Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015"

Transcript

1 Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015 Impiegati e operai Ente al quale sono dovuti i contributi: INPS Voci azienda Fino a 15 dipendenti lavoratori (imprese fino ed oltre 15 dipendenti) Oltre 15 dipendenti Operai ed impiegati Fondo Pensioni Lavoratori dipendenti 23, ,81 1 9,19 1 Aliquota aggiuntiva ex art ,00 3-ter, legge n. 438/92 Assicurazione 3 1,61 1, disoccupazione ASpI Contributo per l`indennità di mobilità ex art. 16, , comma 2, l. 223/91 4 Fondo di garanzia per il trattamento di fine 0,20 0, rapporto 5 Assegno per il nucleo 5a 5b 0,68 0, familiare Totale 26,30 26,60 9,19 1 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI 6 ORDINARIA 6a E STRAORDINARIA Fino a 50 dipendenti Oltre 50 dipendenti Settore industriale 1,90 2,20 Settore edile 6a 5,20 5,20 Settore lapideo 6b 3,70 3,70 Fino a 15 dipendenti Oltre 15 dipendenti C.I.G. straordinaria 6c ,60 0,30 lavoratori imprese oltre 15 dipendenti

2 CONTRIBUZIONE DI MATERNITÀ E DI MALATTIA Voci azienda (imprese fino ed oltre 15 dipendenti) lavoratori imprese oltre 15 dipendenti Operai ed Impiegati Tutela lavoratrici madri 7 0, Contrib. Ind. economica giornaliera di malattia. Solo per operai ed intermedi: vedi nota 8 2, CONTRIBUZIONE ADDIZIONALE ASPI Con effetto sui periodi contributivi maturati a decorrere da gennaio 2013, l art. 2, comma 28, della legge n. 92/2012 ha introdotto un contributo addizionale, pari all 1,40 della retribuzione imponibile, dovuto dai datori di lavoro con riferimento ai soli rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato (sostanzialmente, i contratti con termine di durata apposto). Il contributo addizionale riguarda indifferentemente i contratti già in essere al 1 gennaio 2013 e quelli stipulati da tale data in poi, fatti salvi i previsti casi di esclusione. Contributo addizionale ASpI per contratti non a tempo indeterminato azienda 1, lavoratori Esclusioni Il contributo addizionale ASpI non è dovuto con riferimento alle seguenti categorie di lavoratori: 1. i lavoratori assunti con contratto a termine per sostituire lavoratori assenti; 2. i lavoratori assunti a termine per lo svolgimento delle attività stagionali di cui al DPR n. 1525/1963; 3. limitatamente ai periodi contributivi dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre 2015, i lavoratori assunti a termine per lo svolgimento delle attività stagionali definite tali dagli avvisi comuni e dai contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati entro il 31 dicembre 2011; 4. gli apprendisti. NOTA BENE Tutti i contributi dovuti all`inps devono essere computati con rispetto dei minimali retributivi giornalieri: 47,68 per operai ed impiegati, compresi quelli del settore dello spettacolo: vedi questa stessa newsletter. Per tutti i contributi di competenza INPS, esposti sopra, non sono fissati limiti

3 massimali relativamente ai lavoratori con anzianità contributiva al 31 dicembre Per i lavoratori che ne sono privi e che si iscrivono per la prima volta a decorrere dal 1 gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie (ovvero che esercitino, a decorrere dal 1 gennaio 2001, in presenza delle condizioni richieste dalla legge n. 335/1995, l`opzione per il sistema di calcolo contributivo della pensione), la contribuzione pensionistica (Ivs e addizionale 1 ex art. 3-ter, legge n. 438/92) è dovuta, con effetto dal 1 gennaio 2015, entro il massimale di ,00. 1 L`aliquota a carico dell`azienda comprende i seguenti contributi: - 21,50 Fondo pens. lav. dip. (la misura comprende l`aumento di 0,40 punti percentuali in atto dal 1 ottobre 1995 per effetto del d.m. 15 gennaio 1996: AIB Notizie n. 4/96, pagg. 107 e segg.; l`aumento di 0,35 punti percentuali in atto dal 1 gennaio 1996 con contestuale, equivalente, riduzione della contribuzione GES.CA.L. per effetto dell`art. 3, comma 24, legge 8 agosto 1995, n. 335: AIB Notizie n. 2/96, pagg. 51 e segg.; l`aumento di 4,43 punti percentuali in atto dal 1 gennaio 1996 con contestuale, corrispondente, riduzione delle contribuzioni Assicurazione T.B.C., tutela lavoratrici madri e Assegno per il nucleo familiare per effetto del d.m. 21 febbraio 1996: AIB Notizie n. 15/96, pagg. 61 e segg.); - 0,11 percentualizz. contrib. base; - 1,70 aliq. agg.va art. 22, comma 4, legge , n. 41; - 0,50 contrib. agg.vo legge , n L`aliquota a carico lavoratori comprende l`aumento di 0,25 punti percentuali in atto dal 1 maggio 1991 per effetto del d.l. 13 maggio 1991, n. 151, convertito in legge 12 luglio 1991, n. 202, in AIB Notizie n. 30/91, pag. 11; gli aumenti di 0,60 e di 0,20 punti percentuali in atto rispettivamente dal 1 luglio 1992 e dal 1 gennaio 1993 per effetto del d.l. 11 luglio 1992, n. 333, convertito in legge 8 agosto 1992, n. 359, in AIB Notizie n. 44/92, pagg. 7 e segg.; nonché gli aumenti di 0,20 e 0,35 punti percentuali in atto rispettivamente dal 1 ottobre 1995 e 1 gennaio 1996, per effetto del d.m. 16 gennaio 1996 e dell`art. 2, comma 24, legge n. 335/1995 dianzi citati. Infine, l`aliquota comprende l`aumento dello 0,30 disposto dalla legge n. 296/ Aliquota aggiuntiva introdotta dall`art. 3-ter, legge n. 438/1992. Si applica sulla retribuzione eccedente ,00: vedi questa stessa newsletter. L`aliquota non è computata nel totale a fine colonna. 3 Con effetto dal periodo di paga gennaio 2013, le assicurazioni ASpI e mini-aspi sono finanziate, tra l altro, attraverso un contributo ordinario pari all 1,61 della retribuzione imponibile. Si tratta dell aliquota contributiva già versata per la preesistente assicurazione DS, composta dall aliquota 1,30, dalla percentualizzazione dello 0,01 del contributo base e dal contributo incrementale dello 0,30 destinato, per le Aziende che vi aderiscono, al finanziamento dei Fondi interprofessionali per la formazione continua e, in caso contrario, ai Fondi di rotazione presso i Ministeri del Lavoro e dell`economia. 4 Contributo interamente a carico impresa, introdotto con effetto dal 1 agosto 1991, dall`art. 16, comma 2, legge 23 luglio 1991, n L`obbligo non riguarda le imprese fino a 15 dipendenti, per le quali non sono ammessi interventi CIG straordinari. 5 L`aliquota 0,20 è in vigore dal 1 gennaio 1992 per effetto del decreto legislativo 27 gennaio 1992 (AIB Notizie n. 8/92, pag. 111). L`aliquota previgente era 0,15. 5a L`art. 120 della legge n. 388/2000 ha disposto, con effetto dal 1 febbraio 2001, un esonero dal versamento dei contributi sociali dovuti per il finanziamento degli assegni per il nucleo familiare nella misura di 0,8 punti percentuali. Tale esonero, a decorrere dal periodo di paga "gennaio 2006", per effetto del sistema di "nettizzazione" dei contributi, opera direttamente in riduzione dell aliquota CUAF. 5b L art. 1, commi 361 e 362, della legge n. 266/2005 ha disposto, con decorrenza 1 gennaio 2006, l esonero di un punto percentuale degli oneri contributivi a carico Azienda. Per le imprese del settore industriale, tale esonero opera interamente sull aliquota CUAF, che viene ridotta dall 1,68 allo 0,68. Sono escluse dalla riduzione le Aziende operanti all estero in Paesi con i quali non vigono accordi di sicurezza sociale, per i dipendenti ivi impiegati (AIB Notizie n. 2/2006, pagg. 49 e segg.). 6 Con effetto dal 1 agosto 1991 l`obbligo della contribuzione CIG è esteso alle retribuzioni degli impiegati e dei quadri ai sensi dell`art. 14, comma 2, legge 23 luglio 1991, n I contributi per la gestione CIG ordinaria sono tutti interamente a carico delle imprese. Il contributo 0,90 per cento per la Gestione CIG

4 straordinaria è dovuto anche dalle imprese dei settori lapideo ed edile; è ripartito in 0,60 e 0,30, rispettivamente a carico impresa e lavoratore. 6a Il contributo 1,90 e 2,20, è dovuto continuativamente sulle retribuzioni di tutti i periodi di paga. E` inoltre previsto un contributo addizionale, dovuto interamente a carico delle imprese sulla base delle integrazioni salariali ordinarie e straordinarie, di fatto corrisposte in esito a specifica autorizzazione (legge 20 maggio 1975, n. 164, art. 12). Per gli interventi ordinari, il contributo addizionale è dovuto nelle ipotesi di causa oggettivamente evitabile, nelle misure del 4 e dell`8 rispettivamente a carico delle imprese fino ed oltre i 50 dipendenti. Per gli interventi straordinari, il contributo addizionale è dovuto in ogni caso (indipendentemente dalla evitabilità della causa), nelle aliquote del 3 e del 4,50, rispettivamente per le imprese fino ed oltre i 50 dipendenti. (AIB Notizie n. 31/88, pag. 45 e n. 32/88, pag. 5). Ai sensi dell`art. 1, commi 4 e 8, legge n.223/1991, il contributo addizionale per gli interventi straordinari CIG è dovuto nella misura doppia - dal 3 al 6, ovvero dal 4,5 al 9 per le imprese con più di 50 dipendenti - nei seguenti due casi: a) trascorsi 24 mesi dalla data di decorrenza del trattamento di CIGS; b) inottemperanza al d.m. che stabilisce i meccanismi di rotazione. L`obbligo ha effetto immediato dal decreto non ottemperato. In quest`ultimo caso, trascorsi 24 mesi dalla data di decorrenza del trattamento, il contributo viene maggiorato del 150. Per il settore edile l`aliquota percentuale del contributo normale, pari al 5,20, è unica e non varia in relazione al numero dei dipendenti; inoltre, con effetto dal 1 gennaio 1998, il contributo normale nella indicata misura del 5,20 resta fermo per i soli operai. Per impiegati e quadri l`aliquota è, invece, dovuta nelle stesse misure previste per il settore industriale, e quindi è pari a 1,90 per le aziende fino a 50 dipendenti e 2,20 per le aziende con oltre 50 dipendenti (art. 2, decreto legge 20 gennaio 1998, n. 4). 6b L`art. 2, comma 1, della legge 20 marzo 1998, n. 52, di conversione del decreto legge 20 gennaio 1998 (in AIB Notizie n. 13/98, pagg. 49 e segg.) ha ridotto il contributo normale per il finanziamento della Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria a carico delle aziende del settore dei materiali lapidei limitatamente agli impiegati e quadri. Più precisamente, con decorrenza dal periodo di paga in corso alla data di entrata in vigore della predetta legge di conversione, e cioè dal mese di marzo 1998, per gli impiegati e quadri del settore lapideo è dovuta la contribuzione per il trattamento ordinario di integrazione salariale secondo le aliquote generali dell`1,90 per le aziende fino a 50 dipendenti, e del 2,20 per le aziende con oltre 50 dipendenti. Resta, invece, ferma la misura del 3,70 per gli operai. 6c Contributo introdotto dall`art. 9, legge 29 dicembre 1990, n Con effetto dal 1 agosto 1991 l`obbligo non riguarda le imprese fino a 15 dipendenti, per le quali non sono ammessi interventi CIG straordinari. 7 Il contributo per maternità è stato ridotto di 0,20 punti percentuali a decorrere dal 1 luglio Per i viaggiatori e piazzisti (assicurati come tali, separatamente dagli altri impiegati), l`aliquota del contributo per la tutela lavoratrici madri è dello 0,24 interamente a carico del datore di lavoro: decreto ministeriale 21 febbraio 1996: AIB Notizie n. 15/96, pagg. 61 e segg.. Le Aziende operanti all estero in Paesi con i quali non vigono accordi di sicurezza sociale fruiscono, per i dipendenti ivi impiegati, dell esonero contributivo disposto dall art. 120, legge n. 388/2000, in misura dello 0,40. Per queste Aziende l esonero è escluso dal sistema della "nettizzazione" dei contributi, per cui continua ad essere fruito mediante esposizione del relativo importo sul modello Uniemens. 8 Il contributo 2,22 è dovuto per tutti gli operai indistintamente; è versato anche per gli intermedi, qualora si intenda assicurare a tali lavoratori la erogazione dell`indennità giornaliera di malattia a carico dell`inps. Il contributo non è dovuto per gli apprendisti, per gli impiegati, per i quadri e per i dirigenti.

5 * * * LORDIZZAZIONE delle indennità di malattia, infortunio e maternità, per il computo delle integrazioni contrattuali a carico impresa. Con effetto dal 1 gennaio e quindi per il per la generalità dei lavoratori i coefficienti di lordizzazione sono: - 1, presso le imprese fino a 15 dipendenti; - 1, presso le imprese maggiori. Per i lavoratori nel primo anno successivo alla promozione dall`apprendistato e per i primi sei mesi dalla assunzione in qualifica dei giovani muniti del noto diploma professionale i coefficienti sono: 1, e 1, rispettivamente presso le imprese fino, ed oltre 15 dipendenti. Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015 Dirigenti Ente al quale sono dovuti i contributi: INPS Voci azienda dirigente Fondo Previdenza Dirigenti 1 23,81 9,19 Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto 2 0, Totale 24,21 9,19 Aliquota aggiuntiva ,00 Voci azienda Fino a 15 dipendenti dirigente Assicurazione disoccupazione ASpI 4 1,61 1,61 Assegno per il nucleo familiare 4 4a 0,68 0,68 Oltre 15 dipendenti Contributo per l`indennità di mobilità ex art. 16, comma 2, l. 223/ , Totale 2,29 2,

6 Voci azienda dirigente Tutela lavoratrici madri 0, CONTRIBUZIONE ADDIZIONALE ASPI Anche per i dirigenti, con effetto sui periodi contributivi maturati a decorrere da gennaio 2013, è dovuto, ex art. 2, comma 28, della legge n. 92/2012, il contributo addizionale, pari all 1,4 della retribuzione imponibile, con riferimento ai soli rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato (sostanzialmente, i contratti con termine di durata apposto). Il contributo addizionale riguarda indifferentemente i contratti già in essere al 1 gennaio 2013 e quelli stipulati da tale data in poi, fatti salvi i previsti casi di esclusione. Restano ferme le ipotesi di esclusione già illustrate nella sezione dedicata ad impiegati ed operai. Contributo addizionale ASpI per contratti non a tempo indeterminato azienda lavoratori 1, Ente al quale sono dovuti i contributi: FASI Voci azienda fino ed oltre i 15 dipendenti Assistenza sanitaria integrativa per i dirigenti in servizio iscritti al Fondo 6 468,00 al trimestre Assistenza sanitaria integrativa per i dirigenti in pensione 6 318,00 al trimestre dirigente 240,00 al trimestre Le aliquote 23,81 e 9,19, rispettivamente a carico azienda e dirigente, si calcolano sulla retribuzione fino a ,00 annui per i dirigenti privi di anzianità contributiva al Per i dirigenti con anzianità contributiva presso l INPDAI ovvero presso altro regime obbligatorio al è stato eliminato, con effetto dal 1 gennaio 2003, il massimale contributivo Ivs in vigore presso l INPDAI fino al , e pertanto le aliquote in parola si applicano all`intera retribuzione imponibile. 2 L`aliquota 0,40 è in vigore dal 1 gennaio 1992 per effetto del d. l. 27 gennaio 1992 (AIB Notizie n. 9/92, pag. 127). L`aliquota previgente era 0,35. È dovuta sull`intera retribuzione, senza limiti di massimale. 3 L`aliquota 1, a carico dirigente, è dovuta sulla retribuzione eccedente la prima fascia di retribuzione pensionabile in vigore nell`assicurazione Generale Obbligatoria, per l`anno 2014 pari a ,00, ed entro il limite massimale di ,00 annui, per i dirigenti privi di anzianità contributiva al ; mentre è dovuta senza limiti di massimale per i dirigenti con anzianità contributiva alla predetta data. 4 Le percentuali indicate si calcolano sull`intera retribuzione, con il limite minimale giornaliero di 131,89 dal 1 gennaio 2015 indicato in questa stessa newsletter ( 131,63, fino al 31 dicembre 2014). Con effetto dal 1 febbraio 2001, l`art. 120 della legge n. 388/2000 ha disposto un esonero dal versamento dei contributi dovuti per il finanziamento degli assegni per il nucleo familiare nella misura di 0,8 punti percentuali. Tale esonero, a

7 decorrere dal periodo di paga "gennaio 2006", per effetto del sistema di "nettizzazione" dei contributi, opera direttamente in riduzione dell aliquota CUAF. 4a L art. 1, commi 361 e 362, della legge n. 266/2005 ha disposto, con decorrenza 1 gennaio 2006, l esonero di un punto percentuale degli oneri contributivi a carico Azienda. Per le imprese del settore industriale, tale esonero opera interamente sull aliquota CUAF, che viene ridotta dall 1,68 allo 0,68. Sono escluse dalla riduzione le Aziende operanti all estero in Paesi con i quali non vigono accordi di sicurezza sociale, per i dipendenti ivi impiegati. 5 Contributo interamente a carico impresa, introdotto con effetto dal 1 agosto 1991, dall`art. 16, comma 2, legge 23 luglio 1991, n L`obbligo non riguarda le imprese fino a 15 dipendenti, per le quali non sono ammessi interventi CIG straordinari. 6 Gli importi trimestrali indicati corrispondono a quelli annuali di 1.872,00, e di 1.272,00 a carico azienda; di 960,00 a carico dirigente, fissati dall`accordo 30 dicembre 2014, (v. newsletter associativa 27 gennaio 2015). Per le Aziende che si iscrivano, a partire dal 1 aprile 2006, a forme di assistenza sanitaria integrativa sostitutiva del FASI a favore dei soli dirigenti in servizio, il contributo trimestrale di 318,00 è maggiorato del 25. In tale ipotesi, pertanto, il medesimo è pari a 397,50 al trimestre per ciascun dirigente alle dipendenze (vedi AIB Notizie n. 1/2012).

8 Ente al quale sono dovuti i contributi: PREVINDAI (se il dirigente vi aderisce) A) Dirigenti già iscritti al Previndai alla data del 28 aprile 1993 (classe 1) azienda dirigente sulla retribuzione fino a ,00 annui ,00 * 4,00 Unitamente al versamento dei contributi di cui alla lett. A), dall l Azienda deve trasferire al Previndai una quota dell accantonamento annuale del TFR, di importo pari al 3 della retribuzione globale lorda percepita da ciascun dirigente, sempre che lo stesso non abbia optato per il versamento dell`intero TFR. * Se il dirigente versa anche una quota a proprio carico ed ha un`anzianità dirigenziale presso l`impresa superiore a sei anni compiuti, il contributo annuo a carico azienda dovuto dal 2013 non può essere inferiore a 4.800,00 euro (Accordo 25 novembre 2009). B) Dirigenti iscritti al Previndai dal 1 gennaio 1996, con occupazione di lavoro subordinato anteriore al 28 aprile 1993 (classe 2) azienda dirigente sulla retribuzione fino a , ,00 * 4,00 Unitamente al versamento dei contributi di cui alla lettera B), l`azienda deve trasferire al Previndai una quota dell`accantonamento annuale del TFR, di importo pari al 4 della retribuzione globale lorda effettivamente percepita da ciascun dirigente, sempre che lo stesso non abbia optato per il versamento dell`intero TFR. * Se il dirigente versa anche una quota a proprio carico ed ha un`anzianità dirigenziale presso l`impresa superiore a sei anni compiuti, il contributo annuo a carico azienda dovuto dal 2013, quindi anche per l`anno 2015, non può essere inferiore a 4.800,00 euro (Accordo 25 novembre 2009). C) Dirigenti iscritti al Previndai dal 1 gennaio 1996, di prima occupazione successiva al 27 aprile 1993 (classe 3) azienda dirigente sulla retribuzione fino a , ,00 * 4,00

9 Unitamente al versamento dei contributi di cui alla lettera C), l`azienda deve trasferire al Previndai l`intera quota dell`accantonamento annuale del TFR afferente il periodo cui è riferito il versamento contributivo. * Se il dirigente versa anche una quota a proprio carico ed ha un`anzianità dirigenziale presso l`impresa superiore a sei anni compiuti, il contributo annuo a carico azienda dovuto dal 2013, quindi anche per l`anno 2015, non può essere inferiore a 4.800,00 euro (Accordo 25 novembre 2009). 1 Dal 1 gennaio 2006 è stato abolito l obbligo del rispetto, nel versamento del contributo base (quota a carico azienda e quota a carico dirigente), del limite di deducibilità fiscale, pari ad 5.164,57. 2 Le misure minime percentuali del contributo - a carico azienda e dirigente - in occasione del versamento trimestrale, indicate nei precedenti punti A), B) e C), sono state fissate dall`accordo 14 aprile 2006 (AIB Notizie n. 15/2006, pagg. 13 e segg.), confermate dall`accordo di rinnovo 25 novembre 2009 (AIB Notizie n. 45/2009) e non modificate dall Accordo di rinnovo 30 dicembre A decorrere dal 1 gennaio 2005 il dirigente iscritto al Fondo può versare un contributo aggiuntivo a quello ordinario, a totale carico dell iscritto. L aliquota contributiva applicabile può essere pari, alternativamente, all 1, all 1,5 o al 2 della retribuzione globale lorda utile ai fini del TFR. Il versamento della contribuzione è soggetto alle stesse modalità ed agli stessi termini stabiliti per la contribuzione ordinaria. Non trovano applicazione i massimali annui (per ulteriori indicazioni, si veda la circolare Previndai n. 29/Imprese del maggio 2006, in AIB Notizie n. 18/2006, pagg. 37 e segg.). 4 Con decorrenza 1 gennaio 2010, l`azienda ha facoltà di versare ulteriore contribuzione, senza limite di massimale, anche se il dirigente versa a proprio carico il solo contributo minimo del 4 (Accordo 25 novembre 2009). 5 Con decorrenza 1 gennaio 2010, il massimale è stato elevato a ,00 euro (Accordo 25 novembre 2009, AIB Notizie n. 45/2009) N.B.: Le nuove adesioni a PREVINDAI dal 1 gennaio 2007 possono avvenire anche tramite il solo conferimento del TFR maturando, sia in modalità esplicita che tacita. I dirigenti aderenti a PREVINDAI, che versino solo una quota di TFR, nel corso del rapporto di lavoro possono modificare la loro scelta e destinare al fondo anche il residuo TFR maturando. In tal caso l`azienda trasferirà al fondo l`intera quota.

10 Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015 Apprendisti Ente al quale sono dovuti i contributi: INPS AZIENDE FINO A 9 DIPENDENTI Criteri di computo dell`organico Le percentuali si applicano sulla retribuzione imponibile. La nuova misura della contribuzione opera, con effetto dal 1 gennaio 2007, indifferentemente per i contratti di apprendistato stipulati da tale data in poi e per i contratti di apprendistato già in essere. La soglia di organico (fino a 9 dipendenti) che consente l applicazione, per il primo ed il secondo anno di durata del contratto, rispettivamente dell aliquota del 1,5 e del 3, va verificata nel momento di costituzione di ciascun rapporto di apprendistato, per le assunzioni effettuate dal 1 gennaio 2007 in poi. Nel computo dei dipendenti vanno inclusi tutti i lavoratori di qualunque qualifica (anche i dirigenti e i lavoratori a domicilio), con esclusione di: apprendisti; eventuali CFL ancora in essere; lavoratori assunti con contratto di inserimento/reinserimento ex d.lgs. n. 276/2003; lavoratori assunti con contratto di reinserimento, ex art. 20, legge n. 223/1991; lavoratori somministrati, quando il calcolo riguarda l organico dell utilizzatore. I lavoratori part-time si computano in proporzione all orario svolto in rapporto al tempo pieno, con arrotondamento all unità della frazione di orario superiore alla metà di quello normale. I lavoratori assenti vanno esclusi dal computo soltanto se sono stati sostituiti, ed in tal caso si computano i sostituti. I lavoratori intermittenti devono essere computati secondo il criterio stabilito nell art. 39, d.lgs. n. 276/2003, vale a dire in proporzione all orario di lavoro effettivamente svolto nell arco di ciascun semestre. Per ulteriori indicazioni, si veda la circolare INPS 23 gennaio 2007, n A. Assunzioni effettuate entro il Organico Quota Azienda Quota apprendista Totale fino a 9 dipendenti 1 anno 1,5 + 1,61 2 5,84 8,95 2 anno 3 + 1,61 2 5,84 10,45 dal 3 anno ,61 2 5,84 17,45

11 Con messaggio n del 19 ottobre , l`inps ha disposto che la ripartizione, fra le gestioni interessate, dell`aliquota del 10 a carico dei datori di lavoro debba essere effettuata nel seguente modo: FPLD 9,01 CUAF 0,11 MALATTIA 0,53 MATERNITA` 0,05 INAIL 0,30 B. Assunzioni effettuate a decorrere dal Organico Quota Azienda Quota apprendista Totale fino a 9 dipendenti 1 anno 0 + 1,61 2 5,84 7,45 2 anno 0+ 1,61 2 5,84 7,45 3 anno 0+ 1,61 2 5,84 7,45 dal 4 anno ,61 2 5,84 17,45 L`art. 22, comma 1, della legge 12 novembre 2011, n ha introdotto un`agevolazione, sotto forma di sgravio contributivo pari al 100 dell`aliquota contributiva a carico azienda, in favore dei datori di lavoro che occupano alle proprie dipendenze fino a 9 addetti. Lo sgravio contributivo per i primi tre anni della formazione in apprendistato si applica ai contratti stipulati successivamente al 1 gennaio 2012 ed entro il 31 dicembre Per gli anni di apprendistato successivi al terzo, anche per le aziende in parola è dovuta l`aliquota ordinaria dell`11,61. Resta ferma, invece, l`aliquota contributiva del 5,84 a carico apprendista. La concessione al datore di lavoro dello sgravio contributivo totale è subordinata: 1) al rispetto della disciplina comunitaria sugli aiuti de minimis, di cui al Regolamento CE n. 1998/2006 (sostituito dai nuovi regolamenti CE n. 1407/2013 e n. 1408/2013). Per l accesso allo sgravio, pertanto, le imprese devono presentare all INPS apposita dichiarazione; 2) alla condizione del possesso della regolarità contributiva e del rispetto degli accordi e contratti collettivi di lavoro applicabili. In assenza delle condizioni di cui ai punti 1) e 2) che precedono, trovano applicazione le aliquote indicate alla precedente tabella A.

12 AZIENDE CON OLTRE 9 DIPENDENTI Organico Quota Azienda Quota apprendista Totale oltre 9 dipendenti dalla data di assunzione ,61 2 5,84 17,45 PROSECUZIONE DEL RAPPORTO AL TERMINE DEL PERIODO DI APPRENDISTATO: MANTENIMENTO DEI BENEFICI PER L ANNO SUCCESSIVO Quota Azienda Quota apprendista Totale ,61 2 5,84 17,45 ASSUNZIONE IN APPRENDISTATO DALLE LISTE DI MOBILITA` Quota Azienda Quota apprendista per i primi 18 mesi 10 5,84 per il residuo periodo di apprendistato aliquota ordinaria 5,84 N.B. Per i lavoratori in possesso dei requisiti anagrafici e soggettivi previsti per una delle tre tipologie di apprendistato (per la qualifica ed il diploma professionale; professionalizzante o di mestiere; di alta formazione e ricerca), la disciplina "speciale" consistente nel regime contributivo proprio delle assunzioni dalla liste di mobilità e nell`esclusione del recesso ad nutum al termine della formazione opera a condizione che nel contratto individuale di lavoro le parti abbiano espressamente e per iscritto inserito la clausola di rinuncia alla facoltà di recesso al termine del periodo di formazione 5. L agevolazione compete sulla base delle medesime condizioni cui sono subordinate le agevolazioni di cui all art. 25, comma 9, legge n. 223/1991, ivi comprese quelle: concernenti il possesso della regolarità contributiva ed il rispetto degli accordi e contratti collettivi di lavoro applicabili (ex art. 1, comma 1175, l. n. 296/2006); derivanti dall applicazione dei principi generali in materia di agevolazioni (art. 4, commi 12, 13 e 14, legge n. 92/2012). Se il lavoratore assunto era destinatario dell indennità di mobilità, al datore di lavoro compete, in aggiunta all applicazione dell aliquota contributiva ridotta al 10, anche il beneficio del contributo mensile pari al 50 della predetta indennità ancora spettante al lavoratore 6.

13 ASSUNZIONI AGEVOLATE Quota Azienda Quota Lavoratore 10 aliquota piena La contribuzione dovuta per i lavoratori assunti in forza di disposizioni agevolative che rimandano, per l identificazione dell aliquota applicabile, alla contribuzione nella misura dovuta per gli apprendisti (es. lavoratori assunti dalle liste di mobilità), non è maggiorata né dell aliquota ordinaria di finanziamento dell ASpI (1,61), né, tantomeno, dell aliquota addizionale (1,4) riferita alle assunzioni a tempo determinato 7. Pertanto, a decorrere dal 1 gennaio 2013, e anche per l`anno 2015, in relazione a tali assunzioni agevolate resta confermata l aliquota contributiva del In AIB Notizie n. 4/2007, pagg. 11 e segg.. 2 Anche per gli apprendisti, con l`esclusione di quelli assunti dalle liste di mobilità, a decorrere dal periodo di paga "gennaio 2013", è dovuto il contributo ordinario di finanziamento dell`aspi, nella misura dell`1,61, per effetto dell`avvenuta estensione della nuova assicurazione per l`impiego anche a tale categoria di prestatori. L`aliquota non è abbattuta delle riduzioni del cuneo contributivo di cui alle leggi n. 388/2000 e 266/2005. Se il TFR dell`apprendista è versato al Fondo Tesoreria o alla previdenza complementare, trovano applicazione le misure compensative ex art. 8, d. l. n. 203/ AIB Notizie n. 39/2007, pagg. 11 e segg.. 4 In AIB Notizie n. 43/2011. Per le condizioni di accesso e le modalità di fruizione dello sgravio totale, si veda la circolare INPS 2 novembre 2012, n. 128, allegata alla circolare associativa RS/NF/es del 12 novembre Per una disamina più approfondita, v. circolare INPS n. 128/2012, di cui alla nota che precede. 6 V. nota precedente. 7 Art. 2, comma 37, l. 28 giugno 2012, n. 92.

14 * * * 1. Contributo di solidarietà Il contributo di solidarietà 10 non è indicato, perché riguarda erogazioni che non presentano carattere continuativo. La materia, disciplinata dall`art. 9-bis del decreto legge 29 marzo 1991, n. 103, convertito nella legge 1 giugno 1991, n. 166, è stata rivisitata dall`art. 6 del d. lgs. n. 314/1997. Ferma la disciplina già nota, l`effetto della rivisitazione comporta che, dal 1 gennaio 1998, i premi a carico azienda per polizze assicurative a copertura di rischi extraprofessionali, vita e sanitarie, anche se previste da contratto, accordo o regolamento, sono soggette a contribuzione ordinaria e non al contributo di solidarietà 10, come avvenuto fino al 31 dicembre 1997 (Inserto Redazionale AIB Notizie n. 3/98). 2. Contributo sulle interruzioni dei rapporti a tempo indeterminato Il contributo dovuto nei casi di interruzione dei rapporti a tempo indeterminato per le causali che, indipendentemente dal requisito contributivo, darebbero diritto all ASpI, per eventi intervenuti a decorrere dal 1 gennaio 2013, non è indicato in quanto non è generalizzato. È dovuto in misura pari al 41 del massimale mensile di ASpI per ogni 12 mesi di anzianità aziendale negli ultimi 3 anni. Per l anno 2015 si attende l`ufficializzazione degli importi da parte dell`inps. Nel computo sono considerati anche i periodi di lavoro con contratto diverso da quello a tempo indeterminato, se il rapporto è proseguito senza soluzione di continuità o se comunque ha dato luogo a restituzione del contributo addizionale 1,40, dovuto per i contratti con termine di durata apposto. Sono, invece, esclusi i periodi di aspettativa non retribuita, nonché i periodi di congedo straordinario, ex art. 42, comma 5. d. lgs. n. 151/2001. Le istruzioni operative sono state emanate dall`inps con circolare 22 marzo 2013, n. 44 1, e con messaggio 27 giugno 2013, n Devoluzione TFR e misure compensative I datori di lavoro che devolvono le quote di TFR maturando alle forme di previdenza complementare o che, occupando oltre 49 dipendenti, versano le quote di TFR inoptato al Fondo di Tesoreria, fruiscono delle misure compensative previste dal d.lgs. n. 252/2005, dal d.l. n. 203/2005 ed alla legge 296/2007. Si tratta nello specifico: a) dell abbattimento del contributo al Fondo di Garanzia TFR (0,20, elevato allo 0,40 per i dirigenti) nella stessa percentuale di TFR versato alla previdenza complementare o al Fondo di Tesoreria b) dell esonero contributivo pari allo 0,28 a far data dal 1 gennaio 2014 sui contributi sociali (in via prioritaria su ANF, maternità e disoccupazione, ed in caso di in capienza sui contributi comunque dovuti all INPS) nella stessa percentuale di TFR devoluto alla previdenza complementare o versato al Fondo Tesoreria c) della deduzione dal reddito di impresa del 4 dell importo annuo di TFR devoluto alla previdenza complementare o versato al Fondo di Tesoreria (elevato al 6 per le aziende con meno di 50 addetti)

15 Delle misure compensative di natura contributiva (lettere a) e b)), l Azienda terrà conto in sede di calcolo e versamento della contribuzione mensile dovuta, in relazione alla percentuale spettante. 4. Quota mensile di TFR in busta paga La Legge di stabilità per il ha esteso le misure compensative indicate al precedente punto 3) alle Aziende che, su richiesta del lavoratore e per i periodi di paga decorrenti dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, monetizzino in busta paga mensilmente la quota di TFR maturando, quale parte integrativa della retribuzione. Le Aziende fino a 49 dipendenti che, per l erogazione in busta paga delle quote di TFR maturando, faranno ricorso ad un finanziamento bancario specificamente dedicato, fruiranno, invece, del solo esonero dal versamento del contributo al Fondo di Garanzia TFR (0,20, elevato allo 0,40 per i dirigenti). Le medesime Aziende saranno tenute a versare un contributo pari allo 0,20 della retribuzione imponibile nella stessa percentuale del TFR monetizzato ai dipendenti, al fine di alimentare un Fondo di Garanzia ad hoc che verrà istituito presso l INPS. Per l operatività delle nuove disposizioni sarà emanato un apposito decreto. 1 In AIB Notizie n. 12/ In AIB Notizie n. 26/ art. 1, commi 26-34, legge n. 190/2014

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA Suggerimento n. 202/29 del 19 aprile 2013 AZ/GA INPS - MINIMALI DI RETRIBUZIONE E ALTRI ELEMENTI UTILI PER CALCOLO DEI CONTRIBUTI PER L ANNO 2013 - NUOVA CONTRIBUZIONE

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993 CONFERIMENTO TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE - VERSAMENTO ALL INPS DELLE QUOTE DI TFR RESIDUE PER LE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE 1 FEBBRAIO 2007 Sulla Gazzetta

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Contribuzione di finanziamento dell Assicurazione Sociale Per l Impiego ASPI

Contribuzione di finanziamento dell Assicurazione Sociale Per l Impiego ASPI Contribuzione di finanziamento dell Assicurazione Sociale Per l Impiego ASPI Torino 18 aprile 2013 Beniamino Gallo Contribuzione finanziamento ASPI L introduzione dell ASPI, a decorrere dal 1 gennaio 2013,

Dettagli

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Art.8 Finanziamento 1. Il finanziamento delle forme pensionistiche complementari può essere attuato mediante il versamento

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

Apprendistato: opportunità da non sottovalutare

Apprendistato: opportunità da non sottovalutare A cura del dottor Erminio Di Nora Apprendistato: opportunità da non sottovalutare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, dal 1 gennaio 2012 è stata modificata la misura dei contributi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

CIRCOLARE n. 3/2013 Roma, 10 gennaio 2012 Prot. n. 55 AS/bf

CIRCOLARE n. 3/2013 Roma, 10 gennaio 2012 Prot. n. 55 AS/bf CIRCOLARE n. 3/2013 Roma, 10 gennaio 2012 Prot. n. 55 AS/bf ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI PUBBLICI ESERCIZI ADERENTI ALLA CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL COMMERCIO TURISMO E SERVIZI E p.c.: AI SIGG.

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL. Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma, li 01-03-2007 Prot. 46

PATRONATO INCA CGIL. Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma, li 01-03-2007 Prot. 46 PATRONATO INCA CGIL Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85563268 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-previdenziali@inca.it

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO ZINNO CIRCOLARE DI STUDIO

STUDIO ASSOCIATO ZINNO CIRCOLARE DI STUDIO STUDIO ASSOCIATO ZINNO CIRCOLARE DI STUDIO 14/12/2012 Il Finanziamento dell Aspi e la tassa sui licenziamenti dal 01/01/2013 Sommario Circolare LAVORO Sommario...2 NEWS...3 1.1 La nuova disoccupazione

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

La destinazione del tfr. Mauro Porcelli - Airu - Università Cattolica del Sacro Cuore

La destinazione del tfr. Mauro Porcelli - Airu - Università Cattolica del Sacro Cuore La destinazione del tfr 1 Premessa: date rilevanti 29 aprile 1993: data di entrata in vigore del D.Lgs 124/1993 sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari. L'art. 8, comma 3, prevede che

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 11/03/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 11/03/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 11/03/2015 Circolare n. 57 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione (allegato

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 83 del 13 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Indennità ASPI anche per i soci lavoratori delle cooperative Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

e, per conoscenza, Importo dei contributi. Coefficienti di ripartizione.

e, per conoscenza, Importo dei contributi. Coefficienti di ripartizione. Direzione Centrale Entrate Roma, 08/02/2013 Circolare n. 25 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

5B -5C - 5D - 5F - 5G

5B -5C - 5D - 5F - 5G Cod Dal Al 5A CODICI 5 IMPRESA ARTIGIANA CON FAMILIARI COADIUTORI E/O SOCI. Il numero di tali lavoratori, iscritti nella Gestione speciale artigiani, deve essere inserito nel campo del mod. DM72 o del

Dettagli

Fondi di Solidarietà

Fondi di Solidarietà Fondi di Solidarietà III. Fondi di solidarietà Le aziende appartenenti a settori non coperti dalle integrazioni salariali, oppure rientranti nel campo di applicazione di queste ma che vogliono garantire

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro I commi da 26 a 34, introducono, in via sperimentale dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, la possibilità, per il lavoratore dipendente, che abbia un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE CD...2 GESTIONE DEL PERSONALE Revisione 01.31.21 UPD. 03.2014...4 Lavori da fare OBBLIGATORIAMENTE...4 Novità contribuzione 2014...6 Tabella tariffe domestici 2014...12

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

Circolare N.57 del 16 Aprile 2014

Circolare N.57 del 16 Aprile 2014 Circolare N.57 del 16 Aprile 2014 Contratti a termine e assunzioni agevolate per sostituzione maternità. Rimane la causale. Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il DL n. 34 del

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Per l'anno 2009 il limite minimo di retribuzione giornaliera per il calcolo dei contributi prevididenziali è determinato in 43,49 euro.

Per l'anno 2009 il limite minimo di retribuzione giornaliera per il calcolo dei contributi prevididenziali è determinato in 43,49 euro. Contributi previdenziali: i minimali ed i valori per l' INPS, circolare 02.02.2009 n. 14 Per l' il limite minimo di retribuzione giornaliera per il calcolo dei contributi prevididenziali è determinato

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR A cura di Maria Rosa Gheido 1 LEGGE DELEGA n. 243/2004 (luglio 2004) AVVISO COMUNE DELLE PARTI SOCIALI (febbraio e luglio 2005) DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

1) Contributi volontari dovuti dai lavoratori dipendenti non agricoli, da versare per l anno 2009

1) Contributi volontari dovuti dai lavoratori dipendenti non agricoli, da versare per l anno 2009 Direzione centrale Entrate Roma, 25 Marzo 2009 Circolare n. 45 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 POSTE ITALIANE LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 La presente informativa è stata redatta da Poste

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 54 del 9 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 6.5.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA

Dettagli

Si precisa che, per effetto delle previsioni della norma in esame, O DFFDQWRQDPHQWRGDWRULDOH ai sensi dell articolo 2120 del

Si precisa che, per effetto delle previsioni della norma in esame, O DFFDQWRQDPHQWRGDWRULDOH ai sensi dell articolo 2120 del 7IULQD]LHQGHFRQSLGLGLSHQGHQWL Nelle aziende del settore privato in cui operano almeno 50 addetti, le quote di trattamento di fine rapporto che maturano dal 1 gennaio 2007 e che i lavoratori decidono, con

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI ** PENSIONI LIQUIDATE* 1^ SALVAGUARDIA

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

1 Aliquote contributive. 1.1 Contributo IVS 1.1.1 Generalità dei datori di lavoro. Nessuna variazione è prevista per l'anno 2002.

1 Aliquote contributive. 1.1 Contributo IVS 1.1.1 Generalità dei datori di lavoro. Nessuna variazione è prevista per l'anno 2002. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE PROGETTO PER LA GESTIONE, LO SVILUPPO E IL COORDINAMENTO DELL AREA AGRICOLA Roma, 05 marzo 2002 Circolare n. 47 Ai Ai Ai Al Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

TRIENNALE PER NEOASSUNTI A

TRIENNALE PER NEOASSUNTI A ESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE PER NEOASSUNTI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 (legge di stabilità 2015 Circ. Inps 17/2015) DEFINIZIONE - Incentivo all occupazione per i contratti indeterminati - Non costituisce

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

Il finanziamento dell ASpI

Il finanziamento dell ASpI Articoli 2, comma 25-39 Contribuzione di finanziamento Il finanziamento dell ASpI di Josef Tschöll L art. 2, del d.d.l. 3249-A, ai commi dal 25 al 39, disciplina la contribuzione diretta a finanziare la

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio

Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio ANCL 1.12.2009 IL RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI INDUSTRIA Decorrenza: Il CCNL decorre dal 25.11.2009, salve le particolari decorrenze specificate nei singoli

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010. 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010. 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010 A. BENEFICIARI 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento Personale in servizio In coerenza con quanto stabilito

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS 1 Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze 3 3 Provincia di Firenze POPOLAZIONE RESIDENTE 998.098 LAVORATORI OCCUPATI

Dettagli

Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I.

Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I. Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I. A.S.P.I. tutela la disoccupazione, ma prevede anche misure di tutela in costanza del rapporto di lavoro in ipotesi di sospensione dell'attività Tutela della

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro di Luca Avallone Dal 1 gennaio 2007, con l entrata in vigore del decreto legislativo 252/2005 si ampliano le possibilità

Dettagli

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 10 1 MARZO 2014 Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS

Dettagli

Sgravio contributivo triennale L. 190/2014

Sgravio contributivo triennale L. 190/2014 Sgravio contributivo triennale L. 190/2014 Nuoro 2 aprile 2015 Premessa Con la circolare n. 17 del 29-01-2015 l'inps ha fornito le istruzioni per gestire l'esonero contributivo triennale per le nuove assunzioni

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 8 febbraio 2013, n.24

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 8 febbraio 2013, n.24 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 8 febbraio 2013, n.24 ed esercenti attività commerciali: contribuzione per l'anno 2013. Assicurazioni sociali - contributi

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga.

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. Lavorofisco.it Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. La legge di Stabilità 2015 prevede, infatti, in via sperimentale

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) ARCO FONDO NAZIONALE PENSIONE FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL LEGNO, SUGHERO, MOBILE ARREDAMENTO, BOSCHIVI/FORESTALI, LATERIZI E MANUFATTI IN CEMENTO, LAPIDEI, MANIGLIE

Dettagli