Settore I Affari Istituzionali e Generali Area Affari Generali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settore I Affari Istituzionali e Generali Area Affari Generali"

Transcript

1 D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E del 18/03/2014 n. 91 Settore I Affari Istituzionali e Generali Area Affari Generali Oggetto: Autorizzazione all'appalto dei servizi assicurativi dell'ente per il periodo dalle ore del 30/06/2014 alle ore del 30/06/2016 ed eventuale ripetizione per la medesima durata di ventiquattro mesi. Affidamento mediante procedura aperta ed approvazione del capitolato speciale. (CIG BF D E9D) Dipartimento II Settore I Visto, si esprime parere di regolarità contabile, attestante la copertura finanziaria mediante gli impegni riportati nel dispositivo della presente determinazione. Ancona, 19/3/2014 La Dirigente Dott. ssa Maria Rita Manzotti Destinatari Dipartimento II Settore I Settore I Ancona, 18/03/2014 Il Dirigente Dott. Fabrizio Basso

2 IL DIRIGENTE DEL SETTORE PREMESSO che questa Amministrazione ha in scadenza, alle ore del 30/06/2014, le seguenti polizze assicurative: 1. RCT/RCO 2. Kasko 3. RCAuto ARD 4. Infortuni conducenti e trasportati mezzi dell'amministrazione e propri 5. Infortuni amministratori 6. Incendio patrimonio dell'ente 7. Furto e rapina 8. Spese legali e peritali 9. Macchine elettroniche 10. Impianti fotovoltaici DATO ATTO che con nota trasmessa da Generali Ina Assitalia Agenzia di Ancona acquisita agli atti dell Ente con prot. n del 10/12/2013, con la quale si comunica la disponibilità alla ripetizione, sino al 30/06/2014, delle polizze in corso scadenti il 31/12/2013, applicando le medesime condizioni economiche dei contratti attualmente vigenti, subordinatamente all accettazione da parte della Provincia di Ancona, di una clausola in deroga alle Condizioni di Polizza e Normative, che stabilisca il 30/06/2014 come scadenza inderogabile dei contratti, con impossibilità a richiedere ulteriori proroghe; RITENUTO pertanto necessario procedere al rinnovo delle coperture assicurative per il periodo dalle ore del 30/06/2014 alle ore del 30/06/2016, con eventuale ripetizione, per la medesima durata di ventiquattro mesi, ai sensi dell articolo 57, comma 5, lett. b) del D.Lgs. n. 163/06 e s.m.i.; VISTA la nota dell Ufficio Cultura in data 24/02/2014, relativamente al valore da assicurare per i beni di valore artistico; VISTA la nota dell Area Informatica e Telematica in data 12/02/2014, relativamente al valore da assicurare per la polizza macchine elettroniche; VISTA inoltre la nota dell Area Attività Dipartimentali del Dipartimento II in data 20/02/2014 prot in merito al valore degli immobili e impianti fotovoltaici, relativamente alla polizza Incendio patrimonio dell Ente; VISTA la nota in data 14/04/2010 prot dell Area Economato, Patrimonio mobiliare e Servizi scolastici del Dipartimento II, per quanto attiene i valori da assicurare per la Polizza Furto e Rapina; VISTA la nota dell Area Risorse Umane e Organizzazione del Dipartimento I Settore II, in data 17/02/2014, relativamente agli emolumenti lordi corrisposti al personale secondo la categoria e la provenienza dei dipendenti, per quanto attiene alla Polizza RCT/RCO; 2

3 CONSIDERATO inoltre necessario, procedere alla stipula di una polizza per i dipendenti progettisti, ai sensi dell art. 270 del DPR n. 207/2010 e dell art. 90, comma 5, del D. Lgs. n. 163/2006; PRESO ATTO che si procederà, pertanto, ad esperire pubblico incanto per l affidamento dei servizi assicurativi dell Ente, con ripartizione in 3 lotti (1 lotto: Polizza Infortuni; Polizza Furto e Rapina; Polizza Incendio; Polizza Kasko; Polizza Macchine elettroniche; Spese legali e peritali; RCAuto ARD; Impianti fotovoltaici C.I.G BF5; 2 lotto: Polizza RCT/RCO Responsabilità patrimoniale amministratori e dipendenti C.I.G D; 3 lotto Polizza Progettisti C.I.G E9D); CONSIDERATO che il criterio adottato nella procedura aperta di appalto, di cui all art. 55 del D. Lgs. n. 163/2006 e s.m.i., per il 1 e 2 lotto sarà quello del prezzo più basso rispetto all'importo posto a base di gara, ai sensi dell art. 82 del D. Lgs. n. 163/2006 e s.m.i., mentre per il 3 lotto l aggiudicazione avverrà a favore dell offerta recante il ribasso percentuale più elevato rispetto ai tassi lordi posti a base di gara e che per che per tutti e tre i lotti si procederà alla aggiudicazione anche nell'ipotesi in cui pervenisse una sola offerta; CONSIDERATO altresì che le caratteristiche generali delle polizze nonché la natura e l'entità delle prestazioni sono indicate all'interno del capitolato speciale di appalto, allegato sotto la lettera A alla presente determinazione della quale costituisce parte integrante; DATO ATTO che l'importo annuale presunto relativo al 1 lotto, posto a base di gara, è di ,00, quello annuale relativo al 2 lotto risulta di ,00, mentre per il 3 lotto si farà riferimento ai tassi percentuali sul valore delle opere da realizzare, con il relativo impegno di spesa da prevedersi nel quadro economico di ogni singola opera, mediante fondi appositamente accantonati; VISTO l art.1, comma 441, della legge di stabilità 2014, n. 147 del 27/12/2013, che testualmente prevede: Le gestioni commissariali di cui all'articolo 2, comma 1, della legge 15 ottobre 2013, n. 119, nonché quelle disposte in applicazione dell'articolo 1, comma 115, terzo periodo, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, cessano il 30 giugno 2014 ; VISTA la deliberazione del Consiglio Provinciale n.19 del 28/6/2013, esecutiva ai sensi di legge, con la quale è stato approvato il Bilancio di previsione pluriennale 2013/2015; RILEVATA la necessità di indire la gara, in quanto alle ore del 30/06/2014 scadono le polizze attualmente in essere; VISTO l art. 107 del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267 Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali che disciplina le funzioni e le responsabilità della dirigenza; VISTO l art. 32 del Regolamento per la disciplina dei procedimenti relativi alla emanazione di atti e all esercizio di funzioni di competenza della Provincia di Ancona; DETERMINA 3

4 I. Di autorizzare, per i motivi espressi in narrativa, l'appalto dei servizi assicurativi dell'ente mediante procedura aperta, in 3 lotti, in base ai criteri di aggiudicazione riportati in premessa, per la stipula delle seguenti polizze assicurative, per il periodo dalle ore del 30/06/2014 alle ore del del 30/06/2016 e con eventuale ripetizione, per la medesima durata di ventiquattro mesi, ai sensi dell articolo 57, comma 5, lett. b) del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.: 1 lotto: Polizza Infortuni; Polizza Furto e Rapina; Polizza Incendio; Polizza Kasko; Polizza Macchine elettroniche; Spese legali e peritali; RCAuto ARD; Impianti fotovoltaici, per un importo a base di gara di ,00 annui x 2 anni = ,00; 2 lotto: Polizza RCT / RCO, per un importo a base di gara di ,00 annui x 2 anni = ,00; 3 lotto: Polizza Progettisti in percentuale sul valore delle opere, con il relativo impegno di spesa da prevedersi nel quadro economico di ogni singola opera, mediante fondi appositamente accantonati; II. Di approvare il capitolato speciale di appalto (All. A), la tabella parco veicoli (All. A), la normativa generale (All. B), allegati alla presente determinazione di cui costituiscono parte integrante e sostanziale; III. Di dare mandato all Area Appalti e Contratti dell Ente, di indire la sopra indicata procedura di gara; IV. di assumere, ai sensi dell art.183 del D. Lgs. 267/2000, a copertura degli impegni di spesa relativa all anno 2014, un impegno di spesa di Euro ,00 all intervento , cap. 280, del Bilancio Pluriennale 2013/2015 (D.C.P. n. 19/2013), esercizio finanziario 2014, che presenta la necessaria disponibilità, sul quale costituisce vincolo definitivo (impegno n..752/ 2014); per l anno 2015 un impegno di spesa di Euro ,00 all intervento , cap. 280, del Bilancio Pluriennale 2013/2015 (D.C.P. n. 19/2013), esercizio finanziario 2015, che presenta la necessaria disponibilità, sul quale costituisce vincolo definitivo (impegno n. 29 /2015); per l anno 2016 il relativo impegno di spesa sarà assunto successivamente all approvazione del bilancio pluriennale 2014/2016; 4

5 V. Di dare esecuzione al procedimento con il presente disposto, designando la dott.ssa Laura Lampa sia quale responsabile, a norma dell art. 5 della Legge n. 241/1990, che come Responsabile Unico del Procedimento, per la procedura di affidamento ed esecuzione del contratto, ai sensi dell art. 10, del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i. DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO CONSERVATA AGLI ATTI DELL UFFICIO E TRASMESSA AL DIPARTIMENTO II SETTORE I: completo Ancona, 18/03/2014 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Dott. Laura Lampa IL DIRIGENTE Dott.Fabrizio Basso 5

6 ALL. A CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI DELL'ENTE PER IL PERIODO dalle ore del 30/06/2014 alle ore del 30/06/2016 6

7 ELENCO POLIZZE ASSICURATIVE Definizioni pag : Norme che regolano l assicurazione in generale pag : 1 lotto: - Polizza Infortuni pag.: - Polizza Furto e Rapina pag.: - Polizza Incendio pag.: - Polizza Kasko pag.: - Polizza Spese legali e peritali pag.: - Polizza Macchine elettroniche pag.: - Polizza RCAuto ARD pag.: - Polizza Impianti fotovoltaici pag.: 2 lotto: - Polizza RCT/RCO pag.: - Responsabilità patrimoniale amministratori e dipendenti pag.: - Garanzia Danni pag : 3 lotto: Polizza Progettisti Dipendenti Enti Pubblici 7

8 DEFINIZIONI Le parti attribuiscono ai seguenti vocaboli il relativo significato: assicurazione: il contratto di assicurazione; polizza: il documento che prova l assicurazione; contraente: il soggetto che stipula l assicurazione; assicurato: il soggetto il cui interesse è protetto dall assicurazione; società: l impresa assicuratrice; premio: la somma dovuta dal contraente della società; rischio: la probabilità che si verifichi il sinistro; sinistro: il verificarsi del fatto dannoso per il quale è prestata la garanzia assicurativa; indennizzo: la somma dovuta dalla società in caso di sinistro; risarcimento: la somma corrisposta dalla società al terzo danneggiato in caso di sinistro; franchigia: importo che viene detratto dall indennizzo per ciascun sinistro; scoperto: la quota in percento di ogni danno liquidabile a termine di polizza che rimane a carico dell assicurato. 8

9 NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE IN GENERALE (comuni a tutti i contratti del presente capitolato) Art. 1 Dichiarazioni relative alle circostanze del rischio. La mancata comunicazione da parte dell'ente di circostanze aggravanti il rischio, così come le inesatte o incomplete dichiarazioni rese all'atto della stipulazione della polizza o durante il corso della stessa non comporteranno decadenza dal diritto di risarcimento né riduzione dello stesso, sempre che tali omissioni o inesatte dichiarazioni siano avvenute in buona fede. La Società ha peraltro il diritto di percepire la differenza di premio corrispondente al maggior rischio a decorrere dal momento in cui la circostanza aggravante si è verificata. Art. 2 Pagamento del premio e decorrenza della garanzia. L assicurazione ha effetto dalle ore 24 del 30/06/2014 o se successiva, dalle ore 24 dalla data di stipulazione del contratto. Il primo premio verrà corrisposto entro 30 giorni dall effetto dei contratti, ferma restando la validità, l efficacia e l effetto delle coperture come indicate nei singoli contratti. In caso di inadempienza la garanzia sarà sospesa dalle ore 24 del 30 giorno e riprenderà vigore alle ore 24 della data di pagamento del premio. I premi devono essere pagati all Agenzia alla quale è assegnata la polizza oppure alla Società. Se il Contraente non paga i premi o le rate di premio successivi, l assicurazione resta sospesa dalle ore 24 del 60 giorno dopo quello della scadenza e riprende vigore dalle ore 24 del giorno del pagamento, fermi le successive scadenze ed il diritto della Società al pagamento dei premi scaduti ai sensi dell art C.C. Art. 3 - Durata del contratto. Il termine finale di durata del contratto è fissato alle ore del 30/06/2016. La durata del contratto viene stabilita in anni due (2), salva la facoltà di rescissione annuale da parte del Contraente. L Ente assicurato si riserva la facoltà di affidare a trattativa privata lo stesso appalto al medesimo contraente nei ventiquattro mesi successivi alla conclusione del contratto iniziale, ai sensi dell art. 57, comma 5, lett. b), del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.. Art. 4 Modifiche dell assicurazione. Le eventuali modificazioni dell assicurazione devono essere provate per iscritto. Art. 5 Termini di Denuncia. In deroga alle varie disposizioni delle polizze, si conviene che tutti i termini per la denuncia, stabiliti in misura inferiore ai giorni 30 sono elevati a tale misura dal momento che il Settore Affari Istituzionali e Generali della Provincia, Area Affari Generali, sia venuto a conoscenza dei fatti. Art. 6 Diminuzione del rischio. Nel caso di diminuzione del rischio la Società è tenuta a ridurre il premio o le rate di premio successivi alla comunicazione del Contraente o dell Assicurato ai sensi dell art C.C. e rinuncia al relativo diritto di recesso. 9

10 Art. 7 Recesso in caso di sinistro. Dopo ogni sinistro e fino al 60 giorno dal pagamento o rifiuto dell indennizzo, sia la Società che il Contraente possono recedere dall assicurazione con preavviso di 30 giorni. In tale caso la società, entro quindici giorni dalla data di efficacia del recesso, rimborsa la parte di premio netto relativa al periodo di rischio non corso. Art. 8 - Coassicurazione e delega. Qualora l'assicurazione sia divisa per quote fra diverse Società coassicuratrici, tenute in caso di sinistro a concorrere al pagamento dell'indennizzo liquidato a termine delle condizioni di assicurazione in proporzione alle quote da esse assicurate, la Compagnia aggiudicataria assume la qualifica di delegataria. Resta comunque inteso che la società delegataria dovrà corrispondere per intero gli indennizzi, fermo il suo diritto di rivalersi verso le coassicuratrici. Art. 9 Oneri fiscali. Gli oneri fiscali relativi all assicurazione sono a carico del Contraente. Art. 10 Foro competente. Per qualsiasi controversia che dovesse insorgere nell esecuzione o nell interpretazione del presente contratto, è competente esclusivamente il Foro di Ancona. Art. 11 Condizioni del capitolato. Le condizioni tutte del presente capitolato integrano, superano, prevalgono sulle condizioni dei modelli ANIA di riferimento. Qualora ci fosse discordanza vengono applicate quelle più favorevoli alla Provincia di Ancona. Art. 12 Rinvio alle norme di legge. Per tutto quanto non è qui diversamente regolato, valgono le norme di legge. Art Comunicazione dati sinistri. Ogni semestre la società si impegna a fornire alla Provincia un elaborato analitico dei sinistri occorsi con le polizze del presente capitolato, contenente: data sinistro, dati danneggiato, tipo del danno (lesioni personali o danneggiamenti a cose), importo liquidato, importo riservato, importo franchigia a carico dell ente. 10

11 1 lotto 11

12 POLIZZA INFORTUNI 12

13 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE Art. 1 - Definizione di infortunio. Sono considerati infortuni gli eventi dovuti direttamente ed esclusivamente a causa fortuita, violenta ed esterna, che producano lesioni corporali obiettivamente constatabili le quali abbiano per conseguenza la morte, un invalidità permanente o spese di cura. Sono compresi in garanzia anche: a) l'asfissia non di origine morbosa; b) gli avvelenamenti acuti da ingestione o assorbimento di sostanze; c) l'annegamento; d) l'assideramento o il congelamento; e) i colpi di sole o di calore; f) l'azione del fulmine; g) le lesioni determinate da sforzi; h) gli infortuni subiti in stato di malore o di incoscienza; i) gli infortuni derivanti da imperizia, imprudenza e negligenza anche gravi; l) gli infortuni derivanti da tumulti popolari o atti di terrorismo a condizione che l'assicurato non vi abbia preso parte attiva; m) la rottura sottocutanea del tendine di Achille nei limiti di quanto previsto all art. 10 (Invalidità Permanente); n) ernie dipendenti da strappi muscolari dipendenti da sforzi. Art. 2 - Rischi esclusi. Sono esclusi dall'assicurazione gli infortuni derivanti: a) dalla guida di veicoli e natanti a motore, se l'assicurato è privo della prescritta abilitazione; b) dall'uso anche come passeggero di aeromobili, compreso deltaplani e ultraleggeri, salvo quanto disposto dal seguente art. 4); c) dalla pratica di paracadutismo, di parapendio e degli sport aerei in genere; d) da ubriachezza, da abuso di psicofarmaci, dall'uso di stupefacenti o allucinogeni; e) da operazioni chirurgiche, accertamenti o cure mediche non rese necessarie da infortunio; f) da delitti dolosi compiuti o tentati dall'assicurato; g) da guerre o insurrezioni; h) da movimenti tellurici, inondazioni, o eruzioni vulcaniche salvo quanto previsto dal seguente art. 5); i) da trasformazione o assestamenti energetici dell'atomo, naturali o provocati, da accelerazioni di particelle atomiche (fissione, fusione nucleare, isotopi radioattivi, macchine acceleratrici, raggi x, ecc.). Art. 3 - Delimitazione dell'assicurazione. L'assicurazione vale per le persone di età non superiore ai 75 anni compiuti. L'assicurazione è operante per gli infortuni dovuti ad imprudenza e negligenza gravi o sofferti in stato di malore o incoscienza non determinati da abuso di alcolici o psicofarmaci ed uso di sostanze stupefacenti ed allucinogeni. 13

14 L'assicurazione non comprende gli infortuni sofferti in conseguenza di proprie azioni delittuose, provocazioni, imprese temerarie, nonché durante la partecipazione a corse, gare e relative prove. L'assicurazione non vale per le persone affette da apoplessia, paralisi, infermità mentali, delirium tremens, alcoolismo o da qualsiasi infermità o menomazione gravi e permanenti. Art. 4 - Rischio volo. L'assicurazione vale per gli infortuni subiti durante i viaggi in aereo effettuati in qualità di passeggero su velivoli o elicotteri da chiunque eserciti, tranne che: - da società/aziende di lavoro, in occasione di voli diversi da trasporto pubblico di passeggeri; - da aereoclubs. La somma delle garanzie della presente polizza, relativamente alla presente estensione, e di altre polizze stipulate dall'assicurato o da altri in suo favore per il rischio volo, in abbinamento a polizze infortuni comuni, non potrà superare i seguenti importi: - per persona ,00 per il caso di morte; ,00 per il caso di invalidità permanente; - per aeromobile nel caso di assicurazione di più persone ,00 per il caso di morte; ,00 per il caso di invalidità permanente. Nell'eventualità che i capitali complessivamente assicurati superassero gli importi sopra indicati, le indennità spettanti in caso di sinistro saranno adeguate con riduzione ed imputazione proporzionale sui singoli contratti. Agli effetti della garanzia, il viaggio aereo si intende cominciato nel momento il cui l'assicurato sale a bordo dell'aeromobile e si considera concluso nel momento in cui ne è disceso. Art. 5 - Calamità naturali. L'assicurazione è estesa agli infortuni causati da movimenti tellurici, inondazioni, eruzioni vulcaniche. Resta convenuto, però che in caso di evento che colpisca più assicurati con la stessa società, l'esborso massimo di quest'ultima non potrà superare il 10% dei premi del ramo infortuni, rilevati nel bilancio di esercizio precedente l'evento, con il minimo di ,00. Art. 6 - Abbandono da parte della Società del diritto di rivalsa. La Società rinuncia, a favore dell'assicurato e dei suoi aventi causa, al diritto di surrogazione di cui all art C.C. verso i terzi responsabili dell'infortunio. Art. 7 - Estensione territoriale. L'assicurazione vale per tutti i paesi del mondo; accertamenti sanitari definitivi e liquidazione saranno fatti in Italia ed in lire italiane. Art. 8 - Criteri di indennizzabilità. La Società risponde delle sole conseguenze dirette ed esclusive dell'infortunio che siano indipendenti da condizioni fisiche o patologiche preesistenti. Art. 9 Morte. 14

15 Se l'infortunio ha per conseguenza la morte dell'assicurato e questa si verifica entro due anni dal giorno nel quale l'infortunio è avvenuto, la Società liquida agli eredi la somma assicurata per il caso di morte. Art Invalidità permanente. L'indennizzo per il caso di invalidità permanente è dovuto se l'invalidità stessa si verifica - anche successivamente alla scadenza della polizza - entro due anni dal giorno dell'infortunio. L'indennizzo per invalidità permanente parziale è calcolato sulla somma assicurata per l'invalidità permanente totale, in proporzione al grado di invalidità accertato secondo i criteri e le percentuali indicate nelle tabelle di cui al D.P.R. n 1124 del 30/06/65 (Tabelle INAIL). Nel caso di perdita totale di un occhio che colpisca l'assicurato già mancante dell'altro occhio, la Società liquida un indennizzo pari al 75% della somma assicurata per invalidità permanente totale. Nel caso di sordità completa di un orecchio che colpisca l'assicurato già affetto da sordità completa dell'altro orecchio, la Società liquida un indennizzo pari al 30% della somma assicurata per invalidità permanente totale. Se la lesione comporta una minorazione, anziché la perdita totale, le percentuali vengono ridotte in proporzione alla funzionalità perduta. Nei casi di invalidità permanente non specificati nella tabelle di cui sopra, l'indennizzo è stabilito tenendo conto della diminuita capacità generica lavorativa, indipendentemente dalla professione dell'assicurato. La perdita totale, anatomica o funzionale, di più organi od altri comporta l'applicazione di una percentuale d'invalidità pari alla somma delle singole percentuali dovute per ciascuna lesione, con il massimo del 100%. Art Franchigia assoluta in caso di invalidità permanente. Qualora il capitale assicurato per il caso di invalidità permanente sia superiore a ,00, si applicano sull'importo eccedente le seguenti franchigie assolute: - sul capitale eccedente ,00 e fino a ,00 non si corrisponde alcun indennizzo se il grado di invalidità permanente, accertato secondo i criteri stabiliti nell'articolo precedente, non supera il 5%. Qualora il grado di invalidità permanente risulti superiore al 5% l'indennizzo da liquidare sarà commisurato alla sola parte eccedente detta percentuale di invalidità; - sul capitale eccedente ,00 non si corrisponde alcun indennizzo se il grado di invalidità permanente, accertato secondo i criteri stabiliti nell'articolo precedente, non supera il 10%. Qualora il grado di invalidità permanente risulti superiore al 10%, l'indennizzo da liquidare sarà commisurato alla sola parte eccedente detta percentuale di invalidità. Art. 12 Rimborso spese di cura da infortunio. La Società assicura fino alla concorrenza del massimale stabilito per ogni infortunio il rimborso delle spese rese necessarie da infortunio indennizzabile ai sensi di polizza e sostenute per: a) onorari dei medici e dei chirurghi, diritti di sala operatoria e materiale di intervento; b) accertamenti diagnostici (radioscopie, radiografie, esami di laboratorio ecc.); c) terapie fisiche e medicinali a prescindere da ricovero o meno; d) spese per acquisto di apparecchi protesici e simili a prescindere da ricovero o meno; e) il rimborso delle rette di degenza in ospedali o cliniche in caso di ricovero a seguito 15

16 dell infortunio medesimo; f) le spese mediche specialistiche conseguenti a infortunio a prescindere da ricovero o meno. Il rimborso verrà effettuato dalla Società a guarigione clinica avvenuta su presentazione dei documenti giustificativi (notula del medico, ricevuta del farmacista, dell ambulatorio, dell ospedale, della clinica ecc.) Art Denuncia di infortunio. La denuncia dell'infortunio deve essere fatta entro il termine di 30 giorni e il Contraente è tenuto ad inoltrare alla Società i successivi certificati medici sul decorso delle lesioni fino a guarigione avvenuta. Le spese relative ai certificati medici sono a carico dell'assicurato. L'Assicurato, o in caso di morte il beneficiario, deve consentire alla Società le indagini e gli accertamenti necessari. Il Contraente deve dare comunicazione scritta alla Società di ogni aggravamento del rischio. Gli aggravamenti di rischio non noti o non accettati dalla Società possono comportare la perdita totale o parziale del diritto all indennizzo, nonché la stessa cessazione dell assicurazione (art Cod. Civ.). Tuttavia, l omissione da parte dell Assicurato di una circostanza eventualmente aggravante il rischio, non pregiudicano il diritto al risarcimento dei danni, sempreché tali omissioni o inesatte dichiarazioni non siano frutto di dolo, fermo restando il diritto della Società, una volta venuta a conoscenza di circostanze aggravanti che comportino un premio maggiore, di richiedere la relativa modifica delle condizioni in corso (aumento del premio con decorrenza dalla data in cui le circostanze aggravanti siano venute a conoscenza della Società o, in caso di sinistro, conguaglio del premio per l intera annualità). Art Modalità di valutazione del danno. Le divergenze sulla natura, causa ed entità delle lesioni, nonché sull'applicazione dei criteri di indennizzabilità previsti dall art. 8 sono demandate per iscritto ad un Collegio di tre medici, nominati uno per parte ed il terzo di comune accordo o, in caso contrario, dal Consiglio dell'ordine dei medici avente giurisdizione nel luogo ove deve riunirsi il Collegio dei medici. Il Collegio medico risiede nella Provincia, a scelta dell'assicurato, sede di Istituto di medicina legale, più vicino al luogo di residenza dello stesso, o presso la sede legale della Società. Ciascuna delle due parti sostiene le proprie spese e remunera il medico da essa designato, contribuendo per la metà delle spese e competenze per il terzo medico. E' data facoltà al Collegio medico di rinviare, ove ne riscontri l'opportunità, l'accertamento definitivo dell'invalidità permanente ad epoca da definirsi dal Collegio stesso, nel qual caso il Collegio può intanto concedere una provvisionale sull'indennizzo. Le decisioni del Collegio medico sono prese a maggioranza di voti, con dispensa da ogni formalità di legge e sono vincolanti per le parti, anche se uno dei medici rifiuta di firmare il relativo verbale. 16

17 SEZIONE 1: Infortuni Conducenti mezzi Art. 1 - Oggetto dell'assicurazione (CCNL personale comparto regioni e autonomie locali successivo a quello del primo aprile Art.43 code contrattuali). L'assicurazione vale per gli infortuni subiti durante la circolazione di autovetture adibite ad uso privato, a condizione che l'assicurato sia abilitato alla guida a norma delle disposizioni di legge in vigore. L'assicurazione vale altresì in occasione delle operazioni necessarie alla ripresa della marcia dell'autovettura in caso di incidente stradale o guasto verificatosi durante il viaggio. La garanzia è prestata per gli infortuni sofferti dai dipendenti, dai dirigenti e dal Segretario Generale della Provincia di Ancona, autorizzati a servirsi in occasione di missioni o per adempimenti di servizio fuori dall'ufficio, del proprio mezzo di trasporto, dei mezzi di trasporto di terzi e/o dei mezzi di trasporto di proprietà della Provincia stessa, limitatamente al tempo strettamente necessario per l'esecuzione delle prestazioni di servizio. La polizza è rivolta alla copertura dei rischi, non compresi nell'assicurazione obbligatoria di terzi, di lesioni o decesso del dipendente medesimo. Devono intendersi garantiti gli infortuni sofferti durante la salita e la discesa dai menzionati mezzi di trasporto. Art. 2 - Persone assicurate. Si intendono assicurati tutti i dipendenti della Provincia di Ancona, di ruolo e non, i dirigenti e il Segretario Generale, durante le uscite per servizio, così come specificato al precedente art. 1. La Provincia di Ancona è esonerata dall'obbligo della preventiva denuncia delle generalità delle persone assicurate. Per la identificazione di tali persone, per la determinazione delle somme assicurate e per il computo del premio, si farà riferimento alle risultanze dei libri di amministrazione dell Ente, e/o di altri documenti equipollenti in cui il contraente si impegna a registrare in modo analitico: - data e luogo della trasferta; - generalità complete del dipendente autorizzato alla trasferta. Art. 3 - Capitali assicurati. L'Assicurazione deve essere prestata per ciascuna persona assicurata: a) in caso di morte per una somma corrispondente a 6 volte la retribuzione lorda annua, con un massimo di capitale assicurato di ,00 ed un minimo di ,00; b) in caso di invalidità permanente una somma corrispondente a 6 volte la retribuzione lorda annua, con un massimo di capitale assicurato di ,00 ed un minimo di ,00; c) rimborso spese di cura fino a 8.000,00. Art. 4 - Determinazione del premio. Il premio verrà pattuito in ragione dello... per mille lordo, sulla base delle retribuzioni lorde 17

18 annue dei dipendenti. Il premio viene anticipato dalla Provincia di Ancona in base ad un preventivo annuo di retribuzioni lorde di ,00. Entro 90 gg. dalla fine di ogni anno assicurativo o di minor periodo di durata del contratto la Provincia è tenuta a comunicare alla Società l'ammontare complessivo ed effettivo delle retribuzioni lorde erogate al personale assicurato, dietro specifica richiesta della Compagnia assicuratrice affinché la stessa possa procedere alla regolazione del premio definitivo. Le differenze attive o passive risultanti dalla regolazione a favore della Società dovranno essere corrisposte entro 60 gg. dalla data di ricevimento dell'apposita appendice. 18

19 SEZIONE 2: Infortuni Amministratori Art. 1 - Oggetto dell'assicurazione. La garanzia è prestata per gli infortuni sofferti dagli amministratori della Provincia di Ancona durante l'espletamento delle funzioni connesse alla carica ricoperta. Sono altresì compresi gli infortuni derivanti dalla partecipazione a riunioni relative ad attività accessorie, particolari ed occasionali, purché riconducibili alle funzioni dei singoli (quali a titolo esemplificativo e non limitativo: riunioni o seminari in scuole, partecipazioni promosse da Enti pubblici ecc.) L'assicurazione comprende gli infortuni verificatisi durante i viaggi di trasferimento resi necessari dall'espletamento delle funzioni predette oltre che a piedi anche con uso di mezzi di locomozione, di motocicli, autoveicoli ed aerei. Art. 2 - Persone assicurate. Si intendono assicurati n.4 amministratori (Commissario Straordinario e n. 3 sub commissari prefettizi). Il Contraente è esonerato dall'obbligo della preventiva denuncia delle generalità delle persone assicurate. Per l identificazione di tali persone, per la determinazione delle somme assicurate e per il computo del premio, si farà riferimento alle risultanze dei libri di amministrazione e di altri documenti equipollenti. Art. 3 - Capitali assicurati. L'Assicurazione deve essere prestata per ciascuna persona assicurata: a) in caso di morte ,00; b) in caso di invalidità permanente fino a ,00; c) rimborso spese di cura fino a 8.000,00. Art. 4 - Determinazione del premio. Il premio viene pattuito in.. pro capite. Il premio viene anticipato dalla Provincia di Ancona in base ad un preventivo annuo di n 4 amministratori. Entro 90 gg. dalla fine di ogni anno assicurativo o di minor periodo di durata del contratto la Provincia è tenuto a comunicare alla Società la variazione del numero degli assicurati, dietro specifica richiesta della Compagnia assicuratrice affinché la stessa possa procedere alla regolazione del premio definitivo. Le differenze attive o passive risultanti dalla regolazione a favore della Società dovranno essere corrisposte entro 60 gg. dalla data di ricevimento dell'apposita appendice. 19

20 POLIZZA FURTO e RAPINA 20

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE FURTO CAPITOLATO SPECIALE

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE FURTO CAPITOLATO SPECIALE CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE FURTO CAPITOLATO SPECIALE CONTRAENTE AZIENDA ULSS 20 VIA VALVERDE, 42 37122 VERONA (VR) C.F. 02573090236 DECORRENZA ORE 24.00 DEL 31.12.2010 SCADENZA ORE 24.00 DEL 31.12.2015

Dettagli

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE FURTO ANNUALE

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE FURTO ANNUALE CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE FURTO CONTRAENTE AZIENDA U.L.S.S. N. 8 ASOLO Via Forestuzzo, 41 31011 Asolo (TV) c.f. e p.i.v.a. 00896810264 DECORRENZA ORE 24.00 DEL 30.06.2012 SCADENZA ORE 24.00 DEL 30.06.2013

Dettagli

TECNICA ASSICURATIVA LE POLIZZE CONTRO I DANNI ALLE PERSONE. Docente: Giovanni Canali

TECNICA ASSICURATIVA LE POLIZZE CONTRO I DANNI ALLE PERSONE. Docente: Giovanni Canali LE POLIZZE CONTRO I DANNI ALLE PERSONE Docente: Giovanni Canali IL CODICE CIVILE E LE POLIZZE CONTRO I DANNI ALLE PERSONE ART. 1882 cod.civ.: L assicurazione è il contratto con il quale l assicuratore

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ. Le polizze più complete per i tuoi veicoli. Condizioni di assicurazione. www.toroassicurazioni.

AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ. Le polizze più complete per i tuoi veicoli. Condizioni di assicurazione. www.toroassicurazioni. AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ Le polizze più complete per i tuoi veicoli Condizioni di assicurazione www.toroassicurazioni.it Indice Pagina AUTOSYSTEM PIÙ - DRIVERSYSTEM PIÙ - MOTOSYSTEM

Dettagli

SVILUPPO ITALIA. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa. HDI Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Talanx)

SVILUPPO ITALIA. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa. HDI Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Talanx) SVILUPPO ITALIA Contratto di assicurazione Incendio-Furto dedicato alle Attività Produttive destinatarie delle agevolazioni finanziarie concesse dall Agenzia Nazionale per l attrazione degli investimenti

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO POLIZZA DI ASSICURAZIONE INFORTUNI

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO POLIZZA DI ASSICURAZIONE INFORTUNI Lotto 2 - Assicurazione INFORTUNI Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro n 5 00185 Roma Codice Fiscale 80209930587 Partita Iva 02133771002 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO POLIZZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Norme che regolano il contratto

Norme che regolano il contratto Norme che regolano il contratto Mod. 250/B ed. 04/2007 (dati tipografia, n copie) L assicurazione in generale DEFINIZIONI Nel testo di polizza si intendono per: Assicurazione: il contratto di assicurazione

Dettagli

assicurazioni Assicuratrice ufficiale dell Automobile Club d Italia sicuri in viaggio

assicurazioni Assicuratrice ufficiale dell Automobile Club d Italia sicuri in viaggio assicurazioni Assicuratrice ufficiale dell Automobile Club d Italia sicuri in viaggio Operiamo in tutti i rami e siamo presenti sull intero territorio nazionale con oltre 400 punti di vendita e di consulenza

Dettagli

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare 1. In generale Conformemente all articolo 4 capoverso 2 dell ordinanza dell Assemblea federale

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CASA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ABITAZIONE. Genertel S.p.A.

CASA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ABITAZIONE. Genertel S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ABITAZIONE Genertel S.p.A. CASA Il presente Fascicolo informativo, contenente la Nota Informativa e le Condizioni di Assicurazione, deve essere consegnato al contraente

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Abitare oggi plus. Assicurazione modulare per l abitazione. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa.

Abitare oggi plus. Assicurazione modulare per l abitazione. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa. Tutela patrimonio Per la famiglia Abitare oggi plus Assicurazione modulare per l abitazione Il presente Fascicolo informativo contenente: Nota Informativa e Glossario Condizioni Generali di Assicurazione

Dettagli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli La Compagnia di assicurazione diretta del INDICE Servizio Assistenza Clienti Servizio Sinistri +390306762100 Per chiamate dall estero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Multirischi Abitazione

Multirischi Abitazione Multirischi Abitazione Contratto di assicurazione Collettivo multirischi per l'abitazione IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO, CONTENENTE: Nota informativa, comprensiva di Glossario; Condizioni di assicurazione;

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI Il presente fascicolo informativo contenente: a) Nota Informativa, comprensiva del glossario; b) Condizioni di assicurazione Deve essere consegnato al contraente

Dettagli

FASCICOLO INFORMATIVO

FASCICOLO INFORMATIVO FASCICOLO INFORMATIVO (ai sensi degli Artt.30 e segg. del Reg. IVASS n 35 del 26/05/2010) Contratto di assicurazione Infortuni per la copertura dei rischi Morte e Invalidità Permanente in seguito denominato

Dettagli

LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi

LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi 1 LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi S OMMARIO DEFINIZIONI pag. 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE Oggetto dell assicurazione R.C.T. pag. 3 Oggetto

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COMUNE DI LARI Piazza Vittorio Emanuele II 56035 Lari Pisa

COMUNE DI LARI Piazza Vittorio Emanuele II 56035 Lari Pisa Contraente: COMUNE DI LARI Piazza Vittorio Emanuele II 56035 Lari Pisa Partita IVA: 00350160503 Periodo di efficacia dell assicurazione: Premio: - Effetto dalle ore 24 del: 30/04/2009 - Scadenza alle 24

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Infortuni e Malattia Piani di Accumulo Eurizon Capital Fascicolo informativo Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa, il Glossario e le Condizioni di Assicurazione. POLIZZA

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Multirischi Abitazione

Multirischi Abitazione Multirischi Abitazione Contratto di assicurazione Collettivo multirischi per l'abitazione IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO, CONTENENTE: Nota informativa, comprensiva di Glossario; Condizioni di assicurazione;

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Pagina lasciata intenzionalmente in bianco

Pagina lasciata intenzionalmente in bianco Contratto di assicurazione per la copertura dei Rischi Tecnologici POLIZZA DI ASSICURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE DI OPERE CIVILI Il presente Fascicolo informativo, contenente Nota informativa,

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva Aviva S.p.A. Gruppo Aviva FIN+A Vita Creditor Protection a Premio Unico ed a Premio Annuo Limitato abbinata a Finanziamenti - Contratto di Assicurazione in forma Collettiva ad Adesione Facoltativa. Il

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMPASS S.p.A. Personal Protection

COMPASS S.p.A. Personal Protection COMPASS S.p.A. Personal Protection CONDIZIONI GENERALI DI POLIZZA Mod. 07143 Ed. 12/2013 INFORMATIVA PRIVACY Ai sensi dell articolo 13 - Decreto Legislativo 30 Giugno 2003 n 196 in materia di protezione

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni AUTOSYSTEM PIÙ Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni Contratto di assicurazione di Tutela Legale per la copertura dei rischi di assistenza stragiudiziale e giudiziale

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Guaranteed Asset Protection INSURANCE

Guaranteed Asset Protection INSURANCE CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZA COLLETTIVA N. 5253/02 Guaranteed Asset Protection INSURANCE (data dell ultimo aggiornamento: 31.01.2012) IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO, CONTENENTE LA NOTA

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PARTNER GLOBALE UFFICIO

PARTNER GLOBALE UFFICIO $c1$ 40128 Bologna (Italia) Via Stalingrado, 45 C:\SIGMA\FORM\LOGO\ 30 unipol_div_milano.png piedino_solo_datisoc_gruppo.png Jmilano2.png UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Divisione Milano www.unipolsai.com

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI E PRESTATORI D OPERA (R.C.T./R.C.O.) COMUNE DI AZZANELLO (CR)

RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI E PRESTATORI D OPERA (R.C.T./R.C.O.) COMUNE DI AZZANELLO (CR) Allegato 1 Lotto 1 CAPITOLATO SPECIALE PER COPERTURA ASSICURATIVA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI E PRESTATORI D OPERA (R.C.T./R.C.O.) COMUNE DI AZZANELLO (CR) La normativa, qui di seguito dattiloscritta,

Dettagli

Tua Assicurazioni S.p.A.

Tua Assicurazioni S.p.A. Tua Assicurazioni S.p.A. Gruppo Cattolica Assicurazioni Contratto di assicurazione sui beni ed il patrimonio del Condominio Tua Casa Il presente Fascicolo Informativo, contenente a) Nota informativa, comprensiva

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli