A. IL TORNEO. B. ASSICURAZIONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A. IL TORNEO. B. ASSICURAZIONE."

Transcript

1 A. IL TORNEO. 1. Il 25 Torneo Ravano ERG è costituito dall insieme di 4 Tornei delle discipline calcio, pallacanestro, pallavolo, rugby ed avrà luogo nelle provincie di Genova, Imperia, La Spezia e Savona dal 15 Aprile al 5 Maggio Il Comitato organizzatore del torneo si avvale delle competenze della sezione tecnica della FIGC Settore Giovanile e Scolastico- Ufficio del Coordinatore Liguria, del Comitato Regionale Liguria della FederRugby, del Comitato regionale ligure della Federazione Italiana Pallacanestro e del Comitato regionale Ligure della Federazione Italiana Pallavolo sia nella stesura dei regolamenti tecnici che nel rispetto degli stessi sui campi di gara. 3. Possono partecipare al Torneo, organizzato dalla U.C. Sampdoria alunne e alunni regolarmente iscritti e frequentanti le classi quarta e quinta delle scuole elementari pubbliche e private di Genova, Imperia, La Spezia e Savona e comunque nati non prima del 01/01/1998. Tutti i plessi scolastici possono iscrivere squadre (anche più di una) maschili e femminili (per il calcio) o miste (per rugby, pallacanestro e pallavolo). 4. Nel caso in cui i plessi non siano in grado di presentarsi autonomamente con una propria squadra, la Direzione Didattica di appartenenza potrà provvedere ai possibili accorpamenti, a seguito di richiesta scritta al Comitato Organizzatore per la necessaria autorizzazione. 5. La responsabilità della squadra iscritta deve essere affidata al personale scolastico o ad un genitore degli alunni iscritti alla scuola. Sono ammessi interventi di operatori esterni, in aggiunta al personale precedentemente citato, a seguito esclusivamente di deliberazione del Consiglio del Circolo ai sensi delle vigenti norme sull'autonomia scolastica. A tale proposito, nell'esclusivo interesse del corretto coinvolgimento degli alunni/e alla manifestazione ed a tutela dell'istituto stesso, vengono identificati di norma quali operatori esterni, gli istruttori regolarmente inquadrati nei ruoli CONI-FIGC (con deroga per i possessori dell'attestato di partecipazione ai corsi CONI-FIGC) per il calcio, istruttori che abbiano la qualifica Secondo Momento Regionale per il rugby, istruttori minibasket per il basket e istruttori FIPAV per la pallavolo. Il fac-simile di delibera del Consiglio di Circolo lo troverete allegato al presente regolamento tecnico. Resta inteso che detti operatori esterni non potranno intervenire con divise di Società sportive. 6. La persona responsabile di ogni squadra debitamente delegata dal Consiglio di Circolo come da art.5 precedente dovrà durante gli incontri vestire la pettorina dedicata con la dicitura Educatore. 7. Per il corretto rispetto delle regole di gioco e delle norme di partecipazione alle gare, l Organizzazione si avvale rispettivamente di esperti del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC, presenti durante lo svolgimento delle gare. B. ASSICURAZIONE. 1. Tutti i partecipanti al Torneo dovranno essere assicurati secondo la vigente normativa per le attività sportive scolastiche. 2. Tutti i partecipanti devono essere in regola con la certificazione medico-sanitaria (Certificato stato di buona salute), da presentarsi in copia alla Commissione Campo il giorno della prima partita al momento dell appello. Per nessun motivo verrà accettato qualsiasi documento sostituisca il Certificato stato di buona salute e chiunque non sia in possesso di tale certificato il giorno della prima partita non verrà lasciato scendere in campo. L iscrizione delle squadre potrà definirsi completata soltanto nel momento in cui tutti i certificati medici saranno in possesso dell organizzazione. 3. L assistenza sanitaria nelle fasi del Torneo è a carico del Comitato Organizzatore. 4. L organizzazione declina ogni responsabilità per infortuni di giocatori dovuti a mancanza dell osservanza delle norme assicurative. ISCRIZIONE E PARTECIPAZIONE 5. L iscrizione al torneo avverrà in due fasi distinte: la prima attraverso il sito nell apposito spazio denominato iscrizioni in cui verranno richieste tutte le informazioni necessarie all organizzazione; successivamente una volta ricevuta la conferma via mail da parte dell organizzazione stessa (indirizzo scatterà la seconda fase dell iscrizione: infatti sarà necessario inviare una conferma via fax (al numero ). Questa fase delle iscrizioni dovrà concludersi entro e non oltre il 25 febbraio All'atto dell'iscrizione ogni Direzione Didattica o Plesso scolastico si farà carico di fornire un lenco con i nominativi dei componenti di ogni squadra rispettando i numeri minimi e massimi di elementi specificato nel regolamento di ogni singola disciplina. Gli alunni devono essere regolarmente iscritti e frequentanti le classi 4 e 5 elementare ed essere nati dopo il 1 gennaio La lista di iscrizione (stampabile dal sito una volta completata la prima fase dell iscrizione) deve essere debitamente firmata dal Dirigente Scolastico e timbrata dalla segreteria della Direzione. Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione Scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni agli istituti scolastici indicati. Gli alunni non potranno partecipare a gare con altre squadre iscritte dalla stessa Direzione o a Tornei di altre discipline inseriti nella stessa edizione del Torneo Ravano ERG. 6. Ad ogni squadra partecipante verranno consegnate con modalità da convenirsi le carte di partecipazione e le distinte di gara. 7. La carta di partecipazione, compilata in ogni sua parte, e sulla quale deve essere applicata la foto dell alunno/a partecipante, ha valore quale documento ufficiale di riconoscimento. 8. Eventuali aggiunte o sostituzioni di alunni all interno dei certificati dì iscrizione dovranno pervenire all organizzazione via fax vidimate dal Dirigente Scolastico entro e non oltre il giorno 25 Aprile La possibilità di aggiunte o sostituzioni di alunni durante la prima fase del torneo (15 aprile 25 aprile) deve avvenire solo per validi e comprovati motivi. 9. Prima di ogni partita dovrà essere consegnata la distinta firmata dal Dirigente Scolastico e timbrata dalla segreteria della Direzione, compilata in triplice copia su apposito stampato, con l elenco nominativo degli alunni partecipanti alla gara, accompagnata dalla carte di partecipazione. 10. Non sono ammessi ritardi superiori ai 15 minuti. Alle squadre che non si presenteranno nella sede di gara entro tale termine verrà attribuita la sconfitta a tavolino secondo il punteggio previsto per ogni disciplina. H. ABBIGLIAMENTO SPORTIVO. 11. Deve obbligatoriamente essere utilizzato quello fornito dall Organizzazione (maglia, pantaloncini e calzettoni) che rimarrà al singolo partecipante come ricordo della manifestazione.

2 I. COPPE E TROFEI. La fase finale verrà disputata il 5 Maggio 2009 presso il Palasport della Fiera internazionale di Genova. 12. Alla squadra 1 classificata (maschile/femminile) verrà assegnata la Coppa Paolo Mantovani. 13. Il capocannoniere (maschio/femmina) verrà premiato con un Trofeo dedicato. 14. Viene messa in palio la Coppa ERG Fairplay, che verrà consegnata alla squadra o all atleta che - per insindacabile giudizio di una apposita giuria - verrà segnalato per il suo comportamento particolarmente sportivo, generoso e leale. 15. Un premio speciale - Premio miglior tifo - verrà offerto dalla Fondazione Edoardo Garrone alla migliore manifestazione di tifo (coro, striscione, animazione, ecc.). L'obbiettivo è quello di stimolare e valorizzare la sportività ed il fairplay non solo in campo, ma anche sugli spalti. TORNEO DI CALCIO COMPOSIZIONE DELLA SQUADRA. 1. Vengono disputati due distinti tornei, uno maschile ed uno femminile. Non sono ammesse squadre miste. 2. Ogni certificato di iscrizione dovrà comprendere un massimo di 14 nomi per il Torneo Maschile (di cui obbligatoriamente un giocatore con il ruolo esclusivamente di portiere se gli iscritti sono 11, mentre obbligatoriamente due giocatori che hanno il ruolo esclusivamente di portiere se gli iscritti sono tra 12 e 14) e di 12 nomi per il Torneo Femminile (di cui obbligatoriamente una giocatrice con il ruolo esclusivamente di portiere se gli iscritti sono 11, mentre obbligatoriamente due giocatrici con il ruolo esclusivamente di portiere se gli iscritti sono 12). Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni agli istituti scolastici indicati. L insieme dei nomi corredato dalle date di nascita degli alunni e delle alunne va a costituire la rosa di ogni squadra. Ogni giocatore potrà essere iscritto in una sola rosa. 3. Sulla distinta di gara possono essere inseriti un massimo di 14 nomi per il Torneo Maschile e di 12 nomi per il Torneo Femminile. 4. Verrà considerata sconfitta con il risultato di (0 3) la squadra che si presenterà con, ed iscriverà in distinta, meno di 10 alunni (Per il Torneo femminile il numero minimo è di 8 alunne) e che non osserverà l'obbligo di partecipazione ai 10 iscritti (Per il Torneo femminile il numero minimo è di 8 alunne) in distinta, ad almeno un tempo di gara. Non sono pertanto previste sostituzioni nel primo tempo salvo casi di infortunio. Tuttavia in tale eventualità resta comunque assicurata alla squadra incompleta la disputa della gara indipendentemente dal risultato pre-acquisito sopraccitato. Il rientro del calciatore uscito per infortunio potrà avvenire solo dietro il parere favorevole del medico di servizio presente alla gara. Lo stesso dovrà prendere il posto del compagno che lo aveva sostituito. Ulteriori cambi volanti possono effettuarsi nel corso del secondo tempo unicamente tra i giocatori sostituiti al termine del primo tempo e quelli rimasti in campo dall'inizio della gara, oltre naturalmente i casi di infortuni come sopra indicati. Regola 1: CARTA DI PARTECIPAZIONE MODALITA DI AMMISSIONE ALLE GARE minuti prima di ogni partita dovrà essere consegnata all organizzazione la distinta, compilata in triplice copia su apposito stampato, con l elenco nominativo degli alunni partecipanti alla gara (non meno di 10 unità per i maschi, non meno di 8 unità per le femmine) a firma del Dirigente Scolastico e con il timbro della scuola, oltre alla carta di partecipazione degli alunni inseriti in distinta. 2. In mancanza di certificato medico regolarmente consegnato all organizzazione gli alunni non potranno in alcun caso prendere parte alla partita. Regola 2: DURATA DELLA GARA 1. Le fasi eliminatorie a girone prevedono due tempi da 10 minuti ciascuno; l intervallo di metà gara non può essere superiore a un minuto. 2. I sedicesimi, ottavi e quarti prevedono due tempi da 10 minuti ciascuno. In caso di parità l arbitro provvede a far calciare una serie di 3 rigori per squadra; persistendo la parità, si procede a calciare i rigori ad oltranza sino a quando, a parità di rigori calciati, una squadra risulta in vantaggio. Sia la prima serie di rigori che i rigori ad oltranza devono essere calciati ogni volta da un giocatore diverso scelto tra tutti i giocatori riportati in distinta e non solo tra quelli presenti in campo al termine della gara. In caso di ulteriore parità si possono proporre i giocatori che già avevano calciato la prima serie di rigori. 3. Le semifinali e le finali prevedono due tempi da 15 minuti ciascuno; l intervallo di metà tempo non può essere superiore ai 3 minuti. In caso di parità al termine dei due tempi l arbitro provvede a far calciare una serie di 3 rigori. In caso di ulteriore parità si procederà ad oltranza, applicando in entrambi i casi le modalità riportate al punto Essendo il Torneo a rapido svolgimento, può accadere che una squadra sia impegnata per due incontri in una stessa giornata. 5. Non sono ammessi ritardi superiori ai 15 minuti. Alle squadre che non si presenteranno nella sede di gara entro tale termine verrà attribuita sconfitta per 0-3. Regola 3: CRITERI DI QUALIFICAZIONE. 1. I criteri di qualificazione per determinare la vincente del girone sono i seguenti: 1. Maggior numero di punti (3 punti alla squadra vincente, 1 punto alle squadre che pareggiano, 0 punti in caso di sconfitta). 2. Differenza reti.

3 3. Maggior numero di reti segnate. 4. Nel caso in cui la parità si verifichi, per effetto di punti precedenti, tra le due squadre in campo nell ultima gara del girone, si procederà con la serie dei calci di rigore secondo la procedura indicata al punto 2 della regola 2, capitolo Durata della gara. 5. Sorteggio, in caso di ulteriore parità, alla presenza dei rappresentanti delle squadre interessate o, in loro mancanza, dell arbitro. 6. Qualora ricorresse la condizione descritta al capitolo Composizione della squadra comma 3 in caso di disputa della gara deve considerarsi valido il risultato acquisito sul campo, se più favorevole del punteggio 0-3 acquisito a tavolino. Regola 4: REGOLE DI GIOCO E NORME DI COMPORTAMENTO 1. Intemperanze, scorrettezze gravi, insulti e gesti volgari da parte dei giovani calciatori e/o degli adulti rappresentanti della scuola (accompagnatori, educatori ) verranno sanzionate con l espulsione dal campo di gioco. 2. Non esiste la posizione di fuorigioco. 3. Non esistono punizioni dirette, tranne il calcio di rigore. Risulta valida la rete segnata direttamente su tiro diretto da azione di calcio d'angolo. 4. Non sono valide le reti segnate direttamente dal portiere su rimessa e/o in azioni di gioco, qualora il portiere abbia preso in mano la palla. 5. I giocatori possono passare la palla al portiere con i piedi, e questi potrà raccoglierla con le mani. 6. La rimessa laterale va effettuata con le mani secondo le regole del gioco del calcio. 7. La rimessa dal fondo viene effettuata dal portiere di piede o con le mani non con palla ferma. 8. La distanza della barriera dal punto in cui viene battuta la punizione indiretta è di 5 passi. 9. Sono unicamente consentiti l uso di scarpini da calcetto o scarpe da ginnastica. 10. Non sono ammessi reclami. RUGBY COMPOSIZIONE DELLA SQUADRA 1. Il Torneo è riservato agli atleti iscritti alle classi 4 e 5 elementari delle scuole della Liguria e comunque nati nel 1998 e Per ogni squadra è ammesso al campo in qualità di coordinatore un solo educatore 3. Sono previste anche squadre miste (maschi e femmine) 4. Ogni certificato di iscrizione dovrà comprendere un massimo di 12 nomi per squadra. Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni agli istituti scolastici indicati. L insieme dei nomi corredato dalle date di nascita degli alunni e delle alunne va a costituire la rosa di ogni squadra. Ogni giocatore potrà essere iscritto in una sola rosa. 5. Sulla distinta di gara dovranno essere inseriti un massimo di 12 nomi (facenti parte della rosa ) 6. Verrà considerata sconfitta a tavolino la squadra che si presenterà con, ed iscriverà in distinta, meno di 8 alunni in distinta, e che non assicurerà la partecipazione di tutti gli alunni ad almeno un tempo di gara. Tuttavia resta comunque assicurata alla squadra incompleta la disputa della gara indipendentemente dal risultato pre-acquisito sopraccitato. Pertanto non sono previste nel corso del primo tempo sostituzioni ad eccezione di casi di forza maggiore (infortuni comprovati dagli addetti al servizio sanitario presente e dai responsabili del comitato organizzatore). Ulteriori cambi volanti possono effettuarsi nel corso del secondo tempo unicamente tra i giocatori sostituiti al termine del primo tempo e quelli rimasti in campo dall'inizio della gara, oltre naturalmente i casi di infortuni come sopra indicati. Regola 1 - Terreno di gioco 7. Larghezza mt. : Lunghezza mt. : 50 Regola 2 - Pallone 9. Il gioco viene praticato con il pallone n. 4 Regola 3 - Numero dei giocatori 10. Un incontro sarà disputato da non più di 7 giocatori per squadra o quanto meno da un numero pari di giocatori (vedi comma d) e comunque non inferiore a 5, pena la perdita dell incontro. 11. Il numero delle riserve sarà di massimo 5 giocatori con l obbligo che essi siano impiegati per almeno un tempo (o comunque 10 minuti) durante ogni incontro. 12. Un giocatore sostituito può riprendere a giocare nel medesimo incontro. 13. Qualora una squadra si presenti al campo di gioco con un numero ridotto di giocatori, la squadra avversaria è tenuta a schierare propri giocatori con la squadra avversaria squadra ridotta, in modo da equilibrare il numero dei partecipanti per squadra. Per fare ciò presterà sia giocatori di riserva, sia giocatori titolari se mancano le riserve, in modo tale che una squadra non schieri più giocatori rispetto al numero dei giocatori dell altra squadra. Regola 4 - Equipaggiamento dei giocatori

4 14. I giocatori dovranno portare scarpe da gioco senza tacchetti (da ginnastica o da calcetto ). Regola 5 - Tempi di gioco 15. I tempi di gioco saranno di due tempi da 10 con 2 d intervallo. 16. Nell arco di una giornata una squadra può giocare al massimo 40 di gioco. (equivalente a due partite) Regola 6 - Direzione di gioco 17. Ogni incontro sarà diretto da un educatore di una terza squadra, o dagli educatori delle squadre in campo. (un educatore per tempo o, di comune accordo, da uno degli educatori presenti). Purchè gli educatori abbiano la qualifica Secondo Momento Regionale. In caso contrario l arbitro sarà fornito dall organizzazione. Regola 7 - Modo di giocare ogni giocatore in gioco, può: 18. prendere, raccogliere il pallone e correre portandolo; 19. passare, gettare o spingere il pallone indietro verso un altro giocatore; 20. placcare un giocatore dell altra squadra in possesso del pallone, purché lo faccia in conformità alle regole del gioco (dalla vita in giù). 21. Effettuare un toccato a terra nell area di meta; 22. pallone in giocabile: quando a seguito di uno o più giocatori in piedi a contatto del portatore del pallone in situazione di lotta per il possesso, il pallone stesso diviene ingiocabile, l educatore comanderà un arresto del gioco. (tempo di attesa circa 3 secondi). Regola 8 - Vantaggio per errori 23. l educatore non dovrà interrompere il gioco per punire gli errori causati da poca abilità dei giocatori. 24. L educatore non dovrà interrompere il gioco per una infrazione, o un errore, che sia seguita da qualsiasi tipo di vantaggio per l altra squadra. Regola 9 - Ripresa del gioco dopo una meta 25. Inizio del gioco primo e secondo tempo 26. la ripresa del gioco dopo una meta (cosi come per l inizio del gioco) sarà effettuata al centro della metà campo. 27. L educatore dovrà presentare il pallone con una mano alla squadra che ne avrà il diritto. 28. Il gioco deve intendersi iniziato nel momento in cui un giocatore della squadra che ne ha il diritto prende possesso del pallone. 29. I giocatori dell altra squadra dovranno restare fermi, a non meno di 5 mt. dal punto di ripresa del gioco fino al momento in cui il gioco ha inizio. Regola 10 - Modo di segnare i punti o di segnare un annullato 30. l unico modo di segnare i punti è quello di effettuare un toccato a terra nell area di meta dell altra squadra. 31. Sarà concesso un annullato quando un giocatore effettua un toccato a terra nella propria area di meta. Regola 11 - Ripresa del gioco dopo un annullato o dopo che il pallone ha superato la linea di pallone morto o laterale di meta 32. dopo un annullato, o dopo che il pallone ha superato la linea di pallone morto o laterale di meta, la ripresa del gioco sarà effettuata su un punto qualsiasi di una linea passante a 5 metri dalla linea di meta, in campo di gioco. 33. L educatore dovrà presentare il pallone con una mano alla squadra nella cui area di meta è stato effettuato l annullato nel caso in cui il pallone sia pervenuto in area di meta, o abbia superato la linea di pallone morto, o laterale di meta, per un azione avversaria. Dovrà invece presentarlo alla squadra attaccante, nel caso in cui tale situazione sia stata determinata dalla squadra in difesa. 34. Il gioco deve intendersi iniziato nel momento in cui un giocatore della squadra che ne ha il diritto prende possesso del pallone. 35. I giocatori dell altra squadra dovranno stare fermi a non meno di 5 mt. dal punto della ripresa del gioco, fino al momento in cui il gioco ha inizio. Regola 12 - Giocatore in fuorigioco 36. un giocatore che si trova davanti ad un proprio compagno in possesso del pallone sarà un giocatore considerato in fuorigioco. 37. Un giocatore in fuorigioco non potrà partecipare al gioco. Regola 13 - Passaggio avanti e in avanti

5 38. il pallone non può essere passato ad un compagno in posizione di fuorigioco. 39. Si ha un in avanti quando il pallone si dirige verso la linea di pallone morto dell altra squadra, dopo che un giocatore ne ha perduto il possesso, oppure dopo che un giocatore lo ha spinto o proiettato in avanti col suo braccio o la sua mano, oppure dopo che il pallone ha colpito il braccio o la mano di un giocatore. 40. In tali casi il gioco sarà interrotto a meno che l educatore non giudichi che l infrazione sia dovuta alla poca abilità del giocatore. 41. La ripresa del gioco sarà effettuata sul punto dell errore (o dell infrazione) ma mai a meno di 5 mt. dalla linea di uscita laterale e a meno di 5 mt. dalla linea di meta. 42. La ripresa del gioco sarà effettuata con le stesse modalità dei punti Art. 11 b) c) e d) del capitolo Ripresa del gioco dopo una meta. Regola 14 - Giocatore placcato fermato e tenuto 43. Un giocatore placcato deve immediatamente passare o lasciare il pallone. 44. Un giocatore a terra col pallone in suo possesso (anche se non trattenuto) deve immediatamente passare o lasciare il pallone. 45. Ad eccezione dei casi precedenti a) e b), un giocatore deve essere in piedi prima di poter ripartecipare al gioco. 46. E vietato intervenire, in ogni altro modo, su un giocatore a terra. Regola 15 - Uscita laterale e ripresa del gioco 47. quando il pallone tocca o supera la linea di uscita laterale, l educatore dovrà interrompere il gioco. 48. Quando un giocatore in possesso del pallone tocca o supera la linea di uscita laterale, l educatore dovrà interrompere il gioco. 49. La ripresa del gioco sarà effettuata a non meno di 5 mt. dalla linea di uscita laterale, di fronte al punto in cui il pallone, o il giocatore in possesso del pallone ha superato tale linea e con le stesse modalità dei punti Art. 11 b) c) e d) del capitolo ripresa del gioco dopo una meta. Regola 16 - Gioco scorretto e vietato a qualsiasi giocatore: 1. sgambettare un giocatore dell altra squadra; 2. fare il frontino 3. placcare al di sopra della vita un giocatore dell altra squadra; o in ogni modo in modo scorretto, pericoloso e/o poco sportivo; 4. trattenere, fermare o placcare un giocatore non in possesso del pallone o impedire, in qualsiasi altro modo, ad un giocatore dell altra squadra di impossessarsi del pallone a terra; 5. protestare nei confronti di un giocatore dell altra squadra e dell educatore. 6. l educatore dovrà ammonire e potrà allontanare dal gioco il giocatore che si è reso colpevole di: gioco pericoloso, scorrettezza. Ostruzionismo, nervosismo. Mancanza di lealtà, falli ripetuti. Regola 17 - Gioco al piede 7. Non è consentito calciare al di fuori dell area dei 22. Il pallone calciato dovrà rimanere in campo, pena la rimessa in gioco da parte dell altra squadra, all altezza di dove è stato eseguito il calcio. E comunque non più vicino dei 5 metri dalla linea di meta. Regola 18 - Mischie e Touche 8. Non verranno effettuate mischie e touche. 9. Il gioco verrà ripreso con una rimessa in gioco da parte dell educatore che consegnerà la palla a chi di competenza, secondo le modalità Art. 11 b) c) e d) Regola 19 - Punteggi 10. Verranno assegnati 2 punti per ogni gara vinta; 1 punto per ogni gara pareggiata; e 0 punti per ogni gara persa. 11. Se alla fine di un girone, due o più squadre risultassero a pari punteggio, verranno applicati i seguenti criteri: 12. Maggior numero di mete segnate da ciascuna squadra negli incontri tra loro disputati 13. Differenza attiva o differenza passiva tra la somma dei punti segnati e la somma dei punti subiti da ciascuna squadra in tutti gli incontri del girone. 14. Minore età media di tutti i giocatori inseriti nell elenco vidimato. Regola 20 Squadra assente 15. La mancata presentazione ad una gara comporta la perdita della partita.

6 Regola 21 - Gioco scorretto e sanzioni 16. Il giocatore espulso dal Direttore di Gara non potrà essere nuovamente utilizzato nel corso della partita (sarà sostituito) e nemmeno partecipare al successivo incontro, fatte salve le ulteriori sanzioni disciplinari erogate dal Giudice Sportivo. 17. L'espulsione di un Dirigente Accompagnatore Responsabile o di un Allenatore comporta automaticamente la esclusione di detta persona da tutto il Torneo. (In quanto tesserato, verrà giudicato dalla Giustizia Federale.) Regola 22 Partecipanti 18. E permesso l ingresso alle aree di gioco solo agli iscritti in elenco. 19. Il Dirigente Accompagnatore Responsabile ed i giocatori non partecipanti alla gara dovranno sostare ad almeno due metri dalle linee laterali e/o di fondo campo. 20. Si richiede ai Dirigenti Accompagnatori Responsabili la massima collaborazione con l Organizzazione. Regola 23 - Puntualità 21. Si richiede a tutte le squadre partecipanti di raggiungere i campi di gioco non oltre i 45 minuti precedenti l inizio della partita 22. Al fine di non pregiudicare il corretto svolgimento della manifestazione si raccomanda all Educatore di far rispettare la puntualità durante tutte le fasi del Torneo. Regola 24 - Educatore 23. Il responsabile della squadra può essere una persona appartenente al personale scolastico o un genitore oppure una persona che non rientri nelle due fattispecie appena citate, ma, in qualunque caso, deve essere approvato mediante deliberazione del Consiglio di Circolo. (come ampiamente specificato nell articolo 5 della parte generale inerente al torneo) Regola 25 - Giudice 24. Il Giudice Sportivo del Torneo decide sulla base di quanto stabilito dal presente Regolamento e dal R. O. della F.I.R. 25. Non è ammesso reclamo contro le decisioni del Giudice Sportivo del Torneo. TORNEO DI PALLAVOLO COMPOSIZIONE DELLA SQUADRA. 1. Il Torneo è riservato agli alunni iscritti alle classi 4 e 5 elementari delle scuole della Liguria e comunque nati nel 1998 e Per ogni squadra è ammesso al campo in qualità di coordinatore un solo educatore 3. Ogni singola squadra può essere maschile, femminile o mista. 4. Ogni certificato di iscrizione dovrà comprendere un massimo di 6 nomi per squadra. Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni agli Istituti Scolastici indicati. L insieme dei nomi corredato dalle date di nascita degli alunni/e va a costituire la rosa di ogni squadra. Ogni giocatore potrà essere iscritto in una sola rosa. 5. Sulla distinta di gara dovranno essere confermati i nomi dei presenti alla partita. 6. Verrà considerata sconfitta con il risultato di 0-2 la squadra che si presenterà con meno di 4 alunni in distinta. Le squadre che si presenteranno con 3 giocatori gli sarà data la possibilità di partecipare alla gara ritenendole fuori classifica. CARATTERISTICHE E REGOLE DI GIOCO 1. Dimensione del campo di gioco 9 mt. X 4.5 mt. 2. Altezza della rete mt. 2, Il pallone sarà messo a disposizione dall organizzazione. 4. Giocatori in campo 3 con obbligo di rotazione al servizio 5. Ogni squadra deve essere composta da un minimo di 4 ad un massimo di 6 atleti/e, ad ogni rotazione il giocatore che esce dal campo si deve posizionare in coda ai compagni in attesa rispettando il proprio turno di entrata in campo. Tale rotazione deve avvenire per tutte e due le squadre tutte le volte che termina un azione, in tutte e due le squadre. (sia per chi fa punto sia per chi lo subisce) 6. Le partite saranno svolte su 2 set ai 21 punti per le fasi eliminatorie, mentre 2 set su 3 ai 21 punti per le fasi finali ad eliminazione diretta. 7. Si gioca col la formula Rally Point System ( RPS), che assegna un punto per ogni azione di gioco 8. La battuta deve essere effettuata dal basso e dietro la riga di fondo campo.

7 ARBITRAGGIO 1. E effettuato, a turno, a carico di educatori o arbitri federali. 2. A bordo campo, durante lo svolgimento delle gare, sarà presente un responsabile della FIPAV. 3. L arbitro fischia l inizio del gioco e le interruzioni conseguenti al mancato rispetto delle seguenti regole: Il giocatore tocca la rete o oltrepassa con qualsiasi parte del corpo la linea sotto la rete che delimita la divisione del campo con la squadra avversaria. Il giocatore calpesta, la linea di fondo al momento della battuta Il giocatore tocca due volte consecutivamente la palla durante il gioco Il giocatore ferma la palla durante il gioco La palla dentro o fuori I quattro tocchi di palla da parte della stessa squadra durante un azione di gioco. TORNEO DI PALLACANESTRO REGOLAMENTO TORNEO DI BASKET Ogni certificato di iscrizione dovrà comprendere un massimo di 10 nomi per squadra (6 maschi e 4 femmine). Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni/e agli istituti scolastici indicati. Ogni scuola potrà iscrivere una o più squadre con bambini nati dopo il 1 gennaio L insieme dei nomi corredato dalle date di nascita degli alunni/e va a costituire la rosa di ogni squadra. Ogni giocatore potrà essere iscritto in una sola rosa. 1. Sulla distinta di gara dovranno essere inseriti un massimo di 10 nomi (6 maschi + 4 femmine) 2. Verrà considerata sconfitta con il risultato di 0 30 la squadra che si presenterà ad una partita ed iscriverà in distinta meno di 8 alunni ( di cui almeno 3 femmine) e che non assicurerà la partecipazione di tutti alla partita. Tuttavia resta comunque assicurata alla squadra incompleta la disputa della gara indipendentemente dal risultato pre - acquisito sopraccitato. Pertanto non sono previste sostituzioni ad eccezione di casi di forza maggiore ( infortuni comprovati dagli addetti al servizio sanitario e/o dal responsabile FIP presente, raggiunto limite di falli) e la sostituzione avverrà con il giocatore/trice che ha segnato meno punti. 3. Si svolgeranno partite 4 contro 4 sprint della durata di 4 tempi da 5 minuti ciascuno con intervallo di un minuto tra il primo ed il secondo tempo e tra il terzo e quarto tempo e di tre minuti tra il secondo ed il terzo IMPORTANTE 4. Il miniarbitro sarà l unico deputato a valutare qualsiasi azione di gioco ed a giudicare tutto ciò che avviene in campo mentre un delegato responsabile della FIP controllerà il regolare svolgimento delle partite e sarà giudice ultimo in caso di controversie sul regolamento. 5. Il cronometro verrà fermato solo nelle seguenti occasioni: Effettuazione di tiri liberi Palla contesa Infortunio Perdita di tempo nel recuperare il pallone uscito dal campo Ogni qualvolta il miniarbitro lo ritenga opportuno 6. Nel terzo tempo dovranno essere schierate obbligatoriamente tutte le femmine (per cui si dovrà giocare 4 contro 4 o 3 contro 3 in mancanza di un elemento femminile) mentre negli altri tempi l istruttore sarà libero di inserire in campo giocatori/trici a suo piacimento MANTENENDO VALIDO IL PRINCIPIO CHE TUTTI DEBBONO GIOCARE ALMENO UN TEMPO DI GARA E CHE NESSUNO POTRÀ GIOCARE PIÙ DI DUE TEMPI. 7. Un giocatore/trice che commette 5 falli viene escluso definitivamente dal gioco 8. Ogni fallo sul giocatore che tira viene punito con l effettuazione di due tiri liberi, mentre i falli durante il gioco sono puniti con una rimessa fuori campo dal punto più vicino dove è stato commesso il fallo. 9. Ogni palla contesa và amministrata con un salto a due a centrocampo ovunque avvenga 10. Sono abolite le seguenti regole: Bonus falli di squadra Regola dei Tre secondi Regola dei 24 secondi Regola dei 5 secondi Retropassaggio nella metà campo di difesa Tiro da tre punti Tiro libero supplementare dopo un fallo su tiro realizzato 11. Considerando il valore altamente promozionale dell iniziativa e l ambito specificatamente scolastico si cercherà di semplificare al massimo le seguenti regole di gioco: Passi effettuando una partenza o in fase di arresto (al max dopo due passi) Doppio palleggio Non si possono effettuare raddoppi di marcatura È assolutamente vietata la difesa a zona 12. In caso di pareggio al termine dei 4 tempi regolamentari si alzerà la palla a due a centrocampo e la squadra che segnerà per prima otterrà la vittoria finale. ISTRUTTORE/EDUCATORE

8 L istruttore/educatore che siederà in panchina con la squadra potrà essere un maestro della scuola o un Istruttore Minibasket, dovrà essere un riferimento tecnico educativo della squadra, la guida che dà consigli ai suoi giocatori ed effettua le operazioni burocratiche previste, ma non dovrà in alcun modo interferire con l operato degli arbitri e del tavolo della giuria. Il buon esito della manifestazione dipenderà soprattutto dal comportamento degli istruttori e non sarà tollerato alcun comportamento/atteggiamento di maleducazione nei confronti di organizzatori,arbitri, avversari o pubblico presente. I comportamenti ritenuti non idonei e segnalati dagli arbitri potranno comportare provvedimenti da parte della Federazione Italiana Pallacanestro nei confronti di tesserati riconosciuti. Per ogni ulteriore specificazione al regolamento qui non citato si può fare riferimento al Regolamento Minibasket categoria Aquilotti, mentre per la parte organizzativa alle specifiche scritte nel regolamento iniziale valido per tutti gli sport presenti al Torneo Ravano La composizione dei gironi e la formula di svolgimento verranno rese note al momento della chiusura delle iscrizioni valutando il numero delle squadre con il criterio di far giocare il più possibile i bambini e limitare i disagi negli spostamenti alle scuole. Le dimensioni del campo di gioco sono: lunghezza m. 20; larghezza m. 11; ATTREZZATURE E MATERIALE TRACCIATURA DEL CAMPO La tracciatura del campo di gioco per il Minibasket è identica a quella di un normale campo di pallacanestro. Sono tracciate le seguenti linee (larghezza di tutte le linee cm.5): le linee laterali e le linee di fondo; il cerchio centrale; le aree con la linea di tiro libero a 4 m. dai tabelloni TABELLONI E CANESTRI I tabelloni sono posti alle due estremità del campo di gioco, parallelamente alle linee di fondo. I loro bordi inferiori devono essere ad un altezza di m. 2,25 da terra. Le dimensioni dei tabelloni sono: altezza m. 0,90 larghezza m. 1,20. I canestri hanno le seguenti caratteristiche: altezza m. 2,60 da terra; diametro cm. 45; retine cm. 40 di lunghezza. PALLA La palla deve essere sferica, può essere di materiale sintetico oppure di cuoio e deve possedere le seguenti caratteristiche: circonferenza da 68 a 73 cm.; peso da 400 a 500 g. EQUIPAGGIAMENTO I giocatori di ciascuna squadra devono indossare maglie, calzoncini e calzettoni fornite dall organizzazione; E vietato giocare con collanine, anelli, orecchini, orologi e braccialetti.

9

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento del Giuoco del Calcio corredato dalle Decisioni Ufficiali FIGC e dalla Guida Pratica AIA Edizione 2013 FEDERATION INTERNATIONALE DE FOOTBALL ASSOCIATION (FIFA)

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore )

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore ) REGOLAMENTO ART.11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001,430 CONCORSO A PREMI DENOMINATO MAGIC+3 CAMPIONATO 2014-2015 PROMOSSO DALLA SOCIETA RCS MEDIAGROUP SPA MILANO CL 410/2014 SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA

Dettagli

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014)

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) REGOLE DI TENNIS Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) INDICE Prefazione pag. 2 Regola 1 Il campo pag. 3 Regola 2 - Arredi permanenti

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation (1) (1) NOTA. Eccetto quando è diversamente stabilito, ogni riferimento di queste Regole ai giocatori include anche le giocatrici. ... schema

Dettagli

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 Traduzione conforme al WFDF Rules of Ultimate 2013 Versione Ufficiale in vigore dal 1 gennaio 2013 Indice delle Regole Introduzione... 1 1. Spirit

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO STAGIONE 2011 2012 INTRODUZIONE Qui di seguito trovate le Regole Ufficiali della Federazione Fantacalcio. Ogni anno, se necessario, vengono modificate e aggiornate

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE Norme Integrative al Codice Internazionale del Bridge Edizione 2012 a cura di Maurizio Di Sacco Direttore della Scuola Arbitrale Italiana Modificata con Delibera del C.F.

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Comitato Regionale del Piemonte

Comitato Regionale del Piemonte Il Comitato Regionale ha programmato anche per quest anno il Progetto Giovani, il cui Regolamento Nazionale presenta una novità importante riguardante le sedi di svolgimento che saranno abbinate alle tappe

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014

UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014 CONCORSO FOTOGRAFICO NAZIONALE UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014 Progetto Donna & Artigianato REGOLAMENTO ART. 1 OBIETTIVO DEL CONCORSO La Commissione Pari Opportunità della Regione Abruzzo, in collaborazione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli