POR FESR PACCHETTO COMPETITIVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POR FESR 2007 2013 PACCHETTO COMPETITIVITÀ"

Transcript

1 POR FESR PACCHETTO COMPETITIVITÀ 2007 Presentazione a cura di: Rossetti, Paolini, Toccacelo, Fabiani 16 Luglio 2007 Brufa di Torgiano (PG) 1 PACCHETTO COMPETITIVITÀ: Parole chiave 2 Innovazione Integrazione Ricerca 1

2 PACCHETTO COMPETITIVITÀ: Obiettivi di politica industriale 3 Innalzare produttività e competitività del sistema delle imprese attraverso: Supporto alla crescita dimensionale mediante introduzione di innovazione di prodotto, di processo e nell organizzazione dei fattori dei fattori della produzione ; Rafforzamento delle relazioni tra imprese e tra imprese e centri di ricerca; Sostegno a programmi di Ricerca e Sviluppo; PACCHETTO COMPETITIVITÀ: Strumenti 4 Bando PIA Pacchetto Integrato di agevolazioni Bando Ricerca e Sviluppo (legge 598/94) Bando Reti Stabili d Impresa (Re.Sta) 2

3 PACCHETTO COMPETITIVITÀ: Copertura territoriale 5 Intero territorio regionale Maggiorazioni di contributo previste per le aree di cui all art c del Trattato (ancora in corso di definizione) PACCHETTO COMPETITIVITÀ: Risorse 6 Risorse 6 mln 4 mln 10 mln Strumenti di intervento PIA RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO RETI STABILI D IMPRESA 3

4 Bando PIA Caratteristiche e Componenti progettuali 7 Bando PIA: Pacchetto Integrato di Agevolazioni 8 Finanzia un progetto proposto da una singola impresa e relativo a più componenti progettuali POR FESR

5 Bando PIA: Finalità 9 Sostenere in modo integrato: Programmi di innovazione e ricerca Crescita dimensionale delle PMI Bando PIA 10 COMPONENTI PROGETTUALI: INVESTIMENTI INNOVATIVI: A.I - Investimenti per innovazione di prodotto e processo A.II - Laboratori ricerca e sviluppo A.III - Investimenti TIC SERVIZI B.I - Consulenze specialistiche B.II - Consulenze TIC B.III - Certificazioni RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 5

6 Bando PIA 11 BENEFICIARI Piccole e Medie Imprese (PMI) dei seguenti settori: Artigianato Industria (compresa agro-industria) Servizi alla produzione SCADENZA 15 Ottobre 2007 Bando PIA 12 SPESE AMMISSIBILI: Sostenute dopo la data della presentazione della domanda LIMITI DI SPESA: Componente A INVESTIMENTI INNOVATIVI B C SERVIZI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO min max

7 Bando PIA Componente INVESTIMENTI INNOVATIVI: A.I - Investimenti produttivi A.II - Laboratori ricerca e sviluppo A.III - Investimenti TIC 13 Bando PIA: INVESTIMENTI INNOVATIVI 14 Agevolazioni: contributi in conto impianti REGIME ORDINARIO REGIME ORDINARIO 87.3c REGIME DE MINIMIS A.I Investimenti produttivi 7,5% Media 15% Piccola 10% Media 20% Piccola 30% PMI A.II Laboratori ricerca e sviluppo 7,5% Media 15% Piccola 10% Media 20% Piccola 40% PMI A.III Investimenti TIC 7,5% Media 15% Piccola 10% Media 20% Piccola 40% PMI 7

8 Bando PIA Componente INVESTIMENTI INNOVATIVI: A.I - Investimenti produttivi A.II - Laboratori ricerca e sviluppo A.III - Investimenti TIC 15 Bando PIA: INVESTIMENTI PRODUTTIVI 16 Sono esclusivamente finalizzati all introduzione in azienda di innovazioni di prodotto e di processo 8

9 Bando PIA: INVESTIMENTI PRODUTTIVI 17 Spese AMMISSIBILI: Impianti produttivi Macchinari ed attrezzature Brevetti e programmi informatici Opere murarie e impianti tecnologici (max 10% solo se necessari all installazione dei macchinari) Solo per imprese start up max 35% del costo del progetto per costruzione o acquisizione immobili Bando PIA Componente INVESTIMENTI INNOVATIVI: A.I - Investimenti produttivi A.II - Laboratori ricerca e sviluppo A.III - Investimenti TIC 18 9

10 19 Bando PIA: LABORATORI RICERCA E SVILUPPO Spese AMMISSIBILI: Costruzione o ampliamento di immobili Terreno (max 10%) Strumentazione tecnico scientifica Nel caso di realizzazione/ampliamento di immobili max 25mq per addetto all attività di ricerca 20 Bando PIA: LABORATORI RICERCA E SVILUPPO Devono essere documentate Le professionalità utilizzate La coerenza con il piano di sviluppo La tempistica per l avvio delle attività La conformità con le norme vigenti Collaborazioni con Università, Centri di ricerca e laboratori accreditati SINAL 10

11 Bando PIA Componente INVESTIMENTI INNOVATIVI: A.I - Investimenti produttivi A.II - Laboratori ricerca e sviluppo A.III - Investimenti TIC 21 Bando PIA: INVESTIMENTI TIC 22 Spese AMMISSIBILI: acquisto hardware specifico acquisto software specifico acquisto di altri beni di investimento strettamente attinenti alle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) 11

12 Bando PIA: INVESTIMENTI INNOVATIVI (1) 23 VALUTAZIONE: Incremento occupazionale (max 10 pti) Rilevanza patrimoniale dell investimento (max 10 pti) Innovatività e integrazione investimento (max 45 pti) Bando PIA: INVESTIMENTI INNOVATIVI (2) 24 VALUTAZIONE: Incremento occupazionale (max 10 pti) solo dipendenti assunti a tempo indeterminato (no apprendisti) 0,5 pti per ogni nuovo occupato 1 punto per ogni nuovo occupato con laurea tecnicoscientifica maggiorazione 50% qualora le assunzioni riguardino donne 12

13 Bando PIA: INVESTIMENTI INNOVATIVI (3) 25 VALUTAZIONE: Rilevanza patrimoniale dell investimento (max 10 pti) Investimenti Nuovi 10* Investimenti Preesistenti + Investimenti Nuovi Bando PIA: INVESTIMENTI INNOVATIVI (4) 26 VALUTAZIONE: Innovatività integrazione dell investimento (max 45) Per ciascuna componente si determina: Indice di composizione dell investimento: misura il peso economico della componente nel totale dell investimento Indice di integrazione: misura il livello d integrazione e coerenza con il progetto Indice di innovatività: misura il contenuto innovativo tenendo anche in considerazione il livello di complessità 13

14 Bando PIA: INVESTIMENTI INNOVATIVI (5) 27 VALUTAZIONE: Innovatività e integrazione dell investimento(max 45) Si sommano i prodotti dei 3 indici per ciascuna componente e si moltiplica per il coefficiente X in funzione del valore economico dell investimento innovativo: Totale Investimento innovativo X=35 X=38 X=43 da , , ,00 a , , ,00 Bando PIA Componente SERVIZI: B.I Consulenze specialistiche B.II Consulenze TIC B.III Certificazioni 28 14

15 Bando PIA: SERVIZI 29 MISURA DELLE AGEVOLAZIONI: a fondo perduto 50% delle spese previste (al netto IVA) in applicazione del Reg.70/2001 limite spesa: min max VALUTAZIONE: Ogni sotto-componente ha i suoi criteri di valutazione e il suo punteggio Nel caso di attivazione di più sotto-componenti il punteggio della componente Servizi sarà la media fra i singoli punteggi delle sotto-componenti attivate. Bando PIA Componente SERVIZI: B.I Consulenze specialistiche B.II Consulenze TIC B.III Certificazioni 30 15

16 Bando PIA: CONSULENZE SPECIALISTICHE 31 TIPOLOGIE DI INTERVENTO: Acquisizione di Consulenze Specialistiche relative ad: aree funzionali: marketing organizzazione finanza gestione logistica produzione prima partecipazione a fiere ed esposizioni Bando PIA: CONSULENZE SPECIALISTICHE 32 TIPOLOGIE DI INTERVENTO: AREA MARKETING (es: Consulenze finalizzate accesso nuovi mercati) AREA ORGANIZZAZIONE (es: Applicazione metodi organizzativi innovativi) AREA FINANZA (es: Studi relativi miglioramento performances finanziarie) AREA GESTIONE (es: Sistemi di gestione per attività) AREA LOGISTICA (es: ottimizzazione distribuzione e/o rete fornitura) AREA PRODUZIONE (es: progettazione per mettere a punto nuovi prodotti o metodi di produzione) 16

17 Bando PIA: CONSULENZE SPECIALISTICHE 33 VALUTAZIONE: Validità del progetto presentato (max 10 pti): validità degli obiettivi (0-1) validità tecnica (0-4) livello di complessità (0-2,5-5) Bando PIA: CONSULENZE SPECIALISTICHE 34 VALUTAZIONE: Le maggiorazioni: pertinenza e congruità delle spese previste dalla consulenza (10% punteggio validità progetto) carattere integrato dell intervento rispetto al progetto (10% - 20% - 30% punteggio validità + pertinenza) carattere innovativo del progetto presentato (10% - 20% - 30% punteggio validità + pertinenza) 17

18 Bando PIA Componente SERVIZI: B.I Consulenze specialistiche B.II Consulenze TIC B.III Certificazioni 35 Bando PIA: CONSULENZE TIC (1) 36 TIPOLOGIE DI INTERVENTO: Acquisizione di Consulenze tecniche relative alle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione: portali web (e-commerce, Business to Consumer, Business to Business, ecc. ); infrastrutture (cablaggio, server farm, tecnologie wireless, VoIP, ecc ); software gestionali: ERP - Enterprise Relationship Management SCM - Supply Chain Management ERM - Employee Resource Management CRM - Customer Relationship Management SRM Supplier Relationship Management BI - Business Intelligence Sistemi di tesoreria 18

19 Bando PIA: CONSULENZE TIC (2) 37 TIPOLOGIE DI INTERVENTO: Acquisizione di Consulenze tecniche relative alle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione: archiviazione ottica dei documenti; gestione del flusso documentale (WorkFlow Management); sistemi di autenticazione (firma digitale, smart-card, ecc) software di supporto alla progettazione tecnica sistemi informativi globali (GIS - Geographic Information System) sistemi per creare opportunità di lavoro ai disabili Bando PIA: CONSULENZE TIC VALUTAZIONE: Validità del progetto presentato (max. 9 pti): validità degli obiettivi (0-1) validità tecnica (0-4) livello di complessità (0 2,5-5) Maggiorazioni: pertinenza e congruità delle spese previste dalla consulenza carattere integrato dell intervento rispetto al progetto carattere innovativo del progetto presentato pluralismo informatico (open source) (max. 30% rispetto alla validità del progetto e pertinenza delle spese) 38 19

20 Componente SERVIZI: Bando PIA B.I Consulenze specialistiche B.II Consulenze TIC B.III Certificazioni 39 Bando PIA: CERTIFICAZIONI 40 TIPOLOGIE DI INTERVENTO: Acquisizioni di specifiche consulenze per certificazioni di: Sistemi di Gestione Aziendale Prodotto Norme/standard di riferimento: ISO 9001:2000 OHSAS 18001:1999 ISO 14001:1996 e/o Regolamento CE n. 761/2001 (EMAS II) SA 8000 ECOLABEL 20

21 Bando PIA: CERTIFICAZIONI 41 VALUTAZIONE: Validità tecnica del progetto: Coerenza del progetto in termini di organizzazione, processi e attività previsti a regime (max 4pti) Adeguatezza del progetto alla complessità dell organizzazione, alle sue attività ed alla/e normativa/e oggetto della certificazione (max 2pti) Altri aspetti: quanto la norma/e proposta/e ha/hanno effetto sul territorio, sul prodotto/servizio in relazione all attività dell azienda e/o al processo produttivo (max 2pti) implementazione e certificazione del S.G.A. in conformità alla norma UNI EN ISO14001 e certificazione ECOLABEL (max 2pti) implementazione e certificazione del S.G. in conformità alle altre norme (UNI EN ISO 9001:2000 SA8000) (max 2pti) Pertinenza e congruità delle spese (max 4pti) Bando PIA Componente Ricerca e Sviluppo: 42 21

22 Bando PIA: Ricerca e Sviluppo 43 Progetti di sviluppo precompetitivo (sperimentale) comprendenti eventualmente attività di ricerca industriale (max 40% del costo del progetto) Bando PIA: Ricerca e Sviluppo 44 Sviluppo precompetitivo = concretizzazione risultati attività di ricerca in un piano progetto o disegno, compresa la realizzazione di prototipi, relativo a prodotti processi e servizi nuovi Ricerca Industriale = ricerca pianificata per l acquisizione di nuove conoscenze utili per la messa a punto di nuovi prodotti processi o servizi 22

23 Bando PIA: Ricerca e Sviluppo 45 Spese ammissibili: Personale dipendente di ricerca Spese generali (max 15%) costo del personale di ricerca Costo attrezzature e macchinari di novo acquisto utilizzate per il progetto quote ammortamento Spese per servizi di consulenza Materiali direttamente imputabili all attività di R&S Bando PIA: Ricerca e Sviluppo Valutazione tecnica MCC Spa Validità tecnico scientifica Esperto Albo MIUR Capacità finanziaria a realizzare il progetto: 46 Congruenza capitale netto - costo del progetto Costo delprogeto -Intervento Cap.Neto > 2 Onerosità posizione finanziaria Oneri finanziari < 5% del fatturato 23

24 Bando Legge 598/94 art. 11 Ricerca Industriale e Sviluppo Pre Competitivo 47 Bando Legge 598/94 Ricerca e Sviluppo 48 progetti ammissibili Importo minimo euro Importo massimo euro progetti ammissibili Distretto Tecnologico e reti di imprese Importo minimo euro Importo massimo euro

25 Bando Legge 598/94 Ricerca e Sviluppo 49 Valutazione tecnico scientifica attuata secondo le modalità del PIA Graduatoria sulla base dell ordine cronologico Presentazione nei giorni 1, 2 e 3 ottobre 2007 Bando RETI STABILI D IMPRESA (RE.STA) Caratteristiche 50 25

26 Bando RE.STA.: Concetto Finanzia un progetto, condiviso da più imprese, composto da un insieme di azioni reciprocamente coerenti e collegate tra loro, necessarie a costruire e/o rafforzare processi di collaborazione/cooperazione tra imprese appartenenti: a filiere produttive regionali POR FESR a sistemi produttivi localizzati nella regione Bando RE.STA.: Principali innovazioni 52 Sostegno alla progettazione Focus valutativo su consistenza e tipologia delle relazioni Approccio tecnico economico nella fase di valutazione Rapporto interattivo tra P.A. ed imprese Possibilità di sostituzione di imprese Maggiorazioni del contributo in caso di rapporti tra reti di imprese ed enti pubblici di ricerca 26

27 Bando RE.STA.: Destinatari Pool di piccole e medie imprese (almeno 3) sotto forma di: RTI anche finalizzato alla costituzione di nuove società di capitali Consorzio o società consortile ex art 2602 C.C. 53 Possono partecipare al pool: Grandi imprese Centi di ricerca pubblici o privati Bando RE.STA.: Destinatari LINEE DI INTERVENTI ATTIVABILI: Progetti esecutivi progetti già definiti in termini di: imprese partecipanti investimenti Consulenze per lo sviluppo di idee progettuali idee progettuali ancora da definire e sviluppare per la successiva stesura di un progetto esecutivo da presentare in fase successiva 54 27

28 Bando RE.STA.: Componenti Progettuali 55 INVESTIMENTI INNOVATIVI: A.I - Investimenti per innovazione di prodotto e processo A.II - Laboratori ricerca e sviluppo A.III - Investimenti TIC SERVIZI B.I - Consulenze specialistiche B.II - Consulenze TIC B.III - Certificazioni RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Bando RE.STA. Maggiorazioni di contributo 56 A.I Investimenti produttivi REGIME ORDINARIO 7,5% Media 15% Piccola REGIME ORDINARIO 87.3.c 10% Media 20% Piccola REGIME DE MINIMIS 40% PMI A.II Laboratori ricerca e sviluppo 7,5% Media 15% Piccola 10% Media 20% Piccola 50% PMI 50% PMI A.III Investimenti TIC 7,5% Media 15% Piccola 10% Media 20% Piccola + 10% nel caso di attività di R&S svolte in collaborazione con Enti Pubblici di ricerca 28

29 Bando RE.STA. Maggiorazioni di contributo R&S 57 REGIME ORDINARIO REGIME ORDINARIO 87.3.c Collaborazione Enti Pubblici di RIcerca 1 Sviluppo Precompetitivo 35% + 5% +10% 2 Ricerca Industriale 60% +5% +10% Bando RE.STA. Progetti esecutivi Linea A 58 CRITERI DI SELEZIONE (1): Requisiti minimi quantitativi Valutazione sulla qualità del progetto Priorità 29

30 Bando RE.STA. Progetti esecutivi Linea A 59 CRITERI DI SELEZIONE (2): Requisiti minimi QUANTITATIVI: Numero imprese coinvolte (min 3) Valore progettuale (min ) Componenti progettuali (min 2) Bando RE.STA. Progetti esecutivi Linea A 60 CRITERI DI SELEZIONE (3): Valutazione Qualitativa : Qualità e completezza del Progetto Sostenibilità gestionale ed organizzativa Innovatività Sostenibilità ambientale Sostenibilità economica e finanziaria 30

31 Bando RE.STA. Progetti esecutivi Linea A CRITERI DI SELEZIONE (4): Priorità: Attivazione della componente Ricerca e Sviluppo 61 Progetti relativi ad attività ricomprese nei settori del Distretto Tecnologico dell Umbria Progetti che prevedono la partecipazione in forma stabile al network di Università e centri di ricerca. Possesso o conseguimento di Certificazioni ambientali da parte di almeno un impresa aderente al network Ordine cronologico di presentazione dei Progetti. Bando RE.STA. Progettazione Linea B 62 È destinata a raggruppamenti di almeno tre imprese con idee progettuali di collaborazione interaziendale, non ancora sviluppate in progetti esecutivi tali da permettere la presentazione di domande di contributo a valere sulla linea A. 31

32 Bando RE.STA. Progettazione Linea B SPESE AMMISIBILI spese relative all acquisizione di consulenze specialistiche, finalizzate alla creazione di una rete di imprese volta alla realizzazione di collaborazioni interaziendali MISURA DELLE AGEVOLAZIONI 50% del costo totale fino ad un massimo di contributo di ,00 EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO 70% al momento della rendicontazione della spesa consulenziale 30% (eventuale) al momento della presentazione del Progetto di rete a valere sulla Linea A 63 Bando RE.STA. Progettazione Linea B 64 VALUTAZIONE: livello di coerenza degli obiettivi proposti validità dei contenuti della consulenza proposta e delle metodologie adottate professionalità coinvolte complessità del livello di aggregazione raggiungibile ATTUAZIONE: 3 mesi dalla concessione 32

33 Bando RE.STA. 65 SCADENZA Linea A: progetti esecutivi Presentazione domande: dal 15 Settembre 2007 al 31 marzo 2008 Primo step valutativo: Tutti i progetti inviati fino al 31 Ottobre 2007 Linea B: consulenze per lo sviluppo di idee progettuali Presentazione domande: dal 15 Settembre 2007 al 30 novembre 2007 Procedura di selezione: Valutativo a sportello 66 Grazie per l attenzione! 33

INTERVENTI AGEVOLABILI: Programmi di investimenti che dovranno attivare almeno due delle quattro componenti di seguito evidenziate:

INTERVENTI AGEVOLABILI: Programmi di investimenti che dovranno attivare almeno due delle quattro componenti di seguito evidenziate: Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 17/2008 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012

Perugia 30 Novembre 2012 Perugia 30 Novembre 2012 La politica della Regione Umbria per le Certificazione e le TIC negli anni Negli ultimi anni con cadenza quasi annuale la Regione Umbria ha sostenuto l acquisizione di Servizi

Dettagli

PACCHETTO COMPETITIVITÀ

PACCHETTO COMPETITIVITÀ Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 02/2010 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Perugia 30 Novembre 2012 Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Direzione Regionale Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Coordinamento Area Imprese

Dettagli

Interventi per la ricettività alberghiera POR FESR-FSE 2007-2013 Regione Umbria

Interventi per la ricettività alberghiera POR FESR-FSE 2007-2013 Regione Umbria Interventi per la ricettività alberghiera POR FESR-FSE 2007-2013 Regione Umbria BENEFICIARI PMI alberghiere (alberghi, motels, alberghi residenziali, alberghi diffusi, villaggi-albergo, beauty-farms) regolarmente

Dettagli

La Regione Puglia finanzia il 50% degli investimenti in Hardware e Software

La Regione Puglia finanzia il 50% degli investimenti in Hardware e Software La Regione Puglia finanzia il 50% degli investimenti in Hardware e Software Nuovo bando TIC 2011 (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) Obiettivi del bando Diffondere le Tecnologie dell Informazione

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

Bando FIT in materia di ICT

Bando FIT in materia di ICT Scheda n 1 Obiettivo Bando FIT in materia di ICT Promuovere e diffondere nell ambito delle piccole e medie imprese l innovazione basata sulle tecnologie dell informazione e delle comunicazione (ICT) al

Dettagli

Sono esclusi gli interventi finalizzati alla mera commercializzazione e assemblaggio di componenti.

Sono esclusi gli interventi finalizzati alla mera commercializzazione e assemblaggio di componenti. PIA FILIERA ENERGIA Insediamento di linee di produzione di sistemi e componenti nel campo dell efficienza energetica e dello sfruttamento delle energie rinnovabili POR FESR 2007-2013 Asse I Asse III Regione

Dettagli

POR FESR 2007-2013. Fondo Unico Regionale per le Attività Produttive

POR FESR 2007-2013. Fondo Unico Regionale per le Attività Produttive POR FESR 2007-2013 Fondo Unico Regionale per le Attività Produttive Avviso pubblico per la presentazione di Progetti Innovativi da parte di network stabili di imprese 1 AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

DocUP ABRUZZO 2000-2006

DocUP ABRUZZO 2000-2006 DocUP ABRUZZO 2000-2006 SCHEDA DELLA MISURA 2.3. RICERCA E SVILUPPO, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO I. IDENTIFICAZIONE DELLA MISURA I.1. Asse Asse II Competitività del sistema imprese I.2. Titolo

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 2 7 a g o s t o 2015 P a g. 1

C i r c o l a r e d e l 2 7 a g o s t o 2015 P a g. 1 C i r c o l a r e d e l 2 7 a g o s t o 2015 P a g. 1 Circolare Numero 21/2015 Oggetto Sommario Contributi alle PMI della provincia di Treviso per investimenti in innovazione e digitalizzazione E stato

Dettagli

PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010

PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010 PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione Obiettivi La politica di aiuti alle imprese è finalizzata a sostenere,

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013 Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Giugno 2008 1 Titolo I Disposizioni Generali 2 Titolo I Disposizioni Generali Regimi

Dettagli

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2 Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI Asse 2 Attività II.1.2 Obiettivi Supportare i processi di cambiamento tecnologico e organizzativo, attraverso il sostegno a progetti realizzati

Dettagli

Bando 1.5.d POR Creo 2007-2013 Regione Toscana. Stefano Romagnoli Raffaele Mannelli Regione Toscana

Bando 1.5.d POR Creo 2007-2013 Regione Toscana. Stefano Romagnoli Raffaele Mannelli Regione Toscana Bando 1.5.d POR Creo 2007-2013 Regione Toscana Stefano Romagnoli Raffaele Mannelli Regione Toscana Linea di Attività 1.5 d del POR CREO Sostegno a programmi integrati di investimento per ricerca industriale

Dettagli

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese ATTIVITÀ AMMISSIBILI - Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) - Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE ATTIVITÀ AMMISSIBILI Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti (codice

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 Anno legislazione:1997 Oggetto legislazione: promozione della diffusione di strumenti, metodologie e sistemi finalizzati a

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE Delegato Giunta UNGDCEC Diego La Vecchia Presidente Giuseppe Arleo Segretario Rossana Giacalone Membri di Commissione: Emiliano Capano Alessandro Caronti Silvia

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Rimini Startup 15 dicembre 2015 COOWEB AGEVOLAZIONI, BANDI E CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO 15 DICEMBRE 2015 - COOWEB

Rimini Startup 15 dicembre 2015 COOWEB AGEVOLAZIONI, BANDI E CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO 15 DICEMBRE 2015 - COOWEB Rimini Startup 15 dicembre 2015 COOWEB AGEVOLAZIONI, BANDI E CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO 15 DICEMBRE 2015 - COOWEB PRINCIPALI TIPOLOGIE DI AGEVOLAZIONE Credito d imposta Detassazione redditi Finanziamenti

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia Romagna PARMA 25/02/2016 COS È IL POR FESR 2014 2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Punto 5 dell Ordine del Giorno: Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Cosa sono i Contratti di Sviluppo Strumento attuativo

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

POR SARDEGNA 2007-2013 COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE

POR SARDEGNA 2007-2013 COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE POR SARDEGNA 2007-2013 COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Obiettivo dell intervento I servizi per l innovazione sono finalizzati alla realizzazione di idee e progetti attraverso un aiuto finanziario

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

Campania Start Up. Studio Centrella "SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE

Campania Start Up. Studio Centrella SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE Studio Centrella Alberto Centrella Commercialista. - Via Polcari n. 7-82100 Benevento - Tel./Fax 0824 29704 -email studio@centrella.it i INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA "SPORTELLO

Dettagli

Nota informativa. REGIONE PUGLIA - Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese attraverso Contratti di Programma Regionali

Nota informativa. REGIONE PUGLIA - Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese attraverso Contratti di Programma Regionali Nota informativa REGIONE PUGLIA - Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese attraverso Contratti di Programma Regionali BENEFICIARI a) Imprese di grandi dimensioni (imprese che occupano

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

Nota informativa. REGIONE PUGLIA -Aiuti ai Programmi Integrati di Agevolazione PIA promossi da Piccole Imprese

Nota informativa. REGIONE PUGLIA -Aiuti ai Programmi Integrati di Agevolazione PIA promossi da Piccole Imprese Nota informativa REGIONE PUGLIA -Aiuti ai Programmi Integrati di Agevolazione PIA promossi da Piccole Imprese BENEFICIARI a) Imprese di piccole dimensioni (imprese che occupano meno di 50 dipendenti e

Dettagli

ALLEGATO C Griglia dei punteggi

ALLEGATO C Griglia dei punteggi ALLEGATO C Griglia dei punteggi N. Criterio di priorità Punteggio Tasso di innovatività e di specializzazione del programma di investimento Max 6 a b L investimento è proposto a valle dell accoglimento

Dettagli

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 NANOXM - Polo Regionale per le Nanotecnologie Firenze, 8 Febbraio 2012 Il Bando unico di R&S In attuazione del POR CREO FESR 2007/2013 il Bando Unico 2012

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna POR SARDEGNA 2000/2006 MISURA 4.2 Direttive di Attuazione - Servizi reali Art. 1 Oggetto 1. Le presenti Direttive di Attuazione disciplinano l erogazione di aiuti per l acquisizione di servizi reali destinati

Dettagli

LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE

LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE regione LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE IMPRESE E DEL LAVORO LE NUOVE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO E DI AUTOIMPRENDITORIALITÀ NUOVA POLITICA INDUSTRIALE REGIONALE HI-TECH INNOVAZIONE FILIERE MANIFATTURIERO Strategia

Dettagli

CONTRIBUTI PER LE IMPRESE:

CONTRIBUTI PER LE IMPRESE: CONTRIBUTI PER LE IMPRESE: PRESENTAZIONE BANDI 2013 Confindustria Cuneo 28 febbraio 2013 BANDO 1216 emissioni in atmosfera ed emissioni diffuse TIPOLOGIA DI FINANZIAMENTO Contributo a fondo perduto nella

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DEI PROGETTI PER RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE 2015

BANDO A SOSTEGNO DEI PROGETTI PER RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE 2015 BANDO A SOSTEGNO DEI PROGETTI PER RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE 2015 POR FERS 2014-2020 e FONDO UNICO REGIONALE FINALITÀ E OGGETTO DEGLI INTERVENTI Il bando finanzia Progetti di Ricerca Industriale

Dettagli

Crescere con i nostri clienti, dando valore alle loro prospettive e vivendo insieme ogni progetto.

Crescere con i nostri clienti, dando valore alle loro prospettive e vivendo insieme ogni progetto. Crescere con i nostri clienti, dando valore alle loro prospettive e vivendo insieme ogni progetto. Chi siamo rappresenta rappresenta un un marchio marchio che che identifica identifica un un pool pool

Dettagli

SOSTEGNO ALLE PMI AL FINE DI FAVORIRE I PROCESSI DI AGGREGAZIONE IN FILIERE E LE PRODUZIONI MADE IN ITALY (decreto

SOSTEGNO ALLE PMI AL FINE DI FAVORIRE I PROCESSI DI AGGREGAZIONE IN FILIERE E LE PRODUZIONI MADE IN ITALY (decreto Pagina 1 di 7 SOSTEGNO ALLE PMI AL FINE DI FAVORIRE I PROCESSI DI AGGREGAZIONE IN FILIERE E LE PRODUZIONI MADE IN ITALY (decreto n.17 del 14/3/2013 e nr. 34 del 18/04/2013 pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014

Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014 PAGINA 19 Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014 Informiamo le aziende che la Camera di Commercio di Cuneo, in collaborazione con

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

20/10/2015 Esaurimento fondi

20/10/2015 Esaurimento fondi QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Bando Microcredito FSE 2015 Finanziamento Agevolato a tasso 0 max 25.000

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1del POR FESR 2014-2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia-Romagna COS È IL POR FESR 2014-2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE LOCALE

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

APPROFONDIMENTO LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI

APPROFONDIMENTO LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE SMART & START: LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI A cura del centro studi economico finanziario della Financial Advisors Business www.fabfinance.eu

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONE MARCHE, P.F. Innovazione, Ricerca e competitività dei settori produttivi POR MARCHE FESR 2014-2020 ASSE 1 AZIONE

Dettagli

Agevolazioni a sostegno delle attività di R&S Ministero dello Sviluppo Economico

Agevolazioni a sostegno delle attività di R&S Ministero dello Sviluppo Economico Agevolazioni a sostegno delle attività di R&S Ministero dello Sviluppo Economico Fondo per la crescita sostenibile a favore dei progetti di ricerca e sviluppo negli ambiti tecnologici identificati dal

Dettagli

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015 Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA' DELL'UMBRIA Servizio Politiche per il credito e internazionalizzazione delle imprese DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Topway S.r.l. A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 03305660619

Dettagli

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1 Bando per l accesso agli Innovation Voucher DOMANDE FREQUENTI Modalità di presentazione delle domande 1. La marca da bollo ogni 4

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

Newsletter Luglio 2014

Newsletter Luglio 2014 Newsletter Luglio 2014 Finanza Agevolata Notizie MACCHINARI E BENI STRUMENTALI GODRANNO DI UN CREDITO DI IMPOSTA DEL 15% Macchinari e beni strumentali godranno di un credito d imposta del 15% di cui però

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO REGIONE TOSCANA ALLEGATO 2 Bando - POR CREO FESR 2007-2013 - LINEA DI INTERVENTO 1.5.d "Bando per la presentazione delle domande di aiuti alle imprese per investimenti in materia di ricerca industriale

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO (della parte di progetto realizzata dai partners toscani)

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO (della parte di progetto realizzata dai partners toscani) ALLEGATO C Regione Toscana POR Competitività regionale e occupazione FESR 2007 2013 POR CREO FESR 2007-2013 - LINEA DI INTERVENTO 1.5.C "Sostegno a programmi integrati di investimento per ricerca industriale

Dettagli

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore INCENTIVI PER LE IMPRESE N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore 1 PIA A sportello Piccole-medie imprese Da 200.000,00 a 1.000.000,00 2 Titolo II A sportello Microimprese

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO REGIONE LAZIO Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03 L.R. 24/96 L.R.

Dettagli

Roma, 28/4/2008 All. 1

Roma, 28/4/2008 All. 1 Roma, 28/4/2008 All. 1 Legge 23 dicembre 1996, n. 662 (art. 2, comma 100, lett. a) Misure di razionalizzazione della finanza pubblica Fondo di garanzia per le PMI Sezione ORDINARIA Beneficiari Questo strumento

Dettagli

Sviluppo dell impresa innovativa Bandi sull Innovazione. Università degli studi Roma TRE DSE Dipartimento di Scienze dell Educazione 23 I 02 I 2012

Sviluppo dell impresa innovativa Bandi sull Innovazione. Università degli studi Roma TRE DSE Dipartimento di Scienze dell Educazione 23 I 02 I 2012 Sviluppo dell impresa innovativa Bandi sull Innovazione Università degli studi Roma TRE DSE Dipartimento di Scienze dell Educazione 23 I 02 I 2012 Sviluppo dell impresa innovativa: I Bandi TITOLO SLIDE

Dettagli

CATALOGO DEI SERVIZI QUALIFICATI PER LE PMI DELL ABRUZZO

CATALOGO DEI SERVIZI QUALIFICATI PER LE PMI DELL ABRUZZO CATALOGO DEI SERVIZI QUALIFICATI PER LE PMI DELL ABRUZZO ALLEGATO IX INDICE Disposizioni generali... 4 A. SERVIZI AVANZATI/QUALIFICATI... 6 Obiettivi... 6 Requisiti del fornitore dei servizi... 6 Tipologia

Dettagli

Guido De Angelis. Terni 6 marzo 2013 CCIAA

Guido De Angelis. Terni 6 marzo 2013 CCIAA Guido De Angelis Terni 6 marzo 2013 CCIAA I bandi delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Investimenti e Servizi TIC per le imprese esercenti l attività di proiezione cinematografica TIC

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Progetto di sistema di gestione aziendale Richiesta di erogazione del contributo

Progetto di sistema di gestione aziendale Richiesta di erogazione del contributo REGIONE UMBRIA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Servizio Politiche per l offerta pubblica di servizi alle imprese e diffusione della innovazione e della ricerca L.R. n. 21/2001.

Dettagli

I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE

I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE GESTIONE IN ANTICIPAZIONE DEL POR FESR 2014-2020 Angelita Luciani Responsabile Ricerca industriale, innovazione e trasferimento tecnologico FINALITA DELL INTERVENTO

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 1 GENNAIO 2016 REGIONE LOMBARDIA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 1 GENNAIO 2016 REGIONE LOMBARDIA 1 NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 1 GENNAIO 2016 REGIONE LOMBARDIA NEWS BANDO INAIL 2015 Contributi a fondo perduto del 65% delle spese per progetti di miglioramento della sicurezza sul luogo di lavoro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI Supplemento ordinario al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 57 del 23 dicembre 2009 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO

Dettagli

SINTESI DELL ACCORDO DIPROGRAMMA PER L EX-MERLONI

SINTESI DELL ACCORDO DIPROGRAMMA PER L EX-MERLONI Ufficio I CARE e Risorse Comunitarie Comune di Gualdo Tadino SINTESI DELL ACCORDO DIPROGRAMMA PER L EX-MERLONI 1) Le misure agevolative gestite da Invitalia 2) Le misure agevolative gestite da Sviluppumbria

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

N. Criterio di priorità Punteggio. 1 Ingegnerizzazione produttiva di attività di ricerca e sviluppo (R&S)

N. Criterio di priorità Punteggio. 1 Ingegnerizzazione produttiva di attività di ricerca e sviluppo (R&S) N. Criterio di priorità Punteggio 1 Ingegnerizzazione produttiva di attività di ricerca e sviluppo (R&S) 1a Il prodotto/processo/servizio, oggetto dell attività dell impresa costituita o costituenda trae

Dettagli

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP)

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP) PROPOSTE PROGETTUALI BILANCIO CAMERALE 2013 Considerato il costante diminuire delle risorse pubbliche e di conseguenza dei contributi per le imprese, abbiamo ritenuto opportuno segnalare qui di seguito

Dettagli

commercio elettronico:

commercio elettronico: commercio elettronico: incentivi alle imprese per lo sviluppo dei siti aziendali edizione 2008 La Regione stimola la crescita e l internazionalizzazione delle imprese promuovendo innovazione e utilizzo

Dettagli

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE AGEVOLAZIONI ATTIVE INVITALIA Prestito d Onore Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Campania, Sardegna, Sicilia Microimpresa Regioni: Abruzzo, Basilicata,

Dettagli

AVVISO RISERVATO AI POLISTI

AVVISO RISERVATO AI POLISTI AVVISO RISERVATO REALIZZAZIONE E IMPLEMENTAZIONE SERVIZI MODULO 2 CENTRO SERVIZI & POS PREMESSO CHE a) che la Regione Abruzzo, nell ambito del POR FESR ABRUZZO 2007-2013 e a valere sull Attività I.1.2.

Dettagli

Bandi regionali. Misura I.3.1 Servizi informatici innovativi e Misura I.3.2 Adozione tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Bandi regionali. Misura I.3.1 Servizi informatici innovativi e Misura I.3.2 Adozione tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Bandi regionali Misura I.3.1 Servizi informatici innovativi e Misura I.3.2 Adozione tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Presentazione delle nuove misure POR-FESR 2007-2013 ASSE I - Innovazione

Dettagli

PROGETTO DI FILIERA E SVILUPPO LOCALE

PROGETTO DI FILIERA E SVILUPPO LOCALE PROGETTO DI FILIERA E SVILUPPO LOCALE PSL DELLA SARDEGNA CENTRALE ORISTANESE SEMINARIO INFORMATIVO ORISTANO, 26 luglio 2013 Contenuti del seminario Modello I Progetti di Filiera e di Sviluppo Locale Focus

Dettagli

POR-FESR 2014-2020 Asse 3 Competitività dei sistemi produttivi

POR-FESR 2014-2020 Asse 3 Competitività dei sistemi produttivi 1 POR-FESR 2014-2020 Asse 3 Competitività dei sistemi produttivi Azione 3.5.1 - Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l offerta di servizi,

Dettagli

La nuova 181/89 per lo sviluppo e la crescita delle imprese umbre

La nuova 181/89 per lo sviluppo e la crescita delle imprese umbre La nuova 181/89 per lo sviluppo e la crescita delle imprese umbre A cura di Alessandro Palmitelli Responsabile Gestione L.181/89 Foligno 27.04.2016 Accordo di Programma ex A. Merloni Regioni Marche e Umbria

Dettagli

FONDO SVILUPPO E COESIONE

FONDO SVILUPPO E COESIONE FONDO SVILUPPO E COESIONE (FSC) 2000/06 e 2007/13 Interventi per l incremento e la stabilizzazione dell occupazione attraverso la ricerca, la creazione lo sviluppo di unità produttive e le start up innovative

Dettagli

dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese.

dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese. dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese. 1. LʼOGGETTO PO FESR 2007-2013 Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.10, Titolo III Medie imprese ed ai Consorzi di PMI per Programmi

Dettagli

POR Lombardia FESR 2007-2013 DDUO n.7128 del 29/07/2011

POR Lombardia FESR 2007-2013 DDUO n.7128 del 29/07/2011 BANDO DI INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE NEI SETTORI STRATEGICI DI REGIONE LOMBARDIA E DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA POR Lombardia

Dettagli

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità Task Force P.O. Sicilia PON ATAS Mis. I.2 Ob. 1 e APQ Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità PO FSE e PO FESR - ricognizione su obiettivi, linee di

Dettagli

POR FESR FVG 2014-2020

POR FESR FVG 2014-2020 { POR FESR FVG 2014-2020 Investimenti a favore { della crescita e dell occupazione 5 assi tematici (231 meuro) Asse 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione: 77 meuro Asse 2 Promuovere

Dettagli

RELATIVE ALLE PROCEDURE E ALLE MODALITÀ DI ACCESSO ALLE DISPOSIZIONI ATTUATIVE

RELATIVE ALLE PROCEDURE E ALLE MODALITÀ DI ACCESSO ALLE DISPOSIZIONI ATTUATIVE FREQUENTLY ASKED QUESTIONS FAQ RELATIVE ALLE PROCEDURE E ALLE MODALITÀ DI ACCESSO ALLE DISPOSIZIONI ATTUATIVE Da quando è fissata l apertura dello sportello? Dal 31 maggio 2013, a partire dalle ore 9,30.

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER

REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER FINALITÀ La misura agevola interventi innovativi finalizzati al miglioramento del sistema infrastrutturale, gestionale

Dettagli