SVALUTAZIONE MONETARIA E RISARCIMENTO DEL DANNO DA RITARDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVALUTAZIONE MONETARIA E RISARCIMENTO DEL DANNO DA RITARDO"

Transcript

1 SVALUTAZIONE MONETARIA E RISARCIMENTO DEL DANNO DA RITARDO NELL ADEMPIMENTO DI OBBLIGAZIONI PECUNIARIE Sommario: 1. L evoluzione giurisprudenziale 2. Il danno risarcibile in caso di ritardo nell adempimento di obbligazioni pecuniarie 3. La svalutazione monetaria e il danno risarcibile 4. La prova. 1. L EVOLUZIONE GIURISPRUDENZIALE Con la sentenza n del 5 ottobre 2005 la Corte di Cassazione è tornata nuovamente a pronunciarsi in tema di ritardo nell adempimento delle obbligazioni pecuniarie e del conseguente diritto al risarcimento del danno connesso alla svalutazione monetaria. Con tale pronunciamento la Corte ribadisce un recente filone interpretativo 1 che, pur allineandosi sostanzialmente all'indirizzo prevalente in materia, ne specifica taluni aspetti rafforzando l onere probatorio a carico del creditore di obbligazioni pecuniarie per il risarcimento, in applicazione dell art. 1224, comma 2, c.c., oltre degli interessi, anche del maggior danno che sia derivato dall'impossibilità di disporre della somma durante il periodo della mora. In ordine alla travagliata questione della prova del maggior danno da svalutazione monetaria, nel corso del tempo, si è riscontrata una profonda evoluzione giurisprudenziale. L orientamento tradizionale richiedeva una puntuale e rigorosa applicazione del principio generale dell onere probatorio a carico del creditore, essendo questi tenuto a fornire la specifica prova in ordine ad un puntuale impiego del danaro che, in caso di tempestivo adempimento dell obbligazione, ne avrebbe salvaguardato il potere d acquisto 2. Tale orientamento rigoroso è stato in seguito abbandonato (anche dietro le critiche mosse dalla dottrina ed in coincidenza con la crisi degli anni '70 caratterizzati da una forte spinta inflazionistica e da una notevole svalutazione monetaria) e sostituito da un filone giurisprudenziale di stampo permissivo che ha drasticamente affermato il principio secondo cui la perdita del valore d acquisto della moneta realizza un danno concreto e reale del quale il creditore non deve fornire alcuna prova, rilevando la svalutazione monetaria quale fatto notorio la cui entità può desumersi da appositi indici ufficiali di rilevazione 3. La tesi oggi prevalente, risultante quale soluzione intermedia tra i suddetti due estremi orientamenti giurisprudenziali 4, è quella introdotta dalle fondamentali sentenze Cassazione Sezioni Unite, 4 luglio 1979, n , Cassazione Sezioni Unite, 25 ottobre 1979, n , e confermata con alcuni correttivi da Cassazione Sezioni Unite, 5 aprile 1986, n Vedi Cass. n. 2878/1999, Cass. civ., sez. III, 4 marzo 2003, n. 3158, Cass. civ., sez. I, 1 aprile 2003, n e Cass. Civ. Sez. II, 28 luglio 2004, n si veda: Cass., 11 gennaio 1951, n. 47, in Foro it., 1951, I, 163; Cass., 6 ottobre 1962, n. 2853, in Rep.Foro it., voce "Danni per inadempimento di contratto", n.12; Cass., 17 febbario 1961, n. 343, in Giust.civ., 1961, I, 808; Cass., 12 dicembre 1978, n. 5895, in Riv.not., 1979, 568; Cass., 5 agosto 1969, n. 2950, in Rep.Foro it., 1969, voce "Danni per inadempimento di contratto", n. 40; Cass., 13 luglio 1951, n. 1942, in Foro it., 1951, I, 1329; Cass., 14 ottobre 1960, n. 2744, in Rep.Foro it., 1960, voce "Danni per inadempimento di contratto", n.8; Cass., 19 settembre 1963, n. 2565, in Giust.civ., 1964, I, 135; Cass., 14 ottobre 1971, n.2889, in Rep. Foro it., 1971, voce "Danni civili", n ; Cass., 13 novembre 1970, n. 2381, in Giust.civ., 1971, I, si veda: Cass., 11 gennaio 1988, n. 24, in Rep Foro it., 1988, voce "Danni civili", n. 220; Cass., 21 maggio 1988, n. 3556, ibid., voce cit., n. 210; Cass., 5 giugno 1985, n. 3356, in Foro it., 1985, I, 2239; Cass., 27 gennaio 1984, n. 651, in Arch.civ., 1984, 868; Cass., 7 gennaio 1983, n. 123, in Giust.civ., 1983, I, 766; Cass., 30 novembre 1978, n. 5670, in Giur.it., 1979, I, 1, Vedi, infra, par. 3 e 4. 5 in Giur.it., 1979, I, 1, 1410, in Foro it., 1979, I, in Giur.it., 1980, I, 1, in Giur.it., 1986, I, 1, 1160, in Foro it., 1986, I,

2 La massima che si è venuta così consolidando, mentre da un lato esclude che la svalutazione monetaria costituisca un danno ex se risarcibile in via automatica, potendo invece rilevare solo quale causa efficiente di effetti pregiudizievoli che il singolo creditore ha l'onere di allegare, sul piano probatorio ammette l utilizzo da parte del giudice di presunzioni relative fondate su condizioni e qualità personali dei creditori atti ad evidenziarne le propensioni economiche e le coerenti modalità di impiego del denaro, sempre che questi forniscano concreti elementi che permettano di individuare le suddette situazioni e non si limitino a dedurre il maggior danno 8. Con la sentenza in epigrafe, la Corte, ricalcando l orientamento citato ed accentuandone a mio avviso- il rigore probatorio, afferma che l inflazione non consente un automatico adeguamento dell ammontare del debito, né costituisce di per sé danno risarcibile, ma può implicare ex art. 1224, comma 2, c.c., il riconoscimento, in favore del creditore, oltre che degli interessi, del maggior danno che sia derivato dall'impossibilità di disporre della somma durante il periodo della mora, a condizione che, e nei limiti in cui, il creditore deduca e dimostri che un pagamento tempestivo lo avrebbe messo in grado di evitare o di ridurre gli effetti economici depauperativi dell'inflazione a carico di tutti i possessori di denaro. Tale prova può essere anche presuntiva, ma dev'essere correlata a criteri personalizzati, cioè ad una classificazione dei creditori in categorie economiche, come gli imprenditori, i modesti consumatori e i creditori occasionali, e deve essere idonea a facilitare la dimostrazione delle maggiori utilità che nei singoli casi la somma non pagata avrebbe potuto procurare al creditore IL DANNO RISARCIBILE IN CASO DI RITARDO NELL ADEMPIMENTO DI OBBLIGAZIONI PECUNIARIE. Il problema dell individuazione del soggetto (creditore o debitore) su cui grava la diminuzione di valore della prestazione pecuniaria, non si presenta allo stesso modo per tutte le obbligazioni aventi ad oggetto una somma di denaro. In via generale, vigente nel nostro ordinamento il principio nominalistico fissato dall art c.c., nelle obbligazioni pecuniarie costituenti debiti di valuta 10 il fenomeno della svalutazione monetaria non ha alcun rilievo, almeno nella fase fisiologica del rapporto obbligatorio, e quindi nel tempo intercorrente tra il sorgere del debito e la scadenza dello stesso. Ben altra, invece, risulta l incidenza - già in questa fase - della svalutazione monetaria sui debiti di valore nei quali la moneta rileva sin dalla nascita dell obbligazione per il suo intrinseco potere di acquisto. L irrilevanza nel primo caso (debiti di valuta) e la rilevanza nel secondo caso (debiti di valore) della svalutazione monetaria, riflettendo scelte ben precise dell ordinamento riguardo all individuazione del soggetto su cui addossare la perdita di valore della somma dovuta, finiscono per incidere anche nella fase patologica del rapporto, successiva alla scadenza dell obbligazione con riguardo agli effetti della svalutazione verificatisi durante il ritardo, consistenti nella diminuzione di valore della somma non consegnata esattamente alla scadenza dal debitore. In questa seconda fase, mentre per i debiti di valore in caso di ritardo continua pacificamente ad operare il meccanismo valoristico sino all effettivo pagamento, diversamente, per i debiti di valuta, si pongono delicati problemi circa la configurabilità giuridica del danno da svalutazione monetaria verificatasi successivamente alla scadenza. 8 In tal senso si veda anche: Cass., 28 marzo 1990, n. 2531, in Giur.it., 1991, I, 1, 1078; Cass., 27 novembre 1989, n. 5138, ivi, 1990, I, 1, 762; Cass., 29 novembre 1988, n. 6430, in Rep.Foro it., 1988, voce "Danni civili", n. 248; Cass., 26 ottobre 1988, n. 5809, ibid., voce cit., n. 216; Cass., 4 novembre 1987, n. 8087, ivi, 1987, voce cit., n. 251; Cass., 11 febbraio 1987, n. 1492, ibid., voce cit., n. 248; Cass., 5 marzo 1987, n. 2312, ibid., voce cit., n. 246; Cass., 24 aprile 1987, n. 4011, ibid., voce cit., n. 230; Cass., 16 marzo 1987, n. 2690, ibid., voce cit., n. 240; Cass., 4 novembre 1987, n. 8087, in Giur.it., 1988, I, 1, 1172; Cass., 23 gennaio 1987, n. 633, in Rass.trib., 1987, II, 527, in Fisco, 1987, 3614; Cass., 26 febbraio 1986, n. 1212, in Foro pad., 1987, I, Sentenza in commento Corte di Cassazione, sez. trib., 5 ottobre 2005, n , punto Le obbligazioni di valuta sono quelle in cui la moneta oggetto dell obbligazione non viene in considerazione per il suo valore intrinseco, cioè per il suo potere di acquisto che è insito nella stessa, ma soltanto per il suo valore nominale. Tra i debiti di valuta rientrano pacificamente anche quelli relativi alla restituzione di somme indebitamente percepite che hanno il proprio fondamento nell art c.c. 2

3 La ricostruzione generalmente seguita in dottrina e in giurisprudenza, sostiene che in forza del principio nominalistico, l obbligazione di valuta permane in vita anche durante il ritardo nell adempimento, estinguendosi solo con il pagamento della somma dovuta. La sussistenza dell obbligazione principale fino all effettivo pagamento tuttavia non esclude che, in caso di ritardo, nasca un obbligazione risarcitoria accessoria ex art c.c. nella quale viene fatto rientrare, in modo diretto o indiretto, anche il danno conseguente alla svalutazione monetaria. Non sono mancate ipotesi ricostruttive di segno diverso. Secondo una prima tesi l obbligazione pecuniaria di valuta, a far tempo dalla scadenza senza che si sia provveduto al suo pagamento, si trasforma da obbligazione di valuta in obbligazione di valore. Secondo una variante della precedente tesi, si ritiene che, con l inadempimento, l obbligazione pecuniaria originaria si estingua e nasca in sua vece una nuova obbligazione risarcitoria avente per oggetto il danno quantificabile nella somma di denaro non consegnata rivalutata 11. Tuttavia, a contrasto delle suddette tesi, deve rilevarsi come la peculiare natura del denaro quale bene generico faccia sì che non sia configurabile un inadempimento ma solo un ritardo come unica forma di possibile inadempimento. L obbligazione pecuniaria originaria persiste, dunque fino al pagamento e conseguentemente non possono aversi la sua trasformazione o estinzione/sostituzione con un obbligazione risarcitoria avente ad oggetto la somma originaria. Le suddette tesi, vertenti sulla trasformazione oggettiva dell obbligazione pecuniaria da debito di valuta a debito di valore, non possono essere accolte per l ostacolo insuperabile dell art c.c. la cui lettera e la cui ratio, ben lungi dal volere la sostanziale parificazione dei debiti di valuta con quelli di valore, finirebbe per accordare un favor creditoris normativamente non giustificato e concedendo alla svalutazione monetaria una rilevanza autonoma al di fuori del rimedio giuridico di cui alla norma suddetta. Del resto, a fugare ogni dubbio sulla piena accoglibilità della ricostruzione prevalente, basta osservare che nelle obbligazioni pecuniarie, in caso di ritardo del debitore, un obbligazione accessoria di risarcimento (quella degli interessi) sorge necessariamente in base al disposto dell art. 1224, comma 1, c.c. Quest ultimo infatti, a decorrere dalla costituzione in mora, in caso di colpevole inadempimento (ritardo), deve corrispondere al creditore, gli interessi legali moratori, anche se non dovuti precedentemente e senza bisogno che il creditore dimostri di avere sofferto un danno 12. Gli interessi moratori, in sostanza costituiscono la liquidazione forfettaria minima del danno da ritardo nelle obbligazioni pecuniarie, fondata su una presunzione legale tipica circa l an ed il quantum di danno conseguente al colpevole ritardo del debitore, suscettibile di essere vinta dal creditore attraverso la prova del maggior danno ex art. 1224, comma 2, c.c. 3. LA SVALUTAZIONE MONETARIA E IL DANNO RISARCIBILE Si è osservato che nell ambito dell obbligazione principale pecuniaria e delle sue possibili vicende in caso di ritardo nell adempimento, la diminuzione del potere d acquisto della somma di denaro non può rilevare e che l unica possibilità di far fronte in qualche modo al fenomeno della svalutazione monetaria può derivare da un adeguata considerazione della portata dell obbligazione risarcitoria accessoria nell ambito della previsione normativa dell'art. 1224, c.c. L orientamento dominante della giurisprudenza, prevalso anche a seguito degli importanti pronunciamenti della Cassazione a sezioni unite di cui in premessa, nega la rilevanza autonoma sub specie damni della svalutazione monetaria; ed anzi, nei primi pronunciamenti (Cassazione Sezioni Unite, 4 luglio 1979, n. 3776) si afferma - adottando così una soluzione senz altro favorevole al debitore - che il rischio della diminuzione di valore della somma ricade interamente, e fino all effettivo pagamento, sul 11 In questo caso la svalutazione monetaria sarebbe solo un indice di riferimento per mantenere costante in termini monetari il valore dovuto dal debitore con l effetto di trattare allo stesso modo le obbligazioni aventi ad oggetto somme di denaro (bene generico) rispetto a quelle avente ad oggetto ogni altro bene specifico la cui mancata consegna per fatto del debitore obbliga quest ultimo a risarcirne il valore reale. 12 In ogni caso, il debitore, dal momento in cui il credito è divenuto liquido ed esigibile (senza che occorra alcuna indagine sulla colpevolezza del ritardo, nè alcun atto di messa in mora da parte del creditore) deve corrispondere, gli interessi legali corrispettivi ex art c.c. 3

4 creditore (salvo la prova del maggior danno da parte di quest ultimo). Il fondamento di questa tesi viene riposto su un dato di diritto positivo, l art c.c., in forza del quale il principio nominalistico opererebbe fino al momento del pagamento (anche se tardivo). Né, d altro canto, il diminuito potere d acquisto della moneta può costituire ex se un obbligazione risarcitoria (di valore), avente ad oggetto la somma necessaria a reintegrare il patrimonio del creditore delle perdite subite e dei mancati guadagni. L affermazione secondo cui è risarcibile la svalutazione verificatasi durante la mora, richiedendo al creditore la prova di avere risentito un particolare pregiudizio per non avere potuto, a tempo opportuno, disporre della somma dovutagli 13, va intesa senz altro nel senso di far rilevare solo la potenziale efficienza dannosa della svalutazione consistente nella differenza della quantità di unità monetarie necessarie per un determinato impiego al tempo dell effettivo pagamento (liquidazione) rispetto al momento della scadenza, negando sostanzialmente che detta svalutazione, in quanto tale, possa essere risarcita. Nei casi in cui, di fronte ad un obbligazione di valuta, non c è coincidenza tra il momento della valutazione del danno (aestimatio) ed il momento della liquidazione dello stesso (taxatio), avendosi la prima al tempo della verificazione del danno (alla scadenza) e la seconda successivamente, la somma di denaro astrattamente ritenuta idonea al tempo dell accadimento del danno, a compensare il pregiudizio subito dal patrimonio del creditore, va rivalutata sino al momento della liquidazione, in modo da consentire realmente la riparazione di tale pregiudizio. Si fa, cioè, applicazione delle normali regole valide per le obbligazioni di risarcimento dei danni che, quali obbligazioni di valore, sono soggette, appunto, a tale meccanismo. Il deprezzamento della moneta viene, quindi, in rilievo, in sede di liquidazione, come criterio per determinare l entità monetaria idonea a risarcire il creditore dei mancati guadagni e delle perdite subite per non avere potuto disporre della somma dovutagli. Si tratta, allora, di una rilevanza della svalutazione completamente distinta da quella che tale fenomeno può presentare in quanto danno; il danno, infatti si presuppone già valutato e la svalutazione viene utilizzata al solo fine di adeguare la somma corrispondente al danno già prodottosi al potere d acquisto della moneta al tempo della liquidazione. In definitiva, la svalutazione monetaria non determina un danno ex se, in via automatica, dal momento che un danno per il creditore potrebbe anche non esserci; ciò che il creditore potrà pretendere è il danno in concreto subito anche in conseguenza dell intervenuto processo inflattivo. Quindi, il primo principio statuito dalla giurisprudenza dominante in materia è che al creditore non spetta la svalutazione monetaria come danno in se, ma il maggior danno ex art. 1224, comma 2, c.c., che sia anche conseguenza della svalutazione. Altro principio è che il danno, in ogni caso, deve essere provato sia con riferimento all an, sia con riferimento al quantum: il creditore dovrà, di volta in volta, dimostrare di avere subito un danno, quale danno e in che misura. Notevole appare il salto compiuto dalla giurisprudenza rispetto al precedente orientamento, più permissivo, che ammetteva senz'altro il diritto alla rivalutazione automatica delle somme dovute, commisurata al tasso d'inflazione, salvo prova contraria o la prova del maggior danno. Mentre per quest ultimo orientamento la svalutazione configurava un danno ex se da provare con la semplice allegazione degli indici ufficiali di svalutazione, per l orientamento poi prevalso, la svalutazione rappresenta solo il fatto causativo dell eventuale danno il quale deve essere specificamente provato con riferimento sia all an, che al quantum Cass. Sez. Un., n. 3776/1979 in Giur.it., 1979, I, 1, Si ritiene opportuno riportare integralmente la massima della sentenza Cass. Sez. Un., 5 aprile 1986, n. 2368, la quale ha apportato alcune opportune precisazioni all indirizzo in parola: con riguardo alle obbligazioni pecuniarie, il fenomeno inflattivo non consente un automatico adeguamento dell'ammontare del debito, né costituisce di per sé un danno risarcibile, ma può implicare, in applicazione dell'art. 1224, 2 comma, c. c., solo il riconoscimento in favore del creditore, oltre gli interessi, del maggior danno che sia derivato dall'impossibilità di disporre della somma durante il periodo della mora, nei limiti in cui il creditore medesimo deduca e dimostri che un pagamento tempestivo lo avrebbe messo in grado di evitare e ridurre quegli effetti economici depauperativi che l'inflazione produce a carico di tutti i possessori di denaro; al fine dell'individuazione e quantificazione di tale danno, il ricorso ad elementi presuntivi ed a fatti di comune esperienza non può tradursi nell'applicazione, in via generale, di parametri fissi, quali quelli evincibili degli indici Istat o dal tasso corrente degli interessi bancari, né può implicare l'esonero dal suddetto onere di allegazione e prova, ma deve ritenersi consentito soltanto in stretta correlazione con le qualità e condizioni della categoria cui appartiene il creditore, atteso che, esclusivamente alla luce di tali dati, che l'interessato deve fornire sussistono i presupposti per una valutazione, secondo criteri di probabilità e normalità, delle modalità di utilizzazione del denaro, e, quindi, degli effetti nel caso concreto della 4

5 4. LA PROVA Sul piano probatorio, sin da subito l orientamento prevalente ha cercato di stabilire dei criteri generali per la prova del danno e della relativa quantificazione, preferendo così distaccarsi dal rigoroso orientamento tradizionale che riconosceva il "risarcimento ulteriore" solo a chi fornisse la prova specifica che per la somma non corrisposta era già stata predisposta una forma di investimento la cui redditività ne avrebbe salvaguardato il potere di acquisto. La giurisprudenza ha cercato di seguire una via di mezzo, e quindi di contemperare, gli opposti interessi del debitore e del creditore. Fare l interesse del debitore significherebbe costringere, di volta in volta, il creditore a fornire la prova che dalla svalutazione egli ha avuto un danno e provare anche la misura dello stesso. Questo significherebbe proteggere al massimo grado l interesse del debitore. Al contrario, fare l interesse del creditore significherebbe riconoscergli un danno tutte le volte in cui si verifica la svalutazione come mero fatto potenzialmente causativo di danno. Con la sentenza n del 1986 cit., le Sezioni unite, pur escludendo in radice qualsiasi ipotesi di rivalutazione automatica del credito pecuniario, semplificano l'onere della prova 15. La giurisprudenza ha finito per fare ricorso a presunzioni relative per la dimostrazione del danno conseguente a svalutazione; così per quanto riguarda la prova dell an ha finito per elaborare dei criteri di comune esperienza collegati alle qualità dei soggetti creditori raggruppati in categorie tipiche 16, mentre per quanto riguarda il quantum sono state elaborate presunzioni basate su criteri normali di impiego che il creditore tipizzato fa del denaro: per i risparmiatori nel rendimento dei titoli di stato, per i creditori occasionali nel rendimento medio annuo dei depositi bancari, per i modesti consumatori nella allegazione degli indici ISTAT, mentre per gli esercenti un attività imprenditoriale nella prova dell effettivo costo del denaro praticato loro dalle banche. Una volta allegata l appartenenza ad una di queste categorie e prodotta l ulteriore prova, più rigorosa, circa le normali modalità di impiego del denaro, si può presumere in via relativa, salva la prova del contrario, che il creditore così tipizzato abbia subito un danno in conseguenza della svalutazione monetaria. Al contrario, se il creditore dell obbligazione avesse la disponibilità materiale della moneta al momento della scadenza, ma non la impiegasse in alcun modo, subirebbe ugualmente gli effetti della svalutazione e non potrebbe certo addurre nessun danno. La pronuncia in epigrafe, in linea con altre immediatamente antecedenti (Cass. civ., sez. III, 4 marzo 2003, n. 3158, Cass. civ., sez. I, 1 aprile 2003, n e Cass. Civ. Sez. II, 28 luglio 2004, n ), pur inserendosi appieno in quest'orientamento giurisprudenziale "intermedio" sembra volere ulteriormente specificare rafforzandolo - l onere probatorio a carico del creditore dell obbligazione pecuniaria al quale viene riconosciuto il risarcimento del maggior danno a condizione che, e nei limiti in cui, il creditore deduca e dimostri che un pagamento tempestivo lo avrebbe messo in grado di evitare o di ridurre gli effetti economici depauperativi dell'inflazione a carico di tutti i possessori di denaro. Ed inoltre, nell ammettere il ricorso sua ritardata disponibilità; in particolare, e sempre nei limiti degli elementi forniti dal danneggiato, il suddetto principio può comportare, in favore del creditore esercente attività imprenditoriale, la considerazione del mancato impiego del denaro nel ciclo produttivo, ovvero della necessità di avvalersi del prestito bancario, e quindi il calcolo forfettario del danno in questione, rispettivamente, alla luce dei proventi medi dell'attività imprenditoriale e del costo del prestito bancario; in favore del risparmiatore abituale, cioè di quello che sistematicamente investe in impieghi di risparmio il residuo non assorbito dai consumi, la utilizzazione come parametro dell'investimento che è solito effettuare; in favore del creditore occasionale, cioè di chi beneficia una tantum di una somma di un certo rilievo per la quale debba escludersi la destinazione al consumo, il raffronto con gli investimenti che si presentino più probabili, ivi incluso il deposito bancario; in favore del modesto consumatore, cioè di chi abitualmente spende il denaro per bisogni personali e familiari, il ricorso al crierio degli indici inflattivi, in quanto idonei ad evidenziare il maggior esborso per quei beni di consumo che non ha potuto acquistare, per l'inadempienza del debitore, alla data di scadenza dell'obbligazione. 15 In senso conforme: Cass., 1 marzo 1991, n. 2182, in Rep Foro it., voce "Danni civili", n. 220; Cass., 23 maggio 1989, n. 2472, ivi, 1989, voce cit., n. 211; Cass., 29 novembre 1988, n. 6430, in Giur.it., 1989, I, 1, 982; Cass., 19 ottobre 1988, n. 5681, in Rep.Foro it., 1988, voce "Danni civili", n. 209; Cass., 9 maggio 1988, n. 3400, ibid., voce cit., n. 211; Cass., 5 ottobre 1988, n. 5365, ibid., voce cit., n. 212; Cass., 3 ottobre 1988, n. 5338, ibid., voce cit., n. 213; Cass., 5 marzo 1987, n. 2312, ivi, 1987, voce cit., n. 246; Cass., 4 novembre 1987, n. 8087, in Giur.it., 1988, I, 1, 1172; Cass., 23 gennaio 1987, n. 633, in Rass.trib., 1987, II, 527, in Fisco, 1987, In senso contrario: Cass., 27 luglio 1987, n. 6483, in Rep. Foro it., 1987, voce "Danni civili", n. 253; Cass., 26 febbraio 1986, n. 1212, in Foro pad., 1987, I, 221; App.Cagliari, 14 aprile 1988, in Riv.giur.sarda, 1990, tra le categorie tipiche individuate dalla giurisprudenza, per altro in modo non esaustivo, le piu importanti sono quelle degli esercenti un attività imprenditoriale, dei risparmiatori, dei creditori occasionali e dei modesti consumatori. 5

