Mezzi e fini della moneta

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mezzi e fini della moneta"

Transcript

1 Premessa Tale dossier, realizzato esclusivamente per l'avvio di un percorso di approfondimento sulle monete complementari promosso dal DES di Padova, vuole stimolare l'interesse per una una tematica che, a partire da una riflessione sui limiti della moneta così come è concepita all'interno dell'attuale economia di mercato, nella sostanza si ripropone di recuperare la dimensione relazionale nei meccanismi di scambio che caratterizzano le comunità umane. Questo lavoro è frutto dell'impegno di: Maria Eugenia Pesce (ricercatrice argentina, attualmente in stage presso BpE), Riccardo Milano (Area Socio Culturale di BpE) e Federico Zoppei (Ufficio Sviluppo Strategico di BpE). Si ringraziano inoltre tutte quelle persone che a vario titolo hanno sperimentato, studiato, utilizzato e scritto sulle monete complementari, senza le quali questa sintesi non sarebbe stata possibile. Monete complementari Sono strumenti di scambio che si affiancano alle valute ufficiali, solitamente senza sostituirle. Si possono utilizzare per acquistare beni o servizi e solitamente hanno un corso in territori delimitati. Il loro corso non è legale perché non vengono emesse dallo Stato. Per la loro circolazione basta che si crei un circuito di persone che accettino tali monete come forma di pagamento e vi ripongano fiducia. Il termine complementare delle monete si riferisce al rapporto fra moneta ufficiale e monete non ufficiali. Il legame tra moneta e comunità è un legame concreto e simbolico. Da questa idea si intuisce che le monete complementari si legano alla dimensione territoriale. Infatti, le comunità non sono semplicemente definite da un territorio, ma, più precisamente, sono in un rapporto con il territorio. Anche le monete sociali sono unificate al concetto di solidarietà, giacché, per essere tale, devono integrare gli aspetti comunitari e locali. Nella misura in cui una moneta complementare è una moneta solidale, essa diventa anche una moneta sociale. In questo senso le MC possono essere interpretate come strumenti di rafforzamento di comunità dotate di una certa articolazione interna e, dunque, di un principio di decisione del lavoro. La MC non è per costruire comunità, ma è piuttosto una via per rafforzare e rendere più emblematico e simbolicamente visibile il legame sociale e di solidarietà fra i membri di una comunità sul piano degli scambi. Mezzi e fini della moneta - Come mezzo: questa idea fa riferimento alla possibilità di effettuare un pagamento; è in gioco la spendibilità privata della moneta. Nel caso delle monete, si presume (o si dà per scontato) da una parte la legittima cessione della moneta e, dall'altra, la legittima acquisizione di moneta da parte delle persone che appartengono a una comunità. Quindi l elemento strutturale è la circolazione; il risvolto politico-gestionale è quello dell incentivazione della circolazione e, dunque, dei limiti all accumulabilità della moneta. 1

2 - In relazioni ai fini: la moneta appare come una misura. Non è qualcosa di privato, ma di eminentemente pubblico. Gli elementi strutturali nell idea di misura sono connessi al controllo e governabilità di detta stabilità. Essa consente la realizzazione preventiva di un equilibrio fra tutti i partecipanti a un sistema di scambio ed è al servizio del clearing che, inteso come effettuazione periodica della chiusura dei conti monetari, rende possibile una delle condizioni fondamentali per l esistenza delle monete complementari, cioè il fatto che esse non possano essere considerate come uno strumento per l'accumulazione di posizioni, di pressione economica e per la conseguente perpetuazione di squilibri fra i partecipanti alla comunità di scambio. In altre parole: il clearing come fini consente alla MC di funzionare come mezzo di scambio, ma non come riserva di valore. In sintesi, gli elementi di connessione tra fini e mezzi: - limiti all accumulabilità (via negativa sul fronte ai mezzi) - clearing (via positiva sul fronte dei fini) Funzioni della moneta Misura di valore Mezzo di scambio Riserva di valore 1 Che cosa può pagare e dove? Quanto può acquistare, quando è spesa? In che misura può essere conservata, se non è spesa? In nome del quale avvengono gli scambi all'interno di una comunità. È qualcosa che serve unicamente come mezzo di scambio. Qualcosa che non può sostituire in nessun caso una riserva di valore. Per descrivere l'utilizzo nella sintesi tra mezzo di scambio e di riserva di valore, è opportuno far riferimento a regole inerenti: a) La procedura di emissione (emissione) b) L accettabilità per il pagamento di acquisti e per l estinzione di debiti (accettazione) c) Il Tasso di conversione in valuta legale (convertibilità) d) La conservazione del valore nel tempo (accumulabilità - dimissione) a) Emissione Si ha secondo diverse modalità: 1. Monete dotate di copertura: è sulla base di una garanzia. Le riserve hanno diverse forme (titoli ad elevata liquidità: buoni postali o buoni del tesoro). 1 L accumulazione di un valore che non viene immediatamente usato. Questa funzione ha però, al contrario della prima, un costo sociale rilevante, in quanto l accumulazione comporta l indisponibilità del denaro per l uso come strumento di scambio da parte di tutti. 2

3 2. Monete fiduciarie: senza copertura, come nel caso delle monete complementari. Mancanza di copertura non significa mancanza di supporto al valore di una moneta. Questo dipende piuttosto della spendibilità più che dalla convertibilità. 3. Moneta scritturale di tipo bancario: per l'acquisti di beni e servizi (credito commerciale); per l'avvio di nuove imprese (credito all investimento). Si ha propriamente emissione di moneta, in quanto tale, solo quando sia definito il rapporto fra un mezzo di scambio e un unità di conto. La peculiare unità di conto adottata costituisce un ulteriore criterio di differenziazione delle monete complementari, rispetto all emissione monetaria. Di solito, le monete complementari hanno un rapporto di cambio fisso con la moneta ufficiale. Unità di conto Valuta nazionale Tempo Merce Combinazioni Nuova unità di conto b) Accettazione (valore interno) Una moneta deve avere ben definito il suo ambito di circolazione e le restrizioni possono essere spaziali o funzionali. Le MC sono generalmente caratterizzate da un ambito di circolazione circoscritto rispetto alle monete ufficiali. Ancora, per la loro accettazione, occorre che sia in vigore un regime di definizione dei prezzi, sulla base del quale risulterà quantitativamente determinato il valore interno della moneta in questione. Accettazione (valore interno) Restrizioni: - territoriali - spaziali - funzionali - quantitative (percentuale o importo pagabile in MC) Meccanismi dei prezzi: - mercato - regolazione - abbuono in MC su pagamenti in moneta ufficiale - sconti su acquisti in MC c) Convertibilità Le MC non hanno alcun valore esterno: sia perché è esplicitamente previsto che un partecipante, uscendo dal circuito, rinunci ad ogni credito maturato nei confronti del sistema, sia perché, semplicemente, non è prevista la possibilità di trasferire una posta attività all esterno del circuito, convertendo la MC in moneta ufficiale 2. 2 E il tipico caso delle Banche del Tempo. 3

4 Convertibilità (valore esterno) Conversione non ammessa Conversione imposta a temine fisso Convertibilità consentita - a tasso fisso - a tasso variabile di mercato - a tasso manovrato (pegged exchange) - con sconto Riemissione d) Accumulabilità (valore nel tempo) L'accumulabilità implica una opzione di non utilizzo della moneta, ma che è sempre oggetto di una regola che ne disciplina le condizioni di esercizio. Alcune MC possono essere accumulate indefinitamente, senza alcun limite di tempo o di importo. L accumulazione di crediti da parte degli utenti corrisponderebbe a un accumulazione di debiti in capo all emittente. Per questo motivo, la maggioranza dei sistemi di scambio complementari prevede una limitazione alla possibilità di accumulare la moneta o di conservarla come riserva di valore. Ci sono diverse forme che possono essere assunte da questa limitazione: una consiste nella fissazione di una data di scadenza a partire dalla quale la moneta perde interamente e istantaneamente il suo valore. Un'altra è il decumulo (demurrage in inglese, fonte in francese) che consiste in una decurtazione graduale del valore delle scorte monetarie (o dei saldi contabili positivi, nel caso di una moneta scritturale), secondo una misura prefissata, espressa in termini di una percentuale nell unità di tempo. In altre parole, il sistema del demurrage è in pratica una tassa di possesso comunitaria del denaro che scoraggia l accumulazione e favorisce la circolazione del denaro. Esistono diverse forme di decumulo, secondo la destinazione dell importo stornato: 1- Cancellato: come ipotizzato in un progetto di riforma di una moneta ufficiale. 2- Trasferito a un ente pubblico, o un organo centrale di gestione del circuito, a titolo di imposta, o contributo, per il finanziamento di spese d interesse pubblico. 3- Ridistribuito automaticamente ad altri utenti della moneta, per la loro natura ( per esempio, di organizzazioni non profit). 4- Trasformato in una moneta diversa, e complementare alla prima, destinata ad altri ambiti di spesa o ad altre funzioni. Pertanto queste modalità che pongono un limite alla facoltà di accumulazione rimettono la moneta in circolazione e contribuiscono a chiudere il circuito. Il principio sottostante è, quindi, non tanto la penalizzazione dell accumulo, quanto l offerta di opportunità di spesa per la moneta, in modo che possa conservare la sua liquidità (senza essere conservata essa stessa come liquidità). Accumulazione Accumulo (prestito a interesse) Conservazione Decumulo - cancellazione - trasferimento a un autorità centrale 4

