. 1287/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell`11 dicembre 2013 che istituisce un programma per la competitività delle imprese e le piccole e le medie

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ADRIATICO IPA

PROGRAMMA OPERATIVO ADRIATICO IPA PROGRAMMA OPERATIVO ADRIATICO IPA Finalità: Obiettivo generale Rafforzamento delle capacità dello sviluppo sostenibile della regione Adriatica attraverso una strategia concordata di azione tra i partners

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE parte riservata: CODICE data Alla Direzione Patrimonio Immobiliare Appalti Ufficio Acquisti richiedente struttura RITENUTE l inserimento Si chiede cortesemente di provvedere

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Base giuridica Oggetto (obiettivo generale) Con decisione C/2008/7336 il 27 novembre 2008 la Commissione Europea ha approvato

Dettagli

SEMINARIO FONDI STRUTTURALI DELL UE: Focus su Bulgaria, Croazia, Romania, Slovenia e Ungheria. Loggia dei Mercanti, Ancona 4 febbraio 2016

SEMINARIO FONDI STRUTTURALI DELL UE: Focus su Bulgaria, Croazia, Romania, Slovenia e Ungheria. Loggia dei Mercanti, Ancona 4 febbraio 2016 SEMINARIO FONDI STRUTTURALI DELL UE: Focus su Bulgaria, Croazia, Romania, Slovenia e Ungheria Loggia dei Mercanti, Ancona 4 febbraio 2016 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 BUDGET ASSEGNATO: circa 33 miliardi di

Dettagli

La cooperazione territoriale europea. nella programmazione comunitaria 2014 2020

La cooperazione territoriale europea. nella programmazione comunitaria 2014 2020 La cooperazione territoriale europea nella programmazione comunitaria 2014 2020 Componenti della cooperazione territoriale europea Transfrontaliera promuove lo sviluppo regionale integrato fra regioni

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

Regione Marche. EURES http://eures.europa.eu

Regione Marche. EURES http://eures.europa.eu EURES http://eures.europa.eu Urbino, 17 aprile 2012 EURES= EURopean Employment Services Rete europea di cooperazione tra la Commissione europea, i Servizi Pubblici per l Impiego degli Stati membri e altre

Dettagli

CROAZIA: FONDI EUROPEI PER 2014-2020 INVITI A PRESENTARE PROPOSTE PER LE PMI NEL 2015

CROAZIA: FONDI EUROPEI PER 2014-2020 INVITI A PRESENTARE PROPOSTE PER LE PMI NEL 2015 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia CROAZIA: FONDI EUROPEI PER 2014-2020 INVITI

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Fondi FESR 2014-2020 L edilizia nel contesto europeo Gli undici

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Cagliari, T Hotel 10 giugno 2009 La cooperazione transfrontaliera All interno dell Obiettivo CTE, l intervento FESR

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO MED Cooperazione Territoriale Transnazionale 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO MED Cooperazione Territoriale Transnazionale 2007-2013 1 PROGRAMMA OPERATIVO MED Cooperazione Territoriale Transnazionale 2007-2013 OBIETTIVI L'obiettivo del programma Med, finanziato con fondi FESR è quello di far divenire l'intera area Mediterranea un territorio

Dettagli