6 a presunzioni correlate a criteri personalizzati nell ambito della categoria economica soggettiva di appartenenza, richiede che tale prova deve essere idonea a facilitare la dimostrazione delle maggiori utilità che nei singoli casi la somma non pagata avrebbe potuto procurare al creditore. Carmelo Faliti Funzionario della Scuola Superiore dell economia e delle finanze 6

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie 1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie dettata dal codice civile, è frutto di una elaborazione

Dettagli

Parti: Soc. Sami C. Soc. Hidrothermo Sanitaria Fonti: Giust. civ. Mass. 2009, 6, 863 CLASSIFICAZIONE DANNI Nelle obbligazioni pecuniarie

Parti: Soc. Sami C. Soc. Hidrothermo Sanitaria Fonti: Giust. civ. Mass. 2009, 6, 863 CLASSIFICAZIONE DANNI Nelle obbligazioni pecuniarie Autorità: Cassazione civile sez. II Data: 03 giugno 2009 Numero: n. 12828 Parti: Soc. S. C. Soc. H.S. Fonti: Diritto & Giustizia 2009, Guida al diritto 2009, 29, 14 (s.m.) (nota di: Castro), Guida al diritto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

Il maggior danno nelle obbligazioni pecuniarie

Il maggior danno nelle obbligazioni pecuniarie OBBLIGAZIONI / DANNO SVALUTAZIONE MONETARIA Il maggior danno nelle obbligazioni pecuniarie SCENARI Il danno da svalutazione monetaria secondo le Sez. Un. 16 luglio 2008: ecco come cambia la prova del maggior

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO Settembre 2014 INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO A proposito di ABF Napoli, n. 5318/2013 Massima. In ipotesi di estinzione anticipata di un rapporto di

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE Sezione Lavoro sentenza n. 5539 del 9 aprile 2003

CASSAZIONE CIVILE Sezione Lavoro sentenza n. 5539 del 9 aprile 2003 CASSAZIONE CIVILE Sezione Lavoro sentenza n. 5539 del 9 aprile 2003 La predisposizione fisica del lavoratore rispetto alla patologia insorta per effetto del comportamento illegittimo o illecito del datore

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 06 marzo 2014, n. 5275 Remunerazione specializzandi prescrizione

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 06 marzo 2014, n. 5275 Remunerazione specializzandi prescrizione Svolgimento del processo 1.1 medici (...) proposto ricorso per cassazione contro la Presidenza del Consiglio dei ministri, il Ministero dell Istruzione, il Ministero della Salute e l Università degli Studi

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali Il punto di pratica professionale Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali a cura di Antonio Saccone Avvocato - Funzionario della

Dettagli

OBBLIGAZIONI PECUNIARIE: INTERESSI LEGALI E MAGGIOR DANNO. I PRINCIPI

OBBLIGAZIONI PECUNIARIE: INTERESSI LEGALI E MAGGIOR DANNO. I PRINCIPI OBBLIGAZIONI PECUNIARIE: INTERESSI LEGALI E MAGGIOR DANNO. I PRINCIPI POSTI DALLA CASSAZIONE, S. U. CIV., SENTENZA N. 19499 DEL 16 LUGLIO 2008. ROBERTO MARCELLI Sommario: 1. Premessa. La Sentenza della

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Giugno 2011)

LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Giugno 2011) LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AMMINISTRAZIONE: GIURISDIZIONE E PROCESSO REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Giugno 2011) Prof. Giandomenico FALCON Fulvio CORTESE Nell ordinamento italiano il sistema complessivo

Dettagli

Capitolo 11. RECESSO E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO SU INIZIATIVA DELL AMMINISTRAZIONE

Capitolo 11. RECESSO E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO SU INIZIATIVA DELL AMMINISTRAZIONE RECESSO E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO SU INIZIATIVA DELL AMMINISTRAZIONE 11.1- Il recesso dell amministrazione dal contratto. 11.2- La risoluzione per colpa dell appaltatore: 11.2.1- la risoluzione per grave

Dettagli

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti.

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti. IL BISOGNO ASSICURATIVO E LA LEGGE FINANZIARIA 2008 (DANNI PATRIMONIALI) L evoluzione dell ordinamento giuridico e dell amministrazione pubblica verso la trasformazione in aziende di diritto privato di

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 marzo 2015, n. 5193 A cura di TAMARA BONFANTI

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 marzo 2015, n. 5193 A cura di TAMARA BONFANTI NOTA A CORTE DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 marzo 2015, n. 5193 A cura di TAMARA BONFANTI La fideiussione plurima e le spese legali sostenute dal creditore per escutere l altro fideiussore

Dettagli

Violazione dell obbligo di astensione e nesso di causalità

Violazione dell obbligo di astensione e nesso di causalità SOSTANZA E RIGORE NELLA GIURISPRUDENZA AMBROSIANA DEL CONFLITTO DI INTERESSI DANIELE MAFFEIS La presente nota è redatta per la rivista Corriere Giuridico ed è ivi in corso di pubblicazione. Violazione

Dettagli

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo:

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo: LEASING - NOZIONE > è il contratto con il quale una parte (concedente) concede all altra (utilizzatore) il godimento di un bene mobile o immobile, per un tempo determinato, verso corrispettivo rateale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario FATTO

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario FATTO IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Vincenzo Meli Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009)

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009) SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A.

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. di MICHELA MANCINI e TOMMASO STANGHELLINI SOMMARIO: 1. La fattispecie all esame

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent L utilizzo della clausola simul stabunt simul cadent in un contesto che tende a realizzare la revoca anticipata di un dato amministratore

Dettagli

Convegno su Debiti pecuniari e modalità di pagamento. Associazione Nazionale Forense Verona, 3 giugno 2010

Convegno su Debiti pecuniari e modalità di pagamento. Associazione Nazionale Forense Verona, 3 giugno 2010 Convegno su Debiti pecuniari e modalità di pagamento Associazione Nazionale Forense Verona, 3 giugno 2010 Mezzi di pagamento alternativi e solutorietà Prof. Avv. Matteo De Poli Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

ALIUNDE PERCEPTUM A SEGUITO DELLA REINTEGRAZIONE NEL POSTO DI LAVORO

ALIUNDE PERCEPTUM A SEGUITO DELLA REINTEGRAZIONE NEL POSTO DI LAVORO ALIUNDE PERCEPTUM A SEGUITO DELLA REINTEGRAZIONE NEL POSTO DI LAVORO di Miriana Nacucchi* Sommario: 1. Riassunzione e reintegrazione: le differenze. 2. Aiunde perceptum ed aliunde percipiendum. 3. Inadempimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. ALFREDO CARBOGNANI ha pronunziato la seguente SENTENZA Nella

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 maggio 2014 a cura di GIOVANNA NALIS

www.ildirittoamministrativo.it Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 maggio 2014 a cura di GIOVANNA NALIS Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 maggio 2014 a cura di GIOVANNA NALIS 1. Corte di Cassazione, sesta sezione, sentenza n. 2539 del 5 febbraio 2014, sull obbligo di fedeltà coniugale L'obbligo

Dettagli

Circolare Informativa n 49/2012. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 49/2012. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 49/2012 Pillole di Cassazione e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE 1) L assegnazione a mansioni equivalenti o superiori può comunque demansionare

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

P R O C U R A G E N E R A L E PRESSO LA C O R TE S UP R E M A D I C AS S AZ IO N E. Il P.M.

P R O C U R A G E N E R A L E PRESSO LA C O R TE S UP R E M A D I C AS S AZ IO N E. Il P.M. P R O C U R A G E N E R A L E PRESSO LA C O R TE S UP R E M A D I C AS S AZ IO N E R.G. n. 5680/2014 Il P.M. letti gli atti; rilevato che Promozione e Sviluppo s.r.l. depositava ricorso davanti al Tribunale

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013);

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013); CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013); Gentile Cliente, l art. 1 co. 618-624 della L. 27.12.2013 n. 147 ha introdotto

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale Risposte a quesiti DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA In occasione della chiusura dell esercizio, è sempre opportuno, procedere alla valutazione dei crediti verso clienti che presentano difficoltà

Dettagli

Cons. Stato, sez. VI, ord. 11.01.2013, n. 114, Pres. G. Severini, Est. M. Meschino.

Cons. Stato, sez. VI, ord. 11.01.2013, n. 114, Pres. G. Severini, Est. M. Meschino. Cons. Stato, sez. VI, ord. 11.01.2013, n. 114, Pres. G. Severini, Est. M. Meschino. Ai sensi dell art. 99 c.p.a. sono rimessi all esame dell Adunanza Plenaria, in previsione della possibilità che in materia

Dettagli

TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SUPERSTITI (art. 85 DPR 1124/1965)

TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SUPERSTITI (art. 85 DPR 1124/1965) Avv. Santo Spagnolo* - Dott. Rosalia Calandrino* * SPAGNOLO & ASSOCIATI STUDIO LEGALE TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SUPERSTITI (art. 85 DPR 1124/1965) Nell eventualità in cui all infortunio in itinere (o più

Dettagli

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI A causa delle difficoltà finanziarie in cui versano molte amministrazioni pubbliche, negli ultimi anni vari provvedimenti sono stati

Dettagli

La questione traeva spunto da un infortunio accaduto ad uno studente durante una competizione sportiva scolastica.

La questione traeva spunto da un infortunio accaduto ad uno studente durante una competizione sportiva scolastica. Sul diritto all indennità per inabilità temporanea a favore di uno studente infortunatosi durante l attività scolastica Nota a Corte di Cassazione Sezione Lavoro, Sentenza 20 luglio 2011, n 15939 Dott.

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che lo svolgimento del processo viene riferito

Dettagli

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO La questione in esame circa la possibilità di un azione di risarcimento del danno patito a causa del tardivo

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CONDOMINIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CONDOMINIO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CONDOMINIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.: 0471 996111 Fax: 0471 979188 gsinfo@bancapopolare.it

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 dicembre 2011 a cura di Diana Selvaggi 1. Corte di Cassazione, Sez. III Civile, sentenza n. 26709 del 13 dicembre 2011: contratto di locazione, inadempimento

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 MONETARI entità e natura Gli interessi sono prestazioni pecuniarie accessorie, cioè che si aggiungono ad

Dettagli

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole La pronuncia del Consiglio di Stato affronta il tema della richiesta di risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole,

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

WALTER BIGIAVI ALBERTO TRABUCCHI

WALTER BIGIAVI ALBERTO TRABUCCHI CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI ISSN 0035-6093 ANNO LV N. 2 MARZO-APRILE 2009 FONDATA E RETTA DA WALTER BIGIAVI (1955-1968) E DA ALBERTO TRABUCCHI (1968-1998) DIREZIONE C. MASSIMO BIANCA FRANCESCO D.

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE Art. 28 Cost. I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo

Dettagli

Competenza economica e tassazione degli indennizzi assicurativi alle imprese per i danni conseguenti al sisma di maggio 2012

Competenza economica e tassazione degli indennizzi assicurativi alle imprese per i danni conseguenti al sisma di maggio 2012 Focus di pratica professionale di Fabio Landuzzi Competenza economica e tassazione degli indennizzi assicurativi alle imprese per i danni conseguenti al sisma di maggio 2012 Premessa Le imprese situate

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis... Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Prof. Avv. Andrea Gemma... Prof. Avv. Raffaele Lener... Membro designato dalla Banca d Italia, che

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/2007

CIRCOLARE N. 13/2007 PROT. n. 90575 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 13/2007 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Cancellazione di ipoteche ex art. 13, commi da 8-sexies a 8- quaterdecies, del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito,

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO INTERNAZIONALIZZAZIONE DI LUCA GAIANI DOTTORE COMMERCIALISTA 1. Competenza delle perdite su crediti Il decreto legislativo sulla internazionalizzazione

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 Lavoro - Mobbing - Pagamento del premio di rendimento - Note di qualifica del datore - Valutazione mediocre del dipendente Svolgimento del processo

Dettagli

Principi generali del reddito di impresa

Principi generali del reddito di impresa Principi generali del reddito di impresa 1 I principi generali Relazione tra bilancio civilistico e reddito d impresa Art. 83 del T.U.I.R. Determinazione del reddito complessivo Il reddito complessivo

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

di VALENTINA ZUECH Praticante Avvocato nel Foro di Trento Forum Naonis Rivista telematica di giurisprudenza - n. 20 Luglio 2009

di VALENTINA ZUECH Praticante Avvocato nel Foro di Trento Forum Naonis Rivista telematica di giurisprudenza - n. 20 Luglio 2009 Brevi note sull accertamento della responsabilità sociale degli amministratori di società e sulla quantificazione del danno risarcibile (Nota a Trib. Pordenone 15.1.2009 n. 34) di VALENTINA ZUECH Praticante

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - prof. avv. Giuseppe Leonardo Carriero...membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - prof. avv. Giuseppe Leonardo Carriero...membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - prof. avv. Enrico Quadri..Presidente - prof. avv. Giuseppe Leonardo Carriero...membro designato dalla Banca d'italia - prof. avv. Giuseppe Conte...membro designato

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA. Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA. Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra (Omissis) (avv.to (Omissis)) intimante E (Omissis)

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

CONTRATTI DI CREDITO AL CONSUMO. Daniela Rossi

CONTRATTI DI CREDITO AL CONSUMO. Daniela Rossi CONTRATTI DI CREDITO AL CONSUMO Daniela Rossi Che cosa è il contatto di credito al consumo E quel contratto con cui un finanziatore concede o si impegna a concedere ad un consumatore un credito sotto forma

Dettagli

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari Settembre 2010 Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari (risposta fornita a un associazione di categoria)

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

IL CASO.it 18 marzo 2006 1

IL CASO.it 18 marzo 2006 1 La rilevanza della distinzione tra conto scoperto e conto passivo nella nuova disciplina della revocatoria di rimesse in conto corrente bancario Brevi note 1. Premessa. Con specifico riferimento all azione

Dettagli

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Informativa per la clientela di studio N. 83 del 13.07.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli