Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015"

Transcript

1 Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015 Impiegati e operai Ente al quale sono dovuti i contributi: INPS Voci azienda Fino a 15 dipendenti lavoratori (imprese fino ed oltre 15 dipendenti) Oltre 15 dipendenti Operai ed impiegati Fondo Pensioni Lavoratori dipendenti 23, ,81 1 9,19 1 Aliquota aggiuntiva ex art ,00 3-ter, legge n. 438/92 Assicurazione 3 1,61 1, disoccupazione ASpI Contributo per l`indennità di mobilità ex art. 16, , comma 2, l. 223/91 4 Fondo di garanzia per il trattamento di fine 0,20 0, rapporto 5 Assegno per il nucleo 5a 5b 0,68 0, familiare Totale 26,30 26,60 9,19 1 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI 6 ORDINARIA 6a E STRAORDINARIA Fino a 50 dipendenti Oltre 50 dipendenti Settore industriale 1,90 2,20 Settore edile 6a 5,20 5,20 Settore lapideo 6b 3,70 3,70 Fino a 15 dipendenti Oltre 15 dipendenti C.I.G. straordinaria 6c ,60 0,30 lavoratori imprese oltre 15 dipendenti

2 CONTRIBUZIONE DI MATERNITÀ E DI MALATTIA Voci azienda (imprese fino ed oltre 15 dipendenti) lavoratori imprese oltre 15 dipendenti Operai ed Impiegati Tutela lavoratrici madri 7 0, Contrib. Ind. economica giornaliera di malattia. Solo per operai ed intermedi: vedi nota 8 2, CONTRIBUZIONE ADDIZIONALE ASPI Con effetto sui periodi contributivi maturati a decorrere da gennaio 2013, l art. 2, comma 28, della legge n. 92/2012 ha introdotto un contributo addizionale, pari all 1,40 della retribuzione imponibile, dovuto dai datori di lavoro con riferimento ai soli rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato (sostanzialmente, i contratti con termine di durata apposto). Il contributo addizionale riguarda indifferentemente i contratti già in essere al 1 gennaio 2013 e quelli stipulati da tale data in poi, fatti salvi i previsti casi di esclusione. Contributo addizionale ASpI per contratti non a tempo indeterminato azienda 1, lavoratori Esclusioni Il contributo addizionale ASpI non è dovuto con riferimento alle seguenti categorie di lavoratori: 1. i lavoratori assunti con contratto a termine per sostituire lavoratori assenti; 2. i lavoratori assunti a termine per lo svolgimento delle attività stagionali di cui al DPR n. 1525/1963; 3. limitatamente ai periodi contributivi dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre 2015, i lavoratori assunti a termine per lo svolgimento delle attività stagionali definite tali dagli avvisi comuni e dai contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati entro il 31 dicembre 2011; 4. gli apprendisti. NOTA BENE Tutti i contributi dovuti all`inps devono essere computati con rispetto dei minimali retributivi giornalieri: 47,68 per operai ed impiegati, compresi quelli del settore dello spettacolo: vedi questa stessa newsletter. Per tutti i contributi di competenza INPS, esposti sopra, non sono fissati limiti

3 massimali relativamente ai lavoratori con anzianità contributiva al 31 dicembre Per i lavoratori che ne sono privi e che si iscrivono per la prima volta a decorrere dal 1 gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie (ovvero che esercitino, a decorrere dal 1 gennaio 2001, in presenza delle condizioni richieste dalla legge n. 335/1995, l`opzione per il sistema di calcolo contributivo della pensione), la contribuzione pensionistica (Ivs e addizionale 1 ex art. 3-ter, legge n. 438/92) è dovuta, con effetto dal 1 gennaio 2015, entro il massimale di ,00. 1 L`aliquota a carico dell`azienda comprende i seguenti contributi: - 21,50 Fondo pens. lav. dip. (la misura comprende l`aumento di 0,40 punti percentuali in atto dal 1 ottobre 1995 per effetto del d.m. 15 gennaio 1996: AIB Notizie n. 4/96, pagg. 107 e segg.; l`aumento di 0,35 punti percentuali in atto dal 1 gennaio 1996 con contestuale, equivalente, riduzione della contribuzione GES.CA.L. per effetto dell`art. 3, comma 24, legge 8 agosto 1995, n. 335: AIB Notizie n. 2/96, pagg. 51 e segg.; l`aumento di 4,43 punti percentuali in atto dal 1 gennaio 1996 con contestuale, corrispondente, riduzione delle contribuzioni Assicurazione T.B.C., tutela lavoratrici madri e Assegno per il nucleo familiare per effetto del d.m. 21 febbraio 1996: AIB Notizie n. 15/96, pagg. 61 e segg.); - 0,11 percentualizz. contrib. base; - 1,70 aliq. agg.va art. 22, comma 4, legge , n. 41; - 0,50 contrib. agg.vo legge , n L`aliquota a carico lavoratori comprende l`aumento di 0,25 punti percentuali in atto dal 1 maggio 1991 per effetto del d.l. 13 maggio 1991, n. 151, convertito in legge 12 luglio 1991, n. 202, in AIB Notizie n. 30/91, pag. 11; gli aumenti di 0,60 e di 0,20 punti percentuali in atto rispettivamente dal 1 luglio 1992 e dal 1 gennaio 1993 per effetto del d.l. 11 luglio 1992, n. 333, convertito in legge 8 agosto 1992, n. 359, in AIB Notizie n. 44/92, pagg. 7 e segg.; nonché gli aumenti di 0,20 e 0,35 punti percentuali in atto rispettivamente dal 1 ottobre 1995 e 1 gennaio 1996, per effetto del d.m. 16 gennaio 1996 e dell`art. 2, comma 24, legge n. 335/1995 dianzi citati. Infine, l`aliquota comprende l`aumento dello 0,30 disposto dalla legge n. 296/ Aliquota aggiuntiva introdotta dall`art. 3-ter, legge n. 438/1992. Si applica sulla retribuzione eccedente ,00: vedi questa stessa newsletter. L`aliquota non è computata nel totale a fine colonna. 3 Con effetto dal periodo di paga gennaio 2013, le assicurazioni ASpI e mini-aspi sono finanziate, tra l altro, attraverso un contributo ordinario pari all 1,61 della retribuzione imponibile. Si tratta dell aliquota contributiva già versata per la preesistente assicurazione DS, composta dall aliquota 1,30, dalla percentualizzazione dello 0,01 del contributo base e dal contributo incrementale dello 0,30 destinato, per le Aziende che vi aderiscono, al finanziamento dei Fondi interprofessionali per la formazione continua e, in caso contrario, ai Fondi di rotazione presso i Ministeri del Lavoro e dell`economia. 4 Contributo interamente a carico impresa, introdotto con effetto dal 1 agosto 1991, dall`art. 16, comma 2, legge 23 luglio 1991, n L`obbligo non riguarda le imprese fino a 15 dipendenti, per le quali non sono ammessi interventi CIG straordinari. 5 L`aliquota 0,20 è in vigore dal 1 gennaio 1992 per effetto del decreto legislativo 27 gennaio 1992 (AIB Notizie n. 8/92, pag. 111). L`aliquota previgente era 0,15. 5a L`art. 120 della legge n. 388/2000 ha disposto, con effetto dal 1 febbraio 2001, un esonero dal versamento dei contributi sociali dovuti per il finanziamento degli assegni per il nucleo familiare nella misura di 0,8 punti percentuali. Tale esonero, a decorrere dal periodo di paga "gennaio 2006", per effetto del sistema di "nettizzazione" dei contributi, opera direttamente in riduzione dell aliquota CUAF. 5b L art. 1, commi 361 e 362, della legge n. 266/2005 ha disposto, con decorrenza 1 gennaio 2006, l esonero di un punto percentuale degli oneri contributivi a carico Azienda. Per le imprese del settore industriale, tale esonero opera interamente sull aliquota CUAF, che viene ridotta dall 1,68 allo 0,68. Sono escluse dalla riduzione le Aziende operanti all estero in Paesi con i quali non vigono accordi di sicurezza sociale, per i dipendenti ivi impiegati (AIB Notizie n. 2/2006, pagg. 49 e segg.). 6 Con effetto dal 1 agosto 1991 l`obbligo della contribuzione CIG è esteso alle retribuzioni degli impiegati e dei quadri ai sensi dell`art. 14, comma 2, legge 23 luglio 1991, n I contributi per la gestione CIG ordinaria sono tutti interamente a carico delle imprese. Il contributo 0,90 per cento per la Gestione CIG

4 straordinaria è dovuto anche dalle imprese dei settori lapideo ed edile; è ripartito in 0,60 e 0,30, rispettivamente a carico impresa e lavoratore. 6a Il contributo 1,90 e 2,20, è dovuto continuativamente sulle retribuzioni di tutti i periodi di paga. E` inoltre previsto un contributo addizionale, dovuto interamente a carico delle imprese sulla base delle integrazioni salariali ordinarie e straordinarie, di fatto corrisposte in esito a specifica autorizzazione (legge 20 maggio 1975, n. 164, art. 12). Per gli interventi ordinari, il contributo addizionale è dovuto nelle ipotesi di causa oggettivamente evitabile, nelle misure del 4 e dell`8 rispettivamente a carico delle imprese fino ed oltre i 50 dipendenti. Per gli interventi straordinari, il contributo addizionale è dovuto in ogni caso (indipendentemente dalla evitabilità della causa), nelle aliquote del 3 e del 4,50, rispettivamente per le imprese fino ed oltre i 50 dipendenti. (AIB Notizie n. 31/88, pag. 45 e n. 32/88, pag. 5). Ai sensi dell`art. 1, commi 4 e 8, legge n.223/1991, il contributo addizionale per gli interventi straordinari CIG è dovuto nella misura doppia - dal 3 al 6, ovvero dal 4,5 al 9 per le imprese con più di 50 dipendenti - nei seguenti due casi: a) trascorsi 24 mesi dalla data di decorrenza del trattamento di CIGS; b) inottemperanza al d.m. che stabilisce i meccanismi di rotazione. L`obbligo ha effetto immediato dal decreto non ottemperato. In quest`ultimo caso, trascorsi 24 mesi dalla data di decorrenza del trattamento, il contributo viene maggiorato del 150. Per il settore edile l`aliquota percentuale del contributo normale, pari al 5,20, è unica e non varia in relazione al numero dei dipendenti; inoltre, con effetto dal 1 gennaio 1998, il contributo normale nella indicata misura del 5,20 resta fermo per i soli operai. Per impiegati e quadri l`aliquota è, invece, dovuta nelle stesse misure previste per il settore industriale, e quindi è pari a 1,90 per le aziende fino a 50 dipendenti e 2,20 per le aziende con oltre 50 dipendenti (art. 2, decreto legge 20 gennaio 1998, n. 4). 6b L`art. 2, comma 1, della legge 20 marzo 1998, n. 52, di conversione del decreto legge 20 gennaio 1998 (in AIB Notizie n. 13/98, pagg. 49 e segg.) ha ridotto il contributo normale per il finanziamento della Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria a carico delle aziende del settore dei materiali lapidei limitatamente agli impiegati e quadri. Più precisamente, con decorrenza dal periodo di paga in corso alla data di entrata in vigore della predetta legge di conversione, e cioè dal mese di marzo 1998, per gli impiegati e quadri del settore lapideo è dovuta la contribuzione per il trattamento ordinario di integrazione salariale secondo le aliquote generali dell`1,90 per le aziende fino a 50 dipendenti, e del 2,20 per le aziende con oltre 50 dipendenti. Resta, invece, ferma la misura del 3,70 per gli operai. 6c Contributo introdotto dall`art. 9, legge 29 dicembre 1990, n Con effetto dal 1 agosto 1991 l`obbligo non riguarda le imprese fino a 15 dipendenti, per le quali non sono ammessi interventi CIG straordinari. 7 Il contributo per maternità è stato ridotto di 0,20 punti percentuali a decorrere dal 1 luglio Per i viaggiatori e piazzisti (assicurati come tali, separatamente dagli altri impiegati), l`aliquota del contributo per la tutela lavoratrici madri è dello 0,24 interamente a carico del datore di lavoro: decreto ministeriale 21 febbraio 1996: AIB Notizie n. 15/96, pagg. 61 e segg.. Le Aziende operanti all estero in Paesi con i quali non vigono accordi di sicurezza sociale fruiscono, per i dipendenti ivi impiegati, dell esonero contributivo disposto dall art. 120, legge n. 388/2000, in misura dello 0,40. Per queste Aziende l esonero è escluso dal sistema della "nettizzazione" dei contributi, per cui continua ad essere fruito mediante esposizione del relativo importo sul modello Uniemens. 8 Il contributo 2,22 è dovuto per tutti gli operai indistintamente; è versato anche per gli intermedi, qualora si intenda assicurare a tali lavoratori la erogazione dell`indennità giornaliera di malattia a carico dell`inps. Il contributo non è dovuto per gli apprendisti, per gli impiegati, per i quadri e per i dirigenti.

5 * * * LORDIZZAZIONE delle indennità di malattia, infortunio e maternità, per il computo delle integrazioni contrattuali a carico impresa. Con effetto dal 1 gennaio e quindi per il per la generalità dei lavoratori i coefficienti di lordizzazione sono: - 1, presso le imprese fino a 15 dipendenti; - 1, presso le imprese maggiori. Per i lavoratori nel primo anno successivo alla promozione dall`apprendistato e per i primi sei mesi dalla assunzione in qualifica dei giovani muniti del noto diploma professionale i coefficienti sono: 1, e 1, rispettivamente presso le imprese fino, ed oltre 15 dipendenti. Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015 Dirigenti Ente al quale sono dovuti i contributi: INPS Voci azienda dirigente Fondo Previdenza Dirigenti 1 23,81 9,19 Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto 2 0, Totale 24,21 9,19 Aliquota aggiuntiva ,00 Voci azienda Fino a 15 dipendenti dirigente Assicurazione disoccupazione ASpI 4 1,61 1,61 Assegno per il nucleo familiare 4 4a 0,68 0,68 Oltre 15 dipendenti Contributo per l`indennità di mobilità ex art. 16, comma 2, l. 223/ , Totale 2,29 2,

6 Voci azienda dirigente Tutela lavoratrici madri 0, CONTRIBUZIONE ADDIZIONALE ASPI Anche per i dirigenti, con effetto sui periodi contributivi maturati a decorrere da gennaio 2013, è dovuto, ex art. 2, comma 28, della legge n. 92/2012, il contributo addizionale, pari all 1,4 della retribuzione imponibile, con riferimento ai soli rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato (sostanzialmente, i contratti con termine di durata apposto). Il contributo addizionale riguarda indifferentemente i contratti già in essere al 1 gennaio 2013 e quelli stipulati da tale data in poi, fatti salvi i previsti casi di esclusione. Restano ferme le ipotesi di esclusione già illustrate nella sezione dedicata ad impiegati ed operai. Contributo addizionale ASpI per contratti non a tempo indeterminato azienda lavoratori 1, Ente al quale sono dovuti i contributi: FASI Voci azienda fino ed oltre i 15 dipendenti Assistenza sanitaria integrativa per i dirigenti in servizio iscritti al Fondo 6 468,00 al trimestre Assistenza sanitaria integrativa per i dirigenti in pensione 6 318,00 al trimestre dirigente 240,00 al trimestre Le aliquote 23,81 e 9,19, rispettivamente a carico azienda e dirigente, si calcolano sulla retribuzione fino a ,00 annui per i dirigenti privi di anzianità contributiva al Per i dirigenti con anzianità contributiva presso l INPDAI ovvero presso altro regime obbligatorio al è stato eliminato, con effetto dal 1 gennaio 2003, il massimale contributivo Ivs in vigore presso l INPDAI fino al , e pertanto le aliquote in parola si applicano all`intera retribuzione imponibile. 2 L`aliquota 0,40 è in vigore dal 1 gennaio 1992 per effetto del d. l. 27 gennaio 1992 (AIB Notizie n. 9/92, pag. 127). L`aliquota previgente era 0,35. È dovuta sull`intera retribuzione, senza limiti di massimale. 3 L`aliquota 1, a carico dirigente, è dovuta sulla retribuzione eccedente la prima fascia di retribuzione pensionabile in vigore nell`assicurazione Generale Obbligatoria, per l`anno 2014 pari a ,00, ed entro il limite massimale di ,00 annui, per i dirigenti privi di anzianità contributiva al ; mentre è dovuta senza limiti di massimale per i dirigenti con anzianità contributiva alla predetta data. 4 Le percentuali indicate si calcolano sull`intera retribuzione, con il limite minimale giornaliero di 131,89 dal 1 gennaio 2015 indicato in questa stessa newsletter ( 131,63, fino al 31 dicembre 2014). Con effetto dal 1 febbraio 2001, l`art. 120 della legge n. 388/2000 ha disposto un esonero dal versamento dei contributi dovuti per il finanziamento degli assegni per il nucleo familiare nella misura di 0,8 punti percentuali. Tale esonero, a

7 decorrere dal periodo di paga "gennaio 2006", per effetto del sistema di "nettizzazione" dei contributi, opera direttamente in riduzione dell aliquota CUAF. 4a L art. 1, commi 361 e 362, della legge n. 266/2005 ha disposto, con decorrenza 1 gennaio 2006, l esonero di un punto percentuale degli oneri contributivi a carico Azienda. Per le imprese del settore industriale, tale esonero opera interamente sull aliquota CUAF, che viene ridotta dall 1,68 allo 0,68. Sono escluse dalla riduzione le Aziende operanti all estero in Paesi con i quali non vigono accordi di sicurezza sociale, per i dipendenti ivi impiegati. 5 Contributo interamente a carico impresa, introdotto con effetto dal 1 agosto 1991, dall`art. 16, comma 2, legge 23 luglio 1991, n L`obbligo non riguarda le imprese fino a 15 dipendenti, per le quali non sono ammessi interventi CIG straordinari. 6 Gli importi trimestrali indicati corrispondono a quelli annuali di 1.872,00, e di 1.272,00 a carico azienda; di 960,00 a carico dirigente, fissati dall`accordo 30 dicembre 2014, (v. newsletter associativa 27 gennaio 2015). Per le Aziende che si iscrivano, a partire dal 1 aprile 2006, a forme di assistenza sanitaria integrativa sostitutiva del FASI a favore dei soli dirigenti in servizio, il contributo trimestrale di 318,00 è maggiorato del 25. In tale ipotesi, pertanto, il medesimo è pari a 397,50 al trimestre per ciascun dirigente alle dipendenze (vedi AIB Notizie n. 1/2012).

8 Ente al quale sono dovuti i contributi: PREVINDAI (se il dirigente vi aderisce) A) Dirigenti già iscritti al Previndai alla data del 28 aprile 1993 (classe 1) azienda dirigente sulla retribuzione fino a ,00 annui ,00 * 4,00 Unitamente al versamento dei contributi di cui alla lett. A), dall l Azienda deve trasferire al Previndai una quota dell accantonamento annuale del TFR, di importo pari al 3 della retribuzione globale lorda percepita da ciascun dirigente, sempre che lo stesso non abbia optato per il versamento dell`intero TFR. * Se il dirigente versa anche una quota a proprio carico ed ha un`anzianità dirigenziale presso l`impresa superiore a sei anni compiuti, il contributo annuo a carico azienda dovuto dal 2013 non può essere inferiore a 4.800,00 euro (Accordo 25 novembre 2009). B) Dirigenti iscritti al Previndai dal 1 gennaio 1996, con occupazione di lavoro subordinato anteriore al 28 aprile 1993 (classe 2) azienda dirigente sulla retribuzione fino a , ,00 * 4,00 Unitamente al versamento dei contributi di cui alla lettera B), l`azienda deve trasferire al Previndai una quota dell`accantonamento annuale del TFR, di importo pari al 4 della retribuzione globale lorda effettivamente percepita da ciascun dirigente, sempre che lo stesso non abbia optato per il versamento dell`intero TFR. * Se il dirigente versa anche una quota a proprio carico ed ha un`anzianità dirigenziale presso l`impresa superiore a sei anni compiuti, il contributo annuo a carico azienda dovuto dal 2013, quindi anche per l`anno 2015, non può essere inferiore a 4.800,00 euro (Accordo 25 novembre 2009). C) Dirigenti iscritti al Previndai dal 1 gennaio 1996, di prima occupazione successiva al 27 aprile 1993 (classe 3) azienda dirigente sulla retribuzione fino a , ,00 * 4,00

9 Unitamente al versamento dei contributi di cui alla lettera C), l`azienda deve trasferire al Previndai l`intera quota dell`accantonamento annuale del TFR afferente il periodo cui è riferito il versamento contributivo. * Se il dirigente versa anche una quota a proprio carico ed ha un`anzianità dirigenziale presso l`impresa superiore a sei anni compiuti, il contributo annuo a carico azienda dovuto dal 2013, quindi anche per l`anno 2015, non può essere inferiore a 4.800,00 euro (Accordo 25 novembre 2009). 1 Dal 1 gennaio 2006 è stato abolito l obbligo del rispetto, nel versamento del contributo base (quota a carico azienda e quota a carico dirigente), del limite di deducibilità fiscale, pari ad 5.164,57. 2 Le misure minime percentuali del contributo - a carico azienda e dirigente - in occasione del versamento trimestrale, indicate nei precedenti punti A), B) e C), sono state fissate dall`accordo 14 aprile 2006 (AIB Notizie n. 15/2006, pagg. 13 e segg.), confermate dall`accordo di rinnovo 25 novembre 2009 (AIB Notizie n. 45/2009) e non modificate dall Accordo di rinnovo 30 dicembre A decorrere dal 1 gennaio 2005 il dirigente iscritto al Fondo può versare un contributo aggiuntivo a quello ordinario, a totale carico dell iscritto. L aliquota contributiva applicabile può essere pari, alternativamente, all 1, all 1,5 o al 2 della retribuzione globale lorda utile ai fini del TFR. Il versamento della contribuzione è soggetto alle stesse modalità ed agli stessi termini stabiliti per la contribuzione ordinaria. Non trovano applicazione i massimali annui (per ulteriori indicazioni, si veda la circolare Previndai n. 29/Imprese del maggio 2006, in AIB Notizie n. 18/2006, pagg. 37 e segg.). 4 Con decorrenza 1 gennaio 2010, l`azienda ha facoltà di versare ulteriore contribuzione, senza limite di massimale, anche se il dirigente versa a proprio carico il solo contributo minimo del 4 (Accordo 25 novembre 2009). 5 Con decorrenza 1 gennaio 2010, il massimale è stato elevato a ,00 euro (Accordo 25 novembre 2009, AIB Notizie n. 45/2009) N.B.: Le nuove adesioni a PREVINDAI dal 1 gennaio 2007 possono avvenire anche tramite il solo conferimento del TFR maturando, sia in modalità esplicita che tacita. I dirigenti aderenti a PREVINDAI, che versino solo una quota di TFR, nel corso del rapporto di lavoro possono modificare la loro scelta e destinare al fondo anche il residuo TFR maturando. In tal caso l`azienda trasferirà al fondo l`intera quota.

10 Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015 Apprendisti Ente al quale sono dovuti i contributi: INPS AZIENDE FINO A 9 DIPENDENTI Criteri di computo dell`organico Le percentuali si applicano sulla retribuzione imponibile. La nuova misura della contribuzione opera, con effetto dal 1 gennaio 2007, indifferentemente per i contratti di apprendistato stipulati da tale data in poi e per i contratti di apprendistato già in essere. La soglia di organico (fino a 9 dipendenti) che consente l applicazione, per il primo ed il secondo anno di durata del contratto, rispettivamente dell aliquota del 1,5 e del 3, va verificata nel momento di costituzione di ciascun rapporto di apprendistato, per le assunzioni effettuate dal 1 gennaio 2007 in poi. Nel computo dei dipendenti vanno inclusi tutti i lavoratori di qualunque qualifica (anche i dirigenti e i lavoratori a domicilio), con esclusione di: apprendisti; eventuali CFL ancora in essere; lavoratori assunti con contratto di inserimento/reinserimento ex d.lgs. n. 276/2003; lavoratori assunti con contratto di reinserimento, ex art. 20, legge n. 223/1991; lavoratori somministrati, quando il calcolo riguarda l organico dell utilizzatore. I lavoratori part-time si computano in proporzione all orario svolto in rapporto al tempo pieno, con arrotondamento all unità della frazione di orario superiore alla metà di quello normale. I lavoratori assenti vanno esclusi dal computo soltanto se sono stati sostituiti, ed in tal caso si computano i sostituti. I lavoratori intermittenti devono essere computati secondo il criterio stabilito nell art. 39, d.lgs. n. 276/2003, vale a dire in proporzione all orario di lavoro effettivamente svolto nell arco di ciascun semestre. Per ulteriori indicazioni, si veda la circolare INPS 23 gennaio 2007, n A. Assunzioni effettuate entro il Organico Quota Azienda Quota apprendista Totale fino a 9 dipendenti 1 anno 1,5 + 1,61 2 5,84 8,95 2 anno 3 + 1,61 2 5,84 10,45 dal 3 anno ,61 2 5,84 17,45

11 Con messaggio n del 19 ottobre , l`inps ha disposto che la ripartizione, fra le gestioni interessate, dell`aliquota del 10 a carico dei datori di lavoro debba essere effettuata nel seguente modo: FPLD 9,01 CUAF 0,11 MALATTIA 0,53 MATERNITA` 0,05 INAIL 0,30 B. Assunzioni effettuate a decorrere dal Organico Quota Azienda Quota apprendista Totale fino a 9 dipendenti 1 anno 0 + 1,61 2 5,84 7,45 2 anno 0+ 1,61 2 5,84 7,45 3 anno 0+ 1,61 2 5,84 7,45 dal 4 anno ,61 2 5,84 17,45 L`art. 22, comma 1, della legge 12 novembre 2011, n ha introdotto un`agevolazione, sotto forma di sgravio contributivo pari al 100 dell`aliquota contributiva a carico azienda, in favore dei datori di lavoro che occupano alle proprie dipendenze fino a 9 addetti. Lo sgravio contributivo per i primi tre anni della formazione in apprendistato si applica ai contratti stipulati successivamente al 1 gennaio 2012 ed entro il 31 dicembre Per gli anni di apprendistato successivi al terzo, anche per le aziende in parola è dovuta l`aliquota ordinaria dell`11,61. Resta ferma, invece, l`aliquota contributiva del 5,84 a carico apprendista. La concessione al datore di lavoro dello sgravio contributivo totale è subordinata: 1) al rispetto della disciplina comunitaria sugli aiuti de minimis, di cui al Regolamento CE n. 1998/2006 (sostituito dai nuovi regolamenti CE n. 1407/2013 e n. 1408/2013). Per l accesso allo sgravio, pertanto, le imprese devono presentare all INPS apposita dichiarazione; 2) alla condizione del possesso della regolarità contributiva e del rispetto degli accordi e contratti collettivi di lavoro applicabili. In assenza delle condizioni di cui ai punti 1) e 2) che precedono, trovano applicazione le aliquote indicate alla precedente tabella A.

12 AZIENDE CON OLTRE 9 DIPENDENTI Organico Quota Azienda Quota apprendista Totale oltre 9 dipendenti dalla data di assunzione ,61 2 5,84 17,45 PROSECUZIONE DEL RAPPORTO AL TERMINE DEL PERIODO DI APPRENDISTATO: MANTENIMENTO DEI BENEFICI PER L ANNO SUCCESSIVO Quota Azienda Quota apprendista Totale ,61 2 5,84 17,45 ASSUNZIONE IN APPRENDISTATO DALLE LISTE DI MOBILITA` Quota Azienda Quota apprendista per i primi 18 mesi 10 5,84 per il residuo periodo di apprendistato aliquota ordinaria 5,84 N.B. Per i lavoratori in possesso dei requisiti anagrafici e soggettivi previsti per una delle tre tipologie di apprendistato (per la qualifica ed il diploma professionale; professionalizzante o di mestiere; di alta formazione e ricerca), la disciplina "speciale" consistente nel regime contributivo proprio delle assunzioni dalla liste di mobilità e nell`esclusione del recesso ad nutum al termine della formazione opera a condizione che nel contratto individuale di lavoro le parti abbiano espressamente e per iscritto inserito la clausola di rinuncia alla facoltà di recesso al termine del periodo di formazione 5. L agevolazione compete sulla base delle medesime condizioni cui sono subordinate le agevolazioni di cui all art. 25, comma 9, legge n. 223/1991, ivi comprese quelle: concernenti il possesso della regolarità contributiva ed il rispetto degli accordi e contratti collettivi di lavoro applicabili (ex art. 1, comma 1175, l. n. 296/2006); derivanti dall applicazione dei principi generali in materia di agevolazioni (art. 4, commi 12, 13 e 14, legge n. 92/2012). Se il lavoratore assunto era destinatario dell indennità di mobilità, al datore di lavoro compete, in aggiunta all applicazione dell aliquota contributiva ridotta al 10, anche il beneficio del contributo mensile pari al 50 della predetta indennità ancora spettante al lavoratore 6.

13 ASSUNZIONI AGEVOLATE Quota Azienda Quota Lavoratore 10 aliquota piena La contribuzione dovuta per i lavoratori assunti in forza di disposizioni agevolative che rimandano, per l identificazione dell aliquota applicabile, alla contribuzione nella misura dovuta per gli apprendisti (es. lavoratori assunti dalle liste di mobilità), non è maggiorata né dell aliquota ordinaria di finanziamento dell ASpI (1,61), né, tantomeno, dell aliquota addizionale (1,4) riferita alle assunzioni a tempo determinato 7. Pertanto, a decorrere dal 1 gennaio 2013, e anche per l`anno 2015, in relazione a tali assunzioni agevolate resta confermata l aliquota contributiva del In AIB Notizie n. 4/2007, pagg. 11 e segg.. 2 Anche per gli apprendisti, con l`esclusione di quelli assunti dalle liste di mobilità, a decorrere dal periodo di paga "gennaio 2013", è dovuto il contributo ordinario di finanziamento dell`aspi, nella misura dell`1,61, per effetto dell`avvenuta estensione della nuova assicurazione per l`impiego anche a tale categoria di prestatori. L`aliquota non è abbattuta delle riduzioni del cuneo contributivo di cui alle leggi n. 388/2000 e 266/2005. Se il TFR dell`apprendista è versato al Fondo Tesoreria o alla previdenza complementare, trovano applicazione le misure compensative ex art. 8, d. l. n. 203/ AIB Notizie n. 39/2007, pagg. 11 e segg.. 4 In AIB Notizie n. 43/2011. Per le condizioni di accesso e le modalità di fruizione dello sgravio totale, si veda la circolare INPS 2 novembre 2012, n. 128, allegata alla circolare associativa RS/NF/es del 12 novembre Per una disamina più approfondita, v. circolare INPS n. 128/2012, di cui alla nota che precede. 6 V. nota precedente. 7 Art. 2, comma 37, l. 28 giugno 2012, n. 92.

14 * * * 1. Contributo di solidarietà Il contributo di solidarietà 10 non è indicato, perché riguarda erogazioni che non presentano carattere continuativo. La materia, disciplinata dall`art. 9-bis del decreto legge 29 marzo 1991, n. 103, convertito nella legge 1 giugno 1991, n. 166, è stata rivisitata dall`art. 6 del d. lgs. n. 314/1997. Ferma la disciplina già nota, l`effetto della rivisitazione comporta che, dal 1 gennaio 1998, i premi a carico azienda per polizze assicurative a copertura di rischi extraprofessionali, vita e sanitarie, anche se previste da contratto, accordo o regolamento, sono soggette a contribuzione ordinaria e non al contributo di solidarietà 10, come avvenuto fino al 31 dicembre 1997 (Inserto Redazionale AIB Notizie n. 3/98). 2. Contributo sulle interruzioni dei rapporti a tempo indeterminato Il contributo dovuto nei casi di interruzione dei rapporti a tempo indeterminato per le causali che, indipendentemente dal requisito contributivo, darebbero diritto all ASpI, per eventi intervenuti a decorrere dal 1 gennaio 2013, non è indicato in quanto non è generalizzato. È dovuto in misura pari al 41 del massimale mensile di ASpI per ogni 12 mesi di anzianità aziendale negli ultimi 3 anni. Per l anno 2015 si attende l`ufficializzazione degli importi da parte dell`inps. Nel computo sono considerati anche i periodi di lavoro con contratto diverso da quello a tempo indeterminato, se il rapporto è proseguito senza soluzione di continuità o se comunque ha dato luogo a restituzione del contributo addizionale 1,40, dovuto per i contratti con termine di durata apposto. Sono, invece, esclusi i periodi di aspettativa non retribuita, nonché i periodi di congedo straordinario, ex art. 42, comma 5. d. lgs. n. 151/2001. Le istruzioni operative sono state emanate dall`inps con circolare 22 marzo 2013, n. 44 1, e con messaggio 27 giugno 2013, n Devoluzione TFR e misure compensative I datori di lavoro che devolvono le quote di TFR maturando alle forme di previdenza complementare o che, occupando oltre 49 dipendenti, versano le quote di TFR inoptato al Fondo di Tesoreria, fruiscono delle misure compensative previste dal d.lgs. n. 252/2005, dal d.l. n. 203/2005 ed alla legge 296/2007. Si tratta nello specifico: a) dell abbattimento del contributo al Fondo di Garanzia TFR (0,20, elevato allo 0,40 per i dirigenti) nella stessa percentuale di TFR versato alla previdenza complementare o al Fondo di Tesoreria b) dell esonero contributivo pari allo 0,28 a far data dal 1 gennaio 2014 sui contributi sociali (in via prioritaria su ANF, maternità e disoccupazione, ed in caso di in capienza sui contributi comunque dovuti all INPS) nella stessa percentuale di TFR devoluto alla previdenza complementare o versato al Fondo Tesoreria c) della deduzione dal reddito di impresa del 4 dell importo annuo di TFR devoluto alla previdenza complementare o versato al Fondo di Tesoreria (elevato al 6 per le aziende con meno di 50 addetti)

15 Delle misure compensative di natura contributiva (lettere a) e b)), l Azienda terrà conto in sede di calcolo e versamento della contribuzione mensile dovuta, in relazione alla percentuale spettante. 4. Quota mensile di TFR in busta paga La Legge di stabilità per il ha esteso le misure compensative indicate al precedente punto 3) alle Aziende che, su richiesta del lavoratore e per i periodi di paga decorrenti dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, monetizzino in busta paga mensilmente la quota di TFR maturando, quale parte integrativa della retribuzione. Le Aziende fino a 49 dipendenti che, per l erogazione in busta paga delle quote di TFR maturando, faranno ricorso ad un finanziamento bancario specificamente dedicato, fruiranno, invece, del solo esonero dal versamento del contributo al Fondo di Garanzia TFR (0,20, elevato allo 0,40 per i dirigenti). Le medesime Aziende saranno tenute a versare un contributo pari allo 0,20 della retribuzione imponibile nella stessa percentuale del TFR monetizzato ai dipendenti, al fine di alimentare un Fondo di Garanzia ad hoc che verrà istituito presso l INPS. Per l operatività delle nuove disposizioni sarà emanato un apposito decreto. 1 In AIB Notizie n. 12/ In AIB Notizie n. 26/ art. 1, commi 26-34, legge n. 190/2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

INPS - DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI

INPS - DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI INPS - DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI Sommario 1. Minimali e massimali retributivi ai fini imponibili 2. Contributi per l'assicurazione obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti 3. Contributi

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

GUIDA ALLA CORREZIONE EGLI ERRORI

GUIDA ALLA CORREZIONE EGLI ERRORI GUIDA ALLA CORREZIONE EGLI ERRORI Cosa è un Emens/Uniemens Errato e il Codice Errore Pag. 6 Consultazione del rendiconto Individuale Pag. 8 Eliminazione Emens Pag. 11 Eliminazione Uniemens Pag. 13 Elementi

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di intervento straordinario di integrazione salariale. -

Art. 1 Norme in materia di intervento straordinario di integrazione salariale. - LA NORMATIVA SUL LAVORO - LEGGE 223/91 "NORME IN MATERIA DI CASSA INTEGRAZIONE, MOBILITA', TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE, ATTUAZIONE DI DIRETTIVE DELLA COMUNITA' EUROPEA, AVVIAMENTO AL LAVORO ED ALTRE

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Contratti di Solidarietà Difensivi

Contratti di Solidarietà Difensivi Manuale Operativo Contratti di Solidarietà Difensivi (SOL) UR1206125000 Wolters Kluwer Italia S.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

TESSILE E MODA ARTIGIANATO

TESSILE E MODA ARTIGIANATO TABELLA A - CALZATURIERI - TESSILI - STUDI DI DISEGNI TESSILI AGGIORNAMENTI ccnl: Agosto 2014 ccril: aprile 2000 prossimo aumento aprile 2015 IMPIEGATI 6 LIVELLO ex prima categoria 5 LIVELLO ex seconda

Dettagli

Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione

Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione Il Testo Unico sull apprendistato, le intese Stato-Regioni, gli interpelli, gli accordi e le prassi adottate a cura di Studio di consulenza aziendale

Dettagli