Opendata e ontologie Due esempi d'uso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Opendata e ontologie Due esempi d'uso"

Transcript

1 Opendata e ontologie Due esempi d'uso Stefano Penge (a), Andrea Sterbini (b), Maurizio Mazzoneschi (a), Giorgio Consorti (a) (a) Lynx s.r.l. (b) Dipartimento di Informatica, Sapienza Università di Roma 0. Premessa Che i dati siano informazioni, e non solo bit, solo se sono accompagnati da metadati, se sono coerenti, indicizzati, puliti, è sempre più chiaro. E' un primo passo utile quello di pubblicare tutto e subito, ma il cammino che porta dalla apertura all'utilizzo è lungo e spesso travagliato. Questo articolo descrive due casi di utilizzo di un'ontologia nell'indicizzazione automatica dei dati aperti per permetterne un migliore accesso, soprattutto da parte di utenti non tecnici. I due esempi sono costruiti a partire da un'architettura comune e si differenziano solo dal punto di vista dei dati. 1. Ontologie e categorizzazione automatica Una ricerca efficace all'interno di dati testuali, in una società che ne produce in continuazione e anzi spinge l'utente a produrli, è un obiettivo molto attraente per l'industria, i governi, la società civile. Si possono prendere almeno due strade: quella del tentativo di costruire una rappresentazione del contenuto profondo di un testo (Natural Language Processing) e quella della ricerca di somiglianze tra strutture superficiali. La prima strada è al di là delle enormi difficoltà - quanto meno dispendiosa in termini di risorse informatiche; la seconda è più efficiente, ma si scontra con i classici problemi della ricerca full text (falsi positivi, ). Il nostro tentativo si colloca in qualche modo a metà strada: non cerchiamo di simulare la comprensione di un testo, ma solo la sua categorizzazione. Questo perché mentre è ancora di là da venire una definizione di comprensione, è abbastanza chiaro cosa significhi categorizzazione : l'assegnazione di una o più etichette, tratte da una lista finita, ad un item. Cos'è esattamente un'ontologia? E' un termine preso in prestito dalla filosofia dove lungo tre millenni, da Parmenide ad Aristotele, da Wolff ad Husserl, aveva assunto significati vari e spesso molto diversi tra loro, da discorso sull'essere in generale (cioè su ciò che è in comune a tutto cio che è) a discorso su quegli enti sufficientemente astratti da non avere corrispondenti sensibili (come i concetti matematici). Ontologia è però utilizzato oggi in ambito informatico in un senso piuttosto ristretto, come equivalente di classificazione, di gerarchia di concetti, in cui i legami abbiano una valenza semantica e non solo linguistica, con alcune caratteristiche formali che ne permettono una certa gestione automatica; in questo senso si collega al concetto di knowledge management, alle reti semantiche, ai sistemi esperti, e a tutti quegli ambiti di riflessione a cavallo tra trattamento automatico del linguaggio naturale e produzione automatica di informazioni nuove. In altre parole, preso un dominio della realtà (per esempio, le tipologie di vini), si definiscono i

2 concetti fondamentali che lo descrivono, insieme alla relazioni tra questi concetti, relazioni che derivano dalla nostra conoscenza del mondo e non solo dalle operazioni possibili a livello linguistico (come potrebbero essere il passaggio da singolare a plurale, la negazione, l'opposizione). L'ontologia può arrivare fino a toccare terra contenendo dei riferimenti a oggetti concreti, non più astratti, come potrebbe essere questo specifico vino (la produzione di un'annata specifica di un DOC) o addirittura questa specifica bottiglia. Proprio per questa filiazione filosofica non riconosciuta, non sempre è chiaro se l'ontologia pretende di rappresentare il mondo reale, o una concezione del mondo, o un discorso sul mondo, essendo i tre livelli piuttosto interscambiabili in un ambiente informatico (ma non, appunto, in uno filosofico). In questo testo ci occupiamo di ontologie solo come metadati, cioè come schemi linguistici utili per indicizzare (e quindi ricercare) contenuti testuali in maniera non arbitraria. Il web e in generale la partecipazione degli utenti alla costruzione induttiva della conoscenza (folksonomy) come ogni processo che si vuole spontaneo, organico, non guidato, porta inevitabilmente con sé le variazioni e le fluttuazioni (di forma ma anche di valore) che rendono il prodotto poco usabile senza una revisione formale da parte di uno o più specialisti del dominio. D'altra parte, l'utilizzo nella marcatura di termini facenti parte di un vocabolario controllato, di un thesaurus, permette di ridurre se non di eliminare il rumore costituito da termini chiave diversi ma sinonimi, o da varianti non significative (plurali, singolari, sostantivi e aggettivi, etc) utilizzate da soggetti diversi al momento della marcatura. Utilizzare un'ontologia, invece di un semplice elenco, permette inoltre di verificare, a priori, un equilibrio di fondo tra i termini usati, in termini di copertura di aree e sotto-domini. Inoltre, un'ontologia formalizzata permette qualche forma di deduzione (se X è un concetto superiore a Y, e Y è superiore a Z, allora anche X è superiore a Z), e quindi, dal lato degli oggetti marcati, permette di estendere la marcatura (se a è marcato con Z, può considerarsi marcato anche con Y e X) e di utilizzare questi risultati nella ricerca: se il mio termine di ricerca è X, anche l'oggetto a (marcato solo con Z) può essere considerato un risultato accettabile. Il punto chiave è però il seguente: quanto lavoro è richiesto per indicizzare i dati? È possibile marcare a mano i dati, poniamo, delle offerte di lavoro pubblicate dai Centri per l'impiego, o gli articoli della Costituzione o del Codice di Procedura Civile, in modo da poter applicare successivamente degli algoritmi di indicizzazione e navigazione non basati solo sulla ricerca di stringhe? La nostra idea è di utilizzare la conoscenza umana di un esperto (codificata in categorie predefinite, applicate agli elementi da indicizzare) e un algoritmo di ricerca di somiglianza tra oggetti testuali per indicizzare in maniera automatica questi oggetti. In altre parole, se a è stata categorizzata da un esperto sotto le categorie X,Y e Z, e b può essere considerato abbastanza simile ad a, allora ci sono forti probabilità che anche b potrebbe essere categorizzato con X, Y e Z. La somiglianza tra a e b viene calcolata da un punto di vista linguistico-statistico, senza cercare di rappresentare il significato di a e di b; tuttavia la comparazione non produce solo un indice di somiglianza, ma una serie di elementi comuni, ognuno con un proprio valore e un peso. In questo senso l'ontologia non è usata direttamente, in maniera forte, ma indirettamente. Non assumiamo che gli oggetti trattati abbiamo certe caratteristiche, ma solo che - con una probabilità misurabile - un esperto umano attribuirebbe certe caratteristiche comuni a certi oggetti.

3 2. Le parole del Lavoro: OpenLabor Il primo esempio di applicazione di questa metodologia viene da OpenLabor, cofinanziato all'interno dei progetti CitySDK e Commons4EU (CIP ICT/PSP). I dati aperti sono forniti dalla provincia di Roma, provenienti dai centri per l'impiego Lo schema utilizzato è il CP2011 (http://cp2011.istat.it/) La scelta dello schema è in qualche modo obbligata perché le offerte di lavoro sono categorizzate appunto tramite questa ontologia. Purtroppo la stessa cosa non è vera per le offerte formative, che usano invece una codifica diversa. Questo disallineamento ci ha costretto ha costruire un'equivalenza tra i due sistemi. CP2011 è largamente basato su ISCO08 (http://www.ilo.org/public/english/bureau/stat/isco/isco08/), che è una versione internazionale adottata nel Esiste anche ESCO (https://ec.europa.eu/esco/hierarchybrowser), un'iniziativa Europea che punta a mettere in relazione profesisoni, competenze e qualifiche. OpenLabor è estrema sintesi una piattaforma opensource che: preleva i dati aperti sulle offerte di lavoro preleva i dati aperti sulle occasioni di formazione professionale finanziata li categorizza tramite CP2011 e tramite una rete semantica multilingua OpenLabor è anche un'applicazione accessibile via web (http://devopenlabor.lynxlab.com)e tramite app per Android/IPhone che: incrocia e filtra i dati sulla base del profilo dell'utente fa all'utente una serie di proposte mirate, sia per il lavoro che la formazione, e gli consente di condividerle con gli amici, anche attraverso canali informali come i Social Networks permette il miglioramento delle performance attraverso il feedback degli utenti Infine Openlabor : offre l'accesso ai dati attraverso API standard a sviluppatori e imprese può fornire alla PA statistiche e report in tempo reale sulle ricerche e sulle corrispondenza tra domanda e offerta Per informazioni maggiori, visitare oppure scrivere a subject "openlabor" 3. Le parole dello stato: HOLIS Questo secondo lavoro, ancora in corso, ha come oggetto il corpus dei codici, delle leggi, nazionali e regionali, delle sentenze dei tribunali. Si tratta di un sistema di supporto alla ricerca di testi realizzato all'interno del progetto SESPIUS. Lo schema usato è un questo caso già di livello europeo. Eurovoc (http://eurovoc.europa.eu/drupal/?q=it) è un thesaurus multilingue creato per facilitare la traduzione e il confronto tra concetti di lingue diverse, in particolare per quanto riguarda il dominio legale. E' ricercabile online, ma è anche scaricabile in diverse versioni (anche OWL) adatte ad un trattamento automatico. Inoltre, è fortunatamente disponibile JEX (JRC EuroVoc Indexer, che è uno strumento in Java realizzato dal Joint

4 Research Group della Commissione Europea per applicare in maniera automatica EUROVOC a testi legali nelle 23 lingue previste. JEX, pur non essendo opensource, permette un certo grado di personalizzazione e configurazione. Utilizza come base per l'apprendimento un set di alcune migliaria di testi legali, marcati a mano con categorie Eurovoc. HOLIS permette l'importazione di fonti legali (preventivamente marcate secondo il formato JEX, a mano o in maniera automatica) e l'editing dell'ontologia Eurovoc usata come base di partenza. Nel suo uso standard, supporta l'utente nella navigazione nei diversi corpora filtrandoli attraverso diversi meccanismi che utilizzano la categorizzazione delle fonti e del testo della ricerca. Anche in questo caso come nel precedente, sono disponibili delle API per effettuare le ricerca da un'applicazione esterna. Per informazioni maggiori, scrivere a subject "holis" 4. L'architettura comune Il progetto prevedeva un approccio modulare, indipendente dall'ontologia scelta. Il codice delle API è scritto interamente in Python e utilizza alcune librerie per la classificazione. La prima ipotesi è stata quella di utilizzare direttamente il formato RDF, creando quindi un database di triple interrogabili tramite un endopoint SPARQL. In pratica, non essendo disponibile una versione RDF di CP2011, e anche a seguito di valutazioni di efficienza, abbiamo deciso di ospitare le ontologie in un semplice database SQL. Ugualmente SQL è il db di Multiwordnet, usato per trovare i sinonimi, genitori e fratelli per estendere la ricerca all'interno di uno spazio semantico ragionevole. Le fasi sono tre: - preparazione dei testi per l'apprendimento (categorizzazione manuale) - apprendimento automatico (generazione del categorizzatore) - utilizzo del categorizzatore su nuovi testi La preparazione dei testi per l'apprendimento è una fase sicuramente impegnativa. La quantità dei testi da categorizzare manualmente è variabile, dipende dalle dimensioni dell'ontologia oltre che da quelle del lessico utilizzato dai testi. In pratica, quindi, dipende dalla complessità del dominio. Tipicamente possono essere necessari da qualche centinaio a qualche migliaio di piccoli testi. L'apprendimento automatico è invece la fase in cui si estraggano dai testi tutte le features linguistiche e per ognuna vengono associate una o più categorie con un peso. Su questa base si genera il classificatore. L'operazione può richiedere parecchie ore di tempo macchina, in funzione della RAM disponibile, e genera un file di qualche Gigabyte. A questo punto il classificatore è pronto per l'uso e può essere utilizzato per classificare testi nuovi. L'accesso avviene tramite webservices RESTful. Ad esempio per ottenere tutte le informazioni su una stringa di testo: Lo stesso webservice fornisce informazioni sulla tassonomia scelta. Ad esempio, per ottenere i

5 fratelli di un termine: [tassonomia]/describe/[categoria]

#SCE2014 ACADEMY. Open data per le smart cities uno spazio europeo unico attraverso le API

#SCE2014 ACADEMY. Open data per le smart cities uno spazio europeo unico attraverso le API #SCE2014 ACADEMY Open data per le smart cities uno spazio europeo unico attraverso le API Stefano Penge Lynx s.r.l. - Istituto Italiano Open Data - RIOS 23 ottobre 2014 Open data L'accesso agli opendata

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una 1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una ontologia 1 Rappresentazione della conoscenza Il problema di

Dettagli

Architettura dell informazione. Sistemi di ricerca

Architettura dell informazione. Sistemi di ricerca Architettura dell informazione Sistemi di ricerca Sistemi di ricerca Il sistema di ricerca è un elemento centrale della navigazione supplementare. La ricerca è uno degli strumenti preferiti dagli utenti

Dettagli

Prime sperimentazioni d'indicizzazione [semi]automatica alla BNCF

Prime sperimentazioni d'indicizzazione [semi]automatica alla BNCF Prime sperimentazioni d'indicizzazione [semi]automatica alla BNCF Maria Grazia Pepe - Elisabetta Viti (Biblioteca nazionale centrale di Firenze) 6. Incontro ISKO Italia Firenze 20 maggio 2013 SOMMARIO

Dettagli

Breve descrizione del prodotto

Breve descrizione del prodotto Breve descrizione del prodotto 1. Il software AquaBrowser Library...2 1.1 Le funzioni di Search Discover Refine...3 1.2 Search: la funzione di ricerca e di presentazione dei risultati...3 1.2.1 La configurazione

Dettagli

"TileStudio: tutto il mondo ceramico in un unico prodotto "

TileStudio: tutto il mondo ceramico in un unico prodotto "TileStudio: tutto il mondo ceramico in un unico prodotto " TileStudio-Web Cos'è TileStudio-Web? TileStudio Web è la risposta più completa a tutte le esigenze del settore ceramico. Un potentissimo strumento

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici

Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici Tesi di laurea Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici Anno Accademico 2007/2008 Relatori Ch.mo prof. Angelo

Dettagli

Success Story. ECLAP Biblioteca Europea delle Arti dello Spettacolo (http://www.eclap.eu)

Success Story. ECLAP Biblioteca Europea delle Arti dello Spettacolo (http://www.eclap.eu) Success Story ECLAP Biblioteca Europea delle Arti dello Spettacolo (http://www.eclap.eu) BEST PRACTICE NETWORK e PORTALE DI SERVIZIO ECLAP fornisce alle istituzioni un set di strumenti e servizi ad alto

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI Il caso di studio della piattaforma Octapy CMS e i circuiti informativi della cultura delle regioni Campania e Puglia 3 C.Noviello

Dettagli

Costruire un'ontologia degli International Financial Reporting Standards (IFRS)

Costruire un'ontologia degli International Financial Reporting Standards (IFRS) Costruire un'ontologia degli International Financial Reporting Standards (IFRS) Una ipotesi di applicabilità di strumenti di gestione della conoscenza Massimo Coletti Direttore Coordinamento ICT di Gruppo

Dettagli

Automatic Ontology-Based Knowledge Extraction from Web Documents

Automatic Ontology-Based Knowledge Extraction from Web Documents Automatic Ontology-Based Knowledge Extraction from Web Documents 5 gennaio 2009 1 Introduzione Al ne di ottenere un eettivo WEB semantico bisogna essere in grado di costruire servizi che consentano l'estrazione

Dettagli

Dalla filosofia all informatica: Ontologia una concettualizzazione di un dominio condiviso

Dalla filosofia all informatica: Ontologia una concettualizzazione di un dominio condiviso Professionisti della conoscenza, www.cstadvising.com Per info: dott. Massimiliano Miglio +39 328.91.66.816 E-mail: advising@cstadvising.com m.miglio@cstadvising.com Dalla filosofia all informatica: Ontologia

Dettagli

cos è l architettura dell informazione?

cos è l architettura dell informazione? Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 3. Architettura dell informazione cos è l architettura dell informazione? E la progettazione di spazi informativi

Dettagli

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE Informatica Applicata 3.3 OWL Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE The Semantic Web Tower Antonella Poggi Pagina 2 Le ontologie

Dettagli

AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software

AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software Viterbo, 10 Dicembre 2008 Presentazione a cura di Slide n.1 AVIPA: l'ambiente software Queste slides rappresentano le prime indicazioni sul lavoro

Dettagli

Comunicazione pubblica multicanale: informazione e servizi nell esperienza INPS

Comunicazione pubblica multicanale: informazione e servizi nell esperienza INPS Comunicazione pubblica multicanale: informazione e servizi nell esperienza INPS Guido Ceccarelli - Direzione Sistemi Informativi e tecnologici Forum PA 29 maggio 2014 Il portale INPS La trasparenza degli

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

Descrizione Formale Esplicita Dominio

Descrizione Formale Esplicita Dominio Ontologia Abbiamo visto che tassonomie e tesauri fissano una semantica. Per arricchire la semantica si deve passare a modelli concettuali e teorie logiche. Un modello concettuale è il modello di una particolare

Dettagli

Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE Ambiente collaborativo per il design e l innovazione Il lavoro si concentrerà sullo sviluppo di specifici componenti di un ambiente collaborativo

Dettagli

Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA

Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA Punto di partenza: materia per ragionare Gli agenti intelligenti possono usare tecniche deduttive per raggiungere il goal Per fare

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

Le ontologie mediche. Ontologie: Cosa sono? Basi di conoscenza: Cosa sono? In generale: Le ontologie

Le ontologie mediche. Ontologie: Cosa sono? Basi di conoscenza: Cosa sono? In generale: Le ontologie Le ontologie mediche In generale: Le ontologie Giulia Benotto Informatica Umanistica 7 Dicembre 2005 Ontologie: Cosa sono? Basi di conoscenza: Cosa sono? Definizione filosofica: Area della metafisica che

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Informatica Introduzione alle basi di dati

Informatica Introduzione alle basi di dati Informatica Introduzione alle basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it 27 November 2014 Basi di Dati - Introd. - Prof. G. Giuffrida 1 Materiale didattico Atzeni,Ceri,Paraboschi,Torlone,

Dettagli

Integrazione di Knowledge Management ed E-learning

Integrazione di Knowledge Management ed E-learning Integrazione di Knowledge Management ed E-learning Maurizio Mazzoneschi Stefano Penge Morena Terraschi Lynx s.r.l. Richiamiamo brevemente il modello SECI (Socializzazione, Esteriorizzazione, Combinazione,

Dettagli

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014 https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 https://www.flickr.com/photos/81171474@n06/7437936 Internet vs Web. Quale differenza? https://www.flickr.com/photos/pocphotography/12462536895/sizes/l

Dettagli

Poi dissero: «Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra»

Poi dissero: «Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra» Il sistema informativo sulle professioni: passato, presente e futuro. di SOLO GLI IGNORANTI SONO SICURI DI QUELLO CHE DICONO E DI QUESTO NE SONO CERTO Tim Berners-Lee. A lui si deve il World Wide Web (termine

Dettagli

Scenari e strumenti di valutazione nella formazione a distanza.

Scenari e strumenti di valutazione nella formazione a distanza. versione non definitiva Scenari e strumenti di valutazione nella formazione a distanza. Morena Terraschi, Stefano Penge, Maurizio Mazzoneschi morena@altrascuola.it Sommario Il contributo vuole, attraverso

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane OBIETTIVI SPECIFICI DEL PRIMO BIENNIO - CLASSE PRIMA settore ECONOMICO: NUCLEI FONDANTI, CONOSCENZE E COMPETENZE NB per ciascuno dei moduli di insegnamento/apprendimento viene indicato il tempo di trattazione

Dettagli

L analisi ontologica al servizio della modellazione concettuale: le ontologie fondazionali

L analisi ontologica al servizio della modellazione concettuale: le ontologie fondazionali L analisi ontologica al servizio della modellazione concettuale: le ontologie fondazionali Roberta Ferrario Laboratorio di Ontologia Applicata (LOA) Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione (ISTC-CNR)

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testuali Il text mining: una definizione Data mining per dati destrutturati ovvero documenti codificati in linguaggio

Dettagli

Specifiche Tecnico-Funzionali

Specifiche Tecnico-Funzionali AuthSIAR - Modulo di Autenticazione e Autorizzazione Sardegna IT S.r.l. Analisi Tecnico-Funzionale Assessorato all Agricoltura della Regione Sardegna SIAR Sistema Informativo Agricolo Regionale AuthSIAR

Dettagli

Lista dei punti di controllo per l accessibilità

Lista dei punti di controllo per l accessibilità Lista dei punti di controllo per l accessibilità Parte Prima Punti di controllo obbligatori Aa. In generale 3 Per ogni elemento non di testo è fornito un equivalente testuale (per esempio, mediante "alt",

Dettagli

Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione (Riassunto)

Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione (Riassunto) Universitá degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea in Informatica Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione

Dettagli

Lezioni di Informatica Giuridica

Lezioni di Informatica Giuridica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Specializzazione in Diritto Civile III anno Anno accademico 2003/2004 Lezioni di Informatica Giuridica Costantino Ciampi - ITTIG/CNR Camerino, 27-28 28 settembre

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet Non solo un CMS (Content Management System) Gestire i contenuti è un compito che molti software svolgono egregiamente. Gestire

Dettagli

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Vantaggi e limiti delle folksonomie (difficoltà: *) Nel paragrafo 7.4 è stato introdotto il concetto di social

Dettagli

Quick Introduction T-LAB 9.1. Strumenti per l Analisi dei Testi. Marzo 2014. Copyright 2001-2014 T-LAB by Franco Lancia All rights reserved.

Quick Introduction T-LAB 9.1. Strumenti per l Analisi dei Testi. Marzo 2014. Copyright 2001-2014 T-LAB by Franco Lancia All rights reserved. T-LAB 9.1 Marzo 2014 Quick Introduction Strumenti per l Analisi dei Testi Copyright 2001-2014 T-LAB by Franco Lancia All rights reserved. Website: http://www.tlab.it/ E-mail: info@tlab.it T-LAB is a registered

Dettagli

Information Retrieval

Information Retrieval Information Retrieval Dario Rigolin Comperio srl CTO dario.rigolin@comperio.it Bologna 22 Maggio 2009 Master in Tecnologie OpenSource Agenda Presentazioni di rito Piccola introduzione sull'ir Cosa offre

Dettagli

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Identificativo del progetto: CA Nome documento: System Design(SD) Identificativo del documento: 6 CA_SD_E1_R1 Data del documento: 21/05/2012 Prima

Dettagli

Una miniera di dati sul comportamento degli utenti del Web

Una miniera di dati sul comportamento degli utenti del Web Una miniera di dati sul comportamento degli utenti del Web Organizzare le informazioni sull'utilizzo della rete in PostgreSQL utilizzando ht://miner, un sistema open-source di data mining e data warehousing

Dettagli

I Wiki e il controllo qualità del software

I Wiki e il controllo qualità del software I Wiki e il controllo qualità del software Uno strumento online di scrittura collaborativa Ercole Colonese, Consulente e socio Aicq Felice Del Mauro, Direttore tecnico istream. Pubblicato su Qualità, N.

Dettagli

ABEL (AccessiBle E-Learning)

ABEL (AccessiBle E-Learning) ABEL (AccessiBle E-Learning) Target: non vedenti e ipovedenti Metodologia: Apprendimento tramite materiali online Keywords: Vantaggi e svantaggi dell online learning per non vedenti e ipovedenti Accessibilità

Dettagli

Un motore di ricerca per i siti web della PA italiana. GooglePA, un motore di ricerca per i siti web della PA italiana

Un motore di ricerca per i siti web della PA italiana. GooglePA, un motore di ricerca per i siti web della PA italiana PA Un motore di ricerca per i siti web della PA italiana Roma, 19 maggio 2010 Cos è GooglePA GooglePa è una personalizzazione di Google realizzata con Google ricerca personalizzata Cerca solo tra le pagine

Dettagli

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione I linguaggi di alto livello Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione Introduzione alla programmazione Caratteristiche dei linguaggi di programmazione I linguaggi di programmazione di alto

Dettagli

Rapporto tecnico contenente la selezione dei dataset per l addestramento e la convalida del caso di studio relativo all analisi web

Rapporto tecnico contenente la selezione dei dataset per l addestramento e la convalida del caso di studio relativo all analisi web Rapporto tecnico contenente la selezione dei dataset per l addestramento e la convalida del caso di studio relativo all analisi web 16 febbraio 2015 Indice 1 Individuazione dei dataset 1 2 Dataset Repositories

Dettagli

Le ontologie nell integrazione dei dati

Le ontologie nell integrazione dei dati Le ontologie nell integrazione dei dati Prof. Letizia Tanca 1 Ontologie Definizione formale e condivisa di un vocabolario di termini e delle relazioni tra essi Relazioni possibili: sinonimia omonimia iponimia

Dettagli

www.nltk.org link.nltk un workbench linguistico su Plone Giovanni Toffoli Incontro presso IASI-LEKS del 2 Luglio 2010

www.nltk.org link.nltk un workbench linguistico su Plone Giovanni Toffoli Incontro presso IASI-LEKS del 2 Luglio 2010 www.nltk.org link.nltk un workbench linguistico su Plone Giovanni Toffoli Che cosa è link.nltk link.nltk è un'estensione per Plone che include: un workbench per creare, raffinare e valutare risorse linguistiche

Dettagli

Data Warehouse: una sola lingua. Iolanda Salinari

Data Warehouse: una sola lingua. Iolanda Salinari Data Warehouse: una sola lingua Iolanda Salinari 2 Il Glossario: uno strumento prezioso Uno dei fattori critici per la realizzazione del data warehouse è costituito dalle difficoltà che si incontrano per

Dettagli

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi Cristina Magliano Il Gruppo di lavoro sui metadati descrittivi ha iniziato l attività partendo dall'analisi del primo standard di metadati

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Ambiente Virtuale Inclusivo per la Persona Autistica MANUALE OPERATORE. Release 1.0-13/10/09. Copyright Lynx 2009 http://www.lynxlab.

Ambiente Virtuale Inclusivo per la Persona Autistica MANUALE OPERATORE. Release 1.0-13/10/09. Copyright Lynx 2009 http://www.lynxlab. MANUALE OPERATORE Release 1.0-13/10/09 Copyright Lynx 2009 http://www.lynxlab.com Indice generale MANUALE OPERATORE...1 1.1 Definizioni...3 1.2 Ambienti...3 1.3 Release e copyright...3 2. Utenti...4 2.1

Dettagli

BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009

BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009 BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009 Fumarola Roberta, Galeano Antonio Andrea Linguaggio di modellazione Insieme di simboli e regole atto a descrivere la struttura e le funzionalità di un Database prima

Dettagli

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Indice - Di cosa si occupa l informatica? - Cosa sono gli algoritmi?

Dettagli

Modulo 3: DISCIPLINE E T. I.C.

Modulo 3: DISCIPLINE E T. I.C. Istituto Comprensivo "Anna Frank" 20099 Sesto San Giovanni (MI) Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 3: DISCIPLINE E T. I.C. 3.

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale Unione Europea Regione Sicilia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI EDILIZIA ELETTRONICA e

Dettagli

Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche generali Tipologie di CMC Forme testuali

Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche generali Tipologie di CMC Forme testuali Comunicazione mediata dal computer Isabella Chiari Università La Sapienza di Roma Management Culturale (a.a. 2008/2009) 1 Indice degli argomenti Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione P. Atzeni, P. Merialdo, P. Russo, G. Sindoni, G. Sissa Paolo Merialdo Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

D-View. Un software completo. Accesso e condivisione ovunque e con tutti. Introduzione. Caratteristiche

D-View. Un software completo. Accesso e condivisione ovunque e con tutti. Introduzione. Caratteristiche il software PDM che trasforma le tue idee in prodotti di successo Accesso e condivisione ovunque e con tutti organizza migliaia di informazioni riduce tempi e costi di realizzazione migliora la qualità

Dettagli

Il thesaurus EUROVOC come patrimonio informativo di base per le ontologie tematiche

Il thesaurus EUROVOC come patrimonio informativo di base per le ontologie tematiche Workshop sul progetto ODINet - OnLine Data Integration Network Il thesaurus EUROVOC come patrimonio informativo di base per le ontologie tematiche Leopoldo Trieste Scuola Superiore Sant Anna, Pisa l.trieste@sssup.it

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

Il progetto di ricerca Ellade

Il progetto di ricerca Ellade Il progetto di ricerca Ellade Ellade ELectronic Live ADaptive Learning Gruppo di lavoro Università degli Studi della Calabria, Dipartimento di Matematica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

GPL4i DMS-WEB. Copyright 2010 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati

GPL4i DMS-WEB. Copyright 2010 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati GPL4i DMS-WEB Copyright 2010 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati Copyright 2014 2015 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati GPL4i è un marchio di JetLab S.r.l. Microsoft, Windows, Windows NT,

Dettagli

TRADUZIONI TECNICHE E SICUREZZA

TRADUZIONI TECNICHE E SICUREZZA TRADUZIONI TECNICHE E SICUREZZA Localizzazione ed utilizzo della terminologia di settore nel processo di corretta redazione della documentazione tecnica. Dott.ssa Carlotta Aristei Sales Manager Divisione

Dettagli

PROGETTO NUOVO SITO WEB AREA UNIVERSITÀ

PROGETTO NUOVO SITO WEB AREA UNIVERSITÀ PROGETTO NUOVO SITO WEB AREA UNIVERSITÀ DOTT.SSA DOTT. ANNARITA MARZULLO ALESSANDRO MELCHIONNA Open Data COSA SONO GLI OPEN DATA SONO DATI CHE POSSONO ESSERE LIBERAMENTE UTILIZZATI, RIUTILIZZATI E RIDISTRIBUITI

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

Venexia. Fammi la tua domanda...

Venexia. Fammi la tua domanda... Venexia Fammi la tua domanda... Venexia chi sei? Risposta: Io sono Venexia e appartengo alla settima generazione d intelligenze artificiali sviluppate dagli ilabs. Domande collegate: puoi raccontarmi la

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Progetto e analisi di algoritmi

Progetto e analisi di algoritmi Progetto e analisi di algoritmi Roberto Cordone DTI - Università degli Studi di Milano Polo Didattico e di Ricerca di Crema Tel. 0373 / 898089 E-mail: cordone@dti.unimi.it Ricevimento: su appuntamento

Dettagli

1 gennaio 25 ottobre 2015. @blogmeter

1 gennaio 25 ottobre 2015. @blogmeter 1 gennaio 25 ottobre 2015 @blogmeter Blogmeter: chi siamo Dal 2007 leader in Italia nella social media intelligence (SMI) 150+ report realizzati nel 2014 110+ clienti nel 2014 3 sedi: Milano, Roma e Torino

Dettagli

Titolo. Verso il nuovo sito Istat: opportunità e innovazioni per potenziare l informazione sul web FORUM PA 2010. Maurizio Firmani Giulia Mottura

Titolo. Verso il nuovo sito Istat: opportunità e innovazioni per potenziare l informazione sul web FORUM PA 2010. Maurizio Firmani Giulia Mottura Titolo FORUM PA 2010 Verso il nuovo sito Istat: opportunità e innovazioni per potenziare l informazione sul web Maurizio Firmani Giulia Mottura Istat - Direzione centrale comunicazione ed editoria Il punto

Dettagli

Linked Open Data Introduzione e nuovi punti di vista Silvia Mazzini Antonella Pagliarulo smazzini@regesta.com apagliarulo@regesta.

Linked Open Data Introduzione e nuovi punti di vista Silvia Mazzini Antonella Pagliarulo smazzini@regesta.com apagliarulo@regesta. Linked Open Data Introduzione e nuovi punti di vista Silvia Mazzini Antonella Pagliarulo smazzini@regesta.com apagliarulo@regesta.com Library Library Data Linked Data Library Linked Data W3C Incubator

Dettagli

Stars Factory: LOD in RDF Data Cube Vocabulary

Stars Factory: LOD in RDF Data Cube Vocabulary Stars Factory: LOD in RDF Data Cube Vocabulary Open Data Ground plug-in Claudia Corcione, Paola De Caro, Stefano De Luca LOD 2014, 20-21/02/2014 2 Evodevo Evodevo è una società che offre servizi, sviluppa

Dettagli

InterNet: rete di reti

InterNet: rete di reti Internet e il web: introduzione rapida 1 InterNet: rete di reti Una rete è costituita da diversi computer collegati fra di loro allo scopo di: Comunicare Condividere risorse Ogni computer della rete può,

Dettagli

Indice dei contenuti

Indice dei contenuti Gesttiione Knowlledge Base Serrviiziio dii Conttactt Centterr 055055 Manualle dii consullttaziione Indice dei contenuti 1. Introduzione... 4 2. Modalità di accesso alle informazioni... 5 2.1. Accesso diretto

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L L O D E L T E R R I T O R I O I N D I C E 5 S O

Dettagli

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA Elenco dei manuali Elenco dei manuali dell'utente di MEGA MEGA 2009 SP5 R7 1ª edizione (luglio 2012) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono

Dettagli

Progetto e sviluppo di un'applicazione di Question Answering su Knowledge Base eterogenee

Progetto e sviluppo di un'applicazione di Question Answering su Knowledge Base eterogenee Università di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Corso di Laurea in Informatica Progetto e sviluppo di un'applicazione di Question Answering su Knowledge Base

Dettagli

Esempio d ontologia. Capitolo 4 ONTOLOGIE PER LE APPLICAZIONI GEOGRAFICHE. Ontologie geografiche. Interoperabilità attraverso un'ontologia

Esempio d ontologia. Capitolo 4 ONTOLOGIE PER LE APPLICAZIONI GEOGRAFICHE. Ontologie geografiche. Interoperabilità attraverso un'ontologia Esempio d ontologia Capitolo 4 Inondazione Fuoco Tsunami ONTOLOGIE PER LE APPLICAZIONI GEOGRAFICHE Valanghe Temporale Catastrofe naturali Terremoto Volcano Slittamento di terreno Relazione «è uno» Relazione

Dettagli

Interrogazione strutturata di triple RDF estratte dal linguaggio naturale

Interrogazione strutturata di triple RDF estratte dal linguaggio naturale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica Interrogazione strutturata di triple RDF estratte dal linguaggio naturale Candidato:

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA Elenco dei manuali Elenco dei manuali dell'utente di MEGA MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono

Dettagli

Marketing nel commercio elettronico Parte 2

Marketing nel commercio elettronico Parte 2 Marketing nel commercio elettronico Parte 2 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Obbiettivi della ricerca

Dettagli

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER Sistemi Informativi Catena del valore di PORTER La catena del valore permette di considerare l'impresa come un sistema di attività generatrici del valore, inteso come il prezzo che il consumatore è disposto

Dettagli

Caratteristiche per la valutazione di un sistema wcm

Caratteristiche per la valutazione di un sistema wcm Caratteristiche per la valutazione di un sistema wcm Note per la compilazione Indicare se la caratteristica richiesta sia presente o meno, ovvero se sia integrabile/sviluppabile e con che tipo di intervento

Dettagli

CRB Collaborative Resource Broker

CRB Collaborative Resource Broker CRB Collaborative Resource Broker Memorandum Giulio Beltrami Ed.0.1 2008-02-05 Sommario: Premessa 2 Requisiti ed obiettivi 3 Modello logico 4 NameSpaces 5 crb:subject 5 crb: 5 crb: 5 Strumenti d uso 6

Dettagli