SARANNO SEMPRE I MIEI BAMBINI IL PERCORSO VERSO LA PROFESSIONE IL CALORE DI UNA CASA PER OGNI BAMBINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SARANNO SEMPRE I MIEI BAMBINI IL PERCORSO VERSO LA PROFESSIONE IL CALORE DI UNA CASA PER OGNI BAMBINO"

Transcript

1 ZOOM SOS1/2015 IL CALORE DI UNA CASA PER OGNI BAMBINO IL PERCORSO VERSO LA PROFESSIONE APPRENDISTI IN SVIZZERA E IN INDIA A CONFRONTO PAGINA 10 SARANNO SEMPRE I MIEI BAMBINI UNA MADRE DI UN VILLAGGIO DEI BAMBINI SOS RICORDA LA SUA PRIMA FAMIGLIA PAGINA 6

2 EDITORIALE TEMA: IL MESTIERE DEI SOGNI CARE AMICHE E AMICI DEI VILLAGGI DEI BAMBINI SOS Questa edizione di Zoom è dedicata a un tema centrale per SOS Villaggi dei Bambini: il mestiere dei sogni. L avvio alla vita lavorativa dei nostri giovani segna l inizio dell ultima e decisiva tappa del nostro lavoro di sostegno sul posto. SOS Villaggi dei Bambini misura il proprio successo in base all autonomia acquisita da ciascun giovane inizialmente inserito in uno dei nostri programmi per aver subito un duro colpo del destino. Pertanto riteniamo fondamentale che i giovani abbiano la possibilità di imparare un mestiere confacente alle loro capacità che permetta loro in seguito di condurre una vita autonoma. Come sapete, SOS Villaggi dei Bambini opera in molti Paesi in cui la disoccupazione è elevata e l offerta di posti di lavoro assai limitata. Perciò sosteniamo le iniziative e cooperative in cui integriamo i giovani da noi seguiti. Il confine tra successo e insuccesso spesso è sottile in questa fase della vita. Grazie al fatto che i nostri addetti conoscono molto bene i nostri giovani e hanno ottimi contatti con i comuni del posto, troviamo per fortuna quasi sempre una soluzione. Vi invito a leggere le pagine seguenti per capire come prepariamo alla vita attraverso il nostro lavoro. Christian Hosmann Direttore 2

3 GUERRA CIVILE IN SIRIA NON VOLGETE LO SGUARDO ALTROVE Dallo scoppio della guerra civile più di tre anni e mezzo fa Rasha Muhrez lavora come coordinatrice di SOS Villaggi dei Bambini in Siria. Già da tempo Rasha non va più a casa e vive solo nell ufficio di Damasco, il tragitto è diventato troppo pericoloso. Rasha vuole scuotere le persone: «Non volgete lo sguardo altrove!» Da noi continua ad esserci la guerra! Quando improvvisamente è scoppiata la guerra, che cosa ha pensato? All inizio tutti pensavamo di poterci convivere. Poi però la situazione ha continuato a peggiorare, con sempre più attacchi e sempre più morti. Mi ricordo ancora bene un giorno in cui sono andata all aeroporto in auto. Guidavo a zigzag e lo facevo automaticamente. Poi mi sono resa conto del perché lo stavo facendo: era per schivare i cadaveri sparsi ovunque sulla strada. Che cosa ha provato in quel momento? Impotenza, tristezza, rabbia. È una cosa ingiusta. Perché noi? Perché il nostro Paese? Anche Lei ha perso qualcuno? Sì. Un cugino, degli amici, dei vicini. È molto duro, non mi era mai capitata una cosa simile. Inoltre qualche volta penso: non può essere vero! Non si tratta della vita, si tratta della sopravvivenza, ogni singolo giorno. Di cosa ha maggiormente paura? Che il mondo ci dimentichi, che si volti sempre più dall altra parte, perché la guerra dura ormai da così tanto tempo ed è diventata una cosa normale. Ci sono nuovi focolai di crisi: l Ucraina, l epidemia di Ebola. Chi pensa più alla Siria? Com è la Sua vita quotidiana? Ogni mattina mi riunisco con il mio team e pianifichiamo la giornata, perché in guerra non si possono fare programmi in anticipo. Poi mi reco dalle famiglie che hanno perso tutto, la casa e la fiducia. Assistiamo molti bambini che non hanno più i genitori e che sono traumatizzati perché non capiscono che cosa sia successo esattamente. Si sentono sradicati e abbandonati, hanno fame, sete e niente da mettere addosso. Hanno dei ricordi di quando, da bambini-soldato, hanno dovuto sparare a delle persone. Che cosa Le risulta più difficile? Tante cose, ci sono tante storie terribili. A volte, durante un colloquio, devo alzarmi e uscire a piangere. Le persone non mi devono vedere piangere, perché hanno già problemi a sufficienza. Per loro noi siamo un ancora di salvezza e per questo dobbiamo essere forti. Ma anche noi siamo solo esseri umani. Vorrei che questa guerra finalmente finisse. (Barbara Nazarewska, per gentile concessione di Münchner Merkur) INVITO A DONARE Aiutate i bambini in Siria! Conto per le donazioni: CP Causale: «Siria» Rasha Muhrez, coordinatrice di SOS Villaggi di Bambini in Siria, distribuisce caldi cappotti invernali. 3 Wissam Bachour

4 CONCORSO DI DISEGNO IN ETIOPIA DA GRANDE VOGLIO... Pilota, medico, astronauta: i bambini del villaggio dei bambini SOS di Harar, in Etiopia, hanno disegnato il mestiere dei loro sogni. Il piccolo Caven desidera «volare alto» come pilota. Perciò per disegnare si è già seduto sul tavolo. Gli studenti dell International School di Ginevra hanno organizzato un concorso di disegno per i bambini di Harar. I migliori disegni sono stati premiati e pubblicati nell annuario dell International School. Inoltre, durante l ultimo anno del corso di diploma gli studenti hanno raccolto 8000 franchi per il villaggio dei bambini SOS di Harar. Su questa doppia pagina presentiamo alcuni tra i disegni più belli. (hf) Feyine vuole lavorare come infermiera o medico in ospedale. Come molte sue coetanee, Madeka sogna di diventare un attrice di successo. 4

5 Se Taye mette la stessa passione negli studi come nel suo disegno, riuscirà sicuramente a realizzare il sogno di diventare astronauta. 5

6 LA VITA DOPO IL VILLAGGIO IN NEPAL SARANNO SEMPRE I MIEI BAMBINI Cosa ne è degli orfani accolti nei villaggi dei bambini SOS quando raggiungono l età adulta e devono trovare la loro strada nella vita? Chi può saperlo meglio di una madre SOS che si ricorda dei suoi primi figli e racconta come se la cavano oggi nella vita? Il mio nome è Ganga. Ho 47 anni. Ho iniziato a lavorare come madre SOS 17 anni fa al villaggio dei bambini SOS di Kavre, in Nepal. La foto ritrae me a quell epoca con i miei primi undici figli nella casa «Kaligandaki» da noi battezzata col nome di un grande fiume del Nepal. Dio mio, com ero giovane! Vi racconto la storia dei miei sei figli più grandi e come vivono oggi. MANISHA, 24 ANNI Manisha è la maggiore delle mie figlie. Fu affidata alla mia famiglia perché sua madre era morta per una grave malattia. Il padre, alcolizzato, non si occupava più di Manisha. Gli altri parenti erano troppo poveri per poterla accogliere. Nella nostra famiglia ha assunto di propria iniziativa il ruolo di protettrice nei confronti dei suoi fratelli e sorelle. Ci è sempre stata di grande sostegno. Spesso i fratelli e le sorelle hanno un rapporto più forte con la sorella maggiore. Raccontano cose che la mamma non deve sentire. Manisha ha un buon feeling con i bambini, nel riconoscere i loro talenti, educarli e favorirne lo sviluppo. Di questa capacità ha fatto il suo mestiere: oggi studia per diventare educatrice a Kathmandu, la capitale del Paese. Viene a trovarci regolarmente e ci telefoniamo ogni volta che è possibile. Sono felice che cammini già con le proprie gambe. 6

7 UMESH, 21 ANNI Umesh è il maggiore dei miei figli maschi. Non gli era rimasto nessuno al mondo, dopo la morte dei suoi genitori biologici in una bidonville. Gli operatori sociali l hanno portato qui da me. Sia umanamente che scolasticamente Umesh ha fatto progressi ammirevoli come bambino e adolescente. Quest anno terminerà gli studi di economia. In seguito sarà assunto da una banca. In Nepal non è facile trovare un impiego. Tuttavia Umesh ce l ha fatta; è un ottimo studente. Sono molto fiera che all università sia considerato un giovane da prendere ad esempio. I suoi fratelli e sorelle hanno molto da imparare da lui. Il figlio minore della madre SOS Ganga mostra la foto della prima famiglia di quest ultima. SUDHAV, 20 ANNI La grande frana del 1999 ha travolto la casa della famiglia di Sudhav, uccidendo i genitori e i suoi tre fratelli e sorelle. I soccorritori lo hanno estratto vivo dalle macerie l unico superstite della sua famiglia. Quando è arrivato qui dall ospedale non era in grado né di parlare, né di mangiare o di bere da solo. Si limitava a fissarci. Dopo una settimana mi ha chiamata «Ama», cioè «mamma». È quasi un miracolo che Sudhav sia riuscito a terminare la scuola con ottimi voti se si considera il suo tragico passato. Attualmente frequenta la scuola di commercio a Kathmandu e fra due anni ha intenzione di entrare nell esercito. Vive a Kathmandu con i suoi amici coetanei presso l istituzione per la gioventù SOS. 7

8 LA VITA DOPO IL VILLAGGIO IN NEPAL KALPANA, 21 ANNI Kalpana è stata affidata a me e alla mia famiglia quando è morta sua madre. Suo padre si è risposato e ha ripudiato Kalpana. Oggi studia per diventare assistente sociale in un College rinomato di Kathmandu. Nell ambito del suo mestiere si occupa soprattutto di rafforzare la posizione delle donne e madri nelle regioni rurali del Nepal. Fra due anni avrà terminato la formazione e potrà camminare con le proprie gambe. Vive presso l istituzione per la gioventù SOS di Kathmandu dove, con l aiuto di operatori sociali giovanili, si prepara a iniziare una vita autonoma. MANJU, 22 ANNI Quando suo padre è morto, la madre di Manju ha abbandonato lei e la sorellina Anju senza nemmeno lasciare un messaggio. Ancora oggi non si sa cosa sia successo alla madre. Se è ancora in vita o meno. Questa incertezza ha reso difficile la vita delle due sorelle adolescenti. Attualmente Manju ha terminato la formazione commerciale e sta aspettando i risultati degli esami. Lavora come segretaria in un azienda. Se avrà superato gli esami le offriranno un impiego fisso e potrà condurre una vita autonoma. Il suo grande sogno è diventare insegnante. Durante le feste o in occasioni speciali come il mio compleanno viene a farci visita. ANJU, 19 ANNI Anju, la sorella minore di Manju, è molto matura per la sua età. Ha una forte personalità. Dopo aver concluso la scuola si è trasferita all istituzione per la gioventù SOS a Kathmandu. Qui ha frequentato corsi prelaurea. Vuole dapprima diventare insegnante e in seguito direttrice scolastica. Il suo obiettivo è diventare indipendente il più presto possibile, trovare un lavoro e provvedere a se stessa. In questo viene preparata e aiutata presso l istituzione per la gioventù SOS. Il VILLAGGIO DEI BAMBINI SOS DI KAVRE Il villaggio dei bambini SOS di Kavre, a est di Kathmandu, strappa dalla miseria e dal degrado i bambini e le famiglie in difficoltà. Il tasso di lavoro minorile in questa regione è il più elevato di tutto il Nepal. Soprattutto ragazzine indifese vengono sfruttate sessualmente in locali notturni o finiscono nelle reti internazionali del traffico di esseri umani. 8

9 INDIA LA FAMIGLIA Lavoro come madre SOS dal All inizio, quando arrivano nella mia famiglia, la maggior parte dei bambini soffrono di numerose carenze. Non parlano bene e hanno bisogno di tutta la mia attenzione. Le tragedie che hanno vissuto le curo con il mio amore. Poco per volta si trasformano in bambini felici. Durante l adolescenza pongono le loro domande: sulla vita, sul loro passato e sul futuro. Sono molto orgogliosa se hanno successo e mi rende triste se non ce la fanno. Grande ritrovo di famiglia: i figli adulti di Ganga e i suoi dieci figli attuali. Adesso i miei primi figli sono diventati adulti, ma saranno sempre i miei bambini. Quando vengono a farci visita, trasmettono le loro esperienza ai miei nuovi figli che ora hanno bisogno delle mie cure. Così cresce e vive la mia famiglia. Ringrazio ogni giorno tutti i donatori e le donatrici, perché grazie a loro faccio la differenza per migliorare in modo decisivo la vita dei bambini bisognosi in Nepal. (hf) Trovare lavoro in Nepal è difficile: nepalesi hanno lasciato il Paese per sfuggire alla povertà e alla disoccupazione. I padri di famiglia emigrano per mandare a casa denaro per l istruzione dei figli. Molti emigrati, tuttavia, vengono sfruttati da racket criminali specializzati in intermediazione di manodopera. 9

10 FORMAZIONE PROFESSIONALE A CONFRONTO L AVVIO AL MESTIERE DEI SOGNI IN SVIZZERA E IN INDIA Nina Venetz, di Muri (BE), ha 18 anni ed è apprendista giardiniera paesaggista al terzo anno. Questo tirocinio è una buona base per il mestiere dei suoi sogni: guardiana di animali. Ranjeet Shah ha 16 anni ed è cresciuto al villaggio dei bambini SOS di Faridabad. Presso l istituzione per la gioventù SOS si prepara alla formazione per diventare meccanico di macchine. Cosa ti ha portato a questo mestiere? NINA VENETZ, 18 ANNI: A 15 anni mi sentivo troppo giovane per scegliere un mestiere. Con l apprendistato di prova purtroppo non sono riuscita a farmi un idea della pratica quotidiana del mestiere di floricoltrice. Ben presto ho trovato troppo monotono fare talee o invasare piante. Perciò al secondo anno di apprendistato ho iniziato la formazione di giardiniera paesaggista in un altra impresa di tirocinio. Per me è stata la scelta giusta. RANJEET SHAH, 16 ANNI: Gli attrezzi e le macchine mi hanno sempre interessato. Da bambino ho riparato qualsiasi cosa per mia madre SOS. Potevo passare ore a smontare un apparecchio per capirne il funzionamento. Per questo il mio obiettivo è diventare meccanico di macchine. Ora sono all ultimo anno di scuola e mi sto preparando per l ammissione alla scuola tecnica. Se concludo con un certo numero di punti sarò ammesso alla formazione. Voglio assolutamente farcela. Chi ti ha aiutato a trovare un lavoro? Nina: Sono stata al Centro di informazione sulle professioni per chiedere informazioni su vari mestieri. I miei genitori mi hanno soprattutto motivata a scrivere candidature. La formazione e l impresa di tirocinio le ho trovate da me. Ranjeet: In India il sistema di formazione è molto diverso da quello svizzero. Prima di iniziare a lavorare si frequenta la formazione di base teorica (due anni) per il mestiere scelto presso una scuola statale. Attualmente mi sto preparando per questa scuola. Nell intraprendere i passi necessari mi aiuta Kalyan, l assistente della casa per la gioventù. Mi consiglia e mi fornisce i contatti necessari con le scuole e i posti per la pratica. Puoi descrivere una tua giornata tipo? Nina: Non c è un giorno uguale all altro: manutenzione e riassetto dei giardini e lavoro sul cantiere si alternano. Vivo al ritmo del tempo e delle stagioni. Questo mi piace. Anche compiti impegnativi come lastricare un piazzale o lavorare la pietra mi piacciono. In estate lavoro un ora in più e in inverno può succedere che non si lavora a causa della neve. Giardiniere paesaggista è piuttosto un lavoro da uomo, ma non m importa per niente. Sul cantiere come ragazza ho già un bonus quando mi dicono: «Lascia fare a me, è troppo pesante per te.» Ranjeet: Mi alzo alle cinque e mezza per fare colazione e studio un ora per la scuola, soprattutto prima degli esami. La scuola inizia alle sette e mezza e finisce alle tre del pomeriggio. Nelle ore più calde del pomeriggio abbiamo due ore di pausa, poi verso sera abbiamo due ore di sostegno individuale per le materie che sono importanti per la nostra formazione futura. Per me sono soprattutto la matematica, le scienze naturali, il modellismo e il disegno tecnico. La 10

11 Philipp Scheidiger sera abbiamo due ore di tempo per lo studio individuale e per la cena in comune alla casa per la gioventù. Studiare non mi crea problemi, lo faccio volentieri. Tutto ciò che imparo è utile per il mio futuro. A volte, però, sogno di avere una camera tutta per me. Chi ti sostiene? Nina: Durante il primo anno non ero per niente contenta e mia sorella mi ha incoraggiata a dire la mia opinione. Anche questo si impara. Il Centro di informazione sulle professioni mi ha aiutata a trovare un posto di tirocinio e mi ha fornito l indirizzo di una nuova impresa. Poi ho chiamato io. In ditta il caposquadra si esercita con me sui lavori in cui non mi sento ancora ferrata. Così sarò ben preparata per l esame finale. Ranjeet: Quando sono preoccupato non mi limito a parlarne con il nostro assistente Kalyan, con un insegnante o con mia madre SOS, ma discuto anche con il mio compagno di camera Prabhat. A volte è più facile parlare con un coetaneo che si pone le stesse domande. Non voglio rivolgermi per tutto agli adulti; voglio assumere la mia parte di responsabilità. Hai progetti per il futuro? Nina: In ogni caso voglio continuare a crescere professionalmente. Il mio sogno è diventare guardiana di animali e a tale scopo la mia formazione artigianale è una buona base. Quindi ho fatto un passo verso il mestiere dei miei sogni. In generale per me avere concluso un apprendistato è importante e fondamentale per un ulteriore perfezionamento. Ho degli amici che hanno interrotto il tirocinio e fanno molta fatica a trovare un nuovo posto d apprendistato. Ranjeet: I meccanici in India sono molto ricercati. Perciò dopo la formazione di base di due anni voglio assolutamente fare uno stage e acquisire esperienza, in modo da poter continuare a studiare in seguito. Il mio sogno è di fare l ingegnere presso IES, Indian Engineering Services. Sono i posti di lavoro più ambiti dei servizi pubblici. Per un impiego ci sono migliaia di candidature e ciò significa che i requisiti richiesti sono molto elevati. Cosa fai nel tempo libero? Nina: Mi trovo con gli amici e usciamo insieme. È così che ho scoperto che mi piace moltissimo ballare. Ranjeet: Mi piace stare con gli amici, discutere con loro o giocare a scacchi. (hf) Nella casa per la gioventù SOS i giovani indiani preparano attivamente il loro futuro insieme al loro assistente. In India durante la formazione professionale di base, della durata di due anni, si acquisiscono solo nozioni teoriche. Pochissimi giovani professionisti hanno esperienza pratica. Il progetto pilota «Swiss VET» della Camera di commercio svizzeroindiana e dell Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia si occupa di fare conoscere in India il modello del tirocinio professionale sull esempio svizzero. I futuri professionisti soprattutto del settore dell industria meccanica vengono preparati meglio al loro lavoro. 11

12 TROVARE MESTIERI IN SUDAFRICA MOLTO PIÙ DI UN ORIENTATORE PROFESSIONALE Alan Meier Preparazione non significa solo nozioni scolastiche. Con Moses i giovani imparano anche a cucinare, a stirare e a gestire i propri soldi. «Trattiamo questi temi nei corsi doposcuola. A tale scopo coinvolgo anche le madri SOS: i giovani hanno molto da imparare da loro per la vita futura.» Moses non si limita al ruolo di consulente, ma aiuta i giovani in tante piccole cose, come per esempio nel redigere curriculum vitae e cercare un posto per la formazione. L importante per Moses è che i giovani riconoscano il proprio potenziale e ne facciano uso. L animatore socioeducativo Moses Dingoko accompagna i giovani del villaggio dei bambini SOS di Ennerdale, in Sudafrica, nel passaggio alla vita autonoma. Il suo compito va ben oltre il prestare aiuto nella scelta di un mestiere. Come in ogni parte del mondo, anche al villaggio dei bambini SOS di Ennerdale i giovani hanno la testa piena di idee e di sogni. «I maschi vogliono fare i calciatori e molte ragazze sognano di diventare attrici», racconta Moses Dingoko sorridendo compiaciuto. Il compito di Moses non consiste nel distruggere questi sogni, ma piuttosto nel capire qual è la strada giusta per i giovani del villaggio dei bambini SOS. «Ora, l istruzione è fondamentale. I giovani del villaggio un giorno dovranno camminare con le loro gambe e per farlo devono avere la preparazione necessaria.» RICONOSCERE IL POTENZIALE Anche se ciò significa che l idea di diventare una star del calcio o del cinema resterà solo un sogno, per Moses è sempre una gioia quando i giovani intraprendono con successo una carriera professionale. Le possibilità sono molteplici. «Alcuni proseguono gli studi, altri sono più felici svolgendo un lavoro artigianale o si dedicano con passione al mestiere di madre di famiglia.» L importante per Moses è che i giovani riconoscano il proprio potenziale e ne facciano uso. Non sempre Moses si trova d accordo con i giovani. È un età difficile e la maggior parte di essi ha perso i genitori. «Non sei mio padre, quindi non dirmi cosa devo fare», è una frase ricorrente nei colloqui. Moses è comprensivo, conosce le difficoltà e le paure, perché anche lui è cresciuto senza genitori. Questi giovani hanno vissuto ogni genere di perdita. Si chiedono «perché proprio io?». Perché non ho più i genitori? Nemmeno Moses è in grado di rispondere a questa domanda. «Dico loro che devono accettare il loro difficile passato. SOS Villaggi dei Bambini è un opportunità, io posso aiutarli, ma tocca a loro stessi cogliere questa opportunità.» (mb) 12

13 ZIMBABWE IL SOGNO DI NGONI DIVENTA REALTÀ I denti di Ngoni splendono quando si entusiasma per il mestiere che vorrebbe fare, l informatico. Il 19enne è al primo anno degli studi d informatica all Università di Bulawayo, Zimbabwe. Malgrado difficoltà che sembravano insormontabili ce l ha fatta. Sune Kitshoff Mzilikazi è una zona povera di Bulawayo, la seconda città per altezza dello Zimbabwe. Un contesto economico dissestato, disoccupazione e povertà caratterizzano le condizioni di vita della popolazione. Ngoni è cresciuto qui, in una casetta con due stanze insieme alla sua famiglia di sette persone. Molto presto Ngoni dimostra di essere un ragazzino molto intelligente, gli viene perfino offerto un posto in una scuola privata rinomata. La famiglia non può assolutamente permetterselo. Ngoni entra alla scuola pubblica che offre un istruzione rudimentale. La famiglia riesce a malapena a finanziare la retta di questa scuola. La struttura familiare crolla quando la madre sola con figli a carico si ammala di AIDS. La nonna è l unica parente che dà ai bambini stabilità e sostegno. Ngoni a quel punto ha 12 anni. Khosi Mpofu, l assistente sociale di SOS Villaggi dei Bambini va a far visita alla famiglia di Ngoni proprio in quel periodo e ricorda: «Ngoni era un bambino straordinariamente intelligente ed era chiaro che aveva bisogno di essere stimolato. Prima però abbiamo dovuto salvare la vita della madre, gravemente malata, e aiutare finanziariamente la nonna. Così abbiamo fatto in modo che i bambini non fossero trascurati.» SOS Villaggi dei Bambini fa in modo che Ngoni possa frequentare gli ultimi due anni di scuola all istituto privato. Qui colma le lacune scolastiche e, grazie alla sua forte volontà d imparare, riesce ad ottenere l ambito posto per studiare informatica. Ma ciò non basta a mettere fine a tutti i problemi. Ngoni non sa ancora se potrà permettersi di finanziare il viaggio in bus per recarsi all università distante dieci chilometri o pagare la retta per il prossimo semestre. Tuttavia ciò non scoraggia un giovane come Ngoni, abituato a pensare positivo. Ngoni riesce anche a restituire qualcosa a SOS Villaggi dei Bambini. Nel suo tempo libero dà lezioni ai bambini delle famiglie povere sostenute da SOS Villaggi dei Bambini. Inoltre fa beneficiare del suo sapere la scuola pubblica che ha frequentato: si batte affinché la matematica e le scienze naturali vengono inserite nel programma d insegnamento. Così sono più numerosi i bambini di umili condizioni che riescono a imparare un mestiere. Anche a casa Ngoni è un esempio per gli altri: «Come fratello maggiore posso dimostrare ai fratelli e sorelle più giovani che possono cambiare qualcosa.» (hf) Ha sempre con sé un blocco per gli appunti: il 19enne di talento Ngoni e suo fratello minore. «Le difficili condizioni di vita mi hanno indotto a lavorare più duramente.» 13

14 NEWS DALLA SVIZZERA MERCI STÉPHANE Il Club Pattinaggio Lugano lo ha reso possibile: ai Campionati Svizzeri di pattinaggio, tenutisi nel dicembre 2014 a Lugano, si accedeva con un biglietto d entrata simbolico, con offerta libera, il cui ricavato andava a favore dei bambini bisognosi. Stéphane Lambiel ha aperto i campionati in veste di ambasciatore di SOS Villaggi dei Bambini e ha autografato pattini, magliette, custodie di cellulari e foto per i fan alla bancarella di SOS Villaggi dei Bambini. Oltre ai volti raggianti dei neocampioni svizzeri nelle varie discipline, gli oltre 4000 franchi raccolti faranno sorridere di gioia anche gli orfani dei villaggi dei bambini SOS. Consegnate questa busta con i vostri oggetti in oro allo sportello della posta. 14 Con l anno nuovo vi invitiamo a mettere ordine negli armadi e comodini alla ricerca di vecchi oggetti in oro, denti d oro, marenghi o orologi fuori uso. Tutte cose che ormai non usate più e che sarebbe peccato buttare? Vi invitiamo a partecipare alla nostra campagna Oro per i bambini! Un anello d oro, per esempio, può servire a finanziare il materiale scolastico di un bambino per un anno intero. La ditta svizzera S.E.R. Edelrecycling SA, con sede a Ginevra, organizza la campagna sostenendo i costi, per cui l oro donato va interamente PARTECIPATE ALLA CAMPAGNA «ORO PER I BAMBINI» a favore dei minori accolti nei villaggi dei bambini SOS. Insieme abbiamo già effettuato la campagna ben due volte, raccogliendo oltre franchi per i bambini bisognosi. Ecco come fare: mettete gli oggetti da donare, eventualmente avvolti in un pezzetto di carta, nella busta affrancata che trovate allegata a Zoom. Consegnate la busta allo sportello postale, dove viene passata allo scanner e inviata per raccomandata. Attraverso il codice a barre, la ditta S.E.R. è informata su ogni singola donazione. Potrete seguire il percorso della busta dall invio alla destinazione finale. Pertanto potete stare certi che la vostra donazione andrà veramente a favore degli orfani dei villaggi dei bambini SOS. Grazie di cuore per il vostro sostegno.

15 SWISS: NUOVA CAMPAGNA PER I BAMBINI Dall ottobre 2014 la compagnia aerea Swiss ha lanciato una campagna supplementare a favore di SOS Villaggi dei Bambini. Con l acquisto di prodotti selezionati dal catalogo Duty Free verrà donato un contributo a SOS Villaggi dei Bambini. Da tre a cinque franchi per articolo verranno impiegati per l acquisto di kits per la scuola (zainetto con uniforme e materiale scolastico) per i bambini in India. La campagna tiene conto del fabbisogno reale: in India l uniforme a scuola è d obbligo e molte famiglie indigenti non possono permettersi una tale spesa. IL VILLAGGIO DEI BAMBINI 2015 La 5 a edizione della manifestazione dedicata alle famiglie quest anno si terrà domenica 15 marzo dalle presso la Palestra delle Scuole Medie di Stabio. Una giornata di condivisione, intrattenimento e svago incentrata sull India per avvicinare la popolazione locale alla cultura indiana e all operato di SOS Villaggi dei Bambini in questo magnifico Paese. Si alterneranno gioco, musica, danza e attività didattiche per tutta la famiglia, un pranzo indiano e tanto altro ancora. L entrata è gratuita e la manifestazione avrà luogo con qualsiasi tempo. Vi aspettiamo numerosi! Informazioni: Finora con la campagna sono stati raccolti 1309 franchi. L offerta viene costantemente ampliata. La partnership tra Swiss e SOS Villaggi dei Bambini si svolge già su più livelli. A bordo i passeggeri hanno la possibilità di donare gli spiccioli non spesi. Di propria iniziativa il personale di Swiss s impegna a favore della fondazione per l aiuto all infanzia del personale di Swiss (Stiftung Kinderhilfe), basata sul volontariato. Con la raccolta di fondi e una ritenuta volontaria sullo stipendio finanziano le famiglie dei villaggi dei bambini SOS. COLOPHON Zoom SOS, gennaio 2015 Editirice: Fondazione SOS Villaggio dei Bambini Svizzera Schwarztorstrasse 56 Casella postale Berna 14 T , F Presidente: Rita Fischer Hofstetter Direttore: Christian Hosmann CP: Affiliata di SOS-Kinderdorf International, riconosciuta dalla ZEWO Redazione e progetto grafico: Fondazione SOS Villaggio dei Bambini Svizzera Testi: Hans Frauchiger (hf), Marc Bächler (mb), Christian Hosmann (cho), Barbara Nazarewska Foto di copertina: Wolfgang Kehl Tiratura: d , f , i 6500 A tutela dei bambini dei villaggi SOS, tutti i nomi sono stati modificati. myclimate.org / natureoffice.ch / CH

16 TUTTI I BAMBINI MERITANO UNA FAMIGLIA Barbara Mair DIVENTATE ADESSO PADRINO Il tagliando d iscrizione per il vostro padrinato e una polizza di versamento per la vostra offerta sono allegati a questa rivista. Grazie di cuore.

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Malati di cancro: come dirlo ai figli? Un informazione per genitori con consigli per i docenti

Malati di cancro: come dirlo ai figli? Un informazione per genitori con consigli per i docenti Malati di cancro: come dirlo ai figli? Un informazione per genitori con consigli per i docenti Perché parlare di cancro con i figli? Quando una madre o un padre si ammala di cancro, cambia la vita di tutti

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli