La fedeltà del presbitero nel Presbiterio. La fedeltà di Dio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La fedeltà del presbitero nel Presbiterio. La fedeltà di Dio"

Transcript

1 La fedeltà del presbitero nel Presbiterio Santuario della Corona, 4 giugno 2009 Ritiro al Clero Come da tradizione viviamo il nostro ritiro spirituale di conclusione dell anno pastorale con tutti coloro che partecipano del sacramento dell Ordine sacro nei suoi tre gradi, al santuario mariano diocesano della Corona che fa memoria del mistero della fedeltà di Maria alla sua chiamata divina, ad essere madre di Cristo e della sua Chiesa. Fino al martirio del cuore, come testimonia l evangelista Giovanni: Stavano sotto la croce di Gesù Maria sua madre e il discepolo che egli amava, cui fa eco il testo poetico di Iacopone da Todi stabat mater dolorosa, iuxta crucem lacrimosa. Maria non si è data alla fuga di fronte alla mala sorte. Ha seguito Cristo sulla via del Calvario e si è, per così dire, piantata, ritta in piedi, sotto quella croce che è il segno massimo della fedeltà di Dio alle sue promesse di salvezza. Per queste riflessioni seguiamo il tracciato tematico presentato dal papa per l anno sacerdotale: la fedeltà di Dio in Cristo e la fedeltà del presbitero. La fedeltà di Dio Anzitutto, la fedeltà di Dio. Come è noto, nella Bibbia il termine fedeltà evoca il senso della solidità della roccia (hemet). Si addice pertanto in sommo grado a Dio che la Sacra Scrittura definisce più volte come roccia (Dt 32, 4. 15; 2 Sam 22,2; sal 31, 4; 62, 3; 73, 26; 89, 27; 95, 1 ). La fedeltà di Dio alle sue promesse e alle sue alleanze è incondizionata, assoluta, a prova di infedeltà del suo popolo: Ho trovato Davide, mio servo La mia fedeltà e il mio amore saranno con lui Se i suoi figli abbandoneranno la mia legge, se violeranno i miei statuti, punirò con la verga la loro ribellione e con flagelli la loro colpa. Ma non annullerò il mio amore e alla mia fedeltà non verrò mai meno. Sulla mia santità ho giurato una volta per sempre (sal 89). Ne fa eco Paolo: Se alcuni furono infedeli, la loro infedeltà annullerà forse la fedeltà di Dio?... I doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili (Rm 3, 2. 11, 29). Nonostante le ripetute infedeltà del popolo della alleanza, Jawhé non teme di riproporgliela. In termini di altissimo afflato lirico: ti farò mia sposa per sempre, ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto, nell amore e nella benevolenza, ti farà mia sposa nella fedeltà e tu conoscerai il Signore (Os 2, 21-22). Una fedeltà che non viene limitata né dal tempo né dallo spazio: la sua fedeltà per ogni generazione forte è il suo amore per noi, la fedeltà del Signore dura per sempre buono è il Signore, il suo amore è per sempre, la sua fedeltà di generazione in generazione la tua fedeltà è fondata nei cieli (sal 100, , 2. 99, 5. 89, 3).

2 È interessante evidenziare poi il fatto che fedeltà è generalmente coniugata con gli altri fondamentali attributi di Dio, come l amore, la misericordia, la pazienza, la grazia: Il Signore passò davanti a lui (Mosè), proclamando: Il Signore, il Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all ira e ricco di amore e di fedeltà (Es 34, 6) ; tu, Signore, sei pieno di amore, Dio fedele la mia fedeltà e la mia grazia saranno con lui per la tua fedeltà, per la tua grazia (Sal 86, , ,1). La fedeltà di Dio ha il suo vertice e il suo compimento in Cristo, che l apostolo Paolo non ha esitato a definire l Amen del Padre. Eccone il testo della seconda ai Corinti: Dio è testimone che la nostra parola verso di voi non è sì e no. Il Figlio di Dio, Gesù Cristo, che abbiamo annunciato tra voi, io, Silvano e Timoteo, non fu sì e no, ma in Lui vi fu il sì. Infatti, tutte le promesse di Dio in lui sono sì. Per questo attraverso di lui sale a Dio il nostro Amen per la sua gloria (2 Cor 1, 18-20). E l evangelista Giovanni potrà condensare il senso della fedeltà di Dio in Cristo con quella sorprendente rivelazione che lascia sconvolti ogni volta che la riudiamo, benché ci sia entrata tra le espressioni più familiari: Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna (Gv 3, 16), come a dire, per rendere l uomo capace di fedeltà a Dio. Ora, un tale amore, ha trovato la sua espressione sublime e inedita nell Eucaristia, che sancisce in modo definitivo l alleanza tra Dio e l umanità, nel sangue di Cristo, cioè nel suo mistero pasquale. Potremmo a questo punto parafrasare il testo di Gv nel modo seguente: Dio ha tanto amato l umanità peccatrice (mondo) da dare il Figlio unigenito come Eucaristia. La fedeltà di Dio non si riconduce unicamente alla realizzazione e al compimento della Parola data. È il dono stesso della sua Parola fatta Carne, fatta Eucaristia, cioè Amore assoluto che alimenta la capacità di fedeltà all amore concessa in dono all uomo credente. La fedeltà dell amministratore Ogni credente in Cristo è chiamato e abilitato alla fedeltà a Dio, diventandone un servo fedele. Fedele anzitutto alla sua Parola, da discepolo alla scuola di Gesù. Tale fedeltà trova nel verbo meno (rimanere radicati), molto caro a Giovanni, una interessante riespressione: Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi (Gv 8, 31-32). Quanto a dire che per entrare nel dinamismo della verità e della libertà occorre essere disposti a radicarvisi, a vivere nella fedeltà ad esse. E fedeltà nell esercizio concreto delle proprie responsabilità e competenze che Paolo e gli evangelisti traducono in termini di amministrazione. Riascoltiamo quanto Paolo applica a sé: Ognuno ci consideri come servi (uperetes) di Cristo e amministratori (oiconomos) dei

3 misteri di Dio. Ora, ciò che si chiede agli amministratori è che ognuno risulti fedele (pistos) (1 Cor 4, 2). Abbina il termine amministratore (oiconomos) con fedeltà (pistos) anche Luca nel famoso testo sulla vigilanza (Lc 12, 35-48) che abbiamo già ascoltato. La pagina è chiaramente suddivisibile in due parti: le esortazioni di Gesù ad essere pronti, svegli, con i fianchi cinti e le lampade accese. In attesa dell arrivo dello sposo. Per entrare alle nozze, serviti dal re in persona. Testo a cui segue l interrogazione di Pietro e la replica di Gesù: Chi è l amministratore fedele e prudente (fronimos: da buon senso)?. In netto contrasto risulta la destinazione dell amministratore fedele (messo a capo di tutti i beni del padrone) rispetto a quella riservata all amministratore infedele che spadroneggia sulla servitù (punito severamente e affidato ad una sorte malvagia degna degli infedeli). Questa pagina richiama con immediatezza quella più nota di Matteo sulla parabola dei talenti: due servitori (douloi) hanno curato gli interessi del padrone e vengono definiti: buoni e fedeli (agathoi e pistoi). Il terzo, troppo ripiegato su di sé, viene definito pigro e malvagio (cfr Mt 25, 14-30). Due cioè hanno forte senso di responsabilità nei riguardi del patrimonio ricevuto, di cui sono consapevoli; il terzo è un irresponsabile, non ha saputo valutare la consistenza del bene che gli fu affidato. Era un bene che gli procurava più fastidi che vantaggi. Infondo riteneva quel bene di poco conto, non pensando a sufficienza che Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti (Lc 16, 10) e chi non sa gestire le cose di poco conto a maggior ragione è incapace di gestire quelle di maggior valore. Non c è dubbio infatti che la fedeltà è a tutto campo. Se si insinua l accondiscendenza a qualche forma di infedeltà, senza attribuirvi gran peso, un po alla volta, come per una fessura o una crepa nella diga, la fedeltà non tiene più. Ovviamente la capacità di fedeltà esige forti personalità. Sempre. In modo ancor più cogente oggi. Teniamo presente che la fedeltà oggi non va di moda. Oggi è piuttosto criterio culturale la non fedeltà, la flessibilità nei principi etici, come adeguamento agli ambienti e alle opportunità, alla ricerca del tornaconto. Ci si sente cioè non vincolati dalla fedeltà. Cosa che è peggiore dell essere infedeli. Si tende a valutare la non fedeltà come opportunità di movimento, come un cambio di vestito o di maschera. Non si sospetta che la non fedeltà segnala una identità interiore in balia degli eventi. E perciò una crisi profonda di senso antropologico. Per la fedeltà, in questa cultura, non si è disposti a pagare nessun prezzo, mentre la parola di Dio, attraverso la lettera agli Ebrei non esita a ricordare: non avete resistito ancora fino al sangue nella lotta contro il peccato (Ebr 12, 4), per essere cioè radicati nella fedeltà a Dio.

4 La fedeltà del presbitero nel Presbiterio Non c è dubbio che l immagine dell amministratore si coniuga facilmente con l identità e la missione del presbitero, o più in generale dell ordinato, come ricorda Paolo nella citata lettera ai Corinti: Ognuno ci consideri come amministratori dei misteri di Dio (1 Cor 4, 1). Di conseguenza, una delle virtù più necessarie e qualificanti per un presbitero, per un ordinato, è la fedeltà. Cerchiamo di approfondirne il senso e di concretizzarne le applicazioni. Fedeltà a Chi? Fedeltà sponsale a Cristo pastore in funzione del gregge affidato, ancor prima che fedeltà agli impegni assunti nel giorno dell ordinazione e alle varie pratiche di pietà: cose tutte che hanno senso in rapporto con la fedeltà a Cristo pastore. Come a dire, fedeltà alla propria identità originata dal sacramento dell Ordine sacro. Non si tratta di una identità che ci è piombata addosso. A nostra insaputa. Sapevamo molto bene che cosa con l imposizione delle mani del vescovo e con la preghiera di ordinazione sarebbe accaduto in noi: si sarebbe adempiuto un evento di grazia che avrebbe inciso in profondità nel nostro stesso essere, imprimendo il carattere, dando cioè stabilità irreversibile alla nostra nuova identità, quella dell essere configurati sacramentalmente a Cristo Pastore, da lui indissociabili, anche in caso di nostre fragilità e incoerenze, cioè piccole o grandi infedeltà. Abbiamo accolto in noi questa nuova identità nell esercizio della libertà personale. Sotto il segno della responsabilità. Non siamo stati colti di sorpresa come prede da angariare. O se vogliamo parlare di sorpresa, potremmo dire con Paolo sono stato afferrato da Cristo e mi sono lasciato afferrare da Lui!. Eravamo aperti e pienamente disponibili ad una realtà che sapevamo assoluta gratuità nel suo valore e nella sua provenienza trascendente. Dono eccezionale, immeritato, che avrebbe segnato l intera nostra vita. L abbiamo accolta con trepidazione e con non meno gratitudine. Ci siamo sentiti fortunati. Immensamente amati. Avviati ad una avventura di alleanza straordinaria. In vista di una missione sovrumana. Destinata comunque all uomo del nostro tempo, bisognoso sempre più di salvezza che viene dall Alto, attraverso la mediazione sacramentale. Non ci resta che riandare spesso a quell atto di benevolenza divina che esprimendo assoluta fiducia in noi ha stabilito con noi un patto indissolubile. Che impegna, ovviamente, alla fedeltà. Poiché Dio, nel suo mistero di amore trinitario e nella sua economia di salvezza, fa conto sulla nostra mediazione di ministri ordinati, facendo transitare dalla nostra persona, nell atto soprattutto dell esercizio ministeriale, grazie su grazie di salvezza che, forse, altrimenti rimarrebbero non del tutto valorizzate.

5 Di conseguenza, non c è dubbio che è necessario mantenere viva la coscienza della propria identità e missione di presbiteri. Se si attenua o eclissa tale coscienza, con estrema facilità ci si immette nel circuito dei compromessi che giustificano singoli gesti di infedeltà e alterano la sensibilità morale nei suoi confronti. Fedeli a se stessi, dunque, per essere davvero fedeli a Cristo. Di una fedeltà che ha i caratteri della sponsalità. Cioè del vincolo della indissolubilità come garanzia di vita in pienezza di valore e di senso. Tra Cristo pastore e il presbitero vi è una intrinseca esigenza di fedeltà. Da parte di Cristo, senza ombra di dubbio. Da parte del presbitero da consolidare giorno dopo giorno, in modo che nulla del presbitero sia sottratto alla signoria sponsale di Cristo. Nella consapevolezza che di fatto solo Cristo è la risposta esaustiva alla realtà umana. Nell essere fedeli a Lui si scopre di giorno in giorno chi è davvero Lui per noi e per l umanità. Fatte queste considerazioni, che comunque rimandano alle ragioni originarie del dono e dell impegno di fedeltà alla nostra identità di pastori, unita indissolubilmente con la persona di Cristo Pastore per esserne la mediazione sacramentale, vorrei ora, come vostro vescovo, offrirvi alcuni suggerimenti perché si ravvivi in noi, a cominciare dunque da me stesso, la coscienza di ciò siamo stati resi, nell essere, dal sacramento dell Ordine e, di conseguenza, perché la fedeltà non sia soggetta a facili moti sismici. Devastanti. O a quella evanescenza che il profeta Osea paragonava alla rugiada che svanisce all apparire del sole (cfr Os 6, 4). Anzitutto, sia in noi chiaro che fedeltà sta ad indicare stabilità e non intermittenza. Ci sentiamo inchiodati nella nostra realtà di ordinati e non leggermente incollati o appiccicati. Fedeli giorno e notte. Nei tempi di intensa attività pastorale e in quelli per così dire più rilassati di vacanza. Nessuna vacanza ci autorizza alla non fedeltà a Cristo Pastore, in definitiva alla nostra identità presbiterale. Fedeli a Cristo pastore, nella ricerca quotidiana di una relazione di conformazione a Lui pastore, assumendone le coordinate di comunione con il Padre nel dono dello Spirito e di servizio fraterno verso la nostra gente, verso il popolo di Dio. Finalizzando quanto seguirà alla fedeltà a Cristo, nei riguardi della quale e soltanto della quale ha senso e valore, evidenzio la necessità di fedeltà ad una economia del tempo che non si affida alla casualità degli eventi, ma lasciandoci coinvolgere dalle necessità e spesso urgenze pastorali, non lo dissipa nello scialacquio di conversazioni non pastorali (specialmente se nottambolesche) o nella dispersione di tempi tritati dall uso smodato dei media. Per essere fedeli a Cristo occorre che diamo regole severe all uso del nostro tempo. Nella fedeltà alle cosiddette pratiche di pietà, come la meditazione personale, la recita del rosario, un po di lettura spirituale. Fedeltà al nostro posto, quello assegnato dall obbedienza comunionale ecclesiale, senza assenze per nulla giustificate. Fedeltà alla nostra condizione di consacrati sponsalmente a Cristo, al Cristo totale, Capo

6 e membra. Siamo infatti talmente dediti al gregge di Cristo, la sua Chiesa, che la amiamo con cuore indiviso. Con il cuore stesso di Cristo. Il nostro cuore interamente nel suo cuore! Se questo dato risponde alla realtà, e se un tal cuore è il grembo più sublime per un amore incondizionato verso tutti gli uomini, bisognosi di Amore assoluto, è difficile che si possa contestare la sublimità dell abbinamento dell identità ordinata con il dono del celibato. Ne è l habitat più idoneo. Certo, non è senza un costo. Anche elevato in certi momenti. Ma è proprio il costo che ne evidenzia il valore. Essere fedeli alla propria condizione di sponsalità spirituale con Cristo, quando sulle vele soffia il vento favorevole delle gratificazioni e della pace dei sensi e la fedeltà celibataria rimane del tutto fuori dalle intemperie, che c è di eroico? Ma viene per tutti il momento in cui ciò che Dio ci ha concesso come dono, da noi liberamente accondisceso, per una qualità di donazione divina al popolo di Dio, può misurarsi con lo stato di fragilità che portiamo nei nostri cromosomi di uomini, resa ancor più disumana da una cultura della non fedeltà che respiriamo e dalle insidie rese oggi più a portata di mano: anche se non le vai a cercare te le trovi dietro l uscio. Senza considerarci dei martiri della fedeltà alla nostra identità solo perché resistiamo alle seduzioni della non fedeltà, ricordiamo che è il medesimo costo che si paga anche nella fedeltà coniugale e che comunque misura la statura di una personalità nella sua concretezza. Non siamo noi più eroi di tanti nostri fratelli nella fede, fedeli a Cristo nei loro complessi ambienti di vita professionale e al loro stato di coniugalità. Non abbiamo nessun motivo di superbia. La nostra condizione celibataria, di verginità consacrata per il Regno, ci sospinge semmai ad essere ancor più umili e prudenti e ad attivare tutte le risorse di natura spirituale che alimentano la fedeltà e la mettono al riparo da bufere devastanti. Segnalo alcune delle principali risorse su cui il presbitero può contare per alimentare e proteggere la sua fedeltà a Cristo pastore, nella fedeltà alla sua identità presbiterale. In primo luogo la coscienza dell essere Presbiterio come luogo di vita nello Spirito che gode di risorse specializzate e di anticorpi adeguati. Le belle relazioni nel Presbiterio rendono ancor più sicura e vigorosa la capacità di fedeltà, potendo contare su un insieme di fratelli tutti impegnati sul medesimo fronte, non solo ognuno per sé, ma ognuno per tutti. Sta di fatto che la testimonianza di fedeltà dei nostri confratelli è per ciascuno stimolo ad esserlo anche personalmente. Sapendo comunque che non ti lasciano in balia degli eventi burrascosi, ma da fratelli ti stanno vicino. Ed è noto che tale realtà, vissuta nella sua compattezza di insieme, mette in guardia chiunque attenti e insidi la fedeltà del prete, sotto tutti i profili, comprendendo che ha da fare i conti non con un singolo ma con la solidarietà di un insieme, con un Presbiterio dunque e non con un singolo presbitero. Anche sotto questo profilo si rendono, soprattutto oggi, necessari gli incontri moltiplicati tra presbiteri, specialmente di una stessa zona pastorale, fino alla sua forma più elevata come è la comunità presbiterale. Insomma, fare corpo con il

7 Presbiterio ci sostiene nei momenti di stanchezza interiore e di demotivazione, di arido deserto dello spirito. In secondo luogo riservarsi, ad ogni costo, i tempi dell intimità con Cristo Pastore-Eucaristia. I tempi dell intimità con Lui sono garanzia di fedeltà a lui. Non lesiniamo e non misuriamo con il bilancino del farmacista i tempi di tale intimità, né releghiamoli tra gli optional. Saremmo sempre a rischio di non fedeltà, come accade nell ambito della sponsalità coniugale. Come ho avuto modo di affermare altre volte, ricordiamoci che i tempi riservati alla formazione, alla comunione fraterna presbiterale e all intimità con Cristo non sono sottratti alla pastorale ma ne sono la condizione di autenticità e di fecondità. Non esitiamo dunque a ritagliarceli. Specialmente a cominciare da questo anno sacerdotale, ad imitazione del santo curato d Ars, ritagliamoci e riserviamoci una mezza giornata di sosta davanti all Eucaristia. In contemplazione adorante. Leggendo pagine e pagine di quella Parola che si avvera appunto nell Eucaristia. O qualche testo che nutre la spiritualità del presbitero. O qualche intervento del Magistero. E intrattenendosi con l Eucaristia sulle situazioni della vita pastorale, che riguardano le famiglie, i giovani Come terza risorsa di fedeltà annoveriamo la Confessione personale assidua e fiduciosa nella misericordia di Dio che alle infedeltà risponde con una ricarica di capacità di fedeltà. Lasciata in balia di se stessa l infedeltà trascina a slavina altre infedeltà; il compromesso si fa regola generale; la voglia delle scorciatoie suggerite dalla pigrizia, dagli incantesimi e dalla rassegnazione all intruppamento, ha la meglio; la tendenza a farsi troppi sconti da sé e a razionalizzare le scuse è in agguato. Affidata invece alla potenza della Misericordia l infedeltà viene risanata e riporta il presbitero nel suo luogo di sentinella e di profezia che gli è stato assegnato. All altezza del suo compito. Come quarta risorsa vorrei evidenziare le relazioni di corresponsabilità con i laici. A parte il fatto che da essi, come abbiamo già rilevato, riceviamo esempi di eccezionale e splendida fedeltà, sta di fatto che la comunione fraterna con loro ci rimotiva nel nostro ministero interamente finalizzato alla loro vocazione di laici, ridesta in noi il bisogno di essere totalmente a loro servizio, nella assoluta fedeltà alla nostra identità presbiterale di cui hanno necessità. Se ci circondiamo di laici capaci di corresponsabilità, e formati da noi al senso della corresponsabilità, saranno essi stessi la nostra più immediata difesa dalle insidie di infedeltà. Saranno come una siepe di protezione. Sono essi che ci vogliono tutti d un pezzo. Ci vogliono integri, fedeli a Dio che ci ha investiti di una identità ontologica e di un ministero conseguente finalizzati al bene spirituale della gente, e fedeli alle loro necessità spirituali. Senza barare in compromessi e trastullarci negli ozi di Capua, mentre attorno a noi ferve la battaglia del Vangelo.

8 Potremmo prendere in considerazione anche altre risorse di fedeltà. Per ora ci basti il riferimento a queste. Ognuno saprà individuarne altre che riscopre dalla propria esperienza. Non c è dubbio comunque che la fedeltà del presbitero, richiamata dal papa per l Anno sacerdotale ed esemplarmente testimoniata dal santo curato d Ars, come del resto da tantissimi presbiteri del nostro Presbiterio, nel passato e nel presente, costituisce una grande scommessa con la vita, e una singolare profezia di cui ha bisogno l uomo del nostro tempo, travolto da una cultura di non fedeltà. Nel contempo, sentiamo il dovere di essere maestri di fedeltà proprio nel nostro tempo, accompagnando la vita delle famiglie, sempre più esposte ai pericoli della non fedeltà, e prendendoci particolarmente cura dei ragazzi e dei giovani su cui investire in grande azione educativa per una fedeltà vocazionale: alla vita familiare, consacrata, presbiterale. Affidata unicamente alla nostra pur buona volontà la nostra fedeltà è a rischio. Conviene affidarla nella preghiera quotidiana allo Spirito Santo che, al dire di Paolo, sta all origine di quella fedeltà che nell elenco del frutto dello Spirito colloca come settima (cfr Gal 5, 22). Per concludere, ritorniamo al pensiero iniziale. Ci troviamo nel santuario diocesano che celebra Maria, la vergine fedele fino all estremo del dolore di madre, quello di tenere sulle sue ginocchia il corpo esangue e martoriato del Figlio. Qui confluisce una fiumana di gente che vi giunge da ogni parte a chiedere grazie. Amiamo pensare, in primo luogo, grazie di fedeltà coniugale e familiare per sé e per i figli. Ma, ne siamo certi, anche grazie per i loro preti. Preti di cui possono fidarsi Dio che li abilita alla fedeltà e il popolo di Dio che dà anche a noi preti eroici e gloriosi esempi di fedeltà ad un amore che sfida le prove e perdura nel tempo. Non c è dubbio che una tale fedeltà, vissuta da un presbitero e dall intero Presbiterio nella pace e nella gioia del cuore, è anche la più efficace pubblicità della vocazione al presbiterato. Ed è, nel contempo, il modo migliore per dire grazie a Dio di avercene fatto dono. + Giuseppe Zenti

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO PROPOSTA PER UN ADORAZIONE EUCARISTICA DI UN ORA* 1 SETTEMBRE 2015 * Prepared by Pontifical Council for Justice and Peace, translated by Franca Silvestri

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

"Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale

Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale "Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale Uno dei catechismi più invidiati nel mondo redatto da una delle

Dettagli

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa.

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa. PROMESSA SCOUT Nella nostra vita quante volte abbiamo fatto delle promesse e quante volte non l abbiamo mantenute; quante volte abbiamo ricevuto delle promesse e quante volte non sono state mantenute.

Dettagli

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto. BREVIARIO BENEDIZIONE

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

SCUOLA DI PREGHIERA 7 SEMINARIO Scifì Parrocchia Sant Alfio 16/12//08

SCUOLA DI PREGHIERA 7 SEMINARIO Scifì Parrocchia Sant Alfio 16/12//08 SCUOLA DI PREGHIERA 7 SEMINARIO Scifì Parrocchia Sant Alfio 16/12//08 DISCERNIMENTO PERSONALE : In quale membro della chiesa di Cristo ti riconosci? Catechesi tenuta da Padre Francesco Broccio Lode! Lode!

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli