SCALANCE XM-400/XR-500 Web. Based Management SIMATIC NET. Switch Industrial Ethernet SCALANCE XM-400/XR-500 Web Based Management.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCALANCE XM-400/XR-500 Web. Based Management SIMATIC NET. Switch Industrial Ethernet SCALANCE XM-400/XR-500 Web Based Management."

Transcript

1 SCALANCE XM-400/XR-500 Web Based Management SIMATIC NET Switch Industrial Ethernet SCALANCE XM-400/XR-500 Web Based Management Manuale di progettazione Introduzione 1 Descrizione 2 Assegnazione di un indirizzo IP 3 Nozioni tecniche base 4 Configurazione con il Web Based Management 5 Troubleshooting/FAQ 6 03/2015 C79000-G8972-C248-09

2 Avvertenze di legge Concetto di segnaletica di avvertimento Questo manuale contiene delle norme di sicurezza che devono essere rispettate per salvaguardare l'incolumità personale e per evitare danni materiali. Le indicazioni da rispettare per garantire la sicurezza personale sono evidenziate da un simbolo a forma di triangolo mentre quelle per evitare danni materiali non sono precedute dal triangolo. Gli avvisi di pericolo sono rappresentati come segue e segnalano in ordine descrescente i diversi livelli di rischio. PERICOLO questo simbolo indica che la mancata osservanza delle opportune misure di sicurezza provoca la morte o gravi lesioni fisiche. AVVERTENZA il simbolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare la morte o gravi lesioni fisiche. CAUTELA indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare lesioni fisiche non gravi. ATTENZIONE indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare danni materiali. Nel caso in cui ci siano più livelli di rischio l'avviso di pericolo segnala sempre quello più elevato. Se in un avviso di pericolo si richiama l'attenzione con il triangolo sul rischio di lesioni alle persone, può anche essere contemporaneamente segnalato il rischio di possibili danni materiali. Personale qualificato Il prodotto/sistema oggetto di questa documentazione può essere adoperato solo da personale qualificato per il rispettivo compito assegnato nel rispetto della documentazione relativa al compito, specialmente delle avvertenze di sicurezza e delle precauzioni in essa contenute. Il personale qualificato, in virtù della sua formazione ed esperienza, è in grado di riconoscere i rischi legati all'impiego di questi prodotti/sistemi e di evitare possibili pericoli. Uso conforme alle prescrizioni di prodotti Siemens Si prega di tener presente quanto segue: AVVERTENZA I prodotti Siemens devono essere utilizzati solo per i casi d impiego previsti nel catalogo e nella rispettiva documentazione tecnica. Qualora vengano impiegati prodotti o componenti di terzi, questi devono essere consigliati oppure approvati da Siemens. Il funzionamento corretto e sicuro dei prodotti presuppone un trasporto, un magazzinaggio, un installazione, un montaggio, una messa in servizio, un utilizzo e una manutenzione appropriati e a regola d arte. Devono essere rispettate le condizioni ambientali consentite. Devono essere osservate le avvertenze contenute nella rispettiva documentazione. Marchio di prodotto Tutti i nomi di prodotto contrassegnati con sono marchi registrati della Siemens AG. Gli altri nomi di prodotto citati in questo manuale possono essere dei marchi il cui utilizzo da parte di terzi per i propri scopi può violare i diritti dei proprietari. Esclusione di responsabilità Abbiamo controllato che il contenuto di questa documentazione corrisponda all'hardware e al software descritti. Non potendo comunque escludere eventuali differenze, non possiamo garantire una concordanza perfetta. Il contenuto di questa documentazione viene tuttavia verificato periodicamente e le eventuali correzioni o modifiche vengono inserite nelle successive edizioni. Siemens AG Division Process Industries and Drives Postfach NÜRNBERG GERMANIA C79000-G8972-C P 03/2015 Con riserva di modifiche Copyright Siemens AG Tutti i diritti riservati

3 Indice del contenuto 1 Introduzione Informazioni relative al manuale di progettazione (WBM) Descrizione Proprietà del prodotto Presupposti per l'installazione e il funzionamento C-PLUG / KEY-PLUG Power over Ethernet (PoE) Assegnazione di un indirizzo IP Struttura di un indirizzo IP Prima assegnazione di un indirizzo IP Assegnazione di indirizzo tramite DHCP Nozioni tecniche base Struttura d'insieme VLAN VLAN tagging SNMP Funzione routing Routing statico VRRP OSPFv RIPv Metodo di ridondanza Spanning Tree RSTP, MSTP, CIST HRP MRP MRP - Media Redundancy Protocol Progettazione nel WBM Progettazione in STEP Standby Link Aggregation Configurazione con il Web Based Management Web Based Management Login Il menu "Information" Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

4 Indice del contenuto Start Page Versions I&M ARP Table Log Table Faults Redundancy Spanning Tree VRRP Statistics Ring Redundancy Standby Redundancy Ethernet Statistics Interface Statistics Packet Size Packet Type Packet Error History Unicast Multicast LLDP Routing Routing Table OSPFv2 Interfaces OSPFv2 Neighbors OSPFv2 Virtual Neighbors OSPFv2 LSDB RIPv2 Statistics Il menu "System" Configuration General Device Coordinates Agent IP DNS Restart Load & Save HTTP TFTP Passwords Events Configuration Severity Filters SMTP Client DHCP Client SNMP General Traps Groups Users System Time Manual Setting DST Overview Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

5 Indice del contenuto DST Configuration SNTP Client NTP Client SIMATIC Time Client Client PTP Auto Logout SELECT/SET Button Configuration Syslog Client Porte Overview Configuration Fault Monitoring Power Supply Link Change Redundancy PNIO Configurazione PLUG Licenza PLUG Ping PoE General Port Port Diagnostics Tester cavo SFP Diagnostics Il menu "Layer 2" Configuration Qos CoS Queue Mapping DSCP Mapping QoS Trust Rate Control VLAN General GVRP Port-based VLAN Protocol Based VLAN Group Protocol Based VLAN Port lpv4 Subnet Based VLAN Mirroring General Port VLAN MAC Flow IP Flow Dynamic MAC Aging Ring Redundancy Ring Redundancy Standby Spanning Tree General CIST General Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

6 Indice del contenuto Porta CIST MST General MST Port Enhanced Passive Listening Compatibility Loop Detection Link Aggregation DCP Forwarding LLDP Unicast Filtering Locked Ports Learning Unicast Blocking Multicast Groups IGMP GMRP Multicast Blocking Broadcast PTP General TC General Porta TC RMON Statistics History Il menu "Layer 3" Configuration Subnets Overview Configuration Routes Route Maps General Inferface&Value Match Destination Match Next Hop Match Set Configuration DHCP Relay Agent General Option VRRP Router Configuration Adresses Overview Addresses Configuration OSPFv Configuration Areas Area Range Interfaces Interface Authentication Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

7 Indice del contenuto Virtual Links Virtual Link Authentication RIPv RIPv2 Configuration RIPv2 Interfaces Il menu "Security" Passwords AAA General Radius Client x Authenticator MAC ACL Rules Configuration Ingress Rules Egress Rules IP ACL Rules Configuration Protocol Configuration Ingress Rules Egress Rules Management ACL Troubleshooting/FAQ Impossibile l'aggiornamento del firmware tramite WBM o CLI Indice analitico Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

8 Indice del contenuto 8 Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

9 Introduzione Informazioni relative al manuale di progettazione (WBM) Campo di validità del manuale di progettazione Questo manuale di progettazione tratta i seguenti prodotti: SCALANCE XR-500 SCALANCE XR524-8C SCALANCE XR526-8C SCALANCE XR528-6M SCALANCE XR552-12M I dispositivi esistono con o senza funzioni routing. Nei dispositivi senza funzioni routing le funzioni possono essere attivate tramite un KEY-PLUG. SCALANCE XM-400 SCALANCE XM408-4C SCALANCE XM408-8C SCALANCE XM416-4C I dispositivi esistono con o senza funzioni routing. Nei dispositivi senza funzioni routing le funzioni possono essere attivate tramite un KEY-PLUG. Il manuale di progettazione è valido per le seguenti versioni software: SCALANCE XR-500 a partire dalla versione firmware 5.0 SCALANCE XM-400 a partire dalla versione firmware 5.0 Scopo del presente manuale di progettazione Questo manuale di progettazione ha lo scopo di descrivere la messa in servizio e il comando degli switch IE. Esso fornisce le nozioni necessarie per la configurazione degli switch IE. Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

10 Introduzione 1.1 Informazioni relative al manuale di progettazione (WBM) Guida alla consultazione dei manuali Oltre al presente manuale di progettazione, per i prodotti esistono le seguenti documentazioni: Manuale di progettazione: SCALANCE XM-400/XR-500 Command Line Interface Questo documento contiene i comandi CLI supportati dagli switch IE SCALANCE XM- 400 e SCALANCE XR-500. Istruzioni operative: SCALANCE XR-500 Modulo mediale MM900 per SCALANCE XR-500M Inserto ventola FAN597-1 per SCALANCE XR-500M Alimentatore PS598-1 per SCALANCE XR-500M SCALANCE XM-400 Extender per SCALANCE XM-400 Transceiver ad innesto SFP/SFP+/SCP/STP Alimentazione PoE SCALANCE PS9230 PoE/SCALANCE PS924 PoE Questi documenti contengono informazioni relative al montaggio, al collegamento e alle omologazioni dei prodotti. Sull'argomento Industrial Ethernet per SIMATIC NET esistono anche le seguenti documentazioni: Manuale di sistema "Industrial Ethernet / PROFINET" Manuale di sistema "Industrial Ethernet / PROFINET - Componenti di reti passivi" Tutti questi documenti si trovano nel DVD SCALANCE X. Glossario SIMATIC NET Descrizione dei numerosi termini specifici, presenti nella documentazione che si trovano nel glossario SIMATIC NET. Il glossario SIMATIC NET si trova: SIMATIC NET Manual Collection o DVD del prodotto Il DVD è allegato ad alcuni prodotti SIMATIC NET. In Internet alla seguente ID articolo: (http://support.automation.siemens.com/ww/view/it/ ) 10 Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

11 Introduzione 1.1 Informazioni relative al manuale di progettazione (WBM) Indicazioni di sicurezza Siemens commercializza prodotti di automazione e di azionamento per la sicurezza industriale che contribuiscono al funzionamento sicuro di impianti, soluzioni, macchinari, apparecchiature e/o reti. Questi prodotti sono componenti essenziali di una concezione globale di sicurezza industriale. In quest ottica i prodotti Siemens sono sottoposti ad un processo continuo di sviluppo. Consigliamo pertanto di controllare regolarmente la disponibilità di aggiornamenti relativi ai prodotti. Per il funzionamento sicuro di prodotti e soluzioni Siemens è necessario adottare idonee misure preventive (ad es. un concetto di protezione di cella) e integrare ogni componente in un concetto di sicurezza industriale globale all avanguardia. In questo senso si devono considerare anche gli eventuali prodotti impiegati di altri costruttori. Per ulteriori informazioni sulla sicurezza industriale, vedere Per restare informati sugli aggiornamenti cui vengono sottoposti i nostri prodotti, suggeriamo di iscriversi ad una newsletter specifica del prodotto. Per ulteriori informazioni, vedere Condizioni di licenza Nota Open Source Software Prima di utilizzare il prodotto leggere attentamente le condizioni di licenza per l'open Source Software. Le condizioni di licenza si trovano nei seguenti documenti, contenuti nel supporto dati fornito. DOC_OSS-SCALANCE-X_74.pdf DC_LicenseSummaryScalanceXM400_76.pdf DC_LicenseSummaryScalanceXR500_76.pdf Questi documenti si trovano nel DVD del prodotto nella seguente cartella: /Open Source Information Marchi Le seguenti denominazioni o eventuali altre denominazione non contrassegnate con il marchio relativo alla proprietà esclusiva sono marchi registrati di Siemens AG: SIMATIC NET, SCALANCE, C-PLUG, OLM Firmware Il firmware è contrassegnato e codificato. In questo modo viene assicurato che sul dispositivo possa essere caricato solo un firmware creato da Siemens. Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

12 Introduzione 1.1 Informazioni relative al manuale di progettazione (WBM) 12 Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

13 Descrizione Proprietà del prodotto Proprietà degli switch IE Le interfacce Ethernet supportano i seguenti modi di funzionamento e modalità: 10 Mbit/s e 100 Mbit/s rispettivamente fullduplex e halfduplex 1000 Mbit/s fullduplex Auto Crossing Auto Polarity Metodi di ridondanza Multiple Spanning Tree Protocol (MSTP), Rapid Spanning Tree Protocol (RSTP) und Spanning Tree Protocol (STP) In questo modo una sottorete può essere collegata in modo ridondane ad una rete industriale sovraordinata. Il tempo di riconfigurazione della rete è nel campo di secondi e quindi è superiore rispetto a quello nel metodo di ridondanza dell'anello. Reti virtuali (VLAN) Per strutturare le reti Industrial Ethernet con un numero molto variabile di nodi, una rete fisica esistente può essere suddivisa in diverse reti parziali virtuali. Sono disponibili VLAN basate su porta, su protocollo e su sottorete. Limitazione del carico in caso di impiego di protocolli Multicast, ad es. trasmissione video Grazie all'apprendimento di sorgenti e destinazioni Multicast (IGMP Snooping, IGMP Querier), gli switch IE possono anche filtrare lo scambio di dati Multicast e limitare quindi il carico nella rete. Gli scambi di dati Multicast e Broadcast possono essere limitati. Sincronizzazione dell'ora I messaggi di diagnostica (voci Log Table, ) sono previsti con data e ora. Grazie alla sincronizzazione con un trasmettitore dell'ora SICLOCK o un server SNTP/NTP/PTP, l'ora locale è uguale in tutta la rete e semplifica quindi l'assegnazione di messaggi di diagnostica di diversi dispositivi. Link Aggregation (IEEE 802.1AX) per il raggruppamento di flussi di dati Quality of Service per la classificazione del traffico di rete secondo (Class of Service - IEEE Q) e DSCP (Differentiated Services Code Point - RFC 2474). Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

14 Descrizione 2.1 Proprietà del prodotto Funzioni layer -3 Le seguenti funzioni sono disponibili solo su dispositivi con funzioni routing: Routing statico OSPF VRRP RIP Esistono dispositivi che supportano nativamente tutte le funzioni di rounting. I numeri di ordinazione corrispondenti si trovano nelle istruzioni operative dei dispositivi. Nei dispositivi che supportano solo il layer 2, le funzioni routing possono essere attivate tramite un KEY-PLUG. Indirizzi IPv6 A partire dalla versione firmware 5.0, con la Command Line Interface è possibile configurare alcune funzionalità IPv6. Nel Web Based Management sono visibili gli indirizzi IPv6 configurati, ma non è possibile eseguire una progettazione. Nel WBM gli indirizzi IPv6 sono riconoscibili dalla denominazione "Subnet Mask/Prefix". 14 Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

15 Descrizione 2.2 Presupposti per l'installazione e il funzionamento 2.2 Presupposti per l'installazione e il funzionamento Requisiti richiesti per l'installazione e il funzionamento di switch IE Per la configurazione degli switch IE deve essere presente un PG/PC con attacco di rete. Se non è disponibile nessun server DHCP, per la prima assegnazione di un indirizzo IP negli switch IE è necessario un PG/PC nel quale è installato il Primary Setup Tool (PST). Per l'ulteriore configurazione è necessario un PG/PC con Telnet o un Internet Browser. Interfaccia seriale Gli switch IE dispongono di un'interfaccia seriale. Un indirizzo IP non è necessario per accedere al dispositivo tramite l'interfaccia seriale. Nella fornitura è compreso un cavo seriale. Impostare i seguenti parametri per il collegamento: Bit per ogni secondo: Bit di dati: 8 Parità: nessuna Bit di stop: 1 Flow Control: nessuna Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

16 Descrizione 2.3 C-PLUG / KEY-PLUG 2.3 C-PLUG / KEY-PLUG Informazione di configurazione nel C-PLUG / KEY-PLUG In caso di una sostituzione del dispositivo il C-PLUG / KEY-PLUG serve per trasmettere la configurazione del dispositivo precedente nel nuovo dispositivo. ATTENZIONE Non estrarre o innestare il C-PLUG / KEY-PLUG durante il funzionamento! Un C-PLUG / KEY-PLUG può essere rimosso o inserito solo con il dispositivo disinserito. Il dispositivo controlla regolarmente se è innestato un C-PLUG. Se viene stabilito che il KEY-PLUG è stato rimosso, avviene un riavvio. Se nel dispositivo era innestato un KEY- PLUG valido, dopo il riavvio il dispositivo viene portato in uno stato di errore definito. Durante l'avvio del nuovo dispositivo con il C-PLUG / KEY-PLUG, esso si avvia automaticamente esattamente con la configurazione del dispositivo precedente. Un caso eccezionale può essere la configurazione IP, se essa viene impostata tramite DHCP e la configurazione del server DHCP è stata modificata in modo corrispondente. Una configurazione successiva è necessaria se si utilizzano funzioni basate su indirizzi MAC. Nota In base al C-PLUG / KEY-PLUG i dispositivi SCALANCE funzionano in due modalità: Senza C-PLUG / KEY-PLUG Il dispositivo salva la configurazione in una memoria interna. Questa modalità è attiva se non è inserito nessun C-PLUG / KEY-PLUG. Con C-PLUG / KEY-PLUG La configurazione salvata sul C-PLUG / KEY-PLUG viene visualizzata tramite le interfacce utente. In caso di modifiche della configurazione il dispositivo salva direttamente la configurazione nel C-PLUG / KEY-PLU e nella memoria interna. Questa modalità è attiva non appena è inserito un C-PLUG / KEY-PLUG. Non appena il dispositivo viene avviato con il C-PLUG / KEY-PLUG inserito, il dispositivo si avvia con i dati di configurazione presenti nel C-PLUG / KEY-PLUG. 16 Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

17 Descrizione 2.3 C-PLUG / KEY-PLUG Nota Incompatibilità con le versioni precedenti con C-PLUG / KEY-PLUG innestato In caso di installazione di una versione precedente del firmware può verificarsi la perdita dei dati di configurazione. In questo caso il dispositivo si avvia con le impostazioni di fabbrica, dopo l'installazione del firmware Se in questo caso nel dispositivo è innestato un C-PLUG / KEY-PLUG, dopo il riavvio quest'ultimo è nello stato "Not Accepted" in quanto sul C-PLUG / KEY-PLUG si trovano ancora i dati di configurazione del precedente firmware attuale. In questo modo è possibile tornare al precedente software attuale senza perdere i dati di configurazione. Se la configurazione iniziale sul C-PLUG / KEY-PLUG non è più necessaria, il C-PLUG / KEY-PLUG può essere cancellato manualmente o scritto di nuovo. Informazione sulla licenza nel KEY-PLUG Oltre alla configurazione, il KEY-PLUG contiene anche una licenza che abilita l'utilizzo delle funzioni Layer 3. Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

18 Descrizione 2.4 Power over Ethernet (PoE) 2.4 Power over Ethernet (PoE) Informazioni generali "Power over Ethernet" (PoE) è un metodo di alimentazione elettrica per i componenti di rete in base a IEEE 802.3af o IEEE 802.3at. L'alimentazione elettrica avviene tramite il cavo Ethernet utilizzato che collega tra loro i singoli componenti di rete. In questo modo non è necessario un cavo elettrico supplementare. PoE può essere utilizzato in tutti i componenti di rete con funzione PoE che necessitano di una potenza di max. 25,50 Watt. Cavi utilizzati per l'alimentazione elettrica Alternativa A (conduttori ridondanti) In Fast-Ethernet le coppie di conduttori 1, 2 e 3, 6 svolgono la trasmissione dei dati. In questo caso le coppie di conduttori 4, 5 e 7, 8 vengono utilizzate per l'alimentazione. Se sono presenti solo quattro conduttori, la tensione viene modulata sui conduttori 1, 2 e 3, 6 (vedere variante 2). Questa alternativa è adatta per una velocità di trasmissione dei dati di 10/100 Mbit/s. Questo tipo di alimentazione non è adatta per 1 Gbit/s in quanto con Gigabit tutti e otto i conduttori sono occupati per la trasmissione dei dati. Alternativa B (alimentazione fantomatica) In caso di alimentazione fantomatica, l'alimentazione avviene tramite le coppie di conduttori con le quali viene eseguita anche la trasmissione dei dati, cioè tutti gli otto conduttori (1 Gbit/s) o i quattro conduttori (10/100 Mbit/s) vengono utilizzati sia per la trasmissione dei dati sia per l'alimentazione. Un terminale di dati con funzione PoE deve supportare sia l'alternativa A, sia l'alternativa B tramite conduttori ridondanti. Uno switch con funzione PoE può fornire l'alimentazione al terminale di dati tramite alternativa A o alternativa B o alternativa A e alternativa B. Nota L'Extender SCALANCE PE408PoE supporta l'alternativa B. Endspan Con Endspan l'alimentazione elettrica viene eseguita tramite uno switch raggiunto dal dispositivo tramite cavo Ethernet. Lo switch deve supportare la funzione PoE, ad es. SCALANCE X108PoE, SCALANCE X308-2M PoE, tutti gli SCALANCE XM-400 con PE408PoE, SCALANCE XR552-12M. 18 Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

19 Descrizione 2.4 Power over Ethernet (PoE) Midspan Midspan viene impiegato se lo switch non supporta la funzione PoE. La corrente viene fornita tramite un dispositivo supplementare tra lo switch e il terminale di dati. In questo caso può essere ottenuta solo una velocità di trasmissione dati di 10/100Mbit/s, in quanto l'alimentazione elettrica avviene tramite conduttori ridondanti. Come interfaccia per l'alimentazione elettrica può essere utilizzato anche un Power Insert di Siemens. Poiché il Power Insert supporta un'alimentazione di DC 24V, non è conforme a IEEE 802.3af o IEEE 802.3at. In caso di impiego di Power Insert vanno osservate le seguenti limitazioni: AVVERTENZA Utilizzare il Insert solo alle seguenti condizioni: su tensioni a basso voltaggio SELV, PELV secondo IEC in USA/CAN si alimentazioni elettrice secondo NEC class 2 in USA/CAN il cablaggio deve soddisfare i requisiti richiesti di NEC/CEC Carico di corrente massimo 0,5 A Lunghezze dei cavi Tabella 2-1 Lunghezze di cavi ammesse (cavo di rame - Fast Ethernet) Tipo di cavo Aggiunta (plug, outlet, TP Cord) Lunghezza di cavi ammessa IE TP Torsion Cable con IE FC Outlet RJ m TP Cord m + 10 m TP Cord con IE FC RJ45 Plug m IE FC TP Marine Cable IE FC TP Trailing Cable IE FC TP Flexible Cable IE FC TP Standard Cable con IE FC Outlet RJ m TP Cord con IE FC RJ45 Plug 180 con IE FC Outlet RJ m TP Cord con IE FC RJ45 Plug m + 10 m TP Cord m m + 10 m TP Cord m Tabella 2-2 Lunghezze di cavi ammesse (cavo di rame - Gigabit Ethernet) Tipo di cavo Aggiunta (plug, outlet, TP Cord) Lunghezza di cavi ammessa IE FC Standard Cable, 4 2, AWG24 IE FC Flexible Cable, 4 2, AWG24 con IE FC RJ45 Plug 180, m IE FC Standard Cable, 4 2, AWG22 IE FC Flexible Cable, 4 2, AWG22 con IE FC Outlet RJ m TP Cord con IE FC Outlet RJ m TP Cord m + 10 m TP Cord m + 10 m TP Cord Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

20 Descrizione 2.4 Power over Ethernet (PoE) Tabella 2-3 Confezionamento PIN IE FC Outlet RJ45 IE FC RJ45 Modular Outlet Utilizzo 1000BaseT 1 Giallo Verde/bianco D1+ Tx+ 2 Arancione Verde D1- Rx+ 3 Bianco Arancione/bianco D2+ Tx- 6 Blu Arancione D2- Rx- 4 - Blu D Blu/bianco D Marrone/bianco D Marrone D BaseT, 100BaseTX 20 Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

21 Assegnazione di un indirizzo IP Struttura di un indirizzo IP Classi di indirizzo Area di Indirizzo IP Numero massimo di reti Numero massimo di host/reti Classe 1.x.x.x x.x.x A / x.x x.x B / x x C / Applicazioni Multicast D riservato per applicazioni future E CIDR Un indirizzo IP è composto da 4 byte. Ogni byte viene rappresentato come decimale ed è separato dal byte precedente con un punto. Risulta quindi la seguente struttura nella quale per XXX va impostata una cifra tra 0 e 255: XXX.XXX.XXX.XXX L indirizzo IP è composto da due parti, l indirizzo della rete e l indirizzo del nodo terminale. In questo modo è possibile formare diverse reti parziali. Indipendentemente da quale byte dell indirizzo IP viene utilizzato come indirizzo di rete e quale come indirizzo di nodo terminale, un indirizzo IP può essere assegnato ad una determinata classe di indirizzo. Maschera di sottorete I bit dell indirizzo del nodo terminale possono essere utilizzati per la formazione di sotto-reti. In questo caso i bit iniziali costituiscono l indirizzo della sotto-rete, i restati bit vengono interpretati nella sotto-rete come indirizzo del computer. Una sotto-rete viene definita dalla maschera della sotto-rete. La struttura della maschera della sotto-rete corrisponde a quella di un indirizzo IP. Se nella maschera della sotto-rete è impostato un "1" su una posizione bit, sulla relativa posizione nell indirizzo IP il bit fa parte nell indirizzo della sotto-rete; in caso contrario all indirizzo del computer. Esempio per una rete della classe B: L indirizzo di sotto-rete standard per reti della classe B è , per la determinazione di una sotto-rete sono quindi disponibili i due ultimi byte. Se devono essere definite 16 reti parziali, è necessario impostare il terzo byte dell indirizzo della sotto-rete su (rappresentazione binaria). In questo caso risulta la maschera della sotto-rete Per stabilire se due indirizzi IP appartengono alla stessa sotto-rete, su entrambi gli indirizzi IP e sulla maschera della sotto-rete viene impiegato un collegamento AND a bit. Se entrambi i collegamenti hanno lo stesso risultato, i due indirizzi IP appartengono alla stessa sotto-rete, come p. es e Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

22 Assegnazione di un indirizzo IP 3.1 Struttura di un indirizzo IP Fuori dalla rete locale la ripartizione qui descritta degli indirizzi del nodo terminale non ha alcun significato; in questo caso è rilevante solo l indirizzo IP globale per la trasmissione di pacchetti. Nota Nella rappresentazione dei bit della maschera della sotto-rete gli "1" devono essere allineati a sinistra, ovvero non devono esserci "zero" tra gli "uno". 22 Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C248-09

23 Assegnazione di un indirizzo IP 3.2 Prima assegnazione di un indirizzo IP 3.2 Prima assegnazione di un indirizzo IP Possibilià di configurazione La prima assegnazione di un indirizzo IP per uno switch IE non può essere eseguita con il Web Based Management (WBM), in quanto questo strumento di configurazione presuppongono già un indirizzo IP. Per assegnare un indirizzo IP ad un dispositivo non configurato esistono le seguenti possibilità: DHCP (default) Primary Setup Tool (PST) Per poter assegnare un indirizzo IP allo switch IE con il PST, lo switch IE deve essere raggiungibile tramite Ethernet. Il PST si trova nel Siemens Industry Automation and Drives Service & Support in Internet all'id articolo (http://support.automation.siemens.com/ww/view/it/ ). Per ulteriori informazioni sull'assegnazione dell'indirizzo IP con il PST osservare la documentazione "Primary Setup Tool (PST)". STEP 7 In STEP 7 è possibile progettarte la topologia, il nome di dispositivo e l'indirizzo IP. Se si collega uno switch IP non configurato al Controller, il Controller assegna automaticamente allo switch IE il nome di dispositivo progettato e l'indirizzo IP. STEP 7 Classic Per ulteriori informazioni relative all'assegnazione di indirizzo IP tramite STEP 7 progettare la documentazione "Configurazione dell'hardware e progettazione di collegamenti con STEP 7", sezione "Fasi della configurazione di un sistema PROFINET IO". STEP 7 Basic a partire da V12 SP1 o STEP 7 Professional a partire da V12 SP1 Per ulteriori informazioni relative all'assegnazione dell'indirizzo IP tramite STEP 7 (a partire da V12 SP1) osservare la guida in linea "Sistema di informazione", sezione "Indirizzamento di dispositivi PROFINET". CLI tramite l'interfaccia seriale Per ulteriori informazioni relative all'indicazione dell'indirizzo IP tramite la CLI osservare la documentazione "SCALANCE XM-400/XR-500 Command Line Interface". Manuale di progettazione, 03/2015, C79000-G8972-C

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Stratix 8000 Lo switch Ethernet di nuova generazione Il meglio di due grandi marchi

Stratix 8000 Lo switch Ethernet di nuova generazione Il meglio di due grandi marchi Stratix 8000 Lo switch Ethernet di nuova generazione Il meglio di due grandi marchi Sommario SOMMARIO 3 STRATIX 8000 LO SWITCH ETHERNET DI NUOVA GENERAZIONE IL MEGLIO DI DUE GRANDI MARCHI 5 INFORMAZIONI

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Confronto tra switch gestiti stackable per PMI Cisco D-Link Hewlett-Packard Netgear

Confronto tra switch gestiti stackable per PMI Cisco D-Link Hewlett-Packard Netgear Report dettagliato dei test di laboratorio DR120911 Confronto tra switch gestiti stackable per PMI Cisco D-Link Hewlett-Packard Netgear 12 ottobre 2012 Miercom www.miercom.com Sommario 1.0 Executive Summary...

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014 SIMATIC WinCC Runtime Professional V13 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 03/2014 - Architetture Novità

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Indice dei contenuti: 1) Introduzione alle reti Topologia di Internet e topologie di rete I mezzi fisici Il software di rete: architetture a livelli Reti

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Indice Indice Pagina 1 Generale... 3 1.1 Uso del manuale del prodotto...3 1.1.1 Struttura del manuale del prodotto...3 1.1.2 Note...4 1.2 Panoramica

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Modulo opzionale PowerFlex 20-750-ENETR EtherNet/IP a due porte

Modulo opzionale PowerFlex 20-750-ENETR EtherNet/IP a due porte Manuale di istruzioni Modulo opzionale PowerFlex 20-750-ENETR EtherNet/IP a due porte Numero revisione firmware 1.xxx Informazioni importanti per l utente L apparecchiatura a stato solido presenta caratteristiche

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

EPICENTRO. Software Manual

EPICENTRO. Software Manual EPICENTRO Software Manual Copyright 2013 ADB Broadband S.p.A. Tutti i diritti riservati. Questo documento contiene informazioni confidenziali e di proprietà di ADB. Nessuna parte di questo documento può

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS /2 Introduzione /5 Soft Starter ES /8 Biblioteca di blocchi softstarter SIRIUS RW44 per SIMATIC PCS 7 /10 Motor Starter ES /1 Biblioteca di

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Sommario Per iniziare............................................ 3 Il WiFi Booster......................................... 4 Pannello

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA)

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Siemens Automation Cooperates with Education Modulo TIA Portal 020-011 Avvio alla programmazione

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI ART. SDVR040A SDVR080A SDVR160A Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 0 Indice Capitolo 1 - Descrizione

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013 SIMATIC WinCC Runtime Professional V12 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 04/2013 - Architetture Novità

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Guida Utente TD-W8960N. Modem Router ADSL2+ Wireless N 300Mbps 1910010952 REV1.0.0

Guida Utente TD-W8960N. Modem Router ADSL2+ Wireless N 300Mbps 1910010952 REV1.0.0 Guida Utente TD-W8960N Modem Router ADSL2+ Wireless N 300Mbps 1910010952 REV1.0.0 TP-LINK TECHNOLOGIES CO., LTD COPYRIGHT & TRADEMARKS Le specifiche sono soggette a modifiche senza obbligo di preavviso.

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli