operatori sociali, troppo spesso isolati di fronte alle domande e al disagio delle famiglie. Infine, è stato immaginato per noi stessi, per poter

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "operatori sociali, troppo spesso isolati di fronte alle domande e al disagio delle famiglie. Infine, è stato immaginato per noi stessi, per poter"

Transcript

1 Introduzione Il grande interesse per l adozione non è di ieri. Il tema dell adozione, e dell adozione internazionale in particolare, è molto vasto. Per comprenderlo in tutta la sua complessità bisogna capire il fenomeno dell abbandono. Solo il 5% dei bambini abbandonati potranno venire adottati. Attraverso un viaggio nel tempo e nello spazio proviamo a esplorare i legami tra i due poli dell abbandono e dell adozione e il modo in cui influenzano la salute del bambino e la sua vita. Nei primi due capitoli, parleremo dell abbandono e dell adozione. Nel terzo diventeremo antropologi per determinare il profilo delle famiglie adottive. I capitoli 4 e 5 descrivono l essenza del processo d adozione dalla valutazione psicosociale fino all ambulatorio del medico. Nei capitoli 6, 7, 8, 9 e 10 vedremo più in dettaglio gli aspetti dell alimentazione, della crescita, delle infezioni, dello sviluppo e delle particolarità etniche del bambino adottato. Il capitolo 11 affronta le sfide quotidiane dell adattamento. Il capitolo 12 è un male necessario in cui si parla dei problemi di sviluppo; non interessa tutti i genitori, ma purtroppo è inevitabile. Poi il tempo passa e viene il momento della scuola dell infanzia, della scuola elementare e del capitolo 13 che risponde ad alcune questioni su questo argomento. Il capitolo 14 parla dell identità del bambino e dell adolescente. E infine, c è un mezzo capitolo che parla del futuro da costruire con il vostro bambino. Questo libro fa appello alla scienza e a un umanità necessaria a occuparsi di bambini e adolescenti in una prospettiva multidisciplinare. È stato ispirato dalle migliaia di bambini che abbiamo incontrato nel corso della nostra carriera. È fatto per i molti genitori che si pongono domande a cui non sanno dare risposta. È stato anche pensato per gli 17

2 operatori sociali, troppo spesso isolati di fronte alle domande e al disagio delle famiglie. Infine, è stato immaginato per noi stessi, per poter condividere ciò in cui crediamo. 18

3 Antropologia dell adozione La società occidentale, sostenuta dalla ricerca scientifica sulla genetica, dà particolare importanza ai legami di sangue. Ma estendere questo principio alle altre culture significherebbe peccare di etnocentrismo. J.V. DE MONLÉON L adozione è un gesto d amore fondato sui valori e sulle credenze di ciascuna cultura. Alcuni antropologi arrivano a dire che si tratta di un gesto il cui valore è esclusivamente culturale. La pratica dell adozione esiste da sempre in moltissime culture. In molte tribù africane, per esempio presso i Maori in Polinesia e tra gli Inuit in Canada, il bambino è un gioiello condiviso da una famiglia allargata. In Africa il bambino già dal momento della sua concezione appartiene alla comunità. In un seminario organizzato da Infanzia e Famiglie, la più grande associazione di adottanti in Francia, i partecipanti rilevavano che la tradizione dell accoglienza, che permette ai figli di circolare da una famiglia all altra, contribuisce a ridurre il numero di bambini abbandonati nella maggior parte dei Paesi africani. Dal punto di vista di un africano, l adozione non è considerata qualcosa di colpevole, anzi: più bambini ci sono, più si è rispettati. La Kafala: una tutela legale Alcuni Paesi ignorano semplicemente la pratica dell adozione, senza peraltro proibirla. È il caso del Ciad e della Mongolia. Invece l Algeria, la Mauritania, il Pakistan, il Marocco e molti altri Stati islamici proibiscono l adozione. Questa proibizione si basa sull interpretazione di due versi del capitolo XXXIII del Corano: «Dio non mette due cuori in un solo uomo [ ] così come non fa diventare figli vostri coloro che avete adottato». C è da dire che la Tunisia e l Indonesia interpretano questi versi diversamente. In ogni caso, nei Paesi musulmani esiste l istituto della Kafala, una forma di tutela legale che pur non riconoscendo il bambino adottato come un figlio, garantisce comunque il suo benessere e il suo diritto di successione. 34

4 L adozione in Cina Anche se se ne parla poco, la Cina incoraggia l adozione dei bambini cinesi sia per permettere la trasmissione dei beni, sia per tramandare il culto degli avi. Un antropologa francese, Karina Hinano Guérin, ha studiato la pratica dell adozione in Cina nella famiglia tradizionale. Il suo lavoro ci mostra che la famiglia tradizionale cinese si fonda sul culto degli avi piuttosto che sui legami di sangue poiché la morte non interrompe la linea genealogica, che però si trasmette solo per via maschile. Quindi, una figlia non può ereditare, ma un figlio sì. Le famiglie che non hanno figli maschi allora ricorrono a varie soluzioni per assicurare la sopravvivenza della famiglia. Quelle più ricche accolgono una concubina, ma la rivalità tra mogli e concubine e la pratica dell infanticidio delle figlie femmine fanno sì che trovare una concubina non sia così facile. Consideriamo che in Cina ci sono 108 uomini ogni 100 donne! L altra soluzione è quella di adottare un figlio, per esempio qualcuno che appartiene alla stessa stirpe in linea diretta o acquisita. Ma è proibito adottare un estraneo, quindi per il momento non avremo l occasione di vedere coppie cinesi venire in occidente per adottare bambini bianchi L adozione in India Nella comunità indù dell India, proprio come in Cina, le bambine sono sempre state considerate come un fardello per le famiglie. Tuttavia, sempre di più si assiste in India all adozione di bambine. Dato che vengono abbandonate a migliaia, sono spesso prese in adozione da famiglie indiane in India e anche dalla comunità indiana internazionale, per esempio in Ontario nel Canada. Come osservava Monsignor Rask Kapoor nel corso del seminario di cui parlavamo in precedenza, secondo la concezione indiana importa poco in quale Paese sia allevato un bambino, poiché ogni uomo è cittadino del mondo e ciò che conta è che sia attaccato alla sua famiglia e che cresca nell integrità morale. Come diceva Monsignor Rask Kapoor, «i nostri figli non sono nostri, ma sono figli della vita». Difficile immaginare una riflessione più adatta per iniziare a pensare un antropologia universale dell adozione internazionale. 35

5 UN COWBOY IN QUÉBEC Una volta un uomo di quarant anni, con i capelli castani, tarchiato e sorridente, con un paio di stivali di coccodrillo, una camicia a frange come se fosse appena uscito da un episodio di «Dallas» passeggiava in rue St-Jean in Québec. Lo si vede tirare fuori con orgoglio un album di fotografie e ce ne sono alcune che lo mostrano mentre stringe la mano a Bill Clinton durante una campagna elettorale. Poi si volta a guardare i passanti e con un forte accento del sud degli Stati Uniti dice con emozione: «For the first time in my life, I look as everybody else. Back home, everybody I know is blond, tall and has blue eyes. I always felt like a misfit» («Per la prima volta in vita mia sono come tutti gli altri, mentre invece a casa tutti sono biondi e hanno gli occhi azzurri: mi sono sempre sentito diverso»). Sì, Bob è americano perché è stato adottato da una coppia di origine irlandese che era venuta in Québec nel 1958 per adottare un bambino bianco e cattolico. Poiché la madre biologica non aveva voluto rivelare la sua identità, Bob era venuto almeno per vedere il suo luogo di nascita. Ripartirà emotivamente più maturo. Cuore di cowboy! Demografia dell adozione I genitori del Québec vanno a cercare i loro bambini nel terzo mondo. LA PRESSE CANADIENNE Nel corso degli anni Cinquanta, Sessanta e perfino Settanta, centinaia di bambini canadesi nati da madri nubili, i cosiddetti «bambini del peccato», sono stati adottati negli Stati Uniti, in Portorico, in Venezuela e perfino in Francia. Oggi la disponibilità di bambini per l adozione internazionale nei Paesi d origine dipende dal tasso di natalità, dalla mortalità infantile, dalla contingenza economica, dalle leggi del luogo e dalla disponibilità o meno di genitori adottivi locali. Per contro, la disponibilità di genitori adottivi nei Paesi d arrivo dipende dal calo del tasso di natalità, dalla crescita di quello di infertilità e dalla misura delle difficoltà legali e amministrative legate all adozione che possono essere più o meno semplificate dai vari organismi che regolano il processo d adozione. Ogni anno si portano a termine adozioni internazionali negli Stati Uniti, in Francia, in Spagna, quasi in 36

6 Svezia e in Canada di cui quasi solo in Québec. Tra vent anni i bambini adottati abitanti negli Stati Uniti saranno e altrettanti saranno i genitori adottivi. D altra parte, in Inghilterra e in Germania ci sono poche centinaia di casi di adozione internazionale all anno. Mentre invece cominciano a verificarsi casi di adozione internazionale tra Paesi asiatici, per esempio in Malesia con bambini provenienti dalla Thailandia. In America del nord, le adozioni sono realizzate soprattutto in Cina, in Corea, in Russia, in India, a Haiti, in Romania, in Guatemala, in Vietnam, in Colombia e in una cinquantina di altri Paesi. In Europa occidentale, a questi Paesi si aggiungono anche il Madagascar, l Etiopia, il Brasile e alcuni Paesi dell Oceania. Mentre la Francia preferisce adottare maschi (più del 50% dei casi), in Canada tre quarti degli adottati sono femmine. La metà dei bambini ha meno di un anno e un quarto ne ha più di due. In effetti, la tendenza ad adottare bambini più grandi è in crescita in tutta l America del nord. Etica dell adozione Ricordati che tuo figlio non è tuo figlio, ma il figlio del suo tempo. ATTRIBUITO A CONFUCIO Prendere la decisione di adottare un bambino non è uno scherzo. I migliori genitori ve lo confermeranno: non si tratta di un gesto ordinario fatto per stare al passo con l ultima moda. Adottare significa decidere di accogliere un bambino con l intenzione di fondare una famiglia, non come soluzione di ripiego o di emergenza. Qualche volta, le ragioni che hanno portato alla decisione si perdono tra i documenti di immigrazione, il certificato di salute, il contratto con l agenzia o l organizzazione che gestisce il processo d adozione. Queste ragioni, però sono la base fondamentale per garantire la riuscita dell impresa. In questi ultimi anni in Québec e altrove una serie di cambiamenti legali e organizzativi hanno reso un po più facile l adozione internazionale. Così molte coppie non fertili o non tradizionali hanno avuto l opportunità di accedere all adozione. Adottare in piena guerra civile in America centrale, o negli anni successivi alla partenza dell ultimo elicottero da Saigon, richiedeva una volontà di ferro e una grande maturità da 37

7 parte degli adottanti. Oggi le procedure sono orchestrate su larga scala e di conseguenza i genitori che vogliono adottare, nonostante le loro attese legittime e le loro reali sofferenze, non si prendono sempre il tempo per riflettere bene sul significato del gesto che stanno per compiere. Ciò non significa che siano meno qualificati o competenti, però è facile che si comportino come dei consumatori che esaminano attentamente la merce prima dell acquisto. Spesso le considerazioni finanziarie prendono il sopravvento su tutto il resto. L adozione è un processo collettivo i cui aspetti amministrativi, legali, medici e psicosociali non sono lì semplicemente per fare imbestialire gli adottanti, ma per mediare tra le attese degli uni e le esigenze degli altri. I genitori adottanti sono le figure chiave di uno scenario molto complesso, ma il loro sincero desiderio di un bambino, per quanto normale e legittimo, non potrà essere il solo fattore da considerare nel momento in cui decidono per l adozione. È proprio per la poca importanza generalmente accordata alla riflessione sui valori che sottendono il gesto dell adozione che i futuri genitori vanno spesso incontro a frustrazioni inutili. Parleremo adesso di alcuni valori fondamentali che genitori, operatori professionali e sociali devono condividere per collaborare in armonia. Proteggere l interesse del più debole: il bambino In primo luogo, il bambino ha il diritto di stare con i suoi genitori biologici e nel suo Paese d origine. Quindi, si dovrebbe fare l impossibile per tenere il bambino nel suo ambiente e con la sua famiglia biologica perché possa essere allevato nella sua lingua e cultura. Quel che è successo recentemente negli Stati Uniti: il caso di un adozione internazionale di due gemelli da parte di due famiglie concorrenti, una negli Stati Uniti e l altra in Inghilterra, non avrebbe mai potuto verificarsi se gli americani si fossero attenuti a questo principio. Evidentemente nel Paese dello zio Sam i trattati internazionali cedono il passo a interessi a torto considerati superiori. Quando un bambino si trova in una situazione di abbandono, ricordiamo che è nel suo interesse (l interesse del più debole) trovargli una famiglia permanente, preferibilmente nel suo Paese d origine e successivamente nella comunità internazionale. In questa maniera, il 38

8 processo di adozione è subordinato alle necessità del bambino perché verranno presi in considerazione i suoi bisogni intellettuali, morali, affettivi e fisici oltre che la sua età, il suo stato di salute, il suo carattere il suo ambiente di provenienza. In questo modo ci si assicura di trovare una famiglia per un bambino, non un bambino per una famiglia. Oggi questo principio è riconosciuto da tutti, anche se non è sempre applicato. È a partire da questo principio che in molti Paesi sono state scritte le leggi che garantiscono la protezione dell infanzia. In concreto, questo significa che i desideri e le convinzioni dei genitori adottanti, per quanto sinceri e ben intenzionati, saranno sempre subordinati ai bisogni del bambino abbandonato. Nell ambito dell adozione internazionale sarebbe facile scordarsi di questo principio e ricorrere a pratiche poco etiche. Per esempio: non sarebbe forse nell interesse del bambino vivere in un Paese più ricco? Oppure con dei genitori agiati e con un alto livello di istruzione, che potranno offrigli dei privilegi impossibili ai genitori biologici? Queste ragioni sono spesso state fatte valere dai genitori adottanti per persuadere i genitori biologici. Di conseguenza si sono verificate delle circostanze deprecabili, per esempio l ordinazione di bambini «su misura» in Guatemala, oppure i circuiti di rivenditori di bambini in Romania, e altri scandali di questo tipo che hanno contribuito a dare una cattiva reputazione all adozione internazionale. BAMBINI SENZA DOCUMENTI E BAMBINI CON DOCUMENTI FALSI Da molti giorni in un orfanotrofio della Cambogia, una volontaria di un organizzazione per l adozione attende certi documenti per completare il dossier di alcuni bambini destinati a delle famiglie in Québec. D improvviso un adottante dalle maniere piuttosto colonialiste si presenta bellicosamente all orfanotrofio brandendo vari documenti firmati e timbrati «lo stesso giorno», dice lui. Incuriosita, la volontaria si avvicina e dice: «Sono certificati di affidamento?» «Sì,» risponde l uomo. «Ma gli uffici sono tutti chiusi oggi!» Allora l uomo replica in modo altero: «Signora, non si può essere ingenui e accettare di aspettare qui per giorni e giorni, come fate voi. È già tanto se qui riescono a stampare qualche centinaio di biglietti verdi e delle promesse di garanzia per l immigrazione in Occidente! Poco importa che sia legale; in ogni modo questo bambino vivrà molto meglio nella civiltà che in questo fottuto Paese». 39

9 La volontaria rossa di collera risponde: «Signore, compiango questo bambino, se questo è il modo in cui Lei intende trattare i suoi connazionali e se questo è quel che Lei pensa del suo Paese d origine». È il bambino ad avere diritto a una famiglia, non il contrario Non parliamo di diritto, ma di privilegio di accogliere un bambino. Questa idea spesso urta profondamente i futuri genitori che si sentono discriminati rispetto ai genitori biologici. Nel loro dolore e nel loro desiderio di fondare una famiglia, talvolta reclamano un bambino come se fosse un loro diritto. Ma nel processo di adozione bisogna soprattutto tenere conto dei diritti, dei bisogni e degli interessi dei bambini, considerando allo stesso tempo anche le responsabilità dei genitori adottivi e di quelli biologici. Adottare, come amare, tende a essere un atto egoista e altruista allo stesso tempo poiché proviene sia dal desiderio di avere un bambino, che da quello di poter donare a un bambino. Sono quindi necessarie delle precauzioni perché il desiderio di avere un figlio non si trasformi nella ricerca di un bambino a tutti i costi, con tutte le conseguenze patologiche che questo comporta. In America latina sono stati praticati dei parti cesarei forzati sulle madri per poter garantire la fornitura di bestie umane ai loro parenti adottivi. Una filiazione ottenuta con la forza è insensata: è già la cronaca di una piccola morte annunciata. Il diritto del bambino a conoscere le sue origini La conoscenza delle proprie origini e, idealmente, l amore per esse sono elementi indispensabili per costruire un identità positiva basata sulla stima di sé. Il bambino ha il diritto di conoscere il suo Paese, la sua cultura e la sua storia per quanto doloroso ciò possa rivelarsi. La ricerca delle origini non ha lo stesso significato per tutti. Alcuni sentono il bisogno di imbarcarsi in questa ricerca molto presto e con grande intensità. Altri no, per paura di cosa potranno trovare, oppure solo perché non attribuiscono alla questione nessuna importanza. Questo bisogno di sapere viene troppo spesso interpretato dai genitori adottivi come un segno del loro fallimento. Cominciano allora a pensare di non essere stati capaci di sanare le infelicità passate e di stare per perdere la relazione privilegiata che hanno con il loro 40

10 bambino. Altri genitori si preoccupano che la ricerca delle proprie origini possa causare maggiori sofferenze. E infine, molti genitori adottivi non si rendono conto di dover fare un lavoro su se stessi, cioè sulla propria capacità di accogliere il bambino con tutto il suo passato e le conseguenze che esso comporta. Rispettare profondamente il diritto del bambino a conoscere le proprie origini da parte dei genitori adottivi può voler dire considerare i genitori biologici come facenti parte della propria famiglia. Non è comunque possibile eliminare questi fantasmi dalla vita del bambino: ignorare quella parte della sua storia significherebbe tagliare le sue radici e amputare la sua identità. Alcuni genitori eludono la questione credendo che non pensarci farà scomparire la cosa e risparmierà molta sofferenza a loro e al bambino. LA MEMORIA SCRITTA SULLA PELLE In occasione del colloquio preparatorio per l incontro con la madre biologica, Nathalie, 29 anni, spiega i suoi motivi all assistente sociale. Dice: «Non è che io voglia stabilire una relazione affettiva con la mia madre biologica, voglio semplicemente comprendere la mia storia. Vorrei comprendere la ragione di certi sogni, o meglio, incubi. Fin da quando ero piccola, sogno che sono da sola sulla scalinata della scuola, o sulle scale della chiesa, oppure all entrata di un negozio e aspetto. Non so chi o che cosa io aspetti, e perché, ma in ogni modo nessuno viene mai a prendermi». La settimana seguente ha luogo l incontro. Una donna nervosa e febbrile, che dimostra molto di più dei suoi 47 anni, entra, si siede e si mette a parlare molto in fretta con fiotti di parole che salgono dal profondo e che premono, nel tentativo di spiegare e di giustificare: «Vedi, Silvie, io avrei voluto tenerti, ma avevo solo 18 anni e poi non avevo lavoro e abitavo in campagna. Allora ti ho affidata all opera della Misericordia, ma venivo a vederti tutte le domeniche. La suora del nido lasciava che ti cullassi e ti baciassi e poi ti promettevo sempre di venire il giorno dopo. Ma dopo tre mesi non avevo più soldi e poi quando sono tornata qualche settimana più tardi, tu eri stata adottata. Allora ho pianto e pianto, perdonami, perdonami». Sotto choc e senza parole, Nathalie si mette a guardare alternativamente la sua madre biologica e l assistente sociale dicendo: «Ma non è possibile, avevo solo tre mesi solo tre mesi». L assistente la guarda e le dice con dolcezza: «Sì, Nathalie, è possibile». 41

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 PERCHÉ CONOSCERE L ITALIANO È UN PLUSVALORE? 2 Italiano lingua del cuore Feten Fradi - esperta comunicazione audiovisiva Copeam La mia esperienza personale

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi 1 MAPPA CONCETTUALE TRIBÙ insieme di CLAN insieme di FAMIGLIE GRUPPO organizzato variabile nel TEMPO SPAZIO generato da BISOGNO di

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata Accogliente, aperta: magari un po a volte mi chiudo ma solo se sono stata distratta a cedere alla routine del quotidiano, non pecco di presunzione solo mi piace avere la disponibilità ad aprire la mia

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili Fondazione Ariel 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili La Paralisi Cerebrale Infantile Una malatti a non prevenibile In Italia, un bambino su 500 nuovi nati è affetto da

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CLASSE 4^ A -Soresina AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE FINALITA' Riflettere sulla propria identità - maschio-femmina- per imparare a valorizzare le differenze come un'opportunità

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19 SOMMARIO Introduzione Gli alberi, antenati maestosi e sacri, specchio di noi stessi...pag. 7 Scopri che albero sei Primo passo In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli