SARANNO SEMPRE I MIEI BAMBINI IL PERCORSO VERSO LA PROFESSIONE IL CALORE DI UNA CASA PER OGNI BAMBINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SARANNO SEMPRE I MIEI BAMBINI IL PERCORSO VERSO LA PROFESSIONE IL CALORE DI UNA CASA PER OGNI BAMBINO"

Transcript

1 ZOOM SOS1/2015 IL CALORE DI UNA CASA PER OGNI BAMBINO IL PERCORSO VERSO LA PROFESSIONE APPRENDISTI IN SVIZZERA E IN INDIA A CONFRONTO PAGINA 10 SARANNO SEMPRE I MIEI BAMBINI UNA MADRE DI UN VILLAGGIO DEI BAMBINI SOS RICORDA LA SUA PRIMA FAMIGLIA PAGINA 6

2 EDITORIALE TEMA: IL MESTIERE DEI SOGNI CARE AMICHE E AMICI DEI VILLAGGI DEI BAMBINI SOS Questa edizione di Zoom è dedicata a un tema centrale per SOS Villaggi dei Bambini: il mestiere dei sogni. L avvio alla vita lavorativa dei nostri giovani segna l inizio dell ultima e decisiva tappa del nostro lavoro di sostegno sul posto. SOS Villaggi dei Bambini misura il proprio successo in base all autonomia acquisita da ciascun giovane inizialmente inserito in uno dei nostri programmi per aver subito un duro colpo del destino. Pertanto riteniamo fondamentale che i giovani abbiano la possibilità di imparare un mestiere confacente alle loro capacità che permetta loro in seguito di condurre una vita autonoma. Come sapete, SOS Villaggi dei Bambini opera in molti Paesi in cui la disoccupazione è elevata e l offerta di posti di lavoro assai limitata. Perciò sosteniamo le iniziative e cooperative in cui integriamo i giovani da noi seguiti. Il confine tra successo e insuccesso spesso è sottile in questa fase della vita. Grazie al fatto che i nostri addetti conoscono molto bene i nostri giovani e hanno ottimi contatti con i comuni del posto, troviamo per fortuna quasi sempre una soluzione. Vi invito a leggere le pagine seguenti per capire come prepariamo alla vita attraverso il nostro lavoro. Christian Hosmann Direttore 2

3 GUERRA CIVILE IN SIRIA NON VOLGETE LO SGUARDO ALTROVE Dallo scoppio della guerra civile più di tre anni e mezzo fa Rasha Muhrez lavora come coordinatrice di SOS Villaggi dei Bambini in Siria. Già da tempo Rasha non va più a casa e vive solo nell ufficio di Damasco, il tragitto è diventato troppo pericoloso. Rasha vuole scuotere le persone: «Non volgete lo sguardo altrove!» Da noi continua ad esserci la guerra! Quando improvvisamente è scoppiata la guerra, che cosa ha pensato? All inizio tutti pensavamo di poterci convivere. Poi però la situazione ha continuato a peggiorare, con sempre più attacchi e sempre più morti. Mi ricordo ancora bene un giorno in cui sono andata all aeroporto in auto. Guidavo a zigzag e lo facevo automaticamente. Poi mi sono resa conto del perché lo stavo facendo: era per schivare i cadaveri sparsi ovunque sulla strada. Che cosa ha provato in quel momento? Impotenza, tristezza, rabbia. È una cosa ingiusta. Perché noi? Perché il nostro Paese? Anche Lei ha perso qualcuno? Sì. Un cugino, degli amici, dei vicini. È molto duro, non mi era mai capitata una cosa simile. Inoltre qualche volta penso: non può essere vero! Non si tratta della vita, si tratta della sopravvivenza, ogni singolo giorno. Di cosa ha maggiormente paura? Che il mondo ci dimentichi, che si volti sempre più dall altra parte, perché la guerra dura ormai da così tanto tempo ed è diventata una cosa normale. Ci sono nuovi focolai di crisi: l Ucraina, l epidemia di Ebola. Chi pensa più alla Siria? Com è la Sua vita quotidiana? Ogni mattina mi riunisco con il mio team e pianifichiamo la giornata, perché in guerra non si possono fare programmi in anticipo. Poi mi reco dalle famiglie che hanno perso tutto, la casa e la fiducia. Assistiamo molti bambini che non hanno più i genitori e che sono traumatizzati perché non capiscono che cosa sia successo esattamente. Si sentono sradicati e abbandonati, hanno fame, sete e niente da mettere addosso. Hanno dei ricordi di quando, da bambini-soldato, hanno dovuto sparare a delle persone. Che cosa Le risulta più difficile? Tante cose, ci sono tante storie terribili. A volte, durante un colloquio, devo alzarmi e uscire a piangere. Le persone non mi devono vedere piangere, perché hanno già problemi a sufficienza. Per loro noi siamo un ancora di salvezza e per questo dobbiamo essere forti. Ma anche noi siamo solo esseri umani. Vorrei che questa guerra finalmente finisse. (Barbara Nazarewska, per gentile concessione di Münchner Merkur) INVITO A DONARE Aiutate i bambini in Siria! Conto per le donazioni: CP Causale: «Siria» Rasha Muhrez, coordinatrice di SOS Villaggi di Bambini in Siria, distribuisce caldi cappotti invernali. 3 Wissam Bachour

4 CONCORSO DI DISEGNO IN ETIOPIA DA GRANDE VOGLIO... Pilota, medico, astronauta: i bambini del villaggio dei bambini SOS di Harar, in Etiopia, hanno disegnato il mestiere dei loro sogni. Il piccolo Caven desidera «volare alto» come pilota. Perciò per disegnare si è già seduto sul tavolo. Gli studenti dell International School di Ginevra hanno organizzato un concorso di disegno per i bambini di Harar. I migliori disegni sono stati premiati e pubblicati nell annuario dell International School. Inoltre, durante l ultimo anno del corso di diploma gli studenti hanno raccolto 8000 franchi per il villaggio dei bambini SOS di Harar. Su questa doppia pagina presentiamo alcuni tra i disegni più belli. (hf) Feyine vuole lavorare come infermiera o medico in ospedale. Come molte sue coetanee, Madeka sogna di diventare un attrice di successo. 4

5 Se Taye mette la stessa passione negli studi come nel suo disegno, riuscirà sicuramente a realizzare il sogno di diventare astronauta. 5

6 LA VITA DOPO IL VILLAGGIO IN NEPAL SARANNO SEMPRE I MIEI BAMBINI Cosa ne è degli orfani accolti nei villaggi dei bambini SOS quando raggiungono l età adulta e devono trovare la loro strada nella vita? Chi può saperlo meglio di una madre SOS che si ricorda dei suoi primi figli e racconta come se la cavano oggi nella vita? Il mio nome è Ganga. Ho 47 anni. Ho iniziato a lavorare come madre SOS 17 anni fa al villaggio dei bambini SOS di Kavre, in Nepal. La foto ritrae me a quell epoca con i miei primi undici figli nella casa «Kaligandaki» da noi battezzata col nome di un grande fiume del Nepal. Dio mio, com ero giovane! Vi racconto la storia dei miei sei figli più grandi e come vivono oggi. MANISHA, 24 ANNI Manisha è la maggiore delle mie figlie. Fu affidata alla mia famiglia perché sua madre era morta per una grave malattia. Il padre, alcolizzato, non si occupava più di Manisha. Gli altri parenti erano troppo poveri per poterla accogliere. Nella nostra famiglia ha assunto di propria iniziativa il ruolo di protettrice nei confronti dei suoi fratelli e sorelle. Ci è sempre stata di grande sostegno. Spesso i fratelli e le sorelle hanno un rapporto più forte con la sorella maggiore. Raccontano cose che la mamma non deve sentire. Manisha ha un buon feeling con i bambini, nel riconoscere i loro talenti, educarli e favorirne lo sviluppo. Di questa capacità ha fatto il suo mestiere: oggi studia per diventare educatrice a Kathmandu, la capitale del Paese. Viene a trovarci regolarmente e ci telefoniamo ogni volta che è possibile. Sono felice che cammini già con le proprie gambe. 6

7 UMESH, 21 ANNI Umesh è il maggiore dei miei figli maschi. Non gli era rimasto nessuno al mondo, dopo la morte dei suoi genitori biologici in una bidonville. Gli operatori sociali l hanno portato qui da me. Sia umanamente che scolasticamente Umesh ha fatto progressi ammirevoli come bambino e adolescente. Quest anno terminerà gli studi di economia. In seguito sarà assunto da una banca. In Nepal non è facile trovare un impiego. Tuttavia Umesh ce l ha fatta; è un ottimo studente. Sono molto fiera che all università sia considerato un giovane da prendere ad esempio. I suoi fratelli e sorelle hanno molto da imparare da lui. Il figlio minore della madre SOS Ganga mostra la foto della prima famiglia di quest ultima. SUDHAV, 20 ANNI La grande frana del 1999 ha travolto la casa della famiglia di Sudhav, uccidendo i genitori e i suoi tre fratelli e sorelle. I soccorritori lo hanno estratto vivo dalle macerie l unico superstite della sua famiglia. Quando è arrivato qui dall ospedale non era in grado né di parlare, né di mangiare o di bere da solo. Si limitava a fissarci. Dopo una settimana mi ha chiamata «Ama», cioè «mamma». È quasi un miracolo che Sudhav sia riuscito a terminare la scuola con ottimi voti se si considera il suo tragico passato. Attualmente frequenta la scuola di commercio a Kathmandu e fra due anni ha intenzione di entrare nell esercito. Vive a Kathmandu con i suoi amici coetanei presso l istituzione per la gioventù SOS. 7

8 LA VITA DOPO IL VILLAGGIO IN NEPAL KALPANA, 21 ANNI Kalpana è stata affidata a me e alla mia famiglia quando è morta sua madre. Suo padre si è risposato e ha ripudiato Kalpana. Oggi studia per diventare assistente sociale in un College rinomato di Kathmandu. Nell ambito del suo mestiere si occupa soprattutto di rafforzare la posizione delle donne e madri nelle regioni rurali del Nepal. Fra due anni avrà terminato la formazione e potrà camminare con le proprie gambe. Vive presso l istituzione per la gioventù SOS di Kathmandu dove, con l aiuto di operatori sociali giovanili, si prepara a iniziare una vita autonoma. MANJU, 22 ANNI Quando suo padre è morto, la madre di Manju ha abbandonato lei e la sorellina Anju senza nemmeno lasciare un messaggio. Ancora oggi non si sa cosa sia successo alla madre. Se è ancora in vita o meno. Questa incertezza ha reso difficile la vita delle due sorelle adolescenti. Attualmente Manju ha terminato la formazione commerciale e sta aspettando i risultati degli esami. Lavora come segretaria in un azienda. Se avrà superato gli esami le offriranno un impiego fisso e potrà condurre una vita autonoma. Il suo grande sogno è diventare insegnante. Durante le feste o in occasioni speciali come il mio compleanno viene a farci visita. ANJU, 19 ANNI Anju, la sorella minore di Manju, è molto matura per la sua età. Ha una forte personalità. Dopo aver concluso la scuola si è trasferita all istituzione per la gioventù SOS a Kathmandu. Qui ha frequentato corsi prelaurea. Vuole dapprima diventare insegnante e in seguito direttrice scolastica. Il suo obiettivo è diventare indipendente il più presto possibile, trovare un lavoro e provvedere a se stessa. In questo viene preparata e aiutata presso l istituzione per la gioventù SOS. Il VILLAGGIO DEI BAMBINI SOS DI KAVRE Il villaggio dei bambini SOS di Kavre, a est di Kathmandu, strappa dalla miseria e dal degrado i bambini e le famiglie in difficoltà. Il tasso di lavoro minorile in questa regione è il più elevato di tutto il Nepal. Soprattutto ragazzine indifese vengono sfruttate sessualmente in locali notturni o finiscono nelle reti internazionali del traffico di esseri umani. 8

9 INDIA LA FAMIGLIA Lavoro come madre SOS dal All inizio, quando arrivano nella mia famiglia, la maggior parte dei bambini soffrono di numerose carenze. Non parlano bene e hanno bisogno di tutta la mia attenzione. Le tragedie che hanno vissuto le curo con il mio amore. Poco per volta si trasformano in bambini felici. Durante l adolescenza pongono le loro domande: sulla vita, sul loro passato e sul futuro. Sono molto orgogliosa se hanno successo e mi rende triste se non ce la fanno. Grande ritrovo di famiglia: i figli adulti di Ganga e i suoi dieci figli attuali. Adesso i miei primi figli sono diventati adulti, ma saranno sempre i miei bambini. Quando vengono a farci visita, trasmettono le loro esperienza ai miei nuovi figli che ora hanno bisogno delle mie cure. Così cresce e vive la mia famiglia. Ringrazio ogni giorno tutti i donatori e le donatrici, perché grazie a loro faccio la differenza per migliorare in modo decisivo la vita dei bambini bisognosi in Nepal. (hf) Trovare lavoro in Nepal è difficile: nepalesi hanno lasciato il Paese per sfuggire alla povertà e alla disoccupazione. I padri di famiglia emigrano per mandare a casa denaro per l istruzione dei figli. Molti emigrati, tuttavia, vengono sfruttati da racket criminali specializzati in intermediazione di manodopera. 9

10 FORMAZIONE PROFESSIONALE A CONFRONTO L AVVIO AL MESTIERE DEI SOGNI IN SVIZZERA E IN INDIA Nina Venetz, di Muri (BE), ha 18 anni ed è apprendista giardiniera paesaggista al terzo anno. Questo tirocinio è una buona base per il mestiere dei suoi sogni: guardiana di animali. Ranjeet Shah ha 16 anni ed è cresciuto al villaggio dei bambini SOS di Faridabad. Presso l istituzione per la gioventù SOS si prepara alla formazione per diventare meccanico di macchine. Cosa ti ha portato a questo mestiere? NINA VENETZ, 18 ANNI: A 15 anni mi sentivo troppo giovane per scegliere un mestiere. Con l apprendistato di prova purtroppo non sono riuscita a farmi un idea della pratica quotidiana del mestiere di floricoltrice. Ben presto ho trovato troppo monotono fare talee o invasare piante. Perciò al secondo anno di apprendistato ho iniziato la formazione di giardiniera paesaggista in un altra impresa di tirocinio. Per me è stata la scelta giusta. RANJEET SHAH, 16 ANNI: Gli attrezzi e le macchine mi hanno sempre interessato. Da bambino ho riparato qualsiasi cosa per mia madre SOS. Potevo passare ore a smontare un apparecchio per capirne il funzionamento. Per questo il mio obiettivo è diventare meccanico di macchine. Ora sono all ultimo anno di scuola e mi sto preparando per l ammissione alla scuola tecnica. Se concludo con un certo numero di punti sarò ammesso alla formazione. Voglio assolutamente farcela. Chi ti ha aiutato a trovare un lavoro? Nina: Sono stata al Centro di informazione sulle professioni per chiedere informazioni su vari mestieri. I miei genitori mi hanno soprattutto motivata a scrivere candidature. La formazione e l impresa di tirocinio le ho trovate da me. Ranjeet: In India il sistema di formazione è molto diverso da quello svizzero. Prima di iniziare a lavorare si frequenta la formazione di base teorica (due anni) per il mestiere scelto presso una scuola statale. Attualmente mi sto preparando per questa scuola. Nell intraprendere i passi necessari mi aiuta Kalyan, l assistente della casa per la gioventù. Mi consiglia e mi fornisce i contatti necessari con le scuole e i posti per la pratica. Puoi descrivere una tua giornata tipo? Nina: Non c è un giorno uguale all altro: manutenzione e riassetto dei giardini e lavoro sul cantiere si alternano. Vivo al ritmo del tempo e delle stagioni. Questo mi piace. Anche compiti impegnativi come lastricare un piazzale o lavorare la pietra mi piacciono. In estate lavoro un ora in più e in inverno può succedere che non si lavora a causa della neve. Giardiniere paesaggista è piuttosto un lavoro da uomo, ma non m importa per niente. Sul cantiere come ragazza ho già un bonus quando mi dicono: «Lascia fare a me, è troppo pesante per te.» Ranjeet: Mi alzo alle cinque e mezza per fare colazione e studio un ora per la scuola, soprattutto prima degli esami. La scuola inizia alle sette e mezza e finisce alle tre del pomeriggio. Nelle ore più calde del pomeriggio abbiamo due ore di pausa, poi verso sera abbiamo due ore di sostegno individuale per le materie che sono importanti per la nostra formazione futura. Per me sono soprattutto la matematica, le scienze naturali, il modellismo e il disegno tecnico. La 10

11 Philipp Scheidiger sera abbiamo due ore di tempo per lo studio individuale e per la cena in comune alla casa per la gioventù. Studiare non mi crea problemi, lo faccio volentieri. Tutto ciò che imparo è utile per il mio futuro. A volte, però, sogno di avere una camera tutta per me. Chi ti sostiene? Nina: Durante il primo anno non ero per niente contenta e mia sorella mi ha incoraggiata a dire la mia opinione. Anche questo si impara. Il Centro di informazione sulle professioni mi ha aiutata a trovare un posto di tirocinio e mi ha fornito l indirizzo di una nuova impresa. Poi ho chiamato io. In ditta il caposquadra si esercita con me sui lavori in cui non mi sento ancora ferrata. Così sarò ben preparata per l esame finale. Ranjeet: Quando sono preoccupato non mi limito a parlarne con il nostro assistente Kalyan, con un insegnante o con mia madre SOS, ma discuto anche con il mio compagno di camera Prabhat. A volte è più facile parlare con un coetaneo che si pone le stesse domande. Non voglio rivolgermi per tutto agli adulti; voglio assumere la mia parte di responsabilità. Hai progetti per il futuro? Nina: In ogni caso voglio continuare a crescere professionalmente. Il mio sogno è diventare guardiana di animali e a tale scopo la mia formazione artigianale è una buona base. Quindi ho fatto un passo verso il mestiere dei miei sogni. In generale per me avere concluso un apprendistato è importante e fondamentale per un ulteriore perfezionamento. Ho degli amici che hanno interrotto il tirocinio e fanno molta fatica a trovare un nuovo posto d apprendistato. Ranjeet: I meccanici in India sono molto ricercati. Perciò dopo la formazione di base di due anni voglio assolutamente fare uno stage e acquisire esperienza, in modo da poter continuare a studiare in seguito. Il mio sogno è di fare l ingegnere presso IES, Indian Engineering Services. Sono i posti di lavoro più ambiti dei servizi pubblici. Per un impiego ci sono migliaia di candidature e ciò significa che i requisiti richiesti sono molto elevati. Cosa fai nel tempo libero? Nina: Mi trovo con gli amici e usciamo insieme. È così che ho scoperto che mi piace moltissimo ballare. Ranjeet: Mi piace stare con gli amici, discutere con loro o giocare a scacchi. (hf) Nella casa per la gioventù SOS i giovani indiani preparano attivamente il loro futuro insieme al loro assistente. In India durante la formazione professionale di base, della durata di due anni, si acquisiscono solo nozioni teoriche. Pochissimi giovani professionisti hanno esperienza pratica. Il progetto pilota «Swiss VET» della Camera di commercio svizzeroindiana e dell Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia si occupa di fare conoscere in India il modello del tirocinio professionale sull esempio svizzero. I futuri professionisti soprattutto del settore dell industria meccanica vengono preparati meglio al loro lavoro. 11

12 TROVARE MESTIERI IN SUDAFRICA MOLTO PIÙ DI UN ORIENTATORE PROFESSIONALE Alan Meier Preparazione non significa solo nozioni scolastiche. Con Moses i giovani imparano anche a cucinare, a stirare e a gestire i propri soldi. «Trattiamo questi temi nei corsi doposcuola. A tale scopo coinvolgo anche le madri SOS: i giovani hanno molto da imparare da loro per la vita futura.» Moses non si limita al ruolo di consulente, ma aiuta i giovani in tante piccole cose, come per esempio nel redigere curriculum vitae e cercare un posto per la formazione. L importante per Moses è che i giovani riconoscano il proprio potenziale e ne facciano uso. L animatore socioeducativo Moses Dingoko accompagna i giovani del villaggio dei bambini SOS di Ennerdale, in Sudafrica, nel passaggio alla vita autonoma. Il suo compito va ben oltre il prestare aiuto nella scelta di un mestiere. Come in ogni parte del mondo, anche al villaggio dei bambini SOS di Ennerdale i giovani hanno la testa piena di idee e di sogni. «I maschi vogliono fare i calciatori e molte ragazze sognano di diventare attrici», racconta Moses Dingoko sorridendo compiaciuto. Il compito di Moses non consiste nel distruggere questi sogni, ma piuttosto nel capire qual è la strada giusta per i giovani del villaggio dei bambini SOS. «Ora, l istruzione è fondamentale. I giovani del villaggio un giorno dovranno camminare con le loro gambe e per farlo devono avere la preparazione necessaria.» RICONOSCERE IL POTENZIALE Anche se ciò significa che l idea di diventare una star del calcio o del cinema resterà solo un sogno, per Moses è sempre una gioia quando i giovani intraprendono con successo una carriera professionale. Le possibilità sono molteplici. «Alcuni proseguono gli studi, altri sono più felici svolgendo un lavoro artigianale o si dedicano con passione al mestiere di madre di famiglia.» L importante per Moses è che i giovani riconoscano il proprio potenziale e ne facciano uso. Non sempre Moses si trova d accordo con i giovani. È un età difficile e la maggior parte di essi ha perso i genitori. «Non sei mio padre, quindi non dirmi cosa devo fare», è una frase ricorrente nei colloqui. Moses è comprensivo, conosce le difficoltà e le paure, perché anche lui è cresciuto senza genitori. Questi giovani hanno vissuto ogni genere di perdita. Si chiedono «perché proprio io?». Perché non ho più i genitori? Nemmeno Moses è in grado di rispondere a questa domanda. «Dico loro che devono accettare il loro difficile passato. SOS Villaggi dei Bambini è un opportunità, io posso aiutarli, ma tocca a loro stessi cogliere questa opportunità.» (mb) 12

13 ZIMBABWE IL SOGNO DI NGONI DIVENTA REALTÀ I denti di Ngoni splendono quando si entusiasma per il mestiere che vorrebbe fare, l informatico. Il 19enne è al primo anno degli studi d informatica all Università di Bulawayo, Zimbabwe. Malgrado difficoltà che sembravano insormontabili ce l ha fatta. Sune Kitshoff Mzilikazi è una zona povera di Bulawayo, la seconda città per altezza dello Zimbabwe. Un contesto economico dissestato, disoccupazione e povertà caratterizzano le condizioni di vita della popolazione. Ngoni è cresciuto qui, in una casetta con due stanze insieme alla sua famiglia di sette persone. Molto presto Ngoni dimostra di essere un ragazzino molto intelligente, gli viene perfino offerto un posto in una scuola privata rinomata. La famiglia non può assolutamente permetterselo. Ngoni entra alla scuola pubblica che offre un istruzione rudimentale. La famiglia riesce a malapena a finanziare la retta di questa scuola. La struttura familiare crolla quando la madre sola con figli a carico si ammala di AIDS. La nonna è l unica parente che dà ai bambini stabilità e sostegno. Ngoni a quel punto ha 12 anni. Khosi Mpofu, l assistente sociale di SOS Villaggi dei Bambini va a far visita alla famiglia di Ngoni proprio in quel periodo e ricorda: «Ngoni era un bambino straordinariamente intelligente ed era chiaro che aveva bisogno di essere stimolato. Prima però abbiamo dovuto salvare la vita della madre, gravemente malata, e aiutare finanziariamente la nonna. Così abbiamo fatto in modo che i bambini non fossero trascurati.» SOS Villaggi dei Bambini fa in modo che Ngoni possa frequentare gli ultimi due anni di scuola all istituto privato. Qui colma le lacune scolastiche e, grazie alla sua forte volontà d imparare, riesce ad ottenere l ambito posto per studiare informatica. Ma ciò non basta a mettere fine a tutti i problemi. Ngoni non sa ancora se potrà permettersi di finanziare il viaggio in bus per recarsi all università distante dieci chilometri o pagare la retta per il prossimo semestre. Tuttavia ciò non scoraggia un giovane come Ngoni, abituato a pensare positivo. Ngoni riesce anche a restituire qualcosa a SOS Villaggi dei Bambini. Nel suo tempo libero dà lezioni ai bambini delle famiglie povere sostenute da SOS Villaggi dei Bambini. Inoltre fa beneficiare del suo sapere la scuola pubblica che ha frequentato: si batte affinché la matematica e le scienze naturali vengono inserite nel programma d insegnamento. Così sono più numerosi i bambini di umili condizioni che riescono a imparare un mestiere. Anche a casa Ngoni è un esempio per gli altri: «Come fratello maggiore posso dimostrare ai fratelli e sorelle più giovani che possono cambiare qualcosa.» (hf) Ha sempre con sé un blocco per gli appunti: il 19enne di talento Ngoni e suo fratello minore. «Le difficili condizioni di vita mi hanno indotto a lavorare più duramente.» 13

14 NEWS DALLA SVIZZERA MERCI STÉPHANE Il Club Pattinaggio Lugano lo ha reso possibile: ai Campionati Svizzeri di pattinaggio, tenutisi nel dicembre 2014 a Lugano, si accedeva con un biglietto d entrata simbolico, con offerta libera, il cui ricavato andava a favore dei bambini bisognosi. Stéphane Lambiel ha aperto i campionati in veste di ambasciatore di SOS Villaggi dei Bambini e ha autografato pattini, magliette, custodie di cellulari e foto per i fan alla bancarella di SOS Villaggi dei Bambini. Oltre ai volti raggianti dei neocampioni svizzeri nelle varie discipline, gli oltre 4000 franchi raccolti faranno sorridere di gioia anche gli orfani dei villaggi dei bambini SOS. Consegnate questa busta con i vostri oggetti in oro allo sportello della posta. 14 Con l anno nuovo vi invitiamo a mettere ordine negli armadi e comodini alla ricerca di vecchi oggetti in oro, denti d oro, marenghi o orologi fuori uso. Tutte cose che ormai non usate più e che sarebbe peccato buttare? Vi invitiamo a partecipare alla nostra campagna Oro per i bambini! Un anello d oro, per esempio, può servire a finanziare il materiale scolastico di un bambino per un anno intero. La ditta svizzera S.E.R. Edelrecycling SA, con sede a Ginevra, organizza la campagna sostenendo i costi, per cui l oro donato va interamente PARTECIPATE ALLA CAMPAGNA «ORO PER I BAMBINI» a favore dei minori accolti nei villaggi dei bambini SOS. Insieme abbiamo già effettuato la campagna ben due volte, raccogliendo oltre franchi per i bambini bisognosi. Ecco come fare: mettete gli oggetti da donare, eventualmente avvolti in un pezzetto di carta, nella busta affrancata che trovate allegata a Zoom. Consegnate la busta allo sportello postale, dove viene passata allo scanner e inviata per raccomandata. Attraverso il codice a barre, la ditta S.E.R. è informata su ogni singola donazione. Potrete seguire il percorso della busta dall invio alla destinazione finale. Pertanto potete stare certi che la vostra donazione andrà veramente a favore degli orfani dei villaggi dei bambini SOS. Grazie di cuore per il vostro sostegno.

15 SWISS: NUOVA CAMPAGNA PER I BAMBINI Dall ottobre 2014 la compagnia aerea Swiss ha lanciato una campagna supplementare a favore di SOS Villaggi dei Bambini. Con l acquisto di prodotti selezionati dal catalogo Duty Free verrà donato un contributo a SOS Villaggi dei Bambini. Da tre a cinque franchi per articolo verranno impiegati per l acquisto di kits per la scuola (zainetto con uniforme e materiale scolastico) per i bambini in India. La campagna tiene conto del fabbisogno reale: in India l uniforme a scuola è d obbligo e molte famiglie indigenti non possono permettersi una tale spesa. IL VILLAGGIO DEI BAMBINI 2015 La 5 a edizione della manifestazione dedicata alle famiglie quest anno si terrà domenica 15 marzo dalle presso la Palestra delle Scuole Medie di Stabio. Una giornata di condivisione, intrattenimento e svago incentrata sull India per avvicinare la popolazione locale alla cultura indiana e all operato di SOS Villaggi dei Bambini in questo magnifico Paese. Si alterneranno gioco, musica, danza e attività didattiche per tutta la famiglia, un pranzo indiano e tanto altro ancora. L entrata è gratuita e la manifestazione avrà luogo con qualsiasi tempo. Vi aspettiamo numerosi! Informazioni: Finora con la campagna sono stati raccolti 1309 franchi. L offerta viene costantemente ampliata. La partnership tra Swiss e SOS Villaggi dei Bambini si svolge già su più livelli. A bordo i passeggeri hanno la possibilità di donare gli spiccioli non spesi. Di propria iniziativa il personale di Swiss s impegna a favore della fondazione per l aiuto all infanzia del personale di Swiss (Stiftung Kinderhilfe), basata sul volontariato. Con la raccolta di fondi e una ritenuta volontaria sullo stipendio finanziano le famiglie dei villaggi dei bambini SOS. COLOPHON Zoom SOS, gennaio 2015 Editirice: Fondazione SOS Villaggio dei Bambini Svizzera Schwarztorstrasse 56 Casella postale Berna 14 T , F Presidente: Rita Fischer Hofstetter Direttore: Christian Hosmann CP: Affiliata di SOS-Kinderdorf International, riconosciuta dalla ZEWO Redazione e progetto grafico: Fondazione SOS Villaggio dei Bambini Svizzera Testi: Hans Frauchiger (hf), Marc Bächler (mb), Christian Hosmann (cho), Barbara Nazarewska Foto di copertina: Wolfgang Kehl Tiratura: d , f , i 6500 A tutela dei bambini dei villaggi SOS, tutti i nomi sono stati modificati. myclimate.org / natureoffice.ch / CH

16 TUTTI I BAMBINI MERITANO UNA FAMIGLIA Barbara Mair DIVENTATE ADESSO PADRINO Il tagliando d iscrizione per il vostro padrinato e una polizza di versamento per la vostra offerta sono allegati a questa rivista. Grazie di cuore.

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Sono stato mandato da loro per ringraziarvi per il vostro cuore generoso verso di loro.

Sono stato mandato da loro per ringraziarvi per il vostro cuore generoso verso di loro. ASENABU de Buyengero et Burambi B. P. : 500 B U J U M B U R A Tel.: (257) 750694-758481-744260 GRAZIE! Carissimi amici e benefatori dei bambini orfani di Buyengero, pace e bene. la nostra cultura cristiana

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project TWUM-ANTWI KWUKU Età: 29 anni Ho finito la scuola superiore 5 anni fa nella regione Ashanti con un buon punteggio ma, per mancanza di denaro, non ho potuto continuare a studiare. Ho deciso quindi di lavorare

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Visita del Dr. Simi Deputato nella tua scuola Inter di Milano Prova Enlace Colazione per Giorni Migliori Opera Teatrale di Fondazione ALPURA

Visita del Dr. Simi Deputato nella tua scuola Inter di Milano Prova Enlace Colazione per Giorni Migliori Opera Teatrale di Fondazione ALPURA Visita del Dr. Simi Deputato nella tua scuola Inter di Milano Prova Enlace Colazione per Giorni Migliori Opera Teatrale di Fondazione ALPURA Testimonianza dei benefattori Giorno dei Morti Bazare Natalizio

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 6 SPEDIZIONI PACCHI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 SPEDIZIONE PACCHI DIALOGO PRINCIPALE A- Ehi, ciao Marta. B- Ohh, Adriano come stai?

Dettagli

LETTERA AI MIEI FIGLI...

LETTERA AI MIEI FIGLI... 26 aprile 2012 LETTERA AI MIEI FIGLI... Cari bambini Greta e Tommaso, in futuro spero di avervi come figli. Ho molti desideri per voi, uno di questi è che completiate gli studi fino all Università e che

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Tempistica 40-45 minuti Competenze Competenza 27 conoscere i percorsi professionali di un area

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Il nostro processo comunicativo 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) Presentazione Personale Feeling Motivo dell'incontro Conferma consulenza Analisi

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

BAOBAB ACADEMY AMICUS ONLUS PROJECT. Scheda dello studente Humphrey Pieteisen Nana Okoh Corso: Business Studies Diploma: 2015 Borsa di studio: 150,00

BAOBAB ACADEMY AMICUS ONLUS PROJECT. Scheda dello studente Humphrey Pieteisen Nana Okoh Corso: Business Studies Diploma: 2015 Borsa di studio: 150,00 Humphrey Pieteisen Nana Okoh Ho terminato la scuola superiore ad Accra. Poichè il mio sogno è quello di diventare un professionista nel campo dell informatica mi sono iscritto presso l Istituto Nazionale

Dettagli

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa.

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso L archivio telematico contiene solo le offerte di lavoro.

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro CHIAVI In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei pronomi

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Azione Chiave 1 S.V.E. Servizio Volontario Europeo

Azione Chiave 1 S.V.E. Servizio Volontario Europeo Azione Chiave 1 S.V.E. Servizio Volontario Europeo COS E SVE Un «servizio di apprendimento» che offre ai giovani la possibilità di impegnarsi nel volontariato e, allo stesso tempo, di acquisire nuove competenze

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

incontro bambini-anziani

incontro bambini-anziani Progetto di integrazione sociale: incontro bambini-anziani Tirocinante Scanderebech Roberta 1 La Fondazione Edoardo Filograna è un centro polivalente per la Terza Età che ospita attualmente circa 120 anziani

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere Nina Cinque Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere TITOLO: FESTA DI COMPLEANNO PER BAMBINI: Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana!

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare I bambini che sosteniamo a distanza hanno un punto comune: sono creature con un valore infinito che per qualche ragione contingente si trovano in balia

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

Accogliere Una Mamma. Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini.

Accogliere Una Mamma. Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini. Casa Letizia Accogliere Una Mamma Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini. Casa Letizia ha accolto finora più di 70 mamme e 121 bambini.

Dettagli

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?...abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo

Dettagli

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE)

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) di Ilaria Grazzani, Veronica Ornaghi, Francesca Piralli 2009 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione R. Massa, Università degli Studi di Milano Bicocca Adesso ti

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA SCUOLA PRIMARIA ALDA COSTA FERRARA CLASSE IV A A.S. 2014/15 PARTECIPIAMO AL CONCORSO Luciana Albieri Edizione2015 Associazione Dammi la Mano SON TUTTE BELLE LE FAMIGLIE

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

Reusser Bau GmbH, Recherswil (SO)

Reusser Bau GmbH, Recherswil (SO) Reusser Bau GmbH, Recherswil (SO) Andi Reusser, datore di lavoro Circa quattro anni fa la signora Mercatali, insegnante alla scuola di pedagogia curativa di Soletta (Heilpädagogische Schule Solothurn,

Dettagli