operatori sociali, troppo spesso isolati di fronte alle domande e al disagio delle famiglie. Infine, è stato immaginato per noi stessi, per poter

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "operatori sociali, troppo spesso isolati di fronte alle domande e al disagio delle famiglie. Infine, è stato immaginato per noi stessi, per poter"

Transcript

1 Introduzione Il grande interesse per l adozione non è di ieri. Il tema dell adozione, e dell adozione internazionale in particolare, è molto vasto. Per comprenderlo in tutta la sua complessità bisogna capire il fenomeno dell abbandono. Solo il 5% dei bambini abbandonati potranno venire adottati. Attraverso un viaggio nel tempo e nello spazio proviamo a esplorare i legami tra i due poli dell abbandono e dell adozione e il modo in cui influenzano la salute del bambino e la sua vita. Nei primi due capitoli, parleremo dell abbandono e dell adozione. Nel terzo diventeremo antropologi per determinare il profilo delle famiglie adottive. I capitoli 4 e 5 descrivono l essenza del processo d adozione dalla valutazione psicosociale fino all ambulatorio del medico. Nei capitoli 6, 7, 8, 9 e 10 vedremo più in dettaglio gli aspetti dell alimentazione, della crescita, delle infezioni, dello sviluppo e delle particolarità etniche del bambino adottato. Il capitolo 11 affronta le sfide quotidiane dell adattamento. Il capitolo 12 è un male necessario in cui si parla dei problemi di sviluppo; non interessa tutti i genitori, ma purtroppo è inevitabile. Poi il tempo passa e viene il momento della scuola dell infanzia, della scuola elementare e del capitolo 13 che risponde ad alcune questioni su questo argomento. Il capitolo 14 parla dell identità del bambino e dell adolescente. E infine, c è un mezzo capitolo che parla del futuro da costruire con il vostro bambino. Questo libro fa appello alla scienza e a un umanità necessaria a occuparsi di bambini e adolescenti in una prospettiva multidisciplinare. È stato ispirato dalle migliaia di bambini che abbiamo incontrato nel corso della nostra carriera. È fatto per i molti genitori che si pongono domande a cui non sanno dare risposta. È stato anche pensato per gli 17

2 operatori sociali, troppo spesso isolati di fronte alle domande e al disagio delle famiglie. Infine, è stato immaginato per noi stessi, per poter condividere ciò in cui crediamo. 18

3 Antropologia dell adozione La società occidentale, sostenuta dalla ricerca scientifica sulla genetica, dà particolare importanza ai legami di sangue. Ma estendere questo principio alle altre culture significherebbe peccare di etnocentrismo. J.V. DE MONLÉON L adozione è un gesto d amore fondato sui valori e sulle credenze di ciascuna cultura. Alcuni antropologi arrivano a dire che si tratta di un gesto il cui valore è esclusivamente culturale. La pratica dell adozione esiste da sempre in moltissime culture. In molte tribù africane, per esempio presso i Maori in Polinesia e tra gli Inuit in Canada, il bambino è un gioiello condiviso da una famiglia allargata. In Africa il bambino già dal momento della sua concezione appartiene alla comunità. In un seminario organizzato da Infanzia e Famiglie, la più grande associazione di adottanti in Francia, i partecipanti rilevavano che la tradizione dell accoglienza, che permette ai figli di circolare da una famiglia all altra, contribuisce a ridurre il numero di bambini abbandonati nella maggior parte dei Paesi africani. Dal punto di vista di un africano, l adozione non è considerata qualcosa di colpevole, anzi: più bambini ci sono, più si è rispettati. La Kafala: una tutela legale Alcuni Paesi ignorano semplicemente la pratica dell adozione, senza peraltro proibirla. È il caso del Ciad e della Mongolia. Invece l Algeria, la Mauritania, il Pakistan, il Marocco e molti altri Stati islamici proibiscono l adozione. Questa proibizione si basa sull interpretazione di due versi del capitolo XXXIII del Corano: «Dio non mette due cuori in un solo uomo [ ] così come non fa diventare figli vostri coloro che avete adottato». C è da dire che la Tunisia e l Indonesia interpretano questi versi diversamente. In ogni caso, nei Paesi musulmani esiste l istituto della Kafala, una forma di tutela legale che pur non riconoscendo il bambino adottato come un figlio, garantisce comunque il suo benessere e il suo diritto di successione. 34

4 L adozione in Cina Anche se se ne parla poco, la Cina incoraggia l adozione dei bambini cinesi sia per permettere la trasmissione dei beni, sia per tramandare il culto degli avi. Un antropologa francese, Karina Hinano Guérin, ha studiato la pratica dell adozione in Cina nella famiglia tradizionale. Il suo lavoro ci mostra che la famiglia tradizionale cinese si fonda sul culto degli avi piuttosto che sui legami di sangue poiché la morte non interrompe la linea genealogica, che però si trasmette solo per via maschile. Quindi, una figlia non può ereditare, ma un figlio sì. Le famiglie che non hanno figli maschi allora ricorrono a varie soluzioni per assicurare la sopravvivenza della famiglia. Quelle più ricche accolgono una concubina, ma la rivalità tra mogli e concubine e la pratica dell infanticidio delle figlie femmine fanno sì che trovare una concubina non sia così facile. Consideriamo che in Cina ci sono 108 uomini ogni 100 donne! L altra soluzione è quella di adottare un figlio, per esempio qualcuno che appartiene alla stessa stirpe in linea diretta o acquisita. Ma è proibito adottare un estraneo, quindi per il momento non avremo l occasione di vedere coppie cinesi venire in occidente per adottare bambini bianchi L adozione in India Nella comunità indù dell India, proprio come in Cina, le bambine sono sempre state considerate come un fardello per le famiglie. Tuttavia, sempre di più si assiste in India all adozione di bambine. Dato che vengono abbandonate a migliaia, sono spesso prese in adozione da famiglie indiane in India e anche dalla comunità indiana internazionale, per esempio in Ontario nel Canada. Come osservava Monsignor Rask Kapoor nel corso del seminario di cui parlavamo in precedenza, secondo la concezione indiana importa poco in quale Paese sia allevato un bambino, poiché ogni uomo è cittadino del mondo e ciò che conta è che sia attaccato alla sua famiglia e che cresca nell integrità morale. Come diceva Monsignor Rask Kapoor, «i nostri figli non sono nostri, ma sono figli della vita». Difficile immaginare una riflessione più adatta per iniziare a pensare un antropologia universale dell adozione internazionale. 35

5 UN COWBOY IN QUÉBEC Una volta un uomo di quarant anni, con i capelli castani, tarchiato e sorridente, con un paio di stivali di coccodrillo, una camicia a frange come se fosse appena uscito da un episodio di «Dallas» passeggiava in rue St-Jean in Québec. Lo si vede tirare fuori con orgoglio un album di fotografie e ce ne sono alcune che lo mostrano mentre stringe la mano a Bill Clinton durante una campagna elettorale. Poi si volta a guardare i passanti e con un forte accento del sud degli Stati Uniti dice con emozione: «For the first time in my life, I look as everybody else. Back home, everybody I know is blond, tall and has blue eyes. I always felt like a misfit» («Per la prima volta in vita mia sono come tutti gli altri, mentre invece a casa tutti sono biondi e hanno gli occhi azzurri: mi sono sempre sentito diverso»). Sì, Bob è americano perché è stato adottato da una coppia di origine irlandese che era venuta in Québec nel 1958 per adottare un bambino bianco e cattolico. Poiché la madre biologica non aveva voluto rivelare la sua identità, Bob era venuto almeno per vedere il suo luogo di nascita. Ripartirà emotivamente più maturo. Cuore di cowboy! Demografia dell adozione I genitori del Québec vanno a cercare i loro bambini nel terzo mondo. LA PRESSE CANADIENNE Nel corso degli anni Cinquanta, Sessanta e perfino Settanta, centinaia di bambini canadesi nati da madri nubili, i cosiddetti «bambini del peccato», sono stati adottati negli Stati Uniti, in Portorico, in Venezuela e perfino in Francia. Oggi la disponibilità di bambini per l adozione internazionale nei Paesi d origine dipende dal tasso di natalità, dalla mortalità infantile, dalla contingenza economica, dalle leggi del luogo e dalla disponibilità o meno di genitori adottivi locali. Per contro, la disponibilità di genitori adottivi nei Paesi d arrivo dipende dal calo del tasso di natalità, dalla crescita di quello di infertilità e dalla misura delle difficoltà legali e amministrative legate all adozione che possono essere più o meno semplificate dai vari organismi che regolano il processo d adozione. Ogni anno si portano a termine adozioni internazionali negli Stati Uniti, in Francia, in Spagna, quasi in 36

6 Svezia e in Canada di cui quasi solo in Québec. Tra vent anni i bambini adottati abitanti negli Stati Uniti saranno e altrettanti saranno i genitori adottivi. D altra parte, in Inghilterra e in Germania ci sono poche centinaia di casi di adozione internazionale all anno. Mentre invece cominciano a verificarsi casi di adozione internazionale tra Paesi asiatici, per esempio in Malesia con bambini provenienti dalla Thailandia. In America del nord, le adozioni sono realizzate soprattutto in Cina, in Corea, in Russia, in India, a Haiti, in Romania, in Guatemala, in Vietnam, in Colombia e in una cinquantina di altri Paesi. In Europa occidentale, a questi Paesi si aggiungono anche il Madagascar, l Etiopia, il Brasile e alcuni Paesi dell Oceania. Mentre la Francia preferisce adottare maschi (più del 50% dei casi), in Canada tre quarti degli adottati sono femmine. La metà dei bambini ha meno di un anno e un quarto ne ha più di due. In effetti, la tendenza ad adottare bambini più grandi è in crescita in tutta l America del nord. Etica dell adozione Ricordati che tuo figlio non è tuo figlio, ma il figlio del suo tempo. ATTRIBUITO A CONFUCIO Prendere la decisione di adottare un bambino non è uno scherzo. I migliori genitori ve lo confermeranno: non si tratta di un gesto ordinario fatto per stare al passo con l ultima moda. Adottare significa decidere di accogliere un bambino con l intenzione di fondare una famiglia, non come soluzione di ripiego o di emergenza. Qualche volta, le ragioni che hanno portato alla decisione si perdono tra i documenti di immigrazione, il certificato di salute, il contratto con l agenzia o l organizzazione che gestisce il processo d adozione. Queste ragioni, però sono la base fondamentale per garantire la riuscita dell impresa. In questi ultimi anni in Québec e altrove una serie di cambiamenti legali e organizzativi hanno reso un po più facile l adozione internazionale. Così molte coppie non fertili o non tradizionali hanno avuto l opportunità di accedere all adozione. Adottare in piena guerra civile in America centrale, o negli anni successivi alla partenza dell ultimo elicottero da Saigon, richiedeva una volontà di ferro e una grande maturità da 37

7 parte degli adottanti. Oggi le procedure sono orchestrate su larga scala e di conseguenza i genitori che vogliono adottare, nonostante le loro attese legittime e le loro reali sofferenze, non si prendono sempre il tempo per riflettere bene sul significato del gesto che stanno per compiere. Ciò non significa che siano meno qualificati o competenti, però è facile che si comportino come dei consumatori che esaminano attentamente la merce prima dell acquisto. Spesso le considerazioni finanziarie prendono il sopravvento su tutto il resto. L adozione è un processo collettivo i cui aspetti amministrativi, legali, medici e psicosociali non sono lì semplicemente per fare imbestialire gli adottanti, ma per mediare tra le attese degli uni e le esigenze degli altri. I genitori adottanti sono le figure chiave di uno scenario molto complesso, ma il loro sincero desiderio di un bambino, per quanto normale e legittimo, non potrà essere il solo fattore da considerare nel momento in cui decidono per l adozione. È proprio per la poca importanza generalmente accordata alla riflessione sui valori che sottendono il gesto dell adozione che i futuri genitori vanno spesso incontro a frustrazioni inutili. Parleremo adesso di alcuni valori fondamentali che genitori, operatori professionali e sociali devono condividere per collaborare in armonia. Proteggere l interesse del più debole: il bambino In primo luogo, il bambino ha il diritto di stare con i suoi genitori biologici e nel suo Paese d origine. Quindi, si dovrebbe fare l impossibile per tenere il bambino nel suo ambiente e con la sua famiglia biologica perché possa essere allevato nella sua lingua e cultura. Quel che è successo recentemente negli Stati Uniti: il caso di un adozione internazionale di due gemelli da parte di due famiglie concorrenti, una negli Stati Uniti e l altra in Inghilterra, non avrebbe mai potuto verificarsi se gli americani si fossero attenuti a questo principio. Evidentemente nel Paese dello zio Sam i trattati internazionali cedono il passo a interessi a torto considerati superiori. Quando un bambino si trova in una situazione di abbandono, ricordiamo che è nel suo interesse (l interesse del più debole) trovargli una famiglia permanente, preferibilmente nel suo Paese d origine e successivamente nella comunità internazionale. In questa maniera, il 38

8 processo di adozione è subordinato alle necessità del bambino perché verranno presi in considerazione i suoi bisogni intellettuali, morali, affettivi e fisici oltre che la sua età, il suo stato di salute, il suo carattere il suo ambiente di provenienza. In questo modo ci si assicura di trovare una famiglia per un bambino, non un bambino per una famiglia. Oggi questo principio è riconosciuto da tutti, anche se non è sempre applicato. È a partire da questo principio che in molti Paesi sono state scritte le leggi che garantiscono la protezione dell infanzia. In concreto, questo significa che i desideri e le convinzioni dei genitori adottanti, per quanto sinceri e ben intenzionati, saranno sempre subordinati ai bisogni del bambino abbandonato. Nell ambito dell adozione internazionale sarebbe facile scordarsi di questo principio e ricorrere a pratiche poco etiche. Per esempio: non sarebbe forse nell interesse del bambino vivere in un Paese più ricco? Oppure con dei genitori agiati e con un alto livello di istruzione, che potranno offrigli dei privilegi impossibili ai genitori biologici? Queste ragioni sono spesso state fatte valere dai genitori adottanti per persuadere i genitori biologici. Di conseguenza si sono verificate delle circostanze deprecabili, per esempio l ordinazione di bambini «su misura» in Guatemala, oppure i circuiti di rivenditori di bambini in Romania, e altri scandali di questo tipo che hanno contribuito a dare una cattiva reputazione all adozione internazionale. BAMBINI SENZA DOCUMENTI E BAMBINI CON DOCUMENTI FALSI Da molti giorni in un orfanotrofio della Cambogia, una volontaria di un organizzazione per l adozione attende certi documenti per completare il dossier di alcuni bambini destinati a delle famiglie in Québec. D improvviso un adottante dalle maniere piuttosto colonialiste si presenta bellicosamente all orfanotrofio brandendo vari documenti firmati e timbrati «lo stesso giorno», dice lui. Incuriosita, la volontaria si avvicina e dice: «Sono certificati di affidamento?» «Sì,» risponde l uomo. «Ma gli uffici sono tutti chiusi oggi!» Allora l uomo replica in modo altero: «Signora, non si può essere ingenui e accettare di aspettare qui per giorni e giorni, come fate voi. È già tanto se qui riescono a stampare qualche centinaio di biglietti verdi e delle promesse di garanzia per l immigrazione in Occidente! Poco importa che sia legale; in ogni modo questo bambino vivrà molto meglio nella civiltà che in questo fottuto Paese». 39

9 La volontaria rossa di collera risponde: «Signore, compiango questo bambino, se questo è il modo in cui Lei intende trattare i suoi connazionali e se questo è quel che Lei pensa del suo Paese d origine». È il bambino ad avere diritto a una famiglia, non il contrario Non parliamo di diritto, ma di privilegio di accogliere un bambino. Questa idea spesso urta profondamente i futuri genitori che si sentono discriminati rispetto ai genitori biologici. Nel loro dolore e nel loro desiderio di fondare una famiglia, talvolta reclamano un bambino come se fosse un loro diritto. Ma nel processo di adozione bisogna soprattutto tenere conto dei diritti, dei bisogni e degli interessi dei bambini, considerando allo stesso tempo anche le responsabilità dei genitori adottivi e di quelli biologici. Adottare, come amare, tende a essere un atto egoista e altruista allo stesso tempo poiché proviene sia dal desiderio di avere un bambino, che da quello di poter donare a un bambino. Sono quindi necessarie delle precauzioni perché il desiderio di avere un figlio non si trasformi nella ricerca di un bambino a tutti i costi, con tutte le conseguenze patologiche che questo comporta. In America latina sono stati praticati dei parti cesarei forzati sulle madri per poter garantire la fornitura di bestie umane ai loro parenti adottivi. Una filiazione ottenuta con la forza è insensata: è già la cronaca di una piccola morte annunciata. Il diritto del bambino a conoscere le sue origini La conoscenza delle proprie origini e, idealmente, l amore per esse sono elementi indispensabili per costruire un identità positiva basata sulla stima di sé. Il bambino ha il diritto di conoscere il suo Paese, la sua cultura e la sua storia per quanto doloroso ciò possa rivelarsi. La ricerca delle origini non ha lo stesso significato per tutti. Alcuni sentono il bisogno di imbarcarsi in questa ricerca molto presto e con grande intensità. Altri no, per paura di cosa potranno trovare, oppure solo perché non attribuiscono alla questione nessuna importanza. Questo bisogno di sapere viene troppo spesso interpretato dai genitori adottivi come un segno del loro fallimento. Cominciano allora a pensare di non essere stati capaci di sanare le infelicità passate e di stare per perdere la relazione privilegiata che hanno con il loro 40

10 bambino. Altri genitori si preoccupano che la ricerca delle proprie origini possa causare maggiori sofferenze. E infine, molti genitori adottivi non si rendono conto di dover fare un lavoro su se stessi, cioè sulla propria capacità di accogliere il bambino con tutto il suo passato e le conseguenze che esso comporta. Rispettare profondamente il diritto del bambino a conoscere le proprie origini da parte dei genitori adottivi può voler dire considerare i genitori biologici come facenti parte della propria famiglia. Non è comunque possibile eliminare questi fantasmi dalla vita del bambino: ignorare quella parte della sua storia significherebbe tagliare le sue radici e amputare la sua identità. Alcuni genitori eludono la questione credendo che non pensarci farà scomparire la cosa e risparmierà molta sofferenza a loro e al bambino. LA MEMORIA SCRITTA SULLA PELLE In occasione del colloquio preparatorio per l incontro con la madre biologica, Nathalie, 29 anni, spiega i suoi motivi all assistente sociale. Dice: «Non è che io voglia stabilire una relazione affettiva con la mia madre biologica, voglio semplicemente comprendere la mia storia. Vorrei comprendere la ragione di certi sogni, o meglio, incubi. Fin da quando ero piccola, sogno che sono da sola sulla scalinata della scuola, o sulle scale della chiesa, oppure all entrata di un negozio e aspetto. Non so chi o che cosa io aspetti, e perché, ma in ogni modo nessuno viene mai a prendermi». La settimana seguente ha luogo l incontro. Una donna nervosa e febbrile, che dimostra molto di più dei suoi 47 anni, entra, si siede e si mette a parlare molto in fretta con fiotti di parole che salgono dal profondo e che premono, nel tentativo di spiegare e di giustificare: «Vedi, Silvie, io avrei voluto tenerti, ma avevo solo 18 anni e poi non avevo lavoro e abitavo in campagna. Allora ti ho affidata all opera della Misericordia, ma venivo a vederti tutte le domeniche. La suora del nido lasciava che ti cullassi e ti baciassi e poi ti promettevo sempre di venire il giorno dopo. Ma dopo tre mesi non avevo più soldi e poi quando sono tornata qualche settimana più tardi, tu eri stata adottata. Allora ho pianto e pianto, perdonami, perdonami». Sotto choc e senza parole, Nathalie si mette a guardare alternativamente la sua madre biologica e l assistente sociale dicendo: «Ma non è possibile, avevo solo tre mesi solo tre mesi». L assistente la guarda e le dice con dolcezza: «Sì, Nathalie, è possibile». 41

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009 n 4 - ottobre/dicembre 2009 Sposarsi a Roma Sempre più tardi e sempre di meno. Introduzione Il matrimonio è sempre stato considerato fin dall antichità il pilastro per la creazione di una famiglia e per

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Lata Cruschelli. Adozione. Testimonianze di vite (stra)ordinarie

Lata Cruschelli. Adozione. Testimonianze di vite (stra)ordinarie Lata Cruschelli Adozione Testimonianze di vite (stra)ordinarie Editore Europolis S.r.l. 2014 Tutti i diritti sono riservati Foto di copertina Martina Nanneli (trucco, Lisa Pezzanesi) ISBN 978-88-99031-12-1

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi LA NARRAZIONE EMOTIVA AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi NARRAZIONE EMOTIVA E RACCONTO DELLA STORIA ADOTTIVA Narrazione emotiva (Vadilonga e coll., 2010) come approccio al racconto delle

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Relatore: Dott. Gregorio Mazzonis, psicologo, psicoterapeuta e consulente Associazione CIAI.

Relatore: Dott. Gregorio Mazzonis, psicologo, psicoterapeuta e consulente Associazione CIAI. Relazione Incontro del 24 Febbraio 2009 I TRAUMI DELLA SEPARAZIONE Relatore: Dott. Gregorio Mazzonis, psicologo, psicoterapeuta e consulente Associazione CIAI. La prima considerazione da fare in merito

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

"Rendi le cose più semplici possibili, ma non più semplici di quello che sono". (A. Einstein)

Rendi le cose più semplici possibili, ma non più semplici di quello che sono. (A. Einstein) As easy as that. 12345 "Rendi le cose più semplici possibili, ma non più semplici di quello che sono". (A. Einstein) 12345 È tutto semplice con Lenze. In un'epoca di rapidi cambiamenti si presentano ogni

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

non è per questo un cattivo genitore ed

non è per questo un cattivo genitore ed IL GENITORE DETENUTO non è per questo un cattivo genitore ed è il genitore con cui il figlio dovrà fare i conti per crescere (Mantovani, 2003) Persone detenute si raccontano in quanto genitori Ringraziamenti

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI

L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI CAPITOLO 6 L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI E LA COMPARAZIONE INTERNAZIONALE 6.1 I PRINCIPALI PAESI DI ACCOGLIENZA I DATI SULLE ADOZIONI INTERNAZIONALI degli ultimi anni

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

" Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale"

 Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia Punto della Rete informativa per

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14. 12 SIAMO APERTI Dal Lunedì al Venerdì 9.00-12.30 e 14.00-18.00 Milano - Via S. Antonio, 5 Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.43 COME RAGGIUNGERCI La pace e l avvenire dell umanità passano attraverso

Dettagli

Gestione della Supply Chain. Gestione della Supply Chain Soluzioni Internet per le aziende. Seminario on line

Gestione della Supply Chain. Gestione della Supply Chain Soluzioni Internet per le aziende. Seminario on line Gestione della Supply Chain Gestione della Supply Chain Soluzioni Internet per le aziende Seminario on line 1 Seminario on line Gestione della Supply Chain Seminario sulle soluzioni Internet per le aziende

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli