I VINCOLI ALLA SPESA DEL PERSONALE. Margherita Rubino Dir. Servizio Organizzazione Comune di Torino

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I VINCOLI ALLA SPESA DEL PERSONALE. Margherita Rubino Dir. Servizio Organizzazione Comune di Torino"

Transcript

1 I VINCOLI ALLA SPESA DEL PERSONALE Margherita Rubino Dir. Servizio Organizzazione Comune di Torino

2 I VINCOLI ALLA SPESA DEL PERSONALE di cosa parleremo Tendenziale riduzione della spesa del personale Modificato D.L. 90/14 Rapporto spese di personale/spese correnti Abrogato art. 3 c. 5 D.L. 90/14 Limiti al fondo risorse decentrate e Blocco contratti Prorogati al 2014 L. stabilità 2014 e D.P.R. 122/13. Assunzioni lavoro flessibile (art. 9 c. 28 D.L. 78/10) Modificato D.L. 90/14 I vincoli alla spesa del personale e l armonizzazione contabile

3 I VINCOLI Il D.L. 90/2014 semplifica il sistema dei vincoli sulla spesa del personale L intervento del legislatore risponde alla necessità di attenuare il sistema di controllo sugli enti locali; ma anche all esigenza di armonizzazione con il nuovo sistema contabile introdotto dal D.Lgs. 118/11

4 LA SPESA DEL PERSONALE Cosa si intende per spesa del personale? Patto di stabilità Bilancio (titolo I) Tendenziale riduzione della spesa Conto annuale Spese di salario accessorio Monte salari Enti strutturalmente deficitari Rapporto spese del Personale su spese correnti..

5 LA SPESA DEL PERSONALE Cosa si intende per spesa del personale? Non esistendo una disposizione normativa che indichi sicuramente quali siano le componenti dell'aggregato spese di personale... C.d.C. Autonomie per l applicazione di ciascuna misura è rilevante definire la pertinente nozione di spesa di personale C.d.C. ss.rr

6 Tendenziale riduzione della spesa

7 ENTI SOGGETTI AL PATTO DI STABILITÀ Province Comuni con popolazione superiore a 1000 ab. dal 2013 (art. 31 c. 1 L. 183/11). La popolazione è calcolata sulle risultanze ISTAT del penultimo anno ex art. 156 c. TUEL Aziende speciali ed istituzioni (art. 25 c. 2 DL 1/2012) salvo le farmacie e quelle che gestiscono servizi socio-assistenziali, educativi e culturali Enti locali commissariati per infiltrazioni mafiose (art. 1 c. 436 L. 228/2012) Unione di comuni fino a 1000 ab. che esercitano le funzioni amministrative e i servizi pubblici loro spettanti Abrogato L. 56/14

8 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 1 Il D.L. 90/14 interviene sul vincolo (artt. 3 c. 5, 5 bis e 6; 11 c. 4 ter e quater) Conferma le disposizioni della L. 296/06 per gli enti soggetti al patto (art. 1 c. 557, 557 bis e 557 ter), ma introduce il c. 557 quater che ne modifica la natura. Esclude dal vincolo le spese di personale stagionale della polizia locale per i comuni da 1001 a 5000 ab. (c. 31 bis art. 16 D.L. 138/11) e le assunzioni delle categorie protette nella quota d obbligo; Introduce un regime di favore per i comuni colpiti dal sisma del Cosa cambia?

9 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 2 Art. 1 c. 557 L. 296/06 gli enti sottoposti al patto di stabilità interno assicurano la riduzione delle spese di personale garantendo il contenimento della dinamica retributiva e occupazionale, con azioni da modulare nell'ambito della propria autonomia, quali: a) riduzione dell'incidenza percentuale delle spese di personale rispetto al complesso delle spese correnti, attraverso parziale reintegrazione dei cessati e contenimento della spesa per il lavoro flessibile; b) razionalizzazione e snellimento delle strutture burocratico-amministrative, anche attraverso accorpamenti di uffici con l'obiettivo di ridurre l'incidenza percentuale delle posizioni dirigenziali in organico; c) contenimento delle dinamiche di crescita della contrattazione integrativa, tenuto anche conto delle corrispondenti disposizioni dettate per le amministrazioni statali.

10 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 3 Secondo la Corte dei Conti Vincolo dinamico da applicare alla spesa del personale dell'anno precedente C.d.C. autonomie del. 2 e 3/10 da RIDUZIONE.

11 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 4 Art. 1 c. 557 quater L. 296/06 Ai fini dell'applicazione del comma 557, a decorrere dall'anno 2014 gli enti assicurano, nell'ambito della programmazione triennale dei fabbisogni di personale, il contenimento delle spese di personale con riferimento al valore medio del triennio precedente alla data di entrata in vigore della presente disposizione.

12 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 5 Dal 2014 Parametro temporale fisso e immutabile = Tetto massimo C.d.C. autonomie 21 e 25/14. a CONTENIMENTO

13 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 6 Come si calcola? C.d.C. autonomie 21 e 25/14 circ. MEF 9/06 Triennio di riferimento 2011/2013 Valore medio della spesa impegnata a consuntivo Omogeneità della base di computo (stesse voci) Spese effettivamente sostenute (non virtuali/prenotate) Queste modalità di calcolo del parametro devono essere verificate alla luce del nuovo sistema contabile del D.L.gs 118/11

14 Tendenziale riduzione della spesa e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Per gli enti che hanno partecipato alla sperimentazione del nuovo sistema contabile il triennio di riferimento può essere costituito dagli anni (invece che ) RGS ARCONET FAQ 68 Si sterilizza il 2012 Dunque il nuovo sistema contabile incide anche sul parametro della tendenziale riduzione della spesa

15 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 7 Voci incluse ed escluse. Quali sono le specifiche previsioni normative? Principali voci incluse art. 1 c. 557 L. 296/06 spese di personale, al lordo degli oneri riflessi a carico delle amministrazioni e dell IRAP art. 1 c. 557 bis L. 296/06 costituiscono spese di personale anche quelle sostenute per i rapporti di collaborazione continuata e continuativa, per la somministrazione di lavoro, per il personale di cui all art. 110 del D.Lgs. 267/00, nonché per tutti i soggetti a vario titolo utilizzati, senza estinzione del rapporto di pubblico impiego, in strutture e organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo all ente

16 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 8 Voci incluse ed escluse. La normativa Voci escluse art. 1 c. 557 L. 296/06 oneri relativi ai rinnovi contrattuali art. 3 c. 6 D.L. 90/14 assunzioni del personale appartenente alle categorie protette ai fini della copertura delle quote d obbligo art. 16 c. 31 bis D.L. 138/11 per i comuni con popolazione compresa tra 1001 e 5000 ab., le sole spese di personale stagionale assunto con forme di contratto a tempo determinato, che sono strettamente necessarie a garantire l esercizio delle funzioni di polizia locale in ragione di motivate caratteristiche socio-economiche e territoriali connesse a significative presenze di turisti (art. 11 c, 4 quater D.L. 90/14) E PER LE VOCI NON ESPRESSAMENTE PREVISTE?

17 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 9 Voci incluse ed escluse. L interpretazione della Corte dei Conti I vincoli imposti dal legislatore all'incremento dell'aggregato spese di personale devono considerarsi cogenti e non estensibili in assenza di specifica previsione normativa C.d.C. autonomie 21 e 25/14 Dunque l esclusione di una spesa di personale dal computo richiede una deroga espressa MA E PROPRIO COSÌ?

18 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 10 Le ALTRE voci escluse L interpretazione della Corte dei Conti La Corte dei conti ha individuato molte altre voci escluse indicate nel questionario annuale sul rendiconto. Non sono mutate le finalità generali rispetto alle analoghe previsioni recate dall'art. 1 c. 198 L. 266/05 e pertanto restano valide le previsioni della circ. MEF 9 del 2006 C.d.C. autonomie 3/10

19 Tendenziale riduzione della spesa I principali criteri Enti soggetti al patto 11 Le ALTRE voci escluse L interpretazione della Corte dei Conti I motivi delle esclusioni sono riconducibili tutti alla mancanza di volontà dell Ente di espandere la spesa di personale (C.d.C. Liguria 27/14): la spesa è finanziata con fondi che non gravano sul bilancio dell Ente (finanziamenti europei/privati, rimborso personale comandato) la spesa è obbligatoria (categorie protette, rinnovi contrattuali) la spesa si autoalimenta (personale stagionale finanziato ex 208 cod. str., incentivi per la progettazione e per il recupero ICI)

20 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 12 il questionario al rendiconto Le ALTRE voci escluse La C.d.C. autonomie delibera annualmente le linee guida e relativi questionari per i revisori relativi al rendiconto della gestione. Art. 1 c. 167 L. 266/05 Le interpretazione della Corte dei Conti sulle voci da includere o escludere dal vincolo sono ufficializzate nel questionario annuale Perché è così importante?

21 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 13 Le ALTRE voci escluse L interpretazione della Corte dei Conti e il questionario a rendiconto Le linee guida pur avendo carattere non immediatamente precettivo ma di indirizzo programmatico, vincolante nei confronti dei Revisori, assumono tuttavia rilevanza di canone di riferimento unitario C.d.C. ss.rr. 27/11 Il rispetto del vincolo è certificato dai revisori dei conti nella relazione al bilancio annuale dell'ente. In caso di inadempimento è previsto l intervento del prefetto. Art. 3 c. 10 bis D.L. 90/14

22 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 14 Questionario 2014 (rendiconto 2013) 1 Voci incluse Retribuzioni lorde, salario accessorio e lavoro straordinario del personale dipendente con contratto a tempo indeterminato e a tempo determinato Art. 1 c. 557 L. 266/06 Spese per il proprio personale utilizzato, senza estinzione del rapporto di pubblico impiego, in strutture e organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo all'ente Spese per collaborazione coordinata e continuativa, per contratti di somministrazione e per altre forme di rapporto di lavoro flessibile Art. 1 c. 557 bis L. 266/06 Art. 1 c. 557 bis L. 266/06 Eventuali emolumenti a carico dell Amministrazione corrisposti ai lavoratori socialmente utili Circ. MEF 9/06 Spese sostenute dall Ente per il personale, di altri Enti, in convenzione (ai sensi degli artt. 13 e 14 del CCNL 22 gennaio 2004) per la quota parte di costo effettivamente sostenuto Circ. MEF 9/06 Spese sostenute per il personale previsto dall art. 90 del d.lgs. n. 267/2000 Circ. MEF 9/06 Compensi per gli incarichi conferiti ai sensi dell art. 110, co. 1 d.lgs. n. 267/2000 Art. 1 c. 557 bis L. 266/06 Compensi per gli incarichi conferiti ai sensi dell art. 110, co. 2 d.lgs. n. 267/2000 Art. 1 c. 557 bis L. 266/06 Spese per il personale con contratti di formazione e lavoro Circ. MEF 9/06 Oneri riflessi a carico del datore di lavoro per contributi obbligatori Art. 1 c. 557 L. 266/06 Spese destinate alla previdenza ed assistenza delle forze di polizia municipale ed ai progetti di miglioramento alla circolazione stradale finanziate con proventi da sanzioni del codice della strada C.d.C. Piemonte 34/14 IRAP Art. 1 c. 557 L. 266/06 Oneri per il nucleo familiare, buoni pasto e spese per equo indennizzo Circ. MEF 9/06 Somme rimborsate ad altre amministrazioni per il personale in posizione di comando Circ. MEF 9/06 Spese per la formazione e rimborsi per le missioni?

23 Voci escluse Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 15 Questionario 2014 (rendiconto 2013) 2 Spese di personale totalmente a carico di finanziamenti comunitari o privati Spese per il lavoro straordinario e altri oneri di personale direttamente connessi all attività elettorale con rimborso dal Ministero dell Interno Circ. MEF 9/06( escluse dal patto stabilità:art. 31 c. 10 L. 183/11) Circ. MEF 9/06 Spese per la formazione e rimborsi per le missioni Circ. MEF 9/06 Spese per il personale trasferito dalla regione o dallo Stato per l esercizio di funzioni delegate, nei limiti delle risorse corrispondentemente assegnate Circ. MEF 9/06 Eventuali oneri derivanti da rinnovi contrattuali pregressi Art. 1 c. 557 bis L. 266/06 Spese per il personale appartenente alle categorie protette Art. 3 c. 6 D.L. 90/14 Spese sostenute per il personale comandato presso altre amministrazioni per le quali è previsto il rimborso dalle amministrazioni utilizzatrici Spese per il personale stagionale a progetto nelle forme di contratto a tempo determinato di lavoro flessibile finanziato con quote di proventi per violazione al Codice della strada Circ. MEF 9/06 Circ. Min. Int. 5/07 Incentivi per la progettazione C.d.C. autonomie 16/09 Incentivi per il recupero ICI C.d.C. autonomie 16/09 Diritti di rogito C.d.C. autonomie 16/09 Spese per l assunzione di personale ex dipendente dell Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato (legge 30 luglio 2010, n. 122, art. 9, co. 25) C.d.C. ss.rr. 15/11 Maggiori spese autorizzate - entro il 31 maggio ai sensi dell art. 3 co. 120 della legge n. 244/2007 L. 448/01 art. 19 c. 8 Spese per il lavoro straordinario e altri oneri di personale direttamente connessi all attività di Censimento finanziate dall ISTAT (circolare Ministero Economia e Finanze n. 16/2012) Spese per assunzioni di personale con contratto dipendente e o collaborazione coordinata e continuativa ex art. 3- bis, c. 8 e 9 del d.l. n. 95/2012 Esclusi dal patto di stabilità ex art. 50 D:L. 78/10 Deroga espressa:sisma 2012

24 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 16 Il questionario della C.d.C. Voci incluse Alcuni dubbi Sono escluse le spese finanziate con fondi che non gravano sul bilancio dell Ente. Però sono incluse Spese elettorali rimborsate da Regione e Provincia (escluse solo per C.d.C. Emilia Romagna 370/12) Assunzioni finanziate dallo Stato/EE.PP. (C.d.C. autonomie 21/14) Sono escluse le spese che si autoalimentano. Però sono incluse: Proventi da multe ex art. 208 c. 5 let. C Cod. Strada (vedi art. 142 c. 12 Cod. Strada) Compensi avvocatura liquidati (escluse da C.d.C. Veneto 25/11)

25 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 17 Il questionario della C.d.C. Voci incluse Alcuni dubbi Sono escluse le spese obbligatorie. Però sono incluse: Spese elettorali per elezioni comunali Incremento stipendiale per fine congedo parentale (C.d.C. autonomie 25/14)

26 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 18 L interpretazione della C.d.C. dopo il D.L. 90/14 C.d.C. autonomie 21 e 25/14 Il D.L. 90/14 ha introdotto ipotesi ben precise di esclusione dall applicazione della disciplina del 557 (art. 11 c. 4 quater) e ciò sembra confermare la validità della linea ermeneutica di stretta interpretazione del dettato normativo fino ad ora seguita. Le eventuali oscillazioni di spesa tra una annualità e l altra, anche se causate da contingenze e da fattori non controllabili dall Ente, trovano fisiologica compensazione proprio nel valore medio pluriennale e nell ampliamento della base temporale di riferimento pertanto ai fini del contenimento della spesa del personale si deve prendere in considerazione la spesa effettivamente sostenuta.

27 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 19 L interpretazione della C.d.C. dopo il D.L. 90/14 C.d.C. autonomie 21 e 25/14 Ai fini del rispetto del vincolo della riduzione della spesa del personale nel dubbio le voci sono da considerare incluse

28 Tendenziale riduzione della spesa Enti soggetti al patto 20 Sanzioni Il c. 557 ter richiama la sanzione prevista in caso di violazione del patto (art. 76 c. 4 del D.L. 112/08): nell'esercizio successivo è fatto divieto agli enti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia contrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione continuata e continuativa e di somministrazione, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto. E fatto altresì divieto agli enti di stipulare contratti di servizio con soggetti privati che si configurino come elusivi della presente disposizione. Eccezioni: Consentita la mobilità per compensazione, tra dipendenti aventi identico profilo e senza aggravio per la finanza pubblica (parere MEF /2010) Assunzioni categorie protette nei limiti della quota di riserva (C.d.C. Sicilia ss.rr. 49/11)

29 Tendenziale riduzione della spesa Enti non soggetti al patto 1 Il D.L. 90/14 non modifica la disciplina del art. 1 c. 562 L. 296/06 Le spese di personale, al lordo degli oneri riflessi a carico delle amministrazioni e dell IRAP, non devono superare il corrispondente ammontare dell anno Gli enti di cui al primo periodo possono procedere all assunzione di personale nel limite delle cessazioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato complessivamente intervenute nel precedente anno, ivi compreso il personale di cui al comma 558

30 Tendenziale riduzione della spesa Enti non soggetti al patto 2 Voci incluse ed escluse Il c. 562 esclude solo gli oneri relativi ai rinnovi contrattuali, ma è pacifico che le componenti da prendere in considerazione sono quelle esaminate per gli Enti sottoposti al patto di stabilità. C.d.C. autonomie 16/09 Questionario annuale C.d.C. ai Revisori su rendiconto

31 Tendenziale riduzione della spesa Enti non soggetti al patto 3 Sanzioni Non sono previste specifiche sanzioni per l ente. Tuttavia, il D.L. 90/14 consente solo agli enti che abbiano rispettato il vincolo di superare il limite ordinario posto alle assunzioni a tempo determinato (art. 11 c. 4 bis D.L. 90/14). La norma non è di facile interpretazione. In ogni caso, il mancato rispetto del parametro: costituisce violazione di una disposizione imperativa di finanza pubblica e potrebbe comportare responsabilità amministrativa in capo agli amministratori o dirigenti C.d.C. Piemonte 288/12

32 Incidenza della spesa di personale sulla spesa corrente

33 Incidenza spese personale/spese correnti 1 Il D.L. 90/14 (art. 3 c. 5) abroga l art 76 c. 7 D.L. 112/08 che configurava il parametro come vincolo strutturale, condizione alla capacità di assumere di tutti gli enti. Gli enti in cui l incidenza della spesa di personale consolidata (ente + partecipate) sulle proprie spese correnti risultava pari o superiore al 50% non potevano assumere a nessun titolo. obbliga gli enti soggetti al patto a coordinare le politiche assunzionali delle partecipate affinchè assicurino la graduale riduzione della percentuale tra spese di personale e spese correnti La finanziaria 2014 aveva invece inserito nel computo le spese delle istituzioni e aziende speciali e previsto un DPCM per rideterminare la percentuale entro giugno 2014 (art. 1 c. 558)

34 Incidenza spese personale/spese correnti 2 Pertanto, dal 2014: la percentuale di incidenza delle spesa di personale sulla spesa corrente non impedisce agli enti di assumere viene meno l obbligo di consolidamento delle spese di personale. Ma il D.Lgs. 118/11 ha introdotto dal 2016 per tutti gli enti un obbligo di consolidamento (costi e ricavi) che coinvolge tutti gli enti partecipati indipendentemente dalla loro forma giuridica (art. 11bis).

35 Incidenza spese personale/spese correnti 3 tuttavia Anche dopo la riforma il parametro ha rilevanza, anche se con una diversa funzione: Per gli enti soggetti al patto in cui l incidenza spesa di personale/ spesa corrente è pari o inferiore al 25% è previsto un turn over di favore (art. 3 c. 5 quater). dunque Il parametro non costituisce più un vincolo strutturale, ma un principio di buona amministrazione per gli enti soggetti al patto (557) e loro partecipate. Svolge pertanto una funzione solo premiale e solo per gli enti soggetti al patto.

36 Incidenza spese personale/spese correnti 4 La funzione premiale del rapporto spese di personale/spese correnti non è una novità nel nostro ordinamento: analogo ruolo svolge nel patto di stabilità, in quanto costituisce un indicatore di virtuosità ai fini della distribuzione del sacrificio tra gli enti (art. 20 DL 98/11) prima della riforma, era consentito agli enti soggetti al patto con un rapporto pari o inferiore al 35%, di accedere ad un turn over di favore per alcune categorie di dipendenti (eliminato dalla riforma). Nel nostro ordinamento restano tuttavia ipotesi in cui l aggregato spese del personale, nella medesima (ampia) accezione, mantiene il significato di vincolo strutturale: ad es. per l individuazione degli enti strutturalmente deficitari (spese personale/entrate correnti). Pertanto, le modalità di calcolo del parametro restano importanti.

37 Incidenza spese personale/spese correnti 5 come si calcola il nuovo parametro? Computando: solo le spese, impegnate a consuntivo, dell Ente, con esclusione delle spese delle partecipate le stesse voci di spesa considerate rilevanti per il vincolo abrogato? Trattandosi di vincolo di natura strutturale La spesa deve essere considerata nel suo complesso, al lordo delle voci escluse nella determinazione dell aggregato da considerare per il confronto in sede storica (tendenziale riduzione della spesa) C.d.C. ss.rr. 27/11 Queste modalità di calcolo del parametro devono essere verificate alla luce del nuovo sistema contabile del D.L.gs 118/11

38 Fondo Risorse Decentrate e Blocco Contrattuale

39 Vincoli al Fondo Risorse Decentrate 1 l importo del fondo non può superare quello del 2010 e deve essere ridotto in funzione delle cessazioni (Art. 9 c. 2 bis D.L. 78/10) blocco della crescita retributiva individuale (Art. 9 c.1 D.L. 78/10) le progressioni di carriera comunque denominate producono effetti solo giuridici (Art. 9 c. 21 D.L. 78/10) I vincoli sono stati prorogati fino al 2014 (art. 1 c. 456 L. 147/13 e DPR 122/13) e pertanto cessano dal 2015 La legge stabilità 2014 stabilisce che a decorrere da tale anno, le risorse destinate annualmente al trattamento economico accessorio sono decurtate di un importo pari alle riduzioni operate per effetto dell art. 9 c. 2 bis D.L. 78/10 (art. 1 c. 456)

40 Rinnovo contrattuale 1 Ultimo rinnovo biennio economico 2008/09 dopo Art. 9 c. 17 D.L. 78/10 Blocco contrattuale per il triennio 2010/12 e Indennità Vacanza Contrattuale (IVC) nella misura del 2010; Art. 16 c. 1 D.L. 78/11 con DPR può essere prorogato il blocco contrattuale fino al 2014 e individuare le modalità di calcolo dell IVC per 2015/17 Art. 1 dpr 122/13 senza possibilità di recupero, la contrattazione 2013/14 è limitata alla parte normativa, e l IVC 2013/14 continua ad essere corrisposta nella misura del 2010 Art. 1 C. 452 e 453 L.147/13 senza possibilità di recupero, la contrattazione 2013/14 è limitata alla parte normativa e per gli anni 2015/17 l IVC è quella in godimento al 2013 continua

41 Rinnovo contrattuale 2 Ultimo rinnovo biennio economico 2008/09 continua. Legge stabilità 2015 (art. 21) proroga per un anno: il blocco contrattuale (parte economica) = 2015 l IVC (valore 2010) = 2018 continua?

42 Fondo Risorse Decentrate/Blocco CCNL e Nuovo Sistema Contabile D.Lgs. 118/11 Come vedremo L armonizzazione contabile introdotta dal D.Lgs. 118/11 modifica la contabilizzazione del fondo risorse decentrate e dei rinnovi contrattuali con effetti che si producono anche sui vincoli alla spesa di personale

43 Le assunzioni flessibili

44 Le assunzioni flessibili 1 Le limitazioni alle assunzioni flessibili sono disciplinate dall art. 9 comma 28 D.L. 78/2010 oggetto di molti interventi correttivi. Anche il D.L. 90/14 modifica la norma, ma si limita ad introdurre alcune eccezioni senza alterare l impianto complessivo.

45 In linea generale si deve ribadire che Le assunzioni flessibili 2 nel pubblico impiego le assunzioni flessibili sono un eccezione alla regola generale, e sono utilizzabili solo per rispondere ad esigenze di carattere esclusivamente temporaneo o eccezionale. Per il proprio fabbisogno ordinario le pubbliche amministrazioni assumono esclusivamente con contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato. (Art. 36 D.Lgs. 165/01) Il limite di spesa dell art. 9 c. 28, pertanto, mira ad evitare che gli enti utilizzino le assunzioni flessibili anche per sopperire alle loro funzioni ordinarie (C.d.C. ss.rr. 11/2012) Ne consegue che Questo principio deve costituire criterio interpretativo prioritario anche per individuare eventuali deroghe ai limiti di spesa posti dall art. 9 c, 28 D.L. 78/2010

46 Le assunzioni flessibili 3 Quali sono i limiti attuali alle assunzioni flessibili? Tutti gli enti, siano o meno soggetti al patto di stabilità, possono avvalersi di personale: Con contratto a tempo determinato o con convenzioni ovvero con contratti di collaborazione coordinata e continuativa; Con contratti di formazione-lavoro, altri rapporti formativi, lavoro, nonché lavoro accessorio (art. 70 c. 1 lett. d D.Lgs. 276/03) somministrazione di Nel limite del 50% della spesa sostenuta per le stesse finalità nell'anno 2009

47 Le assunzioni flessibili 4 Quali sono i limiti attuali alle assunzioni flessibili? la norma accomuna contratti con vincolo di subordinazione, contratti di natura assistenziale, contratti di lavoro autonomo E interessante riportare le tipologie contrattuali che il DFP esclude dal monitoraggio del lavoro flessibile (art. 36 c.3 e 4 D.Lgs 165/01) collaborazioni occasionali Patrocinio e rappresentanza in giudizio dell amministrazione appalti, contratti e incarichi conferiti nell ambito delle materie regolate dal codice degli appalti pubblici per lavori, servizi e forniture incarichi di docenza

48 Le assunzioni flessibili 5 Come si calcola? Alcune certezze spesa impegnata a consuntivo nel tetto massimo che prescinde dalle cessazioni dell anno precedente il limite di spesa può essere considerato in maniera unitaria. E possibile compensare la mancata riduzione della spesa della singola tipologia con quella del costo delle altre tipologie (Circ. DFP del 2/5/2012, C.d.C. ss.rr. 11/2012) per gli enti privi di spesa nel 2009, si considera la spesa media sostenuta nel triennio (art. 9 c. 28); per gli enti privi di spesa anche in quel triennio si considera l anno in cui l ente procede ad assunzioni flessibili per far fronte ad un servizio essenziale (C.d.C toscana 29/2012 richiamata da C.d.C. autonomie 12/2012)

49 Le assunzioni flessibili 6 Le deroghe al limite del 50% per gli enti locali i limiti dell art. 9 c. 28 costituiscono norme di principio. E utile, pertanto, verificare se l ente possa prevedere autonomamente misure derogatorie.

50 Le assunzioni flessibili 7 Le deroghe La C.d.C. ss.rr. 11/2012 ha ritenuto che i limiti di spesa siano immediatamente operativi e cogenti e che l ente possa adattarli alle proprie esigenze solo: Nel caso in cui l applicazione diretta della norma possa impedire l assolvimento di funzioni fondamentali e non vi siano altri rimedi organizzativi. Dunque solo per i piccoli comuni; mediante l adozione di un atto di carattere normativo (regolamento); assicurando comunque il rispetto complessivo del limite di spesa.

51 Le assunzioni flessibili 8 Le deroghe Pertanto Se non si è in presenza di queste complesse condizioni, i limiti imposti dall art. 9 c. 28 sono di diretta applicazione e cogenti. L art. 9 c.28 prevede, però, alcune deroghe espresse al limite del 50% della spesa del VEDIAMOLE

52 Le assunzioni flessibili 9 le deroghe espressamente previste deroghe di carattere generale Sono escluse dal limite del 50% della spesa 2009: Le spese sostenute anche con riferimento ai lavori socialmente utili, ai lavori di pubblica utilita' e ai cantieri di lavoro: per la quota coperta da finanziamenti specifici aggiuntivi di soggetti terzi o da fondi dell'unione europea (art. 3 c. 9 lett. B DL 90/2014) Il periodo inserito dal DL 90/14 contiene l inciso anche, ma si tratta testualmente della prima deroga al limite generale di spesa. Una possibile interpretazione è che il legislatore intendesse considerare escluse tutte le assunzioni flessibili etero-finanziate (dunque anche previste nei primi due periodi della norma). In contrario, C.d.C. autonomie 21/2014 che esclude solo le assunzioni finanziate con risorse comunitarie.

53 Le assunzioni flessibili 10 le deroghe espressamente previste deroghe di carattere generale Sono escluse dal limite del 50% della spesa 2009: le assunzioni strettamente necessarie a garantire l'esercizio delle funzioni di polizia locale, di istruzione pubblica e del settore sociale; le spese sostenute per lo svolgimento di attività sociali mediante forme di lavoro accessorio (ex art. 70 c.1 D.Lgs. 276/2003) Le spese sostenute nel 2009 per le assunzioni flessibili in tali settori non si decurtano dalla base di calcolo (circ DFP del 28/5/2012)

54 Le assunzioni flessibili 11 le deroghe espressamente previste deroghe di carattere generale Le limitazioni previste dal presente comma non si applicano agli enti locali in regola con l'obbligo di riduzione delle spese di personale di cui ai commi 557 e 562 dell'art.1 L. 296/2006 (art. 11 c. 4bis DL 90/14) Resta fermo che comunque la spesa complessiva non può essere superiore alla spesa sostenuta per le stesse finalità nell'anno La disposizione pone un problema interpretativo di difficile, se non impossibile soluzione. VEDIAMOLO

55 Le assunzioni flessibili 12 le deroghe espressamente previste Il problema interpretativo 1 dopo l art. 11 c. 4bis DL 90/14 Esiste ancora il limite del 50% della spesa 2009? enti soggetti al patto se rispettano il vincolo della riduzione della spesa, possono assumere oltre il 50%; se violano il vincolo non possono assumere a nessun titolo (il c. 557ter è espressamente confermato dal DL90/2014) ; Pertanto, gli enti soggetti al patto non saranno mai tenuti a contenere le assunzioni flessibili nei limiti del 50% della spesa del 2009

56 Le assunzioni flessibili 13 le deroghe espressamente previste Il problema interpretativo 1 dopo l art. 11 c. 4bis DL 90/14 Enti non soggetti al patto Esiste ancora il limite del 50% della spesa 2009? se rispettano il vincolo della riduzione della spesa (562), possono assumere oltre il 50%. se violano il vincolo della riduzione della spesa (562) non sono soggetti a sanzioni Pertanto, per gli enti non soggetti al patto il limite del 50% potrebbe trovare applicazione nel caso l ente violi il vincolo di riduzione della spesa

57 Le assunzioni flessibili 14 le deroghe espressamente previste Il problema interpretativo 1 dopo l art. 11 c. 4bis DL 90/14 Esiste ancora il limite del 50% della spesa 2009? accogliendo questa interpretazione il D.L. 90/2014 introdurrebbe la prima sanzione per gli enti non soggetti al patto: La limitazione della spesa per le assunzioni flessibili al 50% della spesa Resta tuttavia un interpretazione letterale un po forzata considerato che la norma non distingue tra enti soggetti al patto e non.

58 Le assunzioni flessibili 15 le deroghe espressamente previste Il problema interpretativo 2 dopo l art. 11 c. 4bis DL 90/14 Qual è il limite di spesa per gli enti virtuosi? Nel caso di rispetto del vincolo della riduzione della spesa, la disposizione esclude l applicazione dei limiti dell intero comma 28. Dunque, gli enti virtuosi possono assumere senza limiti? il periodo successivo del comma 28 stabilisce, però, che comunque la spesa complessiva non può essere superiore alla spesa sostenuta per le stesse finalità nell'anno 2009 (= 100% della spesa 2009). Allora, gli enti virtuosi possono assumere solo entro tale più ampio limite?

59 Le assunzioni flessibili 16 le deroghe espressamente previste Il problema interpretativo 2 dopo l art. 11 c. 4bis DL 90/14 Qual è il limite di spesa per gli enti virtuosi? Il tenore letterale della disposizione, che esclude i limiti previsti dal comma, dovrebbe far concludere per l assenza di qualunque tetto di spesa, ma il posizionamento infelice del periodo introdotto dal DL 90/2014 all interno del comma 28, crea non pochi dubbi interpretativi. E LA CORTE DEI CONTI?

60 Le assunzioni flessibili 17 le deroghe espressamente previste Il problema interpretativo 2 La corte dei conti al momento è divisa: C.d.C. Lombardia 264/2014 e C.d.C. Emilia Romagna 188/2014 ritengono sia venuto meno qualunque vincolo di spesa C.d.C. Puglia 174/2014 ritiene invece applicabile il limite del 100% della spesa Nell attesa di un pronunciamento definitivo, considerato il carattere eccezionale delle assunzioni flessibili, è preferibile non superare la spesa complessiva del 2009.

61 Le assunzioni flessibili 18 le deroghe espressamente previste Altri problemi interpretativi Restano alcuni dubbi interpretativi sull inclusione o l esclusione nel limite di alcune voci di spesa. Vediamo i principali orientamenti della C.d.C.

62 Le assunzioni flessibili 19 L interpretazione della Corte dei Conti In linea generale, la C.d.C. ritiene applicabile anche al lavoro flessibile, il criterio interpretativo utilizzato per individuare le voci escluse ai fini del rispetto della tendenziale riduzione della spesa. Anche in questo caso si tratta di una disposizione che prevede un obbligo di riduzione della spesa fondato sul confronto storico Appare pertanto logico estendere a tale norma le conclusioni costantemente affermate in tema di confronto storico ai fini dell applicazione dei commi 557 e 562 della finanziaria (C.d.C Toscana 177/2012)

63 Le assunzioni flessibili 20 L interpretazione della Corte dei Conti Così, anche dopo il DL 90/2014 la C.d.C. autonomie 21/14 ritiene che, ai fini del rispetto dell art. 9 comma 28: si conferma la validità della linea ermeneutica di stretta interpretazione del dettato normativo, fino ad ora seguita; al di fuori delle ipotesi derogatorie espressamente contemplate dal legislatore, valgono le stesse esclusioni previste per l aggregato di spesa ai fini della tendenziale riduzione della spesa (indicate nel questionario al rendiconto).

64 Le assunzioni flessibili 21 In conseguenza, secondo il criterio interpretativo della C.d.C. nel dubbio sono da includere nel limite di spesa dell art. 9 c. 28 tutte le spese per assunzioni flessibili, salvo che si tratti di voci escluse dal computo del vincolo della tendenziale riduzione della spesa. In base a questa interpretazione, ad es., sono state escluse dal tetto del 50% le assunzioni flessibili ma solo: se finanziate con risorse comunitarie (C.d.C. autonomie 21/14) in caso di elezioni, per la quota rimborsata dal ministero (circ. F.L. 6/2014)

65 Le assunzioni flessibili 22 Questa impostazione non è, però, sempre applicata, ad es.: molte pronunce escludono dal limite tutte le assunzioni flessibili etero-finanziate; Alcune pronunce includono le assunzioni di polizia locale ex art. 208 C.d.S. (C.d.C. Veneto 189/2012) Si escludono dal limite i dirigenti assunti ex art. 110 c. 1 Tuel (ricompresi nel vincolo della riduzione della spesa). Non anche però le assunzioni dei responsabili dei servizi e delle alte specializzazioni. (C.d.C. autonomie 12/2012 e direttiva sul monitoraggio del DFP)

66 Le assunzioni flessibili 18 le deroghe espressamente previste Altre deroghe specifiche: per i comuni colpiti dal sisma 2012 non si applicano i vincoli assunzionali dal 2013 e per tutto il predetto periodo dello stato di emergenza (art. 11 c. 4ter D.L. 90/14) I contratti di lavoro a tempo determinato delle province, prorogati fino al 31 dicembre 2014 per le strette necessità connesse alle esigenze di continuità dei servizi (art. 4, c.9 DL 101/2013), possono essere ulteriormente prorogati, alle medesime finalità e condizioni, fino all'insediamento dei nuovi soggetti istituzionali così come previsto dalla L. 56/2014 (art. 3 c.6 DL 90/2014) Per gli enti che hanno aderito alla sperimentazione del nuovo sistema contabile, per l'anno 2014 il limite è fissato al 60 per cento della spesa sostenuta nel Norma premiale

67 Le assunzioni flessibili 23 Le sanzioni Nel caso di mancato rispetto dei limiti dell art. 9 c. 28 non è prevista alcuna sanzione a carico dell ente inadempiente. Per i dirigenti, invece, il superamento dei limiti costituisce illecito disciplinare e determina responsabilità erariale.

68 Le assunzioni flessibili 24 Il monitoraggio Artt. 36 cc. 3 e 4 e 7 c. 6 D.Lgs 165/01 Al fine di combattere gli abusi nell'utilizzo del lavoro flessibile, entro il 31 dicembre di ogni anno, le amministrazioni redigono un analitico rapporto informativo sulle tipologie di lavoro flessibile utilizzate, sui lavoratori socialmente utili e sulle collaborazioni coordinate e continuative. Il rapporto deve essere trasmesso, entro il 31 gennaio di ciascun anno, ai nuclei di valutazione o ai servizi di controllo interno, nonché alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica. il Dipartimento della funzione pubblica redige una relazione annuale al Parlamento. Art. 1 cc. 39 e 40 L. 190/2012 Il monitoraggio deve contenere anche i dati relativi ai dirigenti assunti senza procedure selettive

69 Le assunzioni flessibili 25 Il monitoraggio L obbligo del monitoraggio è stato introdotto dal DL 78/2009 La Direttiva 2/2010 del DFP ha dettato le prime istruzioni rinviando la scadenza al completamento dell applicativo informatico Nel 2012 è stata emessa una nuova direttiva, con ulteriori chiarimenti e le specifiche tecniche, che ha permesso agli enti di adempiere Attualmente la procedura è sospesa

70 Vincoli alla spesa di personale e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11

71 Vincoli alla spesa di personale 1 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Dal 2015 tutti gli enti locali adotteranno il nuovo sistema di bilancio fondato sul principio della competenza potenziata (competenza a scadenza ) che distingue il concetto di registrazione dell impegno da quello di imputazione. Secondo questo principio Le spese si registrano per intero nell anno in cui sorge l obbligazione giuridica, ma l impegno si imputa all anno in cui diventano esigibili (saranno pagate).

72 Vincoli alla spesa di personale 2 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 pertanto dal 2015 cambia il modo di contabilizzare la spesa le somme stanziate (e finanziate) nell anno di competenza (a fronte di un obbligazione giuridica perfezionata), vengono spalmate (imputate) negli anni in cui diventano esigibili. la fase dell impegno si avvicina temporalmente al pagamento, al momento finale del fatto gestionale (si riduce l anticipazione).

73 Vincoli alla spesa di personale 3 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Questo cambiamento incide sul sistema dei vincoli posti alla spesa di personale. Vediamo come

74 Vincoli alla spesa di personale 4 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 La base di calcolo Secondo la C.d.C. ss.rr. 27/11, ai fini della verifica del rispetto dei vincoli, si prende in considerazione la spesa impegnata come risulta a rendiconto in quanto deriva dalla effettiva gestione del bilancio. La stesso criterio è adottato dai decreti ministeriali relativi ai parametri di deficitarietà

75 Vincoli alla spesa di personale 5 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 La base di calcolo La C.d.C. 27/11 esclude che il calcolo si possa basare: sullo stanziamento, in quanto rappresenta solo una spesa programmata, frutto di stime con ampi margini di opinabilità; sulla cassa, per la casualità dei pagamenti che derivano dal fisiologico scarto temporale tra impegno e pagamento.

76 Vincoli alla spesa di personale 6 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Queste ragioni sono valide anche nel nuovo sistema contabile in cui lo scarto temporale si è attenuato, ma è ancora presente. La delibera C.d.C. ss.rr. 27/11,peraltro, è richiamata anche dalla C.d.C. autonomie 21/2014 (di interpretazione del DL 90/14). Dunque La base di calcolo resta invariata

77 Vincoli alla spesa di personale 7 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 La contabilizzazione La contabilizzazione del fondo risorse decentrate Il fondo, per sua natura, comprende alcune voci di spesa che devono sempre essere pagate nell anno successivo alla sua costituzione (es. produttività). pertanto nel nuovo sistema contabile

78 per le cose dette Vincoli alla spesa di personale 8 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 La spesa per il salario accessorio verrà: stanziata e finanziata per intero nell anno di costituzione del fondo, alla sottoscrizione del contratto integrativo aziendale (allocando nel fondo pluriennale vincolato la quota di spesa da pagare nell anno successivo) Suddivisa negli anni in cui le diverse voci che la compongono andranno in pagamento = mediante l imputazione dell impegno Come detto, la spesa viene spalmata

79 Vincoli alla spesa di personale 9 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 esempio di nuova contabilizzazione del fondo VALORE ANNUALE DEL FONDO 100 = di produttività STANZIAMENTO ANNO DI COMPETENZA di cui SPESA IMPEGNATA/IMPUTATA quota impegnata/imputata all anno di competenza(da pagare nell anno) quota impegnata/imputata all anno successivo (da pagare l anno successivo) FONDO PLURIENNALE VINCOLATO accantonamento della quota stanziata nell anno, da pagare l anno successivo (sarà postata in entrata e coprirà la spesa rinviata ) ANNO (80+20) Anno 0 ANNO (80+20) (20) (20) ANNO (80+20) (20) Impegno complessivo imputato all anno

80 Vincoli alla spesa di personale 10 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Nel 2015, primo anno di applicazione del nuovo sistema contabile: per gli enti che impegnano nell anno di competenza l intero importo del fondo (anche la produttività) possono sorgere problemi di confronto tra le annualità nella serie storica = discontinuità.

81 Vincoli alla spesa di personale 11 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Infatti Per alcuni di questi enti non sarà possibile imputare all esercizio 2015: la quota stanziata nell anno, ma da pagare nell esercizio successivo, perché vige il nuovo principio della competenza potenziata la quota di spesa da pagare nell anno, ma impegnata nell anno precedente (produttività) perché costituisce residuo (fino al riaccertamento straordinario..

82 Vincoli alla spesa di personale 12 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Ne può conseguire discontinuità tra le annualità: riduzione fittizia della spesa del fondo VALORE ANNUALE DEL FONDO 100 = di produttività SPESA STANZIATA nell anno di competenza di cui SPESA IMPEGNATA/IMPUTATA quota impegnata/imputata all anno di competenza (dal 2015 da pagare nell anno) quota impegnata/imputata all anno successivo (dal 2015 da pagare l anno successivo, es.produttività) (80+20) 100 RESIDUI 20 FONDO PLURIENNALE VINCOLATO accantonamento della quota impegnata nell anno, da pagare l anno successivo (sarà postata in entrata e coprirà la spesa rinviata ) 80 0 (20) 100 (80+20) (20) Impegno complessivo imputato all anno

83 Vincoli alla spesa di personale 13 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 L artificiosa riduzione della spesa del fondo nel primo anno di applicazione del nuovo bilancio è stata registrata nel 2012 dagli enti che hanno partecipato alla sperimentazione. Dopo la modifica del D.L. 90/2014, il vincolo della tendenziale riduzione della spesa si calcola sul triennio Se questi enti computasse il 2012 nella base di calcolo, riceverebbero un danno (permanente). Per tale motivo la RGS ha consentito loro di utilizzare come base di calcolo il triennio

84 Vincoli alla spesa di personale 14 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Per gli enti che non hanno partecipato alla sperimentazione la prima annualità sarà il Per tali enti, il triennio da computare nel tetto massimo non è coinvolto nella sperimentazione e quindi non presenta problemi. Tuttavia, anche per questi enti la riduzione del fondo potrebbe determinare un effetto distorsivo traducendosi in un (effimero) vantaggio.

85 Vincoli alla spesa di personale 15 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 per evitare questo Il principio contabile applicato n. 4-2 prevede un correttivo, un artificio contabile: nel 2015 si provvede ad un nuovo (secondo) impegno sulla spesa già impegnata nel 2014 che sarà cancellato con il riaccertamento straordinario dei residui (contestuale al rendiconto 2014)

86 Vincoli alla spesa di personale 16 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Come accennato Questo correttivo è stato elaborato sull esperienza degli enti sperimentatori prima del D.L. 90/14, quando il vincolo della tendenziale riduzione della spesa era inteso come principio dinamico. In questo scenario, la discontinuità produceva un effetto ancora più significativo.

87 Vincoli alla spesa di personale 17 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Infatti La riduzione fittizia del fondo 2015, avrebbe comportato uno sforamento (anch esso puramente contabile) nel 2016, anno in cui la spesa imputata torna ai livelli del 2014 e, dunque, risulta superiore a quella del RGS Arconet faq n. 50 La riforma introdotta dal DL 90/2014, pertanto, potrebbe rispondere all esigenza di armonizzare il parametro al nuovo sistema contabile. anche

88 Vincoli alla spesa di personale 18 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 La contabilizzazione Il nuovo sistema contabile può impattare sul rispetto dei vincoli anche con altre voci di spesa del personale: La spesa derivante dai rinnovi contrattuali nazionali si impegna ed imputa nell anno in cui viene sottoscritto il CCNL anche per le quote riferite agli arretrati degli anni precedente. Il principio contabile applicato auspica, ma non obbliga, che l ente accantoni annualmente le somme necessarie in appositi capitoli sui quali non è possibile assumere impegni ed effettuare pagamenti.

89 Pertanto Vincoli alla spesa di personale 19 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 nell anno del rinnovo, si potrà registrare un deciso (e artificioso) incremento delle spese di personale in quanto potrebbe gravare sull esercizio anche la spesa riferita agli anni precedenti; Negli anni precedenti si potrebbe beneficiare di un vantaggio fittizio. Queste oscillazioni della spesa potrebbero incidere sul rispetto del limite dell incidenza delle spese di personale sulle spese correnti o entrate correnti che, ad oggi, considera un aggregato di spesa del personale molto ampio (comprensivo dei rinnovi).

90 Vincoli alla spesa di personale 20 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 La contabilizzazione Lo stesso fenomeno si può verificare in tutti i casi di accantonamenti prudenziali per finanziare passività potenziali (ad es. per far fronte agli oneri pluriennali che si teme possano derivare dal contenzioso). Nell anno in cui la spesa andrà effettivamente in pagamento si verificherà un oscillazione che potrebbe incidere sul rispetto del limite del rapporto spese di personale/spese correnti

91 Come detto Vincoli alla spesa di personale 21 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Il DL 90/2014 è intervenuto anche su tale parametro: L incidenza delle spese di personale sulle spese correnti non è più rilevante ai fini della capacità assunzionale degli enti. Anche in tal caso si può affermare che l abrogazione risponda, oltre che alla volontà di allentare i vincoli, ad una logica di armonizzazione con il nuovo sistema contabile. Allo stesso modo è ragionevole pensare che anche la conseguente eliminazione del consolidamento delle spese del personale dell ente e delle sue partecipate, trovi la sua giustificazione nel nuovo sistema contabile che, sia pure solo dal 2016, introduce l obbligo del bilancio consolidato.

92 Vincoli alla spesa di personale 22 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Restano però altre ipotesi in cui il rapporto spese di personale/spese correnti è un criterio di valutazione importante, e non solo con finalità premiali (per gli enti soggetti al patto: turn over di favore, allentamento del patto). come detto, ad esempio L aggregato ampio delle spese di personale, in rapporto alle entrate correnti, rientra tra gli indicatori rilevanti per determinare la situazione di ente strutturalmente deficitario. La Circ FL 9/2010 esclude dalle spese impegnate solo distacchi o straordinari elettorali a carico del ministero). quelle rimborsate (ad es.

93 In conclusione Vincoli alla spesa di personale 23 e nuovo sistema contabile D.Lgs. 118/11 Il nuovo sistema contabile impatta sul sistema vincolistico vigente per le spese di personale. Il DL 90/14 ha semplificato il sistema attenuando questo impatto (la lungimiranza del legislatore?) E ragionevole ritenere che vi saranno altri interventi correttivi, se non addirittura un ripensamento di tutto il sistema dei vincoli.

94 grazie

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 Allegato B delibera 13 del 3.2.2016 PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 PREMESSO che il vigente quadro normativo in materia di organizzazione dell'ente locale, con particolare riferimento

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto

Dettagli

LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014

LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 1. Considerazioni generali e normativa di riferimento Il complessivo andamento di una delle principali voci di spesa del bilancio provinciale

Dettagli

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI I CONTROLLI SULLA SPESA DEL PERSONALE QUARTA GIORNATA - 12 LUGLIO 2013 DEFINIZIONE Il Legislatore, pur prevedendo numerosi vincoli in materia di spesa per il personale,

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

COMUNE DI CALASETTA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

COMUNE DI CALASETTA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS COMUNE DI CALASETTA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS C O P I A DETERMINAZIONE DEL SETTORE: Area Amministrativa - Affari Generali Oggetto: QUANTIFICAZIONE DEL LIMITE DI SPESA PER PERSONALE ASSUNTO CON FORME

Dettagli

Le voci della spesa di personale di Gianluca Bertagna

Le voci della spesa di personale di Gianluca Bertagna Le voci della spesa di personale di Gianluca Bertagna Ad oltre due anni dall entrata in vigore dei commi 557 e commi 562 della Finanziaria 2007 non vi è ancora certezza su quali voci vadano considerate

Dettagli

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia Repubblica Italiana COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE COPIA n. 37 del 01-09-2014 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE D ANNUALE DEL FABBISOGNO DEL PERSONALE 2014/2016

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione PATTO DI STABILITÀ 2015 Relazione allegata al Bilancio di previsione Aspetti introduttivi La legge di stabilità 2015 (L. n. 190/2014) torna a modificare le disposizioni riguardanti il patto di stabilità

Dettagli

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015 Reg. di Settore n. 42 Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO Copia N. 461/A.G. del 03-08-2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: Art. 31 C.C.N.L. 22/01/2004 - "Disciplina delle

Dettagli

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI 13 ottobre 2014 N. Prot. Gen. Prot. precedente Oggetto: Relazione sulle possibilità assunzionali dopo la conversione in Legge del DL. 90/2014 Al Signor Sindaco Al Signor Assessore al Personale Al Signor

Dettagli

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco 1 dott. Arturo Bianco Esperto in gestione delle risorse umane Già presidente Anci Sicilia, già componente la

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

Quelconcetto variabile. di spesa di personale. A. SPECIALE SPESE DI PERSONALE Casistica RAPPORTO DI LAVORO

Quelconcetto variabile. di spesa di personale. A. SPECIALE SPESE DI PERSONALE Casistica RAPPORTO DI LAVORO SPECIALE SPESE DI PERSONALE Quelconcetto variabile dispesadipersonale di Gianluca Bertagna * Dal 2006 le spese di personale costituiscono una vera e propria spina nel fianco per gli operatori degli enti

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 149/2015/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 29.09.2015 composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 70 /G del 11/12/2014 ( CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) Oggetto: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE 2015-2017 - AP- PROVAZIONE =====================================================================================

Dettagli

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi?

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi? Nel merito del parere espresso dalla corte dei conti, sezione della Lombardia 441/2013 si evidenzia: Primo quesito: ai fini dell inserimento nel piano triennale delle singole voci di spesa, è necessario

Dettagli

Servizio risorse umane

Servizio risorse umane DETERMINAZIONE N. 1701 DEL 09/07/2014 Proponente: Servizio risorse umane U.O. proponente: Organizzazione Proposta di determinazione: N. 2014/190 del 08/07/2014 OGGETTO: FONDO DELLE RISORSE PER IL FINANZIAMENTO

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

LA RELAZIONE ILLUSTRATIVA E LA RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA

LA RELAZIONE ILLUSTRATIVA E LA RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA LA RELAZIONE ILLUSTRATIVA E LA RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA Contratto collettivo decentrato integrativo ai sensi dell art. 4 CCNL 1998/2001, art. 4 CCNL 2002/2005. Relazione illustrativa. Modulo 1 -

Dettagli

C O M U N E d i S E R M O N E T A

C O M U N E d i S E R M O N E T A AREA 1 - AMMINISTRATIVA, AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N 144 del 13-05-2013 C O M U N E d i S E R M O N E T A ( P r o v i n c i a d i L a t i n a ) COPIA DELLA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2012 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

Il legislatore deroga al principio di UNITA per. indistintamente destinate a coprire le spese

Il legislatore deroga al principio di UNITA per. indistintamente destinate a coprire le spese PROVENTI DA SANZIONI AMMINISTRATIVE AL CODICE DELLA STRADA Art.208 del Dlgs. 285 /1992 più volte modificato ed integrato, da ultimo dalla L. 29.07.2010 n.120 Il legislatore deroga al principio di UNITA

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015. Sede Catania 22 ottobre 2015 Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele, 127

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015. Sede Catania 22 ottobre 2015 Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele, 127 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

1)Misure che incidono sulla spesa di personale e istituti correlati riferiti agli Enti Locali

1)Misure che incidono sulla spesa di personale e istituti correlati riferiti agli Enti Locali STRUMENTO GIURIDICO DI APPROFONDIMENTO IN TEMA DI SPESE PER IL PERSONALE 1)Misure che incidono sulla spesa di personale e istituti correlati riferiti agli Enti Locali Enti locali soggetti al patto di stabilità:...

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione N. 302 Seduta del 29/12/2011

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione N. 302 Seduta del 29/12/2011 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 302 Seduta del 29/12/2011 Oggetto: PERSONALE DIRIGENTE - COSTITUZIONE DEL FONDO PER LA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO

Dettagli

Comune di Torremaggiore PROVINCIA DI FOGGIA

Comune di Torremaggiore PROVINCIA DI FOGGIA SETTORE II Ufficio RAG. TRIB. CED DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 83 del 28/07/2015 OGGETTO: Costituzione del fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e di risultato anno 2015 Area Dirigenti.

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI DI CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA ANNO 2012 FONDO ART. 90 CCNL 2006-2009

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI DI CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA ANNO 2012 FONDO ART. 90 CCNL 2006-2009 RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI DI CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA ANNO 2012 FONDO ART. 90 CCNL 2006-2009 MODULO I LA COSTITUZIONE DEL FONDO PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA 1 Sezione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016

Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016 Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016 La programmazione triennale del fabbisogno di personale, da deliberarsi ed aggiornarsi annualmente in coerenza con le indicazioni

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2013 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 133/2014/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 1 luglio 2014 composta dai

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

Relazione Tecnico Finanziaria

Relazione Tecnico Finanziaria UNIONEDEI COMUNI DEL DISTRETTO CERAMICO Provincia di Modena Relazione Tecnico Finanziaria al Contratto Integrativo Anno 2014 (articolo 40, comma 3-sexies, Decreto Legislativo n. 165 del 2001) Parte II

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE COMUNE DI ANCONA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE del 29/01/2013 N. 150 SETTORE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE Oggetto : Atto di impegno di spesa. COSTITUZIONE PROVVISORIA DEL FONDO DELE RISORSE DECENTRATE DEL

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18 del 30

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

COMUNE DI ENNA. Sezione I Risorse fisse aventi carattere di certezza e di stabilità

COMUNE DI ENNA. Sezione I Risorse fisse aventi carattere di certezza e di stabilità COMUNE DI ENNA Contratto collettivo decentrato integrativo ai sensi degli artt. 4 e 5 del CCNL 1/4/1999, in merito all utilizzo delle risorse decentrate dell anno 2015. Relazione tecnico-finanziaria Modulo

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 14 DEL OGGETTO: Approvazione piano fabbisogno del personale triennio 2015-2017 e approvazione piano

Dettagli

OGGETTO: Fondo per le risorse decentrate del personale di categoria anno 2014 - Costituzione.

OGGETTO: Fondo per le risorse decentrate del personale di categoria anno 2014 - Costituzione. DETERMINAZIONE N. 3861 DEL 18/12/2014 Proponente: Servizio risorse umane U.O. proponente: Organizzazione Proposta di determinazione: N. 2014/352 del 17/12/2014 OGGETTO: Fondo per le risorse decentrate

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

Comune di Cellamare. C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P.

Comune di Cellamare. C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P. Comune di Cellamare Provincia di Bari C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P. IVA: 03827640727 I SETTORE AMMINISTRATIVO Servizio Personale

Dettagli

1) Art.3 commi 5 e 6: In caso di pignoramento dello stipendio da parte dell'agente della riscossione la quota da pignorare non può eccedere un decimo

1) Art.3 commi 5 e 6: In caso di pignoramento dello stipendio da parte dell'agente della riscossione la quota da pignorare non può eccedere un decimo La gestione del personale nella riforma degli assetti organizzativi anche alla luce del decreto fiscale 1) Art.3 commi 5 e 6: In caso di pignoramento dello stipendio da parte dell'agente della riscossione

Dettagli

Deliberazione n. 371/2012/PAR

Deliberazione n. 371/2012/PAR Deliberazione n. 371/2012/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati dott. Mario Donno dott. Ugo Marchetti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo Patumi presidente;

Dettagli

Comune di BIBBONA (LI)

Comune di BIBBONA (LI) RELAZIONE AL BILANCIO SUL RISPETTO DEL PATTO DI STABILITA' 2013 1 IL QUADRO NORMATIVO VIGENTE 1.1 Aspetti introduttivi Le norme che disciplinano il patto di stabilità degli enti locali per l anno 2013

Dettagli

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c.

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c. ISTITUTO Roma lì, 01/03/2004 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Trattamenti Pensionistici Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI Esperienze ed applicazioni della normativa nazionale in materia di spending review alle istituzioni

Dettagli

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema)

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) COMUNE DI GERACI SICULO Provincia di Palermo www.comune.geracisiculo.pa.it - Email: segretariogenerale@pec.comune.geracisiculo.pa.it Geraci Siculo Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) Modulo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO Provincia di Arezzo Registro delle Determinazioni N. 234 del 05/03/2014 OGGETTO: RIDETERMINAZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE PERSONALE NON DIRIGENTE ANNO 2013 CON INCREMENTO

Dettagli

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PIMENTEL COPIA PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 59 Del 25/08/2015 Oggetto: PERSONALE NON DIRIGENTE. FONDO RISORSE DECENTRATE PER L'ANNO 2015. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 20. OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DEL FABBISOGNO DI PERSONALE TRIENNIO 2014/2016 Data 04/02/2014

Dettagli

DEL PERSONALE NEGLI ANNI 2011-2012 - 2013

DEL PERSONALE NEGLI ANNI 2011-2012 - 2013 I VINCOLI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE LA MANOVRA FINANZIARIA LA MANOVRA FINANZIARIA NEGLI ANNI 2011-2012 - 2013 I LIMITI ALLE ASSUNZIONI LE ASSUNZIONI Non possono procedere ad alcuna assunzione gli enti

Dettagli

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio 2^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Dr. PiersanteFabio ARMONIZZAZIONE CONTABILE PER GLI ENTI SPERIMENTATORI NEL 2014 2015 2016 2017 Applicazione del Principio di competenza potenziato(all.

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADEGUAMENTO AI PRINCIPI GENERALI DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLA SPESA DELL AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO

REGOLAMENTO PER L ADEGUAMENTO AI PRINCIPI GENERALI DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLA SPESA DELL AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO REGOLAMENTO PER L ADEGUAMENTO AI PRINCIPI GENERALI DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLA SPESA DELL AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO Adottato con Delibera del Consiglio Direttivo del 18/12/2013

Dettagli

ASL CUNEO 2 bilancio esercizio 2011

ASL CUNEO 2 bilancio esercizio 2011 ASL CUNEO 2 bilancio esercizio 2011 Scheda di pronuncia ai sensi dell art. 1, comma 170, della legge n. 266/2005 e dell art. 1, comma 3, del D.L. n. 174/2012 convertito dalla legge n. 213/2012. Alla luce

Dettagli

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale.

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Alcune amministrazioni, in violazione del Contratto

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 6.5.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA

Dettagli

Regolamento sul Telelavoro

Regolamento sul Telelavoro Regolamento sul Telelavoro Approvato con delibera di Giunta Comunale n 11 del 25 gennaio 2016 INDICE: Art. 1. Finalità Art. 2. Definizione Art. 3. Progetti di telelavoro Art. 4. Assegnazione ai progetti

Dettagli

COMUNE DI GORLA MINORE

COMUNE DI GORLA MINORE COMUNE DI GORLA MINORE PROVINCIA DI VARESE DETERMINAZIONE Area Affari Generali e Demografici C O P I A DETERMINAZIONE NR. 566 DEL 19/12/2013 AREA: SERVIZIO: Personale Affari Generali e Demografici NUMERO:

Dettagli

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti di: Carmine Lasco Dottore Commercialista (art. 239, comma 1, T. U.E. L. ) Le funzioni obbligatorie dell'organo di revisione sono così riassumibili: collaborazione

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 8 approvata

Dettagli

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 3 giugno 2014, n. 326 Misure urgenti per l'applicazione delle disposizioni contenute nel decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 finalizzate

Dettagli

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi SEZIONE B DISABILI E STRANIERI Articolo 4, comma 27 Efficace attuazione del diritto al lavoro dei disabili Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi di Maria Giovannone, Rossana Lonero, Valentina

Dettagli

COMUNE DI ROGLIANO (PROVINCIA DI COSENZA)

COMUNE DI ROGLIANO (PROVINCIA DI COSENZA) COMUNE DI ROGLIANO (PROVINCIA DI COSENZA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SETTORE 1^-AMMINISTRATIVO-TRIBUTI-PATRIMONIO N.77 /Reg.SETTORE N.206 /Reg.GENERALE del 10 giugno 2013 del 10 giugno 2013 --- *

Dettagli

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana.

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana. REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 012000826 NUMERO DI PARTITA IVA 02711070827 REGIONE SICILIANA PRESIDENZA Dipartimento Regionale del Personale dei Servizi Generali di Quiescenza Previdenza

Dettagli

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti e dei territori montani

Dettagli

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015 IN 10 PUNTI Per semplificare la lettura del Decreto legge 19 giugno 2015, n 78, Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali, abbiamo ritenuto opportuno fornire agli amministratori e operatori

Dettagli

COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE COPIA Codice ente Protocollo n. 10081 DELIBERAZIONE N. 103 in data: 16.10.2014 Soggetta invio capigruppo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA)

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA) Rispetto dell iter adempimenti procedurale e degli atti propedeutici e successivi alla contrattazione Personale News Modelli operativi www.publika.it Relazione illustrativa e relazione tecnico-finanziaria

Dettagli

DELIBERA N. 211 della GIUNTA CAMERALE N 24 del 22/12/2015

DELIBERA N. 211 della GIUNTA CAMERALE N 24 del 22/12/2015 DELIBERA N. 211 della GIUNTA CAMERALE N 24 del 22/12/2015 OGGETTO: Asseverazione ed Autorizzazione - Azienda Speciale Fermo Promuove - Proroga contratto di somministrazione lavoro a tempo determinato.

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016. Scheda di lettura su Risk management in ospedale e disposizioni su personale e nuove assunzioni

LEGGE DI STABILITA 2016. Scheda di lettura su Risk management in ospedale e disposizioni su personale e nuove assunzioni LEGGE DI STABILITA 2016 Scheda di lettura su Risk management in ospedale e disposizioni su personale e nuove assunzioni A cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Dettagli

C I T T A D I C A M P O B A S S O

C I T T A D I C A M P O B A S S O C I T T A D I C A M P O B A S S O C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 111 Del 20-06-11 Oggetto: Programmazione triennale del fabbisogno di personale - Anni 2011-2013. L'anno

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 Il giorno 14 luglio dell anno 2011, alle ore 9,00, presso una sala del Rettorato, le

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 198 DEL 11.11.2013 OGGETTO: Deliberazione Giunta Comunale nr. 117 del 04.11.2013. Modifica dotazione organica e integrazione

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO PROVINCIA DI LECCE PATTO DI STABILITÀ 2013 Relazione allegata al Bilancio di previsione Cod. 05-3046-003 CEL EDITRICE 1. Il quadro normativo vigente 1.1 Aspetti introduttivi

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

Art.1 (Finalità) Art. 2 (Piani di razionalizzazione degli spazi ad uso ufficio)

Art.1 (Finalità) Art. 2 (Piani di razionalizzazione degli spazi ad uso ufficio) Consiglio Regionale Adeguamento delle procedure per la razionalizzazione del patrimonio pubblico e la riduzione dei costi per le locazioni passive all ordinamento della Regione Abruzzo nel rispetto dei

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

CAPITOLO 3 SPESE DI PERSONALE E ASSUNZIONI

CAPITOLO 3 SPESE DI PERSONALE E ASSUNZIONI CAPITOLO 3 SPESE DI PERSONALE E ASSUNZIONI INTRODUZIONE Per tracciare un quadro complessivo delle regole che governano il contenimento delle spese di personale nelle Amministrazioni locali, occorre fare

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

SPESA Fonte: Civetta Slides ( all. 4) IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO Il fondo pluriennale vincolato è un accantonamento di risorse già accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE SECONDO BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 TITOLO I CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Campo

Dettagli

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista : vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La rubrica : vecchia e nuova contabilità

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 ANALISI

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 ANALISI DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 ANALISI Legenda = le parti evidenziate in giallo sono le disposizioni del DDL di nostro interesse Le parti in rosso e contenute nelle doppie parentesi sono l analisi

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2015 2 INDICE Conto economico preventivo annuale Proiezione triennale del Conto economico preventivo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO DECENTRATO DI ENTE SU: Deroga ai vincoli di durata dei contratti a tempo determinato stipulati dal CNR Sottoscritto il 1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO

Dettagli

COMUNE DI ARPINO. (Provincia di Frosinone) RELAZIONE ILLUSTRATIVA

COMUNE DI ARPINO. (Provincia di Frosinone) RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI ARPINO (Provincia di Frosinone) ISTITUTO A COSA SERVE FONTE NORMATIVA CONTENUTO DELLA NORMA POSSIBILE DISCIPLINA Relazione illustrativa e relazione tecnico-finanziaria al contratto integrativo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" RIPARTIZIONE II Settore IV REGOLAMENTO PER LE ATTRIBUZIONI DI ATTIVITA DIDATTICHE (conferimento affidamenti/supplenze attribuzioni contratti di insegnamento)

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CONVENZIONE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO

CONVENZIONE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO CONVENZIONE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO Allegato 3 La Regione Autonoma della Sardegna, (di seguito indicata Amministrazione ) con sede in viale Trento n. 69, 09123 Cagliari, CF. n 80002870923, nella

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2005: NORME PER PERSONALE

LEGGE FINANZIARIA 2005: NORME PER PERSONALE LEGGE FINANZIARIA 2005: NORME PER PERSONALE Le disposizioni dettate dalla legge finanziaria 2005, legge n. 311/2004, in tema di personale, di assunzioni e di organizzazione delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Legge 23 aprile 2003, n. 109

Legge 23 aprile 2003, n. 109 Legge 23 aprile 2003, n. 109 "Modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, recante ordinamento del Ministero degli affari esteri " (pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres.

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. Regolamento per la determinazione dei criteri e delle modalità per il concorso delle

Dettagli