5 - redistribuzione - trasformazione Le monete complementari oggi. Casi in Italia, Europa e gli Stati Uniti In alcuni casi le monete sociali hanno avuto la loro origine durante delle crisi finanziarie, proponendosi come vere e proprie alternative negli scambi di beni e servizi. Così è successo dopo la Grande Depressione (1929) e dopo il tracollo dell'argentina (2001). Spesso sono poi nate per fare ripartire l'economia locale, ossia di un limitato spazio territoriale. Quando in periodi di crisi il denaro da spendere - quello ufficiale - si riduce e la fiducia nel sistema diminuisce, le popolazione ha due scelte: può o conformarsi ed accettare la riduzione del proprio tenore di vita o studiare diversi modi per indurre gli scambi all interno della propria comunità. Il segreto delle monete complementari si radica nella circolazione limitata delle valute alternative: creando una moneta spendibile solo entro determinati confini si stimolano gli scambi all interno di quel mondo e avendo, quindi, la crescita umana ed economica di specifici e limitati contesti. Di seguito si presentano schede informative su alcuni casi (presi ad esempio) di monete sociali in Italia, Europa e negli Stati Uniti. Si è voluto poi alla fine di questo dossier creare un collegamento con le Banche del Tempo in quanto possono rappresentare un ulteriore evoluzione delle potenzialità insite nella relazione tra le persone alla luce di una idea di crescita condivisa: questo si ottiene valorizzando e mobilizzando, in una logica di reciprocità, la ricchezza in capitale umano senza tradurla in strumenti monetari. I T A L I A SCEC - Progetto Solidarietà che Cammina - 1. Descrizione Generale: Non è una moneta in quanto tecnicamente non rappresenta uno strumento alternativo di pagamento all Euro, ma solo un titolo per ottenere una riduzione del prezzo. - Non ha, della moneta, nè i caratteri e nè gli effetti giuridici o economici. - Non è né prestabile nè convertibile, ma ha un rapporto 1=1 con l'euro. - Non ha valore legale. - L accettazione dello sconto da parte del creditore (il venditore) verso il debitore (l acquirente) rappresenta un atto di liberalità (contrattuale se iscritto e fiduciaria se non iscritto) da parte del negoziante allorché decide di aderire al circuito dei Buoni della Solidarietà Che Cammina. - Ogni buono è una percentuale di prezzo pagata (minimo 10%) sul prezzo di un bene e può essere riutilizzato dal commerciante all interno delle imprese, professionisti, produttori ecc. che aderiscono al circuito in tutta Italia. 5

6 - L idea di questo strumento nasce dall osservazione dei meccanismi economici e monetari che sono tutti basati sull indebitamento esasperato e, per questo, portano inevitabilmente alla schiavitù del debitore. 2. Obiettivo: Creare un circuito di produzione locale che abbia come fine quello di trattenere sul territorio la ricchezza che vi è stata prodotta e, nel contempo, creare un modo nuovo di fare impresa che persegua non solo il profitto, ma anche il benessere dell intera comunità in cui è inserita. 3. Emissione: Viene fatta da ArcipelagoSCEC che è il coordinamento nazionale di tutte le Isole regionali che lavorano sul territorio, in base a criteri condivisi e trasparenti che si trovano nel Regolamento di Gestione. I Buoni sono stampati da ArcipelagoSCEC, sono similari a banconote in filigrana. 4. Quadro Normativo: - Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo. - Costituzione italiana: articoli 2, 3, 4 comma 2, 18 comma 1. - A livello fiscale si fa riferimento a quelle riguardanti le riduzioni di prezzo in generale (sconti e abbuoni). - Scambi tra privati, che non hanno obblighi fiscali, fanno riferimento alle Legge n. 53, 8 marzo 2000 (sulle banche del tempo). 5. Stato di Attuazione: nato in aprile In funzionamento. 6. Contesto territoriale di riferimento: le diverse isole : Calabria, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Sicilia, Toscana, Umbria, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Campania. 7. Oggetto dello Scambio: beni e servizi. Progetto LIBRA Descrizione: è un circuito di scambi fra imprese, cittadini e organizzazioni nonprofit. Non vi è nessuna banconota. Lo strumento è una carta in cui si caricano i punti. - Le imprese che partecipano al circuito acquistano la facoltà di assegnare crediti elettronici (bonus) ai propri clienti come buoni sconto o ai propri dipendenti come bonus salariali. - Gli individui che ricevono i crediti entrano a loro volta a far parte del circuito e possono spendere i loro punti (bonus) presso tutte le imprese che aderiscono, costituendo un unico circuito. - I bonus assegnati ai cittadini sono caricati sulla smart card e su un conto nominativo presso un clearing center. Anche le imprese hanno un conto preso il clearing center. Il trasferimento dei punti avviene tramite rete informatica, ossia tramite terminali POS e tramite internet. - I bonus hanno una data di scadenza : periodicamente, una determinata percentuale dei crediti detenuti da ciascun individuo (p. es. il 7% alla settimana) si trasforma in donus. 6

7 - questi donus restano in possesso del cittadino, ma non possono essere più spesi nelle imprese; possono soltanto essere donati alle ONG s che aderiscono al circuito. - Il cittadino ha la libertà di scegliere l organizzazione cui donare, il tempo e il quantitativo della sua donazione. - Con questo progetto si offre anche un sistema di promozione alle organizzazioni Non Profit. 1. Obiettivo: sostegno della domanda e dell occupazione senza ricorrere alla spesa pubblica; finanziamento alle organizzazioni non profit; rafforzamento dei legami economici e sociali 2. Emissione: i bonus sono emessi da un clearing center che li accredita alle imprese dietro versamento di un deposito cauzionale in euro; in tal modo, il valore complessivo della moneta complementare circolante è sempre interamente coperto da una riserva in moneta legale.. 3. Quadro normativo: - Legislazione sul Lotto: - Legge 449/97, art. 19: - Dpr 430/2001 sulle manifestazioni a premio (e relativa circolare attuativa del Ministero delle Attività produttive). 4. Stato di attuazione: Progetto. 5. Contesto territoriale di riferimento: comunità locali. 6. Oggetto dello scambio: beni e lavoro. 7

8 G E R M A N I A Chiemgauer Regio 1. Descrizione: Il Regio è complementare all'euro. Non è un sistema per sostituirlo. Per questo motivo si parla di valuta complementare e non alternativa. - Ha un valore di cambio di 1=1 con l Euro. - È formato da banconote da 1, 2, 5, 10, 20 e Ogni tre mesi perde il 2% del suo valore e alla fine del anno (364 giorni) non vale più come mezzo di pagamento e dev'essere riconvertito in Euro. Nel momento della riconversione viene assoggettato ad una tassa del 5%. - ad esempio, chi cambia 100 chiemgauer riceve 95 Euro; dei 5 restanti 2 coprono le spese sostenute per l Associazione (la stampa delle banconote) e 3 vanno a beneficio delle organizzazioni Non Profit. - La persona che cambia i chiemgauer sceglie la destinazione e i 3 Euro di cui sopra. 2. Obiettivo: promuovere lo sviluppo regionale attraverso mezzi complementari di pagamento basati sull incentivo alla circolazione. Si includono le iniziative di commercializzazione regionale dei cibi freschi, le cooperative che promuovono l'energia rinnovabile, la gestione locale dell acqua potabile e dei servizi fognari, un maggior rapporto tra produttori e consumatori, servizi migliori offerti da artigiani e piccole imprese ed un nuovo senso di appartenenza alla comunità. 3. Emissione: l Associazione provvede a stampare la moneta regio (banconote) e a distribuirla ai punti di vendita che sono banche, sportelli di enti pubblici ecc. 4. Quadro normativo: s/d. La Bundesbank germanica considera legali queste monete locali dal momento che fisicamente non assomigliano all Euro; solo un loro aumento massiccio potrebbe disturbare la politica monetaria. Attualmente il loro valore totale (sempre in Germania) è stato stimato in , Stato di attuazione: lanciato nel Attivo. 6. Contesto territoriale di riferimento:regione della Bavaria, Germania. (Link che rimanda ai progetti attivi e quegli in iniziativa: 7. Oggetto dello scambio: beni e servizi. 8

9 S T A T I U N I T I Ithaca Hours 1. Descrizione: Sono banconote complementari - Valgono 10 Dollari, l equivalente teorico di una ora di lavoro. Tutte le frazioni dell ora sono equivalenti alle divisioni di $ Le imprese possono accettarle come percentuale di vendita o specificare il massimo importo di Hours per ciascuna vendita. Si suggerisce ai negozi di poter accettare le Hours come percentuale minima all acquisto aumentando la quota fino a quando s'impara a spendere di più. - Nel sistema Hours non ci sono rischi e si può abbandonare il sistema in qualsiasi momento. - Qualsiasi persona che voglia registrare i propri beni o servizi nel bollettino delle Ithaca Hours diventa un finanziatore pubblico della moneta e riceve una piccola somma di moneta locale in contanti per il servizio reso a questo sistema. - Le Hours vengono emesse come donazioni a organizzazioni della comunità locale. Le Hours possono essere donate anche al governo locale per svolgere mansioni di interesse pubblico senza che vengano aumentate le tasse. Per aiutare la circolazione della moneta locale, le Ithaca Hours possono essere acquistate in dollari. 2. Obiettivo: il progetto è nato per contrastare il monopolio di Wall Mart e favorire la produzione locale. 3. Emissione: vengono stampati 4. Quadro normativo: s/d. 5. Stato di attuazione:. Attivo. 6. Contesto territoriale di riferimento: Arizona, California, Colorado, Florida, Hawaii, Indiana, Kansas, Kentucky, Maryland, Massachusetts, New York, Oregon, Pennsylvania, Texas, Vermont, Washington, Wisconsin. 7. Oggetto dello scambio:beni e servizi. 3 All'origine di questa moneta complementare, nel 1991, l ora pro-media del salario nello Stato di Tompkings era di $10; per questo motivo è stato deciso che un ora avrebbe avuto il valore di $10. 9

10 Banche del Tempo La Banche del Tempo si basano sullo scambio di tempo. Nascono con l obiettivo di mettere in contatto persone con disposizione a scambiare servizi, conoscenze, ecc., non facendo uso del denaro, bensì scambiando il proprio tempo tra persone che hanno bisogni e persone che hanno disponibilità. Lo scopo è di creare anche legami di reciprocità a partire della solidarietà. Descrizione: - Regolazione: per mezzo di un "libretto degli assegni" (su cui si segnano le ore prestate e quelle ricevute) e di un estratto conto periodico gestito dalla Banca. - Unità di misura: il tempo. Si misura in ore o in mezze ore (di sessanta minuti). È uguale per tutti, indipendentemente dalla classe sociale di appartenenza, dalla professione, dalle condizioni economiche delle singole persone: un'ora di cucito equivale a un'ora di ripetizioni d'inglese, un'ora di giardinaggio è pari ad una d'informatica ecc. La BdT agisce da intermediario e mette in contatto tra di loro gli aderenti. Quindi, chi ha bisogno di ricevere una prestazione si mette in contatto con essa che inoltra la sua richiesta all aderente che offre quella prestazione e facilita l incontro fra i due. - Funzionamento: L'iscrizione presso la Banca del Tempo avviene compilando una domanda d'iscrizione che, una volta accettata dalla banca, consente di diventare socio. Il versamento della quota di iscrizione annuale è di pochi euro (solitamente comprensiva di assicurazione). Dopo l'iscrizione al nuovo associato viene intestato un regolare conto corrente-tempo. Chi ha offerto un servizio acquisirà un credito di ore e sarà in grado di spenderle ricevendo altri servizi. Quando un aderente riceve una prestazione paga con un assegno tempo la persona da cui ha ricevuto quella prestazione indicando nell assegno il numero di ore e la causale del pagamento. La contabilità avviene tramite un libretto di assegni-tempo consegnato a ciascun aderente sul quale è possibile annotare nella matrice la causale del pagamento. Chi riceve l assegno deve versarlo alla BdT in modo da permettere alla segreteria di aggiornare la situazione del suo conto corrente. La BdT provvede a segnare i crediti (le ore date) e i debiti (le ore ricevute) e periodicamente emette un regolare estratto conto che può essere richiesto in qualsiasi momento. Il tempo massimo di debito è fissato in trenta ore, che può essere superato previa valutazione della segreteria. Per le ore di credito non c'è un tetto massimo, ma è lasciato al buon senso di ciascuno. Obiettivo: promuovere lo scambio di saperi, abilità, conoscenze con lo scopo di attivare rapporti e relazioni reciproche e solidali, utilizzando il tempo come misura della loro valorizzazione. Ancora, favorire l uso del tempo individuali per cause solidali, inclusione sociale (attraverso i rapporti umani favoriti), valorizzazione delle competenze di donne e uomini. Quadro Normativo: - Legge n. 142/ Legge n. 241/1990 (e successivi decreti della Bassanini ). - Legge n. 125/1991 (e successive modificazioni). - Decreto Legge n. 29/ Decreto Legge n. 114/1998 (Disciplina del settore del commercio). 10

11 - Legge n. 53/2000. Provvedimenti LEGISLATIVI di applicazione L. 53/2000: 1) Regolamento interministeriale "attuazione art. 4". 2) Decreto interministeriale per "attuazione articolo 9". 3) Decreto Legge n. 151/3/2001 "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e di sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'art. 15 legge 53/2000". Legge n. 328/2000 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali (o Legge sull assistenza)". Contesto di riferimento: In generale funzionano nel ambito di una città o di un paese (ambiti territoriali ridotte). Oggetto dello scambio: Attività, servizi e saperi In Italia, le esperienze delle Banche del Tempo sono molto diffuse e tutte hanno più meno lo stesso funzionamento. Il sito (Osservatorio nazionale sulle banche del tempo) fornisce un elenco con tutti i casi presenti sul territorio con una descrizione generale del loro funzionamento, unità di misura, ecc. 11

12 Bibliografia Fantacci Luca e Amato Massimo: Monete Complementari per i DES. - Progetto Equal Nuovi Stili di Vita Fantacci Luca e Amato Massimo: Progetto Libra Srl Business Plan. Libra Srl, Milano, Giugno Documentazione e fonti pubbliche in progetto depositato c/o Ufficio Sviluppo Strategico BpE Lietaer Bernard e Hallsmith Gwendolyn Guida alle monete comunitarie. Traduzione ed adattamento in italiano a cura di magius - Meggiolaro Mauro e Tramonto Elisabetta, Dossier di Rivista Valori, Anno 4, N 45, Dicembre 2006-Dicembre 2007; dossier Moneta e monete: un mezzo, non un fine Rvista Valori, Anno 9, N 70 Giugno 2009 Pittau Maurizio: Economie senza denaro. I sistemi di scambio nell'economia di mercato. Emi, Bologna 2003 Progetto RES. Documento programmatico della Rete di Economia Solidale - 10 dicembre Scaricato da In Settembre Siti web d interesse Moneta complementare e informazione: Dati Anagrafici di Banche del tempo International Journal of Community Currency Research The online forum for disseminating knowledge about community and complementary currencies around the world. These new systems of exchange aim to promote local economic development, build social capital, nurture more sustainable lifestyles and meet needs which mainstream money does not. 12

13 Teoria delle monete complementari dossier Monete Complementari Access Foundation Alleanza di monete comunitarie per società sostenibili (ING) Bernard A. Lietaer autore della Guida alle monete comunitarie, sito dedicato all'attuale crisi economica e le possibili soluzioni (ING) Beyond money sito dedicato alla liberazione dalla moneta e dal credito e dal ripristino della proprietà comune (ING) CCRC Complementary Currency resource Center (ING) Local and Interest-Free or Alternative Currencies Social Credit, Social Lending and Microcredit (ING) Margrit Kennedy sito dedicato alle monete locali dall autrice di numerosi studi sull argomento (ING) Reinventing money sito americano gestito dall economista Thomas H. Greco, esperto in monete complementari (ING) Valuta locale Monete complementari in italia e nel mondo Berkshares Moneta locale - regione del Berkshire negli USA (ING) Danee Moneta complementare milanese LETS Local Employment and Trading System (ING) Lista di sistemi di scambio locale (ING) Regio sistema moneta complementare tedesca Osservatorio Nazionale sulle Banche del Tempo Terra Trade Reference Currency Moneta complementare sovranazionale progettata per fornire un meccanismo internazionale stabile per scopi contrattuali e di pagamento in tutto il mondo (ING) WIR Banca cooperativa svizzera 13

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI PROMOTORE: DADO S.p.A. con sede in Via Sanguettara, 10 35018 San Martino di Lupari (PD), Cod. Fiscale, Part. IVA e Registro Imprese di Padova nr. 03324520281. TIPOLOGIA:

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

www.arcipelagoscec.org applichiamo un sistema socio-economico RESPONSABILE-SOLIDALE-FRATERNO costruiamo insieme un Nuovo Mondo per Noi

www.arcipelagoscec.org applichiamo un sistema socio-economico RESPONSABILE-SOLIDALE-FRATERNO costruiamo insieme un Nuovo Mondo per Noi www.arcipelagoscec.org applichiamo un sistema socio-economico RESPONSABILE-SOLIDALE-FRATERNO costruiamo insieme un Nuovo Mondo per Noi Il NOI di ArcipelagoSCEC Siamo un'associazione di Volontari apartitica

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa Sede Legale: 20841 Carate Brianza (MB) - Via Cusani, 6 Tel. 0362 9401 - Fax 0362 903634 Cod. Fiscale 01309550158

Dettagli

Regolamento Banca del Tempo

Regolamento Banca del Tempo Associazione Donne contro la Discriminazione Casa delle Donne Via Dora Baltea, 1-10015 Ivrea Tel. 0125/49514 www.casadonneivrea.it E-mail bancadeltempo.ivrea@gmail.com Regolamento Banca del Tempo Ass.

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 4 CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO n. 4 CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI FOGLIO INFORMATIVO n. 4 STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI PALIANO soc.coop. Sede: Viale Umberto I, 53 - cap 03018 Paliano (FR) Tel.: 0775/577014

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana 17 marzo 2009 (dati al 2008) La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2008, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di investimento e di pagamento I servizi di investimento Prodotti che soddisfano le esigenze di investimento della clientela Raccolta diretta (raccolta

Dettagli

Le banche e la moneta bancaria. Il conto corrente

Le banche e la moneta bancaria. Il conto corrente LA MONETA BANCARIA Banca d Italia AGENDA Le banche e la moneta bancaria Il conto corrente Ancora sul concetto di moneta Insieme di mezzi generalmente accettati come strumento di pagamento: Banconote e

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma - Tel +390647021 http://www.bnl.it - Iscritta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alla CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO relativo alla CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI FOGLIO INFORMATIVO relativo alla CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve S.C. Via Vittorio Veneto n. 9, -

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA OPERAZIONE A PREMI DENOMINATA VALORE INSIEME SOCI PROMOSSA DALLA SOCIETA CREDITO BERGAMASCO S.p.a. con sede in Largo di Porta Nuova

REGOLAMENTO DELLA OPERAZIONE A PREMI DENOMINATA VALORE INSIEME SOCI PROMOSSA DALLA SOCIETA CREDITO BERGAMASCO S.p.a. con sede in Largo di Porta Nuova REGOLAMENTO DELLA OPERAZIONE A PREMI DENOMINATA VALORE INSIEME SOCI PROMOSSA DALLA SOCIETA CREDITO BERGAMASCO S.p.a. con sede in Largo di Porta Nuova 2 24122 Bergamo 1. PERIODO L iniziativa ha svolgimento

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Adempimenti dichiarativi per i beni e le attività finanziarie detenute all'estero QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE SANDRO BOTTICELLI

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

2 LEZIONE TIPI DI MONETA

2 LEZIONE TIPI DI MONETA LA MONETA SVOLGE LE SEGUENTI FUNZIONI 1. MEZZO GENERALE DELLO SCAMBIO 2. UNITÀ DI CONTO 3. MEZZO LEGALE DI PAGAMENTO 4. RISERVA DI VALORE La moneta consente agevolmente il trasferimento delle merci tra

Dettagli

Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese!

Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese! Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese! 2 Il Prestito Sociale di Coop Centro Italia Il Prestito Sociale è uno strumento semplice, sicuro e conveniente attraverso il quale puoi

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alla CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS E LA CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alla CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS E LA CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI FOGLIO INFORMATIVO relativo alla CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Società Cooperativa Piazza Roma n.17-25016 Ghedi

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE E SERVIZI DI INVESTIMENTO INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE E SERVIZI DI INVESTIMENTO INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca Atestina di Credito Cooperativo Società Cooperativa Via G.B. Brunelli 1-35042 Este (Pd) Tel.: 0429632411 Fax: 0429 632496 info@bancaatestina.it - www.bancaatestina.it

Dettagli

REGOLAMENTO INTEGRALE Art. 11 D.P.R. 430/2001. Operazione a premi denominata: "Gamelife Card"

REGOLAMENTO INTEGRALE Art. 11 D.P.R. 430/2001. Operazione a premi denominata: Gamelife Card REGOLAMENTO INTEGRALE Art. 11 D.P.R. 430/2001 Operazione a premi denominata: "Gamelife Card" La sottoscritta Società Cidiverte S.p.a con sede legale in Via Boccaccio 15/a, 20123 Milano, Cod. Fisc. e P.IVA

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio di PEGNO SU TITOLI E VALORI INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

Dettagli

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15 GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO Anno scolastico 2014-15 1 SOMMARIO LA MONETA BANCARIA LE CARTE DI PAGAMENTO LA CARTA DI CREDITO LA CARTA DI DEBITO LE CARTE PREPAGATE I PAGAMENTI SEPA L ASSEGNO 2 STRUMENTI ALTERNATIVI

Dettagli

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015 1 La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale Bologna 1 marzo 2015 2 L'AIM Italia (Alternative Investment Market) è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA La presente nota di sintesi deve essere letta come introduzione al presente Prospetto di Base ed ogni eventuale decisione di investire nei Titoli dovrebbe basarsi su un analisi

Dettagli

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.)

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.) Foglio Informativo n. A.7 Aggiornamento del 01.10.2015 FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE BASE PER SOGGETTI AVENTI DIRITTO A TRATTAMENTI PENSIONISTICI FINO A 18.000,00 ANNUI OPERATIVITA LIMITATA PER TIPOLOGIA

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 6

Economia Monetaria - Slide 6 Economia Monetaria - Slide 6 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Manuale "Conto Corrente e servizi"

Manuale Conto Corrente e servizi Manuale "Conto Corrente e servizi" Indice Conti Correnti Saldo.3-7 Movimenti..8-13 Assegni.14-17 Bonifico nostra Banca..18-24 Bonifico altra Banca.25-31 Bonifico Postale 32-38 Bonifico periodico 39-46

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

PATTI CHIARI data aggiornamento 01/09/2014 TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTI CHIARI data aggiornamento 01/09/2014 TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE DELLA LIQUIDITA' 2.1 Spese fisse di gestione 2.1.1 Spese di invio estratto conto 2.1.2 Spese di liquidazione - Estratto Conto Movimenti (con periodicità minima annuale)

Dettagli

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Il Mod. 730/2014 può essere utilizzato anche se non si ha un sostituto d imposta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alla APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO relativo alla APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo alla APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI TARSIA (CS) SOC. COOP. Sede legale e amministrativa: Tarsia (CS) - Via Olivella,

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al contratto di deposito a CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO relativo al contratto di deposito a CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO relativo al contratto di deposito a CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Società Cooperativa Sede Legale in Moio della Civitella

Dettagli

IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE

IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE Barbara Francioni 1 IL COUNTERTRADE Definizione: scambio commerciale in cui l esportatore accetta in pagamento dal paese importatore prodotti che poi rivenderà su altri mercati Sono comprese

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE DI PERGINE Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Gavazzi 5-38057 PERGINE VALSUGANA (tn) Tel.: 0461/500111- Fax:

Dettagli

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 Definizioni - PIP: piani individuali pensionistici di tipo assicurativo attuati mediante contratti di assicurazione sulla vita;

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

Foglio Informativo N.15 CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

Foglio Informativo N.15 CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI Foglio Informativo N.15 CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale ed Artigiana Banca di Credito Cooperativo di Battipaglia e Montecorvino Rovella soc. coop.

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI Operazioni di Raccolta Foglio Informativo N.: 010202 BCCRESCO (Depositi a Risparmio per minori) TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part.

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part. REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part. IVA 04850790967 PROMOTORE: PRAgmaTICA con sede in Vigolo Vattaro (TN),

Dettagli

DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA, AMMINISTRAZIONE E SERVIZI INVESTIMENTO

DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA, AMMINISTRAZIONE E SERVIZI INVESTIMENTO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca di Credito Cooperativo Euganea di Ospedaletto Euganeo s.c.a.r.l. In amministrazione straordinaria Via Roma Ovest, 31-35045 Ospedaletto Euganeo PD Tel.:

Dettagli

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Economia monetaria Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Cosa sono i soldi? Definizione problematica (x gli economisti!) Moneta-merce: un bene intrinsecamente dotato di valore

Dettagli

Il tuo domani dipende dalle scelte di oggi. Tutte le risposte che cerchi

Il tuo domani dipende dalle scelte di oggi. Tutte le risposte che cerchi UnipolSai Assicurazioni è la compagnia del Gruppo Unipol, nata dalla fusione di tre importanti e storiche compagnie assicurative italiane: Unipol Assicurazioni, FondiariaSai e Milano Assicurazioni. Leader

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

CARTA DI DEBITO UNIVERSICARD 1

CARTA DI DEBITO UNIVERSICARD 1 FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO UNIVERSICARD Data aggiornamento: 29/07/2010 {Data_Dec_D ocumento} INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Centrale Banca Credito Cooperativo del Nord Est S.p.A. Sede legale: via

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 05.04.2012 Incassi superiori a 1000 euro: gli adempimenti per gli operatori Oltre alla comunicazione all AE, sono previsti altri adempimenti

Dettagli

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse Scheda Prodotto FLOOR IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli elementi di rischiosità connessi al prodotto

Dettagli

1) Destinatari della Carta La Carta Fedeltà è destinata esclusivamente ai clienti di (nome società), di seguito Emittente.

1) Destinatari della Carta La Carta Fedeltà è destinata esclusivamente ai clienti di (nome società), di seguito Emittente. Regolamento Carta Fedeltà 1) Destinatari della Carta La Carta Fedeltà è destinata esclusivamente ai clienti di (nome società), di seguito Emittente. 2) Cos è la Carta Fedeltà La Carta Fedeltà, di seguito

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 5 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO N. 5 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO N. 5 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Banca di Credito Cooperativo di Valledolmo Società Cooperativa per azioni Via Vittorio Emanuele III, 34

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. Servizio DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale di Trento

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

i campi non compilati corrispondono alla stessa "voce" utilizzata nella scheda standard PattiChiari.

i campi non compilati corrispondono alla stessa voce utilizzata nella scheda standard PattiChiari. PATTI CHIARI - "SERVIZIO BANCARIO DI BASE" data aggiornamento 20/7/200 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE DELLA LIQUIDITA' 2 Spese fisse di gestione 2 Spese di invio estratto conto 22 Spese di liquidazione

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Pagina 1 di 7 Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Depositi Titoli a Custodia. e/o Amministrazione

Depositi Titoli a Custodia. e/o Amministrazione Depositi Titoli a Custodia e/o Amministrazione INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Federico Del Vecchio s.p.a. Sede legale: Via dei Banchi n.5 50123 Firenze Sede amministrativa:, Viale A.Gramsci n.69 50121

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

Scopri il Conto di base

Scopri il Conto di base Un conto con spese molto contenute per tutti, senza canone né imposta di bollo per chi oggi è in difficoltà economiche e a canone zero o ridotto per i pensionati. LOGO BANCA Il Conto di base 6 Il Conto

Dettagli

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Marco Calì FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Edizione Gennaio 2008 Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun mezzo.

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Progetto di rilancio delle offerte liberali per il sostegno dei nostri sacerdoti diocesani

Progetto di rilancio delle offerte liberali per il sostegno dei nostri sacerdoti diocesani Progetto di rilancio delle offerte liberali per il sostegno dei nostri sacerdoti diocesani Premessa Il tentativo di rilanciare le offerte per il sostentamento dei sacerdoti diocesani deriva principalmente

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6.

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. NORME PER IL SOSTEGNO DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE (GAS) E PER LA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI AGROALIMENTARI DA FILIERA CORTA E DI PRODOTTI DI QUALITÀ E MODIFICHE ALLA

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

CERTIFICATI DI DEPOSITO

CERTIFICATI DI DEPOSITO CERTIFICATI DI DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO VINCOLATO INDICIZZATO EURIBOR DELLA DURATA MASSIMA DI 60 MESI

FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO VINCOLATO INDICIZZATO EURIBOR DELLA DURATA MASSIMA DI 60 MESI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO VINCOLATO INDICIZZATO EURIBOR DELLA DURATA MASSIMA DI 60 MESI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo del Basso Sebino - Societa' Cooperativa

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL CONTRATTO DI DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL CONTRATTO DI DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL CONTRATTO DI DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale:

Dettagli