23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA"

Transcript

1 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1

2 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra del magma, un materiale denso e viscoso contenente in massima parte la silice, mista a gas e vapore acqueo. Questo magma tende a risalire attraverso fratture della crosta terrestre e dove il magma arriva in superficie e fuoriesce si ha un vulcano. Nella fuoriuscita il magma diminuisce di temperatura, disperde i gas che contiene nell atmosfera e le componenti solide e si trasforma in lava. Per vulcano si intende qualsiasi spaccatura della crosta terrestre dalla quale fuoriesce il magma sotto forma di lava. Se la fuoriuscita avviene lungo l estensione di una frattura, si hanno le eruzioni lineari che, per successivi accumuli del materiale solidificato originano gli altopiani basaltici. Se la fuoriuscita è in punti localizzati si hanno le eruzioni centrali che formano invece vulcani a montagna come l Etna. La lava successivamente raffreddandosi dà origine, per sovrapposizione, all edificio vulcanico, la caratteristica montagna detta anche cono vulcanico. 2

3 In un vulcano distinguiamo: Il serbatoio magmatico o camera magmatica: la zona più profonda dove si forma e raccoglie il magma; Camino vulcanico o magmatico: il condotto attraverso cui il magma fuoriesce; generalmente sono presenti un camino principale e altri camini secondari più piccoli; Il cratere: la bocca da cui fuoriesce il magma, spesso sono presenti anche crateri secondari sempre più piccoli detti avventizi. Acido, se contiene più del 60% di silicati ed è di consistenza viscosa e scorre lentamente. Basico, se contiene meno del 50% di silicati ed è di consistenza fluida e scorre più velocemente. Neutro,se contiene dal 50% al 60% di silicati ed è intermedio fra quella acida e quella basica. I vulcani si distinguono anche in base al tipo di magma che può essere: 3

4 Gas e frammenti di roccia, strappati dal camino vulcanico o derivanti dalla solidificazione di lava scagliati verso l alto sono detti prodotti piroclastici, e assumono diversi nomi in base alle loro dimensioni: Ceneri i prodotti dalla consistenza polverosa; Lapilli i frammenti delle dimensioni di piccoli sassi; Bombe; Cadendo sulla superficie e solidificandosi si originano particolari rocce sedimentarie chiamate piroclastiti. Il magma basico dà origine ad eruzioni effusive, con scorrimento per lunghe distanze di fiumi di lava incandescente: le colate laviche; Il magma acido dà origine ad eruzioni esplosive, più o meno violente e spesso con lanci di materiali piroclastici e nubi ardenti. Il magma neutro dà origine a manifestazioni miste. L aspetto dell edificio vulcanico e il tipo di eruzioni dipendono dalle caratteristiche del magma presente nella camera magmatica e dalla quantità di gas contenuta. Il diverso tipo di eruzione può essere caratterizzata da: 4

5 Il vulcano a scudo di tipo hawaiano, è caratterizzato da eruzioni effusive tranquille. La lava basica scorre facilmente e l edificio vulcanico non è elevato, ma piuttosto largo e piatto. Lo stratovulcano è caratterizzato da eruzioni più o meno violente di tipo esplosivo. La lava, acida e viscosa, si consolida rapidamente e l edificio vulcanico risulta elevato e piuttosto ripido. Il vulcano peleano è caratterizzato da eruzioni esplosive catastrofiche per la loro violenza. Il magma è talmente viscoso che ostruisce ogni via di uscita alla lava e quindi determina violente esplosioni accompagnate da nubi di gas e ceneri detti nubi ardenti. Edifici vulcanici ed eruzioni possono essere di diversi tipi: Dopo l ultima fase eruttiva il vulcano entra in uno stato di quiete che può durare un periodo di tempo più o meno lungo o essere definitivo. In rapporto all attività vulcanica si possono infatti avere: Vulcani attivi, se l emissione di lava è costante o periodica con eruzioni più o meno violente; Vulcani quiescenti, se l emissione di lava non si presenta da lungo tempo ma, anche se apparentemente inattivi, essi hanno un vasto serbatoio magmatico, che potrebbe causare un improvvisa ripresa dell attività; Vulcani spenti, se in essi non c è più traccia di attività e il loro serbatoio magmatico è esaurito; 5

6 Spesso, in corrispondenza delle fasi finali della sua evoluzione, o nei periodi di quiescenza in un vulcano si manifestano particolari forme di attività che nel loro insieme prendono il nome di vulcanismo secondario. Si tratta di emissioni di gas, vapori e acque calde. Prendono il nome di fumarole le emissioni di vapore acqueo al quale si aggiungono altri gas quali diossido di carbonio e acido solfidrico. Particolari tipi di fumarole sono: Le solfatare, esalazioni dal caratteristico odore di uova marce per l alto contenuto di acido solfidrico, che determina le deposizioni di zolfo che incrostano le aree circostanti alla bocca di emissione come a Pozzuoli. I soffioni boraciferi, sono getti continui di vapore acqueo ad una temperatura di oltre 200 C contenenti soprattutto acido borico, usati come energia geotermica. Le mofete, fumarole di bassa temperatura ricche di diossido di carbonio. I geyser, particolari getti di acqua calda alti decine di metri che fuoriescono dal terreno a intervalli di tempo regolari. L acqua contiene spesso in soluzione carbonato di calcio e silicati, che formano depositi intorno alla bocca del geyser. Le sorgenti termali, sono acque e fanghi caldi che risalgono in superficie dal sottosuolo e sgorgano spontaneamente. Le sorgenti termali sono sfruttate per la cura di diverse disfunzioni, in quanto contengono in soluzione diversi tipi di sali che hanno proprietà curative. 6

7 IL BRADISISMO I bradisismi o movimenti epirogenetici, sono una manifestazione della costante trasformazione della crosta terrestre. Essi consistono in un continuo e periodico innalzamento e abbassamento del suolo rispetto al livello del mare e avvengono in maniera lentissima. Il loro effetto è visibile solo in tempi abbastanza lunghi e soprattutto lungo le coste, dove il mare rappresenta un livello di riferimento ben preciso. Degli esempi di bradisismi li possiamo trovare: A Pozzuoli, in Campania, dove il Serapeo, un antico tempio dedicato al dio egiziano Serapide, costruito sulla terra emersa, ormai si trova con il pavimento sott acqua. Le sue colonne risultano erose da organismi marini, segno che è rimasto per lungo tempo completamente sommerso. La grotta del Bue Marino, che si trova in provincia di Nuoro, si è formata sopra il livello del mare, ma successivamente ha subìto un abbassamento e il mare è penetrato al suo interno, infatti l isola è invasa dalle acque. La famosa grotta Azzurra di Capri è stata scavata nella roccia dall azione delle acque piovane e del vento. In seguito l isola di Capri si è abbassata e la grotta, che in origine era sopra il livello del mare, ora è venuta a contatto con il mare. Fino a qualche secolo fa si poteva visitare la grotta stando in piedi sulla barca, oggi invece è necessario chinarsi: ciò significa che l abbassamento dell isola continua. 7

8 ..STROMBOLI...ETNA 8

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Quando il magma è basico si presenta fluido e molto caldo: infatti la sua temperatura costante è di circa 12OO C. Inoltre nel momento in cui avviene

Quando il magma è basico si presenta fluido e molto caldo: infatti la sua temperatura costante è di circa 12OO C. Inoltre nel momento in cui avviene I vulcani si manifestano con diversi tipi di struttura a seconda delle loro caratteristiche magmatiche e della loro eruzione. Queste diverse strutture vulcaniche vengono anche definite con il termine di

Dettagli

unità 12. I fenomeni vulcanici

unità 12. I fenomeni vulcanici Prodotti dell attività vulcanica materiali aeriformi materiali solidi vapore acqueo anidride carbonica composti dello zolfo, dell azoto, del cloro colate di lava (rocce effusive) piroclastiti Tipi di eruzione

Dettagli

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni I VULCANI testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica La conoscenza dei fenomeni Prima di iniziare Sai cosa sono i fenomeni? Esempi di fenomeno:

Dettagli

SCIENZE. I vulcani. Che cos è un vulcano? Due tipi di vulcani: vulcani centrali e vulcani lineari. il testo:

SCIENZE. I vulcani. Che cos è un vulcano? Due tipi di vulcani: vulcani centrali e vulcani lineari. il testo: 01 Che cos è un vulcano? Un vulcano è un rilievo (una zona più in alto rispetto alla pianura) della superficie della Terra. Un vulcano nasce dove il magma arriva in superficie. Il magma è formato da roccia

Dettagli

I vulcani. ceneri. lapilli. bomba

I vulcani. ceneri. lapilli. bomba I vulcani VULCANO: qualsiasi spaccatura della crosta terrestre attraverso la quale il materiale fuso presente all interno della Terra esce in superficie. I vulcani Il MAGMA è un miscuglio di rocce fuse

Dettagli

Vulcani. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A. Pulvirenti.

Vulcani. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A. Pulvirenti. Vulcani Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A. Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e vengono

Dettagli

I VULCANI CHE COSA E' UN VULCANO

I VULCANI CHE COSA E' UN VULCANO I VULCANI CHE COSA E' UN VULCANO COME E' FATTO COME NASCE UN VULCANO TIPI DI ERUZIONI LE IMMAGINI I VULCANI IN ITALIA I VULCANI IN ITALIA PARTE SECONDA IL VESUVIO IL VESUVIO NELLA STORIA 1 Che cos'è un

Dettagli

Un vulcano è un'apertura della crosta terrestre attraverso la quale vengono eruttati in superficie materiali rocciosi allo stato fuso, mescolati a

Un vulcano è un'apertura della crosta terrestre attraverso la quale vengono eruttati in superficie materiali rocciosi allo stato fuso, mescolati a Vulcani Un vulcano è un'apertura della crosta terrestre attraverso la quale vengono eruttati in superficie materiali rocciosi allo stato fuso, mescolati a gas e vapori che solidificano rapidamente o si

Dettagli

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross.

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un SUPER VULCANO si nasconde non solo sotto i CAMPI FLEGREI ma anche sotto il meraviglioso

Dettagli

Scheda di geografia Il vulcano IL VULCANO. 1. Prova a rispondere alle seguenti domande. Cosa hanno di particolare queste montagne?

Scheda di geografia Il vulcano IL VULCANO. 1. Prova a rispondere alle seguenti domande. Cosa hanno di particolare queste montagne? IL VULCANO Vulcano Vesuvio, Italia Vulcano Ngauruhoe, Nuova Zelanda Vulcano Vesuvio, Italia Vulcano Misti, Perù 1. Prova a rispondere alle seguenti domande. Cosa hanno di particolare queste montagne? 1

Dettagli

IL VULCANISMO eruzione vulcanica

IL VULCANISMO eruzione vulcanica IL VULCANISMO Solitamente quando si pensa ad un vulcano, si immagina una montagna a forma di tronco di cono, con in cima un foro da cui può uscire fumo, cenere, fuoco, sassi incandescenti e lava. In realtà

Dettagli

Il Kilauea, uno dei due vulcani appartenenti all arcipelago delle Isole Hawaii.

Il Kilauea, uno dei due vulcani appartenenti all arcipelago delle Isole Hawaii. IL VULCANESIMO L ISLANDA VOLTO DI GHIACCIO, CUORE DI FUOCO. 1 INDICE Che cos è un vulcano? Struttura di un vulcano Vulcani monogenici e poligenici Il magma e i gas Eruzioni vulcaniche effusive Eruzioni

Dettagli

Il Monte Nuovo, il vulcano più giovane della caldera (1538 d. C.)

Il Monte Nuovo, il vulcano più giovane della caldera (1538 d. C.) Caldera dei Campi Flegrei: carta strutturale La carta evidenzia i bordi delle caldera, le faglie e i centri eruttivi principali, attivi negli ultimi 15.000 anni. Le eruzioni si sono raggruppate in epoche

Dettagli

Il rischio vulcanico

Il rischio vulcanico Il rischio vulcanico Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Sesta parte Prof. Rolando Neri 2 Alcuni eventi pericolosi nell attività di un vulcano. (Rielaborato da Press e Siever). Il loro verificarsi può provocare

Dettagli

WWW.SCUBIMONDO.ORG MONTAGNE...SPECIALI! Osserva queste immagini. Etna in Eruzione in Sicilia. Il Vesuvio domina il Golfo di Napoli

WWW.SCUBIMONDO.ORG MONTAGNE...SPECIALI! Osserva queste immagini. Etna in Eruzione in Sicilia. Il Vesuvio domina il Golfo di Napoli MONTAGNE...SPECIALI! Osserva queste immagini. Etna in Eruzione in Sicilia Il Vesuvio domina il Golfo di Napoli I VULCANI Nelle parti più profonde della Terra c è molto caldo. Qui la roccia è fusa o quasi

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE Tettonica a placche FRATTURAZIONE Della LITOSFERA MOVIMENTO Delle PLACCHE Placche Frammenti di litosfera Crosta continentale Crosta oceanica Crosta continentale + Crosta oceanica Cosa succede? Prima

Dettagli

VULCANISMO Gli edifici vulcanici FORMA DI UN VULCANO Vulcano-strato Vulcano a scudo

VULCANISMO Gli edifici vulcanici FORMA DI UN VULCANO Vulcano-strato Vulcano a scudo VULCANISMO Vulcano e attività vulcanica sono termini che evocano immagini a tutti abbastanza familiari, eppure la definizione del fenomeno vulcanico nel suo insieme è tutt'altro che semplice, sia per la

Dettagli

SEI 2012 I fenomeni vulcanici. Il percorso

SEI 2012 I fenomeni vulcanici. Il percorso I fenomeni vulcanici 6 Il percorso 1 I fenomeni causati dall attività endogena 2 Vulcani e plutoni: due forme diverse dell attività magmatica 3 I corpi magmatici intrusivi 4 I vulcani e i prodotti della

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute geografia Gli elementi naturali : spazi terrestri e spazi acquatici Autore: Calegari Giuliana Anno 2011 1 Indice I vulcani..pag. 3 Il terremoto.pag.

Dettagli

Dal documentario di Piero e Alberto Angela

Dal documentario di Piero e Alberto Angela Dal documentario di Piero e Alberto Angela Elaborato di Mattia C, Margherita e Marco. 1B Pompei e le altre città Pompei fu fondata intorno all VIII secolo a.c. dagli Oschi che si insediarono, distinti

Dettagli

LE GROTTE VULCANICHE di Paola Tognini (Gruppo Grotte Milano CAI-SEM)

LE GROTTE VULCANICHE di Paola Tognini (Gruppo Grotte Milano CAI-SEM) LE GROTTE VULCANICHE di Paola Tognini (Gruppo Grotte Milano CAI-SEM) Con il termine grotte vulcaniche si intendono tutte le cavità formate, direttamente o indirettamente, da attività vulcanica. Ingresso

Dettagli

Alla scoperta dei vulcani del Mediterraneo 29 giugno 5 luglio 2014

Alla scoperta dei vulcani del Mediterraneo 29 giugno 5 luglio 2014 2014 Alla scoperta dei vulcani del Mediterraneo 29 giugno 5 luglio 2014 Divertiti a salire i tre fantastici vulcani attivi della Sicilia, nel cuore del Mare Mediterraneo! Organizzato da: Club Alpino Italiano

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Vulcano: spaccatura della crosta terrestre da cui fuoriesce il magma sotto forma di lava

Vulcano: spaccatura della crosta terrestre da cui fuoriesce il magma sotto forma di lava I VULCANI Vulcano: spaccatura della crosta terrestre da cui fuoriesce il magma sotto forma di lava Quello che vediamo di un vulcano è il cono vulcanico o edificio vulcanico: si origina dall accumulo della

Dettagli

MATERIALI ALLO STATO LIQUIDO La composizione dei magmi è variabile, e, a seconda della percentuale di silice (SiO 2 ) che contengono, sono

MATERIALI ALLO STATO LIQUIDO La composizione dei magmi è variabile, e, a seconda della percentuale di silice (SiO 2 ) che contengono, sono VULCANI I vulcani sono apparati che permettono la fuoriuscita di materiale dalle profondità della crosta terrestre o dalla parte più superficiale del mantello. I materiali emessi sono: LAVA rocce allo

Dettagli

11 La Sicilia vulcanica

11 La Sicilia vulcanica ESCURSONE 11 La Sicilia vulcanica 80 T E M S C E N T F C TNERAR GEOLOGC ATTRAVERSO L TALA Attività hawaiiana. Attività vulcanica di tipo effusivo, caratterizzata da ampie colate laviche fluide che possono

Dettagli

8 I vulcani del Golfo di Napoli

8 I vulcani del Golfo di Napoli 61 ESCURSIONE 8 I vulcani del Golfo di Napoli I T E M I S C I E N T I F I C I Il Vesuvio Al centro di una piana che si affaccia sul Golfo di Napoli, il Vesuvio è uno dei vulcani più famosi del mondo, e

Dettagli

8 I vulcani del Golfo di Napoli

8 I vulcani del Golfo di Napoli ESCURSIONE 8 I vulcani del Golfo di Napoli 61 I T E M I S C I E N T I F I C I Il Vesuvio Al centro di una piana che si affaccia sul Golfo di Napoli, il Vesuvio è uno dei vulcani più famosi del mondo, e

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

Corso di aggiornamento. Istituto Comprensivo di Erbusco (Bs) Marenco Frassine Vincenzi PER GLI ALUNNI STRANIERI LAVORO DI:

Corso di aggiornamento. Istituto Comprensivo di Erbusco (Bs) Marenco Frassine Vincenzi PER GLI ALUNNI STRANIERI LAVORO DI: Corso di aggiornamento Istituto Comprensivo di Erbusco (Bs) TESTO SEMPLIFICATO PER GLI ALUNNI STRANIERI LAVORO DI: Marenco Frassine Vincenzi REVISIONE A CURA DI ALESSANDRA SPREAFICO Il testo semplificato

Dettagli

Verso un Ecomuseo dei Castelli Romani Storia geologica, rischio sismico e da emanazioni gassose nei Colli Albani

Verso un Ecomuseo dei Castelli Romani Storia geologica, rischio sismico e da emanazioni gassose nei Colli Albani INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Laboratorio di Didattica e Divulgazione Scientifica Verso un Ecomuseo dei Castelli Romani Storia geologica, rischio sismico e da emanazioni gassose

Dettagli

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione)

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piattaforma continentale Scarpata continentale Dorsali oceaniche Fondali oceanici Fosse oceaniche Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piana abissale -6000m Piattaforma

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Energia Geotermica

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Energia Geotermica UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Energia Geotermica La struttura della Terra Il calore geotermico si genera per decadimento di sostanze radioattive e si propaga verso la superficie

Dettagli

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa PANTELLERIA L'isola di Pantelleria è situata nel Canale di Sicilia a 70 km dalla costa africana e a circa 100 km dalla costa sud-orientale siciliana. La sua superficie è di circa 83 kmq e la sua altezza

Dettagli

Un eruzione vulcanica consiste nell emissione di magma sulla superficie terrestre. Nel punto in cui avviene l eruzione si forma un vulcano.

Un eruzione vulcanica consiste nell emissione di magma sulla superficie terrestre. Nel punto in cui avviene l eruzione si forma un vulcano. I ERUZIONI VULCANICHE Un eruzione vulcanica consiste nell emissione di magma sulla superficie terrestre. Nel punto in cui avviene l eruzione si forma un vulcano. Il magma è formato da un liquido con temperature

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Scenari Eruttivi e Livelli di Allerta per il Vesuvio

Scenari Eruttivi e Livelli di Allerta per il Vesuvio DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE COMMISSIONE NAZIONALE INCARICATA DI PROVVEDERE ALL AGGIORNAMENTO DEI PIANI DI EMERGENZA DELL AREA VESUVIANA E FLEGREA PER IL RISCHIO VULCANICO Scenari Eruttivi e Livelli

Dettagli

Geotermia, un'immensa risorsa ancora tutta da sfruttare

Geotermia, un'immensa risorsa ancora tutta da sfruttare Geotermia, un'immensa risorsa ancora tutta da sfruttare di Gaetano Cenci E la fonte rinnovabile usata in Italia fin dall antichità. Oggi produce l 1,5% del fabbisogno energetico nazionale La geotermia

Dettagli

EPPUR SI MUOVE... DIARIO DI UN PERCORSO DIDATTICO SUGLI ASPETTI DINAMICI DELLA TERRA. Fabio Olmi, Daniela Sorgente

EPPUR SI MUOVE... DIARIO DI UN PERCORSO DIDATTICO SUGLI ASPETTI DINAMICI DELLA TERRA. Fabio Olmi, Daniela Sorgente EPPUR SI MUOVE... DIARIO DI UN PERCORSO DIDATTICO SUGLI ASPETTI DINAMICI DELLA TERRA Fabio Olmi, Daniela Sorgente Questo percorso è stato costruito e sperimentato dal gruppo GRDSF che lavora da cinque

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

EFFETTI DELLE ERUZIONI VULCANICHE SULLA SALUTE

EFFETTI DELLE ERUZIONI VULCANICHE SULLA SALUTE EFFETTI DELLE ERUZIONI VULCANICHE SULLA SALUTE Nube di cenere sull'etna (Foto NASA) Testo curato dal dr. Marco Leonardi 1.1 I vulcani nel mondo Nel periodo 1900 2001, sono stati registrati nel mondo 174

Dettagli

Morfologia, attività e classificazione dei vulcani

Morfologia, attività e classificazione dei vulcani Capitolo 4B I vulcani Lezione 9B Morfologia, attività e classificazione dei vulcani Alfonso Bosellini Le scienze della Terra. Minerali, rocce, vulcani, terremoti Italo Bovolenta editore 2014 1 4.1 Definizioni

Dettagli

Carsismo è il fenomeno erosivo del suolo che crea le grotte. Così chiede ai. Bambini: Come mai le grotte si formano solo in certi posti e non in

Carsismo è il fenomeno erosivo del suolo che crea le grotte. Così chiede ai. Bambini: Come mai le grotte si formano solo in certi posti e non in Il fenomeno Carsico Premessa: prima di presentare il fenomeno Carsico, la maestra fa osservare una cartina dell Italia che mostra la distribuzione del fenomeno nei diversi luoghi. Prima presentazione:

Dettagli

Mito degli indiani Yakima

Mito degli indiani Yakima Piancallo, 14 ottobre 2011 Progetto LO SPAZIO Mito degli indiani Yakima Agli inizi del mondo c era solo acqua. Il Grande Capo Lassù viveva su nel cielo tutto solo. Un giorno decide di fare il mondo, viene

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME Tecnico

Dettagli

Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy

Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy Naples Vesuvius Campi Flegrei Ischia Le Eruzioni Vulcaniche Effusive Esplosive Flussi Piroclastici

Dettagli

ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS. Edizioni 2 3 4 5 6 7 8 9 10 2014 2015 2016 2017 2018

ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS. Edizioni 2 3 4 5 6 7 8 9 10 2014 2015 2016 2017 2018 Edizioni 2 3 4 5 6 7 8 9 10 2014 2015 2016 2017 2018 Direzione editoriale: Progetti di Editoria S.r.l. Redazione: Bianca Rossi, Luca De Tommasi Progetto grafico: Redint Studio, Giuliano Cornetti Videoimpaginazione:

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

7 La provincia vulcanica

7 La provincia vulcanica 54 ESCURSIONE 7 La provincia vulcanica tosco-laziale ITINERARI GEOLOGICI ATTRAVERSO L ITALIA I T E M I S C I E N T I F I C I Rocce e minerali dell Isola d Elba L Elba (l antica Ilva dei Romani) è la più

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA PROTEZIONE NEI CONFRONTI DI AZIONI CATASTROFICHE DA ERUZIONI VULCANICHE: IL CASO VESUVIO

Dettagli

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani?

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? Il monitoraggio dei vulcani Osservatorio Vesuviano INGV 16 aprile 2011, Napoli Auditorium Porta del Parco Bagnoli HUB Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? L obiettivo principale del monitoraggio

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

EMISSIONI IDROTERMALI SOTTOMARINE

EMISSIONI IDROTERMALI SOTTOMARINE EMISSIONI IDROTERMALI SOTTOMARINE La scoperta delle sorgenti calde sul fondo dell'oceano durante gli anni '70 è stata uno degli eventi più entusiasmanti della storia dell'oceanografia. Le più spettacolari

Dettagli

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha usato il sistema a scansione laser (LiDAR Laser Imaging

Dettagli

il Quaderno la Guida

il Quaderno la Guida il Quaderno la Guida 235 Percorsilungo la fascia la fascia perifluvialedell alto dell alto corso delfium corso e Marta del fiume Marta Quaderno Q didattico Le SorgentidiCastelB sorgenti Broco Percorso

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

LE ACQUE SOTTERRANEE E IL CARSISMO

LE ACQUE SOTTERRANEE E IL CARSISMO Cognome... Nome... LE ACQUE SOTTERRANEE E IL CARSISMO Come abbiamo visto parlando del ciclo idrologico, l acqua che cade al suolo con le precipitazioni segue diversi percorsi: può evaporare, direttamente

Dettagli

Giordano Balia. Scienze. naturali

Giordano Balia. Scienze. naturali Giordano Balia Scienze naturali Edizione 2012 1 Chimica La chimica La chimica è la disciplina scientifica che si occupa dello studio della materia indagandone la struttura, le proprietà e le trasformazioni

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Lavoro di Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Anno Scolastico 2009/2010 INDICE Presentazione Prima parte : -Gli elementi del computer (presentazione degli elementi del computer al fine

Dettagli

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI dal latino terrae motus ossia movimento della terra. CO): deriva dal greco seismos ossia scuotimento. : deriva dal latino Tellus che era la dea romana della Terra. significano

Dettagli

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione Radon e salute A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012 ASL di Milano Dipartimento di Prevenzione Struttura semplice dipartimentale Salute e Ambiente Via Statuto 5 20121 Milano

Dettagli

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 V2.1 - Dinamica dei magmi, dei fluidi e delle rocce Studi sperimentali sulla reologia dei fusi silicatici. Studi sperimentali sui processi interazione tra rocce

Dettagli

Le forze della Terra

Le forze della Terra Nella terra e nello spazio Le forze della Terra Noi viviamo sulla crosta terrestre, qui si trovano le città, le strade, i campi coltivati. Gran parte della crosta però è ricoperta dai mari. Sotto i mari

Dettagli

2 - VULCANI, MAGMATISMO E METAMORFISMO. 2.1 - Le eruzioni vulcaniche

2 - VULCANI, MAGMATISMO E METAMORFISMO. 2.1 - Le eruzioni vulcaniche 2 - VULCANI, MAGMATISMO E METAMORFISMO 2.1 - Le eruzioni vulcaniche Le eruzioni vulcaniche presentano aspetti spettacolari, talvolta drammatici, anche con gravi conseguenze per le attività umane ed inoltre

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

Le rocce 2: proprietà e utilizzo

Le rocce 2: proprietà e utilizzo Le rocce 2: proprietà e utilizzo di Monica Onida Percorso collegato Le rocce raccontano - Nucleo Terra e Universo Autore Monica Onida Referente scientifico Michela Mayer Ordine di scuola Scuola Secondaria

Dettagli

Le centrali geotermiche

Le centrali geotermiche Morgan Veltri, Riccardo Sacchetto, Massimo Riva 3 A 8/1/2016 Energia geotermica; Centrali geotermiche: 1. storia 2. struttura e funzionamento 3. tipologie di centrali 4. vantaggi e svantaggi. Energia geotermica

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Modello di caratterizzazione tipologica a scala nazionale

Modello di caratterizzazione tipologica a scala nazionale NAPOLI 1 Percentuale edifici in muratura 48% 2 Materiali: Tipi Tufo giallo campano: se ne distinguono due qualità: quello stratificato, caratterizzato da una grande quantità di pomici e scorie, poco usato

Dettagli

Il fenomeno carsico carsismo

Il fenomeno carsico carsismo Foto MTSN Il fenomeno carsico carsismo Il termine carsismo deriva dalla parola Carso che indica una regione naturale delle Prealpi Giulie in Istria e Slovenia. Il fenomeno carsico carsismo Qui il fenomeno

Dettagli

Come fa l acqua a trasformarsi nei diversi stati, per esempio come fa l acqua a diventare ghiaccio o vapore?

Come fa l acqua a trasformarsi nei diversi stati, per esempio come fa l acqua a diventare ghiaccio o vapore? GLI STATI DELL ACQUA Di solito vediamo l acqua allo stato liquido, ma l acqua può esistere in tre stati diversi: liquido, solido e gassoso. L acqua che bevi e che usi per lavarti, l acqua dei fiumi Stato:

Dettagli

Giacimenti e produzione

Giacimenti e produzione Programma della lezione - Pagina 1 Argomento Giacimenti e produzione Fonte Petrolio e gas naturale, pagine 24-25, 26-27 Materiali Preparazione Torta marmorizzata Cannucce di plastica trasparenti Obiettivo

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta.

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta. Il Sistema Solare Il Sole Il Sole è nato circa cinque miliardi d anni fa e, secondo gli scienziati, vivrà per altri cinque miliardi di anni. Esso ci appare come un enorme palla di fuoco solo per la sua

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

A scuola per la Prevenzione

A scuola per la Prevenzione Provincia di Brindisi Settore Protezione Civile In collaborazione con: Polizia Stradale Brindisi A scuola per la Prevenzione 118 Brindisi Servizio Civile Nazionale I Rischi Naturali: caratteristiche e

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

LA STRUTTURA DELLA TERRA

LA STRUTTURA DELLA TERRA LA STRUTTURA DELLA TERRA La Terra è composta da strati concentrici: - Crosta - Mantello - Nucleo Copyright 2009 Zanichelli editore CROSTA CONTINENTALE E CROSTA OCEANICA Del volume totale della Terra: la

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Struttura della Terra Lo studio delle onde sismiche ha fatto ipotizzare agli scienziati che la Terra sia formata da :tre principali strati La crosta terrestre

Dettagli

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI E NON RINNOVABILI La Forza Della Natura Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica

Dettagli

MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI

MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI Il vulcano Stromboli è considerato uno dei vulcani più attivi del mondo ed è caratterizzato da persistente attività esplosiva, chiamata appunto stromboliana, interrotta

Dettagli

FONTI RINNOVABILI E NON INNOVABILI

FONTI RINNOVABILI E NON INNOVABILI FONTI RINNOVABILI E NON INNOVABILI FONTI ENERGIA Lavoro realizzato dalla classe III H scuola media Majno, Milano- a.s. 2014/15 Per ENERGIA si intende la capacità di compiere lavoro Le fonti di energia

Dettagli

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82 ALLEGATO 5 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica 1 2 3 4 Uno dei grandi vantaggi dell energia elettrica è che essa può essere prodotta in luoghi lontani dai centri di consumo. L energia elettrica può essere trasportata facilmente attraverso condutture

Dettagli

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE LE ROCCE SI SONO ORIGINATE IN TRE MODI : Per solidificazione dei magmi Per deposizione sedimentaria Per metamorfismo di rocce preesistenti Il "Ciclo delle Rocce", proposto

Dettagli

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione di Renato Rota - Politecnico di Milano Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria chimica G. Natta Tra le numerose postazioni presenti negli

Dettagli

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare...

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... VOLUME 1 CAPITOLO 3 IL MARE E LE COSTE MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... onda... spiaggia... costa...

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli