La regolamentazione dei settori dell energia elettrica e del gas

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La regolamentazione dei settori dell energia elettrica e del gas"

Transcript

1 La regolamentazione dei settori dell energia elettrica e del gas Il funzionamento dei mercati dell energia elettrica e del gas Massimo Ricci - Direzione mercati Autorità per l energia elettrica e il gas Facoltà d Ingegneria Università degli studi di Udine - 12 novembre 2010 Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 1

2 Il sistema elettrico Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 2

3 Il sistema elettrico Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 3

4 Bilancio dell energia elettrica in Italia (GWh) Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 4

5 Produzione di energia elettrica in Europa nel 2009 Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 5

6 Produzione di energia elettrica in Italia nel 2009 Produzione lorda di energia elettrica in Italia nel 2009 (totale: 293 TWh) biomasse e rifiuti biod. 2,6% altri combustibili 4,2% prodotti petroliferi 5,4% geotermica 1,8% eolica 2,2% fotovoltaica 0,2% idrica 18,3% gas derivati 1,3% combustibili solidi 13,6% gas naturale 50,3% Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 6

7 Produzione di energia elettrica - struttura Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 7

8 La Il rete sistema di trasmissione elettrico Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 8

9 La Il rete sistema di distribuzione elettrico Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 9

10 impresa distributrice Assetto del mercato mercato all ingrosso: approvvigionamento commodity Terna servizio di trasporto Trader/venditore contratto di vendita servizio di dispacciamento cliente finale Contratti di dispacciamento e trasporto: Linea arancione continua il venditore riceve mandato dal cliente finale e sottoscrive i contratti. Può a sua volta dar mandato a terzi. Linea arancione tratteggiata il cliente finale provvede autonomamente alla sottoscrizione dei contratti. Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 10

11 Servizio di trasmissione, distribuzione e misura È il servizio erogato dalle imprese distributrici a tutti i soggetti connessi alle reti di trasmissione e di distribuzione sul territorio nazionale Sono tenuti a concludere il contratto per il servizio di trasmissione e di distribuzione tutti i soggetti titolari di unità di produzione o di unità di consumo (ad es. produttori e clienti finali) Il soggetto tenuto alla stipula del contratto può delegare alla stipula un soggetto terzo avvalendosi dell istituto del mandato senza rappresentanza In caso di avvalimento dell istituto del mandato, per ciascuna unità di produzione e di consumo il mandato alla stipula del contratto di trasmissione deve essere conferito allo stesso soggetto cui è conferito il mandato alla stipula del contratto di dispacciamento Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 11

12 Servizio di dispacciamento È il servizio erogato da Terna a tutti i soggetti connessi alle reti di trasmissione e di distribuzione sul territorio nazionale Le attività svolte da Terna per l erogazione del servizio di dispacciamento comprendono: l approvvigionamento e la gestione delle risorse per garantire l equilibrio tra immissioni e prelievi nel sistema elettrico (Bilanciamento) la determinazione delle partite fisiche e commerciali connesse agli acquisti e alle vendite registrate (concluse OTC o nella borsa) e la regolazione dell energia elettrica oggetto di deviazioni rispetto agli impegni contrattuali (Registrazione e settlement) Disciplina del dispacciamento: Condizioni stabilite dall Autorità (deliberazione n. 168/03 e 111/06) Regole adottate da Terna e approvate dall Autorità nel Codice di rete Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 12

13 La negoziazione dell energia elettrica all ingrosso (1/2) Nel sistema elettrico italiano, l energia elettrica può essere negoziata: tramite negoziazioni bilaterali (OTC); Durata non limitata nel mercato IDEX (contratti differenziali); durata fino ad un anno nel mercato MTE (registrazione fisica delle transazioni); durata fino ad un mese (prossima estensione all anno) nel mercato IPEX MGP, MA, MSD (registrazione fisica delle transazioni) su base giornaliera La registrazione delle transazioni avviene nell ambito del servizio di dispacciamento Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 13

14 La negoziazione dell energia elettrica all ingrosso (2/2) Il MGP è organizzato: Il prezzo su MGP è formato dall incontro della domanda e dell offerta liberamente espresse dagli operatori; Metodologia di formazione del prezzo: Zonal Marginal Pricing La metodologia di formazione del prezzo tiene conto dei vincoli di transito tra le zone geografiche in cui può essere suddiviso il mercato e del vincolo di definizione di un prezzo unico nazionale lato acquisto (PUN); Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 14

15 La vendita al dettaglio ruolo della regolazione La regolazione di un settore liberalizzato non implica assenza di regolamentazione ma cambiano gli obiettivi dell intervento regolatorio Gli interventi regolatori devono: agevolare lo sviluppo della concorrenza nel mercato della vendita tutelare i clienti finali nel processo di liberalizzazione dell attività di vendita al dettaglio TRADE OFF TRA SVILUPPO DELLA CONCORRENZA E TUTELA DEI CLIENTI Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 15

16 Maggior tutela e salvaguardia Il legislatore ha previsto due servizi di vendita differenti Servizio di vendita di maggior tutela Servizio di vendita di salvaguardia per i clienti di minore forza contrattuale per i tutti i clienti* a garanzia di prezzi e qualità ragionevoli (affordable/acceptable price) a garanzia di continuità delle forniture * il cliente finale che ha diritto alla maggior tutela trova in quell ambito la propria salvaguardia Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 16

17 Il sistema gas Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 17

18 La filiera del gas naturale Approvvigionamento Sistema infrastrutturale Vendita Produzione gas Importazion e gas GNL Stoccaggio Trasporto Sistema di distribuzione Centrali termoelettriche Clienti industriali Clienti residenziali e commerciali Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 18

19 Bilancio del gas naturale in Italia (Gm 3 ) Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 19

20 Import italiano per fonti Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 20

21 Produzione nazionale (Mm 3 ) Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 21

22 Produzione di energia elettrica - struttura Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 22

23 La rete di trasporto Olanda/Norvegia Russia Produzione nazionale GNL Algeria Libia Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 23

24 Sviluppi - LNG TAG Importazioni 3.75 Gmc OLT offshore (Li)- (Endesa Italia, Amga, Asa 51%; OLT Energy Toscana 49%) 8 Gmc Porto Levante offshore (Edison 10%; Exxon Mobil 45%; Qatar Terminal Limited 45%) IGI (da Grecia) Possibili sviluppi dei gasdotti Progetti di nuove infrastrutture GALSI (da Algeria) TTPC 8 Gmc Brindisi LNG-(100% BG Italia) GREENSTREAM Terminali GNL Esistenti Autorizzati In valutazione Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 24

25 Sviluppi - Trasporto Gmc TAG Importazioni Possibili sviluppi dei gasdotti Progetti di nuove infrastrutture GALSI 10Gmc 8Gmc TTPC 2.0 GREENSTREAM Gmc Gmc IGI Terminali GNL Esistenti Autorizzati In valutazione Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 25

26 Lo stoccaggio OLANDA NORVEGIA SETTALA SERGNANO RUSSIA BRUGHERIO COLLALTO SABBIONCELLO RIPALTA PANIGAGLIA (GNL) CORTEMAGGIORE MINERBIO CELLINO FIUME TRESTE CONCESSIONI ANNI 60 ALGERIA LIBIA CONCESSIONI ANNI Siti STOGIT Siti EDISON S Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 26

27 Le caratteristiche del mercato italiano E previsto un forte incremento della domanda trainato in particolare dal settore termoelettrico La crescita deve essere sostenuta dalla realizzazione di nuove infrastrutture di importazione (GNL o via tubo) Forte dipendenza dalle importazioni, specialmente extra UE Produzione nazionale in rapido declino Vincoli alla concorrenza propri dei contratti TOP Forte concentrazione nell approvvigionamento all ingrosso da parte di Eni che controlla la maggior parte delle infrastrutture di importazione attualmente operative Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 27

28 Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 28

29 Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 29

30 IL MERCATO ALL INGROSSO DELL ENERGIA ELETTRICA: CONDIZIONI STRUTTURALI Domanda poco elastica al prezzo Scarsa possibilità di immagazzinare l energia elettrica Congestioni sulle reti di trasmissione e distribuzione Tempi lunghi per l adeguamento della capacità produttiva Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 30

31 IL MERCATO ALL INGROSSO DELL ENERGIA ELETTRICA: IMPLICAZIONI DELLE CONDIZIONI STRUTTURALI Le specifiche condizioni strutturali hanno molteplici impatti in termini di: - potenziale complessità del mercato: il valore dell energia elettrica può essere sensibilmente diverso nello spazio e nel tempo (e non valgono le regole di arbitraggio tipiche di altri mercati) - differenziazione tecnologica del parco produttivo: è ottimo, per minimizzare i costi di produzione, utilizzare un parco caratterizzato da diverse tecnologie e diverse prestazioni (ciascuna con un diverso rapporto costi fissi/costi variabili e non dominate) - misura e facilità di esercizio del potere di mercato unilaterale e collettivo: scarsa contendibilità del mercato, elevato potere di mercato anche con piccole quote di capacità produttiva, gioco ripetuto tra i medesimi operatori che interagiscono nei diversi mercati. Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 31

32 IL DISEGNO DEL MERCATO ALL INGROSSO: LA GESTIONE DELLA COMPLESSITÀ La potenziale complessità del mercato è risolta attraverso una sua segmentazione. Sono quindi previsti due mercati distinti anche se tra loro collegati: il mercato all ingrosso ed il mercato dei servizi di dispacciamento (MSD). Il mercato all ingrosso è un mercato semplificato in cui, cioè, viene negoziato un prodotto (artificialmente) standardizzato: l energia elettrica all ingrosso. L energia elettrica all ingrosso è un prodotto standardizzato poiché si assume che abbia il medesimo valore se prodotta/consumata* in qualunque istante del medesimo periodo rilevante (l ora) e in qualunque punto della medesima area geografica (la zona). Il costo di ricondurre il prodotto standardizzato alla realtà fisica del sistema è sostenuto nel MSD da Terna e ripartito tra gli utilizzatori del sistema sulla base di criteri di efficienza ed equità. [* lato prelievo (consumo), inoltre, è applicata una componente equitativa che eguaglia il prezzo dell energia elettrica all ingrosso in tutta Italia] Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 32

33 IL DISEGNO DEL MERCATO ALL INGROSSO: MERCATI E PRODOTTI Il prodotto energia elettrica all ingrosso è negoziato in diversi mercati e con diversi prodotti (fisici o finanziari). I contratti di compravendita di energia elettrica con obbligo di consegna fisica possono essere a termine o pronti. I contratti a termine (con obbligo di consegna fisica) possono essere negoziati in via bilaterale (e registrati nella PCE) o sul mercato organizzato MTE. I contratti a pronti sono negoziati sul mercato organizzato IPEX (MGP + MA), a valle del quale vengono definiti i programmi vincolanti di produzione e prelievo che sono poi modificati (solo per quelli riferiti agli impianti abilitati alla partecipazione nel MSD) da Terna, sulla base delle offerte presentate nel MSD, per conciliare le transazioni desiderate dalle parti con la realtà fisica del sistema. Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 33

34 MERCATI FISICI GSE Produttori & Importatori Unità abilitate TERNA [MUST RUN] OFFERTA Clearing Price MGP [+MA] Sale Purchase Volume PCE (Piattaforma Conti Energia) MSD MERCATI Esercenti la Salvaguardia Acquirente Unico Mercato Libero DOMANDA Esercenti la Maggior Tutela Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 34

35 IL DISEGNO DEL MERCATO ALL INGROSSO: MERCATO A PRONTI (1/2) Il mercato a pronti si articola in: - Mercato del giorno prima (MGP) - Mercato di aggiustamento (MA) Nell MGP - I venditori ricevono, per le quantità accettate in vendita in un ora in una zona, il Prezzo zonale orario, cioè il prezzo che si forma nella zona in cui è dispacciata l energia prodotta nell ora - Gli acquirenti pagano, per le quantità accettate in vendita in un ora in una zona, il Prezzo unico nazionale (PUN) dell ora, che è la media ponderata dei Prezzi zonali nella medesima ora Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 35

36 IL DISEGNO DEL MERCATO ALL INGROSSO: MERCATO A PRONTI (2/2) Ai fini della determinazione del prezzo nel MGP, che è il mercato più rilevante, si considerano i volumi della totalità dei contratti con obbligo di consegna fisica Il Prezzo zonale si forma applicando la metodologia del prezzo marginale, il System Marginal Price La suddivisione del territorio in zone è determinata in ragione dei vincoli di trasporto sulla rete di trasmissione dell energia elettrica, al fine di limitare fenomeni di congestione Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 36

37 IL DISEGNO DEL MERCATO ALL INGROSSO: LE ZONE Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 37

38 LA DIFFERENZIAZIONE DEL PARCO PRODUTTIVO: IL PARCO OTTIMO L energia elettrica può essere prodotta da diverse fonti caratterizzate da un diverso rapporto costi fissi/costi variabili La variabilità (nello spazio e nel tempo) della domanda, l impossibilità di immagazzinare l energia e i vincoli di trasporto fanno sì che sia efficiente avere un parco produttivo composto da impianti di diverse tecnologie tra loro non dominate (i.e. nessuna ha sia costi fissi che costi variabili inferiori a quelli delle altre) Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 38

39 LA DIFFERENZIAZIONE DEL PARCO PRODUTTIVO: LA CORRETTA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE La valorizzazione marginale (SMP) consente di fornire agli impianti con bassi costi variabili una rendita inframarginale funzionale a garantire la copertura dei costi fissi In un contesto di mercato, in assenza di incertezze sul futuro e assumendo offerte sul mercato che riflettono i costi marginali dei diversi impianti, nel lungo periodo la valorizzazione marginale conduce a un dimensionamento ottimo del parco di produzione Il timore è che la valorizzazione marginale possa facilitare la collusione tra i produttori e spingere (in presenza di vincoli stringenti anche autoimposti - ai prezzi massimi) i principali produttori a strategie di aumento dei prezzi più che dei volumi Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 39

40 LA DIFFERENZIAZIONE DEL PARCO PRODUTTIVO: SYSTEM MARGINAL PRICE Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 40

41 IL POTERE DI MERCATO: POTERE DI MERCATO UNILATERALE (1/2) La non elasticità della domanda, l impossibilità di immagazzinare l energia, i vincoli di trasporto e la bassa contendibilità del mercato (lunghissimi tempi per l entrata e possibilità di ridurre i prezzi anche solo post entrata) fanno sì che anche operatori con quote di mercato relativamente piccole abbiano in alcuni momenti dell anno e/o in alcuni nodi della rete un rilevante potere di mercato e (almeno potenzialmente) un forte interesse ad esercitarlo. L anelasticità della domanda (in particolare quella espressa da Terna nell acquistare risorse essenziali per la sicurezza nel MSD) portano al concetto di essenzialità, che nasce dall impossibilità di far ridurre volontariamente (a fronte di prezzi elevati) la domanda. Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 41

42 IL POTERE DI MERCATO: POTERE DI MERCATO UNILATERALE (2/2) Un operatore essenziale può ottenere il prezzo che vuole, fino a concorrenza con il prezzo determinato amministrativamente per cui si ritiene preferibile distaccare involontariamente la domanda; prezzo di almeno 1 ordine di grandezza superiore ai più elevati costi variabili di produzione tradizionale. La prima misura del potere di mercato unilaterale detenuto da un operatore è quindi quella riferita alla sua indispensabilità per soddisfare la domanda. Ma, posto che il parco ottimo si compone di molteplici tecnologie, detiene potere di mercato anche l operatore che controllando tutta la capacità di una tecnologia è in grado di scalare la curva di offerta concorrenziale per ottenere un prezzo corrispondente al costo variabile della tecnologia con costi variabili più alti anche quando la domanda può essere soddisfatta senza fare produrre questi impianti più costosi. Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 42

43 IL POTERE DI MERCATO: POTERE DI MERCATO COLLETTIVO La frequente ripetizione del mercato e la grande trasparenza delle informazioni sugli esiti del mercato facilitano l instaurarsi di equilibri collusivi (taciti). Infatti, la frequente ripetizione del mercato e la trasparenza consentono: - agli operatori di imparare a coordinare le loro strategie; - di rendere basso il valore ottenibile dal deviare dall accordo (tacito) collusivo rispetto alla punizione conseguente; si perdono i vantaggi futuri per il beneficio di un solo (o pochi, i.e. finché non si viene scoperti ) run di mercato. L instaurarsi di equilibri collusivi (taciti) è facilitato all aumentare della simmetria degli operatori. In presenza di un operatore dominante è più facile che questo eserciti il proprio potere di mercato unilaterale sostenendo i prezzi indipendentemente dalla collaborazione degli altri. Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 43

44 IL POTERE DI MERCATO: IL MONITORAGGIO DEL MERCATO (1/2) L attività di monitoraggio del mercato prevede analisi sia di tipo strutturale che comportamentale. Le analisi di tipo strutturale sono volte a misurare il grado di potere di mercato (unilaterale) detenuto dagli operatori. Tipicamente sono analisi che misurano la dimensione (in termini di MW) e la frequenza (per quante ore nell anno) della pivotalità (indispensabilità) dei diversi operatori, più che le classiche analisi di concentrazione (es. HHI). Le analisi di tipo comportamentale sono volte a valutare il comportamento effettivamente adottato dagli operatori: in particolare vengono condotte analisi di: - withholding fisico ed economico (si misura il trattenimento di capacità produttiva) - what if (si confrontano gli esiti effettivi del mercato con quelli che si sarebbero realizzati se solo l operatore indagato avesse offerto in modo diverso) Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 44

45 IL POTERE DI MERCATO: IL MONITORAGGIO DEL MERCATO (2/2) Entrambe le tipologie di analisi (strutturali e comportamentali) tengono inoltre conto di altri elementi rilevanti, quali: - l effetto degli impegni contrattuali a termine assunti; - l interdipendenza tra il potere di mercato nelle diverse aree geografiche (es. pivotalità congiunta) e (per quanto possibile) tra i diversi mercati. Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 45

46 Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 46

47 Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 47

48 Tipologie di clienti finali hanno diversa capacità di analisi delle proposte commerciali hanno diversa capacità di previsione/programmazione consumi (gestione rischio volume) richiedono differenti risorse per la commercializzazione della commodity Clienti di grandi dimensioni Clienti di medie dimensioni Clienti di piccole dimensioni Proposte contrattuali Complesse Mediamente complesse Semplici e facilmente comparabili Rischio volume Quasi tutto sul cliente Poca parte trasferibile sul cliente Quasi tutto sul venditore Attività di commercializza zione Risorse con elevata competenza tecnica Bassa incidenza Risorse con minore competenza tecnica e maggiori costi contatto Media incidenza Risorse con minore competenza tecnica e maggiori costi contatto e assistenza clienti Alta incidenza Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 48

49 Cosa paga il cliente finale in maggior tutela? Al cliente finale in maggior tutela si applicano: Corrispettivo PED: copertura costi di acquisto e di dispacciamento Componente UC1/ Corrispettivo PPE: copertura differenze costi/ricavi per approvvigionamento Corrispettivo PCV: copertura costi di commercializzazione Componente DISP BT e corrispettivo GF restituzione differenziale relativo alla commercializzazione e componente gradualità Tariffe di distribuzione, trasmissione e misura: copertura costi dei rispettivi servizi PREZZI Servizi liberalmente svolti Definiti dall Autorità in base a criteri di mercato Garanzia per il cliente TARIFFE Servizi svolti in monopolio Prezzo massimo pagato da tutti i clienti elettrici Componenti A e UC: copertura di oneri di sistema (es. incentivi fonti rinnovabili) e altri costi (es. recuperi di qualità) ONERI DI SISTEMA Pagati da tutti i clienti elettrici Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 49

50 Corrispettivo PED (1) Il corrispettivo PED è destinato alla copertura dei costi di acquisto e di dispacciamento dell energia elettrica sostenuti dall esercente la maggior tutela L esercente la maggior tutela: compra i servizi di acquisto e dispacciamento dell energia elettrica dall Acquirente unico pagando il prezzo di cessione vende l energia elettrica ai clienti finali ricevendo il corrispettivo PED Acquirente unico prezzo di cessione Esercente la maggior tutela corrispettivo PED Cliente finale in maggior tutela Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 50

51 Corrispettivo PED (2) Il corrispettivo è aggiornato all inizio di ciascun trimestre e determinato sulla base del livello dei prezzi di cessione dell Acquirente unico (nel trimestre successivo/nell anno solare di riferimento) I valori del corrispettivo PED: sono differenziati per ciascuna tipologia contrattuale (domestici, BT altri usi e BT illuminazione pubblica) possono essere monorari, articolati per fasce, per mese/raggruppamenti di mese E già definito un piano per l applicazione a tutti i clienti finali serviti in maggior tutela di corrispettivi PED differenziati per fasce orarie e per mesi/raggruppamenti di mesi, se il misuratore lo consente. Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 51

52 Le fasce orarie F1: ore di punta (peak) Nei giorni dal lunedì al venerdì: dalle ore 8.00 alle ore F2: ore intermedie (mid-level) Nei giorni dal lunedì al venerdì: dalle ore 7.00 alle ore 8.00 e dalle ore alle ore Nei giorni di sabato: dalle ore 7.00 alle ore F3: ore fuori punta (off-peak) Nei giorni dal lunedì al sabato: dalle ore alle ore 7.00 e dalle ore dalle ore Nei giorni di domenica e festivi* Tutte le ore della giornata * Si considerano festivi: 1 gennaio; 6 gennaio; lunedì di Pasqua; 25 Aprile; 1 maggio; 2 giugno; 15 agosto; 1 novembre; 8 dicembre; 25 dicembre; 26 dicembre Raggruppamento di mesi R1/R2 High/low season Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 52

53 MAGGIOR TUTELA PED differenziato per Applicato da* Automaticamente per i punti già trattati orari/per fasce ai sensi del LP BT altri usi > 16,5 kw F1, F2, F3 Mese 3 mesi dopo la riprogrammazione misuratore 1 gennaio 2009 Clienti BT altri usi </= 16,5 kw F1, F2, F3 R1, R2 6 mesi dopo la riprogrammazione misuratore 1 aprile 2009 Clienti domestici F1, F23 R1, R2 6 mesi dopo la riprogrammazione misuratore 1 gennaio 2010 * Periodo con comunicazione in fattura dei consumi differenziati per fasce e per mese/raggruppamento ma con applicazione della vecchia struttura di corrispettivi PED Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 53

54 I trimestre: gennaio/marzo Corrispettivo PED (3) LOGICA MENSILE A fine dicembre stima dei costi I trim previsione gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic II trimestre: aprile/giugno gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic A fine marzo stima dei costi II trim previsione Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 54

55 Corrispettivo PED (4) LOGICA ANNUALE (domestici e monorari) I trimestre: gennaio/marzo A fine dicembre stima dei costi di tutto l anno l solare previsione gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic II trimestre: aprile/giugno gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic A fine marzo stima dei costi di tutto l anno l solare consuntivo fin dove disponibile + previsione nel rimanente Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 55

56 Recupero e componenti UC1 e PPE Gli errori effettuati negli aggiornamenti sono: calcolati nei diversi aggiornamenti recupero definita un aliquota media a copertura dell importo totale da recuperare non differenziata per fasce orarie uguale per le diverse tipologie adeguamento dei corrispettivi PED per tener conto delle necessità di recupero Coperti (a partire dall anno successivo) attraverso le componenti a copertura della perequazione dei costi di acquisto per il mercato vincolato e per il servizio di maggior tutela fino al 31 dicembre 2007 (UC 1 ) a partire dall 1 gennaio 2008 (PPE) Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 56

57 Altri corrispettivi di maggior tutela (1) 2) CORRISPETTIVO PCV a copertura dei costi di commericalizzazione della vendita al dettaglio, definito sulla base dei costi di un operatore sul mercato libero espresso in cent /cliente/anno (cent /kwh) e differenziate per tipologie attualmente non è esplicitato il criterio di aggiornamento 3) COMPONENTE DISP BT componente (negativa) a restituzione del differenziale relativo all attività di commercializzazione (prezzo PCV costo riconosciuto a esercenti) applicata a tutti i clienti finali aventi diritto alla maggior tutela (anche a quelli del libero) espressa in cent /cliente/anno (cent /kwh e scaglioni di consumo) e differenziata per le tipologie tendenzialmente aggiornata in ogni trimestre (necessità di gettito) Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 57

58 Altri corrispettivi di maggior tutela (2) 4) CORRISPETTIVO GF corrispettivo di gradualità verso applicazione dei corrispettivi PED differenziati per fascia oraria applicato a tutti i clienti bt altri usi con trattamento orario o per fasce aventi diritto alla maggior tutela (anche a quelli del libero) espresso in cent /kwh, assume valore negativo (restituzione) in F1 e positivo in F2 e F3 tendenzialmente aggiornato in ogni trimestre (necessità di gettito) Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 58

59 Offerte sul mercato libero - Elementi di contesto 1) Caratteristiche clienti di piccola dimensione: bassa propensione al cambiamento bassa incidenza della spesa per l energia elettrica bassa conoscenza del mercato (diritti, opportunità, regole, operatori, istituzioni) 2) Struttura del mercato operatori dominanti a livello locale: vantaggio per gestione storica del rapporto: la forza del marchio vantaggi informativi (dati di misura; conoscenza cliente - rischio creditizio) il servizio di maggior tutela: possibilità di rientro nel servizio elementi delle condizioni economiche di recupero 3) Alcuni strumenti a supporto per una scelta consapevole scheda di confrontabilità elenco venditori trova offerte Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 59

60 Caratteristiche contratti (1) Condizioni generali Oggetto del contratto Conclusione del contratto Attivazione della fornitura e durata del contratto Sospensione della fornitura Recesso e risoluzione del contratto Legge applicabile, collegio arbitrale e foro competente Altre condizioni (adeguamenti normativi) Confidenzialità/Riservatezza Condizioni tecniche Dati relativi alla potenza Mandato alla connessione Interruzione della fornitura e responsabilità fornitore Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 60

61 Caratteristiche contratti (2) Condizioni economiche Prezzo: i. formula di prezzo; ii. modalità di aggiornamento: indicizzazione, frequenza Corrispettivi relativi agli sbilanciamenti Altri corrispettivi di trasporto applicati Componenti A e UC Diritti, tributi e relative addizionali Modalità di calcolo corrispettivi Fatturazione Modalità e tempistiche di pagamento Garanzie (deposito cauzionale, ) Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 61

62 Caratteristiche contratti (3) Condizioni generali Clausole risolutive e risoluzione contratto; forza maggiore in coerenza con la normativa sul recesso e quanto previsto dall Autorità in tema di comunicazione e clausole risolutive Altre condizioni (adeguamenti normativi) i contratti riportano normalmente clausole relative alla revisione in funzione della variazione normativa (in particolare per quanto attiene le attività regolate). E previsto un automatico adeguamento all evoluzione della normativa, senza necessità di ridefinire il contratto. Condizioni economiche Prezzo Spesso il prezzo non evidenzia (e valorizza) tutte le componenti relative all approvvigionamento (corrispettivi sbilanciamento, UC1 e PPE). Da considerare, inoltre, se il prezzo è già corretto per le perdite. Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 62

63 Tipi di offerte Dalla teoria offerte standardizzate convenienza ad offerte dual fuel legame al prezzo della maggior tutela (?) alla pratica offerte standardizzate ma veramente semplici e trasparenti? poche offerte dual fuel valorizzazione delle forme di pagamento indicizzazioni e sconti rispetto alla maggior tutela riferimento per lo sconto lo sconto è calcolato su tutta la materia prima (compresa l UC1 e PPE) o solo su alcuni elementi della materia prima? durata della validità delle condizioni economiche Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione mercati 63

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015 TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 31 marzo 2013 VOLUME I Stato dei servizi Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La nuova tariffa bioraria Il 1 luglio del 2010 entreranno in vigore le nuove tariffe biorarie fissate dall'autorità per l'energia Elettrica

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO

UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E UNO IL NOTIZIARIO DELLA BORSA ITALIANA DELL'ENERGIA un progetto del GME in collaborazione con il Gruppo Adnkronos NEWSLETTER del n.78 GENNAIO '15 approfondimenti UN ANNO DI GAS SUI MERCATI INTERNAZIONALI E

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO DSPLNA DLLO SAMBO SUL POSTO Regole Tecniche Determinazione del contributo in conto scambio a decorrere dall anno 2013 ai sensi dell articolo 12 dell Allegato A alla delibera 570/2012/R/efr - DZON n. 1

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2015 258/2015/R/COM PRIMI INTERVENTI IN MATERIA DI MOROSITÀ NEI MERCATI RETAIL DELL ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE E REVISIONE DEI TEMPI DELLO SWITCHING NEL SETTORE DEL GAS NATURALE

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI

V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI Edison Energia S.p.A. è Certificata ISO 9001:2008 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI La Carta della Qualità dei Servizi di Edison

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA Guida alla lettura dei costi

ENERGIA ELETTRICA Guida alla lettura dei costi Spedizione Abbonamento Postale 45% art. 2 comma 20/b legge 662/96 filiale di Roma ANNO XV - Lire 3.000 - Supplemento al n. 10 di Impresa Artigiana del 01 febbraio 2001 I QUADERNI DI ENERGIA ELETTRICA Guida

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2013 6/2013/R/COM DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI TARIFFARIE E RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAGLI EVENTI SISMICI VERIFICATISI NEI GIORNI DEL 20

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

ASSETTO ORGANIZZATIVO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. 1. SEGRETERIA ORGANI COLLEGIALI DELL AUTORITÀ - Ufficio Speciale (SOC)

ASSETTO ORGANIZZATIVO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. 1. SEGRETERIA ORGANI COLLEGIALI DELL AUTORITÀ - Ufficio Speciale (SOC) ASSETTO ORGANIZZATIVO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS A. UFFICI DI DIRETTA COLLABORAZIONE 1. SEGRETERIA ORGANI COLLEGIALI DELL AUTORITÀ - Ufficio Speciale (SOC) Gestisce il flusso decisionale,

Dettagli

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Pagina 1 di 9 Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Descrizione dei prodotti valida dal febbraio 2015 Autore: Swissgrid SA Rielaborazioni: Versione Data Sezione 1.0 21.08.2008

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) Valido dall 1 gennaio 2015 Versione modificata con le deliberazioni

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli