La fedeltà del presbitero nel Presbiterio. La fedeltà di Dio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La fedeltà del presbitero nel Presbiterio. La fedeltà di Dio"

Transcript

1 La fedeltà del presbitero nel Presbiterio Santuario della Corona, 4 giugno 2009 Ritiro al Clero Come da tradizione viviamo il nostro ritiro spirituale di conclusione dell anno pastorale con tutti coloro che partecipano del sacramento dell Ordine sacro nei suoi tre gradi, al santuario mariano diocesano della Corona che fa memoria del mistero della fedeltà di Maria alla sua chiamata divina, ad essere madre di Cristo e della sua Chiesa. Fino al martirio del cuore, come testimonia l evangelista Giovanni: Stavano sotto la croce di Gesù Maria sua madre e il discepolo che egli amava, cui fa eco il testo poetico di Iacopone da Todi stabat mater dolorosa, iuxta crucem lacrimosa. Maria non si è data alla fuga di fronte alla mala sorte. Ha seguito Cristo sulla via del Calvario e si è, per così dire, piantata, ritta in piedi, sotto quella croce che è il segno massimo della fedeltà di Dio alle sue promesse di salvezza. Per queste riflessioni seguiamo il tracciato tematico presentato dal papa per l anno sacerdotale: la fedeltà di Dio in Cristo e la fedeltà del presbitero. La fedeltà di Dio Anzitutto, la fedeltà di Dio. Come è noto, nella Bibbia il termine fedeltà evoca il senso della solidità della roccia (hemet). Si addice pertanto in sommo grado a Dio che la Sacra Scrittura definisce più volte come roccia (Dt 32, 4. 15; 2 Sam 22,2; sal 31, 4; 62, 3; 73, 26; 89, 27; 95, 1 ). La fedeltà di Dio alle sue promesse e alle sue alleanze è incondizionata, assoluta, a prova di infedeltà del suo popolo: Ho trovato Davide, mio servo La mia fedeltà e il mio amore saranno con lui Se i suoi figli abbandoneranno la mia legge, se violeranno i miei statuti, punirò con la verga la loro ribellione e con flagelli la loro colpa. Ma non annullerò il mio amore e alla mia fedeltà non verrò mai meno. Sulla mia santità ho giurato una volta per sempre (sal 89). Ne fa eco Paolo: Se alcuni furono infedeli, la loro infedeltà annullerà forse la fedeltà di Dio?... I doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili (Rm 3, 2. 11, 29). Nonostante le ripetute infedeltà del popolo della alleanza, Jawhé non teme di riproporgliela. In termini di altissimo afflato lirico: ti farò mia sposa per sempre, ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto, nell amore e nella benevolenza, ti farà mia sposa nella fedeltà e tu conoscerai il Signore (Os 2, 21-22). Una fedeltà che non viene limitata né dal tempo né dallo spazio: la sua fedeltà per ogni generazione forte è il suo amore per noi, la fedeltà del Signore dura per sempre buono è il Signore, il suo amore è per sempre, la sua fedeltà di generazione in generazione la tua fedeltà è fondata nei cieli (sal 100, , 2. 99, 5. 89, 3).

2 È interessante evidenziare poi il fatto che fedeltà è generalmente coniugata con gli altri fondamentali attributi di Dio, come l amore, la misericordia, la pazienza, la grazia: Il Signore passò davanti a lui (Mosè), proclamando: Il Signore, il Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all ira e ricco di amore e di fedeltà (Es 34, 6) ; tu, Signore, sei pieno di amore, Dio fedele la mia fedeltà e la mia grazia saranno con lui per la tua fedeltà, per la tua grazia (Sal 86, , ,1). La fedeltà di Dio ha il suo vertice e il suo compimento in Cristo, che l apostolo Paolo non ha esitato a definire l Amen del Padre. Eccone il testo della seconda ai Corinti: Dio è testimone che la nostra parola verso di voi non è sì e no. Il Figlio di Dio, Gesù Cristo, che abbiamo annunciato tra voi, io, Silvano e Timoteo, non fu sì e no, ma in Lui vi fu il sì. Infatti, tutte le promesse di Dio in lui sono sì. Per questo attraverso di lui sale a Dio il nostro Amen per la sua gloria (2 Cor 1, 18-20). E l evangelista Giovanni potrà condensare il senso della fedeltà di Dio in Cristo con quella sorprendente rivelazione che lascia sconvolti ogni volta che la riudiamo, benché ci sia entrata tra le espressioni più familiari: Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna (Gv 3, 16), come a dire, per rendere l uomo capace di fedeltà a Dio. Ora, un tale amore, ha trovato la sua espressione sublime e inedita nell Eucaristia, che sancisce in modo definitivo l alleanza tra Dio e l umanità, nel sangue di Cristo, cioè nel suo mistero pasquale. Potremmo a questo punto parafrasare il testo di Gv nel modo seguente: Dio ha tanto amato l umanità peccatrice (mondo) da dare il Figlio unigenito come Eucaristia. La fedeltà di Dio non si riconduce unicamente alla realizzazione e al compimento della Parola data. È il dono stesso della sua Parola fatta Carne, fatta Eucaristia, cioè Amore assoluto che alimenta la capacità di fedeltà all amore concessa in dono all uomo credente. La fedeltà dell amministratore Ogni credente in Cristo è chiamato e abilitato alla fedeltà a Dio, diventandone un servo fedele. Fedele anzitutto alla sua Parola, da discepolo alla scuola di Gesù. Tale fedeltà trova nel verbo meno (rimanere radicati), molto caro a Giovanni, una interessante riespressione: Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi (Gv 8, 31-32). Quanto a dire che per entrare nel dinamismo della verità e della libertà occorre essere disposti a radicarvisi, a vivere nella fedeltà ad esse. E fedeltà nell esercizio concreto delle proprie responsabilità e competenze che Paolo e gli evangelisti traducono in termini di amministrazione. Riascoltiamo quanto Paolo applica a sé: Ognuno ci consideri come servi (uperetes) di Cristo e amministratori (oiconomos) dei

3 misteri di Dio. Ora, ciò che si chiede agli amministratori è che ognuno risulti fedele (pistos) (1 Cor 4, 2). Abbina il termine amministratore (oiconomos) con fedeltà (pistos) anche Luca nel famoso testo sulla vigilanza (Lc 12, 35-48) che abbiamo già ascoltato. La pagina è chiaramente suddivisibile in due parti: le esortazioni di Gesù ad essere pronti, svegli, con i fianchi cinti e le lampade accese. In attesa dell arrivo dello sposo. Per entrare alle nozze, serviti dal re in persona. Testo a cui segue l interrogazione di Pietro e la replica di Gesù: Chi è l amministratore fedele e prudente (fronimos: da buon senso)?. In netto contrasto risulta la destinazione dell amministratore fedele (messo a capo di tutti i beni del padrone) rispetto a quella riservata all amministratore infedele che spadroneggia sulla servitù (punito severamente e affidato ad una sorte malvagia degna degli infedeli). Questa pagina richiama con immediatezza quella più nota di Matteo sulla parabola dei talenti: due servitori (douloi) hanno curato gli interessi del padrone e vengono definiti: buoni e fedeli (agathoi e pistoi). Il terzo, troppo ripiegato su di sé, viene definito pigro e malvagio (cfr Mt 25, 14-30). Due cioè hanno forte senso di responsabilità nei riguardi del patrimonio ricevuto, di cui sono consapevoli; il terzo è un irresponsabile, non ha saputo valutare la consistenza del bene che gli fu affidato. Era un bene che gli procurava più fastidi che vantaggi. Infondo riteneva quel bene di poco conto, non pensando a sufficienza che Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti (Lc 16, 10) e chi non sa gestire le cose di poco conto a maggior ragione è incapace di gestire quelle di maggior valore. Non c è dubbio infatti che la fedeltà è a tutto campo. Se si insinua l accondiscendenza a qualche forma di infedeltà, senza attribuirvi gran peso, un po alla volta, come per una fessura o una crepa nella diga, la fedeltà non tiene più. Ovviamente la capacità di fedeltà esige forti personalità. Sempre. In modo ancor più cogente oggi. Teniamo presente che la fedeltà oggi non va di moda. Oggi è piuttosto criterio culturale la non fedeltà, la flessibilità nei principi etici, come adeguamento agli ambienti e alle opportunità, alla ricerca del tornaconto. Ci si sente cioè non vincolati dalla fedeltà. Cosa che è peggiore dell essere infedeli. Si tende a valutare la non fedeltà come opportunità di movimento, come un cambio di vestito o di maschera. Non si sospetta che la non fedeltà segnala una identità interiore in balia degli eventi. E perciò una crisi profonda di senso antropologico. Per la fedeltà, in questa cultura, non si è disposti a pagare nessun prezzo, mentre la parola di Dio, attraverso la lettera agli Ebrei non esita a ricordare: non avete resistito ancora fino al sangue nella lotta contro il peccato (Ebr 12, 4), per essere cioè radicati nella fedeltà a Dio.

4 La fedeltà del presbitero nel Presbiterio Non c è dubbio che l immagine dell amministratore si coniuga facilmente con l identità e la missione del presbitero, o più in generale dell ordinato, come ricorda Paolo nella citata lettera ai Corinti: Ognuno ci consideri come amministratori dei misteri di Dio (1 Cor 4, 1). Di conseguenza, una delle virtù più necessarie e qualificanti per un presbitero, per un ordinato, è la fedeltà. Cerchiamo di approfondirne il senso e di concretizzarne le applicazioni. Fedeltà a Chi? Fedeltà sponsale a Cristo pastore in funzione del gregge affidato, ancor prima che fedeltà agli impegni assunti nel giorno dell ordinazione e alle varie pratiche di pietà: cose tutte che hanno senso in rapporto con la fedeltà a Cristo pastore. Come a dire, fedeltà alla propria identità originata dal sacramento dell Ordine sacro. Non si tratta di una identità che ci è piombata addosso. A nostra insaputa. Sapevamo molto bene che cosa con l imposizione delle mani del vescovo e con la preghiera di ordinazione sarebbe accaduto in noi: si sarebbe adempiuto un evento di grazia che avrebbe inciso in profondità nel nostro stesso essere, imprimendo il carattere, dando cioè stabilità irreversibile alla nostra nuova identità, quella dell essere configurati sacramentalmente a Cristo Pastore, da lui indissociabili, anche in caso di nostre fragilità e incoerenze, cioè piccole o grandi infedeltà. Abbiamo accolto in noi questa nuova identità nell esercizio della libertà personale. Sotto il segno della responsabilità. Non siamo stati colti di sorpresa come prede da angariare. O se vogliamo parlare di sorpresa, potremmo dire con Paolo sono stato afferrato da Cristo e mi sono lasciato afferrare da Lui!. Eravamo aperti e pienamente disponibili ad una realtà che sapevamo assoluta gratuità nel suo valore e nella sua provenienza trascendente. Dono eccezionale, immeritato, che avrebbe segnato l intera nostra vita. L abbiamo accolta con trepidazione e con non meno gratitudine. Ci siamo sentiti fortunati. Immensamente amati. Avviati ad una avventura di alleanza straordinaria. In vista di una missione sovrumana. Destinata comunque all uomo del nostro tempo, bisognoso sempre più di salvezza che viene dall Alto, attraverso la mediazione sacramentale. Non ci resta che riandare spesso a quell atto di benevolenza divina che esprimendo assoluta fiducia in noi ha stabilito con noi un patto indissolubile. Che impegna, ovviamente, alla fedeltà. Poiché Dio, nel suo mistero di amore trinitario e nella sua economia di salvezza, fa conto sulla nostra mediazione di ministri ordinati, facendo transitare dalla nostra persona, nell atto soprattutto dell esercizio ministeriale, grazie su grazie di salvezza che, forse, altrimenti rimarrebbero non del tutto valorizzate.

5 Di conseguenza, non c è dubbio che è necessario mantenere viva la coscienza della propria identità e missione di presbiteri. Se si attenua o eclissa tale coscienza, con estrema facilità ci si immette nel circuito dei compromessi che giustificano singoli gesti di infedeltà e alterano la sensibilità morale nei suoi confronti. Fedeli a se stessi, dunque, per essere davvero fedeli a Cristo. Di una fedeltà che ha i caratteri della sponsalità. Cioè del vincolo della indissolubilità come garanzia di vita in pienezza di valore e di senso. Tra Cristo pastore e il presbitero vi è una intrinseca esigenza di fedeltà. Da parte di Cristo, senza ombra di dubbio. Da parte del presbitero da consolidare giorno dopo giorno, in modo che nulla del presbitero sia sottratto alla signoria sponsale di Cristo. Nella consapevolezza che di fatto solo Cristo è la risposta esaustiva alla realtà umana. Nell essere fedeli a Lui si scopre di giorno in giorno chi è davvero Lui per noi e per l umanità. Fatte queste considerazioni, che comunque rimandano alle ragioni originarie del dono e dell impegno di fedeltà alla nostra identità di pastori, unita indissolubilmente con la persona di Cristo Pastore per esserne la mediazione sacramentale, vorrei ora, come vostro vescovo, offrirvi alcuni suggerimenti perché si ravvivi in noi, a cominciare dunque da me stesso, la coscienza di ciò siamo stati resi, nell essere, dal sacramento dell Ordine e, di conseguenza, perché la fedeltà non sia soggetta a facili moti sismici. Devastanti. O a quella evanescenza che il profeta Osea paragonava alla rugiada che svanisce all apparire del sole (cfr Os 6, 4). Anzitutto, sia in noi chiaro che fedeltà sta ad indicare stabilità e non intermittenza. Ci sentiamo inchiodati nella nostra realtà di ordinati e non leggermente incollati o appiccicati. Fedeli giorno e notte. Nei tempi di intensa attività pastorale e in quelli per così dire più rilassati di vacanza. Nessuna vacanza ci autorizza alla non fedeltà a Cristo Pastore, in definitiva alla nostra identità presbiterale. Fedeli a Cristo pastore, nella ricerca quotidiana di una relazione di conformazione a Lui pastore, assumendone le coordinate di comunione con il Padre nel dono dello Spirito e di servizio fraterno verso la nostra gente, verso il popolo di Dio. Finalizzando quanto seguirà alla fedeltà a Cristo, nei riguardi della quale e soltanto della quale ha senso e valore, evidenzio la necessità di fedeltà ad una economia del tempo che non si affida alla casualità degli eventi, ma lasciandoci coinvolgere dalle necessità e spesso urgenze pastorali, non lo dissipa nello scialacquio di conversazioni non pastorali (specialmente se nottambolesche) o nella dispersione di tempi tritati dall uso smodato dei media. Per essere fedeli a Cristo occorre che diamo regole severe all uso del nostro tempo. Nella fedeltà alle cosiddette pratiche di pietà, come la meditazione personale, la recita del rosario, un po di lettura spirituale. Fedeltà al nostro posto, quello assegnato dall obbedienza comunionale ecclesiale, senza assenze per nulla giustificate. Fedeltà alla nostra condizione di consacrati sponsalmente a Cristo, al Cristo totale, Capo

6 e membra. Siamo infatti talmente dediti al gregge di Cristo, la sua Chiesa, che la amiamo con cuore indiviso. Con il cuore stesso di Cristo. Il nostro cuore interamente nel suo cuore! Se questo dato risponde alla realtà, e se un tal cuore è il grembo più sublime per un amore incondizionato verso tutti gli uomini, bisognosi di Amore assoluto, è difficile che si possa contestare la sublimità dell abbinamento dell identità ordinata con il dono del celibato. Ne è l habitat più idoneo. Certo, non è senza un costo. Anche elevato in certi momenti. Ma è proprio il costo che ne evidenzia il valore. Essere fedeli alla propria condizione di sponsalità spirituale con Cristo, quando sulle vele soffia il vento favorevole delle gratificazioni e della pace dei sensi e la fedeltà celibataria rimane del tutto fuori dalle intemperie, che c è di eroico? Ma viene per tutti il momento in cui ciò che Dio ci ha concesso come dono, da noi liberamente accondisceso, per una qualità di donazione divina al popolo di Dio, può misurarsi con lo stato di fragilità che portiamo nei nostri cromosomi di uomini, resa ancor più disumana da una cultura della non fedeltà che respiriamo e dalle insidie rese oggi più a portata di mano: anche se non le vai a cercare te le trovi dietro l uscio. Senza considerarci dei martiri della fedeltà alla nostra identità solo perché resistiamo alle seduzioni della non fedeltà, ricordiamo che è il medesimo costo che si paga anche nella fedeltà coniugale e che comunque misura la statura di una personalità nella sua concretezza. Non siamo noi più eroi di tanti nostri fratelli nella fede, fedeli a Cristo nei loro complessi ambienti di vita professionale e al loro stato di coniugalità. Non abbiamo nessun motivo di superbia. La nostra condizione celibataria, di verginità consacrata per il Regno, ci sospinge semmai ad essere ancor più umili e prudenti e ad attivare tutte le risorse di natura spirituale che alimentano la fedeltà e la mettono al riparo da bufere devastanti. Segnalo alcune delle principali risorse su cui il presbitero può contare per alimentare e proteggere la sua fedeltà a Cristo pastore, nella fedeltà alla sua identità presbiterale. In primo luogo la coscienza dell essere Presbiterio come luogo di vita nello Spirito che gode di risorse specializzate e di anticorpi adeguati. Le belle relazioni nel Presbiterio rendono ancor più sicura e vigorosa la capacità di fedeltà, potendo contare su un insieme di fratelli tutti impegnati sul medesimo fronte, non solo ognuno per sé, ma ognuno per tutti. Sta di fatto che la testimonianza di fedeltà dei nostri confratelli è per ciascuno stimolo ad esserlo anche personalmente. Sapendo comunque che non ti lasciano in balia degli eventi burrascosi, ma da fratelli ti stanno vicino. Ed è noto che tale realtà, vissuta nella sua compattezza di insieme, mette in guardia chiunque attenti e insidi la fedeltà del prete, sotto tutti i profili, comprendendo che ha da fare i conti non con un singolo ma con la solidarietà di un insieme, con un Presbiterio dunque e non con un singolo presbitero. Anche sotto questo profilo si rendono, soprattutto oggi, necessari gli incontri moltiplicati tra presbiteri, specialmente di una stessa zona pastorale, fino alla sua forma più elevata come è la comunità presbiterale. Insomma, fare corpo con il

7 Presbiterio ci sostiene nei momenti di stanchezza interiore e di demotivazione, di arido deserto dello spirito. In secondo luogo riservarsi, ad ogni costo, i tempi dell intimità con Cristo Pastore-Eucaristia. I tempi dell intimità con Lui sono garanzia di fedeltà a lui. Non lesiniamo e non misuriamo con il bilancino del farmacista i tempi di tale intimità, né releghiamoli tra gli optional. Saremmo sempre a rischio di non fedeltà, come accade nell ambito della sponsalità coniugale. Come ho avuto modo di affermare altre volte, ricordiamoci che i tempi riservati alla formazione, alla comunione fraterna presbiterale e all intimità con Cristo non sono sottratti alla pastorale ma ne sono la condizione di autenticità e di fecondità. Non esitiamo dunque a ritagliarceli. Specialmente a cominciare da questo anno sacerdotale, ad imitazione del santo curato d Ars, ritagliamoci e riserviamoci una mezza giornata di sosta davanti all Eucaristia. In contemplazione adorante. Leggendo pagine e pagine di quella Parola che si avvera appunto nell Eucaristia. O qualche testo che nutre la spiritualità del presbitero. O qualche intervento del Magistero. E intrattenendosi con l Eucaristia sulle situazioni della vita pastorale, che riguardano le famiglie, i giovani Come terza risorsa di fedeltà annoveriamo la Confessione personale assidua e fiduciosa nella misericordia di Dio che alle infedeltà risponde con una ricarica di capacità di fedeltà. Lasciata in balia di se stessa l infedeltà trascina a slavina altre infedeltà; il compromesso si fa regola generale; la voglia delle scorciatoie suggerite dalla pigrizia, dagli incantesimi e dalla rassegnazione all intruppamento, ha la meglio; la tendenza a farsi troppi sconti da sé e a razionalizzare le scuse è in agguato. Affidata invece alla potenza della Misericordia l infedeltà viene risanata e riporta il presbitero nel suo luogo di sentinella e di profezia che gli è stato assegnato. All altezza del suo compito. Come quarta risorsa vorrei evidenziare le relazioni di corresponsabilità con i laici. A parte il fatto che da essi, come abbiamo già rilevato, riceviamo esempi di eccezionale e splendida fedeltà, sta di fatto che la comunione fraterna con loro ci rimotiva nel nostro ministero interamente finalizzato alla loro vocazione di laici, ridesta in noi il bisogno di essere totalmente a loro servizio, nella assoluta fedeltà alla nostra identità presbiterale di cui hanno necessità. Se ci circondiamo di laici capaci di corresponsabilità, e formati da noi al senso della corresponsabilità, saranno essi stessi la nostra più immediata difesa dalle insidie di infedeltà. Saranno come una siepe di protezione. Sono essi che ci vogliono tutti d un pezzo. Ci vogliono integri, fedeli a Dio che ci ha investiti di una identità ontologica e di un ministero conseguente finalizzati al bene spirituale della gente, e fedeli alle loro necessità spirituali. Senza barare in compromessi e trastullarci negli ozi di Capua, mentre attorno a noi ferve la battaglia del Vangelo.

8 Potremmo prendere in considerazione anche altre risorse di fedeltà. Per ora ci basti il riferimento a queste. Ognuno saprà individuarne altre che riscopre dalla propria esperienza. Non c è dubbio comunque che la fedeltà del presbitero, richiamata dal papa per l Anno sacerdotale ed esemplarmente testimoniata dal santo curato d Ars, come del resto da tantissimi presbiteri del nostro Presbiterio, nel passato e nel presente, costituisce una grande scommessa con la vita, e una singolare profezia di cui ha bisogno l uomo del nostro tempo, travolto da una cultura di non fedeltà. Nel contempo, sentiamo il dovere di essere maestri di fedeltà proprio nel nostro tempo, accompagnando la vita delle famiglie, sempre più esposte ai pericoli della non fedeltà, e prendendoci particolarmente cura dei ragazzi e dei giovani su cui investire in grande azione educativa per una fedeltà vocazionale: alla vita familiare, consacrata, presbiterale. Affidata unicamente alla nostra pur buona volontà la nostra fedeltà è a rischio. Conviene affidarla nella preghiera quotidiana allo Spirito Santo che, al dire di Paolo, sta all origine di quella fedeltà che nell elenco del frutto dello Spirito colloca come settima (cfr Gal 5, 22). Per concludere, ritorniamo al pensiero iniziale. Ci troviamo nel santuario diocesano che celebra Maria, la vergine fedele fino all estremo del dolore di madre, quello di tenere sulle sue ginocchia il corpo esangue e martoriato del Figlio. Qui confluisce una fiumana di gente che vi giunge da ogni parte a chiedere grazie. Amiamo pensare, in primo luogo, grazie di fedeltà coniugale e familiare per sé e per i figli. Ma, ne siamo certi, anche grazie per i loro preti. Preti di cui possono fidarsi Dio che li abilita alla fedeltà e il popolo di Dio che dà anche a noi preti eroici e gloriosi esempi di fedeltà ad un amore che sfida le prove e perdura nel tempo. Non c è dubbio che una tale fedeltà, vissuta da un presbitero e dall intero Presbiterio nella pace e nella gioia del cuore, è anche la più efficace pubblicità della vocazione al presbiterato. Ed è, nel contempo, il modo migliore per dire grazie a Dio di avercene fatto dono. + Giuseppe Zenti

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE Documento preparatorio Città del Vaticano 2013 I Il Sinodo: famiglia ed evangelizzazione

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La santità al femminile

La santità al femminile Chiavari, 25 settembre 2010. La santità al femminile Introduzione Prima di parlare di santità al femminile, vorrei dedicare la prima parte della nostra riflessione alla santità e alla sua condizione nella

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE RIFLESSIONE SULL AVVENTO Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL 20 SIGNORE INTRODUZIONE Accogliamo dal Signore un nuovo Anno di grazia, di

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI 1. Il rinnovamento della catechesi, pubblicato nel 1970 sotto la spinta del Concilio Vaticano II, ha segnato decisamente,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE Sabato Mariano, 7 dicembre 2014 LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE P. Alberto Valentini, SMM La speranza biblica non è un vago sentimento, una semplice tensione verso un futuro, sognato migliore,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT Adorazione Eucaristica A Gesù... per Maria Guida: In occasione della Peregrinatio della Statua della Madonna di Lourdes, lasciamoci illuminare

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

COME DIO EDUCA IL SUO POPOLO ATTRAVERSO IL DONO DELLA MANNA I TESTI

COME DIO EDUCA IL SUO POPOLO ATTRAVERSO IL DONO DELLA MANNA I TESTI Vicari Parrocchiali di Milano responsabili di Pastorale Giovanile Seveso, marzo 015 COME DIO EDUCA IL SUO POPOLO ATTRAVERSO IL DONO DELLA MANNA + Pierantonio Tremolada I TESTI Da Libro del Deuteronomio

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA

IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA Numeri 5/6 1 luglio 2004 IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA Nota pastorale dell Episcopato italiano Introduzione Pag. 129 I. Comunicare e vivere il Vangelo tra la gente in un

Dettagli

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25)

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25) 1 Lectio divina (4) Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava,

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo

Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo ISM - Incontro di discernimento vocazionale (Roma, 30 maggio-1 giugno 2014) Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo «Quelli dunque che erano con lui gli domandavano: Signore, è questo il

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA. Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi. Gv 20,21

LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA. Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi. Gv 20,21 LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi Gv 20,21 LETTERA PASTORALE PER L ANNO 2013-2014 LUCIANO MONARI vescovo di brescia Come il Padre ha mandato me, anch io

Dettagli

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Quaderni di spiritualità 1. Liberare la santità di Piccotti Mariano e Vissani

Dettagli

La fraternità auten,ca è nella gioia e bandisce la tristezza Fanano 2 luglio 2015

La fraternità auten,ca è nella gioia e bandisce la tristezza Fanano 2 luglio 2015 La fraternità auten,ca è nella gioia e bandisce la tristezza Fanano 2 luglio 2015 «La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù. Coloro che si lasciano salvare

Dettagli

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO PER AFFIDARE IL POPOLO ITALIANO ALLA VERGINE MARIA MATER UNITATIS PROPOSTA PER LE CHIESE PARTICOLARI a cura dell Ufficio Liturgico Nazionale - CEI CANTO INIZIALE: Vergine

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

UNITALSIAMO, voce del verbo pregare

UNITALSIAMO, voce del verbo pregare INDICE UNITALSIAMO, voce del verbo prendere l iniziativa La gioia della missione nell Associazione e nella comunità ecclesiale a cura di Salvatore Pagliuca, Presidente Nazionale U.N.I.T.A.L.S.I. Parte

Dettagli

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29)

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) QUARESIMA-PASQUA 2015 ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) Tutte le opere dell'uomo proseguono inesorabilmente condotte dal tempo che mai si arresta. Anche l'anno pastorale corre veloce sui binari della

Dettagli

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10).

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Vita Abbondante Corrado Salmé Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Nessuno uomo ha mai potuto dire queste parole, perché nessun uomo

Dettagli