SVALUTAZIONE MONETARIA E RISARCIMENTO DEL DANNO DA RITARDO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVALUTAZIONE MONETARIA E RISARCIMENTO DEL DANNO DA RITARDO"

Transcript

1 SVALUTAZIONE MONETARIA E RISARCIMENTO DEL DANNO DA RITARDO NELL ADEMPIMENTO DI OBBLIGAZIONI PECUNIARIE Sommario: 1. L evoluzione giurisprudenziale 2. Il danno risarcibile in caso di ritardo nell adempimento di obbligazioni pecuniarie 3. La svalutazione monetaria e il danno risarcibile 4. La prova. 1. L EVOLUZIONE GIURISPRUDENZIALE Con la sentenza n del 5 ottobre 2005 la Corte di Cassazione è tornata nuovamente a pronunciarsi in tema di ritardo nell adempimento delle obbligazioni pecuniarie e del conseguente diritto al risarcimento del danno connesso alla svalutazione monetaria. Con tale pronunciamento la Corte ribadisce un recente filone interpretativo 1 che, pur allineandosi sostanzialmente all'indirizzo prevalente in materia, ne specifica taluni aspetti rafforzando l onere probatorio a carico del creditore di obbligazioni pecuniarie per il risarcimento, in applicazione dell art. 1224, comma 2, c.c., oltre degli interessi, anche del maggior danno che sia derivato dall'impossibilità di disporre della somma durante il periodo della mora. In ordine alla travagliata questione della prova del maggior danno da svalutazione monetaria, nel corso del tempo, si è riscontrata una profonda evoluzione giurisprudenziale. L orientamento tradizionale richiedeva una puntuale e rigorosa applicazione del principio generale dell onere probatorio a carico del creditore, essendo questi tenuto a fornire la specifica prova in ordine ad un puntuale impiego del danaro che, in caso di tempestivo adempimento dell obbligazione, ne avrebbe salvaguardato il potere d acquisto 2. Tale orientamento rigoroso è stato in seguito abbandonato (anche dietro le critiche mosse dalla dottrina ed in coincidenza con la crisi degli anni '70 caratterizzati da una forte spinta inflazionistica e da una notevole svalutazione monetaria) e sostituito da un filone giurisprudenziale di stampo permissivo che ha drasticamente affermato il principio secondo cui la perdita del valore d acquisto della moneta realizza un danno concreto e reale del quale il creditore non deve fornire alcuna prova, rilevando la svalutazione monetaria quale fatto notorio la cui entità può desumersi da appositi indici ufficiali di rilevazione 3. La tesi oggi prevalente, risultante quale soluzione intermedia tra i suddetti due estremi orientamenti giurisprudenziali 4, è quella introdotta dalle fondamentali sentenze Cassazione Sezioni Unite, 4 luglio 1979, n , Cassazione Sezioni Unite, 25 ottobre 1979, n , e confermata con alcuni correttivi da Cassazione Sezioni Unite, 5 aprile 1986, n Vedi Cass. n. 2878/1999, Cass. civ., sez. III, 4 marzo 2003, n. 3158, Cass. civ., sez. I, 1 aprile 2003, n e Cass. Civ. Sez. II, 28 luglio 2004, n si veda: Cass., 11 gennaio 1951, n. 47, in Foro it., 1951, I, 163; Cass., 6 ottobre 1962, n. 2853, in Rep.Foro it., voce "Danni per inadempimento di contratto", n.12; Cass., 17 febbario 1961, n. 343, in Giust.civ., 1961, I, 808; Cass., 12 dicembre 1978, n. 5895, in Riv.not., 1979, 568; Cass., 5 agosto 1969, n. 2950, in Rep.Foro it., 1969, voce "Danni per inadempimento di contratto", n. 40; Cass., 13 luglio 1951, n. 1942, in Foro it., 1951, I, 1329; Cass., 14 ottobre 1960, n. 2744, in Rep.Foro it., 1960, voce "Danni per inadempimento di contratto", n.8; Cass., 19 settembre 1963, n. 2565, in Giust.civ., 1964, I, 135; Cass., 14 ottobre 1971, n.2889, in Rep. Foro it., 1971, voce "Danni civili", n ; Cass., 13 novembre 1970, n. 2381, in Giust.civ., 1971, I, si veda: Cass., 11 gennaio 1988, n. 24, in Rep Foro it., 1988, voce "Danni civili", n. 220; Cass., 21 maggio 1988, n. 3556, ibid., voce cit., n. 210; Cass., 5 giugno 1985, n. 3356, in Foro it., 1985, I, 2239; Cass., 27 gennaio 1984, n. 651, in Arch.civ., 1984, 868; Cass., 7 gennaio 1983, n. 123, in Giust.civ., 1983, I, 766; Cass., 30 novembre 1978, n. 5670, in Giur.it., 1979, I, 1, Vedi, infra, par. 3 e 4. 5 in Giur.it., 1979, I, 1, 1410, in Foro it., 1979, I, in Giur.it., 1980, I, 1, in Giur.it., 1986, I, 1, 1160, in Foro it., 1986, I,

2 La massima che si è venuta così consolidando, mentre da un lato esclude che la svalutazione monetaria costituisca un danno ex se risarcibile in via automatica, potendo invece rilevare solo quale causa efficiente di effetti pregiudizievoli che il singolo creditore ha l'onere di allegare, sul piano probatorio ammette l utilizzo da parte del giudice di presunzioni relative fondate su condizioni e qualità personali dei creditori atti ad evidenziarne le propensioni economiche e le coerenti modalità di impiego del denaro, sempre che questi forniscano concreti elementi che permettano di individuare le suddette situazioni e non si limitino a dedurre il maggior danno 8. Con la sentenza in epigrafe, la Corte, ricalcando l orientamento citato ed accentuandone a mio avviso- il rigore probatorio, afferma che l inflazione non consente un automatico adeguamento dell ammontare del debito, né costituisce di per sé danno risarcibile, ma può implicare ex art. 1224, comma 2, c.c., il riconoscimento, in favore del creditore, oltre che degli interessi, del maggior danno che sia derivato dall'impossibilità di disporre della somma durante il periodo della mora, a condizione che, e nei limiti in cui, il creditore deduca e dimostri che un pagamento tempestivo lo avrebbe messo in grado di evitare o di ridurre gli effetti economici depauperativi dell'inflazione a carico di tutti i possessori di denaro. Tale prova può essere anche presuntiva, ma dev'essere correlata a criteri personalizzati, cioè ad una classificazione dei creditori in categorie economiche, come gli imprenditori, i modesti consumatori e i creditori occasionali, e deve essere idonea a facilitare la dimostrazione delle maggiori utilità che nei singoli casi la somma non pagata avrebbe potuto procurare al creditore IL DANNO RISARCIBILE IN CASO DI RITARDO NELL ADEMPIMENTO DI OBBLIGAZIONI PECUNIARIE. Il problema dell individuazione del soggetto (creditore o debitore) su cui grava la diminuzione di valore della prestazione pecuniaria, non si presenta allo stesso modo per tutte le obbligazioni aventi ad oggetto una somma di denaro. In via generale, vigente nel nostro ordinamento il principio nominalistico fissato dall art c.c., nelle obbligazioni pecuniarie costituenti debiti di valuta 10 il fenomeno della svalutazione monetaria non ha alcun rilievo, almeno nella fase fisiologica del rapporto obbligatorio, e quindi nel tempo intercorrente tra il sorgere del debito e la scadenza dello stesso. Ben altra, invece, risulta l incidenza - già in questa fase - della svalutazione monetaria sui debiti di valore nei quali la moneta rileva sin dalla nascita dell obbligazione per il suo intrinseco potere di acquisto. L irrilevanza nel primo caso (debiti di valuta) e la rilevanza nel secondo caso (debiti di valore) della svalutazione monetaria, riflettendo scelte ben precise dell ordinamento riguardo all individuazione del soggetto su cui addossare la perdita di valore della somma dovuta, finiscono per incidere anche nella fase patologica del rapporto, successiva alla scadenza dell obbligazione con riguardo agli effetti della svalutazione verificatisi durante il ritardo, consistenti nella diminuzione di valore della somma non consegnata esattamente alla scadenza dal debitore. In questa seconda fase, mentre per i debiti di valore in caso di ritardo continua pacificamente ad operare il meccanismo valoristico sino all effettivo pagamento, diversamente, per i debiti di valuta, si pongono delicati problemi circa la configurabilità giuridica del danno da svalutazione monetaria verificatasi successivamente alla scadenza. 8 In tal senso si veda anche: Cass., 28 marzo 1990, n. 2531, in Giur.it., 1991, I, 1, 1078; Cass., 27 novembre 1989, n. 5138, ivi, 1990, I, 1, 762; Cass., 29 novembre 1988, n. 6430, in Rep.Foro it., 1988, voce "Danni civili", n. 248; Cass., 26 ottobre 1988, n. 5809, ibid., voce cit., n. 216; Cass., 4 novembre 1987, n. 8087, ivi, 1987, voce cit., n. 251; Cass., 11 febbraio 1987, n. 1492, ibid., voce cit., n. 248; Cass., 5 marzo 1987, n. 2312, ibid., voce cit., n. 246; Cass., 24 aprile 1987, n. 4011, ibid., voce cit., n. 230; Cass., 16 marzo 1987, n. 2690, ibid., voce cit., n. 240; Cass., 4 novembre 1987, n. 8087, in Giur.it., 1988, I, 1, 1172; Cass., 23 gennaio 1987, n. 633, in Rass.trib., 1987, II, 527, in Fisco, 1987, 3614; Cass., 26 febbraio 1986, n. 1212, in Foro pad., 1987, I, Sentenza in commento Corte di Cassazione, sez. trib., 5 ottobre 2005, n , punto Le obbligazioni di valuta sono quelle in cui la moneta oggetto dell obbligazione non viene in considerazione per il suo valore intrinseco, cioè per il suo potere di acquisto che è insito nella stessa, ma soltanto per il suo valore nominale. Tra i debiti di valuta rientrano pacificamente anche quelli relativi alla restituzione di somme indebitamente percepite che hanno il proprio fondamento nell art c.c. 2

3 La ricostruzione generalmente seguita in dottrina e in giurisprudenza, sostiene che in forza del principio nominalistico, l obbligazione di valuta permane in vita anche durante il ritardo nell adempimento, estinguendosi solo con il pagamento della somma dovuta. La sussistenza dell obbligazione principale fino all effettivo pagamento tuttavia non esclude che, in caso di ritardo, nasca un obbligazione risarcitoria accessoria ex art c.c. nella quale viene fatto rientrare, in modo diretto o indiretto, anche il danno conseguente alla svalutazione monetaria. Non sono mancate ipotesi ricostruttive di segno diverso. Secondo una prima tesi l obbligazione pecuniaria di valuta, a far tempo dalla scadenza senza che si sia provveduto al suo pagamento, si trasforma da obbligazione di valuta in obbligazione di valore. Secondo una variante della precedente tesi, si ritiene che, con l inadempimento, l obbligazione pecuniaria originaria si estingua e nasca in sua vece una nuova obbligazione risarcitoria avente per oggetto il danno quantificabile nella somma di denaro non consegnata rivalutata 11. Tuttavia, a contrasto delle suddette tesi, deve rilevarsi come la peculiare natura del denaro quale bene generico faccia sì che non sia configurabile un inadempimento ma solo un ritardo come unica forma di possibile inadempimento. L obbligazione pecuniaria originaria persiste, dunque fino al pagamento e conseguentemente non possono aversi la sua trasformazione o estinzione/sostituzione con un obbligazione risarcitoria avente ad oggetto la somma originaria. Le suddette tesi, vertenti sulla trasformazione oggettiva dell obbligazione pecuniaria da debito di valuta a debito di valore, non possono essere accolte per l ostacolo insuperabile dell art c.c. la cui lettera e la cui ratio, ben lungi dal volere la sostanziale parificazione dei debiti di valuta con quelli di valore, finirebbe per accordare un favor creditoris normativamente non giustificato e concedendo alla svalutazione monetaria una rilevanza autonoma al di fuori del rimedio giuridico di cui alla norma suddetta. Del resto, a fugare ogni dubbio sulla piena accoglibilità della ricostruzione prevalente, basta osservare che nelle obbligazioni pecuniarie, in caso di ritardo del debitore, un obbligazione accessoria di risarcimento (quella degli interessi) sorge necessariamente in base al disposto dell art. 1224, comma 1, c.c. Quest ultimo infatti, a decorrere dalla costituzione in mora, in caso di colpevole inadempimento (ritardo), deve corrispondere al creditore, gli interessi legali moratori, anche se non dovuti precedentemente e senza bisogno che il creditore dimostri di avere sofferto un danno 12. Gli interessi moratori, in sostanza costituiscono la liquidazione forfettaria minima del danno da ritardo nelle obbligazioni pecuniarie, fondata su una presunzione legale tipica circa l an ed il quantum di danno conseguente al colpevole ritardo del debitore, suscettibile di essere vinta dal creditore attraverso la prova del maggior danno ex art. 1224, comma 2, c.c. 3. LA SVALUTAZIONE MONETARIA E IL DANNO RISARCIBILE Si è osservato che nell ambito dell obbligazione principale pecuniaria e delle sue possibili vicende in caso di ritardo nell adempimento, la diminuzione del potere d acquisto della somma di denaro non può rilevare e che l unica possibilità di far fronte in qualche modo al fenomeno della svalutazione monetaria può derivare da un adeguata considerazione della portata dell obbligazione risarcitoria accessoria nell ambito della previsione normativa dell'art. 1224, c.c. L orientamento dominante della giurisprudenza, prevalso anche a seguito degli importanti pronunciamenti della Cassazione a sezioni unite di cui in premessa, nega la rilevanza autonoma sub specie damni della svalutazione monetaria; ed anzi, nei primi pronunciamenti (Cassazione Sezioni Unite, 4 luglio 1979, n. 3776) si afferma - adottando così una soluzione senz altro favorevole al debitore - che il rischio della diminuzione di valore della somma ricade interamente, e fino all effettivo pagamento, sul 11 In questo caso la svalutazione monetaria sarebbe solo un indice di riferimento per mantenere costante in termini monetari il valore dovuto dal debitore con l effetto di trattare allo stesso modo le obbligazioni aventi ad oggetto somme di denaro (bene generico) rispetto a quelle avente ad oggetto ogni altro bene specifico la cui mancata consegna per fatto del debitore obbliga quest ultimo a risarcirne il valore reale. 12 In ogni caso, il debitore, dal momento in cui il credito è divenuto liquido ed esigibile (senza che occorra alcuna indagine sulla colpevolezza del ritardo, nè alcun atto di messa in mora da parte del creditore) deve corrispondere, gli interessi legali corrispettivi ex art c.c. 3

4 creditore (salvo la prova del maggior danno da parte di quest ultimo). Il fondamento di questa tesi viene riposto su un dato di diritto positivo, l art c.c., in forza del quale il principio nominalistico opererebbe fino al momento del pagamento (anche se tardivo). Né, d altro canto, il diminuito potere d acquisto della moneta può costituire ex se un obbligazione risarcitoria (di valore), avente ad oggetto la somma necessaria a reintegrare il patrimonio del creditore delle perdite subite e dei mancati guadagni. L affermazione secondo cui è risarcibile la svalutazione verificatasi durante la mora, richiedendo al creditore la prova di avere risentito un particolare pregiudizio per non avere potuto, a tempo opportuno, disporre della somma dovutagli 13, va intesa senz altro nel senso di far rilevare solo la potenziale efficienza dannosa della svalutazione consistente nella differenza della quantità di unità monetarie necessarie per un determinato impiego al tempo dell effettivo pagamento (liquidazione) rispetto al momento della scadenza, negando sostanzialmente che detta svalutazione, in quanto tale, possa essere risarcita. Nei casi in cui, di fronte ad un obbligazione di valuta, non c è coincidenza tra il momento della valutazione del danno (aestimatio) ed il momento della liquidazione dello stesso (taxatio), avendosi la prima al tempo della verificazione del danno (alla scadenza) e la seconda successivamente, la somma di denaro astrattamente ritenuta idonea al tempo dell accadimento del danno, a compensare il pregiudizio subito dal patrimonio del creditore, va rivalutata sino al momento della liquidazione, in modo da consentire realmente la riparazione di tale pregiudizio. Si fa, cioè, applicazione delle normali regole valide per le obbligazioni di risarcimento dei danni che, quali obbligazioni di valore, sono soggette, appunto, a tale meccanismo. Il deprezzamento della moneta viene, quindi, in rilievo, in sede di liquidazione, come criterio per determinare l entità monetaria idonea a risarcire il creditore dei mancati guadagni e delle perdite subite per non avere potuto disporre della somma dovutagli. Si tratta, allora, di una rilevanza della svalutazione completamente distinta da quella che tale fenomeno può presentare in quanto danno; il danno, infatti si presuppone già valutato e la svalutazione viene utilizzata al solo fine di adeguare la somma corrispondente al danno già prodottosi al potere d acquisto della moneta al tempo della liquidazione. In definitiva, la svalutazione monetaria non determina un danno ex se, in via automatica, dal momento che un danno per il creditore potrebbe anche non esserci; ciò che il creditore potrà pretendere è il danno in concreto subito anche in conseguenza dell intervenuto processo inflattivo. Quindi, il primo principio statuito dalla giurisprudenza dominante in materia è che al creditore non spetta la svalutazione monetaria come danno in se, ma il maggior danno ex art. 1224, comma 2, c.c., che sia anche conseguenza della svalutazione. Altro principio è che il danno, in ogni caso, deve essere provato sia con riferimento all an, sia con riferimento al quantum: il creditore dovrà, di volta in volta, dimostrare di avere subito un danno, quale danno e in che misura. Notevole appare il salto compiuto dalla giurisprudenza rispetto al precedente orientamento, più permissivo, che ammetteva senz'altro il diritto alla rivalutazione automatica delle somme dovute, commisurata al tasso d'inflazione, salvo prova contraria o la prova del maggior danno. Mentre per quest ultimo orientamento la svalutazione configurava un danno ex se da provare con la semplice allegazione degli indici ufficiali di svalutazione, per l orientamento poi prevalso, la svalutazione rappresenta solo il fatto causativo dell eventuale danno il quale deve essere specificamente provato con riferimento sia all an, che al quantum Cass. Sez. Un., n. 3776/1979 in Giur.it., 1979, I, 1, Si ritiene opportuno riportare integralmente la massima della sentenza Cass. Sez. Un., 5 aprile 1986, n. 2368, la quale ha apportato alcune opportune precisazioni all indirizzo in parola: con riguardo alle obbligazioni pecuniarie, il fenomeno inflattivo non consente un automatico adeguamento dell'ammontare del debito, né costituisce di per sé un danno risarcibile, ma può implicare, in applicazione dell'art. 1224, 2 comma, c. c., solo il riconoscimento in favore del creditore, oltre gli interessi, del maggior danno che sia derivato dall'impossibilità di disporre della somma durante il periodo della mora, nei limiti in cui il creditore medesimo deduca e dimostri che un pagamento tempestivo lo avrebbe messo in grado di evitare e ridurre quegli effetti economici depauperativi che l'inflazione produce a carico di tutti i possessori di denaro; al fine dell'individuazione e quantificazione di tale danno, il ricorso ad elementi presuntivi ed a fatti di comune esperienza non può tradursi nell'applicazione, in via generale, di parametri fissi, quali quelli evincibili degli indici Istat o dal tasso corrente degli interessi bancari, né può implicare l'esonero dal suddetto onere di allegazione e prova, ma deve ritenersi consentito soltanto in stretta correlazione con le qualità e condizioni della categoria cui appartiene il creditore, atteso che, esclusivamente alla luce di tali dati, che l'interessato deve fornire sussistono i presupposti per una valutazione, secondo criteri di probabilità e normalità, delle modalità di utilizzazione del denaro, e, quindi, degli effetti nel caso concreto della 4

5 4. LA PROVA Sul piano probatorio, sin da subito l orientamento prevalente ha cercato di stabilire dei criteri generali per la prova del danno e della relativa quantificazione, preferendo così distaccarsi dal rigoroso orientamento tradizionale che riconosceva il "risarcimento ulteriore" solo a chi fornisse la prova specifica che per la somma non corrisposta era già stata predisposta una forma di investimento la cui redditività ne avrebbe salvaguardato il potere di acquisto. La giurisprudenza ha cercato di seguire una via di mezzo, e quindi di contemperare, gli opposti interessi del debitore e del creditore. Fare l interesse del debitore significherebbe costringere, di volta in volta, il creditore a fornire la prova che dalla svalutazione egli ha avuto un danno e provare anche la misura dello stesso. Questo significherebbe proteggere al massimo grado l interesse del debitore. Al contrario, fare l interesse del creditore significherebbe riconoscergli un danno tutte le volte in cui si verifica la svalutazione come mero fatto potenzialmente causativo di danno. Con la sentenza n del 1986 cit., le Sezioni unite, pur escludendo in radice qualsiasi ipotesi di rivalutazione automatica del credito pecuniario, semplificano l'onere della prova 15. La giurisprudenza ha finito per fare ricorso a presunzioni relative per la dimostrazione del danno conseguente a svalutazione; così per quanto riguarda la prova dell an ha finito per elaborare dei criteri di comune esperienza collegati alle qualità dei soggetti creditori raggruppati in categorie tipiche 16, mentre per quanto riguarda il quantum sono state elaborate presunzioni basate su criteri normali di impiego che il creditore tipizzato fa del denaro: per i risparmiatori nel rendimento dei titoli di stato, per i creditori occasionali nel rendimento medio annuo dei depositi bancari, per i modesti consumatori nella allegazione degli indici ISTAT, mentre per gli esercenti un attività imprenditoriale nella prova dell effettivo costo del denaro praticato loro dalle banche. Una volta allegata l appartenenza ad una di queste categorie e prodotta l ulteriore prova, più rigorosa, circa le normali modalità di impiego del denaro, si può presumere in via relativa, salva la prova del contrario, che il creditore così tipizzato abbia subito un danno in conseguenza della svalutazione monetaria. Al contrario, se il creditore dell obbligazione avesse la disponibilità materiale della moneta al momento della scadenza, ma non la impiegasse in alcun modo, subirebbe ugualmente gli effetti della svalutazione e non potrebbe certo addurre nessun danno. La pronuncia in epigrafe, in linea con altre immediatamente antecedenti (Cass. civ., sez. III, 4 marzo 2003, n. 3158, Cass. civ., sez. I, 1 aprile 2003, n e Cass. Civ. Sez. II, 28 luglio 2004, n ), pur inserendosi appieno in quest'orientamento giurisprudenziale "intermedio" sembra volere ulteriormente specificare rafforzandolo - l onere probatorio a carico del creditore dell obbligazione pecuniaria al quale viene riconosciuto il risarcimento del maggior danno a condizione che, e nei limiti in cui, il creditore deduca e dimostri che un pagamento tempestivo lo avrebbe messo in grado di evitare o di ridurre gli effetti economici depauperativi dell'inflazione a carico di tutti i possessori di denaro. Ed inoltre, nell ammettere il ricorso sua ritardata disponibilità; in particolare, e sempre nei limiti degli elementi forniti dal danneggiato, il suddetto principio può comportare, in favore del creditore esercente attività imprenditoriale, la considerazione del mancato impiego del denaro nel ciclo produttivo, ovvero della necessità di avvalersi del prestito bancario, e quindi il calcolo forfettario del danno in questione, rispettivamente, alla luce dei proventi medi dell'attività imprenditoriale e del costo del prestito bancario; in favore del risparmiatore abituale, cioè di quello che sistematicamente investe in impieghi di risparmio il residuo non assorbito dai consumi, la utilizzazione come parametro dell'investimento che è solito effettuare; in favore del creditore occasionale, cioè di chi beneficia una tantum di una somma di un certo rilievo per la quale debba escludersi la destinazione al consumo, il raffronto con gli investimenti che si presentino più probabili, ivi incluso il deposito bancario; in favore del modesto consumatore, cioè di chi abitualmente spende il denaro per bisogni personali e familiari, il ricorso al crierio degli indici inflattivi, in quanto idonei ad evidenziare il maggior esborso per quei beni di consumo che non ha potuto acquistare, per l'inadempienza del debitore, alla data di scadenza dell'obbligazione. 15 In senso conforme: Cass., 1 marzo 1991, n. 2182, in Rep Foro it., voce "Danni civili", n. 220; Cass., 23 maggio 1989, n. 2472, ivi, 1989, voce cit., n. 211; Cass., 29 novembre 1988, n. 6430, in Giur.it., 1989, I, 1, 982; Cass., 19 ottobre 1988, n. 5681, in Rep.Foro it., 1988, voce "Danni civili", n. 209; Cass., 9 maggio 1988, n. 3400, ibid., voce cit., n. 211; Cass., 5 ottobre 1988, n. 5365, ibid., voce cit., n. 212; Cass., 3 ottobre 1988, n. 5338, ibid., voce cit., n. 213; Cass., 5 marzo 1987, n. 2312, ivi, 1987, voce cit., n. 246; Cass., 4 novembre 1987, n. 8087, in Giur.it., 1988, I, 1, 1172; Cass., 23 gennaio 1987, n. 633, in Rass.trib., 1987, II, 527, in Fisco, 1987, In senso contrario: Cass., 27 luglio 1987, n. 6483, in Rep. Foro it., 1987, voce "Danni civili", n. 253; Cass., 26 febbraio 1986, n. 1212, in Foro pad., 1987, I, 221; App.Cagliari, 14 aprile 1988, in Riv.giur.sarda, 1990, tra le categorie tipiche individuate dalla giurisprudenza, per altro in modo non esaustivo, le piu importanti sono quelle degli esercenti un attività imprenditoriale, dei risparmiatori, dei creditori occasionali e dei modesti consumatori. 5

6 a presunzioni correlate a criteri personalizzati nell ambito della categoria economica soggettiva di appartenenza, richiede che tale prova deve essere idonea a facilitare la dimostrazione delle maggiori utilità che nei singoli casi la somma non pagata avrebbe potuto procurare al creditore. Carmelo Faliti Funzionario della Scuola Superiore dell economia e delle finanze 6

INDICE SOMMARIO I DEBITI DI VALORE: PROFILI GENERALI

INDICE SOMMARIO I DEBITI DI VALORE: PROFILI GENERALI CAPITOLO I I DEBITI DI VALORE: PROFILI GENERALI Premessa... Pag. 1 1.1. La dottrina dei debiti di valore...» 4 1.1.1. Moneta come mensura e come mensuratum nel sistema della moneta immaginaria e nella

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie 1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie dettata dal codice civile, è frutto di una elaborazione

Dettagli

Obbligazioni in genere

Obbligazioni in genere Obbligazioni in genere - Obbligazioni pecuniarie - In genere - Danno da svalutazione monetaria - Domanda intesa ad ottenere la rivalutazione nella misura ufficiale dell'inflazione - Allegazione degli indici

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Parti: Soc. Sami C. Soc. Hidrothermo Sanitaria Fonti: Giust. civ. Mass. 2009, 6, 863 CLASSIFICAZIONE DANNI Nelle obbligazioni pecuniarie

Parti: Soc. Sami C. Soc. Hidrothermo Sanitaria Fonti: Giust. civ. Mass. 2009, 6, 863 CLASSIFICAZIONE DANNI Nelle obbligazioni pecuniarie Autorità: Cassazione civile sez. II Data: 03 giugno 2009 Numero: n. 12828 Parti: Soc. S. C. Soc. H.S. Fonti: Diritto & Giustizia 2009, Guida al diritto 2009, 29, 14 (s.m.) (nota di: Castro), Guida al diritto

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

Indebitamento sottostante

Indebitamento sottostante Indebitamento sottostante Copertura Specifica Copertura Generica Alta correlazione con sottostante Bassa correlazione con sottostante Annullamento rischio di mercato (es. tasso) Persistono rischi di mercato

Dettagli

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.?

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? Milano, 4 febbraio 2015 Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? 1.1 L intervento interpretativo della Corte di Giustizia della

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo

Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo IL NUOVO ART. 120 DEL TUB ALL ESAME DELLA GIURISPRUDENZA DI MERITO: RICOSTRUZIONI E POSSIBILI SOLUZIONI OPERATIVE Milano, 27 maggio 2015 Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno 115 Capitolo VI Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno Sommario: 1. La denuncia di sinistro - 2. La procedura di risarcimento ordinario - 3. La procedura di risarcimento a favore dei

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura NO ALLA DOPPIA SOMMATORIA Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura 12/06/2014 Tribunale di Torino - Ordinanza 10 giugno 2014 n. 759 In un contratto di finanziamento, ai fini del superamento

Dettagli

LE NUOVE QUESTIONI SUL RIPARTO DELL ONERE DELLA PROVA

LE NUOVE QUESTIONI SUL RIPARTO DELL ONERE DELLA PROVA LE NUOVE QUESTIONI SUL RIPARTO DELL ONERE DELLA PROVA Bergamo, 13 Novembre 2015 Gian Paolo Valcavi 2 I punti centrali delle novità introdotte Art. 3, 2 comma sul punto dal D.lgs. 23/2015 «Esclusivamente

Dettagli

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste Ai gentili clienti Loro sedi Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie Premessa modeste L accertamento bancario, come noto, è la procedura che permette ai verificatori di reperire dati

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

Schema risolutivo. Iter:

Schema risolutivo. Iter: Schema risolutivo Iter: 1) Chi pretende cosa e da chi? A che titolo? a) Tizio pretende da Caio b) la restituzione del contenuto della cassetta di sicurezza e c) la revocazione della donazione. d) A che

Dettagli

Convegno su Debiti pecuniari e modalità di pagamento. Associazione Nazionale Forense Verona, 3 giugno 2010

Convegno su Debiti pecuniari e modalità di pagamento. Associazione Nazionale Forense Verona, 3 giugno 2010 Convegno su Debiti pecuniari e modalità di pagamento Associazione Nazionale Forense Verona, 3 giugno 2010 Mezzi di pagamento alternativi e solutorietà Prof. Avv. Matteo De Poli Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere.

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. MUTUI FONDIARI: Risoluzione del contratto. C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. Premessa. L anatocismo viene praticato oltre che sui conti correnti anche sui

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia Il tema dell'anatocismo ha acceso in questi anni un vivace dibattito alimentato tanto dal legislatore quanto dalla giurisprudenza, sull'inciso contenuto nell'art. 1283 c.c. - usi contrari- nel quadro della

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO FATTO

COLLEGIO DI MILANO FATTO COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO n. 192 del 09 novembre 2012

DECRETO LEGISLATIVO n. 192 del 09 novembre 2012 DECRETO LEGISLATIVO n. 192 del 09 novembre 2012 E pari allo 0,75%, (lo 0,25% in meno rispetto al semestre precedente) il tasso di riferimento cioè il tasso di interesse applicato dalla BCE / Banca Centrale

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI 1 GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI Per l illustrazione delle opzioni di ricalcolo ex Cass. SU 24418/10 si veda l apposita guida Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO Settembre 2014 INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO A proposito di ABF Napoli, n. 5318/2013 Massima. In ipotesi di estinzione anticipata di un rapporto di

Dettagli

QUESITI IN TEMA BANCARIO

QUESITI IN TEMA BANCARIO QUESITI IN TEMA BANCARIO SEZIONE CIVILE - TRIBUNALE DI LIVORNO VERSIONE DEL 21.12.2014 1) COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. Se il rapporto è costituito ANTE 29.01.2009 12. Se il rapporto è costituito POST

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

Il maggior danno nelle obbligazioni pecuniarie

Il maggior danno nelle obbligazioni pecuniarie OBBLIGAZIONI / DANNO SVALUTAZIONE MONETARIA Il maggior danno nelle obbligazioni pecuniarie SCENARI Il danno da svalutazione monetaria secondo le Sez. Un. 16 luglio 2008: ecco come cambia la prova del maggior

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

FATTO. - Il Pretore di Crotone, con sentenza del 7 dicembre 1993, condannava l'inps a restituire alla Casa di 1

FATTO. - Il Pretore di Crotone, con sentenza del 7 dicembre 1993, condannava l'inps a restituire alla Casa di 1 Contributi Pagamento indebito Rimborso Svalutazione monetaria Quantificazione del relativo danno da parte del giudice Ricorso al notorio e a presunzioni Ammissibilità Condizioni e limiti. Obbligazioni

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Ritardi di Pagamento

Ritardi di Pagamento Ritardi di Pagamento Recepimento Direttiva Late Payments Direttiva 2011/7/UE (Late Payments) Recepita con decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 9 GIUGNO 2009 Informativa n. 41 Scomputo delle ritenute

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

Circolare N.56 del 29 Marzo 2013. Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese

Circolare N.56 del 29 Marzo 2013. Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Circolare N.56 del 29 Marzo 2013 Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Gentile cliente,

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

STUDIO MURER COMMERCIALISTI

STUDIO MURER COMMERCIALISTI 1 R E N A T O M U R E R G A B R I E L E G I AM B R U N O R O B E R T A F A Z Z A N A C A R M E N B A T T I S T E L DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI San Donà di Piave, 10 dicembre 2002 Alle Spett.li

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia Avv.

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 1. NULLITÀ DELLA CLAUSOLA DEL BANDO CHE IMPONE LA CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 2. VERIFICA DI ANOMALIA E UTILE

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto.

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto. Foglio informativo relativo all' APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Sezione I - Informazioni sulla Banca Banca di Credito Cooperativo di Tarsia (CS) soc. coop. Sede legale e amministrativa: Tarsia (CS),

Dettagli

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci Periodico informativo n. 20/2011 Finanziamento soci Gentile cliente, alla luce delle difficoltà finanziarie che stanno attraversando in questo periodo le imprese, sovente per garantire il funzionamento

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SERVIZIO TRATTAMENTO DEL PERSONALE DFP-0027366-12/06/2008-1.2.3.3 Roma, 12 giugno 2008 Nota Circolare UPPA n. 41/08 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 come successivamente modificato e integrato Rimborso del Finanziamento Soci a favore

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 4 agosto 2008 VIS 74/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Bergamo Energia S.p.A.

Dettagli

Decisione N. 617 del 28 gennaio 2015

Decisione N. 617 del 28 gennaio 2015 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 News per i Clienti dello studio del 23 Luglio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione Avvocato Gianluca Lo Bianco Direttore Analisi Giuridiche e Contenzioso ENAC Il Reg. (CE) n. 261/2004 Il reg. (CE) n. 261/2004 dell 11 febbraio

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli