A. IL TORNEO. B. ASSICURAZIONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A. IL TORNEO. B. ASSICURAZIONE."

Transcript

1 A. IL TORNEO. 1. Il 25 Torneo Ravano ERG è costituito dall insieme di 4 Tornei delle discipline calcio, pallacanestro, pallavolo, rugby ed avrà luogo nelle provincie di Genova, Imperia, La Spezia e Savona dal 15 Aprile al 5 Maggio Il Comitato organizzatore del torneo si avvale delle competenze della sezione tecnica della FIGC Settore Giovanile e Scolastico- Ufficio del Coordinatore Liguria, del Comitato Regionale Liguria della FederRugby, del Comitato regionale ligure della Federazione Italiana Pallacanestro e del Comitato regionale Ligure della Federazione Italiana Pallavolo sia nella stesura dei regolamenti tecnici che nel rispetto degli stessi sui campi di gara. 3. Possono partecipare al Torneo, organizzato dalla U.C. Sampdoria alunne e alunni regolarmente iscritti e frequentanti le classi quarta e quinta delle scuole elementari pubbliche e private di Genova, Imperia, La Spezia e Savona e comunque nati non prima del 01/01/1998. Tutti i plessi scolastici possono iscrivere squadre (anche più di una) maschili e femminili (per il calcio) o miste (per rugby, pallacanestro e pallavolo). 4. Nel caso in cui i plessi non siano in grado di presentarsi autonomamente con una propria squadra, la Direzione Didattica di appartenenza potrà provvedere ai possibili accorpamenti, a seguito di richiesta scritta al Comitato Organizzatore per la necessaria autorizzazione. 5. La responsabilità della squadra iscritta deve essere affidata al personale scolastico o ad un genitore degli alunni iscritti alla scuola. Sono ammessi interventi di operatori esterni, in aggiunta al personale precedentemente citato, a seguito esclusivamente di deliberazione del Consiglio del Circolo ai sensi delle vigenti norme sull'autonomia scolastica. A tale proposito, nell'esclusivo interesse del corretto coinvolgimento degli alunni/e alla manifestazione ed a tutela dell'istituto stesso, vengono identificati di norma quali operatori esterni, gli istruttori regolarmente inquadrati nei ruoli CONI-FIGC (con deroga per i possessori dell'attestato di partecipazione ai corsi CONI-FIGC) per il calcio, istruttori che abbiano la qualifica Secondo Momento Regionale per il rugby, istruttori minibasket per il basket e istruttori FIPAV per la pallavolo. Il fac-simile di delibera del Consiglio di Circolo lo troverete allegato al presente regolamento tecnico. Resta inteso che detti operatori esterni non potranno intervenire con divise di Società sportive. 6. La persona responsabile di ogni squadra debitamente delegata dal Consiglio di Circolo come da art.5 precedente dovrà durante gli incontri vestire la pettorina dedicata con la dicitura Educatore. 7. Per il corretto rispetto delle regole di gioco e delle norme di partecipazione alle gare, l Organizzazione si avvale rispettivamente di esperti del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC, presenti durante lo svolgimento delle gare. B. ASSICURAZIONE. 1. Tutti i partecipanti al Torneo dovranno essere assicurati secondo la vigente normativa per le attività sportive scolastiche. 2. Tutti i partecipanti devono essere in regola con la certificazione medico-sanitaria (Certificato stato di buona salute), da presentarsi in copia alla Commissione Campo il giorno della prima partita al momento dell appello. Per nessun motivo verrà accettato qualsiasi documento sostituisca il Certificato stato di buona salute e chiunque non sia in possesso di tale certificato il giorno della prima partita non verrà lasciato scendere in campo. L iscrizione delle squadre potrà definirsi completata soltanto nel momento in cui tutti i certificati medici saranno in possesso dell organizzazione. 3. L assistenza sanitaria nelle fasi del Torneo è a carico del Comitato Organizzatore. 4. L organizzazione declina ogni responsabilità per infortuni di giocatori dovuti a mancanza dell osservanza delle norme assicurative. ISCRIZIONE E PARTECIPAZIONE 5. L iscrizione al torneo avverrà in due fasi distinte: la prima attraverso il sito nell apposito spazio denominato iscrizioni in cui verranno richieste tutte le informazioni necessarie all organizzazione; successivamente una volta ricevuta la conferma via mail da parte dell organizzazione stessa (indirizzo scatterà la seconda fase dell iscrizione: infatti sarà necessario inviare una conferma via fax (al numero ). Questa fase delle iscrizioni dovrà concludersi entro e non oltre il 25 febbraio All'atto dell'iscrizione ogni Direzione Didattica o Plesso scolastico si farà carico di fornire un lenco con i nominativi dei componenti di ogni squadra rispettando i numeri minimi e massimi di elementi specificato nel regolamento di ogni singola disciplina. Gli alunni devono essere regolarmente iscritti e frequentanti le classi 4 e 5 elementare ed essere nati dopo il 1 gennaio La lista di iscrizione (stampabile dal sito una volta completata la prima fase dell iscrizione) deve essere debitamente firmata dal Dirigente Scolastico e timbrata dalla segreteria della Direzione. Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione Scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni agli istituti scolastici indicati. Gli alunni non potranno partecipare a gare con altre squadre iscritte dalla stessa Direzione o a Tornei di altre discipline inseriti nella stessa edizione del Torneo Ravano ERG. 6. Ad ogni squadra partecipante verranno consegnate con modalità da convenirsi le carte di partecipazione e le distinte di gara. 7. La carta di partecipazione, compilata in ogni sua parte, e sulla quale deve essere applicata la foto dell alunno/a partecipante, ha valore quale documento ufficiale di riconoscimento. 8. Eventuali aggiunte o sostituzioni di alunni all interno dei certificati dì iscrizione dovranno pervenire all organizzazione via fax vidimate dal Dirigente Scolastico entro e non oltre il giorno 25 Aprile La possibilità di aggiunte o sostituzioni di alunni durante la prima fase del torneo (15 aprile 25 aprile) deve avvenire solo per validi e comprovati motivi. 9. Prima di ogni partita dovrà essere consegnata la distinta firmata dal Dirigente Scolastico e timbrata dalla segreteria della Direzione, compilata in triplice copia su apposito stampato, con l elenco nominativo degli alunni partecipanti alla gara, accompagnata dalla carte di partecipazione. 10. Non sono ammessi ritardi superiori ai 15 minuti. Alle squadre che non si presenteranno nella sede di gara entro tale termine verrà attribuita la sconfitta a tavolino secondo il punteggio previsto per ogni disciplina. H. ABBIGLIAMENTO SPORTIVO. 11. Deve obbligatoriamente essere utilizzato quello fornito dall Organizzazione (maglia, pantaloncini e calzettoni) che rimarrà al singolo partecipante come ricordo della manifestazione.

2 I. COPPE E TROFEI. La fase finale verrà disputata il 5 Maggio 2009 presso il Palasport della Fiera internazionale di Genova. 12. Alla squadra 1 classificata (maschile/femminile) verrà assegnata la Coppa Paolo Mantovani. 13. Il capocannoniere (maschio/femmina) verrà premiato con un Trofeo dedicato. 14. Viene messa in palio la Coppa ERG Fairplay, che verrà consegnata alla squadra o all atleta che - per insindacabile giudizio di una apposita giuria - verrà segnalato per il suo comportamento particolarmente sportivo, generoso e leale. 15. Un premio speciale - Premio miglior tifo - verrà offerto dalla Fondazione Edoardo Garrone alla migliore manifestazione di tifo (coro, striscione, animazione, ecc.). L'obbiettivo è quello di stimolare e valorizzare la sportività ed il fairplay non solo in campo, ma anche sugli spalti. TORNEO DI CALCIO COMPOSIZIONE DELLA SQUADRA. 1. Vengono disputati due distinti tornei, uno maschile ed uno femminile. Non sono ammesse squadre miste. 2. Ogni certificato di iscrizione dovrà comprendere un massimo di 14 nomi per il Torneo Maschile (di cui obbligatoriamente un giocatore con il ruolo esclusivamente di portiere se gli iscritti sono 11, mentre obbligatoriamente due giocatori che hanno il ruolo esclusivamente di portiere se gli iscritti sono tra 12 e 14) e di 12 nomi per il Torneo Femminile (di cui obbligatoriamente una giocatrice con il ruolo esclusivamente di portiere se gli iscritti sono 11, mentre obbligatoriamente due giocatrici con il ruolo esclusivamente di portiere se gli iscritti sono 12). Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni agli istituti scolastici indicati. L insieme dei nomi corredato dalle date di nascita degli alunni e delle alunne va a costituire la rosa di ogni squadra. Ogni giocatore potrà essere iscritto in una sola rosa. 3. Sulla distinta di gara possono essere inseriti un massimo di 14 nomi per il Torneo Maschile e di 12 nomi per il Torneo Femminile. 4. Verrà considerata sconfitta con il risultato di (0 3) la squadra che si presenterà con, ed iscriverà in distinta, meno di 10 alunni (Per il Torneo femminile il numero minimo è di 8 alunne) e che non osserverà l'obbligo di partecipazione ai 10 iscritti (Per il Torneo femminile il numero minimo è di 8 alunne) in distinta, ad almeno un tempo di gara. Non sono pertanto previste sostituzioni nel primo tempo salvo casi di infortunio. Tuttavia in tale eventualità resta comunque assicurata alla squadra incompleta la disputa della gara indipendentemente dal risultato pre-acquisito sopraccitato. Il rientro del calciatore uscito per infortunio potrà avvenire solo dietro il parere favorevole del medico di servizio presente alla gara. Lo stesso dovrà prendere il posto del compagno che lo aveva sostituito. Ulteriori cambi volanti possono effettuarsi nel corso del secondo tempo unicamente tra i giocatori sostituiti al termine del primo tempo e quelli rimasti in campo dall'inizio della gara, oltre naturalmente i casi di infortuni come sopra indicati. Regola 1: CARTA DI PARTECIPAZIONE MODALITA DI AMMISSIONE ALLE GARE minuti prima di ogni partita dovrà essere consegnata all organizzazione la distinta, compilata in triplice copia su apposito stampato, con l elenco nominativo degli alunni partecipanti alla gara (non meno di 10 unità per i maschi, non meno di 8 unità per le femmine) a firma del Dirigente Scolastico e con il timbro della scuola, oltre alla carta di partecipazione degli alunni inseriti in distinta. 2. In mancanza di certificato medico regolarmente consegnato all organizzazione gli alunni non potranno in alcun caso prendere parte alla partita. Regola 2: DURATA DELLA GARA 1. Le fasi eliminatorie a girone prevedono due tempi da 10 minuti ciascuno; l intervallo di metà gara non può essere superiore a un minuto. 2. I sedicesimi, ottavi e quarti prevedono due tempi da 10 minuti ciascuno. In caso di parità l arbitro provvede a far calciare una serie di 3 rigori per squadra; persistendo la parità, si procede a calciare i rigori ad oltranza sino a quando, a parità di rigori calciati, una squadra risulta in vantaggio. Sia la prima serie di rigori che i rigori ad oltranza devono essere calciati ogni volta da un giocatore diverso scelto tra tutti i giocatori riportati in distinta e non solo tra quelli presenti in campo al termine della gara. In caso di ulteriore parità si possono proporre i giocatori che già avevano calciato la prima serie di rigori. 3. Le semifinali e le finali prevedono due tempi da 15 minuti ciascuno; l intervallo di metà tempo non può essere superiore ai 3 minuti. In caso di parità al termine dei due tempi l arbitro provvede a far calciare una serie di 3 rigori. In caso di ulteriore parità si procederà ad oltranza, applicando in entrambi i casi le modalità riportate al punto Essendo il Torneo a rapido svolgimento, può accadere che una squadra sia impegnata per due incontri in una stessa giornata. 5. Non sono ammessi ritardi superiori ai 15 minuti. Alle squadre che non si presenteranno nella sede di gara entro tale termine verrà attribuita sconfitta per 0-3. Regola 3: CRITERI DI QUALIFICAZIONE. 1. I criteri di qualificazione per determinare la vincente del girone sono i seguenti: 1. Maggior numero di punti (3 punti alla squadra vincente, 1 punto alle squadre che pareggiano, 0 punti in caso di sconfitta). 2. Differenza reti.

3 3. Maggior numero di reti segnate. 4. Nel caso in cui la parità si verifichi, per effetto di punti precedenti, tra le due squadre in campo nell ultima gara del girone, si procederà con la serie dei calci di rigore secondo la procedura indicata al punto 2 della regola 2, capitolo Durata della gara. 5. Sorteggio, in caso di ulteriore parità, alla presenza dei rappresentanti delle squadre interessate o, in loro mancanza, dell arbitro. 6. Qualora ricorresse la condizione descritta al capitolo Composizione della squadra comma 3 in caso di disputa della gara deve considerarsi valido il risultato acquisito sul campo, se più favorevole del punteggio 0-3 acquisito a tavolino. Regola 4: REGOLE DI GIOCO E NORME DI COMPORTAMENTO 1. Intemperanze, scorrettezze gravi, insulti e gesti volgari da parte dei giovani calciatori e/o degli adulti rappresentanti della scuola (accompagnatori, educatori ) verranno sanzionate con l espulsione dal campo di gioco. 2. Non esiste la posizione di fuorigioco. 3. Non esistono punizioni dirette, tranne il calcio di rigore. Risulta valida la rete segnata direttamente su tiro diretto da azione di calcio d'angolo. 4. Non sono valide le reti segnate direttamente dal portiere su rimessa e/o in azioni di gioco, qualora il portiere abbia preso in mano la palla. 5. I giocatori possono passare la palla al portiere con i piedi, e questi potrà raccoglierla con le mani. 6. La rimessa laterale va effettuata con le mani secondo le regole del gioco del calcio. 7. La rimessa dal fondo viene effettuata dal portiere di piede o con le mani non con palla ferma. 8. La distanza della barriera dal punto in cui viene battuta la punizione indiretta è di 5 passi. 9. Sono unicamente consentiti l uso di scarpini da calcetto o scarpe da ginnastica. 10. Non sono ammessi reclami. RUGBY COMPOSIZIONE DELLA SQUADRA 1. Il Torneo è riservato agli atleti iscritti alle classi 4 e 5 elementari delle scuole della Liguria e comunque nati nel 1998 e Per ogni squadra è ammesso al campo in qualità di coordinatore un solo educatore 3. Sono previste anche squadre miste (maschi e femmine) 4. Ogni certificato di iscrizione dovrà comprendere un massimo di 12 nomi per squadra. Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni agli istituti scolastici indicati. L insieme dei nomi corredato dalle date di nascita degli alunni e delle alunne va a costituire la rosa di ogni squadra. Ogni giocatore potrà essere iscritto in una sola rosa. 5. Sulla distinta di gara dovranno essere inseriti un massimo di 12 nomi (facenti parte della rosa ) 6. Verrà considerata sconfitta a tavolino la squadra che si presenterà con, ed iscriverà in distinta, meno di 8 alunni in distinta, e che non assicurerà la partecipazione di tutti gli alunni ad almeno un tempo di gara. Tuttavia resta comunque assicurata alla squadra incompleta la disputa della gara indipendentemente dal risultato pre-acquisito sopraccitato. Pertanto non sono previste nel corso del primo tempo sostituzioni ad eccezione di casi di forza maggiore (infortuni comprovati dagli addetti al servizio sanitario presente e dai responsabili del comitato organizzatore). Ulteriori cambi volanti possono effettuarsi nel corso del secondo tempo unicamente tra i giocatori sostituiti al termine del primo tempo e quelli rimasti in campo dall'inizio della gara, oltre naturalmente i casi di infortuni come sopra indicati. Regola 1 - Terreno di gioco 7. Larghezza mt. : Lunghezza mt. : 50 Regola 2 - Pallone 9. Il gioco viene praticato con il pallone n. 4 Regola 3 - Numero dei giocatori 10. Un incontro sarà disputato da non più di 7 giocatori per squadra o quanto meno da un numero pari di giocatori (vedi comma d) e comunque non inferiore a 5, pena la perdita dell incontro. 11. Il numero delle riserve sarà di massimo 5 giocatori con l obbligo che essi siano impiegati per almeno un tempo (o comunque 10 minuti) durante ogni incontro. 12. Un giocatore sostituito può riprendere a giocare nel medesimo incontro. 13. Qualora una squadra si presenti al campo di gioco con un numero ridotto di giocatori, la squadra avversaria è tenuta a schierare propri giocatori con la squadra avversaria squadra ridotta, in modo da equilibrare il numero dei partecipanti per squadra. Per fare ciò presterà sia giocatori di riserva, sia giocatori titolari se mancano le riserve, in modo tale che una squadra non schieri più giocatori rispetto al numero dei giocatori dell altra squadra. Regola 4 - Equipaggiamento dei giocatori

4 14. I giocatori dovranno portare scarpe da gioco senza tacchetti (da ginnastica o da calcetto ). Regola 5 - Tempi di gioco 15. I tempi di gioco saranno di due tempi da 10 con 2 d intervallo. 16. Nell arco di una giornata una squadra può giocare al massimo 40 di gioco. (equivalente a due partite) Regola 6 - Direzione di gioco 17. Ogni incontro sarà diretto da un educatore di una terza squadra, o dagli educatori delle squadre in campo. (un educatore per tempo o, di comune accordo, da uno degli educatori presenti). Purchè gli educatori abbiano la qualifica Secondo Momento Regionale. In caso contrario l arbitro sarà fornito dall organizzazione. Regola 7 - Modo di giocare ogni giocatore in gioco, può: 18. prendere, raccogliere il pallone e correre portandolo; 19. passare, gettare o spingere il pallone indietro verso un altro giocatore; 20. placcare un giocatore dell altra squadra in possesso del pallone, purché lo faccia in conformità alle regole del gioco (dalla vita in giù). 21. Effettuare un toccato a terra nell area di meta; 22. pallone in giocabile: quando a seguito di uno o più giocatori in piedi a contatto del portatore del pallone in situazione di lotta per il possesso, il pallone stesso diviene ingiocabile, l educatore comanderà un arresto del gioco. (tempo di attesa circa 3 secondi). Regola 8 - Vantaggio per errori 23. l educatore non dovrà interrompere il gioco per punire gli errori causati da poca abilità dei giocatori. 24. L educatore non dovrà interrompere il gioco per una infrazione, o un errore, che sia seguita da qualsiasi tipo di vantaggio per l altra squadra. Regola 9 - Ripresa del gioco dopo una meta 25. Inizio del gioco primo e secondo tempo 26. la ripresa del gioco dopo una meta (cosi come per l inizio del gioco) sarà effettuata al centro della metà campo. 27. L educatore dovrà presentare il pallone con una mano alla squadra che ne avrà il diritto. 28. Il gioco deve intendersi iniziato nel momento in cui un giocatore della squadra che ne ha il diritto prende possesso del pallone. 29. I giocatori dell altra squadra dovranno restare fermi, a non meno di 5 mt. dal punto di ripresa del gioco fino al momento in cui il gioco ha inizio. Regola 10 - Modo di segnare i punti o di segnare un annullato 30. l unico modo di segnare i punti è quello di effettuare un toccato a terra nell area di meta dell altra squadra. 31. Sarà concesso un annullato quando un giocatore effettua un toccato a terra nella propria area di meta. Regola 11 - Ripresa del gioco dopo un annullato o dopo che il pallone ha superato la linea di pallone morto o laterale di meta 32. dopo un annullato, o dopo che il pallone ha superato la linea di pallone morto o laterale di meta, la ripresa del gioco sarà effettuata su un punto qualsiasi di una linea passante a 5 metri dalla linea di meta, in campo di gioco. 33. L educatore dovrà presentare il pallone con una mano alla squadra nella cui area di meta è stato effettuato l annullato nel caso in cui il pallone sia pervenuto in area di meta, o abbia superato la linea di pallone morto, o laterale di meta, per un azione avversaria. Dovrà invece presentarlo alla squadra attaccante, nel caso in cui tale situazione sia stata determinata dalla squadra in difesa. 34. Il gioco deve intendersi iniziato nel momento in cui un giocatore della squadra che ne ha il diritto prende possesso del pallone. 35. I giocatori dell altra squadra dovranno stare fermi a non meno di 5 mt. dal punto della ripresa del gioco, fino al momento in cui il gioco ha inizio. Regola 12 - Giocatore in fuorigioco 36. un giocatore che si trova davanti ad un proprio compagno in possesso del pallone sarà un giocatore considerato in fuorigioco. 37. Un giocatore in fuorigioco non potrà partecipare al gioco. Regola 13 - Passaggio avanti e in avanti

5 38. il pallone non può essere passato ad un compagno in posizione di fuorigioco. 39. Si ha un in avanti quando il pallone si dirige verso la linea di pallone morto dell altra squadra, dopo che un giocatore ne ha perduto il possesso, oppure dopo che un giocatore lo ha spinto o proiettato in avanti col suo braccio o la sua mano, oppure dopo che il pallone ha colpito il braccio o la mano di un giocatore. 40. In tali casi il gioco sarà interrotto a meno che l educatore non giudichi che l infrazione sia dovuta alla poca abilità del giocatore. 41. La ripresa del gioco sarà effettuata sul punto dell errore (o dell infrazione) ma mai a meno di 5 mt. dalla linea di uscita laterale e a meno di 5 mt. dalla linea di meta. 42. La ripresa del gioco sarà effettuata con le stesse modalità dei punti Art. 11 b) c) e d) del capitolo Ripresa del gioco dopo una meta. Regola 14 - Giocatore placcato fermato e tenuto 43. Un giocatore placcato deve immediatamente passare o lasciare il pallone. 44. Un giocatore a terra col pallone in suo possesso (anche se non trattenuto) deve immediatamente passare o lasciare il pallone. 45. Ad eccezione dei casi precedenti a) e b), un giocatore deve essere in piedi prima di poter ripartecipare al gioco. 46. E vietato intervenire, in ogni altro modo, su un giocatore a terra. Regola 15 - Uscita laterale e ripresa del gioco 47. quando il pallone tocca o supera la linea di uscita laterale, l educatore dovrà interrompere il gioco. 48. Quando un giocatore in possesso del pallone tocca o supera la linea di uscita laterale, l educatore dovrà interrompere il gioco. 49. La ripresa del gioco sarà effettuata a non meno di 5 mt. dalla linea di uscita laterale, di fronte al punto in cui il pallone, o il giocatore in possesso del pallone ha superato tale linea e con le stesse modalità dei punti Art. 11 b) c) e d) del capitolo ripresa del gioco dopo una meta. Regola 16 - Gioco scorretto e vietato a qualsiasi giocatore: 1. sgambettare un giocatore dell altra squadra; 2. fare il frontino 3. placcare al di sopra della vita un giocatore dell altra squadra; o in ogni modo in modo scorretto, pericoloso e/o poco sportivo; 4. trattenere, fermare o placcare un giocatore non in possesso del pallone o impedire, in qualsiasi altro modo, ad un giocatore dell altra squadra di impossessarsi del pallone a terra; 5. protestare nei confronti di un giocatore dell altra squadra e dell educatore. 6. l educatore dovrà ammonire e potrà allontanare dal gioco il giocatore che si è reso colpevole di: gioco pericoloso, scorrettezza. Ostruzionismo, nervosismo. Mancanza di lealtà, falli ripetuti. Regola 17 - Gioco al piede 7. Non è consentito calciare al di fuori dell area dei 22. Il pallone calciato dovrà rimanere in campo, pena la rimessa in gioco da parte dell altra squadra, all altezza di dove è stato eseguito il calcio. E comunque non più vicino dei 5 metri dalla linea di meta. Regola 18 - Mischie e Touche 8. Non verranno effettuate mischie e touche. 9. Il gioco verrà ripreso con una rimessa in gioco da parte dell educatore che consegnerà la palla a chi di competenza, secondo le modalità Art. 11 b) c) e d) Regola 19 - Punteggi 10. Verranno assegnati 2 punti per ogni gara vinta; 1 punto per ogni gara pareggiata; e 0 punti per ogni gara persa. 11. Se alla fine di un girone, due o più squadre risultassero a pari punteggio, verranno applicati i seguenti criteri: 12. Maggior numero di mete segnate da ciascuna squadra negli incontri tra loro disputati 13. Differenza attiva o differenza passiva tra la somma dei punti segnati e la somma dei punti subiti da ciascuna squadra in tutti gli incontri del girone. 14. Minore età media di tutti i giocatori inseriti nell elenco vidimato. Regola 20 Squadra assente 15. La mancata presentazione ad una gara comporta la perdita della partita.

6 Regola 21 - Gioco scorretto e sanzioni 16. Il giocatore espulso dal Direttore di Gara non potrà essere nuovamente utilizzato nel corso della partita (sarà sostituito) e nemmeno partecipare al successivo incontro, fatte salve le ulteriori sanzioni disciplinari erogate dal Giudice Sportivo. 17. L'espulsione di un Dirigente Accompagnatore Responsabile o di un Allenatore comporta automaticamente la esclusione di detta persona da tutto il Torneo. (In quanto tesserato, verrà giudicato dalla Giustizia Federale.) Regola 22 Partecipanti 18. E permesso l ingresso alle aree di gioco solo agli iscritti in elenco. 19. Il Dirigente Accompagnatore Responsabile ed i giocatori non partecipanti alla gara dovranno sostare ad almeno due metri dalle linee laterali e/o di fondo campo. 20. Si richiede ai Dirigenti Accompagnatori Responsabili la massima collaborazione con l Organizzazione. Regola 23 - Puntualità 21. Si richiede a tutte le squadre partecipanti di raggiungere i campi di gioco non oltre i 45 minuti precedenti l inizio della partita 22. Al fine di non pregiudicare il corretto svolgimento della manifestazione si raccomanda all Educatore di far rispettare la puntualità durante tutte le fasi del Torneo. Regola 24 - Educatore 23. Il responsabile della squadra può essere una persona appartenente al personale scolastico o un genitore oppure una persona che non rientri nelle due fattispecie appena citate, ma, in qualunque caso, deve essere approvato mediante deliberazione del Consiglio di Circolo. (come ampiamente specificato nell articolo 5 della parte generale inerente al torneo) Regola 25 - Giudice 24. Il Giudice Sportivo del Torneo decide sulla base di quanto stabilito dal presente Regolamento e dal R. O. della F.I.R. 25. Non è ammesso reclamo contro le decisioni del Giudice Sportivo del Torneo. TORNEO DI PALLAVOLO COMPOSIZIONE DELLA SQUADRA. 1. Il Torneo è riservato agli alunni iscritti alle classi 4 e 5 elementari delle scuole della Liguria e comunque nati nel 1998 e Per ogni squadra è ammesso al campo in qualità di coordinatore un solo educatore 3. Ogni singola squadra può essere maschile, femminile o mista. 4. Ogni certificato di iscrizione dovrà comprendere un massimo di 6 nomi per squadra. Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni agli Istituti Scolastici indicati. L insieme dei nomi corredato dalle date di nascita degli alunni/e va a costituire la rosa di ogni squadra. Ogni giocatore potrà essere iscritto in una sola rosa. 5. Sulla distinta di gara dovranno essere confermati i nomi dei presenti alla partita. 6. Verrà considerata sconfitta con il risultato di 0-2 la squadra che si presenterà con meno di 4 alunni in distinta. Le squadre che si presenteranno con 3 giocatori gli sarà data la possibilità di partecipare alla gara ritenendole fuori classifica. CARATTERISTICHE E REGOLE DI GIOCO 1. Dimensione del campo di gioco 9 mt. X 4.5 mt. 2. Altezza della rete mt. 2, Il pallone sarà messo a disposizione dall organizzazione. 4. Giocatori in campo 3 con obbligo di rotazione al servizio 5. Ogni squadra deve essere composta da un minimo di 4 ad un massimo di 6 atleti/e, ad ogni rotazione il giocatore che esce dal campo si deve posizionare in coda ai compagni in attesa rispettando il proprio turno di entrata in campo. Tale rotazione deve avvenire per tutte e due le squadre tutte le volte che termina un azione, in tutte e due le squadre. (sia per chi fa punto sia per chi lo subisce) 6. Le partite saranno svolte su 2 set ai 21 punti per le fasi eliminatorie, mentre 2 set su 3 ai 21 punti per le fasi finali ad eliminazione diretta. 7. Si gioca col la formula Rally Point System ( RPS), che assegna un punto per ogni azione di gioco 8. La battuta deve essere effettuata dal basso e dietro la riga di fondo campo.

7 ARBITRAGGIO 1. E effettuato, a turno, a carico di educatori o arbitri federali. 2. A bordo campo, durante lo svolgimento delle gare, sarà presente un responsabile della FIPAV. 3. L arbitro fischia l inizio del gioco e le interruzioni conseguenti al mancato rispetto delle seguenti regole: Il giocatore tocca la rete o oltrepassa con qualsiasi parte del corpo la linea sotto la rete che delimita la divisione del campo con la squadra avversaria. Il giocatore calpesta, la linea di fondo al momento della battuta Il giocatore tocca due volte consecutivamente la palla durante il gioco Il giocatore ferma la palla durante il gioco La palla dentro o fuori I quattro tocchi di palla da parte della stessa squadra durante un azione di gioco. TORNEO DI PALLACANESTRO REGOLAMENTO TORNEO DI BASKET Ogni certificato di iscrizione dovrà comprendere un massimo di 10 nomi per squadra (6 maschi e 4 femmine). Detto modulo di iscrizione ha validità di certificazione da parte della Direzione scolastica dell effettiva appartenenza degli alunni/e agli istituti scolastici indicati. Ogni scuola potrà iscrivere una o più squadre con bambini nati dopo il 1 gennaio L insieme dei nomi corredato dalle date di nascita degli alunni/e va a costituire la rosa di ogni squadra. Ogni giocatore potrà essere iscritto in una sola rosa. 1. Sulla distinta di gara dovranno essere inseriti un massimo di 10 nomi (6 maschi + 4 femmine) 2. Verrà considerata sconfitta con il risultato di 0 30 la squadra che si presenterà ad una partita ed iscriverà in distinta meno di 8 alunni ( di cui almeno 3 femmine) e che non assicurerà la partecipazione di tutti alla partita. Tuttavia resta comunque assicurata alla squadra incompleta la disputa della gara indipendentemente dal risultato pre - acquisito sopraccitato. Pertanto non sono previste sostituzioni ad eccezione di casi di forza maggiore ( infortuni comprovati dagli addetti al servizio sanitario e/o dal responsabile FIP presente, raggiunto limite di falli) e la sostituzione avverrà con il giocatore/trice che ha segnato meno punti. 3. Si svolgeranno partite 4 contro 4 sprint della durata di 4 tempi da 5 minuti ciascuno con intervallo di un minuto tra il primo ed il secondo tempo e tra il terzo e quarto tempo e di tre minuti tra il secondo ed il terzo IMPORTANTE 4. Il miniarbitro sarà l unico deputato a valutare qualsiasi azione di gioco ed a giudicare tutto ciò che avviene in campo mentre un delegato responsabile della FIP controllerà il regolare svolgimento delle partite e sarà giudice ultimo in caso di controversie sul regolamento. 5. Il cronometro verrà fermato solo nelle seguenti occasioni: Effettuazione di tiri liberi Palla contesa Infortunio Perdita di tempo nel recuperare il pallone uscito dal campo Ogni qualvolta il miniarbitro lo ritenga opportuno 6. Nel terzo tempo dovranno essere schierate obbligatoriamente tutte le femmine (per cui si dovrà giocare 4 contro 4 o 3 contro 3 in mancanza di un elemento femminile) mentre negli altri tempi l istruttore sarà libero di inserire in campo giocatori/trici a suo piacimento MANTENENDO VALIDO IL PRINCIPIO CHE TUTTI DEBBONO GIOCARE ALMENO UN TEMPO DI GARA E CHE NESSUNO POTRÀ GIOCARE PIÙ DI DUE TEMPI. 7. Un giocatore/trice che commette 5 falli viene escluso definitivamente dal gioco 8. Ogni fallo sul giocatore che tira viene punito con l effettuazione di due tiri liberi, mentre i falli durante il gioco sono puniti con una rimessa fuori campo dal punto più vicino dove è stato commesso il fallo. 9. Ogni palla contesa và amministrata con un salto a due a centrocampo ovunque avvenga 10. Sono abolite le seguenti regole: Bonus falli di squadra Regola dei Tre secondi Regola dei 24 secondi Regola dei 5 secondi Retropassaggio nella metà campo di difesa Tiro da tre punti Tiro libero supplementare dopo un fallo su tiro realizzato 11. Considerando il valore altamente promozionale dell iniziativa e l ambito specificatamente scolastico si cercherà di semplificare al massimo le seguenti regole di gioco: Passi effettuando una partenza o in fase di arresto (al max dopo due passi) Doppio palleggio Non si possono effettuare raddoppi di marcatura È assolutamente vietata la difesa a zona 12. In caso di pareggio al termine dei 4 tempi regolamentari si alzerà la palla a due a centrocampo e la squadra che segnerà per prima otterrà la vittoria finale. ISTRUTTORE/EDUCATORE

8 L istruttore/educatore che siederà in panchina con la squadra potrà essere un maestro della scuola o un Istruttore Minibasket, dovrà essere un riferimento tecnico educativo della squadra, la guida che dà consigli ai suoi giocatori ed effettua le operazioni burocratiche previste, ma non dovrà in alcun modo interferire con l operato degli arbitri e del tavolo della giuria. Il buon esito della manifestazione dipenderà soprattutto dal comportamento degli istruttori e non sarà tollerato alcun comportamento/atteggiamento di maleducazione nei confronti di organizzatori,arbitri, avversari o pubblico presente. I comportamenti ritenuti non idonei e segnalati dagli arbitri potranno comportare provvedimenti da parte della Federazione Italiana Pallacanestro nei confronti di tesserati riconosciuti. Per ogni ulteriore specificazione al regolamento qui non citato si può fare riferimento al Regolamento Minibasket categoria Aquilotti, mentre per la parte organizzativa alle specifiche scritte nel regolamento iniziale valido per tutti gli sport presenti al Torneo Ravano La composizione dei gironi e la formula di svolgimento verranno rese note al momento della chiusura delle iscrizioni valutando il numero delle squadre con il criterio di far giocare il più possibile i bambini e limitare i disagi negli spostamenti alle scuole. Le dimensioni del campo di gioco sono: lunghezza m. 20; larghezza m. 11; ATTREZZATURE E MATERIALE TRACCIATURA DEL CAMPO La tracciatura del campo di gioco per il Minibasket è identica a quella di un normale campo di pallacanestro. Sono tracciate le seguenti linee (larghezza di tutte le linee cm.5): le linee laterali e le linee di fondo; il cerchio centrale; le aree con la linea di tiro libero a 4 m. dai tabelloni TABELLONI E CANESTRI I tabelloni sono posti alle due estremità del campo di gioco, parallelamente alle linee di fondo. I loro bordi inferiori devono essere ad un altezza di m. 2,25 da terra. Le dimensioni dei tabelloni sono: altezza m. 0,90 larghezza m. 1,20. I canestri hanno le seguenti caratteristiche: altezza m. 2,60 da terra; diametro cm. 45; retine cm. 40 di lunghezza. PALLA La palla deve essere sferica, può essere di materiale sintetico oppure di cuoio e deve possedere le seguenti caratteristiche: circonferenza da 68 a 73 cm.; peso da 400 a 500 g. EQUIPAGGIAMENTO I giocatori di ciascuna squadra devono indossare maglie, calzoncini e calzettoni fornite dall organizzazione; E vietato giocare con collanine, anelli, orecchini, orologi e braccialetti.

9

REGOLAMENTO DELLA PALLACANESTRO INTEGRATA

REGOLAMENTO DELLA PALLACANESTRO INTEGRATA REGOLAMENTO DELLA PALLACANESTRO INTEGRATA LO SPORT INTEGRATO è, per definizione, un gioco educativo che ha lo scopo di creare una cultura dell integrazione, accettazione e valorizzazione delle diversità

Dettagli

Federazione Italiana Rugby

Federazione Italiana Rugby 1 Federazione Italiana Rugby Norme che disciplinano l attività di Coppa Italia a 7 Femminile per la stagione sportiva 2014/2015. Coppa Italia a 7 Femminile 2014/2015. La Coppa Italia è considerata una

Dettagli

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari 3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016 Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari Regolamento del Torneo IL TORNEO E RISERVATO A TUTTI I GIOCATORI CHE ABBIANO COMPIUTO IL 30 ANNO DI ETA AL MOMENTO

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIOCO Edizione 2011-12

REGOLAMENTO DEL GIOCO Edizione 2011-12 REGOLAMENTO DEL GIOCO Edizione 201112 Segreteria Settore Giovanile Minibasket Scuola Via Vitorchiano 113 00189 Roma Tel. : 06 3685 6780 Fax 06 6227 6236 Email: minibasket@fip.it www.fip.it/minibasket PRESENTAZIONE

Dettagli

Campionato Provinciale di Pallacanestro maschile come appresso indicato e secondo i concentramenti ed il calendario allegato

Campionato Provinciale di Pallacanestro maschile come appresso indicato e secondo i concentramenti ed il calendario allegato Prot. n 2692/14 Cosenza, lì 10/04/2014 Coordinamento e.m.f.s. Ai Sigg. Dirigenti Scolastici Scuole Secondarie 1 Grado Interessati LORO SEDI e.p.c. Al Comitato Provinciale F.I.P. Cosenza Al Delegato Provinciale

Dettagli

SCUOLE SECONDARIA II grado

SCUOLE SECONDARIA II grado Email!"#$ % &'() OGGETTO: Giochi Sportivi Studenteschi Provinciali di Rugby 2013-2014. SCUOLE SECONDARIA II grado ISCRIZIONI PRESSO L UFFICIO EDUCAZIONE FISICA TRAMITE E-MAIL educazionefisica@istruzionevicenza.it

Dettagli

6ª GENOA VALUES CUP. 1

6ª GENOA VALUES CUP. 1 1 Premessa Il Genoa Cricket and Football Club, la più antica società di calcio in Italia, continua ad assolvere un ruolo istituzionale nella diffusione dei valori legati allo sport Un impegno che è stato

Dettagli

Prot. AOOUSPPZ/1504 Potenza, 08 Aprile 2013 Allegati n. Educ. Fisica e sportiva

Prot. AOOUSPPZ/1504 Potenza, 08 Aprile 2013 Allegati n. Educ. Fisica e sportiva Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Ufficio II Ambito Territoriale per la Provincia di Potenza Prot. AOOUSPPZ/1504 Potenza, 08 Aprile

Dettagli

CENT RO SPORT IVO IT AL IANO. Comitato provinciale di Macerata. Giocare per credere. Comunicato. Ufficiale n. 2. Sport&Go

CENT RO SPORT IVO IT AL IANO. Comitato provinciale di Macerata. Giocare per credere. Comunicato. Ufficiale n. 2. Sport&Go Comunicato Ufficiale n. 2 Sport&Go Affisso all albo il 15 ottobre 2015 V. le G. Matteotti,92 62012 Civitanova M. Cell: 3297065661 e-mail: civitanova@csimacerata.it Comunicato Ufficiale n. 2 Sport&Go Campionati

Dettagli

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Como, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e fasce

Dettagli

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Cosenza, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e

Dettagli

Regolamento Torneo Educalcio Onlus

Regolamento Torneo Educalcio Onlus Regolamento Torneo Educalcio Onlus La partecipazione al Torneo Educalcio Onlus a 5 comporta l accettazione del presente regolamento Il Torneo Educalcio Onlus è una manifestazione sportiva non agonistica

Dettagli

Trofeo Polisportivo Regionale 2014

Trofeo Polisportivo Regionale 2014 1 EMILIA ROMAGNA Trofeo Polisportivo Regionale 2014 La Segreteria generale della Manifestazione è stata fissata presso EUROCAMP di Cesenatico Via C. Colombo 26 - Tel. 0547/673555 - Fax 0547/673666 E- mail

Dettagli

IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA. con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA. sapcatania.it IL TORNEO DI CALCIO A 7

IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA. con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA. sapcatania.it IL TORNEO DI CALCIO A 7 IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA IL TORNEO DI CALCIO A 7 denominato Un goal per la memoria Edizione 2009/2010 (REGOLAMENTO) 1 REGOLAMENTO

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA P.le G. Matteotti n 9 43100 Parma Tel. 0521281226 289870 Fax 0521236626 E-mail: csi@csiparma.it http: www.csiparma.it CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato

Dettagli

ISCRIZIONE: Quota - Termini - Modalità

ISCRIZIONE: Quota - Termini - Modalità ISCRIZIONE: Quota - Termini - Modalità 1. Il Torneo avrà inizio domenica 13 marzo con la gara di apertura. 2. Si potranno iscrivere ragazzi nati dal 1992 al 1996. 3. Quota di iscrizione 15 euro a persona

Dettagli

Finalità: Si contrassegna la metà campo nel modo seguente

Finalità: Si contrassegna la metà campo nel modo seguente ESEMPIO 1 -- Giro dell Italia Gioco Presportivo a Coppie; Sport Basket; Abilità, Tiro al Canestro indicheremo con A l alunno Atleta con disabilità (DIR Non deamblante) Si contrassegna la metà campo nel

Dettagli

Regolamento Settore Calcio a 5

Regolamento Settore Calcio a 5 Regolamento Settore Calcio a 5 Vers. 03.2014-15 REGOLAMENTO TORNEO CALCIO A5 SOMMARIO Art. 1 - Partecipazione al Campionato Art. 1.1 - Organizzazione e pendenze economiche Art. 1.2 - Modalità d iscrizione

Dettagli

SPORTING MAGI A.S.D. VIA MANDRE, 6 PONTE DELLA PRIULA (TV) TEL. 347.5948479 sportingmagi@libero.it

SPORTING MAGI A.S.D. VIA MANDRE, 6 PONTE DELLA PRIULA (TV) TEL. 347.5948479 sportingmagi@libero.it SPORTING MAGI A.S.D. VIA MANDRE, 6 PONTE DELLA PRIULA (TV) TEL. 347.5948479 sportingmagi@libero.it REGOLAMENTO - NORME ART. 1 SPORTING MAGI A.S.D. indice ed organizza il 2^ TORNEO di calcio a 5, per giocatori

Dettagli

CALCETTO PALLAVOLO TIRO ALLA FUNE FRECCETTE STAFFETTA CORSA DEI MILLEPIEDI IL PUNGIGLIONE BASKET 3C3 CAPITAN DADO FLEBO IN CORSA

CALCETTO PALLAVOLO TIRO ALLA FUNE FRECCETTE STAFFETTA CORSA DEI MILLEPIEDI IL PUNGIGLIONE BASKET 3C3 CAPITAN DADO FLEBO IN CORSA CALCETTO PALLAVOLO TIRO ALLA FUNE FRECCETTE STAFFETTA CORSA DEI MILLEPIEDI IL PUNGIGLIONE BASKET 3C3 CAPITAN DADO FLEBO IN CORSA CALCETTO Dimensioni Gare Palio Dimensioni Lunghezza m. 38 Larghezza m. 18,40

Dettagli

MODULO ISCRIZIONE TORNEO ESTIVO DI CALCIO A 5

MODULO ISCRIZIONE TORNEO ESTIVO DI CALCIO A 5 MODULO ISCRIZIONE TORNEO ESTIVO DI CALCIO A 5 Il sottoscritto nato a il residente a in via n in qualità di responsabile chiede di poter iscrivere la propria squadra ** al torneo estivo di calcio a 5, che

Dettagli

Commissione provinciale Basket GOLDEN BASKET

Commissione provinciale Basket GOLDEN BASKET Commissione provinciale Basket GOLDEN BASKET REGOLAMENTO GOLDEN BASKET La presente proposta fa riferimento al Regolamento Tecnico Ufficiale della Pallacanestro, ma apporta varianti per integrare in una

Dettagli

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

MEMORIAL Sergio Abbati

MEMORIAL Sergio Abbati 2011 MEMORIAL Sergio Abbati REGOLAMENTO: Art. 1) Ogni società potrà tesserare un massimo di 16 giocatori. Il tesseramento si chiuderà Giovedì 3 Giugno 2011. Dopo tale data non potranno essere tesserati

Dettagli

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento -

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - PARAGRAFO 1: PARTECIPANTI quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - Il Torneo di calcio a 8 GAMING CUP è un Torneo riservato alle Società Operatrici di scommesse Eurobet, Paddy Power,

Dettagli

CUS MILANO CATTOLICA CUP 2016

CUS MILANO CATTOLICA CUP 2016 CATTOLICA CUP 2016 TORNEO DI CALCIO A 5 MASCHILE REGOLAMENTO DEL TORNEO ART. 1 Possono partecipare al Torneo tutti gli studenti regolarmente iscritti alle Università: Cattolica del Sacro Cuore, Politecnico

Dettagli

CAMPIONATI STUDENTESCHI SUPERCLASSE CUP

CAMPIONATI STUDENTESCHI SUPERCLASSE CUP CAMPIONATI STUDENTESCHI SUPERCLASSE CUP A seguito della collaborazione tra la Federazione Italiana Giuoco Calcio - Settore Giovanile e Scolastico e il Ministero dell Istruzione, dell Università e della

Dettagli

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE 1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE La manifestazione si svolgerà presso il PALASPORT FONTESCODELLA DI MACERATA DOMENICA 7 NOVEMBRE 2010 Il ritrovo è fissato alle ore 13:15 Lo

Dettagli

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO Approvato con Decreto del Commissario Straordinario n. 45/2014 Articolo 1 SQUADRE a) La gara viene giocata da due squadre.

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O Rev. N 9 Data: 03/10/2013 Le modifiche sono evidenziate in campo giallo e riguardano: Ruoli 1 e Ruoli 2 (la palla a questi giocatori può essere solo consegnata o passata con passaggio

Dettagli

REGOLAMENTO BASKET GIOVANILE FASE PROVINCIALE.

REGOLAMENTO BASKET GIOVANILE FASE PROVINCIALE. Riferimento : 2015 10 20 Regolamento Tecnico Basket Giovanile.docx REGOLAMENTO BASKET GIOVANILE FASE PROVINCIALE. PREMESSA: Il Centro Sportivo Italiano (d ora in poi denominato per brevità CSI), ente di

Dettagli

DOCUMENTO D ISCRIZIONE AL TORNEO ESTIVO SUL CAMPINO DEL PRETE

DOCUMENTO D ISCRIZIONE AL TORNEO ESTIVO SUL CAMPINO DEL PRETE DOCUMENTO D ISCRIZIONE AL TORNEO ESTIVO SUL CAMPINO DEL PRETE SOMMARIO DOCUMENTO D ISCRIZIONE AL TORNEO ESTIVO SUL CAMPINO DEL PRETE... 1 MODALITA E QUOTA D ISCRIZIONE... 2 REGOLAMENTO TORNEO... 3 REGOLAMENTO

Dettagli

4 TORNEO Città del Tricolore

4 TORNEO Città del Tricolore 4 Torneo Città del Tricolore 1 Memorial Alberto Cigarini 4 TORNEO Città del Tricolore 1 Memorial Alberto Cigarini 4 maggio 2014 BROCHURE INFORMATIVA TORNEO CON REGOLAMENTO TORNEO DATA E LUOGO DEL TORNEO

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011 ATTIVITA CALCIO

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011 ATTIVITA CALCIO GIOCABIMBI ATTIVITA CALCIO L attività comprende le seguenti categorie: UNDER 10 atleti/e nati negli anni 2001/2002 UNDER 9 atleti/e nati negli anni 2002 e 2003 fascia di età bloccata BIG SMALL atleti/e

Dettagli

Regolamento tecnico di Pallavolo

Regolamento tecnico di Pallavolo Regolamento tecnico di Pallavolo (edizione aprile 2014) 1 Premessa La disciplina della PALLAVOLO praticata degli atleti tesserati della FISDIR prevede competizioni a carattere esclusivamente promozionale

Dettagli

REGOLAMENTO MINIVOLLEY 2012 2013

REGOLAMENTO MINIVOLLEY 2012 2013 REGOLAMENTO MINIVOLLEY 2012 2013 Il Minivolley può essere praticato per l anno 2012/2013 dagli atleti e dalle atlete nati/e negli anni 2001 / 2002 / 2003 / 2004/ 2005 / 2006 / 2007 così suddivisi: Propedeutico:

Dettagli

REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014

REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014 REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014 Alla tredicesima edizione del campionato amatoriale di calcio a 5 partecipano 40 squadre che vengono suddivise per sorteggio in 4 gironi da 10 squadre che daranno vita

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 ART. 1 TESSERAMENTO 1. Ogni squadra al momento dell iscrizione dovrà indicare un Referente, che potrà essere anche un partecipante al Torneo, il quale curerà i

Dettagli

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA OFFBALL UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA Il 16 Febbraio 2013 è stata fondata la Federazione Offball al fine di divulgare questo nuovo sport di squadra nato dalla collaborazione di Nelly Vasta e Giuseppe Raiti.

Dettagli

QUARTO CAMPIONATO DI CALCIO A 5 DEL COMITATO PROVINCIALE OPES DI FERRARA STAGIONE SPORTIVA 2011/12

QUARTO CAMPIONATO DI CALCIO A 5 DEL COMITATO PROVINCIALE OPES DI FERRARA STAGIONE SPORTIVA 2011/12 QUARTO CAMPIONATO DI CALCIO A 5 DEL COMITATO PROVINCIALE OPES DI FERRARA STAGIONE SPORTIVA 2011/12 ESTRATTO DEL REGOLAMENTO CALCIO A 5 SQUADRE E TEMPI DI GIOCO 1) Il numero legale per poter dare inizio

Dettagli

REGOLAMENTO 2 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO PER ADULTI e 1 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO UNDER14

REGOLAMENTO 2 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO PER ADULTI e 1 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO UNDER14 REGOLAMENTO 2 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO PER ADULTI e 1 TORNEO DI BEACH VOLLEY MISTO UNDER14 VILLETTA COMUNALE Montemarano, 23 Luglio 29 Luglio 2012 1. Squadre Composizione ed iscrizione Per il Torneo

Dettagli

CERNUSCO INTERNATIONAL SEVENS. Page 1 of 6

CERNUSCO INTERNATIONAL SEVENS. Page 1 of 6 CERNUSCO INTERNATIONAL SEVENS Page 1 of 6 Premessa e applicazione delle regole internazionali dell IRB L intento e lo spirito del torneo sono quelle di sublimare il coraggio, la lealtà, la sportività,

Dettagli

Il Rugby in 5 minuti

Il Rugby in 5 minuti FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY Il Rugby in 5 minuti a cura della 3^ edizione 2009-10 IL TERRENO Il Terreno è la superficie totale di gioco, indicata nella pianta. Esso comprende: Il Campo di Gioco è l area

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA PALLANUOTO

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA PALLANUOTO STAGIONE SPORTIVA 2013-2013 REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA PALLANUOTO Premessa Tutte la iniziative del Settore Propaganda e Scuole Nuoto Federali si rivolgono agli allievi non agonisti, di tutte

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015

REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015 REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015 L A.S.D. Murialdo Cefalù, nell ambito delle attività sportive, aggregative e ricreative, indice ed organizza il 5 TORNEO DI PALLAVOLO con il seguente regolamento:

Dettagli

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI Categorie e limiti di età. MICRO - MINI 2004/2005/2006/2007 PROPAGANDA 2002/2003 UNDER 15 2000/2001 UNDER 18 1997/1998/1999 LIBERA 1996 e prec. PIGIESSIADI 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale Stagione Sportiva 2013/2014 (da redigere su carta intestata della Società

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO FESTA REGIONALE SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO SAN GIORGIO DI NOGARO (UD) 17 MAGGIO 2015 Al fine di attuare la necessaria verifica dell attività svolta nelle Scuole di Calcio, il Settore Giovanile

Dettagli

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO 1 TROFEO ENZO BASTOGI dall 8 Giugno 2015 TORNEO DI CALCIO A 5 c/o CIRCOLO TENNIS ORBETELLO ASD Via Giovanni da Orbetello 2 58015 Orbetello (Gr) 0564/867539

Dettagli

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" 2014-15

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA Sei Bravo a... Scuola di Calcio 2014-15 CRITERI GENERALI - Le squadre devono presentarsi con almeno 14 giocatori. - 14 Bambini iscritti nella lista dovranno cimentarsi nei 3 giochi previsti e nel gioco partita 7c7. - La durata di ciascuna "partita

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia CHAMPIONS LEAGUE Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1 Iscrizioni. Il Campionato Champions League 2015 è aperto a tutti (universitari

Dettagli

giocabimbi Giocabimbi CALCIO

giocabimbi Giocabimbi CALCIO Giocabimbi Norme comuni a tutti gli sport/ discipline Premessa Per quanto non contemplato, hanno valore le norme del Regolamento comune a tutti gli sport, del Regolamento di Giustizia e delle singole discipline

Dettagli

Traduzione a cura della FIGH su testi EHF - riproduzione vietata -

Traduzione a cura della FIGH su testi EHF - riproduzione vietata - Federazione Italiana Giuoco Handball HANDBALL Il gioco Uno sguardo alle regole Pallllamano Diisciiplliina Olliimpiica 1 PRINCIPI DI BASE DELLA PALLAMANO La Pallamano è uno sport di squadra basato sui principi

Dettagli

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere La ROMA NORD CHAMPIONSHIP organizza la SERIE A, torneo di calcio a 5 infrasettimanale e serale; il torneo, che si svolgerà tutti gli anni, vuole caratterizzarsi per il livello tecnico e la serietà di tutti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO

REGOLAMENTO DI GIOCO REGOLA 1 REGOLAMENTO DI GIOCO Le gare verranno disputate su campi di calcio a 7. Le gare si disputano in giornate infrasettimanali e in orari serali, sui campi che la Commissione Tecnica comunicherà attraverso

Dettagli

Regolamento Ufficiale

Regolamento Ufficiale TORNEO DELLE PARROCCHIE SAN GIOVANNI PAOLO II CALCIO A 5 VI^ EDIZIONE - 2015 Regolamento Ufficiale Il Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile del Vicariato di Roma, in collaborazione con l Unione

Dettagli

ATTIVITA PROMOZIONALE 2014/2015

ATTIVITA PROMOZIONALE 2014/2015 ATTIVITA PROMOZIONALE 2014/2015 MANIFESTAZIONI PROVINCIALI E REGIONALI MINI-HANDBALL / GIOCHI PROPEDEUTICI / PALLAMANO / MINI BEACH CATEGORIA UNDER 6 Gioco base 4+1 Palla Re Mini Beach CATEGORIA UNDER

Dettagli

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE)

LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) LEZIONE 3 CALCIO IL REGOLAMENTO DEL GIOCO DEL CALCIO (SECONDA PARTE) REGOLA NUMERO 12 FALLI E SCORRETTEZZE Un calcio di punizione diretto, da battere nel punto in cui è accaduto, è accordato alla squadra

Dettagli

TORNEO NAZIONALE DI CALCIO A SETTE GIOCATORI PER DONATORI DI SANGUE

TORNEO NAZIONALE DI CALCIO A SETTE GIOCATORI PER DONATORI DI SANGUE TORNEO NAZIONALE DI CALCIO A SETTE GIOCATORI PER DONATORI DI SANGUE FONZASO (BL) 28-29 giugno 2008 REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI QUALI ASSOCIAZIONI POSSONO P PARTECIPARE: Al torneo possono partecipare

Dettagli

JUNIOR TIM CUP 2013. Art 8 - Giustizia sportiva La Giustizia sportiva sarà amministrata dagli Organi giudicanti CSI.

JUNIOR TIM CUP 2013. Art 8 - Giustizia sportiva La Giustizia sportiva sarà amministrata dagli Organi giudicanti CSI. JUNIOR TIM CUP 2013 IL CALCIO NEGLI ORATORI REGOLAMENTO Premessa: Il Regolamento è applicato integralmente nella fase Nazionale di JUNIOR TIM CUP 2013. Per la fase territoriale, organizzata dal CSI Milano,

Dettagli

Realizzazione M.S.P. ITALIA Comitato Regionale Toscana ESTRATTO REGOLAMENTO CALCIO A 7

Realizzazione M.S.P. ITALIA Comitato Regionale Toscana ESTRATTO REGOLAMENTO CALCIO A 7 Realizzazione M.S.P. ITALIA Comitato Regionale Toscana ESTRATTO REGOLAMENTO CALCIO A 7 IL GIOCO DEL CALCIO A 7 Regolamento Tecnico SOMMARIO Regola 2 Il Pallone Regola 3 Il numero dei calciatori Regola

Dettagli

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO 7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO ART.1 Il CRAL UNINA DELLA CONOSCENZA dell Università di Napoli Federico II indice ed organizza, con la collaborazione tecnica dell AICS C.P. Napoli, il Torneo Amatoriale

Dettagli

ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015.

ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015. VOLLEY MISTA SPORT CAAM SARDEGNA 2015 TROFEO NAZIONALE/REGIONALE A.S.C. ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015 Costi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL GIOCO DELLA PALLA SCOUT

REGOLAMENTO PER IL GIOCO DELLA PALLA SCOUT REGOLAMENTO PER IL GIOCO DELLA PALLA SCOUT Ricavato dalla pubblicazione edita dal CNGEI Commissariato Nazionale Branca Esploratori-Esploratrici REGOLA N. 1 IL CAMPO DA GIOCO ED IL PALLONE Il Campo da gioco

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale Stagione Sportiva 2014/2015 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice)

Dettagli

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO - LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE CALABRIA ATTIVITA GIOVANILE VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 Indirizzo

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011 CALCIO A 5 ATTIVITA' ORGANIZZATA Viene organizzata la seguente attività per la stagione 2010/2011 1) OPEN: Campionato Provinciale Eccellenza e Categoria A per atleti nati nel 1995 e precedenti 2) Torneo

Dettagli

NORMATIVA GENERALE DI GIOCO CAMPIONATO PALLANUOTOITALIA LIBERTAS STAGIONE 2015/2016

NORMATIVA GENERALE DI GIOCO CAMPIONATO PALLANUOTOITALIA LIBERTAS STAGIONE 2015/2016 NORMATIVA GENERALE DI GIOCO CAMPIONATO PALLANUOTOITALIA LIBERTAS STAGIONE 2015/2016 Categorie Esordienti U12 - Ragazzi U14 Allievi U16 Juniores U18 Seniores U21 Master Over21 Art. 1 - CATEGORIE Esordienti

Dettagli

PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO

PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO 1. Potranno partecipare ai tornei solo giocatori amatoriali. Per quanto concerne gli esterni sono esclusi tutti i tesserati FIGC di qualsiasi categoria. Potranno

Dettagli

INTRODUZIONE emozioni, di cooperazione, di contatto raggiungimento degli obiettivi della Scuola Educatore devono conformarsi gestione del gruppo

INTRODUZIONE emozioni, di cooperazione, di contatto raggiungimento degli obiettivi della Scuola Educatore devono conformarsi gestione del gruppo DISPOSIZIONI GENERALI PER IL SETTORE SCUOLA F.I.R. 2015-2016 1 INTRODUZIONE Il Rugby è uno sport di emozioni, di cooperazione, di contatto ed è convinzione della Federazione Italiana Rugby che ciò lo renda

Dettagli

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Societa affiliata alla Fipav e all MSP Manofuori Cup Non è necessario essere Campioni per divertirsi giocando a pallavolo L Associazione Culturale

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI DEL CALCIO A 5

REGOLE PARTICOLARI DEL CALCIO A 5 REGOLE PARTICOLARI DEL CALCIO A 5 NUMERO DEI CALCIATORI Una gara non può essere iniziata o proseguita nel caso in cui una squadra si trovi ad avere meno di 3 calciatori partecipanti al gioco. SOSTITUZIONI

Dettagli

CALCIO A 5 NORME DI PARTECIPAZIONE QUOTE DI ISCRIZIONE E CAUZIONE QUOTA PALESTRA DA CONCORDARE E VERSARE ALLA SOCIETÀ CHE GESTISCE L IMPIANTO.

CALCIO A 5 NORME DI PARTECIPAZIONE QUOTE DI ISCRIZIONE E CAUZIONE QUOTA PALESTRA DA CONCORDARE E VERSARE ALLA SOCIETÀ CHE GESTISCE L IMPIANTO. CALCIO A 5 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

5 TORNEO "GENITORI IN CAMPO" Edizione speciale Centenario REGOLAMENTO

5 TORNEO GENITORI IN CAMPO Edizione speciale Centenario REGOLAMENTO 5 TORNEO "GENITORI IN CAMPO" Edizione speciale Centenario REGOLAMENTO ARTICOLO 1: ORGANIZZAZIONE L'U.S.D. Vanchiglia organizza un torneo amatoriale ed amichevole di calcio a 8 denominato "5 Torneo Genitori

Dettagli

TORNEO DI MINIVOLLEY per le classi prime delle scuole secondarie di 1 grado

TORNEO DI MINIVOLLEY per le classi prime delle scuole secondarie di 1 grado TORNEO DI MINIVOLLEY per le classi prime delle scuole secondarie di 1 grado ANNO SCOLASTICO 2008-2009 PRESENTAZIONE I Giochi Sportivi Studenteschi di PALLAVOLO della scuola secondaria di 1 grado prevedono

Dettagli

Note generali Categorie Attività praticate Squadre Compiti degli accompagnatori

Note generali Categorie Attività praticate Squadre Compiti degli accompagnatori Note generali Il CSI Regionale del Piemonte indice ed organizza il Meeting dei giovani ad Acqui Terme dal 29 aprile al 1 maggio. Il meeting è caratterizzato da una parte di attività sportiva (svolta alla

Dettagli

Prot. n. 1461 Modena, 27.02.2014

Prot. n. 1461 Modena, 27.02.2014 Prot. n. 1461 Modena, 27.02.2014 - Ai Dirigenti delle Scuole Secondarie di 1 Grado Statali e non Statali interessate - Al Comitato Provinciale C.O.N.I. - Al Comitato Provinciale F.I.P.A.V. OGGETTO :Campionati

Dettagli

13.1 DOVE E COME SI EFFETTUA IL CALCIO D INVIO

13.1 DOVE E COME SI EFFETTUA IL CALCIO D INVIO DEFINIZIONI Il calcio d invio si effettua all inizio di ogni tempo di gara e all inizio di ogni periodo di extra time. I calci di ripresa del gioco si effettuano dopo una segnatura o un annullato. 13.1

Dettagli

A.S.D. ORANGEPROTON2012

A.S.D. ORANGEPROTON2012 Regolamento di riferimento nel giuoco del calcio a 5 Il team OrangeProton riconosce come regolamento ufficiale di gioco quello adottato dal comitato provinciale OPES di Ferrara, istituito a partire dalla

Dettagli

MIUR.AOOUSPBN.REGISTRO UFFICIALE(U).0000761.24-02-2016

MIUR.AOOUSPBN.REGISTRO UFFICIALE(U).0000761.24-02-2016 MIUR.OOUSPN.REGISTRO UFFICILE(U).0000761.24-02-2016 i Dirigenti Scolastici Istituti di 2^ Grado Oggetto: GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI DI CLCIO 5 MSCHILE 2015/16. L Organismo Provinciale per lo Sport a

Dettagli

CONI presenta F.I.R. C.R.V. 38 Torneo Mini Rugby Città di Treviso 25 TROFEO RUGBY

CONI presenta F.I.R. C.R.V. 38 Torneo Mini Rugby Città di Treviso 25 TROFEO RUGBY CONI presenta F.I.R. C.R.V. 38 Torneo Mini Rugby Città di Treviso DATE E LUOGO DEL TORNEO Sabato 14 (mattina e pomeriggio) e Domenica 15 (mattina) Maggio 2016 UNDER 6 - Presso il Centro Sportivo La Ghirada

Dettagli

Prot. AOOUSPPZ/1501 Potenza, 08 Aprile 2013 Allegati n.

Prot. AOOUSPPZ/1501 Potenza, 08 Aprile 2013 Allegati n. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Ufficio II Ambito Territoriale per la Provincia di Potenza Prot. AOOUSPPZ/1501 Potenza, 08 Aprile

Dettagli

REGOLAMENTO 3 TORNEO DI CALCIO A CINQUE MEMORIAL LGT. GIUSEPPE NOBILE REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO AEREO PRATICA DI MARE

REGOLAMENTO 3 TORNEO DI CALCIO A CINQUE MEMORIAL LGT. GIUSEPPE NOBILE REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO AEREO PRATICA DI MARE REGOLAMENTO 3 TORNEO DI CALCIO A CINQUE MEMORIAL LGT. GIUSEPPE NOBILE REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO AEREO PRATICA DI MARE ANNO 2012 ART. 1 E indetto il 3 Memorial Lgt. Giuseppe Nobile di calcio

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici Scuole Primarie e Secondarie di primo grado

Ai Dirigenti Scolastici Scuole Primarie e Secondarie di primo grado Milano, luglio 2015 Ai Dirigenti Scolastici Scuole Primarie e Secondarie di primo grado di Milano e Provincia Cortese Dirigente, sono lieto di inviarle il progetto LA PALLAVOLO VA A SCUOLA giunto alla

Dettagli

Calcio Giovanile 2015-16 calciogiovanicsipd@gmail.com cell. 345.3002106

Calcio Giovanile 2015-16 calciogiovanicsipd@gmail.com cell. 345.3002106 calciogiovanicsipd@gmail.com cell. 345.3002106 Regolamento Generale Under 14 Calcio a 7 FINALITA' Il ragazzo di ha bisogno di giocare, di confrontarsi, sia in maniera diretta ma, allo stesso tempo, semplice

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE REGOLAMENTO UFFICIALE ART. 1- Durata del torneo. Il torneo avrà inizio il giorno sabato 31 MAGGIO 2014 e terminerà il giorno lunedi 02 GIUGNO 2014. L Organizzazione si riserva il diritto, per esigenze

Dettagli

PROGRAMMA E REGOLAMENTO

PROGRAMMA E REGOLAMENTO PROGRAMMA E REGOLAMENTO Il Torneo Francesco Borelli è riservato agli atleti in regola con il tesseramento della F.I.R. (o Federazioni Straniere) per la stagione sportiva 2012/2013. Le tessere dovranno

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE - RIONI IN GIOCO

REGOLAMENTO UFFICIALE - RIONI IN GIOCO REGOLAMENTO UFFICIALE - RIONI IN GIOCO 1. Il Torneo dei Rioni è una manifestazione sportiva nella quale si affrontano gli otto Rioni di Romagnano Sesia, denominati: La Barca, Villa Caccia, L Incastron,

Dettagli

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Allegato 1 Pag. 1 di 12 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Stagione sportiva 2013/2014 Di seguito si illustrano nel dettaglio le attività

Dettagli

EUROPLAY - Giochi d'europa 2015

EUROPLAY - Giochi d'europa 2015 F.S.E. Fai Scuola con l Europa REGOLAMENTO E MODULO DI ISCRIZIONE TORNEO EUROPLAY - Giochi d'europa 2015 EUROPLAY - GIOCHI D'EUROPA 2015 - REGOLAMENTO E MODULO DI ISCRIZIONE 1 PREMESSA La Regione Autonoma

Dettagli

61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE

61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE 61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE Art. 1 - Lo Sporting Club Centro Giovani Calciatori a.s.d. di Viareggio indice e organizza, con la collaborazione della F.I.G.C., con il

Dettagli

SUPERCLASSE FIGC PUMA CUP EDIZIONE 2013/14

SUPERCLASSE FIGC PUMA CUP EDIZIONE 2013/14 EDIZIONE 2013/14 OBIETTIVI La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settore Giovanile e Scolastico in collaborazione con Puma e con il patrocinio del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca,

Dettagli

Laurea Triennale in Scienze Motorie

Laurea Triennale in Scienze Motorie Laurea Triennale in Scienze Motorie C.I. Metodi e tecniche delle attività motorie e sportive II TTD degli Sport di Squadra I (Prof. Stefano D Ottavio) I giochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano

Dettagli

TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DONATORI SANGUE FIDAS

TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DONATORI SANGUE FIDAS regolamento 2016 TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DONATORI SANGUE FIDAS PRIMIERO E VANOI (TN) sabato 18 e domenica 19 giugno 2016 ASSOCIAZIONE FELTRINA DONATORI VOLONTARI SANGUE - ONLUS 1. NORME GENERALI QUALI

Dettagli

ALUNNI CON DISABILITÀ

ALUNNI CON DISABILITÀ ATLETICA LEGGERA Corsa campestre Partecipanti Il numero dei partecipanti per ogni squadra è stabilito da ogni singola commissione organizzatrice. Impianti ed attrezzature I percorsi devono essere pianeggianti,

Dettagli

TORNEO INTERFACOLTA 2015 CALCIO A 7

TORNEO INTERFACOLTA 2015 CALCIO A 7 CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO DI FIRENZE TORNEO INTERFACOLTA 2015 CALCIO A 7 STRUTTURAZIONE DEL TORNEO - Calcio a 7 Il torneo di calcio a 7 composto da 28 squadre, avrà uno svolgimento d incontri fra squadre

Dettagli

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 REGOLAMENTO ART. 1 - TITOLO Il Comitato Regionale FIGC-LND del Friuli Venezia Giulia, d intesa con il Settore Giovanile

Dettagli