CONTRATTI CON DITTE E LAVORATORI AUTONOMI COME PREVISTO DAL D.LGS. 9 APRILE 2008 N. 81

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTI CON DITTE E LAVORATORI AUTONOMI COME PREVISTO DAL D.LGS. 9 APRILE 2008 N. 81"

Transcript

1 Progetto Associazione Formazione Nazionale ed Dentisti Aggiornamento Italiani CONTRATTI CON DITTE E LAVORATORI AUTONOMI COME PREVISTO DAL D.LGS. 9 APRILE 2008 N. 81 Fac-simile di ipotesi da adattarsi ai casi specifici per: 1) Contratti con libero professionista (odontoiatri/igienista) 2) Incarichi a ditte appaltatrici 3) Incarichi a lavoratori autonomi (artigiani) 4) Etc...

2 Oggetto: contratti con lavoratori libero professionisti In caso di affidamento di incarichi a 1avoratori libero professionisti, quali odontoiatri o igieniste o altri, l art. 5 del D.P.R. 547/55 impone al committente di informare ta1i lavoratori autonomi sui rischi specifici esistenti nell ambiente di lavoro e sui mezzi di protezione adottati. Pertanto, ai sensi di tale disposizione del 1955, il dentista, nella veste di datore di lavoro, é chiamato a rispondere degli incidenti ricollegabili a non corrette istruzioni o a carenze nell organizzazione dello studio, ovvero all imperfetto funzionamento o alla mancanza di sicurezza degli strumenti o apparecchiature da lui forniti. Il decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626 all art. 7 impone una ancor maggior responsabilizzazione del committente prescrivendo a suo carico la verifica in concreto della misura dell autonomia del lavoratore libero professionista nel corretto svolgimento della sua propria attività. Inoltre, il datore di lavoro deve anche cooperare all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti su1l attività 1avorativa oggetto del contratto. Si ravvisa quindi la necessità di effettuare le seguenti azioni da parte del dentista titolare dello studio: - verifica di iscrizione del lavoratore autonomo a1l a1bo professionale o, in assenza di albo, verifica del tito1o di studio, - richiesta di sottoscrizione da parte del lavoratore autonomo di una dichiarazione relativa alla conoscenza dei luoghi e degli ambienti di lavoro in cui è chiamato ad operare e dei rischi connessi con l attività che dovrà essere svolta, nonché all assicurazione circa l esistenza, da parte sua, di capacità a svolgere in sicurezza la mansione lavorativa affidata1i. Si allega una proposta di informazioni e richieste che il titolare dello studio dentistico deve indirizzare ai lavoratori autonomi e una proposta di dichiarazione che i lavoratori autonomi devono sottoscrivere ora, se già in attività presso lo studio dentistico e, in seguito, all atto della stipulazione del contratto.

3 AFFIDAMENTO DI INCARICHI A DITTE DOCUMENTO Dl SICUREZZA EX ART. 7/626 Lo scrivente Studio Dentistico sito in... nella persona del Dott..in qualità di., committente della attività di consegna il seguente documento di sicurezza alla ditta.. incaricata dell attività di cui sopra, che dovrà sottoscriverlo nella persona del suo Legale Rappresentante. Art. 1 Il rischio per i lavoratori della ditta incaricata dello svolgimento dei lavori di cui sopra, derivato sia specificatamente che più in generale dall attività lavorativa in questione è attribuito alla ditta stessa. Art. 2 Il Legale Rappresentante della ditta. Si assume a tutti gli effetti la figura di datore di lavoro per i propri lavoratori che svolgono la loro attività presso lo Studio Dentistico ai sensi di quanto disposto dall art del Codice Penale, dall art del Codice Civile e dall art. 4 del D.P.R. 27/04/55 n 547 quale imprenditore che nell esercizio della propria impresa deve adottare tutte le misure necessarie alla tutela della integrità fisica e personalità morale dei prestatori d opera. Art.3 La ditta..dovrà impegnarsi ad operare con perizia, prudenza e diligenza e ad eseguire i lavori a regola d arte e secondo le norme di buona tecnica. Art.4 I lavori commissionati dovranno svolgersi in condizioni di permanente sicurezza ed igiene nel pieno rispetto di tutte le norme vigenti in materia dì prevenzione infortuni ed igiene del lavoro. La ditta..dovrà predisporre un programma di sicurezza per affrontare in modo idoneo i lavori oggetto dell incarico. In particolare, dovrà impegnarsi a: - predisporre un adeguata organizzazione della squadra dei lavoratori con l assegnazione a ciascuno delle proprie responsabilità, - predispone, a seguito della valutazione dei rischi specifici della. propria attività lavorativa, idonee procedure di lavoro di cui ogni lavoratore interessato dovrà essere messo adeguatamente a conoscenza, - formare i lavoratori sui rischi legati alla loro attività lavorativa oggetto del presente incarico e sulle corrette modalità di esecuzione del lavoro, ai sensi di quanto previsto dall art. 5 de D.P.R. 547/55 e dagli artt. 21 e 22 dei D. Lg.s , n 626, - formare i lavoratori sui rischi cui sono soggetti terzi che si trovassero in prossimità delle aree di lavoro, - adottare idonea segnalazione dei rischi,

4 - mettere a disposizione dei lavoratori attrezzature idonee all attività specifica, efficienti, conformi alle prescrizioni di legge (art. 4 D.P.R. 547/55, art. 3, comma 1, lett. b) e 36, comma 1. D.Lgs. 626/94) e impiegati in maniera corretta, - predisporre un adeguato programma di verifiche delle condizioni di sicurezza in cui si svolgono i lavori e ispezionare, dal punto di vista della sicurezza, i luoghi di lavoro, preventivamente all avvio delle attività e durante il loro svolgimento, - disporre ed esigere che i propri lavoratori, ciascuno in relazione alle proprie responsabilità derivate dall organizzazione della squadra di lavoro: osservino le norme di sicurezza, siano dotati ed usino correttamente i mezzi personali di protezione appropriati ai rischi inerenti alle lavorazioni ed operazioni da effettuare, non compiano di propria iniziativa manovre o lavori non di loro competenza. Art. 5 La ditta.. si assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento dell opera attribuendo a sé tutti gli oneri derivanti dall applicazione delle norme dì sicurezza necessarie alla salvaguardia dell incolumità delle persone, siano esse coinvolte direttamente nell esecuzione dei lavori, siano esse terzi che si trovino, anche casualmente, in prossimità delle aree interessate ai lavori. Circa la responsabilità del committente in tema di reato colposo per l infortunio sul lavoro o per danni recati a terzi che dovessero trovarsi anche casualmente nei pressi dei luoghi in cui si svolge l attività in oggetto, la scrivente chil1 alla ditta di rilasciare una dichiarazione, ai sensi di quanto previsto dalla lett. a), comma 1, art. 7, D. Lgs. 626/94, attestante l iscrizione alla camera di commercio per la specifica attività da svolgere e l idoneità tecnico professionale dei lavoratori incaricati delle opere da compiere, oggetto del contratto. Allo scopo la scrivente chiede che siano fornite per iscritto dalla ditta. le seguenti informazioni e assicurazioni relativamente a ciascun lavoratore nominativo, compiti e responsabilità (individuazione della persona preposta alla conduzione e sorveglianza dello svolgimento delle attività anche dal punto di vista della sicurezza), rapporto di dipendenza, anni di esperienza specifica, numero e tipologia degli infortuni sul lavoro dell ultimo periodo (preferibilmente degli ultimi cinque anni). La ditta si impegna a presidiare i luoghi di lavoro in cui si svolge l attività di cui è incaricata, ovvero, in assenza di personale, adottare tutti i presidi di sicurezza idonei a scongiurare qualsiasi danno alle persone che dovessero trovarsi presso tali luoghi. E fatto assoluto divieto alla ditta.di creare deposito dì sostanze pericolose e/o combustibili all interno dello scrivente Studio Dentistico. Art. 6 La ditta dovrà operare in completa autonomia essendo esclusa l ingerenza dello scrivente durante l esecuzione dei lavori circa: l oranizzazione interna dell impresa incaricata, il modo con cui questa regola le modalità esecutive del lavoro, i rapporti con il proprio personale, la scelta tra i vari sistemi del lavoro ugualmente idonei, la predisposizione di misure preventive inerenti la sicurezza e l igiene del lavoro.

5 Art.7 Lo scrivente, ai sensi di quanto stabilito alla lett. b), comma 1, art. 7, D. Lgs. 626/94, in relazione all obbligo a carico del committente di informare l impresa esterna sui rischi esistenti nell ambiente in cui é destinata ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività, dichiara che nella propria sede di lavoro sono presenti tutti i rischi insiti nell attività specifica di uno Studio Dentistico, quali rischio da agenti biologici, rischio di elettrocuzione, rischio da impiego di attrezzature e oggetti pericolosi, rischio da uso di sostanze o preparati pericolosi, rischio da produzione di rifiuti pericolosi, rischio da radiazioni X. Lo scrivente, al fine di circoscrivere i rischi cui sono soggetti i lavoratori della ditta esterna, chiede alla stessa che provveda 2d evitare che i lavoratori frequentino, anche occasionalmente, aree non a loro specificamente destinate allo svolgimento del loro lavoro. In caso di necessità, qualora i lavoratori della ditta esterna dovessero recarsi in un luogo non specificatamente previsto per lo svolgimento delle loro mansioni, essi dovranno essere autorizzati dallo scrivente che adotterà le misure necessarie. Lo scrivente si impegna, ai sensi di quanto previsto dalla lett. b), comma 2., art. 7, D.Lgs. 626/94, a informare i responsabili della ditta., di tutte le modifiche, dal punto di vista della sicurezza delle persone, che dovessero essere apportate alle caratteristiche dei luoghi di lavoro (requisiti e destinazione dei locali) e degli impianti di Servizio durante i rapporti di lavoro con la ditta stessa. Art. 8 La ditta deve informare lo scrivente Studio iscritto circa i rischi derivati dallo svolgimento dei lavori cui possono essere soggetto 1e persone che frequentano io Studio stesso. Inoltre la stessa é impegnata a informare per iscritto lo scrivente in occasione di ogni variazione delle condizioni di rischio che subentrassero durante i rapporti di lavoro. Atr. 9 Lo scrivente, ai sensi di quanto previsto dalle lett. a), e b), comma 2., nonché dal comma 3., art, 7, D. Lgs. 626/94, dichiara di cooperare con la ditta all attuazione di tutte le misure di prevenzione e protezione che si rendessero necessarie in relazione ai rischi sopra citati. Allo scopo chiede che la ditta incaricata esponga le necessità che dovessero presentarsi, durante lo svolgimento dei lavori, al fine di poter predisporre adeguate misure che dovessero essere individuate a suo carico per fronteggiare tutte le situazioni di pericolo per i lavoratori e per terzi. Art. 10 Lo scrivente dichiara che tutte le attrezzature utilizzate dai lavoratori della ditta incaricata sono di proprietà della ditta stessa e che nessuna attrezzatura del1o scrivente sarà messa a disposizione, neanche in via occasionale, dei lavoratori della suddetta ditta..,. Il Titolare (o Il Legale Rappresentante) Dott Il Legale Rappresentante Sig

6 Note. Comipilare alla: - 1^ riga con indirizzo studio dentistico: comune, provincia, via/piazza, num. civico - 2^ riga con nome e cognome del dentista - 3^ riga con il termine: titolare o legale rappresentante - 4^ riga con attività commissionata alla ditta, ad es. installazione di un riunito,, riparazione guasto di riunito, ampliamento o manutenzione di impianto elettrico - 5^ riga con i dati della ditta: ragione sociale e indirizzo.

7 AFFIDAMENTO DI NCARCHI A LAVORATORI AUTONOMI DOCUMENTO DI SICUREZZA EX ART. 7/626 Lo scrivente Studio Dentistico sito in nella persona del Dott.. in qualità di, committente della attività di., consegna il seguente documento di sicurezza al lavoratore autonomo Sig.. Incaricato del1 attività di cui sopra, che dovrà sottoscriverlo. Art. l Il rischio per il lavoratore autonomo incaricato dello svolgimento dei lavori cui sopra, derivato sia specificatamente che più in generale dall attività lavorativa in questione, é attribuito al lavoratore autonomo stesso. Art. 2 Il lavoratore autonomo Sig... dovrà impegnarsi ad operare con perizia, prudenza e diligenza e ad eseguire i lavori a regola d arte secondo le norme di buona tecnica. Art. 3 I lavori commissionati dovranno svolgersi in condizioni di permanente sicurezza ed igiene nel pieno rispetto di tutte le norme vigenti in materia di prevenzione infortuni ed igiene del lavoro. Il lavoratore autonomo Sig..dovrà predisporre un programma di sicurezza per affrontare in modo idoneo i lavori oggetto del1 incarico. In particolare, egli dovrà impegnarsi a: - preventivare i rischi cui sono soggetti terzi che si trovassero In prossimità delle aree di lavoro e adottare idonee misure - adottare idonea segnalazione dei rischi, - utilizzare attrezzature idonee all attività specifica, efficienti, conformi alle prescrizioni di legge (art.. 4, D.P.R. 547/55, artt. 3. comma 1, lett. b) e 36, comma 1, D. Lgs. 626/94) e impiegati in maniera corretta Art.4 Il lavoratore autonomo Sig.si assume con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento dell opera attribuendo a sé tutti gli oneri derivanti dall applicazione delle norme di sicurezza necessarie alla salvaguardia dell incolumità delle persone, siano e coinvolte direttamente nell esecuzione dei lavori, siano esse terzi che si trovino, anche casualmente, in prossimità delle aree interessate ai lavori.

8 Circa la responsabilità del committente in tema di reato colposo per infortunio sul lavoro o per danni recati a terzi che dovessero trovarsi anche casualmente dei pressi dei luoghi in cui si svolge l attività in oggetto, la scrivente chiede al lavoratore autonomo Sig di rilasciare una dichiarazione, ai sensi di quanto previsto dalla lett. a), comma 1, art. 7, D, Lgs. 626/94, attestante l iscrizione alla camera di commercio per la specifica attività da svolgere e la propria idoneità tecnico professionale per lo specifico incarico delle opere da compiere, oggetto del contratto. Allo scopo la scrivente chiede che siano fornite per iscritto dal lavoratore autonomo Sig. le seguenti informazioni e assicurazioni: anni di esperienza specifica, numero e tipologia degli infortuni sul lavoro in cui é stato coinvolto nell ultimo periodo (preferibilmente negli ultimi cinque anni). Il lavoratore autonomo Sig.. si impegna presidiare i luoghi di lavoro in cui si svolge l attività di cui è incaricato, ovvero, ad adottare tutti i presidi. di sicurezza idonei a scongiurare qualsiasi danno alle persone che dovessero trovarsi presso tali luoghi. E fatto assoluto divieto al lavoratore autonomo Sig.. di creare deposito di sostanze pericolose e/o combustibili all interno dello scrivente Studio Dentistico. Art. 5 Il lavoratore autonomo Sig.. dovrà operare in completa autonomia essendo esclusa l ingerenza dello scrivente durante l esecuzione dei lavori circa il modo con cui questi regola le modalità esecutivo del lavoro, la scelta tra i vari sistemi del lavoro ugualmente idonei, la predisposizione di misure preventive inerenti la sicurezza e l igiene del lavoro. Art. 6 Lo scrivente, ai sensi di quanto stabilito dalla lett. b), comma 1, art. 7, D.Lgs. 626/94, in relazione all obbligo a carico del committente di informare il lavoratore autonomo sui rischi esistenti nell ambiente in cui é destinato ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività, dichiara che nella propria sede di lavoro sono presenti tutti i rischi insiti nell attività specifica di uno Studio Dentistico, quali rischio da agenti biologici, rischio di elettrocuzione, rischio da impiego di attrezzature e oggetti pericolosi, rischio da uso di sostanze o preparati pericolosi, rischio da produzione di rifiuti pericolosi, rischio da radiazioni X. Lo scrivente, al fine di circoscrivere i rischi cui é soggetto il 1avoratore autonomo, chiede allo stesso di evitare di frequentare, anche occasionalmente, aree non a lui specificamente destinate allo svolgimento del suo lavoro, In caso di necessità, qualora egli debba recarsi in un luogo non specificatamente previsto per lo svolgimento delle sue mansioni, egli dovrà essere autorizzato dallo scrivente che adotterà le misure necessarie. Lo scrivente si impegna, ai sensi di quanto previsto dalla lett. b), comma 2., art. 7, D. Lgs. 626/94, a informare il lavoratore autonomo Sig.., di tutte le modifiche, dal punto di vista della sicurezza delle persone, che dovessero essere apportate alle caratteristiche dei luoghi di lavoro (requisiti e destinazione dei locali) e degli impianti di servizio durante i rapporti di lavoro con il lavoratore stesso.

9 Art.7 Il lavoratore autonomo Sig... deve informare lo scrivente per iscritto circa i rischi derivati dallo svolgimento dei lavori cui possono essere soggette le persone che frequentano lo Studio Dentistico. Inoltre lo stesso impegnato a informare per iscritto lo scrivente in occasione di ogni variazione delle condizioni di rischio che subentrassero durante i rapporti di lavoro. Art.8 Lo scrivente, ai sensi di quanto Previsto dalle lett. a), e b), comma 2, nonché dal comma 3. art. 7, D. Lgs. 626/94, dichiara di cooperare con il lavoratore autonomo Sig.. all attuazione di tutte le misure di prevenzione e protezione che si rendessero necessarie in relazione ai rischi sopra citati. Allo scopo chiede che il lavoratore autonomo Sig.. ponga le necessità che dovessero presentarsi, durante lo svolgimento dei lavori, al fine di poter predisporre adeguate misure che dovessero essere individuate a suo carico per fronteggiare tutte le situazioni di pericolo per il lavoratore stesso e per terzi. Art.9 Lo scrivente dichiara che tutte le attrezzature utilizzate dal lavoratore autonomo Sig..sono di proprietà del lavoratore stesso e che nessuna attrezzatura dello scrivente sarà messa a sua disposizione, neanche in via occasionale. Il Titolare (o Il Legale Rappresentante) Dott Il Lavoratore Autonomo Sig..

10 Progetto Associazione Formazione Nazionale ed Dentisti Aggiornamento Italiani Note. Compilare alla: - 1^ riga con indirizzo studio dentistico: comune, provincia, via/piazza. num. civico - 2^ riga con nome e cognome del dentista - 3^ riga con il termine: titolare o legale rappresentante - 4^ riga con attività commissionata al lavoratore autonomo, ad es. riparazione guasto di riunito, riparazione guasto impianto elettrico, manutenzione impianto idraulico. - 5^ riga con i dati del lavoratore autonomo..

11 Carta semplice intestata (Studio Dentistico).,. Egr. Dott.. Oggetto: attuazione dell art. 7, D.Lgs. 626/94. Lo scrivente studio dentistico, nella persona del suo titolare o legale rappresentante Dott..., in riferimento al rapporto di lavoro libero professionale con Lei instaurato e in relazione alle disposizioni imposte dall art. 7, D.Lgs. 626/94, con la presente, La informa di avere attuato quanto previsto dalla normativa vigente in materia di sicurezza e igiene nei posti di lavoro, nonché dal D. Lgs. 626/94 stesso. Lo scrivente, in particolare, dichiara che: - i luoghi di lavoro sono tutti regolarmente agibili e conformi ai requisiti di sicurezza e igiene come previsto dalla normativa vigente, - gli impianti di servizio sono tutti regolarmente collaudati e rispondenti alla normativa di legge specifica, - le attrezzature presenti sono conformi alla normativa vigente e sono regolarmente sottoposte a verifica e manutenzione, - le condizioni di igiene dei luoghi di lavoro e delle attrezzature sono conformi alla normativa vigente e/o alle norme di buona tecnica, - le sostanze e preparati impiegati, nonchè i rifiuti prodotti sono gestiti nel rispetto di quanto imposto dalla normativa vigente e/o alle norme di buona tecnica in relazione alla loro pericolosità, - sono presenti presidi preventivi e protettivi idonei in relazione alle attività svolte, - i dispositivi di protezione individuale in dotazione presso lo studio sono conformi ai disposti di legge; di essi Ella potrà usufruire liberamente (oppure Ella dovrà dotarsi di propri mezzi di protezione individuale conformi ai disposti di legge) - e stata effettuata la valutazione dei rischi prevista al comma 1, art. 4, D. Lgs. 626/94 ed elaborato il documento di cui al comma 2, art. 4/626, contenente il programma dei provvedimenti di prevenzione da adottare, - il personale sanitario medico e/o odontoiatrico, il personale assistente e delle attività di servizio, dipendente o collaboratore dello scrivente studio è informato e formato adeguatamente sui rischi generali e sui rischi specifici in esso presenti, - sono adottati presidi preventivi idonei per l emergenza (ove necessario).

12 Lo scrivente La informa che sono presenti pericoli e rischi tipici degli studi in cui si svolgono attività di diagnosi e cura odontoiatrica e, in particolare...., e principalmente: rischio da agenti biologici rischio di elettrocuzione rischio da impiego di attrezzature e oggetti pericolosi rischio da uso di sostanze o preparati pericolosi rischio da produzione di rifiuti pericolosi rischio da uso di attrezzature munite di videoterminali rischio da impiego di radiazioni X Lo scrivente dichiara che non ingerirà nelle Sue decisioni circa le modalità di impiego delle attrezzature, delle sostanze e preparati dei sussidi di prevenzione e sicurezza, compresi i dispositivi di protezione individuale, e circa i comportamenti corretti da adottare in relazione alla tutela della Sua sicurezza e salute. Lo scrivente, in riferimento alle responsabilità previste a carico del datore di lavoro di tutelare la sicurezza e salute dei lavoratori dello studio, Le chiede di astenersi dal compiere qualsiasi azione che possa essere causa di pericolo o rischio per i lavoratori medesimi. Lo scrivente, in riferimento alle responsabilità previste a suo carico di tutelare, in particolare, la sicurezza e salute dei lavoratori dello studio cui sono affidati ruoli di assistenza e/o ausilio all attività da Lei svolta, Le rammenta di applicare, ogni volta che sia impartito un comando, tutti i criteri della prevenzione e protezione indicati dalla normativa vigente. Lo scrivente Le chiede di segnalare immediatamente qualsiasi problema inerente la sicurezza e la salute Sua e degli altri lavoratori di cui Ella sia venuto a conoscenza. Lo scrivente, in ottemperanza allo stesso art. 7/626 sopra citato richiede che Ella sottoscriva la dichiarazione allegata e si assuma la responsabilità di quanto in essa contenuto. Il Titolare (o il Legale Rappresentante) Dott..

13 Carta semplice intestata (..)..,.. Spett. le Studio Dentistico Dott.... Il/la sottoscritto/a,., a seguito della accettazione dell incarico di attività libero professionale in qualità di. presso lo Studio Dentistico in indirizzo e in relazione ai disposti di cui all art. 7, D. Lgs. 626/94, dichiara: 1. é regolarmente iscritto all albo professionale dei../ 1.1 é munito di titolo di studio in. 2. ha visionato i luoghi in cui é svolta l attività lavorativa e gli impianti di servizio in essi presenti e ne conosce i pericoli e le cautele da adottare, 3. ha preso visione delle sostanze e preparati da utilizzare e ne conosce i pericoli e le cautele da adottare, 4. ha visionato le attrezzature con cui é svolta l attività lavorativa e ne conosce i pericoli e l uso corretto. 5. possiede l idoneità tecnico-professionale in relazione alle attività da eseguire, 6. possiede sufficiente esperienza in relazione alle attività da svolgere, 7. possiede le capacità per svolgere il lavoro in sicurezza e in condizioni di tutela della salute collettiva e individuale, 8. é a conoscenza dei contenuti della normativa di legge in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro e, in particolare, del D. Lgs. 626/94 e successive modificazioni, 9. si impegna a svolgere il proprio lavoro salvaguardando la propria sicurezza e salute e quella degli altri lavoratori presenti nello Studio, 10. si impegna a segnalare qualsiasi problema di sicurezza e salute propria e di altri lavoratori di cui venga a conoscenza. 11. ha ricevuto adeguate informazioni circa le misure adottare in caso di emergenza (ove necessario), 12. si impegna a dotarsi, a proprio carico, di idonei mezzi di protezione individuale, quali, camice, guanti, mascherina, etc. e a garantirne le condizioni igieniche..

Allegato 2 Documento contenente:

Allegato 2 Documento contenente: COMUNE DI NOVARA SERVIZIO BILANCIO - UNITÀ ECONOMATO PROTOCOLLO DI GESTIONE PER L'ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO GLI STABILI SEDI DI UFFICI E DIPENDENZE COMUNALI PER UN PERIODO DI TRE ANNI

Dettagli

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMA DEL VERBALE DI RIUNIONE PERIODICA Modello A) BOZZA DI LETTERA

Dettagli

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli;

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli; Lezione 3 Le attribuzioni del Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Il diritto alla salute Abbiamo già sottolineato che il beneficiario ultimo del testo unico è la figura del lavoratore. La cui

Dettagli

LA NUOVA GUIDA CEI 0-10 PER LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

LA NUOVA GUIDA CEI 0-10 PER LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI LA NUOVA GUIDA CEI 0-10 PER LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI PREMESSA Il panorama delle disposizioni all interno delle quali si pone la manutenzione è cambiato e si avverte la necessità di individuare

Dettagli

Corsi di formazione sulla sicurezza in edilizia 2008/2009 D.Lgs. 81/2008

Corsi di formazione sulla sicurezza in edilizia 2008/2009 D.Lgs. 81/2008 Corsi di formazione sulla sicurezza in edilizia 2008/2009 D.Lgs. 81/2008 Cod. Denominazione del corso Ore Pag. SI1 Formazione per operai/ primo ingresso in edilizia 16 2 SI2 RSPP/ASPP - Responsabili del

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI

QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI QUALIFICAZIONE DELLA DITTA SPAZI CONFINATI QUALIFICAZIONE DELL IMPRESA La qualificazione per quanti intendono operare negli spazi confinati (imprese, lavoratori autonomi e imprese familiari) si fonda sul

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Art. 262. (Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente) TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI CAPO IV SANZIONI Art. 282. (Sanzioni a carico

Art. 262. (Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente) TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI CAPO IV SANZIONI Art. 282. (Sanzioni a carico Commento Dirigente, preposto e delega di funzioni 29 FIGURE AZIENDALI COINVOLTE: Datore di Lavoro; Dirigenti; Preposti; Soci di un impresa. FIGURE PROFESSIONALI COINVOLTE: non previste. DOCUMENTAZIONE

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Egr. Via Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Il sottoscritto C.F. in qualità di Datore di Lavoro della Ditta con sede in al fine di provvedere agli incombenti posti dalla

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

Formazione Particolare Aggiuntiva Preposti Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011

Formazione Particolare Aggiuntiva Preposti Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 Formazione Particolare Aggiuntiva Preposti Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 Modalità d esercizio della funzione di preposto Relazioni tra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

VOLONTARIATO SICURO. QUADRO SINTETICO DEGLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI per le Organizzazioni di Volontariato*

VOLONTARIATO SICURO. QUADRO SINTETICO DEGLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI per le Organizzazioni di Volontariato* VOLONTARIATO SICURO QUADRO SINTETICO DEGLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI per le Organizzazioni di Volontariato* * Le OdV di Protezione Civile sono soggette ad adempimenti

Dettagli

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 Obblighi Datore di Lavoro - Misure generali di tutela (D.Lgs. 81/08, art. 15)...1 Obblighi Datore di Lavoro - Delega di funzioni (D.Lgs. 81/08, art. 16)...1 Obblighi

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

La figura del RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) IN AZIENDA quali prospettive di collaborazione

La figura del RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) IN AZIENDA quali prospettive di collaborazione La figura del RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) IN AZIENDA quali prospettive di collaborazione Riferimenti normativi Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81: cd TESTO UNICO SULLA SALUTE

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

Comunicazione ai lavoratori in merito alla possibilità di eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Informa i Lavoratori che:

Comunicazione ai lavoratori in merito alla possibilità di eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Informa i Lavoratori che: OGGETTO: Comunicazione ai lavoratori in merito alla possibilità di eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Con la presente la sottoscritta impresa con sede in Via...::::: Informa

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Spettabile AZIENDA ESPOSITRICE. Oggetto: Sicurezza sul lavoro nell ambito dell Agrilevante 2015. Spettabile Ditta Espositrice,

Spettabile AZIENDA ESPOSITRICE. Oggetto: Sicurezza sul lavoro nell ambito dell Agrilevante 2015. Spettabile Ditta Espositrice, Bologna, 15/09/2015 Spettabile AZIENDA ESPOSITRICE Oggetto: Sicurezza sul lavoro nell ambito dell Agrilevante 2015 Spettabile Ditta Espositrice, nell ambito dell organizzazione del salone Agrilevante 2015,

Dettagli

Roma,.. Spett.le. Società Cooperativa EDP La Traccia. Recinto II Fiorentini, n.10-75100 Matera (MT)

Roma,.. Spett.le. Società Cooperativa EDP La Traccia. Recinto II Fiorentini, n.10-75100 Matera (MT) Roma,.. Spett.le Società Cooperativa EDP La Traccia Recinto II Fiorentini, n.10-75100 Matera (MT) Oggetto : Contratto per la fornitura di servizi relativi alla Survey Registro Italiano delle Biopsie Renali.

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

Il Preposto nella scuola

Il Preposto nella scuola Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE Organismo Paritetico Regionale ex art. 51 D. lgs. 81/2008 Il Preposto nella scuola

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena Normativa di riferimento Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena 1 Comma 3 Art. 180 D.Lgs. 81/08 La Protezione dei lavoratori dalle radiazioni Ionizzanti è disciplinata

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA Istruzioni per la compilazione L art. 7 comma 1 del D.M. 37/08 prevede che Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

Comunicazione di inizio attività redatta ai sensi della L.R. 8/2007 per cambio di titolarità in struttura sanitaria privata esistente e dedicata a:

Comunicazione di inizio attività redatta ai sensi della L.R. 8/2007 per cambio di titolarità in struttura sanitaria privata esistente e dedicata a: Alla ASL di Milano Dipartimento di Prevenzione Medico Sc Igiene e Sanità Pubblica SS U.O. Territoriale n... Via Comunicazione di inizio attività redatta ai sensi della L.R. 8/2007 per cambio di titolarità

Dettagli

Prot.6223 /C14 Cava de Tirreni, 3/11/2014 IL DIRIGENTE

Prot.6223 /C14 Cava de Tirreni, 3/11/2014 IL DIRIGENTE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE DE FILIPPIS - GALDI Liceo Classico - Liceo Linguistico - Liceo Scienze Umane Liceo Scienze Umane opzione Economico Sociale Via Filangieri - 84013 CAVA DE TIRRENI (

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Il testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.

Dettagli

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori D. LGS 81/2008 L INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI L ADDESTRAMENTO Informazione ai lavoratori 1. Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: a)

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

I DIRITTI E DOVERI DEI LAVORATORI

I DIRITTI E DOVERI DEI LAVORATORI Avv. Luisella Collu I DIRITTI E DOVERI DEI LAVORATORI 28/05/2015 Avv. Luisella Collu CENNI STORICI LEGISLATIVI 2 Il Codice civile Art. 2087 - Tutela delle condizioni di lavoro L imprenditore è tenuto ad

Dettagli

Il DUVRI : Comunicazione, informazione e formazione tra le figure coinvolte

Il DUVRI : Comunicazione, informazione e formazione tra le figure coinvolte SEMINARIO TECNICO La gestione degli appalti pubblici: sicurezza e regolarità del lavoro Il DUVRI : Comunicazione, informazione e formazione tra le figure coinvolte G.Acquafresca RSPP Arpa Piemonte Uno

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CONTRATTO ATTO DI

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

SAFETY CAFFÈ - DIRIGENTI E PREPOSTI. La formazione per dirigenti e preposti sulla sicurezza e salute sul lavoro

SAFETY CAFFÈ - DIRIGENTI E PREPOSTI. La formazione per dirigenti e preposti sulla sicurezza e salute sul lavoro SAFETY CAFFÈ - DIRIGENTI E PREPOSTI La formazione per dirigenti e preposti sulla sicurezza e salute sul lavoro Testo a cura di Pietro de Castiglioni Consulenza legale: avvocato Rolando Dubini Estratto

Dettagli

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Programma Obblighi del Datore di Lavoro, Dirigenti e Preposti Attribuzioni dell Esperto Qualificato Classificazione dei Lavoratori Classificazione delle Zone Obblighi dei Lavoratori Calcolo della Dose

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN RIFERIMENTO DELLA DIRETTIVA CANTIERI D.L.vo 494/96 e D.L.vo 528/99; DPR 222/03; D.L.vo 276/03 Le regole di seguito indicate rappresentano un

Dettagli

MANUALE INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA

MANUALE INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO CROCE Via Porrettana, 97 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel.051 598372 fax 051 6192124 e-mail: iccroce@iccroce.org sito web:

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D.

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. ACEA S.p.A. DISCIPLINARE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. Lgs. 81/2008 - Art. 89 punto 1 lett. e) e Art. 91) Roma, marzo 2015 Disciplinare

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 AGENFORM Centro di Formazione Professionale Viale Amendola Eboli(SA) Consulente Dott. Ing. Elena Chiappa FORMAZIONE:

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Scheda 2 Autocertificazione

Scheda 2 Autocertificazione Pagina 1 di 7 Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze Scheda 2 Autocertificazione art 26 c.1 lett a) punto 2) D.Lgs 81/08 Contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione Comparto

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA

PROCEDURA DI SICUREZZA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 5 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa da S.P.P.R.

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica DECRETO 19 maggio 2010 Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. IL DIRETTORE

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

Alessandro Greppi Via dei Mille 27 23876 Monticello B.za (LC) www.issgreppi.gov.it

Alessandro Greppi Via dei Mille 27 23876 Monticello B.za (LC) www.issgreppi.gov.it PROGETTO FORMATIVO INDIVIDUALE PER TIROCINIO ESTIVO DI ORIENTAMENTO a.s. 2015/2016 (Convenzione n. del ) TIROCINANTE Nome e cognome Nato a Data di nascita Codice Fiscale Residenza Domicilio (solo se diverso

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia di Palermo 2 Settore - Servizio Ambiente - Ville e Giardini AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PREMESSA In esecuzione dell'atto

Dettagli

OBBLIGHI DEL PREPOSTO ART. 19 D.LGS. 81/08

OBBLIGHI DEL PREPOSTO ART. 19 D.LGS. 81/08 PREPOSTO Il PREPOSTO è la persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, sovrintende alla attività

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

ELENCO ED ISTRUZIONI OPERATIVE PER L UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)

ELENCO ED ISTRUZIONI OPERATIVE PER L UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Data 01-03-2010 Rev. N. 00 Pagina 1 di 8 ELENCO ED ISTRUZIONI OPERATIVE PER L UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Documento unico formato da 8 pagine Ddl RSPP RLS MC INDICE ISTITUTO

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO via Alassio, n. 36/E 10126 TORINO Tel. 011.5663800 - Fax

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO COMPITI DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (D. Lgs. 81/08) 1. Fatto salvo quanto

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE PER VARIAZIONE ATTIVITA' PER CAMPEGGIO FISSO CON

Dettagli

(carta intestata dell'impresa) OGGETTO: AUTOCERTIFICAZIONE PER IMPRESE O LAVORATORI AUTONOMI.

(carta intestata dell'impresa) OGGETTO: AUTOCERTIFICAZIONE PER IMPRESE O LAVORATORI AUTONOMI. Modello A (carta intestata dell'impresa) Spett.le ACEM Via Case Rosse, 1 12073 CEVA OGGETTO: AUTOCERTIFICAZIONE PER IMPRESE O LAVORATORI AUTONOMI. La scrivente, in ottemperanza agli obblighi previsti dal

Dettagli

FORM CLIENTI / FORNITORI

FORM CLIENTI / FORNITORI FORM CLIENTI / FORNITORI Da restituire, compilato in ognuna delle sue parti, a: Ditta Enrico Romita Via Spagna, 38 Tel. 0984.446868 Fax 0984.448041 87036 Mail to: amministrazione@calawin.it 1 Informativa

Dettagli

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER L organizzazione aziendale per la sicurezza Ing. Stefano Bergamasco Responsabile del Servizio di Prevenzione e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

FAC SIMILE INFORMATIVA AI CONDOMINI

FAC SIMILE INFORMATIVA AI CONDOMINI MODELLO N. 1 INFORMATIVA AI CONDOMINI Ai sensi dell'articolo 13 del Codice in materia di dati personali si informa che il trattamento dei dati personali, anche sensibili, forniti in sede di prestazioni

Dettagli

Le Principali Novità

Le Principali Novità TESTO UNICO SULLA SICUREZZA E PREVENZIONE DAGLI INFORTUNI SUL LAVORO D. L.vo 81/08 Le Principali Novità Il 15 maggio 2008 è entrato in vigore il testo unico in materia di tutela della salute e sicurezza

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ED INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA N. DEL

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ED INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA N. DEL 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ED INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA N. DEL Oggetto: Predisposizione della modulistica per richiesta e rilascio autorizzazione ed accreditamento dei servizi

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO Pag. 1 / 6 1 MODIFICHE 2 PREMESSA 3 DEFINIZIONI SOMMARIO 4 PRINCPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO 5 MESSA IN SERVIZIO E UTILIZZO 6 INDICAZIONI PER UN CORRETTO ACQUISTO 7 SICUREZZA E MARCATURA CE 8 PROTOTIPI

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento APAM esercizio spa 1 CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Indice 1. PREMESSA BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI 2.1 Contenuto e finalità del codice etico pag. 4 2.2 Destinatari del codice

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

IO LAVORO E GUIDO SICURO

IO LAVORO E GUIDO SICURO IO LAVORO E GUIDO SICURO Misano Word Circuit Marco Simoncelli Workshop 22 Marzo 2013 Azienda USL Rimini Pierpaolo Neri Dott. Ing. Pierpaolo Neri 1 Gli argomenti 1. Responsabilità amministrativa delle aziende

Dettagli

L'anno, addì.. del mese di

L'anno, addì.. del mese di SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MOGORO (OR) IN QUALITA DI ENTE GESTORE DEL PLUS DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI ALES TERRALBA E L ENTE NO PROFIT/ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO E PROMOZIONE SOCIALE FINALIZZATA

Dettagli

La figura del PREPOSTO nella scuola

La figura del PREPOSTO nella scuola La figura del PREPOSTO nella scuola 1 DEFINIZIONE DI PREPOSTO (Art. 2, comma 1, lett. e, D.Lgs. N. 81/2008) > : persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti dei poteri

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA PALESTRA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CAMPIONI MASCHERPA Allegato B (modulistica di riferimento) SERVIZIO PROGETTAZIONE E URBANISTICA

Dettagli

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali TITOLO

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico;

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico; AREA SERVZI PATRIMONIALI E LOGISTICI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Repertorio n. 307/2016 Prot n. 50887 del 07/04/2016 IL RETTORE Visto il Decreto rettorale, 30 agosto 2012, n. 719 prot. n. 102538,

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Lavoro sicuro 1 LAVORO SICURO 2 1. Sicurezza: i provvedimenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO (D.lgs. 81/2008 e s.m.i. e D.M. 363/1998) Emanato con Decreto Rettorale n. 665 del 18/09/2012 FONTI

Dettagli

ATTIVITA DI TINTOLAVANDERIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90)

ATTIVITA DI TINTOLAVANDERIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) COMUNE DI MAGLIANO ALPI ATTIVITA DI TINTOLAVANDERIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) Ai sensi della L. 22.02.2006 n 84, del D.Lgs. 25.03.2010 n. 59, Artt. 79 e dell art. 19

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO DI AFFIDAMENTO LAVORI IN MATERIA DI IMPIANTISTICA ELETTRICA RELATIVI AD IMMOBILI CIVILI DI PROPRIETA CONDOMINIALE (INSTALLAZIONE,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA GROSSETO, 21 ottobre 2011 Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalle norme vigenti, comprese quelle di funzionalità,

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE N 8 articoli (da art.

Dettagli

RIVOLGE ISTANZA DI RILASCIO DI. prima autorizzazione: alla realizzazione; all esercizio;

RIVOLGE ISTANZA DI RILASCIO DI. prima autorizzazione: alla realizzazione; all esercizio; Marca da bollo - euro 14,62 All Assessorato alla sanità, salute e politiche sociali Via de Tillier, 30 11100 AOSTA AO OGGETTO: richiesta di rilascio o di rinnovo di autorizzazione ai sensi dell articolo

Dettagli

PROCEDURA. Gestione del processo di radioprotezione per personale esterno all AOU Careggi esposto a radiazioni ionizzanti SOMMARIO 1. SCOPO...

PROCEDURA. Gestione del processo di radioprotezione per personale esterno all AOU Careggi esposto a radiazioni ionizzanti SOMMARIO 1. SCOPO... SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 4. DEFINIZIONI ED ABBREVIAZIONI... 3 5. RESPONSABILITÀ... 3 6. MODALITÀ OPERATIVE... 4 6.1. VALUTAZIONE DELLA RICHIESTA... 4 6.2.

Dettagli

PG03.GTP GESTIONE DEI DOCUMENTI DI LAVORO

PG03.GTP GESTIONE DEI DOCUMENTI DI LAVORO Pagina n. 1 di 7 APAT L.93/01 - progetto a gestione diretta di APAT : circuiti di interconfronto per l individuazione di un gruppo tecnico permanente regionale o multi regionale (GTP) per il monitoraggio

Dettagli

Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali

Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali CITTA DI RONCADE Provincia di Treviso Via Roma, 53 31056 - RONCADE (TV) Tel.: 0422-8461 Fax: 0422-846223 Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Valutazione dei Rischi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni (UNI EN ISO 12100)

Valutazione dei Rischi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni (UNI EN ISO 12100) Definizione e individuazione dei fattori di rischio, individuazione delle misure di prevenzione e protezione, riunione periodica Rev. 1 del 28/11/2012 ARISSA Maggio 2015 2 Normativa e documenti di riferimento

Dettagli

C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como

C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como SERVIZIO AMMINISTRATIVO E CONTABILE N. 65 del 27-03-2012 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO PER LA COMPILAZIONE E TRASMISSIONE MODELLO 770 - TRIENNIO FISCALE

Dettagli

LA CRONOLOGIA NORMATIVA. Cronologia normativa -- Programma LEONARDO

LA CRONOLOGIA NORMATIVA. Cronologia normativa -- Programma LEONARDO LA CRONOLOGIA NORMATIVA La cronologia normativa Una panoramica sulla normativa attualmente vigente in materia di sicurezza ed igiene negli ambienti di lavoro porta a scomporre tale normativa in due grandi

Dettagli