NETEZZA APPLIANCE. Danilo De Benedictis NETEZZA SQL DAY 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NETEZZA APPLIANCE. Danilo De Benedictis danilode@gmail.com NETEZZA SQL DAY 3"

Transcript

1 NETEZZA APPLIANCE Danilo De Benedictis NETEZZA SQL DAY 3

2 PROSSIMI ARGOMENTI: GESTIONE TABELLE CLUSTERED BASED TABLES JOIN TRA TABELLE

3 GESTIONE TABELLE PERFORMANCE SU RDBMS TRADIZIONIALI Utilzzo degli Indici Partitioning, ma utlizzo di Indici all interno di ciascuna Partition NETEZZA PARTITION Con Netezza le performance estreme sono raggiunte tramite parallelizzazione massiva dei table scan sugli Storage Server Utilizzo ZoneMap Per ogni query di estrazione dati Select cola, colb from tablea where colc > 38 ; la query è inviata alle 100+ SPU, ed ogni SPU esegue un Full Table Scan per costruire il Result Set Al termine i Result Set vengono uniti e restituiti al Client.

4 GESTIONE TABELLE INTRODOTTE CON TWINFIN LE CLUSTERED BASED TABLE (CBT): COSA SONO CREATE TABLE... [ORGANIZE ON {(<column>) NONE}] 1..4 organizing key: sono campi scelti per il clustering dei record di tabella. I dati organizzati vengono salvati nella stessa data-slice (o vicine) Vengono create le Zone-Map per le ORG K. Esempio: tabella CBT ordinata per: TRANSACTION_DATE poi ORGANIZED per: TRANSACTION_TYPE (stesso colore):

5 GESTIONE TABELLE CLUSTERED BASED TABLE (CBT): COME SCEGLIERE: Le Organized keys aiutano a reperire più velocemente i dati, grazie alle Zone Maps, quindi......le Organized keys vanno scelte in base ai filtri maggiormente utilizzati dalle query. Nell esempio precedente, il filtro maggiormente utilizzato è per TRANSACTION_TYPE.

6 GESTIONE TABELLE CLUSTERED BASED TABLE (CBT): BENEFICI Le CBT supportano le Multidimension Lookups: da 1 a 4 campi Le Organize Keys impongo ulteriori Zone Maps i.e. Migliori performance, se il datatype dei campi è supportato dalle Zone Maps: ZM default: date, timestamp, byteint, smallint, integer, bigint ZM x M.VIEW ORDER BY o ORG.K: char, varchar, nchar, nvarchar (solo i primi 8 bytes vengono utilizzati), numeric, float, double, bool, time, timetz, interval. CBT riducono la necessita di pre-ordinare i dati prima del caricamento. CBT non replica dati, o alloca ulteriore spazio, come invece fanno indici, Mview.

7 GESTIONE TABELLE CLUSTERED BASED TABLE (CBT) VS ZONE MAPS: Le ZM riassumono il RANGE dei dati di una colonna presenti nel disco. Le ORG.K. restringono i tempi di estrazione dei dati avvicinando le righe che hanno uguali valori nei campi selezionati, riducendo i tempi del fulltable-scan.

8 GESTIONE TABELLE CLUSTERED BASED TABLE (CBT): UTILIZZO Tipicamente, se una tabella è interrogata per un campo FIELD_1 di tipo DATE, caricarla ORDER BY FIELD_1, per sfruttare a pieno le Zone Maps. Se le query filtrano per più campi diversi (multidimension) usare la ORGANIZE. Dopo l aggiunta (ALTER TABLE) di campi ORGANIZEd, Netezza NON riorganizza: lanciare la GROOM TABLE:

9 GESTIONE TABELLE GROOME TABLE <table_name> Organizza i record secondo la definizione della ORGANIZE, avvicinando i record che partecipano alla ORGANIZE: stesso disk extent oppure vicino. Rimuove lo spazio deleted o outdated (nzreclaim). No lock sulla tabella. nzreclaim deprecated dalla 6.0: usare GROOME. GENERATE STATISTICS Collect info sulle tabelle, in modo da creare EXECUTION PLAN ottimali Best practice: eseguire dopo ogni LOAD/INS/UPD/DEL

10 GESTIONE TABELLE DELETE FROM <table> WHERE Cancella righe da una tabella, lasciano allocato lo spazio vuoto che non viene recuperato. TRUNCATE TABLE <table> Cancella tutto il contenuto della tabella, liberando lo spazio su disco che al successivo clean-up [GROOME] viene reso disponibile. Non può essere eseguito in una TRAN DROP TABLE <table> Elimina una tabella, liberando lo spazio su disco che al successivo clean-up [GROOME] viene reso disponibile.

11 GESTIONE TABELLE ALTER (VARCHAR(LEN)), DROP COLUMN ALTER TABLE t3 MODIFY COLUMN (col1 VARCHAR(6)); RENAME Varchar Len -< up to TABLE fornitori RENAME COLUMN indirizzo TO citta;

12 JOIN TRA TABELLE INNER JOIN equivale a select.. from tab1, tab2 Esempio: SELECT COUNT(1) FROM TAB1 T1 INNER JOIN TAB2 T2 ON T1.FIELD_A = T2.FIELD_A

13 JOIN TRA TABELLE LEFT OUTER JOIN Esempio: SELECT T1.AAA, T1.BBB, T2.CCC FROM TAB1 T1 LEFT OUTER JOIN TAB2 T2 ON T1.FIELD_A = T2.FIELD_A TUTTE LE RIGHE DI T1 T1.AAA, T1.BBB SEMPRE VALORIZZATI DOVE MATCH, LE RIGHE DI T2 NOT MATCH => T2.CCC = NULL MATCH => T2.CCC VALORIZZATO

14 JOIN TRA TABELLE RIGHT OUTER JOIN (simmetrica di LOJ) Esempio: SELECT T1.AAA, T1.BBB, T2.CCC FROM TAB1 T1 RIGHT OUTER JOIN TAB2 T2 ON T1.FIELD_A = T2.FIELD_A TUTTE LE RIGHE DI T2 T2.CCC SEMPRE VALORIZZATO DOVE MATCH, LE RIGHE DI T1 NOT MATCH => T1.AAA, T1.BBB = NULL MATCH => T1.AAA, T1.BBB VALORIZZATI

15 JOIN TRA TABELLE SELF-JOIN JOIN DI UNA TABELLA CON SE STESSA Esempio (città con intervalli temperatura più larghi delle altre città): SELECT W1.city, W1.temp_lo AS low, W1.temp_hi AS high, W2.city, W2.temp_lo AS low, W2.temp_hi AS high FROM weather W1, weather W2 WHERE W1.temp_lo < W2.temp_lo AND W1.temp_hi > W2.temp_hi;

16 JOIN TRA TABELLE FULL OUTER JOIN RESTITUISCE TUTTE LE RIGHE DELLE TABELLE IN JOIN SELECT * FROM cows_one FULL OUTER JOIN cows_two ON cows_one.cnumber = cows_two.cnumber;

17 COMPARAZIONE CON LOGICHE FUZZY Levenshtein Edit Distance: <int4 value> = le_dst(<str_1>, <str_2>) Esempio: le_dst('sow','show') = 1 h in più Esempio: le_dst('hello','hollow') = 3 H maiuscola o al posto di e w in più

18 COMPARAZIONE CON LOGICHE FUZZY Damerau-Levenshtein Edit Distance: <int4 value> = dle_dst (<str_1>, <str_2>) Simile al precedente, ma la trasposizione di caratteri vale 1 non 2: Esempio: select le_dst('two','tow') = 2 select dle_dst( two', tow') = 1

19 PROSSIMI ARGOMENTI: COMBINE TRA TABELLE TRANSACTION ISOLATION

20 COMBINE TRA TABELLE UNION Unione dei risultati di 2+ query Eliminazione dei risultati ridondati UNION OR UNION ALL Mostra tutte le righe, anche quelle ridondate {0,1,2,2,2,2,3,N,N} UNION ALL {1,2,2,3,5,5,N,N,N} = {0,1,1,2,2,2,2,2,2,3,3,5,5,N,N,N,N,N}

21 COMBINE TRA TABELLE INTERSECT Intersezione dei risultati di 2+ query INTERSECT AND INTERSECT ALL In caso di righe ridondate, mostra tutte le righe con minore cardinalità. {0,1,2,2,2,2,3,N,N} INTERSECT ALL {1,2,2,3,5,5,N,N,N} = {1,2,2,3,N,N}

22 COMBINE TRA TABELLE EXCEPT / MINUS Delta tra i risultati di 2 query (Q1 Q2) Eliminazione dei risultati ridondati {0,1,2,2,2,2,3,N,N} EXCEPT {1,2,2,3,5,5,N,N,N} = {0} EXCEPT / MINUS ALL In caso di righe ridondate, mostra tutte le righe IN Più DELLA PRIMA TABELLA. {0,1,2,2,2,2,3,N,N} EXCEPT ALL{1,2,2,3,5,5,N,N,N} = {0,2,2}

23 COMBINE TRA TABELLE PRECEDENZE: UNION ED EXCEPT/MINUS HANNO LA STESSA PRIORITA : VENGONO ESEGUITE IN ORDINE LEFT -> RIGHT INTERCEPT HA PRIORITA SU UNION E EXCEPT/MINUS. S1 UNION S2 EXCEPT S3 UNION S4 => (((S1 UNION S2) EXCEPT S3) UNION S4) S1 UNION S2 INTERSECT S3 MINUS S4 => ((S1 UNION (S2 INTERSECT S3)) MINUS S4) PER EVITARE CONFUSIONE O FORZARE PRIORITA DESIDERATE: USARE LE PARENTESI. (S1 UNION S2) INTERSECT (S3 MINUS S4)

24 COMBINE TRA TABELLE GESTIONE NULL: NELLA COMPARE TRA CAMPI, UN CAMPO CONTENENTE NULL NON E UGUALE AD UN ALTRO CAMPO CONTENENTE NULL: (NULL = NULL) => UNKWOWN NELLA COMBINE TRA TABELLE, NULL E TRATTATO UGUALMENTE AGLI ALTRI VALORI: (NULL = NULL) => TRUE

25 COMBINE TRA TABELLE PROMOTION TRA DATATYPE NUM/CHAR:

26 COMBINE TRA TABELLE PROMOTION TRA DATATYPE NON NUM/CHAR:

27 GESTIONE TRANSAZIONI CONCORRENTI Prevenzione delle tipologie di READ sporche : DIRTY READS: una T0 può leggere dati scritti da una T1 concorrente, non ancora committed. NONREPEATABLE READS: una T0 ri-legge dati già letti, e rileva dati modificati, committate da una T1 che nel frattempo termina. PHANTOM READ: una T0 ri-esegue una query con search condition, e riceve un set di dati diverso dalla precedente query, committate da una T1 che nel frattempo termina.

28 GESTIONE TRANSAZIONI CONCORRENTI Isolation Level: 4 livelli read committed read uncommitted repeatable read serializable Netezza supporta tutti i 4 livelli ma Implementa solo il Serializable!

29 PROSSIMI ARGOMENTI: VISTE VISTE MATERIALIZZATE

30 GESTIONE VISTE VIEW: PER SEMPLIFICARE L ACCESSO AI DATI, PER UTENTI CON VISIBILITA NON DEEP SUI DATI. PER METTERE IN SICUREZZA I DATI PRESENTI SU TABELLA: ACCESSO CONSENTITO ALLA VIEW ACCESSO NON CONSENTITO ALLA TABELLA SOTTOSTANTE DEFINITA INTERFACCIA VERSO APPLICATIVI, INVARIANTE ALLA STRUTTURA DATI EVENTUALMENTE SI MODIFICA LA QUERY SOTTOSTANTE LA VIEW, MA NON LA STRUTTURA DELLA STESSA. INTERFACCIA VERSO APPLICATIVI RIMANE INVARIATA SINTASSI: CREATE VIEW viewname AS SELECT query; CREATE OR REPLACE: USATA PER MANTENERE LE ACL DELLA VIEW ORIGINARIA ALLA NUOVA VIEW DROP, ALTER per RENAME, ALTER X CHANGE OWNER

31 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE SORTED, PROJECTED, AND MATERIALIZED VIEWS (SPM) Proiezione di un subset delle colonne di una tabella, ordinate su uno specifico subset delle colonne in proiezione. Le Viste materializzate vengono memorizzate su una tabella fisica (su disco) con l ordinamento richiesto. Servono ad ottimizzare l accesso a Tabelle molto grandi.

32 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE Il query planner utilizza le SPM View per (eventualmente) ottimizzare l accesso a tabelle, anche se non richiesto esplicitamente, quindi non è necessario modificare le applicazioni. Performance migliorate grazie ad: una riduzione della quantità di dati letti da disco Dati già ordinati ottimizzazione utilizzo ZoneMaps Ottimali se utilizzate per tabelle piccole (lookup)

33 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE BLOCK NUMBER DELLA TABELLA BASE Netezza System aggiunge automaticamente una colonna alle colonne scelte per le SPM La colonna contiene per ogni riga - il Block Number della riga originaria (puntatore) Il Block number viene utilizzato come indice per la tabella base, ottimizzando l accesso alla stessa.

34 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE I dati delle SPM sono allocati sugli stessi data-slice della corrispondente tabella base, per ottimizzarne l accesso. CREATE MATERIALIZED VIEW customers_mview AS SELECT customer_name, customer_id FROM customers ORDER BY customer_id;

35 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE REGOLE PER CREAZIONE SPM: Una sola tabella base nella FROM Non è consentito utilizzare la WHERE nella creazione delle SPM Le colonne possono essere solo colonne della tabella base, non espressioni. Quindi non sono permessi: aggregazioni, operatori matematici, casting, DISTINCT, etc..

36 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE REGOLE PER CREAZIONE SPM: La ORDER BY può essere applicata solo su colonne presenti nella SELECT (projection list) Se non è specificata la ORDER BY, l ordinamento è uguale a quello della tabella base Non si può usare NULLS LAST o DESC nell ORDER BY La tabella base non può essere EXTERNAL, temporary oppure di sistema

37 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE MANUTENZIONE : SPM: Se si inseriscono righe sulla tabella base, esse: vengono aggiunte anche alle SPM costruite su di essa; Vengono appese in un area unsorted, quindi è necessario fare un refresh della SPM, periodicamente. Modifiche alla struttura della tabella base, invalidano la SPM: ERROR: Base table/view 'WEATHER' attr 'CITY' has changed (precision); rebuild view 'WEATHER_V Le righe cancellate dalla tabella base, vengono automaticamente cancellate anche dalle SPM collegate.

38 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE MANUTENZIONE : REBUILD: CREATE OR REPLACE MATERIALIZED VIEW weather_v AS SELECT city, temp_lo, temp_hi FROM weather ORDER BY city; Non usare la DROP/CREATE, perchè cambia object ID della SPM=> impatto sugli oggetti che referenziano la SPM.

39 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE MANUTENZIONE : DROP della SPM: DROP VIEW customers_mview; (non DROP MATERIALIZED...) libera spazio allocato per la SPM DROP della tabella base: DROP anche della SPM Netezza mantiene la definizione, trasformandola in una VIEW normale Successivi accessi alla SPM danno errore

40 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE MANUTENZIONE : ALTER VIEW customers_mview MATERIALIZE [option]: Option = SUSPEND: Sospende l utilizzo della SPM e degli oggetti referenzianti. Truncate della SPM Redirect alla tabella base Usare SUSPEND per attività di manutenzione sui DB, come la RECLAIM, la RESTORE, o le NZLOAD. Option = REFRESH: Ri-materializza la SPM, ricostruendo la projected structure. Si usa dopo la SUSPEND Si usa per ri-ordinare le SPM dopo: La SUSPEND Pe ottimizzare gli accessi Per ordinare le righe unsorted (inserite sulla tabella base dopo la CREATE SPM)

41 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE MANUTENZIONE : REFRESH threshold: Con GRANT da amministratore, è possibile impostare un limite ai dati non ordinati, dopo il quale il sistema forza la REFRESH della SPM. SET SYSTEM DEFAULT MATERIALIZE THRESHOLD TO <number>; <number> rappresenta una percentuale: Da 1 a 99 Default = 20

42 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE QUERY: Non possiamo fare INSERT sulle SPM, ma solo SELECT In caso di SELECT sulla tabella base, l ottimizzatore verifica l eventuale esistenza di SPM collegate: Se esistono, l ottimizzatore decide se usarle in base al predicted cost and performace. Le SELECT sulle SPM possono richiedere più memoria delle SELECT sulle tabelle base, a causa delle righe un-sorted.

43 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE MIRRORING: Le SPM vengono trattate su disco in maniera analoga alle tabelle base. Quindi: Il data slice contenente è in mirror con un altra partizione, presente su un altro disco In caso di fail, il failover e la regeneration avvengono anche per i dati delle SPM.

44 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE RECLAIM: Non è possibile fare RECLAIM sulle SPM In caso di RECLAIM sulle tabelle base: 1) le SPM afferenti vengono temporaneamente SUSPENDED 2) La RECLAIM gira sulle tabelle base 3) Al termine, le SPM vengono riattivate, ma rimangono SUSPENDED (necessario quindi un REFRESH manuale) Le operazioni sopra descritte, vengono fatte in maniera transazionale.

45 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE NZLOAD ed SMP: Non è possibile fare NZLOAD sulle SPM. In caso di NZLOAD sulle tabelle base: Le righe delle SPM afferenti vengono automaticamente aggiornate Process slow down Best practice: SUSPEND le SPM prima di NZLOAD REFRESH le SPM dopo NZLOAD

46 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE NZ_BACKUP: In caso di backup di un DB: vengono salvate le definizioni delle SPM (come delle viste normali) Non vengono salvati i dati delle SPM In caso di restore di un DB (o table-level restore) Le SPM vengono rigenerate al termine del restore

47 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE ZONE MAPS: Netezza system crea Zone Maps per un campo della SPM se: Il campo è di tipo INTEGER, DATE, TIMESTAMP Per un campo della ORDER BY, di tipo: integers 1-byte, 2-byte, 4-byte, and 8-byte date timestamp char all sizes, but only the first 8 bytes are used in the zone map varchar all sizes, but only the first 8 bytes are used in the zone map nchar all sizes, but only the first 8 bytes are used in the zone map nvarchar all sizes, but only the first 8 bytes are used in the zone map numeric all sizes except 128-bit numerics float double bool time time w/timezone interval

48 GESTIONE VISTE MATERIALIZZATE BEST PRACTICES: Tabelle con molte colonne, ma poche sono le più utilizzate. Colonne maggiormente restrittive: se una colonna: è spesso utilizzata nei filtri i filtri escludono la maggior parte dei dati (es. Condizione per intervallo temporale) allora usare la colonna nell ORDER BY. Creare SPM con minor numero di colonne possibile, incluse quelle più restrittive, in modo che Netezza le possa usare come index verso la tabella base. Ridurre al massimo le SPM insistenti sulla stessa tabella base Causerebbe degrado prestazionale nelle query, a causa dei tempi spesi dall optimizer.

49 PROSSIMI ARGOMENTI: SUBQUERY FUNZIONI DI AGGREGAZIONE

50 SUBQUERY REGULAR SUBQUERY: query annidata in altre query, racchiusa da parentesi: Esempio: SELECT StoreId FROM Stores WHERE TotalSale > 0.01* (SELECT SUM(TotalSales) FROM Stores); TIPOLOGIE DI SUBQUERY: ROW SUBQ: restituisce 0/1 riga, 1/n colonne TABLE SUBQ: restituisce 0/n righe, 1/n colonne SINGLETON SUBQ: restituisce esattamente 0/1 riga, con 1 colonna. Le SUBQ vengono calcolate per prime, e vengono temporaneamente memorizzate per l utilizzo finale.

51 SUBQUERY CORRELATED SUBQUERY: query annidata in altre query, ma che referenzia oggetti della query esterna. Viene calcolata ripetutamente, diversamente dalle SUBQ. Esempio: SELECT StoreID FROM Stores S WHERE S.TotalSales*0.1 < (SELECT SUM(i.Price) FROM Item i WHERE S.StoreID = I.StoreId and I.ItemType = "Dairy"); In questo esempio, viene calcolata la somma dei Price nell ambito dello stesso StoreID.

52 SUBQUERY CORRELATED SUBQUERY: spesso può essere convertita in normale SUBQ in join: Esempio precedente, equivale a: SELECT S.StoreId FROM Stores S, (SELECT I.StoreId, Sum(Price) DairySales FROM Items I WHERE I.ItemType = "Dairy" GROUP BY I.StoreId) D WHERE S.StoreId = D.StoreId AND S.TotalSales *0.1 < D.DairySales;

53 SUBQUERY CORRELATED SUBQUERY: RESTRIZIONI: Netezza converte le CORRELATED SUBQUERY in SUBQ with JOIN. CORR SUBQ soltanto nella WHERE CORR SUBQ in INNER JOIN soltanto con operatore = Non si possono usare: In operazioni d insieme (UNION, INTERSECT, EXCEPT, MINUS) In aggregazioni (GROUP BY, HAVING) In OR, CASE/WHEN, nelle liste della IN, nelle liste della SELECT. PERFORMANCE EXPENSIVE: provare sempre a convertirle con la JOIN.

54 FUNZIONI DI AGGREGAZIONE AGGREGAZIONE DI GRUPPO: restituiscono il risultato calcolato su 0-n righe. SELECT max(temp_lo) FROM weather; Es. MAX, MIN Usate anche con GROUP BY Usate anche con GROUP BY.. HAVING..

55 FUNZIONI DI AGGREGAZIONE AGGREGAZIONE SU FINESTRA (i.e. WINDOWS ANALYTIC FUNCTIONS) restituiscono il risultato calcolato su UN GRUPPO DI 0-n righe DEFINITE DA UNA FINESTRA. ESEMPIO: data la tabella...

56 FUNZIONI DI AGGREGAZIONE AGGREGAZIONE SU FINESTRA: Esempio 1: SELECT year, month, salesk, avg(salesk) OVER (PARTITION BY year ORDER BY month ROWS BETWEEN 1 PRECEDING AND 1 FOLLOWING) FROM monthlysales; Ogni riga, utilizza la precedente (se esiste) e la successiva (se esiste) in una finestra con ordinamento desiderato, per fare un calcolo aggregato.

57 FUNZIONI DI AGGREGAZIONE AGGREGAZIONE SU FINESTRA: risultato 1: AVG(20,22,25) = ( )/3 = 67/3 = AVG(22,25,30) = ( )/3 = 77/3 = Dov è l errore???

58 FUNZIONI DI AGGREGAZIONE AGGREGAZIONE SU FINESTRA: Esempio 2: SELECT *, sum(salesk) OVER (PARTITION BY year ORDER BY month ROWS UNBOUNDED PRECEDING) FROM monthlysales; Ogni riga, utilizza tutte le precedenti della PARTITION.

59 FUNZIONI DI AGGREGAZIONE AGGREGAZIONE SU FINESTRA: risultato 2: SUM(30,35,50) = 115 ANALYTIC FUNCTIONS: UNA SESSIONE SUCCESSIVA!!!

60 <EOF>

61 REFUSI

62 NETEZZA SQL INTRODUCTION 1. ACCESSO A NETEZZA SQL CON NZSQL 1. Logging On 2. Risposta ai Command 3. Management delle Sessioni 4. Supporto SSL per i Client 5. Variabili SQL di Sessione 2. nzsql COMMANDS 1. Input 2. Output 3. Options 4. Miscellaneous 5. Slash 6. Query Buffer 3. nzsql EXIT CODE

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 1 Il linguaggio SQL Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 2 Introduzione SQL (Structured Query Language)

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

CA RC/Update for DB2 for z/os

CA RC/Update for DB2 for z/os SCHEDA PRODOTTO CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os (CA RC/Update) è uno strumento di gestione di dati e oggetti DB2 che consente agli amministratori

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste AEROPORTO (Città, Nazione, NumPiste) VOLO (IdVolo, GiornoSett, CittàPart, OraPart, CittàArr, OraArr, TipoAereo) AEREO (TipoAereo, NumPasseggeri, QtaMerci) Datalog - Aeroporti da cui non partono aerei per

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon)

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) Sed & Awk Sed e Awk sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) awk: linguaggio per l'elaborazione di modelli orientato ai campi (1977, Bell

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Le basi. Creare un elenco

Le basi. Creare un elenco Le basi Creare un elenco Fabrik Tables New dare un titolo (che apparirà) alla tabella su label in Intoduction sarà visualizzato un testo che apparirà sopra la tabella nella scheda Publishing: Published:

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati.

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. 1 Esercitazione Stata 18/11/2011 ore 9-12 Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. Stata, che cos'è Stata è un software statistico

Dettagli

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 9 Maggio 2012 Allocazione dinamica della memoria Memoria dinamica È possibile creare

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Manuale sull'editor VI

Manuale sull'editor VI Manuale sull'editor VI A cura di Giuseppe Ciaburro http://www.ciaburro.it info@ciaburro.it Indice 1 Per iniziare 3 2 Comandi operativi 5 3 Comandi per il controllo dei file 13 4 Opzioni 21 5 Macro 24 6

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

DB2 10 for z/os. Cut Cost & Improve Performance

DB2 10 for z/os. Cut Cost & Improve Performance DB2 10 for z/os Cut Cost & Improve Performance SOMMARIO 1. SEZIONE I INTRODUZIONE AL DB2 10 FOR Z/OS...1-5 1.1 SOMMARIO...1-5 2. SEZIONE II PERFORMANCE AVAILABILITY...2-7 2.1 MANY PERFORMANCE ENHANCEMENTS...2-7

Dettagli

IT FOR BUSINESS AND FINANCE

IT FOR BUSINESS AND FINANCE IT FOR BUSINESS AND FINANCE Business Intelligence Siena 14 aprile 2011 AGENDA Cos è la Business Intelligence Terminologia Perché la Business Intelligence La Piramide Informativa Macro Architettura Obiettivi

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Grandi dimensioni e dimensioni variabili

Grandi dimensioni e dimensioni variabili Grandi dimensioni e dimensioni variabili aprile 2012 1 Questo capitolo studia alcuni ulteriori aspetti importanti e caratteristici della gestione delle dimensioni in particolare, delle grandi dimensioni

Dettagli

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design Power Fail Rx Tx Dout QEED www.q.it info@q.it CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Sicurezza nei DataBase

Sicurezza nei DataBase Sicurezza nei DataBase Sicurezza Quando si parla di Sicurezza Informatica vengono coinvolti tre aspetti molto importanti di qualsiasi sistema informatico: riservatezza, integrità e disponibilità. Alessandro

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

RAID, LVM, LUKS: Play with disks.

RAID, LVM, LUKS: Play with disks. RAID, LVM, LUKS: Play with disks. Mario Polino Corsi Avanzati Linux - 2014 RAID POuL M. Polino RAID, LVM, LUKS 2 RAID What? POuL M. Polino RAID, LVM, LUKS 3 RAID What? POuL M. Polino RAID, LVM, LUKS 3

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli