LICEO G. GALILEI - LEGNANO PIANO DI EMERGENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO G. GALILEI - LEGNANO PIANO DI EMERGENZA"

Transcript

1 LICEO G. GALILEI - LEGNANO PIANO DI EMERGENZA IL DATORE DI LAVORO Agg. generale 30 novembre 2014

2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SCUOLA 1.1 Denominazione della scuola LICEO G. GALILEI - SEDE 1.2. Livello e tipo di istituto Scientifico e Classico 1.3 localizzazione Legnano - via Gorizia Responsabile di istituto Prof. Andrea Boselli (Preside) 1.5 Proprietà della scuola Provincia di Milano 1.5 Amministrazione competente Provincia di Milano 1.6 Riferimenti di emergenza Vigili del Fuoco Pronto intervento Carabinieri Pronto intervento Polizia emergenza sanitaria Pronto intervento polizia municipale guardia medica servizio igiene Enel segnalazione guasti AMGA soccorso stradale Centralino scuola informazioni per le autorità e per gli enti preposti all emergenza E stata predisposta una documentazione contenente le informazioni essenziali per la gestione dell emergenza da parte delle squadre esterne di intervento. Essa è situata in Presidenza. L ubicazione è nota al Centralino e al personale di Segreteria 1.8 contenuto della documentazione 1. planimetrie dell edificio scolastico con evidenziati: luoghi che possono essere fonti di rischio (laboratori, biblioteca); luoghi più vulnerabili (auditorium, luoghi di elevata concentrazione); localizzazione mezzi antincendio (riportati sulle piante dei piani); luoghi di raccolta A e B 2. la presenza ed ubicazione di soggetti vulnerabili (disabili) è riscontrabile in Segreteria. E necessario che le classi che riscontrano la presenza di disabili siano ubicate a piano terra. L elenco quotidiano delle assenze è desumibile dal registro di classe informatizzato ed è noto in Segreteria. 3. Organigramma dell emergenza, nominativo dei coordinatori e degli incaricati 1.9 tipologia e morfologia dell edificio scolastico 1.10 intensità è tipologia del traffico sulle strade più prossime alla scuola La scuola è situata in un edificio indipendente da altri sia dal punto di vista strutturale che distributivo Le strade di accesso alla scuola non sono interessate da traffico veicolare intenso. La scuola è adiacente a due vie pubbliche, delle quali una è di dimensioni ridotte, a senso unico e con limitato traffico locale; l altra è di dimensioni maggiori, con intensità di traffico medio, con pista ciclabile protetta, a senso unico. In prossimità della scuola vi sono attività

3 produttive di limitata dimensione, per le quali non è dato di sapere se vengano effettuati trasporti di sostanze pericolose. Non si sono riscontrate fuoriuscite di nubi o vapori. Non si sono manifestati rumori di intensità elevata Area di raccolta all esterno della scuola è possibile identificare un area di raccolta in caso di emergenza (A): essa è uno spazio attiguo aperto, in cortile. Un altra area di raccolta può essere individuata nel parcheggio antistante alla scuola (B), da utilizzare in caso di pericolo sismico. In tal caso, occorre che personale incaricato ed addestrato provveda al blocco del traffico, chiedendo la collaborazione dei VV.UU Accessibilità ai veicoli dell area di raccolta 1.13 distribuzione e localizzazione della popolazione scolastica L area di raccolta A è accessibile solo ai veicoli di emergenza ed è mantenuta libera per permettere l accesso ai mezzi di soccorso. L area B è immediatamente accessibile dalla pubblica via. Ai fini di una corretta e tempestiva gestione dell emergenza è necessario conoscere con precisione la localizzazione delle persone all interno della scuola e in particolare sapere per ogni piano il numero massimo degli alunni che possono essere presenti, se vi sono persone disabili, di quanti docenti si dispone, di quanti operatori e segretari. Poichè la distribuzione degli alunni è variabile in funzione delle iscrizioni, della frequenza, dell attività, del calendario e dell orario, risulta possibile verificare esattamente il numero e la identità delle persone presenti attraverso la Segreteria e dopo aver consultato le relative registrazioni informatiche. Anche per le assenze occorre rimandare al registro informatizzato. Per i docenti, operatori e segretari e alla loro localizzazione (in quanto dati estremamente variabili) occorre ugualmente fare riferimento all ufficio di segreteria 1.14 L edificio si sviluppa su più piani La scuola è così articolata: Il piano interrato è esteso a tutto l edificio. Nel corpo principale (plesso verso viale Gorizia e verso palestra) è percorribile solo attraverso un corridoio perimetrale; la parte interna non è accessibile, ad eccezione dei locali tecnici (n.1 per termoventilazione auditorium, con accesso separato da botola esterna; n. 1 per termoventilazione di tutto l edificio originario, non utilizzato; n. 1 per termoventilazione del nuovo plesso, non utilizzato; n. 1, l impianti di termoventilazione palestre è totalmente esterno e posto tra queste e l alveo del fiume Olona). Il piano seminterrato si limita ad un locale utilizzato come centro copie, un ripostiglio ed un altro vano adibito ad archivio, presenta anche l ingresso all interrato ed alla cabina di proiezione

4 Nella scuola si distinguono diverse aree operative 1.16 sostanze ed attrezzature presenti nei laboratori 1.17 Macchine e impianti nei locali tecnici 1.18 Sostanze presenti nei depositi/magazzini dell auditorium, in cui è vietato l accesso. Il piano terra è esteso a tutto l edificio Il primo ammezzato comprende la segreteria e la presidenza. Il piano primo si estende a tutto l edificio. Il secondo ammezzato comprende le aule di disegno (ora utilizzate come normali aule didattiche) ed i laboratori scientifici. E in utilizzo il nuovo terzo piano ammezzato, eseguito in sopralzo sopra i laboratori. Il piano secondo ed il piano terzo si estendono a tutto l edificio. Nella scuola si distinguono le seguenti aree operative: a) Atrio, attesa, auditorium, biblioteca, ricevimento, infermeria, aule docenti; b) aule informatica, audiovisivi, linguistica; c) palestre e spogliatoi; d) amministrazione/presidenza; e) disegno e laboratori scientifici; f) aule (su 3 piani oltre ad altre a piano terra e al nuovo sopralzo); g) luoghi di immagazzinamento e locali tecnici Nei laboratori sono presenti le sostanze tossiconocive o infiammabili il cui elenco è depositato agli atti, unitamente alle schede di rilevazione rischi. Sono presenti inoltre attrezzature (macchinari e impianti), anch esse elencate nelle schede di rilevazione rischi. La quantità di tali materiali è relativamente variabile ma sempre esigua. Nei locali tecnici sono presenti: a) locali caldaia: attrezzature complete per la produzione del calore; b) locali termoventilazione: macchinari per la immissione in ambiente di aria calda o a temperatura naturale (n. 4 di cui n. 3 non utilizzati, oltre ad un nuovo generatore posto all esterno, nell area retrostante le palestre); c) locali elettrici: vari quadri elettrici. Vi sono inoltre i quadri elettrici di piano. NOTA: le specifiche dettagliate sono in possesso dell Ente proprietario e competente: la Provincia di Milano. carta, vecchi mobili ammalorati, macchine per ufficio dismesse. 2. ANALISI DEL RISCHIO 2.1 Il contesto naturale La scuola appartiene a un contesto territoriale caratterizzato dalla presenza di un fiume (Olona). Il Comune non è classificato a particolare rischio sismico. L area non insiste su terreni franosi. La

5 2.2 Identificazione dei rischi territoriali ipotizzabili legati alla presenza del fiume Olona 2.3 Identificazione dei rischi territoriali legati alla classificazione sismica 2.4 Misure organizzative adottate in relazione alla classificazione sismica 2.5 Misure educative e formative adottate scuola non è ubicata in prossimità di zone potenzialmente soggette a frana Nel territorio limitrofo al fiume l impermeabilizzazione del bacino è assai elevata. A monte della scuola praticamente non esiste manto vegetazionale. Vi sono estese opere di arginatura artificiale eseguite dall Amministrazione Comunale. Il rischio di esondazione è presumibilmente ridotto a seguito di tali adeguamenti. Durante lo scorso a.s. non sono stati segnalati eventi significativi. Tuttavia si conserva preliminarmente il rischio a livello alto. Inoltre l Olona, proprio in adiacenza dell istituto, è tombinata. Si ritiene che il fenomeno possa essere monitorato dalla Prefettura che, se del caso, ordinerà la chiusura della scuola. Non si è a conoscenza se vi siano a monte opere idrauliche che possano comportare il rischio di onde anomale. Non si è a conoscenza di fenomeni di subsidenza legati ad opere di estrazione di inerti o di acqua e/o idrocarburi dal sottosuolo La scuola è ubicata nel territorio di Legnano, che è inserito in zona sismica 4. Il rischio sismico non è da considerarsi prevalente, ma esiste la remota possibilità che un terremoto di forte intensità che avvenga in un area circostante la regione sismica in cui è ubicata la scuola, possa essere avvertito dalla popolazione scolastica. Il personale addetto al coordinamento dell emergenza farà scattare l esodo dalla scuola secondo quanto previsto dal presente piano. Non risulta comunicato alla scuola un piano di protezione civile per rischio sismico. All esterno dell edificio sono state individuate aree di raccolta (A e B) in cui, in caso di emergenza (Zona B per emergenza sismica), gli alunni e gli insegnanti dovranno rifugiarsi. Sono stati individuati gli ospedali più vicini, i percorsi migliori per raggiungerli. I numeri di emergenza sono noti, riscontrabili nel centralino, in segreteria e nel Piano di Emergenza presente in ogni aula. La popolazione scolastica è stata informata, formata, sui rischi legati ad un eventuale emergenza. Sono programmate due esercitazioni all anno, simulando le misure di autoprotezione da adottare, in modo da rendere automatiche le misure e corretti i comportamenti. 2.6 Contesto antropico a) la scuola appartiene ad un contesto urbanizzato caratterizzato dalla presenza di aree industriali, per quanto sia in atto una terziarizzazione del tessuto economico cittadino. La zona è considerata

6 2.7 Identificazione dei rischi tecnologici ipotizzabili legati alla industrializzazione dell area 2.8 Misure protettive adottate sui serramenti 2.9 Misure organizzative adottate in relazione al rischio di incidente tecnologico ad alto rischio industriale, in quanto sono presenti, a pochi chilometri, industrie chimiche, discariche e depuratori. Le autorità competenti dovrebbero avere provveduto al censimento delle industrie a rischio rilevante eventualmente presenti nella zona. Non è stata comunicata alla scuola l esistenza di uno specifico piano di protezione civile predisposto a seguito del suddetto censimento, che coinvolga la scuola stessa. Trattandosi di zona completamente urbanizzata, sono presenti sulle adiacenti vie pubbliche tutte le reti tecnologiche cittadine (elettricità, gas, fognatura, tombinatura, telefono, acqua, ecc.) b) Nel contesto urbano sono presenti grosse arterie di traffico su gomma e la ferrovia, sui quali esiste la possibilità che si verifichino trasporti di sostanze e materiali che, in caso di incidente (per esplosione, incendio o evaporazione), possano rilasciare nubi tossiche con eventuali rischi per gli utenti della scuola. Si segnala infatti la vicinanza (poche centinaia di metri) della ferrovia statale e dell asse Provinciale per Inveruno/V.le Toselli (assai prossimo) ad intenso traffico. Tuttavia la scuola non è direttamente adiacente a tali vie di trasporto c) Non vi è la presenza di un aeroporto e l edificio scolastico non è situato in corrispondenza di rotte aeree Nell ambito della città di Legnano, da considerarsi ad alta industrializzazione, la scuola è ubicata in zona moderatamente industrializzata, ma la presenza di infrastrutture di trasporto (descritte nel punto precedente) e di impianti di smaltimento (a pochi chilometri) fa sì che il rischio di incidente tecnologico si debba considerare nel piano di emergenza. Il rischio è prevalente per le reti di trasporto, data la vicinanza. Non è tale per la discarica e per le industrie, per il motivo contrario. Gli addetti all emergenza sono edotti dei rischi e delle conseguenze ed hanno ricevuto istruzioni per un corretto comportamento degli abitanti della scuola L edificio è dotato di chiusure (infissi, porte e finestre) a tenuta con guarnizioni. Non risulta certificato il completo isolamento in caso di nube tossica. Non risulta comunicato alla scuola un piano di protezione civile per incidente tecnologico. Si ribadisce in merito quanto al punto 2.4. La scuola non è dotata di attrezzature di protezione individuale (se non per quanto riguarda i laboratori), di segnale diretto di allarme dagli stabilimenti a

7 2.10 Misure educative e formative adottate in relazione al rischio di incidente tecnologico 2.11 L edificio scolastico: individuazione delle aree a rischio 2.12 Misure di abbattimento del rischio interno 2.13 Individuazione aree vulnerabili all interno dell edificio rischio, di linee di comunicazione dedicate. Sono state individuate le aree di raccolta in cui, in caso di evacuazione mirata, gli alunni e gli insegnanti dovranno incontrarsi. Sono stati individuati gli ospedali più vicini. I numeri di emergenza sono nel centralino, in segreteria e nel Piano di Emergenza presente in tutte le aule Il personale ha ricevuto formazione ed addestramento necessari previsti dal Ministero P.I., la popolazione scolastica è stata informata, formata. Sono previste due simulazioni di emergenza con prova di esodo all anno. Rischio incendio: a) magazzini e depositi che contengono principalmente carta, vecchi arredi, vecchi toner, alcool, prodotti per pulizia b) biblioteca e archivi, il cui carico di incendio non è noto: è stata chiesta alla Provincia la sua verifica. Al momento del presente aggiornamento i lavori di adeguamento REI non sono collaudati. La biblioteca non è dotata di impianto di estinzione incendio, di allarme c) centrale termica, alimentata a gas e altri locali tecnici. d) laboratori, in cui sono presenti impianti di gas, macchinari e sostanze pericolose e) affissione segnaletica di sicurezza, adeguata per tipologia, colore, dimensione, facilmente riconoscibile: f) affissione nei locali di planimetrie con indicazione delle aule, delle vie di fuga (percorsi e scale di emergenza) e collocazione mezzi antincendio: g) affissione ai piani delle planimetrie con evidenziate le zone di raccolta h) disposizione banchi e sedie in modo da non ostacolare l esodo rapido. i) Nella scuola è in funzione un impianto di illuminazione di emergenza Auditorium e palestre (per l alta concentrazione di persone), segreteria/direzione (manca w.c E.B.A.), aule disegno e laboratori (mancano locali igienici), aule eventuali in cui è segnalata la presenza di disabili (devono essere ubicate a piano terra) o di alunni con traumi o gessi temporanei, biblioteca (per carico incendio), laboratori scientifici, informatici e linguistici (per l alto contenuto tecnologico e la disposizione dei posti a sedere), locali tecnici.

8 ORGANIZZAZIONE DELL EMERGENZA 3.1 Obiettivi del Piano di Emergenza a) affrontare l emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica b) pianificare le azioni necessarie per proteggere le persone sia da eventi interni che esterni c) codificare i servizi di emergenza, lo staff tecnico e la direzione didattica d) fornire una base informativa didattica per la formazione del personale docente, degli alunni e dei genitori degli alunni e) fornire informazioni indispensabili ai VV.FF. ed alle squadre di intervento in genere per la localizzazione immediata delle zone a rischio, quelle vulnerabili, ecc. nonchè della organizzazione interna dell emergenza (S.P.P., vie di fuga, aree di raccolta) 3.2 Classificazione delle emergenze Le emergenze sono classificate in funzione della provenienza (interna o esterna) e della tipologia di evento iniziatore (incendio, emergenza tossiconociva, alluvione, evento sismico,...). Si elencano le tipologie di emergenza nelle seguenti classi. a) Emergenze interne: a.1) Incendio a.2) Allagamento a.3) emergenza elettrica a.4) ordigno esplosivo all interno della scuola. b) Emergenze esterne b.1) Alluvione b.2) Evento sismico b.3) emergenza tossico-nociva b.4) attacco terroristico b.5) emergenza trasporto (impatto) b.6) emergenza esterna che non coinvolge direttamente la scuola ma condiziona l uscita degli alunni e quante altre emerse dall analisi del rischio e della vulnerabilità dell edificio 3.3 Coordinamento e predisposizioni preventive per eventi estranei alla scuola L efficacia del Piano di Emergenza è soprattutto basata sul coordinamento e sulla comunicazione. Una importante forma di prevenzione è senz altro quella di non farsi cogliere impreparati agli eventi. E dunque indispensabile creare un coordinamento tra le amministrazioni locali e la scuola, che permetta di conoscere: la ubicazione delle industrie a rischio di incidente rilevante, la classificazione sismica della zona, le previsioni di eventi incidentali (alluvioni,...) ma anche di quelle situazioni di vita quotidiana della città che possono essere fonte di rischio (lavori in corso su linee interrate di gas, acqua, EE, scavi, movimenti di terra, ecc.). Si chiede quindi che le imprese che operano nel territorio limitrofo alla scuola, comunichino l inizio e la fine dei lavori, in modo che la scuola possa mettersi in stato di allerta.

9 4. PIANO DI EMERGENZA 4.1 I 3 tempi dell organizzazione dell emergenza 4.2 Prevenzione: predisposizioni organizzative a) prevenzione b) gestione dell emergenza c) post emergenza a) prevenzione nella scuola. Questa fase è caratterizzata dalla diffusione delle informazioni, dalla partecipazione degli alunni nella definizione della mappa locale dei rischi, per guidarli a comprendere i meccanismi di generazione degli incidenti e sapere affrontare più coscientemente il momento dell emergenza. E questo il momento dell apprendimento delle tecniche di auto protezione e delle modalità d uso dei DPI, della simulazione dell emergenza, dell informazione. 4.3 Attribuzione dei compiti Allo scopo di raggiungere un accettabile livello di automatismo nelle azioni da intraprendere in caso di emergenza si sono messe in opera le seguenti predisposizioni: designazione del Responsabile e del Coordinatore del Servizio Prevenzione e Protezione. Il responsabile è il Preside Prof. Andrea Boselli Il R S.P.P. è il Dott. Cesare Sangalli. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è la Prof.ssa Tiziana Masciadri. Per ogni aula è designato come responsabile del controllo delle operazioni di esodo il docente che si trovi nell aula stessa. Per ogni piano, il personale in servizio è designato ad indirizzare gli utenti verso le vie di fuga prescritte La squadra di emergenza è individuata nell Allegato 1, comprendente anche la squadra di Primo Soccorso. Il personale designato al controllo o alla ricerca di alunni che non fossero in classe al momento dell emergenza è costituito dagli addetti al Primo Soccorso, il cui elenco è riportato nello stesso Allegato 1. E stato designato il Sig. Lo Verso Giovanni incaricato di interrompere l erogazione di EE, gas, alimentazione della caldaia termica, funzionamento dei termoventilatori, prese d aria in genere. La squadra di emergenza deve essere idoneamente addestrata all uso dei mezzi antincendio. 4.4 Individuazione zone di raccolta Sono individuate zone di raccolta all interno ed all esterno dell edificio. Le aree di raccolta interne sono individuate in zone sicure adatte ad accogliere le classi in caso l emergenza non preveda l esodo. Esse sono identificabili in tutte i locali in cui sono presenti serramenti esterni nuovi, con esclusione assoluta del piano terreno e dei piani seminterrato ed interrato in caso di alluvione. La eventuale risalita dal piano primo al secondo verrà attuata solo dopo apposito ordine del personale di emergenza o del

10 Preside. Le aree di raccolta esterne di pertinenza della scuola sono individuate, in modo da permettere la coordinazione delle operazioni di evacuazione ed il controllo dell effettiva presenza di tutti prima di abbandonare la scuola. Le aree di riferimento all esterno dell edificio scolastico sono tali da far capo a luoghi sicuri: A: nel cortile, tra la palestra ed il nuovo plesso; B: il parcheggio antistante la scuola (in tal caso le autorità competenti o, in mancanza, il personale della scuola provvederanno a bloccare temporaneamente il traffico in via Gorizia per permettere agli utenti di raggiungere detto parcheggio; contemporaneamente provvederanno al blocco del movimento veicolare nel parcheggio stesso); La localizzazione dell ospedale è nota. Le aree di riferimento interne e di riferimento esterne sono note a tutti e indicate nelle planimetrie allegate (Allegato 2). 4.5 Designazione degli allievi Ogni classe designa gli allievi aprifila e serrafila. In mancanza di designazione formale, sono considerati aprifila gli alunni abili più prossimi all uscita serrafila quelli più lontani dalla stessa. Gli allievi aprifila hanno il compito di aprire le porte e guidare le classi alla zona di raccolta. Gli allievi serrafila devono controllare che nessuno dei compagni resti isolato e chiudere la porta dell aula. 4.6 Preparazione degli insegnanti e degli alunni. Sensibilizzazione Le forme educative previste nel programma preventivo comprendono: la assimilazione da parte degli insegnanti dei comportamenti individuali previsti nel piano di emergenza; la comunicazione delle procedure; la messa a disposizione di chiunque del presente piano di emergenza 4.7 Gestione dell emergenza Seconda fase. Le modalità di gestione dell emergenza sono definite in maniera precisa e adeguatamente approfondita per le persone direttamente coinvolte, allo scopo di assicurare la massima tempestività in condizioni di pericolo. Allo stesso tempo, l organizzazione è definita in maniera precisa e adeguatamente approfondita anche per le persone non direttamente coinvolte ma interessate all emergenza (genitori) allo scopo di evitare comportamenti sbagliati che possano aumentare il livello di rischio. I compiti del S.P.P. sono quelli di legge per le scuole secondarie pubbliche. 4.8 Il post emergenza Terza fase. Cosa fare al cessato allarme. Occorre accertarsi che: a) le autorità abbiano autorizzato il rientro nell edificio e la ripresa delle attività. b) alunni, docenti e non docenti siano tutti presenti nei centri di raccolta; c) l informazione del cessato allarme sia arrivata ai genitori degli alunni.

11 5. SISTEMA DI COMUNICAZIONE DELL EMERGENZA 5.1 Sistemi di comunicazione dell emergenza 5.2 Avvisi con campanella o allarme sonoro La comunicazione dell emergenza avverrà a mezzo di allarme sonoro Allo scopo di rendere rapide le comunicazioni interne alla scuola, in occasione di eventuali emergenze, è previsto l utilizzo della campanella. Il sistema consentirà di avvisare automaticamente tutte le persone interessate attivando in tal modo il piano di emergenza con estrema rapidità ed eliminando inutili perdite di tempo. L attivazione della campanella è possibile dal centralino. La campanella verrà attivata con le modalità di seguito riportate, a seconda che sia richiesto l esodo o meno. La tacitazione della campanella è possibile dal centralino. La medesima campanella è utilizzata per il comando di esodo generale della scuola. L attivazione è possibile da apposito comando ubicato nel locale destinato a centralino. Il segnale di inizio emergenza e di emergenza senza esodo è costituito da una serie di suoni intermittenti della durata circa di 5 secondi ciascuno, intervallati da una breve pausa. La sequenza è ripetuta 3 volte. Il segnale di emergenza con esodo è costituito da una prosecuzione ininterrotta della sequenza sopra descritta fino ad esodo concluso. La campanella è utilizzata anche per il segnale di fine emergenza. Il comando è possibile da apposito pulsante ubicato nel locale centralino. E compito del Sig. Lo Verso Giovanni verificare le corrette condizioni delle apparecchiature coinvolte, una volta cessata l emergenza e comunicare la necessità di interventi di ripristino. 5.3 Il suono dell inizio dell emergenza Il segnale sonoro come sopra descritto indica l inizio dell emergenza. L attivazione dell allarme è affidata a chiunque si accorga dell emergenza (non potendo attuarla, contatterà immediatamente il centralino). 5.4 Il suono di esodo La sequenza ininterrotta, come sopra descritta, del suono della campanella segnala la necessità di procedere all esodo generale. Il segnale di esodo generale è dato dal Preside o, in sua assenza, dal suo sostituto 5.5 Il suono della fine dell emergenza Il suono intermittente segnala la fine dell emergenza. Il segnale di fine emergenza può essere dato esclusivamente dal Preside o, in sua assenza, dal suo sostituto. 5.6 L allarme mediante comunicazione telefonica Avviene digitando, da qualunque apparecchio telefonico interno, il numero della Segreteria (numero: 405) che provvederà ad allertare il Preside e

12 il S.P.P. Colui che rileva l emergenza deve comunicare telefonicamente il seguente messaggio: Sono..., piano..., classe...; è in atto una emergenza (incendio/tossica/altro) nell area...; esistono/non esistono feriti ed attendere le istruzioni del Preside o del S.P.P. 5.7 Chiamata Enti esterni VV.FF. = 115 Carabinieri = 112 Polizia = 113 Emergenza sanitaria = 118 VV.UU. = Guardia Medica = Servizio Igiene = Enel Guasti = AMGA = Soccorso stradale = 116 Centralino scuola = Richiesta di intervento Pronto Soccorso In caso siano stati segnalati feriti o intossicati, a cura del Preside o, in sua assenza, del suo sostituto, ovvero della Segreteria: Pronto Soccorso con il seguente messaggio: Questa è la scuola Liceo Galilei di Legnano, Via Gorizia 16; è richiesto il vostro intervento con/senza autoambulanza per assistenza a una/più persone intossicate dal prodotto... (se noto), ovvero che presentano lesioni al corpo. Il mio nominativo è Prof. Andrea Boselli, Preside (o suo sostituto); il nostro numero di telefono è Ripeto; questa è la scuola Liceo Galilei di Legnano, via Gorizia 16; è richiesto il vostro intervento con/senza autoambulanza per assistenza a una/più persone intossicate dal prodotto... (se noto), ovvero che presentano lesioni al corpo. Il mio nominativo è Prof. Andrea Boselli, Preside (o suo sostituto); il nostro numero di telefono è Richiesta intervento VV.FF. Ove l emergenza sia di tipo tale da richiedere in soccorso enti esterni sarà cura del Preside o, in sua assenza, del suo sostituto, procedere a digitare: In caso di incendio: Vigili del Fuoco con il seguente messaggio: Questa è la scuola Liceo Galilei di Legnano, Via Gorizia 16; è richiesto il vostro intervento per un principio di incendio. Il mio nominativo è Prof. Andrea Boselli, Preside (o suo sostituto); il nostro numero di telefono è Ripeto; questa è la scuola Liceo Galilei di Legnano, via Gorizia 16; è richiesto il vostro intervento per un principio di incendio. Il mio nominativo è Prof. Andrea Boselli, Preside (o suo sostituto); il nostro numero di telefono è

13 6. PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE 6.1 Piano di emergenza Sono di seguito indicate le azioni che devono essere eseguite in caso di segnalazione di pericolo per persone e cose. Il centro di coordinamento dell emergenza è situato in Presidenza, ove si recheranno le funzioni preposte per coordinare l emergenza e per mantenere i contatti con le autorità esterne. Nel suddetto ufficio si decideranno le azioni più opportune per affrontare l emergenza e, se il caso, per coordinare l evacuazione. 6.2 Chiunque si accorga dell emergenza Chiunque si accorga dell emergenza deve: a) attivare l allarme sonoro (o, se impossibilitato, chiedere l intervento del Centralino); b) informare immediatamente il Preside o, in sua assenza, il suo sostituto; c) attenersi alle disposizioni di quest ultimo. 6.3 Il Preside o, in sua assenza, il coordinatore dell emergenza Ricevuta la segnalazione di pericolo il Preside o, in sua assenza, il coordinatore dell emergenza: a) provvede immediatamente ad attivare il personale addetto alla disattivazione degli impianti, allo scopo di contenerne gli effetti; b) si reca immediatamente sul luogo dell emergenza per valutare l entità del pericolo c) attiva le squadre di pronto intervento coordinandone le operazioni; d) partecipa successivamente alla riunione che si terrà in Presidenza per definire le azioni da intraprendere e, se del caso, per decidere l eventuale evacuazione della scuola. e) Se l entità è tale da richiedere l intervento da parte di organizzazioni esterne provvede a convocarle f) dichiara la fine dell emergenza 6.4 la squadra di emergenza La squadra di emergenza è composta dalle persone di cui all Allegato1, opportunamente formate all uso delle apparecchiature e dei mezzi di protezione e al Primo Soccorso (a seconda delle mansioni). La squadra di emergenza, attivata dal Preside, si porta sul luogo di emergenza per fronteggiarla. 6.5 docenti presenti nelle classi Il docente presente nella classe mantiene il controllo degli alunni di sua competenza durante tutte le operazioni dell emergenza. Se il motivo dell emergenza non è chiaro, il docente e la sua classe attenderanno che, mediante avvisi porta a porta o mediante altoparlante, il Preside, o il suo incaricato, disponga le procedure da adottarsi. In caso in cui la causa dell emergenza sia chiara, il personale docente farà sì che tutte le misure di autoprotezione già note siano adottate dagli alunni, attendendo disposizioni in caso di necessità di allontanamento o evacuazione. Qualora l emergenza comporti l esodo, il docente

14 rispetta ed impone agli alunni il rispetto scrupoloso delle prescrizioni riportate sulla segnaletica presente nel locale. IMPORTANTE: nel perdurare del difettoso funzionamento dei portelloni metallici tagliafuoco posti al centro dei corridoi principali di ogni piano, i docenti delle classi adiacenti ai portelloni stessi attiveranno la loro chiusura manualmente. In caso contrario, fa chiudere immediatamente tutti i serramenti esterni; se tali serramenti non assicurano una idonea tenuta, si recherà ordinatamente, con gli alunni, nel locale idoneo più prossimo. In caso di pericolo imminente per la vicinanza della fonte il docente può decidere l immediato allontanamento della classe. Qualora vi siano infortunati o feriti il docente avverte immediatamente il Preside o il suo sostituto. Nel caso vi siano alunni disabili, il docente chiede l intervento delle persone in grado di fornire l assistenza necessaria per il trasporto, ovvero, per urgenze indifferibili e tali da non poter attendere l arrivo degli assistenti, incarica di ciò gli alunni più adatti e responsabili, precedentemente scelti e formati dal Consiglio di Classe. 6.6 Alunni In caso l emergenza preveda l uscita, l alunno deve: a) seguire le istruzioni del docente; b) mantenere la calma; c) attenersi alle istruzioni del docente anche nel caso in cui degli imprevisti modifichino le procedure fissate dal piano; d) eseguire scrupolosamente le prescrizioni riportate nella segnaletica di emergenza esposta all interno del locale in cui si trova. In caso di emergenza tossica o che comporti la permanenza nella scuola, deve: a) entrare in classe; b) chiudere le finestre; c) stendersi a terra; d) tenere uno straccio bagnato sul naso, se possibile; e) mantenere la calma; f) seguire le istruzioni del docente 6.7 personale uffici In caso di emergenza tossica o che comporti la permanenza nell edificio, il personale degli uffici provvede, a seconda del tipo di emergenza, a disattivare i sistemi di ricambio dell aria e a chiudere le finestre degli uffici; successivamente, a seconda delle istruzioni ricevute dal Preside o dal suo sostituto, rimane in attesa all interno degli uffici. In caso sia prevista l uscita dall edificio, si reca all esterno in luogo sicuro seguendo scrupolosamente le prescrizioni della segnaletica presente nei locali e rimane in attesa di disposizioni. 6.8 personale portineria In caso di emergenza che preveda l uscita

15 dall edificio, il personale di portineria provvede ad aprire i cancelli di ingresso della scuola lasciandoli aperti fino alla fine dell emergenza e ad impedire l ingresso agli estranei nella scuola. In caso contrario, chiude tutti gli accessi. 6.9 personale imprese esterne Al primo segnale di allarme il personale delle imprese eventualmente operanti all interno della scuola deve interrompere i lavori, dopo aver messo in sicurezza le attrezzature di lavoro, e deve allontanarsi rapidamente portandosi in luogo sicuro. Qualora il segnale imponga l esodo, il luogo sicuro sarà quello all aperto (A o B); in caso contrario, entrerà/rimarrà nell edificio, recandosi nel più vicino locale dotato di serramenti esterni nuovi, che dovranno essere chiusi personale diverso il personale che al momento dell emergenza non è responsabile di alcuna classe e non fa parte delle squadre di emergenza, si comporta come al precedente punto 6.9 ed attenderà disposizioni procedure di esodo Il Preside, o il suo sostituto, è autorizzato a decidere l esodo della scuola e ad attivare la relativa campanella. Tutto il personale, compresi i componenti della squadra di emergenza, e gli alunni raggiungono l area di raccolta A (la necessità di utilizzare l area di raccolta B verrà tempestivamente segnalata). Le aree di raccolta (luoghi sicuri) sono le seguenti: A = cortile della scuola, tra ala Ovest (nuovo plesso) e la Palestra. In caso di eccessivo affollamento, previo ordine della squadra di emergenza, potrà anche essere utilizzata l area ad ovest del nuovo plesso (verso il parco giochi) restando lontani dall edificio. B = Da utilizzarsi solo in caso di pericolo di crollo dell edificio: parcheggio fronte scuola su via Gorizia. In questo caso la squadra di emergenza (in assenza delle autorità preposte) bloccherà il traffico veicolare. La posizione di ciascun area di raccolta è riportata nelle planimetrie presenti in tutti i punti della scuola. Nei casi in cui non sia previsto l esodo (ad es. nube tossica o alluvione), gli utenti resteranno/si recheranno all interno dell edificio, con esclusione dei piani interrato, seminterrato, terreno. La risalita dal piano primo a quelli superiori avverrà solo dopo ordine specifico della Presidenza. Chiunque è incaricato di chiudere tutti i serramenti esterni. Qualora tali serramenti non garantiscano la perfetta tenuta, i presenti si recheranno nel locale idoneo più vicino. I docenti procedono a contare gli alunni della classe di cui sono responsabili. In caso verifichino l esistenza di dispersi, provvedono ad organizzare le ricerche, avvisando anche la Squadra di Primo Soccorso.

16 6.12 norme di comportamento per il personale in caso di esodo Se intervenga la necessità di abbandonare la scuola, le persone adunatesi in ciascuna area di raccolta abbandonano la stessa dirigendosi verso le uscite indicate, senza rientrare nell edificio e senza fermarsi o ingombrare i percorsi. Non possono essere portati carichi od oggetti ingombranti. Il docente porta solo il registro di classe. Il percorso viene compiuto in fila indiana capeggiata dall aprifila e dal docente responsabile e chiusa dal serrafila. Per i disabili si rimanda al punto 6.5. Le uscite (vie di fuga) sono riportate nella segnaletica presente in tutti i locali. Il servizio portineria controlla i visitatori e fornitori, man mano evacuati. Nel caso verifichi l esistenza di dispersi, avverte immediatamente la squadra di Primo Soccorso. il personale della scuola è tenuto a rispettare tutte le norme di sicurezza, a salvaguardare l incolumità degli alunni, a non abbandonare l edificio finché tutte le operazioni di esodo degli allievi non siano completamente terminate Il Preside Il Preside è responsabile del presente piano di emergenza. In particolare ha assegnato alle classi le vie di fuga, le porte di uscita secondo il progetto di adeguamento alle norme di sicurezza redatto dalla Provincia di Milano, la zona di raccolta. E investito del ruolo di responsabile dell emergenza. E coadiuvato dalla squadra di emergenza Docente responsabile della classe Guida la classe col sussidio degli alunni aprifila e serrafila, controllando che nessuno si stacchi dalla fila. Provvede alla compilazione del modulo di esodo (Allegato 3) e lo consegna alla squadra di emergenza. In presenza di disabili, si comporta come prescritto nel punto Docente di sostegno Qualora presente, sostituisce per l assistenza al disabile il docente presente nella classe al momento dell evento, attuando le prescrizioni riportate al punto 6.5. In particolare, cura, con l eventuale aiuto di operatori scolastici incaricati dell assistenza, lo sfollamento degli alunni disabili. In particolare, nel caso il disabile debba essere trasportato, il docente chiederà l aiuto del S.P.P.. Analogamente per il disabile in carrozzina. In caso di eventuale ritardo o assenza del personale di assistenza, due alunni della classe, precedentemente scelti e formati, provvederanno a trasportare la carrozzina fino al luogo sicuro Norme di emergenza per gli alunni in caso di esodo Gli alunni sono tenuti a: a) interrompere le attività; b) lasciare gli oggetti personali nell aula; c) non aprire le finestre; d) incolonnarsi dietro gli aprifila; e) rimanere collegati tra loro, preferibilmente con

17 una mano sulla spalla; f) attenersi alle indicazioni dell insegnante; g) rispettare le precedenze; h) seguire le vie di fuga indicate; i) non usare l ascensore; j) raggiungere la zona di raccolta assegnata; k) mantenere la calma ed un comportamento serio e responsabile. l) non correre, non tornare indietro, non fermarsi e non ingombrare le uscite e le vie di fuga 7. NORME DI COMPORTAMENTO 7.1 Norme di comportamento in caso di incendio 7.2 Norme di comportamento in caso di allagamento a) CHIUNQUE si accorga dell incendio: avverte la persona addestrata all uso dell estintore, che interviene immediatamente, ovvero la squadra di emergenza; avverte il Preside o il suo sostituto che si reca sul luogo dell incendio e dispone lo stato di preallarme. Questo consiste in: interrompere immediatamente l erogazione del gas dal contatore esterno; avvertire i VV.FF.; liberare le linee telefoniche; avvertire prima possibile i docenti responsabili delle classi che si tengano pronti ad organizzare l evacuazione b) se il fuoco è domato in pochi minuti il Preside o il suo sostituto dispone lo stato di cessato allarme. Questo consiste in: avvertire i VV.FF. del cessato allarme; avvertire il personale del cessato allarme; verificare i danni provocati ad impianti elettrici, gas, macchinari. Chiedere eventualmente consulenza tecnica ai VV.FF.; avvertire, se necessario, compagnie Gas, EE. c) se il fuoco non è domato in pochi minuti il Preside o il suo sostituto dispone lo stato di allarme. Questo consiste in: avvertire il pronto soccorso; attivare l allarme di esodo; allertare la squadra di emergenza; coordinare tutte le operazioni attinenti a) CHIUNQUE si accorga della presenza di acqua: avverte il Preside o il suo sostituto che si reca sul luogo e dispone lo stato di pre-allarme. Questo consiste in: interrompere immediatamente l erogazione di acqua dal contatore esterno; avvertire i docenti responsabili di classe che comunicheranno alle classi stesse la interruzione di energia elettrica; aprire l interruttore EE centralizzato e non effettuare nessuna altra operazione elettrica; telefonare all azienda dell acqua (AMGA);

18 7.3 Norme di comportamento in caso di emergenza elettrica verificare se vi sono cause accertabili di fughe di acqua (rubinetti aperti, visibile rottura di tubazioni, lavori in corso su tubazioni in strada o lavori di movimentazione terra e scavo in strade o edifici adiacenti). b) se si verifica la causa dell allagamento da fonte interna controllabile (rubinetto, tubazione isolabile, ecc. ) il Preside o il suo sostituto, una volta isolata la causa e interrotta l erogazione dell acqua dispone lo stato di cessato allarme. Questo consiste in: avvertire il personale del cessato allarme; avvertire compagnie acqua (AMGA) c) se non si verifica la causa dell allagamento da fonte certa o comunque non isolabile, il Preside o il suo sostituto dispone lo stato di allarme. Questo consiste in: avvertire i VV.FF. attivare il sistema di allarme per l esodo; allertare la squadra di emergenza. IN CASO DI BLACK-OUT: Il Preside o il suo sostituto dispone lo stato di preallarme. Questo consiste in: verificare lo stato del generatore EE ovvero del quadro generale; se vi sono sovraccarichi, eliminarli; telefonare all Enel; avvisare i docenti responsabili di classe; disattivare tutte le macchine eventualmente in uso prima dell interruzione elettrica. se ritenuto necessario, avviare le procedure di esodo ed allertare la squadra di emergenza. 7.4 Norme di comportamento in caso di CHIUNQUE si accorga di un oggetto sospetto o emergenza per la segnalazione della riceva telefonate di segnalazione: presenza di un ordigno. NON si avvicina all oggetto o all area segnalata, NON tenta di identificarlo o rimuoverlo; avverte il Preside o il suo sostituto che dispone lo stato di allarme. Questo consiste in: evacuare immediatamente le classi e le zone limitrofe all area sospetta, ovvero, se ritenuto necessario, tutto l edificio; telefonare immediatamente alla Polizia; avvertire i VV.FF.; allertare la squadra di emergenza; liberare le linee telefoniche; avvertire i docenti responsabili di classe che si tengano pronti ad organizzare l esodo; avvertire il pronto soccorso; attivare l allarme di esodo; coordinare tutte le operazioni attinenti i non addetti devono assolutamente evitare ogni iniziativa personale. 7.5 Norme di comportamento per tutto il (In caso di emergenza per nube tossica è

19 personale in caso di emergenza tossica o emergenza che comporti il rimanere nella scuola (incendio esterno, trasporto, impedimento all uscita degli alunni, alluvione in atto negli ambienti anche esterni della scuola, nube tossica) indispensabile conoscere la durata del rilascio). Il Preside (o il suo sostituto) subito dopo la segnalazione valuterà se esistano le condizioni e, in tal caso, se rimanga il tempo per ordinare l immediato esodo di emergenza. Detto esodo avverrà secondo le consuete procedure sopra esposte. Sempre ed in ogni caso, il personale della scuola è tenuto al rispetto di tutte le norme di sicurezza, a salvaguardare l incolumità degli alunni. In caso di nube tossica o di emergenza che comporti l obbligo di rimanere in ambienti confinati il personale è tenuto ad assumere e far assumere agli alunni tutte le misure di autoprotezione conosciute e sperimentate. In particolare: rientrare nella scuola; chiudere le finestre; qualora si riscontri la non perfetta tenuta dei serramenti, se possibile occorre sigillarne gli interstizi con stracci bagnati; in caso diverso, recarsi nel locale idoneo più prossimo; stendersi a terra; tenere uno straccio bagnato sul naso, se possibile; accendere la radio, se disponibile; non usare i telefoni; aspettare l arrivo delle autorità o le disposizioni delle stesse. 7.6 Il Preside Il Preside è il responsabile per l emergenza. In particolare, in caso di emergenza tossica, è importante il contatto con l Ente esterno (ASL). Per decidere tempestivamente se la durata del rilascio è tale da consigliare l immediato esodo o, al contrario, la permanenza all interno. 7.7 Il docente responsabile della classe Chiude le finestre e tutti i sistemi di ventilazione, le prese d aria presenti in classe. Assegna agli alunni compiti specifici per la preparazione della tenuta dell aula (stracci, acqua,...). Si mantiene in continuo contatto con in Preside o il suo sostituto, attendendo disposizioni sull eventuale evacuazione. Cura la protezione degli alunni disabili. 7.8 Docente di sostegno Il docente di sostegno, se presente, cura la protezione degli alunni disabili, eventualmente coadiuvato dal S.P.P. 7.9 Norme di comportamento per tutto il personale in caso di emergenza sismica Il personale della scuola è tenuto al rispetto di tutte le norme di sicurezza, a salvaguardare l incolumità degli alunni e, in caso di terremoto, ad assumere e far assumere agli alunni tutte le misure di autoprotezione conosciute e sperimentate durante le esercitazioni. In particolare: posizionarsi ordinatamente nelle zone sicure individuate dal piano di emergenza (B = parcheggio antistante la scuola); se ciò non è possibile, proteggersi dalla caduta di oggetti riparandosi sotto i banchi o in

20 7.10 Norme di comportamento in caso di attacco terroristico 7.11 Norme di comportamento in caso di emergenza trasporto (impatto) corrispondenza di architravi individuate; Accendere la radio, se possibile; non usare i telefoni; aspettare l arrivo delle autorità o le disposizioni delle stesse; Nel caso si proceda all esodo seguire scrupolosamente le norme specifiche (v. precedente punto 6) Chiunque si accorga di un attacco terroristico, non appena ne abbia la possibilità (SENZA METTERE A REPENTAGLIO LA VITA PROPRIA ED ALTRUI), deve informare la Polizia e/o i Carabinieri, il Preside o suo sostituto. I docenti ed il personale devono mettere in atto tutte le procedure per salvaguardare l incolumità degli alunni e propria. Devono essere assolutamente evitate le iniziative personali e non autorizzate dalla forza pubblica. Il Preside o suo sostituto si reca immediatamente sui luoghi dell attacco terroristico e allerta Polizia, Carabinieri, Pronto Soccorso, Vigili Urbani e Squadra di emergenza. Valutata la situazione decide in merito alla eventualità di ordinare l esodo di emergenza. Costituisce una unità di emergenza in Presidenza o in altro luogo concordemente stabilito. Da tale luogo coordina le operazioni di soccorso. In caso di ostaggi, nessuna iniziativa deve essere presa senza il preventivo assenso della Forza Pubblica. Gli ostaggi devono mantenere il più possibile la calma. I Docenti ed il personale devono adoperarsi per la liberazione degli alunni. In caso di terrorismo batteriologico, oltre quanto sopra, deve essere immediatamente informato il Presidio Ospedaliero. Nessuno deve toccare o avvicinarsi a buste e pacchi sospetti o rinvenuti in luoghi non abituali ovvero senza indicazioni del mittente. Di tale situazione deve essere immediatamente informato il Preside, o suo sostituto, che valuterà se esistano le condizioni per ordinare l immediato esodo dall edificio. Nel frattempo, tutti si allontaneranno ordinatamente dall oggetto rinvenuto. Qualora si verificasse un caso del genere, chiunque vi assista, rimanendone illeso, deve informare appena possibile il Preside, o suo sostituto, che provvederà a contattare il Pronto Soccorso, la Vigilanza Urbana e la Polizia e/o i Carabinieri, nonchè la squadra di emergenza. Subito dopo, coadiuvato dalla Squadra di Emergenza, il Preside si recherà sul luogo dell incidente per coordinare i soccorsi ed eventualmente, in caso di

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli